nell Amleto di Shakespeare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "nell Amleto di Shakespeare"

Transcript

1 L assassinio 1 del padre buono, base di ogni potere disumano, nell Amleto di Shakespeare Atto primo di Luigi Scialanca Amleto, principe di Danimarca, atto I, scena IV, di Henry Fuseli, 29 settembre 1796, da un dipinto di Kaufmann del a Eleonora La Danimarca di Amleto si rivela fin dal primo istante un mondo capovolto: Chi va là? grida Bernardo, ufficiale della guardia, al soldato che è di sentinella, Francesco. Doveva accadere l opposto, e Francesco, quindi, giustamente ribatte: A te rispondere. Fermati e fatti riconoscere. Poco dopo, infatti, è Francesco a dare l altolà a Orazio e Marcello, benché ufficiali anch essi, e il primo addirittura amico personale del principe Amleto. Cosa è accaduto? Perché, e come, a Elsinore la realtà si è rovesciata? Orazio è scettico. La sua battuta di spirito (Bernardo: C è Orazio? Orazio: Sì, ce n è un pezzo ), lì per lì incomprensibile (ma che irrita Bernardo, pur nel doveroso rispetto da cui non deflette, al punto che non estende a Orazio il buon con cui saluta Marcello), si chiarisce quando Marcello annuncia: Orazio dice che è soltanto effetto della nostra fantasia. Orazio, cioè, è lì soltanto col pezzo più credulo di sé stesso. (Marcello, infatti, riferendosi allo spettro che tanto ha impressionato le sentinelle, parla già di fantasma apparition benché ancora non l abbia visto; Orazio, invece, prudente, lo chiama quella cosa that thing ). Apriamo una parentesi, giacché siamo in argomento, sui modi in cui si parla dello spettro o si tenta di spiegarlo in questo primo atto. Orazio: A quale particolare ordine d idee appigliarmi, non so; ma grosso modo cre- 1 O, più civilmente, la rottamazione. 2 Occhio alle date! 1

2 do che questo presagisca lo scoppio di qualche grave calamità per il nostro Stato. Ancora Orazio: È un bruscolo, questo, che viene a infastidire l occhio della mente (corsivi miei). Orazio, cioè, interpreta l apparizione come un turbamento dell ordine mentale che prefigura uno sconvolgimento dell ordine delle cose. (Non sa, infatti, che lo sconvolgimento è già avvenuto, e non è la ribalda dichiarazione di guerra di Fortebraccio al Regno di Danimarca, ed è molto più grave di essa). Amleto concorda con Orazio fin da prima di parlare con lo spettro ( C è qualcosa che non va All is not well, I,2) e la pensa così anche dopo ( Il mondo è fuor di sesto The time is out of joint o maledetto dispetto della sorte che io sia nato per rimetterlo in sesto, I, 5). Ma aggiunge all interpretazione dell amico un elemento tanto importante da cambiarne, almeno in parte, il senso: lo spettro, dice il principe (quando ormai lo ha ufficialmente riconosciuto Ti chiamerò Amleto, re, padre, regale danese, ma ancora non sa se rechi [...] aure di origine celeste o raffiche infernali, I, 4) porta l orrore nella notte e mette in noi, vittime degli inganni della natura (ma il testo originale dice fools of nature, stupidi per natura ), [...] tremiti di terrore al pensiero di cose irraggiungibili per le nostre anime (I, 4). E ancora: There are more things in heaven and earth, Horatio, than are dreamt of in your philosophy (I, 5). Capiamo, così, che il fuor di sesto di Amleto non coincide del tutto col turbamento dell ordine mentale e naturale a cui allude Orazio. Per quest ultimo (più vicino a Claudio che ad Amleto, in ciò, come vedremo) l ordine dev essere ripristinato, punto, poiché nella sua filosofia non c è altro né sulla terra né in cielo: o l ordine, oppure la follia e la distruzione. Ad Amleto, invece, quello stesso turbamento dell ordine e l apparizione dello spettro che ne è, allo stesso tempo, l annuncio e un sintomo lasciano intravedere l esistenza di cose irraggiungibili per le nostre anime. Il che porta orrore e terrore, certo, ma ha anche il merito di permettere una discesa (o una salita ) al di sotto (o al di sopra ) dell ordine costituito, naturale e mentale e statale. Il merito, insomma, di farci vedere qualcosa al di là della nostra filosofia. Per Orazio, seguire lo spettro, cioè dargli retta, è solo perdere il dominio della ragione the sovereignity of reason e precipitare nella pazzia madness, I, 4 della quale avrebbe una gran paura anche se lo spettro non ci fosse ( Basta il solo posto, senz altra causa, a mettere idee di disperazione in qualsiasi cervello che getti lo sguardo da tanta altezza sopra il mare, I, 4). Per Amleto, invece, benché egli sia di gran lunga il più colpito dallo sconvolgimento in corso e dall apparizione, tali eventi sono anche un occasione positiva. Perché? Amleto, contrariamente a Orazio e a tutti gli altri, già prima dell apparizione è (parole sue) anche troppo al sole (= mal ridotto, I, 2). Ha dentro qualcosa che supera l ostentazione, che supera quelle che sono appena le bardature e i paramenti del dolore (I, 2). Amleto, addirittura, vorrebbe uccidersi: Oh, se questa troppo, troppo compatta carne volesse struggersi, sciogliersi e ridursi in rugiada [...]! O Dio, Dio, quanto mi sembrano 2

3 vieti, stantii, privi di senso e di costrutto tutti gli usi di questo mondo! (I, 2). Amleto, cioè, già da sé è arrivato vicino alle cose irraggiungibili dalle anime di tutti gli altri, e proprio per questo è così turbato. Non sono i preparativi della guerra contro Fortebraccio (il quotidiano fondere bronzo in cannoni di cui parla Marcello, I, 1) a preoccuparlo, e del resto egli è ben più che preoccupato: soffre terribilmente, fin quasi al suicidio, per una realtà che non sente con l anima (poiché per l anima tale realtà è, appunto, irraggiungibile ) né tanto meno con la filosofia, ma con qualcos altro. Con che cosa? Cercheremo (ma non basterà esaminare il primo atto) di capirlo andando avanti. Ma intanto possiamo cominciare a raccogliere indizi. È evidente, per esempio, che la principale differenza (se non l unica) tra Amleto e Orazio è proprio questa: Amleto sente ciò che né l anima né la filosofia possono raggiungere ; Orazio, invece, non solo non sente, ma non può neanche tentare di farlo: per lui, vorrebbe dire precipitare nella pazzia. Amleto meno Orazio, dunque, è l operazione che può dirci qualcosa sul di più di Amleto rispetto a lui. Orazio non marina la scuola, per esempio. E bisogna insegnargli a bere forte, prima che riparta (I, 2). O- razio, cioè, è un uomo d ordine, controllato, incrollabilmente sottomesso alla sovereignity della ragione. Deve esserlo, o si butterebbe a mare. Amleto no, non è del tutto controllato dalla ragione. Ne riparleremo. Intanto, a proposito del cosiddetto ordine costituito, alias dominio della ragione (naturale, mentale, familiare, statale, ecc.) notiamo che il suo maggior perturbatore, il fratricida e regicida Claudio, è tale in segreto. In pubblico, invece, è dell ordine il primo difensore in Danimarca, colui al quale l intera nazione si affida perché lo conservi, lo incrementi e, se necessario, lo ripristini. Perciò la posizione di Claudio è del tutto falsa, bifronte, mostruosa. Poiché egli finge, certo, di essere ancora umano (mentre il vero Claudio è un traditore, e tutto ciò che di disumano sta accadendo e accadrà in Danimarca ha origine in lui) ma non di essere il re: re lo è davvero, adesso, e dell ordine è perciò effettivamente, benché delittuosamente, il supremo pilastro. Smascherare Claudio, mostrare coram populo la sua verità di criminale equivarrebbe ormai ad attentare, allo stesso tempo, alla sua verità di re. Colpirlo, o peggio assassinarlo, significherebbe colpire e assassinare la nazione. Benché egli protegga la nazione solo in quanto re, mentre in quanto criminale la aggredisce e la uccide. (Questo, come vedremo, sarà il vero dilemma di Amleto, altro che le balle che si raccontano da secoli sulla sua cosiddetta indecisione ). Ogni parola di Claudio nel corso del primo atto, per altro, è una strenua difesa dell ordine in ogni accezione del termine. Non c è alcuna sostanziale differenza tra il monito di Orazio ad Amleto ( potrebbe togliervi il dominio della ragione e precipitarvi nella pazzia, I, 4) e quello più elaborato e autoritario di Claudio (corrobora- 3

4 to in maniera del tutto acritica dalle parole di sua moglie Gertrude, vedova del vecchio re Amleto e madre del giovane principe Amleto). Il senso è identico. Gertrude: È legge comune: tutto ciò che vive deve morire. Amleto, cioè, deve farsi una ragione della morte del padre. Deve smettere di soffrire e di piangere. Deve diventare come Orazio, e come tutta la corte, perdendo quel di più (continuiamo a chiamarlo così provvisoriamente) che gli fa sentire ciò che né l anima né la filosofia possono raggiungere. Altrimenti, è sottinteso, impazzirà. Proprio come gli ha detto Orazio. E Claudio: Ostinarsi nel rimpianto significa condursi con empia testardaggine. È un dolore non virile, questo, che rivela una volontà ribelle al Cielo, un cuore privo di fortezza, un animo impaziente e una comprensione rozza e non educata. [...] È una colpa dinanzi al Cielo, una colpa verso il morto, una colpa verso la natura, assolutamente assurda per la ragione, il cui tema comune è la morte dei padri, che sempre ha gridato, dal primo cadavere fino all uomo morto oggi: «Così dev essere» (I, 2, corsivi miei). Be, non c è dubbio: i padri, prima o poi, devono morire. Ma perché certi padri devono morire prima degli altri? E perché, oltre che morire, devono farlo in modo da andare certamente all Inferno? Cercheremo di rispondere (e, naturalmente, di capire quale sia il vero significato di quell andare all Inferno ). Per Claudio, dunque, Dio, la natura e la ragione hanno un tema in comune: la morte dei padri. I padri devono morire, questo è l ordine (divino, naturale, razionale, morale, statale e familiare) di cui Claudio è il maggior pilastro in Danimarca. Non è solo questo, certo: ma nei confronti del nipote Amleto è in primis e soprattutto questo. Attenzione ai termini: se Amleto si limitasse a rimpiangere il padre, non ci sarebbe problema. Ciò che mette a repentaglio l ordine è che egli si ostina nel rimpianto. Con la disumana sagacia dei criminali lucidi, Claudio coglie nel segno, capisce quel che anche noi (molto più affettivamente, spero) stiamo comprendendo: l ostinazione di Amleto, che lo mette nello stato di terribile sofferenza in cui solo lui si trova, è davvero oltre la religione ( le cose irraggiungibili alle nostre anime ) e oltre la ragione ( vi sono più cose in cielo e in terra di quante non sogni la filosofia ). Perciò Claudio la teme e la detesta a tal punto, che non si fa scrupolo di coprire il nipote di insulti (li abbiamo appena letti: testardo, non virile, ribelle al Cielo, debole, impaziente, rozzo, ineducato, tutte qualità che, se davvero gli appartenessero, lo renderebbero quanto mai inadatto a fare il re): poiché quella ostinazione, si rende conto Claudio, mette Amleto in contatto umano fisico (né mistico né razionale) con la verità profonda di quel che sta accadendo nella sua famiglia e nel regno di Danimarca, e può renderlo capace, dunque, di dissolvere il razionalmente insolubile amalgama di verità e falsità che fa di Claudio una sorta d invincibile Sfinge. Claudio, come apprenderemo tra poco, è un malato di mente gravissimo: ha assassinato il fratello, il vecchio Amleto, per salire sul trono al suo posto, e con questo crimine mostruoso, con questo fratricidio-regicidio, ha 4

5 messo in moto la catastrofe della Danimarca. È lui, dunque, il maggior perturbatore dell ordine. Ma, come abbiamo già notato, essendo ora il re, dell ordine e della Danimarca è anche il supremo difensore. Ucciderlo, pertanto, non risolverebbe alcun problema, non arresterebbe né invertirebbe il processo di distruzione a cui il suo crimine ha dato inizio. Anzi: lo aggraverebbe, aggiungendo follia a follia, crimine a crimine, regicidio a regicidio, disumanità a disumanità. È un problema enorme, forse il problema che il giovane Amleto deve risolvere, e ne parleremo estesamente quando sarà il momento. Per ora limitiamoci a enunciarlo: il peggior nemico della Danimarca, oltre che di Amleto stesso in quanto erede al trono, è anche il loro massimo sostegno. L ordine che Claudio difende è senza dubbio un ordine, ma è anche il disordine che egli stesso ha innescato: è un ordine-disordine, un miscuglio venefico, mortale. Amleto lo sente, glielo fa sentire la sua ostinazione ben prima di parlare con lo spettro del padre e perfino di essere informato della sua apparizione. Così, infatti, descrive la condizione attuale della Danimarca benché ancora non ne sappia alcunché: Un giardino non sarchiato che va in seme, tutto invaso da fetide erbacce di grossolana natura (I, 2). Stando così le cose ed essendo egli, ripetiamolo, l unico che le percepisce così grazie alla propria ostinazione Amleto sente chiaramente la falsità dell ordine apparente che Claudio e la sua corte assicurano-impongono alla Danimarca e a lui. Falsa è l apparenza del dolore per la morte di suo padre ( davvero sono cose che sembrano, poiché sono parti che un uomo potrebbe simulare; ma io ho dentro qualcosa che supera l ostentazione, che supera quelle che sono appena le bardature e i paramenti del dolore, I, 2) e falsa è l ordinata continuità naturale, statale, familiare e individuale che tutti, a corte, fingono e difendono ( O Dio, Dio, quanto mi sembrano vieti, stantii, privi di senso e di costrutto tutti gli usi di questo mondo, I, 2). Da una parte una corale ostentazione, dunque, dall altra il solitario ostinarsi di Amleto che smaschera quell ostentazione non con la ragione poiché razionalmente, coscientemente, egli è invece all oscuro di tutto ma col proprio ostinato non poter sopportarla, e perciò soffrirne fin quasi a voler morire. Ma continuare a chiamarla ostinazione vorrebbe dire far nostro il punto di vista di Claudio (come tanti, oggi, fanno proprio il punto di vista del potere assorbendo attraverso i media le idee e la terminologia con cui il potere stigmatizza le parole, le idee e gli esseri umani stessi che gli si oppongono). Come chiamarla, allora, anziché ostinazione? Ce lo suggerisce proprio Amleto quando dice a Gertrude e a Claudio: Io ho dentro qualcosa che supera l ostentazione [...] del dolore (I,2). E intende: Io soffro molto più di voi, perché soffro davvero. Quando, in un momento di disperazione, dice a sé stesso: Spezzati, cuore (I, 2). E quando, rivolto a Orazio, Marcello e Bernardo che lo salutano con un i nostri doveri a Vostro Onore ribatte: Il vostro affetto, come il mio a voi (I, 3, corsivo mio). Dolore, affetto, cuore: tre termini con i quali, ai tempi di Shakespeare, non doveva essere meno rischioso di 5

6 oggi connotare un eroe. Ma Shakespeare osa: Amleto sente e capisce più degli altri, già prima di incontrare lo spettro, non perché sappia e ragioni più di loro non sa niente ma perché le sue passioni sono autentiche, forti, intatte. Gli altri (perfino il suo migliore amico, Orazio) non hanno che religione, filosofia, ragione, e aggrappandosi a esse vivono costantemente sull orlo della pazzia, del tutto incapaci (per paura di impazzire) di sentire-percepire fisicamente il falso nel vero, il disordine nell ordine, il folle criminale nel re, il disumano nell umano. Amleto, invece, ha (anche, e ancora) gli affetti, e con essi arriva a intuire cose che alle anime (e alla filosofia ) sono e rimangono irraggiungibili. D ora in poi, dunque, anziché di ostinazione (come vorrebbe Claudio, che però non è stupido: si tratta, in effetti, di una ostinazione di Amleto a rimanere umano pur mentre tutti gli altri si consegnano al disumano), per designare quel che distingue il giovane principe dallo zio e dalla corte parleremo di affettività. Contrapponendola alla (implicita, ma evidentissima) anaffettività dei suoi nemici. E chiameremo anaffettivo l ordine-disordine imposto-protetto dal criminale-re Claudio. Amleto (inconsapevolmente?) difende gli affetti, cioè l umanità 3. Claudio e gli altri, tutti, sono invece consapevolmente pronti a difendere fino alla morte e alla distruzione totale (altrui, prima, ma poi anche proprie) l anaffettività che li ha resi disumani. Ma Amleto lo sa? È una delle domande (forse la domanda, se vogliamo capire davvero il suo personaggio) a cui dovremo tentare di rispondere. Amleto, certamente, sa di essere solo. E comprende fin troppo bene, essendo l erede al trono, che il disordine claudiano è, allo stesso tempo, mostruosamente anche ordine. L abbiamo già notato più volte, ma giova ripeterlo: il falso ordine disumano e criminale di Claudio è, attualmente, il solo vero ordine regnante sulla Danimarca. Per questo e non per altro, Amleto dice a sé stesso: Spezzati, cuore, perché io debbo frenare la lingua! ( Break, my heart, for I must hold my tongue!, I, 2): la libertà della lingua non è più possibile, dove nessun altro ha più un cuore. Abbiamo parlato di Amleto e di Orazio. Per completare (limitatamente al primo atto) il quadro della nobile gioventù maschile danese dobbiamo ora descrivere il rappresentante più squallido della categoria: Laerte, figlio di Polonio, primo segretario di Stato una sorta di premier e fratello di Ofelia. Laerte non ha che un pensiero in mente: tornarsene in Francia, dove conduce vita licenziosa. Tornare a divertirsi, insomma, con i soldi di papà e il benestare di Claudio. Quel che accade in Danimarca non gli interessa, non lo appassiona minimamente, ma possiamo esser certi che neanche gli oggetti delle sue licenze parigi- 3 Orazio (riferendosi al vecchio Amleto): Egli era un vero re!. Amleto: Era un uomo (I, 2). Per Amleto, a quanto pare (ma nessuno nota) uomo batte re 1 a 0. 6

7 ne lo commuovono più di tanto: Laerte è un esempio perfetto della non- ostinazione, cioè dell anaffettività, in cui si radica il consenso che rende indiscutibile, quanto meno per la classe dirigente e per i suoi rampolli, l ordine criminale claudiano. I giovani come Laerte si godono i privilegi derivanti dal proprio rango, ma i loro godimenti non hanno alcunché di specificamente umano 4. Essi son capaci di divertirsi mentre intorno a loro si consumano i più efferati delitti. Sono quelli che farebbero bisboccia anche a pochi metri da un campo di sterminio. Ciò non pertanto, Laerte pretende di essere in grado di dispensare buoni consigli alla sorella, Ofelia, innamorata di Amleto. Buoni? In realtà, sono consigli che hanno un solo obiettivo: distruggere la sua affettività e la sua femminilità (ricordiamocelo, quando Ofelia morirà, come molti si ostinano a credere, per colpa di Amleto): Temilo, Ofelia, temilo, mia cara sorella le dice, riferendosi non ad Amleto ma al cuore di lei ( Fear it, non Fear him ). Resta nella retroguardia della tua passione, fuori dal tiro e dal pericolo del desiderio (I, 3). Se lo ascolterà, Ofelia perderà ogni possibilità di attingere, insieme ad Amleto, alle cose irraggiungibili, lontano dalle quali l amore, e la vita stessa, non sono più umani. Il padre di un Laerte non può che essere quella diffusa varietà di individuo resosi disumano che, anziché un genio criminale, è diventato uno straordinario imbecille. E Polonio, in effetti, è forse il più mirabile imbecille della letteratura di tutti i tempi e di tutti i paesi. Lo comprenderemo meglio più avanti. Per ora, limitiamoci a notare che i suoi paterni discorsi alla figlia sono una versione invecchiata e autoritaria di quelli di Laerte, che certo è cresciuto alla sua scuola oltre che a quella di Claudio ma non si è ancora del tutto liberato di quella sorta di animalesca vivacità giovanile che agli osservatori superficiali fa credere ancora vitali i giovani come lui. Discorsi, dunque, che per brevità tralasceremo di citare, ma che tutti i genitori dovrebbero meditare attentamente per capire come si possa essere, sotto l apparenza di una affettuosa ma ferma severità, i peggiori nemici dei figli e perfino, come in questo caso, i loro assassini. Ma Polonio parla anche a Laerte, prima che parta, e le sue parole sono un inno alla dissimulazione ( Non dar voce ai tuoi pensieri... [...]. Presta a tutti il tuo orecchio ma a pochi la tua voce..., I, 3) e, ancora una volta, all anaffettività ( [...] gli amici che hai, e che accettasti per tali dopo averli messi alla prova The friends thou hast, and their adoption tried, I, 3) di amicizie solo razionali, basate su calcoli interessati e su esperimenti psicologici subdoli, che niente hanno a che vedere con gli affetti. Eppure, Polonio ha la faccia tosta schizofrenica espressione, appunto, dell imbecillità che nel figlio attende la vecchiaia per diventare così evi- 4 Claudio, da giovane, sarà stato come Laerte. Orazio no, è diverso: si è legato al dovere, alle leggi religiose e razionali che lui crede lo preservano dall impazzire. Perciò non può andare a divertirsi: dev essere presente fino all ultimo anche se la sua è una disumana presenza che niente sente e niente capisce. Una presenza assolutamente impotente. 7

8 dente di concludere la sua apologia dell ipocrisia con un invito alla sincerità: Questo soprattutto: sii sincero con te stesso, e ne seguirà come la notte al giorno che non potrai esser falso verso nessuno, I, 3). Falso verso nessuno chi condurrà segreti esperimenti sugli esseri umani prima di decidere se accettarli o meno come amici? Non c è che dire: chi è più adatto del subdolo idiota Polonio, con le sue insensate narrazioni inestricabilmente intessute di verità e di menzogne, al ruolo di primo servitore del regime claudiano? Ma ecco: sulle mura di Elsinore, a mezzanotte, Amleto apprende dallo spettro del padre che ciò che i suoi affetti hanno sentito e sentono ostinatamente è purtroppo vero: il vecchio Amleto è stato assassinato da Claudio ( O profetica anima mia! esclama il giovane principe, I, 5) e il regno di Danimarca, come il letto dei suoi sovrani, è insozzato di sangue fraterno che niente, ormai, potrà più cancellare. Il cemento di ogni disumana piramide di potere non è sempre il nostro sangue? O come potrebbe, altrimenti, essere così difficile dividere l uno dall altro quelli che l hanno innalzata e la tengono in piedi? (Notiamo, en passant, quanto Amleto si mostra deciso nel seguire lo spettro nel luogo più remoto in cui gli chiede di inoltrarsi con lui: Toglietemi le mani di dosso, signori, o, per il Cielo, farò uno spettro di chi tenta di trattenermi! Via, dico!, I, 4. Parole, e azione, e non son le sole, che non vengono mai citate dai sostenitori della cosiddetta indecisione del principe. Ne riparleremo). (Un altra questione della massima importanza, e molto dibattuta, è se lo spettro sia reale o una sorta di allucinazione collettiva. Nessuno si è mai chiesto: e se fosse... entrambe le cose? Anche di ciò parleremo per e- steso quando verrà il momento. Per ora, limitiamoci a raccogliere tutti gli elementi che potranno esserci utili. Come il curioso commento di Claudio mentre Amleto si allontana al seguito del fantasma: L immaginazione lo spinge a mosse disperate He waxes desperate with imagination, I, 4...) Sì, c è del marcio nel regno di Danimarca something is rotten in the state of Denmark (I, 4)! Per ben tre volte lo spettro chiede al figlio di vendicarlo. Due esplicitamente ( Sarai teso alla vendetta, quando avrai udito e Se mai tu amasti il tuo caro padre [...] vendica il suo infame e snaturato assassinio ) e una indirettamente, quando gli chiede di risparmiare la regina ( Comunque tu persegua tale atto, non devi macchiarti la coscienza né permettere che la tua anima trami nulla contro tua madre: lasciala alla punizione del Cielo e a quelle spine che alberga in cuore, perché la pungano e la tormentino, I, 5). E Amleto si impegna alla vendetta ( [...] che io possa, con ali veloci come la meditazione o come i pensieri d amore, correre alla mia vendetta, I, 5) e infine, solennemente, giura: Ricordarmi di te? Sì, povero spirito; finché la memoria avrà sede in questo globo [= testa] sconvolto. Ricordarti? Sì, dalla tavola della mia memoria cancellerò ogni ricordo futile e sciocco, tutte le massime libresche, tutte le forme, tutte le impressioni che la giovinezza e l esperienza vi hanno deposto nel passato, e soltanto il tuo comandamento vivrà, tutto solo, nel libro e volume del mio cervello, 8

9 non contaminato da materia più vile. Sì, per il Cielo! [...]. Ora, quanto al mio motto, esso sarà: «Addio, addio, ricordami». Ho giurato (I, 5). Riguardo alla propria indecisione, dunque, Amleto è, almeno per ora, del tutto disinformato: è assolutamente deciso a essere deciso, e assolutamente certo che lo sarà. Ma proprio il padre, forse, ha istillato in lui la possibilità dell incertezza chiedendogli di risparmiare la madre: Lasciala alla punizione del Cielo, ha detto, e in tal modo ha suggerito al figlio l idea che la vendetta 5 possa non essere ammissibile, in certi casi. Gertrude, non c è dubbio, ha ceduto alle seduttive profferte di un folle criminale già molto prima che il marito venisse da lui assassinato. Non è solo complice, cioè, ma ha contribuito a rendere possibile il delitto determinando nella mente del suo ideatore ed esecutore una situazione ben più favorevole al fratricidio-regicidio di quella che vi sarebbe stata se egli non fosse stato certo di poter contare su di lei. Eppure Amleto, secondo la vittima di quel crimine, non dovrà permettere che la [sua] anima trami nulla contro [sua] madre. Consegue da questa esortazione paterna che Amleto ora sa (se già non lo sapeva) che il matricidio non è ammissibile neanche per il più mostruoso dei crimini. Ma perché, allora, dovrebbe invece restare ammissibile un regicidio, l assassinio di Claudio, che le sue conseguenze su un intera nazione non rendono certo meno mostruoso? Tanto più se il crimine per il quale si invoca vendetta è anch esso un regicidio? Se il regicidio è così orribile commesso da Claudio, non lo sarà altrettanto commesso da Amleto? (Anzi: di più, dal momento che il giovane principe, a differenza dello zio, è stato reso edotto, e niente di meno che dallo spettro dell assassinato, che la vendetta è talvolta inammissibile anche per il peggiore dei crimini). Perché Amleto dovrebbe considerare addirittura doverosa, per lui, la medesima azione che ha reso Claudio imperdonabile? Il primo atto si conclude con l impressionante giuramento di Orazio e Marcello (ben quattro volte comandato dallo spettro da sottoterra, e ben tre volte ripetuto sulla spada del principe) che essi non daranno mai a vedere di essere al corrente di alcunché, riguardo ad Amleto, per quanto strana o bizzarra possa essere la [sua] condotta, siccome forse d ora in avanti creder[à] opportuno assumere un atteggiamento stravagante (I, 5). Amleto, dunque, si sta già orientando alla scelta tattica di fingersi pazzo. Ma chi, più o meno razionalmente, decide di far finta di ammattire, può, più o meno irrazionalmente, ammattire davvero? A questo punto, è forse doveroso elencare, per comodità del lettore, tutte le domande alle quali cercheremo di rispondere proseguendo (attraverso il secondo, il terzo, il quarto e il quinto atto) nell analisi dell opera: 1. Lo spettro è reale oppure è un allucinazione collettiva? O è... entrambe le cose? 5 Per il momento attribuiremo al termine vendetta, nel contesto dell Amleto, il significato (indiscusso, tra gli spettatori, i lettori e i critici dell opera) di assassinio dell assassino. Più avanti, invece, ci domanderemo se questa parola, e l idea e il progetto che sottintende, possano essere intesi (anche) diversamente. 9

10 2. Amleto fingerà di impazzire, come vorrebbe, o impazzirà davvero? 3. Amleto è davvero un indeciso? Se sì, lo è fin dall inizio o lo diventa? Se no, perché tergiversa così a lungo prima di uccidere (ma fortunosamente) il fratricida e regicida Claudio? E la questione più importante: 4. È umanamente ammissibile il ricorso alla violenza contro un re mostruoso che sta distruggendo il Paese? O meglio: Amleto lo ritiene umanamente ammissibile o no, da parte sua? E i suoi sentimenti e pensieri, al riguardo, nel corso della vicenda si evolvono o no? È immaginabile una situazione, individuale o collettiva, in cui la violenza politica cessi non soltanto di essere lecita, ma addirittura di essere possibile? È immaginabile una situazione, individuale o collettiva, di incapacità di violenza, quali che siano le condizioni che vengono create per scatenarla? Prima di concludere (per il momento), dobbiamo però affrontare (e forse esaurire se, come pare, il primo atto le esaurisce) tutte le terribili implicazioni dell assassinio del vecchio Amleto. Dell assassinio del padre. Espongo sùbito le mie (provvisorie) conclusioni, che poi argomenterò: esclusa la Preistoria, quando forse non era così, ed esclusa ogni accezione del termine potere che lo intenda come effetto di un fascino umanamente valido (il potere della bellezza, il potere della verità, ecc.), non è mai esistito un potere innocente. Non è mai esistito, cioè, un potere che non si fondasse sull assassinio dei padri. Sull assassinio dei padri buoni. (Una precisazione, prima di andare avanti: quando parlo di padri, qui, mi guardo bene dall escludere le madri. L assassinio di Ipazia non è forse del tutto compatibile con il mio discorso? E l umiliazione, la persecuzione e, spesso, lo sterminio di centinaia di milioni di donne da parte di Società fondate sull odio misogino?) Un padre buono, cioè un padre umanamente valido (come una madre umanamente valida) è un padre il cui potere sui figli non dura più di un istante 6, poiché l istante successivo (e poi quello dopo, e quello dopo ancòra, e così via) continuerà a essergli riconosciuto soltanto se i figli lo sentiranno ancòra. È un padre, cioè, il cui potere si fonda sullo stato del rapporto interumano tra lui e i figli e tra i figli e lui. Nell istante in cui ai figli è necessario il potere del padre, e purché in quell istante tale potere non sia altro che la percezione, da parte loro, di un insieme di qualità umane che glielo rendono prezioso, il potere c è. Ma l istante successivo, se quelle qualità si deteriorano, il potere non c è più. E, qualora esso tenti di perpetuarsi malgrado non ci sia più, e comunque lo tenti, diventa ipso facto un potere disumano, violento. (Noterò, en passant, che questa non è filosofia, ma descrizione della realtà. Ogni padre e ogni figlio, da che 6 Intendendo per istante una porzione di tempo talmente esigua da non poter essere ulteriormente suddivisa in un passato, un presente e un futuro. 10

11 mondo è mondo, sanno, anche se spesso non sanno di saperlo, che le cose stanno così: è sufficiente stare insieme, padre e figli, per qualche ora, per veder il potere, se umano, trasferirsi dall uno agli altri, e viceversa, parecchie volte). Assassinare questi padri (o distruggerne la reputazione, o annientarli nel senso di far di loro degli spettri rendendoli a tutti gli effetti inesistenti, dimenticati, spariti) è la conditio sine qua non di ogni potere che pretenda di assegnare a priori a sé stesso una durata superiore all istante. Ma la fondazione e conservazione di un potere disumano non è il solo scopo dell assassinio dei padri umanamente validi (e della loro proditoria sostituzione con padri fasulli, folli, criminali). Esso si lega indissolubilmente a un altro, al vero scopo: far impazzire i figli e spingerli alla disperazione e alla violenza. Il vecchio Amleto era un padre umanamente valido? Il figlio ne è convinto: Un re così eccellente, che rispetto a questo era come Iperione al confronto di un satiro (I, 2). Era un uomo, comunque lo si considerasse. Non ne vedrò mai un altro come lui (I, 2). Ma il vecchio non condivide l immagine che il figlio ha di lui. Si trova nel Purgatorio, dice, per scontare i turpi delitti di cui [si macchiò] nei giorni della [sua] vita mortale, poiché l assassino lo ha stroncato [...] nel vigoreggiare dei [suoi] peccati, [...] con il capo carico di tutte le [sue] imperfezioni (I, 5). A chi crederemo? A nessuno dei due. Cioè crederemo a Claudio, che assassinandolo ne ha certificato la validità umana comunque superiore alla propria. Perché il nostro discorso sia valido, infatti, non occorre che il padre sia perfetto: è sufficiente che sia migliore di chi lo assassina 7. Amleto realizzerà il disegno del potere nei suoi confronti? Impazzirà? Dispererà? Ucciderà? E, se sì, perché? Anticipiamo e con ciò, per il momento, concludiamo che tenterà, più o meno consapevolmente, di resistere. Di conservarsi sano di mente. Di rimanere umano. (Anticoli Corrado, 1 agosto 18 settembre 2014) (Questo scritto sarà completato entro la metà del 2015 con l analisi dei successivi quattro atti dell Amleto) 7 Questo per ora. Ma in seguito vedremo che il Purgatorio in cui langue il vecchio Amleto può essere inteso anche in altri sensi. Non religiosi. E forse più attinenti al significato sostanziale, cioè universale, dell Amleto. 11

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Foglio per gli studenti Domande

Foglio per gli studenti Domande Domande Rispondi Sì o No a ciascuna delle seguenti domande (Rispondi con sincerità. Questo questionario è visto solo da te!): Domande: 1. Hai mai sentito una barzelletta che prendeva in giro una persona

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW La filosofia del viaggio nel tempo di ROBERTA SPARROW Traduzione a cura di Paolo Xabaras Montalto In lingua originale lo trovate sul sito ufficiale del film: http://www.donniedarko.com o presso il sito:

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Ho vivamente apprezzato la tua recente

Ho vivamente apprezzato la tua recente 35 Le illusioni e i desideri sono illuminazione Ho vivamente apprezzato la tua recente visita e la tua costante preoccupazione per le numerose persecuzioni che mi sono capitate. Poiché ho subìto queste

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

La Piramide dell Odio

La Piramide dell Odio Lezione La Piramide dell Odio Partecipanti: Studenti di scuola media inferiore o superiore/ max. 40 Materiali: Foglio Domande (una copia per ciascuno studente) Lucido con la definizione di Genocidio (allegato)

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 filemame: 42-18-18.evang.odt 3636 parole di Marco defelice, RO, mercoledì, 6 giugno, 2007 -- cmd -- La Bibbia è la Parola di Dio. È più attuale di quanto lo sia il giornale

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio 4 Minuti Cosa Uno studio biblico di sei settimane ci riserva il Futuro Precept Ministry International Kay Arthur George Huber Distribuito da : Precept Minstry Italia Traduzione a cura di Luigi Incarnato

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it MESSAGGI DI LUCE Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it Tengo a precisare che Messaggi di Luce e un progetto che nasce su Facebook a oggi e visitato da piu' di 9000 persone E un

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 1.LA STORIA Il capitolo 22 del libro della Genesi è uno dei testi fondamentali nell Antico Testamento. Il testo appartiene ad

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli