Prodotti. Automobili e veicoli Valentina Fava

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prodotti. Automobili e veicoli Valentina Fava"

Transcript

1 Valentina Fava Agosto 2008 Testo per Storiaindustria.it 1 Ad esclusivo uso didattico. Gli altri diritti riservati.

2 1. Gli esordi della produzione automobilistica italiana: i pionieri Il prodotto automobilistico italiano degli esordi si contraddistingue per l estrema varietà di tipi e modelli che rispecchia la vivacità di un settore industriale appena nato ma già popolato da una molteplicità di piccole ma attivissime imprese concentrate per lo più nell area dei capoluoghi lombardo e piemontese. Le prime automobili di costruzione italiana comparvero all esposizione Nazionale di Torino del Accanto alle vetturette Bernardi della Miari e Giusti e ai tricicli della Prinetti & Stucchi entrambe di Padova, vi erano diversi prodotti frutto dell attività di costruttori attivi nell area torinese: le Daimler dell ingegner Federman, le automobili con motori brevettati da Michele Lanza costruite dalle officine Martina di Torino e, infine, le vetture di Luigi Carrera con motori a benzina a ½ e 3HP. Vi era quindi una serie di carrozzieri e officine che costruivano veicoli su ordinazione montando l allestimento sui telai motorizzati a seconda delle esigenze del cliente, quali i torinesi Marcello Alessio, Locati & Torretta e Rothschild. Si trattava per lo più di produttori che creavano prodotti arditi e originali che piacevano a damerini e giovin signori amanti del pericolo oppure di ex carrozzieri che si confrontavano con il nuovo simbolo di modernità producendo grandi vetture da turismo destinate a essere condotte da chaffeur in livrea, quali quelle della Bianchi di Milano. 2. La belle époque e gli anni Dieci: esportazioni e manifestazioni sportive La doppia anima delle prime vetture italiane, un po giocattoli per amatori benestanti, un po impegnativi status symbol, si trova già nella 16/20 della Diatto di Torino, prodotta nel e nella Laundalet Limousine con motore 40 HP prodotta dal 1907 negli stabilimenti di Sestri Ponente (Ge) della San Giorgio. Le vere protagoniste della belle époque furono però le automobili dei fratelli Ceirano: in primo luogo, la quattro cilindri della torinese Itala che, nel 1907, vinse la Parigi Pechino percorrendo 16 mila chilometri in 44 giorni o nella 25/35 HP della S.c.a.t. (Società Ceirano Automobili Torino) che si contraddistinse nelle edizioni del 1911, 1912 e 1914 della Targa Florio. La fecondità dell industria del auto torinese non si esaurì inoltre nelle pur molteplici attività imprenditoriali riconducibili alla famiglia Ceirano (Itala, Junior, Rapid, S.c.a.t., S.p.a.): sempre a Torino, furono prodotte altre vetture che avrebbero fatto la storia dell automobilismo italiano, quali le Aquila Italiana, le vetturette Temperino o, negli anni Venti, la sportiva Chiribiri. Infine, i successi nelle manifestazioni sportive di quest ultima e delle vetture della milanese Isotta Fraschini contribuirono alla celebrità di cui il prodotto automobilistico italiano godette soprattutto all estero. L automobile italiana dell epoca era destinata all esportazione: il mercato interno era, infatti, assai ristretto: in parte per i costi d acquisto e le alte spese di esercizio; in parte, per la forte tassazione che toccava beni considerati di lusso e non necessari. 3. Il prodotto automobilistico italiano: prodotto di élite in tutti i sensi L automobile italiana del primo ventennio del 900 era un prodotto di élite sotto ogni profilo: essa era oggetto di avanguardia che materializzava le frontiere del progresso tecnico e della modernità; la bottega Lancia di via Ormea a Torino o la fabbrica dell Alfa Romeo al Portello di Milano erano vere e proprie enclaves di perizia tecnica e iniziativa imprenditoriale oltre che di patrimonio professionale: accanto ad imprenditori usciti da circoli nobiliari o piste di velocità lavorava una 2

3 manodopera altrettanto élitaria, fiera dei propri attrezzi e consapevole dell indispensabilità del proprio mestiere. 4. La crisi della piccola ma solida industria: il dopoguerra e gli anni Venti La crisi del 1907 e le difficoltà della riconversione della I Guerra Mondiale portarono a una razionalizzazione e selezione delle imprese attive nel settore, a una relativa riduzione dei modelli e a un aumento dei volumi produttivi per ciascuna impresa. Il periodo della molteplicità e varietà, della piccola ma solida industria volgeva al tramonto: automobili quali la raffinata vettura medio leggera Torpedo 4 C (1922) dell Ansaldo di Genova o la Tipo 24 e 24S 40 hp ( ) della S.p.a. di Torino furono il canto del cigno di una produzione effimera anche se di grande prestigio. Si era alla vigilia di un cambiamento epocale nelle caratteristiche tecnologiche, dei metodi produttivi, del significato sociale del prodotto automobilistico. Il modello zero della Fiat di Torino, presentato al salone di Parigi nel 1912, aveva cilindrata decisamente inferiore rispetto alle altre automobili e fu la prima vettura italiana costruita in serie con l utilizzo della catena di montaggio. Non si trattava ancora di una vettura economica popolare ma segnava un primo passo verso traguardi che sarebbero stati raggiunti quarant anni più tardi. Il panorama automobilistico italiano negli anni Venti si polarizzò attorno ai modelli Fiat e Lancia che rappresentavano due modi diversi e complementari di vivere e progettare l automobile: la Fiat si avviava in modo deciso verso la ricerca di un prodotto automobilistico per tutti frutto dell adattamento alla realtà italiana dei metodi fordisti che Giovanni Agnelli aveva potuto osservare nei suoi ripetuti viaggi americani; dall altra Vincenzo Lancia coglieva e rielaborava l eredità delle imprese di nicchia torinesi puntando su automobili eccellenti dal punto di vista tecnico che, senza essere vetturette da corsa né carrozze con motore, fossero destinate alla fascia di mercato italiano medio-alta e a un pubblico di intenditori. Se già la Theta della Lancia di Torino, prodotta nel , rappresentava un punto di arrivo per la casa che ambiva a realizzare un prodotto pratico e versatile ma raffinato nelle finiture e nella carrozzeria, la ben più innovativa Lambda inaugurò la filosofia progettuale che rese celebre la casa torinese: la concentrazione di due o più elementi strutturali o meccanici sotto la stessa unità di gruppo con funzioni sinergiche. 5. Lancia: dall eleganza formale al primato tecnico Negli anni Venti e Trenta, proprio il carattere innovativo rese le vetture Lancia automobili per eccellenza della buona borghesia italiana che non disdegnava affatto sofisticate e colte discussioni di automobilismo. Si affermò la figura del lancista che enumerava oltre ai membri della scuderia Ferrari e i piloti Brivio, Nuvolari e Chiron anche Galeazzo Ciano e lo stesso re. Simbolo di questo nuovo traguardo fu l Aprilia, presentata a Parigi nel Nonostante l eccezionalità tecnica della sperimentazione Lancia, la storia dell automobilismo italiano associa fasti e miserie del regime fascista alla passione di Mussolini per le Alfa Romeo e al controverso rapporto del Duce con la grande fabbrica Fiat, con Giovanni Agnelli e con i suoi lavoratori. 6. Il fascismo e la guerra totale Gli effetti della politica del regime si riflessero, insieme alla crisi del 1929, sulla società e sull economia italiana e di conseguenza sulla concezione, sulla produzione e sull uso del prodotto automobilistico. Quest ultimo smise di essere merce di esportazione per eccellenza: la crisi del 3

4 1929 penalizzò le esportazioni italiane inducendo a guardare alle potenzialità del mercato interno. In questi anni, si passò dalle unità circolanti sulle strade italiane nel 1920 alle unità del Artefici di questa prima, parziale motorizzazione del paese furono due vetture Fiat: l ultrautilitaria 508 Balilla, del 1932, e la ancor più popolare Topolino, del In realtà, l automobile rimase fino al secondo dopoguerra un sogno di lusso, di velocità e potenza per la maggior parte degli italiani nonostante la propaganda fascista che esaltandone il carattere di massa, amplificava il benessere raggiunto dalla popolazione italiana nel Ventennio. Essa iniziò a divenire accessibile solo alla media borghesia impiegatizia ma il sogno di Ford di un automobile per ogni famiglia era lontano e il potere d acquisto delle masse lavoratrici italiane ancora molto basso. Mancava, infine, il prodotto necessario per sfondare la barriera di un automobilismo ancora di élite. 7. Il periodo del miracolo italiano e della motorizzazione di massa Fu solo nel 1964 che l Italia entrò nel novero dei paesi motorizzati, quando le automobili circolanti raggiunsero i e il ritmo di incremento annuo della motorizzazione toccò il 20,7%. A motorizzare l Italia fu certamente lo straordinario periodo di crescita economica noto come miracolo italiano, ma non secondario fu il lancio della prima vera utilitaria italiana la Fiat 600, presentata al salone di Ginevra il 10 marzo La 600 fu al contempo elemento di consenso e stabilità sociale e stimolo alla ripresa dei consumi. Fu inoltre il frutto di uno straordinario e costoso rinnovamento impiantistico e tecnologico, dell introduzione massiccia di macchine transfer e processi di automazione, che fece della fabbrica torinese di Mirafiori un punto di arrivo del fordismo italiano. Al momento della sua uscita di serie nel 1969, la 600 fu la prima automobile nella storia italiana ad essere stata prodotta in oltre un milione di esemplari. Fu ancora la 600 a inaugurare il passaggio a una nuova logica di prodotto automobilistico: una volta superata l esigenza dell automobile per tutti e tutta uguale, si ridusse l importanza dell innovazione tecnologica e aumentò la cura per le varianti. Si trattava di realizzare, da un lato, modelli leggermente diversi per ciascuna impresa; dall altro, di differenziare il medesimo modello, tramite un continuo restyling, ampliando la scelta nei colori della vernice, nella cilindrata o aumentando gli spazi: la 600 uscirà in versione familiare, l originalissima Multipla, la Nuova 500, entrata in produzione nel 1957, sarà dotata di tetto apribile e di una versione giardinetta, che per aumentare lo spazio interno nel posteriore fu dotata di motore a sogliola. 8. Dalla produzione di nicchia alla produzione in serie: il prodotto automobilistico per i segmenti medio alti Se la maggioranza degli italiani viaggiava finalmente nelle piccole utilitarie, continuava ad esserci in Italia un aristocrazia automobilistica alla guida dell automobile di media o alta cilindrata. Era quest ultimo il sogno di tanti automobilisti italiani negli anni Sessanta. Nonostante i successi delle utilitarie Fiat, la tradizione di prodotto italiano di alto livello e grossa cilindrata non andò perduta. Nel 1950, l automobile più chic tra quelle destinate alle persone di un certo reddito era ancora una Lancia, l Aurelia: se la 600, nel 1955, costava 622 mila lire, la versione sportiva B20 e lo spider America della Lancia arrivavano a costare 3 milioni. Il sogno degli italiani era, però, la Giulietta Sprint dell Alfa Romeo, versione coupé progettata da Bertone o spider disegnata da Pinin Farina che costava solo 2 milioni. La produzione italiana offriva anche di meglio in termini di status e di design: nel 1955, la Ferrari di Maranello lanciava la 250 GT che costava 6 milioni, vi erano poi la 2000 Gran Turismo della bolognese Maserati o la 202 della Cisitalia di Corsa Peschiera, Torino, che, prodotta nel 1947, nel 1951 finì addirittura al New York Museum of Modern Art come running sculpture. 4

5 Tuttavia, anche il prodotto automobilistico destinato ai ceti più benestanti si trasformò nel secondo dopoguerra, e in particolare negli anni Sessanta e Settanta, insieme alla società e all economia italiana. Anche le case di nicchia, quali la Lancia e l Alfa Romeo, dovettero infatti entrare in una prospettiva fordiana da seconda rivoluzione industriale che non consentiva più di limitarsi ad andare incontro a una domanda composta da poche migliaia di intenditori. Era necessario ridurre i costi e aumentare i volumi produttivi senza però perdere, per le vetture Lancia, il tradizionale connotato di classe e, per quelle della casa milanese, lo spirito agonistico. Da questa nuova ricerca nacquero nel 1954 automobili quali la Giulietta o la Giulia 1600 nel 1962 che permisero all Alfa Romeo di Milano di diventare, dopo la Fiat, la maggiore produttrice italiana. Negli stessi anni la Lancia metteva in produzione in una delle tre linee di montaggio del nuovo stabilimento di Chivasso, la 1100 Fulvia. Nel 1969, la proprietà della Lancia passò al Gruppo Fiat, segnando la fine della complementarietà delle due storiche case torinesi. 9. Dalla crisi degli anni Settanta alla ripresa degli anni Ottanta. Fiat e sempre Fiat Il 1974 segnò la fine della prima fase dello sviluppo dell automobilismo privato di massa: le dinamiche commerciali si modificarono e le automobili che avevano caratterizzato fino a quel momento la motorizzazione del paese uscirono dal processo produttivo (restavano solo la 500 R, la 850, la Giulia super e la Fulvia Montecarlo) sostituite da nuove vetture progettate per reggere la sempre più aggressiva concorrenza straniera. Erano arrivate in Italia automobili di culto quali la Dyane, la DS, la Renault 4 e 5, il Maggiolone. Nel clima di austerity degli anni Settanta, l utilitaria Fiat continuò a dominare il panorama automobilistico italiano con la 127, del 1971, e la 126 del Con quest ultima, la concezione della macchina per tutti si modificò ulteriormente: cominciò ad affermarsi l idea di una seconda auto di famiglia, magari destinata a una clientela femminile o giovane che avrebbe trovato una realizzazione ancor più concreta con la ripresa degli anni Ottanta nella Panda, nel 1979, vettura dai bassi consumi, studiata per muoversi nel nuovo traffico cittadino e per strizzare l occhio alle nuove mode ecologiste. L industria automobilistica italiano avrà nella Fiat Uno, presentata in Florida nel 1983, non solo il simbolo della fine della crisi ma anche uno dei prodotti di maggior successo commerciale in Italia e all estero. Essa inaugurò una nuova classe di utilitarie che fece propri i contenuti di vetture di categoria superiore: si moltiplicarono le varianti e gli optional disponibili. Di essa è stato scritto: l oggetto di massa si moltiplica in molti oggetti individualizzati pronti a caratterizzare delle identità altrimenti cancellate dall uniformità del consumo. 10. Gli anni Novanta: una clientela sempre più esigente Dagli anni Ottanta ad oggi il mercato automobilistico italiano è cambiato: è progressivamente cresciuta la domanda di auto di media e alta cilindrata a scapito di quella delle utilitarie e contemporaneamente la concorrenza straniera è diventata tanto più agguerrita quanto più pericolosa. Se nel 1990 le auto di media-alta cilindrata erano il 19% di quelle immatricolate, nel 2003 esse rappresentano oltre il 56% di quelle circolanti in Italia; contestuamente, la quota di mercato delle vetture sotto gli 800 cc di cilindrata è scesa dal 24% del 1980 al 6,3% del Dal punto di vista tecnico, nel corso dell ultimo ventennio le esigenze di una clientela sempre più attenta alla sicurezza e alle prestazioni nonchè i problemi ambientali e di congestione stradale (e le normative sempre più rigide) hanno indotto le case automobilistiche italiane e non a sviluppare e introdurre diverse innovazioni quali i sistemi di iniezione a controllo elettronico, la marmitta catalitica, il sistema ABS che impedisce il bloccaggio delle ruote in frenata, e più recentemente 5

6 l EBD (Electronic Brake distribution). Se le prestazioni dei motori diesel sono state migliorate tramite l adozione della sovralimentazione mediante turbocompressione, negli ultimi anni la Fiat ha sviluppato motori Multi-jet diesel, in grado di ridurre le emissioni del 50% e i consumi del 10% e veicoli Bipower (metano e benzina) mentre rimangono ancora in fase di studio veicoli alimentati da celle a combustibile. 11. La Fiat dopo Ford: una nuova divisione dei ruoli La Fiat, ormai padrona di Lancia (1969), Alfa Romeo (1986), Innocenti (1984) e azionista importante di Ferrari (1991) si è adeguata seppur con difficoltà alle nuove tendenze della motorizzazione e della domanda, diversificando la propria offerta, con l utilizzo di componenti comuni a più linee di prodotto e ricorrendo frequentemente al rinnovo stilistico dei modelli. Il marchio Alfa Romeo ha rappresentato il cavallo di battaglia nel segmento delle auto sportive di alta cilindrata: nel 1987, fu lanciata l Alfa 164, modello a trazione anteriore disegnato da Pininfarina che combinava eleganza e confort a prestazioni decisamente sportive ed era peraltro costruita sullo stesso pianale di Fiat Croma, Saab 9000 e Lancia Thema. Quest ultima ( ) fu invece modello di punta della Lancia che, abbandonate nel 1991 le competizioni dopo i grandi successi della Delta, si è specializzata in berline di lusso e in sofisticate utilitarie, come la recente Ypsilon (2003), prodotta a Melfi e disegnata nel centro stile di Orbassano. Il marchio Fiat è rimasto al contrario legato a un idea di praticità e funzionalità talvolta anche a scapito dell eleganza formale e stilistica del prodottp come nel caso della Multipla (1998-), pur poitically correct se equipaggiata con motore Bipower, o della futuristica ma decisamente bruttina Stilo (2001-). 12. L auto italiana e la globalizzazione Nell ultimo ventennio è aumentato l interesse per i mercati esteri, sia quelli emergenti sia quelli più tradizionali: se l auto dell anno del 1995, la Fiat Punto, prodotta a Mirafiori e disegnata da Giugiaro, è stata leader delle vendite in Europa dal 1993 al 1997, la world car Palio, prodotta in dieci paesi e progettata in funzione delle esigenze di mercati di recente motorizzazione, non ha ottenuto il successo sperato. A tenere alto il prestigio dell auto italiana nel mondo sono ancora i marchi d élite, Alfa Romeo e Ferrari: l Alfa 156, auto dell anno 1998, prodotta a Pomigliano d Arco in due motorizzazioni Turbodiesel e dal 2000 nella versione Sportwagon, e la 147, Auto dell anno del 2001, hanno entrambe riscosso notevole successo commerciale in Europa e in America. La vittoria di Michael Schumacher nel Campionato Mondiale Piloti del 2000 ha invece dato nuovo lustro alla Ferrari. Oggi, dopo la grave crisi del 2002, il futuro della Fiat sul mercato internazionale sembra affidato alla Grande Punto, prodotta a Melfi e all accordo Fiat Ford per la produzione in Polonia del Tre più Uno con piattaforma condivisa con la nuova Ford Ka. Bibliografia essenziale e fonti Schede a cura del Centro di documentazione del Museo dell automobile Biscaretti di Ruffia di Torino. Si ringrazia la dott. ssa Biffignandi per la gentile collaborazione. AA.VV., Il chi è dell automobilismo italiano, Roma, AA.VV., L automobile italiana. Tutti i modelli dalle origini a oggi, Firenze, F. Amatori, Storia della Lancia. Impresa e mercato , Bologna. Il Mulino,

7 A.T. Anselmi, Automobili Fiat, Milano, C. Annibaldi e G. Berta (a cura di), Grande Impresa e Sviluppo Italiano. Studi per i Cento Anni della Fiat, Bologna, Mulino,1999, vol. I-II. J.P. Bardou, J.J. Chanaron, P. Fridenson, J.M. Laux, The Automobile Revolution. The Impact of an Industry, Chapel Hill, The North Carolina University Press, A. Bellucci, L automobile italiana , Bari, Laterza, 1984 G. Berta, Conflitto industriale e struttura d impresa alla Fiat , Il Mulino, Bologna, 1998 D. Bigazzi, La grande fabbrica. Organizzazione industriale e modello americano alla Fiat dal Lingotto a Mirafiori, con introduzione di G. Berta e G. Piluso, Milano, Feltrinelli, D. Bigazzi, Modelli e pratiche organizzative nell industrializzazione italiana, in F. Amatori, D.Bigazzi, R.Giannetti, L.Segreto ( a cura di) Storia d Italia, Annali, n. 15, L industria, Torino, Einaudi, D. Bigazzi, Organizzazione del lavoro e razionalizzazione nella crisi del fascismo, in «Studi Storici», 1978, n. 2. O. Calabrese, L utilitaria in M. Isnenghi (a cura di), I luoghi della memoria. Simboli e miti dell Italia Unita, Editori Laterza, 1996, pp V. Castronovo, FIAT Un Secolo di Storia Italiana, Milano, Rizzoli, V. Castronovo, Giovanni Agnelli, Torino, Einaudi, A. Costantino, Le piccole grandi marche automobilistiche italiane, Novara, Istituto Geografico De Agostini, F. Fauri, The role of Fiat in the Development of the Italian Car Industry in the 1950 s, in «Business History Review», 1996, n. 70. J.M. Laux, The European Automobile Industry, New York, Twayne,1992. F. Paolini, Un paese a quattro ruote. Automobili e società in Italia, Marsilio, Venezia, A. Pritchard, Italian High-Performance Cars, George Allen & Unwin, 1967 G. Volpato, L Industria Automobilistica Internazionale. Espansione, Crisi e Riorganizzazione, Padova, Cedam, G. Volpato, Crisi e riorganizzazione aziendale di un impresa simbolo, Torino, Isedi,

8

Gli omnibus a vapore

Gli omnibus a vapore L automobile I trasporti urbani Le strade ferrate non fornivano alle città un efficiente mezzo di trasporto interno. Per questo furono necessari gli omnibus a cavalli e poi i tram, i quali consentirono

Dettagli

Tutto sulle automobili!

Tutto sulle automobili! Tutto sulle automobili! Da questa...... a questa Chi l' ha inventata... Nato a Karlsruhe nel 1844, Benz si diplomò ingegnere a vent'anni. Dopo le prime esperienze lavorative, iniziò a lavorare in proprio

Dettagli

Cronistoria. www.autoidrogeno.it E-mail: info@autoidrogeno.it. Sviluppo trazione idrogeno ILT TECHNOLOGY

Cronistoria. www.autoidrogeno.it E-mail: info@autoidrogeno.it. Sviluppo trazione idrogeno ILT TECHNOLOGY Cronistoria Sviluppo trazione idrogeno ILT TECHNOLOGY www.autoidrogeno.it E-mail: info@autoidrogeno.it Dal 1980 al 1990 il mondo della ricerca inizia a muoversi nello studio di un sistema per far marciare

Dettagli

Le più belle MASERATI DA!GARA DAL!1926 AD OGGI. Giancarlo Reggiani

Le più belle MASERATI DA!GARA DAL!1926 AD OGGI. Giancarlo Reggiani Le più belle MASERATI DA!GARA DAL!1926 AD OGGI Giancarlo Reggiani 1 Le più belle MASERATI DA!GARA dal 1926 ad oggi Fotografie: Francesco e Giancarlo Reggiani Testi e progetto grafico: Giancarlo Reggiani

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2010

Informazioni Statistiche N 3/2010 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2009 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2010 NOVEMBRE 2010 Sindaco: Assessore ai Tributi e alla Statistica:

Dettagli

P A R L I A M O D I...

P A R L I A M O D I... PARLIAMO DI... ASSOLUTAMENTE NUOVI. ASSOLUTAMENTE UNICI! DI NARA STEFANELLI PARLIAMO DI... R enova sarà la novità assoluta di Tanexpo 2014. Un brand che attraverso il nome stesso vuole trasmettere il concetto

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

Dalla Tradizione all Innovazione

Dalla Tradizione all Innovazione Università degli Studi della Repubblica di San Marino 15 maggio 2009 Dalla Tradizione all Innovazione Antonio Messeni Petruzzelli DET, Università degli Studi della Repubblica di San Marino Agenda Innovazione

Dettagli

Cross Cultural Management Il caso India. Presentazione allo Stoa Villa Campolieto - Ercolano. Napoli, 15 gennaio 2007

Cross Cultural Management Il caso India. Presentazione allo Stoa Villa Campolieto - Ercolano. Napoli, 15 gennaio 2007 Cross Cultural Management Il caso India Presentazione allo Stoa Villa Campolieto - Ercolano Napoli, 15 gennaio 2007 Relatore: Giovanni De Filippis 1 IL caso India La Fiat e l India L India per Fiat Auto

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Usato Smile e l automobilista ti sorride

Usato Smile e l automobilista ti sorride Usato Smile e l automobilista ti sorride Proponi anche tu Usato Smile e otterrai: Nasce un nuovo servizio che ti offre nuove opportunità L accesso a una flotta potenziale di 2,5 milioni di veicoli questo

Dettagli

Zafira turbo metano: la prima vettura sul mercato con motore turbo metano che unisce prestazioni elevate ad emissioni e consumi ancora più contenuti

Zafira turbo metano: la prima vettura sul mercato con motore turbo metano che unisce prestazioni elevate ad emissioni e consumi ancora più contenuti Notizie Stampa 3 Dicembre 2008 Opel al 33 Bologna Motor Show Sette anteprime Opel per il pubblico del Motor Show Anteprima mondiale: Zafira Turbo ecom Design sportivo, dinamicità di guida e tecnologia

Dettagli

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale Presentazione aziendale Indice Attività e Posizionamento Competitivo Prodotti e Mercati Dati Economico-Finanziari Consolidati Obiettivi e Strategie 2 Attività e Posizionamento Competitivo 3 Cembre Cembre

Dettagli

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso di inflazione, il mercato ha avuto un calo improvviso

Dettagli

Il Van tutto incluso

Il Van tutto incluso Il Van tutto incluso L ultima generazione di H-1 rappresenta un pratico strumento di lavoro progettato da Hyundai per soddisfare tutte le vostre esigenze di trasporto e mobilità. L eccellenza di H-1 è

Dettagli

L Intervista. Il veicolo del futuro. Il punto di vista di Micro-Vett. con Gaetano Di Gioia. a cura di Patrizia Mantovani

L Intervista. Il veicolo del futuro. Il punto di vista di Micro-Vett. con Gaetano Di Gioia. a cura di Patrizia Mantovani L Intervista Il veicolo del futuro Il punto di vista di Micro-Vett con Gaetano Di Gioia a cura di Patrizia Mantovani Veicolo elettrico e mobilità ad impatto zero sono ormai divenuti termini di uso quasi

Dettagli

Industrial versus Commodity nel Campo dei Veicoli Concetti di Base

Industrial versus Commodity nel Campo dei Veicoli Concetti di Base Industrial versus Commodity nel Campo dei Veicoli Concetti di Base Missione di un veicolo: E il Lavoro/Servizio che il Veicolo deve fare, occorre però definire dove, come, in quanto tempo ed a quali costi.

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2013

Informazioni Statistiche N 3/2013 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2013 NOVEMBRE 2013 Sindaco: Segretario Generale: Capo Area della

Dettagli

Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda

Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda Conoscendo l evoluzione storica della moda, è possibile affermarne la caratteristica di variabilità nel tempo, che dà vita ad un processo di cambiamento continuo,

Dettagli

Informazioni Statistiche N 8/2014

Informazioni Statistiche N 8/2014 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2013 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 8/2014 SETTEMBRE 2014 Sindaco: Segretario Generale: Capo Area della

Dettagli

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale Presentazione aziendale Indice Attività e Posizionamento Competitivo Prodotti e Mercati Dati Economico-Finanziari Consolidati Obiettivi e Strategie 2 Attività e Posizionamento Competitivo 3 Cembre Cembre

Dettagli

Le collezioni si caratterizzano per una spiccata vocazione alla sperimentazione e alla ricerca. Sono ricche di dettagli che combinano un design

Le collezioni si caratterizzano per una spiccata vocazione alla sperimentazione e alla ricerca. Sono ricche di dettagli che combinano un design IL BRAND Il marchio GAZZARRINI nasce nel 1993 dall iniziativa e dall esperienza trentennale nel mondo della moda. Fin dall inizio, si distingue subito per un approccio innovativo al prodotto, tanto da

Dettagli

SOMMARIO MIRAFIORI MOTOR VILLAGE 2. Il più grande complesso dedicato al mondo dell auto 2. Laboratorio per la massima soddisfazione del cliente 3

SOMMARIO MIRAFIORI MOTOR VILLAGE 2. Il più grande complesso dedicato al mondo dell auto 2. Laboratorio per la massima soddisfazione del cliente 3 SOMMARIO MIRAFIORI MOTOR VILLAGE 2 Il più grande complesso dedicato al mondo dell auto 2 Laboratorio per la massima soddisfazione del cliente 3 Non solo automobili 4 Una finestra sul futuro ma nel rispetto

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.213 Ottobre 214 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza 1 Nel 213 parco

Dettagli

Trazione idrogeno. Dal motore a scoppio alle Fuel Cell IL FUTURO NEL PRESENTE

Trazione idrogeno. Dal motore a scoppio alle Fuel Cell IL FUTURO NEL PRESENTE Trazione idrogeno Dal motore a scoppio alle Fuel Cell IL FUTURO NEL PRESENTE Dal 1980 tutto il mondo della ricerca sta studiando un sistema per far marciare il motore a scoppio con l idrogeno. Inizialmente

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

La Panda senza tempo ora è 4X4

La Panda senza tempo ora è 4X4 Numero 18-08 novembre 2012 INSERTO DI APPROFONDIMENTO MOTORISTICO DI PROFESSIONE CALCIO - Non vendibile separatamente 2 La Panda senza tempo ora è 4X4 8 Alfa Mito SBK Solo 200 esemplari La Panda si rinnova:

Dettagli

Art & Cars 50 Jahre Porsche 911 04/2013. Francesco Greco

Art & Cars 50 Jahre Porsche 911 04/2013. Francesco Greco Art & Cars 50 Jahre Porsche 911 04/2013 Francesco Greco Porsche 911 Carrera RSR 2.8, 1973 Come lei nessuna code 066.007 Nel lontano 1972, la necessità di allestire una piccola serie di vetture predisposte

Dettagli

IL FUTURO GUARDA AL PASSATO L HERITAGE DI MASERATI NEI NUOVOI OROLOGI SS 2015

IL FUTURO GUARDA AL PASSATO L HERITAGE DI MASERATI NEI NUOVOI OROLOGI SS 2015 IL FUTURO GUARDA AL PASSATO L HERITAGE DI MASERATI NEI NUOVOI OROLOGI SS 2015 Maserati, brand italiano tra i più apprezzati nel mondo e icona del settore delle auto sportive di lusso, lancia per la Primavera

Dettagli

ROSSOCORSA: STORIA DI UN AZIENDA DI SUCCESSO

ROSSOCORSA: STORIA DI UN AZIENDA DI SUCCESSO EMOZIONI IN PISTA ROSSOCORSA: STORIA DI UN AZIENDA DI SUCCESSO Rossocorsa, un simbolo da sempre legato alle auto stradali e da competizione del Cavallino Rampante e del Tridente. La storia di Rossocorsa

Dettagli

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA L OSSERVATORIO 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA LAUREATI, DISOCCUPATI E SCORAGGIATI 14 Aprile 2014 Nella prima metà degli anni Cinquanta, per le strade circolavano poco più di 400mila

Dettagli

Luca Pulice, classe 5pA ITC Falcone Corsico

Luca Pulice, classe 5pA ITC Falcone Corsico Luca Pulice, classe 5pA ITC Falcone Corsico 1 FIAT S.p.A. La macchina degli italiani Dalla fondazione alla 2 GM Nascita 1899 1 GM 1 1901 Fascismo 2 GM 1921 1925 1904 Boom Ecomico Migliaia di strade per

Dettagli

Posizione e prospettive di FCA nella competizione mondiale Presentazione della ricerca «Il settore Automotive nei principali paesi Europei»

Posizione e prospettive di FCA nella competizione mondiale Presentazione della ricerca «Il settore Automotive nei principali paesi Europei» Posizione e prospettive di FCA nella competizione mondiale Presentazione della ricerca «Il settore Automotive nei principali paesi Europei» Daniele Chiari Head of Product Planning and Institutional Relations

Dettagli

4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE

4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE Densità di autovetture circolanti nelle città metropolitane (fonte: Istat, 1998; auto circolanti per chilometri quadrati di territorio comunale) 4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE 4.1. LE AUTO SEMPRE PADRONE

Dettagli

AUTO ELETTRICA, UN VEICOLO CHE VIENE DA LONTANO...

AUTO ELETTRICA, UN VEICOLO CHE VIENE DA LONTANO... AUTO ELETTRICA, UN VEICOLO CHE VIENE DA LONTANO... Emilio CHIRONE La visione dell auto elettrica come veicolo del futuro, soluzione innovativa destinata a risolvere problemi di traffico nelle nostre città,

Dettagli

Energia e trasporti: il ruolo del metano

Energia e trasporti: il ruolo del metano Metano e trasporti per il governo della mobilità Energia e trasporti: il ruolo del metano di Edgardo Curcio Presidente AIEE Parma, 16 marzo 2010 Centro Congressi Paganini Indice della presentazione 1.

Dettagli

SOSTENIBILITA E LOGISTICA URBANA. Roma, 18 settembre 2013

SOSTENIBILITA E LOGISTICA URBANA. Roma, 18 settembre 2013 SOSTENIBILITA E LOGISTICA URBANA Roma, 18 settembre 2013 Luca Maggiore Direttore Business Unit IL GRUPPO MAGGIORE UNITA DI BUSINESS DEL GRUPPO: : noleggio auto a breve e medio termine : noleggio furgoni

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2012

Informazioni Statistiche N 3/2012 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2011 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2012 NOVEMBRE 2012 Sindaco: Assessore alla Statistica: Segretario

Dettagli

Nielsen Business Srl - www.nielsen.it. Trento Via Bolzano, 61 Tel. 0461. 957311 Fax 0461. 961509 info@margoniauto.com www.margoniauto.

Nielsen Business Srl - www.nielsen.it. Trento Via Bolzano, 61 Tel. 0461. 957311 Fax 0461. 961509 info@margoniauto.com www.margoniauto. Nielsen Business Srl - www.nielsen.it Trento Via Bolzano, 61 Tel. 0461. 957311 Fax 0461. 961509 info@margoniauto.com www.margoniauto.com Ieri, oggi e domani Una lunga storia Papà Giulio era un ragazzo

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2009

Informazioni Statistiche N 3/2009 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2008 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2009 AGOSTO 2009 Sindaco: Assessore alle Società ed Enti controllati

Dettagli

Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI

Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI Decreto Legislativo 30 maggio 2005, n. 128 Attuazione della direttiva 2003/30/CE relativa alla

Dettagli

CAPITOLO 5 PP. 229-281

CAPITOLO 5 PP. 229-281 CAPITOLO 5 PP. 229-281 Il Secondo dopoguerra L Italia esce sconfitta dalla 2ª G.M. ma profondamente rinnovata: Passa da una strategia di sviluppo c.d. ISI, ISI = Industrializzazione Sostitutiva di Importazioni;

Dettagli

Nuvole n. 32, giugno 2008. Fiat e dintorni. di Aldo Enrietti *

Nuvole n. 32, giugno 2008. Fiat e dintorni. di Aldo Enrietti * Fiat e dintorni di Aldo Enrietti * Collocare il Piemonte e Torino nell ambito dell industria autoveicolistica, e quindi del rapporto con Fiat, richiede una preventiva valutazione delle recenti fasi del

Dettagli

Outlook finanziario dell agricoltura europea

Outlook finanziario dell agricoltura europea Gian Luca Bagnara Outlook finanziario dell agricoltura europea I prezzi agricoli hanno colpito i titoli dei giornali negli ultimi cinque anni a causa della loro volatilità. Tuttavia, questa volatilità

Dettagli

BioPower Hybrid Concept : prototipo ibrido a bioetanolo 9-7X : il primo SUV firmato Saab La gamma Saab 9-3 si rifà il look

BioPower Hybrid Concept : prototipo ibrido a bioetanolo 9-7X : il primo SUV firmato Saab La gamma Saab 9-3 si rifà il look INFORMAZIONI Saab al 31 Bologna Motor Show BioPower Hybrid Concept : prototipo ibrido a bioetanolo 9-7X : il primo SUV firmato Saab La gamma Saab 9-3 si rifà il look Presente e futuro dell automobile sono

Dettagli

Investire nel settore automotive significa accelerare la crescita. moltiplicatore

Investire nel settore automotive significa accelerare la crescita. moltiplicatore Investire nel settore automotive significa accelerare la crescita moltiplicatore Ogni 1 di valore aggiunto creato dalle imprese automotive della fase industriale genera 2,2 addizionali di valore aggiunto

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

La mobilità sostenibile nel contesto urbano LE OPPORTUNITA DA COGLIERE Letizia Rigato

La mobilità sostenibile nel contesto urbano LE OPPORTUNITA DA COGLIERE Letizia Rigato La mobilità sostenibile nel contesto urbano LE OPPORTUNITA DA COGLIERE Letizia Rigato Convegno Direzione Futuro Mobilità Elettrica e Autoriparazione 18 maggio 2013 ore 15.00 CROWNE PLAZA, via Po 197 -

Dettagli

PUCCIPLAST, CUORE INNOVATIVO

PUCCIPLAST, CUORE INNOVATIVO MAGAZINE - VIVERE L AZIENDA - PERIODICO D INFORMAZIONE ON-LINE EDITORIALE PLAST, CUORE INNOVATIVO Nadia Bosi - Direttore Commerciale Pucci Quello che conta è sempre il carattere, e Pucci ha un carattere

Dettagli

Ringraziamenti. Evoluzione storica e fenomenologica del mercato italiano dell orologeria 1. 1.1 Premessa 1. 1.2 Glialboridelmercato 1

Ringraziamenti. Evoluzione storica e fenomenologica del mercato italiano dell orologeria 1. 1.1 Premessa 1. 1.2 Glialboridelmercato 1 Prefazione di Guido Corbetta Presentazione di Giacomo Bozzi Ringraziamenti XIII XV XIX 1 Evoluzione storica e fenomenologica del mercato italiano dell orologeria 1 1.1 Premessa 1 1.2 Glialboridelmercato

Dettagli

HENRY FORD (1863-1947) IL DIVINO MECCANICO

HENRY FORD (1863-1947) IL DIVINO MECCANICO HENRY FORD (1863-1947) 1947) IL DIVINO MECCANICO La vera scintilla per la meccanica scoccò quando, a 12 anni, vidi per la prima volta una vettura senza cavalli che marciava con grande speditezza Da quel

Dettagli

Progetto e realizzazione editoriale: Il Sole 24 ORE S.p.A. Impaginazione, grafica e ricerca iconografica: Animabit Srl Genova

Progetto e realizzazione editoriale: Il Sole 24 ORE S.p.A. Impaginazione, grafica e ricerca iconografica: Animabit Srl Genova OBIETTIVO RISPARMIO Progetto e realizzazione editoriale: Il Sole 24 ORE S.p.A. Impaginazione, grafica e ricerca iconografica: Animabit Srl Genova 2010 Il Sole 24 ORE S.p.A. Sede legale e ammistrazione:

Dettagli

BENTLEY PORTA LA VELOCITÀ A PARIGI CON LA NUOVA AMMIRAGLIA. Continental GT Speed

BENTLEY PORTA LA VELOCITÀ A PARIGI CON LA NUOVA AMMIRAGLIA. Continental GT Speed BENTLEY PORTA LA VELOCITÀ A PARIGI CON LA NUOVA AMMIRAGLIA MULSANNE La nuova Bentley Mulsanne Speed incarna l espressione più alta di lusso e prestazioni La straordinaria berlina Mulsanne è stata aggiornata

Dettagli

$/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2

$/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2 $/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2 / DUHDGLSURGX]LRQHELRORJLFD A fianco l uso dell olio di oliva tradizionale, sono cresciute la produzione ed il consumo dell olio biologico, con il conseguente aumento dell

Dettagli

Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori,

Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori, COSMIT FEDERLEGNOARREDO ISALONI (Milano, 22 Aprile 2009) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori, sono molto lieto di partecipare

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.214 Settembre 215 Capo Area Programmazione Controlli e Statistica: Gianluigi Bovini Dirigente U.I. Ufficio Comunale di Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura

Dettagli

REPORT SULL IMPATTO SOCIALE FUORI STRADA. Le pretese dell industria automobilistica.

REPORT SULL IMPATTO SOCIALE FUORI STRADA. Le pretese dell industria automobilistica. In assenza di una regolamentazione legislativa, i progressi tecnici sono stati usati per produrre automobili più potenti e più inquinanti, piuttosto che per ottenere riduzioni nelle emissioni di CO2. REPORT

Dettagli

Cento anni: un punto di partenza

Cento anni: un punto di partenza Cento anni: un punto di partenza Non so se quando -cento anni fa- un piccolo gruppo di appassionati, decise di dar vita al club degli automobilisti italiani avrebbe mai immaginato che l oggetto della loro

Dettagli

300 SL Mercedes-Benz

300 SL Mercedes-Benz 300 SL Mercedes-Benz Denominazione di fabbrica: W 194 Anno di fabbricazione: 1952 Periodo di produzione: 1952; unità prodotte: 10 Prezzo originario: veicolo sperimentale invendibile Storia e Tecnica Il

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALBERTO PIANTA Nazionalità Italiana Data di nascita Milano 21/04/1940 Servizio militare come Ufficiale del

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 1-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 1 Introduzione Hill, capitolo 1 molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri In febbraio immatricolate 165.289 nuove auto (-24,5%) PRIMI SEGNALI DI RISVEGLIO DELLA

Dettagli

I templi della velocità: viaggio nella storia dei motori con Giulietta

I templi della velocità: viaggio nella storia dei motori con Giulietta I templi della velocità: viaggio nella storia dei motori con Giulietta L ESPERIENZA Una giornata per veri appassionati dei motori e del marchio del Biscione, accompagnata da arte, cultura, cucina e vini

Dettagli

Incontro con le Istituzioni e le Organizzazioni Sindacali. Palazzo Chigi 18 giugno 2009

Incontro con le Istituzioni e le Organizzazioni Sindacali. Palazzo Chigi 18 giugno 2009 Incontro con le Istituzioni e le Organizzazioni Sindacali Palazzo Chigi 18 giugno 2009 Agenda 1. Andamento mercati 2. Fiat Group 1. Settori industriali 2. La gestione della congiuntura e la situazione

Dettagli

www.ferroviedellostato.it 00161 Roma Piazza della Croce Rossa, 1 Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani

www.ferroviedellostato.it 00161 Roma Piazza della Croce Rossa, 1 Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma www.ferroviedellostato.it Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani La storia dell Alta Velocità inizia

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

La società negli anni del boom: il cinema

La società negli anni del boom: il cinema La società negli anni del boom: il cinema A seguito d'un decennio caratterizzato dal successo d'una cinematografia d'origine popolare, comunemente definita del "Neorealismo rosa" (con i tre filoni portanti:

Dettagli

MARCA Alfa Romeo CARATTERISTICHE MODELLO 155 ANNO DI PRODUZIONE

MARCA Alfa Romeo CARATTERISTICHE MODELLO 155 ANNO DI PRODUZIONE MODELLO Alfetta GTV Turbodelta 1981 CARROZZERIA Alfa Romeo Vettura preparata dall Autodelta, targata Firenze e perfettamente funzionante MOTORE 2000 turbo CILINDRATA 2000 c.c. GOMME CERCHI 14 PREZZO MODELLO

Dettagli

CAP 6 RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE E CRESCITA, 1975-85. La rincorsa frenata

CAP 6 RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE E CRESCITA, 1975-85. La rincorsa frenata CAP 6 RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE E CRESCITA, 1975-85 La rincorsa frenata 1 Anni di piombo e solitudini europee Inizio anni Settanta: profonda crisi. Fine della produzione di massa, della domanda pubblica

Dettagli

speciale /anni 70 di Franco Oppedisano Nello scenario del lago di Misurina,

speciale /anni 70 di Franco Oppedisano Nello scenario del lago di Misurina, speciale /anni 70 di Franco Oppedisano L auto e la Fiat i È proprio vero, come sostiene Marchionne, che il mercato è tornato indietro di 40 anni? abbiamo fatto un viaggio a ritroso nel tempo, fino al,

Dettagli

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Introduzione Lezione 1 29 ottobre 2014 UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Rivoluzione industriale (ca.( 1780) Trasformazione della vita umana più radicale della storia Uk: intera economia mondiale costruita attorno

Dettagli

L organizzazione scientifica del lavoro

L organizzazione scientifica del lavoro L organizzazione scientifica del lavoro Con la seconda rivoluzione industriale, le macchine divennero più veloci e più grandi, come tutto l insieme degli impianti di manifattura. La tendenza all ingrandimento,

Dettagli

NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati

NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati FABIO PICCOLI Esperto Internazionalizzazione Wine Monitor Bologna, 3 aprile 2013 L internazionalizzazione non

Dettagli

Piccole e Medie Imprese

Piccole e Medie Imprese Piccole e Medie Imprese Imprenditoria e organizzazione delle piccole e medie imprese ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Corsi di Laurea: Magistrale Ingegneria e Scienze Informatiche Matematica Applicata UNIVERSITÀ

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI Giovanni Petrecca Dipartimento di Ingegneria Elettrica- Facoltà di Ingegneria

Dettagli

ingmotors.it franchising@ingmotors.it

ingmotors.it franchising@ingmotors.it ingmotors.it franchising@ingmotors.it COSA FACCIAMO CHI SIAMO IngMotors è la divisione mobilità elettrica della Ing4Energy, società di ingegneria elettrica fondata nel 2007 operante nel settore della produzione

Dettagli

PREMIO CASINO DI SANREMO-CONFINDUSTRIA CENTO ANNI DA QUI

PREMIO CASINO DI SANREMO-CONFINDUSTRIA CENTO ANNI DA QUI PREMIO CASINO DI SANREMO-CONFINDUSTRIA CENTO ANNI DA QUI LA GLOBALIZZAZIONE NEL TERZO MILLENNIO: LA SFIDA DELLE ECCELLENZE (SANREMO, 18 OTTOBRE 2008) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON.

Dettagli

Schede tecniche esemplari storici e modelli attuali

Schede tecniche esemplari storici e modelli attuali Schede tecniche esemplari storici e modelli attuali 1. Gilera Saturno 500 militare Marmitta Abarth (1956 1957) Motore: 4 tempi monocilindrico mm 84x90 cm 3 498,7 Potenza e regime: CV 22 a 5000 giri/min

Dettagli

SOMMARIO DEL 30 GENNAIO 2013. Maserati Grugliasco, sfida di alta gamma. Grugliasco conferma l impegno di Fiat in Italia

SOMMARIO DEL 30 GENNAIO 2013. Maserati Grugliasco, sfida di alta gamma. Grugliasco conferma l impegno di Fiat in Italia SOMMARIO DEL 30 GENNAIO 2013 Il Sole 24 Ore Uff.Stampa Fismic La Stampa Adnkronos Asca MF-Dow Jones Il Sole 24 Ore Il Messaggero Corriere della Sera Prima Pagina Maserati Grugliasco, sfida di alta gamma

Dettagli

A cura di: Barbagallo Valerio De Cicco Mario Di Fabio Ugo Fiorini Ivano Gemmiti Francesco. Project Work di Comunicazione Tecnico Scientifica

A cura di: Barbagallo Valerio De Cicco Mario Di Fabio Ugo Fiorini Ivano Gemmiti Francesco. Project Work di Comunicazione Tecnico Scientifica A cura di: Barbagallo Valerio De Cicco Mario Di Fabio Ugo Fiorini Ivano Gemmiti Francesco Project Work di Comunicazione Tecnico Scientifica Sommario Il mito : storia e passione Chi siamo Vision & Mission

Dettagli

BRIEF. Eventi Non Convenzionali

BRIEF. Eventi Non Convenzionali ALL. 1 BRIEF Eventi Non Convenzionali Il Gruppo Ferrovie dello Stato ha l esigenza di individuare una società specializzata cui affidare la realizzazione di eventi non convenzionali secondo le modalità

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Audizione sulla filiera dell automotive in Italia a seguito della grande crisi del gruppo Volkswagen presso la X Commissione (Attività produttive, commercio e turismo) della

Dettagli

Il WCM in Fiat Chrysler Automobile, il ruolo dell innovazione di fabbrica le trasformazioni del lavoro

Il WCM in Fiat Chrysler Automobile, il ruolo dell innovazione di fabbrica le trasformazioni del lavoro Il WCM in Fiat Chrysler Automobile, il ruolo dell innovazione di fabbrica le trasformazioni del lavoro 1 1. Il contesto, crisi e rilancio di Fiat Auto (2004 2008) e ruolo dell innovazione di fabbrica Nel

Dettagli

Indice. Origini... 4 Concorso... 11 Web... 13 Invio Idee 14 FAQ... 17 1000 Miglia S.r.l., vicina ai giovani 18 Contatti 20

Indice. Origini... 4 Concorso... 11 Web... 13 Invio Idee 14 FAQ... 17 1000 Miglia S.r.l., vicina ai giovani 18 Contatti 20 Indice Origini... 4 Concorso... 11 Web... 13 Invio Idee 14 FAQ... 17 1000 Miglia S.r.l., vicina ai giovani 18 Contatti 20 Ogni tradizione di oggi è stata un innovazione di ieri. Dal 1927 al 1957 la Mille

Dettagli

IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 2011-2020: EFFETTI SUL TERRITORIO EMILIANO-ROMAGNOLO. Modena, 4 aprile 2011

IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 2011-2020: EFFETTI SUL TERRITORIO EMILIANO-ROMAGNOLO. Modena, 4 aprile 2011 IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 2011-2020: EFFETTI SUL TERRITORIO EMILIANO-ROMAGNOLO Modena, 4 aprile 2011 1 PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA Strumento per la Competitività del Paese In un paese

Dettagli

Osservatorio FeNEAL-UIL / CRESME. Occupazione e sicurezza sul cantiere nelle aree metropolitane

Osservatorio FeNEAL-UIL / CRESME. Occupazione e sicurezza sul cantiere nelle aree metropolitane feneal - uil Osservatorio FeNEAL-UIL / CRESME Occupazione e sicurezza sul cantiere nelle aree metropolitane ANTEPRIMA Roma 11 Marzo 2008 Il boom del settore edile (12 aree metropolitane) e l effetto emersione

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

LANCIA BETA MONTECARLO. Premessa

LANCIA BETA MONTECARLO. Premessa LANCIA BETA MONTECARLO Premessa Parlare della Lancia Beta Montecarlo significa anzitutto ricordare la passione per le corse che Vincenza Lancia ha sempre fatto trasparire nei suoi capolavori. La Beta Montecarlo

Dettagli

50 Anni della Regione Molise. 40 Anni dello Stabilimento FIAT. Plant Manager: Marco CARBONATTO H.R. Manager: Antonio VIGGIANO EMEA

50 Anni della Regione Molise. 40 Anni dello Stabilimento FIAT. Plant Manager: Marco CARBONATTO H.R. Manager: Antonio VIGGIANO EMEA 50 Anni della Regione Molise 40 Anni dello Stabilimento FIAT Plant Manager: Marco CARBONATTO H.R. Manager: Antonio VIGGIANO EMEA 20 Novembre, 2010 Molise e FIAT La storia dello Stabilimento FIAT di Termoli,

Dettagli

La natura e la tecnologia sono il nostro motore

La natura e la tecnologia sono il nostro motore La natura e la tecnologia sono il nostro motore Naturalmente meglio Naturalmente dinamici, naturalmente economici ed ovviamente ecologici i veicoli a gas naturale / biogas offrono tutta la potenza, la

Dettagli

Caro Presidente, Gentile Mr. Cahill, Signore e Signori,

Caro Presidente, Gentile Mr. Cahill, Signore e Signori, DISCORSO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA IN OCCASIONE DELLA PRESENTAZIONE DELLA NAVE DA CROCIERA CARNIVAL SPENDOR (CANTIERE NAVALE DI GENOVA - SESTRI PONENTE 28 GIUGNO 2008) Caro

Dettagli

RASSEGNA STAMPA IMMATRICOLAZIONI AUTO ITALIA DICEMBRE 2009. 4 Gennaio 2010

RASSEGNA STAMPA IMMATRICOLAZIONI AUTO ITALIA DICEMBRE 2009. 4 Gennaio 2010 RASSEGNA STAMPA IMMATRICOLAZIONI AUTO ITALIA DICEMBRE 2009 4 Gennaio 2010 Torino, 7 gennaio 2010 Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Pag. Rubrica: Comunicato Vetture Italia Dicembre 2009

Dettagli

Il trasporto pubblico locale

Il trasporto pubblico locale Un volano per l innovazione? Il trasporto pubblico locale Emanuele Galossi (IRES-CGIL) Presentazione n. 13/2011 Roma, 13 giugno 2011 TPL: alcuni dati di sintesi Operatori 1.260 Passeggeri trasportati 15

Dettagli