DNS Domain Name System Dott. Ing. Ivan Ferrazzi V1.2 del 28/02/2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DNS Domain Name System Dott. Ing. Ivan Ferrazzi V1.2 del 28/02/2013"

Transcript

1 DNS Domain Name System Dott. Ing. Ivan Ferrazzi V1.2 del 28/02/2013 1/17

2 Copyright 2013 Dott.Ing. Ivan Ferrazzi Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. 2/17

3 3/17

4 Indice generale Introduzione...4 Risoluzione dei nomi di dominio e degli indirizzi IP...4 Risoluzione DNS...4 Risoluzione inversa...5 Installazione di Bind9...5 File di configurazione...5 /etc/bind/named.conf...5 /etc/bind/named.conf.options...7 /etc/bind/named.conf.local...7 Esempio...7 Esempio di zona per il resolving DNS...8 File di configurazione per la zona test.lan...8 Esempio di zona per il reverse resolving (risoluzione inversa) DNS...10 File di configurazione per la zona in-addr.arpa...10 Verificare il corretto funzionamento...11 DNS primario e secondario...12 Configurazione del DNS primario...13 Configurazione del DNS secondario...13 Ultimi accorgimenti /17

5 Introduzione Domain Name System, chiamato comunemente DNS, è il sistema utilizzato in rete per la risoluzione dei nomi di dominio. Un DNS viene utilizzato come un libro telefonico virtuale: per un determinato nome viene restituito il numero di telefono. Quando utilizziamo il telefono possiamo utilizzare solamente i numeri, per questo motivo diventa fondamentale avere un sistema di ricerca efficace. Con il DNS abbiamo esattamente la stessa cosa: per un nome di dominio viene restituito l'apposito indirizzo IP. Risoluzione dei nomi di dominio e degli indirizzi IP La funzione di risoluzione dei nomi avviene in due modi diversi. Uno permette di risolvere un nome di dominio e restituire l'apposito indirizzo IP (risoluzione DNS), mentre l'altro restituisce il nome di dominio per uno specifico indirizzo IP (risoluzione inversa). Risoluzione DNS Il classico esempio di risoluzione DNS lo troviamo nelle connessioni browserwebserver. Nel browser inseriamo il nome di dominio del quale vogliamo vedere il relativo sito internet. Quando inseriamo il nome di dominio all'interno del nostro browser come prima cosa viene contattato un DNS. Questo restituisce al nostro browser l'indirizzo IP relativo al nome di dominio che ci interessa. Con l'indirizzo Ip ricevuto viene stabilita la connessione con il webserver desiderato. La risoluzione del nome di dominio avviene da destra verso a sinistra. Prima di inviare la relativa richiesta al DNS il browser aggiunge un punto (.) dopo al nome di dominio inserito. Se prendiamo come esempio: la richiesta che verrà inviata sarà Il punto finale identifica DNS Root, ossia i DNS principali presenti in internet. Dai Root-DNS si passerà ai DNS che gestiscono la parte di dominio info, poi quelli che gestiscono la parte ferrazzi, ed infine si arriva ai DNS che allo al loro interno le informazioni relative al hostname www del rispettivo dominio. 5/17

6 Risoluzione inversa Ci sono alcuni casi dove è indispensabile la risoluzione inversa. Uno di questi casi è nella gestione di trasferimento della posta elettronica. Quando un MTA (Message Transfer Agent) deve contattare un altro MTA per l'invio di un messaggio di posta elettronica, questo richiede come prima cosa la risoluzione del dominio di appartenenza dell'indirizzo di destinazione. Per essere sicuro dell'esistenza del corretto MTA di destinazione l'mta di partenza richiede una risoluzione inversa dell'indirizzo IP inviatoli dal rispettivo DNS. Se questi due valori corrispondono manda avanti l' , altrimenti no. Quando viene inviata al DNS la richiesta di risoluzione inversa l'indirizzo IP viene mandato all'incontrario con l'aggiunta di in-addr.arpa. Se viene richiesta la risoluzione inversa per l'indirizzo IP come richiesta verrà mandata la seguente struttura in-addr.arpa Capire queste strutture aiuta a configurare in maniera corretta il nostro server DNS. Installazione di bind9 Come DNS utilizziamo bind9 e lo installiamo concatenando apt-get install bind9 File di configurazione Dopo l'installazione troviamo tutti i file di configurazione necessari all'interno della cartelle /etc/bind. /etc/bind/named.conf Questo è il file principale che contiene la configurazione di bind9. Vediamo un esempio: include /etc/bind/named.conf.options ; 6/17

7 zone. { type hint; file /etc/bind/db.root ; zone localhost { type master; file /etc/bind/db.local ; zone 127.in-addr.arpa { type master; file /etc/bind/db.127 ; zone 0.in-addr.arpa { type master; file /etc/bind/db.0 ; zone 255.in-addr.arpa { type master; file /etc/bind/db.255 ; include /etc/bind/named.conf.local ; All'interno di questo file troviamo come prima cosa un include che permette di includere una parte di configurazione che si trova in un altro file. In questo caso viene incluso il contenuto del file /etc/bind/named.conf.options, spiegato qui di seguito. Poi troviamo i blocchi che definiscono le zone conosciute dal nostro DNS server. Le zone si definiscono utilizzando la parola zone seguita da una stringa che identifica la prima parte (partendo da destra verso sinistra) della richiesta fatta al DNS, così come il blocco tra parentesi graffe ({...}) che contiene i parametri che ne decidono il comportamento. Vediamo quindi brevemente a quale richiesta corrisponde quale zona. Teniamo sempre presente l'ordine delle richieste per quanto riguarda la risoluzione inversa e soprattutto l'aggiunta della sigla.in-addr.arpa: zone richiesta DNS richiesta. per.qualsiasi.dom. per.qualsiasi.dom Localhost localhost. localhost 127.in-addr.arpa x.y.z.127.in-addr.arpa 127.x.y.z 0.in-addr.arpa x.y.z.0.in-addr.arpa 0.x.y.z 255.in-addr.arpa x.y.z.255.in-addr.arpa 255.x.y.z Come configurazione per le singole zone troviamo le impostazioni type e file. L'impostazione type permette di definire il tipo di zona, quindi come verrà gestita la zona, mentre file permette di indicare il file di configurazione che definisce effettivamente la risoluzione delle richieste per una rispettiva zona. I valori che vengono più utilizzati per quanto riguarda l'impostazione type sono: hint, master, oppure slave. Con hint identifichiamo le zone che, per risolvere un 7/17

8 determinato nome, mandano avanti la richiesta ai DNS Root, ossia i DNS principali presenti all'interno di internet. Viene utilizzato master quando si identifica il proprio server come responsabile per la risoluzione di informazioni relative alla zona in questione, slave quando si configura una zona su un server DNS secondario, che recupera eventuali modifiche da un server DNS master configurato per la medesima zona. Infine troviamo un nuovo include che permette di recuperare le informazioni presenti all'interno del file /etc/bind/named.conf.local descritto più avanti. /etc/bind/named.conf.options Questo file contiene la configurazione per il comportamento base del nostro DNS server. Vediamo un esempio: options { directory /var/cache/bind ; #forwarders { # ; # ; # All'interno del blocco options viene definita con l'impostazione directory la cartella da utilizzare per memorizzare (caching) le informazioni recuperate da richieste precedenti. Per le richieste successive bind9 controllerà come prima cosa la presenza dell'eventuale risoluzione all'interno di questa cartella. In questo caso riusciamo a risolvere in maniera molto più veloce richieste eseguite precedentemente. Nel caso in cui si volesse utilizzare il DNS primario e/o secondario del nostro ISP, si dovrebbe inserire i rispettivi indirizzi IP nel blocco forwarders. Questo eviterebbe le richieste inviate direttamente ai DNS Root e permetterebbe quindi di velocizzare la risoluzione di nomi di dominio esterni. options { directory /var/cache/bind ; forwarders { ; ; /etc/bind/named.conf.local Inizialmente questo file è vuoto e lo possiamo utilizzare successivamente per aggiungere le zone relative ai nostri domini. 8/17

9 Esempio Vediamo in base ad un esempio pratico come configurare il nostro server DNS con indirizzo IP Il nostro dominio è test.lan. Al suo interno abbiamo un webserver identificato dal nome con indirizzo IP e un mailserver identificato dal nome mail.test.lan con indirizzo IP Esempio di zona per il resolving DNS Vediamo ora un semplice esempio che permetterà al nostro server DNS di risolvere i nomi di dominio presenti all'interno della nostra rete. Nel file di configurazione /etc/bind/named.conf.local dichiariamo la zona che ci interessa. Nel nostro caso vogliamo definire una zona che risponda al dominio test.lan: zone test.lan { type master; file /etc/bind/db.test.lan ; notify no; Notiamo la riga aggiuntiva notify no che evita l'invio delle informazioni relative a questa zona ai DNS server di livello superiore. File di configurazione per la zona test.lan Una volta definita la zona dobbiamo creare il rispettivo file di configurazione. Il file, come definito nella zona, deve avere il nome /etc/bind/db.test.lan. Creiamo il file e scriviamo quanto segue: $TTL IN SOA ns.test.lan. root.test.lan. ( ; Serial ; Refresh ; Retry ; Expire ) ; Negative cache TTL IN NS IN MX 10 mail.test.lan. ns IN A mail IN A www IN A L'indicazione $TTL determina in secondi il valore time to live, ossia quando 9/17

10 deve rimanere all'interno della cache risoluzione relative a questa zona. Poi troviamo il che all'interno di questo file sostituisce la stringa che identifica la zona (nel nostro caso quindi test.lan). IN definisce il tipo di richiesta ossia Internet, mentre SOA sta per Start Of Authority e identifica i parametri principali dell'authotiry, ossia del responsabile di questa zona. Poi troviamo il hostname del server (ns.test.lan) e l' del responsabile (root.test.lan). Non potendo per la definizione dell' la sostituiamo con il punto (.). Quindi trasformiamo l'indirizzo di posta elettronica in root.test.lan. Nel blocco tra parentesi troviamo i parametri di base, separati da un punto e virgola, che identificano il comportamento del DNS server della nostra zona in caso di DNS secondario. Partendo dal primo in alto i parametri sono: Serial Refresh Retry Expire TTL Questo numero è composto normalmente dalla data di aggiornamento scritta nella forma inversa (aaaammgg) con l'aggiunta di un numero progressivo che viene incrementato ad ogni modifica. Questo valore viene utilizzato dal serve secondario per verificare se la versione attualmente presente è da aggiornare o è già la versione più recente. Questo valore rappresenta il tempo in secondo che devono trascorrere prima che il server secondario richieda al server primario eventuali aggiornamenti. Nel caso in cui l'aggiornamento non dovesse andare a buon fine, il server secondario attende il tempo (in secondi) definito qui prima di effettuare un nuovo tentativo. Se il server secondario non dovesse riuscire ad effettuare un aggiornamento nel tempo definito da questo parametro la zone verrebbe classificata estinta. Definisce il periodo di vita di un inserimento nella cache. Attenzione! Bind riconosce come nome completo solo quelli che terminano con un punto (.), ad esempio ns.test.lan.. I nomi che non contengono un punto finale vengono automaticamente completati con un punto ed il valore ns diventerebbe quindi ns.test.lan, ma ns.test.lan (quindi senza punto finale) diventerebbe ns.test.lan.test.lan. Le righe seguenti identificano il hostname, il tipo di richiesta (normalmente IN), la classe e la rispettiva risoluzione (ad eccezione della classe MX). Le classi più utilizzate all'interno di questo file di configurazione sono: 10/17

11 NS MX CNAME A Identifica il nameserver definito per la rispettiva zona. La rispettiva risoluzione deve contenere il hostname del nameserver per il quale deve essere presente all'interno dello stesso file anche un inserimento di classe A. Almeno una di queste righe deve essere presente all'interno di questo file. Identifica l'eventuale mailserver definito per la rispettiva zona. In questo caso viene aggiunto prima della classe un numero che ne identifica la priorità. Nel caso in cui ci fossero mailserver diversi verrebbe preso prima quello con il numero di priorità più basso. La rispettiva risoluzione deve contenere il hostname per il quale deve essere presente all'interno dello stesso file anche un inserimento di classe A. Identifica un canonical name. Questa classe permette di definire degli alias, in pratica possiamo definire più hostname che vengono poi indirizzati verso ad un preciso inserimento di classe A. La rispettiva risoluzione deve contenere anche qui il hostname per il quale deve essere presente all'interno dello stesso file anche un inserimento di classe A. Identifica l'effettiva risoluzione finale, ossia l'indirizzo IP che va restituito per la rispettiva risoluzione del hostname identificato. Esempio di zona per il reverse resolving (risoluzione inversa) DNS Vediamo ora un semplice esempio che permetterà al nostro server DNS di effettuare la risoluzione inversa, ossia la risoluzione di indirizzi IP. Nel file di configurazione /etc/bind/named.conf.local dichiariamo la zona che ci interessa. Nel nostro caso vogliamo definire una zona che risponda al dominio in-addr.arpa: zone in-addr.arpa { type master; file /etc/bind/db ; notify no; File di configurazione per la zona in-addr.arpa Una volta definita la zona dobbiamo creare il rispettivo file di configurazione. Il file, come definito nella zona, deve avere il nome /etc/bind/db Creiamo il file e scriviamo quanto segue: 11/17

12 $TTL IN SOA ns.test.lan. root.test.lan. ( ; Serial ; Refresh ; Retry ; Expire ) ; Negative cache TTL IN NS ns.test.lan. 1 IN PTR ns.test.lan. 11 IN PTR mail.test.lan. 10 IN PTR La prima parte di questo blocco è (e rimane) identica alla prima parte del file precedentemente spiegato. Una delle differenze più importanti riguarda il In questo caso il nome della zona per questo file non è più test.lan, ma in-addr.arpa. Questo significa che dobbiamo scrivere per intero i vari nomi di dominio. Definire quindi all'interno di questo file un semplice ns porterebbe al risultato ns in-addr.arpa che non corrisponde a quello che si vuole ottenere. Possiamo però, come si nota nelle ultime righe, evitare di scrivere l'indirizzo richiesto per esteso. 1 diventerebbe quindi in-addr.arpa che è invece quello che interessa a noi. La classe aggiuntiva che troviamo all'interno di questo file è la seguente: PTR Identifica il puntatore (pointer) verso il hostname da restituire in caso di richieste effettuate sul rispettivo indirizzo IP. Verificare il corretto funzionamento Prima di poter verificare il corretto funzionamento dobbiamo riavviare il nostro DNS server come segue /etc/init.d/bind9 restart Poi utilizziamo il comando dig che permette di effettuare delle richieste ad uno specifico nameserver. Utilizziamo il comando come segue: dig {host -x ip_address} Per verificare la corretta risoluzione del nameserver possiamo digitare: 12/17

13 per effettuare la risoluzione inversa dobbiamo utilizzare il parametro -x come segue: -x oppure in-addr.arpa La tabella che vediamo come risposta deve contenere un risultato simile a questo: ;; QUESTION SECTION: ;www.test.lan. IN A ;; ANSWER SECTION: IN A ;; AUTHORITY SECTION: test.lan IN NS ns.test.lan ;; ADDITIONAL SECTION: ns.test.lan IN A Per rendere definito l'utilizzo del nostro DNS server possiamo inserire il rispettivo indirizzo IP nel file di configurazione /etc/resolv.conf di ogni pc che deve utilizzare il nostro server come DNS, come segue: nameserver DNS primario e secondario Per motivi di continuità di messa a disposizione del servizio DNS possiamo configurare un DNS primario ed uno secondario che vengono sincronizzati ad intervalli di tempo predefiniti. Tutti e due i server vengono installati e configurati alla stessa maniera. Vediamo qui di seguito le modifiche necessarie sui due server per rendere possibile la sincronizzazione. Prima di passare alla configurazione dei due server creiamo la chiave 13/17

14 necessaria per effettuare la sincronizzazione delle informazioni in maniera criptata. Con il seguente comando creiamo quanto serve: dnssec-keygen -a hmac-md5 -b 128 -n host test.lan Questo programma crea due file Ktest.lan*.key e Ktest.lan*.private. Il file che serve a noi è il file con estensione.private. Se lo apriamo vediamo un qualcosa di simile a: Private-key-format: v1.2 Algorithm: 157 (HMAC_MD5) Key: SKS6HJbtRsVJAbvU2jly/Q== Bits: AAA= Il valore presente dopo a Key: verrà utilizzato più avanti per configurare la chiave necessaria alla connessione criptata. Configurazione del DNS primario Come prima cosa modifichiamo il file che definisce la zona di appartenenza /etc/bind/db.test.lan come segue: $TTL IN SOA ns.test.lan. root.test.lan. ( ; Serial ; Refresh ; Retry ; Expire ) ; Negative cache TTL IN NS IN NS IN MX 10 mail.test.lan. ns IN A ns2 IN A mail IN A www IN A Poi passiamo al file /etc/bind/named.conf.options e aggiungiamo all'interno del blocco options quanto segue: dnssec-enable yes; Nel file /etc/bind/rndc.key aggiungiamo: key TRANSFER { algorithm hmac-md5; secret SKS6HJbtRsVJAbvU2jly/Q== ; 14/17

15 Nella stringa presente vicino alla parola di comando secret va inserita la chiave presente all'interno del file *.private creato precedentemente. Poi includiamo questo file all'interno del file /etc/bind/named.conf. Ed inseriamo il blocco server che identifica la chiave da utilizzare per il server secondario. Inseriamo quindi le seguenti righe: include /etc/bind/rndc.key ; server { keys { TRANSFER; Inoltre modifichiamo il file /etc/bind/named.conf.local per abilitare il trasferimento dei file. Ricordiamoci di togliere il notify no per abilitare anche la notifica tra i due server. La zona viene quindi definita come segue: zone test.lan { type master; allow-transfer { ; file /etc/bind/db.test.lan ; Configurazione del DNS secondario Come prima cosa modifichiamo il file /etc/bind/named.conf.options e aggiungiamo all'interno del blocco options quanto segue: dnssec-enable yes; Nel file /etc/bind/rndc.key aggiungiamo: key TRANSFER { algorithm hmac-md5; secret SKS6HJbtRsVJAbvU2jly/Q== ; Nella stringa presente vicino alla parola di comando secret va inserita la chiave presente all'interno del file *.private creato precedentemente. Poi includiamo questo file all'interno del file /etc/bind/named.conf. Ed inseriamo il blocco server che identifica la chiave da utilizzare per il server primario. Inseriamo quindi le seguenti righe: include /etc/bind/rndc.key ; server { keys { 15/17

16 TRANSFER; Inoltre dobbiamo modificare leggermente la configurazione del blocco per la zona presente nel file /etc/bind/named.conf.local come segue: zone test.lan { type slave; file /etc/bind/db.slave_test.lan ; masters { ; allow-transfer { ; allow-notify { ; } Il file relativo a questa zona, ossia /etc/bind/db.slave_test.lan, non va creato manualmente ma viene creato automaticamente dopo una sincronizzazione. Pertanto dobbiamo controllare i diritti di accesso di bind9 sulla cartella in questione, ossia /etc/bind/. Il processo di bind9 viene eseguito con l'utente bind e il relativo omonimo gruppo. Per questo motivo possiamo modificare il gruppo di appartenenza della cartella assegnandole bind come segue: chown :bind /etc/bind Tutti i processi appartenenti al gruppo bind (e quindi anche bind9) dovranno avere il diritto di creare nuovi file all'interno della cartella. Modifichiamo quindi i permessi come segue: chmod 775 /etc/bind Ultimi accorgimenti Come ultima cosa riavviamo entrambi i server e installiamo ntpdate utilizzato per la sincronizzazione dei clock come segue: apt-get -y install ntpdate Verifichiamo la data e l'orario con date. Se non fossero sincronizzati possiamo far partire il comando ntpdate con uno specifico server ntp con ntpdate it.pool.ntp.org Dopodiché dovremmo vedere apparire il file /etc/bind/db.slave_test.lan che 16/17

17 verrà creato alla prima sincronizzazione (normalmente subito all'avvio del DNS secondario). Nel caso in cui dovessero visualizzarsi degli errori riguardante la chiave utilizzata possiamo ricaricarla con il comando rndc reload Possiamo comunque verificare la sincronizzazione dei due DNS dal logfile /var/log/syslog come segue: tail -f /var/log/syslog 17/17

Laboratorio di Reti Esercitazione N 2-DNS Gruppo 9. Laboratorio di Reti Relazione N 2. Mattia Vettorato Alberto Mesin

Laboratorio di Reti Esercitazione N 2-DNS Gruppo 9. Laboratorio di Reti Relazione N 2. Mattia Vettorato Alberto Mesin Laboratorio di Reti Relazione N 2 Gruppo N 9 Mattia Vettorato Alberto Mesin Scopo dell'esercitazione Configurare un Name Server per un dominio, in particolare il nostro dominio sarà gruppo9.labreti.it.

Dettagli

Lezione 11 Livello Applicativo bind (DNS)

Lezione 11 Livello Applicativo bind (DNS) Lezione 11 Livello Applicativo bind (DNS) Università degli Studi di Milano Insegnamento di Terminologia - 1 ISO/OSI (Open System Interconnection) Standard de iure che organizza l'architettura di una rete

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

DynDNS tra Client e server Linux Ubuntu (Client 12.10 e server 8.04 LTS)

DynDNS tra Client e server Linux Ubuntu (Client 12.10 e server 8.04 LTS) DynDNS tra Client e server Linux Ubuntu (Client 12.10 e server 8.04 LTS) Di base tutti i pacchetti che servono per mettere in marcia questo servizio sono già installati sia sul server che nel client, nelle

Dettagli

Realizzazione di un servizio DNS su piattaforma Linux e Solaris con ISC BIND. 192.168.2.12 master12 192.168.2.0/24 192.168.1.0/24

Realizzazione di un servizio DNS su piattaforma Linux e Solaris con ISC BIND. 192.168.2.12 master12 192.168.2.0/24 192.168.1.0/24 Servizi DNS Esercitazione Realizzazione di un servizio DNS su piattaforma Linux e Solaris con ISC BIND. Informazioni preliminari File di configurazione: {chroot}/etc/named.conf File eseguibili: named Utente

Dettagli

Indirizzi e nomi: il DNS

Indirizzi e nomi: il DNS Indirizzi e nomi: il DNS Alla base del sistema esiste il nome di dominio, che è la forma con cui si rappresenta un indirizzo attraverso una denominazione strutturata esempio 4/29/10 1 I nomi di dominio

Dettagli

(Domain Name System) DNS (Domain Name System) Architettura del DNS DNS. A.Lioy - Politecnico di Torino (2013) B-1. Antonio Lioy < lioy@polito.

(Domain Name System) DNS (Domain Name System) Architettura del DNS DNS. A.Lioy - Politecnico di Torino (2013) B-1. Antonio Lioy < lioy@polito. (Domain Name System) (Domain Name System) Antonio Lioy < lioy@polito.it > Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica (Domain Name System) è il sistema scelto da Internet per mantenere la corrispondenza

Dettagli

DHCP-DNS Di Giuseppe Latini

DHCP-DNS Di Giuseppe Latini DHCP-DNS Di Giuseppe Latini Prima di entrare nel vivo della configurazione dei demoni, spendiamo due parole per spiegare l utilità di questi due servizi di rete. DHCP vuol dire: Dynamic Host Configuration

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Protocolli applicativi: DNS I lucidi presentati

Dettagli

Università di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria. Lezione 6

Università di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria. Lezione 6 Università di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Corso di Progettazione di Reti e Sistemi Informatici, a.a. 2010/2011 Dott. Emiliano Casalicchio Lezione 6 19 Maggio 2011 Argomenti di questa lezione

Dettagli

Sistemi e Servizi di TLC. Lezione N. 6. Il servizio DNS (Domain Name System)

Sistemi e Servizi di TLC. Lezione N. 6. Il servizio DNS (Domain Name System) Sistemi e Servizi di TLC Lezione N. 6 Il servizio DNS (Domain Name System) 1 Nomi logici e indirizzi IP Gli indirizzi IP utilizzati per identificare univocamente i dispositivi connessi alla rete (router

Dettagli

Corso per Tutor C2 CEFRIEL Politecnico di Milano Relazione sull attività del 5 maggio 2003

Corso per Tutor C2 CEFRIEL Politecnico di Milano Relazione sull attività del 5 maggio 2003 Argomenti sviluppati: - Il protocollo DHCP e le sue applicazioni: - Configurazione e gestione del pool di indirizzi in Linux - Configurazione indirizzi statici in Linux - Il protocollo DNS e le sue implementazioni

Dettagli

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail Xerox WorkCentre M118i Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail 701P42705 Questa guida fornisce un riferimento rapido per l'impostazione della funzione Scansione su e-mail su Xerox WorkCentre

Dettagli

CONFIGURAZIONE DNS INDICE

CONFIGURAZIONE DNS INDICE Progetto Configurazione DNS Versione 1.0 beta 2 Data 28/09/2002 16.34 Autore Julien Buratto Cliente Linkas Srl CONFIGURAZIONE DNS INDICE TEORIA...2 COSA CONVERTE...2 DOMINIO E ZONA...2 In blu sono segnalati

Dettagli

Introduzione ad Active Directory. Orazio Battaglia

Introduzione ad Active Directory. Orazio Battaglia Introduzione ad Active Directory Orazio Battaglia Introduzione al DNS Il DNS (Domain Name System) è un sistema utilizzato per la risoluzione dei nomi dei nodi della rete (host) in indirizzi IP e viceversa.

Dettagli

Domini Virtual Server

Domini Virtual Server Domini Virtual Server Pannello di controllo Manuale Utente Pannello di controllo domini e virtual server - Manuale utente ver. 2.0 Pag. 1 di 18 Sommario INFORMAZIONI GENERALI... 3 Virtual Server... 3 ACCESSO

Dettagli

Risoluzione dei nomi. 33.1 Indirizzi e nomi...3603

Risoluzione dei nomi. 33.1 Indirizzi e nomi...3603 3601 Risoluzione dei nomi Capitolo 33 33.1 Indirizzi e nomi...................................3603 33.1.1 Configurazione del tipo di conversione: file /etc/host.conf»................................3603

Dettagli

Domain Name System (DNS)

Domain Name System (DNS) Prof. Roberto De Prisco Domain Name System (DNS) Riferimento: Comer, Cap. 24 Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica Indirizzi IP e nomi 2 Indirizzo IP identifica un host su Internet

Dettagli

Node.js Introduzione alla programmazione Dott. Ing. Ivan Ferrazzi V1.0 del 05/11/2012

Node.js Introduzione alla programmazione Dott. Ing. Ivan Ferrazzi V1.0 del 05/11/2012 Node.js Introduzione alla programmazione Dott. Ing. Ivan Ferrazzi V1.0 del 05/11/2012 1/15 Copyright 2012 Dott.Ing. Ivan Ferrazzi Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under

Dettagli

Corso di recupero di sistemi Lezione 8

Corso di recupero di sistemi Lezione 8 Corso di recupero di sistemi Lezione 8 a.s. 2011/2012 - Prof. Fabio Ciao 24 aprile 2012 Reti TCP/IP Una rete TCP/IP è una rete locale o geografica che utilizza protocolli TCP/IP con i primi 2 livelli una

Dettagli

1/20 Segnali Analogici e Digitali Franco Moglie Istituto di Elettromagnetismo e Bioingegneria Università Politecnica delle Marche Ultimo aggiornamento: 15 gennaio 2005 2/20 GNU Free Documentation License

Dettagli

Area Clienti Tiscali Hosting e Domini

Area Clienti Tiscali Hosting e Domini Area Clienti Tiscali Hosting e Domini Manuale Utente Area Clienti Tiscali Hosting e Domini - Manuale utente Pag. 1 di 20 Sommario INFORMAZIONI GENERALI... 3 ACCESSO ALL AREA CLIENTI TISCALI HOSTING E DOMINI...

Dettagli

Risoluzione dei nomi. 33.1 Indirizzi e nomi

Risoluzione dei nomi. 33.1 Indirizzi e nomi a2» 2013.11.11 --- Copyright Daniele Giacomini -- appunti2@gmail.com http://informaticalibera.net 1499 Risoluzione dei nomi Capitolo 33 33.1 Indirizzi e nomi...................................1499 33.1.1

Dettagli

Installazione di NoCat

Installazione di NoCat Servizio Calcolo e Reti Pavia, 15 Agosto 2006 Installazione di NoCat Andrea Rappoldi 1 Introduzione 2 Migliorie apportate Quando un client stabilsce per la prima volta la connessione http o https con il

Dettagli

20. DNS: Il Domain Name System

20. DNS: Il Domain Name System 20. DNS: Il Domain Name System 20.1 Introduzione È un database distribuito usato dalle applicazioni TCP/IP che: Mappa hostname su IP address Mappa IP address su hostname Fornisce informazione di routing

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Introduzione al Dns. Loredana Pillitteri. Semplificazione della gestione e delega amministrativa Pisa - CNR - ISTI dicembre 2003

Introduzione al Dns. Loredana Pillitteri. Semplificazione della gestione e delega amministrativa Pisa - CNR - ISTI dicembre 2003 Introduzione al Dns Semplificazione della gestione e delega amministrativa Pisa - CNR - ISTI dicembre 2003 Cos è il DNS Lo spazio dei nomi ed indirizzi IP Tipi record migrazione nuovo dominio ISTI migrazione

Dettagli

STAMPANTI SUPPORTATE

STAMPANTI SUPPORTATE STAMPARE CON LINUX Il presente testo non e' esaustivo, ossia non analizza tutte le possibili soluzioni di stampa utilizzando elaboratori che utilizzano linux. Anzi, le panoramiche illustrate sono scelte

Dettagli

Daniele Vannozzi Istituto Applicazioni Telematiche Via S. Maria, 36 56126 Pisa Daniele.Vannozzi@iat.cnr.it

Daniele Vannozzi Istituto Applicazioni Telematiche Via S. Maria, 36 56126 Pisa Daniele.Vannozzi@iat.cnr.it Daniele Vannozzi Istituto Applicazioni Telematiche Via S. Maria, 36 56126 Pisa Daniele.Vannozzi@iat.cnr.it Argomenti trattati le funzioni del lo spazio dei nomi interazioni tra nameserver e resolver configurazione

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Manuale Configurazione dei Servizi Web di III livello

Manuale Configurazione dei Servizi Web di III livello Manuale Configurazione dei Servizi Web di III livello Configurazione dei servizi web di III livello Pag. 1 di 18 INDICE 1 Registrazione alla piattaforma Shared Hosting...3 2 Pannello di Controllo...4 3

Dettagli

OCCHIO AL DOWNLOAD E UPLOAD!!!

OCCHIO AL DOWNLOAD E UPLOAD!!! OCCHIO AL DOWNLOAD E UPLOAD!!! DIRITTI DI PROPRIETA INDUSTRIALE TUTELANO ANCHE TE!!! Lezione n 8 RETE INTERNET DOMAIN NAME -Nativi digitali e Internet- Prof.ssa Cristina Daperno Prof. Aldo Ribero Prof.

Dettagli

Mini-guida per l installazione di una rete locale

Mini-guida per l installazione di una rete locale Mini-guida per l installazione di una rete locale Anno Accademico 2001/2002 Dott. Gianni Verduci verduci@disi.unige.it Maggio, 2002 Prerequisiti 1. Hardware: PC, schede, cavi e apparati di rete 2. Software:

Dettagli

MS Outlook to Unix Mailbox Conversion mini HOWTO

MS Outlook to Unix Mailbox Conversion mini HOWTO MS Outlook to Unix Mailbox Conversion mini HOWTO Greg Lindahl, lindahl@pbm.com v1.4, 2004-01-08 Questo mini HOWTO tratta la conversione di e-mail da Microsoft Outlook (non Outlook Express) al tipico formato

Dettagli

INDICE. - 1 - dns & bind

INDICE. - 1 - dns & bind INDICE INTRODUZIONE... - 3 - ARCHITETTURA E PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO DEL DNS... - 4 - DOMINI...- 5 - IL DNS DI INTERNET...- 6 - IL CONCETTO DI DELEGA...- 7 - NAME SERVER E ZONE...- 7 - DELEGA DEI SOTTODOMINI...-

Dettagli

Mini-guida per l installazione di una rete locale

Mini-guida per l installazione di una rete locale Mini-guida per l installazione di una rete locale Anno Accademico 2001/2002 Versione 1.13 20020509 Dott. Gianni Verduci verduci@disi.unige.it Maggio, 2002 Indice 1 Situazione di partenza 2 2 Un pó di teoria

Dettagli

Gruppo Utenti Linux Cagliari h...

Gruppo Utenti Linux Cagliari h... Realizzare una piccola rete privata Marco Marongiu Gruppo Utenti Linux Cagliari Sommario Materiale occorrente Configurazione NAT Configurazione server DNS interno Configurazione server DHCP interno Configurazione

Dettagli

EasyDNS2. Manuale d uso L EVOLUZIONE DEI SERVIZI DOMAIN NAME SYSTEM

EasyDNS2. Manuale d uso L EVOLUZIONE DEI SERVIZI DOMAIN NAME SYSTEM EasyDNS2 L EVOLUZIONE DEI SERVIZI DOMAIN NAME SYSTEM Manuale d uso TERMINOLOGIA IL PANNELLO DI CONTROLLO ELEMENTI DELL INTERFACCIA COMUNI IL TAB CNAME IL TAB MX IL TAB SOA IL TAB TXT IL TAB CUSTOM RECORDS

Dettagli

SHAREPOINT INCOMING E-MAIL. Configurazione base

SHAREPOINT INCOMING E-MAIL. Configurazione base SHAREPOINT INCOMING E-MAIL Configurazione base Versione 1.0 14/11/2011 Green Team Società Cooperativa Via della Liberazione 6/c 40128 Bologna tel 051 199 351 50 fax 051 05 440 38 Documento redatto da:

Dettagli

MANUALE UTENTE Configurazione dei servizi web di III livello

MANUALE UTENTE Configurazione dei servizi web di III livello MANUALE UTENTE Configurazione dei servizi web di III livello Indice 1 REGISTRAZIONE ALLA PIATTAFORMA SHARED HOSTING...3 2 PANNELLO DI CONTROLLO...4 3 GESTIONE DNS...13 3.1 Il file di zona...13 3.2 Pannello

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (prima parte) DNS DHCP FTP SMTP

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (prima parte) DNS DHCP FTP SMTP Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 9 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (prima parte) DNS DHCP FTP SMTP I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati sotto una licenza Creative Commons License.

Dettagli

Domain Name System: DNS

Domain Name System: DNS Domain Name System: DNS Nomi simbolici Gerarchia dei nomi Gerarchia dei DNS Risoluzione dei nomi Caching e abbreviazioni Descrittori di risorsa Nomi simbolici Tutte le applicazioni Internet usano indirizzi

Dettagli

Domain Name System: DNS

Domain Name System: DNS Domain Name System: DNS Nomi simbolici Gerarchia dei nomi Gerarchia dei DNS Risoluzione dei nomi Caching e abbreviazioni Descrittori risorsa Nomi simbolici Tutte le applicazioni Internet usano inrizzi

Dettagli

Sulla risoluzione degli indirizzi IP Parte II Domain Name System

Sulla risoluzione degli indirizzi IP Parte II Domain Name System Sulla risoluzione degli indirizzi IP Parte II Domain Name System Stefano Bonacina (*), Francesca Giuratrabocchetti (**), Davide Stefanoni (***) (*) Dottorato di Ricerca in Bioingegneria XVI ciclo Politecnico

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10 Giovedì 9-04-2015 1 Database distribuiti e gerarchici

Dettagli

parte di un elaboratore client. Tale tempo e' espresso in secondi. da parte di un elaboratore. da rilasciare ai client agli elaboratori client

parte di un elaboratore client. Tale tempo e' espresso in secondi. da parte di un elaboratore. da rilasciare ai client agli elaboratori client Piccola guida su come offrire i servizi dhcp e named coordinandoli tra loro. In sostanza, dhcp oltre a rilasciare un indirizzo ip valido ai client che ne fanno richiesta, provvedera' ad aggiornare i files

Dettagli

DNS. (con speciale attenzione all implementazione DNS di Microsoft)

DNS. (con speciale attenzione all implementazione DNS di Microsoft) DNS (con speciale attenzione all implementazione DNS di Microsoft) 1 Concetti Generali (1) Risoluzione dei Nomi in Indirizzi e viceversa Gestione gerarchica del sistema di denominazione dei computer Database

Dettagli

CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP

CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP DISPENSA LEZIONE 1 Autore D. Mondello Transazione di dati in una richiesta di sito web Quando viene effettuata la richiesta di un sito Internet su un browser, tramite

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

Connessioni e indirizzo IP

Connessioni e indirizzo IP Connessioni e indirizzo IP Questo argomento include le seguenti sezioni: "Installazione della stampante" a pagina 3-2 "Impostazione della connessione" a pagina 3-6 Installazione della stampante Le informazioni

Dettagli

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 8 DNS (cont)

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 8 DNS (cont) INFORMATICA DISTRIBUITA prof. lez 8 DNS (cont) Università degli Studi di Milano Scienze e Tecnologie della Comunicazione Musicale a.a. 2009-2010 DNS: Domain Name System Indirizzamento di una macchina (host)

Dettagli

Domain Name Service. Mario BALDI. Silvano GAI. Fulvio RISSO. http://staff.polito.it/mario.baldi. sgai[at]cisco.com. fulvio.risso[at]polito.

Domain Name Service. Mario BALDI. Silvano GAI. Fulvio RISSO. http://staff.polito.it/mario.baldi. sgai[at]cisco.com. fulvio.risso[at]polito. Domain Name Service Mario BALDI http://staff.polito.it/mario.baldi Silvano GAI sgai[at]cisco.com Fulvio RISSO fulvio.risso[at]polito.it DNS - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nomi e Indirizzi Nomi mnemonici:

Dettagli

Telematica II 14. DNS Domain Name Service

Telematica II 14. DNS Domain Name Service Domain Name System () - finalità è un servizio per ottenere un altro servizio (HTTP, FTP, SMTP, ecc) Telematica II 14. Domain Name Service è un servizio che realizza una corrispondenza fra gli indirizzi

Dettagli

FIREWALL iptables V1.1 del 18/03/2013

FIREWALL iptables V1.1 del 18/03/2013 FIREWALL iptables V1.1 del 18/03/2013 1/18 Copyright 2013 Dott.Ing. Ivan Ferrazzi Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License,

Dettagli

Petra Firewall 2.8. Guida Utente

Petra Firewall 2.8. Guida Utente Petra Firewall 2.8 Guida Utente Petra Firewall 2.8: Guida Utente Copyright 1996, 2002 Link SRL (http://www.link.it) Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata, protette da copyright.

Dettagli

Introduzione ai servizi di Linux

Introduzione ai servizi di Linux Introduzione ai servizi di Linux Premessa Adios è un interessante sistema operativo Linux basato sulla distribuzione Fedora Core 6 (ex Red Hat) distribuito come Live CD (con la possibilità di essere anche

Dettagli

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione Livello Applicazione Davide Quaglia 1 Motivazione Nell'architettura ibrida TCP/IP sopra il livello trasporto esiste un unico livello che si occupa di: Gestire il concetto di sessione di lavoro Autenticazione

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS) Funzionamento del DNS. Soluzione centralizzata

SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS) Funzionamento del DNS. Soluzione centralizzata SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS) Ad ogni calcolatore collegato a Internet (host) è associato un indirizzo IP Utilizzo di nomi simbolici da parte degli utenti Necessità di una traduzione dei nomi simbolici

Dettagli

SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS)

SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS) SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS) Ad ogni calcolatore collegato a Internet (host) è associato un indirizzo IP Utilizzo di nomi simbolici da parte degli utenti Necessità di una traduzione dei nomi simbolici

Dettagli

Installazione LAMP. Installare un server lamp su Linux Ubuntu. Per installare un server LAMP in Ubuntu come prima cosa apriamo il terminale:

Installazione LAMP. Installare un server lamp su Linux Ubuntu. Per installare un server LAMP in Ubuntu come prima cosa apriamo il terminale: Installazione LAMP Installare un server lamp su Linux Ubuntu Per installare un server LAMP in Ubuntu come prima cosa apriamo il terminale: Poi copiamo ed incolliamo nel terminale il comando: sudo apt-get

Dettagli

Introduzione al DHCP

Introduzione al DHCP Modulo 8: Applicativi Parte 1: DHCP, Bootp 1 Introduzione al DHCP Per comunicare via TCP/IP un host deve conoscere il proprio indirizzo IP conoscere la propria rete (netmask) conoscere l indirizzo l di

Dettagli

Networking. Notare che le modifiche apportate attraverso ifconfig riguardano lo stato attuale del sistema e non sono persistenti.

Networking. Notare che le modifiche apportate attraverso ifconfig riguardano lo stato attuale del sistema e non sono persistenti. Networking A ogni scheda di rete e' assegnata una o piu' interfacce di rete. Su linux le interfacce di tipo ethernet sono enumerate a partire da eth0. Possiamo alterare la configurazione dell'interfaccia

Dettagli

DHCP... 1 Semplice sessione DHCP:... 2 Configurazione:... 3 DDNS... 8 Creazione manuale chiave per DDNS... 18

DHCP... 1 Semplice sessione DHCP:... 2 Configurazione:... 3 DDNS... 8 Creazione manuale chiave per DDNS... 18 Sommario DHCP... 1 Semplice sessione DHCP:... 2 Configurazione:... 3 DDNS... 8 Creazione manuale chiave per DDNS... 18 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Questo è un servizio di rete che si occupa

Dettagli

Il load balancing DNS-based coinvolge gli indirizzi IP dei server del cluster. 450710 2 6 10 450966 2 * 6 10

Il load balancing DNS-based coinvolge gli indirizzi IP dei server del cluster. 450710 2 6 10 450966 2 * 6 10 Prova intermedia del 31/10/2014 ID gruppo Rapp.te Matricola PC Valutazione Note 426748 1 * 42 9 433041 1 42 9 427803 1 42 9 450710 2 6 10 450966 2 * 6 10 415191 3 * 47 5 Sui web server della farm 1 (quella

Dettagli

Application layer. Protocolli a livello applicativo. Identificatori in Internet. Protocolli a livello applicativo, esempi. Francesco Dalla Libera

Application layer. Protocolli a livello applicativo. Identificatori in Internet. Protocolli a livello applicativo, esempi. Francesco Dalla Libera Protocolli a livello applicativo Application layer Francesco Dalla Libera! In questo livello si trovano diverse tipologie di oggetti: " protocolli di supporto a tutte le applicazioni: # DNS (Domain Name

Dettagli

Il Domain Name System

Il Domain Name System Il Domain Name System Università di Parma - Appunti di Telematica A - per esclusivo uso interno A. Lazzari 2004 GENERALITÀ...1 LA GERARCHIA DEI NOMI DI DOMINIO...2 I RESOURCE RECORD (RR)...3 I PROTOCOLLI

Dettagli

Utilizzo dei Server DNS e relative implicazioni

Utilizzo dei Server DNS e relative implicazioni Utilizzo dei Server DNS e relative implicazioni Una questione di fondamentale importanza è l'impostazione dei Server DNS. Da questi server dipende il buon esito di tutte le risoluzioni dei nomi di dominio

Dettagli

Il DNS e la gestione degli indirizzi IP. Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano

Il DNS e la gestione degli indirizzi IP. Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano Il DNS e la gestione degli indirizzi IP Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano Indirizzi fisici e indirizzi astratti Ogni macchina all interno di una rete è identificata da un indirizzo hardware

Dettagli

Reti 4 Posta elettronica La posta elettronica o email, serve per mandare messaggi ad amici e colleghi. Con essa le aziende mandano pubblicità a costo zero (spam). La parola spam (spiced ham) era usata

Dettagli

Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6

Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6 Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6 SI APPLICA AI SEGUENTI PRODOTTI Advanced for Windows Server Advanced for PC Per Windows Server Essentials GUIDA INTRODUTTIVA Informazioni sul copyright Copyright

Dettagli

Initiation à Scratch

Initiation à Scratch ALCUNE NOTE PEDAGOGICHE RELATIVE AI PROGETTI DA REALIZZARE CON SCRATCH Tratto da Initiation à Scratch par l'équipe Squeaki http://squeaki.recitmst.qc.ca Versione del 9 aprile 2008 Copyright (c) 2008 RÉCIT

Dettagli

Protocolli di Sessione TCP/IP: una panoramica

Protocolli di Sessione TCP/IP: una panoramica Protocolli di Sessione TCP/IP: una panoramica Carlo Perassi carlo@linux.it Un breve documento, utile per la presentazione dei principali protocolli di livello Sessione dello stack TCP/IP e dei principali

Dettagli

Installazione e guida introduttiva. Per WebReporter 2012

Installazione e guida introduttiva. Per WebReporter 2012 Per WebReporter 2012 Ultimo aggiornamento: 13 settembre, 2012 Indice Installazione dei componenti essenziali... 1 Panoramica... 1 Passo 1 : Abilitare gli Internet Information Services... 1 Passo 2: Eseguire

Dettagli

P2-09: Domain Name System (Cap. 24)

P2-09: Domain Name System (Cap. 24) Autunno 2002 Prof. Roberto De Prisco -09: Domain Name System (Cap. 24) Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica Inidirizzi IP: nomi e numeri 09.2 Indirizzo IP: stringa di 32 bit

Dettagli

Impostazione di Scansione su e-mail

Impostazione di Scansione su e-mail Guida rapida all'impostazione delle funzioni di scansione XE3024IT0-2 Questa guida contiene istruzioni per: Impostazione di Scansione su e-mail a pagina 1 Impostazione di Scansione su mailbox a pagina

Dettagli

OwnCloud 8 su rete lan aziendale (una specie di Gdrive privato)

OwnCloud 8 su rete lan aziendale (una specie di Gdrive privato) Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) (a.scatolini@linux4campagnano.net) (campagnanorap@gmail.com) Miniguida n. 216 Ver. febbraio 2015 OwnCloud 8 su rete lan aziendale (una specie di Gdrive

Dettagli

Guida per l'impostazione delle funzioni di scansione

Guida per l'impostazione delle funzioni di scansione Guida per l'impostazione delle funzioni di scansione WorkCentre M123/M128 WorkCentre Pro 123/128 701P42171_IT 2004. Tutti i diritti riservati. La protezione dei diritti d autore è rivendicata tra l altro

Dettagli

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it in modalità compatibile www.dyndns.org Questa semplice guida fornisce le informazioni necessarie per eseguire la registrazione del proprio DVR

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il Livello delle Applicazioni

Reti di Calcolatori. Il Livello delle Applicazioni Reti di Calcolatori Il Livello delle Applicazioni Il DNS Gli indirizzi IP sono in formato numerico: sono difficili da ricordare; Ricordare delle stringhe di testo è sicuramente molto più semplice; Il Domain

Dettagli

Elementi di Informatica 4 Settembre 2008

Elementi di Informatica 4 Settembre 2008 Elementi di Informatica 4 Settembre 2008 Corsi di Laurea in Ingegneria Ambientale e Ingegneria Civile Anno A.A. 2007/2008 In un sistema operativo, qual è la differenza tra processo e programma? a. Il processo

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

Domain Name System. Gerarchia nomi simbolici

Domain Name System. Gerarchia nomi simbolici Domain Name System ad application L., ma usato da protocolli di L7 più che da utenti accessibile via comando di shell nslookup indirizzamento a L7: nome simbolico es: www.dico.unimi.it struttura gerarchica

Dettagli

Livello cinque (Livello application)

Livello cinque (Livello application) Cap. VII Livello Application pag. 1 Livello cinque (Livello application) 7. Generalità: In questo livello viene effettivamente svolto il lavoro utile per l'utente, contiene al suo interno diverse tipologie

Dettagli

RETI E SISTEMI INFORMATIVI Domain Name System. Prof. Andrea Borghesan

RETI E SISTEMI INFORMATIVI Domain Name System. Prof. Andrea Borghesan RETI E SISTEMI INFORMATIVI Domain Name System Prof. Andrea Borghesan http://venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì, 10.00-11.00. Studio 34, primo piano. Dip. Statistica 1 Modalità esame:

Dettagli

Laboratorio di Networking Operating Systems. Lezione 2 Principali strumenti di diagnostica

Laboratorio di Networking Operating Systems. Lezione 2 Principali strumenti di diagnostica Dipartimento di Informatica - Università di Verona Laboratorio di Networking Operating Systems Lezione 2 Principali strumenti di diagnostica Master in progettazione e gestione di sistemi di rete edizione

Dettagli

PROF. Filippo CAPUANI DNS

PROF. Filippo CAPUANI DNS PROF. Filippo CAPUANI DNS Sommario Introduzione al DNS La terminologia del DNS Nomi DNS in un dominio Windows 2000 Installiamo un server DNS nella rete Configuriamo il servizio DNS Zone e file DNS DNS

Dettagli

Client VPN Manuale d uso. 9235970 Edizione 1

Client VPN Manuale d uso. 9235970 Edizione 1 Client VPN Manuale d uso 9235970 Edizione 1 Copyright 2004 Nokia. Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del presente documento, né parte di esso, potrà essere riprodotto, trasferito, distribuito

Dettagli

Programma per la gestione associativa Versione 5.3.x. Gestione SMS

Programma per la gestione associativa Versione 5.3.x. Gestione SMS Associazione Volontari Italiani del Sangue Viale E. Forlanini, 23 20134 Milano Tel. 02/70006786 Fax. 02/70006643 Sito Internet: www.avis.it - Email: avis.nazionale@avis.it Programma per la gestione associativa

Dettagli

Client Avaya Modular Messaging per Microsoft Outlook versione 5.0

Client Avaya Modular Messaging per Microsoft Outlook versione 5.0 Client Avaya Modular Messaging per Microsoft Outlook versione 5.0 Importante: le istruzioni all'interno di questa guida sono applicabili solamente nel caso in cui l'archivio di messaggi sia Avaya Message

Dettagli

Posta Elettronica il nuovo server e le modalità operative

Posta Elettronica il nuovo server e le modalità operative Posta Elettronica il nuovo server e le modalità operative dr. Guido Righini Istituto Struttura della Materia, CNR Introduzione L'evoluzione della civiltà segue di pari passo l'evoluzione dei mezzi di comunicazione.

Dettagli

Perché DNSSEC? Vulnerabilità pubblicamente conosciute DNS è un servizio di grande importanza

Perché DNSSEC? Vulnerabilità pubblicamente conosciute DNS è un servizio di grande importanza DNSSEC 1 Perché DNSSEC? DNS NON è sicuro Vulnerabilità pubblicamente conosciute DNS è un servizio di grande importanza DNSSEC protegge dallo spoofing e dalla alterazione dei dati del traffico DNS 2 Risoluzione

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

Il Livello delle Applicazioni

Il Livello delle Applicazioni Il Livello delle Applicazioni Il livello Applicazione Nello stack protocollare TCP/IP il livello Applicazione corrisponde agli ultimi tre livelli dello stack OSI. Il livello Applicazione supporta le applicazioni

Dettagli

1Aprire il proprio browser (es. Internet Explorer) e digitare l indirizzo HTTP://192.168.0.1

1Aprire il proprio browser (es. Internet Explorer) e digitare l indirizzo HTTP://192.168.0.1 PAGINA DI CONFIGURAZIONE D-LINK DSL-2740B (HW VERSION F1) 1Aprire il proprio browser (es. Internet Explorer) e digitare l indirizzo HTTP://192.168.0.1 per accedere alla pagina di configurazione dell ADSL

Dettagli

ISTRUZIONI PASSO PASSO PER CREARE UN SITO CON JOOMLA SU ALTERVISTA

ISTRUZIONI PASSO PASSO PER CREARE UN SITO CON JOOMLA SU ALTERVISTA ISTRUZIONI PASSO PASSO PER CREARE UN SITO CON JOOMLA SU ALTERVISTA REGISTRARSI AL SITO ALTERVISTA, PER OTTENERE SPAZIO WEB GRATUITO o Andare sul sito it.altervista.org o Nel riquadro al centro, scrivere

Dettagli

Output di sistema di Capture Pro Software FTP Server

Output di sistema di Capture Pro Software FTP Server Panoramica Output di sistema di Capture Pro Software FTP Server L'output di sistema Capture Pro Software FTP Server trasferisce automaticamente i dati dei batch e degli indici (digitalizzati e con l'output

Dettagli

Xampp. Valeriano Maysonnave - A.A. 2014/2015 -

Xampp. Valeriano Maysonnave - A.A. 2014/2015 - Xampp Valeriano Maysonnave - A.A. 2014/2015-1 Introduzione...1 2 Installazione su Windows...1 3 Configurazione Apache...2 3.1 Accesso al file di configurazione httpd.conf...2 3.2 Il file httpd.conf...3

Dettagli

I Puntato I r Puntato i r I i n I C n

I Puntato I r Puntato i r I i n I C n I Puntatori In C Copyleft Quest'opera è rilasciata sotto licenza GNU Free Documentation License, pertanto essa può essere copiata, modificata e distribuita senza problemi. Copyright (c) 2009 Marco Buccini

Dettagli