Terapia delle infezioni respiratorie. Dr Lorenzo Veronese Osp. Ciriè

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Terapia delle infezioni respiratorie. Dr Lorenzo Veronese Osp. Ciriè"

Transcript

1 Terapia delle infezioni respiratorie Dr Lorenzo Veronese Osp. Ciriè

2 FARINGITE FARINGITE NON COMPLICATA INFEZIONE DELLO SPAZIO SOTTOMANDIBOL ARE (Angina di Ludwig) Cellulite dura a rapida diffusione, bilaterale, che si verifica negli spazi sottolinguale e sottomascellare senza formazione di ascessi o interessamento linfatico ASCESSI FARINGO- MASCELLARI -Streptococco Beta emolitico Gruppo A -EBV -Streptococco Beta emolitico Gruppo A -EBV -Anaerobi Amoxicillina per os : 1 g t.i.d. x 7-10 gg oppure Claritromicina per os : 250 mg b.i.d. x 10 gg Se faringito-tonsillite severa: Ceftriaxone 2 g ev ovvero 1 g x 2 im ± Betametasone Ceftriaxone 2 g /die (almeno) + Clindamicina 600 mg t.i.d. Oppure Ciprofloxacina 500 mg b.i.d. + Metronidazolo 500 q.i.d. Gli Specialisti ORL utilizzano anche cortisone a bassi dosaggi: valutare caso per caso.

3 ALTRI ASCESSI / FLEMMONI PAROTITE SUPPURATIVA -Streptococco Beta emolitico Gruppo A -EBV -Anaerobi -Se MRSA: Ceftriaxone 2 g /die (almeno) + Clindamicina 600 mg t.i.d. oppure Ciprofloxacina 500 mg b.i.d. + Metronidazolo 500 q.i.d. Gli Specialisti ORL utilizzano anche cortisone a bassi dosaggi: valutare caso per caso - Glicopeptidi: Aggiungere - Teicoplanina (dose di carico poi 6-10 mg/kg die) o vancomicina (2 g/die)

4 BPCO RIACUTIZZATA % dovute a infezioni respiratorie Virus : rinovirus, influenza, parainfluenza, coronavirus, adenovirus. RSV, metapneumovirus Batteri: Haemophilus influenzae nontipizzabile, Moraxella catarrhalis, streptococcus pneumoniae. Pseudomonas aeruginosa e Enterobacteriacee Atipici (Chlamydophila pneumoniae) o coinfezioni NB: Il colturale su escreato NON è necessario. Può essere utile nei casi in cui il sospetto di eziologia batterica è elevato.

5 BPCO RIACUTIZZATA Terapia al domicilio Lieve Un solo sintomo tra incremento di : dispnea quantità escreato catarro purulento No antibiotici Incrementare broncodilatatori Terapia sintomatica Counselling al paziente Esacerbazione acuta Non complicata Età < 65 aa FEV1> 50% < 3 esacerb/anno No cardiopatia Moderata o severa Azitromicina / Cefuroxime Doxiciclina / Bactrim Se uso recente (< 3 mesi): cambiare classe di atb Almeno due dei tre sintomi cardine (dispnea. Quantità escreato. Catarro purulento) Complicata Età > 65 aa FEV1 < 50% > 3 esacerb/anno Cardiopatia Moxi o levofloxacina o Amoxicillina/clav Se uso recente (< 3 mesi): cambiare classe di atb

6 BPCO RIACUTIZZATA Terapia al domicilio Se risposta inadeguata a 72 h o peggioramento delle condizioni cliniche rivalutazione clinica ed esecuzione di colturale su escreato. Fattori di rischio per Pseudomonas: 1. Frequente uso di antibiotici (> 4 cicli nell ultimo anno) 2. Recente ospedalizzazione (ultimi 90 giorni) 3. Pegresso isolamento di Pseudomonas su escreato 4. BPCO severa sottostante (FEV1 < 50%)

7 BPCO RIACUTIZZATA Terapia in ospedale Esacerbazione acuta moderata o severa Moderata o severa Almeno due dei tre sintomi cardine (dispnea. Quantità escreato. Catarro purulento) Complicata: Età > 65 aa - FEV1 < 50% - > 3 esacerb/anno - Cardiopatia Si Fattore di rischio per Pseudomonas No Colturale su escreato Levofloxacina 750 mg os /ev Cefepime Ceftazidime Piperacillina tazobactam Se risposta inadeguata a 72 h o peggioramento delle condizioni cliniche rivalutazione clinica ed esecuzione di colturale su escreato. Levofloxacina 750 mg os/ev Moxifloxacina os Ceftriaxone ev Cefotaxime ev

8 Considerazioni aggiuntive Durata della terapia: Normalmente da tre a sette giorni (cinque) Passare al regime per os non appena il paziente è in grado di assumere la terapia Vaccinazione per l influenza annuale Vaccino antipneumococcico polisaccaridico (richiamo a 5 anni se età > 65 anni) Scarsa utilità delle profilassi antibiotiche da valutare in casi con numerose recidive, stagionali in pazienti attentamente selezionati

9 Polmoniti soprattutto in ICU - S. pneumoniae - Enterobatteri Gram - - M. pneumoniae - M. tubercolosis - C. pneumoniae - Miceti - L. pneumophila - P. aeruginosa - H. influenzae - Virus influenzali

10 Quali? CAP (Community Acquired Pneumonia) HAP (Hospital Acquired Pneumonia) e HCAP (Healthcare Associated Pneumonia) VAP (Ventilator Associated Pneumonia)

11 CRITERI di PORT (Pneumonia Outcome Research Team) PER LE CAP (POLMONITI ACQUISITE IN COMUNITA ) Età Uomini... Età (anni) Donne... Età (anni -10) Residente in casa di cura Patologie coesistenti Patologia neoplastica Epatopatia Scompenso cardiaco congestizio Malattia cerebrovascolare Nefropatia Reperti all'esame obiettivo Alterazione dello stato mentale Frequenza respiratoria ~30 atti/min Pressione arteriosa sistolica <90 mmhg Temperatura <35 C o ~40 C Frequenza cardiaca ~125 bpm Reperti agli esami di laboratorio e radiografici (se eseguiti) ph arterioso <7, Urea ~30 mg/dl Sodiemia <130 mmol/i Glicemia >250 mg/dl Ematocrito <30% Pressione parziale di O2 <60 mmhg oppure Sat02 <90% Versamento pleurico bilaterale Punteggio totale = Età + correzione per il sesso + somma dei punti

12 Criteri di ospedalizzazione Pneumonia Severity Index (PSI) PORT study: Pz adulti con evidenza radiografica di polmonite suddivisi in 5 classi di rischio di decesso entro 30 gg dall esordio in base ai seguenti criteri (a ciascuno assegnato punteggio da 10 a 30): ETA > 50 aa (M aa, F aa-10, Nursing +10p) COMORBIDITA (neoplasie - scompenso cardiaco - mal cerebrovascolari, renali o epatiche) ANOMALIE all EO (alteraz stato mentale - FC FR 30 PAO <80 mmhg t <35 o 40 C) ESAMI DI LAB E RX (ph<7.35 urea 30 mg/dl Na <130 mmol/l Glu 250 mg/dl Ht <30% -pao2 <60 mmhg versamento pleurico) CLASSE PUNTI MORTALITA (%) CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V >130 27

13 Criteri di ospedalizzazione CURB 65 SCORE 5 CRITERI (1 punto per ogni criterio) DISORIENTAMENTO UREA >7 mmol/l (126mg/dl) FR >30 PAO <90 mmhg (o diastolica <60 mmhg) ETA >65 aa SCORE 0-1 SCORE 2 SCORE 3 TRATTAMENTO A DOMICILIO OSPEDALIZZAZIONE ICU sato2 < 90 92%

14 PUNTEGGIO CURB - 65 Punteggio 0 1 Punteggio 2 Punteggio 3 o + Mortalità Bassa Mortalità Media Mortalità Alta Considerare Trattamento Domiciliare Considerare Trattamento Ospedaliero...Breve ricovero...ricovero domiciliare con supervisione ospedaliera Trattamento Ospedaliero Polmonite Grave Ricovero in UTI se: CURB-65 4

15 Indice di gravità (ICU) SCAP SCORE CRITERI MAGGIORI: ph < punti PAO <90 mmhg 11 punti CRITERI MINORI: FR >30-9 punti pao2/fio2 <250 mmhg 6 punti UREA >30 mg/dl 5 punti ALTERAZIONE STATO MENTALE 5 punti ETA >80 aa 5 punti RX con infiltrato multilobare/bilaterale - 5 punti SCORE 10 CAP SEVERA Valutazione anestesiologica?

16 CAP A DOMICILIO TEST MICROBIOLOGICI non necessari se pz non richiede ospedalizzazione TERAPIA ANTIBIOTICA EMPIRICA vs i più comuni patogeni: STREPTOCOCCUS PNEUMONIAE MYCOPLASMA PNEUMONIAE CHLAMYDIA PNEUMONIAE AMOXICILLINA os 500 mg x 3/die Se allergia AZITROMICINA 500 mg x1/die 250 mg x1x4gg o CLARITROMICINA 1 g x1/die x5 gg o DOXICICLINA 100 mg x2/die x7-10 gg

17 TERAPIA EMPIRICA DOMICILIARE Paziente senza soverchie patologie (cfr. criteri di PORT o CURB-65) (anche solo) terapia per os Macrolide (claritromicina 250 mg b.i.d. fino a 500 mg t.i.d.) Tetraciclina a basso dosaggio (doxiciclina 100 mg b.i.d.) Associando o no un beta lattamico per os Anche i chinoloni, come Levofloxacina andrebbero utilizzati, sia pure preferibilmente per le forme severe (anche trattate al domicilio) ed in caso di fallimento terapeutico con gli altri farmaci

18 CAP A DOMICILIO Fattori rischio per pneumococchi resistenti ETA >65 aa TER con BETA LATTAMICO, MACROLIDE O FLUORCHINOLONICO nei 3-6 m precedenti ALCOLISMO COMORBIDITA ESPOSIZIONE (BAMBINO in ambulatorio) FLUORCHINOLONICO (levofloxacina 750 mg/die o moxifloxacina 400 mg/die) x 5 gg BETA LATTAMICO (Amoxicillina 1 g x3/die o amoxi-clavulanato 1 g x 3/die) + MACROLIDE (Azitromicina o claritromicina) o DOXICICLINA x 5 gg AZITROMICINA preferibile se BPCO

19 CAP A DOMICILIO Rx torace di controllo non necessario se pz risponde alla terapia La terapia non va sospesa prima di h di sfebbramento con pz stabile Vaccinazione antipneumococcica e antinfluenzale raccomandata

20 TERAPIA EMPIRICA DELLE CAP Senza caratteristiche di severità (paziente dimissibile) Severa o in pazienti residenti in istituti di lungodegenza in assenza di fattori di rischio per MDR (multi drug resistant) -Streptococcus pneumoniae -Legionella pneumophila -S. aureus -H. influenzae -Bacilli Gram negativi -MSSA - Amx-Cla 1 g x 3 + Claritromicina 500 mg x 2 (o azitromicina 500 mg) Oppure - Doxiciclina 100 mg x 2 Oppure - Levofloxacina 500 mg x 2 - Beta-lattamina (Ceftriaxone, Cefotaxime, Ampicillina/sulbactam, Amoxicillina/clavulanato) + - Fluorochinolonico (levofloxacina 500 mg x 2) oppure - Macrolide (claritromicina 500 mg x 2 oppure azitromicina 500 mg/die)

21 TERAPIA EMPIRICA (CAP) Paziente con necessità di ospedalizzazione Tranne in rari casi non complicati, non è indicata e non viene suggerita la monoterapia Cefalosporina 3a Generazione o Penicillina ampio spettro + Macrolidi (Azitro-, Claritro-) o Levofloxacina p.e.: Ceftriaxone 2 g u.i.d. + Azitromicina 500 mg u.i.d.

22 HAP-VAP-HCAP HAP (polmonite nosocomiale): insorgenza 48 h dopo il ricovero senza segni premonitori di incubazione VAP (polmonite associata alla ventilazione): insorgenza da 48 a 72 h dopo l intubazione endotracheale. HCAP (polmonite correlata all assistenza): 1. Terapia endovenosa o chemioterapia nei 30 giorni precedenti 2. Residenza in case di cura o lungodegenza 3. Ricovero in ospedale per acuti (> 2 giorni) nei 90 giorni precedenti 4. Aver frequentato emodialisi o un ospedale nei 30 giorni precedenti

23 TERAPIA EMPIRICA (HAP-VAP-HCAP) in presenza di fattori di rischio per MDR (antibioticotera pia nei precedenti 90 giorni, immunodepres si, emodialisi ricovero in UTI) in pazienti con fattori di rischio per Pseudomonas aeruginosa - Oltre i precedenti comuni germi: -MRSA -P.aeruginosa -Acinetobacter spp. -K.Pneumoniae Considerare micosi polmonare P. aeruginosa - Cefepime 2 g o ceftazidime 2 g x 3 oppure - Piperacillina/tazobactam 4,5 g x 3 oppure - Meropenem o imipenem 500 mg x Levofloxacina 500 mg x 2 o Cipro 400 mg x2 Oppure Amikacina (seconda scelta) mg/kg/die +/- - Linezolid 600 mg x 2/die o Teicoplanina 12 mg/kg/die (o vancomicina mg/kg) Betalattamico ad attività antipseudomonas (ceftazidime,cefepime,pip/tazo,carbapene mi) colistina + Fluorochinolonico

24 ALGORITMO DIAGNOSTICO- TERAPEUTICO EMATICI ESCREATO/TRACHEO/BRONCOASPIRATO/BAL Ag PNEUMOCOCCO- Ag LEGIONELLA URINARI SIEROLOGIA MICOPLASMA EMOCOLTURE TERAPIA EMPIRICA DIAGNOSI NON DIAGNOSI TERAPIA MIRATA ACCERTAMENTI ULTERIORI

25 ACCERTAMENTI DI SECONDO LIVELLO CONSIDERARE FATTORI DI RISCHIO RICERCA LEPTOSPIRE NELLE URINE E SIEROLOGICA RICERCA DIRETTA E COLTURALE BK - EV. QUANTIFERON CRIOGLOBULINE α-1-4glucano GALATTOMANNANO ECOCARDIOGRAMMA TAC TORACE VARIA O PROSEGUE DIAGNOSI TERAPIA EMPIRICA NON DIAGNOSI TERAPIA MIRATA ACCERTAMENTI ULTERIORI

26 DURATA DELLA TERAPIA CAP trattate al domicilio: non meno di 5 giorni (forme lievi e moderate). Mai sospendere prima di ore dall ultimo accesso febbrile. CAP con necessità di ricovero ospedaliero: non meno di 5 giorni. Mai sospendere prima di ore dall ultimo accesso febbrile. Subentrano numerose variabili (es: altre localizzazioni d organo infettive, ascessi, empiema, sensibilità del germe alla terapia empirica, germi particolari: pseudomonas, MRSA, Legionella) 7-21 giorni. HAP, VAP, HCAP: 7 giorni, se risposta clinica, in assenza di complicanze ulteriori. (De escalation!!) 7 21 giorni.

27 Considerazioni aggiuntive Glucocorticoidi: dati in letteratura contrastanti, studi in corso in ICU, al momento non raccomandati. Emocolture: l indicazione va posta in relazione alla gravità del caso clinico ed alle patologie sottostanti. Sempre quando necessità di ricovero in ICU.

28 Grazie per l attenzione!!

Le principali sindromi infettive Terapia empirica. Dr. Piergiorgio Bertucci- maggio 2016

Le principali sindromi infettive Terapia empirica. Dr. Piergiorgio Bertucci- maggio 2016 Le principali sindromi infettive Terapia empirica Dr. Piergiorgio Bertucci- maggio 2016 USO RAZIONALE DEGLI La terapia antimicrobica empirica dovrebbe: essere selezionata. ANTIBIOTICI avere come bersaglio

Dettagli

Polmoniti. Linee guida

Polmoniti. Linee guida Linee guida Raccomandazioni sviluppate in modo sistematico per assistere medici e pazienti nelle decisioni sulla gestione appropriata di specifiche condizioni cliniche (Institute of Medicine1992) (IDSA

Dettagli

Polmoniti correlate. Paolo Viganò Malattie Infettive. alle cure

Polmoniti correlate. Paolo Viganò Malattie Infettive. alle cure Polmoniti correlate Paolo Viganò Malattie Infettive alle cure 14 aprile 2014 inquadriamo l argomento HAP-VAP il quadro HAP-VAP HAP: si sviluppa 48 h dopo l ammissione in struttura sanitaria precoce/tardiva:

Dettagli

Le infezioni nosocomiali nella realtà degli ospedali liguri: un up to date con il contributo di casistiche personali. Savona 24 febbraio 2007

Le infezioni nosocomiali nella realtà degli ospedali liguri: un up to date con il contributo di casistiche personali. Savona 24 febbraio 2007 Le infezioni nosocomiali nella realtà degli ospedali liguri: un up to date con il contributo di casistiche personali Savona 24 febbraio 2007 INDICAZIONI AD UN CORRETTO USO DEI FARMACI ANTIBIOTICI: IL CALMIERE

Dettagli

VAP: Ventilator associated pneumonia. Guido GUBERTINI I Divisione Mal. Infettive Claudio SAVI Cardioanestesia Ospedale «Luigi Sacco» - Milano

VAP: Ventilator associated pneumonia. Guido GUBERTINI I Divisione Mal. Infettive Claudio SAVI Cardioanestesia Ospedale «Luigi Sacco» - Milano VAP: Ventilator associated pneumonia Guido GUBERTINI I Divisione Mal. Infettive Claudio SAVI Cardioanestesia Ospedale «Luigi Sacco» - Milano Definizione Polmonite che si sviluppa in pazienti in VAM da

Dettagli

Sindromi urologiche (ivu)

Sindromi urologiche (ivu) Terapia empirica ragionata Delle Sindromi urologiche (ivu) Dr. Pg Bertucci Tropicalista NON CONFONDETE LA TERAPIA URINARIA CON LA URINOTERAPIA Gli Agenti Eziologici Oltre il 95% delle IVU sono monomicrobiche

Dettagli

terapia antibiotica empirica delle affezioni respiratorie in medicina interna

terapia antibiotica empirica delle affezioni respiratorie in medicina interna terapia antibiotica empirica delle affezioni respiratorie in medicina interna terapia antibiotica empirica protocollo terapeutico elaborato ed adottato protocollo terapeutico in Medicina ERI - Medicina

Dettagli

GESTIONE POLMONITI DI COMUNITA IN PEDIATRIA

GESTIONE POLMONITI DI COMUNITA IN PEDIATRIA GESTIONE POLMONITI DI COMUNITA IN PEDIATRIA 2. OGGETTO E SCOPO 2.1.Oggetto La procedura ha per oggetto la definizione di un percorso gestionale, diagnostico - terapeutico per il paziente pediatrico affetto

Dettagli

Terapia delle Polmoniti nel paziente Fragile. Francesco Stea

Terapia delle Polmoniti nel paziente Fragile. Francesco Stea Terapia delle Polmoniti nel paziente Fragile Francesco Stea Malattia acuta con immagine radiologica di addensamento polmonare segmentario o multiplo, non preesistente, né riferibile ad altre cause note,

Dettagli

Le terapia della CAP secondo LG. Oreste CAPELLI, M.D.

Le terapia della CAP secondo LG. Oreste CAPELLI, M.D. Le terapia della CAP secondo LG Oreste CAPELLI, M.D. LG ATS/IDSA (2007) e BTS (2009) Eziologia della CAP Sia per i pazienti trattati a domicilio che per i pazienti ricoverati l agente eziologico più frequente

Dettagli

Le terapia della CAP secondo LG. Oreste CAPELLI, M.D.

Le terapia della CAP secondo LG. Oreste CAPELLI, M.D. Le terapia della CAP secondo LG Oreste CAPELLI, M.D. LG ATS/IDSA (2007) e BTS (2009) Eziologia della CAP Sia per i pazienti trattati a domicilio che per i pazienti ricoverati l agente eziologico più frequente

Dettagli

LINEE GUIDA DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE DELLE POLMONITI ACQUISITE IN COMUNITA' (CAP) E IN AMBIENTE OSPEDALIERO (HAP).

LINEE GUIDA DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE DELLE POLMONITI ACQUISITE IN COMUNITA' (CAP) E IN AMBIENTE OSPEDALIERO (HAP). LINEE GUIDA DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE DELLE POLMONITI ACQUISITE IN COMUNITA' (CAP) E IN AMBIENTE OSPEDALIERO (HAP). A cura del dott. Pasquale AIELLO e della dott.ssa Maria Caterina VOCI II DIVISIONE

Dettagli

Istruzione Operativa Terapia antibiotica empirica

Istruzione Operativa Terapia antibiotica empirica UOC. DIREZIONE MEDICA Azienda U.L.S.S. 20 di Verona Ospedale "G.Fracastoro" San Bonifacio Istruzione operativa Terapia antibiotica empirica Reparti internistici Rev. 00 del Cod. Pag.1 di 14 Istruzione

Dettagli

La polmonite di origine extraospedaliera

La polmonite di origine extraospedaliera La polmonite di origine extraospedaliera Premessa La polmonite è una infezione acuta del parenchima polmonare che si associa a sintomi di infezione e alla presenza di un infiltrato alla radiografia del

Dettagli

Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze. III trimestre Azienda Ospedaliera S.

Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze. III trimestre Azienda Ospedaliera S. Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze III trimestre 2012 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA PEDIATRICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it

Dettagli

DEFINIZIONI e CLASSIFICAZIONE

DEFINIZIONI e CLASSIFICAZIONE LE POLMONITI DEFINIZIONI e CLASSIFICAZIONE DEFINIZIONI LA POLMONITE Patologia acuta del parenchima polmonare associata a sintomi tipici dell infezione e presenza di infiltrato all Rx torace e/o quadro

Dettagli

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi Dati microbiologici I semestre 2016 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA CRITICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it Come interpretare i dati TIPI DI TABELLE 1. TABELLA

Dettagli

Il punto di vista dell infettivologo : quando e quale terapia antibiotica

Il punto di vista dell infettivologo : quando e quale terapia antibiotica L TRATTAMENTO E PREVENZIONE DELLE FERITE DIFFICILI DEGLI ARTI INFERIORI Livorno 20 giugno 2015 Il punto di vista dell infettivologo : quando e quale terapia antibiotica Dr. Spartaco Sani Direttore U.O.

Dettagli

LE INFEZIONI IN UTIC. Dott. Diego BRUSTIA - S.C.D.O. di Malattie Infettive Azienda Ospedale Maggiore della Carità di Novara

LE INFEZIONI IN UTIC. Dott. Diego BRUSTIA - S.C.D.O. di Malattie Infettive Azienda Ospedale Maggiore della Carità di Novara Azienda Osped.Universitaria Maggiore della Carità Novara UNIVERSITA DEL PIEMONTE ORIENTALE LE INFEZIONI IN UTIC Dott. Diego BRUSTIA - S.C.D.O. di Malattie Infettive Azienda Ospedale Maggiore della Carità

Dettagli

LA PROFILASSI ANTIBIOTICA PERI-OPERATORIA

LA PROFILASSI ANTIBIOTICA PERI-OPERATORIA LA PROFILASSI ANTIBIOTICA PERI-OPERATORIA Dott.ssa A. Passariello Coordinamento Farmaceutico Ospedaliero ex Ce1 PROFILASSI PERI-OPERATORIA La somministrazione di chemioterapici secondo modalità ben definite,

Dettagli

Diagnosi della polmonite acquisita in comunità

Diagnosi della polmonite acquisita in comunità Dr. med. Marco Pons Ospedale Civico, Schweiz Corso di formazione «Infezioni delle vie respiratorie, polmonite ed esacerbazione acuta della bronco-pneumopatia cronico ostruttiva: terapia ambulatoriale ottimale»

Dettagli

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi Dati microbiologici I semestre 2016 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA CHIRURGICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it Come interpretare i dati TIPI DI TABELLE 1.

Dettagli

Meningiti ed infezioni invasive da Pneumococco ed Haemophilus

Meningiti ed infezioni invasive da Pneumococco ed Haemophilus Meningiti ed infezioni invasive da Pneumococco ed Haemophilus Dott. Giovanni Pinelli Medicina d Urgenza NOCSAE PRINCIPALI MANIFESTAZIONI PATOLOGICHE AD EZIOLOGIA PNEUMOCOCCICA Sinusite Otite media Otomastoidite

Dettagli

Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze. II trimestre Azienda Ospedaliera S.

Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze. II trimestre Azienda Ospedaliera S. Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze II trimestre 2012 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA PEDIATRICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it

Dettagli

ANTIBIOTICI uso abuso autoprescrizione

ANTIBIOTICI uso abuso autoprescrizione Istituto Clinico Città di Brescia, 22 Maggio 2008 ANTIBIOTICI uso abuso autoprescrizione IL PUNTO DI VISTA DELL INFETTIVOLOGO G. Carosi Istituto di Malattie Infettive e Tropicali Università degli Studi

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA n 2/2004. Revisione 0 LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DELLA POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA (CAP)

ISTRUZIONE OPERATIVA n 2/2004. Revisione 0 LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DELLA POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA (CAP) ISTRUZIONE OPERATIVA n 2/2004 Revisione 0 LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DELLA POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA (CAP) Ratificato dalla Commissione Aziendale per la Sorveglianza e il Controllo delle Infezioni

Dettagli

Gli antibiotici in medicina generale

Gli antibiotici in medicina generale Gli antibiotici in medicina generale Anna Maria Marata Olbia 11 ottobre 2008 gli antibiotici quale posto nella prescrizione territoriale? Rapporto OSMED 2007: www.agenziafarmaco.it la prescrizione nella

Dettagli

Legionellosi: diagnosi e trattamento tra teoria e prassi

Legionellosi: diagnosi e trattamento tra teoria e prassi Legionellosi: diagnosi e trattamento tra teoria e prassi Claudio Bellamoli UOC Geriatria ULSS 20 Verona Legionelle Battere Gram-negativo Aerobio obbligato Uno-due flagelli Il genere Legionella comprende

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO (presidi ospedalieri Faenza Lugo Ravenna) anno 2006:

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO (presidi ospedalieri Faenza Lugo Ravenna) anno 2006: OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO (presidi ospedalieri Faenza Lugo Ravenna) anno 2006: L osservatorio epidemiologico locale fornisce una analisi periodica dei dati microbiologici e costituisce uno strumento

Dettagli

Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze. IV trimestre Azienda Ospedaliera S.

Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze. IV trimestre Azienda Ospedaliera S. Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze IV trimestre 2011 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA PEDIATRICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it

Dettagli

8 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence, Governance, Performance

8 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence, Governance, Performance 8 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence, Governance, Performance Bologna, 15 marzo 2013 Polmonite acquisita in comunità Misurare l appropriatezza professionale e organizzativa Carlo Barbetta Centro di

Dettagli

AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO MEDICI DI MEDICINA GENERALE

AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO MEDICI DI MEDICINA GENERALE AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO MEDICI DI MEDICINA GENERALE Sabato 24/10/ 2015 TITOLO DEL CORSO: vaccinazioni Responsabile del corso Dr. : Tesei Fiorenzo Rsponsabile Scientifico Dr.ssa : lorena Angelini Referente

Dettagli

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA INTERNISTICA

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA INTERNISTICA Dati microbiologici I semestre 2015 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA INTERNISTICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it Come interpretare i dati TIPI DI TABELLE 1.

Dettagli

BPCO: epidemiologia e criteri di ospedalizzazione delle riacutizzazioni della BPCO

BPCO: epidemiologia e criteri di ospedalizzazione delle riacutizzazioni della BPCO BPCO: epidemiologia e criteri di ospedalizzazione delle riacutizzazioni della BPCO BPCO EPIDEMIOLOGIA STATI UNITI DELLE PRIME QUATTRO ENTITA PATOLOGICHE CAUSA DI MORTE, LA BPCO E L UNICA CHE HA MOSTRATO

Dettagli

Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze. II trimestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA CRITICA

Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze. II trimestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA CRITICA Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze II trimestre 2012 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA CRITICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it

Dettagli

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA CRITICA

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA CRITICA Dati microbiologici I semestre 2015 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA CRITICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it Come interpretare i dati TIPI DI TABELLE 1. TABELLA

Dettagli

PROTOCOLLI DI TERAPIA ANTIBIOTICA EMPIRICA TERAPIA INTENSIVA OMV

PROTOCOLLI DI TERAPIA ANTIBIOTICA EMPIRICA TERAPIA INTENSIVA OMV PROTOCOLLI DI TERAPIA ANTIBIOTICA EMPIRICA TERAPIA INTENSIVA OMV 1. Valutazione dati di Microbiologia anni 2007-2008 1.1 Numero isolamenti Frequenza principali isolamenti anni 2007-2008 in Terapia Intensiva

Dettagli

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA PEDIATRICA

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA PEDIATRICA Dati microbiologici I semestre 2015 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA PEDIATRICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it Come interpretare i dati 2 TIPI DI TABELLE 1.

Dettagli

Salvatore Renna DEA Pediatrico UOC di PS Medico e Medicina d Urgenza IRCCS - Istituto G. Gaslini - Genova

Salvatore Renna DEA Pediatrico UOC di PS Medico e Medicina d Urgenza IRCCS - Istituto G. Gaslini - Genova Salvatore Renna DEA Pediatrico UOC di PS Medico e Medicina d Urgenza IRCCS - Istituto G. Gaslini - Genova La patologia (adeno) faringo tonsillare, per l aspetto flogistico - infettivo, rappresenta uno

Dettagli

Terapia antibiotica RICONOSCERE E GESTIRE LA SEPSI. a brand of SPEDALI CIVILI DI BRESCIA AZIENDA OSPEDALIERA

Terapia antibiotica RICONOSCERE E GESTIRE LA SEPSI. a brand of SPEDALI CIVILI DI BRESCIA AZIENDA OSPEDALIERA Terapia antibiotica RICONOSCERE E GESTIRE LA SEPSI a brand of SPEDALI CIVILI DI BRESCIA AZIENDA OSPEDALIERA Sommario Introduzione... 1 La terapia empirica ad ampio spettro... 2 Terapia mirata... 2 Principi

Dettagli

ONJ Update 2010 Alessandria 5 Giugno 2010 Osteonecrosi dei Mascellari: Terapia Conservativa

ONJ Update 2010 Alessandria 5 Giugno 2010 Osteonecrosi dei Mascellari: Terapia Conservativa ONJ Update 2010 Alessandria 5 Giugno 2010 Osteonecrosi dei Mascellari: Terapia Conservativa Francesco G. De Rosa Clinica Malattie Infettive Università di Torino Stadiazione clinica Descrizione A rischio

Dettagli

POLMONITI CLASSIFICAZIONE. Virali Interstiziale Età Acquisizione Stato immunitario

POLMONITI CLASSIFICAZIONE. Virali Interstiziale Età Acquisizione Stato immunitario Le polmoniti POLMONITI CLASSIFICAZIONE Criterio Criterio Criterio eziologico istopatologico epidemiologico Virali Interstiziale Età Acquisizione Stato immunitario Batteriche Alveolare < 1 anno In Comunità

Dettagli

Germi multiresistenti Profilo microbiologico

Germi multiresistenti Profilo microbiologico Germi multiresistenti Profilo microbiologico Valeria Gaia Servizio di microbiologia EOLAB Bellinzona Gli antibiotici Farmaci antibatterici - Battericidi (uccidono) - Batteriostatici (impediscono la crescita)

Dettagli

le polmoniti acquisite in comunità

le polmoniti acquisite in comunità ROMA, 10 febbraio 2017 Utilizzare con Sapienza la terapia antibiotica nelle patologie infettive pediatriche le polmoniti acquisite in comunità Dr. Raffaella Nenna Facoltà di Medicina e Odontoiatria Dipartimento

Dettagli

UOC MALATTIE INFETTIVE

UOC MALATTIE INFETTIVE UOC MALATTIE INFETTIVE POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA NEGLI ADULTI: PERCORSO CLINICO-ORGANIZZATIVO Novembre 2012 UO Audit Clinico e Sistemi Informativi Sanitari. Giacinto Di Gianfilippo, Paola Lunari

Dettagli

Le polmoniti contratte in comunità Serenella Longhi, Claudio Penco, Nicolò Seminara, Simg Area Pneumologia

Le polmoniti contratte in comunità Serenella Longhi, Claudio Penco, Nicolò Seminara, Simg Area Pneumologia Rivista SIMG (www.simg.it) Numero 2, 2001 Le polmoniti contratte in comunità Serenella Longhi, Claudio Penco, Nicolò Seminara, Simg Area Pneumologia Studio clinico sull utilizzo delle linee-guida ATS e

Dettagli

Silvani Maria Chiara

Silvani Maria Chiara Silvani Maria Chiara .. DGR 318/2013 LINEE DI INDIRIZZO ALLE AZIENDE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO INFETTIVO: INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA E USO RESPONSABILE DI ANTIBIOTICI ALLEGATO 5: FUNZIONI DEL

Dettagli

Tabella 1 NUMERO DI CAMPIONI AMBULATORIALI INVIATI PER ESAME COLTURALE E RELATIVA PERCENTUALE DI POSITIVITÀ/NEGATIVITÀ

Tabella 1 NUMERO DI CAMPIONI AMBULATORIALI INVIATI PER ESAME COLTURALE E RELATIVA PERCENTUALE DI POSITIVITÀ/NEGATIVITÀ anno 2006 (utenti AMBULATORIALI di Ravenna Faenza - Lugo) Il materiale presentato costituisce l aggiornamento rispetto al documento precedentemente elaborato relativo alla epidemiologia batterica locale

Dettagli

FARMACOCINETICA E FARMACODINAMICA DEGLI ANTIBIOTICI

FARMACOCINETICA E FARMACODINAMICA DEGLI ANTIBIOTICI Progetto Formativo Aziendale Ottimizzazione dell uso degli antibiotici e dei chemioterapici antinfettivi FARMACOCINETICA E FARMACODINAMICA DEGLI ANTIBIOTICI 16 Novembre 2012 dott.ssa Laura Rocatti Direttore

Dettagli

4 Seminario. Polmoniti acquisite in comunità. Introduzione. Formulazione quesiti FABIO MASCELLA

4 Seminario. Polmoniti acquisite in comunità. Introduzione. Formulazione quesiti FABIO MASCELLA 4 Seminario Polmoniti acquisite in comunità FABIO MASCELLA Introduzione Le polmoniti costituiscono un problema medico di grande rilevanza; basti pensare che rappresentano la sesta causa di morte negli

Dettagli

Polmoniti Processi infiammatori della parte più distale dell albero respiratorio

Polmoniti Processi infiammatori della parte più distale dell albero respiratorio POLMONITI Polmoniti Processi infiammatori della parte più distale dell albero respiratorio Nella maggior parte dei casi ad eziologia infettiva Possono essere classificate secondo criteri anatomo-patologici,

Dettagli

Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze. I trimestre Azienda Ospedaliera S.

Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze. I trimestre Azienda Ospedaliera S. Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze I trimestre 2012 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA INTERNISTICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it

Dettagli

L antimaicrobialstiuarscip (antimicrobialstewardship)

L antimaicrobialstiuarscip (antimicrobialstewardship) L antimaicrobialstiuarscip (antimicrobialstewardship) Angelo Pan Area Rischio Infettivo E molto meglio somministrare l antibiotico giusto alla dose corretta ed al momento giusto, facendo guarire il paziente,

Dettagli

LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO DELLA POLMONITE DI ORIGINE EXTRAOSPEDALIERA (CAP) NELL ADULTO

LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO DELLA POLMONITE DI ORIGINE EXTRAOSPEDALIERA (CAP) NELL ADULTO LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO DELLA POLMONITE DI ORIGINE EXTRAOSPEDALIERA (CAP) NELL ADULTO Il documento è stato redatto dal gruppo di lavoro provinciale costituito da: LUIGI AZZOLINI (MMG -

Dettagli

BPCO: costi di gestione delle riacutizzazioni e gestione delle interazioni Ospedale - Territorio

BPCO: costi di gestione delle riacutizzazioni e gestione delle interazioni Ospedale - Territorio BPCO: costi di gestione delle riacutizzazioni e gestione delle interazioni Ospedale - Territorio BPCO: la generazione dei costi Costi della prevenzione generalizzata Costi della prevenzione mirata Costi

Dettagli

I microrganismi isolati e l'osservatorio locale delle resistenze. Dott.ssa Franca Benini

I microrganismi isolati e l'osservatorio locale delle resistenze. Dott.ssa Franca Benini I microrganismi isolati e l'osservatorio locale delle resistenze Dott.ssa Franca Benini Osservatorio epidemiologico locale: le finalità Orientare la terapia empirica ragionata Sorvegliare l'antibiotico

Dettagli

LE INFEZIONI DEL TRATTO RESPIRATORIO

LE INFEZIONI DEL TRATTO RESPIRATORIO HOME LE DEL TRATTO RESPIRATORIO Dr. Alessandro Bernardini LE DEL TRATTO RESPIRATORIO Punto di suddivisione: laringe al tratto superiore mialgia e complicazioni batteriche 1 mialgia e complicazioni batteriche

Dettagli

LE RINO-SINO-OTITI OPINIONI A CONFRONTO: IL PARERE DEL MICROBIOLOGO R. MATTINA DIP. SANITA PUBBLICA-MICROBIOLOGIA-VIROLOGIA - UNIVERSITA MILANO

LE RINO-SINO-OTITI OPINIONI A CONFRONTO: IL PARERE DEL MICROBIOLOGO R. MATTINA DIP. SANITA PUBBLICA-MICROBIOLOGIA-VIROLOGIA - UNIVERSITA MILANO LE RINO-SINO-OTITI OPINIONI A CONFRONTO: IL PARERE DEL MICROBIOLOGO R. MATTINA DIP. SANITA PUBBLICA-MICROBIOLOGIA-VIROLOGIA - UNIVERSITA MILANO TERAPIA ANTIBIOTICA MIRATA EMPIRICA TERAPIA MIRATA SEDE DELL

Dettagli

Requisiti di Qualità per la Medicina Interna Sezione B4 Requisiti relativi alla gestione della CAP (polmonite acquisita in comunità) Sommario

Requisiti di Qualità per la Medicina Interna Sezione B4 Requisiti relativi alla gestione della CAP (polmonite acquisita in comunità) Sommario pag. 1 di 16 Sommario Premessa... 2 Percorso diagnostico... 3 Esame clinico all ingresso in Reparto... 3 Indagini da eseguire... 3 Monitoraggio nel corso del ricovero... 5 Trattamento... 6 Trattamento

Dettagli

Ceftobiprolo. Scheda di valutazione del farmaco. Doc PTR n Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali

Ceftobiprolo. Scheda di valutazione del farmaco. Doc PTR n Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Scheda di valutazione del farmaco Ceftobiprolo A cura della Commissione Regionale del Farmaco della Regione Emilia-Romagna Doc PTR n. 260 Recepito con determina n. 6751 del 29/05/2015 Direzione Generale

Dettagli

APPROPRIATEZZA NELL ANTIBIOTICOTERAPIA L antibiotico giusto solo al momento giusto. Utilizzo di antibiotici e. resistenze.

APPROPRIATEZZA NELL ANTIBIOTICOTERAPIA L antibiotico giusto solo al momento giusto. Utilizzo di antibiotici e. resistenze. APPROPRIATEZZA NELL ANTIBIOTICOTERAPIA L antibiotico giusto solo al momento giusto Utilizzo di antibiotici e induzione di antibiotico resistenze Stefano Giordani 8 Marzo 2011 L abuso di antibiotici induce

Dettagli

Un caso di endocardite

Un caso di endocardite Un caso di endocardite G. Paternoster, N. Stigliano Reparto di Terapia Intensiva Cardiochirurgica, Casa di cura Villa Verde, Taranto Anamnesi patologica remota Paziente di sesso femminile, 82 anni, anamnesi

Dettagli

SCELTA DEGLI ANTIBIOTICI

SCELTA DEGLI ANTIBIOTICI 3 DICEMBRE 2012 SCELTA DEGLI ANTIBIOTICI Dr. Matteo Curti Medico Medicina Generale Azienda Sanitaria Locale di Parma CATEGORIE DEGLI ANTIBIOTICI BATTERIOSTATICI BATTERICIDI MECCANISMO D AZIONE SULLA PARETE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Facoltà di Medicina e Chirurgia SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Facoltà di Medicina e Chirurgia SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Facoltà di Medicina e Chirurgia SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA Analisi delle antibiotico-resistenze in patogeni isolati da campioni di urina del

Dettagli

ANAMNESI PATOLOGICA PROSSIMA:

ANAMNESI PATOLOGICA PROSSIMA: CASO CLINICO 1 Sig. ra di 65 anni entra per febbre in paziente neoplastica. ANAMNESI PATOLOGICA PROSSIMA: La paziente riferisce febbre (TC = 38,1 C) con brivido, tosse stizzosa dal giorno prima del ricovero

Dettagli

La spesa sanitaria correlata alla mancata prevenzione

La spesa sanitaria correlata alla mancata prevenzione Dott.ssa Daniela Cestino La spesa sanitaria correlata alla mancata prevenzione A.O.U. CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA Torino 14 Ottobre 2016 Dott.ssa Daniela Cestino Dott.ssa Daniela Cestino In Europa

Dettagli

Dosi e modalità di somministrazione nel caso di insufficienza renale

Dosi e modalità di somministrazione nel caso di insufficienza renale Dosi e modalità di somministrazione nel caso di insufficienza renale Classe farmaci Formulazioni, ricostituzione per infusione ev, tempo infusione e stabilità Oxacillina Fiale im/ev 250 mg, 500 mg, 1 gr.

Dettagli

Osler, William. The Principles and Practice of Medicine. 7 ed. D. Appleton and Company; New York, NY; 1911

Osler, William. The Principles and Practice of Medicine. 7 ed. D. Appleton and Company; New York, NY; 1911 POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA Dr. Andrea Cai Responsabile U.O. Pronto Soccorso-Med.Urg. Ospedale Pistoia «L amica dell anziano» una malattia «acuta, breve e spesso non dolorosa» che aveva come conseguenza

Dettagli

P. De Iaco Oncologia Ginecologica Policlinico S.Orsola - Bologna

P. De Iaco Oncologia Ginecologica Policlinico S.Orsola - Bologna Protocolli di terapia antibiotica in ginecologia: dalla flogosi pelvica non chirurgica alla complicanza post operatoria. P. De Iaco Oncologia Ginecologica Policlinico S.Orsola - Bologna Chirurgia generale

Dettagli

La terapia antibiotica empirica in Area Critica vantaggi e svantaggi

La terapia antibiotica empirica in Area Critica vantaggi e svantaggi 14 / 11/2007 Centro per l evidenza clinica Clinical Conference La terapia antibiotica empirica in Area Critica vantaggi e svantaggi Marcello Masala MD U.O.C. Anestesia e Dipartimento di Emergenza e Accettazione

Dettagli

OSSERVATORIO MICROBIOLOGICO

OSSERVATORIO MICROBIOLOGICO OSSERVATORIO MICROBIOLOGICO del Dipartimento di Patologia Clinica ISOLAMENTI MICROBICI e ANTIBIOTICORESISTENZE (rapporto per l anno 2009) Aprile 2010 Il presente documento è stato redatto da : Mario Sarti

Dettagli

PROTOCOLLO SULLA TERAPIA ANTIBIOTICA EMPIRICA NEL PAZIENTE ADULTO

PROTOCOLLO SULLA TERAPIA ANTIBIOTICA EMPIRICA NEL PAZIENTE ADULTO PROTOCOLLO SULLA TERAPIA ANTIBIOTICA EMPIRICA NEL PAZIENTE ADULTO Rev. n Descrizione modifica Firma Data Rev. n 0 Marzo 2014 Preparato: GAD sepsi Controllato: RISK MANAGER Verificato e approvato: CIO GRUPPO

Dettagli

Casi di IFI in pazienti sottoposti a HSCT allogenico con GVHD

Casi di IFI in pazienti sottoposti a HSCT allogenico con GVHD Casi di IFI in pazienti sottoposti a HSCT allogenico con GVHD Sindrome polmonare Sindrome sino-facciale Terapia pre-emptive Sepsi Sindrome al CNS Sindrome cutanea 58 CASO #1 Sepsi nel HSCT allogenico:

Dettagli

Terapia ragionata delle polmoniti oggi

Terapia ragionata delle polmoniti oggi Terapia ragionata delle polmoniti oggi Milano, 17 Giugno 2016 Dott.Marco Mantero Ricercatore UO Broncopneumologia IRCCS Policlinico Milano Dipartimento di Fisiopatologia Medico Chirurgica e dei trapianti

Dettagli

La gestione della polmonite

La gestione della polmonite La gestione della polmonite NATAL 22 aprile 2010 dario franchi pdg torino DEFINIZIONE CON IL TERMINE DI POLMONITE DI COMUNITA (CAP) SI DEFINISCE OGNI FORMA DI POLMONITE CONTRATTA AL DI FUORI DELL AMBIENTE

Dettagli

Antibioticoterapia: razionale d uso. Elio Castagnola U.O. Malattie Infettive Istituto Giannina Gaslini Genova

Antibioticoterapia: razionale d uso. Elio Castagnola U.O. Malattie Infettive Istituto Giannina Gaslini Genova Antibioticoterapia: razionale d uso Elio Castagnola U.O. Malattie Infettive Istituto Giannina Gaslini Genova 2 1. necessità di conoscenze sull epidemiologia 125 eziologia delle sepsi nei neonati 1 75 5

Dettagli

Società Medico Chirurgica Ferrara. La Terapia antibioticadelle angiocolitinell era delle resistenze: risvolti nella pratica clinica

Società Medico Chirurgica Ferrara. La Terapia antibioticadelle angiocolitinell era delle resistenze: risvolti nella pratica clinica Società Medico Chirurgica Ferrara La Terapia antibioticadelle angiocolitinell era delle resistenze: risvolti nella pratica clinica Cona (Fe) 1 Dicembre 2012 Marco Libanore Unità Operativa Complessa Malattie

Dettagli

Lettura e discussione della letteratura su trattamento con ANTIBIOTICI (sintesi dell'incontro del gruppo 4C)

Lettura e discussione della letteratura su trattamento con ANTIBIOTICI (sintesi dell'incontro del gruppo 4C) Lettura e discussione della letteratura su trattamento con ANTIBIOTICI (sintesi dell'incontro del gruppo 4C) NELLA BRONCHITE ACUTA Dallo studio di Macfarlane si evince come una prescrizione differita accompagnata

Dettagli

IL FLUSSO REGIONALE DELLA SPESA FARMACEUTICA OSPEDALIERA

IL FLUSSO REGIONALE DELLA SPESA FARMACEUTICA OSPEDALIERA IL FLUSSO REGIONALE DELLA SPESA FARMACEUTICA OSPEDALIERA Castelfranco, 18 Novembre 2005 Centro di riferimento regionale dati di spesa farmaceutica ospedaliera Regione Veneto Referente regionale: Dr. Giovanni

Dettagli

LA SCELTA DEI FARMACI empirica e razionale. Mariateresa Sasanelli

LA SCELTA DEI FARMACI empirica e razionale. Mariateresa Sasanelli LA SCELTA DEI FARMACI empirica e razionale Mariateresa Sasanelli Premessa La terapia empirica Perché utilizzare un antibiotico in un animale malato? Il paziente ha una infezione batterica trattabile? Il

Dettagli

Convegno CARD S. Bonifacio

Convegno CARD S. Bonifacio Convegno CARD S. Bonifacio 7-10-2016 La dimissione del paziente dall ospedale verso l ospedale di comunità. Valutazione di 6 anni di attività dell ospedale di comunità di Tregnago Dr. Roberto Borin Cure

Dettagli

Un caso di polmonite grave in un grande anziano

Un caso di polmonite grave in un grande anziano ATTIVITA IN INFETTIVOLOGIA, CORGO AGGIORNAMENTO SIMIT EMILIA ROMAGNA: POLMONITI ED EMPIEMI PLEURICI Rimini, 01 ottobre 2015 Un caso di polmonite grave in un grande anziano Luigi Raumer Clinica di Malattie

Dettagli

Le polmoniti. Corso Integrato di Malattie dall Apparato Respiratorio e Chirurgia Toracica

Le polmoniti. Corso Integrato di Malattie dall Apparato Respiratorio e Chirurgia Toracica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Clinica di Malattie dell Apparato Respiratorio Direttore Prof. L. M. Fabbri Corso Integrato di Malattie dall Apparato Respiratorio e Chirurgia Toracica

Dettagli

Gestione clinica integrata dello scompenso cardiaco dalla fase acuta alla dimissione

Gestione clinica integrata dello scompenso cardiaco dalla fase acuta alla dimissione Gestione clinica integrata dello scompenso cardiaco dalla fase acuta alla dimissione Dr.ssa Valentina Valeriano Ospedale Sandro Pertini Pronto Soccorso e Medicina d Urgenza Direttore Dr. F.R. Pugliese

Dettagli

D.ssa Eleonora Pirrelli MMG Bari Pneumologica 2013

D.ssa Eleonora Pirrelli MMG Bari Pneumologica 2013 D.ssa Eleonora Pirrelli MMG Bari Pneumologica 2013 Definizione di riacutizzazione Le riacutizzazioni di asma consistono in un marcato, spesso progressivo deterioramento dei sintomi di asma e dell ostruzione

Dettagli

La terapia antibiotica empirica nel paziente con sepsi severa. Tiziana Quirino U.O. Malattie Infettive Ospedale di Busto Arsizio

La terapia antibiotica empirica nel paziente con sepsi severa. Tiziana Quirino U.O. Malattie Infettive Ospedale di Busto Arsizio La terapia antibiotica empirica nel paziente con sepsi severa Tiziana Quirino U.O. Malattie Infettive Ospedale di Busto Arsizio Incontri SIMIT Lombardia Lecco, 22 aprile 2013 Consumo di antibiotici in

Dettagli

INFEZIONI RESPIRATORIE NEL PAZIENTE GERIATRICO

INFEZIONI RESPIRATORIE NEL PAZIENTE GERIATRICO INFEZIONI RESPIRATORIE NEL PAZIENTE GERIATRICO POLMONITE EXTRAOSPEDALIERA Communty Acquired Pneumonia (CAP) EPIDEMIOLOGIA INCIDENZA: 16 casi/1000 abitanti/anno tra 65 e 74 anni 38 casi/1000 abitanti/anno

Dettagli

The important decision in antibiotic treatment turns out to be the choice between present and future patients

The important decision in antibiotic treatment turns out to be the choice between present and future patients Antimicrobial stewardsip in FVG: linee guida regionali per l uso l appropriato degli antibiotici Matteo Bassetti, MD, PD Infectious Diseases Division Santa Maria Misericordia University Hospital Udine,

Dettagli

IldocumentoGOLD completo(w ORKSHOPREPORTS)èconsultabilesulsitowww.goldcopd.it

IldocumentoGOLD completo(w ORKSHOPREPORTS)èconsultabilesulsitowww.goldcopd.it GUIDA RAPIDA PER LA GESTIONE AMBULATORIALE DELLA BPCO Basatasuprogettoglobaleperladiagnosi,gestionee prevenzionebpco (Aggiornamento2007) IldocumentoGOLD completo(w ORKSHOPREPORTS)èconsultabilesulsitowww.goldcopd.it

Dettagli

Criteri di ospedalizzazione. Giovanni Puglisi Direttore U.O.C. di Pneumologia e Infettivologia Respiratoria Osp. C.

Criteri di ospedalizzazione. Giovanni Puglisi Direttore U.O.C. di Pneumologia e Infettivologia Respiratoria Osp. C. Criteri di ospedalizzazione Giovanni Puglisi Direttore U.O.C. di Pneumologia e Infettivologia Respiratoria Osp. C.Forlanini - Roma Introduzione La Ospedalizzazione di un paziente affetto da BPCO pone problemi

Dettagli

S.I.M.E.U. Incontri 2004

S.I.M.E.U. Incontri 2004 Luigi Zulli Andrea Galanti Dipartimento di Emergenza e Accettazione UOC Medicina d Urgenza e di Pronto Soccorso Direttore: Dr.Luigi Zulli l.zulli@sanfilipponeri.roma.it S.I.M.E.U. Incontri 2004 Processo

Dettagli

Il pediatra di famiglia nell approccio alle infezioni respiratorie nella pratica quotidiana. Massimo Landi Pediatria di gruppo - Torino

Il pediatra di famiglia nell approccio alle infezioni respiratorie nella pratica quotidiana. Massimo Landi Pediatria di gruppo - Torino Il pediatra di famiglia nell approccio alle infezioni respiratorie nella pratica quotidiana Massimo Landi Pediatria di gruppo - Torino Rapporto pediatria 2003 Campione Arno Dei 645 principi attivi i primi

Dettagli

Domenico Careddu, Milena Lo Giudice. Le infezioni delle vie urinarie

Domenico Careddu, Milena Lo Giudice. Le infezioni delle vie urinarie Domenico Careddu, Milena Lo Giudice Le infezioni delle vie urinarie Banche dati utilizzate Valutazione AGREE Cosa fare nel sospetto di IVU? Nel sospetto clinico di IVU, è necessario raccogliere un campione

Dettagli

Le Polmoniti acquisite in comunità

Le Polmoniti acquisite in comunità Le Polmoniti acquisite in comunità Agliana 15 Dicembre 2012 Corrado Catalani U.O. Mal. Infettive ASL 3 Pistoia Qui si parrà nostra nobilitate E la seconda o terza causa di ricovero > 65 a. In alcune casistiche

Dettagli

Antibatterici attivi sulla sintesi degli acidi nucleici

Antibatterici attivi sulla sintesi degli acidi nucleici Antibiotici Antibatterici attivi sulla sintesi degli acidi nucleici Chinoloni Cumarine Inibitori della diidrofolato reduttasi Sulfonamidi Rifamicine Inibitori della sintesi proteica Tetracicline Macrolidi

Dettagli

O.R.I.A. Osservatorio Ricerca e Innovazione Aziendale SEDUTA DEL 2/09/2009

O.R.I.A. Osservatorio Ricerca e Innovazione Aziendale SEDUTA DEL 2/09/2009 O.R.I.A. Osservatorio Ricerca e Innovazione Aziendale SEDUTA DEL 2/09/2009 UTILIZZO DELLA PROCALCITONINA IN UN SETTING ASSISTENZIALE DI MEDICINA INTERNA : L ESPERIENZA DI SCANDIANO Azienda USL di REGGIO

Dettagli

Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS

Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS Casi difficili in Patologia Infettiva Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS Laura Sighinolfi U.O.Malattie Infettive Azienda Ospedaliero Universitaria -Ferrara Paziente G.F. Donna, trasmissione sessuale

Dettagli

Polmoniti Prof. A. Guarino. Dipartimento di Pediatria Università degli studi di Napoli Federico II

Polmoniti Prof. A. Guarino. Dipartimento di Pediatria Università degli studi di Napoli Federico II Polmoniti Prof. A. Guarino Dipartimento di Pediatria Università degli studi di Napoli Federico II AGENDA L organizzazione delle cure pediatriche Linee guida e antibiotici per le (sospette) polmoniti Strategie

Dettagli