Isabella Bovero, presidente del Club Digitale di Unindustria: Reggio è una delle protagoniste della quarta rivoluzione industriale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Isabella Bovero, presidente del Club Digitale di Unindustria: Reggio è una delle protagoniste della quarta rivoluzione industriale"

Transcript

1 SETTIMANALE SABATO 18 LUGLIO 2015 ANNO IX NUMERO 29 QUESTO GIORNALE NON RICEVE ALCUN FINANZIAMENTO PUBBLICO 1 EURO Testata: Il Giornale dell Emilia Romagna - Iscritta al Tribunale di Reggio Emilia il 03/03/2006 al n IL INCHIESTAI PAG. 3, 4 E 5 I consigli degli esperti per l avviamento all attività motoria dei nostri figli. Pro e contro di ogni disciplina IECONOMIA E SOCIETÀI ILA PAGINA ROSAI IMEDICINAI Il 12% degli italiani rinuncia al dentista per motivi economici. La ripresa economica però c è, tant è che a Reggio l occupazione è aumentata del 2,3% Isabella Bovero, presidente del Club Digitale di Unindustria: Reggio è una delle protagoniste della quarta rivoluzione industriale Mal di testa? Il 90% degli italiani ne soffre. Lo specialista, il dottor Riccardo Zucco: Non trascuriamo le cefalee perchè possono nascondere insidie ALLE PAGINE 6 E 7 A PAGINA 11 A PAGINA 12

2

3 SABATO 18 LUGLIO 2015 I APPROFONDIMENTO DEL DIRETTORE Accettare i matrimoni gay è indice di civiltà I Paesi del mondo sono divisi sull argomento e anche se sono tanti in Europa quelli che hanno concesso il diritto di matrimonio alle coppie omosessuali, c è ancora molta strada da fare. La parità e la libertà dei diritti che è sancita dalla Dichiarazione universale dei diritti dell uomo, non può e non deve restare lettera morta Il prossimo ottobre si svolgerà il Sinodo dei vescovi e il pensiero di Papa Bergoglio appare chiaro fin d ora: Ogni persona, indipendentemente dalla propria tendenza sessuale, va rispettata nella sua dignità e accolta con sensibilità e delicatezza, sia nella Chiesa che nella società. MAURIZIO COSTANZO TUTTI gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza. Dovrebbe bastare la citazione di questo primo articolo della Dichiarazione universale dei diritti umani, per mettere a tacere tutti coloro che sono contro la contrazione di matrimonio tra individui dello stesso sesso. Dovrebbe portare a riflessioni, ricordando che si tratta di un documento etico, rivolto cioè non solo a riconoscere i diritti umani. ma anche a liberare l individuo dal timore di esercitarli. A sostegno dell art. 1, vi è il contenuto dell art. 16, che stabilisce che Uomini e donne in età adatta hanno il diritto di sposarsi e di fondare una famiglia, senza alcuna limitazione di razza, cittadinanza o religione. E vero, come alcuni hanno sostenuto, che tale Dichiarazione non fa esplicitamente richiamo al fatto che uomini e donne possano contrarre matrimonio pur essendo dello stesso sesso, ma è anche vero che non dice il contrario e né deve essere implicitamente dedotto solo perché all epoca in cui la Dichiarazione fu elaborata, nel 1948, non ci si poneva la questione del matrimonio omosessuale, come invece si pone ai giorni nostri. I Paesi del mondo sono divisi sull argomento e anche se sono tanti, in Europa, quelli che hanno concesso il diritto al matrimonio alle coppie omosessuali, c è ancora molta strada da fare. La parità e la libertà dei diritti che è sancita dalla Dichiarazione universale dei diritti dell uomo, non può e non deve restare lettera morta. Paesi Bassi, Portogallo, Islanda, Norvegia, Spagna, Danimarca, Francia sono solo alcuni dei Paesi che hanno riconosciuto alle coppie omosessuali il diritto di sposarsi, l Italia invece, si è rivelata uno dei paesi più conservatori e che ci piaccia o no pensarlo, il motivo potrebbe risiedere nella presenza dello Stato Pontificio, che rende tutto molto complicato, perché tende a valutarsi assieme all aspetto giuridico della faccenda, anche l aspetto morale. Il pontificato prima di Karol Wojtyla e poi di Papa Ratzinger hanno rallentato il dibattito su questi temi, forse ritenuti troppo scottanti e si è preferito mantenere una posizione conservatrice. Ma, come diceva Seneca, non si ferma il vento con le mani e alcune questioni meritano di essere affrontate in modo serio e approfondito al fine di dare loro una regolamentazione giuridica e una dignità morale. La Chiesa non può non tenere conto delle nuove realtà che si vanno via via affacciando, anche se da alcuni accadimenti piuttosto recenti si comprende quanto ancora gli ostacoli siano tanti. L Irlanda è stato il primo Paese a indire un referendum per chiedere ai propri cittadini se le coppie omosessuali abbiano il diritto o no di sposarsi. Il risultato, di pochi giorni fa, è stato favorevole alla concessione del diritto al matrimonio. Qualche perplessità invece ha suscitato il commento a questo risultato del Segretario di Stato vaticano, il Maurizio Costanzo, il nostro direttore editoriale cardinale Parolin, che lo ha considerato non solo come una sconfitta dei principi cristiani, ma una sconfitta dell umanità. Se il senso di questa affermazione fosse quello che appare, mi viene voglia di dire: Meno male che c è Papa Francesco!. Il prossimo ottobre si svolgerà il Sinodo dei vescovi e il pensiero di Papa Bergoglio appare chiaro fin d ora: Ogni persona, indipendentemente dalla propria tendenza sessuale, va rispettata nella sua dignità e accolta con sensibilità e delicatezza, sia nella Chiesa che nella società. Possiamo comprendere quanto sia difficile accogliere un mutamento culturale e sociale che si è cercato di insabbiare per molti anni, ma Papa Bergoglio ci ha ricordato che la Chiesa deve costruire non muri ma ponti. Accettare i cambiamenti non vuol dire accoglierli senza capirli a fondo, ma anzi il contrario; la Chiesa deve avere la capacità di ragionare per confrontarsi con posizioni diverse e che inevitabilmente cambiano con il trascorrere del tempo. Direttore: Maurizio Costanzo La testata telematica che ti aggiorna direttamente nella tua informative inviate settimanalmente Più di 158 milioni di accessi al sito da Gennaio ad agosto 2014

4 TRASFORMA IL TUO DIESEL EL DIESEL + META EMA ANO DIESEL + METANO CON UN SISTEMA NUOVA VITA AI MOTORI DIESEL. Una tecnologia consolidata LANDIRENZO Diesel Dual Fuel è l innovativo sistema ad iniezione sequenziale progettato e prodotto da Landi Renzo per la conversione di motori diesel in motori in grado di lavorare con una miscela di gasolio e metano. Il sistema può essere installato su veicoli commerciali leggeri e su mezzi per il trasporto pesante consentendo un risparmio fino al 23% sul costo del carburante*. *dati variabili a seconda del veicolo e delle modalità di guida dello stesso Contatta l officina LANDIRENZO: CAR GAS di Barbaccini Mauro & C. Via Alva MyrdaL 9/A - Fraz. di Forche di Puianello Quattro Castella (RE) - Tel:

5 SABATO 18 LUGLIO PRIMO PIANO Ecco come avviare i nostri bambini all attività sportiva Il divertimento dev essere la prima indicazione per il genitore che, a sua volta, non deve obbligare il figlio a scegliere l una o l altra attività, ma assecondarlo in ciò che maggiormente lo rende felice e appagato Una specializzazione precoce in un bambino lo caricherebbe di pressione eccessive, che potrebbero anche portare a conseguenze comportamentali difficili da gestire L agonismo contribuisce a lavorare sui bisogni e le ansie individuali del bimbo, favorendo quindi anche il suo inserimento sociale. A 6 anni il bambino fa notevoli progressi nell acquisizione della consapevolezza del proprio corpo e della propria psiche LORENZO CHIERICI COLORO che operano nel nell ambito sportivo sa che una delle preoccupazioni più sentite dai genitori è quella di trovare lo sport più adatto per i loro figli. Normalmente si cerca uno sport completo e la domanda che più spesso viene fatta è proprio questa: Qual è lo sport migliore per mio figlio? Come è ovvio, ogni genitore ha uno sport preferito che spera venga praticato anche dal proprio figlio, ma non è sempre così e infatti a questa domanda non c è risposta, in quanto ogni attività fisica, quando viene indirizzata verso una specializzazione, promuove certe caratteristiche a discapito di altre. ANCHE IL NUOTO NON E UNO SPORT COMPLETO Il nuoto è certamente la disciplina che maggiormente soddisfa l esigenza di sport completo, ma, ad un esame più attento, risulta evidente che neppure il nuoto può fregiarsi di questo titolo, perché, ad esempio, non interviene su importanti qualità quali l abilità di coordinare il corpo rispetto allo spazio circostante, la propiocettivtà, la capacità di saltare, correre o lanciare oggetti e la capacità di socializzare e di lavorare insieme agli altri per un obiettivo comune. COME CAPIRE COSA PIACE AI NOSTRI FIGLI Spesso il bambino mostra una decisa e naturale volontà di muoversi, mentre è del genitore il desiderio di iscriverlo ad un corso piuttosto che a un altro. Il primo elemento importante da valutare è questo: il bambino si deve divertire. Dai 5 ai 7 anni, quando il bimbo inizia l attività, ha forti motivazioni derivate dallo sport e si appassiona ad un attività motoria sotto forma di gioco e di divertimento nella quale profondo grande impegno ed energia. L AGONISMO COME MEZZO PER CRESCERE Il gioco e l agonismo sono le due molle che fanno scattare quest energia e in questa età l agonismo permette lo sfogo dell aggressività, l autoaffermazione, l interazione con la realtà. L agonismo, dunque, se viene vissuto in un contesto organizzato, gestito da un istruttore preparato, funziona da decongestionante psichico e favorisce la crescita psichica ed emotiva dell allievo. La pratica sportiva con manifestazioni agonistiche, quindi, magari non risolve, ma contribuisce a lavorare sui bisogni e le ansie individuali del bimbo, favorendo quindi anche il suo inserimento sociale. ANSIE E GENITORI In certe situazioni il bambino può anche manifestare uno scarso impegno all attività oppure anche ansie nevrotiche reattive, forme compensative, situazioni che possono essere legate all identità sessuale, ma anche, ad esempio, quando il bambino avverte che il genitore desidera con forza che egli pratichi una certa attività e non vuole deluderlo, anche se la cosa non lo appassiona. Il ruolo del genitore, quindi, è fondamentale e sta nell intelligenza e nella sensibilità dello stesso capire ed accompagnare il figlio nel proprio percorso naturale. NON E SOLTANTO SPORT Iscrivere un bambino ad un corso di avviamento allo sport, quindi, significa agire anche sul suo sviluppo psichico, oltre che su quello fisico. La pratica sportiva prolungata, infatti, ha degli effetti sulla personalità, essendo dimostrato, ad esempio, che può agire su eventuali atteggiamenti ossessivi, di coartazione emotiva o su atteggiamenti istrionici. Un altro aspetto fondamentale è che l attività venga proposta, sia da parte dei genitori LA PRATICA SPORTIVA IN ITALIA 23 milioni NON praticano alcuna attività fisica o sportiva 41% 16 milioni praticano attività fisiche 28,4% che degli insegnanti, come un qualcosa di divertente e durante il percorso è fondamentale anche gestire gli eccessi che talvolta emergono dallo sport che non sono sempre positivi e che posson provocare la sindrome da paura dell insuccesso, ossia una sorta di ansia preagonistica, con una complessa sintomatologia psichica e somatica. Insomma, il bambino non deve lavorare sul risultato, che sarebbe sbagliato non solo sul piano etico e sociale, ma anche funzionale e della specializzazione: un grande specialista di domani, infatti, deve oggi essere un bambino che si diverte a fare sport e che cresce equilibrato e ricco di esperienze motorie. E IMPORTANTE RITARDARE LA SPECIALIZZAZIONE In questo senso, i genitori, non devono pensare al campione e a specializzazioni in tenera età. Anche lo stress agonistico deve essere assolutamente evitato: un atleta maturo deve avere una carica psicologica tale da farlo lottare fino alla fine, in gara, contro il suo avversario, anche se si tratta del suo migliore amico. In un bambino, però questo significherebbe caricarlo della pressione di un intero ambiente affettivo: genitori, allenatore, compagni a cui egli tiene e quindi l ansia potrebbe essere maggiore del piacere della pratica sportiva. Ecco perché la specializzazione va ritardata il più possibile. COME SCEGLIERE IN BASE AI BISOGNI DEI FIGLI Mettiamoci ora nei panni del genitore coscienzioso che, resosi conto dell importanza fisica e psicologica di una sana attività corporea per il figlio, si trovi in mano tre o quattro volantini di polisportive e di centri di avviamento allo sport e debba scegliere a quale corso iscriverlo. Per dargli un consiglio occorre capire di che cosa ha bisogno un bambino di età compresa tra i 5 ed i 7 anni. L ambiente di provenienza. Prima di tutto occorre tenere in debito conto dell ambiente di provenienza del bambino. In un ambiente rurale possono non esserci i problemi che sussistono in un 17 milioni praticano sport 30,2% ambiente urbano dove i bimbi, a volte, sono limitati sul piano senso-motorio a causa di spazi ridotti, monotoni e di tante ore davanti a tv, computer e vidiogiochi. Queste forti mancanze nel campo delle abilità motorie devono essere recuperate dall insegnante sportivo. Ciò, però, non può avvenire per mezzo di ginnastiche ritualizzate o sport ripetitivi a scarso contenuto cognitivo, come, ad esempio il nuoto, se praticato in modo tradizionale, ma attraverso programmi differenziati, continuamente arricchiti in senso ludico ed estremamente variati. Al contrario, un bambino che già a cinque anni si arrampica sugli alberi e gioca all aperto con i coetanei non ha un tale gap da recuperare İ fattori di scelta del Coni. Dai 5 ai 7 anni la scelta dev essere orientata a fini fisico-formativi e i punti d analisi sono 4: il fattore auxologico; il fattore psicologico-sociale; la strutturazione delle attività basilari di moto; le modalità di apprendimento. Vediamo brevemente nel dettagli questi quattro concetti. L auxologia è una scienza che studia la crescita del bambino: tra i 5 e i 6 anni c è il primo allungamento, ccade quindi che lo scheletro aumenti di peso, le leve ossee si allunghino senza che vi sia, però, un adeguamento della forza muscolare, la colonna vertebrale può tendere ad incurvarsi, dando origine ad attitudini quali la cifosi e la scoliosi, soprattutto quando lo sviluppo non è perfettamente simmetrico; dai 7 anni incrementa la capacità respiratoria, quindi la colonna vertebrale e la gabbia toracica soffrono particolarmente se manca un adeguata attività fisica; dagli 8 anni, invece, c è un certo aumento della massa e della forza muscolare che, se oculatamente guidata, porta a supplire alle carenze dei periodi precedenti. A livello psicologico-sociale a cinque anni il bambino risente ancora del processo di identificazione con il genitore dello stesso sesso. Il gioco tra bambini di questa età è caratterizzato da continui litigi ed aggressioni fisiche, magari violente, ma di breve durata, ma questo porta a processi di tipo associativo: il loro gioco è finalizzato a realizzare un identico obiettivo. Dai 6 anni, invece, In modo continuativo: 20,1% In modo saltuario: 10,1% Dopo l avviamento allo sport ecco come si evolve la pratica sportiva nel nostro paese: il 41% delle persone non fa sport cominciano ad esserci notevoli progressi nell acquisizione della consapevolezza del proprio corpo e della propria psiche. Inizia anche a comprendere come gli altri lo vedono e lo giudicano, quindi richiede agli altri di essere rispettato e di essere tenuto in giusta considerazione. Reagisce ai rimproveri e alle gratificazioni. A sette anni tendono a diminuire le tendenze egocentriche e conoscono meglio il loro corpo, mentre a 8 anni inizia il desiderio di autorealizzarsi, anche in funzione dei modelli che l adulto gli fornisce. Per quanto riguarda le attività basilari di moto, il bambino attraversa, lentamente e durante tutto l arco dell età scolare, un processo di evoluzione neurofisiologica, definito dominanza, che fa sì che, di solito, il lato sinistro del suo corpo abbia funzioni di sostegno, appoggio e difesa, mentre il destro abbia funzioni di attacco, slancio ed offesa. Questo processo ha origine dalla mano e si evolve poi in tutto il lato del corpo, fino ad arrivare alla cosiddetta lateralizzazione, cioè la divisione del lato del controllo nervoso delle due metà del corpo. Senza la lateralizzazione non si è in grado di compiere efficacemente dei gesti sportivi. Proporre ad un bambino un attività, cioè un tipo di esperienza cognitiva, per la quale non sia ancora maturo può essere non solo improduttivo, ma addirittura controproducente. Il bambino, infatti, sceglie tempi e modi dei suoi interessi. A livello di apprendimento, il bambino può eseguire i gesti motori solo se precedentemente è stato posto in grado di avere imparato esperienze motorie più semplici ed elementari. L apprendimento di ogni gesto può essere impossibile se prima il bambino non ha appreso gesti più semplici che fungono da mattoni per costruire quello più complesso. A partire dai cinque anni l apprendimento motorio deve avvenire sempre per gradi e in modo spontaneo, in forma gioiosa e ludica. I bambini imparano dai loro stessi errori, quindi non bisogna sottolineare l errore e correggerlo, ma stimolare la capacità autocorrettive con elementi motivanti l attenzione e la ripetizione, anche per evitare sfrustrazioni e rifiuti.

6 4 SABATO 18 LUGLIO 2015 PRIMO PIANO E fondamentale la formazione dei tecnici e dei genitori Lo dice Alessandro Munarini, presidente del Santos 1948 e responsabile formazione del Csi di Reggio: I figli vanno accompagnati, non costretti e condizionati L educatore è il punto di riferimento per il ragazzo e spesse volte, quello che dice, è oro colato: ecco perchè la formazione tecnica, ma soprattutto umana degli istruttori è fondamentale Non è detto che una società cattolica lavori meglio di una laica. Una cosa però è certa: nella crescita l incontro con Gesù può aiutare davvero tanto. Il Centro Sportivo, ogni anno, organizza corsi di formazione per gli allenatori e ne segue lo sviluppo tecnico e umano LORENZO CHIERICI PER capire meglio quali sono gli elementi essenziali per scegliere gli sport per i nostri bambini, parliamo con una persona che da sempre vive all interno del mondo sportivo, Alessandro Munarini, presidente del Santos 1948, società Alessandro Munarini parrocchiale reggiana con circa 600 tesserati, nonché responsabile della formazione del Centro Sportivo Italiano di Reggio Emilia, che vanta la bellezza di 48 mila tesserati di qualunque età suddivisi in 25 discipline diverse. Munarini, quale consiglio si sente di dare ai genitori sul fatto di avvicinare i loro figli all attività sportiva e sulla scelta delle discipline da seguire? «L attività sportiva è una parte non importante, ma fondamentale della vita di ognuno di noi e lo è non solo dal punto di vista della tutela per la nostra salute, ma anche a livello di prevenzione e di aiuto alla crescita del nostro corpo, oltre che a quella umana. Lo sport ti fa comunque crescere, che sia a livello individuale che di squadra, ti allena alla vita infatti lo si definisce una palestra di vita, quindi a tutti coloro che mi chiedono come vedo l attività sportiva nei bambini, rispondo loro che non soltanto è importante, ma è fondamentale. E ovvio che ogni cosa vada vissuta con le giuste proposte e debba essere seguita da personale qualificato. Un bambino può iniziare anche a tre o a quattro anni a fare sport, come facciamo noi al Santos 1948 con il Progetto Spring, dove proponiamo ai bimbi un attività ludicomotoria, ma per farlo servono istruttori qualificati che sappiano adeguare le attività proposte all età del bambino». E per quanto riguarda la scelta? Cosa si propone ai bimbi così piccoli? «Un po di tutto. E sbagliato puntare su un attività specifica, mentre è fondamentale che i bambini si divertano, siano in costante movimento e che abbiano un approccio bello, piacevole a ciò che fanno, senza fossilizzarsi su un attività specifica. In questo modo diamo loro la possibilità di sviluppare le rispettive attitudini e scegliere naturalmente ciò che preferiscono, senza condizionamenti». Poi si arriva ai sei-sette anni... «E in quel periodo della loro vita che si avvicinano seriamente a varie discipline ed iniziano a sviluppare i loro gusti e quindi a scelgiere, ma perché ciò avvenga servono persone preparate che li aiutino in questo processo e che propongano loro cose corrette anche dal punto di vista fisico, oltre che tecnico e scentifico, allo scopo di fornire al bambino una proposta completa, sana e riguardosa nei suoi confronti». Lei è il presidente di una società cattolica ed è anche responsabile della formazione del Centro Sportivo. E importante, nella scelta della società, l orientamento religioso della stessa? «Sarei un ipocrita se dicessi che lavorano bene solo le società cattoliche. Ci si può infatti avvicinare a realtà sportive parrocchiali e fuggire a gambe levate e viceversa. Ciò che i genitori devono guardare è la serietà e il modo di lavorare di una società sportiva, qualunque essa sia. Per quanto mi riguarda sono convinto che se alla base di tutto, ci sono anche valori cristiani, si può ottenere quel qualcosa in più che aiuta tutti a crescere: Gesù Cristo. Santa Chiara diceva: Ciò che fai fallo bene ed anche nello sport dev essere così, dai dirigenti delle società agli istruttori, ai genitori. I comportamenti, l educazione e la crescita umana, lavorando bene, possono portare a risultati importanti tecnici, umani e anche spirituali. D altro canto, ognuno di noi diventa credibile agli occhi degli altri quando fa ciò che deve fare nel miglior modo possibile; chi fa bene il proprio mestiere, in tutti i campi, è stimato; chi lo fa male non lo è. Noi tutti, infatti, ci fidiamo delle persone che fanno bene il loro lavoro e ci fidiamo di loro per questo. Munarini, come deve comportarsi un genitore per capire bene le attitudini del figlio? «Lasciare loro molta libertà: lo sport dev essere un gioco, un mento di festa e di incontro, non una forzatura. Nel momento in cui avviene l incontro con lo sport il ragazzino deve stare bene con se stesso e con gli altri. Putroppo ci sono molti genitori che cercano di indirizzare il figlio verso la passione del padre o della madre, senza accorgersi magari che il loro figlio non è felice e vive quel momento come un attività di studio o terapeutica. Lo sport fa bene anche in questo caso, ma non va incontro a tutte le caratteristiche e le peculiarità di cui parlavamo prima: ossia il regalare gioia, stimoli e divertimento». Parliamo di società e di tecnici. Quanto sono importanti l organizzazione e la formazione? «Sono fondamentali da sempre. Nello specifico, la formazione, oggi come oggi, è determinante in ogni campo. E vero che lo sport si basa sul volontariato, ma ciò non significa che sia giusto il principio vogliamoci bene e chissenefrega. Ogni istruttore dev essere preparato e le società devono investire due soldi sulla formazione degli allenatori e su quello che devono fare in campo sia dal punto di vista tecnico che sotto il profilo umano ed educativo. In quegli anni, infatti, l allenatore è il punto di riferimento esterno alla famiglia e qundi non deve commettere errori soprattutto a livello educativo. Per i ragazzini, quello che dice l allenatore, è oro colato e spesso i tecnici vengono ascoltati più degli stessi genitori, quindi hanno una responsabilità grandissima. Il vescovo emerito di Reggio, monsignor Adriano Caprioli disse un paio di anni fa: Gesù ci ha detto: voi siete sale della terra e luce del mondo, sta poi a voi capire se siete salati o insipidi. Gli allenatori e gli educatori sono il sale della terra per quanto riguarda lo sport». Chiudiamo con la figura dei genitori che spesso rappresentano un ostacolo alla crescita sportiva dei loro figli... «La figura del genitore è fondamtale: se non ci fosse il genitore non ci sarebbe neppure il ragazzo. I genitori, quindi, sono un patrimonio da valorizzare e quindi la società deve impegnarsi anche a formare gli stessi genitori. Quando il genitore affida il proprio figlio ad una società sportiva lo affida totalmente e deve quindi fidarsi di chi si occuperò della crescita sportiva e umana del ragazzo, ma anche il genitore deve cercare di fare un percorso con la società, cercando di non scendere in campo col proprio figlio. Per capire se un genitore sta oltrepassando il limite basta osservare il ragazzo quando esce dal campo: se parla della partita tranquillamente, in caso di vittoria o di sconfitta che sia, significa che ha vissuto l evento serenamente, se invece si chiude a riccio e non ne parla o è nervoso significa che i genitori stanno invadendo quello che è un suo spazio, un momento che è giusto che il ragazzo viva in modo libero e responsabile assieme ai suoi coetanei. Il genitore non deve quindi invadere lo spazio del figlio». E come Centro Sportivo ci sono iniziative in questo senso a livello di formazione? «Personalmente sto parlando con tante società per portarle ad un percorso anche con i genitori: ho qualcosa in cantiere, ma la formazione dei genitori è un argomento sempre un po delicato. Quello che c è di concreto, a livello di Centro Sportivo, quindi aperto a tutti i tecnici e a tutte le società, è la crescita dei nostri allenatori, anche umana, attraverso i corsi che facciamo ogni anno dove affrontiamo, oltre agli aspetti tecnici del campo, anche questi argomenti». Uno screening di tutti gli sport per i bimbi fino a 7 anni FACCIAMO ora una piccola rassegna di alcuni sport, all interno della quale vengono fatte osservazioni sulle caratteristiche di varie discipline, senza alcuna intenzione di fare graduatorie di merito o pretesa di dare indicazioni esaustive. Arti marziali e sport di combattimento. Sono attività spesso malviste dai genitori che temono per l incolumità dei figli. In realtà, se ben gestite, sono discipline utilissime allo sviluppo dei bambini, che lavorano sulla coordinazione, la mobilità articolare, entrano in contatto con la propria aggressività ed imparano a conoscerla. Atletica Leggera. Lanciare, correre, saltare: qui si impara quasi tutto quello che il corpo umano può fare. Inoltre non si può praticare l atletica senza incrementare notevolmente le proprie qualità fisiche. In più si pratica all aria aperta. Badminton. E divertente, se al bambino piace è un ottimo sport. Ballo e danze. L apprendimento degli schemi motori ne trae un enorme vantaggio. Ci si coordina nello spazio e con le altre persone, il tutto imparando a tenere il tempo musicale. Da non sottovalutare anche il fatto che si ingentiliscono i movimenti, contrastando la perdita di coordinazione che si ha nei periodi di veloce crescita fisica. Sottovalutato a torto dai maschietti. Baseball e softball. Divertenti, veloci, ricchi di esperienze motorie e praticati all aperto. Beach volley. Sport splendido, ma facciamoglielo fare quand è più grande. Biathlon. Sporto magnifico, ma da praticare quando il bimbo è più grande. Bob e slittino. Perfetti dal punto di vista ludico. Sarebbe bene però fossero accompagnate da attività più generali. Calcio. Si corre e si salta, ci si coordina con gli altri e nello spazio. Non è un caso che sia lo sport più seguito in Italia. Purtroppo non si interessa molto degli arti superiori. Canoa, canottaggio e kayak. Sono

7 SABATO 18 LUGLIO PRIMO PIANO Ai più piccoli si consiglia il nuoto: aiuta la coordinazione sport bellissimi che hanno il vantaggio di essere visti, dal bambino, come giochi entusiasmanti, ma vanno accompagnati da altre attività. Ciclismo, nountain bike, bmx. In questa fascia di età mettere un bimbo su di un rettilineo e chiedergli di pedalare è veramente difficile. È molto meglio sottoporgli un percorso ad ostacoli che stimoli la sua fantasia. Equitazione. Insostituibile: lo stare all aperto con un animale come il cavallo è utilizzimo e favorisce la crescita. Va però integrata con altre attività. Football americano e rugby. Sport spesso malvisti dai genitori, al pari di quelli da combattimento, ma ricchissimi di esperienze motorie. Qui si impara a correre, saltare, lanciare, afferrare, cadere, rotolarsi, coordinarsi con compagni, avversari ed oggetti. Il rischio è un eccesso di agonismo che va gestito. Ginnastica artistica e ritmica. Anche qui si impara a fare quasi tutto quello che il corpo umano può fare. La ricchezza di stimoli che viene fornita è enorme. Vanno smentite le dicerie prive di fondamento in merito al fatto che questi sport influirebbe negativamente sullo sviluppo dell altezza corporea. Hockey. Ci si muove tanto e si impara a tenere l equilibrio in posizioni veramente difficili, ma si sta spesso chinati e non è il massimo. Nuoto. Praticato da giovane offre il vantaggio di fare apprendere la cosiddetta acquaticità, cioè la capacità istintiva di muoversi a proprio agio nell elemento acqua. Per di più il bambino, essendo svestito, sviluppa maggiore consapevolezza del proprio corpo. Il rischio che va evitato è quello della monotonia. In ogni caso dovrebbe essere abbinato anche ad attività motorie svolte fuori dall acqua. Nuoto sincronizzato e pallanuoto. Offrono i vantaggi del nuoto e possono essere più facilmente arricchiti di momenti ludici. Pallacanestro e pallamano. Ecco altre due discipline nelle quali, oltre che correre, saltare e lanciare, il praticante deve afferrare, guardarsi attorno, prendere decisioni, capire quello che sta accadendo attorno a lui. Sicuramente sono due sport molto interessanti. Pallavolo. Possiede molte caratteristiche della pallacanestro e della pallamano ed è simile a livello di avviamento sportivo. Pattinaggio. Ancora una volta abbiamo un gioco che può diventare uno sport per il bambino. Avviarlo alla pratica è senz altro positivo. Gli elementi artistici possono essere ricondotti a quanto si è già scritto per la ginnastica ed il ballo e la danza. Scherma. Imparare a praticare la scherma significa apprendere rapidità, ma anche capacità di resistenza, gestire i riflessi, l aggressività, la lucidità mentale, l autocontrollo. Un unica perplessità: si tratta di uno degli sport con le maggiori caratteristiche di asimmetria. Sci e snowboard. Divertentissimi e già per questo preferibili ad altri. Certo, alla luce di quello che abbiamo detto, queste non sono tra le discipline più ricche di stimoli. Sollevamento pesi. Meglio aspettare qualche anno. Tennis. Per questa fascia di età è forse un po prematuro. Tennis tavolo. È un po presto, ma ogni tanto fa sicuramente bene far giocare il bambino con una racchetta e una pallina. Il grosso del lavoro, però dovrebbe essere diverso. Tiro a segno e tiro con l arco. Ottimi come gioco, ma i bimbi devono muoversi. Tuffi. Megli aspettare, inoltre serve un insegnante davvero bravo. L ESPERTO Oratorio e sport prima di videogame e social network AMEDEO FAINO NICOLA Simonelli è una figura molto impegnata nello sport: giovane allenatore ed educatore conosciuto nel mondo del calcio e non solo. Laureato in Scienze della Formazione, con tanto di master in Psicologia dello sport: sicuramente una delle persone più preparate, in questo delicato settore, di tutto il comprensorio reggiano. Attualmente lavora a diversi progetti di levatura nazionale, in passato ha collaborato anche con la Juventus. Perché è importante fare sport? I bambini devono assolutamente fare sport: è indispensabile per la crescita, aiuta il fisico, la crescita intellettiva e la fase educativa Oggi, da parte dei genitori, c è molta più attenzione... Non sempre, oggi c è molta più attenzione confronto ma non siamo ancora a livelli importanti: dobbiamo lavorare anche in questo senso Quali sono gli sport da consigliare ai bambini più piccoli? Personalmente mi raccomando sempre di non insisitere con una sola disciplina. Nei primi anni di pratica è bene scoprire più giochi, più sport. Proprio in questo senso la società dovrebbe garantire la possibilità alle famiglie di poter scegleire tra una rosa di possibilità sempre più ampia Lei è sempre stato uno dei grandi amanti degli sport di squadra... Assolutamente sì. Gli sport di squadra aiutano a capire e a migliorare le relazioni, ci insegnano le regole dello stare insieme, ci insegnano a lavorare spalla a spalla. Sono una grande risorsa Uno dei pericoli maggiori è la tentazione di passare troppo presto alla fase agonistica... Spesso è così, ma non è con la corsa alla competizione che aiuteremo i nostri figli a crescere meglio. Per l agonismo c è sempre tempo. Non dobbiamo bruciare le tappe, divertirsi ed applicarsi, passo dopo passo: ecco cosa devono fare i nostri figli che si avvicinano allo sport Altri pericoli che lei, in qualità di esperto, vuole segnalarci? Più che da esperto vorrei parlare da semplice cittadino: oggi i nostri ragazzi sprecano il pomeriggio giocando ai videogame o davanti al computer. Frequentare gli oratori e praticare sport è molto meglio. Facciamo attenzione e cerchiamo di limitare o di controllare l uso di questi strumenti, diamo priorità allo stare insieme CRESCERE, nel migliore dei modi. Ecco gli sport consigliati, anno dopo anno. Nuoto. È indicato anche nei primi anni di vita, da svolgere con i genitori per i più piccoli. Aiuta la coordinazione e migliora la sicurezza in acqua. Poiché è uno sport simmetrico rappresenta anche un ottima integrazione per sport asimmetrici come tennis o scherma. ll nuoto è anche un attività che non dà carichi sull apparato locomotore, perché l acqua toglie l effetto peso e non si rischiano traumi. Inoltre, il nuoto è utile anche ai fini della sicurezza: secondo i dati della Federazione Italiana Nuoto, negli ultimi 20 anni gli incidenti mortali in acque libere sono scesi del 70% proprio grazie alle attività della scuola nuoto. I corsi iniziano dai 3 anni; l attività agonistica dagli 8. Ciclismo. Come attività ludica è adatta dai 4 anni; stimola l autostima, l equilibrio, la capacità di risolvere situazioni nuove e affrontare problemi. Si tratta di uno sport asimmetrico che predilige gli arti inferiori però insegna a stare in equilibrio, coordinare i movimenti e iniziare a rispettare le regole della strada. L attività agonistica si può fare dai 12 anni. Pattinaggio. È adatto dai 5 anni. Promuove l equilibrio e la socializzazione, ma è asimmetrico perché predilige gli arti inferiori. Come il ciclismo, consente di apprendere un equilibrio diverso da quello al quale si è abituati, quindi è un ottima occasione per sviluppare le capacità coordinative. L attività agonistica non va iniziata prima dei 7 anni. Atletica leggera. Si può iniziare a 6-8 anni, ma solo sotto forma di gioco, perché il bambino non tollera carichi e sforzi prolungati. L atletica leggera richiede sia capacità di coordinazione neuro-muscolare sia capacità metaboliche, che prima di una certa età non sono ancora sviluppate. Nell organismo dei bambini manca un enzima, il PFK, per metabolizzare gli zuccheri atti a fornire pronta energia per attività di elevata intensità. Perciò, metabolicamente l organismo di un bambino non è preparato a sostenere un certo ritmo e una certa intensità spiega la dottoressa Maggio. Fino all adolescenza, quindi, si può parlare solo di pre-atletica, che ancora una volta è ottima per arricchire il bagaglio di esperienze motorie, ma deve essere condotta con tempi e sforzi commisurati all età del bambino. L attività agonistica può iniziare da 16 anni. Calcetto. Si può cominciare a partire dai 7-8 anni. Come tutti gli sport di squadra, prima il bambino è troppo piccolo per capire le regole del gioco. Quello che si pratica prima è di solito il minicalcio, in un campo ridotto, con porte più piccole e senza ruoli. Migliora la capacità respiratoria e favorisce lo sviluppo dello spirito di squadra. Favorisce la coordinazione e sviluppa velocità e resistenza, ma privilegia gli arti inferiori e può stimolare una competizione esasperata. Per l attività agonistica meglio aspettare i anni. Basket e pallavolo. Sono considerati sport di situazione come il calcio e per questo si possono cominciare verso i 7-8 anni purché si tratti di corsi specifici per bambini, che prendono il nome di minibasket e minivolley. Non prima, perché non è facile apprendere il gesto atletico specifico, non hanno ancora sviluppato la coordinazione neuro-muscolare e le capacità condizionali necessarie suggerisce l esperta. Sono attività complete, che fanno lavorare sia le gambe che la parte superiore del corpo, i muscoli paravertebrali e gli addominali. Stimolano lo spirito di gruppo e sviluppano precisione e abilità. L attività agonistica si può fare da anni. Tennis e scherma. Sono sport che richiedono certe capacità tattiche che il bambino piccolo non possiede ancora. Inoltre, sono sport asimmetrici, perché fanno lavorare solo alcune parti del corpo, in particolare uno degli arti superiori. I corsi possono iniziare dai 7-8 anni ma in questo caso più che mai è fondamentale che si faccia prima della preparazione generica in modo da riequilibrare la simmetria dell allenamento e poi si apprenda la tecnica raccomanda l esperta della Sip. Si tratta poi di due sport che divertono e appassionano, ma sviluppano molto concentrazione e disciplina. L attività agonistica per il tennis è consigliata da 10 anni, per la scherma da 8 anni. Karate e Judo. Soprattutto il karate, richiede una coordinazione neuromotoria che al di sotto di una certa età è poco sviluppata. La pratica delle arti marziali (in particolare del judo), inoltre, necessita di una certa forza, che comincia a svilupparsi solo verso gli 8-9 anni, per poi completarsi negli anni successivi. Sono sport utili sia ai bambini più timidi e insicuri perché infondono fiducia nelle proprie capacità, sia a quelli più vivaci perché insegnano a controllare la propria aggressività sottolinea Maggio. L attività agonistica è indicata per il karate da 11 anni, per il judo da 14 anni. La disciplina giusta per ogni età: non bisogna correre verso l agonismo e prima della scelta gli sport vanno provati tutti o quasi L attività agonistica non va iniziata prima dei 7 anni. Ciclismo: si tratta di uno sport asimmetrico che predilige gli arti inferiori però insegna a stare in equilibrio, coordinare i movimenti e iniziare a rispettare le regole della strada

CONInforma Sport e corretti stili di vita

CONInforma Sport e corretti stili di vita Numero 2 del 17 febbraio 2014 A cura del Dott. Sergio Zita Responsabile sportello CONInforma ATTIVITA FISICA E SPORT IN ETA EVOLUTIVA L età di avviamento dei bambini alla pratica sportiva preoccupa non

Dettagli

SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA MARCHI ERNESTO

SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA MARCHI ERNESTO CONSULENZA categoria: categorie correlate: titolo / oggetto: SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA COME ALLENARE LA TECNICA INDIVIDUALE NELLA SCUOLA CALCIO E NEL SETTORE GIOVANILE autore / docente /

Dettagli

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li Il Coaching nei Giochi Sportivi Perché un atleta si allena? Per far in modo che nell organismo avvengano dei cambiamenti tali da determinare un miglioramento della prestazione. Dr. Fabrizio Perroni, Ph.D.

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

CONTENUTI DELL'ATTIVITA' DI FORMAZIONE E DELLE COMPETIZIONI 6-8 ANNI

CONTENUTI DELL'ATTIVITA' DI FORMAZIONE E DELLE COMPETIZIONI 6-8 ANNI CONTENUTI DELL'ATTIVITA' DI FORMAZIONE E DELLE COMPETIZIONI 6-8 ANNI Esercizi formativi con carattere di gioco (correre, saltare, superare ostacoli, arrampicarsi, nuotare, ecc.) Giochi collettivi ( staffette

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione

Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione In collaborazione con il 2 Circolo Didattico Anno scolastico 2008 \ 2009 A cura del Prof. Piero Verdecchia Relazione IMC e Sport praticati. Anno

Dettagli

APPORT ASSOCIAZIONE ITALIANA PREPARATORI PORTIERI. L importanza del preparatore dei portieri nell aspetto psicologico nelle scuole calcio

APPORT ASSOCIAZIONE ITALIANA PREPARATORI PORTIERI. L importanza del preparatore dei portieri nell aspetto psicologico nelle scuole calcio ASSOCIAZIONE ITALIANA PREPARATORI PORTIERI L importanza del preparatore dei portieri nell aspetto psicologico nelle scuole calcio di Matteo Bonavolontà preparatore portieri scuola calcio S.S. Lazio L aspetto

Dettagli

*LICEO LINGUISTICO *LICEO DELLE SCIENZE UMANE *opzione ECONOMICO-SOCIALE

*LICEO LINGUISTICO *LICEO DELLE SCIENZE UMANE *opzione ECONOMICO-SOCIALE ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE S. GIOVANNI BOSCO *LICEO LINGUISTICO *LICEO DELLE SCIENZE UMANE *opzione ECONOMICO-SOCIALE Viale dei Mille 12 /a Tel. O577-909037 53034 COLLE DI VAL D ELSA ( SI

Dettagli

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI PORTIERI di: DEFLORIO VITO Laureato in Scienze Motorie Preparatore dei Portieri INTRODUZIONE Questo lavoro e frutto della mia esperienza come allenatore dei giovani

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

Esercizio fisico nelle prime età. Giuliana Valerio Università «Parthenope» Napoli

Esercizio fisico nelle prime età. Giuliana Valerio Università «Parthenope» Napoli Esercizio fisico nelle prime età Giuliana Valerio Università «Parthenope» Napoli Il movimento è un comportamento naturale Principali ansie dei genitori relative allo SPM: Gattona? Cammina? Parla? e in

Dettagli

La formazione dell alzatore

La formazione dell alzatore La formazione dell alzatore Si avvicina la stagione in palestra. In agosto e in settembre l allenatore ha ancora il tempo di far progredire i suoi alzatori individualmente, prima che il sistema di gioco

Dettagli

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità RELAZIONE WORKSHOP APPRENDERE A STARE IN GRUPPO DAI 3 AI 5 ANNI Esperienza nella scuola dell infanzia con il Cooperative Learning Ins. Mancinelli Cesarina I.C. Falconara Centro Due anni di formazione mi

Dettagli

Come allenare la Categoria Pulcini con giochi tratti dalla tradizione popolare.

Come allenare la Categoria Pulcini con giochi tratti dalla tradizione popolare. articolo N.37 GENNAIO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI

Dettagli

IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO

IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO (Categoria Pulcini ed Esordienti) PREMESSA Il riscaldamento ha un ruolo fondamentale sia all interno della seduta di allenamento, che nei minuti precedenti la

Dettagli

A.S.D. PRO CALCIO ITALIA

A.S.D. PRO CALCIO ITALIA A.S.D. PRO CALCIO ITALIA Gioca a testa alta Stagione 2015-2016 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA (POF) PREMESSA L attività calcistica giovanile è regolata sulla base dei principi dalla Carta dei diritti dei

Dettagli

rassicurane presenza della mamma o del papà.

rassicurane presenza della mamma o del papà. SCUOLA NUOTO La nostra scuola nuoto si avvale di un ambientamento graduale grazie alle due vasche con una temperatura di 32 C e con un altezza dell acqua differente. Questo permette al bambino di crescere

Dettagli

Questo opuscolo è rivolto a voi che con il vostro

Questo opuscolo è rivolto a voi che con il vostro Stralci da Cari Genitori 1990 Si ringraziano: Carlo Tranquilli, Vincenzo Prunelli, Barbara Benedetti, Federazione Giorgio Castelli, Associazione Alessandro Bini madvertising.it Cari Genitori... Questo

Dettagli

Ufficio Coordinamento Servizi Educazione Motoria Fisica e Sportiva SCHEDA RILEVAZIONE Impianti Sportivi Scolastici

Ufficio Coordinamento Servizi Educazione Motoria Fisica e Sportiva SCHEDA RILEVAZIONE Impianti Sportivi Scolastici Ufficio Coordinamento Servizi Educazione Motoria Fisica e Sportiva SCHEDA RILEVAZIONE Impianti Sportivi Scolastici Inserire il codice Meccanografico della Scuola e salvare il "file con nome" riportando

Dettagli

Metodologia di lavoro nella Scuola di Calcio

Metodologia di lavoro nella Scuola di Calcio di Emanuele Aquilani istruttore scuola calcio A.S. Cisco Calcio Roma Certi uomini vedono le cose come sono e dicono: perché? Io sogno cose mai viste e dico: perché no? (G.B. Shaw) La Scuola Calcio segue

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

CENTRI RICREATIVI ESTIVI DAL 1 AL 31 LUGLIO 2009

CENTRI RICREATIVI ESTIVI DAL 1 AL 31 LUGLIO 2009 CENTRI RICREATIVI ESTIVI DAL 1 AL 31 LUGLIO 2009 I Centri Ricreativi Estivi SPORT ESTATE 2009 si svolgeranno presso le nuove scuole medie di Saonara e le scuole elementari di Villatora. DESTINATARI: Tutti

Dettagli

Bambini e Nuovi Media: una ricerca di People per Terre des Hommes

Bambini e Nuovi Media: una ricerca di People per Terre des Hommes Bambini e Nuovi Media: una ricerca di People per Terre des Hommes Come vedono i new media i bambini? E quanto i genitori sono in grado di capire e normare il rapporto, spesso caldissimo dei loro figli

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Progetto Potenziamento Scienze Motorie Liceo Sc. G. Bruno 2013-14

Progetto Potenziamento Scienze Motorie Liceo Sc. G. Bruno 2013-14 Progetto Potenziamento Scienze Motorie Liceo Sc. G. Bruno 2013-14 Una formazione liceale volta a nuove proposte didattiche apre al futuro perché insegna ad imparare partendo dalla convinzione che al centro

Dettagli

Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato

Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato della Maestra Mery Anesa Mery Anesa Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato Giugno 2011 Osservazioni e commenti

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 il Dribbling Lezione ideata da MAINI DANIELE Si ringraziano Gli Esordienti dell U.S.D. BORGONOVESE In collaborazione con BERNINI GIANNI RATAZZI

Dettagli

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME -Accoglienza: discussione sull importanza della materia Scienze Motorie -Questionario d ingresso sull attività motoria

Dettagli

Liceo Scientifico N. Copernico. Indirizzo Scienze Motorie e Sportive

Liceo Scientifico N. Copernico. Indirizzo Scienze Motorie e Sportive Liceo Scientifico N. Copernico Indirizzo Scienze Motorie e Sportive Perché candidarsi? Il liceo Copernico vanta un' ottima tradizione sportiva con eccellenti risultati raggiunti negli anni dalle rappresentative

Dettagli

USARE LE LINGUE PER APPRENDERE E APPRENDERE A USARE LE LINGUE

USARE LE LINGUE PER APPRENDERE E APPRENDERE A USARE LE LINGUE USARE LE LINGUE PER APPRENDERE E APPRENDERE A USARE LE LINGUE Gisella Langé Il futuro non accade per caso, ma siamo noi a dargli forma con le nostre azioni. 2 Una introduzione al CLIL per genitori e giovani

Dettagli

sg.sport EDIZIONE ESTATE 2014

sg.sport EDIZIONE ESTATE 2014 sg.sport EDIZIONE ESTATE 2014 2 Indice 4 Cos'è il Summer Camp 6 A chi è rivolto 9 Le Strutture & il Team 10 Divertimento & Sport 11 Momenti speciali 3 12 Tutti a tavola 14 Tennis Camp Brunico 15 Camp Specialistico

Dettagli

NuotaRe CENTRO. REGGIO EMILIA e CORREGGIO ...LE GRANDI AMBIZIONI RENDONO GRANDI GLI ANIMI. CSI NUOTO REGGIO EMILIA

NuotaRe CENTRO. REGGIO EMILIA e CORREGGIO ...LE GRANDI AMBIZIONI RENDONO GRANDI GLI ANIMI. CSI NUOTO REGGIO EMILIA NuotaRe CENTRO SPORTIVO Attività ITALIANO 20132014 REGGIO EMILIA e CORREGGIO...LE GRANDI AMBIZIONI RENDONO GRANDI GLI ANIMI. Nuoto Agonistico RE CSI NUOTO REGGIO EMILIA VIA V. AGOSTI, 6 REGGIO EMILIA Tel.

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO COSA E L insieme di attività avviate dall allenatore per formare il ragazzo, attraverso lo sport, ai valori umani e cristiani PARTI COINVOLTE - ALLENATORE RESP. ANNATA

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

ROBERTA ( 4 ) 2008-2009 LABORATORIO MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI

ROBERTA ( 4 ) 2008-2009 LABORATORIO MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI UNITA DI APPRENDIMENTO n. 1a (Programmazione) di GIUSTI ROBERTA ( bambini di 4 anni ) Anno Scolastico 2008-2009 LABORATORIO MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI e allora MUOVI! da Gennaio

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

FAMIGLIE E RISPARMIO

FAMIGLIE E RISPARMIO COMUNICATO STAMPA Sondaggio realizzato per ACRI da TNS Abacus in occasione della 79ª Giornata Mondiale del Risparmio FAMIGLIE E RISPARMIO Roma, 30 ottobre 2003. La quasi totalità degli italiani riconosce

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

L ANSIA DA PRESTAZIONE SCOLASTICA

L ANSIA DA PRESTAZIONE SCOLASTICA L ANSIA DA PRESTAZIONE SCOLASTICA Come affrontarla a scuola e in famiglia. Centro AP - Psicologia e Psicosomatica Piazza Trasimeno, 2-00198 Roma - Tel: 06 841.41.42 - www.centroap.it 1 Perché tanta attenzione?

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 1.242.123 3.38.42 Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.924,4 a cura del Settore Statistica del Comune di Milano

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA PARROCCHIA SAN ROCCO SCUOLA MATERNA VIA FORNACI 66/D - 25131 BRESCIA TEL. E FAX: 0302680472 segreteria@sanroccomaterna.it www.sanroccomaterna.it

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

A.S.D. Pallacanestro Piovese I O V E S E. Fai canestro con Noi!

A.S.D. Pallacanestro Piovese I O V E S E. Fai canestro con Noi! A.S.D. Pallacanestro Piovese A.S.D. PALLACANESTRO P I O V E S E Fai canestro con Noi! La nostra storia La pallacanestro a Piove di Sacco conta oramai quasi 80 anni di presenza, essendosi avventurati i

Dettagli

Il modello delle 3P per il debriefing nella formazione esperienziale

Il modello delle 3P per il debriefing nella formazione esperienziale Il modello delle 3P per il debriefing nella formazione esperienziale di Walter Allievi Come molti di voi probabilmente già sapranno, una delle chiavi di un intervento formativo di successo, svolto attraverso

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE INFANZIA L alunno raggiunge una buona autonomia personale nell'alimentarsi e nel vestirsi, conosce il proprio corpo e le diverse parti

Dettagli

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14 VI Sommario Parte prima Da bambino a preadolescente Chi è il bambino? Come cresce? Come impara a interagire con il mondo e a lasciare un segno nel suo ambiente di vita? La prima parte del volume cerca

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

LICEO A. MANZONI Caserta

LICEO A. MANZONI Caserta Pag.1 di 8 LICEO A. MANZONI Caserta ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA PRIMO BIENNIO INDIRIZZO : Classe ª SEZ. MATERIA : SCIENZE MOTORIE CLASSE DI CONCORSO A029 DOCENTE PRESENTAZIONE DELLA

Dettagli

NEWSLETTER N. 25 Aprile 2014

NEWSLETTER N. 25 Aprile 2014 2222222222222222222222222222222222222222 2222222222222222222222222222222222222222 NEWSLETTER N. 25 Aprile 2014 E tempo di marketing pag. 2 Gli eventi del mese di aprile pag. 4 I motori della crescita mondiale

Dettagli

I N D A G I N E SULLE PRIME RAPPRESENTAZIONI SUI CENTRI DIURNI DA PARTE DI SOGGETTI NON SENSIBILI : PRIME EVIDENZE

I N D A G I N E SULLE PRIME RAPPRESENTAZIONI SUI CENTRI DIURNI DA PARTE DI SOGGETTI NON SENSIBILI : PRIME EVIDENZE I N D A G I N E SULLE PRIME RAPPRESENTAZIONI SUI CENTRI DIURNI DA PARTE DI SOGGETTI NON SENSIBILI : PRIME EVIDENZE Abbiamo scelto di effettuare una primissima indagine tra soggetti definiti non sensibili,

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice?

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice? INTRODUZIONE Perché abbiamo stilato questo Codice? Con questo insieme di regole la società GSD MontecatiniMurialdo vuole avvicinarsi ai propri giovani calciatori, cercando di insegnare loro le fondamentali

Dettagli

I DIRITTI DEI BAMBINI AGENZIE EDUCATIVE DIDATTICA CONCLUSIONI RINGRAZIAMENTI

I DIRITTI DEI BAMBINI AGENZIE EDUCATIVE DIDATTICA CONCLUSIONI RINGRAZIAMENTI I DIRITTI DEI BAMBINI AGENZIE EDUCATIVE DIDATTICA CONCLUSIONI RINGRAZIAMENTI I DIRITTI DEI BAMBINI Il Table Soccer Club Black Rose 98 Roma regola l attività giovanile per quanto attiene il Subbuteo - Calcio

Dettagli

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE VALUTA OGNUNA DI QUESTE DIMENSIONI LEGGI BENE LE DOMANDE, PENSA CON TRASPARENZA ED ONESTA CON TE STESSE E COMPLETA CON UN AUTOVALUTAZIONE DA A 0 PER OGNUNA. RIPORTA IL SUL GRAFICO (UTILIZZA QUELLO IN FONO

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Vitamina CRE. Progetto Educativo per la gestione del CRE secondaria di primo grado del Comune di Paladina

Vitamina CRE. Progetto Educativo per la gestione del CRE secondaria di primo grado del Comune di Paladina Vitamina CRE 2015 Progetto Educativo per la gestione del CRE secondaria di primo grado del Comune di Paladina 2015 IL TEMA Il progetto VITAMINA CRE intende appoggiarsi all attualità del tema proposto da

Dettagli

Progetto di Psicomotricità

Progetto di Psicomotricità Progetto di Psicomotricità 3 anni PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA DELL INFANZIA 4 anni 5/6 anni La psicomotricità nella scuola dell infanzia. I bambini come gli esseri umani adulti hanno un bisogno innato di

Dettagli

Aspetti cognitivi ed emozionali inscindibile relazione Aspetti motori Considerati separatamente solo per esigenze espositive

Aspetti cognitivi ed emozionali inscindibile relazione Aspetti motori Considerati separatamente solo per esigenze espositive MODULO 3 LEZIONE 27 L EVOLUZIONE MOTORIA UMANA (PRIMA PARTE) ETA PRESCOLARE Contenuti Motricità sportiva Maestria sportiva Lo sviluppo motorio Evoluzione motoria Giochi funzionali e di esercizio Caratteristiche

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Danze Caraibiche VIVI.AMA.RIDI.BALLA! PERCHÉ DIVERTIRSI È TERAPEUTICO PIÙ DI UNA MEDICINA

Danze Caraibiche VIVI.AMA.RIDI.BALLA! PERCHÉ DIVERTIRSI È TERAPEUTICO PIÙ DI UNA MEDICINA Danze Caraibiche VIVI.AMA.RIDI.BALLA! PERCHÉ DIVERTIRSI È TERAPEUTICO PIÙ DI UNA MEDICINA Indice 04 Cosa c è in un movimento? 06 Benefici del ballo 10 Chi siamo, cosa facciamo 13 Perchè lo facciamo 13

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis - Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis Il Tennis e la preparazione mentale Progetto per la Stagione sportiva 2011/2012 Agosto 2011 Project Leader: Chiara Valdata Obiettivi del Progetto: Il progetto

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

Modulo 2. A Caccia di Risorse

Modulo 2. A Caccia di Risorse Modulo 2 A Caccia di Risorse FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di sviluppare negli studenti la capacità di analizzare le situazioni critiche della vita quotidiana al fine di renderli consapevoli

Dettagli

Il percorso dell educatore

Il percorso dell educatore Il percorso dell educatore 1. IL RUOLO DELL EDUCATORE Il servizio educativo è innanzitutto una vocazione, una chiamata da parte del Signore alla quale ognuno di noi ha scelto di rispondere sì; un si libero,

Dettagli

METODOLOGIA DI ALLENAMENTO NELLA PALLAVOLO GIOVANILE

METODOLOGIA DI ALLENAMENTO NELLA PALLAVOLO GIOVANILE METODOLOGIA DI ALLENAMENTO NELLA PALLAVOLO GIOVANILE di Massimo Merighi La pianificazione e l organizzazione dell allenamento determinano la metodologia di allenamento che sarà determinata in funzione

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento. - Esercitazioni tecniche della Corsa :

MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento. - Esercitazioni tecniche della Corsa : MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento - Esercitazioni tecniche della Corsa : Queste rappresentano il mezzo più specifico per l apprendimento di un corretto utilizzo della corsa. Questa, infatti, dovrebbe

Dettagli

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero:

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero: in Kosovo Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini Numero 01, Gennaio 2009 In questo numero: Benvenuto caro sostenitore! Un regalo per me! I bambini dimostrano quello che sanno sull

Dettagli

Codice di Comportamento 2015

Codice di Comportamento 2015 Codice di Comportamento 2015 Raccolta di modi di agire ai quali tendere, frutto di una ricerca e del confronto con altre società sportive, non solo nel settore pallavolo. Polisportiva D. Borgo Virgilio

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

SFERA COACHING IL MODELLO SFERA

SFERA COACHING IL MODELLO SFERA IL MODELLO SFERA Questa sintesi viene utilizzata per la formazione degli allenatori che frequentano i corsi di Juventus University e fa particolare riferimento dunque all applicazione del modello nel mondo

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

Camp Fondazione Atm. L Orma Via De Rolandi, 12 20156 (MI) Tel: 02 33002932 Fax: 02 33000525 Iscritta al Registro Provinciale APS n 133

Camp Fondazione Atm. L Orma Via De Rolandi, 12 20156 (MI) Tel: 02 33002932 Fax: 02 33000525 Iscritta al Registro Provinciale APS n 133 PRESENTA Camp Fondazione Atm IL PROGETTO EDUCATIVO DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA Il soggiorno estivo rivolto ai bambini e ragazzi della Fondazione Atm è un percorso di azione formativa all interno del quale

Dettagli

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico Riprendiamo sul nostro sito il testo pubblicato il 4 novembre 2015 dal sito www.aleteia.org Restiamo a disposizione per l immediata rimozione se la presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno

Dettagli

Bambini a Torino: aggiornamento 2011-12

Bambini a Torino: aggiornamento 2011-12 Bambini a Torino: aggiornamento 211- Il numero di soggetti sottoposti a valutazione dello stato di salute e di efficienza fisica abbinata al rilascio di idoneità alla pratica sportiva non agonistica ed

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

PROGETTO SCUOLA CALCIO A.S.D. TERME VIGLIATORE

PROGETTO SCUOLA CALCIO A.S.D. TERME VIGLIATORE Premessa Prima di parlare di un progetto concreto di scuola calcio, riteniamo opportuno analizzare alcuni comportamenti fondamentali che ci vengono propinati dalla società. I bambini d oggi non hanno a

Dettagli

S.S. Sangiorgina. Presentazione attività Settore Giovanile. San Giorgio di Nogaro Ottobre 2012. S.S. Sangiorgina!! Presentazione Attività, Pagina 1

S.S. Sangiorgina. Presentazione attività Settore Giovanile. San Giorgio di Nogaro Ottobre 2012. S.S. Sangiorgina!! Presentazione Attività, Pagina 1 S.S. Sangiorgina Presentazione attività Settore Giovanile San Giorgio di Nogaro Ottobre 2012 S.S. Sangiorgina!! Presentazione Attività, Pagina 1 S.S.Sangiorgina, a Scuola di Calcio Per cominciare, qualche

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3

Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE: IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3 2 di

Dettagli