Fusione termonucleare controllata e High Performance Computing. S. Briguglio e G. Vlad ENEA Frascati

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fusione termonucleare controllata e High Performance Computing. S. Briguglio e G. Vlad ENEA Frascati"

Transcript

1 Fusione termonucleare controllata e High Performance Computing S. Briguglio e G. Vlad ENEA Frascati

2 Sommario La fusione nucleare La simulazione particle in cell (PIC) Il porting di un codice PIC su architetture parallele Risultati

3 La fusione nucleare 3.5 MeV Schema di reattore 14.1 MeV Il neutrone cede la sua energia a un mantello che circonda la camera calore raffreddamento ad acqua vapore turbina energia elettrica Vantaggi: combustibile quasi inesauribile; scarsa produzione di scorie rischio di fuga radioattiva trascurabile; sistema intrinsecamente sicuro

4 La fusione nucleare (segue ) D + T: repulsione elettrostatica a grandi distanze; attrazione nucleare a piccolissima distanza (10-15 m) Energia cinetica iniziale dei nucleoni molto alta Acceleratore? Non conviene Alta temperatura (>107 C): centro delle stelle B Contenimento? Nucleoni carichi: forza di Lorentz Solenoide campo magnetico E le pareti di fondo?

5 La fusione nucleare (segue ) Tokamak: тороидальная камера с магнитными катушками (camera toroidale con bobine magnetiche) JET: il più grande tokamak in attività

6 La fusione nucleare (segue ) Road map verso il reattore: riscaldare un gas (plasma) di deuterio-deuterio (corrente, microonde, fasci di particelle) idem, con deuterio-trizio (attivazione dei materiali, ma reazioni di fusione numerose) garantire che i nuclei di elio siano ben confinati e trasferiscano la loro energia al plasma spegnere il riscaldamento dall esterno e lasciare che siano i nuclei di elio a tener caldo il plasma (ignizione)

7 La fusione nucleare (segue ) Per tenere caldo il centro del plasma è necessario un trasporto di energia e di particelle ridotto Onde elettromagnetiche che si sviluppano nel plasma, però, incrementano il trasporto Risonanze tra onde elettromagnetiche e particelle cariche che viaggiano in fase con l onda: l onda cresce in ampiezza a spese dell energia della particella il campo elettromagnetico che così si produce trascina la particella verso il bordo del plasma

8 Le equazioni del sistema Funzione di distribuzione (densità nello spazio x,v) Equazione di Vlasov Forza su ciascuna particella Equazioni per i campi nel limite non relativistico: Eq. Coulomb Eq. Ampère

9 Perché l approccio computazionale? Tipiche semplificazioni per una trattazione analitica: limite perturbativo (la struttura del campo elettromagnetico è data; le particelle agiscono su di esso come una piccola perturbazione) limite fluido (le particelle sono caratterizzate da pochi parametri medi: densità, temperatura, etc.; non conta il loro comportamento individuale) limite lineare (si valuta solo il grado di stabilità di un equilibrio, non la sua evoluzione in caso di instabilità) Una conoscenza piena del comportamento del sistema richiede invece una trattazione auto-consistente (campi determinati dalle particelle; moto delle particelle determinato dai campi) cinetica (particelle con velocità diverse interagiscono con i campi in modo diverso: risonanze) non lineare (il confinamento delle particelle dipende da quanto i campi modificano le loro orbite: ampiezza di saturazione) approccio computazionale

10 La simulazione a particelle Discretizzazione: Eq. moto: Eq. campi:

11 Plasma numerico e plasma fisico Discretizzazione dello spazio fisico e dello spazio delle velocità: ciascuna particella rappresenta un gran numero di particelle fisiche con coordinate x,v in un intorno di x i,v i (macroparticella) Nota: è una scelta obbligata: in un Tokamak: circa particelle per ciascuna particella occorre memorizzare 6 variabili real*8 (x,v) per descriverle tutte, occorrerebbero circa Gbytes di memoria Discretizzazione del tempo: scelta obbligata, in mancanza di una soluzione esatta Quanto può essere lasca la discretizzazione? accuratezza (campionamento): molte macroparticelle in un volume ρ L 3 (lunghezza d onda tipica ρ L ) molti step temporali in un tempo 1/ω (frequenza tipica = ω ) vincoli più stringenti?

12 La soluzione più immediata: simulazione N-corpi Calcolo dei campi nel punto in cui si trova la macroparticella come sovrapposizione dei campi prodotti da ciascuna delle altre macroparticelle: Due problemi: il numero di operazioni per l evoluzione delle coordinate delle macroparticelle scala con N part 2 (con N part numero di macroparticelle) interazioni a piccole distanze

13 N-corpi (segue ) n particelle con carica e + rappresentate da una macroparticella con carica ne + : l interazione da lontano non è alterata l interazione da vicino può essere sovrastimata da lontano da vicino Condizione per curare il problema: molte macroparticelle in un volume λ 3 D (λ D =lunghezza di Debye) nota: λ D << ρ L vincolo molto più stringente del bisogno di accuratezza E n e + n e + 1 ne + 1 ne + E E E

14 Alternativa: particle in cell Benché le particelle si muovano nel continuo, il dominio spaziale viene suddiviso in celle (griglia)

15 Ciascuna particella distribuisce la propria densità di carica e di corrente ai vertici vicini: density computing ( N part ) I campi vengono calcolati solo sui vertici delle celle, in base alle densità di carica e di corrente: field solving ( N celle Log N celle ) Posizione e velocità di ciascuna particella sono ricalcolate in base ai campi nella posizione della particella, ottenuti da un interpolazione dei valori calcolati sui vertici vicini: pushing ( N part )

16 Vantaggi (rispetto all approccio N-corpi): Il numero delle operazioni scala con N part (anziché con N part2 ) L estrapolazione dei campi e la suddivisione di carica e corrente tra i vertici produce un taglio delle interazioni a distanza inferiore alla dimensione di una cella: le interazioni a piccola distanza, che con numeri ragionevoli di macroparticelle acquisterebbero un peso eccessivo, sono artificiosamente soppresse a parità di accuratezza, si guadagna un fattore (ρ L / λ D ) nel numero N part richiesto

17 Struttura di un codice PIC: c call inizializza(x,field) do istep=1,nstep call pushing(field,x) call compute_density(x,density) call field_solver(density,field) enddo

18 Ancora guai: il problema degli alias Una griglia spaziale con celle di ampiezza Δx confonde perturbazioni con numero d onda k e k n =k+n(2π/δx): l una è vista come alias dell altra Il sistema presenta instabilità non fisiche (scompaiono per Δx 0) Ne deriva un limite superiore sul Δx tollerabile In un plasma confinato magneticamente, si riottiene Δx < λ D Δx x Problema analogo per Δt: Δt < ω p -1 (ω p = frequenza di plasma)

19 I fenomeni da investigare sono caratterizzati da scale di variazione molto più lente: 1/k ρ L 20 λ D 1/ω 1/ω /ω p Per sopprimere le instabilità non fisiche occorrerebbe una discretizzazione inutilmente fine: a fissata accuratezza N part più grande di un fattore (ρ L / λ D ) n step più grande di un fattore (ω p / ω ) CPU time più grande di un fattore 10 8 Soluzione: mediare le equazioni del moto rispetto alla girazione (rapida) intorno alle linee di campo (formalismo girocinetico) Risultato: si perde l informazione su ciò che succede su scale spaziotemporali brevi, ma si sopprimono le instabilità numeriche su quelle scale si può rilassare la risoluzione: Δx < ρ L Δt < 1/ω

20 Parallelizzazione di un codice PIC su architettura distributed memory Esigenze: Esplorare l effetto di perturbazioni di campo elettromagnetico su scale di ordine ρ L per macchine con dimensioni 10 2 ρ L Descrivere accuratamente (basso rumore numerico) la funzione di distribuzione nello spazio delle velocità (alto numero di particelle per cella) Problema di dimensioni medie: N celle 10 6 N particelle N celle N time-steps 10 4 N particelle >> N celle prioritaria la distribuzione dei carichi (memoria e calcolo) relativi alle particelle Due strategie possibili: decomposizione per particelle decomposizione per dominio

21 Decomposizione per particelle Ogni nodo vede tutto il dominio spaziale, ma solo una parte delle particelle

22 Decomposizione per dominio Ogni nodo vede solo una parte del dominio spaziale, e tutte le particelle che vi si trovano

23 Decomposizione per particelle Dominio replicato, particelle distribuite Pro: carichi perfettamente bilanciati nessuna migrazione di particelle da un nodo all altro implementazione relativamente semplice Contro: memoria relativa ai campi e alle densità replicata (la risoluzione massima ottenibile non scala perfettamente con N nodi ) necessaria una riduzione tra nodi delle densità (comunicazione: lo speed up non scala perfettamente con N nodi )

24 Scheletro del codice parallelo (MPI) c c c call MPI_Init(ierr) call MPI_Comm_size(MPI_COMM_WORLD, n_nodi, ierr) call MPI_Comm_Rank(MPI_COMM_WORLD,my_rank,ierr) call decomposizione(n_part,n_nodi,peso_nodo,n_part_nodo) allocate (x(n_part_nodo)) call inizializza(my_rank,x,field) do istep=1,nstep call pushing(field,x) call compute_density(x,density_nodo) call MPI_ALLREDUCE(density_nodo,density,n_celle, & MPI_DOUBLE_PRECISION,MPI_SUM, & MPI_COMM_WORLD,ierr) call field_solver(density,field) enddo call MPI_Finalize(ierr)

25 Decomposizione per dominio Dominio distribuito; particelle distribuite Pro: memoria relativa a campi e densità distribuita (risoluzione spaziale massima ottenibile N nodi ) non è necessaria riduzione tra nodi delle densità (speed up N nodi ) eccezione: confini tra sub-domini adiacenti (v. prossima slide) Contro: migrazione di particelle da un nodo all altro: check su ogni particella dopo il pushing ed eventuale riassegnazione al nuovo nodo (comunicazione) possbile sbilanciamento dei carichi con perdita dello scaling quasi ideale di risoluzione ottenibile e speed up con N nodi cura: bilanciamento dinamico (riassegnazione di dominio e particelle quando necessario) più difficile da implementare

26 Decomposizione per dominio: problema dei sub-domini adiacenti Al confine tra sub-domini adiacenti, i vertici sono in comune tra celle appartenenti a sub-domini diversi Conseguenza: particelle assegnate a nodi diversi richiedono, per il pushing, i valori dei campi su quei vertici contribuiscono alle densità di quegli stessi vertici Due possibilità: nodo 1 nodo 2 assegnare i vertici in comune a uno solo dei nodi (ogni particella di pertinenza di quel vertice, ma appartenente all altro nodo, richiede comunicazione per conoscere i campi e contribuire alle densità) replicare sui due nodi le locazioni di memoria relative ai vertici comuni ed operare la riduzione delle densità: lieve peggioramento degli scaling con N nodi Conviene la seconda!

27 Scheletro del codice parallelo (MPI) c c c call MPI_Init(ierr) call MPI_Comm_size(MPI_COMM_WORLD, n_nodi, ierr) call MPI_Comm_Rank(MPI_COMM_WORLD,my_rank,ierr) call decomposizione(n_part,n_celle,n_nodi,peso_nodo,n_part_nodo,ncelle_nodo) allocate (x(n_part_nodo)) allocate(field_nodo) call inizializza(my_rank,x,field_nodo) do istep=1,nstep call load_balancing(n_part_left,n_part_right) call riassegna_dominio(n_part_left,n_part_right,n_part_nodo,n_celle_nodo, & x,field_nodo) call pushing(field_nodo,x) call riassegna_particelle(n_part_nodo,x) call compute_density(x,density_nodo) call density_bordo(density_nodo) call field_solver(density,field_nodo) enddo call MPI_Finalize(ierr)

28 Esempio: bilanciamento dei carichi dinamico N part-left (1) > 0 N part-left (2) < 0 N part-rght (0) < 0 N part-rght (1) > 0 & & & & & & if(my_rank.eq.0)then do irank=1,n_nodi-1 call MPI_RECV(n_part_nodo(irank),1,MPI_INTEGER, irank,itag1,mpi_comm_world,status,ierr) enddo calcola il numero di particelle che ciascun nodo deve scambiare con i nodi adiacenti do irank=1,n_nodi-1 call MPI_SEND(n_part_left(irank),1,MPI_INTEGER, irank,itag2,mpi_comm_world,status,ierr) call MPI_SEND(n_part_right(irank),1,MPI_INTEGER, irank,itag3,mpi_comm_world,status,ierr) enddo else call MPI_SEND(n_part_nodo(my_rank),1,MPI_INTEGER, 0,itag1,MPI_COMM_WORLD,status,ierr) call MPI_RECV(n_part_left(my_rank),1,MPI_INTEGER, 0,itag2,MPI_COMM_WORLD,status,ierr) call MPI_RECV(n_part_right(my_rank),1,MPI_INTEGER, 0,itag3,MPI_COMM_WORLD,status,ierr) endif individua la porzione di dominio che ciascun nodo deve scambiare con i nodi adiacenti

29 Parallelizzazione su architettura shared memory: il pushing I processori condividono la memoria Distribuiamo le iterazioni dei loops sulle particelle tra i diversi processori mediante direttive OpenMP Distribuzione delle iterazioni del loop relativo al pushing: è possibile che una particella (iterazione) legga le stesse locazioni di memoria lette simultaneamente da altra particella (field); scrive però solo su locazioni di memoria non toccate da altre particelle (x); sufficiente privatizzare le variabili locali!$omp parallel do default(shared) private(i,j) do i=1,n_particelle j = g(i) x(i) = x(i) + field(j) enddo!$omp end parallel do

30 Parallelizzazione su architettura shared memory: il calcolo delle densità Distribuzione delle iterazioni del loop relativo al calcolo delle densità: particelle diverse spazialmente vicine possono cercare di scrivere simultaneamente (race conditions) sulla stessa locazione di memoria (es.: densità di carica in un certo vertice di cella) Possibili ricette: decomposizione per particelle tra processori decomposizione per dominio tra processori

31 Decomposizione per particelle Si introducono copie private (una per processore) degli arrays da aggiornare e si effettua la riduzione delle copie al termine del loop OpenMP prevede la clausola reduction a questo scopo, ma non è affatto certo che sia utilizzabile anche per arrays Più sicura un implementazione fatta in casa: density(:) = 0.!$OMP parallel default(shared) private(i,j,density _aux) density_aux(:) = 0.!$OMP do do i=1,n_particelle j = g(i) density_aux(j) = density_aux(j) + d(i) enddo!$omp end do!$omp critical density(:) = density(:) + density_aux(:)!$omp end critical!$omp end parallel Pro: semplicità Contro: operazione di riduzione seriale memoria richiesta da density_aux N processori

32 Decomposizione per dominio Loop sulle particelle per identificare il sub-dominio in cui si trova ciascuna particella: viene definito il numero delle particelle n_part_sub(j) che si trovano in ciascun sub-dominio j a ciascuna particella i sono assegnati gli indici j_sub(i)=j e k(i) 1,n_part_sub(j) La definizione di n_part_sub(j) e di k(i) presenta il rischio di race conditions: viene effettuata all interno di una critical section n part-sub (j) k(i)

33 Decomposizione per dominio (segue ) La serializzazione può essere minimizzata limitando la riassegnazione alle sole particelle che hanno appena cambiato subdominio di appartenenza) Pro: il supplemento di memoria richiesto (j_sub, k) è modesto rispetto a quello già richiesto per le particelle, e non scala con N processori Contro: un loop in più sulle particelle implementazione non semplice (ma divertente )

34 Decomposizione per dominio (segue ) Calcolo delle densità: loop sui subdomini dispari - loop sulle particelle contenute nel sub-dominio loop sui subdomini pari - loop sulle particelle contenute nel sub-dominio Pro: non c è rischio di race conditions (iterazioni effettuate da processori diversi aggiornano locazioni di memoria relative a sub-domini diversi e non adiacenti non è necessario introdurre copie degli arrays di densità, né operazioni di riduzione

35 Architetture a memoria distribuita/condivisa La combinazione di questi concetti si può applicare per la parallelizzazione su cluster di sistemi shared-memory multiprocessor (SMP) particelle/ particelle dominio/ dominio nodi processori o le altre possibili combinazioni (particelle/dominio, dominio/particelle)

36 Performances Confronto tra strategie (IBM sp3, nel 2003) particle-particle (Cresco; 256 nodi Intel-Xeon con 2 processori quad core per nodo)

37 Bibliografia B. Di Martino, S. Briguglio, G. Vlad and P. Sguazzero, Parallel PIC plasma simulation through particle decomposition techniques, Parallel Computing, 27: , 2001 G. Vlad, S. Briguglio, G. Fogaccia and B. Di Martino, Gridless finite-size-particle plasma simulation, Computer Physics Communication, 134: 58-77, 2001 S. Briguglio, G. Vlad, B. Di Martino, and G. Fogaccia, Parallelization of plasma simulation codes: Gridless finite size particle versus particle in cell approach, Future Generation Computer Systems, 16: (2000) B. Di Martino, S. Briguglio, M. Celino, G. Fogaccia, G. Vlad, V. Rosato, and M. Briscolin,. Development of large scale high performance applications with a parallelizing compiler. International Journal of Computer Research. Special Issue: Practical Parallel Computing, 10: , 2001 B. Di Martino, S. Briguglio, G. Vlad and G. Fogaccia, Workload decomposition strategies for Shared Memory Parallel Systems with OpenMP, Scientific Programming: Special Issue on OpenMP, 9: , 2001 B. Di Martino, S. Briguglio, M. Celino, G. Fogaccia, G. Vlad, V. Rosato, and M. Briscolini, Chapter "Experiences on Parallelizing Compilation for development and porting of large scale applications on Distributed Memory Parallel Systems", in Advances in Computation: Theory and Practice S. Briguglio, B. Di Martino, and G. Vlad, Workload decomposition strategies for hierarchical distributedshared memory parallel systems and their implementation with integration of high level parallel languages. Concurrency and Computation: Practice and Experience, 14: , 2002 S. Briguglio, B. Di Martino, and G. Vlad, A performance-prediction model for PIC applications on clusters of Symmetric MultiProcessors: Validation with hierarchical HPF+OpenMP implementation. Scientific Programming: Special Issue, 11: , 2003 S. Briguglio, B. Di Martino, G. Fogaccia and G. Vlad, MPI+OpenMP Implementation of memory-saving parallel PIC applications on hierarchical distributed-shared memory architectures, Proceedings of the 2003 European Simulation and Modelling Conference, ESMC2003, October 27-29, 2003, Naples, Italy, 2003 B. Di Martino, S. Venticinque, S. Briguglio, G. Fogaccia, and G. Vlad, High Performance Computing: Paradigm and Infrastructure, chapter 27: "A Grid based distributed simulation of Plasma Turbulence", pages John Wiley and Sons, 2005 S. Venticinque, R. Aversa, B. Di Martino, R. Donini, S. Briguglio, and G. Vlad, Management of high performance scientific applications using mobile agents based services. Scalable Computing: Practice and Experience, 11(2): , July 2010

Fusione termonucleare controllata e High Performance Computing. S. Briguglio, G. Fogaccia e G. Vlad ENEA Frascati

Fusione termonucleare controllata e High Performance Computing. S. Briguglio, G. Fogaccia e G. Vlad ENEA Frascati Fusione termonucleare controllata e High Performance Computing S. Briguglio, G. Fogaccia e G. Vlad ENEA Frascati Sommario La fusione nucleare La simulazione particle in cell (PIC) Il porting di un codice

Dettagli

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un CLASSE Seconda DISCIPLINA Fisica ORE SETTIMANALI 3 TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO Test a risposta multipla MODULO U.D Conoscenze Abilità Competenze Enunciato del primo principio della Calcolare l accelerazione

Dettagli

SCIENZE INTEGRATE FISICA

SCIENZE INTEGRATE FISICA CLASSE DISCIPLINA ORE SETTIMANALI TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO MODULO 1: Il moto e l energia I concetti di sistema di riferimento e le grandezze cinematiche. I diversi tipi di rappresentazione del

Dettagli

Sommario. Analysis & design delle applicazioni parallele. Misura delle prestazioni parallele. Tecniche di partizionamento.

Sommario. Analysis & design delle applicazioni parallele. Misura delle prestazioni parallele. Tecniche di partizionamento. Sommario Analysis & design delle applicazioni parallele Misura delle prestazioni parallele Tecniche di partizionamento Comunicazioni Load balancing 2 Primi passi: analizzare il problema Prima di iniziare

Dettagli

L elettromagnetismo nella ricerca per l energia da fusione nucleare di plasma d idrogeno. R Cesario

L elettromagnetismo nella ricerca per l energia da fusione nucleare di plasma d idrogeno. R Cesario L elettromagnetismo nella ricerca per l energia da fusione nucleare di plasma d idrogeno R Cesario R Cesario I primi tesisti di Roma Tre a Frascati (2005-2006) Sommario del corso integrativo di Progetto

Dettagli

Parallelizzazione Laplace 2D: MPI e MPI+OMP. - Cineca - SuperComputing Applications and Innovation Department

Parallelizzazione Laplace 2D: MPI e MPI+OMP. - Cineca - SuperComputing Applications and Innovation Department Parallelizzazione Laplace 2D: MPI e MPI+OMP - Cineca - SuperComputing Applications and Innovation Department Outline Parallelizzazione Laplace 2D Parallelizzazione Laplace 2D - MPI bloccante Parallelizzazione

Dettagli

Indice PREFAZIONE. Capitolo 5 LE LEGGI DEL MOTO DI NEWTON 58 5.1 La terza legge di Newton 58

Indice PREFAZIONE. Capitolo 5 LE LEGGI DEL MOTO DI NEWTON 58 5.1 La terza legge di Newton 58 Indice PREFAZIONE XV Capitolo 1 RICHIAMI DI MATEMATICA 1 1.1 Simboli, notazione scientifica e cifre significative 1 1.2 Algebra 3 1.3 Geometria e trigonometria 5 1.4 Vettori 7 1.5 Sviluppi in serie e approssimazioni

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI FISICA Anno Scolastico:2014-15 CLASSI TUTTE III, IV E V LICEO DOCENTE : _ Rinaldi.

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Benchmark Ansys Fluent su CRESCO

Benchmark Ansys Fluent su CRESCO Benchmark Ansys Fluent su CRESCO NOTA TECNICA ENEA GRID/CRESCO: NTN201003 NOME FILE: NTN201003-BenchmarkFluentCresco-v1_0.doc DATA: 30/07/2010 STATO: Versione iniziale AUTORE: F. Ambrosino Abstract: Questa

Dettagli

Legge di Faraday. x x x x x x x x x x E B. x x x x x x x x x x R x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x E B 1

Legge di Faraday. x x x x x x x x x x E B. x x x x x x x x x x R x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x E B 1 B ds Legge di Faraday E x x x x x x x x x x E B x x x x x x x x x x R x x x x x x x x x x B 1 x x x x x x x x x x E x x x x x x x x x x E Schema Generale Elettrostatica moto di una carica q in un campo

Dettagli

Parte VIII. Architetture Parallele

Parte VIII. Architetture Parallele Parte VIII Architetture Parallele VIII.1 Motivazioni Limite di prestazioni delle architetture sequenziali: velocità di propagazione dei segnali, la luce percorre 30 cm in un nsec! Migliore rapporto costo/prestazioni

Dettagli

Introduzione alla Microscopia Elettronica in Trasmissione. Dr Giuliano Angella. Istituto IENI CNR Unità territoriale di Milano

Introduzione alla Microscopia Elettronica in Trasmissione. Dr Giuliano Angella. Istituto IENI CNR Unità territoriale di Milano Introduzione alla Microscopia Elettronica in Trasmissione Dr Giuliano Angella Istituto IENI CNR Unità territoriale di Milano Schema ottico della colonna di un TEM Sorgente elettronica e sistema di accelerazione

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA Intensità e densità di corrente sistema formato da due conduttori carichi a potenziali V 1 e V 2 isolati tra loro V 2 > V 1 V 2

CORRENTE ELETTRICA Intensità e densità di corrente sistema formato da due conduttori carichi a potenziali V 1 e V 2 isolati tra loro V 2 > V 1 V 2 COENTE ELETTICA Intensità e densità di corrente sistema formato da due conduttori carichi a potenziali V 1 e V isolati tra loro V > V 1 V V 1 Li colleghiamo mediante un conduttore Fase transitoria: sotto

Dettagli

Programma dettagliato del corso di MECCANICA RAZIONALE Corso di Laurea in Ingegneria Civile

Programma dettagliato del corso di MECCANICA RAZIONALE Corso di Laurea in Ingegneria Civile Programma dettagliato del corso di MECCANICA RAZIONALE Corso di Laurea in Ingegneria Civile Anno Accademico 2015-2016 A. Ponno (aggiornato al 19 gennaio 2016) 2 Ottobre 2015 5/10/15 Benvenuto, presentazione

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA

Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Anno: 1 Semestre: 1 Corso integrato: MATEMATICA, FISICA, STATISTICA ED INFORMATICA Disciplina: FISICA MEDICA Docente: Prof.

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA 1 POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA Per ogni punto del programma d esame vengono qui di seguito indicate le pagine corrispondenti nel testo G. Tonzig,

Dettagli

INDICE CARICA ELETTRICA E LEGGE DI COULOMB 591 ENERGIA POTENZIALE E POTENZIALI ELETTRICI 663 CAMPO ELETTRICO 613 PROPRIETÀ ELETTRICHE DELLA MATERIA 93

INDICE CARICA ELETTRICA E LEGGE DI COULOMB 591 ENERGIA POTENZIALE E POTENZIALI ELETTRICI 663 CAMPO ELETTRICO 613 PROPRIETÀ ELETTRICHE DELLA MATERIA 93 INDICE CAPITOLO 25 CARICA ELETTRICA E LEGGE DI COULOMB 591 25.1 Elettromagnetismo: presentazione 591 25.2 Carica elettrica 592 25.3 Conduttori e isolanti 595 25.4 Legge di Coulomb 597 25.5 Distribuzioni

Dettagli

Lunedì 20 dicembre 2010. Docente del corso: prof. V. Maiorino

Lunedì 20 dicembre 2010. Docente del corso: prof. V. Maiorino Lunedì 20 dicembre 2010 Docente del corso: prof. V. Maiorino Se la Terra si spostasse all improvviso su un orbita dieci volte più lontana dal Sole rispetto all attuale, di quanto dovrebbe variare la massa

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

PROGRAMMA DI MATEMATICA. gli insiemi numerici N, Z e Q, operazioni, proprietà e calcolo con le potenze.

PROGRAMMA DI MATEMATICA. gli insiemi numerici N, Z e Q, operazioni, proprietà e calcolo con le potenze. PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE 1^AE DOCENTE Algebra: gli insiemi numerici N, Z e Q, operazioni, proprietà e calcolo con le potenze. Calcolo letterale, i monomi (definizioni, proprietà e operazioni) I polinomi(

Dettagli

Dipartimento di Fisica Programmazione classi seconde Anno scolastico2010-2011

Dipartimento di Fisica Programmazione classi seconde Anno scolastico2010-2011 Liceo Tecnico Chimica Industriale Meccanica Elettrotecnica e Automazione Elettronica e Telecomunicazioni Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Volta Via Assisana, 40/E - loc. Piscille - 06087

Dettagli

Classificazione dei Sensori. (raccolta di lucidi)

Classificazione dei Sensori. (raccolta di lucidi) Classificazione dei Sensori (raccolta di lucidi) 1 Le grandezze fisiche da rilevare nei processi industriali possono essere di varia natura; generalmente queste quantità sono difficili da trasmettere e

Dettagli

Le reazioni di fusione. 1 kev = 11.000.000 K

Le reazioni di fusione. 1 kev = 11.000.000 K Le reazioni di fusione 1 kev = 11.000.000 K 1 Fusione inerziale LASER LENTE CAMERADI SCARICA LASER LASER BERSAGLIO Plastica D+T solido D+T gas LASER NIF (USA): 192 fasci laser da 1.8 MJ su una piccola

Dettagli

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D 2 Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D Introduzione Questo documento riporta un confronto tra i risultati di un analisi di risposta sismica locale condotta con il codice di calcolo LSR2D (Stacec

Dettagli

Un framework per simulazione massiva distribuita basata su Agenti D-MASON: Architettura. Carmine Spagnuolo

Un framework per simulazione massiva distribuita basata su Agenti D-MASON: Architettura. Carmine Spagnuolo Un framework per simulazione massiva distribuita basata su Agenti D-MASON: Architettura Carmine Spagnuolo 1 Simulazione Multi-Agente Una simulazione multi-agente è un sistema in cui entità (agenti) intelligenti

Dettagli

Un Algoritmo parallelo per l Equazione delle Onde nelle Applicazioni Geofisiche

Un Algoritmo parallelo per l Equazione delle Onde nelle Applicazioni Geofisiche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TRE FACOLTÀ DI SCIENZE M.F.N. Un Algoritmo parallelo per l Equazione delle Onde nelle Applicazioni Geofisiche Sintesi della tesi di Laurea in Matematica di Riccardo Alessandrini

Dettagli

Elementi di teoria dei segnali /b

Elementi di teoria dei segnali /b Elementi di teoria dei segnali /b VERSIONE 29.4.01 Filtri e larghezza di banda dei canali Digitalizzazione e teorema del campionamento Capacità di canale e larghezza di banda Multiplexing e modulazioni

Dettagli

Corso integrato: FISICA, STATISTICA E INFORMATICA Disciplina: FISICA MEDICA Docente: Prof. Massimo MONCIARDINI Recapito: maxmonc@inwind.

Corso integrato: FISICA, STATISTICA E INFORMATICA Disciplina: FISICA MEDICA Docente: Prof. Massimo MONCIARDINI Recapito: maxmonc@inwind. Corso integrato: FISICA, STATISTICA E INFORMATICA Disciplina: FISICA MEDICA Docente: Prof. Massimo MONCIARDINI Recapito: maxmonc@inwind.it Programma: Introduzione Meccanica Cinematica Dinamica Statica

Dettagli

LEZIONE 5 MERCOLEDÌ 4 APRILE 2012 LA FUSIONE NUCLEARE

LEZIONE 5 MERCOLEDÌ 4 APRILE 2012 LA FUSIONE NUCLEARE LEZIONE 5 MERCOLEDÌ 4 APRILE 2012 LA FUSIONE NUCLEARE CONSORZIO RFX Quanto contenuto in questa presentazione è estratto dal testo Fisica e ingegneria della fusione: la ricerca verso una nuova fonte di

Dettagli

Servizio Centralizzato Informatica e Reti. Funzione centrale Risorse Umane CURRICULUM DI: Pagina 1 di 32. Data di nascita. Matricola Cognome Nome

Servizio Centralizzato Informatica e Reti. Funzione centrale Risorse Umane CURRICULUM DI: Pagina 1 di 32. Data di nascita. Matricola Cognome Nome Funzione centrale Risorse Umane Servizio Centralizzato Informatica e Reti CURRICULUM DI: Matricola Cognome Nome Data di nascita 12810 BRIGUGLIO SERGIO 17-01-1958 1. SITUAZIONE ANAGRAFICO-PROFESSIONALE

Dettagli

Fisica nucleare radioattività, fusione e fissione nucleare

Fisica nucleare radioattività, fusione e fissione nucleare Fisica nucleare radioattività, fusione e fissione nucleare Christian Ferrari Liceo di Locarno Il nucleo atomico: aspetti storici 1 L ipotesi del nucleo atomico risale al 1911 e fu formulata da Rutherford

Dettagli

Descrizione e stima dell errore

Descrizione e stima dell errore Descrizione e stima dell errore Raccomandazioni per l analisi di accuratezza di una simulazione CFD: 1 Descrizione e stima dell errore Raccomandazioni per l analisi di accuratezza di una simulazione CFD:

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo

L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo CONTROLLORI PID PID L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo Può essere applicato ai più svariati ambiti, dal controllo di una portata di fluido alla regolazione

Dettagli

Modulo del software GHERAP per la valutazione radio protezionistica del campo EM generato da segnali impulsivi (radar)

Modulo del software GHERAP per la valutazione radio protezionistica del campo EM generato da segnali impulsivi (radar) Modulo del software GHERAP per la valutazione radio protezionistica del campo EM generato da segnali impulsivi (radar) www.studioingsapone.it Pagina 1 di 10 Premessa Questo modulo rappresenta una opzione

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Prodotto Matrice - Vettore in OpenMP

Prodotto Matrice - Vettore in OpenMP Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Elaborato di Calcolo Parallelo Prodotto Matrice - Vettore in OpenMP Anno Accademico 2011/2012 Professoressa Alessandra D Alessio Studenti

Dettagli

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Forza CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Cos è una forza? la forza è una grandezza che agisce su un corpo cambiando la sua velocità e provocando una deformazione sul corpo 2 Esempi

Dettagli

ENERGIA NUCLEARE DA FUSIONE

ENERGIA NUCLEARE DA FUSIONE ENERGIA NUCLEARE DA FUSIONE Laura Savoldi Richard DENER - Dipartimento di Energetica Politecnico di Torino Sistemi energetici per il futuro: i reattori a fusione nucleare L. Savoldi Richard Dipartimento

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI IMPIANTO ELETTRICO Potenza elettrica 2 La potenza installata varia con la complessità del veicolo Primi satelliti 1W Satellite per

Dettagli

Indice. Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione americana. Capitolo 1 Introduzione: onde e fasori 1

Indice. Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione americana. Capitolo 1 Introduzione: onde e fasori 1 Indice Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione americana VII IX Capitolo 1 Introduzione: onde e fasori 1 Generalità 1 1.1 Dimensioni, unità di misura e notazione 2 1.2 La natura dell elettromagnetismo

Dettagli

ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica

ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica ELETTRODINAMICA + Correnti + Campi Magnetici + Induzione e Induttanza + Equazioni di Maxwell

Dettagli

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Temperatura

Dettagli

Modelli meteorologici

Modelli meteorologici Fondamenti di meteorologia e climatologia Cenni storici Vilhelm Bjerknes (1904): L evoluzione degli stati atmosferici é controllata da leggi fisiche, quindi condizioni necessarie e sufficienti per risolvere

Dettagli

Macchine per! fusione a confinamento magnetico! Cenni su principî, risultati, prospettive!

Macchine per! fusione a confinamento magnetico! Cenni su principî, risultati, prospettive! Macchine per! fusione a confinamento magnetico! Cenni su principî, risultati, prospettive! per il Corso di Fisica dei Plasmi, C. L. M. in Ingegneria Energetica! S. Atzeni! 11 maggio 2010, rev. 16 maggio

Dettagli

Campione sciolto in un solvente (deuterato) e. posto in un tubo. di vetro a pareti sottili di diametro di 5 mm e lungo circa 20 cm

Campione sciolto in un solvente (deuterato) e. posto in un tubo. di vetro a pareti sottili di diametro di 5 mm e lungo circa 20 cm posto in un tubo Campione sciolto in un solvente (deuterato) e di vetro a pareti sottili di diametro di 5 mm e lungo circa 20 cm o spettrometro NMR è formato da alcuni mponenti fondamentali: un magnete,

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano pag.1

Dettagli

Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016

Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016 Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016 FISICA ELETTROMAGNETISMO FISICA MODERNA classe 5 B MAG. 2016 Esercitazione di Fisica in preparazione all Esame di Stato A.S. 2015-2016

Dettagli

Sistemi Operativi UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003 1.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003 1.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL Domenico Talia Facoltà di Ingegneria UNICAL A.A. 2002-2003 1.1 Introduzione Presentazione del corso Cosa è un Sistema Operativo? Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi Multiprocessori Sistemi Distribuiti

Dettagli

La fisica di Feynmann Termodinamica

La fisica di Feynmann Termodinamica La fisica di Feynmann Termodinamica 3.1 TEORIA CINETICA Teoria cinetica dei gas Pressione Lavoro per comprimere un gas Compressione adiabatica Compressione della radiazione Temperatura Energia cinetica

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

Speedup. Si definisce anche lo Speedup relativo in cui, invece di usare T 1 si usa T p (1).

Speedup. Si definisce anche lo Speedup relativo in cui, invece di usare T 1 si usa T p (1). Speedup Vediamo come e' possibile caratterizzare e studiare le performance di un algoritmo parallelo: S n = T 1 T p n Dove T 1 e' il tempo impegato dal miglior algoritmo seriale conosciuto, mentre T p

Dettagli

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci Relazione di fine tirocinio Andrea Santucci 10/04/2015 Indice Introduzione ii 1 Analisi numerica con COMSOL R 1 1.1 Il Software.................................... 1 1.1.1 Geometria................................

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

Conoscenze e abilità che devono accompagnare gli studenti lungo tutto il quinquennio di fisica

Conoscenze e abilità che devono accompagnare gli studenti lungo tutto il quinquennio di fisica SYLLABUS DI FISICA Elaborato nell'ambito del progetto Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate e abilità che devono accompagnare gli studenti lungo tutto il quinquennio di fisica Conoscere Saper Fare

Dettagli

Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE

Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE Oggetto e scopo della ricerca Le attività svolte hanno avuto l obiettivo di caratterizzare le prestazioni

Dettagli

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco DIPARIMENTO DEI VIGLI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVULE Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile,

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

MANUTENZIONE DELLA MACCHINA UTENSILE TRAMITE UN NUOVO APPROCCIO DI MONITORAGGIO VIBRAZIONALE

MANUTENZIONE DELLA MACCHINA UTENSILE TRAMITE UN NUOVO APPROCCIO DI MONITORAGGIO VIBRAZIONALE Expert Vibration Monitoring Solutions MANUTENZIONE DELLA MACCHINA UTENSILE TRAMITE UN NUOVO APPROCCIO DI MONITORAGGIO VIBRAZIONALE INTRODUZIONE La manutenzione della macchina utensile è solitamente pianificata

Dettagli

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA)

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) 1 Condizioni ambientali per le le macchine utensili Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) Condizioni ambientali 2 Per garantire le migliori prestazioni della macchina utensile è necessario mantenere

Dettagli

La ricerca sulla fusione

La ricerca sulla fusione La ricerca sulla fusione La ricerca sulla fusione vede impegnati i migliori laboratori di tutto il mondo con l obiettivo di arrivare ad una fonte di energia rinnovabile, sicura, praticamente inesauribile,

Dettagli

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank.

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank. LE RADIAZIONI Nel campo specifico di nostro interesse la radiazione è un flusso di energia elettromagnetica o di particelle, generato da processi fisici che si producono nell atomo o nel nucleo atomico.

Dettagli

Sistemi Operativi. Introduzione UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003

Sistemi Operativi. Introduzione UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003 Domenico Talia Facoltà di Ingegneria UNICAL A.A. 2002-2003 1.1 Introduzione Presentazione del corso Cosa è un Sistema Operativo? Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi Multiprocessori Sistemi Distribuiti

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Introduzione al Campionamento e

Introduzione al Campionamento e Introduzione al Campionamento e all analisi analisi in frequenza Presentazione basata sul Cap.V di Introduction of Engineering Experimentation, A.J.Wheeler, A.R.Ganj, Prentice Hall Campionamento L'utilizzo

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

CLASSE: 1^ CAT. E 1^ GRA

CLASSE: 1^ CAT. E 1^ GRA ITS BANDINI - SIENA MATERIA DI INSEGNAMENTO: FISICA e LABORATORIO CLASSE: 1^ CAT. E 1^ GRA In relazione alla programmazione curricolare ci si prefigge di raggiungere i seguenti obiettivi disciplinari:

Dettagli

Tecniche di Simulazione: Introduzione. N. Del Buono:

Tecniche di Simulazione: Introduzione. N. Del Buono: Tecniche di Simulazione: Introduzione N. Del Buono: 2 Che cosa è la simulazione La SIMULAZIONE dovrebbe essere considerata una forma di COGNIZIONE (COGNIZIONE qualunque azione o processo per acquisire

Dettagli

1 Le equazioni di Maxwell e le relazioni costitutive 1 1.1 Introduzione... 1 1.2 Richiami sugli operatori differenziali...... 4 1.2.1 Il gradiente di uno scalare... 4 1.2.2 La divergenza di un vettore...

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Il magnetismo nella materia

Il magnetismo nella materia Le orbite degli elettroni in atomo di idrogeno Forma spaziale degli Orbitali elettronici di atomo di idrogeno Un solido Il magnetismo nella materia ferrimagnetismo Dr. Daniele Di Gioacchino Istituto Nazionale

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

Davide Cesari Massimo Bider Paolo Patruno. Emilia Romagna

Davide Cesari Massimo Bider Paolo Patruno. Emilia Romagna 1 IMPLEMENTAZIONE OPERATIVA DI UN MODELLO DI PREVISIONI METEOROLOGICHE SU UN SISTEMA DI CALCOLO PARALLELO LINUX/GNU Davide Cesari Massimo Bider Paolo Patruno Emilia Romagna LM-COSMO-LAMI 2 Il modello LM

Dettagli

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Ø Prof. Attilio Santocchia Ø Ufficio presso il Dipartimento di Fisica (Quinto Piano) Tel. 075-585 2708 Ø E-mail: attilio.santocchia@pg.infn.it Ø Web: http://www.fisica.unipg.it/~attilio.santocchia

Dettagli

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz Il campo magnetico 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz 1 Lezione 1 - Fenomeni magnetici I campi magnetici possono essere

Dettagli

F. Nenciati,, E. Origgi, A. Lazzeri

F. Nenciati,, E. Origgi, A. Lazzeri Analisi termica ed elettromagnetica di un impianto pilota per la produzione di materiali compositi a matrice ceramica mediante il processo di Chemical Vapour Infiltration con riscaldamento a microonde

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Map Algebra

Sistemi Informativi Territoriali. Map Algebra Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Map Algebra Cod.735 - Vers.E57 1 Definizione di Map Algebra 2 Operatori locali 3 Operatori zonali 4 Operatori focali 5 Operatori

Dettagli

Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante dati acquisiti in situ

Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante dati acquisiti in situ Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante

Dettagli

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Nome: N.M.: 1. 1d (giorno) contiene all incirca (a) 8640 s; (b) 9 10 4 s; (c) 86 10 2 s; (d) 1.44 10 3 s; (e) nessuno di questi valori. 2. Sono

Dettagli

Procedure di calcolo implicite ed esplicite

Procedure di calcolo implicite ed esplicite Procedure di calcolo implicite ed esplicite Il problema della modellazione dell impatto tra corpi solidi a medie e alte velocità. La simulazione dell impatto tra corpi solidi in caso di urti a media velocità,

Dettagli

ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica

ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica ELETTRODINAMICA + Correnti + Campi Magnetici + Induzione e Induttanza + Equazioni di Maxwell

Dettagli

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI.

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. 1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. Tutti i fenomeni elettrici e magnetici hanno origine da cariche elettriche. Per comprendere a fondo la definizione di carica elettrica occorre risalire alla

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria

LICEO SCIENTIFICO  L. DA VINCI  Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria La velocità Il punto materiale in movimento. I sistemi di riferimento. Il

Dettagli

Più processori uguale più velocità?

Più processori uguale più velocità? Più processori uguale più velocità? e un processore impiega per eseguire un programma un tempo T, un sistema formato da P processori dello stesso tipo esegue lo stesso programma in un tempo TP T / P? In

Dettagli

Risultati di simulazioni con un codice ibrido Magnetoidrodinamico- Girocinetico (MHD-GK)

Risultati di simulazioni con un codice ibrido Magnetoidrodinamico- Girocinetico (MHD-GK) Risultati di simulazioni con un codice ibrido Magnetoidrodinamico- Girocinetico (MHD-GK) G. Vlad, S. Briguglio, G. Fogaccia Associazione EURATOM-ENEA sulla Fusione, Frascati, (Rome) Italy Seconda Università

Dettagli

RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI. Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse:

RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI. Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse: RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse: -Fluenza di particelle -Fluenza di energia -Informazioni

Dettagli

D. Nicolini, A. Fontanella, E. Giovannini. Report RdS/PAR2013/173 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

D. Nicolini, A. Fontanella, E. Giovannini. Report RdS/PAR2013/173 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi fluidodinamica CFD su dispositivi a colonna d acqua oscillante OWC -

Dettagli

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO PIANO DI LAVORO CLASSE 5 ES A.S. 2014-2015 MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO INS. TECNICO-PRATICO: PROF. BARONI MAURIZIO MODULO 1: ALGEBRA DEGLI SCHEMI A BLOCCHI

Dettagli

Azionamenti Elettrici Parte 2 Tipologie dei motori e relativi azionamenti: Motori asincroni Motori e Riluttanza Variabile

Azionamenti Elettrici Parte 2 Tipologie dei motori e relativi azionamenti: Motori asincroni Motori e Riluttanza Variabile Azionamenti Elettrici Parte 2 Tipologie dei motori e relativi azionamenti: Motori asincroni Motori e Riluttanza Variabile Prof. Alberto Tonielli DEIS - Università di Bologna Tel. 051-6443024 E-mail mail:

Dettagli

ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica

ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica ELETTRODINAMICA + Correnti + Campi Magnetici + Induzione e Induttanza + Equazioni di Maxwell

Dettagli

MAGNETI SUPERCONDUTTIVI E CRIOGENIA

MAGNETI SUPERCONDUTTIVI E CRIOGENIA Pier Paolo GRANIERI Titolo: Ricercatore all'estero Ente: European Organization for Nuclear Research Data inizio:01/05/2011 MAGNETI SUPERCONDUTTIVI E CRIOGENIA Attività didattica: contenuti OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

Scaletta della lezione:

Scaletta della lezione: NATURA DELLA CONTABILITA DIREZIONALE Scaletta della lezione: 1. L approccio di Anthony al controllo di gestione 2. Natura e fini delle informazioni - informazioni per l esterno - informazioni per l interno

Dettagli

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA PROFESSORESSA: REGALBUTO PAOLA LE GRANDEZZE: LE GRANDEZZE FONDAMENTALI E DERIVATE,

Dettagli

Indice generale 1 INTRODUZIONE, CINEMATICA IN DUE O TRE DIMENSIONI; VETTORI 71 DINAMICA: LE LEGGI DI NEWTON 115 MOTO: CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE 25

Indice generale 1 INTRODUZIONE, CINEMATICA IN DUE O TRE DIMENSIONI; VETTORI 71 DINAMICA: LE LEGGI DI NEWTON 115 MOTO: CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE 25 Indice generale PREFAZIONE ALLO STUDENTE TAVOLA DEI COLORI x xiv xvi 1 INTRODUZIONE, MISURE, STIME 1 1 1 La natura della scienza 2 1 2 Modelli, teorie e leggi 3 1 3 Misure ed errori; cifre significative

Dettagli

Corrente elettrica stazionaria

Corrente elettrica stazionaria Corrente elettrica stazionaria Negli atomi di un metallo gli elettroni periferici non si legano ai singoli atomi, ma sono liberi di muoversi nel reticolo formato dagli ioni positivi e sono detti elettroni

Dettagli

Prestazioni computazionali di OpenFOAM sul. sistema HPC CRESCO di ENEA GRID

Prestazioni computazionali di OpenFOAM sul. sistema HPC CRESCO di ENEA GRID Prestazioni computazionali di OpenFOAM sul sistema HPC CRESCO di ENEA GRID NOTA TECNICA ENEA GRID/CRESCO: NEPTUNIUS PROJECT 201001 NOME FILE: NEPTUNIUS201001.doc DATA: 03/08/10 STATO: Versione rivista

Dettagli