Studio per la definizione di un piano formativo per le imprese artigiane e le PMI dell autoriparazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio per la definizione di un piano formativo per le imprese artigiane e le PMI dell autoriparazione"

Transcript

1 Studio per la definizione di un piano formativo per le imprese artigiane e le PMI dell autoriparazione Siamo destinati ad inseguire virtù e conoscenza (Dante) Rosaria Amodio Marc Aguettaz 1

2 Sommario Parte 1 Le condizioni di riferimento 1. Il contesto economico 2. Il mercato delle nuove immatricolazioni 3. L evoluzione e la struttura del parco circolante 4. L utilizzo del parco circolante 5. L universo degli attori della manutenzione e della riparazione Parte 2 I fattori di cambiamento 1. Evoluzione della domanda 2. Evoluzione delle tecnologie 3. Evoluzione delle normative e dei regolamenti Parte 3 Indirizzi formativi 1- Metodologie e supporti 2- Tecnica 3- Gestionale e commerciale 2

3 Parte 1 le condizioni di riferimento 1. Il contesto economico L economia italiana si trova ad affrontare il peggiore periodo di recessione degli ultimi decenni sia per intensità che per durata e portata del fenomeno. Le variazioni del PIL sul decennio che inizia nel 2003 rappresentano, con la stima del 2012, un calo della ricchezza prodotta dello 0,5% (base 100 nel 2003, 99,5 a fine 2012). 10 anni per poco meno di nulla. Questo andamento è specifico del paese, e se ne può avere una misura se viene paragonato il PIL pro capite italiano con la media dell UE 27. La ricchezza prodotta nel 2003 era 11 punti superiore alla media UE 27, scesa a 1 solo punto in più nel Mario Deaglio ricorda nel suo rapporto annuale riferito al 2006 che in quell anno, la crescita del PIL in Italia (25 bil ) era da paragonare all aumento del fatturato di FIAT (+10 bil ), circa il 40% della crescita italiana. Questo andamento macroeconomico negativo ( e l analisi non è oggetto della presente ricerca) potrebbe avere un risvolto positivo sul mercato della cura e manutenzione dei veicoli, che ha dimostrato negli ultimi anni di essere un attività marcatamente anticiclica. Un altro elemento importante della società italiana, che ha un impatto diretto sui consumi e quindi sul mercato dell auto e della sua manutenzione, è l aumento del numero complessivo delle famiglie osservato in questi ultimi 20 anni. Anche l ultimo censimento di fine 2011 mette in luce che mentre la popolazione rimane stabile, aumenta il numero di nuclei familiari presenti nel nostro paese. Nella primavera del 3

4 2010, il Comune di Milano comunicava che metà delle famiglie iscritte all anagrafe della Città sono nuclei familiari composti di una sola persona. I costi sono quindi a carico di un solo reddito, con tutte le conseguenze sui consumi. E oggi questo reddito non cresce più. La situazione economica attuale non può ovviamente proseguire a lungo, la prospettiva orto-baratto-biciclette non è più sostenibile in un paese di 60 milioni di abitanti in Europa Occidentale. 2. Il mercato delle nuove immatricolazioni Il mercato italiano dell auto è stato storicamente uno dei più attivi, sia in Europa che nella classifica mondiale. Con l emergere delle aree BRIC e MITS, e con il concomitante peggioramento del clima economico italiano, il ruolo dell Italia è diventato sempre più marginale. Siamo scivolati ormai a ridosso della 10 posizione mondiale. Dopo 10 anni di costante crescita di nuovo immatricolato, sempre oltre i veicoli nuovi registrati, dal 2009 il mercato si è progressivamente ridotto. Anche se in alcune fasi, gli incentivi alla rottamazione (2009) hanno sostenuto artificialmente un livello alto del mercato del nuovo, con effetto di trascinamento nel Per poi contrarsi in modo vistoso. I livelli alti di immatricolazione di questo decennio sono stati raggiunti anche grazie ad alcuni fattori di distorsione del mercato: - Pressione sui prezzi e margini della rete di distribuzione (Concessionari) 4

5 - Esportazione di vetture usate, anche recenti, verso l Est Europeo ( vetture sono state radiate per esportazione nel 2007, nel 2008, non sempre molto vecchie, diversi Stati hanno posto dei limiti all età delle vetture importate usate) - Rapida rotazione dello stock di vetture usate da parte dei concessionari, associata a una gestione extra contabile della vendita ad un operatore straniero, con forti stimoli economici per l automobilista italiano - Incentivi alla rottamazione. In qualche modo, il grano è stato raccolto mentre era ancora erba. E molto probabile che il livello contenuto di immatricolazioni del 2012 possa mantenersi e confermarsi anche nei prossimi anni. Nessun indicatore permette di fare delle valutazioni diverse. Le eventuale proiezioni che vengono riportate qui di seguito sono fondate su un livello di immatricolazioni del nuovo di 1,5 milioni di vetture. La tabella evidenzia quanto importante sia stato l esportazione di veicoli usati per dare energia al mercato del nuovo in Italia negli anni da L auto 2008, UNRAE Il mercato mondiale dell auto non segue un andamento negativo. Il 2012 segna una crescita di circa il 6,2% sul 2011 nei primi 10 mesi, a un livello record. Rispetto al 2010, a fine ottobre 2012, ci sono 7 milioni di vetture nuove in più immatricolate nel mondo che permettono ai Costruttori di raggiungere la quota di 65,7 milioni di vetture vendute. Questo fenomeno, preceduto dalle pressioni ambientali della UE (Euro 6, 7, 8 ), non rallenta gli investimenti per innovazione dei veicoli. Queste innovazioni, come definite dall Ing. Giampaolo Riva sono divise in tre capitoli, a pari merito: Vincoli ambientali (rispetto dei limiti di emissioni) Stimolare l interesse del cliente Rendere più difficile l accesso alle vetture per i riparatori multimarca Il livello molto sostenuto delle immatricolazioni registrato dal 1997 (anno della prima campagna di rottamazione, voluta dal governo di Romano Prodi) ha permesso all Italia di avere un parco circolante molto giovane (cap 3). La situazione è simile per le altre tipologie di veicoli a motore. Il mercato delle nuove 5

6 immatricolazioni dei veicoli di trasposto merci è stato pesantemente ridimensionato, così come quello dei veicoli a due ruote. 3. L evoluzione e la struttura del parco circolante Come primo dato delle ricerche ATO (Annual Trends Observatory), GiPA determina un parco circolante utilizzato dalla famiglie italiane. Questo parco è significativamente diverso dal parco definito dall ACI per una serie di differenze oggettive (veicoli usati fermi sui piazzali dei rivenditori, noleggio a breve termine, veicoli, macchine dell Amministrazione, circa veicoli), e per i veicoli non più circolanti che i Servizi del Ministero dei Trasporti non riescono a radiare tempestivamente per mancanza di informazioni. Generando dei recuperi come evidenzia la tabella per il 2005, quando vengono radiate d ufficio vetture, quasi tutte con oltre 15 anni di anzianità 6

7 da Auto 2008, UNRAE Le differenze sono concentrate sulle vetture molto vecchie, a dimostrazione che si tratta proprio di veicoli fisicamente non più circolante o esistenti. Il Ministero pratica delle campagne di rottamazione d ufficio che tentano di eliminare queste vetture che non vanno più prese in conto: non circolano, non utilizzano più i servizi della rete dei riparatori. Conteggiarle serve solo a gonfiare un mercato potenziale di manutenzione e riparazione che non esiste. Nel 2005 ad esempio, veicoli sono stati radiati d ufficio, in aggiunta al vetture radiate per demolizione o per esportazione. Di queste, erano veicoli di oltre 15 anni. Questi recuperi si ripetono ad intervalli più o meno regolari, e creano delle oscillazioni puntuali nella misura dell entità del parco veicolare (ACI). In caso di basso livello di immatricolazioni di vetture nuove, tali variazioni hanno lasciato spazio a una teoria di demotorizzazione denunciata da alcune associazioni. Fortunatamente per il mondo della riparazione, questa situazione non è ancora realtà per il parco automobilistico. Diversa è la situazione per il parco dei veicoli di trasporto merci. 7

8 Il parco circolante italiano che GiPA misura ha continuato a crescere lievemente nel 2012 ( vetture) nonostante il basso livello di immatricolazioni raggiunto nel periodo Le proiezioni di immatricolato e radiazioni (curve di mortalità storiche osservate dagli studi ATO), metterebbero in evidenza un ulteriore lieve aumento del parco circolante italiano nel 2013 ( ) e nel Colpisce il netto rallentamento del tasso di crescita del parco dal Dal 2003 al 2007, il tasso di crescita supera l 1,5% annuo, mentre si riduce allo 0,5% medio nel periodo che inizia nel Se il parco circolante italiano è diventato il più giovane in Europa continentale, è proprio grazie a questo particolare trend di immatricolato e di radiazioni. Sulla base dei parametri di immatricolazione e di mortalità del parco descritti in precedenza, il parco italiano è destinato ad invecchiare e raggiungerà l età del parco tedesco nel 2013, e del parco francese nel E poco probabile che nuovi incentivi alla rottamazione possano essere messi in atto dai futuri governi, o che abbiano un impatto significativo sulla struttura del parco. Rispetto al 2003, quando il parco, fortemente ringiovanito dalla rottamazione del 1997, aveva un età medi di soli 6,80 anni, il parco oltre 10 anni è oggi cresciuto di 4 milioni di veicoli. Nel 2012 il parco circolante segna un età media di 8,23 anni. Le proiezioni che possiamo fare preannunciano che potrebbe raggiungere un età media di 8,35 anni nel 2013, e di 8,52 anni nel Nulla che faccia temere una sindrome di Cuba, con vetture ultra 50enni in circolazione. 8

9 Un dato importante invece si legge per quanto riguarda la radicale variazione di struttura per fasce d età delle vetture. Il limitato volume di vendite di vetture nuove registrato dal 2011, che dovrebbe proseguire nel 2013 e nel 2014, riduce il parco potenziale di vetture con meno di 3 anni, e quello della fascia tra 3 e 4 anni di vita. Queste vetture rappresentano tradizionalmente il mercato di riferimento per i Concessionari. Questa situazione può condurre a due strade divergenti: accelerare la contrazione della rete dei concessionari e quindi favorire l universo delle officine, oppure condurre i Costruttori e i loro concessionari ad essere più aggressivi per conquistare clienti nelle fasce di veicoli più anziani, il volume dei quali è destinato ad aumentare nei prossimi anni. Le garanzie allungate e le polizze assicurative offerte per le estensioni di garanzia (abusando della parola dal punto di vista della definizione legale del termine) sono uno degli strumenti per raggiungere con un discreto successo questo obiettivo. Per quanto riguarda il parco circolante dei veicoli oltre 3,5T, si assiste a un calo significativo dal Questa evoluzione è determinata da una concorrenza asimmetrica molto penalizzante per gli attori italiani da parte di aziende di trasporto estere; molti attori italiani hanno preso la decisione di trasferire una parte rilevante dei mezzi in aziende estere create ad hoc per reagire a questo fenomeno che di conseguenza si autoalimenta. 9

10 Solo normative relative al cabotaggio, che impone l utilizzo di veicoli targati in Italia per gli spostamenti interni ha rallentato questa evoluzione. Queste regole, vigenti anche in Francia, destano interesse da parte delle autorità europee, sempre attente ad eliminare regole che ostacolano la libera concorrenza in Europa. Il Parco trasporto merci invecchia di conseguenza velocemente. Nel 2006, l età media del parco dei veicoli >3,5T era di 5,6 anni. Età relativamente bassa se paragonata ai parametri dell auto, da bilanciare con le percorrenze chilometriche molto diverse. A fine 2011, il parco >3,5T aveva un età media di 6,43 anni, ma per i Padroncini (<6mezzi), l età aveva raggiunto 8,1 anni, mentre era molto vicina alla media nel 2006 (5,92). Da notare che i Padroncini sono i grandi perdenti di questo trasferimento di veicoli all estero. Dei mezzi persi tra il 2006 e il 2011, sono da attribuire a flotte con meno di 6 mezzi (Padroncini). Il parco due ruote rimane stabile nonostante la riduzione delle immatricolazioni osservate in questi ultimi 5 anni. Questo fenomeno si traduce in un rapido invecchiamento del parco, fattore positivo per quanto riguarda il mercato della cura e manutenzione dei mezzi. 10

11 4. Utilizzo del parco circolante Il calo dei consumi di carburante che viene sbandierato negli ultimi mesi va letto con misura. La benzina cala del 10% circa, ma il calo è storico, mediamente il 5% annuo da oltre 10 anni (-39%), e questo è un fenomeno di lungo periodo che colpisce tutto l Occidente. Nel 2005 e nel 2008, il calo del consumo di benzina ha superato il 7% senza che nessuno lo abbia segnalato. Due i fattori sono in gioco: Calo del parco circolante vetture con motore benzina (-7,55 milioni di vetture con motore a ciclo Otto tra 2003 e 2012) Efficienza energetica dei motori (fattori ambientali, normativi, economici e concorrenza tra le marche) Per il consumo di gasolio, la quota consumata dalle vetture (numerica in aumento da 4,3 milioni a 12,9 milioni tra 2003 e 2012), dopo un forte aumento si è stabilizzato negli ultimi 24 mesi. Il consumo per il trasporto merci è legato ad altri fattori: Trasferimento dei veicoli in flotte estero vestite Acquisto carburante all estero da parte di veicoli che hanno serbatoi di carburanti di 1000 litri (autonomia > 3000 km), citando Eleuterio Arcese, presidente Anita. 11

12 La stima che possiamo estrapolare dei dati di parco, consumo media e percorrenza media indicano un consumo in calo dell 1,5% per le vetture dotate di un motore a gasolio, e del 15% per la quota parte relativa ai veicoli trasporto. Inoltre i dati relativi al carburante, denominati consumo sono nei fatti dei dati di consegna alla rete dei distributori. E quindi in periodo di crisi del credito, come tutti i distributori, possono aver ridotto le scorte. Infine, ci sono dubbi sul perimetro di misura, due società petrolifere hanno confermato che i dati dell Unione Petrolifera potrebbe non includere tutte le oltre 2500 pompe bianche attive in Italia. Quando intervistati, gli automobilisti italiani hanno dichiarato delle percorrenza annue stabile. Da 5 anni, i valori di percorrenza annua per le vetture benzina sono stabili. Se cala la percorrenza per le vetture a gasolio, occorre ricordare che la tipologia stessa dei veicoli con motore Diesel è completante cambiata: l offerta oggi riguarda motori 1,3-1,4 l, per vetture prevalentemente da città. E la loro quota nel parco aumenta, abbassando la media di chi utilizza per lavoro vetture dei segmento C,D,E con motorizzazioni uguali o superiori a 1,7 l. Sul parco totale, la percorrenza è in leggero calo, km annui. 2,6% in meno, la più forte variazione (negativa) del periodo riportato sul grafico. Messo in parallelo alle precedenti valutazioni riguardante i consumi di carburante, questo valore potrebbe essere la misura del calo delle percorrenze per le vetture delle famiglie italiane. Diverse i valori misurati delle percorrenza per il parco veicoli trasporto merci. Rispetto alle ricerche svolte nel 2006, la percorrenza media è calata del 9%. Questo valore non riflette il calo del 26% per i veicoli utilizzati dai padroncini. 12

13 Per i veicoli a due ruote, il calo è particolarmente forte per le motociclette, marginale per gli scooter e i ciclomotori, veicoli funzionali che non sono sensibile al tempo o al costo di utilizzo. Sono anzi le alternative economiche all auto per gli spostamenti urbani. 13

14 5. Universo dei riparatori Le ricerche sull universo dei riparatori per veicoli terrestri (auto, 2 ruote, veicoli industriali) hanno messo in evidenza una contrazione netta del numero totale dei siti attivi. Questo fenomeno, per quanto riguarda i riparatori che dichiarano avere l automobile come attività principale (56.379) tende a rallentare negli ultimi 3 anni. Le chiusure misurate 10 anni fa indicavano circa operatori in meno all anno, valore dimezzato negli ultimi due anni. In parallelo, abbiamo assistito ad una crescita della dimensione sia strutturale che operativa di questi attori. La distinzione tra Officine Autorizzate da un Costruttore e Officina multimarca è una segmentazione utile per studiare il mercato, ma è poco utile a questo studio. Quasi il 40% delle Officine Autorizzate espongono anche un insegna del mondo indipendente (IAM). Questo fenomeno è da associare alla quota di vetture altre marche che queste officine (al contrario delle officine dei concessionari) ricevono per attività di cura e manutenzione. Le vetture che entrano nelle Officine Autorizzate vanno oltre le similitudini meccaniche che l automobilista può aspettarsi fra marche dello stesso gruppo. La quota altre marche delle Officine Autorizzate varia dal 25 al 50% della loro attività, a secondo dei marchi rappresentati. Per quanto riguarda le caratteristiche strutturali ed operative delle oltre officine tra Autorizzate e Multimarche, la tabella mette in evidenza i cambiamenti avvenuti in pochi anni. 14

15 L universo è calato del 16,7% (6.238 siti), ma il numero di ponti è cresciuto del 25,6%. Gli addetti attivi sono cresciuti del 2%. tra 2004 e 2011, nel periodo che include gli anni 2008, 2009, 2010 le officine hanno creato lavoro. Dal punto di vista strutturale e organizzativo, la ratio ponte/addetti si avvicina a 1, segno di evidenti investimenti. E aumentato il numero di passaggi al giorno. Il fenomeno delle officine multimarche targate merita una certa attenzione. Questa tipologia di riparatore nasce veramente nel 1994 anche se alcune iniziative sono anteriore, e conosce una rapida espansione a partire dal 2000, e ancora più a partire dal 2002, con la messa in opera del regolamento 1400/2002. Le circa officine autorizzate che perdono l insegna nel periodo che segue l entrata in vigore del regolamento cercano una bandiera di riferimento e vengono a rafforzare l offerta IAM. I più attenti contano fino a 43 insegne diverse, anche se alcune non riguardano la riparazione in senso stretto, come le reti di officine abilitate all installazione di impianti GPL/metano ad esempio. Le 23 insegne censite più legate al mondo della riparazione sono organizzate da produttori o distributori di ricambi, in alcuni casi da consorzi di riparatori, o sono emanazione di Costruttori. Queste 23 reti rappresentano circa targhe. Ma non corrispondono ad altrettante officine perché alcune detengono più targhe, e molte targhe sono abbinate all insegna di un Costruttore come evocato al paragrafo 15

16 precedente. E per questo motivo che il 40% delle officine (circa officine multimarca) può ancora dichiarare di non avere un insegna alla quale fare riferimento. Per quanto riguarda l universo delle carrozzerie, il numero riportato sulle tabelle riguarda solo le carrozzerie indipendenti. A queste vanno aggiunte per importanza numerica le carrozzerie autorizzate/fiduciarie dei Costruttori, le carrozzerie inserite nelle strutture dei concessionari e le carrozzerie che rappresentano un attività aggiuntiva per le officine meccaniche (<50% dell attività). In totale contiamo circa carrozzerie attive per la riparazione dei mezzi. Altre attività sono dedite all allestimento dei veicoli (rimorchi, celle frigo, disabili, mercati, grafica, sponde idrauliche, ). Il valore del mercato della riparazione danni da incidenti non consentirebbe un numero maggiore di siti di carrozzeria. I gommisti hanno vissuto un periodo particolarmente positivo, in particolare che è stabilito al nord di una linea Roma-Pescara. Iniziato nel 2006, il fenomeno dei pneumatici invernali ha consentito ai questi specialisti di conoscere il minor numero di chiusure tra i professionisti della riparazione. Con un basso numero di vetture nuove da equipaggiare, un parco potenziale ormai dotate di due treni di pneumatici, questa stagione positiva dovrebbe esaurirsi. Alcuni hanno anticipato, affiliandosi a reti multimarche (BCS ad esempio). SuperService/Goodyear e Magneti Marelli hanno siglato un accordo incrociato. I Gommisti devono ripensare il loro futuro in chiave di fornitori anche di manutenzione meccanica, iniziato ai primi anni 2000, poi abbandonato con le opportunità del mercato invernale. Infine, una caratteristica peculiare dell universo della riparazione automobilistica in Italia è la presenza finora marginale della riparazione moderna (per fare un parallelo con la distribuzione moderna), vale a dire Fast Fit e Centri Auto. I primi sono presenti in Italia con la sola insegna Midas, filiale di Norauto. Il concetto di Centro Auto (officina + negozio ricambi e accessori) è presente in Italia con 28 Norauto e 2 ATU (Germania). ATU ha avuto fino a 8 Punti Vendita prima di ridurre la presenza a due siti. I Fast Fit specializzati nel vetro hanno un maggiore sviluppo, con numerose insegne e iniziative in evoluzione. Infine, la contrazione in atto della rete delle Concessionarie, che soffrono del calo dell immatricolato (85% del fatturato, anche se genera un margine limitato, ma si muore per assenza di cassa prima che per assenza di profitto), rappresenta un opportunità per tutte le officine, sia multimarche che autorizzate dai Costruttori. La frequentazione da parte dell automobilista (recarsi per fare almeno un operazione a pagamento) dei riparatori del settore IAM non varia con l aumentare del tempo per raggiungere l officina. Lo stesso parametro di frequentazione è fortemente correlato alla distanza, e decresce in funzione diretta del tempo di percorrenza per raggiungere 16

17 un punto di assistenza OES. Per quanto riguarda le officine principalmente attive su altre tipologie di veicoli, la numerica è molto diversa. Ma attenzione, non si possono fare le somme, per i gommisti in particolare, perché alcuni siti sono specializzati in più tipologie di veicoli. Lo stesso vale per le officine autorizzate, in alcuni casi autorizzate per un Costruttore auto, veicoli industriali o 2 ruote; Due esempi per tutti: Officina Renault Stella a Asiago è anche Piaggio-Vespa-Gilera Officina Renault Riva auto a Milano è anche Triumph Gli universi degli altri tipologie di veicoli sono molto più limitati in termine di numeriche, per un parco veicolare più contenuto. Inoltre soffrono della sovrapposizione di attività svolta dai riparatori che si occupano prevalentemente dell auto ma poi si interessano anche di altre tipologie di mezzi, compreso agricolo e veicoli commerciali leggeri, due ruote a motore,... Facendo l integrazione più accurata possibile del numero degli addetti che lavorano in questo universo allargato, otteniamo i seguenti dati: TOTALE UNIVERSO PER TIPO DI VEICOLO TOTALE ADDETTI ADDETTI PRODUTTIVI 2012 Auto Due ruote Trucks Auto Due ruote Trucks Officina Meccanica Officina interna Gommista Carrozzeria N.d. N.d N.d. N.d. Stazione Servizio N.d N.d. - Centri Auto / Moto N.d. - - N.d. - - Fast Fit N.d. - - N.d. - - Fast Fit Vetri N.d. - - N.d. - - Totale IAM Officina Autorizzata Concessionario Totale OES Distributore/Grossista Ricambista con FV Ricambista/Accessorista Totale distribuzione Totale riparatori Applicando la stessa metodologia di ricerca per il 2007 otteniamo i seguenti dati assoluti: addetti, mentre per il 2012 arriviamo a Abbiamo in totale posti in meno paragonando i due anni di osservazione ( ). Da notare però che la maggiore perdita di occupazione riguarda il periodo ( ), mentre nel periodo precedente, , si registrano solo posti in 17

18 meno. Tra il 2007 e il 2012, trascorrono 5 anni. Per una durata di vita lavorativa di 40 anni, il numero degli operatori che escono dalla vita attiva dovrebbe essere di persone circa ( /40). In 5 anni, sono circa Il maggiore fattore di chiusure delle officine e di riduzione degli attivi del settore è oggi da attribuire alla cessione per assenza di ricambio generazionale. Ovviamente, la crescente complessità, la necessità di fare investimenti in attrezzature e formazione per rimanere in pista tende ad accelerare l uscita dei protagonisti più anziani. Per quanto riguarda gli addetti produttivi (operatori tecnici), la variazione riscontrata è da a unità. La perdita dei posti riguarda esclusivamente il periodo Il ragionamento fatto per il totale addetti indica un uscita per età di circa persone. La differenza mette in evidenza l ingresso di nuovi addetti per compensare le uscite. Inoltre, ricordiamo che l esplosione del mercato dell auto risale agli anni 70 e 80, e di conseguenza ha generato in breve tempo una richiesta importante di meccanici, elettrauto, carrozzieri e gommisti. Fenomeno di 40 anni fa. Va sottolineato che le Concessionarie, che rappresentano il 5% circa dell universo delle officine, e il 12,5% del totale dei produttivi, ha inciso per il 27% del calo degli operatori tecnici nel periodo considerato. Questa valutazione permette di determinare qual è la sfida in termini di formazione sia dal punto di vista quantitativo prima che qualitativo. Un importante fattore di debolezza risiede nelle basse tariffe di manodopera richieste in Italia, bilanciate dal valore alto dei ricambi con sconto rilevante concesso dal fornitore. 18

19 Il bilanciamento di questi due elementi dà un costo di manutenzione similare ad altri mercati paragonabili, ma espone gli attori a una grande debolezza, in un mondo sempre più trasparente e informato. L autoriparatore dovrebbe detenere il suo valore nella propria capacità di diagnosticare il guasto e svolgere le operazioni di manutenzione per riportare la vettura allo stato di funzionamento ottimale. Il ricambio e il valore dello stesso non sono di sua competenza e non dovrebbe esserne dipendente. Le strategie messe in atto da alcuni attori del mondo delle assicurazioni, o dal alcuni protagonisti del mercato del noleggio dovrebbero incitare a una grande cautela in questo campo. Un'altra area che consente di individuare le debolezze della professione è il confronto con le difficoltà che gli operatori incontrano quotidianamente nella loro attività. Gli incassi e il recupero credito non sono delle voci nuove. Nel 2007 rappresentavano la prima difficoltà che incontravano gli autoriparatori multimarca. Questa voce è la prima anche per le officine autorizzate. Sempre rispetto al 2007, la voce evoluzione tecnologica dei veicoli sembra essere rientrata, anche se rimane la seconda citazione. Un'altra voce importante, era la terza citata, trovare personale qualificato che è anche in questo caso in calo: la chiusura di diverse officine in particolare di concessionari ha reso reperibili sul mercato del lavoro dei tecnici qualificati. Crescono le difficoltà legate alla gestione, allo smaltimento dei rifiuti, ai problemi con i clienti (tecnici, legali, commerciali), all amministrazione, ai rapporti con le banche (anche questo è gestione). 19

20 Al tempo del regolamento 1400/2002, una sfida era stata la disponibilità dei dati tecnici per operare sulle vetture più recenti. Il nuovo regolamento 461/2010 ha reso più facile l accesso ai dati. Sempre di più la corretta definizione degli investimenti in attrezzature ed in formazione per saperle utilizzare si rivela centrale. A questo si sono aggiunte altre difficoltà, simbolo della complessità crescente del mondo nel quale operiamo. 20

21 Le sfide della riparazione dei veicoli è legata alla dimensione stessa dell officina, per diversi motivi: - Capacità di formazione, un artigiano da solo avrà difficoltà a trovare tempo per fare formazione. In questa area, la formazione via computer e internet è una strada per avvicinare le piccole officine alle aule, ma non preclude la formazione con la presenza fisica di un docente e delle attrezzature da utilizzare - Capacità di investimento, le risorse disponibili per investire in attrezzature, strumenti di diagnostica e formazione sono limitate per chi ha un attività contenuta - Conoscenza ed esperienza, con pochi casi concreti da risolvere, la competenza rimane teorica e la risoluzione di problemi affrontati per la prima volta più difficile. Negli anni 2000, la grande sfida per il mercato indipendente è stata quella di disporre delle informazioni tecniche necessarie per poter operare sulle vetture. La contrazione delle reti OES a partire del 2002 (BER), associato all alto numero di vetture immatricolato a consentito alle officine IAM di ricevere un flusso di vetture sufficiente a garantire l attività, e a finanziare gli acquisti delle BD necessarie. Il reverse engineering operato dai produttori di strumenti diagnostici è bastato per mettere a disposizioni strumenti adeguati. Buone relazioni con i Concessionari a consentito di colmare il divario tra quanto disponibile e quanto necessario, senza fare investimenti esosi. Queste informazioni sono spesso ripagate con l acquisto di ricambi, resi più agevoli dai consorzi logistici di concessionari. Il reperimento dei ricambi tra la distribuzione indipendente e i magazzini dei Concessionari non è mai stata critica per le officine. Il nuovo regolamento ha ribadito che la rete dei Costruttori non può opporsi alla richiesta di ricambi da parte di riparatori. 21

22 Parte 2 I fattori di cambiamento 1. Evoluzione della domanda a. La domanda di mobilità L automobile è uno dei vettori più importanti della mobilità individuale e subisce una concorrenza intersettoriale notevole che vale la pena tener presente. L uso della vettura può essere segmentata in due ambienti: 1- Breve raggio: esistono in teoria una serie di mezzi alternativi al trasporto individuali: treno, bus, che non dovrebbero limitare nel medio termine l uso dell auto in futuro (condizioni dei mezzi, flessibilità, densità del servizio). Internet è un mezzo da inserire come concorrente dell auto: acquisti in rete, social network riducono le percorrenze urbane, l identificazione del punto di vendita fisico taglia il tempo per la ricerca del prezzo migliore. Lo sviluppo dei mezzi a 2 o 3 ruote (sicurezza, costi e complessità delle patenti) aggiunge un concorrente 2- Lungo raggio: voli low cost, alta velocità, fly and drive sono altri parametri per la riduzione delle percorrenze. 3- Possesso della vettura: varie ipotesi, difficili da prevedere possono spostare la domanda di automobili verso il car sharing, oppure un maggiore uso di noleggio a breve termine tradizionale, oppure delle opzioni di noleggio a lungo termine, sia di vetture nuove che di seconda mano (di queste bisogno pure farne qualcosa). Questi fattori nel breve periodo possono aiutare a mantenere la dimensione del parco, con uno spostamento verso vetture più piccole. Va nello stesso senso il numero sempre minore dei componenti del nucleo familiare. b. La domanda di servizi di cura e manutenzione: famiglie italiane, intervistate de visu tra il 2009 e il 2012, hanno messo in evidenza quanto la domanda di manutenzione delle vetture sia molto stabile e anti ciclica. La domanda in termine di cura e manutenzione vede in primis una segmentazione tra delega e fai da te. Quest ultimo è molto marginale in Italia, e scompare dopo le operazioni di cura e manutenzione più semplici (rabbocchi, sostituzione spazzole, batterie, lampadine, ). Questo ruolo marginale è da attribuire innanzitutto alla bassa tariffa di manodopera che viene richiesta dagli operatori di tutti i circuiti di riparazione. In altre parole, perché un automobilista si dovrebbe sporcare la mani per realizzare un operazione che un riparatore svolgerà per pochi? La Crisi economica in atto ha solo lievemente fatto alzare il tasso di fai da te. Non dimentichiamo che per svolgere adeguatamente delle riparazioni in autonomia sono comunque necessari tre fattori: attrezzature, conoscenza ed esperienza, oggi per nulla patrimonio dei nostri automobilisti. Nel medio termine, la complessità tecnica dei 22

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso di inflazione, il mercato ha avuto un calo improvviso

Dettagli

MATERIALE PER LA STAMPA ESTRATTI DAL CONVEGNO AUTO USATE. IL MERCATO E IL MARKETING. Roma, 12 aprile 2013

MATERIALE PER LA STAMPA ESTRATTI DAL CONVEGNO AUTO USATE. IL MERCATO E IL MARKETING. Roma, 12 aprile 2013 MATERIALE PER LA STAMPA ESTRATTI DAL CONVEGNO AUTO USATE. IL MERCATO E IL MARKETING Roma, 12 aprile 2013 Osservatorio CarNext con il contributo degli studenti del Master sull Automobile 2013 64% 63% 63%

Dettagli

L esodo dell autotrasporto dall Italia e l impatto sull economia della filiera

L esodo dell autotrasporto dall Italia e l impatto sull economia della filiera Conferenza Stampa L esodo dell autotrasporto dall Italia e l impatto sull economia della filiera Modena, 31 marzo 2015 1 Introduzione Questo studio si prefigge lo scopo di analizzare e valutare: 1) l impatto

Dettagli

Andamento generale e specificità della Sicilia

Andamento generale e specificità della Sicilia ANALISI DEL MERCATO AUTOMOTIVE ANALISI DEL MERCATO AUTOMOTIVE Andamento generale e specificità della Sicilia Mercato europeo La crisi del settore dell'auto continua senza sosta e si sta aggravando ulteriormente,

Dettagli

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi 36 anni da 3 profonde crisi. La prima nel 1983, a causa della stagnazione economica

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi 36 anni da 3 profonde crisi. La prima nel 1983, a causa della stagnazione economica 1 Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi 36 anni da 3 profonde crisi. La prima nel 1983, a causa della stagnazione economica e di un alto tasso di inflazione. Dieci anni dopo,

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

Energia e trasporti: il ruolo del metano

Energia e trasporti: il ruolo del metano Metano e trasporti per il governo della mobilità Energia e trasporti: il ruolo del metano di Edgardo Curcio Presidente AIEE Parma, 16 marzo 2010 Centro Congressi Paganini Indice della presentazione 1.

Dettagli

Usato Smile e l automobilista ti sorride

Usato Smile e l automobilista ti sorride Usato Smile e l automobilista ti sorride Proponi anche tu Usato Smile e otterrai: Nasce un nuovo servizio che ti offre nuove opportunità L accesso a una flotta potenziale di 2,5 milioni di veicoli questo

Dettagli

280 aziende associate

280 aziende associate Convegno Centro Studi Promotor Università di Bologna L auto a metà del guado nell anno orribile 2009 Guido Rossignoli Roma, 28 Maggio 2009 ANFIA e la Filiera Automotive ANFIA, Associazione Nazionale Filiera

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

SCOOTER A BASSO IMPATTO AMBIENTALE

SCOOTER A BASSO IMPATTO AMBIENTALE SCOOTER A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori Premessa La produzione attuale di scooter superiori a 50cc e omologati EURO 3 è pressoché totalmente a 4 tempi. Attraverso

Dettagli

Presidente ADIRA Coordinatore R2RC. R2RC Il Diritto alla libera riparazione

Presidente ADIRA Coordinatore R2RC. R2RC Il Diritto alla libera riparazione CONFARTIGIANATO AUTORIPARAZIONE Vicenza 21 marzo 2009 Bruno Beccari Presidente ADIRA Coordinatore R2RC Campagna di informazione Europea R2RC Il Diritto alla libera riparazione 24 marzo 2009 COMITATO ITALIANO

Dettagli

Conoscere dove siamo per sapere dove andare

Conoscere dove siamo per sapere dove andare Studio ad hoc Confartigianato Veneto Studio ad hoc per Conoscere dove siamo per sapere dove andare Copyright GiPA Italia 1 Presentazione GiPA 2014 Metodologia delle Banche Dati ATO e PAD Banca Dati Automobilisti

Dettagli

per fidelizzare i clienti

per fidelizzare i clienti 24 Aumentare i servizi per fidelizzare i clienti Offrire il servizio di revisione dei veicoli può essere un opportunità per raggiungere diversi obiettivi: aumentare e saturare il lavoro, impiegare meglio

Dettagli

Indagine Impresa di Assistenza e Manutenzione Veicoli

Indagine Impresa di Assistenza e Manutenzione Veicoli GiPA Italia CNA Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Indagine Impresa di Assistenza e Manutenzione Veicoli Copyright GiPA Italia 1 Universo Definizione del campione

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

Sommario. Torino, 7 giugno 2011. Filiera Automotive.2. Entrata in vigore della modifica alla Direttiva 2003/96/CE. 3. Effetti prodotti Criticità.

Sommario. Torino, 7 giugno 2011. Filiera Automotive.2. Entrata in vigore della modifica alla Direttiva 2003/96/CE. 3. Effetti prodotti Criticità. Torino, 7 giugno 2011 Proposta di direttiva recante modifica alla Direttiva 2003/96/CE sulla tassazione dei prodotti energetici che ristruttura il quadro comunitario per la tassazione dei prodotti energetici

Dettagli

La misurazione degli investimenti nel turismo

La misurazione degli investimenti nel turismo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE Novembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: ottobre 2013 Casi: 352 Periodo

Dettagli

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Introduzione Il traffico è la causa principale dell inquinamento urbano. Nelle aree urbane e metropolitane si sviluppa circa il 70 per cento di

Dettagli

COME OTTIMIZZARE I COSTI DI GESTIONE

COME OTTIMIZZARE I COSTI DI GESTIONE FLOTTE AZIENDALI COME OTTIMIZZARE I COSTI DI GESTIONE di Cristiano Benazzi Produzione e logistica >> Sistemi di management La formula del noleggio per la disponibilità di beni e servizi non di proprietà,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

Le soluzioni Bosch per i Centri di Revisione secondo le nuove procedure MCTCNet2

Le soluzioni Bosch per i Centri di Revisione secondo le nuove procedure MCTCNet2 Le soluzioni Bosch per i Centri di Revisione secondo le nuove procedure MCTCNet2 1 Da Bosch, attrezzature predisposte per l interfacciamento a MCTCNet2 Da Bosch, una vasta scelta di attrezzature predisposte

Dettagli

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE UN RAPPORTO PER ROMA CAPITALE EXECUTIVE SUMMARY La mobilità costituisce un problema strategico prioritario per le aree urbane perché impatta direttamente

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2013

Informazioni Statistiche N 3/2013 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2013 NOVEMBRE 2013 Sindaco: Segretario Generale: Capo Area della

Dettagli

Il settore Automotive include le aree della Produzione, della Componentistica e della Distribuzione.

Il settore Automotive include le aree della Produzione, della Componentistica e della Distribuzione. Appunti: 2 Il settore Automotive include le aree della Produzione, della Componentistica e della Distribuzione. L area della Distribuzione e Riparazione che ci riguarda direttamente occupa oltre 254.000

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Commissione Finanze della Camera dei deputati. Audizione Assogasliquidi/Federchimica

Commissione Finanze della Camera dei deputati. Audizione Assogasliquidi/Federchimica Commissione Finanze della Camera dei deputati Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti l'imposizione tributaria sui veicoli (AC 2397) Audizione Assogasliquidi/Federchimica

Dettagli

Scenari e prospettive del settore auto Roma, 18 Dicembre 2014

Scenari e prospettive del settore auto Roma, 18 Dicembre 2014 Scenari e prospettive del settore auto Cristiana Petrucci Responsabile Centro Studi e Statistiche Unione Petrolifera L UNRAE in numeri Auto, Commerciali, Industriali, Bus, Caravan, Autocaravan, Assistenza,

Dettagli

Informazioni Statistiche N 8/2014

Informazioni Statistiche N 8/2014 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2013 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 8/2014 SETTEMBRE 2014 Sindaco: Segretario Generale: Capo Area della

Dettagli

La mobilità sostenibile nel contesto urbano LE OPPORTUNITA DA COGLIERE Letizia Rigato

La mobilità sostenibile nel contesto urbano LE OPPORTUNITA DA COGLIERE Letizia Rigato La mobilità sostenibile nel contesto urbano LE OPPORTUNITA DA COGLIERE Letizia Rigato Convegno Direzione Futuro Mobilità Elettrica e Autoriparazione 18 maggio 2013 ore 15.00 CROWNE PLAZA, via Po 197 -

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2010

Informazioni Statistiche N 3/2010 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2009 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2010 NOVEMBRE 2010 Sindaco: Assessore ai Tributi e alla Statistica:

Dettagli

Il garage Informazioni per il PD

Il garage Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/8 Compito Gli alunni imparano come funziona un moderno garage e che profili professionali hanno le persone che vi lavorano. Obiettivo Gli alunni conoscono un garage. Materiale

Dettagli

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO ANALISI PER VETTORE ENERGETICO Nel 2007 il gas naturale con 2.011,9 ktep risulta essere il vettore energetico più impiegato (44,4%) negli usi finali, seguito dall insieme dei prodotti petroliferi con 1.437,9

Dettagli

Comunicato stampa. difficilmente paragonabile, si è deciso di non stimare il gettito IRE per l anno 2009.

Comunicato stampa. difficilmente paragonabile, si è deciso di non stimare il gettito IRE per l anno 2009. Comunicato stampa L IMPOSIZIONE FISCALE SUL SETTORE AUTOMOTIVE RESTA ELEVATA ANCHE NEL 2009 NONOSTANTE LA GRAVE CRISI DEL SETTORE La leggera decrescita del gettito tributario del comparto, 67,2 miliardi

Dettagli

Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI

Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI Decreto Legislativo 30 maggio 2005, n. 128 Attuazione della direttiva 2003/30/CE relativa alla

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Indice p. 1. Introduzione p. 2. I Benefici quantificabili offerti dalle tariffe dell energia elettrica p. 3

Indice p. 1. Introduzione p. 2. I Benefici quantificabili offerti dalle tariffe dell energia elettrica p. 3 Energia elettrica: a quanto ammontano i risparmi aggiuntivi che derivano dai servizi accessori offerti con Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 I Benefici quantificabili offerti dalle tariffe dell energia

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA Crollo del Mercato Autocarri e del Trasporto Merci su strada in Italia, quali le cause? Rapporto 2015 Cabotaggio, concorrenza sleale, dimensioni delle Aziende di trasporto, scarsa produttività, costi del

Dettagli

fotovoltaico SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO clima / comfort / risparmio Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE)

fotovoltaico SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO clima / comfort / risparmio Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE) SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO fotovoltaico clima / comfort / risparmio Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE) tel. 085 9771404 cell. 334 7205 930 MAIL energie@icaro-srl.eu WEB www.icaro-srl.eu

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

Soluzioni su misura per le flotte aziendali A confronto con André Siegrist della società René Faigle AG

Soluzioni su misura per le flotte aziendali A confronto con André Siegrist della società René Faigle AG Soluzioni su misura per le flotte aziendali A confronto con della società René Faigle AG La René Faigle AG svolge la sua attività con successo da più di ottant anni. L azienda svizzera a conduzione familiare

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

DEKRA INFO. Novembre 2014. La campagna DEKRA Safety Check presenta i suoi risultati. Tre su quattro giovani guidano auto difettose

DEKRA INFO. Novembre 2014. La campagna DEKRA Safety Check presenta i suoi risultati. Tre su quattro giovani guidano auto difettose DEKRA INFO Novembre 2014 DEKRA Italia S.r.l. Via F.lli Gracchi 27 20092 Cinisello Balsamo (MI) www.dekra.it www.dekra.de La campagna DEKRA Safety Check presenta i suoi risultati Tre su quattro giovani

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Sempre meno auto private

Sempre meno auto private Sempre meno auto private La struttura del vede ancora un rilevante calo del segmento dei privati: le immatricolazioni in maggio sono scese del 10,7% a 81.121 unità, con una quota che perde altri due punti

Dettagli

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna Venerdì 9 Ottobre 2015 Si intravede qualche segnale di ripresa, ma i principali indicatori economici rimangono

Dettagli

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni.

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni. 1 Prima di qualsiasi altra valutazione, vorrei soffermarmi su tre considerazioni, per me fondamentali per meglio definire il contesto in cui si sviluppa la nostra azione o le nostre pratiche sindacali,

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento sui comportamenti in mobilità dei giovani. UN SEGMENTO FORTE DELLA DOMANDA DI TRASPORTO?

Dettagli

Appuntamento primaverile

Appuntamento primaverile Appuntamento primaverile 1. ACCENSIONE FARI AUTOMATICA La guida di giorno con i fari accesi è ormai un obbligo. In Svizzera, finora, era raccomandato agli utenti di veicoli a motore di circolare con i

Dettagli

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI La riconfigurazione del mercato delle costruzioni Lo scenario delle costruzioni

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2009

Informazioni Statistiche N 3/2009 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2008 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2009 AGOSTO 2009 Sindaco: Assessore alle Società ed Enti controllati

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

Sirio Tardella Direttore Servizio Statistico e Amministrativo. Bologna, 15 Maggio 2008

Sirio Tardella Direttore Servizio Statistico e Amministrativo. Bologna, 15 Maggio 2008 Sirio Tardella Direttore Servizio Statistico e Amministrativo Bologna, 15 Maggio 2008 Il mercato dell auto in Italia 5.500.000 5.000.000 4.500.000 4.000.000 3.500.000 3.000.000 2.500.000 2.000.000 1.500.000

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

LA SITUAZIONE E LE PROSPETTIVE DELL ECONOMIA E DEL MERCATO DELL AUTO

LA SITUAZIONE E LE PROSPETTIVE DELL ECONOMIA E DEL MERCATO DELL AUTO Conferenza stampa LA SITUAZIONE E LE PROSPETTIVE DELL ECONOMIA E DEL MERCATO DELL AUTO Bologna, 5 dicembre 2014 Relazione di Gian Primo Quagliano, Presidente Econometrica e Centro Studi Promotor Questa

Dettagli

Audi Essential Package, Audi Service Package, Audi Complete Package. La vostra Audi non sentirà mai i segni del tempo.

Audi Essential Package, Audi Service Package, Audi Complete Package. La vostra Audi non sentirà mai i segni del tempo. Audi Essential Package, Audi Service Package, Audi Complete Package. La vostra Audi non sentirà mai i segni del tempo. I pacchetti di manutenzione Audi Essential Package, Audi Service Package ed Audi Complete

Dettagli

Dallo spread al pay per use

Dallo spread al pay per use Dallo spread al pay per use Dallo spread al pay per use.. Strumenti finanziari e non per il supporto all offerta di beni strumentali. Un quadro della situazione attuale. Evoluzione degli strumenti e prospettive.

Dettagli

Premesso che: tenuto conto che:

Premesso che: tenuto conto che: Premesso che: Interrogazione In 13 a Commissione Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Al Ministro dello sviluppo economico

Dettagli

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO 1. Premessa Nei mesi scorsi Assolombarda ha espresso all Amministrazione Comunale la propria contrarietà alla congestion charge, ritenendola un provvedimento

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

Soluzioni per Piccole-Medie Imprese e Professionisti. Il noleggio a lungo termine per la gestione del parco auto aziendale

Soluzioni per Piccole-Medie Imprese e Professionisti. Il noleggio a lungo termine per la gestione del parco auto aziendale Soluzioni per Piccole-Medie Imprese e Professionisti Il noleggio a lungo termine per la gestione del parco auto aziendale ecom4you Tel. 0324.243531 E-mail servizioclienti@ecom4you.it Ultimo agg. 10.05.2010

Dettagli

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE)

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) INTRODUZIONE In concomitanza con l avvio dei lavori del 17esimo Forum Internazionale sull

Dettagli

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Premessa Entro il 2050, la percentuale di cittadini europei residenti nelle aree urbane arriverà all 82%. La migrazione dalle città

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE SUI TEST DELLE EMISSIONI

DOMANDE E RISPOSTE SUI TEST DELLE EMISSIONI ANFIA, in qualità membro di ACEA, supporta e condivide il contenuto di questo documento. DOMANDE E RISPOSTE SUI TEST DELLE EMISSIONI 1. Come ha reagito ACEA di fronte alla situazione VW?... 1 2. Come funziona

Dettagli

Scheda tecnica n. 42E Diffusione di autovetture a trazione elettrica per il trasporto privato di passeggeri.

Scheda tecnica n. 42E Diffusione di autovetture a trazione elettrica per il trasporto privato di passeggeri. Scheda tecnica n. 42E Diffusione di autovetture a trazione elettrica per il trasporto privato di passeggeri. 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria di intervento 1 : Vita Utile

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

Cose da sapere IL BOLLINO BLU

Cose da sapere IL BOLLINO BLU Cose da sapere IL BOLLINO BLU Il Bollino Blu è un certificato che dimostra l avvenuto controllo dei gas di scarico di un automobile, per i Comuni e le aree a traffico limitato delle città in cui questo

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) L 129/52 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 28.5.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 461/2010 DELLA COMMISSIONE del 27 maggio 2010 relativo all applicazione dell articolo 101, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

UNITA DIDATTICA 1 GUIDA ALL'UTILIZZO DELLA SCHEDA COMMESSA

UNITA DIDATTICA 1 GUIDA ALL'UTILIZZO DELLA SCHEDA COMMESSA UNITA DIDATTICA 1 GUIDA ALL'UTILIZZO DELLA SCHEDA COMMESSA 5 6 Unità di Apprendimento N. 1 Titolo: Presentazione Obiettivo: Introduzione all importanza dell utilizzo della scheda commessa La scheda commessa

Dettagli

vola con il fotovoltaico Diamo energia al tuo business

vola con il fotovoltaico Diamo energia al tuo business vola con il fotovoltaico Diamo energia al tuo business la soluzione PER IL MERCATO CHE CAMBIA Enerpoint, attiva da oltre 12 anni nel settore Fotovoltaico e da sempre in prima linea per promuovere il cambiamento,

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

CONFERENZA STAMPA UNRAE, MILANO 19 NOVEMBRE 2014 GLI ITALIANI E L AUTO: UN RAPPORTO DA RILANCIARE SU NUOVE BASI

CONFERENZA STAMPA UNRAE, MILANO 19 NOVEMBRE 2014 GLI ITALIANI E L AUTO: UN RAPPORTO DA RILANCIARE SU NUOVE BASI CONFERENZA STAMPA UNRAE, MILANO 19 NOVEMBRE 2014 GLI ITALIANI E L AUTO: UN RAPPORTO DA RILANCIARE SU NUOVE BASI Marco Baldi Responsabile Settore Territorio Fondazione Censis UNA LETTURA ATTRAVERSO TRE

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE

RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE Non compromettere il futuro delle prossime generazioni cercando di soddisfare i bisogni del presente ; in quest ottica

Dettagli

Galileo Assistenza & Post Vendita

Galileo Assistenza & Post Vendita Galileo Assistenza & Post Vendita SOMMARIO PRESENTAZIONE... 2 AREE DI INTERESSE... 2 PUNTI DI FORZA... 2 Caratteristiche... 3 Funzioni Svolte... 4 ESEMPI.7-1 - PRESENTAZIONE Sempre più spesso ci si riferisce

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer tyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer tyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer tyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui La fase della preconsegna opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiop all

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Fossano, 27 Marzo 2015 G.E.M. SRL CUNEO - ALBA - SAVONA 1

Fossano, 27 Marzo 2015 G.E.M. SRL CUNEO - ALBA - SAVONA 1 Fossano, 27 Marzo 2015 1 CONFRONTO MERCATO ITALIA DAL 2010 AL 2014 Evoluzione degli operatori vendita autoricambi Evoluzione delle officine di autoriparazione Andamento del nostro mercato Età del parco

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

LOCAZIONE VEICOLI EFFICIENZA NELLA CAR POLICY E BENEFICI PER LE AZIENDE. Pietro Teofilatto ANIASA. Milano, 23 ottobre 2013

LOCAZIONE VEICOLI EFFICIENZA NELLA CAR POLICY E BENEFICI PER LE AZIENDE. Pietro Teofilatto ANIASA. Milano, 23 ottobre 2013 LOCAZIONE VEICOLI EFFICIENZA NELLA CAR POLICY E BENEFICI PER LE AZIENDE Pietro Teofilatto Milano, 23 ottobre 2013 Agenda Scenario del mercato dell auto e del noleggio Nuovo ruolo del Fleet manager: car

Dettagli

POMPE DI CALORE SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO. clima / comfort / risparmio. Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE)

POMPE DI CALORE SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO. clima / comfort / risparmio. Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE) SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO POMPE DI CALORE clima / comfort / risparmio Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE) tel. 085 9771404 cell. 334 7205 930 MAIL energie@icaro-srl.eu WEB www.icaro-srl.eu

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

PRODOTTI E SERVIZI POST VENDITA

PRODOTTI E SERVIZI POST VENDITA PRODOTTI E SERVIZI POST VENDITA IL TUO BUSINESS NON SI FERMA MAI I NOSTRI VALORI HANNO UN SOLO OBIETTIVO: MASSIMIZZARE LA PRODUTTIVITÀ DEL TUO BUSINESS. SCEGLIENDO IVECO BUS HAI FATTO UNA SCELTA DI QUALITÀ

Dettagli

Abbigliamento e accessori per motociclisti

Abbigliamento e accessori per motociclisti ITALIA Abbigliamento e accessori per motociclisti Potenzialità del mercato e comportamenti d acquisto. Lo studio si concentra sui due canali di vendita preferiti: negozi specializzati e concessionari.

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

ECO-INCENTIVI STATALI 2008 per la sostituzione o trasformazione di veicoli inquinanti e altri contributi a favore della mobilità sostenibile

ECO-INCENTIVI STATALI 2008 per la sostituzione o trasformazione di veicoli inquinanti e altri contributi a favore della mobilità sostenibile ECO-INCENTIVI STATALI 2008 per la sostituzione o trasformazione di veicoli inquinanti e altri contributi a favore della mobilità sostenibile Il decreto milleproroghe (D.L. 248/2007) varato dal Consiglio

Dettagli

MANUALE DI RIPARAZIONE E MANUTENZIONE MOTO E SCOOTER

MANUALE DI RIPARAZIONE E MANUTENZIONE MOTO E SCOOTER Marco Zacchetti MANUALE DI RIPARAZIONE E MANUTENZIONE MOTO E SCOOTER VOLUME 1. LA DIAGNOSTICA Piano dell opera del manuale. Volumi pubblicati: 1 - LA DIAGNOSTICA Di prossima pubblicazione: 2 - ATTREZZATURA

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli