Cosa possiamo fare per la zuppa di plastica?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cosa possiamo fare per la zuppa di plastica?"

Transcript

1 MARZO 2011 N. 42 Rivista a cura della Direzione Generale Ambiente Cosa possiamo fare per la zuppa di plastica? R I V I S T A A C U R A D E L L A D I R E Z I O N E G E N E R A L E A M B I E N T E N. 42

2 2 Editoriale Nuovo slancio alle strategie per la biodiversità e il cambiamento climatico L'Unione europea e la grande comunità globale entrano nel 2011 a vele spiegate mentre continuano ad affrontare due delle sfide ambientali mondiali più pressanti: la perdita di biodiversità e il cambiamento climatico. Quello slancio, come illustrano gli articoli di questo numero, proviene da due negoziati internazionali svoltisi a migliaia di chilometri di distanza. Nel primo, tenutosi a Nagoya, Giappone, nell'ottobre 2010, è stato approvato un piano strategico decennale contenente misure internazionali per la protezione della biodiversità: un finale perfetto per l'anno internazionale della biodiversità. Nel secondo, tenutosi a Cancún, Messico, nel dicembre 2010, sono stati compiuti progressi altrettanto significativi nella lotta contro il cambiamento climatico. Gli accordi politici raggiunti nel corso dei negoziati di Copenaghen, un anno prima, sono stati incorporati in un documento ufficiale delle Nazioni Unite. La Commissione sta trasformando questi impegni in realtà e sta dando il tocco conclusivo alla nuova strategia, il cui obiettivo è arrestare il tasso di perdita di biodiversità entro il La Commissione sta anche preparando una tabella di marcia per raggiungere un'economia innovativa a bassa emissione di carbonio entro il 2050 e ampliando gli aiuti pratici e finanziari ai paesi in via di sviluppo che risentono maggiormente del cambiamento climatico. Entrambe le conferenze internazionali hanno lanciato due potenti messaggi. Il primo è che, quando tutte le parti sono impegnate, i negoziati multilaterali possono fornire buoni risultati. Il secondo è che l'unione europea è un attore efficace sul piano internazionale quando tutte le parti che la compongono, in particolare la Commissione europea, la Presidenza a rotazione dell'ue e i singoli Stati membri, lavorano strettamente insieme, come è accaduto sia a Nagoya sia a Cancún. L Ambiente per gli Europei ec.europa.eu/environment/news/efe/index.htm INFORMAZIONI EDITORIALI L Ambiente per gli Europei è una rivista con frequenza trimestrale pubblicata dalla Direzione Generale Ambiente della Commissione europea. E disponibile in bulgaro, spagnolo, ceco, tedesco, estone, greco, inglese, francese, italiano, lituano, polacco, portoghese e rumeno. Abbonamento gratuito. È possibile abbonarsi compilando il modulo all interno della rivista o on-line all indirizzo: environment/mailingregistration/main/mailing_reg.cfm Caporedattore: Róbert Konrád Coordinatore: Jonathan Murphy Per maggiori informazioni rivolgersi all unità Comunicazione: Informazioni e documenti: Sito web de L Ambiente per gli Europei: Indice 03 La maggior parte delle società chimiche rispetta i termini per la registrazione REACH 04 Nuova strategia globale per combattere la perdita di biodiversità 06 Il sigillo dell'ue negli accordi di Cancún 08 Selezionati i vincitori del premio Capitale verde europea 09 Trasformare il vecchio olio da cucina in biocarburante 10 La normativa sulle apparecchiature elettriche ed elettroniche entra in una nuova fase 11 Concordati i limiti sulle emissioni di CO 2 dei furgoni L EUROPA AMBIENTALE ON-LINE Desiderate sapere cosa fa l Unione europea per tutelare l ambiente, cosa si intende per prodotto della politica integrata o come avere i requisiti per ottenere il marchio comunitario di qualità ecologica Ecolabel? Per queste e ulteriori informazioni, consul tate il sito web della DG Ambiente: ec.europa.eu/environment/index_it.htm AVVISO LEGALE Né la Commissione europea, né le persone che agiscono in suo nome sono responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione e per gli eventuali errori che sussistessero nonostante l impegno dedicato alla stesura e alla verifica della pubblicazione. 12 Ripulire la zuppa di plastica 14 Attirare l'attenzione sui rifiuti alimentari 15 Nuove pubblicazioni / Agenda 16 Notizie in breve Stampato su carta riciclata che ha ricevuto il marchio comunitario di qualità ecologica Ecolabel per la carta grafica (ec.europa.eu/environment/ecolabel) Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni dell Unione europea, 2011 ISSN ISBN doi: /80312 Unione europea, 2011 Illustrazioni: Laurent Durieux Riproduzione autorizzata con citazione della fonte. Si proibisce la riproduzione delle immagini. Printed in Belgium

3 R E A C H 3 La maggior parte delle società chimiche rispetta i termini per la registrazione REACH REACH, l'innovativa normativa europea per garantire la gestione e l'uso sicuri dei prodotti chimici in tutta l'unione europea, ha posto la sua prima pietra miliare. Entro la scadenza del 30 novembre 2010, la maggior parte dei prodotti chimici, compresi quelli più pericolosi, era stata registrata presso l'agenzia europea per le sostanze chimiche, con sede a Helsinki. Entrata in vigore nel 2007, la normativa REACH (registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione delle sostanze chimiche) mira a garantire la sicurezza dei prodotti chimici presenti nell'ue, a incoraggiare la competitività di un'importante industria europea e a proteggere la salute umana e l'ambiente. La sua prima importante pietra miliare è stata posta il 30 novembre Da allora, le società non possono più vendere nell'ue sostanze chimiche che abbiano prodotto o importato a meno che non siano già state registrate presso l'agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA). Rispettando le responsabilità previste dalla normativa, l'industria europea ha presentato all'agenzia fascicoli. Le singole società dovevano registrare tre categorie di sostanze che avevano prodotto o importato se tali sostanze superavano una certa soglia annua. Le prime erano le più pericolose ovvero quelle cancerogene, mutagene o tossiche per la riproduzione se usate in quantità di una tonnellata o più. Hanno dovuto essere registrate anche le sostanze al di sopra di 100 tonnellate che sono molto tossiche per l'ambiente acquatico, al pari di tutte le altre sostanze che le società potrebbero trattare, se il loro volume supera tonnellate l'anno. Aumentare i livelli di sicurezza Il processo di registrazione ha già spinto numerose società a rafforzare le proprie norme di sicurezza. Le piccole e medie imprese hanno partecipato attivamente all'esercizio di registrazione, anche se quest'ultimo riguardava l'uso di grandi volumi. Le PMI hanno rappresentato circa il 10 % delle domande e, quali utilizzatori frequenti di sostanze chimiche, beneficeranno anche delle informazioni sulla sicurezza più chiare che emergeranno dal processo. In base alla normativa dell'ue, l'industria stessa è responsabile della valutazione e della gestione di qualsiasi rischio derivante dalle sostanze chimiche che usa o vende e della fornitura ai clienti di idonei avvisi di sicurezza. Le informazioni che le società hanno fornito durante questo primo processo di registrazione favoriranno gradualmente le aziende stesse e i singoli utilizzatori dei loro prodotti. Mentre l'echa analizza tutte le domande ricevute per garantire il rispetto dei requisiti di legge, l'attenzione sta iniziando a concentrarsi sulla prossima serie di scadenze per la registrazione. Queste avranno luogo nel 2013 (per le sostanze prodotte o importate di 100 tonnellate o più) e nel 2018 (per sostanze simili di 1 tonnellata o più). chemicals/reach/reach_intro.htm chemicals/reach/index_en.htm istockphoto Si terrà conto di ogni monito derivante da questo primo esercizio per garantire che gli esercizi successivi si svolgano nel modo più lineare possibile. R I V I S T A A C U R A D E L L A D I R E Z I O N E G E N E R A L E A M B I E N T E N. 42

4 4 N A G O Y A Nuova strategia globale per combattere la perdita di biodiversità Al vertice di Nagoya sulla biodiversità si è raggiunto un accordo positivo su un'ambiziosa strategia globale per combattere la perdita di biodiversità e un pacchetto di misure per garantire che gli ecosistemi del pianeta continuino a sostenere il benessere umano nel futuro. Il successo del vertice ha anche dimostrato l'importanza dei negoziati multilaterali per raggiungere un accordo globale sui problemi ambientali più urgenti. La decima riunione della conferenza delle parti (COP 10) si è svolta a Nagoya, Giappone, dal 18 al 29 ottobre La convenzione sulla diversità biologica è stata ratificata da 193 parti. Gli Stati Uniti, la Santa Sede e Andorra non sono parti della convenzione e hanno solo lo status di osservatore alla riunione. Hanno preso parte all'evento circa partecipanti. Photo courtesy of the Governement of Japan L'importante vertice della fine dello scorso anno ha raggiunto i tre obiettivi intercorrelati che le parti si erano prefissate. È stato approvato un piano strategico decennale per proteggere la biodiversità del mondo. Si è raggiunto un accordo sulla necessità di aumentare considerevolmente il sostegno alla biodiversità entro il 2020 e di stabilire obiettivi di mobilitazione di risorse per la biodiversità nel E si è anche adottato un nuovo protocollo internazionale sull'accesso e la condivisione dei vantaggi derivanti dall'uso delle risorse genetiche del pianeta. Dopo la battuta d'arresto dei negoziati sul cambiamento climatico di Copenaghen nel 2009, inizialmente si sono nutriti dubbi sulla possibilità che così tanti paesi, con priorità molto diverse, fossero in grado di raggiungere accordi su questioni talmente complesse. Quei timori si sono dimostrati infondati. Un'attenta preparazione, un'abile presidenza e la disponibilità di tutti i partecipanti a negoziare hanno consentito il raggiungimento degli obiettivi. Quel risultato ha anche contribuito a imprimere nuovo impeto al processo dei negoziati multinazionali, come è emerso dall'atmosfera positiva che ha caratterizzato i colloqui sul cambiamento climatico svoltisi a Cancún subito dopo. I negoziati di Nagoya hanno rappresentano un taglio con il passato per l'unione europea, poiché sono stati i primi grandi negoziati a essere celebrati dopo l'entrata in vigore del trattato di Lisbona con i nuovi accordi sulla rappresentanza dell'ue nei vertici internazionali. Ai colloqui, una stretta cooperazione e un'accurata distribuzione delle responsabilità fra la Presidenza belga dell'unione, la Commissione europea e i singoli Stati membri hanno fatto sì che l'unione si presentasse come fronte unito ed efficace e parlasse con una sola voce.

5 N A G O Y A 5 Molte delle azioni concordate a Nagoya saranno riportate adesso nell'ambiziosa strategia dell'ue per arrestare il tasso di perdita di biodiversità entro il 2020 che la Commissione europea sta definendo attualmente. sua superficie terrestre. Viene prestata attenzione anche agli ecosistemi. Entro il 2020, deve essere ripristinato almeno il 15 % degli eco sistemi degradati. Nuovo impeto Il piano strategico adottato a Nagoya definisce una finalità principale per il 2020 e cinque obiettivi strategici sotto forma di 20 obiettivi principali, noti anche come «obiettivi di Aichi», da raggiungersi entro il Si tratta di affrontare le cause di base della perdita di biodiversità, ridurre la pressione sulla biodiversità, salvaguardare la biodiversità a tutti i livelli, rafforzare i vantaggi offerti dalla biodiversità e contribuire allo sviluppo delle capacità. Alcuni sono obiettivi generali. Includono la sensibilizzazione del pubblico sui valori della biodiversità e la loro integrazione nelle strategie nazionali e locali di sviluppo e di riduzione della povertà nonché la pianificazione delle risorse, laddove opportuno, nei sistemi nazionali di contabilità e di comunicazione. Altri obiettivi riguardano specificamente alcuni settori come la pesca, l'agricoltura, l'acquacoltura e la silvicoltura. Ad esempio, tutti i pesci, gli stock di invertebrati e le piante acquatiche dovrebbero essere gestiti e raccolti in modo sostenibile entro il Nel contempo, il tasso di perdita di habitat naturali, comprese le foreste, dovrebbe essere almeno dimezzato entro la fine del decennio, e laddove possibile avvicinato a zero. Sono previsti anche alcuni obiettivi puntuali. Per il 2020, almeno il 17 % delle zone idriche terrestri e interne e il 10 % delle zone costiere e marine dovrebbero essere conservate come zone protette. Con il programma Natura 2000 la rete più grande di zone protette del mondo l'ue ha già conferito uno status speciale al 18 % della Prossimi passi Gli sforzi si concentrano adesso sulla ratifica e l'attuazione degli accordi raggiunti a Nagoya. Entro il 2015, dovrebbe entrare in vigore il protocollo sull'accesso alle risorse generiche e la condivisione equosolidale dei vantaggi derivanti dal loro uso. Lo scopo è bilanciare l'accesso alle risorse generiche reciprocamente concordato con un'equa distribuzione dei vantaggi derivanti dalla loro utilizzazione. Ed entro il 2015, ognuna delle 193 parti dovrebbe avere iniziato ad attuare la propria strategia nazionale aggiornata sulla biodiversità e i piani d'azione. Per favorire il processo, quest'anno si cercherà di stabilire gli indicatori più affidabili per controllare l'attuazione delle misure. La prossima sfida che affronteranno le parti sarà raggiungere un accordo sulla mobilitazione delle risorse del pacchetto, per garantire la disponibilità di risorse finanziarie e umane sufficienti per un'attuazione efficace del piano strategico. In base all'attuale scadenzario, un accordo dovrebbe essere raggiunto nella prossima riunione delle parti a Delhi nel I colloqui non saranno facili perché l'unione europea e il Giappone in particolare ricevono richieste finanziarie dal mondo in via di sviluppo per potere soddisfare i nuovi obiettivi in materia di biodiversità. Nella ricerca di finanziamenti sufficienti, l'attenzione dovrà incentrarsi su fonti che vadano al di là della finanza pubblica, ovvero risorse del settore privato e i cosiddetti «meccanismi finanziari innovativi». istockphoto R I V I S T A A C U R A D E L L A D I R E Z I O N E G E N E R A L E A M B I E N T E N. 42

6 6 CA M B I A M E NTO CLI M AT IC O CAN C ÚN Il sigillo dell'ue negli accordi di Cancún Nel dicembre 2010, i ministri di tutto il mondo si sono riuniti a Cancún, Messico, per la conferenza delle Nazioni Unite 2010 sul cambiamento climatico. È stato concordato un pacchetto di misure, noto come «accordi di Cancún», che si basa sui primi passi compiuti a Copenaghen l'anno precedente e spiana la strada verso un quadro giuridico vincolante per il cambiamento climatico. Connie Hedegaard ha rappresentato l'ue ai colloqui e L'Ambiente per gli Europei l'ha contattata per saperne di più. Unione europea Quali sono gli elementi principali degli accordi? A Cancún, siamo riusciti per la prima volta a incorporare alcuni obiettivi importanti in un documento delle Nazioni Unite: innanzitutto, il riscaldamento globale deve essere mantenuto a meno di 2 C al di sopra della temperatura preindustriale. In secondo luogo, i paesi hanno riaffermato gli impegni di riduzione delle emissioni che si erano assunti nell'accordo di Copenaghen l'anno scorso. Gli accordi di Cancún riprendono anche l'impegno dei paesi industrializzati di fornire ai paesi in via di sviluppo 30 miliardi di USD nel breve periodo ( ) e 100 miliardi di USD ogni anno entro il E infine, rafforzano la trasparenza ossia il modo in cui i paesi misurano, controllano e comunicano le loro emissioni. Quest'ultimo punto può suonare un poco tecnico, ma in realtà è molto politico, perché queste regole sono fondamentali per garantire che i paesi rispettino i loro impegni. È stato un importante passo in avanti. Quali sono i progressi rispetto all'accordo di Copenaghen? Gli accordi di Cancún incorporano tutti i principali elementi dell'accordo di Copenaghen e compiono ulteriori passi per trasformare questi impegni in azioni reali. Oltre a rafforzare la trasparenza, gli accordi ci avvicinano alla creazione del nuovo fondo verde per il clima e contengono decisioni dettagliate per migliorare la cooperazione sulla tecnologia fra nord e sud, un accordo sull'adeguamento al cambiamento climatico nei paesi in via di sviluppo e un meccanismo per arrestare la deforestazione nei tropici. Si tratta di decisioni sostanziali che porteranno ad azioni concrete e che rafforzeranno il regime climatico internazionale. Quali azioni e quali passi concreti possiamo quindi sperare di vedere? L'UE lavorerà a stretto contatto con i suoi partner per garantire che gli accordi di Cancún siano attuati in modo trasparente. Ciò comporta ulteriori sforzi a livello di UE. Presenteremo a breve una tabella di marcia per realizzare la transizione verso un'economia europea intelligente e innovativa a bassa emissione di carbonio entro il Lo facciamo per l'ambiente, ma lo facciamo anche per la competitività e la sicurezza energetica. In un mondo in cui vivono sempre più persone, è ovvio che i vincitori saranno quelli che sono indipendenti dai prezzi fluttuanti del petrolio e che possono offrire soluzioni energetiche efficienti e innovative. Inoltre, estenderemo ulteriormente le azioni concrete nei paesi in via di sviluppo e nei paesi che sono più vulnerabili al cambiamento climatico, grazie ai 7,2 miliardi di euro per finanziamenti rapidi a favore dell'ambiente che l'europa si è impegnata a fornire fra il 2010 e il La nostra relazione intermedia sull'attuazione di questo impegno è stata accolta con favore a Cancún e prevediamo di aggiornarla a maggio.

7 CA M B I A M E NTO CLI M AT IC O CAN C ÚN 7 Unione europea Come ha contribuito l'ue al raggiungimento di questo accordo fra tutte le parti? Non è esagerato dire che il risultato reca ovunque il sigillo dell'ue, e questo è stato riconosciuto anche dalla presidenza messicana. L'approccio graduale dell'ue, il nostro credo nel multilateralismo, il nostro specifico impeto e la nostra posizione su Kyoto hanno contribuito al risultato di Cancún. Diversi ministri dell'ue hanno svolto ruoli chiave per raggiungere l'accordo su varie questioni nel momento finale a Cancún. Siamo riusciti a influenzare il risultato anche perché l'europa si è espressa con una sola voce nei negoziati. Insieme, la Commissione, la Presidenza e i 27 Stati membri hanno fatto sì che l'unione europea facesse sentire il suo peso sulla scena mondiale. È un'importante lezione da ricordare per il futuro. Per quali aspetti è rimasta particolarmente soddisfatta e per quali è rimasta delusa? Ovviamente il conseguimento più importante è che siamo riusciti a inserire gli accordi politici di Copenaghen in un documento delle Nazioni Unite, compresi gli impegni per la riduzione delle emissioni, e che adesso possiamo iniziare ad attuarlo. Inoltre, sono lieta che sia stata riconosciuta in modo generale l'esistenza di un divario fra gli impegni per la riduzione delle emissioni e l'obiettivo di mante nere il riscaldamento globale al di sotto di 2 C. Gli impegni assunti ci fanno avanzare solo per il 60 % circa. Era importante dichiarare l'ovvio, ovvero che dovremo fare di più se vogliamo rimanere al di sotto di un aumento di 2 C, e nei testi questo punto è stato chiarito. Un'altra delle nostre priorità era rafforzare la trasparenza: gli accordi di Cancún hanno iniziato a definire che cosa significhi trasparenza nella pratica. Il fatto che un paese come la Cina, ad esempio, abbia accettato adesso le consultazioni internazionali e l'analisi sulle proprie azioni di riduzione è un segnale importante che va oltre i negoziati sul clima. Con queste decisioni, fra l'altro, siamo riusciti a tenere vivi i negoziati multilaterali sul clima. Tuttavia, dobbiamo percorrere una strada lunga e difficile. E' chiaro che le ambizioni dovranno essere rafforzate e Cancún ci ha mostrato quanto questo processo sarà impegnativo. Ritiene necessario un quadro giuridico vincolante? Se sì, come occorre procedere per realizzarlo? L'obiettivo dell'ue resta un quadro giuridico vincolante ambizioso e generale per l'azione sul clima, che favorisca riduzioni delle emissioni in tutte le principali economie, non solo gli USA, ma anche le principali economie emergenti come Cina e India. Raggiungere quell'obiettivo non sarà facile. Ma l'europa continuerà a lavorare per un accordo globale: a livello internazionale, a livello bilaterale, con i principali partner e al suo interno. R I V I S T A A C U R A D E L L A D I R E Z I O N E G E N E R A L E A M B I E N T E N. 42

8 8 P R E M I CA PITA L E V ER DE Selezionati i vincitori del premio Capitale verde europea Vitoria-Gasteiz, capitale dei Paesi baschi spagnoli, e Nantes, città della costa occidentale francese, si aggiudicheranno il titolo di capitale verde europea rispettivamente nel 2012 e nel Seguiranno le prime due città aggiudicatarie del premio: Stoccolma nel 2010 e Amburgo quest'anno. EC/CE COWI Lo schema della Commissione europea incoraggia le città a tenere conto dell'ambiente nella loro pianificazione urbana. Per essere selezionata, una città deve essere all'avanguardia nel rispetto di elevate norme ambientali, essere impegnata al raggiungimento di ulteriori obiettivi di sviluppo sostenibile e servire da modello per le altre. A metà dicembre 2010, Stoccolma ha ceduto il titolo ad Amburgo, consegnandole il libro ufficiale dei premi verdi. Sarà dedicata una pagina a ciascuna città vincitrice che rimarrà in possesso del manoscritto durante l'anno in cui è titolare del premio capitale verde, prima di passarlo al suo successore. Per valutare i meriti delle città candidate al titolo i giudici si avvalgono di 11 indicatori ambientali che vanno dal trasporto sostenibile e l'uso del terreno alla biodiversità e qualità dell'aria. Le città partecipanti all'ultimo concorso erano 17. Un 12 indicatore misura le capacità di comunicazione di una città. Non sono previsti specifici criteri econo mici, ma le principali iniziative ambientali e i miglioramenti offrono posti di lavoro e investimenti e indubbi vantaggi economici e di altro tipo alle vite quotidiane delle persone. Vitoria-Gasteiz ( abitanti) è la prima città interna, e piccola, a vincere il titolo. Ha realizzato miglioramenti ambientali per oltre tre decenni, fra cui la creazione di successo di una cintura verde attorno al centro urbano e l'attuazione di misure per aumentare la biodiversità e gli ecosistemi e ridurre la frammentazione dell'habitat. La penuria d'acqua è una sfida costante. La città sta investendo per migliorare la qualità e la fornitura di acqua, ridurre le perdite e sviluppare un consumo sostenibile. Negli ultimi 10 anni, il consumo è costantemente diminuito e lo scopo finale è ridurre l'uso quotidiano di acque domestiche al di sotto di 100 litri pro capite. Nantes ( abitanti) è all'avanguardia nel trasporto pubblico verde ed è stata la prima città della Francia a reintrodurre con successo i tram elettrici nel In tal modo si è ridoto l'inquinamento atmosferico e si sono diminuite le emissioni di CO 2. Situata su due importanti fiumi la Loira e l'erdre la città ha integrato con successo le sue zone verdi e blu attraverso un programma di gestione idrica sostenibile. Nel suo territorio si trovano diversi siti Natura 2000 e altre zone di conservazione della natura e la protezione della flora e della fauna riceve un'alta priorità. Si presta parecchia attenzione alla promozione della biodiversità, le zone di verde pubblico sono gestite in modo ecologico e l'uso dei pesticidi si è ridotto dell'85 %. Nella città operano circa 90 apicoltori: le api sono usate come indicatore della qualità dell'aria e sono piantati migliaia di alberi per creare foreste urbane. Nantes, come Vitoria-Gasteiz, è impegnata a ridurre le emissioni di CO 2 in misura maggiore rispetto all'attuale obiettivo dell'ue del 20 % entro il

9 L I F E 9 Trasformare il vecchio olio da cucina in biocarburante In Portogallo, nell'ambito di un innovativo progetto LIFE si sta riciclando il vecchio olio domestico da cucina per usarlo nei veicoli dell'autorità locale. Il regime ha favorito risparmi sia nei costi di gestione dei rifiuti sia nelle emissioni comunali. La legislazione europea impone che le imprese di ristorazione e le imprese commerciali smaltiscano il loro vecchio olio da cucina nel rispetto di alcune condizioni, ma non esiste nessun requisito per le famiglie. Di conseguenza, l'olio domestico sta diventando sempre più una fonte di rifiuti in Europa. I gestori dei rifiuti nel comune portoghese di Oeiras, vicino a Lisbona, hanno ricevuto una sovvenzione LIFE per usare l'olio in modo migliore, trasformandolo in biocarburante e contribuendo nel contempo a soddisfare l'obiettivo dell'ue di ridurre l'uso di carburanti fossili nel trasporto, come il petrolio e il gasolio. Per raccogliere l'olio, sono stati collocati contenitori speciali in 20 diverse località residenziali del comune. In ogni contenitore era integrato un microsistema informatico per misurare le quantità raccolte e informare le autorità nel momento in cui doveva essere svuotato. I finanziamenti LIFE sono stati usati anche per sviluppare un centro sperimentale di conversione del vecchio olio in biodiesel, attraverso un processo termo-intensivo che riduce la viscosità dell'olio trasformandola in una struttura simile al combustibile fossile diesel. Il raggiungimento della corretta viscosità è essenziale per garantire un'idonea combustione del carburante ed evitare di danneggiare il motore del veicolo con eccessivi residui di carbonio. Nel giugno 2009, nell'ambito del progetto erano stati raccolti oltre chili di olio da cucina domestico di scarto, riducendo significativamente il livello di oli, grassi e concentrazioni di idrocarburi negli impianti di trattamento delle acque reflue. Questo ha portato a risparmi di circa euro nei costi di mantenimento del sistema di depurazione locale. Anche se il progetto si è concluso, il programma continua ad essere attuato e il comune sta raccogliendo attualmente circa 14 tonnellate di olio ogni mese. Il carburante bio-ecologico ha favorito significativi risparmi di biossido di carbonio. Secondo le stime, le emissioni di CO 2 si sono ridotte del 15 % e di idrocarburi fino al 20 %. Anche le emissioni di anidride solforosa nel comune sono state ridotte, poiché il biodiesel non contiene zolfo. Il progetto ha attirato l'interesse di altre autorità locali. Almeno 11 comuni in altri luoghi del Portogallo hanno ordinato simili contenitori ad alta tecnologia e hanno istituito regimi di raccolta su base volontaria in zone residenziali. Un partner del progetto sta adesso pianificando di introdurre il biocarburante in un quinto della propria flotta di trasporto, per ridurre la sua impronta di carbonio entro il project/projects/index.cfm?fuseaction= search.dsppage&n_proj_id=2828 LIFE05 ENV/P/ R I V I S T A A C U R A D E L L A D I R E Z I O N E G E N E R A L E A M B I E N T E N. 42

10 10 R O H S La normativa sulle apparecchiature elettriche ed elettroniche entra in una nuova fase La normativa europea sull'uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche è attualmente in fase di aggiornamento per coprire una più vasta gamma di prodotti e rendere più facile l'inclusione di nuove restrizioni in futuro. elenco entro tre anni e, se ritenuto necessario sulla base delle prove scientifiche e criteri specifici, potrà aggiungerne di ulteriori. Le procedure di rispetto delle norme per l'apposizione del marchio CE sono state rese più precise e le regole per la concessione di esenzioni dal divieto ulteriormente affinate, al fine di garantire la certezza giuridica per i produttori, gli importatori e i distributori di questi prodotti. istockphoto I prodotti elettrici ed elettronici sono sempre più comunemente usati nelle nostre vite quotidiane. Eppure, al contempo, le apparecchiature e i prodotti di scarto provocano quantità di rifiuti in aumento nell'ue e le sostanze pericolose che possono contenere sono fonte di rischi per la salute e per l'ambiente. Dalla sua entrata in vigore nel 2003, la normativa europea che limita l'uso di alcune sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche (ROHS) ha evitato il rilascio di migliaia di tonnellate di sostanze illecite nell'ambiente nel momento in cui i prodotti non sono più utilizzabili. La normativa ha inoltre favorito importanti cambiamenti nella creazione di tali oggetti. Attualmente, il campo di applicazione della nuova normativa viene considerevolmente ampliato per coprire tutti i prodotti elettrici ed elettronici. Le uniche esenzioni sono specificamente elencate nella direttiva e includono le macchine industriali, i materiali militari e i pannelli solari fotovoltaici. Per i prodotti che saranno contemplati per la prima volta nella direttiva, è previsto un periodo di transizione di otto anni entro il quale dover soddisfare i nuovi requisiti. Di conseguenza, possono essere venduti nella loro forma attuale fino ad aprile Più flessibilità La nuova normativa si baserà sui progressi compiuti nell'ambito di quella attualmente in vigore, ovvero il recupero di molte sostanze rare e di materiali usati nell'elettronica, contribuendo a rendere l'ue più efficiente nell'uso delle risorse e a impedire la dispersione di sostanze pericolose in natura. Nel contempo, assumendo la direzione in questo settore, l'unione sta creando norme internazionali de facto, dal momento che le imprese non stabilite nell'ue che sono interessate a esportare sia in Europa sia altrove nel mondo preferiscono soddisfare un'unica serie di criteri. La direttiva ROHS ha anche ispirato leggi simili in almeno altri 15 ordinamenti giuridici al di fuori dello Spazio economico europeo (i 27 dell'ue più Norvegia, Islanda e Liechtenstein). weee/index_en.htm Le regole vigenti coprono una vasta gamma di prodotti elettrici, compresi gli apparecchi domestici, i prodotti di consumo, prodotti informatici e per le telecomunicazioni. La normativa aggiornata non va ad aumentare l'attuale elenco di sei sostanze vietate fra cui piombo, cadmio e mercurio. Tuttavia la Commissione realizzerà una revisione di questo

11 F U R G O N I 11 Concordati i limiti sulle emissioni di CO 2 dei furgoni Una delle ultime componenti della strategia dell'ue per la riduzione delle emissioni di CO 2 dei veicoli utilitari leggeri è stata l'accordo su una nuova normativa che fissa i limiti per i furgoni. Le misure porteranno vantaggi all'ambiente, agli utenti e ai fabbricanti di detti veicoli. I veicoli commerciali leggeri, più comunemente noti come furgoni, rappresentano circa il 12 % della flotta commerciale leggera dell'unione europea. Ma il loro numero e la loro quota di emissioni di CO 2 stanno aumentando, in parte a causa della pressante necessità di fornire prodotti venduti online. Dopo l'approvazione nel 2009 della normativa che fissa i limiti di emissioni per le autovetture, il Parlamento europeo e i governi dell'ue hanno raggiunto un accordo politico poco prima di Natale per applicare misure analoghe ai furgoni. L'accordo dovrebbe diventare formalmente vincolante entro Pasqua. I nuovi requisiti seguono da vicino la proposta iniziale della Commissione europea, ma sono leggermente meno severi. L'obiettivo a breve termine di 175 g/km sarà realizzato gradualmente a partire dal 2014, ma si applicherà all'intera flotta solo dal 2017 un anno dopo rispetto alla proposta iniziale della Commissione. Mentre l'obiettivo a breve termine è stato reso noto fin dal 2007, la nuova normativa definisce per la prima volta un obiettivo più a lungo termine, da raggiungere entro il 2020, fissato a 147 g/km leggermente più generoso dei 135 g/km che la Commissione aveva proposto. La fissazione dell'obiettivo principale a lungo termine è importante, perché offre ai costruttori una chiara immagine delle norme che dovranno rispettare e il tempo sufficiente per sviluppare la tecnologia alternativa necessaria per produrre, ad esempio, furgoni ibridi ed elettrici. Le misure determineranno importanti vantaggi ambientali. Sulla base della proposta iniziale della Commissione, per il 2020 potrebbe essere atteso un risparmio di circa 60 milioni di tonnellate di emissioni di gas ad effetto serra, benché attualmente questa cifra possa essere leggermente inferiore. Ne guadagneranno anche le imprese, principalmente le PMI, e i singoli che usano tali furgoni. Anche se il prezzo iniziale di acquisto aumenta, si prevede che i risparmi di carburante lungo la vita del veicolo per ciascun utente rappresenteranno circa euro. Altre misure La nuova normativa colma una potenziale lacuna, dato che un numero significativo di veicoli, fra cui i veicoli utilitari sportivi (SUV), principalmente per motivi fiscali sono registrati come veicoli commerciali leggeri e avrebbero potuto sfuggire ai limiti di emissioni stabiliti per le autovetture. Gli obiettivi saranno calcolati come media per l'intera flotta. Ciò consente ai costruttori di produrre furgoni al di sopra del valore limite previsto purché questo sia bilanciato da veicoli che siano al di sotto di quel valore. I produttori che superano i nuovi limiti possono essere multati con 95 euro per g/km lo stesso livello previsto per le autovetture. Tuttavia, secondo le prime indicazioni, la maggior parte dei costruttori compirà ogni sforzo possibile per soddisfare le norme piuttosto che pagare ingenti multe, che danneggerebbero la loro quota di prezzo e la loro reputazione. Nel 2013 la Commissione rivedrà la normativa esistente: l'obiettivo a lungo termine di 147 g/km per il 2020 sarà confermato formalmente e saranno decisi i modi migliori per conseguirlo. transport/vehicles/vans_en.htm istockphoto R I V I S T A A C U R A D E L L A D I R E Z I O N E G E N E R A L E A M B I E N T E N. 42

12 12 R I F I U T I DI P L A S T I C A Ripulire la zuppa di plastica Ogni anno milioni di tonnellate di rifiuti finiscono nei nostri oceani, trasformandoli in un'enorme discarica. Questo non solo è orribile a vedersi, ma causa anche problemi ambientali, economici e sanitari. La maggior parte della spazzatura l'80 % proviene dalla terra. La Commissione europea sta valutando modi per affrontare questo problema. L'inquinamento da spazzatura marina è una delle minacce emergenti per gli oceani del mondo. Inadeguate pratiche di gestione dei rifiuti, infrastrutture insufficienti e la mancanza di sensibilizzazione sono fra le principali cause. Molti dei rifiuti che finiscono nel mare sono costituiti da plastica. Il problema è che la plastica rimane tale per sempre si degrada solo in particelle più piccole. La plastica biodegradabile necessita di condizioni speciali, che non sono presenti nell'ambiente l. Il fenomeno non è nuovo, ma sta crescendo in scala. È stato osservato nel Pacifico settentrionale fin dagli anni '50 e ha portato alla formazione della grande chiazza di immondizia del Pacifico, con milioni di tonnellate di rifiuti. Sulla soglia di casa dell'ue vi è adesso la chiazza di immondizia dell'atlantico. Il termine «zuppa di plastica» è stato coniato per descrivere il crescente danno arrecato ai mari del mondo. Alcune conseguenze sono ben documentate: la vita marina rimane incastrata in reti o ingoia microplastica. Scarseggiano le informazioni relative agli effetti prodotti dai rifiuti marini in altre zone e sul modo in cui essi facilitano la diffusione di veleni, consentono la migrazione delle specie esotiche fra gli oceani e aumentano il numero di prodotti chimici rilasciati dalla plastica nella catena alimentare. Workshop di Bruxelles L'Unione si è già prefissata l'obiettivo di migliorare le condizioni ambientali dei suoi mari. La direttiva quadro sulla strategia marina adottata nel 2008 mira a raggiungere uno status ambientale adeguato per tutte le acque marine dell'ue entro il 2020 e sottolinea la necessità di migliorare i dati su questioni importanti, come i rifiuti marini nei mari europei. Una decisione della Commissione del settembre 2010 ha stabilito quattro criteri rifiuti sulla costa, rifiuti nella colonna di acqua, rifiuti ingeriti dagli animali e microplastica per monitorare il progresso verso questo obiettivo. Sebbene la normativa stabilisca che le misure nazionali dovrebbero essere introdotte a partire dal 2015 per garantire che i rifiuti marini non danneggino l'ambiente costiero e marino, la magnitudo del problema può premere a favore di un'anticipazione della data. La Commissione ha iniziato a elaborare una fase successiva dei lavori sui rifiuti marini lo scorso novembre, quando ha organizzato un workshop cui hanno preso parte circa 100 rappresentanti di autorità nazionali, istituzioni dell'ue, istituti di ricerca, organizzazioni non governative e parti interessate come l'industria della plastica. Circa l'80 % della spazzatura marina proviene dalla terraferma 1 kg per ogni 5 kg di rifiuti finisce negli oceani kg di rifiuti sono rimossi ogni anno dal Mare del Nord istockphoto

13 R I F I U T I DI P L A S T I C A 13 Tempo necessario per la fotodegradazione della plastica nell'ambiente: 500 anni 400 anni 450 anni Pannolino usa e getta Anelli di plastica per confezioni da sei Bottiglia di plastica istockphoto L'entità del problema è divenuta chiara quando i partecipanti sono venuti a conoscenza del fatto che in mezzo al Pacifico è presente una quantità di plastica in peso superiore al plancton di volte. Oggi, la plastica può essere ritrovata in ogni strato dell'alimentazione marina della zona. Nella discussione di ampio respiro che si è svolta è stata attirata l'attenzione sulle differenze fra le autorità nazionali a livello di gestione dei rifiuti. Alcuni Stati membri vietano lo scarico di plastica nelle discariche, mentre solo nove raccolgono il 50 % o più dei loro rifiuti. Si è assistito ad un proficuo scambio di idee su come affrontare il problema. In alcuni casi l'attenzione si è concentrata sulle tecniche di produzione e hanno sottolineato l'esigenza di ridurre l'uso della plastica e dei materiali di imballaggio; in altri l'accento è stato posto sulla prevenzione dei rifiuti che finiscono nell'ambiente migliorando i tassi di riciclaggio e incoraggiando le misure pratiche, quali l'abbandono dell'uso di borse di plastica gratuite e il lancio in massa di palloncini a scopo di beneficenza. Ci si è focalizzati sull'esigenza di far crescere la consapevolezza del problema non solo da parte del vasto pubblico, costituito specialmente dai giovani, ma anche da parte di costruttori, utenti costieri e marini e autorità locali, nazionali ed europee. Sul fonte politico, i suggerimenti includevano la fissazione di obiettivi più rigorosi per il riciclaggio della plastica e il possibile divieto della sua presenza nelle discariche. Con l'attuale direttiva sugli impianti portuali di raccolta si è anche proposto di modificare gli accordi sulle tariffe, di modo che le navi ricevano un incentivo per scaricare i loro rifiuti nei porti piuttosto che in mare. Prossimi passi Ora la Commissione sta valutando le idee avanzate dalle varie parti interessate in merito al crescente inquinamento dei mari europei. L'analisi è attesa prima dell'estate e coprirà tutti gli aspetti di una risposta coordinata, compresa la sensibilizzazione del pubblico su un problema che alcune persone si trovano ad affrontare nelle loro vite quotidiane. L'inquinamento marino è una responsabilità globale. Come ha sottolineato il commissario per l'ambiente Janez Potočnik in una recente risposta all'eurodeputata verde britannica Caroline Lucas, è estremamente difficile attribuire una specifica responsabilità per i rifiuti accumulati. «La questione dovrebbe essere affrontata e risolta a livello internazionale». Si riferiva specificamente alla chiazza di immondizia dell'atlantico, ma il principio è valido anche per gli altri oceani.per questo motivo, la Commissione europea parteciperà attivamente alla quinta conferenza internazionale sui rifiuti marini che si svolgerà fra il 20 e il 25 marzo 2011, organizzata dall'unep e dall'amministrazione Americana. marine/pollution.htm R I V I S T A A C U R A D E L L A D I R E Z I O N E G E N E R A L E A M B I E N T E N. 42

14 14 R I F I U T I ALIM E N TA RI Attirare l'attenzione sui rifiuti alimentari Ogni anno, l'equivalente di quasi 180 chili di cibo a persona è gettato via nell'unione europea. Un nuovo studio* esamina i motivi di questo spreco, valuta l'impatto che questo ha sull'ambiente e offre modi per migliorare l'uso delle nostre risorse limitate. Sollecita una maggiore coerenza nell'uso delle etichette sulle scadenze (come «da consumarsi entro» e «da consumarsi preferibilmente entro») apposte sui prodotti, in modo che siano comprese più facilmente. Illustra la possibilità che l'ue stabilisca obiettivi per la prevenzione dei rifiuti alimentari e che siano organizzate raccolte separate per i rifiuti alimentari. istockphoto I rifiuti alimentari esistono per diverse ragioni. Per stabilirne la grandezza, lo studio esamina le quattro fonti principali: famiglie, produzione, commercio al dettaglio e all'ingrosso e ristorazione. Lo studio calcola che la quantità totale gettata ogni anno nell'ue raggiunge 89 milioni di tonnellate. Le famiglie sono i maggiori responsabili, rappresentando il 43 % del totale. Ciò può essere dovuto all'eccesso di acquisti, a informazioni inadeguate presenti sulle etichette in relazione alle date di scadenza, alla preparazione di più cibi di quanti possano esserne consumati o a inadeguate strutture di conservazione. La ricerca realizzata nel Regno Unito suggerisce che questo rappresenta una perdita totale per famiglia di 565 euro. troppo grandi, mentre le industrie di commercio al dettaglio e all'ingrosso rappresentano il 4 %. Questo può essere causato da inefficienze nella catena di approvvigionamento e da difficoltà nella previsione della domanda. I rifiuti alimentari hanno conseguenze ambientali significative. Lo studio stima che sono responsabili di 170 milioni di tonnellate di emissioni di CO 2 ogni anno l'equivalente del 3 % delle emissioni totali dell'ue nel Poiché molti rifiuti domestici sono evitabili, le misure per ridurli potrebbero far diminuire le emissioni dell'1 %. Ridurre i rifiuti Con l'aumento sia della popolazione che del reddito disponibile, gli autori prevedono che i rifiuti alimentari arriveranno a 126 milioni di tonnellate entro il Lo studio contiene un avvertimento per la salute. Gli Stati membri raccolgono e calcolano i rifiuti alimentari in modo diverso. Alcuni dati mancano e alcune cifre sono estrapolazioni. Tuttavia, come sottolinea lo studio, la portata del problema è chiara. I risultati dello studio sono stati presi in considerazione nella relazione pubblicata di recente sulla strategia tematica per i rifiuti. Si riporrà particolare attenzione sulla prevenzione dei rifiuti e sui biorifiuti che sono direttamente collegati allo spreco di cibo. Gli Stati membri devono predisporre piani d'azione per la prevenzione dei rifiuti entro il La Commissione raccomanderà che questi piani includano un capitolo specifico sulla riduzione dello spreco alimentare. * Preparatory Study on Food Waste Across EU-27, Bio Intelligence Service. Il settore della produzione è la seconda fonte più importante, con il 39 %. Molti rifiuti, fra cui ossa, carcasse e alcuni organi, sono inevitabili. Anche l'eccesso di produzione, i prodotti deformi e i danni nelle confezioni rappresentano fattori importanti. Il settore della ristorazione è responsabile per il 14 %, in parte perché vengono servite porzioni Sono state registrate oltre 100 iniziative di prevenzione tese a ridurre i rifiuti alimentari, che vanno da campagne di sensibilizzazione a programmi di ridistribuzione alimentare. Oltre a puntare alla necessità di miglioramenti nella dichiarazione dei rifiuti alimentari, lo studio formula altre quattro raccomandazioni. eussd/reports.htm

15 P U B B L I C A Z I O N I 15 Nuove pubblicazioni Schede informative sull'ambiente Due nuove schede informative sono state aggiunte alla serie di opuscoli di quattro pagine a colori, intesi a fornire al pubblico generale una breve panoramica delle tematiche ambientali di particolare attualità. Tra i nuovi argomenti figurano: Orizzonte 2020: ripulire il Mediterraneo; e La direttiva quadro dell'ue sulle acque Le schede sono disponibili in formato PDF semplice da stampare all indirizzo: «Natura 2000» È ora disponibile l'ultima edizione di Natura 2000, il bollettino informativo della Commissione europea sulla natura e la biodiversità. L'edizione del dicembre 2010 contiene relazioni speciali sulla valutazione del piano d'azione dell'ue per la biodiversità svoltasi nel 2010, un articolo sulla risoluzione di conflitti nei siti Natura 2000 e un articolo sui vantaggi socioeconomici di questo prezioso programma di messa in rete, nonché le ultime notizie sulla natura e la biodiversità in Europa. Il bollettino è pubblicato due volte l'anno ed è disponibile in inglese, francese, tedesco, spagnolo, italiano e polacco. Per essere aggiunti alla mailing list o per scaricare la versione in formato elettronico, visitare il sito: Salvaguardare le risorse idriche dell'europa L'acqua deve essere gestita e protetta. Non è un semplice prodotto di consumo, ma una preziosa risorsa naturale, vitale per le generazioni future così come per la nostra. L'opuscolo pubblicato di recente Water is for Life how the Water Framework Directive helps safeguard Europe's resources (L'acqua è vita Come la direttiva quadro sulle acque contribuisce a salvaguardare le risorse dell'europa) contiene le ultime informazioni sulla direttiva quadro sulle acque dell'ue che, nel 2000, ha previsto l'obbligo giuridico di proteggere e ripristinare la qualità delle acqua in Europa. Per scaricare o per ordinare l'opuscolo in inglese, visitare il sito: en_gb/-/eur/viewpublication-start?publicationkey=kh Agenda Settimana europea dell'energia sostenibile 2011 (EUSEW) aprile 2011 Bruxelles, Belgio EUSEW presenta le ultime innovazioni nel settore dell'efficienza energetica e delle tecnologie, politiche e pratiche che impiegano energia rinnovabile. Saranno organizzate a Bruxelles conferenze di alto livello e si svolgeranno in tutta l'ue giornate dell'energia. Conferenza ambientale Salvare il pianeta aprile 2011 Sofia, Bulgaria Questa seconda edizione dell'ecoforum internazionale si incentrerà sulla gestione dei rifiuti e sul riciclaggio. &view=article&id=113&itemid=138&lang=en Riunione sugli inquinanti organici persistenti (POP) aprile 2011 Ginevra, Svizzera L'ordine del giorno di questa riunione comprende questioni relative alla sua attuazione, nonché alla presentazione del programma di lavoro. Conferenza e mostra europea sulle tecnologie del futuro (FET 11) 4-6 maggio 2011 Budapest, Ungheria FET 11 offre alle parti interessate di varie discipline e comunità un forum di discussione per esaminare le sfide scientifiche, sociali e politiche nel settore della tecnologia. Settimana verde maggio 2011 Bruxelles, Belgio La settimana verde è la più grande conferenza annuale sulla politica ambientale europea. Il tema di quest'anno «Efficienza delle risorse Usarle meno, vivere meglio» sarà discusso in oltre 40 sessioni, fornendo ai partecipanti l'opportunità di scambiare esperienze e migliori pratiche. Salvo ove diversamente indicato, tutte le pubblicazioni sono disponibili gratuitamente presso la Libreria dell UE collegandosi al sito bookshop.europa.eu R I V I S T A A C U R A D E L L A D I R E Z I O N E G E N E R A L E A M B I E N T E N. 42

16 Notizie in breve KH-AD IT-C Regole più severe per le emissioni industriali Vincitori del premio per la gestione dell'ambiente Premiata la campagna della Commissione a favore della biodiversità Le emissioni industriali dei grandi impianti di combustione nell'ue saranno significativamente ridotte a seguito dell'approvazione di norme di controllo dell'inquinamento più severe. Si prevede che i miglioramenti dovrebbero portare vantaggi di 7-28 miliardi di euro l'anno, inclusa la prevenzione di morti premature. L'industria registrerà inoltre risparmi annui di circa 32 milioni di euro, grazie ad azioni tese a ridurre gli oneri amministrativi che ne derivano. La nuova normativa sulle emissioni industriali aggiorna e fonde sette atti legislativi esistenti. Essa rafforza i requisiti di monitoraggio e l'applicazione delle migliori tecniche disponibili (BAT), che diventano il punto di riferimento nel processo di autorizzazione per garantirne l'applicazione in tutta l'ue. pollutants/stationary/index.htm istockphoto Sei organizzazioni si sono aggiudicate i premi nell'ambito del sistema europeo di ecogestione e di audit 2010 (EMAS). Questi premi sono conferiti a imprese private e ad organizzazioni pubbliche che hanno realizzato importanti progressi ambientali sin dal I premi del 2010 hanno riguardato l'efficienza delle risorse, compresa l'acqua e il consumo energetico, la generazione di rifiuti e le emissioni di carbonio. I vincitori delle diverse categorie sono stati scelti da 42 organizzazioni designate. Si tratta di micro-organizzazioni Soc. Coop. Dog Park a r.l. (Italia); piccole organizzazioni Ecoprint AS (Estonia); organizzazioni medie Oxfam- Solidarité (Belgio); organizzazioni grandi Mahou S.A. (Spagna); organizzazioni pubbliche piccole Hochschule für nachhaltige Entwicklung Eberswalde (Germania) e organizzazioni pubbliche grandi Sandwell Homes (Regno Unito). emasawards/index.htm Unione europea La campagna della Commissione europea per rafforzare la consapevolezza sulla perdita di biodiversità ha vinto un prestigioso premio europeo di eccellenza per la comunicazione. Il riconoscimento da parte di una giuria indipendente composta da importanti professionisti della comunicazione è per la categoria ambiente e ecologia. La campagna, basata su un viral film e sullo slogan «weareallinthistogether» esiste in tutte le lingue dell'ue e sottolinea la natura interconnessa della biodiversità. Il sito web e il video hanno attratto milioni di visitatori e l'applicazione sulla biodiversità di Facebook è diventata molto popolare. La campagna proseguirà nel drd-bs4jtf8&feature=related application.php?id= Ogilvy ISBN

17

18 L'11 a edizione della settimana verde, la più grande conferenza annuale sulla politica ambientale europea, si svolgerà dal 24 al 27 maggio 2011 a Bruxelles. Il tema di quest'anno è l'efficienza delle risorse. In circa 40 sessioni, la conferenza tratterà il problema dell'esaurimento e della scarsità delle risorse ed esaminerà le sfide e le opportunità per diventare una società più oculata ed efficiente nell'uso delle risorse. La conferenza è diventata un evento imperdibile per chiunque abbia a cuore la protezione dell'ambiente. La settimana verde è aperta al pubblico e la partecipazione è gratuita. :

19 Voglio ricevere una copia gratuita della rivista trimestrale L Ambiente per gli Europei In Bulgaro In Spagnolo In Ceco In Tedesco In Estone In Greco In Inglese In Francese In Italiano In Lituano In Polacco In Portoghese In Rumeno Nome: Società: modulo di iscrizione Via: n.: C.P.: C.A.P.: Città: Stato: Tel: Fax: DG Ambiente Unità Comunicazione Fax: +32 (0) È possibile abbonarsi on-line all indirizzo: ec.europa.eu/environment/mailingregistration/main/mailing_reg.cfm

20 L Ambiente per gli Europei abbonarsi Environment DG Communication Unit Rue de la Loi/Wetstraat 200 B-1049 Brussels Belgium

Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S

Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S Il settore strategico delle acque: come l innovazione chimica può aumentarne la sostenibilità Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S Stefano Toffanin Ferrara, 21 maggio 2010 Quartiere

Dettagli

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy Rosanna Laraia 1. Introduzione Tutti gli atti strategici e regolamentari dell Unione Europea, a partire dal VI Programma

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide

I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide Laura Scichilone Dottore di ricerca in Storia del federalismo e dell unità europea CRIE-Centro di eccellenza Jean

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

IL GOVERNATORE CUOMO LANCIA IL FONDO PER L ENERGIA PULITA DA 5 MILIARDI DI DOLLARI PER LA CRESCITA DELL ECONOMIA DELL ENERGIA PULITA DI NEW YORK

IL GOVERNATORE CUOMO LANCIA IL FONDO PER L ENERGIA PULITA DA 5 MILIARDI DI DOLLARI PER LA CRESCITA DELL ECONOMIA DELL ENERGIA PULITA DI NEW YORK Per la Diffusione Immediata: 21/1/2016 Stato di New York Executive Chamber Andrew M. Cuomo Governatore IL GOVERNATORE ANDREW M. CUOMO IL GOVERNATORE CUOMO LANCIA IL FONDO PER L ENERGIA PULITA DA 5 MILIARDI

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

Eco-efficienza e strategie per un'ecologia industriale a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 "Terre di Siena"

Eco-efficienza e strategie per un'ecologia industriale a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 Terre di Siena Eco-efficienza e strategie per un'ecologia industriale a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 "Terre di Siena" Secondo il WBCSD (World Business Council for Sustainable Development),

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014. Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia PROGETTO DI PARERE

PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014. Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia PROGETTO DI PARERE PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia 2013/0371(COD) 6.2.2014 PROGETTO DI PARERE della commissione per l'industria, la ricerca e l'energia destinato alla commissione

Dettagli

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ 3 Workshop di R&S Opportunità finanziarie per la ricerca delle Imprese Chimiche nei settori energetici e ambientali I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ Stefano Toffanin Milano,

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico. Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi

Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico. Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi Coop per l ambiente e la sostenibilità Stiamo consumando più risorse di quanto la Terra

Dettagli

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI 3 / PER UN FUTURO A BASSA EMISSIONE DI CARBONIO L Europa si è impegnata a limitare l aumento della temperatura globale a 2 C. Sotto questo livello si calcola che gli impatti

Dettagli

Il settimo programma d'azione per l'ambiente (2014-2020) e il consumo di suolo

Il settimo programma d'azione per l'ambiente (2014-2020) e il consumo di suolo Il settimo programma d'azione per l'ambiente (2014-2020) e il consumo di suolo Luca Marmo Commissione europea Direzione generale dell'ambiente Unità ENV.B.1 Agricoltura, foreste e suoli BU-5, 5/178 1049

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive

Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive In collaborazione con Laura Palomba I CAMBIAMENTI CLIMATICI ED IL PROTOCOLLO DI KYOTO L effetto serra è un fenomeno

Dettagli

Energia, tecnologia e sfide ambientali: fosche previsioni della ricerca europea per il mondo nel 2030

Energia, tecnologia e sfide ambientali: fosche previsioni della ricerca europea per il mondo nel 2030 IP/3/661 Bruxelles, 12 maggio 23 Energia, tecnologia e sfide ambientali: fosche previsioni della ricerca europea per il mondo nel 23 Nel 23 il consumo mondiale di energia risulterà raddoppiato; tra le

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto La Commissione ha pubblicato a metà ottobre un documento dove, con un occhio al passato e uno al futuro, passando per il momento

Dettagli

POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA

POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA Ambito 1 Linea 3 Azioni a supporto della partecipazione ai programmi comunitari a gestione diretta e al lavoro in rete

Dettagli

L UNIONE EUROPEA ED IL CAMBIAMENTO CLIMATICO

L UNIONE EUROPEA ED IL CAMBIAMENTO CLIMATICO L UNIONE EUROPEA ED IL CAMBIAMENTO CLIMATICO Siena, 10 maggio 2011 Le fasi della lotta al global warming 2 La definizione degli strumenti per l applicazione del protocollo di Kyoto Il varo del sistema

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Salvaguardiamo il nostro pianeta. Tecnologie e strumenti per la cura dell ambiente. Informazione Attivita Ambientali

Salvaguardiamo il nostro pianeta. Tecnologie e strumenti per la cura dell ambiente. Informazione Attivita Ambientali Salvaguardiamo il nostro pianeta Tecnologie e strumenti per la cura dell ambiente Informazione Attivita Ambientali Konica Minolta: la societa che rispetta l ambiente In qualita di produttore leader nelle

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE. 12 Novembre 2010

SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE. 12 Novembre 2010 AMBIENTE E SVILUPPO SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE 12 Novembre 2010 LO STATO DEL PIANETA: I FONDAMENTALI Living Planet Report : documento base Viene pubblicato dal 1998 e, a partire dal 2000, ogni due

Dettagli

FOCUS ON: Horizon 2020 e la sfida sociale interventi per clima, ambiente, efficienza delle risorse e materie prime

FOCUS ON: Horizon 2020 e la sfida sociale interventi per clima, ambiente, efficienza delle risorse e materie prime Questo mese parliamo di: L economia circolare 1-3 FOCUS ON: Horizon 2020 e la sfida sociale interventi per il clima, ambiente, efficienza delle risorse per le materie prime L economia circolare, una spiegazione

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità. Agenda 21: Cosa è?

II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità. Agenda 21: Cosa è? Comune di Rieti II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità Sala Riunioni Comune di Rieti giovedì 14 settembre 2006 ore 16.00 http://www.comune.rieti.it/portalerieti/agenda21/index.asp

Dettagli

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a

Dettagli

Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line

Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line Principali Fonti UE di aggiornamento Eur-Lex Legislazione in vigore e in preparazione a cura dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali

Dettagli

La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica

La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica Unità Tecnica Efficienza Energetica -UTEE Sommario Direttiva Europea sull Efficienza Energetica Strategia Energetica Nazionale (sett. 2012) 2

Dettagli

Onorevoli colleghi, signor ministro, permettetemi di ringraziarvi per l invito della Provincia di

Onorevoli colleghi, signor ministro, permettetemi di ringraziarvi per l invito della Provincia di 1 Onorevoli colleghi, signor ministro, permettetemi di ringraziarvi per l invito della Provincia di Milano a partecipare a questa GIORNATA INFORMATIVA dell Europa in provincia [?], e di congratularmi con

Dettagli

R E L A Z I O N E. Si illustrano di seguito i singoli articoli del decreto in esame.

R E L A Z I O N E. Si illustrano di seguito i singoli articoli del decreto in esame. DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2006/66/CE CONCERNENTE PILE, ACCUMULATORI E RELATIVI RIFIUTI E CHE ABROGA LA DIRETTIVA 91/157/CEE. \ R E L A Z I O N E Il decreto legislativo in esame

Dettagli

Dal 26 agosto al 4 WORLD SUMMIT 2002 FORUM E LA RUSSIA CONFERMA CHE RATIFICHERÀ KYOTO

Dal 26 agosto al 4 WORLD SUMMIT 2002 FORUM E LA RUSSIA CONFERMA CHE RATIFICHERÀ KYOTO FORUM J O H A N N E S B U R G WORLD SUMMIT 2002 E LA RUSA CONFERMA CHE RATIFICHERÀ KYOTO Dal 26 agosto al 4 settembre i delegati di quasi 200 Paesi si sono incontrati a Johannesburg in occasione per l

Dettagli

THE ISSUE/NEREUS Pubblicazione congiunta

THE ISSUE/NEREUS Pubblicazione congiunta THE ISSUE/NEREUS Pubblicazione congiunta Richiesta contributi Le regioni partner di THE ISSUE Progetto FP7 e Nereus - Rete delle regioni europee utilizzatrici di Tecnologie Spaziali - richiedono contributi

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

LA POLITICA ENERGETICA DELL UNIONE EUROPEA

LA POLITICA ENERGETICA DELL UNIONE EUROPEA LA POLITICA ENERGETICA DELL UNIONE EUROPEA Che ruolo ha l energia nel processo di integrazione europea? L energia è il motore dell Europa. Il benessere di persone, industrie ed economia dipende da un energia

Dettagli

L Accordo di Parigi. Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti

L Accordo di Parigi. Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti L Accordo di Parigi Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti L Accordo di Parigi 195 Paesi, Stati Parte della Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti

Dettagli

Il protocollo di Kyoto

Il protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Il protocollo di Kyoto E' il primo tentativo globale di coordinamento delle politiche economiche di singoli stati sovrani. Il protocollo di Kyoto è lo storico accordo internazionale

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 9.1.2015 COM(2014) 750 final 2014/0359 (NLE) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa all accettazione dell emendamento del protocollo del 1998 della convenzione del

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo

Dettagli

La guerra (taciuta) dell aria

La guerra (taciuta) dell aria La guerra (taciuta) dell aria Ogni anno 67.921 morti invisibili per lo Stato Ogni anno 43 miliardi di euro l anno di costi L inquinamento ci costa 2.5 punti di PIL Lo studio sulla qualità dell aria e la

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Domande e risposte sulle politiche comunitarie nel settore dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche

Domande e risposte sulle politiche comunitarie nel settore dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche MEMO/05/248 Bruxelles, 11 agosto 2005 Domande e risposte sulle politiche comunitarie nel settore dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche 1) Quali sono i problemi causati dai rifiuti di

Dettagli

La prospettiva italiana dell economia circolare nel contesto internazionale ed europeo

La prospettiva italiana dell economia circolare nel contesto internazionale ed europeo La prospettiva italiana dell economia circolare nel contesto internazionale ed europeo Benedetta Dell Anno Dipartimento per lo Sviluppo Sostenibile, Senior policy advisor TA Sogesid DIV IV Affari Europei

Dettagli

La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici

La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici La quindicesima conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici si è svolta nel Bella Center di Copenhagen, in Danimarca,

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

MANIFESTO S&D SULLA LOTTA ALLA POVERTÀ ENERGETICA

MANIFESTO S&D SULLA LOTTA ALLA POVERTÀ ENERGETICA MANIFESTO SULLA LOTTA ALLA POVERTÀ ENERGETICA 1 LOTTA ALLA POVERTÀ ENERGETICA Parte 1: Quadro dell'ue per la lotta alla povertà energetica 1.1 Chiediamo l'approvazione di una definizione ampia e comune

Dettagli

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 REGOLAMENTO (UE) N. 1233/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 dicembre 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 663/2009 che istituisce

Dettagli

dove finiscono i 42 % in discarica 20 % negli inceneritori utile suggerimento per la riduzione dei rifiuti

dove finiscono i 42 % in discarica 20 % negli inceneritori utile suggerimento per la riduzione dei rifiuti 60x90_IT 20/11/09 15:33 Pagina 1 1 Troppi rifiuti La produzione di rifiuti urbani è quasi raddoppiata in 30 anni ed è pari ad una media di 522 kg per abitante all anno che significa 10 kg alla settimana.

Dettagli

La Responsabilità Estesa del Produttore come approccio alla prevenzione

La Responsabilità Estesa del Produttore come approccio alla prevenzione Venezia, 11 dicembre 2015 La Responsabilità Estesa del Produttore come approccio alla prevenzione Alberto Ferro UTILITALIA - Il punto di vista dei gestori UTILITALIA è la Federazione delle Aziende operanti

Dettagli

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca PREFAZIONE Nel marzo del 2005, i leader dell UE hanno rilanciato la strategia di Lisbona con un nuovo partenariato per la crescita e l occupazione. La costruzione della società della conoscenza e una crescita

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI

Università degli Studi di Firenze. Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI Università degli Studi di Firenze Facoltà di Architettura Dipartimento di Tecnologia e Design Pierluigi Spadolini Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI Programma

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore Anno scolastico 2012/2013 INTRODUZIONE I ragazzi del Consiglio Comunale dei

Dettagli

Progetto Aniene Green Net. Quadro generale e aggiornamenti

Progetto Aniene Green Net. Quadro generale e aggiornamenti Progetto Aniene Green Net Quadro generale e aggiornamenti Una ricchezza del nostro territorio: I boschi Produzione stimata totale annua: 35 121 tonnellate di massa legnosa (stima dell Università della

Dettagli

GUIDA A UNA VITA CON MENO RIFIUTI SPAZIO PER LOGO PARTNER

GUIDA A UNA VITA CON MENO RIFIUTI SPAZIO PER LOGO PARTNER GUIDA A UNA VITA CON MENO RIFIUTI SPAZIO PER LOGO PARTNER IL PROGETTO ZEROWASTE PRO IL TEMA DEI RIFIUTI Il tema dei rifiuti riguarda tutti noi. Stiamo producendo una sempre maggiore Per ulteriori informazioni

Dettagli

Ricerche alunni 2015-16 dal piano 20.20.20 alla COP21 SPUNTI PER MAPPA CONCETTUALE ESAME

Ricerche alunni 2015-16 dal piano 20.20.20 alla COP21 SPUNTI PER MAPPA CONCETTUALE ESAME Ricerche alunni 2015-16 dal piano 20.20.20 alla COP21 SPUNTI PER MAPPA CONCETTUALE ESAME PIANO 20 20 20 Si tratta dell insieme delle MISURE pensate dalla UE per il periodo successivo al termine del Protocollo

Dettagli

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Perché riforestazione? Il Protocollo di kyoto Accordo internazionale firmato a Rio de Janeiro nel 1992 durante lo storico Summit sulla Terra. Entato

Dettagli

Quadro finanziario pluriennale dell Unione europea (UE) per il periodo 2014-2020. Cristiano "R"ipoli

Quadro finanziario pluriennale dell Unione europea (UE) per il periodo 2014-2020. Cristiano Ripoli Quadro finanziario pluriennale dell Unione europea (UE) per il periodo 2014-2020 All interno di una «politica di coesione» (Politica di coesione 2014-2020)......mobilitare fino a 366,8 miliardi di euro

Dettagli

D i r e t t i v a Z O N E A B A S S E E M I S S I O NI Versione: Novembre 2015

D i r e t t i v a Z O N E A B A S S E E M I S S I O NI Versione: Novembre 2015 D i r e t t i v a Z O N E A B A S S E E M I S S I O NI Versione: Novembre 2015 Le zone a basse emissioni o a traffico limitato (LEZ/ZTL) sono aree che impongono limiti alle emissioni dei veicoli e vietano

Dettagli

Il Manifesto dei Giovani Europei contro il Tabacco

Il Manifesto dei Giovani Europei contro il Tabacco Il Manifesto dei Giovani Europei contro il Tabacco Premessa Noi, i giovani d Europa, siamo profondamente preoccupati dall impatto che il fumo e il fumo passivo hanno sull individuo. Tenendo presente che

Dettagli

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI Osservatorio Energia Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA PREMESSA Nel marzo 2007, l Unione europea ha varato il primo concreto

Dettagli

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE DELLA RICERCA Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea Quesiti più frequenti Cos è il programma quadro (PQ) di ricerca dell Unione europea? Il PQ

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

Milano Roma Cagliari Duisburg. www.landsrl.com

Milano Roma Cagliari Duisburg. www.landsrl.com Perchè lo facciamo? Progettare singoli parchi non è più sufficiente. Bisogna dare vita ad un continuum ambientale. Il nostro interesse è dimostrare un approccio di tutela ambientale attraverso la progettualità.

Dettagli

Perché aspettare? Passate subito ai combustibili rinnovabili!

Perché aspettare? Passate subito ai combustibili rinnovabili! 5 settembre 2007 Perché aspettare? Passate subito ai combustibili rinnovabili! Scania continua a sostenere che il passaggio ai combustibili rinnovabili possa e debba essere iniziato immediatamente. Sul

Dettagli

I.P. SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. Guardate il video. www.mondigroup.com/gogreen. Europe & International

I.P. SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. Guardate il video. www.mondigroup.com/gogreen. Europe & International I.P. Europe & International LA storia VErA degli IMBALLAGGI VErdI SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. /gogreen Guardate il video Una storia vera Affermazioni green Fatti green Green Range L IMBALLAGGIO

Dettagli

La normativa sui rifiuti di apparecchiature elettriche

La normativa sui rifiuti di apparecchiature elettriche La normativa sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) AIRI TUTORIAL MEETING TECNOLOGIE MODERNE ED EMERGENTI PER LE PMI Perché una regolamentazione La politica ambientale dell'unione

Dettagli

TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile (R.0)

TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile (R.0) TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile Milano 3/20141 (R.0) Perché il Fotovoltaico? La storia dell Umanità ci conferma la stretta correlazione che ha legato e lega sempre di più lo sviluppo socio-economico

Dettagli

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century)

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) SCHEDA 6 La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) Quarta Conferenza Internazionale sulla Promozione

Dettagli

RICICLO ECO EFFICIENTE

RICICLO ECO EFFICIENTE RICICLO ECO EFFICIENTE L industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia I temi del rapporto L industria del riciclo e la green

Dettagli

8,5 7,9 7,3 6,3 5,7 5,1 5,2 4,2 2,4 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010-1,3

8,5 7,9 7,3 6,3 5,7 5,1 5,2 4,2 2,4 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010-1,3 Panoramica del settore delle energie rinnovabili in Romania La Romania si trova nel centro geografico d'europa (nel sud-ovest del centro Europa). Il paese ha 21,5 milioni di abitanti e si estende su una

Dettagli

ICE AGENZIA ZAGABRIA 06/2015 NEWSLETTER DESK. RURALE finanziamneti APPROVATO IL

ICE AGENZIA ZAGABRIA 06/2015 NEWSLETTER DESK. RURALE finanziamneti APPROVATO IL Le microimprese, le piccole e l'artigianato, Fondi provenienti dai fondi UE e Piu facile accesso ai finanziamenti. Per le micro e piccole imprese e l'artigianato sono previsti 119 milioni di kune (ca.

Dettagli

Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy

Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy n. 022 - Martedì 31 Gennaio 2012 Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy Questo breve report dell Agenzia Europea per l'ambiente prende in esame il ruolo del riciclo nella

Dettagli

Quale cibo per il futuro?

Quale cibo per il futuro? Quale cibo per il futuro? C. Forni Laboratorio di Botanica e Fitotecnologie Università degli Studi di Roma Tor Vergata forni@uniroma2.it Frascati Scienza 22 9 14 1 Le piante sono costituite da tante molecole

Dettagli

Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI

Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI Decreto Legislativo 30 maggio 2005, n. 128 Attuazione della direttiva 2003/30/CE relativa alla

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme Possibilità di finanziamento per le imprese LIFE+ Programma Cip: EIE ICT PSP ENPI

Dettagli

Consiglio Informale dei Ministri dell Ambiente. Nota. Sessione Crescita verde: inverdimento del Semestre europeo. e Strategia europea 2020

Consiglio Informale dei Ministri dell Ambiente. Nota. Sessione Crescita verde: inverdimento del Semestre europeo. e Strategia europea 2020 Consiglio Informale dei Ministri dell Ambiente Nota Sessione Crescita verde: inverdimento del Semestre europeo e Strategia europea 2020 Milano, 16 luglio 2014 15.00-18.00 1) Introduzione Il Semestre europeo

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per le petizioni COMUNICAZIONE AI MEMBRI

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per le petizioni COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2004 Commissione per le petizioni 2009 24.4.2009 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 219/2008, presentata da Javier San Martin Larrinoa, cittadino spagnolo, che protesta contro

Dettagli

Il nostro Mondo. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. Una scoperta!

Il nostro Mondo. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. Una scoperta! Il nostro Mondo COMPLETA UNA DELLE ATTIVITÀ PROPOSTE IN QUESTO CAPITOLO CON LA TUA CLASSE O IL TUO GRUPPO. PRESENTA I TUOI RISULTATI A SCUOLA, AL TUO GRUPPO, AI TUOI AMICI E VICINI. Una scoperta! Chiedi

Dettagli

POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA

POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA Il Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA IL QUADRO DI RIFERIMENTO EUROPEO Le politiche e misure per la crescita e lo

Dettagli

www.dirittoambiente. net

www.dirittoambiente. net ACCORDI DI PROGRAMMA PER IL RITIRO DEI RAEE: NOVITÀ INTRODOTTE A SETTEMBRE 2012 A cura della Dott.ssa Barbara Zecchin Nel marzo scorso Anci e CdC RAEE hanno siglato il nuovo accordo di programma, in sostituzione

Dettagli

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO Il settore energetico è ormai ampiamente orientato verso l utilizzo delle fonti di energie alternative, in particolare verso l'energia solare. L impiego

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

2. La presente direttiva non si applica alle attività il cui unico fine è la difesa o la sicurezza nazionale.

2. La presente direttiva non si applica alle attività il cui unico fine è la difesa o la sicurezza nazionale. Direttiva 23 luglio 2014, n. 2014/89/Ue (Guue 28 agosto 2014 n. L 257) Capo I Disposizioni generali Articolo 1 - Oggetto 1. La presente direttiva istituisce un quadro per la pianificazione dello spazio

Dettagli

Gli Italiani, il cibo e la sostenibilità ambientale

Gli Italiani, il cibo e la sostenibilità ambientale Gli Italiani, il cibo e la sostenibilità ambientale Marilena Colussi Direttore di ricerca Food e Retail GPF Roma 4 novembre 2010 CONSUMI ALIMENTARI IN TEMPO DI CRISI 1 La difesa dell ambiente è ampiamente

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

VERSIONE NON UFFICIALE

VERSIONE NON UFFICIALE VERSIONE NON UFFICIALE DICHIARAZIONE CONGIUNTA DEI MINISTRI DELL ENERGIA, DEL COMMISSARIO EUROPEO E DEI MINISTRI DELL ENERGIA DI ALGERIA, AUSTRALIA, BRASILE, CINA, EGITTO, INDIA, INDONESIA, COREA, LIBIA,

Dettagli

Fare di più con meno Iniziativa nell ambito della Strategia di Lisbona. Direzione generale Energia e trasporti 1

Fare di più con meno Iniziativa nell ambito della Strategia di Lisbona. Direzione generale Energia e trasporti 1 Libro verde sull efficienza energetica Fare di più con meno Iniziativa nell ambito della Strategia di Lisbona Direzione generale Energia e trasporti 1 Il precedente: Il Libro verde sulla sicurezza dell

Dettagli

9524/16 cip/tar/s 1 DG G 3 C

9524/16 cip/tar/s 1 DG G 3 C Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 26 maggio 2016 (OR. en) 9524/16 RISULTATI DEI LAVORI Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni IND 111 RECH 207 TELECOM 99 MI 389 COMPET

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA ALLEGATO D DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA Commercio equo e solidale 1. Il commercio equo e solidale è l attività di cooperazione economica e sociale finalizzata a consentire o migliorare

Dettagli

2014-2020. Horizon. Decisione n.1313/2013/eu - Union Civil Protection Mechanism

2014-2020. Horizon. Decisione n.1313/2013/eu - Union Civil Protection Mechanism 2014-2020 Horizon Decisione n.1313/2013/eu - Union Civil Protection Mechanism Regolamento (UE) n. 1291/2013 che istituisce Horizon 2020 - il programma quadro di ricerca e innovazione (2014-2020) Base giuridica

Dettagli

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico In questa sezione si analizzano gli aspetti economici, ambientali ed occupazionali collegati alla sviluppo del fotovoltaico. Aspetti economici Per quanto

Dettagli

CDP: GUIDARE IL CAMBIAMENTO SOSTENIBILE DELL ECONOMIA

CDP: GUIDARE IL CAMBIAMENTO SOSTENIBILE DELL ECONOMIA CDP: GUIDARE IL CAMBIAMENTO SOSTENIBILE DELL ECONOMIA CDP (ex Carbon Disclosure Project) è un organizzazione no profit internazionale che fornisce ad imprese, governi ed investitori l unico sistema globale

Dettagli

Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico?

Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico? Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico? Ing. Paolo M. Rocco Viscontini Enerpoint S.r.l. IEFE Milano 29 Aprile 2005 Il fotovoltaico è ancora troppo costoso: non vale la

Dettagli

517millioni. Tonnellate di CO2 risparmiate all anno

517millioni. Tonnellate di CO2 risparmiate all anno MAKING MODERN LIVING POSSIBLE Inizia subito a risparmiare energia e CO2 Le soluzioni sono pronte! 517millioni Tonnellate di CO2 risparmiate all anno se in Europa venisse raddoppiato l utilizzo del teleriscaldamento

Dettagli