QUADERNI DELLA RIVISTA EDUCATION SCIENCES & SOCIETY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUADERNI DELLA RIVISTA EDUCATION SCIENCES & SOCIETY"

Transcript

1 QUADERNI DELLA RIVISTA EDUCATION SCIENCES & SOCIETY

2

3 AA.VV. IL FUTURO DELLA RICERCA PEDAGOGICA E LA SUA VALUTAZIONE ARMANDO EDITORE

4

5 Sommario Comment les revues structurent une communauté scientifique 161 SERGE AGOSTINELLI, VALERIE CAMPILLO-PAQUET Numeri Primari. Uno studio pilota per analizzare e progettare la formazione universitaria dei docenti di scuola primaria e dell infanzia 170 GABRIELLA ALEANDRI, LUCA GIROTTI The future experience in society as evaluation of pedagogical research 182 FRANCO BLEZZA Il logos pedagogico è un logos discorsivo Contro una pedagogia ridotta a scienza empirica 192 MICHELE BORRELLI Nuove tecnologie, metodo etnografico e strategie narrative 203 FILIPPO BRUNI Ricerca e formazione: tra ambiguità semantiche e nuove forme di azione 213 LIVIA CADEI, DOMENICO SIMEONE Un Modello Universitario di Job Placement innovativo: offerta formativa, tirocinio curriculare ed extracurriculare e mondo del lavoro. I nuovi orizzonti della Pedagogia del lavoro 222 SILVANA CALAPRICE Il sito di classe: tecnologie a sostegno dei processi didattici 232 BARBARA CAPRARA, CLAUDIO SCALA Il danno indiretto sui figli che assistono alla violenza contro le madri. Sistemi di significato e comprensione pedagogica nel futuro impegno della ricerca scientifica 246 SANDRA CHISTOLINI

6 Ricerca pedagogica e strumenti tecnologici: le tecnologie stanno cambiando il modo di fare ricerca? 259 LORELLA GIANNANDREA, LAURA FEDELI, HELGA FIORANI La valutazione di ricerche pedagogiche con metodi misti da parte dei referee: tra criteri di qualità e aspetti problematici 272 MARIA LUCIA GIOVANNINI, MASSIMO MARCUCCIO Les aléas d une recherche évaluative sur les effets d une mesure de diminution des effectifs dans les classes sur la réussite scolaire au Québec 288 SERGE J. LARIVÉE, BERNARD TERRISSE, JEAN-CLAUDE KALUBI, DOMINIK RICHARD La ricerca educativa in Italia. Il caso delle indagini sugli insegnanti ( ) 302 CRISTINA LISIMBERTI Dal core competence al core curriculum 321 ANTONELLA LOTTI, ANNA DIPACE Elaborazione di modelli e prototipi didattico-formativi come compito della ricerca pedagogica 335 DANIELA MACCARIO Neuroscienze e Fenomenologia. Un nuovo programma di ricerca per le Scienze della Formazione applicato allo studio dei meccanismi-base della comprensione testuale 345 DANIELA MARIO Ricerca pedagogica fra pratica educativa e policy making: il ruolo della comunicazione 358 KATIA MONTALBETTI, MICHELE MONTICELLI L oggetto formale della ricerca sull educazione. Quale fondazione epistemologica per la pedagogia generale? 374 MARIA TERESA MOSCATO Per una ricerca simbolica e partecipativa 394 PAOLO MOTTANA 6

7 Ricerca scientifica, ricerca educativa e verità 405 ELENA NOBILE Qualità, criteri e caratteri della valutazione della documentazione delle pratiche di ricerca educative 418 ANTONELLA NUZZACI La supervisione videoregistrata: tecnica di ricerca e strumento di valutazione delle pratiche educativo-musicali 436 ANTONELLA NUZZACI Valutare la valutazione: una ricerca per la valutazione della didattica o una valutazione della ricerca didattica? 453 ANTONELLA NUZZACI Prospettive future: progetto di coordinamento tra il Presidio di qualità e il Servizio di orientamento 477 ANNA MARIA PIOLETTI Fra Narrazione e Misurazione: la ricerca pedagogica con le tecnologie per interpretare i dati e costruire ambienti di apprendimento 482 DAVIDE PARMIGIANI Design e metodi di ricerca pedagogica. Uno sguardo alle riviste di settore 496 SERAFINA PASTORE La via bottom-up della valutazione della ricerca pedagogica 513 LOREDANA PERLA, VIVIANA VINCI Quale rapporto tra didattica e ricerca nella formazione universitaria? 529 PIER GIUSEPPE ROSSI, PATRIZIA MAGNOLER, MARCELLA MARCELLI Professionalizzazione degli insegnanti: dai saperi per la pratica ai saperi della pratica 545 PIER GIUSEPPE ROSSI, PATRIZIA MAGNOLER, FABIOLA SCAGNETTI La pratica autobiografia come lifestyle. La dimensione pedagogica dell MCing 562 DONATELLO SMERIGLIO 7

8 Uso della conoscenza e imprenditorialità della ricerca 570 FLAVIA STARA Une étude évaluative des effets sur la réussite scolaire d une mesure de diminution des effectifs dans les classes: l utilisation d une plateforme informatique (ATO) comme outil de collecte et d analyse de données 578 BERNARD TERRISSE, SERGE J. LARIVÉE, JEAN-CLAUDE KALUBI, DOMINIK RICHARD Incontrare la ricerca nell agire educativo 593 ANDREA TRAVERSO Transculturalità e transculturalismo: una nuova (?) frontiera della ricerca pedagogica 601 RAFFAELE TUMINO 8

9 Comment les revues structurent une communauté scientifique SERGE AGOSTINELLI *, VALERIE CAMPILLO-PAQUET ** Keywords: Practice, community, legitimacy, responsibility, gratitude Abstract: Nowadays, the researcher can not just be satisfied surfing on the concepts, to browse in the theories or to explore its field, he must communicate. Paradoxically, to speak in front of his pars or to interact with them, is not enough any more, he must publish in reviews. The review becomes therefore essential like the interaction tool between the researchers. It is them that give the scientific recognition to the researcher work, they legitimate research and they guarantee knowledge. The empirical relation which exist between the reviews of a field and the community of researchers standardizes, they become actors of the community. From here, we look at which role the reviews play in the structuring of a scientific community. We propose two theoretical options to understand the new relations that are being set up between the reviews and research. The first one advance that the reviews ensure: A semantic function in the field of knowledge; Recognition of the authors work and the legitimacy of research. The second option demonstrates that the concept of community requires an approach with three inevitable dimensions, integrating at the same time human and structural components. The co-responsibility makes it possible to decide to write a scientific text without being obliged to refer about it before to his/her work colleagues. The equity of communication establishes the rules of the possible exchanges between the members of the community. The productivity that ensures the transfer of knowledge. L objectif de notre communication est d apporter un fondement théorique à la relation qui existe de façon empirique entre les revues scientifiques d un * Aix-Marseille Université, France - UMR 6168, Laboratoire des Sciences de l Information et des Systèmes - ** Aix-Marseille Université, France - UMR 6168, Laboratoire des Sciences de l Information et des Systèmes - 161

10 domaine et la communauté de chercheurs engagée dans une production de texte dans les revues ciblées. Si la présence des revues dans le paysage scientifique n est plus discutée, il convient de questionner leur rôle et leurs stratégies dans les actions et mises en relation effectuées. En effet, particulièrement dans les champs de recherches transversaux comme celui de la pédagogie: Comment contribuent des chercheurs de disciplines différentes? Comment se construit la référence au caractère scientifique qui autorise la sélection visant l avancée des connaissances dans les domaines concernés? Pour apporter des éléments de réponse à ces questions, nous proposons d envisager la revue comme un acteur d une communauté scientifique. Cet acteur assure à la fois, la communication des savoirs mais organise aussi le débat par lequel le caractère scientifique est construit (Bougnoux, 2002). Nous envisageons le rôle de cet acteur autour de deux axes: celui de la structuration de la production d information d un champ disciplinaire et celui de révélateur de la communauté d intérêt pour les connaissances à communiquer. La structuration de la production Dans son assertion commune, structurer un champ disciplinaire relève avant tout de l acceptation d un ensemble de règles et d utilisation de pratiques qui permettent l interaction entre des acteurs. Toutefois, partager des règles et des pratiques ne suffit généralement pas pour produire de la structure. Ce qui donne du lien, c est l intention que l on donne à la structure et le contexte dans lequel on invoque le terme (Boudon, 1968). L intention et le contexte ne sont pas identiques suivant que la revue décrit l interdépendance des connaissances d une discipline (c est le cas des revues disciplinaires) ou qu elle est l hypothèse d une l interaction entre les chercheurs (c est le cas des revues interdisciplinaire comme les revues pédagogiques). Cette différence est particulièrement observable si on classe les articles avec: d un côté, ceux qui discutent l élaboration d une connaissance avec pour objectif de souligner le caractère systématique de celle-ci dans la réalité de la discipline ou du champ de recherche; de l autre côté, les articles qui discutent de la mise en œuvre de la connaissance qui implique la formulation d une hypothèse (sur des pratiques) pour rendre compte de ce caractère systématique. Les revues qui structurent la recherche pédagogique ne discutent pas des connaissances d une discipline ou d un champ de recherche. Lorsqu elles sont invoquées, les connaissances scientifiques sont sélectionnées pour pouvoir transmettre des situations d utilisations, de mise en œuvre. Par exemple, ce qui importe dans la rédaction d un article sur les pratiques pédagogiques à 162

11 distance des formations au C2i, concerne essentiellement la relation entre le tuteur et l étudiant. Il s agit en effet d expliciter la responsabilité de mise en situation, ou de mise «en relation avec» et non pas les compétences à acquérir qui restent de la responsabilité de l apprenant. L article produit est alors une image éducative des compétences qui concerne l étude de la pédagogique à distance. Il devient l indicateur d appartenance de l auteur à une communauté, celle du e-learning par exemple. Il endosse alors une logique de diffusion au sens de rendre public une utilisation possible des technologies ou l instrumentalisation d une compétence, ou encore, rendre public l appartenance de l auteur à une communauté. La question que l on doit se poser maintenant est de savoir dans quelles mesures la diffusion des pratiques pédagogiques relève d une communauté scientifique, et en quoi les revues contribuent ou non à faire (re)connaître l aspect scientifique de ces pratiques? La notion de pratique La notion de pratique définit aujourd hui ce qui permet aux individus, de «faire» dans un rapport au contingent. Elle a pour double fonction de produire les structures à travers les procédures explicites qui donnent corps à l activité et de construire un sens social lié à cette même activité (cf. Wenger, 1998) Le faire recouvre donc à la fois les actions, les activités, les interactions, les médiations qui contraignent et adaptent les situations pédagogiques. Dis autrement, la pédagogie invoque les aspects relationnels mis en œuvre dans les pratiques éducatives. Nous pensons particulièrement aux pratiques qui facilitent l action collective et donnent la capacité aux individus de travailler ensemble avec un objectif commun dans un groupe. Les contenus mis en jeu dans les situations d enseignement et les pratiques construisent une interprétation pédagogique conjointe, qui met en jeu un processus d ajustement d actions interindividuelles incluant la réciprocité. Pratiques et contenus interagissent, ils sont sans cesse réflexifs l un par rapport à l autre. Les pédagogues accordent aux pratiques réalisées une objectivité qui n est pas déterminée a priori mais contextuellement fixée par leur relation au groupe dans lequel ils travaillent. La pédagogie permet alors de construire la pratique professionnelle comme l articulation entre des processus personnels qui organisent le savoir-être et des procédures du métier qui dotent le savoir-faire d une structure de compétences objectives. 163

12 Les rôles de la revue Le rôle de la revue peut être de rassembler l ensemble des productions où le global prévaudrait sur le particulier. Elle va alors favoriser les articles qui renforcent la discipline. Avec cette hypothèse les articles favorisent la dispersion des connaissances à l intérieur de la discipline. Les connaissances nouvelles et les nouveaux champs (aux frontières) n ont alors comme fondement légitime qu une idée trop lointaine des références de la revue. Les articles hors référence disciplinaire sont alors difficiles à intégrer. En fait, quelle que soit la discipline, la revue se donne les moyens d étendre sa compréhension herméneutique à l ensemble des productions scientifiques, mais se contraint à effacer les différences entre les multiples domaines qu elle était à même de proposer. Concrètement, la revue trie et sélectionne ce qui est conforme à la structure d une discipline. Elle décode avec ses modèles éditoriaux pour intérioriser les nouveaux objets de la discipline. Elle autorise donc de nouvelles relations qui généralisent ou élargissent les domaines de la discipline. C est ce processus qui permet probablement de régler les rapports entre la structure disciplinaire et les sollicitations éditoriales des appels à article. Ce rôle structurant aboutit à la constitution d un «stock» d articles sous la forme de modèles qui structurent les productions écrites futures. Le modèle d article lié aux normes éditoriales devient prototypique et utilisable pour tous, ou pour la majorité des articles qui couvrent une discipline. Dès lors, elle se heurte à la définition des spécificités des relations au terrain, chaque fois différentes, qui caractérisent des réalités aussi diverses que la pédagogie. Le rôle de la revue peut aussi être de développer des réseaux spécifi ques. Elle va alors favoriser les liens entre les domaines qui tissent les réseaux de productions scientifiques. Avec cette hypothèse, les articles peuvent être envisagés comme des unités sémantiques constitutives des représentations d un terrain, d un champ d application. Le tissage des réseaux se fait alors par transformation de processus inter discipline en processus intra discipline. Ce processus dépasse le rapport entre logique disciplinaire par lequel les productions scientifiques génèrent des entrées pour d autres productions. C est grâce aux médiations sémiotiques qui se produisent au cours de glissements entre les disciplines, par la transformation de la fonction sociale et communicative des articles en outil disciplinaire, que se construisent les réseaux de chercheurs dans un domaine d application. Les productions écrites peuvent d ailleurs être internes et renforcer les rapports du chercheur avec sa discipline ou des productions externes relatives à des questions hors discipline. Dans cette perspective, on peut penser que l aspect structurel (cf. Giddens, 1987) de la revue assure au moins trois fonctions: 164

13 La première est sémantique, elle permet aux auteurs de textes scientifiques de donner du sens à leurs productions et à leurs relations avec les acteurs de la diffusion de leurs travaux. C est une forme de projet collectif qui demande que soit partagée la structure d interprétation des stratégies éditoriales, sans lequel les chercheurs ne peuvent produire un article conforme aux enjeux de la revue ou ses objectifs. Bien sûr, cette structuration fonctionnelle est virtuelle (au sens de Giddens, 1987), c est-à-dire, hors du temps (plans quadriennaux, vagues d évaluation ) et de l espace (politiques scientifiques des laboratoires, des universités ). Elle n existe que sous la forme de traces de nos usages de diffusion et d actualisation de nos productions écrites et ne peut fonctionner que dans la mesure où les chercheurs sont prêts à ajuster, améliorer, préciser, etc. leur contribution. La deuxième fonction est la reconnaissance qui donne le pouvoir et la décision indissociables des stratégies de publication des revues dans le contexte actuel d une évaluation fondée sur la production scientifique. Cette reconnaissance est un signe pour l auteur, d une crédibilité scientifique. Les revues et particulièrement les comités de rédaction d une revue sont un des espaces où se décrète la reconnaissance (cf. Latour, 1995). La reconnaissance scientifique des chercheurs passe donc par leur travail de recherche mais aussi par la capacité qu ils ont à communiquer sur leur recherche mais aussi encore, par la notoriété de la revue elle-même. La troisième construit une forme de légitimation des publications par le respect des règles imposées par les comités scientifiques et éditoriaux des revues. Par exemple, chaque revue impose des règles de publication dans lesquelles elle précise notamment les règles bibliographiques (APA, AFNOR...) et les normes de mise en page typographiques comme règles de conduite opérationnelles. Ces normes et règles définissent les possibles et les contraintes pour chaque catégorie de publication: article de recherche, recension, thèse, note de lecture... Chaque type de publication légitime l article par le respect de ses règles. De ce fait, rédiger un article pour une revue, c est co-construire une réalité à l aide d un système de signes, en mettant en œuvre une mécanique interlocutoire (cf. Ghiglione, 1986) entre l auteur et le comité éditorial. Cette mécanique vise à assurer, dans le respect des règles et principes, la diffusion des enjeux de la revue à travers l article. Ces trois fonctions sont particulièrement importantes dans le cadre des articles pédagogiques qui tentent de rédiger le faire. Elles pourraient, de prime abord, paraître d un intérêt contingent, parce qu anecdotiques. Dès lors, le 165

14 propre d un article sur la pédagogie serait finalement de contenir en lui-même sa propre justification de cette articulation et donc de faire appel au vécu du lecteur pour en comprendre l intérêt. La fonction sémantique donne alors au lecteur le statut d acteur de la diffusion. A la crédibilité scientifique laisse la place alors à celle de crédibilité pratique comme forme d une reconnaissance qui met en relation «le faire» contingent avec la formalisation d une pratique professionnelle. La pratique pédagogique ne dit pas quoi faire mais propose une forme symbolique des actions, des activités, des interactions, des médiations inhérentes à la condition d enseignant. Enfin la troisième fonction, par le respect des règles imposées par les comités scientifiques, permet la co-construction d une communauté à l aide de signes mettant en œuvre la mécanique interlocutoire évoquée. Cette communauté de règles éditoriales contribue à la diminution des risques d une mauvaise compréhension des pratiques rédigées en donnant au contexte d écriture un caractère décisif. Autrement dit, le choix de proposer un article dans telle ou telle revue oriente le style d écriture, l architecture du texte et probablement aussi l argumentation. Dans un contexte de communauté que nous allons aborder maintenant, la fonction structurante des revues devient une ressource et un patrimoine nécessaires à la production des articles sur l évolution des pratiques. Les revues permettent à la fois la reconnaissance: des points de vue admis de tous sur des pratiques dans différents contextes; des connaissances et méthodes à partir desquels les chercheurs organisent leurs travaux sur les pratiques, des besoins clairement exprimés et des pistes à explorer. Le révélateur d une communauté d intérêt Lorsqu on parle de pratiques, il semble naturel de regarder comment celles-ci structurent une communauté. Les communautés de pratique sont perçues comme une participation sociale où se négocient les significations relatives à l action (Wenger 1998). Cette négociation de significations se réalise à travers des ressources qui forment le répertoire partagé d une communauté. Ce répertoire inclut tous les types de supports mais aussi les histoires, les gestes, les symboles que la communauté a créés ou intégrés au cours de son existence. Au fil du temps, le répertoire intègre les pratiques de la communauté. En partant donc des communautés de pratique nous proposons d envisager les revues comme un élément d un répertoire partagé. En effet, la revue combine, grâce au mécanisme interlocutoire, deux caractéristiques essentielles d un répertoire: la négociation que l on retrouve dans les fonctions deux et 166

15 trois de la structuration et la signification que l on retrouve dans la première fonction. Elle inclut particulièrement, les points de vue à travers les articles, les procédures de sélection, les comités, mais aussi, les connaissances et les méthodes que la communauté a reconnues et qui sont devenues peu à peu partie intégrante de la diffusion des pratiques. La revue est alors un outil structurel de solidité spatio-temporelle de la production et de la reproduction des systèmes sociaux (cf. Giddens, 1984). Toutefois, envisager une revue comme le répertoire d une communauté c est aussi reconnaître qu elle est à la fois un modèle de référence et un exemple polysémie. Un modèle de référence qui grâce à ses composants (productions) comme les résumés, les articles, les notes, les recensions témoignent d un engagement des membres de la communauté (réduites ici à ses auteurs) et leurs productions peuvent être mobilisées dans de nouveaux écrits, assurant ainsi une continuité dans la diffusion. Un exemple polysémique car les revues sont intelligibles en fonction des intérêts des lecteurs. En effet, chaque lecteur retient les arguments qui trouvent un écho à son intérêt. La revue serait donc polysémique de manière extérieure, chacun y projetant ses attentes et donc ses significations. Avec cette dualité, la revue relève donc plus de la communauté d intérêt que de pratique. Le répertoire commun n est pas tourné ici vers les relations entre les membres mais vers la relation que chaque membre a avec un outil de la communauté et son producteur: l article et son auteur. Contrairement à la communauté de pratique dans laquelle le répertoire sert la négociation du sens partagé, avec la communauté d intérêt, le répertoire sert à la construction d un sens plus personnel. Cette forme de communauté semble particulièrement bien adaptée à la recherche pédagogique car les pratiques pédagogiques sont un assemblage de négociations, de conversations ou encore à une combinaison de «prêts à faire», c est-à-dire des compétences individuelles utiles au quotidien. Appartenir à une communauté de pratique résulte d un engagement des individus dans des actions dont ils négocient le sens les uns avec les autres (Wenger, 1998) dans la dualité du structurel qui considère que celle-ci se construit au quotidien dans la pratique tout en contribuant à la transformation des structures sociales. Dans ce cadre, produire des articles pour une revue dans une communauté d intérêt nécessite une approche à trois dimensions incontournables, intégrant à la fois des composantes humaine et structurelle: la co-responsabilité, l équité communicationnelle, la productivité. La co-responsabilité est envisagée ici comme la capacité de prendre la décision de rédiger un texte scientifique sans être obligé d en référer préalablement à ses collègues mais en ayant l obligation de remplir ses engagements intellectuels (respect des sources, des partenaires, des auteurs de la recherche ) et d en assurer la compréhension mutuelle. Dans le cas d un texte scientifique, cette co-responsabilité s exerce sur 167

16 la notion de reconnaissance évoquée plus haut. L équité communicationnelle établit les règles des échanges possibles entre les membres de la communauté. C est la construction d un climat de confiance qui permet un échange de compétences. Dès lors, un partage informationnel équitable est un partage socialement admis qui vise à établir un apport d information satisfaisant pour tous. La production de texte quant à elle, peut se réclamer d une gestion des informations ayant pour objet: l amélioration, la circulation des connaissances entre les différentes partenaires. Elle a pour finalité, un transfert de ces connaissances qui ne peut être imposé, mais seulement animé par les interactions entre membres de la communauté scientifique et supportée par les revues. Au cœur de la communauté nous plaçons la notion de compétence comme appropriation d un système de règles intériorisé qui permet de comprendre et de produire. Dès lors, une politique de publication pourrait relever de: La compétence disciplinaire (ou thématique) qui correspondrait à l aptitude de reconnaître les «bonnes» revues. La compétence sociotechnique qui renvoie à la fois aux règles culturelles (discipline) et aux ressources (politique éditorial de la revue) permettant de publier dans une communauté de chercheurs. La compétence stratégique qui est liée à la dimension d efficacité personnelle. Conclusion L activité de production scientifique et la structure de diffusion sont donc des notions ou des constructions associées. Elles sont deux façons de considérer les politiques éditoriales des équipes de recherche dans la dualité des situations qui associent l interaction humaine fondée sur la connaissance commune (mutual knowledge) des activités et les règles, les ressources produites et reproduites dans l interaction sociale à travers le temps et l espace des acteurs impliqués: celui des revues. En d autres termes, la relation envisagée entre les revues scientifiques d un domaine et la communauté de chercheur est un système cognitif socialement distribué qui est à la fois, le produit de la recherche, mais aussi, l élément conditionnel des productions futures. 168

17 Bibliographie Boudon, R. (1968), A quoi sert la notion de «structure»? Essai sur la signifi - cation de la notion de structure dans les sciences humaines, Paris, Gallimard. Bougnoux, D. (2002), Place et enjeux des revues pour la recherche en information et communication, Université de Nice, SFSIC, LAMIC. Ghiglione, R. (1986), L homme communiquant, Paris, Armand Colin. Giddens, A. (1987), La constitution de la société: Eléments d une théorie de la structuration, Paris, PUF. Latour, B. (1995), Le métier de chercheur, regard d un anthropologue, Paris, INRA. Wenger, E. (1998), Communities of practice. Learning, meaning, and identity, Cambridge, UK, Cambridge University Press. 169

18 Numeri Primari. Uno studio pilota per analizzare e progettare la formazione universitaria dei docenti di scuola primaria e dell infanzia GABRIELLA ALEANDRI *, LUCA GIROTTI ** Keywords: educational research, tertiary teacher education (primary school), university policy Abstract: Research is and should be the lever for strategic planning, monitoring and evaluation of education and training at university. This requires pedagogical-educational investigation that can synthesize and harmonize experience-theory-testing to support decision-making process, at the level of university policy. In this perspective, a pilot study has begun, that aims to provide useful data to analyze and design tertiary teacher education (primary school), of which the following pages will represent a first, initial publication. The research project starts from the collection of personal (age, gender, residence) and educational (high-school, grades, other) data, analysis of admission text, monitoring development of students career (exams, labs, work placement) at School of Education of University of Macerata to offer possible indications in educational perspective for governance, planning, evaluation, teaching, guidance. This communication that is, we repeat, a first, initial dissemination of research in progress submit results of a first, preliminary analysis nowadays mainly descriptive about text-admission s data (academic years 2009/2010 and 2010/2011). Then, the study, now in its early stages, made a first check-up of the health of the freshman 2009 careers. * Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione Università di Macerata - ** Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione Università di Macerata - 170

19 In premessa, riteniamo opportuno rendere ragione della scelta, particolare, della titolazione. L espressione Numeri primari intende richiamare immediatamente tre caratteristiche principali del presente contributo: si tratta innanzitutto di numeri, ovvero di dati, ovvero di ricerca basata su dati che, nella fase iniziale è soprattutto di tipo quantitativo e, successivamente, sarà aperta anche a sviluppi qualitativi; primari perché come esplicitato nel sottotitolo tali dati si riferiscono alla selezione e alla formazione universitaria dei docenti di scuola primaria e dell infanzia; ma anche per lasciare sullo sfondo un idea di primi, di numeri primi, che rimanda al concetto fondamentale di peculiarità del caso studente e del caso corso di laurea, aspetti questi imprescindibili in ambito pedagogico, educativo, formativo. Ricerca per la governance La riflessione intorno alla complessità del rapporto fra ricerca e politica in àmbito educativo sembra aver finalmente raggiunto un posto di rilievo, ampiamente meritato, anche nel dibattito pedagogico, superando considerazioni che hanno spesso avuto la loro genesi nel senso comune e nei pregiudizi, talvolta tanto dei ricercatori quanto dei politici, che hanno accompagnato il complesso e difficile dialogo a volte sordo/muto tra le due parti, soprattutto circa le questioni e le problematiche a livello di sistema nazionale di istruzione e formazione. Guardata dalla politica, infatti, la ricerca educativa sembra proiettare un immagine di sé a volte poco convincente e poco soddisfacente; all opposto, invece, la ricerca guarda con sospetto una politica che troppo spesso si appella al retorico e continuo riferimento alla scienza/scientificità, di fatto poi attuato o meglio ridotto in termini di consultazione dell esperto di turno, utilizzato suo malgrado forse soprattutto in ragione dell attuale incapacità dei movimenti/partiti politici di pervenire ad un accordo istituzionale ad ampio consenso per la scuola e l università (e non, come spesso sembrerebbe oggi, contro la scuola e l università). Si tratta, in sintesi, di passare dalla propaganda degli obiettivi, connessi con la necessità di rispondere alle emergenze che continuamente si susseguono, alla logica della ricerca, che invece si affida a tempi distesi, a tempi lunghi e alla sfida di innervare la cultura e di radicarsi in essa, unica via ritenuta efficace per promuovere e muovere un cambiamento reale e sostenibile. A tali riflessioni non può non accompagnarsi il richiamo al tema/problema del finanziamento alla/della ricerca educativa. Risaltano, in particolare, le problematiche connesse con i criteri di riferimento idonei ad orientare la spesa pubblica per la ricerca in ambito pedagogico-educativo: l appello alla 171

20 valutazione scientifica - che deve sostituirsi alle logiche della convenienza politica - rischia di rimanere esercizio retorico se non è seguito da provvedimenti legislativi/regolamentari vòlti a stabilire parametri/indicatori: concordati, condivisi, trasparenti, coerenti, stabili nel corso del tempo, adeguati alle peculiarità del contesto di riferimento. Lo studio pilota, di cui in questa sede è presentato un primissimo report, si inserisce nell ambito di un progetto di ricerca, volto ad offrire dati in prospettiva bottom-up utili per analizzare e progettare la formazione universitaria dei docenti di scuola primaria e dell infanzia, costituendone una prima iniziale forma di disseminazione. L intenzionalità che ispira tale progetto è radicata nel convincimento che la ricerca è e dovrebbe essere la leva strategica per la progettazione, il monitoraggio e la valutazione dell offerta formativa in ambito universitario. Ne consegue l esigenza di proporre itinerari di indagine esemplari ed esemplificativi, anche e soprattutto in prospettiva pedagogico-educativa, capaci di sintetizzare e armonizzare teoria-esperienza-sperimentazione per proporsi come riferimento significativo per i processi decisionali a livello politico. La ricerca pedagogico-educativa, inoltre, può trarre giovamento dalla relazione con le politiche non tanto in termini di acquisizione di riconoscimento e/o influenza politico-culturale quanto piuttosto perché tale relazione sollecita sfide di natura etica, scientifica e metodologica che possono concorrere a chiarirne finalità, prospettive, contributi. Ciò assume una natura del tutto particolare quando il contesto di tale relazione complessa è quello dell università. Il rapporto fra ricerca e didattica costituisce uno degli aspetti principali dell istituzione e dell istruzione universitaria, divenendo tema e problema costante del dibattito istituzionale, politico, scientifico, nonché oggetto di molteplici riflessioni, analisi, indagini. Sotto il profilo pedagogico-educativo, sono stati prodotti molteplici contributi su differenti aspetti, in particolare finalizzati ad un miglioramento della didattica universitaria in riferimento ai bisogni formativi conseguenti alle scelte scolastico-professionali degli studenti, al passaggio fra i diversi gradi del sistema di istruzione e formazione, al ruolo della formazione universitaria per l elaborazione della vocazione professionale, al riconoscimento delle esigenze connesse con una positiva transizione al mondo del lavoro, alla sintesi armonica fra conoscenze e competenze, in ultima analisi a dare risposta alle nuove esigenze poste al docente e all università. 172

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

1. «LE CAS D HOMME DE PILTDOWN» di Teilhard de Chardin apparve sulla rivista di divulgazione

1. «LE CAS D HOMME DE PILTDOWN» di Teilhard de Chardin apparve sulla rivista di divulgazione Nota della Redazione 1. «LE CAS D HOMME DE PILTDOWN» di Teilhard de Chardin apparve sulla rivista di divulgazione scientifica Revue des questions scientifiques n. XXVII del 1920. Benché le Œuvres edite

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE. Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR

ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE. Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR Compréhension de l oral CONSIGNES Début de l épreuve : Appuyez sur la touche

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

DIALOGHI SULL ORIENTAMENTO DALLE ESPERIENZE AI MODELLI

DIALOGHI SULL ORIENTAMENTO DALLE ESPERIENZE AI MODELLI Temi&Strumenti Studi e ricerche 25 Temi&Strumenti Studi e ricerche 25 L orientamento non è più quello di un tempo. Pare, questa, una delle tante affermazioni comuni che vengono regolarmente pronunciate

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 Questo capitolo descrive: A. Le scelte e i passaggi per sviluppare dispositivi per la validazione dei risultati dell

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

ECTS - Guida per l'utente

ECTS - Guida per l'utente ECTS - Guida per l'utente Ulteriori informazioni sull Unione Europea compaiono nel sito http://europa.eu Titolo originale: ECTS Users Guide edito nel 2009 dalla Commissione Europea Traduzione in Italiano

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

Cliquer ici pour accéder aux tarifs et à la licence

Cliquer ici pour accéder aux tarifs et à la licence Pigafetta, Filippo (1533-1604). Relatione del reame di Congo et delle circonvicine contrade, tratta dalli scritti e ragionamenti di Odoardo Lopez portoghese per Filippo Pigafetta,... 1591. 1/ Les contenus

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

La filosofia dell uomo di Jean-Luc Marion tra Cartesio e la fenomenologia

La filosofia dell uomo di Jean-Luc Marion tra Cartesio e la fenomenologia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA, PEDAGOGIA E PSICOLOGIA SCUOLA DI DOTTORATO DI SCIENZE UMANE E FILOSOFIA DOTTORATO DI RICERCA IN FILOSOFIA CICLO / ANNO (1 anno d iscrizione):

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Seminario Valutazione PON Roma, 29 marzo 2012 La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Elena Meroni - Università di Padova e INVALSI Daniele Vidoni

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Presentazione delle Schede DAT

Presentazione delle Schede DAT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI CAMPUS UNICA Presentazione delle Schede DAT Dati e indicatori statistici Sono di seguito presentati dettagliatamente i dati e gli indicatori richiesti dal Modello CRUI per

Dettagli

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO:

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO: Due mondi, due culture, due storie che si incontrano per dare vita a qualcosa di unico: la scoperta di ciò che ci rende unici ma fratelli. Per andare insieme verso EXPO 2015 Tutt altra storia Il viaggio

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Le ragazze e le carriere scientifiche

Le ragazze e le carriere scientifiche Le ragazze e le carriere scientifiche La cittadinanza subalterna delle donne nelle carriere scientifiche Perché le donne sono tanto poco rappresentate ai vertici delle carriere scientifiche, sia nel settore

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

MODULO 9. Quadro Europeo di Riferimento. Cristina Bosisio (Università Cattolica Milano) Klaus Fabian (Università di Trieste)

MODULO 9. Quadro Europeo di Riferimento. Cristina Bosisio (Università Cattolica Milano) Klaus Fabian (Università di Trieste) MODULO 9 Quadro Europeo di Riferimento Cristina Bosisio (Università Cattolica Milano) Klaus Fabian (Università di Trieste) 1 Indice: 9.0 Guida al modulo 9.1 Il Quadro comune europeo di riferimento (QCE):

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

Prodotto Isi Web Knowledge

Prodotto Isi Web Knowledge Guida pratica all uso di: Web of Science Prodotto Isi Web Knowledge acura di Liana Taverniti Biblioteca ISG INMP INMP I prodotti ISI Web of Knowledge sono basi di dati di alta qualità di ricerca alle quali

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

Tirocini: uno sguardo all Europa

Tirocini: uno sguardo all Europa www.adapt.it, 18 luglio 2011 Tirocini: uno sguardo all Europa di Roberta Scolastici SCHEDA TIROCINI IN EUROPA Francia Spagna Lo stage consiste in una esperienza pratica all interno dell impresa, destinata

Dettagli

I sistemi di valutazione delle pubblicazioni scientifiche. di Laura Colombo

I sistemi di valutazione delle pubblicazioni scientifiche. di Laura Colombo I sistemi di valutazione delle pubblicazioni scientifiche di Laura Colombo Ultimo aggiornamento: marzo 2011 Sommario L analisi bibliometrica Indicatori bibliometrici o Impact Factor o Immediacy Index o

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli