Responsible Care L'impegno dell'industria Chimica per la Sicurezza, la Salute, l'ambiente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Responsible Care L'impegno dell'industria Chimica per la Sicurezza, la Salute, l'ambiente"

Transcript

1 Responsible Care L'impegno dell'industria Chimica per la Sicurezza, la Salute, l'ambiente

2 Il S.E.T. è gestito da: Via Giovanni da Procida Milano Tel Fax Il presente documento è stato pubblicato nel mese di marzo 2014.

3

4 Presentazione del 7 Rapporto S.E.T. Anno Il S.E.T., Servizio Emergenze Trasporti è stato costituito nel 1998 come Programma volontario promosso da Federchimica, a cui aderiscono Imprese ad essa associate e a cui partecipano anche altre Imprese ed Associazioni, interessate a cooperare con le Autorità Pubbliche per prevenire e gestire eventuali incidenti derivanti dal Trasporto dei prodotti chimici. Quest anno intendiamo presentare il 7 Rapporto S.E.T., all interno del quale sono contenute informazioni sulla logistica chimica in Italia, l incidentalità nel Trasporto e l attività del S.E.T.. Infatti, la raccolta dei dati, le analisi delle informazioni e la valutazione delle decisioni assunte costituiscono la base razionale per monitorare e prevenire le emergenze nei trasporti dei prodotti chimici nel nostro Paese. Come risulta dal 7 Rapporto S.E.T., l Italia ha registrato ancora un elevata movimentazione di Merci su Strada e inevitabilmente tale fenomeno ha comportato un elevato tasso di incidentalità: nel 2011 si sono verificati incidenti su Strada, di cui con veicoli commerciali dei quali 241 trasportanti Merci Pericolose. Il S.E.T. ha, però, ancora una copertura minima del fenomeno: ricordiamo, infatti, che dal 1998 a fine 2012 il S.E.T. ha registrato 339 Interventi. Il Lavoro delle Imprese che aderiscono al S.E.T. è stato comunque significativo, anche nello scorso anno: complessivamente conta 46 Imprese, oltre a 2 Associazioni Imprenditoriali di Settore; 55 Squadre di Intervento; 12 Professionisti impegnati a Tempo Pieno Equivalente nel Centro di Risposta Nazionale; oltre Prodotti Chimici inseriti nella Banca Dati; 3 Simulazioni internazionali effettuate con 17 Paesi dell area europea. L interazione con le Autorità dei Vigili del Fuoco e con le altre Autorità Nazionali preposte alla Prevenzione delle Emergenze dimostra lo spirito di cooperazione delle competenze e delle esperienze che fanno del S.E.T. un caso di eccellenza d integrazione pubblico privata, pur nel rispetto dei differenti ruoli e competenze. Sono convinto che questo 7 Rapporto SET Anno 2013 possa contribuire alla crescita delle sinergie professionali e allo sviluppo di nuove iniziative con i Vigili del Fuoco, per una efficace politica di prevenzione e gestione delle emergenze nel Trasporto di prodotti chimici, nell interesse comune e con la consapevolezza di offrire un Servizio sempre più qualificato e apprezzato a vantaggio della sicurezza e della tutela del territorio. Gerardo Stillo Presidente Commissione Direttiva S.E.T. - Servizio Emergenze Trasporti

5 Il S.E.T., parte integrante del Programma Responsible Care. Con grande piacere mi affianco al Presidente della Commissione Direttiva S.E.T. nell introdurre e illustrare il 7 Rapporto S.E.T.. Già nella costruzione del XIX Rapporto Responsible Care, come per le precedenti edizioni, abbiamo utilizzato i dati e le informazioni che le Imprese Aderenti al Servizio Emergenze Trasporti ci hanno fornito. Ciò è un segnale dell integrazione dei valori e dei comportamenti responsabili che questi Programmi hanno saputo creare e consolidare nel tempo, coniugando le componenti della Sicurezza, Salute e Ambiente nei luoghi di Lavoro con quelle specifiche della Distribuzione Fisica dei Prodotti, anche interagendo con le attività istituzionali delle Autorità Pubbliche. L impegno mio, come Presidente della Commissione Direttiva Responsible Care, e dei suoi Componenti è di contribuire a far aumentare l adesione da parte delle attuali 166 Imprese di Responsible Care al Servizio Emergenze Trasporti (per ora limitata a 40 di esse nel 2014): sono convinto che, mano a mano che il mondo pubblico da un lato e il mondo privato dall altro apprezzeranno maggiormente la responsabilità socio ambientale delle Imprese Chimiche, il ruolo del S.E.T. per la prevenzione e la gestione delle emergenze nella distribuzione fisica dei prodotti chimici risulterà un fattore strategico per lo sviluppo sostenibile dell Industria Chimica nel nostro Paese. Cosimo Franco Presidente Commissione Direttiva Responsible Care Federchimica

6 Forte correlazione tra PIL e Movimentazione... 3 Non solo Strada... 4 I Trasporti in Italia: meglio dell UE... 5 Tipologie di movimentazione... 6 La sicurezza è in aumento... 7 Pochi incidenti con i Commerciali... 8 Meno incidenti con Merci Pericolose... 9 L Autostrada è la via più sicura Conclusioni Il trasporto stradale è il più inquinante Le emissioni nei trasporti: ridotte del 6,9 % in due anni Conclusioni Il Servizio S.E.T.: aumentata la richiesta Le Sostanze Chimiche: sono il 4,5 % di quelle coinvolte Operatività e potenzialità Il Servizio e il territorio Le attivazioni S.E.T Le Regioni a Rischio Ambientale utilizzano il S.E.T Conclusioni La struttura e i collegamenti... 24

7 Interventi ICE Il confronto in termini di efficienza Conclusioni I Soggetti che hanno attivato il S.E.T. nel La bibliografia Altre Informazioni... 31

8 Il 7 Rapporto S.E.T. raccoglie, analizza ed elabora dati ed informazioni da molteplici Fonti, esterne ed interne al Servizio stesso. Nel dettaglio: - Logistica dei Prodotti Chimici in Italia, in virtù della presenza di dati diversificati e specifici. È necessario precisare che la pubblicazione dei dati statistici si riferisce, quasi nella totalità dei casi, all anno precedente la stesura del Rapporto S.E.T.. In questa Edizione i dati di riferimento sono aggiornati al 2012 oppure, in mancanza di una più recente battitura, al Riscontro della frequenza e della tipologia degli Incidenti nel Trasporto Commerciale, per il quale le fonti più attendibili e dettagliate risultano essere l ISTAT ed il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. In riferimento al Trasporto di Merci Pericolose sono editati i dati EUROSTAT e dei VV.F. poiché forniscono rapporti più particolareggiati ed aggiornati. - Dati ed informazioni sull attività del Servizio S.E.T. e riguardanti i collegamenti internazionali, sono di produzione propria del Rapporto S.E.T. : rendono pertanto un istantanea esatta del suo essere. La Commissione Direttiva S.E.T. ritiene che il Rapporto S.E.T. stesso sia uno strumento sufficientemente attendibile per l analisi delle problematiche logistiche in generale, altresì dei Chemicals in particolare. Il Rapporto S.E.T. si pone inoltre come fine, oltre a quelli già sopracitati, di essere un Sistema informativo razionale (il più completo possibile) per le valutazioni da parte delle Imprese interessate all implementazione della gestione del rischio riguardo la catena del Valore aggiunto chimico, in Italia. Il 7 Rapporto S.E.T. è costituito di 4 Parti e Allegati, oltre a contenere informazioni riguardanti i Soggetti che aderiscono e partecipano al S.E.T.. Il S.E.T. fu costituito nel 1998 e dal 2005 ha iniziato a redigere il Rapporto sulle attività che lo riguardano. La presente 7 edizione rappresenta una ulteriore conferma del Valore dell iniziativa e della sua solida realtà a cui le Imprese possono fare riferimento. 1

9 di seguito è riportato il Glossario dei termini convenzionali e delle Classi di Merci Pericolose utilizzati nel presente Rapporto. Classi di Merci Pericolose: Classe 1 - Classe 2 - Classe 3 - Classe Classe Classe Classe Classe Classe Classe Classe 7 - Classe 8 - Classe 9 - Materie e oggetti esplosivi Gas Liquidi infiammabili Solidi infiammabili, materie autoreattive ed esplosivi solidi desensibilizzati Materie soggette ad accensione spontanea Materie che, a contatto con l acqua, sviluppano gas infiammabili Materie comburenti Perossidi organici Materie tossiche Materie infettanti Materiali radioattivi Materie corrosive Materie e oggetti pericolosi diversi Termini convenzionali: MP: Merci Pericolose Incidente ferroviario: incidente che coinvolga almeno un veicolo ferroviario in movimento. Sono esclusi gli incidenti nelle officine, nei magazzini o nei depositi. Incidente ferroviario grave: qualsiasi incidente che, coinvolgendo almeno un veicolo ferroviario in movimento, causa un decesso o un ferito grave, e/o danni significativi a materiale, binari, altri impianti o all ambiente (per un valore superiore a euro), e/o un interruzione prolungata del traffico (maggiore di sei ore o in cui i passeggeri siano stati trasferiti su un altro treno). Sono esclusi gli incidenti nelle officine, nei magazzini o nei depositi. Ferito grave: qualsiasi ferito ospedalizzato per più di 24 ore a causa di un incidente. Sono esclusi i tentativi di suicidio. Unità di misura: tkm tonnellate per kilometro. t tonnellate 2

10 Forte correlazione tra PIL e Movimentazione Come risulta da Tav. 1, esiste una forte correlazione tra la quantità di Merci movimentate nel Paese rispetto il PIL. Tale condizione è verificata anche nel 2012: si registra, infatti, una diminuzione del 7,0% di Merci movimentate a fronte di una variazione negativa del PIL pari al 2,4 %. 3

11 Non solo Strada La Tav. 2 riporta, nel dettaglio, le modalità di trasporto per le 185 miliardi di tkm (tonnellate per kilometro, n.d.r.) di merci trasportate in Italia nel Si consolida in particolare l utilizzo del trasporto stradale per una quota inferiore al 60% del trasporto totale. 4

12 Il trasporti in Italia meglio dell UE La Tav. 3 conferma come l Italia attesti il trasporto su strada al di sotto del valore medio europeo, dimostrando in tal modo il virtuosismo delle Imprese Italiane. In particolare si nota come le Imprese aderenti al S.E.T. siano dimostrazione di tale virtuosismo. 5

13 Tipologie di movimentazione La predominanza del trasporto stradale, anche se in diminuzione, è stata oggetto di analisi in Tav. 4. Nel dettaglio sono riportate le tkm di merci trasportate in Italia su strada, per un totale di 124 milioni di tkm annue, mostrando una diminuzione per il 2012 di circa il 13 % rispetto al L analisi della tipologia di merci trasportate permessa dalla Tav. 4, su strada in Italia, riporta come solo il 6,7 % (pari a 8,3 milioni di tkm) del totale siano Merci Pericolose. È stata analizzata anche la quota relativa ai soli Prodotti Chimici movimentati, pari a 7,3 milioni di tkm del totale: di questi Prodotti Chimici, solo il 57,9 % (pari a 4,2, milioni di tkm) è classificato come Prodotto Chimico Pericoloso dalle Normative Internazionali, incidendo solo per il 3,5 % sulla movimentazione totale. Federchimica ha attivato il Servizio di Emergenza Trasporti S.E.T. per fornire Assistenza alle Imprese Aderenti e alle Pubbliche Autorità nel caso di incidenti stradali coinvolgenti Merci Pericolose. 6

14 La sicurezza è in aumento Nel 2011 (ultimi dati disponibili) il totale degli incidenti, verificatisi nel trasporto in Italia, è in forte calo. Come si evince in Tav. 5 il 99,9 % ( eventi registrati) dei sinistri avviene su strada ma solo il 15 % risulta di gravità tale da richiedere l intervento dei Vigili del Fuoco. 7

15 Pochi incidenti con i Commerciali In Tav. 6 si nota che gli incidenti coinvolgenti Veicoli Commerciali sono pari al 12 % del totale. I Sinistri coinvolgenti Veicoli Commerciali trasportanti Merci Pericolose, su strada, sono solo 241. Inoltre, gli incidenti Ferroviari gravi, ovvero comportanti conseguenze fisiche per personale addetto/passeggeri o interruzione del servizio per un periodo superiore alle 4 ore, sono solo

16 Meno incidenti con Merci Pericolose La Tav. 7 riporta il calo degli Incidenti Stradali coinvolgenti Merci Pericolose e analizza le Classi coinvolte. Si evince come dei soli 241 sinistri occorsi nel 2011, in calo del 20 % negli ultimi 5 anni, la quota riguardante i gas sia di circa il 40%. Considerato che in Italia buona parte delle sostanze pericolose coinvolte negli incidenti è rappresentato da Gas, Assogasliquidi ha stipulato un Accordo con il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco per la gestione delle emergenze GPL. L accordo prevede l individuazione e l adozione di attrezzature, di procedure operative e di processi formativi unificati, al fine di costituire uno strumento per realizzare, in tempi contenuti, interventi risolutivi in caso di incidente. Un apposito gruppo di lavoro si occupa della selezione di attrezzature e della definizione di Centri da attrezzare, sia privati che dei Vigili del Fuoco, in aggiunta a quelli già esistenti. 9

17 L Autostrada è più sicura. In Tav. 8 si riporta come gli incidenti verificatisi sulla Rete Autostradale siano solo il 5,4 % del totale sinistri occorsi su strada. La Rete Autostradale con i suoi km copre attualmente il 3,7 % della Rete totale stradale (pari a km) 1. 1 Il dato relativo all estensione della rete stradale è relativo al 2011 ma, in virtù dell aggiornamento della designazione del tipo di strada introdotto con dell assetto giuridico/amministrativo, disposto dal Decreto Legislativo 31 marzo 1998 n. 112 che ha interessato la rete viaria nazionale, potrebbe subire variazioni. 10

18 Conclusioni L analisi della Parte Prima del 7 Rapporto S.E.T. mette in evidenza che: - vi è forte correlazione tra PIL e movimentazione merci, infatti, come mostrato in Tav.1 ad una contrazione del PIL pari a 2,4 % segue un calo del 7,0 % della movimentazione merci. - in Italia la movimentazione merci è distribuita meglio che in Europa, la quota stradale è 55,5 % del totale e l utilizzo delle vie d acqua e ferroviarie è maggiore che in Europa (come mostrato in Tav.2 e Tav.3). In Tav.4 è mostrato come solo il 6,7 % (8,3 milioni di tkm) del totale Merci movimentate siano Merci Pericolose. - la sicurezza dei trasporti aumenta (Tav.5); la quasi totalità degli incidenti si verifica su strada e solo il 15 % è così grave da richiedere l intervento dei Vigili del Fuoco; - sono diminuiti gli incidenti stradali riguardanti le Merci Pericolose, 241 sinistri registrati (Tav.6), coinvolgendo per la maggior parte dei casi (84 %) gas, liquidi infiammabili e materie corrosive (Tav.7); - la Tav.8 mostra come l Autostrada sia la via più sicura per trasportare le merci su strada con solo il 5,4 % dei sinistri registrati rispetto al totale; - Gli incidenti nei trasporti in Italia sono in costante diminuzione; il 99,9 % dei sinistri si verificano su strada e solo il 15 % di questi richiede l intervento dei Vigli del Fuoco. - I sinistri avvenuti in Autostrada sono circa il 5 % del totale. Rimane gradita conferma il basso numero di sinistri registrati nel trasporto ferroviario. 11

19 Il Database Europeo degli incidenti nel trasporto dei chemicals. Il Progetto LoSaMedChem (How could the logistics and the safety of chemicals be improved in the Mediterranean area), iniziato nel giugno del 2010, ha ormai concluso il suo corso il 31 maggio del 2013, lasciando in mano ai Partner del progetto una serie di utili strumenti come risultato del lavoro degli ultimi tre anni. Dapprima è stata realizzata l analisi dei punti di forza e di debolezza, delle opportunità e dei rischi (SWOT Analysis) delle realtà regionali dei Partners coinvolti, con riferimento alla logistica e, più in particolare, al trasporto dei prodotti chimici. Successivamente, i singoli Partners hanno elaborato, sulla base delle indicazioni emerse, diversi studi di fattibilità, sviluppati per costituire delle proposte di intervento volte al superamento di colli di bottiglia e criticità rilevate durante la SWOT Analysis. È stato infine sviluppato un Database degli Incidenti coinvolgenti sostanze chimiche: lo scopo è di creare un Know How delle casistiche di incidentalità chimiche. La Banca Dati Incidenti S.E.T. è stata scelta come base di lavoro, per elaborazioni statistiche, a partire da un duplice motivo: si può usufruire della struttura già consolidata e funzionante e, allo stesso tempo, si può arricchire il Database con ulteriori incidenti soprattutto a livello internazionale. Le informazioni inserite per descrivere gli incidenti sono state concordate tra i Partner del progetto in modo da fornire tutte le indicazioni necessarie per alimentare il Know How senza utilizzare alcun dato sensibile. Il Database è consultabile al link 12

20 Le Emissioni complessive di Gas Serra, riferite per l Italia all anno 2011, sono diminuite del 5.8% rispetto al Si è ridotto su base annua (biennio ) il Valore complessivo di Emissioni di un ulteriore 2.3%. Il Trasporto stradale è il più inquinante Come mostrato in Tav.9, le emissioni totali sono in diminuzione anche se il PIL è in calo (Tav.1). Il 24 % delle emissioni totali nel 2011 è dovuto ai trasporti e la modalità stradale è stata responsabile dell emissione di 117,8 Mt CO 2 eq: di questa quota solo 1/3 (pari a 39 Mt CO 2 eq) è dovuta al trasporto di merci. L incidenza del trasporto di prodotti chimici, sul totale delle merci trasportate su gomma (Tav.4) è del 5,8 % che corrisponde a sole 2,3 Mt CO 2 eq. Questo dato risalta il virtuosismo della Logistica chimica in Italia. 13

21 Le emissioni nei trasporti ridotte del 6,9 % in due anni In Tav.10 sono confrontate le emissioni (kt CO 2 eq) di differenti tipi di Gas Serra. I Gas di riferimento (CH 4, N 2 O, CO 2 ) sono diminuiti del 6.9% nel biennio La diminuzione degli inquinanti specifici di riferimento, sempre nell ultimo decennio ( ), è di rilevante quantità: il Gas metano (CH 4 ) è stato ridotto del 56 %; il protossido di azoto (N 2 O) del 49 %; l anidride carbonica (CO 2 ) dell 8 %. Conclusioni L analisi della Parte Seconda del 7 Rapporto S.E.T. mette in evidenza che: - la costante diminuzione dal 2005 ad oggi delle emissioni di CO 2 è un forte segnale positivo e di conferma dei provvedimenti adottati - il trasporto passeggeri su gomma è il metodo di movimentazione più inquinante in termini di emissione di Gas Serra; - il trasporto di merci contribuisce solo al 33,6 % della quota totale di emissioni dovute al trasporto su strada ma di questa quota meno del 6 % è dovuta alla Logistica di prodotti chimici; - nei trasporti, le emissioni di Gas Serra sono state ridotte del 6,9 % in due anni. 14

22 La Direttiva 2003/30/CE dell 8 Maggio 2003 richiede una visione economica, circa la produzione di carburanti per autotrazione, improntata alla sostenibilità. In Italia, un progetto firmato dal Gruppo Mossi&Ghisolfi permette di partire da biomasse ligno-cellulosiche per produrre bioetanolo di II generazione. La bioraffineria, situata a Crescentino (VC), è stata inaugurata il 9 ottobre 2013 e produrrà circa tonnellate annue di bioetanolo. Per questa produzione si utilizza una nuova tecnologia chimica PRO.E.SA.TM. (PROduzione di Etanolo da biomassa) con cui si ottiene etanolo da biomassa, combinata con gli enzimi che utilizzano gli zuccheri per ottenere alcol e carburanti con minori emissioni di gas climalteranti. La biomassa utilizzata non derivante da colture per alimentazione umana o animale, ma da residui agricoli, si affianca all utilizzo di una particolare specie di canna da zucchero (Arundo Donax), coltivata nei terreni marginali a quelli destinati alla produzione alimentare che assicura una significativa capacità di sequestro della CO 2 nell area in cui viene cresciuta e riduce l utilizzo di acqua e fertilizzanti grazie all elevata resa per ettaro. Inoltre la componente lignea della biomassa non utilizzabile nel processo si ricicla come combustibile per gli impianti di generazione elettrica: l impianto è così funzionante in totale autonomia energetica (13MW). La realizzazione del progetto ha previsto anche la creazione di uno scalo ferroviario dedicato, con le seguenti caratteristiche: - Linea: Alessandria Casale Chivasso - A binario semplice completamente elettrificato - Categoria: C3 peso max per asse: 20 ton. - DCO: Alessandria; attrezzata con CTC e BCA - Posizionamento IBP: tra Crescentino (3,2 Km) e Borgo Revel (3,8 Km) - Traffico corrente: 1 treno/ora per ciascun senso di marcia Lo scalo ferroviario permette di inviare 1-2 treni completi a settimana per circa 840 ton di prodotto con destinazione raffinerie e siti di miscelazione. La creazione dello scalo ferroviario consente di ridurre le emissioni di CO 2 in atmosfera, equivalenti a quelle prodotte da circa utilitarie. 15

23 Nel 2012, il S.E.T., ha registrato un numero maggiore di attivazioni rispetto gli anni precedenti. In particolare i Vigili del Fuoco hanno mostrato un più ampio apprezzamento per il Servizio offerto. Tra le Regioni a maggior Rischio Ambientale si registrano la Lombardia, il Veneto e la Liguria, Il Servizio S.E.T. aumentata la richiesta Nel 2012 il Servizio Emergenze Trasporti è stato attivato più che in passato, tuttavia la capacità di risposta ed intervento del Servizio è di molto superiore all attuale richiesta. Affinché si possa procedere nell analisi dei dati sulle attività del S.E.T., occorre sottolineare che: - gli Interventi sono le Richieste di Servizi per Incidenti nel Trasporto; - le Chiamate sono le Richieste non legate a Incidenti nel Trasporto; - le Attivazioni sono la somma di Interventi e di Chiamate. E inoltre opportuno precisare che i quattro Livelli di Intervento forniti dal S.E.T. nel 2012 sono: - il Livello 1, che consiste nell'invio di informazioni sul prodotto coinvolto nell'incidente alle Autorità Pubbliche, supportate anche, preferibilmente, da una lettura critica di queste informazioni e da commenti analitici; - il Livello 2, che prevede l'individuazione di un Tecnico Qualificato che possa essere mobilitato sul posto dell Incidente su richiesta delle Autorità Pubbliche; - il Livello 3, che comporta l'individuazione di una Squadra di Intervento, che possa essere mobilitata sul posto dell Incidente su richiesta delle Autorità Pubbliche; - il livello 4, che fornisce informazioni sanitarie sui prodotti chimici dalla lettura della Scheda di Sicurezza, con eventuale invio della stessa ad un competente centro AntiVeleni. 16

24 Come si rileva in Tav.11, nel 2012 si è registrato un incremento del numero delle Attivazioni del S.E.T. rispetto al 2011: in particolare, ha operato un totale di 7 Interventi, la maggior parte riguardante la Modalità marittima, ed ha risposto a 8 Chiamate. 17

25 Le Sostanze chimiche Sono il 4,5 % di quelle coinvolte Come mostrato in Tav.12, risulta che nel 2011 le Regioni con un più elevato numero di incidenti coinvolgenti Merci Pericolose sono state Veneto, Emilia Romagna e Lombardia. Soltanto il 4,6% degli incidenti con Merci Pericolose ha visto il coinvolgimento di sostanze chimiche. 18

26 Operatività e potenzialità La Tav.13 riporta l analisi dell andamento degli Interventi da parte del S.E.T.. Si evidenzia come il Servizio sia intervenuto nel 4,6 % del totale degli Incidenti coinvolgenti Merci Pericolose, nel

27 Il Servizio e il territorio La copertura territoriale delle Squadre S.E.T. è a livello Nazionale e avviene con tempi di risposta contenuti. Come evidenziato in Tav. 14, la distribuzione territoriale delle Squadre S.E.T. è molto ben ripartita: sono in grado di coprire l intero territorio Nazionale con tempi di Intervento contenuti. È bene precisare che ogniqualvolta si registra un Incidente che richieda un Intervento di Livello 3, il Centro di Risposta Nazionale S.E.T. è in grado di individuare il sito presso cui è disponibile una Squadra di Intervento attrezzata per emergenze chimiche con personale adeguatamente addestrato sulla base di criteri di: - prossimità geografica; - competenza per prodotto o classe di pericolo; - disponibilità di attrezzature adeguate. Sono inoltre forniti, alle Autorità Pubbliche competenti, i riferimenti del Punto di Contatto Aziendale con cui collegarsi per mobilitare la Squadra. 20

28 Le attivazioni S.E.T. In Tav. 15 si nota come (in linea con l aumento del numero di attivazioni del S.E.T. nell ultimo biennio) i Vigili del Fuoco siano più propensi alla sua attivazione. Nell ultimo anno si osserva anche l attivazione da parte di due Imprese Chimiche e di Castalia. 21

29 Le Regioni a Rischio Ambientale utilizzano il S.E.T. Ulteriore interessante analisi è resa in Tav.16: nel 2012 la terza tra le Regioni a maggior Rischio Ambientale (Liguria) è stata quella che ha utilizzato maggiormente il S.E.T.. La Tav.16 non considera, ovviamente, le chiamate internazionali. Se confrontati, i dati della Tav. 12 (a pagina 18) e i dati della Tav. 16, mostrano che il numero di incidenti coinvolgenti Merci Pericolose trova riscontro nell indice di Rischio Ambientale della Regione di riferimento. 22

30 Conclusioni L analisi della Parte Terza del 7 Rapporto S.E.T. mette in evidenza che: - è aumentata la Richiesta del Servizio S.E.T., tuttavia il Servizio ha la capacità di gestire un numero ben più consistente di Attivazioni; - la copertura territoriale in Italia è pressoché totale con celeri tempi di risposta; - solo il 4,5 % dei 241 sinistri registrati nel 2011, coinvolgenti Merci Pericolose, ha coinvolto Prodotti Chimici Pericolosi. Il Servizio Emergenze Trasporti è un valido e funzionale strumento a supporto delle Autorità Pubbliche le cui potenzialità permettono ampi margini di implementazione del suo utilizzo. 23

31 Per il 2012, il S.E.T., come emerge dal confronto con gli analoghi Servizi Europei ICE per le emergenze nei trasporti di prodotti chimici, ha registrato nei test di simulazione delle emergenze condotti a livello internazionale buone performance di servizio. Questi risultati mostrano l efficienza del S.E.T. nella gestione degli Interventi richiesti. La struttura e collegamenti Le simulazioni condotte annualmente coinvolgono tutti i Centri della rete ICE per saggiarne il livello di affidabilità ove chiamati a intervenire. Alla creazione della rete europea di Intervento ICE concorrono attualmente 18 Paesi (Tav. 17). Il Programma europeo ICE, gestito dal CEFIC, nasce dall'esigenza di supportare le Autorità Pubbliche nelle operazioni per la gestione delle emergenze nel Trasporto di prodotti chimici, fornendo il contributo specialistico del nostro settore per migliorare la qualità e la tempestività degli interventi. 24

32 Interventi ICE In Tav. 18 è riportato il numero di Interventi ICE registrati nei vari Paesi negli ultimi 6 anni. Occorre precisare che per Germania e Olanda i dati riportati comprendono anche Interventi per incidenti di sito, mentre per gli altri Paesi si fa riferimento solo al Trasporto. 25

33 Il confronto In termini di efficienza Anche nel 2012, il S.E.T. è stato chiamato a confrontarsi con gli altri Operatori ICE Europei per verificarne le capacità di intervento in termini di qualità dei servizi e rapidità dei tempi di risposta. Sono stati eseguiti due tipi di esercitazioni: - Test Sofisticato : esercitazione fra il Centro di Risposta ICE di un Paese e il Centro di Risposta ICE di un altro Paese, con richiesta di informazioni che necessitano il coinvolgimento di un Impresa Chimica; - Ring Test : esercitazione in cui un Centro di Risposta ICE chiama tutti gli altri Centri di Risposta ICE per verificare la correttezza delle procedure e dei tempi di risposta. In Tav. 19 sono indicati i tempi medi di risposta dei vari Paesi, rilevati dai 3 Ring Tests effettuati nel Le performances di tutti i Centri di Risposta Nazionale sono peggiorate in termini di tempi medi di risposta ai Ring Tests rispetto al Valore mediano: nel 2012 la media è di 32.4 minuti, mentre nel 2010 era di 25.1 minuti. È comunque importante sottolineare che il S.E.T. ha sempre risposto con informazioni di qualità eccellente in occasione dei Ring Tests e dei Tests 26

34 Sofisticati in cui è stato impegnato nelle simulazioni con i centri ICE degli altri Paesi. Conclusioni Il S.E.T. è parte di una Rete europea più ampia ed articolata, la Rete ICE. Gli standard di risposta e qualità devono soddisfare le severe richieste ICE e il Servizio Emergenze Trasporti, anche nel biennio , ha dimostrato una buona capacità nel gestire richieste di Intervento di Livello 1, che costituiscono la parte prevalente degli Interventi effettuati, mediamente ogni anno. 27

35 28

36 In Tav. 20 sono riportate le attivazioni del S.E.T. da parte degli Utilizzatori, per incidenti nel Trasporto di prodotti chimici. 29

37 Annuario Statistico del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco, 2012 ; CEFIC; Confetra EUROSTAT FederTrasporto; ITF; Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco; Federchimica: 18 Rapporto Responsible Care Anno 2011 ; Federchimica: 19 Rapporto Responsible Care Anno 2012 ; Federchimica: S.E.T. Obiettivi e Modalità Operative 2012 ; Federchimica: 6 Rapporto S.E.T 2011 ; ISTAT: Il Trasporto Merci su Strada anni ; ISTAT: Il Trasporto Ferroviario anni ; Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti: Conto Nazionale delle Infrastrutture e dei Trasporti, Anni ; ISPRA: Annuario dei dati Ambientali 2012 ; 30

38 La Federazione Nazionale dell Industria Chimica a cui aderiscono circa Imprese per un totale di Addetti. Per rappresentare nel modo migliore un ambito così articolato e complesso, la Federazione è divisa in 17 Associazioni di settore, suddivise in 40 Gruppi Merceologici. Gli obiettivi primari di Federchimica sono il coordinamento e la tutela dell Industria Chimica operante in Italia e il supporto allo sviluppo sostenibile delle Imprese Associate. Il S.E.T. Servizio Emergenze Trasporti è stato costituito nel 1998 da Federchimica per fornire un supporto specialistico alle Autorità Pubbliche nella gestione di emergenze nell ambito del Trasporto di prodotti chimici su Strada, per Ferrovia e nel Mare Mediterraneo. Come riportato nella Tav. 21, il S.E.T. opera attraverso un Centro di Risposta Nazionale a Cesano Maderno, attivato dalle Autorità Pubbliche, che agisce in stretta collaborazione con i punti di contatto aziendali e con gli analoghi Centri Europei ICE, per fornire quattro livelli di Intervento: Livello 1: Informazioni sul prodotto coinvolto nell Incidente; Livello 2: Assistenza di un Tecnico Qualificato sul luogo dell Incidente; Livello 3: Assistenza di una Squadra di Intervento Aziendale, sul luogo dell Incidente; Livello 4: Informazione e Interpretazione Sanitaria sui Prodotti Chimici da lettura Scheda di Sicurezza e inoltro della stessa ad un competente Centro AntiVeleni. 31

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Area Affari Generali Servizio Società Partecipate INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Di seguito si riportano i dati relativi alle partecipazioni in società

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria A cura di NE Nomisma Energia Srl Responsabile di Ricerca: Davide Tabarelli (Presidente), Carlo Bevilacqua Ariosti

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

SEA, AIR, LOGISTICS AND CARE IL TRASPORTO NEL SUO ELEMENTO

SEA, AIR, LOGISTICS AND CARE IL TRASPORTO NEL SUO ELEMENTO SEA, AIR, LOGISTICS AND CARE IL TRASPORTO NEL SUO ELEMENTO RAGGIUNGERE IL FINE, CON OGNI MEZZO. PIÙ CHE UNA FILOSOFIA, UNA PROMESSA. INSPED ERA GLOBALE PRIMA ANCORA CHE SI PARLASSE DI GLOBALIZZAZIONE.

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale CDS Master Organizzazione: Trionfo Ligure - Genova RISULTATI 100 METRI MASTER F Serie Unica VILLA GENTILE - 18 Maggio 2013 Ora Inizio: 16:26 - Vento: +0.4 1 4

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Bruxelles, 21 novembre 2001

Bruxelles, 21 novembre 2001 Bruxelles, 21 novembre 2001 A seguito di un indagine avviata nel maggio 1999 la Commissione europea ha appurato che 13 imprese europee e non europee hanno preso parte a cartelli volti ad eliminare la concorrenza

Dettagli

Evola. Evolution in Logistics.

Evola. Evolution in Logistics. Evola. Evolution in Logistics. Viaggiamo nel tempo per farvi arrivare bene. Siamo a vostra disposizione ed operiamo per voi dal 1993, inizialmente specializzati nel mercato italiano e successivamente come

Dettagli

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.)

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.) La stazione di rifornimento M. Rea (SOL S.p.A.) Chi è SOL Il Gruppo SOL Fondata nel 1927, SOL è una multinazionale italiana presente in 23 paesi con oltre 2.500 dipendenti. SOL è focalizzata in due aree

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

molto più lontano Intelligent solutions for HGV drivers

molto più lontano Intelligent solutions for HGV drivers Servizi che vi portano molto più lontano Intelligent solutions for HGV drivers L innovazione al servizio dell autotrasporto: AS 24 apre la strada 1 a rete europea di stazioni dedicate ai mezzi pesanti,

Dettagli

IL GRUPPO DI LAVORO E GLI AUTORI DEGLI APPROFONDIMENTI

IL GRUPPO DI LAVORO E GLI AUTORI DEGLI APPROFONDIMENTI IL GRUPPO DI LAVORO E GLI AUTORI DEGLI APPROFONDIMENTI ALLEGATO II 1 0 R A P P O R T O S U L L A F O R M A Z I O N E N E L L A P A : I L G R U P P O D I L A V O R O E G L I A U T O R I D E G L I A P P

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma Ing. Gaetano Trotta Responsabile Unico di Progetto Nata nel 1978, è una Società di Ingegneria

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di LECCE *** *** *** IV SETTORE SERVIZIO ECONOMICO FINANZIARIO TRIBUTI

COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di LECCE *** *** *** IV SETTORE SERVIZIO ECONOMICO FINANZIARIO TRIBUTI Prot. n. 7889 del 3 Luglio 2013 COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di LECCE *** *** *** IV SETTORE SERVIZIO ECONOMICO FINANZIARIO TRIBUTI ELENCO IN ORDINE CRONOLOGICO DEI PAGAMENTI DEI DEBITI DI SORTE

Dettagli

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause .3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 3Le cause e le origini del cambiamento climatico Il cambiamento climatico

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di TPL

Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di TPL REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche della Mobilità e del Trasporto Pubblico Locale LAZIOSERVICE S.p.A. Progetto Trasporti Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di Obiettivi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia (affiliata all International Society of Doctors for the Environment, in rapporto consultivo con l'organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli