PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE. Committente: PROTECO engineering S.r.l. Via delle Industrie, VENEZIA MARGHERA (VE)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE. Committente: PROTECO engineering S.r.l. Via delle Industrie, 13-30175 VENEZIA MARGHERA (VE)"

Transcript

1 PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Committente: PROTECO engineering S.r.l. Via delle Industrie, VENEZIA MARGHERA (VE) PROGETTO NORMA N. 28 EX-AUTOPARCO P.U.A. IMPATTO SULLA VIABILITÀ Prof. Ing. Marco Pasetto Via Curtatone e Montanara, PADOVA tel./fax : 049/

2 PROGETTO NORMA N. 28, EX-AUTOPARCO P.U.A. COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE (VE). IMPATTO SULLA VIABILITÀ INDICE pagina INDICE 2 1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO Inquadramento ed aspetti urbanistici Aspetti viabilistici correlati con l intervento 7 2. SITUAZIONE VIARIA ESISTENTE Inquadramento generale Inquadramento della grande viabilità (rete primaria/ principale/ 13 secondaria) 2.3. Inquadramento della rete viaria locale FLUSSI DI TRAFFICO Approccio metodologico Analisi dei dati Ulteriori dati di traffico ELEMENTI TEORICI DI TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE Definizioni Capacità di una strada I Livelli di Servizio Valutazione dei Livelli di Servizio Funzionalità delle rotatorie CARATTERIZZAZIONE DELLE CONDIZIONI DI DEFLUSSO NELLA 33 RETE MEDIANTE MODELLO DI MICROSIMULAZIONE 5.1. La microsimulazione dinamica: generalità Definizione di scenari, zone, matrici O/D I risultati della microsimulazione SOSTENIBILITA DEL QUADRO INFRASTRUTTURALE Proposte di adeguamento della rete 49 APPENDICE: SCENARI DELLA MICROSIMULAZIONE DINAMICA 52 Studio Prof. Ing. Marco Pasetto 2

3 PROGETTO NORMA N. 28, EX-AUTOPARCO P.U.A. COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE (VE). IMPATTO SULLA VIABILITÀ 1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 1.1. INQUADRAMENTO ED ASPETTI URBANISTICI Nel Comune di Noventa di Piave, a nord del capoluogo, in un area interclusa fra l autostrada A4 Venezia-Trieste, la stazione autostradale di Noventa/S. Donà di Piave e la Strada Provinciale n. 55 Noventa di Piave-Cessalto, è prevista l attuazione del Progetto Norma n. 28 Ex-Autoparco (P.U.A.). P.N. n. 28 Inquadramento territoriale dell intervento P.N. n. 28 Ex-Autoparco (P.U.A.). Il Progetto Norma n. 28, che interessa un ambito di forma approssimativamente semicircolare di superficie prossima a m 2, completa idealmente ad ovest dal punto di vista morfologico e funzionale - un ampia area commerciale che fa dell esistente Outlet Factory Store (Progetto Norma 21) una delle strutture di vendita a maggior attrattività delle Regioni Veneto e Friuli V. Giulia. Il P.N. n. 28 si giova della prossimità dell Outlet, adagiandosi su una rete Studio Prof. Ing. Marco Pasetto 3

4 viaria già pienamente strutturata, perché adattata alle vincolanti necessità della vicina area commerciale, alla cui ottimizzazione potrà peraltro contribuire, anche nell ottica di consolidare il comune di Noventa di Piave come Cardine Europeo del CORRIDOIO V, porta dell est, completando il processo di riposizionamento del ruolo territoriale del comune in corso da tempo (cfr. P.A.T., relazione sulla sostenibilità del quadro infrastrutturale). Planimetria dell intervento. Come sopra anticipato, l ambito del P.N. n. 28 è limitato dalla presenza di importanti elementi infrastrutturali (autostrada, casello, strada provinciale), che ne vincolano geometrie e possibilità di sviluppo; questi stessi elementi infrastrutturali rendono, tuttavia, eccezionalmente favorevole la posizione dell area, che può beneficiare di accessi e recessi diretti sulla viabilità principale, i quali, con minime opere possono completare e migliorare la rete viaria in esercizio, altresì risolvendone le attuali parziali criticità. Dal punto di vista urbanistico, si rileva che ai sensi del vigente P.R.G. l ambito di intervento, già destinato a servizi di interesse comune (Autoparco, N.T.A. art. 34), ricade - a seguito di Variante allo strumento urbanistico generale in Area produttiva Zona D2 (N.T.A. art. 36), eccezion fatta per la sua area perimetrale, che viene anch essa destinata a servizi di interesse comune di tipo Sc: area attrezzata a parco, gioco e sport (N.T.A. art. 33). Si rammenta che le Studio Prof. Ing. Marco Pasetto 4

5 Z.T.O. D2 sono parti di territorio destinate parzialmente o totalmente a insediamenti esistenti o di nuova formazione assimilati a quelli commerciali e a strutture ricettive alberghiere di cui alla L.R. 3 maggio 1988, n. 24 e successive modifiche ed integrazioni, per le quali si prevede eventuale piano interrato destinato a garage o posti macchina coperti, o magazzini e depositi; piano terra e gli eventuali piani superiori destinati ad attività commerciali, a terziario diffuso, attività ricettive, direzionali ed uffici, ovvero secondo quanto previsto nei singoli progetti norma (N.T.A., artt. 8, 9, 11). P.N. n. 28 P.R.G. antecedente la Variante urbanistica relativa al P.N. n. 28. Dal P.A.T. comunale, adottato con Deliberazione di Consiglio n. 2 del 17/01/2012, non si evince l esistenza di vincoli significativi della pianificazione territoriale nell ambito di interesse (il pericolo correlato col rischio idrogeologico è moderato), eccezione fatta per la presenza di fasce di rispetto stradale (cfr. Carta dei vincoli della pianificazione territoriale). La relazione sulla sostenibilità del quadro infrastrutturale allegata al P.A.T. considera, infine, la possibilità di potenziare la rete viaria in prossimità dell ambito Studio Prof. Ing. Marco Pasetto 5

6 P.U.A., in relazione all obiettivo strategico di consolidare il comune di Noventa di Piave come Cardine Europeo del CORRIDOIO V, porta dell est, completando il processo di riposizionamento del ruolo territoriale del comune in corso da tempo. P.N. n. 28 P.A.T. Carta dei vincoli della pianificazione territoriale. P.N. n. 28 P.A.T. Relazione sulla sostenibilità del quadro infrastrutturale: Allegati. Esempio di intervento. A tal fine, contempla l eventualità di un adeguamento del nodo infrastrutturale prossimo al P.N. n. 28, nell ottica di verificare se esistano gli spazi e le condizioni per prospettare una evoluzione sostenibile dell attuale nodo viario adiacente al casello autostradale, in relazione alle previsioni strategiche contenute nel PAT, in Studio Prof. Ing. Marco Pasetto 6

7 modo da stabilire una relazione chiara tra il maggior carico veicolare derivante dal completamento del Cardine Europeo e la corrispondente riorganizzazione del sistema infrastrutturale a carico dei soggetti attuatori degli interventi previsti. L intervento in oggetto viene attuato in ottemperanza a quanto disposto dalla Legge Regionale 13 Agosto 2004, n. 15. Pertanto, la presente relazione è redatta in conformità a quanto prescritto dall art. 19 della Legge Regionale, ove si prevede che le domande per il rilascio di autorizzazione relativa a strutture di vendita siano corredate di idoneo studio di impatto sulla viabilità. La Deliberazione di G.R. del Veneto in data 25 Febbraio 2005, n. 569, fissa le modalità di sviluppo ed i contenuti del suddetto studio, cui la presente relazione si uniforma ASPETTI VIABILISTICI CORRELATI CON L INTERVENTO Gli aspetti dell intervento che vanno ad interessare più direttamente i temi della mobilità veicolare sono quelli relativi alla viabilità interna e di accesso/recesso alla/dalla area ed alla localizzazione dei parcheggi interni. Le connessioni con la rete viaria esterna sono tutte localizzate ad est dell ambito P.U.A., essendovi altrove vincoli antropici di varia natura: a nord l autostrada, ad ovest il casello autostradale con relativi svincoli e piste, a sud la nuova caserma della Polstrada. Ciò condiziona la viabilità di pertinenza del P.N. n. 28, ma soprattutto localizzazione e tipologia di connessione con le strade esistenti: - a nordest è previsto un collegamento bidirezionale con la viabilità a servizio dell Outlet esistente, in sottopassaggio della Strada Provinciale; Studio Prof. Ing. Marco Pasetto 7

8 - a sudest è prevista una corsia di immissione dal P.N. n. 28 sulla Strada Provinciale, in corrispondenza della quale si stacca in posizione contrapposta ed a servizio dei movimenti in direzione contraria - una (già esistente) corsia di uscita verso l Outlet. La soluzione prevista per accessi e recessi esclude ogni intersecazione tra flussi in manovra e flussi circolanti sulla rete esterna, limitando le interferenze a sole diversioni e immissioni. P.N. 28. Organizzazione della viabilità interna e dei parcheggi. Studio Prof. Ing. Marco Pasetto 8

9 La circolazione interna all area P.U.A. è affidata ad un anello circolatorio a senso unico, dislocato perimetralmente rispetto all ambito edificato, che nella parte ad est si raccorda con la viabilità esterna mediante le connessioni unidirezionali più sopra illustrate. Di fatto, il semi-anello ad ovest serve solo per i mezzi destinati alle aree di carico e scarico, perché è sulla parte ad est che si innestano a pettine ingressi ed egressi a/da il parcheggio pertinenziale. Percorsi per carico/scarico (in rosso accessi, in blu recessi). Il parcheggio presenta un accesso e due recessi, tutti sul lato est. Si articola in due aree a piano terra, perimetrate da una strada di servizio a senso unico, ed una area sopraelevata raggiungibile da un apposito percorso sito a sudovest. Nella prima area ci sono 208 stalli in filari contrapposti (6 destinati a disabili), oltre a 25 stalli in uno spazio distinto. Nella seconda area ci sono 160 stalli in filari contrapposti (6 destinati a disabili). Nel parcheggio sopraelevato ci sono stalli, anch essi in file contrapposte. Complessivamente i posti auto (della dimensione di 5,00 x 2,50 m) sono 527, di cui 12 destinati a disabili (questi con dimensioni maggiorate). Studio Prof. Ing. Marco Pasetto 9

10 Le strade di servizio, in parte a doppio senso di circolazione, in parte a senso unico, hanno corsie di larghezza minima di 3 metri. Percorsi a servizio dei parcheggi (in rosso accessi, in blu recessi). 2. SITUAZIONE VIARIA ESISTENTE 2.1. INQUADRAMENTO GENERALE L ambito di intervento si colloca in Comune di Noventa di Piave, poco a nord del centro abitato del capoluogo, in un lotto intercluso fra: l Autostrada A4 Venezia-Trieste (a nord); le rampe di svincolo ed il casello di Noventa/S. Donà di Piave (ad ovest); la Strada Provinciale n. 55 Noventa di Piave-Cessalto, toponomasticamente denominata Via S. Maria di Campagna (ad est); Via Calnova, parzialmente inglobata in un ampia intersezione a rotatoria (a sud). Studio Prof. Ing. Marco Pasetto 10

11 La rotatoria, inizialmente concepita con forma circolare, ha oggi una fisionomia ben diversa, allungata in direzione sudovest-nordest (a fagiolo ), con asse maggiore di quasi 250 metri ed asse trasversale di circa 110 metri, in modo da risultare idonea a smistare i flussi fra le 6 strade che vi si immettono: la bretella da/per la stazione autostradale, la S.P. n. 55, Via Calnova sud (lato Noventa di Piave), Via Calnova nord (lato area produttiva e Cessalto), Via Martiri delle foibe (recente bretella di collegamento fra il nodo e la Variante S.S. n. 14) e Via Rialto a servizio di un area alberghiera. Va altresì segnalato che dalla S.P. n. 55, poco più a nord della rotatoria, si accede all Outlet Factory Store, mentre Via Calnova (nord) ne costituisce il principale recesso. S.P. n. 55 Via Calnova (nord) Via Martiri delle foibe Casello A4 Via Rialto Via Calnova (sud) Rotatoria all intersezione fra Via Calnova, S.P. n. 55, Via Martiri delle foibe, Via Rialto e bretella di accesso autostradale. L importanza delle strade confluenti e il fatto che Via Calnova nord e la S.P. n. 55 smistino anche i flussi da/per l Outlet Factory Store, fan sì che l intersezione in questione costituisca l elemento viario più importante per la funzionalità della rete viaria nell ambito considerato. Tant è vero che è proprio su tale nodo che il P.A.T. formula dei ragionamenti finalizzati ad un potenziamento ed adeguamento futuro, nella logica di una sostenibilità del quadro infrastrutturale. La rete stradale dell area è completata, ampliando l ambito di osservazione, da: Studio Prof. Ing. Marco Pasetto 11

12 - la Strada Provinciale n. 55 (Via Bosco) che, a nord dell autostrada, piega verso sudovest sino alla S.P. n. 83, a nord del capoluogo comunale (la sua prosecuzione verso nordest mantiene la denominazione di Via S. Maria di Campagna e giunge a Cessalto dopo aver affiancato la sede autostradale); - la Strada Provinciale n. 83 (Via Romanziol) S. Donà di Piave-Romanziol che unisce Noventa di Piave con la Provincia di Treviso a nord e con S. Donà a sud, sino all innesto della S.P. n. 56 (S. Donà di Piave-Grassaga-Cessalto). Inquadramento complessivo della viabilità nell intorno dell intervento (P.N. n. 28). La natura composita delle relazioni che si sviluppano attraverso la rete viaria nell ambito in esame richiede che l inquadramento dell area di intervento, ai sensi della L.R. n. 15/2004, venga a distinguere fra livelli infrastrutturali differenziati, precisando le relative funzioni, come appresso evidenziato. Si evidenzia, inoltre, che, come richiesto dalla D.G.R.V. n. 569/2005, l allegata disamina circoscrive l ambito di studio ad un area ricompresa entro metri dai fabbricati di progetto. Studio Prof. Ing. Marco Pasetto 12

13 2.2. INQUADRAMENTO DELLA GRANDE VIABILITA (RETE PRIMARIA/ PRINCIPALE/ SECONDARIA) Nell ambito esaminato, ai sensi delle Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade, allegate al D.M che definisce i criteri per la classificazione e la gerarchizzazione delle strade, viene individuato come elemento infrastrutturale della rete viaria primaria, avente funzioni di transito e scorrimento sulle lunghe distanze, l autostrada A4, Venezia-Trieste. Alla rete principale, avente funzioni di distribuzione dalla rete primaria alla secondaria e alla locale sulle medie distanze non vengono attribuite strade presenti nell ambito esaminato. Si tratterebbe, infatti, di strade extraurbane principali od urbane di scorrimento (a carreggiate separate), con funzioni di spostamento extraurbano interregionale e regionale ovvero di spostamento veloce interquartiere in ambito urbano. Possono invece essere classificate come strade della rete secondaria, ovvero di penetrazione verso la rete locale, destinate a spostamenti su distanze ridotte per tutte le componenti di traffico, le Strade Provinciali n. 55 e 83, oltre a Via Calnova e Via Martiri delle Foibe. Si rimanda all Allegato A per una completa descrizione e rappresentazione grafica/fotografica delle sezioni INQUADRAMENTO DELLA RETE VIARIA LOCALE Nell ambito esaminato, la viabilità è costituita da alcuni assi viari portanti, inquadrabili nella rete primaria e secondaria sopra menzionata, e da alcune strade di carattere locale che vengono fruite soprattutto come accesso alle vicine località o ai quartieri ed al centro cittadino. Si possono citare, a riguardo: - Via Rialto, a servizio dell area alberghiera prossima al casello autostradale; - Via S. Maria di Campagna (lato nord, oltre l autostrada), in direzione Cessalto; - Via Guaiane, strada che unisce la località omonima col centro cittadino, penetrandovi da est; - Via Galilei, bretella di collegamento interna a Noventa di Piave, fra Via Calnova e Via Romanziol. Studio Prof. Ing. Marco Pasetto 13

14 Si tratta di strade comunali, per la cui descrizione e rappresentazione si rimanda all Allegato A. 3. FLUSSI DI TRAFFICO 3.1. APPROCCIO METODOLOGICO Analizzate le caratteristiche geometrico-funzionali della rete viaria interessata dalla realizzazione degli insediamenti di progetto, si è proceduto alla caratterizzazione quali/quantitativa del traffico veicolare nell ambito considerato. In considerazione dell attuale struttura viaria, si è considerato di fissare l attenzione sulle strade ed intersezioni più prossime al nuovo insediamento, poiché saranno destinate a raccogliere e smistare tutto il volume di traffico generato/attratto dall esercizio dei fabbricati realizzandi. Pertanto, si è proceduto al monitoraggio dei flussi in corrispondenza dell intersezione a rotatoria fra bretella di accesso autostradale, Via Calnova sud, Via Rialto, Via Martiri delle foibe, Via Calnova nord, bretella di egresso dall area Outlet Factory Store, bretella di accesso all Outlet. I dati sono stati strutturati come richiesto dalla Deliberazione di G.R. del Veneto in data 25 Febbraio 2005, n. 569, procedendo al monitoraggio diretto del traffico, mediante conteggio e classificazione dei flussi. In ottemperanza ai disposti della Delibera innanzi citata, si è rilevato il traffico veicolare diurno fra le ore 8.00 e le ore 20.00, suddiviso per intervalli di 15 minuti, nei giorni di venerdì e sabato. Il rilevamento è stato effettuato nei giorni 9 e 10 Marzo Il monitoraggio è stato effettuato visivamente da rilevatori addestrati allo scopo. Oltre al mero conteggio dei flussi, sono state poi rilevate le manovre di svolta fra i diversi rami del nodo viario, al fine di poter costruire la successiva matrice origine/destinazione degli spostamenti. La procedura adottata ha previsto la determinazione dei parametri richiesti dalla Legge Regionale. Non si sono effettuate misure di velocità, perché poco significative nei siti presi in esame (intersezioni). Il traffico è stato suddiviso in 4 classi: Studio Prof. Ing. Marco Pasetto 14

15 a) I Classe: autovetture b) II Classe: furgoni c) III Classe: autocarri da leggeri a pesanti d) IV Classe: autobus e pullman in modo da rispecchiare le categorie richieste dalle disposizioni della D.G.R.V. n. 569/2005. I dati sono stati rappresentati mediante istogrammi e tabelle (che si riportano in Allegato B), così organizzati: Tabelle con rappresentazione, per intervalli di 15 minuti, per singola postazione, direzione e manovra di svolta, per il giorno di venerdì e sabato, dei seguenti dati: numero di passaggi rilevati ogni 15 minuti, suddivisi per le 4 classi veicolari, con relativi totali orari e giornalieri. Grafici con istogrammi rappresentativi, per intervalli di 15 minuti relativi al giorno di venerdì e sabato, del numero di passaggi rilevati per autovetture, veicoli commerciali, mezzi pesanti. Tabelle e grafici con rappresentazione, per ogni fascia oraria, per il giorno di venerdì e sabato, dei dati riassuntivi del traffico, suddivisi tra fasce orarie mattutine, pomeridiane e totali, ripartiti tra classi veicolari ANALISI DEI DATI L esame dei dati di traffico evidenzia, in linea generale, quanto segue. A. Bretella autostradale, ingresso in rotatoria Nel periodo feriale durante il quale si è effettuato il monitoraggio (12 ore), il traffico veicolare totale in entrata alla rotatoria con provenienza dall autostrada è risultato di veicoli. Dal grafico relativo alla ripartizione veicolare si nota come il traffico sia costituito per il 74% da autovetture, mentre furgoni e commerciali leggeri corrispondono al 12% del totale, i veicoli pesanti al 13%, mentre i bus ad una percentuale attorno all 1%. Durante la giornata il traffico subisce oscillazioni abbastanza contenute, variando tra 335 e 475 veicoli/ora, con valori di picco in mattinata nella fascia oraria (474 veicoli/ora) e nel pomeriggio-sera tra le e le (pari a 399 veicoli all ora); il picco in Studio Prof. Ing. Marco Pasetto 15

16 15 minuti è di 141 veicoli misurati nell intervallo Dagli istogrammi elaborati è possibile vedere come il numero di veicoli pesanti in transito diminuisca progressivamente nel corso della giornata. Inoltre, si osserva anche che, dei veicoli che escono dal casello, solo il 38% si dirige verso Noventa di Piave. Nel periodo prefestivo, i transiti totali sulla sezione di riferimento presentano un decremento rispetto alla giornata precedente, quantificato nella misura di circa il 12%, arrivando ad essere pari a poco più di I veicoli che entrano in rotatoria sono costituiti per il 91% da autovetture, per il 5% da furgoni e commerciali leggeri, i mezzi pesanti coprono il 3%, mentre i bus una frazione percentuale dell 1%. E da notarsi quindi una sensibile diminuzione del traffico ed una forte riduzione di mezzi pesanti e commerciali in genere. Durante la giornata i flussi appaiono variabili, oscillando tra i 207 veicoli all ora (intervallo ) e i 490 veicoli l ora (intervallo ). Il traffico appare più sostenuto a metà mattina e nel primo pomeriggio. Il picco massimo sui 15 minuti, pari a 145 veicoli, si colloca, fra le e le Del traffico proveniente dal casello autostradale, solo il 32% penetra in Noventa di Piave. B. Bretella autostradale, ingresso al casello Nel periodo feriale durante il quale si è effettuato il monitoraggio (12 ore), il traffico veicolare totale in entrata nell autostrada è risultato di veicoli, confrontabile con quello in uscita. Dal grafico relativo alla ripartizione veicolare si nota come il traffico sia costituito per il 76% da autovetture, mentre furgoni e commerciali leggeri corrispondono all 11% del totale, i veicoli pesanti al 13%, mentre i bus ad una percentuale trascurabile. Durante la giornata il traffico subisce sensibili oscillazioni, variando tra 248 e 470 veicoli/ora, con valori di picco nel pomeriggio-sera tra le e le (pari a 470 veicoli all ora); il picco in 15 minuti è di 135 veicoli misurati nell intervallo Dagli istogrammi elaborati è possibile vedere come il numero di veicoli pesanti in transito diminuisca progressivamente nel corso della giornata. Nel periodo prefestivo, i transiti totali sulla sezione di riferimento presentano un decremento rispetto alla giornata precedente, quantificato nella misura di circa il 15%, arrivando ad essere pari a poco meno di I veicoli che entrano in Studio Prof. Ing. Marco Pasetto 16

17 rotatoria sono costituiti per il 91% da autovetture, per il 6% da furgoni e commerciali leggeri, i mezzi pesanti coprono il 3%, mentre i bus una frazione irrilevante. E da notarsi quindi una sensibile diminuzione del traffico ed una forte riduzione di mezzi pesanti e commerciali in genere. Durante la giornata i flussi appaiono variabili, oscillando tra i 194 veicoli all ora (intervallo ) e i 541 veicoli l ora (intervallo ). Il traffico appare molto sostenuto nel pomeriggio e scarso la mattina. Il picco massimo sui 15 minuti, pari a 145 veicoli, si colloca, fra le e le C. Via Calnova sud, entrata in rotatoria Nella giornata feriale il traffico veicolare totale in entrata nella rotatoria antistante il P.N. n. 28 da Via Calnova sud è risultato di veicoli. La composizione percentuale del traffico ha evidenziato una distribuzione caratterizzata dall 86% dei mezzi transitanti costituiti da autovetture, i commerciali leggeri corrispondono al 12% del totale, i veicoli pesanti e bus al 2%. Durante la giornata, il traffico subisce alcune oscillazioni, variando dal minimo di 356 veicoli/ora (fascia ), al massimo di 569 veicoli/ora ( ). L ora di punta è mattutina, mentre il traffico massimo pomeridiano si colloca tra le e le ed ammonta a 561 veicoli/ora. Dagli istogrammi si nota un aumento del traffico nella fascia tardo-pomeridiana. La giornata di Sabato ha fatto registrare un traffico veicolare che è risultato poco inferiore a quello rilevato nella giornata di venerdì, rispetto al quale è stata verificata una riduzione di circa il 7% (4.950 transiti nel giorno prefestivo). Si è verificata altresì una redistribuzione delle percentuali rilevate di veicoli per categoria: rispetto al totale di veicoli passanti, la percentuale di furgoni e commerciali leggeri è notevolmente variata al ribasso (ora 4%); i transiti dei commerciali pesanti e dei bus supera di poco l 1%. Il traffico di autovetture è aumentato, essendo queste passate a un totale di (94% del totale). Il valore di picco del flusso orario mattutino si riscontra tra le e le 11.00, quando sono stati conteggiati 542 veicoli. Nel pomeriggio, il flusso orario massimo si colloca a cavallo tra le e le 18.00, con valori massimi di 499 veicoli. Il picco in 15 minuti è di 151 veicoli, individuato nell intervallo fra le e le Dagli istogrammi si nota un andamento piuttosto oscillante dei flussi. Studio Prof. Ing. Marco Pasetto 17

18 D. Via Martiri delle foibe Nel periodo feriale durante il quale si è effettuato il monitoraggio (12 ore), il traffico veicolare totale in entrata verso la rotatoria con provenienza Via Martiri delle foibe è risultato di veicoli; in direzione opposta si son contati veicoli. Dal grafico relativo alla ripartizione veicolare si nota come il traffico sia costituito, rispettivamente nelle due direzioni, per il 78 e 79% da autovetture, mentre furgoni e commerciali leggeri corrispondono al 9% del totale, i veicoli pesanti al 13 e 12%, mentre i bus ad una percentuale irrilevante. Durante la giornata il traffico subisce oscillazioni sensibili, variando tra 232 e 486 veicoli/ora in direzione rotatoria, tra 191 e 514 in direzione opposta; i valori di picco si hanno nel pomeriggio in entrambi i casi (nella fascia oraria e rispettivamente). Il picco in 15 minuti è di 123 veicoli nell intervallo verso la rotatoria e di 152 veicoli fra le e le in direzione opposta. Dagli istogrammi elaborati è possibile vedere come i flussi tendano ad essere piuttosto variabili, ma mediamente crescenti nelle ore pomeridiane. Nel periodo prefestivo, il traffico veicolare totale in entrata verso la rotatoria con provenienza Via Martiri delle foibe è risultato di veicoli; in direzione opposta si son contati veicoli. In entrambi i casi si ha un lievissimo decremento rispetto al venerdì (-2% e -4%). Dal grafico relativo alla ripartizione veicolare si nota come il traffico sia costituito, rispettivamente nelle due direzioni, per il 93 e 92% da autovetture, mentre furgoni e commerciali leggeri corrispondono al 4 e 5% del totale, i veicoli pesanti e i bus al 3%. Durante la giornata il traffico subisce oscillazioni sensibili, variando tra 180 e 571 veicoli/ora in direzione rotatoria, tra 205 e 446 in direzione opposta; i valori di picco si hanno nel pomeriggio in entrambi i casi (nella fascia oraria e rispettivamente). Il picco in 15 minuti è di 147 veicoli nell intervallo verso la rotatoria e di 125 veicoli fra le e le in direzione opposta. Dagli istogrammi elaborati è possibile vedere come i flussi, pur con la consueta variabilità, tendano ad essere più consistenti nelle ore pomeridiane. E. Via Calnova nord Studio Prof. Ing. Marco Pasetto 18

19 Nel periodo feriale durante il quale si è effettuato il monitoraggio (12 ore), il traffico veicolare totale in entrata verso la rotatoria con provenienza Via Calnova (nord) è risultato di veicoli, dei quali (33%) provenienti dall Outlet; in direzione opposta si son contati veicoli. Dal grafico relativo alla ripartizione veicolare si nota come il traffico sia costituito, rispettivamente nelle due direzioni, per l 81 e 68% da autovetture, mentre furgoni e commerciali leggeri corrispondono al 10 e 14% del totale, i veicoli pesanti al 9 e 17%, mentre i bus ad una percentuale irrilevante. Durante la giornata il traffico subisce oscillazioni molto forti, variando tra 214 e 670 veicoli/ora in direzione rotatoria, tra 116 e 425 in direzione opposta; i valori di picco si hanno nel pomeriggio nel primo caso (nella fascia oraria ) ed al mattino nel secondo ( ). Il picco in 15 minuti è di 215 veicoli nell intervallo verso la rotatoria (riconducibile alla cessazione di attività lavorative, non all Outlet) e di 117 veicoli fra le 8.15 e le in direzione opposta. Nel periodo prefestivo, il traffico veicolare totale in entrata verso la rotatoria con provenienza Via Calnova (nord) è risultato di veicoli (37% dell Outlet); in direzione opposta si son contati veicoli. La variazione rispetto al venerdì è sensibile ed antitetica: si ha un aumento verso la rotatoria (+11%), una forte riduzione in direzione opposta (-38%). Dal grafico relativo alla ripartizione veicolare si nota come il traffico sia costituito, rispettivamente nelle due direzioni, per il 95 e 87% da autovetture, mentre furgoni e commerciali leggeri corrispondono al 4 e 9% del totale, i veicoli pesanti e i bus all 1 e 4%. Durante la giornata il traffico subisce oscillazioni molto forti, variando tra 137 e 813 veicoli/ora in direzione rotatoria, tra 98 e 218 in direzione opposta; i valori di picco si hanno nel pomeriggio in entrambi i casi (nella fascia oraria e rispettivamente). Il picco in 15 minuti è di 231 veicoli nell intervallo verso la rotatoria e di 59 veicoli fra le e le in direzione opposta. Dagli istogrammi elaborati è possibile vedere come i flussi tendano ad essere molto consistenti nelle ore pomeridiane verso la rotatoria. F. Uscita dalla rotatoria verso S. Maria di Campagna Nel periodo feriale durante il quale si è effettuato il monitoraggio (12 ore), il traffico veicolare totale in uscita dalla rotatoria è risultato di veicoli. Dal Studio Prof. Ing. Marco Pasetto 19

20 grafico relativo alla ripartizione veicolare si nota come il traffico sia costituito per il 90% da autovetture, mentre furgoni e commerciali leggeri corrispondono al 7% del totale, i veicoli pesanti al 3%. Durante la giornata il traffico subisce sensibili oscillazioni, variando tra 78 e 245 veicoli/ora, con valori di picco nel mattino tra le e le 11.00; il picco in 15 minuti è di 85 veicoli misurati nell intervallo Dagli istogrammi elaborati è possibile vedere come il numero massimo di transiti si abbia a metà mattina e nel primo pomeriggio. Nel periodo prefestivo, i transiti totali sulla sezione di riferimento presentano un forte incremento rispetto alla giornata precedente, quantificato nella misura di circa il 90%, arrivando ad essere pari a poco meno di I veicoli sono costituiti per il 97% da autovetture, per il 3% da furgoni e commerciali. Durante la giornata i flussi appaiono variabili, oscillando tra i 71 veicoli all ora (intervallo ) e i 595 veicoli l ora (intervallo ). Il traffico appare particolarmente sostenuto nel pomeriggio. Il picco massimo sui 15 minuti, pari a 158 veicoli, si colloca, fra le e le ULTERIORI DATI DI TRAFFICO Il monitoraggio del traffico è stato eseguito nel mese di Marzo 2012, al fine di poter contare su un quadro aggiornato dei flussi in movimento in prossimità dell ambito di intervento. Tuttavia, nello stesso periodo erano in corso alcune opere sulla Strada Provinciale n. 55 (tra cui l interruzione del sovrappassaggio dell autostrada), che possono aver certamente modificato le condizioni di deflusso nella rete considerata. Anche se si ritiene che i principali spostamenti interessanti il nodo in esame, pur con itinerari diversi, possano ugualmente aver impegnato la rete presso l ambito P.N. n. 28 (movimenti da/per l Outlet o la zona produttiva di Via Calnova, movimenti sulla direttrice Cessalto-S.Donà di Piave), si è voluto considerare le campagne di monitoraggio dei flussi condotte negli ultimi anni presso il sito di progetto, al fine di caratterizzare correttamente lo stato di fatto, in vista delle successive verifiche di funzionalità della rete. Un primo rilievo effettuato il 25/03/2005 per lo studio di valutazione dell impatto di traffico sulla rete viaria generabile a seguito dell attivazione dell Outlet Factory Store, ha evidenziato la mobilità veicolare antecedente Studio Prof. Ing. Marco Pasetto 20

REGIONE VENETO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI PEDEROBBA. Committente: E.MA.PRI.CE. S.p.A. Sede Legale: Via Renon, 11-39100 Bolzano (BZ)

REGIONE VENETO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI PEDEROBBA. Committente: E.MA.PRI.CE. S.p.A. Sede Legale: Via Renon, 11-39100 Bolzano (BZ) REGIONE VENETO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI PEDEROBBA Committente: E.MA.PRI.CE. S.p.A. Sede Legale: Via Renon, 11-39100 Bolzano (BZ) PIANO URBANISTICO ATTUATIVO AREA EX FUNGHI DEL MONTELLO IN PEDEROBBA

Dettagli

Consorzio ZAI Comune di Verona

Consorzio ZAI Comune di Verona Studio del Traffico PUA Consorzio ZAI Quadrante Europa Area rd Sommario 1 PREMESSA... 2 2 CONTENUTI DELLO STUDIO E ANTICIPAZIONE DEI RISULTATI... 2 3 INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 5 4 SISTEMA INFRASTRUTTURALE

Dettagli

STUDIO RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO INNESTO CON IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE SULLA S.S.12

STUDIO RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO INNESTO CON IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE SULLA S.S.12 Comune di Pavullo nel Frignano Piano Urbanistico Attuativo di Iniziativa Privata Ambito ASP 2.7 di rilievo sovracomunale sito in località Casa Zanaroli Cà del Lupo e denominato: POLO ARTIGIANALE INDUSTRIALE

Dettagli

NUOVI CRITERI DI PROGETTO E DI VERIFICA PER LE ROTATORIE STRADALI EXTRAURBANE

NUOVI CRITERI DI PROGETTO E DI VERIFICA PER LE ROTATORIE STRADALI EXTRAURBANE NUOVI CRITERI DI PROGETTO E DI VERIFICA PER LE ROTATORIE STRADALI EXTRAURBANE Sascia Canale (1), Salvatore Leonardi (2) (1) Professore ordinario e docente di Teoria delle Infrastrutture Viarie - Università

Dettagli

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA PROPOSTE DI RIQUALIFICAZIONE VIABILISTICA rapporto finale luglio 2009 Ing. Ivan Genovese ig@mobiliter.it CONTENUTI A. INQUADRAMENTO

Dettagli

ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE

ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE Il sistema viario esistente e i livelli di traffico La Provincia di Vicenza, come buona parte del Nordest, si caratterizza per l accentuato policentrismo in prossimità

Dettagli

Traffico Nel seguente paragrafo si analizzano le problematiche attinenti al sistema della viabilità analizzando la rete infrastrutturale in cui è

Traffico Nel seguente paragrafo si analizzano le problematiche attinenti al sistema della viabilità analizzando la rete infrastrutturale in cui è Traffico Nel seguente paragrafo si analizzano le problematiche attinenti al sistema della viabilità analizzando la rete infrastrutturale in cui è inserita l area di trasformazione. L accesso all area avviene

Dettagli

COMUNE DI CESENA Regione Emilia Romagna Provincia di Forlì Cesena STUDI SPECIALISTICI COMPONENTE MOBILITA E INFRASTRUTTURE

COMUNE DI CESENA Regione Emilia Romagna Provincia di Forlì Cesena STUDI SPECIALISTICI COMPONENTE MOBILITA E INFRASTRUTTURE COMUNE DI CESENA Regione Emilia Romagna Provincia di Forlì Cesena STUDI SPECIALISTICI COMPONENTE MOBILITA E INFRASTRUTTURE Luglio 2010 Rev. 2 Sede principale certificata: Torino: Corso De Gasperi, 34-10129

Dettagli

COMUNE DI CALCIO Provincia di Bergamo

COMUNE DI CALCIO Provincia di Bergamo COMUNE DI CALCIO Provincia di Bergamo TRM ENGINEERING srl Via della Birona 30 20900 Monza (MB) Tel. 039/3900237 Fax. 02/70036433 o 039/2314017 STUDIO VIABILISTICO ANALISI DI UNA NUOVA INTERSEZIONE A ROTATORIA

Dettagli

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7.1 - ACCESSI E DIRAMAZIONI. DEFINIZIONI E TIPOLOGIA Tra i diversi fattori che possono influire sulle prestazioni, in termini di sicurezza e di funzionalità, di una strada, occupano

Dettagli

Report Monitoraggio Traffico

Report Monitoraggio Traffico 2012 Campagna di Monitoraggio presso il Comune di Berlingo nel periodo da 26/06/2012 al 28/06/2012 Redatta Giovanni Santoro Verificata e Approvata Prof. Ing. Maurizio Tira Sommario Premessa... 3 Obiettivo

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

Progettare i Trasporti

Progettare i Trasporti 3.2.3. LE ZONE DI SCAMBIO Quando due strade, percorse a senso unico nella medesima direzione convergono in un unico tronco di sufficiente lunghezza, per poi divergere, si forma una zona di scambio; lungo

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

Chiarimenti normativi ministeriali in materia stradale

Chiarimenti normativi ministeriali in materia stradale Chiarimenti normativi ministeriali in materia stradale Ing. Enrico Chiarini Premessa Questo documento, redatto in forma personale, raccoglie alcune richieste di parere e alcune richieste di chiarimento

Dettagli

Report Monitoraggio Traffico

Report Monitoraggio Traffico 14 Campagna di Monitoraggio presso il Comune di Corzano nel periodo da 1/7/14 al 3/7/14 Reperimento dati Geom. Giovanni Santoro Analisi scientifica Prof. Ing. Maurizio Tira Sommario Premessa... 3 Obiettivo

Dettagli

Report Monitoraggio Traffico

Report Monitoraggio Traffico 214 Campagna di Monitoraggio nel Comune di Gussago nel periodo da 5/8/214 al 7/8/214 Reperimento dati Geom. Giovanni Santoro Redazione e verifica Prof. Ing. Maurizio Tira Sommario Premessa... 3 Obiettivo

Dettagli

Fondamenti di Trasporti Cenni di teoria del deflusso

Fondamenti di Trasporti Cenni di teoria del deflusso Corso di: Lezione: Fondamenti di Trasporti Cenni di teoria del deflusso Corso di Laurea Ingegneria Civile AA 0910 Giuseppe Inturri Università di Catania Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale IL

Dettagli

Premessa... Pag. 2. 1. AREA DI STUDIO 1.1 Inquadramento territoriale..." 3

Premessa... Pag. 2. 1. AREA DI STUDIO 1.1 Inquadramento territoriale... 3 Premessa... Pag. 2 1. AREA DI STUDIO 1.1 Inquadramento territoriale..." 3 2. ANALISI DELLA SITUAZIONE ATTUALE 2.1 Viabilità locale..." 6 2.1.1 Caratteristiche geometriche delle strade in esame..." 6 2.2

Dettagli

Comune di Rivalta (To)

Comune di Rivalta (To) Comune di Rivalta (To) Studio di traffico per autorizzazione CC Rivalta Analisi dello Stato di Fatto Luglio 2004 Indice 1. Inquadramento territoriale...2 2. Caratteristiche Centro Commerciale...3 3. Rilievi

Dettagli

CAMPAGNA DI MONITORAGGIO INQUINAMENTO ACUSTICO RUMORE DA TRAFFICO STRADALE COMUNE DI CAMPOGALLIANO ANNO 2011

CAMPAGNA DI MONITORAGGIO INQUINAMENTO ACUSTICO RUMORE DA TRAFFICO STRADALE COMUNE DI CAMPOGALLIANO ANNO 2011 CAMPAGNA DI MONITORAGGIO INQUINAMENTO ACUSTICO RUMORE DA TRAFFICO STRADALE COMUNE DI CAMPOGALLIANO ANNO 2011 1/15 Sezione Provinciale di Modena PREMESSA Al fine di verificare i livelli di rumorosità provocati

Dettagli

Piano dei trasporti e della mobilità provinciale Carbonia Iglesias Allegato 4: Livelli di servizio

Piano dei trasporti e della mobilità provinciale Carbonia Iglesias Allegato 4: Livelli di servizio Provincia di Carbonia Iglesias Centro Interuniversitario Ricerche Economiche e Mobilità Università di Cagliari Piano dei trasporti e della mobilità provinciale Carbonia Iglesias Allegato 4: Livelli di

Dettagli

INDICE INDICE... 1 1 PREMESSA... 2 2 LA ZONIZZAZIONE DELL AREA DI STUDIO... 3 3 L OFFERTA DI TRASPORTO STRADALE... 5 4 LA DOMANDA DI TRASPORTO...

INDICE INDICE... 1 1 PREMESSA... 2 2 LA ZONIZZAZIONE DELL AREA DI STUDIO... 3 3 L OFFERTA DI TRASPORTO STRADALE... 5 4 LA DOMANDA DI TRASPORTO... INDICE INDICE... 1 1 PREMESSA... 2 2 LA ZONIZZAZIONE DELL AREA DI STUDIO... 3 3 L OFFERTA DI TRASPORTO STRADALE... 5 4 LA DOMANDA DI TRASPORTO... 7 5 I RISULTATI DELLE SIMULAZIONI SCENARIO ATTUALE... 12

Dettagli

RELAZIONE DI PROGETTO

RELAZIONE DI PROGETTO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SOMMACAMPAGNA Allegato del Regolamento per l assegnazione di un lotto edificabile sito nella lottizzazione produttiva Crocetta del Capoluogo RELAZIONE DI PROGETTO PREMESSA

Dettagli

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 INDICE pag. 01 1.) Le infrastrutture e le previsioni del P.R.G. pag. 02 1.1.) Le infrastrutture pag. 02 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 2.) Gli effetti delle previsioni della Variante al P.R.G.

Dettagli

Regione Emilia-Romagna Provincia di Ravenna Comune di Faenza

Regione Emilia-Romagna Provincia di Ravenna Comune di Faenza Regione Emilia-Romagna Provincia di Ravenna Comune di Faenza Valutazione della mobilità indotta e verifica di accessibilità relativa al Progetto unitario di trasformazione dell area di via Emilia Levante

Dettagli

COMUNE DI ARCORE Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI ARCORE Provincia di Monza e Brianza COMUNE DI ARCORE Provincia di Monza e Brianza NUOVO INSEDIAMENTO COMMERCIALE PIANO ATTUATIVO AR2 CALO DESCRIZIONE DEL SISTEMA VIARIO, DEI TRASPORTI E DELLA RETE DI ACCESSO TRM ENGINEERING srl Via Della

Dettagli

Prof. Ing. Umberto Crisalli Dipartimento di Ingegneria dell Impresa. crisalli@ing.uniroma2.it

Prof. Ing. Umberto Crisalli Dipartimento di Ingegneria dell Impresa. crisalli@ing.uniroma2.it corso di Teoria e Tecnica della Circolazione + Trasporti e Territorio a.a. 2012-2013 ITS Intelligent Transport Systems CONTROLLO DEL TRAFFICO Prof. Ing. Umberto Crisalli Dipartimento di Ingegneria dell

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Analisi di una rete stradale con il software VISUM

Analisi di una rete stradale con il software VISUM Paolo Martinis Preone, 10.07.2004 Università degli Studi di Trieste Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione dei Trasporti Prof. Giovanni Longo Anno Accademico 2003-2004 Analisi di una rete stradale

Dettagli

Sfide e progetti per il sistema di trasporto pubblico e la gestione del trasporto in Ancona. I tipi spaziali di mobilità

Sfide e progetti per il sistema di trasporto pubblico e la gestione del trasporto in Ancona. I tipi spaziali di mobilità Sfide e progetti per il sistema di trasporto pubblico e la gestione del trasporto in Ancona. Ancona, capoluogo delle Marche, ha un estensione territoriale di 125,60 Kmq. con 102.816 abitanti. La sua parte

Dettagli

Conteggi alle intersezioni semaforizzate

Conteggi alle intersezioni semaforizzate Conteggi alle intersezioni semaforizzate La GO-Mobility s.r.l. si avvale di sistemi automatici di conteggio di veicoli e pedoni basati su tecnologia di riconoscimento video degli oggetti in movimento.

Dettagli

studio di impatto trasportistico

studio di impatto trasportistico comune di genova progetto unitario di ambito speciale di riqualificazione urbana n. 3h (ex officina guglielmetti) in genova, lungo bisagno dalmazia. realizzazione di un complesso produttivo e commerciale

Dettagli

Problematiche emergenti ed evoluzione dei fenomeni

Problematiche emergenti ed evoluzione dei fenomeni Piano della Mobilità Comune di Bergamo ATB Mobilità SpA Capitolo 3 Problematiche emergenti ed evoluzione dei fenomeni Si analizzano le problematiche emergenti e l evoluzione dei fenomeni, riprendendo i

Dettagli

Premessa. Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine

Premessa. Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine Allegato Traffico - PGT di Ospedaletto Lodigiano Premessa Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine di evidenziare ed approfondire la tematica del

Dettagli

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy Comune di Camposampiero (PD) IL PARCO DI CAMPOSAMPIERO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Sintesi non Tecnica 2 Studio di Impatto Ambientale Il Parco di Camposampiero

Dettagli

Studio Preliminare Ambientale Piano di Lottizzazione Cornaro Comune di Salzano (VE) ALLEGATO N. 4. Studio Viabile

Studio Preliminare Ambientale Piano di Lottizzazione Cornaro Comune di Salzano (VE) ALLEGATO N. 4. Studio Viabile Studio Preliminare Ambientale Piano di Lottizzazione Cornaro Comune di Salzano (VE) ALLEGATO N. 4 Studio Viabile 1 PIANO DI LOTTIZZAZIONE DENOMINATO CORNARO P.N. 2-3-8 IN COMUNE DI SALZANO STUDIO SULL

Dettagli

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità Linea d intervento: 5.4 - Adeguamento e potenziamento delle ferrovie locali Titolo intervento: Adeguamento ferroviario dell

Dettagli

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali 5.1 Segnaletica orizzontale Capitolo 5 Segnaletica orizzontale. Segnali complementari La segnaletica orizzontale è rappresentata dai segni sulla carreggiata che si suddividono in: strisce longitudinali;

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA RELAZIONE SUL TRAFFICO PIANO ATTUATIVO PER INSEDIAMENTO DI ATTIVITÀ INDUSTRIALE IN ZONA PRODUTTIVA ESISTENTE

COMUNE DI BRESCIA RELAZIONE SUL TRAFFICO PIANO ATTUATIVO PER INSEDIAMENTO DI ATTIVITÀ INDUSTRIALE IN ZONA PRODUTTIVA ESISTENTE COMUNE DI BRESCIA PIANO ATTUATIVO PER INSEDIAMENTO DI ATTIVITÀ INDUSTRIALE IN ZONA PRODUTTIVA ESISTENTE RELAZIONE SUL TRAFFICO CONSULENZA SPECIALISTICA RELATIVA A: Studio mobilità e traffico BRESCIA MOBILITÀ

Dettagli

INDICE 1. CONSIDERAZIONI GENERALI... 1. 1.1 Introduzione e generalità... 1. 1.2 Obiettivi della variante pianificatoria... 1

INDICE 1. CONSIDERAZIONI GENERALI... 1. 1.1 Introduzione e generalità... 1. 1.2 Obiettivi della variante pianificatoria... 1 INDICE 1. CONSIDERAZIONI GENERALI... 1 1.1 Introduzione e generalità... 1 1.2 Obiettivi della variante pianificatoria... 1 1.3 Concetto di sviluppo urbanistico... 1 2. PIANO DEL TRAFFICO... 3 2.1 Generalità...

Dettagli

committente: oggetto: data consegna: 15 novembre 2010 progetto: MC+SG studio marco camplani architetto T: +39.035.225241 I : via garibaldi 24

committente: oggetto: data consegna: 15 novembre 2010 progetto: MC+SG studio marco camplani architetto T: +39.035.225241 I : via garibaldi 24 Regione Lombardia Provincia di Bergamo COMUNE DI NEMBRO committente: oggetto: APERTURA DI GRANDE STRUTTURA DI VENDITA CENTRO COMMERCIALE RAPPORTO INTEGRATO DI IMPATTO DCR 2 ottobre 2006, n. VIII/215 Programma

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE E LA VERIFICA DELLE INTERSEZIONI A ROTATORIE

LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE E LA VERIFICA DELLE INTERSEZIONI A ROTATORIE LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE E LA VERIFICA DELLE INTERSEZIONI A ROTATORIE 1 PRESENTAZIONE Con la delibera di Giunta provinciale n. 389 reg. del 28/07/2003 la Provincia di Padova si è dotata di una

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Laurea Magistrale in Architettura e innovazione Sviluppo Urbano Sostenibile AA 2013-14 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Piani urbani

Dettagli

COMUNE DI LOCATE di TRIULZI Provincia di Milano

COMUNE DI LOCATE di TRIULZI Provincia di Milano COMUNE DI LOCATE di TRIULZI Provincia di Milano Studio redatto da: Accordo di programma POLO DEI DISTRETTI PRODUTTIVI DESCRIZIONE DEL SISTEMA VIARIO, DEI TRASPORTI E DELLA RETE DI ACCESSO Via Della Birona,30

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

«VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA»

«VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA» «VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA» SISTEMI DI INFORMAZIONE I sistemi di informazione sono apparati costituiti da strumentazione connessa

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

1.5. Il centro storico 1.5.1. Un ambito urbano di pregio La ristretta fascia compresa fra la SP342dir. e la linea ferroviaria Carnate-Lecco è occupata dal centro storico, impostato sull unico asse viario

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti ferroviari

Dettagli

PREZZO DI VENDITA 1.400.000,00 (eurounmilionequattrocentomila/00).

PREZZO DI VENDITA 1.400.000,00 (eurounmilionequattrocentomila/00). Complesso in vendita nel Comune di Assago MQ L area ricopre una superficie di Mq 4.125. L edificio esistente ricopre una superficie lorda complessiva (SLP) di Mq 802,00; di cui Mq 436,00 per il piano primo

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PIANO DI A22 PER L'ESODO ESTIVO 2015

PRESENTAZIONE DEL PIANO DI A22 PER L'ESODO ESTIVO 2015 PRESENTAZIONE DEL PIANO DI A22 PER L'ESODO ESTIVO 2015 Attività, assistenza, informazione e servizi per incrementare l efficienza dell arteria e affrontare l esodo estivo. Stop a cantieri e TIR. Trento,

Dettagli

Aggiornamento del Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU).

Aggiornamento del Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU). Aggiornamento del Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU). Allegato B Rilievo delle manovre di svolta all intersezione tra la SP82 via per Treglio e Contrada Villa Martelli. 14 febbraio 2012 [2811ST]

Dettagli

COMUNE DI SCANDIANO. Piano Urbano della Mobilità (P.U.M.) e Piano Generale del Traffico Urbano (P.G.T.U.) del Comune di Scandiano

COMUNE DI SCANDIANO. Piano Urbano della Mobilità (P.U.M.) e Piano Generale del Traffico Urbano (P.G.T.U.) del Comune di Scandiano COMUNE DI SCANDIANO Provincia di Reggio Emilia Piano Urbano della Mobilità (P.U.M.) e Piano Generale del Traffico Urbano (P.G.T.U.) del Comune di Scandiano Relazione Finale del PUM / PGTU Aprile 2013 S

Dettagli

NODO DI SAN BENIGNO OBIETTIVO DELL INTERVENTO DESCRIZIONE DELL INTERVENTO

NODO DI SAN BENIGNO OBIETTIVO DELL INTERVENTO DESCRIZIONE DELL INTERVENTO NODO DI SAN BENIGNO OBIETTIVO DELL INTERVENTO Il Nodo di San Benigno è uno dei punti chiave della viabilità genovese, sia per la presenza del più importante casello autostradale della città, Genova Ovest,

Dettagli

Verifica dei requisiti minimi di sicurezza delle nuove gallerie del Progetto Salerno Porta Ovest Indice

Verifica dei requisiti minimi di sicurezza delle nuove gallerie del Progetto Salerno Porta Ovest Indice Verifica dei requisiti minimi di sicurezza delle nuove gallerie del Progetto Salerno Porta Ovest Indice 1 Introduzione... 2 2 Analisi di sicurezza della Galleria Poseidon Ligea... 4 2.1 Individuazione

Dettagli

L interruzione della A19 Palermo-Catania: una stima preliminare del danno

L interruzione della A19 Palermo-Catania: una stima preliminare del danno L interruzione della A19 Palermo-Catania: una stima preliminare del danno Raffaele Grimaldi, Andrea Debernardi, Emanuele Ferrara, Paolo Beria NOTA TECNICA 1/2015 APRILE 2015 TRASPOL LABORATORIO DI POLITICA

Dettagli

TIPOLOGIA DI INCARICO LETT. A - PGTU

TIPOLOGIA DI INCARICO LETT. A - PGTU DISCIPLINARE DI INCARICO DI SUPPORTO AGLI UFFICI TECNICI PER L AGGIORNAMENTO DEL PIANO GENERALE DEL TRAFFICO E PER LA VALUTAZIONE DI INSERIMENTO DI NUOVE STRUTTURE COMMERCIALI SUL TERRITORIO DEL COMUNE

Dettagli

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI 3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI Per descrivere lo stato attuale del sistema della mobilità è stata predisposta una banca dati che ha sistematizzato su supporti informatici condivisi tutte le informazioni

Dettagli

6. Analisi del deflusso su autostrade

6. Analisi del deflusso su autostrade 6. Analisi del deflusso su autostrade Un autostrada può essere definita come una strada extraurbana o urbana riservata a particolari categorie di autoveicoli, a carreggiate indipendenti o separate da spartitraffico

Dettagli

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada Ilaria Bramezza 1. Il project financing Il project financing è una tecnica per la realizzazione di

Dettagli

Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Messa in sicurezza e riqualificazione SS76

Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Messa in sicurezza e riqualificazione SS76 Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Enrico Pastori TAVOLO TECNICO ALLARGATO Jesi, 19 novembre 2009 Indice della presentazione Stato di fatto Obiettivi del progetto Descrizione del progetto

Dettagli

Ciclabilità teoria e tecnica

Ciclabilità teoria e tecnica City Ferrara 22 ottobre 2010 Ciclabilità teoria e tecnica Ing. Marco Passigato Mobility Manager dell Università degli studi di Verona Consigliere nazionale Federazione Italiana Amici della Bicicletta www://marco.passigato.free.fr

Dettagli

SIstema TAngenziali VEnete

SIstema TAngenziali VEnete MITIGAZIONE COMPENSAZIONE. S I T A V E. RICOSTRUZIONE RESTAURO AMBIENTE SIstema TAngenziali VEnete Un opportunità unica e irripetibile per la salvaguardia dell Ambiente e della Qualità della Vita della

Dettagli

Il sistema del trasporto privato

Il sistema del trasporto privato Il sistema del trasporto privato 1. Introduzione e inquadramento generale "La Provincia attraverso il PTCP definisce la dotazione di infrastrutture per la mobilità di carattere sovracomunale, ed individua

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Dr. Antonio Rigon Ing. Federico Zannantonio

Dr. Antonio Rigon Ing. Federico Zannantonio RIQUALIFICAZIONE DELL AREA FERROVIARIA DI BOLZANO ANALISI TRASPORTISTICA PER L AREA DELLA STAZIONE Dr. Antonio Rigon Ing. Federico Zannantonio Venezia, dicembre 2002 Indice 1 SOMMARIO... 1 2 INTRODUZIONE...

Dettagli

IL TERRITORIO. Traffico ora di punta

IL TERRITORIO. Traffico ora di punta IL TERRITORIO La Provincia di Torino è composta da 315 comuni dei quali 30 con più di 10.000 abitanti. Le strade extraurbane rimaste in gestione all ANAS sono soltanto 2, tutte le altre sono state trasferite

Dettagli

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE Progetto TI MUOVI Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE LA BUONA STRADA A cura della I A (anno scolastico 2009-2010) Scuola secondaria di primo grado CARLO LEVI - I.C. King GRUGLIASCO IL NOSTRO PERCORSO

Dettagli

Piano Generale del Traffico Urbano Diagnosi e strategie del Piano Progetto di Massima

Piano Generale del Traffico Urbano Diagnosi e strategie del Piano Progetto di Massima Comune di Busto Garolfo (Provincia di Milano) PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO Progetto di Massima π marzo 2008 POLINOMIA Comune di Busto Garolfo (Provincia di Milano) Piano Generale del Traffico Urbano

Dettagli

Brescia, 25 agosto 2014. Oggetto: Osservazioni al PA Paterlini Milesi adottato con D.G.C. n. 373 del 1 luglio 2014-87298 P.G.

Brescia, 25 agosto 2014. Oggetto: Osservazioni al PA Paterlini Milesi adottato con D.G.C. n. 373 del 1 luglio 2014-87298 P.G. Brescia, 25 agosto 2014 Spett.le Comune di Brescia (BS) Settore Urbanistica, Via Marconi n 12 E P.C. Responsabile del Procedimento Arch. Ribolla Gianpiero Oggetto: Osservazioni al PA Paterlini Milesi adottato

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI, PAESAGGISTI e CONSERVATORI della Provincia di VERCELLI

ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI, PAESAGGISTI e CONSERVATORI della Provincia di VERCELLI ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI, PAESAGGISTI e CONSERVATORI della Provincia di VERCELLI oappc.vercelli@archiworldpec.it TARIFFA PROFESSIONALE DELL'ARCHITETTO E DELL'INGEGNERE PRONTUARIO B) PIANI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione I L D I R I G E N T E

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione I L D I R I G E N T E REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione Proposta nr. 25 del 25/02/2014 - Determinazione nr. 501 del 26/02/2014 OGGETTO: Riqualificazione ed allargamento della

Dettagli

BICICLETTE e AUTOBUS. Give Cycling a Push. Visione d insieme. Contesto e obiettivi. Implementazione. Infrastrutture.

BICICLETTE e AUTOBUS. Give Cycling a Push. Visione d insieme. Contesto e obiettivi. Implementazione. Infrastrutture. Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE BICICLETTE e AUTOBUS Visione d insieme Il traffico misto di biciclette e autobus comporta un problema di sicurezza. In teoria,

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA DELIBERA N. 1680-28 APRILE 2004 - DEL CONSIGLIO DELL ORDINE ARCHITETTI P.P.C. DI VICENZA ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

STUDIO DI ELEMENTI NODALI DELLA VIABILITÀ DI MAROTTA MONDOLFO

STUDIO DI ELEMENTI NODALI DELLA VIABILITÀ DI MAROTTA MONDOLFO ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di laurea in INGEGNERIA CIVILE INDIRIZZO TRASPORTI Tesi di laurea in TEORIA E TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Tipo EA1a Strada rurale di pianura

Tipo EA1a Strada rurale di pianura Schede dei tipi di percorso Percorso EA1a Foglio 1 di 10 DEFINIZIONE DEL TIPO DESCRIZIONE SINTETICA Ambito: Sistema funzionale: Extraurbano Sistema insediativo diffuso Percorso su Strada rurale di pianura

Dettagli

Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino

Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino PROGETTO PER IL CONCORSO PER IL CENTRO DIREZIONALE DI TORINO 1 Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino B63f/1 Terzo premio Operazione 70-1970 L area destinata dal P.R.G. di Torino

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INERENTE LO STUDIO DEL TRAFFICO RELATIVO AL P.G.T. DEL COMUNE DI SOVERE (BG)

RELAZIONE TECNICA INERENTE LO STUDIO DEL TRAFFICO RELATIVO AL P.G.T. DEL COMUNE DI SOVERE (BG) RELAZIONE TECNICA INERENTE LO STUDIO DEL TRAFFICO RELATIVO AL P.G.T. DEL COMUNE DI SOVERE (BG) PREMESSA Lo studio del traffico relativo al Piano del Governo del Territorio si articolerà in tre fasi distinte:

Dettagli

La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia

La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia PREMESSA Il tema della mobilità sostenibile è divenuto ormai oggetto quotidiano di confronto e di impegno istituzionale. Il Nuovo Codice della

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

SOMMARIO... 1 1. ATTUALE CONFIGURAZIONE DELLO SVINCOLO... 2 2. INDIVIDUAZIONE DEI BISOGNI EMERSI... 9 3. DATI DI TRAFFICO... 10

SOMMARIO... 1 1. ATTUALE CONFIGURAZIONE DELLO SVINCOLO... 2 2. INDIVIDUAZIONE DEI BISOGNI EMERSI... 9 3. DATI DI TRAFFICO... 10 SOMMARIO SOMMARIO... 1 1. ATTUALE CONFIGURAZIONE DELLO SVINCOLO... 2 2. INDIVIDUAZIONE DEI BISOGNI EMERSI... 9 3. DATI DI TRAFFICO... 10 4. OBBIETTIVI PRIMARI DEL PROGETTO... 11 5. STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Un nuovo sistema di trasporto nei quartieri a sud dell Eur per la mobilità sostenibile di Roma Capitale

Un nuovo sistema di trasporto nei quartieri a sud dell Eur per la mobilità sostenibile di Roma Capitale Un nuovo sistema di trasporto nei quartieri a sud dell Eur per la mobilità sostenibile di Roma Capitale Corridoi del trasporto pubblico Eur-Tor de Cenci ed Eur Laurentina-Tor Pagnotta-Trigoria La mobilità

Dettagli

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PARERE ESPRESSO DAL GENIO CIVILE DI VENEZIA CON NOTA PROT. N. 279721/46.10 DEL 23 APRILE 2004. VARIANTE n. 23 Il Comune

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

ALLEGATO A SCHEDE DI RILIEVO FONOMETRICO

ALLEGATO A SCHEDE DI RILIEVO FONOMETRICO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PIANO COMUNALE DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA ALLEGATO A SCHEDE DI RILIEVO FONOMETRICO Redatto da: viale Verona 1 38 Trento tel 461 391632 fax 461 92 ingegneria@quasar.to www.quasar.to

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti

Dettagli

Allegato 1(R) alla RELAZIONE. Inquadramento progettuale Asse pedemontano

Allegato 1(R) alla RELAZIONE. Inquadramento progettuale Asse pedemontano Allegato 1(R) alla RELAZIONE Inquadramento progettuale Asse pedemontano PROVINCIA DI PIACENZA Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale di Piacenza Inquadramento progettuale asse pedemontano All.

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO. 17 settembre 2009. Inaugurazione

ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO. 17 settembre 2009. Inaugurazione ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO Inaugurazione 17 settembre 2009 Inizio lavori 28 gennaio 2008 Inaugurazione 17 settembre 2009 Importo contrattuale 10.800.000 Stazione appaltante:

Dettagli

Realizzazione di un sistema telematico sperimentale per l accesso ed il monitoraggio dei veicoli merci - Trasporti Ro-Ro - nel porto d Catania

Realizzazione di un sistema telematico sperimentale per l accesso ed il monitoraggio dei veicoli merci - Trasporti Ro-Ro - nel porto d Catania Realizzazione di un sistema telematico sperimentale per l accesso ed il monitoraggio dei veicoli merci - Trasporti Ro-Ro - nel porto d Catania RELAZIONE GENERALE Tecnico Progettista Incaricato Studio Tecnico

Dettagli

Cube è usato in più di 2000 città e 70 paesi nel mondo. Cube si fonda su più di 25 anni di ricerca, sviluppo e applicazione.

Cube è usato in più di 2000 città e 70 paesi nel mondo. Cube si fonda su più di 25 anni di ricerca, sviluppo e applicazione. brochure tecnica di cube Cube è la suite di modellazione dei trasporti più popolare del mondo. Cube è il sistema più completo e diffuso sistema per l analisi dei sistemi di trasporto nel mondo. Con Cube

Dettagli

5 - Indicatori di stato: la valutazione del rumore da traffico

5 - Indicatori di stato: la valutazione del rumore da traffico 5 - Indicatori di stato: la valutazione del rumore da traffico Conformemente a quanto riportato nella proposta di Direttiva Europea sulla valutazione e gestione del rumore ambientale, il rumore ambientale

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli