Capitolo 1. Sistemi wireless. 1.1 Introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 1. Sistemi wireless. 1.1 Introduzione"

Transcript

1 Capitolo 1 Sistemi wireless 1.1 Introduzione Fino a poco tempo fa, con il termine networking (comunicazione via rete) ci si è sempre riferiti ad un qualcosa che avveniva via cavo. Tuttavia, ad oggi, sono stati sviluppati nuovi standard che, oltre a rendere i sistemi di comunicazione wireless molto meno costosi, garantiscono semplicità di installazione e manutenzione. Ciò ha reso possibile la diffusione di questo tipo di comunicazioni nel campo professionale, domestico e dell elettronica di consumo. La tecnologia del wireless networking non rappresenta una semplice alternativa al cavo, ma mette a disposizione degli utenti tutta una serie di utili applicazioni prima impossibili da implementare. Inoltre il fatto di avere a disposizione degli standard, permette a dispositivi di diverse case di produzione di interagire tra di loro. La maggioranza dei prodotti wireless attualmente disponibili sul mercato sono soluzioni proprietarie specializzate che operano nelle bande di frequenza dei 900 MHz e dei 2,4 GHz. Al momento esistono alcuni standard wireless che coprono un numero sempre crescente di applicazioni, dalla telefonia (GSM, GPRS, UMTS, DECT, etc.) alle reti locali, denominate WLAN 1 (Bluetooth, HomeRF, , etc.). 1 Wireless Local Area Network

2 CAPITOLO 1 Si è appena parlato di reti, ma forse tale termine è un po' generico; si definiscono tre macro tipologie di reti all'interno delle quali trovano valida applicazione le tecnologie wireless: - PAN: Personal Area Network. Sono reti di dimensioni estremamente piccole; un tipico esempio è la connessione tra un notebook e una stampante o un PDA 2. In questo tipo di reti trova applicazione lo standard Bluetooth. - LAN: Local Area Network. Questa tipologia di reti connette tra loro PC, stampanti, unità di back-up e consente di condividere connessioni o altre risorse. E' generalmente cablata con tradizionali installazioni Ethernet. In questa tipologia di reti trovano larga applicazione i dispositivi Wi-Fi (Wireless Fidelity, altro nome dello standard IEEE b). - WAN: Wide Area Network. In questa tipologia rientrano reti di grandi dimensioni, a livello metropolitano. Di recente alcuni provider forniscono connettività wireless sfruttando l'utilizzo di prodotti Wi-Fi. Uno dei grandi pregi delle reti wireless, oltre alla loro scalabilità, è la loro grande flessibilità, sia come utilizzo (muovendosi nell ambiente di lavoro, si rimane comunque connessi alla rete), sia in termini di soluzioni disponibili. Figura 1.1: Esempio di rete wireless interfacciata su rete LAN Ethernet 2 Personal Digital Assistant 6

3 SISTEMI WIRELESS Una rete wireless (fig. 1.1) può essere un'estensione di una normale rete cablata che supporta, tramite un access point, la connessione tra dispositivi mobili (es. notebook, palmari, etc.) e dispositivi fissi (es. PC). In generale le architetture per sistemi wireless sono basate due tipologie di dispositivi : - Access Point (AP) ; - Wireless Terminal (WT). Gli AP sono bridge che collegano la sottorete wireless con quella cablata, mentre i WT sono dei dispostivi che usufruiscono dei servizi di rete. Gli AP possono essere implementati sia in hardware (esistono dei dispositivi dedicati) che in software, per esempio appoggiandosi ad un PC, oppure a un notebook dotato sia dell interfaccia wireless sia di una scheda Ethernet. I WT possono essere qualsiasi tipo di dispositivo come per esempio notebook, palmari, PDA, cellulari, apparecchiature che interfacciano lo standard IEEE o sistemi consumer su tecnologia Bluetooth. Tra i possibili vantaggi offerti da una WLAN, è possibile elencare : - installazione più veloce e semplice rispetto alla stesura dei cavi di una rete cablata (canaline, etc.); - installazione flessibile; - mobilità con un accesso delle informazioni real-time ovunque ci si trova all'interno del network wireless; - scalabilità, consentendo variegate tipologie e possibilità di configurazione; - possibile riduzione dei costi in certe situazioni o a lungo termine. La copertura di una cella radio (fig. 1.2) varia da 20 metri a oltre 300 metri, in relazione alla tipologia degli ambienti e alla potenza di trasmissione, con una possibilità di collegamento di 250 utenze per AP, in funzione del modello e della tecnologia impiegata. La trasmissione e ricezione wireless opera con potenze da 1 mw fino a 100 mw. 7

4 CAPITOLO 1 Figura 1.2: Copertura cella radio Gli standard di comunicazione usati consentono ad un WT di inviare via radio all AP i dati che poi instraderà verso un'eventuale sottorete cablata o ad un altro WT. Ci sono molti usi dell infrastruttura wireless; di seguito sono elencati alcuni possibili scenari: - Ambiente domestico Negli ultimi anni ha avuto grande sviluppo il settore della domotica, cioè quella disciplina che si occupa dell automazione degli oggetti domestici, come elettrodomestici, videocitofoni o antifurti; particolare rilevanza stanno assumendo in tale ambito le comunicazioni wireless, come ad esempio i sistemi DECT, soprattutto per l eliminazione dei cablaggi. - Il piccolo ufficio In un piccolo ufficio una rete wireless può essere installata ed utilizzata in poche ore, contro i giorni che servono per cablare una rete standard. L installazione può essere fatta direttamente dagli utenti, in quanto gli unici dispositivi da configurare sono gli access point e le schede di rete wireless, che possono essere su bus PCI, su scheda PCMCIA (fig. 1.3) o dotati di interfaccia USB; ad oggi alcune motherboard presentano schede di rete wireless direttamente integrate on-board (tecnologia b). 8

5 SISTEMI WIRELESS Figura 1.3: Scheda di rete wireless PCI e PCMCIA - La media e la grande impresa Di solito nelle grandi imprese l infrastruttura di rete è basata su dorsali a Mbps, ed è sempre più comune trovare tecnologie come Ethernet Gigabit per la connessione al server. In questi ambienti la rete wireless è comunque indicata per alcune zone degli uffici quali sale riunioni o sale convegni, dove l installazione di cavi può essere difficoltosa e, per motivi di sicurezza, non è indicato rilasciare accessi fissi alla rete. - Hotspots in aeroporti ed hotel Altro uso comune delle reti wireless è la creazione di punti di accesso all interno di strutture con un grosso movimento di persone, quali possono essere aeroporti ed hotel. In questi ambienti il sistema wireless viene installato e mantenuto da aziende commerciali che offrono tutta una serie di servizi (orari, prenotazioni, etc.). Gli utenti pagano l accesso alla rete e quindi ai servizi offerti. - Ambito industriale Ad oggi i sistemi wireless sono poco diffusi in questo ambiente, e solo la grande evoluzione avuta ultimamente dai sistemi standard e da quelli proprietari in termini di prestazioni e di affidabilità fa pensare che il prossimo futuro di questo tipo di applicazioni possa essere nel wireless. Un altro aspetto da considerare riguarda la privacy; per quanto concerne una rete cablata, i vari punti di accesso alla rete sono ben identificati e controllabili, mentre per 9

6 CAPITOLO 1 una WLAN ogni trasmissione può essere potenzialmente intercettata. Per evitare ciò sono stati perfezionati diversi metodi, tra cui i due principali sono: - l autenticazione, cioè un processo attraverso il quale è possibile verificare l identità del sistema remoto connesso allo scopo di prevenire eventuali intrusioni; questa tecnica si basa sulla distribuzione di chiavi; - il criptaggio, cioè la codificazione di una comunicazione in maniera che sia intelligibile soltanto al possessore della chiave di decifrazione e/o dell'apparecchiatura apposita. 1.2 Protocolli wireless Sul mercato esistono molti protocolli trasmissivi wireless, da quelli proprietari a quelli standardizzati in ambito internazionale. I sistemi proprietari vengono solitamente sviluppati e realizzati appositamente per una determinata applicazione, per cui possono essere ottimizzati a seconda delle necessità e quindi presentano prestazioni molto spinte (bassa potenza, bassi tempi di trasmissione, alti throughput, alta velocità ed elevata affidabilità); hanno però costi molto elevati, per cui sono destinati ad un mercato di nicchia. Un grande problema dei protocolli proprietari è l incompatibilità con prodotti di diversa provenienza: questo può comportare la morte di tali sistemi, a meno che riscontrino il favore del mercato. I sistemi standard invece sono più aperti e diffusi, hanno un minor costo a causa della concorrenze tra i produttori, ed hanno minori tempi di sviluppo. Come già detto questo va spesso a discapito delle prestazioni. Viene riportata ora una breve presentazione di alcuni sistemi standard di comunicazione wireless e di alcuni protocolli proprietari presenti sul mercato IrDA IrDA (Infrared Device Application) è uno standard punto-punto che lavora nello spettro infrarosso utilizzando una connessione ottica; pertanto richiede che non vi siano ostacoli tra i dispositivi in comunicazione, cioè si necessita della cosiddetta line of sigth 10

7 SISTEMI WIRELESS (LOS), ossia della visibilità diretta. Questo standard ha una velocità di trasmissione variabile tra i 9600 bps e i 16 Mbps, con un consumo medio di 100mW. La possibilità di essere implementato su chip a basso costo e il basso consumo sono caratteristiche che consentirebbero a questo standard di essere tra i più diffusi, non fosse per il corto raggio d azione e per la necessità di essere in visibilità tra trasmettitore e ricevitore. Figura 1.4: Dispositivo infrarossi Tra i dispositivi dotati di interfaccia IrDA figurano la maggior parte delle schede madre per PC desktop, computer notebook, stampanti, telefoni cellulari, modem e macchine fotografiche IEEE Dal momento della realizzazione della prima LAN sperimentale all inizio degli anni 70 nel Centro di Ricerca Xerox di Palo Alto (California), Ethernet ha fatto molta strada e si è trasformato da singolo protocollo in una complessa famiglia di protocolli, definiti dall ente di unificazione IEEE (Institute of Electrical and Electronic Engineers) nell ambito della commissione 802.3, aumentando la velocità da 10 Mbps a 100 Mbps e poi a 1 Gbps, e utilizzando tutti i tipi di cablaggio: cavo coassiale, cavo telefonico e fibra ottica. Nel 1990, IEEE crea la commissione , che lavora sette anni per definire uno standard per le reti locali in radiofrequenza. Il 26 giugno 1997 viene finalmente approvato lo standard IEEE Questo standard ha lo stesso significato e valore che IEEE ha per il mondo Ethernet cablato e definisce come i nodi dialogano tra loro e con i punti di accesso (access point) alla rete cablata. 11

8 CAPITOLO 1 Le specifiche riguardano i primi due livelli del modello di riferimento OSI, cioè il livello fisico e il livello data link (fig. 1.5), e si suddividono in b, g e a. Figura 1.5: Posizione di nello stack OSI Lo standard IEEE consente, oltre ad un interfaccia infrarossi, due possibili interfacce RF della categoria SSS (Spread Spectrum Signals), nella banda ISM (Industrial Scientific Medical) intorno a 2.4 GHz, che può essere usata senza richiedere una concessione specifica: - FHSS (Frequency Hopping Spread Specrtrum), dispersione di spettro a salto di frequenza; - DSSS (Direct Sequence Spread Spectrum), dispersione di spettro in banda base. Le tecniche SSS occupano una maggior banda trasmissione radio, ma consentono una miglior ricezione dei segnali deboli, garantiscono l'integrità del segnale e una maggior sicurezza, distribuendo il segnale attraverso l'intero spettro di frequenze. L'uso dell'sss è particolarmente importante poiché permette che molti altri utenti occupino la fascia per tutto il tempo assegnato su frequenze separate, compatibilmente con la larghezza di banda disponibile. Nell'FHSS il segnale ad una data frequenza viene fatto "saltare" da una frequenza all'altra, distribuendosi su una una banda di frequenze. Il vantaggio di tale sistema è di offrire una grande immunità all'interferenza, ma solo quando il rapporto fra la larghezza di banda originale del segnale e la larghezza di banda del segnale di diffusione è molto 12

9 SISTEMI WIRELESS grande. Lo spectrum spreading consiste in una continua variazione di frequenza utilizzando una modulazione di frequency hopping. Gli hops corrispondono ai salti di frequenza (fino a 1600 al secondo) all'interno della gamma assegnata (2.402 GHz GHz salti di 1 MHz, complessivamente 79 hops set, denominati canali). Il sistema FHSS risulta molto sicuro contro interferenza e l'intercettazione in quanto risulta statisticamente impossibile poter ostruire tutte le frequenze che possono essere usate ed implementare sistemi di filtri selettivi su frequenze diverse dalla frequenza del segnale. DSSS è una tecnologia di trasmissione a "frequenza diretta" a banda larga, in cui ogni bit viene trasmesso come una sequenza ridondante di bit. Tale metodo è indicato per la trasmissione e ricezione di segnali deboli, e consente l'interoperabilità con le reti wireless attuali a 11 Mbps con le precedenti a 1-2 Mbps. L'interfaccia DSSS utilizza un sistema con dispersione in banda base utilizzando un chipping code (codice di dispersione), modulando il dato prima di trasmetterlo, per cui ogni bit trasmesso viene disperso su una sequenza a 11 bit (sequenza Barker). I vantaggi che l'interfaccia DSSS assicura contro l'interferenza è piuttosto scarso. Questa limitazione riduce significativamente il valore di DSSS come metodo per resistere all'interferenza nelle applicazioni reali delle WLAN IEEE b Lo standard che più si sta affermando nella realizzazione di reti wireless fa riferimento all' IEEE b (denominato anche Wi-Fi ), entrato in scena nel Il protocollo IEEE b presenta le seguenti caratteristiche : - possibilità di variare la velocità di trasmissione dati per adattarsi al canale; - un data rate fino a 11 Mbps, con un throughput medio che va dai 4 ai 6 Mbps; - possibilità di scelta automatica della banda di trasmissione meno occupata; - possibilità di scelta automatica dell'access point in funzione della potenza del segnale e del traffico di rete; - possibilità di creare un numero arbitrario di celle parzialmente sovrapposte permettendo il roaming in modo del tutto trasparente; 13

10 CAPITOLO 1 - utilizzo della tecnologia WEP 3 per garantire sicurezza nello scambio di dati. A tale protocollo hanno sensibilmente contribuito alcuni marchi leader quali, ad esempio Cisco ed Apple (con il celebre Airport). Questo standard utilizza una modulazione DSSS, con uno spettro di frequenza di circa 850 MHz nella banda dei 2.4 GHz; i prodotti che supportano tale standard hanno emissioni pari a 15 dbm, potenza che garantisce una portata di circa 30 m in condizioni reali (in condizioni ideali, cioè senza ostacoli e con antenne allineate si possono raggiungere i 75 m). Purtroppo, trattandosi di trasmissioni RF non è possibile definire una portata precisa, in quanto le variabili in gioco sono molte: pareti, interferenze e riflessioni (anche se il deficit prestazionale creato da queste ultime è ridotto dalla particolare modalità di trasmissione). Ulteriore caratteristica prevista dal protocollo prevede che al degradare del link tra access point e dispositivo remoto (o tra due card in reti ad hoc) la velocità di trasferimento venga ridotta (gli step sono: 11 Mbps, 5,5 Mbps e 2 Mbps). Da posizioni particolarmente "infelici", pur continuando ad essere connessi, le prestazioni subiranno un notevole degrado. La sicurezza in una rete wireless assume un'importanza strategica; se, infatti, in una rete Ethernet cablata in rame un buon firewall può alzare il livello di sicurezza a valori accettabili, così non è in una rete in cui le informazioni vengono scambiate con l'uso di onde radio. Qualunque dispositivo all'interno della portata dell'access point o dei dispositivi dotati di wireless card, può teoricamente connettersi alla rete. Per garantire la sicurezza delle LAN wireless è stato introdotto il protocollo protocollo WEP, che prevede l'autenticazione (come in una normale Ethernet), ma anche l'utilizzo di una procedura di criptaggio. L'utente ha la possibilità di impostare una chiave personale, oppure può far generare la chiave in automatico. La chiave può essere a 64 o 128 bit (quest'ultima opzione è disponibile solo nei dispositivi di ultima generazione). Probabilmente molte novità in termini di sicurezza arriveranno con il protocollo i (attualmente in via di studio e di cui trapela molto poco). 3 Wired Equivalent Protocol 14

11 SISTEMI WIRELESS IEEE a Lo standard a usa una nuova banda di frequenze libere e aumenta il throughput fino a 54Mbps, ma più realisticamente permette di ottenere veolocità comprese tra i 20 e i 25 Mbps in condizioni di traffico normale. Gran parte dell incremento proviene dall utilizzo della tecnica di modulazione OFDM (Ortogonal Frequency Division Multiplexing). Questo standard utilizza la banda di frequenze UNII (Unlicensed National Information Infrastructure), che è collocata in tre segmenti di frequenza non contigui: - UNII-1 attorno ai 5.2 GHz; - UNII-2 attorno ai 5.7 GHz; - UNII-3 attorno ai 5.8 GHz. Un errore comune è quello di pensare che l a venga prima dell b, ma non è così: mentre b rappresenta una seconda generazione del wireless networking, a rappresenta la terza. Questo standard consente di comunicare, in un normale ambiente d ufficio, fino a 25m di distanza alla massima velocità IEEE g Il nuovo standard IEEE g, conosciuto anche come b-extended, è già un successo, visto che ha conquistato il 17% del mercato in pochi mesi. Questo standard coniuga la compatibilità con b alle prestazioni dello standard a, con il quale però non è compatibile; utilizza il medesimo spettro di frequenze del b ma con una modulazione OFDM (Orthogonal Frequency division Multiplexing) come a. La sua compatibilità all indietro con b implica che, se un dispositivo mobile b incontra usa un access point g, si riconosceranno ma utilizzeranno la velocità dell b. 15

12 CAPITOLO Mercato L avvento del protocollo b ha provocato un boom nel mercato wireless; in particolare, con una mossa di puro marketing, è stata coniata la denominazione Wi-Fi (Wireless Fidelity) per questi prodotti, per richiamare la sigla Hi-Fi. Ecco alcuni dei prodotti disponibili sul mercato: - CISCO Aironet Serie 350 Prodotto di alta fascia pensato per grandi aziende, questo AP presenta una notevole facilità d uso, aggiornamento del firmware tramite una apposita utility, programmi di monitoraggio e configurazione completi. Presenta la funzione di standby, ha una media di 6.28 Mbyte/s e codifica wep a 128 bit. - Lucent Orinoco AP-100 E l ultima evoluzione della famiglia Lucent, possiede un interfaccia semplice, supporta due schede PcCard usate per la parte radio, e possiede strumenti di diagnostica ottimi. L AP è dotato di interfaccia ethernet 10/100: in termini di prestazioni raggiunge i 4.24 Mbyte/s. Figura 1.6: Lucent Orinoco AP Ericsson Wireless LAN 11 Mbps DSSS Usa lo stesso hardware dei prodotti di Intel e 3Com, ossia il chipset della Intersil - Intel PRO/Wireless 2011 LAN PC card Supporta Windows 95, 98, 2000 e NT, presenta la possibilità di aggiornare il firmware, fornisce in tempo reale un segnale di stima della qualità del segnale, 16

13 SISTEMI WIRELESS possiede un antenna non estendibile integrata. Ha dimensioni di x 5.66 cm, con peso di 45.3 g. Permette di raggiungere distanze di 460 m in ambiente aperto e 90m in ufficio a 1 Mbps, mentre a 11 Mbps raggiunge 120 m e 30 m rispettivamente. Presenta consumi di potenza dell ordine dei 300 ma in trasmissione e 10 ma a riposo. - Intel PRO/Wireless 2011 LAN access point Questo dispositivo ha dimensioni di 4.5 x 15.2 x 21.5 cm e pesa 500g. Presenta un connettore seriale e un RJ45 per rete 10BaseT. Per incrementare la distanza di trasmissione, utilizza due antenne, che possono essere orientate. Viene usato in combinazione con le PC card Intel PRO/Wireless 2011 LAN PC card inserite in computer. - 3Com AirConnect 11 Mbps Wireless LAN access point Supporta fino a 63 utenti contemporaneamente in un raggio di 100 m, a velocità fino a 11 Mbps. - D-Link DWL-1000AP Rivolta ai piccoli uffici o agli utenti privati, fornisce anche un adattatore USB che permette di creare un intera WLAN casalinga. Il tool di gestione dell AP consente di gestire più access point contemporaneamente. - LinkSys Instant Wireless WAP11 E una soluzione economica, anche e il suo contenuto tecnologico è di tutto rilievo. Si può scegliere tra diversi access point, una scheda di rete wireless e un adattatore per bus PCI, in modo da connettersi a un desktop. - Moduli Sharp Sharp, che fa parte del consorzio Wi-Fi, ha realizzato prodotti seguendo el normative IEEE b. Sono disponibili i moduli DC2A1AZ014 per il montaggio su schede, e le PcCard DC2B1AZ015, da inserire direttamente nel notebook. 17

14 CAPITOLO Bluetooth Nel febbraio 1998, Ericsson, IBM, Intel, Nokia e Toshiba annunciano, in collaborazione con altri produttori, la nascita del gruppo di interesse (SIG), cioè il Bluetooth Special Interest Group", per sviluppare un collegamento universale senza fili per telefoni, computer tascabili, scanner, stampanti, PC, fax e altri apparecchi portatili. Bluetooth è il nome di progetto di una specifica aperta per un collegamento radio voce-dati full duplex a corto raggio con velocità di trasmissione di 1 Mbps, che raddoppierà con la seconda generazione. Concepita inizialmente come un modo per sostituire i cavi di collegamento tra PC, telefoni e altri dispositivi elettronici, la tecnologia Bluetooth si afferma come una rete locale in grado di configurarsi automaticamente man mano che si presentano nuovi dispositivi nell area di copertura, creando una PAN 4, formata da PDA, PC, telefoni cellulari, periferiche e altri dispositivi. L'idea originale viene concepita da Intel, che lancia nel 1996 la Mobile Data Initiative (MDI), con l'obiettivo di migliorare i sistemi di comunicazione dati via etere per gli utenti professionali mobili, agendo come catalizzatore per riunire industrie di informatica e di telecomunicazioni interessate all'argomento. Le cinque aziende fondatrici del SIG lavorano in modo sinergico per creare la nuova tecnologia. Ericsson sviluppa la tecnologia radio, aiutata da Nokia, che fornisce anche il software per i telefoni cellulari. Toshiba e IBM sviluppano le specifiche per integrare la tecnologia negli apparecchi portatili. Intel si occupa di chip e software di base. I fabbricanti di dispositivi di networking e di telecomunicazioni che si aggiungono man mano portano l esperienza dei veterani delle WLAN a onde radio e a raggi infrarossi. La tecnologia Bluetooth utilizza la frequenza radio ISM a 2,4 GHz, che è libera in tutto il mondo. I primi prodotti dotati di questa tecnologia, sul mercato a partire dalla fine del 1999, appartengono, tra gli altri, a Compaq, Toshiba, Intel, Motorola, Qualcomm, 3Com, VLSI e Lucent. Le applicazioni di questa tecnologia possono essere molteplici e creano nuove opportunità di utilizzo per gli apparecchi portatili, come la possibilità di sincronizzare 4 Personal Area Network 18

15 SISTEMI WIRELESS un'agenda elettronica con il proprio PC portatile senza estrarre il computer dalla borsa, o ricevere automaticamente messaggi diretti al proprio PC portatile attraverso il telefono cellulare che squilla per avvisare dell'arrivo del messaggio, o effettuare una presentazione a un meeting senza collegare cavi tra il videoproiettore e il PC. E anche possibile inviare cartoline in tempo reale, collegando via etere una macchina fotografica digitale a un telefono cellulare o a qualsiasi presa telefonica. In ufficio, il telefono può funzionare come intercomunicante (nessun costo telefonico). A casa funzionerà come un telefono cordless (tariffa dei telefoni fissi), mentre all'esterno il telefono sarà un normale cellulare (tariffa telefono cellulare). I dispositivi dotati di questa tecnologia, sono in grado di rilevare la presenza di altri dispositivi presenti nel raggio di azione (fino a 10 metri per dispositivi di Classe 2) e di interagire in modo automatico in funzione di come sono stati programmati. Fino a otto utenti o dispositivi possono convivere contemporaneamente in una piconet, una mini rete locale wireless ad hoc formata da dispositivi che interagiscono, in cui uno è il master e altri sette sono gli slave. Nella stessa zona di copertura possono coesistere fino a dieci piconet. Diverse piconet indipendenti e non sincronizzate formano una scatternet. Il sistema Bluetooth supporta collegamenti punto-punto e punto-multipunto. Oltre ai nuovi prodotti con interfaccia Bluetooth incorporata, ci sono in commercio anche adattatori per permettere a telefoni, computer e periferiche esistenti di sfruttare questo nuovo tipo di collegamento. Bluetooth è utilizzato anche per realizzare cuffie senza fili professionali, soprattutto per gli operatori dei Call Center. Lo standard Bluetooth sarà descritto in maniera più dettagliata nel Capitolo 2. Al congresso di Amsterdam del 17 giugno 2003, il Bluetooth SIG 5 ha annunciato che le specifiche Bluetooth v.1.2 sono in fase di testing finale, per cui saranno disponibili a breve. Il nuovo standard sarà compatibile con la versione 1.1, raggiungerà un data rate di 2-3 Mbps, introdurrà innovazioni quali l AFH (Adaptative Frequency Hopping), per ridurre le interferenze con la banda 2.4 GHz, migliorerà il servizio di QoS (Quality of Service) per incrementare le prestazioni, e aumenterà il livello di sicurezza. 5 Special Interest Group 19

16 CAPITOLO 1 In fase di studio vi è anche la versione 2.0 delle specifiche, che prevede data rate di 4,8 e 12 Mbps, ma la cui uscita, prevista non prima del 2004, dipenderà anche dall andamento del mercato Bluetooth Mercato Bluetooth Le previsioni per la crescita del mercato Bluetooth hanno avuto grandi variazioni negli ultimi anni, ma gli esperti sono uniti nel prevedere una straordinaria crescita nei prossimi anni (fig. 1.7) Million of Solution Year Figura 1.7: Previsioni andamento mercato Bluetooth Nel 2001 sono stati venduti 7.2 milioni di unità Baseband/RF, mentre nel 2002 si è registrata una crescita pari a 5 volte l anno precedente, raggiungendo quota 41 milioni di soluzioni individuali vendute, e per il 2003 si prevede una cifra di vendita compresa tra i 150 e i 200 milioni di unità. L adozione completa di Bluetooth da parte di telefoni mobili e PC (integrazioni di moduli direttamente su motherboard) farà impennare il mercato Bluetooth, che in questo caso potrebbe raggiungere entro il 2006 vendite dell ordine del miliardo di unità all anno. 20

17 SISTEMI WIRELESS Esistono ad oggi oltre 450 prodotti qualificati Bluetooth sul mercato. Ecco alcuni prodotti Bluetooth presenti in commercio: - Ericsson ROK Figura 1.8: Ericsson ROK Certificato per lo standard Bluetooth ver.1.1; Supporto piconet, fino a sette slave; potenza d uscita RF Classe 2; interfaccia UART per i dati (HCI); interfaccia per la voce; interfaccia USB per la voce e i dati; interfaccia I 2 C; oscillatore al quarzo interno. - Mitsumi WML-C07N Figura 1.9: Mitsumi WML-C07N Supporta Bluetooth Classe 1; Certificato per lo standard Bluetooth ver.1.1; Interfaccia HCI over UART and USB; Protocollo Link controller and Link Manager; Interfacce UART, USB and PCMIF per applicazioni a corto raggio; Comunicazioni fino a 10 m; 21

18 CAPITOLO 1 Power supply voltage 3.0 V (tipica 2.9 ~ 3.4 V); Dimensioni: 32 mm X 15 mm X 2.55 mm. - Gennum GR2312 Figura 1.10: Gennum GR2312 Certificato per lo standard Bluetooth ver.1.1; Classe 2 di potenza; Funzionalità controllo di potenza inclusa; Flash interna 8Mb, cristallo 16MHz; RF integrato, filtro passabanda; alimentazione singola 3V, basso consumo; package compatibile con lo standard 0.8mm BGA; dimensioni: 12 mm x 12 mm x 18 mm - Siemens SieMo S50037 Figura 1.11: Siemens SieMo S50037 Funzionalità Bluetooth complete ver.1.1; Footprint compatibile con i moduli Ericsson ROK e ; Classe 2 di potenza; Interfacce UART 1.5 Mbps, USB high speed (12 Mbps) e PCM voce; 22

19 SISTEMI WIRELESS funzionamento indipendente (es. headset) o tramite HCI; Sensitività in ricezione 85 db. - Bluegiga Wrap-Thor Figura 1.12: Bluegiga Wrap-Thor Classe 1 di potenza; certificato per lo standard Bluetooth ver.1.1; interfaccia HCI su UART e USB; interfaccia SPI per installazione e configurazione modulo; dimensioni: 26 mm x 14 mm x 3 mm; flash interna 8 Mb; basso consumo di memoria. - Murata Blue Module Figura 1.13: Murata Blue Module Classe di potenza 2; certificato per lo standard Bluetooth ver.1.1; interfaccia HCI su UART; 23

20 CAPITOLO 1 interfaccia SPI e PCM; controllo di potenza; peso 600mg; dimensioni: 9.6 mm x 9.8 mm x 1.7 mm HomeRF Questo è uno standard aperto nato per supportare la comunicazione digitale wireless tra PC e dispositivi elettronici all interno di una casa, cioè nell ambito del cosiddetto home networking. Questo standard può essere visto come una versione rilassata degli standard e DECT. Per accedere al canale viene utilizzata la tecnica SWAP 6, che supporta il CSMA/CA per la trasmissione ad alta velocità dei pacchetti dati e il TDMA per la comunicazione della voce. HomeRF opera nella banda dei 2.4 GHz e usa il frequency hopping ad una frequenza di 50 salti/s; può trasmettere a 1.6 e 10 Mbps (rispettivamente nelle sue versioni 1.0 e 2.0) e non richiede una stazione radio base per operare. Può arrivare ad una distanza di trasmissione di 45 m, con una potenza di 100 mw. Le specifiche HomeRF riguardano i primi due livelli del modello di riferimento OSI, cioè quelli relativi al livello fisico e alle segnalazioni di controllo e di gestione del traffico HiperLAN/2 Questa tecnologia è standardizzata dall ETSI 7, ma non è ancora supportata da una ampia disponibilità di prodotti. Essa nasce dal settore della telefonia cellulare, con la possibilità, quindi, di gestire un canale isocrono. Una rete HiperLAN/2 per ambiente business è costituita da un certo numero di Access Point (AP), ciascuno dei quali copre una propria area geografica (cella) e che formano, 6 Shared Wireless Access Protocol 7 European Telecommunication Standard Institute. 24

Wireless LAN. Scritto da BigDaD

Wireless LAN. Scritto da BigDaD Una Wireless local area network, WLAN, è un sistema di comunicazione flessibile e implementabile nella sua estensione, o alternativo, ad una rete fissa (wired LAN). In una W-LAN viene utilizzata una tecnologia

Dettagli

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili!

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili! Capitolo 6 Wireless LAN: via i fili! Spesso la realizzazione di una rete impone maggiori problemi nella realizzazione fisica che in quella progettuale: il passaggio dei cavi all interno di apposite guide

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

WIRELESS: TECNICHE DI COMUNICAZIONE

WIRELESS: TECNICHE DI COMUNICAZIONE Autore: Classe: Michele Naso QUINTA INFORMATICA (5IA) Anno scolastico: 2003/2004 Scuola: Itis Euganeo WIRELESS: TECNICHE DI COMUNICAZIONE Dispensa Il presente lavoro vuole mostrare le tecniche di codifica

Dettagli

WLAN 802.11. Local Area Network (LAN)

WLAN 802.11. Local Area Network (LAN) WLAN 802.11 1 Local Area Network (LAN) Ethernet Server Hub Internet 2 1 Wireless Local Area Network (WLAN) Ethernet Server Access Point Internet 3 Perchè le Wireless LAN Riduzione costi di manutenzione

Dettagli

INFORMATICA LIVELLO BASE

INFORMATICA LIVELLO BASE INFORMATICA LIVELLO BASE INTRODUZIONE 3 Fase Che cos'è una rete? Quali sono i vantaggi di avere una Rete? I componenti di una Rete Cosa sono gi Gli Hub e gli Switch I Modem e i Router Che cos è un Firewall

Dettagli

Tipologie di Network. Tipologie

Tipologie di Network. Tipologie Tipologie di Network reti locali (Local Area Network, LAN), di limitata estensione, che consentono di collegare tra loro dispositivi collocati nello stesso edificio o in edifici adiacenti; reti metropolitane

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard.

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard. Pagina 1 di 8 Installare e configurare componenti hardware di rete Topologie di rete In questo approfondimento si daranno alcune specifiche tecniche per l'installazione e la configurazione hardware dei

Dettagli

WiFi: Connessione senza fili. di Andreas Zoeschg

WiFi: Connessione senza fili. di Andreas Zoeschg WiFi: Connessione senza fili di Andreas Zoeschg Introduzione Le tecnologie wireless risultano particolarmente adatte qualora sia necessario supportare la mobilità dei dispositivi utenti o per il deployment

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

Su misura a tutte le strutture che vogliono guardare al futuro e rimanere al passo coi tempi

Su misura a tutte le strutture che vogliono guardare al futuro e rimanere al passo coi tempi Soluzione HOT SPOT Su misura a tutte le strutture che vogliono guardare al futuro e rimanere al passo coi tempi Chi viaggia per lavoro molto spesso ha la necessità di scaricare posta, inviare e-mail, trasmettere

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

La rivoluzione wireless

La rivoluzione wireless Capitolo 1 La rivoluzione wireless Raramente, negli ultimi anni, una tecnologia ha sfondato nel mercato professionale e casalingo come è accaduto al wireless. Famiglie, locali, aziende, aeroporti, negozi

Dettagli

Ing. Alessandro Pisano. Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica pisano@diee.unica.

Ing. Alessandro Pisano. Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica pisano@diee.unica. Ing. Alessandro Pisano Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica pisano@diee.unica.it Cagliari, 25 settembre 2009 Impianti domotici Una opportuna interconnessione

Dettagli

1.2 CLASSIFICAZIONE DELLE RETI SULLA BASE DELL ESTENSIONE

1.2 CLASSIFICAZIONE DELLE RETI SULLA BASE DELL ESTENSIONE Reti di calcolatori 1.1 Definizione di rete di calcolatori Una rete di calcolatori è un'insieme di computer, collegati fra di loro mediante un opportuna infrastruttura, ed in grado di comunicare allo scopo

Dettagli

Reti Wireless - Introduzione

Reti Wireless - Introduzione Reti Wireless - Introduzione Il mondo dei computer cerca da sempre appendici esterne che non abbiano bisogno di collegamenti via cavo Gli studi e gli standard che si sono susseguiti basati sulla tecnologia

Dettagli

CORSO DI Telemedicina e Telematica Sanitaria

CORSO DI Telemedicina e Telematica Sanitaria CORSO DI Telemedicina e Telematica Sanitaria Docente Prof. Marcello Bracale Lezione del 8/10/2008 Reti telematiche wired e wireless nelle strutture ospedaliere A cura dell ing. Riccardo Tranfaglia riccardo.tranfaglia@unina.it

Dettagli

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Fino a qualche anno fa, per poter gestire e trasmettere a distanza i dati elaborati si utilizzava il mainframe, in cui tutta la potenza di calcolo era concentrata

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Giovedì 22-05-2014 1 Reti wireless Una

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Martedì 26-05-2015 1 Confronto tra switch

Dettagli

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati IEEE802.3 (Ethernet) Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali Entità

Dettagli

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network Prof.ssa Sara Michelangeli Computer network Possiamo definire rete di computer (Computer network) un sistema in cui siano presenti due o più elaboratori elettronici ed i mezzi per connetterli e che consenta

Dettagli

Tecnologia wireless (solo su alcuni modelli)

Tecnologia wireless (solo su alcuni modelli) Tecnologia wireless (solo su alcuni modelli) Guida per l'utente Copyright 2007 Hewlett-Packard Development Company, L.P. Windows è un marchio registrato negli Stati Uniti di Microsoft Corporation. Bluetooth

Dettagli

Reti locali LAN (Local Area Networks)

Reti locali LAN (Local Area Networks) Reti locali LAN (Local Area Networks) Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare tra di loro, entro un'area delimitata, utilizzando un canale fisico

Dettagli

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Dott. Antonio Calanducci Lezione III: Reti di calcolatori Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Anno accademico 2009/2010 Reti di calcolatori Una rete

Dettagli

invisibile Bluetooth, la porta

invisibile Bluetooth, la porta Tecnologia Mobile Bluetooth, la porta invisibile L interfaccia Bluetooth, presente ormai in una gran parte dei moderni telefoni cellulari, permette di collegare numerose periferiche: ecco come funziona

Dettagli

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT INDICE 1. PREMESSA 4 2. ARCHITETTURA RETI MESH 5 3. DISPOSITIVI

Dettagli

http://mottatommaso.altervista.org

http://mottatommaso.altervista.org Standard IEEE 802 per reti LAN http://mottatommaso.altervista.org T. Motta Rete locale Rete LAN: rete di computer di dimensione limitata e senza attraversamento di suolo pubblico Sono di diversi tipi:

Dettagli

I bus di campo nell automazione industriale

I bus di campo nell automazione industriale I bus di campo nell automazione industriale Fabio Giorgi Introduzione Aspetti di comunicazione nell automazione industriale Esempio di cella di lavorazione Passaggio dal controllo centralizzato al controllo

Dettagli

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu RETI -ARGOMENTI 1. Definizione di Internet dal punto di vista fisico 2. Definizione di Internet dal punto di vista logico 3. Le reti di accesso 4. I tre tipi di connessione 5. Le reti locali (L.A.N.) 6.

Dettagli

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Indice Mezzi e tecniche di trasmissione dati Cavi in rame Fibre ottiche Onde radio e sistemi wireless Modulazione e demodulazione Reti di calcolatori

Dettagli

Corso Creare una rete locale Lezione n. 1

Corso Creare una rete locale Lezione n. 1 Introduzione al Networking Introduzione Al giorno d oggi il Networking non è più un sistema riservato solo alle aziende di enormi dimensioni, ma interessa anche i piccoli uffici, le scuole e le case. Infatti

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 102 Sommario della

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

Wireless LAN IEEE 802.11

Wireless LAN IEEE 802.11 Reti non cablate Wireless LAN IEEE 802.11 Eliminazione del cablaggio Riduzione costi infrastrutturali Reti temporanee Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi

Dettagli

Wireless LAN IEEE 802.11

Wireless LAN IEEE 802.11 Reti non cablate Wireless LAN IEEE 802.11 Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it staff.polito.it/mario.baldi WLAN - 1 M. Baldi: si veda pagina 2 Nota di Copyright Questo insieme di

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Nonostante queste caratteristiche comuni, le reti possono essere suddivise in due categorie:? Peer to peer (pari a pari)?

Nonostante queste caratteristiche comuni, le reti possono essere suddivise in due categorie:? Peer to peer (pari a pari)? INTRODUZIONE Una rete LAN (Local Area Network) è costituita da numerosi computer e periferiche connessi tramite un sistema di cablaggio entro un area limitata, quale il reparto di un azienda o l interno

Dettagli

Introduzione a Internet

Introduzione a Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

I COMPONENTI DI UNA RETE

I COMPONENTI DI UNA RETE I COMPONENTI DI UNA RETE LE SCHEDE DI RETE (O INTERFACCE 'NIC') Tutti I PC, per poterli utilizzare in rete, devono essere dotati di schede di rete (NIC). Alcuni PC sono dotati di NIC preinstallate. Nello

Dettagli

Bluetooth. Scritto da Savy.uhf

Bluetooth. Scritto da Savy.uhf Lo scopo principale della nascita della tecnologia bluetooth risiede nella capacità di far dialogare e interagire fra loro dispositivi diversi (telefoni, stampanti, notebook, PDA, impianti Hi-Fi, tv,computer,

Dettagli

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.)

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Inizialmente, con l avvento dei PC, il mondo dell elaborazione dati era diviso in due

Dettagli

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing, centri di calcolo Anni 80: reti di

Dettagli

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella Premessa breve Reti, Protocolli e Indirizzi Lo sviluppo delle telecomunicazioni ha avuto due fattori determinanti : L esistenza di una rete esistente (quella telefonica) La disponibilita di HW e SW adeguati

Dettagli

Indice generale. Introduzione...xiii. Nota del revisore...xvii. Introduzione alle reti...1. Introduzione alle reti wireless...11

Indice generale. Introduzione...xiii. Nota del revisore...xvii. Introduzione alle reti...1. Introduzione alle reti wireless...11 Introduzione...xiii Nota del revisore...xvii Capitolo 1 Capitolo 2 Introduzione alle reti...1 Trasferimento di dati... 2 Bit e byte... 2 Controllo di errore... 3 Handshaking... 3 Trovare la destinazione...

Dettagli

10 argomenti a favore dell over IP

10 argomenti a favore dell over IP Quello che i fornitori di telecamere analogiche non dicono 10 argomenti a favore dell over IP Le telecamere di rete non sono certo una novità, infatti il primo modello è stato lanciato nel 1996. Nei primi

Dettagli

Reti di calcolatori: Introduzione

Reti di calcolatori: Introduzione Reti di calcolatori: Introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna Reti di computer e Internet Rete: sistema di collegamento di più computer mediante una singola tecnologia di trasmissione Internet:

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

DSL-G604T. Wireless ADSL Router 54Mbps con Switch 4 porte 10/100Mbps

DSL-G604T. Wireless ADSL Router 54Mbps con Switch 4 porte 10/100Mbps DSL-G604T Wireless ADSL Router 54Mbps con Switch 4 porte 10/100Mbps Il dispositivo DSL-G604T è un router ADSL con access point Wireless a 2.4 GHz e con switch a 4 porte Fast Ethernet incorporati. L'access

Dettagli

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite

Dettagli

Manuale Intel su reti Wireless

Manuale Intel su reti Wireless Manuale Intel su reti Wireless Una rete basata su cavi non e sempre la soluzione piu pratica, spesso una connettivita wireless risolve i problemi legati alla mobilita ed alla flessibilita che richiediamo

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 1 Martedì 4-03-2014 1 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI

Dettagli

Il lavoro d ufficio e la rete

Il lavoro d ufficio e la rete Il lavoro d ufficio e la rete Quale parola meglio rappresenta e riassume il secolo XX appena trascorso? La velocità Perché? L evoluzione della tecnologia ha consentito prima la contrazione del tempo poi

Dettagli

Introduzione alle reti di calcolatori

Introduzione alle reti di calcolatori Introduzione alle reti di calcolatori Definizioni base. Collegamenti diretti e indiretti Strategie di multiplazione Commutazione di circuito e di pacchetto Caratterizzazione delle reti in base alla dimensione

Dettagli

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto)

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto) PROGETTO DI UNA SEMPLICE RETE Testo In una scuola media si vuole realizzare un laboratorio informatico con 12 stazioni di lavoro. Per tale scopo si decide di creare un unica rete locale che colleghi fra

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

Esame di INFORMATICA Lezione 6

Esame di INFORMATICA Lezione 6 Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

LE RETI: LIVELLO FISICO

LE RETI: LIVELLO FISICO LE RETI: LIVELLO FISICO Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Definizioni La telematica è la disciplina che nasce dalla combinazione delle telecomunicazioni (telefono, radio, tv) con l informatica. L oggetto

Dettagli

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina Crescita di Internet Ogni computer connesso ad Internet viene univocamente identificato dal proprio IP address: stringa di 32 bit costituita dall indirizzo della rete (net-id), e dall indirizzo del computer

Dettagli

Tecnologie Radio Frequenza per la Comunicazione Dati (RF/DC) e Relativi Sistemi.

Tecnologie Radio Frequenza per la Comunicazione Dati (RF/DC) e Relativi Sistemi. Tecnologie Radio Frequenza per la Comunicazione Dati (RF/DC) e Relativi Sistemi. Introduzione Nel mondo delle applicazioni per l Information Technology, le soluzioni di comunicazione radio frequenza (RF)

Dettagli

Scopi e classificazioni

Scopi e classificazioni Reti di calcolatori Scopi e classificazioni Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia Classificazione reti R1.1 Reti Nozione di rete, molto diffusa in diversi contesti Ogni rete corrisponde

Dettagli

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Reti LAN IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Le LAN Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare fra loro entro un area limitata

Dettagli

Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali

Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali Enrico Cavalli - enrico.cavalli@unibg.it Università di Bergamo - Anno Accademico 2008-2009 Reti Locali Reti geografiche e reti locali 2 1 Applicazioni

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori Docente Prof. Francesco Corato Anno Accademico 2004/05 Progetto di cablaggio strutturato di Enrico Saviano, 834/91

Corso di Reti di Calcolatori Docente Prof. Francesco Corato Anno Accademico 2004/05 Progetto di cablaggio strutturato di Enrico Saviano, 834/91 Corso di Reti di Calcolatori Docente Prof. Francesco Corato Anno Accademico 2004/05 Progetto di cablaggio strutturato di Enrico Saviano, 834/91 1 2 Requisiti Il committente del progetto di cablaggio è

Dettagli

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1 Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato Traccia n 1 La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche tramite cui esse possono venire memorizzate e scambiate

Dettagli

Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione.

Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione. Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione. L evoluzione delle tecnologie informatiche negli ultimi decenni ha contribuito in maniera decisiva allo sviluppo del mondo aziendale, facendo

Dettagli

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione Le Reti di Computer Prof. Mattia Amadori Anno Scolastico 2015/2016 COS È UNA RETE DI COMPUTER? Rete di computer è

Dettagli

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete Finalità delle Reti di calcolatori Le Reti Informatiche Un calcolatore isolato, anche se multiutente ha a disposizione solo le risorse locali potrà elaborare unicamente i dati dei propri utenti 2 / 44

Dettagli

Programmazione modulare 2015-2016

Programmazione modulare 2015-2016 Programmazione modulare 05-06 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 4 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore ( teoria + ) Totale ore previste: 4 ore per 33 settimane

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 1 Giovedì 5-03-2015 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI E INTERNET un

Dettagli

Una Tassonomia delle Reti

Una Tassonomia delle Reti Una Tassonomia delle Reti La tabella riporta una classificazione dei vari tipi di rete, in funzione dell ambito operativo e delle distanze coperte. AMBITO DISTANZA RETE COPERTA Edificio 100 m Reti Locali

Dettagli

802.11: modulazioni a confronto

802.11: modulazioni a confronto 802.11: modulazioni a confronto Normando Marcolongo 20 dicembre 2003 Tivoli 1 Obiettivi dell intervento Cenni sulle tecniche di Spread Spectrum Quali modulazioni vengono impiegate nello strato fisico dei

Dettagli

SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA I sistemi di misura distribuiti

SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA I sistemi di misura distribuiti ferrigno@unicas.it Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA I sistemi di misura distribuiti Docente: Luigi Ferrigno MiniDAT MiniDAT MiniDAT I sistemi

Dettagli

150 Piazze Wi-Fi. Unidata S.p.A. Una iniziativa Unidata e Wired

150 Piazze Wi-Fi. Unidata S.p.A. Una iniziativa Unidata e Wired Allegato 4 all Accordo di adesione alla fase sperimentale del progetto "150 Piazze Wi-Fi" relativo alla fornitura a titolo di comodato gratuito di apparecchiature hardware e correlato software di gestione

Dettagli

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare I semestre 04/05 Tecnologie Radio Cellulari Reti Cellulari Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1

NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1 NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1 Obiettivi: 1. Fornire una panoramica sulle reti di calcolatori, tecnologie, potenzialità, limiti, servizi, internet. 2. Fornire una panoramica sulle capacità di base per

Dettagli

ADSLSUBITO.IT. WEB: www.adslsubito.it Email: info@adslsubito.it. Documentazione tecnica

ADSLSUBITO.IT. WEB: www.adslsubito.it Email: info@adslsubito.it. Documentazione tecnica ADSLSUBITO.IT WEB: www.adslsubito.it Email: info@adslsubito.it Documentazione tecnica Progetto per la realizzazione di infrastruttura rete Internet a Larga Banda su tecnologia Wireless nei piccoli Comuni.

Dettagli

Tecnologie Informatiche n 6

Tecnologie Informatiche n 6 LE RETI DI COMPUTER Una RETE INFORMATICA è costituita da un insieme di computer collegati tra di loro ed in grado di condividere sia le risorse hardware (periferiche accessibili dai vari computer che formano

Dettagli

Reti di calcolatori. Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti. Reti di calcolatori

Reti di calcolatori. Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti. Reti di calcolatori Reti di calcolatori Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing,

Dettagli

Le reti di calcolatori

Le reti di calcolatori Le reti di calcolatori 1 La storia Computer grandi e costosi Gli utenti potevano accerdervi tramite telescriventi per i telex o i telegrammi usando le normali linee telefoniche Successivamente le macchine

Dettagli

RETI LOCALI. 1 livello fisico 2 livello data link

RETI LOCALI. 1 livello fisico 2 livello data link 1 Topologie 2 Standard IEEE 802 3 Standard IEEE 802.3 (CSMA/CD) 4 Standard IEEE 802.5 (Token Ring) 5 Standard IEEE 802.11 (Wireless) 6 Bluetooth 7 Bridge RETI LOCALI 1 livello fisico 2 livello data link

Dettagli

LE RETI E INTERNET. Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico

LE RETI E INTERNET. Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico LE RETI E INTERNET 1 Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico LE RETI E INTERNET 2 Parla dei commutatori di pacchetto o packet switch. LE RETI E INTERNET 3 Parla dei dispositivi fisici

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

UNA RETE SENZA FILI. C O N L E A Z I E N D E V E R S O N U O V E I M P R E S E

UNA RETE SENZA FILI. C O N L E A Z I E N D E V E R S O N U O V E I M P R E S E UNA RETE SENZA FILI. C O N L E A Z I E N D E V E R S O N U O V E I M P R E S E LA MOBILITÀ WLAN La mobilità aziendale non è più una frontiera tecnologica, ma una concreta necessità per competere ed essere

Dettagli

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di Calcolatori 1. Introduzione 2. Storia 3. Topologia delle reti 4. Livelli della rete protocolli e servizi 5. Progetto dei livelli 6. Modello ISO OSI 7. Internet Protocol suite / / Modello TCP IP

Dettagli

Direct Sequence o Frequency Hopping

Direct Sequence o Frequency Hopping Direct Sequence o Frequency Hopping Questo documento vuole essere un punto di riferimento per aiutare quanti si avvicinano per la prima volta alla tecnologia delle wireless Fidelity LAN Wi-Fi. Un confronto

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

Reti e Internet LAN (local-area network) WAN (wide-area network) NIC (Network Interface Card)

Reti e Internet LAN (local-area network) WAN (wide-area network) NIC (Network Interface Card) Reti e Internet Il termine LAN (local-area network) definisce una tipologia di rete, o di parte di una rete, in cui i vari dispositivi che ne fanno parte sono tutti dislocati nell'ambito dello stesso edificio

Dettagli

1. Rete Wi-Fi Bachelet Abbiategrasso 4. 2. Requisiti tecnico funzionali richiesti ai sistemi WiFi 5. 3. Manutenzione e assistenza 11

1. Rete Wi-Fi Bachelet Abbiategrasso 4. 2. Requisiti tecnico funzionali richiesti ai sistemi WiFi 5. 3. Manutenzione e assistenza 11 CAPITOLATO TECNICO PROGETTO BACHELET WI-FI ABBIATEGRASSO ABBIATEGRASSO, MAGGIO 2013 Indice 1. Rete Wi-Fi Bachelet Abbiategrasso 4 2. Requisiti tecnico funzionali richiesti ai sistemi WiFi 5 3. Manutenzione

Dettagli

Wireless Internet Banda Larga

Wireless Internet Banda Larga Wireless Internet Banda Larga SERVIZI FORNITI DA ROMAGNA RIPETITORI Romagna Ripetitori Srl Via Lasie 10/L - Imola (BO) www.romagnaripetitori.it info@romagnaripetitori.it Tel. 0542.066536 Fax. 051.3764109

Dettagli

LE RETI DI COMUNICAZIONE

LE RETI DI COMUNICAZIONE LE RETI DI COMUNICAZIONE (Prima parte) Settembre 2002 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm e le copie fotostatiche

Dettagli

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer.

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer. Classe 3^ Istituto Istruzione Superiore di Baronissi ind. tecnico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI Sistemi e Reti Articolazione: Informatica Anno scolastico 2012-2013 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE

Dettagli

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco.

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. > LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. Perché investire in innovazione 2 Perché scegliere MediaNET 4 A chi si rivolge MediaNET 6 I numeri 7 Soluzioni e servizi 8 L identità MediaNET

Dettagli

coaxdata Coaxdata: HomePlug AV e Gigabit (HomePlug AV IEEE1901) adattatore coassiale ethernet 200 Mbps 1 Gbps 284 Catalogo 2014 / 2015

coaxdata Coaxdata: HomePlug AV e Gigabit (HomePlug AV IEEE1901) adattatore coassiale ethernet 200 Mbps 1 Gbps 284 Catalogo 2014 / 2015 COAXDATA adattatore coassiale ethernet Coaxdata: HomePlug AV e Gigabit (HomePlug AV IEEE1901) La larghezza di banda del cavo coassiale consente di multiplare altri servizi senza interferire sul segnale

Dettagli