nell Amleto di Shakespeare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "nell Amleto di Shakespeare"

Transcript

1 L assassinio 1 del padre buono, base di ogni potere disumano, nell Amleto di Shakespeare Atto primo di Luigi Scialanca Amleto, principe di Danimarca, atto I, scena IV, di Henry Fuseli, 29 settembre 1796, da un dipinto di Kaufmann del a Eleonora La Danimarca di Amleto si rivela fin dal primo istante un mondo capovolto: Chi va là? grida Bernardo, ufficiale della guardia, al soldato che è di sentinella, Francesco. Doveva accadere l opposto, e Francesco, quindi, giustamente ribatte: A te rispondere. Fermati e fatti riconoscere. Poco dopo, infatti, è Francesco a dare l altolà a Orazio e Marcello, benché ufficiali anch essi, e il primo addirittura amico personale del principe Amleto. Cosa è accaduto? Perché, e come, a Elsinore la realtà si è rovesciata? Orazio è scettico. La sua battuta di spirito (Bernardo: C è Orazio? Orazio: Sì, ce n è un pezzo ), lì per lì incomprensibile (ma che irrita Bernardo, pur nel doveroso rispetto da cui non deflette, al punto che non estende a Orazio il buon con cui saluta Marcello), si chiarisce quando Marcello annuncia: Orazio dice che è soltanto effetto della nostra fantasia. Orazio, cioè, è lì soltanto col pezzo più credulo di sé stesso. (Marcello, infatti, riferendosi allo spettro che tanto ha impressionato le sentinelle, parla già di fantasma apparition benché ancora non l abbia visto; Orazio, invece, prudente, lo chiama quella cosa that thing ). Apriamo una parentesi, giacché siamo in argomento, sui modi in cui si parla dello spettro o si tenta di spiegarlo in questo primo atto. Orazio: A quale particolare ordine d idee appigliarmi, non so; ma grosso modo cre- 1 O, più civilmente, la rottamazione. 2 Occhio alle date! 1

2 do che questo presagisca lo scoppio di qualche grave calamità per il nostro Stato. Ancora Orazio: È un bruscolo, questo, che viene a infastidire l occhio della mente (corsivi miei). Orazio, cioè, interpreta l apparizione come un turbamento dell ordine mentale che prefigura uno sconvolgimento dell ordine delle cose. (Non sa, infatti, che lo sconvolgimento è già avvenuto, e non è la ribalda dichiarazione di guerra di Fortebraccio al Regno di Danimarca, ed è molto più grave di essa). Amleto concorda con Orazio fin da prima di parlare con lo spettro ( C è qualcosa che non va All is not well, I,2) e la pensa così anche dopo ( Il mondo è fuor di sesto The time is out of joint o maledetto dispetto della sorte che io sia nato per rimetterlo in sesto, I, 5). Ma aggiunge all interpretazione dell amico un elemento tanto importante da cambiarne, almeno in parte, il senso: lo spettro, dice il principe (quando ormai lo ha ufficialmente riconosciuto Ti chiamerò Amleto, re, padre, regale danese, ma ancora non sa se rechi [...] aure di origine celeste o raffiche infernali, I, 4) porta l orrore nella notte e mette in noi, vittime degli inganni della natura (ma il testo originale dice fools of nature, stupidi per natura ), [...] tremiti di terrore al pensiero di cose irraggiungibili per le nostre anime (I, 4). E ancora: There are more things in heaven and earth, Horatio, than are dreamt of in your philosophy (I, 5). Capiamo, così, che il fuor di sesto di Amleto non coincide del tutto col turbamento dell ordine mentale e naturale a cui allude Orazio. Per quest ultimo (più vicino a Claudio che ad Amleto, in ciò, come vedremo) l ordine dev essere ripristinato, punto, poiché nella sua filosofia non c è altro né sulla terra né in cielo: o l ordine, oppure la follia e la distruzione. Ad Amleto, invece, quello stesso turbamento dell ordine e l apparizione dello spettro che ne è, allo stesso tempo, l annuncio e un sintomo lasciano intravedere l esistenza di cose irraggiungibili per le nostre anime. Il che porta orrore e terrore, certo, ma ha anche il merito di permettere una discesa (o una salita ) al di sotto (o al di sopra ) dell ordine costituito, naturale e mentale e statale. Il merito, insomma, di farci vedere qualcosa al di là della nostra filosofia. Per Orazio, seguire lo spettro, cioè dargli retta, è solo perdere il dominio della ragione the sovereignity of reason e precipitare nella pazzia madness, I, 4 della quale avrebbe una gran paura anche se lo spettro non ci fosse ( Basta il solo posto, senz altra causa, a mettere idee di disperazione in qualsiasi cervello che getti lo sguardo da tanta altezza sopra il mare, I, 4). Per Amleto, invece, benché egli sia di gran lunga il più colpito dallo sconvolgimento in corso e dall apparizione, tali eventi sono anche un occasione positiva. Perché? Amleto, contrariamente a Orazio e a tutti gli altri, già prima dell apparizione è (parole sue) anche troppo al sole (= mal ridotto, I, 2). Ha dentro qualcosa che supera l ostentazione, che supera quelle che sono appena le bardature e i paramenti del dolore (I, 2). Amleto, addirittura, vorrebbe uccidersi: Oh, se questa troppo, troppo compatta carne volesse struggersi, sciogliersi e ridursi in rugiada [...]! O Dio, Dio, quanto mi sembrano 2

3 vieti, stantii, privi di senso e di costrutto tutti gli usi di questo mondo! (I, 2). Amleto, cioè, già da sé è arrivato vicino alle cose irraggiungibili dalle anime di tutti gli altri, e proprio per questo è così turbato. Non sono i preparativi della guerra contro Fortebraccio (il quotidiano fondere bronzo in cannoni di cui parla Marcello, I, 1) a preoccuparlo, e del resto egli è ben più che preoccupato: soffre terribilmente, fin quasi al suicidio, per una realtà che non sente con l anima (poiché per l anima tale realtà è, appunto, irraggiungibile ) né tanto meno con la filosofia, ma con qualcos altro. Con che cosa? Cercheremo (ma non basterà esaminare il primo atto) di capirlo andando avanti. Ma intanto possiamo cominciare a raccogliere indizi. È evidente, per esempio, che la principale differenza (se non l unica) tra Amleto e Orazio è proprio questa: Amleto sente ciò che né l anima né la filosofia possono raggiungere ; Orazio, invece, non solo non sente, ma non può neanche tentare di farlo: per lui, vorrebbe dire precipitare nella pazzia. Amleto meno Orazio, dunque, è l operazione che può dirci qualcosa sul di più di Amleto rispetto a lui. Orazio non marina la scuola, per esempio. E bisogna insegnargli a bere forte, prima che riparta (I, 2). O- razio, cioè, è un uomo d ordine, controllato, incrollabilmente sottomesso alla sovereignity della ragione. Deve esserlo, o si butterebbe a mare. Amleto no, non è del tutto controllato dalla ragione. Ne riparleremo. Intanto, a proposito del cosiddetto ordine costituito, alias dominio della ragione (naturale, mentale, familiare, statale, ecc.) notiamo che il suo maggior perturbatore, il fratricida e regicida Claudio, è tale in segreto. In pubblico, invece, è dell ordine il primo difensore in Danimarca, colui al quale l intera nazione si affida perché lo conservi, lo incrementi e, se necessario, lo ripristini. Perciò la posizione di Claudio è del tutto falsa, bifronte, mostruosa. Poiché egli finge, certo, di essere ancora umano (mentre il vero Claudio è un traditore, e tutto ciò che di disumano sta accadendo e accadrà in Danimarca ha origine in lui) ma non di essere il re: re lo è davvero, adesso, e dell ordine è perciò effettivamente, benché delittuosamente, il supremo pilastro. Smascherare Claudio, mostrare coram populo la sua verità di criminale equivarrebbe ormai ad attentare, allo stesso tempo, alla sua verità di re. Colpirlo, o peggio assassinarlo, significherebbe colpire e assassinare la nazione. Benché egli protegga la nazione solo in quanto re, mentre in quanto criminale la aggredisce e la uccide. (Questo, come vedremo, sarà il vero dilemma di Amleto, altro che le balle che si raccontano da secoli sulla sua cosiddetta indecisione ). Ogni parola di Claudio nel corso del primo atto, per altro, è una strenua difesa dell ordine in ogni accezione del termine. Non c è alcuna sostanziale differenza tra il monito di Orazio ad Amleto ( potrebbe togliervi il dominio della ragione e precipitarvi nella pazzia, I, 4) e quello più elaborato e autoritario di Claudio (corrobora- 3

4 to in maniera del tutto acritica dalle parole di sua moglie Gertrude, vedova del vecchio re Amleto e madre del giovane principe Amleto). Il senso è identico. Gertrude: È legge comune: tutto ciò che vive deve morire. Amleto, cioè, deve farsi una ragione della morte del padre. Deve smettere di soffrire e di piangere. Deve diventare come Orazio, e come tutta la corte, perdendo quel di più (continuiamo a chiamarlo così provvisoriamente) che gli fa sentire ciò che né l anima né la filosofia possono raggiungere. Altrimenti, è sottinteso, impazzirà. Proprio come gli ha detto Orazio. E Claudio: Ostinarsi nel rimpianto significa condursi con empia testardaggine. È un dolore non virile, questo, che rivela una volontà ribelle al Cielo, un cuore privo di fortezza, un animo impaziente e una comprensione rozza e non educata. [...] È una colpa dinanzi al Cielo, una colpa verso il morto, una colpa verso la natura, assolutamente assurda per la ragione, il cui tema comune è la morte dei padri, che sempre ha gridato, dal primo cadavere fino all uomo morto oggi: «Così dev essere» (I, 2, corsivi miei). Be, non c è dubbio: i padri, prima o poi, devono morire. Ma perché certi padri devono morire prima degli altri? E perché, oltre che morire, devono farlo in modo da andare certamente all Inferno? Cercheremo di rispondere (e, naturalmente, di capire quale sia il vero significato di quell andare all Inferno ). Per Claudio, dunque, Dio, la natura e la ragione hanno un tema in comune: la morte dei padri. I padri devono morire, questo è l ordine (divino, naturale, razionale, morale, statale e familiare) di cui Claudio è il maggior pilastro in Danimarca. Non è solo questo, certo: ma nei confronti del nipote Amleto è in primis e soprattutto questo. Attenzione ai termini: se Amleto si limitasse a rimpiangere il padre, non ci sarebbe problema. Ciò che mette a repentaglio l ordine è che egli si ostina nel rimpianto. Con la disumana sagacia dei criminali lucidi, Claudio coglie nel segno, capisce quel che anche noi (molto più affettivamente, spero) stiamo comprendendo: l ostinazione di Amleto, che lo mette nello stato di terribile sofferenza in cui solo lui si trova, è davvero oltre la religione ( le cose irraggiungibili alle nostre anime ) e oltre la ragione ( vi sono più cose in cielo e in terra di quante non sogni la filosofia ). Perciò Claudio la teme e la detesta a tal punto, che non si fa scrupolo di coprire il nipote di insulti (li abbiamo appena letti: testardo, non virile, ribelle al Cielo, debole, impaziente, rozzo, ineducato, tutte qualità che, se davvero gli appartenessero, lo renderebbero quanto mai inadatto a fare il re): poiché quella ostinazione, si rende conto Claudio, mette Amleto in contatto umano fisico (né mistico né razionale) con la verità profonda di quel che sta accadendo nella sua famiglia e nel regno di Danimarca, e può renderlo capace, dunque, di dissolvere il razionalmente insolubile amalgama di verità e falsità che fa di Claudio una sorta d invincibile Sfinge. Claudio, come apprenderemo tra poco, è un malato di mente gravissimo: ha assassinato il fratello, il vecchio Amleto, per salire sul trono al suo posto, e con questo crimine mostruoso, con questo fratricidio-regicidio, ha 4

5 messo in moto la catastrofe della Danimarca. È lui, dunque, il maggior perturbatore dell ordine. Ma, come abbiamo già notato, essendo ora il re, dell ordine e della Danimarca è anche il supremo difensore. Ucciderlo, pertanto, non risolverebbe alcun problema, non arresterebbe né invertirebbe il processo di distruzione a cui il suo crimine ha dato inizio. Anzi: lo aggraverebbe, aggiungendo follia a follia, crimine a crimine, regicidio a regicidio, disumanità a disumanità. È un problema enorme, forse il problema che il giovane Amleto deve risolvere, e ne parleremo estesamente quando sarà il momento. Per ora limitiamoci a enunciarlo: il peggior nemico della Danimarca, oltre che di Amleto stesso in quanto erede al trono, è anche il loro massimo sostegno. L ordine che Claudio difende è senza dubbio un ordine, ma è anche il disordine che egli stesso ha innescato: è un ordine-disordine, un miscuglio venefico, mortale. Amleto lo sente, glielo fa sentire la sua ostinazione ben prima di parlare con lo spettro del padre e perfino di essere informato della sua apparizione. Così, infatti, descrive la condizione attuale della Danimarca benché ancora non ne sappia alcunché: Un giardino non sarchiato che va in seme, tutto invaso da fetide erbacce di grossolana natura (I, 2). Stando così le cose ed essendo egli, ripetiamolo, l unico che le percepisce così grazie alla propria ostinazione Amleto sente chiaramente la falsità dell ordine apparente che Claudio e la sua corte assicurano-impongono alla Danimarca e a lui. Falsa è l apparenza del dolore per la morte di suo padre ( davvero sono cose che sembrano, poiché sono parti che un uomo potrebbe simulare; ma io ho dentro qualcosa che supera l ostentazione, che supera quelle che sono appena le bardature e i paramenti del dolore, I, 2) e falsa è l ordinata continuità naturale, statale, familiare e individuale che tutti, a corte, fingono e difendono ( O Dio, Dio, quanto mi sembrano vieti, stantii, privi di senso e di costrutto tutti gli usi di questo mondo, I, 2). Da una parte una corale ostentazione, dunque, dall altra il solitario ostinarsi di Amleto che smaschera quell ostentazione non con la ragione poiché razionalmente, coscientemente, egli è invece all oscuro di tutto ma col proprio ostinato non poter sopportarla, e perciò soffrirne fin quasi a voler morire. Ma continuare a chiamarla ostinazione vorrebbe dire far nostro il punto di vista di Claudio (come tanti, oggi, fanno proprio il punto di vista del potere assorbendo attraverso i media le idee e la terminologia con cui il potere stigmatizza le parole, le idee e gli esseri umani stessi che gli si oppongono). Come chiamarla, allora, anziché ostinazione? Ce lo suggerisce proprio Amleto quando dice a Gertrude e a Claudio: Io ho dentro qualcosa che supera l ostentazione [...] del dolore (I,2). E intende: Io soffro molto più di voi, perché soffro davvero. Quando, in un momento di disperazione, dice a sé stesso: Spezzati, cuore (I, 2). E quando, rivolto a Orazio, Marcello e Bernardo che lo salutano con un i nostri doveri a Vostro Onore ribatte: Il vostro affetto, come il mio a voi (I, 3, corsivo mio). Dolore, affetto, cuore: tre termini con i quali, ai tempi di Shakespeare, non doveva essere meno rischioso di 5

6 oggi connotare un eroe. Ma Shakespeare osa: Amleto sente e capisce più degli altri, già prima di incontrare lo spettro, non perché sappia e ragioni più di loro non sa niente ma perché le sue passioni sono autentiche, forti, intatte. Gli altri (perfino il suo migliore amico, Orazio) non hanno che religione, filosofia, ragione, e aggrappandosi a esse vivono costantemente sull orlo della pazzia, del tutto incapaci (per paura di impazzire) di sentire-percepire fisicamente il falso nel vero, il disordine nell ordine, il folle criminale nel re, il disumano nell umano. Amleto, invece, ha (anche, e ancora) gli affetti, e con essi arriva a intuire cose che alle anime (e alla filosofia ) sono e rimangono irraggiungibili. D ora in poi, dunque, anziché di ostinazione (come vorrebbe Claudio, che però non è stupido: si tratta, in effetti, di una ostinazione di Amleto a rimanere umano pur mentre tutti gli altri si consegnano al disumano), per designare quel che distingue il giovane principe dallo zio e dalla corte parleremo di affettività. Contrapponendola alla (implicita, ma evidentissima) anaffettività dei suoi nemici. E chiameremo anaffettivo l ordine-disordine imposto-protetto dal criminale-re Claudio. Amleto (inconsapevolmente?) difende gli affetti, cioè l umanità 3. Claudio e gli altri, tutti, sono invece consapevolmente pronti a difendere fino alla morte e alla distruzione totale (altrui, prima, ma poi anche proprie) l anaffettività che li ha resi disumani. Ma Amleto lo sa? È una delle domande (forse la domanda, se vogliamo capire davvero il suo personaggio) a cui dovremo tentare di rispondere. Amleto, certamente, sa di essere solo. E comprende fin troppo bene, essendo l erede al trono, che il disordine claudiano è, allo stesso tempo, mostruosamente anche ordine. L abbiamo già notato più volte, ma giova ripeterlo: il falso ordine disumano e criminale di Claudio è, attualmente, il solo vero ordine regnante sulla Danimarca. Per questo e non per altro, Amleto dice a sé stesso: Spezzati, cuore, perché io debbo frenare la lingua! ( Break, my heart, for I must hold my tongue!, I, 2): la libertà della lingua non è più possibile, dove nessun altro ha più un cuore. Abbiamo parlato di Amleto e di Orazio. Per completare (limitatamente al primo atto) il quadro della nobile gioventù maschile danese dobbiamo ora descrivere il rappresentante più squallido della categoria: Laerte, figlio di Polonio, primo segretario di Stato una sorta di premier e fratello di Ofelia. Laerte non ha che un pensiero in mente: tornarsene in Francia, dove conduce vita licenziosa. Tornare a divertirsi, insomma, con i soldi di papà e il benestare di Claudio. Quel che accade in Danimarca non gli interessa, non lo appassiona minimamente, ma possiamo esser certi che neanche gli oggetti delle sue licenze parigi- 3 Orazio (riferendosi al vecchio Amleto): Egli era un vero re!. Amleto: Era un uomo (I, 2). Per Amleto, a quanto pare (ma nessuno nota) uomo batte re 1 a 0. 6

7 ne lo commuovono più di tanto: Laerte è un esempio perfetto della non- ostinazione, cioè dell anaffettività, in cui si radica il consenso che rende indiscutibile, quanto meno per la classe dirigente e per i suoi rampolli, l ordine criminale claudiano. I giovani come Laerte si godono i privilegi derivanti dal proprio rango, ma i loro godimenti non hanno alcunché di specificamente umano 4. Essi son capaci di divertirsi mentre intorno a loro si consumano i più efferati delitti. Sono quelli che farebbero bisboccia anche a pochi metri da un campo di sterminio. Ciò non pertanto, Laerte pretende di essere in grado di dispensare buoni consigli alla sorella, Ofelia, innamorata di Amleto. Buoni? In realtà, sono consigli che hanno un solo obiettivo: distruggere la sua affettività e la sua femminilità (ricordiamocelo, quando Ofelia morirà, come molti si ostinano a credere, per colpa di Amleto): Temilo, Ofelia, temilo, mia cara sorella le dice, riferendosi non ad Amleto ma al cuore di lei ( Fear it, non Fear him ). Resta nella retroguardia della tua passione, fuori dal tiro e dal pericolo del desiderio (I, 3). Se lo ascolterà, Ofelia perderà ogni possibilità di attingere, insieme ad Amleto, alle cose irraggiungibili, lontano dalle quali l amore, e la vita stessa, non sono più umani. Il padre di un Laerte non può che essere quella diffusa varietà di individuo resosi disumano che, anziché un genio criminale, è diventato uno straordinario imbecille. E Polonio, in effetti, è forse il più mirabile imbecille della letteratura di tutti i tempi e di tutti i paesi. Lo comprenderemo meglio più avanti. Per ora, limitiamoci a notare che i suoi paterni discorsi alla figlia sono una versione invecchiata e autoritaria di quelli di Laerte, che certo è cresciuto alla sua scuola oltre che a quella di Claudio ma non si è ancora del tutto liberato di quella sorta di animalesca vivacità giovanile che agli osservatori superficiali fa credere ancora vitali i giovani come lui. Discorsi, dunque, che per brevità tralasceremo di citare, ma che tutti i genitori dovrebbero meditare attentamente per capire come si possa essere, sotto l apparenza di una affettuosa ma ferma severità, i peggiori nemici dei figli e perfino, come in questo caso, i loro assassini. Ma Polonio parla anche a Laerte, prima che parta, e le sue parole sono un inno alla dissimulazione ( Non dar voce ai tuoi pensieri... [...]. Presta a tutti il tuo orecchio ma a pochi la tua voce..., I, 3) e, ancora una volta, all anaffettività ( [...] gli amici che hai, e che accettasti per tali dopo averli messi alla prova The friends thou hast, and their adoption tried, I, 3) di amicizie solo razionali, basate su calcoli interessati e su esperimenti psicologici subdoli, che niente hanno a che vedere con gli affetti. Eppure, Polonio ha la faccia tosta schizofrenica espressione, appunto, dell imbecillità che nel figlio attende la vecchiaia per diventare così evi- 4 Claudio, da giovane, sarà stato come Laerte. Orazio no, è diverso: si è legato al dovere, alle leggi religiose e razionali che lui crede lo preservano dall impazzire. Perciò non può andare a divertirsi: dev essere presente fino all ultimo anche se la sua è una disumana presenza che niente sente e niente capisce. Una presenza assolutamente impotente. 7

8 dente di concludere la sua apologia dell ipocrisia con un invito alla sincerità: Questo soprattutto: sii sincero con te stesso, e ne seguirà come la notte al giorno che non potrai esser falso verso nessuno, I, 3). Falso verso nessuno chi condurrà segreti esperimenti sugli esseri umani prima di decidere se accettarli o meno come amici? Non c è che dire: chi è più adatto del subdolo idiota Polonio, con le sue insensate narrazioni inestricabilmente intessute di verità e di menzogne, al ruolo di primo servitore del regime claudiano? Ma ecco: sulle mura di Elsinore, a mezzanotte, Amleto apprende dallo spettro del padre che ciò che i suoi affetti hanno sentito e sentono ostinatamente è purtroppo vero: il vecchio Amleto è stato assassinato da Claudio ( O profetica anima mia! esclama il giovane principe, I, 5) e il regno di Danimarca, come il letto dei suoi sovrani, è insozzato di sangue fraterno che niente, ormai, potrà più cancellare. Il cemento di ogni disumana piramide di potere non è sempre il nostro sangue? O come potrebbe, altrimenti, essere così difficile dividere l uno dall altro quelli che l hanno innalzata e la tengono in piedi? (Notiamo, en passant, quanto Amleto si mostra deciso nel seguire lo spettro nel luogo più remoto in cui gli chiede di inoltrarsi con lui: Toglietemi le mani di dosso, signori, o, per il Cielo, farò uno spettro di chi tenta di trattenermi! Via, dico!, I, 4. Parole, e azione, e non son le sole, che non vengono mai citate dai sostenitori della cosiddetta indecisione del principe. Ne riparleremo). (Un altra questione della massima importanza, e molto dibattuta, è se lo spettro sia reale o una sorta di allucinazione collettiva. Nessuno si è mai chiesto: e se fosse... entrambe le cose? Anche di ciò parleremo per e- steso quando verrà il momento. Per ora, limitiamoci a raccogliere tutti gli elementi che potranno esserci utili. Come il curioso commento di Claudio mentre Amleto si allontana al seguito del fantasma: L immaginazione lo spinge a mosse disperate He waxes desperate with imagination, I, 4...) Sì, c è del marcio nel regno di Danimarca something is rotten in the state of Denmark (I, 4)! Per ben tre volte lo spettro chiede al figlio di vendicarlo. Due esplicitamente ( Sarai teso alla vendetta, quando avrai udito e Se mai tu amasti il tuo caro padre [...] vendica il suo infame e snaturato assassinio ) e una indirettamente, quando gli chiede di risparmiare la regina ( Comunque tu persegua tale atto, non devi macchiarti la coscienza né permettere che la tua anima trami nulla contro tua madre: lasciala alla punizione del Cielo e a quelle spine che alberga in cuore, perché la pungano e la tormentino, I, 5). E Amleto si impegna alla vendetta ( [...] che io possa, con ali veloci come la meditazione o come i pensieri d amore, correre alla mia vendetta, I, 5) e infine, solennemente, giura: Ricordarmi di te? Sì, povero spirito; finché la memoria avrà sede in questo globo [= testa] sconvolto. Ricordarti? Sì, dalla tavola della mia memoria cancellerò ogni ricordo futile e sciocco, tutte le massime libresche, tutte le forme, tutte le impressioni che la giovinezza e l esperienza vi hanno deposto nel passato, e soltanto il tuo comandamento vivrà, tutto solo, nel libro e volume del mio cervello, 8

9 non contaminato da materia più vile. Sì, per il Cielo! [...]. Ora, quanto al mio motto, esso sarà: «Addio, addio, ricordami». Ho giurato (I, 5). Riguardo alla propria indecisione, dunque, Amleto è, almeno per ora, del tutto disinformato: è assolutamente deciso a essere deciso, e assolutamente certo che lo sarà. Ma proprio il padre, forse, ha istillato in lui la possibilità dell incertezza chiedendogli di risparmiare la madre: Lasciala alla punizione del Cielo, ha detto, e in tal modo ha suggerito al figlio l idea che la vendetta 5 possa non essere ammissibile, in certi casi. Gertrude, non c è dubbio, ha ceduto alle seduttive profferte di un folle criminale già molto prima che il marito venisse da lui assassinato. Non è solo complice, cioè, ma ha contribuito a rendere possibile il delitto determinando nella mente del suo ideatore ed esecutore una situazione ben più favorevole al fratricidio-regicidio di quella che vi sarebbe stata se egli non fosse stato certo di poter contare su di lei. Eppure Amleto, secondo la vittima di quel crimine, non dovrà permettere che la [sua] anima trami nulla contro [sua] madre. Consegue da questa esortazione paterna che Amleto ora sa (se già non lo sapeva) che il matricidio non è ammissibile neanche per il più mostruoso dei crimini. Ma perché, allora, dovrebbe invece restare ammissibile un regicidio, l assassinio di Claudio, che le sue conseguenze su un intera nazione non rendono certo meno mostruoso? Tanto più se il crimine per il quale si invoca vendetta è anch esso un regicidio? Se il regicidio è così orribile commesso da Claudio, non lo sarà altrettanto commesso da Amleto? (Anzi: di più, dal momento che il giovane principe, a differenza dello zio, è stato reso edotto, e niente di meno che dallo spettro dell assassinato, che la vendetta è talvolta inammissibile anche per il peggiore dei crimini). Perché Amleto dovrebbe considerare addirittura doverosa, per lui, la medesima azione che ha reso Claudio imperdonabile? Il primo atto si conclude con l impressionante giuramento di Orazio e Marcello (ben quattro volte comandato dallo spettro da sottoterra, e ben tre volte ripetuto sulla spada del principe) che essi non daranno mai a vedere di essere al corrente di alcunché, riguardo ad Amleto, per quanto strana o bizzarra possa essere la [sua] condotta, siccome forse d ora in avanti creder[à] opportuno assumere un atteggiamento stravagante (I, 5). Amleto, dunque, si sta già orientando alla scelta tattica di fingersi pazzo. Ma chi, più o meno razionalmente, decide di far finta di ammattire, può, più o meno irrazionalmente, ammattire davvero? A questo punto, è forse doveroso elencare, per comodità del lettore, tutte le domande alle quali cercheremo di rispondere proseguendo (attraverso il secondo, il terzo, il quarto e il quinto atto) nell analisi dell opera: 1. Lo spettro è reale oppure è un allucinazione collettiva? O è... entrambe le cose? 5 Per il momento attribuiremo al termine vendetta, nel contesto dell Amleto, il significato (indiscusso, tra gli spettatori, i lettori e i critici dell opera) di assassinio dell assassino. Più avanti, invece, ci domanderemo se questa parola, e l idea e il progetto che sottintende, possano essere intesi (anche) diversamente. 9

10 2. Amleto fingerà di impazzire, come vorrebbe, o impazzirà davvero? 3. Amleto è davvero un indeciso? Se sì, lo è fin dall inizio o lo diventa? Se no, perché tergiversa così a lungo prima di uccidere (ma fortunosamente) il fratricida e regicida Claudio? E la questione più importante: 4. È umanamente ammissibile il ricorso alla violenza contro un re mostruoso che sta distruggendo il Paese? O meglio: Amleto lo ritiene umanamente ammissibile o no, da parte sua? E i suoi sentimenti e pensieri, al riguardo, nel corso della vicenda si evolvono o no? È immaginabile una situazione, individuale o collettiva, in cui la violenza politica cessi non soltanto di essere lecita, ma addirittura di essere possibile? È immaginabile una situazione, individuale o collettiva, di incapacità di violenza, quali che siano le condizioni che vengono create per scatenarla? Prima di concludere (per il momento), dobbiamo però affrontare (e forse esaurire se, come pare, il primo atto le esaurisce) tutte le terribili implicazioni dell assassinio del vecchio Amleto. Dell assassinio del padre. Espongo sùbito le mie (provvisorie) conclusioni, che poi argomenterò: esclusa la Preistoria, quando forse non era così, ed esclusa ogni accezione del termine potere che lo intenda come effetto di un fascino umanamente valido (il potere della bellezza, il potere della verità, ecc.), non è mai esistito un potere innocente. Non è mai esistito, cioè, un potere che non si fondasse sull assassinio dei padri. Sull assassinio dei padri buoni. (Una precisazione, prima di andare avanti: quando parlo di padri, qui, mi guardo bene dall escludere le madri. L assassinio di Ipazia non è forse del tutto compatibile con il mio discorso? E l umiliazione, la persecuzione e, spesso, lo sterminio di centinaia di milioni di donne da parte di Società fondate sull odio misogino?) Un padre buono, cioè un padre umanamente valido (come una madre umanamente valida) è un padre il cui potere sui figli non dura più di un istante 6, poiché l istante successivo (e poi quello dopo, e quello dopo ancòra, e così via) continuerà a essergli riconosciuto soltanto se i figli lo sentiranno ancòra. È un padre, cioè, il cui potere si fonda sullo stato del rapporto interumano tra lui e i figli e tra i figli e lui. Nell istante in cui ai figli è necessario il potere del padre, e purché in quell istante tale potere non sia altro che la percezione, da parte loro, di un insieme di qualità umane che glielo rendono prezioso, il potere c è. Ma l istante successivo, se quelle qualità si deteriorano, il potere non c è più. E, qualora esso tenti di perpetuarsi malgrado non ci sia più, e comunque lo tenti, diventa ipso facto un potere disumano, violento. (Noterò, en passant, che questa non è filosofia, ma descrizione della realtà. Ogni padre e ogni figlio, da che 6 Intendendo per istante una porzione di tempo talmente esigua da non poter essere ulteriormente suddivisa in un passato, un presente e un futuro. 10

11 mondo è mondo, sanno, anche se spesso non sanno di saperlo, che le cose stanno così: è sufficiente stare insieme, padre e figli, per qualche ora, per veder il potere, se umano, trasferirsi dall uno agli altri, e viceversa, parecchie volte). Assassinare questi padri (o distruggerne la reputazione, o annientarli nel senso di far di loro degli spettri rendendoli a tutti gli effetti inesistenti, dimenticati, spariti) è la conditio sine qua non di ogni potere che pretenda di assegnare a priori a sé stesso una durata superiore all istante. Ma la fondazione e conservazione di un potere disumano non è il solo scopo dell assassinio dei padri umanamente validi (e della loro proditoria sostituzione con padri fasulli, folli, criminali). Esso si lega indissolubilmente a un altro, al vero scopo: far impazzire i figli e spingerli alla disperazione e alla violenza. Il vecchio Amleto era un padre umanamente valido? Il figlio ne è convinto: Un re così eccellente, che rispetto a questo era come Iperione al confronto di un satiro (I, 2). Era un uomo, comunque lo si considerasse. Non ne vedrò mai un altro come lui (I, 2). Ma il vecchio non condivide l immagine che il figlio ha di lui. Si trova nel Purgatorio, dice, per scontare i turpi delitti di cui [si macchiò] nei giorni della [sua] vita mortale, poiché l assassino lo ha stroncato [...] nel vigoreggiare dei [suoi] peccati, [...] con il capo carico di tutte le [sue] imperfezioni (I, 5). A chi crederemo? A nessuno dei due. Cioè crederemo a Claudio, che assassinandolo ne ha certificato la validità umana comunque superiore alla propria. Perché il nostro discorso sia valido, infatti, non occorre che il padre sia perfetto: è sufficiente che sia migliore di chi lo assassina 7. Amleto realizzerà il disegno del potere nei suoi confronti? Impazzirà? Dispererà? Ucciderà? E, se sì, perché? Anticipiamo e con ciò, per il momento, concludiamo che tenterà, più o meno consapevolmente, di resistere. Di conservarsi sano di mente. Di rimanere umano. (Anticoli Corrado, 1 agosto 18 settembre 2014) (Questo scritto sarà completato entro la metà del 2015 con l analisi dei successivi quattro atti dell Amleto) 7 Questo per ora. Ma in seguito vedremo che il Purgatorio in cui langue il vecchio Amleto può essere inteso anche in altri sensi. Non religiosi. E forse più attinenti al significato sostanziale, cioè universale, dell Amleto. 11

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

S. DOMENICO di Guzman

S. DOMENICO di Guzman Carissimi bambini, abbiamo pensato di farvi una sorpresa... sapete che questo è il giornalino del rosario, ma vi siete mai domandati chi ha inventato il rosario? Nooooo?! E allora, bambini e bambine, in

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Crescere nella Fede. alcune idee di fondo sul cammino di catechesi

Crescere nella Fede. alcune idee di fondo sul cammino di catechesi Crescere nella Fede alcune idee di fondo sul cammino di catechesi Due mentalità, due logiche Un cammino di fede Un corso di dottrina Due approcci educativi Strada La Rivelazione cristiana incontrare la

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Educarsi per educare al perdono. Pietro Paolo Piras

Educarsi per educare al perdono. Pietro Paolo Piras Educarsi per educare al perdono Pietro Paolo Piras C arissimi tutti, A tutti i Genitori ed Amici dell'infanzia Lieta un saluto cordiale ed affettuoso dall'ospedale dove cercano di rimettere a nuovo il

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI

IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI RIVA DEL GARDA, 14 NOVEMBRE 2013 IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI Dott.ssa Mara Marchesoni Hospice Amedeo Bettini Medico Da soli o insieme Tutte le persone sono diverse

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

M I S T E R I D E L D O L O R E

M I S T E R I D E L D O L O R E M I S T E R I D E L D O L O R E Mio Dio, dona a tutti, a tutti gli uomini, la conoscenza di te e la compassione dei tuoi dolori. Le rosaire. Textes de, Monastère de Chambarand, Roybon 2009, p. 27 1. L

Dettagli

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica Piacenza 21 22 ottobre 2011 Philosophy for children Esperienze di dialogo e pratica filosofica Scuola dell infanzia statale Barbattini ( Roveleto di Cadeo ) Anni scolastici: 2007 2011 Insegnanti facilitatori:

Dettagli

Il solo male che in questa terra possa

Il solo male che in questa terra possa Vincere la passione e fuggire le occasioni Il solo male che in questa terra possa veramente meritare questo nome è il peccato. Se potessimo vedere lo stato di un anima in peccato, sarebbe impossibile per

Dettagli

!"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente

!#$%&%'()*#$*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente !"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente Il Terzo Pilastro del Biker Vincente La Mountain Bike e la Vita Ciao e ben ritrovato! Abbiamo visto nelle ultime due lezioni, come i dettagli siano fondamentali

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Febbraio 2008 La nazionale egiziana è in finale: domenica si giocherà la Coppa d Africa. Non serve certo che io mi registri all evento su facebook, per ricordarmi

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ ::

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ :: GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it Data: ven 17 gennaio 2014 Tema MGS: Verso la Conquista Titolo: La Mia Anima Rimane

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

17 2. Un incontro inconsueto Non ho avuto un vero padre: sono figlio illegittimo...

17 2. Un incontro inconsueto Non ho avuto un vero padre: sono figlio illegittimo... INDICE PARTE PRIMA 9 1, I1 compleanno di un pater familias soddisfatto Pastifcio e famiglia, le sue passioni! 17 2. Un incontro inconsueto Non ho avuto un vero padre: sono figlio illegittimo... 22 3. Torrenuova

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani

Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani L indagine Obiettivo Indagare l opinione delle utenti di alfemminile sul concetto di famiglia al giorno d oggi. Date ottobre 2011 Numero di rispondenti

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

L AZIENDUCCIA. Personaggi: Cav. Persichetti, Agente 008, Cav. Berluscotti, Assunto.

L AZIENDUCCIA. Personaggi: Cav. Persichetti, Agente 008, Cav. Berluscotti, Assunto. L AZIENDUCCIA Analisi: Sketch con molte battute dove per una buona riuscita devono essere ben caratterizzati i personaggi. Il Cavalier Persichetti e il cavalier Berluscotti devono essere 2 industriali

Dettagli

il tuo servizio di web marketing costa troppo

il tuo servizio di web marketing costa troppo il tuo servizio di web marketing costa troppo LE 20 TECNICHE PIù POTENTI per demolire QUESTA obiezione > Nota del Curatore della collana Prima di tutto voglio ringraziarti. So che ha inserito la tua mail

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1 All. 1 1 All. 2 2 All. 3 Visione I sequenza: La partenza I. Chi sono queste persone? Che cosa fanno? Come sono? E. sono i parenti e gli amici. X. Sono contenti perché sperano che trovano lavoro. E. stanno

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING Guida Pratica per Evitare gli Errori da Principianti e Imparare a Guadagnare con il Forex 2 Titolo LE BASI DEL FOREX TRADING Autore Davide Colonnello Editore

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Le fondamenta del successo

Le fondamenta del successo 13 October 2014 Le fondamenta del successo Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Le fondamenta del successo? Responsabilità al 100%! Le persone di successo si assumono il 100%

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria REALIZZA IL TUO FUTURO Di Annamaria Iaria INDICE 1.Presentazione... 2 2.Chi sono... 2 3.Il cuore dell idea... 4 4.Come si svolge... 5 5.Obiettivo... 5 6.Dove si svolge... 6 7. Idee collegate... 6 2013-2014

Dettagli

Brani tratti da Lettere di donne che amano troppo Robin Norwood

Brani tratti da Lettere di donne che amano troppo Robin Norwood Brani tratti da Lettere di donne che amano troppo Robin Norwood Giornata Mondiale per l Eliminazione delle Violenza sulle Donne Le vie della dipendenza relazionale sono spesso tracciate da un trauma infantile

Dettagli

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca.

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. 1. Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. Circa un bambino su cinque è vittima di varie forme di abuso o di violenza sessuale. Non permettere che accada al tuo bambino. Insegna al tuo bambino

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

Trascrizione completa della lezione Lezione 002

Trascrizione completa della lezione Lezione 002 Trascrizione completa della lezione Lezione 002 Adam: Salve, il mio nome e Adam Kirin: E io sono Kirin. Adam: e noi siano contenti che vi siete sintonizzati su ChineseLearnOnline.com dove noi speriamo

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR Reading del libro a cura dei ragazzi della IIIA della scuola media n. 2 "S. Farina" Con la collaborazione della libreria Il Labirinto di Alghero Un matrimonio combinato,

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

LETTERA AI MIEI FIGLI...

LETTERA AI MIEI FIGLI... 26 aprile 2012 LETTERA AI MIEI FIGLI... Cari bambini Greta e Tommaso, in futuro spero di avervi come figli. Ho molti desideri per voi, uno di questi è che completiate gli studi fino all Università e che

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Oscar Davila Toro MATRIMONIO E BAMBINI PER LA COPPIA OMOSESSUALE www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Oscar Davila Toro Tutti i diritti riservati Dedicato

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

La Manipolazione Mentale

La Manipolazione Mentale La Manipolazione Mentale Argomento vasto e complesso per le tante sfaccettature che può presentare. Innanzitutto poniamoci una domanda: cosa si intende per manipolazione mentale? Vuol dire semplicemente

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

L inizio della tristezza dell Uomo

L inizio della tristezza dell Uomo Bibbia per bambini presenta L inizio della tristezza dell Uomo Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: M. Maillot; Tammy S. Tradotta da: Lorena Circiello Prodotta da:

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città Siamo Solo Noi Siamo solo noi che andiamo a letto la mattina presto e ci svegliamo con il mal di testa che non abbiamo vita regolare che non ci sappiamo limitare che non abbiamo più rispetto per niente

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli