QUADERNI DELLA RIVISTA EDUCATION SCIENCES & SOCIETY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUADERNI DELLA RIVISTA EDUCATION SCIENCES & SOCIETY"

Transcript

1 QUADERNI DELLA RIVISTA EDUCATION SCIENCES & SOCIETY

2

3 AA.VV. IL FUTURO DELLA RICERCA PEDAGOGICA E LA SUA VALUTAZIONE ARMANDO EDITORE

4

5 Sommario Comment les revues structurent une communauté scientifique 161 SERGE AGOSTINELLI, VALERIE CAMPILLO-PAQUET Numeri Primari. Uno studio pilota per analizzare e progettare la formazione universitaria dei docenti di scuola primaria e dell infanzia 170 GABRIELLA ALEANDRI, LUCA GIROTTI The future experience in society as evaluation of pedagogical research 182 FRANCO BLEZZA Il logos pedagogico è un logos discorsivo Contro una pedagogia ridotta a scienza empirica 192 MICHELE BORRELLI Nuove tecnologie, metodo etnografico e strategie narrative 203 FILIPPO BRUNI Ricerca e formazione: tra ambiguità semantiche e nuove forme di azione 213 LIVIA CADEI, DOMENICO SIMEONE Un Modello Universitario di Job Placement innovativo: offerta formativa, tirocinio curriculare ed extracurriculare e mondo del lavoro. I nuovi orizzonti della Pedagogia del lavoro 222 SILVANA CALAPRICE Il sito di classe: tecnologie a sostegno dei processi didattici 232 BARBARA CAPRARA, CLAUDIO SCALA Il danno indiretto sui figli che assistono alla violenza contro le madri. Sistemi di significato e comprensione pedagogica nel futuro impegno della ricerca scientifica 246 SANDRA CHISTOLINI

6 Ricerca pedagogica e strumenti tecnologici: le tecnologie stanno cambiando il modo di fare ricerca? 259 LORELLA GIANNANDREA, LAURA FEDELI, HELGA FIORANI La valutazione di ricerche pedagogiche con metodi misti da parte dei referee: tra criteri di qualità e aspetti problematici 272 MARIA LUCIA GIOVANNINI, MASSIMO MARCUCCIO Les aléas d une recherche évaluative sur les effets d une mesure de diminution des effectifs dans les classes sur la réussite scolaire au Québec 288 SERGE J. LARIVÉE, BERNARD TERRISSE, JEAN-CLAUDE KALUBI, DOMINIK RICHARD La ricerca educativa in Italia. Il caso delle indagini sugli insegnanti ( ) 302 CRISTINA LISIMBERTI Dal core competence al core curriculum 321 ANTONELLA LOTTI, ANNA DIPACE Elaborazione di modelli e prototipi didattico-formativi come compito della ricerca pedagogica 335 DANIELA MACCARIO Neuroscienze e Fenomenologia. Un nuovo programma di ricerca per le Scienze della Formazione applicato allo studio dei meccanismi-base della comprensione testuale 345 DANIELA MARIO Ricerca pedagogica fra pratica educativa e policy making: il ruolo della comunicazione 358 KATIA MONTALBETTI, MICHELE MONTICELLI L oggetto formale della ricerca sull educazione. Quale fondazione epistemologica per la pedagogia generale? 374 MARIA TERESA MOSCATO Per una ricerca simbolica e partecipativa 394 PAOLO MOTTANA 6

7 Ricerca scientifica, ricerca educativa e verità 405 ELENA NOBILE Qualità, criteri e caratteri della valutazione della documentazione delle pratiche di ricerca educative 418 ANTONELLA NUZZACI La supervisione videoregistrata: tecnica di ricerca e strumento di valutazione delle pratiche educativo-musicali 436 ANTONELLA NUZZACI Valutare la valutazione: una ricerca per la valutazione della didattica o una valutazione della ricerca didattica? 453 ANTONELLA NUZZACI Prospettive future: progetto di coordinamento tra il Presidio di qualità e il Servizio di orientamento 477 ANNA MARIA PIOLETTI Fra Narrazione e Misurazione: la ricerca pedagogica con le tecnologie per interpretare i dati e costruire ambienti di apprendimento 482 DAVIDE PARMIGIANI Design e metodi di ricerca pedagogica. Uno sguardo alle riviste di settore 496 SERAFINA PASTORE La via bottom-up della valutazione della ricerca pedagogica 513 LOREDANA PERLA, VIVIANA VINCI Quale rapporto tra didattica e ricerca nella formazione universitaria? 529 PIER GIUSEPPE ROSSI, PATRIZIA MAGNOLER, MARCELLA MARCELLI Professionalizzazione degli insegnanti: dai saperi per la pratica ai saperi della pratica 545 PIER GIUSEPPE ROSSI, PATRIZIA MAGNOLER, FABIOLA SCAGNETTI La pratica autobiografia come lifestyle. La dimensione pedagogica dell MCing 562 DONATELLO SMERIGLIO 7

8 Uso della conoscenza e imprenditorialità della ricerca 570 FLAVIA STARA Une étude évaluative des effets sur la réussite scolaire d une mesure de diminution des effectifs dans les classes: l utilisation d une plateforme informatique (ATO) comme outil de collecte et d analyse de données 578 BERNARD TERRISSE, SERGE J. LARIVÉE, JEAN-CLAUDE KALUBI, DOMINIK RICHARD Incontrare la ricerca nell agire educativo 593 ANDREA TRAVERSO Transculturalità e transculturalismo: una nuova (?) frontiera della ricerca pedagogica 601 RAFFAELE TUMINO 8

9 Comment les revues structurent une communauté scientifique SERGE AGOSTINELLI *, VALERIE CAMPILLO-PAQUET ** Keywords: Practice, community, legitimacy, responsibility, gratitude Abstract: Nowadays, the researcher can not just be satisfied surfing on the concepts, to browse in the theories or to explore its field, he must communicate. Paradoxically, to speak in front of his pars or to interact with them, is not enough any more, he must publish in reviews. The review becomes therefore essential like the interaction tool between the researchers. It is them that give the scientific recognition to the researcher work, they legitimate research and they guarantee knowledge. The empirical relation which exist between the reviews of a field and the community of researchers standardizes, they become actors of the community. From here, we look at which role the reviews play in the structuring of a scientific community. We propose two theoretical options to understand the new relations that are being set up between the reviews and research. The first one advance that the reviews ensure: A semantic function in the field of knowledge; Recognition of the authors work and the legitimacy of research. The second option demonstrates that the concept of community requires an approach with three inevitable dimensions, integrating at the same time human and structural components. The co-responsibility makes it possible to decide to write a scientific text without being obliged to refer about it before to his/her work colleagues. The equity of communication establishes the rules of the possible exchanges between the members of the community. The productivity that ensures the transfer of knowledge. L objectif de notre communication est d apporter un fondement théorique à la relation qui existe de façon empirique entre les revues scientifiques d un * Aix-Marseille Université, France - UMR 6168, Laboratoire des Sciences de l Information et des Systèmes - ** Aix-Marseille Université, France - UMR 6168, Laboratoire des Sciences de l Information et des Systèmes - 161

10 domaine et la communauté de chercheurs engagée dans une production de texte dans les revues ciblées. Si la présence des revues dans le paysage scientifique n est plus discutée, il convient de questionner leur rôle et leurs stratégies dans les actions et mises en relation effectuées. En effet, particulièrement dans les champs de recherches transversaux comme celui de la pédagogie: Comment contribuent des chercheurs de disciplines différentes? Comment se construit la référence au caractère scientifique qui autorise la sélection visant l avancée des connaissances dans les domaines concernés? Pour apporter des éléments de réponse à ces questions, nous proposons d envisager la revue comme un acteur d une communauté scientifique. Cet acteur assure à la fois, la communication des savoirs mais organise aussi le débat par lequel le caractère scientifique est construit (Bougnoux, 2002). Nous envisageons le rôle de cet acteur autour de deux axes: celui de la structuration de la production d information d un champ disciplinaire et celui de révélateur de la communauté d intérêt pour les connaissances à communiquer. La structuration de la production Dans son assertion commune, structurer un champ disciplinaire relève avant tout de l acceptation d un ensemble de règles et d utilisation de pratiques qui permettent l interaction entre des acteurs. Toutefois, partager des règles et des pratiques ne suffit généralement pas pour produire de la structure. Ce qui donne du lien, c est l intention que l on donne à la structure et le contexte dans lequel on invoque le terme (Boudon, 1968). L intention et le contexte ne sont pas identiques suivant que la revue décrit l interdépendance des connaissances d une discipline (c est le cas des revues disciplinaires) ou qu elle est l hypothèse d une l interaction entre les chercheurs (c est le cas des revues interdisciplinaire comme les revues pédagogiques). Cette différence est particulièrement observable si on classe les articles avec: d un côté, ceux qui discutent l élaboration d une connaissance avec pour objectif de souligner le caractère systématique de celle-ci dans la réalité de la discipline ou du champ de recherche; de l autre côté, les articles qui discutent de la mise en œuvre de la connaissance qui implique la formulation d une hypothèse (sur des pratiques) pour rendre compte de ce caractère systématique. Les revues qui structurent la recherche pédagogique ne discutent pas des connaissances d une discipline ou d un champ de recherche. Lorsqu elles sont invoquées, les connaissances scientifiques sont sélectionnées pour pouvoir transmettre des situations d utilisations, de mise en œuvre. Par exemple, ce qui importe dans la rédaction d un article sur les pratiques pédagogiques à 162

11 distance des formations au C2i, concerne essentiellement la relation entre le tuteur et l étudiant. Il s agit en effet d expliciter la responsabilité de mise en situation, ou de mise «en relation avec» et non pas les compétences à acquérir qui restent de la responsabilité de l apprenant. L article produit est alors une image éducative des compétences qui concerne l étude de la pédagogique à distance. Il devient l indicateur d appartenance de l auteur à une communauté, celle du e-learning par exemple. Il endosse alors une logique de diffusion au sens de rendre public une utilisation possible des technologies ou l instrumentalisation d une compétence, ou encore, rendre public l appartenance de l auteur à une communauté. La question que l on doit se poser maintenant est de savoir dans quelles mesures la diffusion des pratiques pédagogiques relève d une communauté scientifique, et en quoi les revues contribuent ou non à faire (re)connaître l aspect scientifique de ces pratiques? La notion de pratique La notion de pratique définit aujourd hui ce qui permet aux individus, de «faire» dans un rapport au contingent. Elle a pour double fonction de produire les structures à travers les procédures explicites qui donnent corps à l activité et de construire un sens social lié à cette même activité (cf. Wenger, 1998) Le faire recouvre donc à la fois les actions, les activités, les interactions, les médiations qui contraignent et adaptent les situations pédagogiques. Dis autrement, la pédagogie invoque les aspects relationnels mis en œuvre dans les pratiques éducatives. Nous pensons particulièrement aux pratiques qui facilitent l action collective et donnent la capacité aux individus de travailler ensemble avec un objectif commun dans un groupe. Les contenus mis en jeu dans les situations d enseignement et les pratiques construisent une interprétation pédagogique conjointe, qui met en jeu un processus d ajustement d actions interindividuelles incluant la réciprocité. Pratiques et contenus interagissent, ils sont sans cesse réflexifs l un par rapport à l autre. Les pédagogues accordent aux pratiques réalisées une objectivité qui n est pas déterminée a priori mais contextuellement fixée par leur relation au groupe dans lequel ils travaillent. La pédagogie permet alors de construire la pratique professionnelle comme l articulation entre des processus personnels qui organisent le savoir-être et des procédures du métier qui dotent le savoir-faire d une structure de compétences objectives. 163

12 Les rôles de la revue Le rôle de la revue peut être de rassembler l ensemble des productions où le global prévaudrait sur le particulier. Elle va alors favoriser les articles qui renforcent la discipline. Avec cette hypothèse les articles favorisent la dispersion des connaissances à l intérieur de la discipline. Les connaissances nouvelles et les nouveaux champs (aux frontières) n ont alors comme fondement légitime qu une idée trop lointaine des références de la revue. Les articles hors référence disciplinaire sont alors difficiles à intégrer. En fait, quelle que soit la discipline, la revue se donne les moyens d étendre sa compréhension herméneutique à l ensemble des productions scientifiques, mais se contraint à effacer les différences entre les multiples domaines qu elle était à même de proposer. Concrètement, la revue trie et sélectionne ce qui est conforme à la structure d une discipline. Elle décode avec ses modèles éditoriaux pour intérioriser les nouveaux objets de la discipline. Elle autorise donc de nouvelles relations qui généralisent ou élargissent les domaines de la discipline. C est ce processus qui permet probablement de régler les rapports entre la structure disciplinaire et les sollicitations éditoriales des appels à article. Ce rôle structurant aboutit à la constitution d un «stock» d articles sous la forme de modèles qui structurent les productions écrites futures. Le modèle d article lié aux normes éditoriales devient prototypique et utilisable pour tous, ou pour la majorité des articles qui couvrent une discipline. Dès lors, elle se heurte à la définition des spécificités des relations au terrain, chaque fois différentes, qui caractérisent des réalités aussi diverses que la pédagogie. Le rôle de la revue peut aussi être de développer des réseaux spécifi ques. Elle va alors favoriser les liens entre les domaines qui tissent les réseaux de productions scientifiques. Avec cette hypothèse, les articles peuvent être envisagés comme des unités sémantiques constitutives des représentations d un terrain, d un champ d application. Le tissage des réseaux se fait alors par transformation de processus inter discipline en processus intra discipline. Ce processus dépasse le rapport entre logique disciplinaire par lequel les productions scientifiques génèrent des entrées pour d autres productions. C est grâce aux médiations sémiotiques qui se produisent au cours de glissements entre les disciplines, par la transformation de la fonction sociale et communicative des articles en outil disciplinaire, que se construisent les réseaux de chercheurs dans un domaine d application. Les productions écrites peuvent d ailleurs être internes et renforcer les rapports du chercheur avec sa discipline ou des productions externes relatives à des questions hors discipline. Dans cette perspective, on peut penser que l aspect structurel (cf. Giddens, 1987) de la revue assure au moins trois fonctions: 164

13 La première est sémantique, elle permet aux auteurs de textes scientifiques de donner du sens à leurs productions et à leurs relations avec les acteurs de la diffusion de leurs travaux. C est une forme de projet collectif qui demande que soit partagée la structure d interprétation des stratégies éditoriales, sans lequel les chercheurs ne peuvent produire un article conforme aux enjeux de la revue ou ses objectifs. Bien sûr, cette structuration fonctionnelle est virtuelle (au sens de Giddens, 1987), c est-à-dire, hors du temps (plans quadriennaux, vagues d évaluation ) et de l espace (politiques scientifiques des laboratoires, des universités ). Elle n existe que sous la forme de traces de nos usages de diffusion et d actualisation de nos productions écrites et ne peut fonctionner que dans la mesure où les chercheurs sont prêts à ajuster, améliorer, préciser, etc. leur contribution. La deuxième fonction est la reconnaissance qui donne le pouvoir et la décision indissociables des stratégies de publication des revues dans le contexte actuel d une évaluation fondée sur la production scientifique. Cette reconnaissance est un signe pour l auteur, d une crédibilité scientifique. Les revues et particulièrement les comités de rédaction d une revue sont un des espaces où se décrète la reconnaissance (cf. Latour, 1995). La reconnaissance scientifique des chercheurs passe donc par leur travail de recherche mais aussi par la capacité qu ils ont à communiquer sur leur recherche mais aussi encore, par la notoriété de la revue elle-même. La troisième construit une forme de légitimation des publications par le respect des règles imposées par les comités scientifiques et éditoriaux des revues. Par exemple, chaque revue impose des règles de publication dans lesquelles elle précise notamment les règles bibliographiques (APA, AFNOR...) et les normes de mise en page typographiques comme règles de conduite opérationnelles. Ces normes et règles définissent les possibles et les contraintes pour chaque catégorie de publication: article de recherche, recension, thèse, note de lecture... Chaque type de publication légitime l article par le respect de ses règles. De ce fait, rédiger un article pour une revue, c est co-construire une réalité à l aide d un système de signes, en mettant en œuvre une mécanique interlocutoire (cf. Ghiglione, 1986) entre l auteur et le comité éditorial. Cette mécanique vise à assurer, dans le respect des règles et principes, la diffusion des enjeux de la revue à travers l article. Ces trois fonctions sont particulièrement importantes dans le cadre des articles pédagogiques qui tentent de rédiger le faire. Elles pourraient, de prime abord, paraître d un intérêt contingent, parce qu anecdotiques. Dès lors, le 165

14 propre d un article sur la pédagogie serait finalement de contenir en lui-même sa propre justification de cette articulation et donc de faire appel au vécu du lecteur pour en comprendre l intérêt. La fonction sémantique donne alors au lecteur le statut d acteur de la diffusion. A la crédibilité scientifique laisse la place alors à celle de crédibilité pratique comme forme d une reconnaissance qui met en relation «le faire» contingent avec la formalisation d une pratique professionnelle. La pratique pédagogique ne dit pas quoi faire mais propose une forme symbolique des actions, des activités, des interactions, des médiations inhérentes à la condition d enseignant. Enfin la troisième fonction, par le respect des règles imposées par les comités scientifiques, permet la co-construction d une communauté à l aide de signes mettant en œuvre la mécanique interlocutoire évoquée. Cette communauté de règles éditoriales contribue à la diminution des risques d une mauvaise compréhension des pratiques rédigées en donnant au contexte d écriture un caractère décisif. Autrement dit, le choix de proposer un article dans telle ou telle revue oriente le style d écriture, l architecture du texte et probablement aussi l argumentation. Dans un contexte de communauté que nous allons aborder maintenant, la fonction structurante des revues devient une ressource et un patrimoine nécessaires à la production des articles sur l évolution des pratiques. Les revues permettent à la fois la reconnaissance: des points de vue admis de tous sur des pratiques dans différents contextes; des connaissances et méthodes à partir desquels les chercheurs organisent leurs travaux sur les pratiques, des besoins clairement exprimés et des pistes à explorer. Le révélateur d une communauté d intérêt Lorsqu on parle de pratiques, il semble naturel de regarder comment celles-ci structurent une communauté. Les communautés de pratique sont perçues comme une participation sociale où se négocient les significations relatives à l action (Wenger 1998). Cette négociation de significations se réalise à travers des ressources qui forment le répertoire partagé d une communauté. Ce répertoire inclut tous les types de supports mais aussi les histoires, les gestes, les symboles que la communauté a créés ou intégrés au cours de son existence. Au fil du temps, le répertoire intègre les pratiques de la communauté. En partant donc des communautés de pratique nous proposons d envisager les revues comme un élément d un répertoire partagé. En effet, la revue combine, grâce au mécanisme interlocutoire, deux caractéristiques essentielles d un répertoire: la négociation que l on retrouve dans les fonctions deux et 166

15 trois de la structuration et la signification que l on retrouve dans la première fonction. Elle inclut particulièrement, les points de vue à travers les articles, les procédures de sélection, les comités, mais aussi, les connaissances et les méthodes que la communauté a reconnues et qui sont devenues peu à peu partie intégrante de la diffusion des pratiques. La revue est alors un outil structurel de solidité spatio-temporelle de la production et de la reproduction des systèmes sociaux (cf. Giddens, 1984). Toutefois, envisager une revue comme le répertoire d une communauté c est aussi reconnaître qu elle est à la fois un modèle de référence et un exemple polysémie. Un modèle de référence qui grâce à ses composants (productions) comme les résumés, les articles, les notes, les recensions témoignent d un engagement des membres de la communauté (réduites ici à ses auteurs) et leurs productions peuvent être mobilisées dans de nouveaux écrits, assurant ainsi une continuité dans la diffusion. Un exemple polysémique car les revues sont intelligibles en fonction des intérêts des lecteurs. En effet, chaque lecteur retient les arguments qui trouvent un écho à son intérêt. La revue serait donc polysémique de manière extérieure, chacun y projetant ses attentes et donc ses significations. Avec cette dualité, la revue relève donc plus de la communauté d intérêt que de pratique. Le répertoire commun n est pas tourné ici vers les relations entre les membres mais vers la relation que chaque membre a avec un outil de la communauté et son producteur: l article et son auteur. Contrairement à la communauté de pratique dans laquelle le répertoire sert la négociation du sens partagé, avec la communauté d intérêt, le répertoire sert à la construction d un sens plus personnel. Cette forme de communauté semble particulièrement bien adaptée à la recherche pédagogique car les pratiques pédagogiques sont un assemblage de négociations, de conversations ou encore à une combinaison de «prêts à faire», c est-à-dire des compétences individuelles utiles au quotidien. Appartenir à une communauté de pratique résulte d un engagement des individus dans des actions dont ils négocient le sens les uns avec les autres (Wenger, 1998) dans la dualité du structurel qui considère que celle-ci se construit au quotidien dans la pratique tout en contribuant à la transformation des structures sociales. Dans ce cadre, produire des articles pour une revue dans une communauté d intérêt nécessite une approche à trois dimensions incontournables, intégrant à la fois des composantes humaine et structurelle: la co-responsabilité, l équité communicationnelle, la productivité. La co-responsabilité est envisagée ici comme la capacité de prendre la décision de rédiger un texte scientifique sans être obligé d en référer préalablement à ses collègues mais en ayant l obligation de remplir ses engagements intellectuels (respect des sources, des partenaires, des auteurs de la recherche ) et d en assurer la compréhension mutuelle. Dans le cas d un texte scientifique, cette co-responsabilité s exerce sur 167

16 la notion de reconnaissance évoquée plus haut. L équité communicationnelle établit les règles des échanges possibles entre les membres de la communauté. C est la construction d un climat de confiance qui permet un échange de compétences. Dès lors, un partage informationnel équitable est un partage socialement admis qui vise à établir un apport d information satisfaisant pour tous. La production de texte quant à elle, peut se réclamer d une gestion des informations ayant pour objet: l amélioration, la circulation des connaissances entre les différentes partenaires. Elle a pour finalité, un transfert de ces connaissances qui ne peut être imposé, mais seulement animé par les interactions entre membres de la communauté scientifique et supportée par les revues. Au cœur de la communauté nous plaçons la notion de compétence comme appropriation d un système de règles intériorisé qui permet de comprendre et de produire. Dès lors, une politique de publication pourrait relever de: La compétence disciplinaire (ou thématique) qui correspondrait à l aptitude de reconnaître les «bonnes» revues. La compétence sociotechnique qui renvoie à la fois aux règles culturelles (discipline) et aux ressources (politique éditorial de la revue) permettant de publier dans une communauté de chercheurs. La compétence stratégique qui est liée à la dimension d efficacité personnelle. Conclusion L activité de production scientifique et la structure de diffusion sont donc des notions ou des constructions associées. Elles sont deux façons de considérer les politiques éditoriales des équipes de recherche dans la dualité des situations qui associent l interaction humaine fondée sur la connaissance commune (mutual knowledge) des activités et les règles, les ressources produites et reproduites dans l interaction sociale à travers le temps et l espace des acteurs impliqués: celui des revues. En d autres termes, la relation envisagée entre les revues scientifiques d un domaine et la communauté de chercheur est un système cognitif socialement distribué qui est à la fois, le produit de la recherche, mais aussi, l élément conditionnel des productions futures. 168

17 Bibliographie Boudon, R. (1968), A quoi sert la notion de «structure»? Essai sur la signifi - cation de la notion de structure dans les sciences humaines, Paris, Gallimard. Bougnoux, D. (2002), Place et enjeux des revues pour la recherche en information et communication, Université de Nice, SFSIC, LAMIC. Ghiglione, R. (1986), L homme communiquant, Paris, Armand Colin. Giddens, A. (1987), La constitution de la société: Eléments d une théorie de la structuration, Paris, PUF. Latour, B. (1995), Le métier de chercheur, regard d un anthropologue, Paris, INRA. Wenger, E. (1998), Communities of practice. Learning, meaning, and identity, Cambridge, UK, Cambridge University Press. 169

18 Numeri Primari. Uno studio pilota per analizzare e progettare la formazione universitaria dei docenti di scuola primaria e dell infanzia GABRIELLA ALEANDRI *, LUCA GIROTTI ** Keywords: educational research, tertiary teacher education (primary school), university policy Abstract: Research is and should be the lever for strategic planning, monitoring and evaluation of education and training at university. This requires pedagogical-educational investigation that can synthesize and harmonize experience-theory-testing to support decision-making process, at the level of university policy. In this perspective, a pilot study has begun, that aims to provide useful data to analyze and design tertiary teacher education (primary school), of which the following pages will represent a first, initial publication. The research project starts from the collection of personal (age, gender, residence) and educational (high-school, grades, other) data, analysis of admission text, monitoring development of students career (exams, labs, work placement) at School of Education of University of Macerata to offer possible indications in educational perspective for governance, planning, evaluation, teaching, guidance. This communication that is, we repeat, a first, initial dissemination of research in progress submit results of a first, preliminary analysis nowadays mainly descriptive about text-admission s data (academic years 2009/2010 and 2010/2011). Then, the study, now in its early stages, made a first check-up of the health of the freshman 2009 careers. * Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione Università di Macerata - ** Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione Università di Macerata - 170

19 In premessa, riteniamo opportuno rendere ragione della scelta, particolare, della titolazione. L espressione Numeri primari intende richiamare immediatamente tre caratteristiche principali del presente contributo: si tratta innanzitutto di numeri, ovvero di dati, ovvero di ricerca basata su dati che, nella fase iniziale è soprattutto di tipo quantitativo e, successivamente, sarà aperta anche a sviluppi qualitativi; primari perché come esplicitato nel sottotitolo tali dati si riferiscono alla selezione e alla formazione universitaria dei docenti di scuola primaria e dell infanzia; ma anche per lasciare sullo sfondo un idea di primi, di numeri primi, che rimanda al concetto fondamentale di peculiarità del caso studente e del caso corso di laurea, aspetti questi imprescindibili in ambito pedagogico, educativo, formativo. Ricerca per la governance La riflessione intorno alla complessità del rapporto fra ricerca e politica in àmbito educativo sembra aver finalmente raggiunto un posto di rilievo, ampiamente meritato, anche nel dibattito pedagogico, superando considerazioni che hanno spesso avuto la loro genesi nel senso comune e nei pregiudizi, talvolta tanto dei ricercatori quanto dei politici, che hanno accompagnato il complesso e difficile dialogo a volte sordo/muto tra le due parti, soprattutto circa le questioni e le problematiche a livello di sistema nazionale di istruzione e formazione. Guardata dalla politica, infatti, la ricerca educativa sembra proiettare un immagine di sé a volte poco convincente e poco soddisfacente; all opposto, invece, la ricerca guarda con sospetto una politica che troppo spesso si appella al retorico e continuo riferimento alla scienza/scientificità, di fatto poi attuato o meglio ridotto in termini di consultazione dell esperto di turno, utilizzato suo malgrado forse soprattutto in ragione dell attuale incapacità dei movimenti/partiti politici di pervenire ad un accordo istituzionale ad ampio consenso per la scuola e l università (e non, come spesso sembrerebbe oggi, contro la scuola e l università). Si tratta, in sintesi, di passare dalla propaganda degli obiettivi, connessi con la necessità di rispondere alle emergenze che continuamente si susseguono, alla logica della ricerca, che invece si affida a tempi distesi, a tempi lunghi e alla sfida di innervare la cultura e di radicarsi in essa, unica via ritenuta efficace per promuovere e muovere un cambiamento reale e sostenibile. A tali riflessioni non può non accompagnarsi il richiamo al tema/problema del finanziamento alla/della ricerca educativa. Risaltano, in particolare, le problematiche connesse con i criteri di riferimento idonei ad orientare la spesa pubblica per la ricerca in ambito pedagogico-educativo: l appello alla 171

20 valutazione scientifica - che deve sostituirsi alle logiche della convenienza politica - rischia di rimanere esercizio retorico se non è seguito da provvedimenti legislativi/regolamentari vòlti a stabilire parametri/indicatori: concordati, condivisi, trasparenti, coerenti, stabili nel corso del tempo, adeguati alle peculiarità del contesto di riferimento. Lo studio pilota, di cui in questa sede è presentato un primissimo report, si inserisce nell ambito di un progetto di ricerca, volto ad offrire dati in prospettiva bottom-up utili per analizzare e progettare la formazione universitaria dei docenti di scuola primaria e dell infanzia, costituendone una prima iniziale forma di disseminazione. L intenzionalità che ispira tale progetto è radicata nel convincimento che la ricerca è e dovrebbe essere la leva strategica per la progettazione, il monitoraggio e la valutazione dell offerta formativa in ambito universitario. Ne consegue l esigenza di proporre itinerari di indagine esemplari ed esemplificativi, anche e soprattutto in prospettiva pedagogico-educativa, capaci di sintetizzare e armonizzare teoria-esperienza-sperimentazione per proporsi come riferimento significativo per i processi decisionali a livello politico. La ricerca pedagogico-educativa, inoltre, può trarre giovamento dalla relazione con le politiche non tanto in termini di acquisizione di riconoscimento e/o influenza politico-culturale quanto piuttosto perché tale relazione sollecita sfide di natura etica, scientifica e metodologica che possono concorrere a chiarirne finalità, prospettive, contributi. Ciò assume una natura del tutto particolare quando il contesto di tale relazione complessa è quello dell università. Il rapporto fra ricerca e didattica costituisce uno degli aspetti principali dell istituzione e dell istruzione universitaria, divenendo tema e problema costante del dibattito istituzionale, politico, scientifico, nonché oggetto di molteplici riflessioni, analisi, indagini. Sotto il profilo pedagogico-educativo, sono stati prodotti molteplici contributi su differenti aspetti, in particolare finalizzati ad un miglioramento della didattica universitaria in riferimento ai bisogni formativi conseguenti alle scelte scolastico-professionali degli studenti, al passaggio fra i diversi gradi del sistema di istruzione e formazione, al ruolo della formazione universitaria per l elaborazione della vocazione professionale, al riconoscimento delle esigenze connesse con una positiva transizione al mondo del lavoro, alla sintesi armonica fra conoscenze e competenze, in ultima analisi a dare risposta alle nuove esigenze poste al docente e all università. 172

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

English-Medium Instruction: un indagine

English-Medium Instruction: un indagine English-Medium Instruction: un indagine Marta Guarda Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL) Un indagine su EMI presso Unipd Indagine spedita a tutti i docenti dell università nella fase

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Beni Culturali Insegnamento: Applicazioni informatiche all archeologia Docente Giuliano De Felice S.S.D. dell insegnamento L-ANT/10 Anno

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Testi del Syllabus Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Corso di studio: 5003 - AMMINISTRAZIONE E DIREZIONE AZIENDALE

Dettagli

In collaborazione con: l Université de Aix-Marseille l Université de Lyon 1

In collaborazione con: l Université de Aix-Marseille l Université de Lyon 1 Progetto Alcotra 2009-2013 U.S.Co.T. Scienze della Formazione Primaria - Università di Torino www.sciform.unito.it In collaborazione con: l Université de Aix-Marseille l Université de Lyon 1 Responsabile

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi ÉTUDES - STUDIES Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi Polo Interregionale di Eccellenza Jean Monnet - Pavia Jean Monnet

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

L università degli Studi del Sannio

L università degli Studi del Sannio La ricerca condotta dall Università degli studi del Sannio e dalla Dida Network s.r.l. in tema di formazione avanzata per persone sorde ed in particolare i risultati del progetto: This project has been

Dettagli

I risultati dei test d ingresso Documento di analisi delle criticità

I risultati dei test d ingresso Documento di analisi delle criticità UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO I risultati dei test d ingresso Documento di analisi delle criticità (Anno Accademico 2010-2011) 2 Indice 1. Obiettivi del

Dettagli

Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE

Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE ONLINE TOOL FOR SELF-EVALUATION OF KEY COMPETENCES IN ADULT AGE Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE L Aquila, 13th Marzo 2014 Laura VETTRAINO Reference:

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA INSEGNAMENTO: LINGUA INGLESE / INGLESE SCIENTIFICO (A.A. 2012-2013) 7 CFU

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA INSEGNAMENTO: LINGUA INGLESE / INGLESE SCIENTIFICO (A.A. 2012-2013) 7 CFU UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA INSEGNAMENTO: LINGUA INGLESE / INGLESE SCIENTIFICO (A.A. 2012-2013) 7 CFU OBIETTIVI DEL CORSO

Dettagli

Joint staff training mobility

Joint staff training mobility Joint staff training mobility Intermediate report Alessandra Bonini, Ancona/Chiaravalle (IT) Based on https://webgate.ec.europa.eu/fpfis/mwikis/eurydice/index.php/belgium-flemish- Community:Overview and

Dettagli

Essere, Divenire, Comprendere, Progredire. Being, Becoming, Understanding, Progressing

Essere, Divenire, Comprendere, Progredire. Being, Becoming, Understanding, Progressing Essere, Divenire, Comprendere, Progredire Being, Becoming, Understanding, Progressing Liceo Classico Liceo linguistico Liceo delle scienze umane Human Sciences Foreign Languages Life Science Our contacts:

Dettagli

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso PIANO DI STUDI Laurea in Economia, commercio internazionale e mercati finanziari (DM 270/04) L-33 Bachelor degree in Italian and in English (2 curricula in English) 1) CURRICULUM: Economia internazionale

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

Le Jardin, monument vivant. Pédagogie du patrimoine des jardins en Europe

Le Jardin, monument vivant. Pédagogie du patrimoine des jardins en Europe Le Jardin, monument vivant. Pédagogie du patrimoine des jardins en Europe Un Comenius interessante e arricchente, bello e colorato FUNCHAL 21-25 FEBBRAIO 2011 Maria Silvia Pigozzi LICEO SCIENTIFICO STATALE

Dettagli

Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica e classe di appartenenza

Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica e classe di appartenenza REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E MANAGEMENT (84/S Classe delle lauree specialistiche in scienze economico-aziendali) Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica

Dettagli

Ente accreditato dal Ministero Istruzione, Università e Ricerca d Italia per la formazione del personale Scuola D.M. 177/2000

Ente accreditato dal Ministero Istruzione, Università e Ricerca d Italia per la formazione del personale Scuola D.M. 177/2000 UN NUOVO MODELLO DI MASTER UNIVERSITARIO UNA COMPARAZIONE DEL MODELLO ISPEF IN ITALIA, ROMANIA E CILE Dati dell Autore Nome e Cognome: Fausto Presutti Email: f.presutti@ispef.it ; faustopresutti@gmail.com

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome Nome Indirizzo casa Via Sacrario, 5, 62010 Urbisaglia (Italia) Telefono ufficio +39 0733 905 125 Cellulare +39 349 59 60 525 E-mail fabiola.scagnetti@istruzione.it

Dettagli

Pubblicità sanitaria al pubblico

Pubblicità sanitaria al pubblico Pubblicità sanitaria al pubblico Come evolve la disciplina alla luce dei nuovi strumenti di comunicazione digitale Alessandra Canali Tavolo Interassociativo Dispositivi Medici 27 settembre 2012 In questo

Dettagli

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle FACOLTÀ DI INGEGNERIA RELAZIONE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan Progetto per un paesaggio sostenibile dal parco Roncajette ad Agripolis Design of a Sustainable Landscape Plan from the Roncajette park to Agripolis Comune di Padova Zona Industriale Padova Harvard Design

Dettagli

Tavoli d ascolto. Tavoli d ascolto

Tavoli d ascolto. Tavoli d ascolto Tavoli d ascolto 1. Nidi e infanzia 2. Dirigenti delle Istituzioni scolastiche e formative 1 Ciclo 3. Dirigenti delle Istituzioni scolastiche e formative 2 Ciclo 4. Insegnanti di lingua straniera, CLIL

Dettagli

FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE DOTTORATO IN SCIENZE DELLA PERSONA E DELLA FORMAZIONE

FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE DOTTORATO IN SCIENZE DELLA PERSONA E DELLA FORMAZIONE FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE DOTTORATO IN SCIENZE DELLA PERSONA E DELLA FORMAZIONE Giornata di Studi internazionale Il successo formativo fra persona

Dettagli

Recensione di Irith Davidzon Maggio 2007. Abstract. Recensione

Recensione di Irith Davidzon Maggio 2007. Abstract. Recensione Beck Isabel, McKeown Margareth, Improving Comprehension with Questioning the Author: A Fresh and Expanded View of a Powerful Approach, Scholastic, New York, 200, pp. 296 Recensione di Irith Davidzon Maggio

Dettagli

G I F T. Vademecum. Leonardo VETPRO 2011-2013. Growing Innovation For Teaching

G I F T. Vademecum. Leonardo VETPRO 2011-2013. Growing Innovation For Teaching Leonardo VETPRO 2011-2013 G I F T Versione italiana Realizzato dal gruppo di lavoro del partner di progetto A.N.F.I.S. Vademecum Growing Innovation For Teaching Enhancing action competences for the professional

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Scienze della Formazione e dell educazione Insegnamento: Laboratorio di informatica applicata alla didattica Docente Prof. Limone Pierpaolo

Dettagli

Il Palazzo Farnese a Caprarola

Il Palazzo Farnese a Caprarola Séquence 3 Public cible 1 re, T ale / Écouter, Écrire : B1 Il Palazzo Farnese a Caprarola Le Palais Farnèse de Caprarola, dans la province de Viterbe, est l'un des exemples les plus représentatifs des

Dettagli

TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA

TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA 22 novembre VERSO LA STRATEGIA NAZIONALE DI ADATTAMENTO Responsabilità di Governo e competenze dei territori Sala Palazzo Bologna Senato della Repubblica Via di S.

Dettagli

Schema di regolamento concernente la formazione iniziale degli insegnanti (Atto 205) PARERE APPROVATO

Schema di regolamento concernente la formazione iniziale degli insegnanti (Atto 205) PARERE APPROVATO Schema di regolamento concernente la formazione iniziale degli insegnanti (Atto 205) PARERE APPROVATO La Commissione VII (Cultura, scienza, istruzione), esaminato lo schema di decreto del Presidente della

Dettagli

ELTeach. Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese

ELTeach. Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese ELTeach Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese Porta a risultati quantificabili e genera dati non ricavabili dalle sessioni di formazione faccia a faccia

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE L.EINAUDI DALMINE SINTESI PIANO OFERTA FORMATIVA A.S. 2008/09 SINTESI PROGETTO/ATTIVITA SEZIONE 1 - DESCRITTIVA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE L.EINAUDI DALMINE SINTESI PIANO OFERTA FORMATIVA A.S. 2008/09 SINTESI PROGETTO/ATTIVITA SEZIONE 1 - DESCRITTIVA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE L.EINAUDI DALMINE 1.1 Denominazione progetto SINTESI PIANO OFERTA FORMATIVA A.S. 2008/09 SINTESI PROGETTO/ATTIVITA SEZIONE 1 - DESCRITTIVA CERTIFICAZIONI ESTERNE IN LINGUA

Dettagli

CLASSIFICATORI CLASSIFIERS - CLASSIFICATEUR

CLASSIFICATORI CLASSIFIERS - CLASSIFICATEUR CLASSIFICATORI CLASSIFIERS - CLASSIFICATEUR Le Officine Mistrello hanno perfezionato dei sistemi ortogonali all avanguardia, realizzati con altissime tecnologie. Sono classificatori funzionali e di facile

Dettagli

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Roberto Butinar Cristiano Dal Farra Danilo Selva 1 Agenda Panoramica sulla metodologia CRISP-DM (CRoss-Industry Standard Process

Dettagli

arte e personalità nel punto vendita

arte e personalità nel punto vendita arte e personalità nel punto vendita profilo aziendale company profile Venus è una società di consulenza specializzata nel settore marketing e retailing. Dal 1993 l obiettivo è divulgare la conoscenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.12437 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifiche al Manuale delle Corporate Actions - Amendment to the Corporate Action -

Dettagli

Curriculum in lingua italiana Laurea in Lettere classiche presso l Università degli Studi di Pisa nel 1972, con il massimo dei voti e la lode

Curriculum in lingua italiana Laurea in Lettere classiche presso l Università degli Studi di Pisa nel 1972, con il massimo dei voti e la lode TORRICELLI Patrizia Professore ordinario Curriculum in lingua italiana Laurea in Lettere classiche presso l Università degli Studi di Pisa nel 1972, con il massimo dei voti e la lode Perfezionamento in

Dettagli

Desidero ringraziare tutti quelli che hanno consentito, con il loro contributo concreto, la realizzazione di questo lavoro.

Desidero ringraziare tutti quelli che hanno consentito, con il loro contributo concreto, la realizzazione di questo lavoro. 3 ABSTRACT Sono passati dieci anni da quando, nella prefazione ad una mia pubblicazione, un amico pedagogista ebbe modo di definire quel lavoro come tipico di una scuola militante. Oggi penso che tali

Dettagli

L Alliance Française di Cagliari e l Alliance Française di Sassari organizzano i 24 e 25 Febbraio 2011

L Alliance Française di Cagliari e l Alliance Française di Sassari organizzano i 24 e 25 Febbraio 2011 L Alliance Française di Cagliari e l Alliance Française di Sassari organizzano i 24 e 25 Febbraio 2011 les «JOURNÉES POUR LE FRANÇAIS» in collaborazione con Clé international CAGLIARI: il 24 febbraio 2011

Dettagli

Terzo modulo 2 dicembre 2010 Il progetto èconcluso Valutazione

Terzo modulo 2 dicembre 2010 Il progetto èconcluso Valutazione CORSO DI FORMAZIONE REGIONALE cosa stai cercando? riflessioni sulla ricerca sanitaria dall idea all application: come descrivere un progetto di ricerca e chiedere un finanziamento Regione Liguria Terzo

Dettagli

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI Progetto di Ricerca-intervento 1. Presentazione Della Proposta 1.1 La ricerca-intervento:

Dettagli

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Simone Tosi, Tommaso Vitale To cite this version: Simone Tosi, Tommaso Vitale. Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro. Piccolo

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015 Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015 Senato Accademico 21/07/2015 Comitato Esecutivo 23/07/2015 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INDUSTRIALE INDICE TITOLO

Dettagli

Comunicazione educativa Specifiche economiche

Comunicazione educativa Specifiche economiche Comunicazione educativa Specifiche economiche Specifiche economiche deliberate per il dottorato Ateneo Dip. Esterne Giovani Riserva Tassa Sovran. 5 1 0 0 1 2 2 Assegnazione per il curriculum 2 1 0 0 1

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT E DIRITTO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN INNOVAZIONE E MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE (Gestione Strategica, Valutazione

Dettagli

Organizzazione didattica: Il corso sarà organizzato in tre macro-aree tematiche:

Organizzazione didattica: Il corso sarà organizzato in tre macro-aree tematiche: BANDO DI CONCORSO PER L AMMISSIONE AL CORSO DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PROFESSIONALE IN IL CURRICOLO DELLA PHILOSOPHY FOR CHILDREN COME PROGETTO EDUCATIVO. ASPETTI TEORICI E METODOLOGICI PER L A.A.

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1003991 - ECONOMIA DELLE AZIENDE PUBBLICHE

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1003991 - ECONOMIA DELLE AZIENDE PUBBLICHE Testi del Syllabus Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1003991 - ECONOMIA DELLE AZIENDE PUBBLICHE Corso di studio: 3035 - ECONOMIA AZIENDALE Anno regolamento:

Dettagli

Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP

Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP 7 ottobre 2014 Prof. Giampaolo Azzoni Giampaolo Azzoni 2 MANAGER DELLE RP: IL NUOVO RUOLO IN AZIENDA Le 5 Key-Words

Dettagli

L insegnamento delle lingue straniere in Italia. Gisella Langé. gisella.lange@istruzione.it

L insegnamento delle lingue straniere in Italia. Gisella Langé. gisella.lange@istruzione.it Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca L insegnamento delle lingue straniere in Italia Gisella Langé gisella.lange@istruzione.it Rome, 29 Novembre, 2012 1 Tre punti 1. Il contesto

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2015-2017

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2015-2017 Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2015-2017 1 Introduzione: organizzazione e funzioni dell amministrazione Chi siamo: definizione,

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

Struttura e modalità di compilazione del RAV

Struttura e modalità di compilazione del RAV Struttura e modalità di compilazione del RAV Massimo Faggioli Dirigente di Ricerca Area valutazione e miglioramento INDIRE Firenze m.faggioli@indire.it Struttura del rapporto di autovalutazione è articolato

Dettagli

b) Area 2; include i seguenti campi: 2

b) Area 2; include i seguenti campi: 2 Laurea in Scienze della Formazione Primaria (durata quadriennale) Anno Accademico 2009-2010 Accesso: previa selezione Posti disponibili: n. 125 posti, più 5 posti riservati agli studenti stranieri non

Dettagli

L azienda The firm L entreprise

L azienda The firm L entreprise 2014 L azienda The firm L entreprise Gensini Srl è una giovane azienda fortemente orientata all innovazione ed allo stesso tempo vanta una solida esperienza fine degli anni 60, all avvento nel che affonda

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Premessa: il contesto di riferimento Il decreto ministeriale 270/2004

Dettagli

Application Form Domanda di Ammissione Link Campus University Academic Year 2011-12 Anno Accademico 2011-12

Application Form Domanda di Ammissione Link Campus University Academic Year 2011-12 Anno Accademico 2011-12 Marca da Bollo 14,62 Application Form Domanda di Ammissione Link Campus University Academic Year 2011-12 Anno Accademico 2011-12 Il presente modulo deve essere consegnato a mano o spedito via posta al

Dettagli

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Istruzione e formazione

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Istruzione e formazione Curriculum Vitae Informazioni personali Nome / Cognome Alessandra Rosa E-mail alessandra.rosa3@unibo.it - rosa.ale2@gmail.com Cittadinanza Italiana Data di nascita 27/07/1978 Istruzione e Date 11/2007-11/2010

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze della Formazione Corso di dottorato in: Pedagogia generale, Pedagogia sociale e Didattica generale Sito web del Corso: http://www.unibz.it/it/education/progs/phd/default.html Durata:

Dettagli

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi Facoltà di Studi Classici, Linguistici e della Formazione Linee guida per l elaborato di laurea del corso di laurea in Scienze della formazione primaria Art. 1 Introduzione La tesi è parte integrante del

Dettagli

Nuove regole per le imbarcazioni a Venezia

Nuove regole per le imbarcazioni a Venezia Public cible 2 de LV2 / Écouter, Écrire : / Après la collision entre une gondole et un vaporetto sur le Grand Canal qui a coûté la mort d un touriste allemand, la municipalité de Venise a publié un plan

Dettagli

DIPARTIMENTO di ECONOMIA - DIEC Scuola di Scienze Sociali. Economia internazionale e dell'unione Europea - Codice 63744

DIPARTIMENTO di ECONOMIA - DIEC Scuola di Scienze Sociali. Economia internazionale e dell'unione Europea - Codice 63744 Economia internazionale e dell'unione Europea - Codice 63744 Corso di laurea in Economia e commercio - A.A. 2015/16 Docente Cognome e nome D ALAURO GIOVANNI e-mail: dalauro@economia.unige.it Anno di corso:

Dettagli

Anno di studio all estero

Anno di studio all estero Anno di studio all estero Premessa Durante il periodo di studio all estero l alunno è regolarmente iscritto alla scuola di appartenenza e, quindi, la scuola deve mettere in atto una serie di misure di

Dettagli

Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica e classe di appartenenza

Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica e classe di appartenenza REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN DIREZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI (71/S Classe delle lauree specialistiche in scienze delle pubbliche amministrazioni) Articolo 1 Denominazione

Dettagli

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI SUCCESSIONE IN EUROPA: IL REGOLAMENTO 650/2012. Studio Mauro MICHELINI

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI SUCCESSIONE IN EUROPA: IL REGOLAMENTO 650/2012. Studio Mauro MICHELINI LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI SUCCESSIONE IN EUROPA: IL REGOLAMENTO 650/2012 CONVENZIONE TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA FRANCESE PER EVITARE LE DOPPIE IMPOSIZIONI

Dettagli

ORIENTAMENTO E AMMISSIONE ALL UNIVERSITÀ

ORIENTAMENTO E AMMISSIONE ALL UNIVERSITÀ YoUniversity Lab Roma 26 febbraio 15 Alberto Sironi (Alpha Test) ORIENTAMENTO E AMMISSIONE ALL UNIVERSITÀ 1. Accesso all università Dati aggiornati e proposte di miglioramento Il sistema di regolamentazione

Dettagli

Cambridge programmes and qualifications. Introduzione per genitori e studenti

Cambridge programmes and qualifications. Introduzione per genitori e studenti Cambridge programmes and qualifications Introduzione per genitori e studenti Il Liceo De Sanctis diventa scuola Cambridge Il nostro liceo è stato accreditato come scuola Cambridge ad aprile 2014. Pertanto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI, U.O. PROCESSI E STANDARD CARRIERE STUDENTI SERVIZIO POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI, U.O. PROCESSI E STANDARD CARRIERE STUDENTI SERVIZIO POST-LAUREAM CORSO DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN RIPENSARE L ORIENTAMENTO A.A. 2012/13 ANAGRAFICA DEL CORSO - A CFU 20 Lingua Italiano Percentuale di frequenza obbligatoria: 70% del monte ore

Dettagli

Collaborazione e Service Management

Collaborazione e Service Management Collaborazione e Service Management L opportunità del web 2.0 per Clienti e Fornitori dei servizi IT Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito

Dettagli

Prot. A/2 2309 Firenze, 18 maggio 2016 IL DIRETTORE

Prot. A/2 2309 Firenze, 18 maggio 2016 IL DIRETTORE DIRETTORE Prot. A/2 2309 Firenze, 18 maggio 2016 IL DIRETTORE VISTO VISTA CONSIDERATO CONSIDERATO VISTA RITENUTA l Art. 3, comma 8 del D.M. 509/99 attraverso il quale le Università possono attivare, disciplinandoli

Dettagli

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO Profilo generale e competenze della disciplina Lo studio della lingua e della cultura straniera dovrà procedere lungo due assi fondamentali:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI * SCHEDE * LA STRUTTURA DEI NUOVI PERCORSI FORMATIVI L avvio dei nuovi percorsi è previsto per l anno accademico 2011/2012. I PERCORSI DI STUDIO PER

Dettagli

SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA SCRITTA DI MATURITA. Cognome... Classe... Data... Firma per ppv...

SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA SCRITTA DI MATURITA. Cognome... Classe... Data... Firma per ppv... SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA SCRITTA DI MATURITA materia: FISICA Cognome... Classe... Data... Firma per ppv... 1. A cosa serve l elettroscopio e come funziona? (n minimo di righe 15) 2. Quali sono le

Dettagli

Il nuovo piano di formazione per gli insegnanti di lingua friulana

Il nuovo piano di formazione per gli insegnanti di lingua friulana Il nuovo piano di formazione per gli insegnanti di lingua friulana { Alessandra Burelli Delegata per la promozione della lingua e cultura friulana, Università di Udine Lingua friulana e formazione degli

Dettagli

User Guide Guglielmo SmartClient

User Guide Guglielmo SmartClient User Guide Guglielmo SmartClient User Guide - Guglielmo SmartClient Version: 1.0 Guglielmo All rights reserved. All trademarks and logos referenced herein belong to their respective companies. -2- 1. Introduction

Dettagli

Vademecum per i tirocini

Vademecum per i tirocini Vademecum per i tirocini CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN SCIENZE PEDAGOGICHE Approvato dal Consiglio di Dipartimento del 19 maggio 2015 PRESENTAZIONE E

Dettagli

Docente Dott. Vito Michele PARADISO email: vito.paradiso@agr.uniba.it Tel. 080 544 3467

Docente Dott. Vito Michele PARADISO email: vito.paradiso@agr.uniba.it Tel. 080 544 3467 Corso di Laurea: Scienze e Tecnologie Alimentari Corso Integrato: Tecnologie alimentari e packaging (9 CFU) Modulo: Packaging (3 CFU: 2.5 CFU Lezioni + 0.5 CFU Esercitazioni) Docente Dott. Vito Michele

Dettagli

PROGETTO BINAZIONALE TORINO - BORDEAUX

PROGETTO BINAZIONALE TORINO - BORDEAUX Una formazione universitaria d'eccellenza nel settore delle scienze politiche e delle relazioni internazionali Nato nel 2001 Formazione in alternanza fra l'università di Torino e l'institut d'etudes de

Dettagli

Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria

Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria Manifesto annuale degli studi ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Offerta formativa Il Corso di Laurea in Ottica

Dettagli

Provincia Autonoma TRENTO

Provincia Autonoma TRENTO Provincia Autonoma TRENTO 1 INDICE :::::::::::::: 1. Introduzione a. processo di ascolto 2. Principali temi emersi 3. Le buone pratiche regionali 2 Introduzione 1La Provincia Autonoma di Trento ha attivato

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA. Anno regolamento: 2011 CFU:

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA. Anno regolamento: 2011 CFU: Testi del Syllabus Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA Corso di studio: PE002 - SCIENZE POLITICHE Anno regolamento: 2011 CFU:

Dettagli

Strumenti e skills per il dirigente scolastico

Strumenti e skills per il dirigente scolastico Strumenti e skills per il dirigente scolastico Empowerment & educational management Direzione scientifica: prof. Renata Viganò Coordinamento didattico: dott. Cristina Lisimberti Coordinamento organizzativo:

Dettagli

Syllabus. Corso On-Line. POSitivitiES. Learning. Applied Positive Psychology for European Schools

Syllabus. Corso On-Line. POSitivitiES. Learning. Applied Positive Psychology for European Schools PositivitiES Applied Positive Psychology for European Schools POSitivitiES Positive European Schools Corso On-Line Learning This project has been funded with support from the European Commission.This publication

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA E ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Psicologia. LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia delle organizzazioni e dei comportamenti di consumo

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Psicologia. LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia delle organizzazioni e dei comportamenti di consumo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia delle organizzazioni e dei comportamenti di consumo REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il

Dettagli