Interazione con il DNS Conversioni di Nomi ed Indirizzi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Interazione con il DNS Conversioni di Nomi ed Indirizzi"

Transcript

1 a.a. 2003/04 Interazione con il DNS Conversioni di Nomi ed Indirizzi Prof. Vincenzo Auletta Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica 1 Il DNS consente di convertire dinamicamente nomi di dominio in indirizzi IP e viceversa L interazione con il name server avviene tramite l API resolver l applicazione interagisce con il name server utilizzando le funzioni dell API il funzionamento delle funzioni è modificabile tramite file di configurazione /etc/resolv.conf /etc/hosts, /etc/services, ecc. Il resolver è utilizzato in generale per calcolare corrispondenze tra nomi ed indirizzi nomi di e numeri di porta 2 Funzioni del resolver struct hostent* gethostbyname(const char* hostname); struct hostent* gethostbyaddr(const char* addr, size_t len, int family); Restituisce NULL se errore puntatore diverso da NULL se OK Permettono di interrogare il resolver per effettuare conversioni da nomi ad indirizzi gethostbyname: nome indirizzo gethostbyaddr: indirizzo nome 3 Struttura hostent Le funzioni gethostbyname e gethostbyaddr restituiscono puntatori ad oggetti hostent allocati staticamente struct hostent { char* h_name; /* nome canonico */ char** h_aliases; /* elenco di alias */ int h_addrtype; /* tipo di indirizzo */ int h_length; /* lunghezza dell indirizzo */ char** h_addr_list; /* elenco indirizzi */ ; #define h_addr h_addr_list[0] h_aliases e h_addr_list sono array di stringhe terminati da una stringa nulla

2 Esempio Funzionamento del Resolver 4 oggetto restituito da gethostbyname per il nome koala un nome canonico (bsdi), due alias (koala e panda) e tre indirizzi IP 4 ( , , ) h_name h_aliases h_addrtype h_length h_addr_list AF_INET 4 bsdi koala panda NULL NULL 5 Il resolver può operare sia localmente che interagendo con il DNS il file /etc/resolv.conf contiene gli indirizzi dei name server da contattare e le regole di espansione il file /etc/hosts contiene un elenco delle corrispondenze nome/indirizzo il file di configurazione (/etc/resolv.conf) stabilisce le regole di funzionamento del resolver per default contatta prima i name server e poi legge il file locale Errori In caso di errore le funzioni del resolver scrivono un codice nella variabile h_errno la funzione hstrerror() legge il valore di h_errno e restituisce un messaggio di errore appropriato i valori che può assumere h_errno sono definiti in <netdb.h> HOST_NOT_FOUND TRY_AGAIN NO_RECOVERY NO_ADDRESS (NO_DATA) 6 Il nome specificato è sconosciuto Un errore temporaneo si è verificato su un name server Un errore irrimediabile si è verificato su un name server Il nome specificato è valido ma non ha un indirizzo IP 7 Conversioni Servizi/Porte struct servent* getservbyname(const char* servname, const char* protoname); struct servent* getservbyaddr(int port, const char* protoname); Permettono di interrogare il resolver per effettuare conversioni nomi di servizi/numeri di porta getservbyname: nome porta getservbyaddr: porta nome Il resolver non interagisce con il DNS ma legge soltanto il contenuto di un file locale (/etc/services)

3 Struttura servent Altri Tipi di Interrogazioni 8 Le funzioni getservbyname e getservbyaddr restituiscono puntatori ad oggetti servent allocati staticamente struct servent { char* s_name; /* nome ufficiale del */ char** s_aliases; /* elenco di alias */ int s_port; /* numero di porta */ char* s_proto; /* protocollo da utilizzare */ ; 9 struct netent* getnetbyname(const char* netname); struct netent* getnetbyaddr(long net, int type); struct protoent* getprotobyname(const char* protoname); struct protoent* getprotobynumber(int proto); consentono di assegnare dei nomi a reti e protocolli funzioni poco utilizzate Il resolver legge i file locali (/etc/networks e /etc/protocols) 10 Altre Funzioni void sethostent(int flag); void endhostent(void); #include <unistd.h> #include <sys/utsname.h> int gethostname(char* name, size_t len); /* name contiene il risultato */ sethostent(true) consente di utilizzare TCP per interrrogare il DNS endhostent() ripristina l uso di UDP gethostname() restituisce il nome dell host corrente stesso risultato ottenuto con uname() 11 Client daytime con resolver 1 int main(int argc, char **argv) { int sockd, n; char recvline[maxline + 1], str[maxline]; struct sockaddr_in servaddr; struct in_addr **elenco_addr; struct hostent *hp; struct servent *sp; if (argc!= 3) (1) err_quit("utilizzo: dtime_client <nome dell'host> <nome del >"); if ( (hp = gethostbyname(argv[1])) == NULL) (2) err_quit("errore nella gethostbyname per l'host %s: %s", argv[1], hstrerror(h_errno)); if ( (sp = getservbyname(argv[2], "tcp")) == NULL)(3) err_quit("errore nella getservbyname per il %s", argv[2]); elenco_addr = (struct in_addr **) hp->h_addr_list; 1.legge da linea di comando il nome del server e del 2.recupera l elenco di indirizzi IP del server 3.recupera il numero di porta ed il tipo di protocollo

4 12 Client daytime con resolver 2 for ( ; *elenco_addr!= NULL; elenco_addr++) { (4) if( (sockd = socket(af_inet, SOCK_STREAM, 0)) < 0 ) err_sys("errore nella socket"); (5) bzero(&servaddr, sizeof(servaddr)); servaddr.sin_family = AF_INET; (6) servaddr.sin_port = sp->s_port; memcpy(&servaddr.sin_addr, *elenco_addr, sizeof(struct in_addr)); if (connect(sockd, (SA *) &servaddr, sizeof(servaddr)) == 0) (7) break; err_ret("connessione non riuscita con %s:%d", inet_ntop(hp->h_addrtype, *elenco_addr, str, sizeof(str)), ntohs(sp->s_port)); close(sockd); (8) 4. prova a connettersi a tutti gli indirizzi forniti dal resolver 5. crea il socket 6. riempie servaddr 7. tenta di connettersi e se ci riesce esce dal ciclo 8. altrimenti chiude il socket 13 Client daytime con resolver 3 if (*elenco_addr == NULL) (9) err_quit("impossibile stabiliree una connessione"); while ( (n = read(sockd, recvline, MAXLINE)) > 0) { (10) recvline[n] = 0; if( fputs(recvline, stdout) == EOF ) err_sys("errore in fputs"); exit(0); 9. se è uscito dal ciclo senza essere riuscito a stabilire la connessione esce 10.legge la data e la stampa 14 Server daytime con resolver 1 int main(int argc, char **argv) { pid_t pid; int listend, connd; struct sockaddr_in servaddr; char buff[maxline]; time_t ticks; struct servent *sp; if( (listend = socket(af_inet, SOCK_STREAM, 0)) < 0) err_sys("errore in socket"); if( (sp = getservbyname("daytime", "tcp")) == NULL ) { fprintf(stderr, "errore nella getservbyame perr il %s", argv[2]); exit(-1); /* riempie la struttura servaddr */ servaddr.sin_port = sp->s_port; if( (bind(listend, (SA *) &servaddr, sizeof(servaddr))) < 0) err_sys("errore in bind"); 15 Server daytime con resolver 2 if( listen(listend, 5) < 0 ) err_sys("errore in listen"); for ( ; ; ) { if( (connd = accept(listend, (struct sockaddr *) NULL, NULL)) < 0) err_sys("errore in accept"); if( (pid = fork()) == 0 ) { /* il figlio chiude il socket di ascolto */ ticks = time(null); snprintf(buff, sizeof(buff), "%.24s\r\n", ctime(&ticks)); if( write(connd, buff, strlen(buff))!= strlen(buff) ) err_sys("errore in write"); /* il figlio chiude il socket di connessione */ exit(0); /* il padre chiude il socket di connessione */

5 16 Funzioni Indipendenti dal Protocollo Le funzioni gethostbyname e gethostbyaddr dipendono dal tipo di indirizzi utilizzati e sono obsolete Per utilizzare l indirizzo restituito da gethostbyname dobbiamo sapere a che famiglia appartiene per copiarlo nel campo opportuno di struct sockaddr Restituisce Lo standard POSIX 1.g ha introdotto due nuove funzioni per interfacciarsi con il resolver Sono indipendenti dal tipo di indirizzi Restituiscono informazioni immediatamente utilizzabili dall applicazione L applicazione non deve sapere nulla di indirizzi, protocolli, ecc. 17 Funzione getaddrinfo int getaddrinfo(const char* host, const char* serv, const struct addrinfo *hints, struct addrinfo **result); Diverso da 0 se errore 0 se OK Consente di fare interrogazioni sia per nomi di host che di servizi contemporaneamente Legge dalla struttura puntata da hints il tipo di informazioni richieste restituisce il risultato nella lista puntata da result Struttura addrinfo Esempio 18 struct addrinfo { int ai_flags; /* nome canonico */ int ai_family; /* famiglia di indirizzi */ int ai_socktype; /* tipo di socket */ int ai_protocol; /* tipo di protocollo */ size_t ai_addrlength; /* lunghezza di ai_addr */ char* ai_canonname; /* puntatore al nome ufficiale */ struct sockaddr *ai_addr; /* puntatore all indirizzo struct addrinfo *ai_next; /* puntatore al nodo succ */ ; Tutti i puntatori indirizzano memoria allocata dinamicamente L applicazione deve preoccuparsi di rilasciare la memoria La funzione freeaddrinfo() rilascia tutta la memoria associata ad un oggetto addrinfo 19 Richiediamo informazioni sul daytime e l host koala Specifichiamo che vogliamo indirizzi IP 4 e trasporto TCP HINTS ai_flag AI_CANONNAME ai_family AF_INET ai_socktype SOCK_STREAM ai_protocol 0 ai_addrlen 0 ai_canonname NULL ai_addr NULL ai_next NULL RESULTS ai_flag 0 ai_family AF_INET ai_socktype SOCK_STREAM ai_protocol 0 ai_addrlen 16 ai_canonname bsdi.xyz.com ai_addr ai_next AF_INET 7 prossimo nodo

6 20 Errori In caso di errore la funzione getaddrinfo() restituisce un intero nonnegativo la funzione gai_strerror() legge il valore restituito dalla funzione e restituisce un messaggio di errore appropriato EAI_ADDRFAMILY EAI_AGAIN EAI_FAIL EAI_BADFLAGS EAI_FAMILY EAI_MEMORY EAI_NODATA EAI_NONAME EAI_SERVICE EAI_SOCKTYPE EAI_SYSTEM tipo di indirizzo non supportato per name un errore temporaneo si è verificato su un name server un errore irrecuperabile si è verificato su un name server valore non corretto di ai_flags valore di ai_family non supportato errore di allocazione della memoria nessun indirizzo associato a name name o service non conosciuto service non supportato per ai_socktype ai_socktype non supportato errore di sistema restituito in errno 21 Funzione getnameinfo int getaddrinfo(const struct sockaddr* sockaddr, socklen_t addrlen, char* host, size_t hostlen, char* serv, size_t servlen, int flags); Restituisce -1 se errore 0 se OK Consente di trasformare l indirizzo del socket contenuto in sockaddr in due stringhe host contiene il nome dell host e serv contiene il nome del hostlen e servlen sono le lunghezze allocate per le stringhe flags consente di modificare il comportamento di default della funzione Utilizzo di getaddrinfo() Schema Base 22 E possibile costruire delle funzioni che nascondono all applicazione tutti i dettagli relativi alla gestione del socket L applicazione usa solo i nomi dell host e del Le funzioni utilizzano le informazioni restituite da getaddrinfo() per invocare le funzioni sul socket Useremo le seguenti funzioni tcp_connect() (client TCP) tcp_listen() (server TCP) udp_client() (client UDP non connesso) udp_connect() (client UDP connesso) udp_server() (server UDP) 23 Tutte le funzioni adotteranno il seguente schema Leggono da linea di comando nome dell host e del È possibile anche specificare l indirizzo IP o il numero di porta Invocano getaddrinfo() Scorrono la lista di risultati e provano ad utilizzare ognuno degli indirizzi Appena ne trovano uno funzionante escono Se nessuno funziona escono con un errore

7 24 Tcp_connect() 1 int tcp_connect(const char *host, const char *serv) { int sockd, n; struct addrinfo hints, *risp, *backup; char buff[maxline]; bzero(&hints, sizeof(struct addrinfo)); hints.ai_family = AF_UNSPEC; (1) hints.ai_socktype = SOCK_STREAM; if ( (n = getaddrinfo(host, serv, &hints, &risp))!= 0) (2) err_quit("errore in tcp_connect per %s:%s: %s", host, serv, gai_strerror(n)); backup = risp; 1.Riempie i campi di hints 2.Invoca getaddrinfo Risultato restituito nella lista puntata da risp 25 Tcp_connect() 2 do { (3) sockd = socket(risp->ai_family, risp->ai_socktype, risp->ai_protocol); if (sockd < 0) continue; if (connect(sockd, risp->ai_addr, risp->ai_addrlen) < 0) /* ignora questo indirizzo e chiude il socket */ break; while ( (risp = risp->ai_next)!= NULL); if (risp == NULL) err_sys("errore in tcp_connect per %s:%s", host, serv); freeaddrinfo(backup); (4) return(sockd); 3. Cicla su tutti gli indirizzi di risp Prova ad eseguire prima socket() e poi connect() ed esce se ha stabilito la connessione 4. Dealloca la memoria dinamica Tcp_listen() 1 Tcp_listen() 2 26 Int tcp_listen(const char *host, const char *serv, socklen_t *addrlenp) { int listend, n; const int on = 1; struct addrinfo hints, *risp, *backup; bzero(&hints, sizeof(struct addrinfo)); hints.ai_flags = AI_PASSIVE; hints.ai_family = AF_UNSPEC; hints.ai_socktype = SOCK_STREAM; if ( (n = getaddrinfo(host, serv, &hints, &risp))!= 0) err_quit("errore in tcp_listen per %s:%s: %s", host, serv, gai_strerror(n)); backup = risp; 1.Richiede socket passivo 2.Invoca getaddrinfo 27 do { listend = socket(risp->ai_family, risp->ai_socktype, risp->ai_protocol); if (listend < 0) continue; if( setsockopt(listend, SOL_SOCKET, SO_REUSEADDR, &on, sizeof(on)) == -1) (3) err_sys("errore in setsockopt"); if (bind(listend, risp->ai_addr, risp->ai_addrlen) < 0) /* ignora questo indirizzo e chiude il descrittore. */ break; while ( (risp = risp->ai_next)!= NULL); if (risp == NULL) err_quit("errore in tcp_listen per %s:%s", host, serv); if( listen(listend, LISTENQ) < 0 ) err_sys("errore in listen"); (4) if (addrlenp) *addrlenp = risp->ai_addrlen; (5) freeaddrinfo(backup); (6) return(listend); 3. Setta il socket per poter utilizzare una porta occupata 4. Se socket() e bind() riescono chiama la listen() 5. Restituisce in addrlenp un puntatore alla lunghezza dell indirizzo assegnato al socket 6. Dealloca la memoria dinamica

8 28 Client daytime con tcp_connect() 1 int main(int argc, char **argv) { int sockd, n; char recvline[maxline + 1]; socklen_t len; struct sockaddr *sa; 1.legge da linea di comando il nome del server e del 2.recupera l elenco di indirizzi IP del server 3.recupera il numero di porta ed il tipo di protocollo if (argc!= 3) (1) err_quit("utilizzo: dtime_name_client <nome dell'host> <nome del >"); sockd = tcp_connect(argv[1], argv[2]); if( (sa = malloc(maxsockaddr) == NULL ) err_sys( errore in malloc ); len = MAXSOCKADDR; if( getpeername(sockd, sa, &len) < 0 ) err_sys( errore in getpeername ); printf 29 Client daytime con tcp_connect 2 while ( (n = read(sockd, recvline, MAXLINE)) > 0) { (10) recvline[n] = 0; if( fputs(recvline, stdout) == EOF ) err_sys("errore in fputs"); exit(0); 9. se è uscito dal ciclo senza essere riuscito a stabilire la connessione esce 10.legge la data e la stampa 30 Server daytime con tcp_listen 1 int main(int argc, char **argv) { pid_t pid; int listend, connd; struct sockaddr *cliaddr; socklen_taddrlen, len; struct linger ling; char buff[maxline]; time_t ticks; switch(argc) { (1) case 2: listend = tcp_listen(null, argv[1], &addrlen); break; case 3: listend = tcp_listen(argv[1], argv[2], &addrlen); break; default: err_quit("utilizzo: dtime_name_server [<host>] < o porta>"); if( (cliaddr = malloc(addrlen)) == NULL ) err_sys("errore in malloc"); (2) 1. legge da linea di comando il nome del server e del 2. Alloca la memoria per contenere l indirizzo del client 31 Server daytime con tcp_listen 2 for ( ; ; ) { len = addrlen; if( (connd = accept(listend, cliaddr, &len)) < 0) err_sys("errore in accept"); ling.l_onoff = 1; ling.l_linger = 0; if( setsockopt(connd, SOL_SOCKET, SO_LINGER, &ling, sizeof(ling)) < 0 ) err_sys("errore in setsockopt"); if( (pid = fork()) == 0 ) { /* il processo figlio chiude il socket di ascolto */ ticks = time(null); snprintf(buff, sizeof(buff), "%.24s\r\n", ctime(&ticks)); if( write(connd, buff, strlen(buff))!= strlen(buff) ) err_sys("errore in write"); /* il processo figlio chiude il socket di connessione */ exit(0); /* il processo padre chiude il socket di connessione */

9 Client e Server UDP Dal sito è possibile scaricare il codice delle funzioni udp_client(), udp_server() e udp_connect() logica simile a tcp_connect() e tcp_listen() Il codice di un client ed un server UDP indipendenti dal protocollo 32

Creare una applicazione Winsock di base

Creare una applicazione Winsock di base Creare una applicazione Winsock di base Usiamo le API Winsock incluse in Creare un progetto per una Socket Windows (in Dev C++) Selezionare la file New Projects Selezionare Empty Project Salvare

Dettagli

Socket per TCP: Fondamenti

Socket per TCP: Fondamenti Socket per TCP: Fondamenti Network Applications Molte applicazioni di rete sono formate da due programmi distinti (che lavorano su due diversi host) uno detto server ed uno detto client. Il server si mette

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Chiamate di sistema per la Inter Process Communication (IPC) in POSIX. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

Chiamate di sistema per la Inter Process Communication (IPC) in POSIX. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Chiamate di sistema per la Inter Process Communication (IPC) in POSIX E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Pipe Cos'è un pipe? E' un canale di comunicazione che unisce due processi Caratteristiche: La più vecchia

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute DNS: Domain Name System I name DNS Persone: identificatori: CF, nome, Numero di Passaporto Host e router Internet: Indirizzo IP ( bit) - usato per instradare i pacchetti nome, per es., massimotto.diiie.unisa.it

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni.

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Le funzioni in C I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Una definizione di funzione ha il seguente formato: tipo-ritornato nome-funzione(lista-parametri) { dichiarazioni

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Paolo Torroni Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università degli

Dettagli

CREAZIONE DI UN FILE

CREAZIONE DI UN FILE #include #include CREAZIONE DI UN FILE fd = creat(filename, mode); int fd, mode; char *filename; La primitiva creat crea un file, se non ne esiste uno col nome specificato, oppure

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Operativi

Laboratorio di Sistemi Operativi II Semestre - Marzo/Giugno 2008 Matricole congr. 0 mod 3 File & Directory #include #include stat,fstat e lstat int stat (const char *pathname, struct stat *buf); int fstat (int

Dettagli

Sottoprogrammi: astrazione procedurale

Sottoprogrammi: astrazione procedurale Sottoprogrammi: astrazione procedurale Incapsulamento di un segmento di programma presente = false; j = 0; while ( (j

Dettagli

Lezione 9: Strutture e allocazione dinamica della memoria

Lezione 9: Strutture e allocazione dinamica della memoria Lezione 9: Strutture e allocazione dinamica della memoria Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 9 Maggio 2012 Allocazione dinamica della memoria Memoria dinamica È possibile creare

Dettagli

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File Linguaggio C: File I File Il file e` l'unita` logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa, che consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centrale.

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

Le Liste. Elisa Marengo. Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica. Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31

Le Liste. Elisa Marengo. Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica. Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31 Le Liste Elisa Marengo Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31 Cos è una Lista Una lista è una collezione di elementi omogenei che: potrebbero

Dettagli

Le system call: fork(), wait(), exit()

Le system call: fork(), wait(), exit() Le system call: fork(), wait(), exit() Di seguito viene mostrato un programma che fa uso di puntatori a funzione, nel quale si mette in evidenza il loro utilizzo. Programma A1 #include int add(a,b,c)

Dettagli

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo.

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo. In una rete di ampie dimensioni, ciascuna sottorete (es. LAN, WAN) è connessa ad altre sottoreti tramite router. Internet è un insieme di reti connesse tra loro. Essenzialmente, in una rete alcune macchine

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

Sistemi a più processori

Sistemi a più processori Università di Udine Facoltà di Scienze MM.FF.NN. A.A. 2007-2008 Copyright c 2000 04 Marino Miculan (miculan@dimi.uniud.it) La copia letterale e la distribuzione di questa presentazione nella sua integrità

Dettagli

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO La seguente guida mostra come trasferire un SiteManager presente nel Server Gateanager al Server Proprietario; assumiamo a titolo di esempio,

Dettagli

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore La ricerca sequenziale o lineare è utilizzata per ricercare i dati in un vettore NON ordinato. L algoritmo di ricerca sequenziale utilizza quan non ha alcuna

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 08/03/07 Nota Questi lucidi sono tratti

Dettagli

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Introduzione ai Device Drivers in Linux E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it 1 Device Drivers Moduli software che gestiscono le periferiche attraverso il file system Tutte le periferiche sono viste come file

Dettagli

Problem solving avanzato

Problem solving avanzato Problem solving avanzato Formulazione del problema Struttura dati e algoritmo Il programma 2 26 Politecnico di Torino 1 Dati in input (1/4) Sono dati due file di testo, contenenti le informazioni sulle

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Aniello Murano http://people.na.infn.it people.na.infn.it/~murano/ 1 Operazioni su Liste Doppie e Circolari 2 1 Indice Liste puntate semplici: Gli elementi sono

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Inter-Process Communication

Inter-Process Communication Inter-Process Communication C. Baroglio a.a. 2002-2003 1 Introduzione In Unix i processi possono essere sincronizzati utilizzando strutture dati speciali, appartenti al pacchetto IPC (inter-process communication).

Dettagli

APPLICAZIONI SU PIU FILE

APPLICAZIONI SU PIU FILE APPLICAZIONI SU PIU FILE Serve poter sviluppare applicazioni su piú file: - alcune funzioni e alcune definizioni di dati in un file - altre funzioni e dati in file diversi Perché?? 1. Se il programma è

Dettagli

Gestione dei File in C

Gestione dei File in C Gestione dei File in C Maurizio Palesi DIIT Università di Catania Viale Andrea Doria 6, 95125 Catania mpalesi@diit.unict.it http://www.diit.unict.it/users/mpalesi Sommario In questo documento saranno introdotte

Dettagli

DNS cache poisoning e Bind

DNS cache poisoning e Bind ICT Security n. 19, Gennaio 2004 p. 1 di 5 DNS cache poisoning e Bind Il Domain Name System è fondamentale per l'accesso a internet in quanto risolve i nomi degli host nei corrispondenti numeri IP. Se

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

File e Directory. M. Guarracino - File e Directory 1

File e Directory. M. Guarracino - File e Directory 1 File e Directory M. Guarracino - File e Directory 1 File e Directory Abbiamo visto come si possono utilizzare funzioni di I/O per i file: open, read, write, lseek e close Vogliamo ora analizzare ulteriori

Dettagli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli Le Stringhe p.1/19 Le Stringhe Un introduzione operativa Luigi Palopoli ReTiS Lab - Scuola Superiore S. Anna Viale Rinaldo Piaggio 34 Pontedera - Pisa Tel. 050-883444 Email: palopoli@sssup.it URL: http://feanor.sssup.it/

Dettagli

Linguaggio C: introduzione

Linguaggio C: introduzione Linguaggio C: introduzione Il linguaggio C è un linguaggio general purpose sviluppato nel 1972 da Dennis Ritchie per scrivere il sistema operativo UNIX ed alcune applicazioni per un PDP-11. Il linguaggio

Dettagli

Visibilità dei Membri di una Classe

Visibilità dei Membri di una Classe Visibilità dei Membri di una Classe Lezione 10 Ogni classe definisce un proprio scope racchiude il codice contenuto nella definizione della classe e di tutti i suoi membri ogni metodo della classe definisce

Dettagli

---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero

---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero ---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero delle variabili a cui possono essere assegnati gli indirizzi

Dettagli

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Funzioni Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e dei

Dettagli

Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader

Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader Sommario Dispensa di Linguaggi di Programmazione Corrado Mencar Pasquale Lops In questa dispensa si descrivono alcune soluzioni per verificare

Dettagli

AA 2006-07 LA RICORSIONE

AA 2006-07 LA RICORSIONE PROGRAMMAZIONE AA 2006-07 LA RICORSIONE AA 2006-07 Prof.ssa A. Lanza - DIB 1/18 LA RICORSIONE Il concetto di ricorsione nasce dalla matematica Una funzione matematica è definita ricorsivamente quando nella

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Indirizzo di una funzione. Puntatori a funzioni. Definizione di variabili. Definizione di variabili

Indirizzo di una funzione. Puntatori a funzioni. Definizione di variabili. Definizione di variabili Indirizzo di una funzione 2 Puntatori a funzioni Ver. 2.4 Si può chiamare una funzione utilizzando l indirizzo di memoria dal quale inizia il codice eseguibile della funzione stessa L indirizzo di memoria

Dettagli

Gestione dinamica di una pila

Gestione dinamica di una pila Gestione dinamica di una pila Una pila o stack è una lista lineare a lunghezza variabile in cui inserimenti (push) ed estrazioni (pop) vengono effettuate ad un solo estremo, detto testa (top) della pila.

Dettagli

Interazione, sincronizzazione e comunicazione tra processi

Interazione, sincronizzazione e comunicazione tra processi Interazione, sincronizzazione e comunicazione tra processi Classificazione Processi interagenti processi interagenti/indipendenti due processi sono indipendenti se l esecuzione di ognuno non è in alcun

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1 Networking Java permette comunicazioni in rete basate sul concetto di socket, che permette di vedere la comunicazione in termini di flusso (stream), in modo analogo all input-output di file, usando Stream

Dettagli

Livello applicazione: Protocollo DNS

Livello applicazione: Protocollo DNS Livello applicazione: Protocollo DNS Gaia Maselli Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose and

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Gestione di File e Directory

Gestione di File e Directory Gestione di File e Directory Duplicazione di file descriptor Un file descriptor puo' essere duplicato utilizzando: int dup (int filedes); int dup2(int filedes, int filedes2); dup restituisce un file descriptor

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Cos è una stringa (1) Stringhe DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Una stringa è una serie di caratteri trattati come una singola unità. Essa potrà includere lettere, cifre, simboli e caratteri

Dettagli

Riferimenti ed Oggetti

Riferimenti ed Oggetti Riferimenti e oggetti Riferimenti ed Oggetti In non si possono definire variabili di tipo oggetto ma solo di tipo riferimento a oggetto. I riferimenti sono assimilabili ai tipi base. Allocazione statica

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it in modalità compatibile www.dyndns.org Questa semplice guida fornisce le informazioni necessarie per eseguire la registrazione del proprio DVR

Dettagli

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

Semplici Algoritmi di Ordinamento

Semplici Algoritmi di Ordinamento Fondamenti di Informatica Semplici Algoritmi di Ordinamento Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ordinamento di una sequenza di elementi Esistono molti algoritmi di ordinamento. Tutti ricevono

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Lista di controllo per la migrazione del dominio a Swisscom/IP-Plus

Lista di controllo per la migrazione del dominio a Swisscom/IP-Plus Lista di controllo per la migrazione del dominio a /IP-Plus Iter: : ufficio cantonale di coordinamento per Per la scuola: (nome, indirizzo e località) Migrazione di record DNS esistenti a IP-Plus nonché

Dettagli

IL LINGUAGGIO C++ Configurazione di Dev-C++

IL LINGUAGGIO C++ Configurazione di Dev-C++ IL LINGUAGGIO C++ Note sull'uso di DevC++ Requisiti di sistema per Dev-C++ - Sistema operativo Microsoft Windows 95, 98, Millenium Edition, NT 4, 2000 o XP - RAM: 8 Mb (consigliati almeno 32 Mb) - CPU:

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

MIPS Instruction Set 2

MIPS Instruction Set 2 Laboratorio di Architettura 15 aprile 2011 1 Architettura Mips 2 Chiamata a Funzione 3 Esercitazione Registri MIPS reference card: http://refcards.com/docs/waetzigj/mips/mipsref.pdf 32 registri general

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

NAS 321 Hosting di più siti web in un host virtuale

NAS 321 Hosting di più siti web in un host virtuale NAS 321 Hosting di più siti web in un host virtuale Hosting di più siti web e abilitazione del servizio DDNS A S U S T O R C O L L E G E OBIETTIVI DEL CORSO Al termine di questo corso si dovrebbe essere

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013

Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013 i-contact srl via Simonetti 48 32100 Belluno info@i-contact.it tel. 0437 30419 fax 0437 1900 125 p.i./c.f. 0101939025 Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013 1. Introduzione Il seguente

Dettagli

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni Esercitazione 7 Procedure e Funzioni Esercizio Scrivere un programma che memorizza in un array di elementi di tipo double le temperature relative al mese corrente e ne determina la temperatura massima,

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi TIPI DI DATO Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi numeri naturali, interi, reali caratteri e stringhe di caratteri e quasi sempre anche collezioni di oggetti,

Dettagli

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); }

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); } import java.util.*; class coda * Questa classe contiene tutti i metodi per la gestione della coda * @author D'Ambrosio Giovanni Classe 4D I.T.I.S. Grottaminarda * @version 26/02/2010 * VETTORE DINAMICO

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation Guida introduttiva 1 Informazioni sul documento Questo documento descrive come installare e iniziare ad utilizzare

Dettagli

Interfaccia HTTP rivenditori Specifiche tecniche 03.10.2013

Interfaccia HTTP rivenditori Specifiche tecniche 03.10.2013 i-contact srl via Simonetti 48 32100 Belluno info@i-contact.it tel. 0437 1835 001 fax 0437 1900 125 p.i./c.f. 0101939025 Interfaccia HTTP rivenditori Specifiche tecniche 03.10.2013 1. Introduzione Il seguente

Dettagli