Il Domain Name System

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Domain Name System"

Transcript

1 Il Domain Name System Università di Parma - Appunti di Telematica A - per esclusivo uso interno A. Lazzari 2004 GENERALITÀ...1 LA GERARCHIA DEI NOMI DI DOMINIO...2 I RESOURCE RECORD (RR)...3 I PROTOCOLLI DEL DNS... 5 WINDOWS INTERNET NAMING SERVICE (WINS)... 8 Generalità Il Domain Name System (DNS) è un sistema di base dati distribuito e di protocolli associati che costituisce un insieme di informazioni relative a risorse di rete, quali indirizzi IP di host o di server di posta. Lo schema della base dati è un sistema di nomi simbolici che permettono di accedere a tali risorse. Questi nomi sono detti nomi di dominio (domain name), l'operazione di ricavare l'informazione dal nome viene indicata come risoluzione del nome. Storicamente la risoluzione di un nome serviva a ottenere l indirizzo IP di un host identificato mediante una stringa mnemonica, e veniva effettuata interrogando una tabella (contenuta nel file HOSTS sui sistemi Unix e poi anche Windows) che faceva corrispondere all identificativo mnemonico l indirizzo IP. Questa tabella, presente su ogni host, doveva essere aggiornata in seguito a qualsiasi variazione di rete, come l inserimento di un nuovo host. Chiaramente questo approccio era accettabile per reti di piccole dimensioni e inadatto a seguire la crescita di Internet. Nel 1984 venne introdotto il DNS. Possiamo pensarlo formato da tre tipi di componenti: Domain Name Space; Name Server; Resolver. Domain Name Space. Specifica la struttura ad albero dei nomi di dominio. È costituito dall'insieme di tutti i nomi esistenti. In tutta Internet ne esiste uno e ad esso appartengono tutti i nomi di dominio. Name Server. È un processo che contiene informazioni sullo spazio dei nomi. Un Name Server ha informazioni su alcune parti dello spazio dei nomi, queste parti vengono dette zone e il Name Server costituisce una AUTHORITY per tali zone; si dice anche che esso è un authoritative name server per tali zone. Le zone sono dei domini, ma non tutti i domini sono zone. Un name server contiene anche puntatori ad altri name server che possono essere usati per ricavare informazioni sulle altre zone. In un sistema Unix questo processo viene di solito chiamato named (name daemon) e basa il suo funzionamento sui parametri di un file di configurazione denominato named.boot. Una realizzazione molto diffusa di Name Server si chiama Berkeley Internet Name Domain (BIND). Il Domain Name System pag. 1

2 Resolver. Componente software che estrae informazioni dal Name Server. Tipicamente viene realizzato da routines del Sistema Operativo. Ad esempio quando si chiamano le "gethostbyname" e "gethostbyaddr" di Unix si accede al resolver. La gerarchia dei nomi di dominio Lo spazio dei nomi di dominio è organizzato ad albero. Ogni nodo e ogni foglia dell'albero hanno un nome (label), meno il nodo di radice (ROOT) che non ha nome (ha cioè una null label ). L albero viene rappresentato rovesciato, cioè con la radice in alto e le foglie in basso. Un dominio è quella parte dello spazio dei nomi che corrisponde a un nodo e a tutto ciò che sta sotto il nodo. Un nodo che dipende immediatamente da un altro nodo è un suo sottodominio, così il dominio it (Italia) ha come sottodomini i domini unimi (Università di Milano), cnr (CNR - Centro Nazionale delle Ricerche), unipr (Università di Parma) e altri ancora. Lo schema di Figura 1 mostra una parte del Domain Name Space. (ROOT) uk fr it edu gov mil org com polito unige unimi cnr unipr Firenze telecomitalia cedi eng habana speedy linus.. Figura 1 - Struttura generale del Domain Name Space Un nome di dominio rappresenta un dominio ed è formato da una concatenazione di label. I nomi sono letti da sinistra a destra, dal meno significativo al più significativo e le label vengono rappresentate separate dal carattere. (punto). Così cedi.unipr è un nome di dominio, dove cedi (Centro Didattico) è un sottodominio di unipr. Anche cedi.unipr.it, unipr, cedi sono nomi di dominio. Un nome che arriva fino alla radice è detto nome assoluto o fully qualified domain name (FQDN), così il nome assoluto del dominio cedi visto sopra è cedi.unipr.it.. Un dominio come it non è sottodominio di alcuno, ma dipende direttamente dalla radice. Si dice che it è un dominio di primo livello, o livello massimo (top level domain). Spesso un nome assoluto viene rappresentato senza il punto finale, come in cedi.unipr.it, ma in tal caso si rende la vita più difficile ai resolver che devono capire che it è un dominio di primo livello. Una label può comprendere caratteri alfanumerici e il carattere - (trattino), deve iniziare con una lettera e può avere un lunghezza massima di 63 caratteri. Lettere maiuscole e minuscole sono equivalenti. Una label è memorizzata come una stringa di byte (un carattere equivale a un byte), preceduta da un byte che dice quanto è lunga (e che quindi contiene un valore compreso fra 0 e pag. 2 Il Domain Name System

3 63); la radice è individuata da un byte di valore 0 a cui non segue alcun carattere. Il limite massimo per il nome è di 255 byte, compresi i byte di lunghezza e i byte dei caratteri. I domini di primo livello sono storicamente quelli delle diverse aree che partecipavano ad ARPAnet: edu per le Università americane, gov per gli enti governativi, mil per le organizzazioni militari, org per enti di tipo non-profit, com per le organizzazioni commerciali. In seguito si sono aggiunti i domini dei vari stati al di fuori degli USA, come it per l'italia o fr per la Francia, codificati con due lettere secondo la norma ISO 3166, nonché altre nuove categorie come ad esempio net per gli enti preposti alla gestione di Internet. Complessivamente sono stati registrati circa 170 domini di primo livello. In prima approssimazione si può dire che un dominio rappresenta un insieme di nodi di rete (cioè di apparati che possono essere host o router) e che a ognuno di essi è attribuito un nome di dominio di livello minimo (una foglia dell albero del Domain Name Space). Ad esempio il nome habana.cedi.unipr.it. è una foglia dell albero (non esistono sottodomini di habana) e corrisponde a una macchina inserita in rete (più precisamente un host). Bisogna però tener presente che questa regola è solo indicativa. In particolare: a) Un nodo di rete può non avere nome di dominio (quindi non è registrato nel DNS); b) Un nodo di rete può avere più di un nome. In tal caso uno di questi nomi è quello ufficiale ed è detto Canonical Name (CNAME), mentre gli altri sono detti alias. Ad esempio è un alias di habana.cedi.unipr.it. che è il nome ufficiale del nodo. Gli alias sono riconosciuti come tali dal DNS; c) Un nome di dominio di livello minimo potrebbe essere associato non a un nodo di rete, ma a un altra risorsa come ad esempio una porta di un router. In un caso come questo il singolo nodo di rete (ossia il router) potrebbe avere più nomi di dominio, indipendenti fra loro, che per il DNS sono dei nomi indipendenti e non degli alias. Nel caso più comune un nome di dominio di livello minimo è usato per indicare un host, questo host ha un unico indirizzo IP e la risoluzione del nome consiste nel ricavare l indirizzo IP dal nome. È questa l operazione che viene effettuata comunemente quando ad esempio si contattano siti Web come habana.cedi.unipr.it, o simili. I Resource Record (RR) Le informazioni contenute in un dominio sono memorizzate nei Name Server sotto forma di Resource Record (RR). Un RR comprende i seguenti campi: NAME TYPE Nome del proprietario (Owner), ossia il nome ( fully qualified ) del nodo a cui questo Resource Record appartiene; Codice di due byte che definisce il tipo del RR. I tipi più comuni sono: SOA (Start Of Authority) - indica l'inizio di una zona e contiene molte informazioni nel campo RDATA A (address): indirizzo IP di host (32 bit per la classe IN) Il Domain Name System pag. 3

4 NS (Name Server): un authoritative name server per il dominio MX (Mail Exchanger): una o più coppie costituite da: 1) un indice di preferenza di 16 bit (minore è meglio), 2) il nome di un server di posta. Specifica gli host che gestiscono la posta per il dominio PTR (Pointer): puntatore a un altra parte del Domain Name Space. Usato per effettuare risoluzione di nome inversa. CNAME (Canonical Name): un nome di dominio. Identifica il nome ufficiale di un alias. CLASS TTL Codice di due byte della classe. Solitamente vale IN, che significa: formato d'indirizzi IP (altri formati usati in passato erano ad esempio CS, per indicare gli indirizzi della rete Computer Science Network - CSNET); (Time To Live) Intero di quattro byte che specifica per quale durata massima si può tenere una copia del RR in una cache, prima di interrogare di nuovo il Name Server che possiede l informazione; RDLENGTH RDATA campo di due byte che specifica la lunghezza del campo successivo; campo di lunghezza variabile che descrive la risorsa. Qualche esempio di RR è riportato in Tabella 1. Name Type RDATA habana.cedi.unipr.it. A unipr.it. NS caio.cce.unipr.it. unipr.it. MX 10 caio.cce.unipr.it in-addr.arpa PTR habana.cedi.unipr.it. Tabella 1 - Esempi di Resource Record Il primo record di Tabella 1 è di tipo Address (A) e ci dice che l'indirizzo IP di habana.cedi.unipr.it. è Il secondo record (tipo NS) dice che un authoritative name server per il dominio unipr.it. è caio.cce.unipr.it. Il record successivo (tipo MX) dice che caio.cce.unipr.it. svolge anche le funzioni di mail exchanger per lo stesso dominio. In questo record è presente anche il valore 10 che indica il grado di preferenza per questo server. Se si trovassero altri mail exchanger per lo stesso dominio si dovrebbe dare la preferenza a quello col valore minore. L'ultimo record (tipo PTR) è strettamente associato al primo e serve ad effettuare una risoluzione inversa, ossia a ricavare un nome di dominio da un indirizzo IP. Per permettere ciò, quando si inserisce nel NS il record di tipo A si inserisce anche questo record di tipo PTR, da esso ricavato. Il campo NAME (che contiene sempre un nome di dominio fully qualified) viene costruito utilizzando i quattro campi dell'indirizzo IP (in notazione decimale) in ordine inverso (il primo a sinistra è il meno significativo) e aggiungendovi il top level domain convenzionale arpa, sotto cui c'è un sottodominio in-addr (indirizzi della classe Internet). pag. 4 Il Domain Name System

5 I protocolli del DNS Per interrogare il DNS un resolver deve accedere a un Name Server (NS). Tipicamente si usa il NS del dominio in cui si trova il resolver. L interrogazione avviene mandando una richiesta (query) per ottenere un certo record. Il caso più frequente si ha quando si vuole risolvere un nome (ossia ricavare un indirizzo IP); in tal caso la query sarà per un record di tipo A (address). Questa richiesta è inserita in un messaggio trasportato da un datagramma UDP; ad essa il NS risponde con un altro datagramma e la transazione è terminata. Naturalmente l informazione voluta potrebbe essere relativa a un dominio che non è di competenza del NS e non è detto che il NS la possieda. In tal caso si hanno due alternative: 1. Il resolver ha effettuato una query di tipo ricorsivo. Viene messa in atto la procedura di recurse : il NS ripete la richiesta a un altro NS e questo eventualmente ad altri ancora, fino a soddisfare la richiesta. All'host dell'utente finale basta conoscere l indirizzo del proprio NS. Si dice che si è effettuata una risoluzione ricorsiva. 2. Il resolver ha effettuato una query non ricorsiva. Il NS risponde negativamente alla query, inserendo nella risposta delle indicazioni utili per la risoluzione (ad esempio indicando il NS che ha autorità sul dominio richiesto). L'host dell'utente ripete la query a un nuovo NS; se riceve ancora risposta negativa ripete la query a un terzo NS e così via, fino a soddisfare la richiesta. Si dice che si è effettuata una risoluzione iterativa. Si noti che un NS intermedio può anche possedere informazioni relative a un dominio non di sua competenza, tipicamente perché ha già soddisfatto in precedenza la stessa richiesta e ha tenuto in memoria (cache) una copia della risposta. In questo caso il NS fornisce una risposta dichiarandola di tipo non authoritative. Si noti inoltre che durante una risoluzione ricorsiva un NS intermedio si comporta da resolver nei confronti del successivo NS. Può darsi che quest'ultimo rifiuti query ricorsive, dato che in genere i NS di livello gerarchico elevato tendono a limitare il carico di lavoro superfluo. In tal caso da un certo punto in avanti la procedura può diventare iterativa, ma l'utente finale non se ne accorge. I NS che servono un dominio dove si trovano gli host su cui corrono le applicazioni finali (in terminologia DNS essi costituiscono gli stub resolver) generalmente accettano sempre query ricorsive, anche perché spesso gli stub resolver si trovano in reti protette e non potrebbero accedere a NS esterni. La Figura 2 mostra lo schema generale di un messaggio scambiato fra client e server DNS (ossia fra resolver e NS). Il server aspetta sulla well known port 53. Ogni striscia orizzontale in figura rappresenta una coppia di ottetti (byte). Il messaggio comprende un header di 10 ottetti e un corpo di lunghezza variabile. Il Domain Name System pag. 5

6 1 = AUTHORITATIVE ANSWER 2 = SERVER STATUS 1 = RESPONSE 1 = IQUERY 1 = RECURSION AVAILABLE 0 = QUERY 0 = QUERY 1 = RECURSION DESIRED byte 1 byte 2 identificatore OPCODE RESPONSE CODE Numero di domande (di solito 1) HEADER Numero di RR di risposta Numero di RR di Authoritative Server Sezione questions Sezione answers 15 Figura 2 - Struttura di un messaggio DNS I primi 16 bit dell'header contengono un identificatore. Quando il resolver emette una richiesta le attribuisce un numero progressivo che il NS deve ripetere nella risposta in modo da identificarla correttamente (siamo in ambiente connectionless!). I successivi 16 bit sono suddivisi come segue: Un bit detto QR, se vale 0 il messaggio è una query, se vale 1 una risposta; Un codice di 4 bit detto OPCODE (Operation Code). Questo codice è utilizzato solo in un messaggio di richiesta e può valere: 0: si tratta di una richiesta normale (diretta - QUERY); 1: richiesta inversa (IQUERY); 2: richiesta di stato del server; 3-15: valori inutilizzati. Osserviamo che una IQUERY consiste nel ricavare un campo Name di un RR fornendo un campo RDATA. Se ad esempio si vuole sapere quale macchina ha l'indirizzo IP si può fare una query diretta chiedendo un RR di tipo PTR e fornendo il nome inaddr.arpa (vedi Tabella 1), oppure una IQUERY per un RR di tipo A fornendo il valore RDATA e chiedendo come risposta il nome. In questo secondo caso si chiederebbe al NS di svolgere un'operazione pag. 6 Il Domain Name System

7 più onerosa, che molti NS rifiutano di fare. Di norma si fanno solo query dirette e anzi esiste una proposta di abolire le IQUERY. Un bit detto AA (Authoritative Answer), usato nelle risposte. Se vale 1 il NS è authoritative; Un bit TC (Truncation), usato nelle risposte. Se vale 1 la risposta era troppo lunga per il canale di comunicazione (ad es. non stava tutta in un datagramma) ed è stata troncata; Un bit RD (Recursion Desired), usato nelle domande; Un bit RA (Recursion Available), usato nelle risposte; Un campo inutilizzato di 3 bit; Un codice di 4 bit detto RCODE (Response Code). Utilizzato nelle risposte, può valere: 0: tutto regolare; 1: errore di formato. Il NS non è riuscito a interpretare la domanda; 2: Server failure; 3: Name error. Questo codice può essere messo solo da un NS authoritative e significa che il nome di dominio richiesto non esiste; 4: Not implemented.. Il NS non supporta questa query; 5: Refused. Il NS si rifiuta di soddisfare questa richiesta per ragioni organizzative. Ad esempio si può ricevere questa risposta se si è richiesta una zone transfer; 6: - 15: valori inutilizzati. I successivi 16 bit contengono QDCOUNT: numero di richieste contenute nel corpo del messaggio. Normalmente questo numero (utilizzato solo nelle richieste) vale 1, ma è possibile accorpare più richieste in un unico messaggio. I successivi 16 bit (utilizzati solo nelle risposte) contengono ANCOUNT: numero di RR che seguono nel corpo del messaggio. Abbastanza comunemente una risposta può contenere più RR (ad esempio più MX). I successivi 16 bit (utilizzati solo nelle risposte) contengono NSCOUNT: numero di RR di tipo NS contenuti. Gli ultimi 16 bit dell'header contengono ARCOUNT (utilizzato solo nelle risposte), numero di RR addizionali. All'header segue una sezione questions che contiene la (o le) domanda, a cui il NS aggiunge una sezione answers con le risposte. Una domanda della sezione questions è costituita da un nome di dominio seguito da un valore type (ad esempio A se si chiede un indirizzo, MX per un server di posta ecc.). Una risposta della sezione answers è un RR. Il Domain Name System pag. 7

8 Ogni NS che ha autorità su un dominio è duplicato (a volte anche replicato più volte) per motivi di affidabilità; si ha così un Name Server Primario e un Name Server Secondario. I due devono essere periodicamente aggiornati in modo da contenere le stesse informazioni. Per fare ciò si devono trasferire in modo affidabile notevoli quantità di dati e un trasporto connectionless come quello usato nelle query fatte da uno stub resolver non è adatto. Per questa operazione si usa allora il trasporto TCP e di solito un NS è in ascolto sulla porta 53 TCP oltre che sulla porta 53 UDP. Windows Internet Naming Service (WINS) WINS provides dynamic NetBIOS name to IP address registration and resolution. This paper presents a functional description of the WINS server. Name registration and resolution processes are described as well as replication between WINS servers. The WINS database schema is documented. Finally, the paper discusses capacity planning and designing a WINS infrastructure. Nomi NetBIOS NetBIOS è un'interfaccia di programmazione di livello sessione (fornisce cioè dei servizi classificabili come servizi session OSI) nata sulle LAN Microsoft e quindi esportata in ambiente di intenetworking sulla pila TCP/IP. NetBIOS identifica le risorse di rete con nomi simbolici di 16 caratteri (non strutturati in una gerarchia come i domain name di Internet), che devono essere unici in una rete e sono allocati dinamicamente quando un computer è attivato o un utente si collega al sistema. La procedura di registrazione di un nome è basata su un messaggio di broadcast comunicato a tutta la rete dal nodo che vuole usare il nome. Se non si riceve alcuna obiezione si suppone che il nome sia utilizzabile e viene emessa una Name Overwrite Demand. A questo punto tutti sanno a chi appartiene il nome (e quindi la risoluzione è automatica). Questo sistema funziona bene su piccole LAN. Quando la rete cresce e soprattutto quando viene inserita in una internet, in cui normalmente i router non propagano i broadcast, il sistema diventa inutilizzabile. Una prima soluzione consiste nel file LMHOSTS in cui viene stabilita una corrispondenza fra indirizzi IP e nomi NetBIOS. I nodi che non possono rispondere ai broadcast utilizzano questo file per la risoluzione dei nomi NetBIOS. Oltre a questa funzionalità di base il file LMHOSTS serve tramite l'introduzione di alcune keyword -a validare i logon e a stabilire dei domini che comprendono più sottoreti. La maggior limitazione del file LMHOSTS è che è un file statico. Ogni variazione deve essere introdotta manualmente e replicata su tutti i nodi che usano questo file. Una gestione centralizzata, con distribuzione del file da un punto unico, semplifica l'amministrazione ma richiede comunque interventi manuali. Una gestione basata su LMHOSTS è praticamente impossibile in presenza di indirizzi IP dinamici. Il protocollo WINS, basato sul paradigma client/server, supera queste limitazioni permettendo la risoluzione dei nomi NetBIOS in una internet comunque complessa. La realizzazione di WINS nelle reti Microsoft è strettamente integrata col DNS. Questo permette a clienti non-wins di risolvere nomi NetBIOS facendo una query a un server DNS. pag. 8 Il Domain Name System

Corso di recupero di sistemi Lezione 8

Corso di recupero di sistemi Lezione 8 Corso di recupero di sistemi Lezione 8 a.s. 2011/2012 - Prof. Fabio Ciao 24 aprile 2012 Reti TCP/IP Una rete TCP/IP è una rete locale o geografica che utilizza protocolli TCP/IP con i primi 2 livelli una

Dettagli

20. DNS: Il Domain Name System

20. DNS: Il Domain Name System 20. DNS: Il Domain Name System 20.1 Introduzione È un database distribuito usato dalle applicazioni TCP/IP che: Mappa hostname su IP address Mappa IP address su hostname Fornisce informazione di routing

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Introduzione al Dns. Loredana Pillitteri. Semplificazione della gestione e delega amministrativa Pisa - CNR - ISTI dicembre 2003

Introduzione al Dns. Loredana Pillitteri. Semplificazione della gestione e delega amministrativa Pisa - CNR - ISTI dicembre 2003 Introduzione al Dns Semplificazione della gestione e delega amministrativa Pisa - CNR - ISTI dicembre 2003 Cos è il DNS Lo spazio dei nomi ed indirizzi IP Tipi record migrazione nuovo dominio ISTI migrazione

Dettagli

SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS) Funzionamento del DNS. Soluzione centralizzata

SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS) Funzionamento del DNS. Soluzione centralizzata SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS) Ad ogni calcolatore collegato a Internet (host) è associato un indirizzo IP Utilizzo di nomi simbolici da parte degli utenti Necessità di una traduzione dei nomi simbolici

Dettagli

SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS)

SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS) SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS) Ad ogni calcolatore collegato a Internet (host) è associato un indirizzo IP Utilizzo di nomi simbolici da parte degli utenti Necessità di una traduzione dei nomi simbolici

Dettagli

Domain Name System. Gerarchia nomi simbolici

Domain Name System. Gerarchia nomi simbolici Domain Name System ad application L., ma usato da protocolli di L7 più che da utenti accessibile via comando di shell nslookup indirizzamento a L7: nome simbolico es: www.dico.unimi.it struttura gerarchica

Dettagli

Domain Name System: DNS

Domain Name System: DNS Domain Name System: DNS Nomi simbolici Gerarchia dei nomi Gerarchia dei DNS Risoluzione dei nomi Caching e abbreviazioni Descrittori di risorsa Nomi simbolici Tutte le applicazioni Internet usano indirizzi

Dettagli

Domain Name System (DNS)

Domain Name System (DNS) Prof. Roberto De Prisco Domain Name System (DNS) Riferimento: Comer, Cap. 24 Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica Indirizzi IP e nomi 2 Indirizzo IP identifica un host su Internet

Dettagli

Il DNS e la gestione degli indirizzi IP. Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano

Il DNS e la gestione degli indirizzi IP. Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano Il DNS e la gestione degli indirizzi IP Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano Indirizzi fisici e indirizzi astratti Ogni macchina all interno di una rete è identificata da un indirizzo hardware

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

RETI E SISTEMI INFORMATIVI Domain Name System. Prof. Andrea Borghesan

RETI E SISTEMI INFORMATIVI Domain Name System. Prof. Andrea Borghesan RETI E SISTEMI INFORMATIVI Domain Name System Prof. Andrea Borghesan http://venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì, 10.00-11.00. Studio 34, primo piano. Dip. Statistica 1 Modalità esame:

Dettagli

Sistemi e Servizi di TLC. Lezione N. 6. Il servizio DNS (Domain Name System)

Sistemi e Servizi di TLC. Lezione N. 6. Il servizio DNS (Domain Name System) Sistemi e Servizi di TLC Lezione N. 6 Il servizio DNS (Domain Name System) 1 Nomi logici e indirizzi IP Gli indirizzi IP utilizzati per identificare univocamente i dispositivi connessi alla rete (router

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

Reti di Calcolatori. Vantaggi dell uso delle reti. Cosa è una rete? Punto di vista logico: sistema di dati ed utenti distribuito

Reti di Calcolatori. Vantaggi dell uso delle reti. Cosa è una rete? Punto di vista logico: sistema di dati ed utenti distribuito Cosa è una rete? Punto di vista logico: sistema di dati ed utenti distribuito Punto di vista fisico: insieme di hardware, collegamenti, e protocolli che permettono la comunicazione tra macchine remote

Dettagli

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci CORSO DI RETI SSIS Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci IL DOMAIN NAME SYSTEM (DNS) Indirizzi IP poco adatti per essere memorizzati da utenti umani è prevista la possibiltà di associare nomi simbolici

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

Domain Name Service. Mario BALDI. Silvano GAI. Fulvio RISSO. http://staff.polito.it/mario.baldi. sgai[at]cisco.com. fulvio.risso[at]polito.

Domain Name Service. Mario BALDI. Silvano GAI. Fulvio RISSO. http://staff.polito.it/mario.baldi. sgai[at]cisco.com. fulvio.risso[at]polito. Domain Name Service Mario BALDI http://staff.polito.it/mario.baldi Silvano GAI sgai[at]cisco.com Fulvio RISSO fulvio.risso[at]polito.it DNS - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nomi e Indirizzi Nomi mnemonici:

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10 Giovedì 9-04-2015 1 Database distribuiti e gerarchici

Dettagli

P2-09: Domain Name System (Cap. 24)

P2-09: Domain Name System (Cap. 24) Autunno 2002 Prof. Roberto De Prisco -09: Domain Name System (Cap. 24) Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica Inidirizzi IP: nomi e numeri 09.2 Indirizzo IP: stringa di 32 bit

Dettagli

Domain Name System: DNS

Domain Name System: DNS Domain Name System: DNS Nomi simbolici Gerarchia dei nomi Gerarchia dei DNS Risoluzione dei nomi Caching e abbreviazioni Descrittori risorsa Nomi simbolici Tutte le applicazioni Internet usano inrizzi

Dettagli

PROTOCOLLI APPLICATIVI PER INTERNET

PROTOCOLLI APPLICATIVI PER INTERNET PROTOCOLLI APPLICATIVI PER INTERNET IC3N 2000 N. 5 La famiglia dei protocolli TCP/IP Applicazioni e-mail,ftp,ssh,www TCP UDP ICMP IP ARP RARP IEEE 802-Ethernet-X25-Aloha ecc. Collegamento fisico 6 1 Protocolli

Dettagli

OCCHIO AL DOWNLOAD E UPLOAD!!!

OCCHIO AL DOWNLOAD E UPLOAD!!! OCCHIO AL DOWNLOAD E UPLOAD!!! DIRITTI DI PROPRIETA INDUSTRIALE TUTELANO ANCHE TE!!! Lezione n 8 RETE INTERNET DOMAIN NAME -Nativi digitali e Internet- Prof.ssa Cristina Daperno Prof. Aldo Ribero Prof.

Dettagli

Reti di Calcolatori 18-06-2013

Reti di Calcolatori 18-06-2013 1. Applicazioni di rete [3 pts] Si descrivano, relativamente al sistema DNS: Compito di Reti di Calcolatori 18-06-2013 a) i motivi per i quali viene usato; b) l architettura generale; c) le modalità di

Dettagli

PROF. Filippo CAPUANI DNS

PROF. Filippo CAPUANI DNS PROF. Filippo CAPUANI DNS Sommario Introduzione al DNS La terminologia del DNS Nomi DNS in un dominio Windows 2000 Installiamo un server DNS nella rete Configuriamo il servizio DNS Zone e file DNS DNS

Dettagli

Laboratorio di Reti Esercitazione N 2-DNS Gruppo 9. Laboratorio di Reti Relazione N 2. Mattia Vettorato Alberto Mesin

Laboratorio di Reti Esercitazione N 2-DNS Gruppo 9. Laboratorio di Reti Relazione N 2. Mattia Vettorato Alberto Mesin Laboratorio di Reti Relazione N 2 Gruppo N 9 Mattia Vettorato Alberto Mesin Scopo dell'esercitazione Configurare un Name Server per un dominio, in particolare il nostro dominio sarà gruppo9.labreti.it.

Dettagli

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione Livello Applicazione Davide Quaglia 1 Motivazione Nell'architettura ibrida TCP/IP sopra il livello trasporto esiste un unico livello che si occupa di: Gestire il concetto di sessione di lavoro Autenticazione

Dettagli

5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP

5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP 5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP 5.1. Introduzione Due macchine si parlano solo se conoscono l'indirizzo fisico di sottorete Due applicazioni si parlano solo se conoscono

Dettagli

EasyDNS2. Manuale d uso L EVOLUZIONE DEI SERVIZI DOMAIN NAME SYSTEM

EasyDNS2. Manuale d uso L EVOLUZIONE DEI SERVIZI DOMAIN NAME SYSTEM EasyDNS2 L EVOLUZIONE DEI SERVIZI DOMAIN NAME SYSTEM Manuale d uso TERMINOLOGIA IL PANNELLO DI CONTROLLO ELEMENTI DELL INTERFACCIA COMUNI IL TAB CNAME IL TAB MX IL TAB SOA IL TAB TXT IL TAB CUSTOM RECORDS

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA 05/11/14 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di SISTEMI DISTRIBUITI 7. I processi : il naming Prof. S.Pizzutilo Il naming dei processi Nome = stringa di bit o di caratteri utilizzata per

Dettagli

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 8 DNS (cont)

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 8 DNS (cont) INFORMATICA DISTRIBUITA prof. lez 8 DNS (cont) Università degli Studi di Milano Scienze e Tecnologie della Comunicazione Musicale a.a. 2009-2010 DNS: Domain Name System Indirizzamento di una macchina (host)

Dettagli

Application layer. Protocolli a livello applicativo. Identificatori in Internet. Protocolli a livello applicativo, esempi. Francesco Dalla Libera

Application layer. Protocolli a livello applicativo. Identificatori in Internet. Protocolli a livello applicativo, esempi. Francesco Dalla Libera Protocolli a livello applicativo Application layer Francesco Dalla Libera! In questo livello si trovano diverse tipologie di oggetti: " protocolli di supporto a tutte le applicazioni: # DNS (Domain Name

Dettagli

(Domain Name System) DNS (Domain Name System) Architettura del DNS DNS. A.Lioy - Politecnico di Torino (2013) B-1. Antonio Lioy < lioy@polito.

(Domain Name System) DNS (Domain Name System) Architettura del DNS DNS. A.Lioy - Politecnico di Torino (2013) B-1. Antonio Lioy < lioy@polito. (Domain Name System) (Domain Name System) Antonio Lioy < lioy@polito.it > Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica (Domain Name System) è il sistema scelto da Internet per mantenere la corrispondenza

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 8

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 8 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 8 Giovedì 27-03-2014 1 Protocolli di accesso

Dettagli

Introduzione ad Active Directory. Orazio Battaglia

Introduzione ad Active Directory. Orazio Battaglia Introduzione ad Active Directory Orazio Battaglia Introduzione al DNS Il DNS (Domain Name System) è un sistema utilizzato per la risoluzione dei nomi dei nodi della rete (host) in indirizzi IP e viceversa.

Dettagli

Lezione 11 Livello Applicativo bind (DNS)

Lezione 11 Livello Applicativo bind (DNS) Lezione 11 Livello Applicativo bind (DNS) Università degli Studi di Milano Insegnamento di Terminologia - 1 ISO/OSI (Open System Interconnection) Standard de iure che organizza l'architettura di una rete

Dettagli

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 76 Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31 A B C D E 0 net id host id 1 0 net id host id 1 1 0 net id host id 1 1 1 0 multicast address 1 1 1 1 0 riservato per usi

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli

Cos è. Protocollo TCP/IP e indirizzi IP. Cos è. Cos è

Cos è. Protocollo TCP/IP e indirizzi IP. Cos è. Cos è Protocollo TCP/IP e indirizzi IP Il protocollo TCP/IP è alla base dei sistemi di trasmissione dati impiegati sulle reti locali e su Internet. Nato nel Gennaio 1983 negli Stati Uniti come sistema di comunicazione

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Protocolli di Comunicazione

Protocolli di Comunicazione Protocolli di Comunicazione La rete Internet si è sviluppata al di fuori dal modello ISO-OSI e presenta una struttura solo parzialmente aderente al modello OSI. L'architettura di rete Internet Protocol

Dettagli

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI Confronto tra ISO-OSI e TCP/IP, con approfondimento di quest ultimo e del livello di trasporto in cui agiscono i SOCKET. TCP/IP

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 3 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 3 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 3 a lezione Francesco Fontanella Il pacchetto IP Il preambolo (header) IP è fatto in questo modo: Gli Indirizzi IP Ogni host e router

Dettagli

Sulla risoluzione degli indirizzi IP Parte II Domain Name System

Sulla risoluzione degli indirizzi IP Parte II Domain Name System Sulla risoluzione degli indirizzi IP Parte II Domain Name System Stefano Bonacina (*), Francesca Giuratrabocchetti (**), Davide Stefanoni (***) (*) Dottorato di Ricerca in Bioingegneria XVI ciclo Politecnico

Dettagli

Reti. Reti. IPv4: concetti fondamentali. arp (address resolution protocol) Architettura a livelli (modello OSI)

Reti. Reti. IPv4: concetti fondamentali. arp (address resolution protocol) Architettura a livelli (modello OSI) Reti Architettura a livelli (modello OSI) Prevede sette livelli: applicazione, presentazione, sessione, trasporto, rete, collegamento dei dati (datalink), fisico. TCP/IP: si può analizzare in maniera analoga

Dettagli

Il Livello delle Applicazioni

Il Livello delle Applicazioni Il Livello delle Applicazioni Il livello Applicazione Nello stack protocollare TCP/IP il livello Applicazione corrisponde agli ultimi tre livelli dello stack OSI. Il livello Applicazione supporta le applicazioni

Dettagli

Corso per Tutor C2 CEFRIEL Politecnico di Milano Relazione sull attività del 5 maggio 2003

Corso per Tutor C2 CEFRIEL Politecnico di Milano Relazione sull attività del 5 maggio 2003 Argomenti sviluppati: - Il protocollo DHCP e le sue applicazioni: - Configurazione e gestione del pool di indirizzi in Linux - Configurazione indirizzi statici in Linux - Il protocollo DNS e le sue implementazioni

Dettagli

Interconnessione di reti

Interconnessione di reti Interconnessione di reti Collegamenti tra reti eterogenee Instradamento (routing) e inoltro (forwarding) IPv4 - indirizzi IP e MAC - sottoreti IPv6 - evoluzione di Internet DNS - Domain Name System Conclusioni

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

Dal protocollo IP ai livelli superiori

Dal protocollo IP ai livelli superiori Dal protocollo IP ai livelli superiori Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Protocollo IP Abbiamo visto che il protocollo IP opera al livello di rete definendo indirizzi a 32 bit detti indirizzi IP che permettono

Dettagli

Laurea in INFORMATICA

Laurea in INFORMATICA Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2013/2014 Capitolo 4 Indirizzi del Protocollo IP fausto.marcantoni@unicam.it Agenda Indirizzamento, gerarchia, classificazione degli indirizzi

Dettagli

Oreste Signore, Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa

Oreste Signore, <oreste@w3.org> Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa http://www.w3c.it/education/2012/upra/basicinternet/#(1) 1 of 16 Oreste Signore, Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa Master in Comunicazione

Dettagli

Comprendere cosa è Internet e sapere quali sono i suoi principali impieghi. 25/09/2011 prof. Antonio Santoro

Comprendere cosa è Internet e sapere quali sono i suoi principali impieghi. 25/09/2011 prof. Antonio Santoro Comprendere cosa è Internet e sapere quali sono i suoi principali impieghi. 1 Internet è una rete che collega centinaia di milioni di computer in tutto il mondo 2 Le connessioni sono dei tipi più disparati;

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il Livello delle Applicazioni

Reti di Calcolatori. Il Livello delle Applicazioni Reti di Calcolatori Il Livello delle Applicazioni Il DNS Gli indirizzi IP sono in formato numerico: sono difficili da ricordare; Ricordare delle stringhe di testo è sicuramente molto più semplice; Il Domain

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Giovedì 15-05-2014 1 Protocolli a turno

Dettagli

Progettare una Rete Locale "Client/Server

Progettare una Rete Locale Client/Server Progettare una Rete Locale "Client/Server Premessa - Cos'è una rete Locale o LAN (Local Area Network)? Le reti locali si estendono su di un'area geografica piuttosto limitata; si tratta per lo più di reti

Dettagli

Domain Name Service. Mario BALDI. Silvano GAI. Fulvio RISSO. staff.polito.it/mario.baldi. sgai[at]cisco.com. fulvio.risso[at]polito.

Domain Name Service. Mario BALDI. Silvano GAI. Fulvio RISSO. staff.polito.it/mario.baldi. sgai[at]cisco.com. fulvio.risso[at]polito. Domain Name Service Mario BALDI staff.polito.it/mario.baldi Silvano GAI sgai[at]cisco.com Fulvio RISSO fulvio.risso[at]polito.it DNS - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme

Dettagli

IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico

IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico IP e subnetting Ip IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico come nel caso del MAC Address) una

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE RETI: UN APPROCCIO PRATICO

INTRODUZIONE ALLE RETI: UN APPROCCIO PRATICO INTRODUZIONE ALLE RETI: UN APPROCCIO PRATICO okfabian@yahoo.com Fabian Chatwin Cedrati Ogni scheda di rete ha un indirizzo MAC univoco L'indirizzo IP invece viene impostato dal Sistema Operativo HUB 00:50:DA:7D:5E:32

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete IP Analizziamo con sufficiente dettaglio il sistema denominato IP, usato per consentire a due computer mobili di spostarsi liberamente in altre reti pur mantenendo lo stesso indirizzo IP. In particolare,

Dettagli

Topologia delle reti. Rete Multipoint: ogni nodo è connesso agli altri tramite nodi intermedi (rete gerarchica).

Topologia delle reti. Rete Multipoint: ogni nodo è connesso agli altri tramite nodi intermedi (rete gerarchica). Topologia delle reti Una RETE DI COMPUTER è costituita da un insieme di elaboratori (NODI) interconnessi tra loro tramite cavi (o sostituti dei cavi come le connessioni wireless). Rete Point-to-Point:

Dettagli

Internet. Cos'è internet? I parte

Internet. Cos'è internet? I parte Internet Da leggere: Cap.6, in particolare par. 6.4 del Console Ribaudo (testo B) I parte Cos'è internet? Milioni di dispositivi di calcolo tra loro interconnessi: host o end-systems Pc, workstation, server

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Area Clienti Tiscali Hosting e Domini

Area Clienti Tiscali Hosting e Domini Area Clienti Tiscali Hosting e Domini Manuale Utente Area Clienti Tiscali Hosting e Domini - Manuale utente Pag. 1 di 20 Sommario INFORMAZIONI GENERALI... 3 ACCESSO ALL AREA CLIENTI TISCALI HOSTING E DOMINI...

Dettagli

TESINA DI SISTEMI. DNS (Domain Name System)

TESINA DI SISTEMI. DNS (Domain Name System) TESINA DI SISTEMI DNS (Domain Name System) Storia Di tutti i servizi Internet, il Domain Name System (DNS) è uno tra i meno compresi ma allo stesso tempo uno tra i più importanti. Definito negli RFC 1034

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Protocolli applicativi: DNS I lucidi presentati

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Domini Virtual Server

Domini Virtual Server Domini Virtual Server Pannello di controllo Manuale Utente Pannello di controllo domini e virtual server - Manuale utente ver. 2.0 Pag. 1 di 18 Sommario INFORMAZIONI GENERALI... 3 Virtual Server... 3 ACCESSO

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

IP Internet Protocol

IP Internet Protocol IP Internet Protocol Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 13 IP - 1/20 IP IP è un protocollo a datagrammi In spedizione: Riceve i dati dal livello trasporto e

Dettagli

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address Gli indirizzi dell Internet Protocol IP Address Il protocollo IP Prevalente è ormai diventato nell implementazione di reti di computer la tecnologia sintetizzata nei protocolli TCP- Ip IP è un protocollo

Dettagli

CONFIGURAZIONE DNS INDICE

CONFIGURAZIONE DNS INDICE Progetto Configurazione DNS Versione 1.0 beta 2 Data 28/09/2002 16.34 Autore Julien Buratto Cliente Linkas Srl CONFIGURAZIONE DNS INDICE TEORIA...2 COSA CONVERTE...2 DOMINIO E ZONA...2 In blu sono segnalati

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Introduzione alle Reti di Calcolatori versione 1.0 del 11/03/2003 G. Mecca mecca@unibas.it Università della Basilicata Reti >> Sommario Sommario dei Concetti Elab. Client-Server

Dettagli

InterNet: rete di reti

InterNet: rete di reti Internet e il web: introduzione rapida 1 InterNet: rete di reti Una rete è costituita da diversi computer collegati fra di loro allo scopo di: Comunicare Condividere risorse Ogni computer della rete può,

Dettagli

Gestione degli indirizzi

Gestione degli indirizzi Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Gestione degli indirizzi - Address Resolution Protocol (ARP) - Reverse Address Resolution Protocol (RARP) - Dynamic Host Configuration Protocol

Dettagli

Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e

Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e TCP/IP Sommario Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e pubblici Introduzione al TCP/IP TCP/IP

Dettagli

Connessioni e indirizzo IP

Connessioni e indirizzo IP Connessioni e indirizzo IP Questo argomento include le seguenti sezioni: "Installazione della stampante" a pagina 3-2 "Impostazione della connessione" a pagina 3-6 Installazione della stampante Le informazioni

Dettagli

Maschere di sottorete a lunghezza variabile

Maschere di sottorete a lunghezza variabile Sottoreti Il CIDR (Classless Inter-Domain Routing) è un nuovo schema di indirizzamento introdotto nel 1993 per sostituire lo schema classful secondo il quale tutti gli indirizzi IP appartengono ad una

Dettagli

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia Informatica Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia PARTE 3 - COMUNICAZIONI INFORMATICHE (Internet) Importanza delle comunicazioni Tutti vogliono comunicare Oggi un computer che non è in

Dettagli

Domain Name Service. Nota di Copyright. Nomi e Indirizzi. Mario BALDI staff.polito.it/mario.baldi. Silvano GAI. Fulvio RISSO fulvio.risso@polito.

Domain Name Service. Nota di Copyright. Nomi e Indirizzi. Mario BALDI staff.polito.it/mario.baldi. Silvano GAI. Fulvio RISSO fulvio.risso@polito. Domain Name Service Mario BALDI staff../mario.baldi Svano GAI sgai@cis.m Fulvio RISSO fulvio.risso@. DNS - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Gestione degli indirizzi

Gestione degli indirizzi Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Gestione degli indirizzi -Address Resolution Protocol (ARP) -Reverse Address Resolution Protocol (RARP) -Dynamic Host Configuration Protocol

Dettagli

DOMAIN NAME SYSTEM (DNS)

DOMAIN NAME SYSTEM (DNS) PARTE 4 DOMAIN NAME SYSTEM (DNS) Domain Name System (Un esempio di sistema distribuito geograficamente che funziona molto bene) Indice Identificatori degli host e alternative nel naming Organizzazione

Dettagli

Reti di Calcolatori. Internet. Un sistema di comunicazione che offre un servizio universale:

Reti di Calcolatori. Internet. Un sistema di comunicazione che offre un servizio universale: Reti di Calcolatori Dipartimento di Ingegneria dell Informazione 1 Internet Un sistema di comunicazione che offre un servizio universale: permette a due calcolatori qualunque di comunicare indipendemente

Dettagli

Elementi di Sicurezza e Privatezza Lezione 18 Protocolli di rete e vulnerabilità. Chiara Braghin

Elementi di Sicurezza e Privatezza Lezione 18 Protocolli di rete e vulnerabilità. Chiara Braghin Elementi di Sicurezza e Privatezza Lezione 18 Protocolli di rete e vulnerabilità Chiara Braghin IPv6: quanti lo usano? http://v6asns.ripe.net/ RIPE (Réseaux IP Européens) http://www.ipv6actnow.org/info/statistics/

Dettagli

Internet: rete di reti

Internet: rete di reti Internet: rete di reti internet: rete di reti Le reti locali sono reti chiuse all interno di un area privata e consentono la condivisione di risorse solo all interno di tale area. E possibile però aprire

Dettagli

Problema del naming. Modello di Naming

Problema del naming. Modello di Naming Sistemi Distribuiti Problema del naming 1 Modello di Naming Conoscenza reciproca delle entità / servizi In una relazione cliente/servitore il cliente deve avere un riferimento al servitore Problema della

Dettagli

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4)

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) Architettura del WWW World Wide Web Sintesi dei livelli di rete Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) - Connessione fisica - Trasmissione dei pacchetti ( IP ) - Affidabilità della comunicazione

Dettagli

I Principali Servizi del Protocollo Applicativo

I Principali Servizi del Protocollo Applicativo 1 I Principali Servizi del Protocollo Applicativo Servizi offerti In questa lezione verranno esaminati i seguenti servizi: FTP DNS HTTP 2 3 File Transfer Protocol Il trasferimento di file consente la trasmissione

Dettagli

Cenni di programmazione distribuita in C++ Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it

Cenni di programmazione distribuita in C++ Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Cenni di programmazione distribuita in C++ Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Socket Nei sistemi operativi moderni i servizi disponibili in rete si basano principalmente sul modello client/server. Tale

Dettagli

Protocollo IP e collegati

Protocollo IP e collegati Protocollo IP e collegati Argomenti trattati: formato del pacchetto IP; servizi del protocollo IP; formato degli indirizzi; instradamento dei datagrammi; classi di indirizzi A, B, C, D; indirizzi speciali,

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Martedì 1-04-2014 1 Applicazioni P2P

Dettagli

Internet e Tecnologia Web

Internet e Tecnologia Web INTERNET E TECNOLOGIA WEB Corso WebGis per Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006 ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it Internet e Tecnologia Web...1 TCP/IP...2 Architettura Client-Server...6

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli