COMUNICAZIONE DEI SISTEMI DI BORDO CON LA INTRANET TRENITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNICAZIONE DEI SISTEMI DI BORDO CON LA INTRANET TRENITALIA"

Transcript

1 DIREZIONE INGEGNERIA SICUREZZA E QUALITA DI SISTEMA Viale Spartaco Lavagnini, FIRENZE Identificazione n Esp. 00 Pagina 1 di 12 COMUNICAZIONE DEI SISTEMI DI BORDO CON LA INTRANET TRENITALIA Il presente documento è di proprietà di. Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta, memorizzata, trasmessa in qualsiasi forma e/o con qualsiasi mezzo di registrazione salvo approvazione scritta di: TRENITALIA S.p.A. DIREZIONE INGEGNERIA SICUREZZA E QUALITA DI SISTEMA

2

3 INDICE 1 GENERALITA Scopo Campo di applicazione NORME DI RIFERIMENTO DEFINIZIONI E ACRONIMI PROTOCOLLI AMMESSI SERVER DI TRASFERIMENTO DATI PERIFERICI (STP) Requisiti architetturali Requisiti funzionali Requisiti funzionali generali FTP/S server Trasferimento file da bordo verso STP Trasferimento file da STP a bordo Web server Trasferimento dati da STP a server centrale Trasferimento dati da server centrale a STP SERVER DI TRASFERIMENTO DATI GPRS (STG) SERVER APPLICATIVI CENTRALI (SC) NAMING CONVENTION DEL SISTEMA DI BORDO MODALITÀ DI CONNESSIONE Generalità sulle modalità di connessione Connessioni di accesso remoto tramite GPRS-UMTS Connessioni tramite Wireless LAN Priorità delle connessioni ACCESSO AI SERVER TI (STP, STG, SC) Generalità sull accesso ai server TI Accesso ai server di trasferimento dati (STP,STG) Accesso ai server centrali (SC) ACCESSO AL WEB SERVER DI BORDO Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 3 di 12

4 1 GENERALITA 1.1 Scopo La presente specifica definisce le linee guida e i requisiti tecnici necessari per consentire l autenticazione, l autorizzazione e l accesso per lo scambio dati fra i dispositivi mobili installati sui rotabili e la rete informatica di, con l obbiettivo di garantire la sicurezza e l interoperabilità fra i servizi forniti. 1.2 Campo di applicazione La specifica si applica per i servizi di gestione della flotta da parte di TRENITALIA che necessitano di scambiare informazioni con la intranet aziendale. Tali sistemi di gestione sono costituiti dalla comunicazione da bordo a terra e viceversa. Fanno parte delle comunicazioni da bordo a terra le seguenti applicazioni: Scarico a terra dei dati diagnostici; Scarico a terra dei dati giuridici e di condotta; Radiolocalizzazione; Aggiornamento dei sistemi di bordo (FW, configurazione ecc.). Fanno parte delle comunicazioni da terra a bordo le seguenti applicazioni: Trasmissione a bordo di informazioni di viaggio (dati di percorso, coincidenze reali, ecc.); Aggiornamento dei sistemi di bordo (FW, configurazione ecc.); Upload a bordo di contenuti multimediali; Controllo da remoto dello stato dei sistemi di bordo. Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 4 di 12

5 2 NORME DI RIFERIMENTO EN ST RFC1180 Railway applications Electronic equipment used on rolling stock Specifica generale per le apparecchiature elettroniche di segnale A TCP/IP Tutorial RFC2131 The Dynamic Host Configuration Protocol (DHCP) RFC2132 DHCP Options and BOOTP Vendor Information Extensions IEEE 802.1x IEEE b/g Port Based Network Access Control Wireless LAN Medium Access Control (MAC) and Physical Layer (PHY) Specifications - DSSS, HR-DSSS 2.4 GHz 3 DEFINIZIONI E ACRONIMI Acronimo APN CHAP DIS FQDN GPRS-R GSM-R PAP PPP RTID SIM SC STG STP SSID TP WLAN Descrizione Access Point Name Challenge-Handshake Authentication Protocol Driver Information System Fully Qualified Domain Name GPRS -Railway GSM-Railway Password Authentication Protocol Point to Point Protocol Running Train IDentifier Subscriber Identity Module Server applicativo Centrale Server di Trasferimento dati Gprs Server di Trasferimento dati Periferico Service Set Identifier Train Profile Wireless local area network Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 5 di 12

6 4 PROTOCOLLI AMMESSI Indipendentemente dal tipo di connettività utilizzata, il protocollo usato per il trasporto è il TCP/IP (rif. RFC1180); sono ammessi i soli protocolli applicativi ftp, ftps, http, https. In particolare sul sistema di bordo devono essere presenti i seguenti servizi: http/https server Sul Server Periferico devono essere presenti i seguenti servizi: http/https server ftp/ftps server Sul Server Centrale di ciascuna applicazione devono essere presenti i seguenti servizi: http/https server ftp/ftps server I servizi devono utilizzare esclusivamente le porte standard. Ove richiesto dalla particolare applicazione, il mutuo riconoscimento sicuro fra il sistema di bordo ed i server a terra deve essere effettuato mediante i servizi https o ftps. 5 SERVER DI TRASFERIMENTO DATI PERIFERICI (STP) 5.1 Requisiti architetturali Per server di trasferimento dati periferico si intende un server che permetta il collegamento con il sistema di bordo mediante uno o più Access Point WLAN ad esso collegati. Ogni STP dispone di 2 interfacce di rete, una collegata verso la intranet aziendale e l altra verso gli AP; la rete locale che collega il STP con gli AP deve essere di classe fast ethernet e separata a livello OSI 2 dalla intranet. Tutti i servizi esposti sulla rete WLAN devono essere realizzati con accorgimenti tali da ridurre al massimo la latenza verso gli apparati di comunicazione di bordo. Il canale di comunicazione da/per il server periferico garantisce un flusso dati minimo di 500Kbit/sec. 5.2 Requisiti funzionali Requisiti funzionali generali Il sistema di bordo, per accedere ai servizi sul STP (ftp/s, http/s) deve autenticarsi tramite gli stessi nome utente, nome dominio e password definiti al par 9.2. L autenticazione deve avvenire tramite meccanismi di mutuo riconoscimento sicuro e le credenziali di accesso in nessun caso devono essere trasmesse in chiaro. Sui STP non devono essere installati programmi o servizi del produttore dell'apparato di bordo che devono invece risiedere sul solo Server Centrale (SC) di ciascuna applicazione. Eventuali funzionalità richieste sul STP (dall applicazione o dalla specifica implementazione del fornitore) devono essere realizzate esclusivamente tramite il web server del STP (par.5.2.5). Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 6 di 12

7 5.2.2 FTP/S server Il server ftp/s presente sui STP deve supportare i comandi XCRC e XMD5 di controllo integrità del file, i servizi di crittografia SSL di comandi e dati e la funzione di resume. Per ciascuna applicazione (es DIS, PIS, diagnostiche etc..) e/o tipologia di flotta deve essere riservata una specifica cartella al disotto della root ftp/s. Eventuali cartelle necessarie all applicazione (ad es. legate al fornitore, all upload/download etc.) devono essere figlie della suddetta cartella. La definizione dell albero delle cartelle deve essere concordata con Trasferimento file da bordo verso STP Tutti i file scaricati dal sistema di bordo verso il server ftp/s del STP devono essere verificati calcolando a bordo l hash MD5 e confrontandolo con quello ottenuto dal server ftp/s (comando XMD5). Solo dopo il completamento della suddetta verifica il file può essere marcato a bordo come trasferito correttamente a terra (ed eventualmente cancellabile); in caso contrario deve essere nuovamente trasmesso e verificato. L utilizzo in alternativa dell algoritmo CRC32 e del comando XCRC deve essere proposto dal fornitore ed accettato da Trasferimento file da STP a bordo Tutti i file caricati dal sistema di bordo dal server ftp/s devono essere verificati calcolando a bordo l hash MD5 e confrontandolo con quello ottenuto dal server ftp/s (comando XMD5). Solo dopo il completamento della suddetta verifica il file può essere considerato valido; in caso contrario deve essere nuovamente caricato e verificato. L utilizzo in alternativa dell algoritmo CRC32 e del comando XCRC deve essere proposto dal fornitore ed accettato da Web server Il server http/https installato sui STP deve supportare l esecuzione di ASP, JSP e CGI. Per ciascuna applicazione (es DIS, PIS, diagnostiche etc..) deve essere riservato uno specifico percorso (URL) immediatamente al disotto della root del web server (es. Eventuali percorsi necessari all applicazione (ad es. legati al fornitore, all upload/download etc.) devono essere figli del suddetto percorso (es. La definizione dell albero dei percorsi deve essere concordato con. L utilizzo del server http/https del STP per il trasferimento di file bordo-terra e viceversa deve essere proposto dal fornitore ed accettato da Trasferimento dati da STP a server centrale Sui STP devono essere presenti uno o più servizi che trasferiscano via ftp i dati dalle cartelle specifiche di ciascuna applicazione verso i rispettivi server centrali. Tale trasferimento deve avvenire calcolando localmente l hash MD5 e confrontandolo con quello ottenuto dal server ftp del server centrale (comando XMD5). Solo dopo la suddetta verifica il file può essere spostato in altra cartella locale contenente i file correttamente trasmessi; in caso contrario deve essere nuovamente trasmesso e verificato Trasferimento dati da server centrale a STP Sul server centrale di ciascuna applicazione deve essere presente un servizio che trasferisca via ftp i dati nella cartella specifica dei STP. L elenco dei server periferici deve essere definito da una lista di distribuzione presente sul server centrale. Tale trasferimento deve avvenire calcolando sul server centrale l hash MD5 e confrontandolo con quello ottenuto dal server ftp del STP (comando XMD5). Qualora detta verifica fallisca il file deve essere nuovamente trasmesso e verificato. Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 7 di 12

8 6 SERVER DI TRASFERIMENTO DATI GPRS (STG) Anche se installato centralmente, il server di trasferimento dati GPRS può essere considerato un caso particolare di STP, con la differenza che l accesso al server avviene tramite il collegamento GPRS-UMTS. 7 SERVER APPLICATIVI CENTRALI (SC) I server applicativi centrali contengono tutti i programmi e servizi del fornitore necessari alla particolare applicazione. I server web e ftp presenti sui SC devono avere le stesse caratteristiche già definite per i STP. L accesso ai server centrali deve sempre avvenire tramite il nome host o alias del server e mai direttamente tramite IP. La verifica delle credenziali per l accesso ai servizi web dei SC deve essere integrata nei sistemi di autenticazione di. Ad es. sul web server del SC devono essere presenti delle pagine in cui l utente, correttamente riconosciuto, possa essere reindirizzato sul web server di bordo di ciascun rotabile con il corretto livello di accesso (es. visione, manutenzione, configurazione, amministrazione etc.). 8 NAMING CONVENTION DEL SISTEMA DI BORDO Il nome host del sistema di bordo deve essere univoco e deve essere composto come di seguito indicato: identificativo di 12 caratteri corrispondenti al campo Nome Rotabile del DIS, seguito da 6 caratteri che identificano ciascuno le applicazioni supportate. Detta stringa deve essere accettata da per la valorizzazione dei 6 caratteri finali. 9 MODALITÀ DI CONNESSIONE 9.1 Generalità sulle modalità di connessione Le modalità di connsessione possono essere quelle di seguito indicate: accesso remoto tramite GPRS-UMTS; connessione tramite Wireless LAN. Nella figura 1 sono schematizzate tutte le modalità di connessione alla intranet. Di seguito sono decritte le procedure di accesso per i diversi canali di comunicazione (GPRS-UMTS e connessionewifi). Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 8 di 12

9 Figura 1 Modalità di connessione 9.2 Connessioni di accesso remoto tramite GPRS-UMTS La connessione deve essere effettuata all attivazione del veicolo e deve essere mantenuta sempre attiva. La tipologia di modem (GSM-GPRS, GSMR-GPRS, EDGE, UMTS, HSDPA) ed il tipo di sim (RFI o pubblica) da utilizzare devono concordati con. Nel caso di interruzione accidentale della sessione di accesso remoto, il sistema deve provvedere a ristabilire automaticamente la sessione. Devono essere presi tutti gli accorgimenti del caso per evitare la generazione di traffico involontario sulla sessione attiva. La tipologia di autenticazione (es. CHAP o PAP) deve essere concordata con. L autenticazione deve essere eseguita su un APN specifico per ogni tipologia di SIM da concordare con (ad es. "apparati.trenitalia.it" per le sim RFI). I dati necessari all autenticazione sono forniti da e consistono in: nome utente nome dominio password numero da chiamare (ad es. *99#) eventuali comandi addizionali Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 9 di 12

10 Tali informazioni possono essere specifiche per ciascuna SIM fornita. Al termine del processo di autenticazione, conclusosi con esito positivo, il sistema deve ottenere dal DHCP un indirizzo IP valido e registrarsi sul DNS comunicato dal DHCP. La registrazione sulla rete aziendale e le azioni successive sono dettagliate al capitolo Connessioni tramite Wireless LAN Il sistema di bordo deve potersi collegare con i STP mediante connessione di rete LAN mista b e g. I livelli di protezione del collegamento con gli AP devono essere concordati con. L'SSID della rete WLAN transita sulla rete in modalità offuscata e deve essere concordato con. Il sistema di bordo deve quindi ottenere dal DHCP un indirizzo IP e registrarsi sul DNS comunicato dal DHCP. La registrazione sulla rete aziendale e le azioni successive sono dettagliata al capitolo 10. Il sistema di bordo deve poter iniziare le operazioni di trasferimento dati con il STP entro 5 secondi dalla disponibilità della connettività di rete (a livello OSI 2). Tale parametro può essere valutato misurando il tempo fra l associazione con l AP ed il trasferimento di un pacchetto campione da 10KB. 9.4 Priorità delle connessioni Un analisi dei volumi di traffico previsti per GPRS-UMTS e WLAN deve essere proposta dal fornitore ed accettata da. I dati valutati voluminosi da devono essere trasmessi esclusivamente tramite WLAN. La connessione GPRS deve essere effettuata all attivazione del veicolo e deve essere mantenuta sempre attiva, come descritto al par.9.2. Qualora venga rilevata la presenza della rete WLAN prevista, il sistema di bordo deve comunicare tramite WLAN come descritto al par.9.3 ed al capitolo 10, in particolare risolvendo nuovamente il nome host del STP-STG tramite il DNS ottenuto dal DHCP della connessione WLAN e registrando il proprio nome host sullo stesso DNS. Nel momento in cui si verifichi la mancanza della rete WLAN, il sistema di bordo deve ripristinare tutte le condizioni di esercizio della connettività GPRS, come descritto al par.9.2 ed al capitolo 10, in particolare risolvendo nuovamente il nome host del STP-STG tramite il DNS ottenuto dal DHCP della connessione Gprs-Umts e ri-registrando il proprio nome host sullo stesso DNS. 10 ACCESSO AI SERVER TI (STP, STG, SC) 10.1 Generalità sull accesso ai server TI Il sistema di bordo deve acquisire dal DHCP server, fra le altre, anche le seguenti informazioni: indirizzo IPv4 del client subnet mask default gateway indirizzi ip DNS primario e, se presente, secondario nome del dominio (campo opzionale 015) Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 10 di 12

11 Lease time dell indirizzo IP dinamico (campo opzionale 051) Al DHCP server che ha erogato l indirizzo, durante la negoziazione, deve essere anche fornito il nome host (univoco) del sistema di bordo (capitolo 8). A seguito della conclusione con successo della negoziazione DHCP, il sistema di bordo deve provvedere alla registrazione (con l apposito protocollo di registrazione) del proprio nome host sul DNS (ricevuto dal DHCP) nel dominio (sempre ricevuto dal DHCP) Accesso ai server di trasferimento dati (STP,STG) Tutti i Server di trasferimento dati (STP e STG) sono identificati dai medesimi alias sulla rete che devono essere risolti localmente dai DNS in modo da puntare ai server fisici corretti. Gli alias possono essere specifici in funzione delle applicazioni implementate dal sistema di bordo, come nell esempio che segue: IP dei Server fisici Alias WLAN B1 WLAN A WLAN B2 WLAN C GPRS DNS Locale A DNS Locale B DNS Locale C DNS centrale IP (stpa) IP (stpb1) IP (stpc1) IP (stg1) t-stp1diag t-stp1diag t-stp1diag t-stp1diag t-stp1pis t-stp1pis IP (stpc2) IP (stg2) t-stp1dis IP (stpb2) t-stp1pis t-stp1pis t-stp1ncd t-stp1dis IP (stpc3) t-stp1dis t-stp1ncd t-stp1dis t-stp1ncd IP (stpc4) t-stp1ncd L alias del STP e STG deve essere un parametro di configurazione della particolare applicazione del sistema di bordo e deve essere concordato con. L alias deve essere completato dal postfisso nome del dominio, componendo il nome FQDN che il sistema di bordo deve risolvere tramite DNS. Es: alias STP-STG: nome dominio: nomeserverfqdn: t-stp1teledi servizi.trenitalia.it t-stp1teledi.servizi.trenitalia.it 10.3 Accesso ai server centrali (SC) Ciascun Server Centrale (specifico di una particolare applicazione) è identificato sulla rete mediante un nome host o un alias univoco. L alias del SC deve essere un parametro di configurazione della particolare applicazione del sistema di bordo, e deve essere concordato con. L alias deve essere completato dal postfisso nome del dominio, componendo il nome FQDN che il sistema di bordo deve risolvere tramite DNS. Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 11 di 12

12 alias SC: nome dominio: nomeserverfqdn: t-sc1teledi servizi.trenitalia.it t-sc1teledi.servizi.trenitalia.it La comunicazione diretta con i server applicativi centrali può essere garantita mediante la sola connessione GPRS-UMTS, sempre nel rispetto di quanto indicato al capitolo 4. Tale comunicazione deve essere documentata nel dettaglio dal fornitore. 11 ACCESSO AL WEB SERVER DI BORDO Il web server di bordo deve avere come default la pagina di accesso. Il collegamento al web server deve avvenire collegandosi direttamente al nome host del sistema di bordo definito al cap.8 (es Dopo che è stata stabilita la connessione WLAN per almeno 5 minuti continuativi, il sistema di risoluzione aziendale garantisce la corretta risoluzione del nome del sistema di bordo (secondo l indirizzo corrispondente all interfaccia WLAN). Qualora siano trattate informazioni vitali o riservate, l autenticazione e la sessione sul sistema di bordo deve avvenire su canale sicuro (es: https). Le credenziali (nome utente e password) accettate dal sistema di bordo devono essere concordate con. Devono essere previste diverse credenziali per tutti i diversi livelli di accesso richiesti dal sistema (es. visione, manutenzione, configurazione, amministrazione etc..). Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 12 di 12

Item Stato Nota a margine. Item Stato Nota a margine. Item Stato WLAN Nota a margine. Modo Wireless Abilita (B/G/N Mixed)

Item Stato Nota a margine. Item Stato Nota a margine. Item Stato WLAN Nota a margine. Modo Wireless Abilita (B/G/N Mixed) sistema [ AIUTO ] Nota a margine Indirizzo IP 2.192.140.182 Subnet Mask 255.255.255.255 Gateway 10.64.64.64 Domain Name Server 10.204.57.104, 10.205.41.16 Tempo connessione 02:20:28 Informazioni Modem

Dettagli

CONNESSIONE DI UN PC ALLA RETE INTERNET

CONNESSIONE DI UN PC ALLA RETE INTERNET CONNESSIONE DI UN PC ALLA RETE INTERNET Walter Cerroni wcerroni@deis.unibo.it http://deisnet.deis.unibo.it/didattica/master Internetworking Internet è una rete di calcolatori nata con l obiettivo di realizzare

Dettagli

Networking Wireless con Windows XP

Networking Wireless con Windows XP Networking Wireless con Windows XP Creare una rete wireless AD HOC Clic destro su Risorse del computer e quindi su Proprietà Clic sulla scheda Nome computer e quindi sul pulsante Cambia Digitare il nome

Dettagli

Interconnessione di reti

Interconnessione di reti Interconnessione di reti Collegamenti tra reti eterogenee Instradamento (routing) e inoltro (forwarding) IPv4 - indirizzi IP e MAC - sottoreti IPv6 - evoluzione di Internet DNS - Domain Name System Conclusioni

Dettagli

Firewall VPN Cisco RV120W Wireless-N

Firewall VPN Cisco RV120W Wireless-N Firewall VPN Cisco RV120W Wireless-N La connettività di base raggiunge nuovi livelli Il firewall VPN Cisco RV120W Wireless-N offre connettività a elevata sicurezza a Internet, anche da altre postazioni

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

GUIDA RAPIDA. Per navigare in Internet, leggere ed inviare le mail con il tuo nuovo prodotto TIM

GUIDA RAPIDA. Per navigare in Internet, leggere ed inviare le mail con il tuo nuovo prodotto TIM GUIDA RAPIDA Per navigare in Internet, leggere ed inviare le mail con il tuo nuovo prodotto TIM Indice Gentile Cliente, Guida Rapida 1 CONFIGURAZIONE DEL COMPUTER PER NAVIGARE IN INTERNET CON PC CARD/USB

Dettagli

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP 9.1 Introduzione a TCP/IP 9.1.1 Storia e futuro di TCP/IP Il ministero della difesa americana (DoD) creò il modello TCP/IP perché voleva una rete che

Dettagli

Banda 3.5 Mobile Accesso a internet tramite segnali 3.5G Mobile - Riconosce e configura automaticamente segnali 3G, 2.75G e 2.5G

Banda 3.5 Mobile Accesso a internet tramite segnali 3.5G Mobile - Riconosce e configura automaticamente segnali 3G, 2.75G e 2.5G Router Wireless 54 Mbps 802.11b/g ultra compatto Antenna e trasformatore integrati, con presa rimuovibile, facile da portare, settare e usare ovunque ed in ogni momento Banda 3.5 Mobile Accesso a internet

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il corso Seguito di Reti di Telecomunicazioni LA Approfondimento sui protocolli di Internet TCP/IP, protocolli di routing,

Dettagli

Manuale. di configurazione. Interfaccia di gestione. Configurazioni. Storage. Stampanti SOMMARIO

Manuale. di configurazione. Interfaccia di gestione. Configurazioni. Storage. Stampanti SOMMARIO Manuale di configurazione 2 Configurazioni 8 Storage 30 Stampanti 41 Manuale Interfaccia di gestione di configurazione SOMMARIO Interfaccia di gestione INTRODUZIONE La configurazione del modem può essere

Dettagli

Internet. Introduzione alle comunicazioni tra computer

Internet. Introduzione alle comunicazioni tra computer Internet Introduzione alle comunicazioni tra computer Attenzione! Quella che segue è un introduzione estremamente generica che ha il solo scopo di dare un idea sommaria di alcuni concetti alla base di

Dettagli

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 76 Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31 A B C D E 0 net id host id 1 0 net id host id 1 1 0 net id host id 1 1 1 0 multicast address 1 1 1 1 0 riservato per usi

Dettagli

Router VPN Cisco RV180

Router VPN Cisco RV180 Data Sheet Router VPN Cisco RV180 Connettività sicura e ad alte prestazioni a un prezzo conveniente. Figura 1. Router VPN Cisco RV180 (pannello anteriore) Caratteristiche Le convenienti porte Gigabit Ethernet

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

Progettazione di reti AirPort

Progettazione di reti AirPort apple Progettazione di reti AirPort Indice 1 Per iniziare con AirPort 5 Utilizzo di questo documento 5 Impostazione Assistita AirPort 6 Caratteristiche di AirPort Admin Utility 6 2 Creazione di reti AirPort

Dettagli

2 Architettura logica

2 Architettura logica 2 Architettura logica Come accennato precedentemente, il GPRS è stato progettato in modo da riutilizzare il più possibile gli elementi delle reti GSM esistenti; in particolare, per le chiamate vocali o

Dettagli

DSL-G604T. Wireless ADSL Router 54Mbps con Switch 4 porte 10/100Mbps

DSL-G604T. Wireless ADSL Router 54Mbps con Switch 4 porte 10/100Mbps DSL-G604T Wireless ADSL Router 54Mbps con Switch 4 porte 10/100Mbps Il dispositivo DSL-G604T è un router ADSL con access point Wireless a 2.4 GHz e con switch a 4 porte Fast Ethernet incorporati. L'access

Dettagli

Il Livello delle Applicazioni

Il Livello delle Applicazioni Il Livello delle Applicazioni Il livello Applicazione Nello stack protocollare TCP/IP il livello Applicazione corrisponde agli ultimi tre livelli dello stack OSI. Il livello Applicazione supporta le applicazioni

Dettagli

IL SERVIZIO WIFE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA

IL SERVIZIO WIFE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA IL SERVIZIO WIFE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Gianluca Mazzini, Cesare Stefanelli Dipartimento di Ingegneria, Università di Ferrara [gmazzini, cstefanelli]@ing.unife.it Enrico Ardizzoni, Michele

Dettagli

PROF. Filippo CAPUANI DHCP

PROF. Filippo CAPUANI DHCP PROF. Filippo CAPUANI DHCP Sommario Introduzione al DHCP Funzionamento di un DHCP server Installazione di un server DHCP nella rete Configurazione del servizio DHCP Configurazione dei computer client e

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

SIP-Phone 302 GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP

SIP-Phone 302 GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP SIP-Phone 302 GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP SIP-Phone 302 Guida alla Configurazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SCOPO...3 COME ACCEDERE ALLA CONFIGURAZIONE...3 Accesso all IP Phone quando il

Dettagli

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica.

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica Fabio Burroni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena burronif@unisi unisi.itit La Sicurezza delle Reti La presentazione

Dettagli

La sicurezza delle reti

La sicurezza delle reti La sicurezza delle reti Inserimento dati falsi Cancellazione di dati Letture non autorizzate A quale livello di rete è meglio realizzare la sicurezza? Applicazione TCP IP Data Link Physical firewall? IPSEC?

Dettagli

Fabio Burroni. Università degli Studi di Siena burronif@unisi.it

Fabio Burroni. Università degli Studi di Siena burronif@unisi.it Fabio Burroni Università degli Studi di Siena burronif@unisi.it Sistemi e Tecnologie di Rete La Sicurezza delle Reti La presentazione è scaricabile da http://www.ltt.dii.unisi.it/benelli.htm La Sicurezza

Dettagli

Guida rapida all installazione

Guida rapida all installazione Guida rapida all installazione Wireless Network Broadband Router 140g+ WL-143 La presente guida illustra solo le situazioni più comuni. Fare riferimento al manuale utente contenuto nel CD-ROM in dotazione

Dettagli

Reti Informatiche. dott. Andrea Mazzini

Reti Informatiche. dott. Andrea Mazzini Reti Informatiche dott. Andrea Mazzini Indirizzi IP e nomi Ogni computer collegato ad una rete TCP/IP è identificato in modo univoco da un numero a 32 bit (indirizzo IP) e da un nome logico (hostname)

Dettagli

L ambiente mobile. Ing. Gianfranco Pontevolpe. Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Programma

L ambiente mobile. Ing. Gianfranco Pontevolpe. Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Programma L ambiente mobile Ing. Gianfranco Pontevolpe Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Programma I sistemi cellulari Lo standard GSM I problemi di sicurezza del GSM Lo standard

Dettagli

Domini Virtual Server

Domini Virtual Server Domini Virtual Server Pannello di controllo Manuale Utente Pannello di controllo domini e virtual server - Manuale utente ver. 2.0 Pag. 1 di 18 Sommario INFORMAZIONI GENERALI... 3 Virtual Server... 3 ACCESSO

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico

Sistemi informatici in ambito radiologico Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015 2016 Reti di elaboratori, il modello a strati e i protocolli di comunicazione e di servizio Reti di elaboratori Definizioni

Dettagli

WLAN660 GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP

WLAN660 GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP WLAN660 GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP IP PHONE Wi-Fi VoIP 660 Guida alla Configurazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL WLAN660...3

Dettagli

Max Configurator v1.0

Max Configurator v1.0 NUMERO 41 SNC Max Configurator v1.0 Manuale Utente Numero 41 17/11/2009 Copyright Sommario Presentazione... 3 Descrizione Generale... 3 1 Installazione... 4 1.1 Requisiti minimi di sistema... 4 1.2 Procedura

Dettagli

Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli)

Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Tema n 1 Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche

Dettagli

Introduzione al Dns. Loredana Pillitteri. Semplificazione della gestione e delega amministrativa Pisa - CNR - ISTI dicembre 2003

Introduzione al Dns. Loredana Pillitteri. Semplificazione della gestione e delega amministrativa Pisa - CNR - ISTI dicembre 2003 Introduzione al Dns Semplificazione della gestione e delega amministrativa Pisa - CNR - ISTI dicembre 2003 Cos è il DNS Lo spazio dei nomi ed indirizzi IP Tipi record migrazione nuovo dominio ISTI migrazione

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

ETI/Domo. Italiano. www.bpt.it. ETI-Domo Config 24810070 IT 29-07-14

ETI/Domo. Italiano. www.bpt.it. ETI-Domo Config 24810070 IT 29-07-14 ETI/Domo 24810070 www.bpt.it IT Italiano ETI-Domo Config 24810070 IT 29-07-14 Configurazione del PC Prima di procedere con la configurazione di tutto il sistema è necessario configurare il PC in modo che

Dettagli

Dynamic DNS e Accesso Remoto

Dynamic DNS e Accesso Remoto Dynamic DNS e Accesso Remoto 1 Descrizione Il Dynamic DNS è una tecnologia che consente di associare un nome host DNS ad un indirizzo IP assegnato allo stesso host, anche se questo cambia nel tempo. In

Dettagli

Wireless Network Esercitazioni. Alessandro Villani avillani@science.unitn.it

Wireless Network Esercitazioni. Alessandro Villani avillani@science.unitn.it Wireless Network Esercitazioni Alessandro Villani avillani@science.unitn.it Security e Reti Wireless Sicurezza: Overview Open network Open network+ MAC-authentication Open network+ web based gateway WEP

Dettagli

Architetture Applicative Il Web

Architetture Applicative Il Web Architetture Applicative Il Web Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 18 Marzo 2014 Architetture Architetture Web L Architettura Client-Server HTTP Protocolli di Comunicazione Fondamenti

Dettagli

Introduzione a Windows XP Professional Installazione di Windows XP Professional Configurazione e gestione di account utente

Introduzione a Windows XP Professional Installazione di Windows XP Professional Configurazione e gestione di account utente Programma Introduzione a Windows XP Professional Esplorazione delle nuove funzionalità e dei miglioramenti Risoluzione dei problemi mediante Guida in linea e supporto tecnico Gruppi di lavoro e domini

Dettagli

82 Glossario Ethernet

82 Glossario Ethernet Glossario Ethernet 10Base2 10Base5 10BaseFL 10BaseT ARP AUI Negoziazione automatica Rilevamento automatico BOOTP Standard di connessione Ethernet che utilizza cavo coassiale sottile come mezzo di trasmissione

Dettagli

Introduzione alle Reti Informatiche

Introduzione alle Reti Informatiche WWW.ICTIME.ORG Introduzione alle Reti Informatiche Cimini Simonelli - Testa Sommario Breve storia delle reti... 3 Internet... 3 Gli standard... 4 Il modello ISO/OSI... 4 I sette livelli del modello ISO/OSI...

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014 Classe 5^ PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE DI LAVORO I primi elementi sulle reti e i mezzi di

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli

Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e

Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e TCP/IP Sommario Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e pubblici Introduzione al TCP/IP TCP/IP

Dettagli

158.110.1.3 158.110.1.2 SWITCH. 100 Mb/s (UTP cat. 5E) 158.110.1.1 158.110.3.3 158.110.3.2. 10 Mb/s SWITCH. (UTP cat. 5E) 100 Mb/s. (UTP cat.

158.110.1.3 158.110.1.2 SWITCH. 100 Mb/s (UTP cat. 5E) 158.110.1.1 158.110.3.3 158.110.3.2. 10 Mb/s SWITCH. (UTP cat. 5E) 100 Mb/s. (UTP cat. Università degli Studi di Udine Insegnamento: Reti di Calcolatori I Docente: Pier Luca Montessoro DOMANDE DI RIEPILOGO SU: - Livello network 1. Si deve suddividere la rete 173.19.0.0 in 510 subnet. Qual

Dettagli

Reti: cenni storici. Who s who

Reti: cenni storici. Who s who 1967: DoD ARPAnet 1970: ALOHAnet Reti: cenni storici 1975: TCP/IP model per internetwork 1976: Ethernet 198: TCP/UDP/IP standard per ARPAnet 1987: la rete cresce DNS 1989-1991: web guiding principles:

Dettagli

Modulo Switch ProCurve xl Access Controller

Modulo Switch ProCurve xl Access Controller Aggiungendo il modulo ProCurve Switch xl Access Controller, lo switch serie 5300xl fornisce un approccio esclusivo all integrazione del controllo dell accesso degli utenti basato su identità, privacy dei

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet AA 2004-2005 Reti e Sistemi Telematici 1 Internet: nomenclatura Host: calcolatore collegato a Internet ogni host può essere client e/o server a livello applicazione Router:

Dettagli

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto)

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto) PROGETTO DI UNA SEMPLICE RETE Testo In una scuola media si vuole realizzare un laboratorio informatico con 12 stazioni di lavoro. Per tale scopo si decide di creare un unica rete locale che colleghi fra

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione Livello Applicazione Davide Quaglia 1 Motivazione Nell'architettura ibrida TCP/IP sopra il livello trasporto esiste un unico livello che si occupa di: Gestire il concetto di sessione di lavoro Autenticazione

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 3 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 3 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 3 a lezione Francesco Fontanella Il pacchetto IP Il preambolo (header) IP è fatto in questo modo: Gli Indirizzi IP Ogni host e router

Dettagli

WiFiBus. La soluzione low cost di WiFi a bordo sui Bus

WiFiBus. La soluzione low cost di WiFi a bordo sui Bus WiFiBus La soluzione low cost di WiFi a bordo sui Bus WiFiBus PRO è un router 3G/4G professionale che si collega ad internet, tramite la rete cellulare e ridistribuisce il segnale a bordo mediante WiFi.

Dettagli

Cisco RV215W Wireless-N VPN Router

Cisco RV215W Wireless-N VPN Router Scheda tecnica Cisco RV215W Wireless-N VPN Router Connettività semplice e sicura per piccoli uffici e uffici domestici Figura 1. Cisco RV215W Wireless-N VPN Router Cisco RV215W Wireless-N VPN Router fornisce

Dettagli

150 Piazze Wi-Fi. Unidata S.p.A. Una iniziativa Unidata e Wired

150 Piazze Wi-Fi. Unidata S.p.A. Una iniziativa Unidata e Wired Allegato 4 all Accordo di adesione alla fase sperimentale del progetto "150 Piazze Wi-Fi" relativo alla fornitura a titolo di comodato gratuito di apparecchiature hardware e correlato software di gestione

Dettagli

Il collegamento delle reti aziendali: DHCP, DSL, PPPoE

Il collegamento delle reti aziendali: DHCP, DSL, PPPoE Il collegamento delle reti aziendali: DHCP, DSL, PPPoE Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza

Dettagli

RX3041. Guida all installazione rapida

RX3041. Guida all installazione rapida RX3041 Guida all installazione rapida 1 Introduzione Congratulazioni per l acquisto del Router ASUS RX3041. Questo router è un prodotto di routing Internet d alta qualità ed affidabile, che consente a

Dettagli

Mistral Lan Router ISDN

Mistral Lan Router ISDN Mistral Lan Router ISDN with 4 Fast Ethernet ports + BroadBand Interface Guida Rapida V1.0 A02-RI/G1 (Settembre 2003) Questo manuale è inteso come una guida rapida, pertanto per ulteriori dettagli sulla

Dettagli

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1 Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato Traccia n 1 La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche tramite cui esse possono venire memorizzate e scambiate

Dettagli

Tornado 830 / 831. ADSL Router - 4 port Ethernet switch - Wireless 802.11G - Access Point - Firewall - USB printer server

Tornado 830 / 831. ADSL Router - 4 port Ethernet switch - Wireless 802.11G - Access Point - Firewall - USB printer server Tornado 830 / 831 ADSL Router - 4 port Ethernet switch - Wireless 802.11G - Access Point - Firewall - USB printer server Tornado 830 Annex A Tornado 831 Annex B 1.1 Avvio e accesso. Attivare il browser

Dettagli

Università Degli Studi dell Insubria Centro Sistemi Informativi e Comunicazione (SIC) Rete Wireless di Ateneo UninsubriaWireless

Università Degli Studi dell Insubria Centro Sistemi Informativi e Comunicazione (SIC) Rete Wireless di Ateneo UninsubriaWireless Università Degli Studi dell Insubria Centro Sistemi Informativi e Comunicazione (SIC) Rete Wireless di Ateneo UninsubriaWireless Configurazione con Sistema Operativo Microsoft Windows Vista Requisiti di

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2011/2012 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2011/2012 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione Francesco Fontanella Software delle reti Una rete è costituta da macchina diverse; Come è possibile farle comunicare?

Dettagli

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di Calcolatori 1. Introduzione Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di calcolatori : Un certo numero di elaboratori

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Il Livello delle Applicazioni 2 Il livello Applicazione Nello stack protocollare TCP/IP il livello Applicazione

Dettagli

LAN. Local Area Network. Rete su area locale. Si tratta di piccole reti di. computer estese su aree ridotte come una stanza o al massimo un

LAN. Local Area Network. Rete su area locale. Si tratta di piccole reti di. computer estese su aree ridotte come una stanza o al massimo un Appunti di RETI 1 LAN. Local Area Network. Rete su area locale. Si tratta di piccole reti di computer estese su aree ridotte come una stanza o al massimo un edificio. Una LAN si ha in una piccola azienda

Dettagli

offerti da Internet Calendario incontri

offerti da Internet Calendario incontri Introduzione ai principali servizi Come funziona Internet (9/6/ 97 - ore 16-19) offerti da Internet Calendario incontri Navigazione e motori di ricerca (11/6/ 97 - ore 16-19) Comunicazione con gli altri

Dettagli

PROTEZIONE DEI DATI 1/1. Copyright Nokia Corporation 2002. All rights reserved. Ver. 1.0

PROTEZIONE DEI DATI 1/1. Copyright Nokia Corporation 2002. All rights reserved. Ver. 1.0 PROTEZIONE DEI DATI 1/1 Copyright Nokia Corporation 2002. All rights reserved. Ver. 1.0 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. ARCHITETTURE PER L'ACCESSO REMOTO... 3 2.1 ACCESSO REMOTO TRAMITE MODEM... 3 2.2

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE ALLE RETI TELEMATICHE - 1 Copyright Quest opera è protetta dalla licenza Creative Commons

Dettagli

Firewall Cisco RV220W per la sicurezza della rete

Firewall Cisco RV220W per la sicurezza della rete Firewall Cisco RV220W per la sicurezza della rete Connettività ad alte prestazioni ed elevata sicurezza per i piccoli uffici Il firewall Cisco RV220W per la sicurezza della rete consente ai piccoli uffici

Dettagli

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L.

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Queste due sigle indicano LAN Local Area Network Si tratta di un certo numero di Computer (decine centinaia) o periferici connessi fra loro mediante cavi UTP, coassiali

Dettagli

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer.

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer. Classe 3^ Istituto Istruzione Superiore di Baronissi ind. tecnico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI Sistemi e Reti Articolazione: Informatica Anno scolastico 2012-2013 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE

Dettagli

Indirizzo IP. Come si distinguono? Indirizzo IP : 192. 168. 220. 134. Network address : 192. 168. 220. 0 Host address: : 134

Indirizzo IP. Come si distinguono? Indirizzo IP : 192. 168. 220. 134. Network address : 192. 168. 220. 0 Host address: : 134 Subnet mask Indirizzo IP Come si distinguono? Indirizzo IP : 192. 168. 220. 134 Network address : 192. 168. 220. 0 Host address: : 134 Subnet Mask La Subnet Mask viene implementata per limitare il traffico

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

D-LINK DPH-140S SIP PHONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE

D-LINK DPH-140S SIP PHONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE D-LINK DPH-140S SIP PHONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE SIP PHONE D-LINK DPH-140S Guida all installazione Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL DPH-140S...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Firewall VPN Cisco RV110W Wireless-N

Firewall VPN Cisco RV110W Wireless-N Scheda tecnica Firewall VPN Cisco RV110W Wireless-N Connettività semplice e sicura per piccoli uffici e uffici domestici Figura 1. Firewall VPN Cisco RV110W Wireless-N Il Firewall VPN Cisco RV110W Wireless-N

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Configurazione IP. Assegnazione Indirizzi IP

Configurazione IP. Assegnazione Indirizzi IP Configurazione IP Reti II Stefano Leonardi Configurazione IP 4a-1 Assegnazione Indirizzi IP! Indirizzi IP memorizzati su memoria secondaria! Non disponibile per dispositivi senza disco o con file system

Dettagli

Area Clienti Tiscali Hosting e Domini

Area Clienti Tiscali Hosting e Domini Area Clienti Tiscali Hosting e Domini Manuale Utente Area Clienti Tiscali Hosting e Domini - Manuale utente Pag. 1 di 20 Sommario INFORMAZIONI GENERALI... 3 ACCESSO ALL AREA CLIENTI TISCALI HOSTING E DOMINI...

Dettagli

Indice. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5. Capitolo 3 Ethernet ad alta velocità 33

Indice. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5. Capitolo 3 Ethernet ad alta velocità 33 .ind g/p.vii-xii 26-06-2002 12:18 Pagina VII Indice Capitolo 1 Introduzione 1 Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5 2.1 Il progetto IEEE 802 6 2.2 Protocolli di livello MAC 7 2.3 Indirizzi 8 2.4 Ethernet

Dettagli

Reti e Linux. Andrea Bontempi. Corsi Linux 2012. POuL

Reti e Linux. Andrea Bontempi. Corsi Linux 2012. POuL POuL Corsi Linux 2012 Una breve introduzione: le reti Una rete di calcolatori è un mezzo fisico sul quale è possibile inviare e ricevere messaggi o flussi di dati. La prima rete a commutazione di pacchetto

Dettagli

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia Informatica Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia PARTE 3 - COMUNICAZIONI INFORMATICHE (Internet) Importanza delle comunicazioni Tutti vogliono comunicare Oggi un computer che non è in

Dettagli

Configurazione e diagnosi di una rete

Configurazione e diagnosi di una rete Configurazione e diagnosi di una rete Configurazione del TCP/IP per l uso di un indirizzo IP statico Un indirizzo IP statico è configurato in una rete di piccole dimensioni, dove non è disponibile un server

Dettagli

Modello ADE-3400 ADE-4400A ADN-4101A WNRT-617G CS-500 VRT-311 XRT-401D XRT-402D XRT-412

Modello ADE-3400 ADE-4400A ADN-4101A WNRT-617G CS-500 VRT-311 XRT-401D XRT-402D XRT-412 La connessione verso la rete Internet richiede interna da intrusioni esterne. Queste operazioni sono Le tre tipologie si differenziano principalmente per la presenza o meno del modem integrato per la connessione

Dettagli

Cenni sulla Sicurezza in Ambienti Distribuiti

Cenni sulla Sicurezza in Ambienti Distribuiti Cenni sulla Sicurezza in Ambienti Distribuiti Cataldo Basile < cataldo.basile @ polito.it > Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Motivazioni l architettura TCP/IPv4 è insicura il problema

Dettagli

LBSEC. http://www.liveboxcloud.com

LBSEC. http://www.liveboxcloud.com 2014 LBSEC http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di commerciabilità

Dettagli

Glossario di rete. Versione 0 ITA

Glossario di rete. Versione 0 ITA Glossario di rete Nel presente Glossario di rete sono disponibili informazioni di base sulle funzionalità di rete avanzate delle macchine Brother, insieme ai termini comuni e relativi alle reti. I protocolli

Dettagli

TCP/IP un introduzione

TCP/IP un introduzione TCP/IP un introduzione Introduzione Il successo di Internet (rate di crescita annuo > 200 %) e dovuto all uso di protocolli standard aperti (IETF) TCP/IP (Transmission Control Protocol/Internet Protocol)

Dettagli

Autenticazione tramite IEEE 802.1x

Autenticazione tramite IEEE 802.1x Autenticazione tramite IEEE 802.1x Pietro Nicoletti Studio Reti s.a.s www.studioreti.it 802-1-X-2004 -Switch 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto

Dettagli

Sicurezza delle applicazioni di rete

Sicurezza delle applicazioni di rete Sicurezza delle applicazioni di rete Antonio Lioy < lioy @ polito.it > Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Sicurezza di canale autenticazione (singola o mutua), integrità e segretezza solo

Dettagli

Architetture e Protocolli per Internet

Architetture e Protocolli per Internet Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Architetture e Protocolli per Internet Jocelyne Elias 1 Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

La sicurezza nelle reti di calcolatori

La sicurezza nelle reti di calcolatori La sicurezza nelle reti di calcolatori Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico

Dettagli

zoom in zoom in di GIUSEPPE LA ROSA ETHERN E nella videosorvegli a

zoom in zoom in di GIUSEPPE LA ROSA ETHERN E nella videosorvegli a zoom in zoom in di GIUSEPPE LA ROSA ETHERN E nella videosorvegli a 20 In questo articolo tratteremo delle tecnologie IP applicate alla videosorveglianza; proporremo esempi di connessione di telecamere

Dettagli

Contenuto del pacchetto

Contenuto del pacchetto Contenuto del pacchetto DWL-900AP Trasformatore AC Cavo USB CD d installazione Manuale utente Manuale rapido d installazione Se uno o più componenti dovessero risultare mancanti o danneggiati, contattare

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Dal protocollo IP ai livelli superiori

Dal protocollo IP ai livelli superiori Dal protocollo IP ai livelli superiori Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Protocollo IP Abbiamo visto che il protocollo IP opera al livello di rete definendo indirizzi a 32 bit detti indirizzi IP che permettono

Dettagli