Nuove immatricolazioni e parco veicoli fino al 2030

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nuove immatricolazioni e parco veicoli fino al 2030"

Transcript

1 1 Automobili in Svizzera Nuove immatricolazioni e parco veicoli fino al Tre scenari sullo sviluppo del parco veicoli delle automobili per quanto riguarda il consumo, le emissioni CO 2, il peso, la cilindrata e la potenza. Versione breve di un indagine su incarico dell Associazione dei servizi della circolazione della Svizzera (asa), aprile 2011

2 2

3 3 Indice Prefazione Situazione iniziale, obiettivo e scenari Metodo Risultati delle nuove immatricolazioni Risultati del parco veicoli Crescita parco veicoli a motore Excursus: mobilità basata sui veicoli elettrici Allegato I: Risultati delle nuove immatricolazioni Allegato II: Risultati del parco veicoli Letteratura e link Colophon Editrice: Associazione dei servizi della circolazione asa Redazione: Peter de Haan, Ernst Basler + Partner Layout: Miriam Werder Aegerter, Ernst Basler + Partner Immagini: Blitz & Donner (materiale: 1, istockphoto; 2, Fotolia)

4 4 Prefazione La garanzia dell approvvigionamento energetico e la limitazione del riscaldamento climatico assumono una importanza crescente. E inoltre prevedibile che l energia in futuro sarà decisamente più costoso. Alla mobilità viene attribuita un importanza particolare, siccome presenta un potenziale di risparmio superiore alla media. Secondo l agenzia internazionale dell energia, due terzi di tutti i possibili risparmi del consumo di petrolio mondiale è da attribuire al settore del trasporto. Ciò non concerne il trasporto di merci, bensì quello individuale motorizzato. Quindi in futuro le automobili saranno ancor più ecologiche. Nell UE nell anno 2015 le auto non potranno emettere in media più di 130 g CO 2 a chilometro (cifra rilevata tra tutti i costruttori e stati membri dell UE). La Svizzera intende adeguarsi a questi valori limite. Ciò che riduce i costi del carburante e le emissioni CO 2 infl uisce anche sui Cantoni. Anche se il consumo di carburante e le emissioni di CO 2 nella maggior parte dei Cantoni non è direttamente determinante per la tassa sui veicoli a motore versata annualmente. I motori ecologici presentano tuttavia delle cilindrate ridotte (cosiddetto «downsizing»). Inoltre la diminuzione del peso auto sostiene in modo decisivo l ulteriore calo del consumo di carburante. In quasi tutti i Cantoni la tassa sui veicoli a motore si basa sulla cilindrata o sul peso dell autoveicolo. È prevedibile la continuazione della tendenza che si osserva ormai dal 2008: quindi che la cilindrata media, al momento dell immatricolazione delle automobili, continua a diminuire dopo una lunga fase di stagnazione. Anche il peso a vuoto non aumenterà ulteriormente, ma rimarrà costante o diminuirà addirittura leggermente. Ai servizi della circolazione, che in molti Cantoni sono direttamente responsabili per la stima dei proventi futuri, si presenta dunque una situazione iniziale mutata. Il gettito fi scale medio diminuirà. È pur vero che l effettivo complessivo di tutte le automobili aumenterà, ma ciò non potrà impedire il regresso del reale gettito fi scale. A secondo del Cantone e del derivante sviluppo futuro, la necessità di intervenire adeguando le tasse sui veicoli a motore è ormai urgente. Molti

5 5 parametri di base e tendenze si proiettano in ugual misura su tutti i Cantoni. Per assistere i suoi membri l asa ha realizzato un indagine sulle future nuove immatricolazioni e sul parco veicoli fi no al. Il presente opuscolo, facilmente comprensibile, costituisce una versione breve di quest indagine. Affi nché la tendenza positiva verso le automobili ecologiche non comporti sorprese negative sui mezzi fi nanziari per la manutenzione e l ulteriore sviluppo della rete stradale. Ernst Anderwert, presidente asa

6 6 1 Situazione iniziale, obiettivo e scenari 1.1 Situazione iniziale Fino all anno 2007 le automobili immatricolate aumentavano sempre più di volume, di peso, e di velocità. Il 2008 invece segna un cambio di tendenza: per la prima volta in assoluto è diminuito il peso medio a vuoto (di 29 kg), mentre la cilindrata si è ridotta del. Questo sviluppo è continuato nel 2009 e. Accanto alle conseguenze della crisi fi nanziaria ed economica, svolgono un ruolo importante l aumento dei modelli delle utilitarie i costruttori infatti si stanno preparando all obiettivo dei 130 g CO 2 / km nel Obiettivi Il peso e la cilindrata (come anche parzialmente le emissioni CO 2 e quindi il consumo) rappresentano il sostrato fi scale della tassa sui veicoli a motore. Per una prognosi futura del gettito fi scale, si deve da una parte stimare lo sviluppo delle automobili immatricolate fi no al, dall altra lo sviluppo dell effettivo complessivo delle automobili (il «parco veicoli a motore»). Quindi gli obiettivi dell indagine asa sono i seguenti: Quali sviluppi futuri sono possibili se si considera la questione energetica inerente alla politica climatica, come anche l aspetto tecnico e fi sico? Cosa comporta ciò per il peso, la potenza e la cilindrata delle nuove automobili immatricolate in futuro? Quali saranno le conseguenze, con sfasamento temporale, sul parco veicoli? In tal modo si intende mettere a diposizione le basi, affi nché possano essere calcolati gli sviluppi futuri dei gettiti fi scali tramite le tasse sui veicoli a motore come anche l effetto degli eventuali cambiamenti. 1.2 Scenari Sono stati esaminati tre differenti scenari (vedi immagine). Si orientano verso differenti valori mirati di g CO 2 / km sia per il 2015 che per le date successive.

7 7 Scenario con progressi moderati nell effi cacia «BAU» (business-asusual): La Svizzera segue soltanto parzialmente il percorso dell effi cacia dell UE. Il peso e la cilindrata delle automobili immatricolate ricrescono nuovamente (come nel periodo fi no al 2007). Le differenze tra la Svizzera e l UE aumentano. Scenario con progressi medi nell effi cacia «CH-130 g»: Di principio la Svizzera adotta gli obiettivi dell UE (specialmente anche quello di 130 g CO 2 / km per il 2015), ma adegua i valori limite. Il peso delle automobili immatricolate rimane costante. Scenario con progresso forte nell effi cacia «130 g»: La Svizzera si avvicina all UE e si adegua ai suoi valori. Fino al 2015 il percorso dell effi cacia della Svizzera è più ripido che quello dell UE. I valori medi dei pesi a vuoto e totali diminuiscono (come nei tre anni precedenti). Questi scenari intendono estendere la fascia di fl uttuazione di possibili sviluppi futuri. Rimane tuttavia incerto, quale di questi scenari sarà il più probabile a lunga durata. Il Parlamento svizzero intende adottare il valore limite invariato dell UE di 130 g CO 2 / km per il Per ora la Svizzera sarebbe in rotta con lo scenario dei 130 g. Lo scenario è defi nito fi no al. I valori limite dell UE dopo il 2015 non sono ancora stati stabiliti. Ne consegue che non si può sapere se la Svizzera adotterà questi futuri valori senza modifi che.

8 8 Sviluppo del valore medio g CO 2 / km delle automobili immatricolate in Svizzera nei tre scenari qui esaminati «BAU», «CH-130 g» e «130 g»

9 9 2 Metodo La modellazione delle nuove automobili immatricolate e del parco di veicoli richiedono quattro modelli parziali che in seguito saranno spiegati brevemente. 2.1 Offerta sintetica del parco veicoli Accanto allo sviluppo temporale del valore medio g CO 2 / km vanno anche dedotte delle supposizioni sullo sviluppo del peso e della potenza relativa del motore (kw per tonnellata di peso a vuoto). Per valutare la cilindrata si utilizzerà un modello lineare di regressione. Questo è stato valutato secondo le caratteristiche tecniche dei nuovissimi modelli d approvazione del tipo Euro 5. Ci si basa sulle ca. 4'000 combinazioni tra approvazioni del tipo e tipi di trasmissione, che sono presenti nell offerta delle nuove automobili del. Tramite le quote di riduzione vengono rettifi cati i valori futuri dei parametri tecnici in sequenze annuali. Ne risultano parchi di veicoli sintetici ed ad alta risoluzione sull offerta delle automobili nuove secondo l anno e lo scenario, che comprendono tutti i valori tecnici che sono inclusi in un approvazione del tipo. 2.2 Simulazione del mercato dell auto Il modello di simulazione del comportamento del mercato e dell acquisto dell auto (de Haan et al. 2007) prognostica la reazione dei consumatori all offerta delle automobili come anche quali modelli vengono acquistati e con quale frequenza, a secondo dell anno e dello scenario. Ne risulta la distribuzione relativa secondo le categorie come la cilindrata e il peso per le automobili immatricolate. 2.3 Modello flotta Appena saranno presentate le cifre delle nuove automobili immatricolate per ogni anno civile e scenario, con l apporto del modello del parco veicoli, può essere rappresentata l intera fl otta. Partendo dall effettivo, viene fatto «invecchiare» di un anno la quantità di tutte le automobili immatricolate tramite l effetto della quota di mortalità. In seguito si aggiunge a questa cifra il numero delle automobili immatricolate proprio in quell anno. Ques-

10 10 to processo va ripetuto per ogni anno fi no al. Le quote di mortalità dipendono dalla dimensione dell auto e dall età. Ne risulta la distribuzione media secondo le categorie per i parametri come la cilindrata e il peso per il parco veicoli. 2.4 Crescita del parco veicoli a motore Appena si dispone di una fascia di fl uttuazione per i possibili effettivi futuri, si possono calcolare, tramite la distribuzione relativa del parco veicoli, i redditi della tassa sui veicoli a motore, per l anno in questione, a secondo delle categorie importanti. Anno Scenario Valore emissione CO 2 [g CO 2 / km] Peso a vuoto [kg] Motorizzazione rel. [kw / t] «BAU» «CH-130 g» «130 g» «BAU» «CH-130 g» «130 g» '503 1'415 1' «BAU» «CH-130 g» «130 g» «BAU» «CH-130 g» «130 g» '548 1'388 1' «BAU» «CH-130 g» «130 g» «BAU» «CH-130 g» «130 g» '636 1'333 1' Quote annuali di riduzione a secondo dello scenario per i valori g CO 2 / km, peso a vuoto e la motorizzazione relativa

11 11 3 Risultati delle nuove immatricolazioni Nello scenario «130 g», le automobili immatricolate si possono raffi gurare così nel. I risultati più dettagliati si trovano nell allegato '000 1'500 2'000 2' '000 1'500 2'000 2'500 1'000 1'500 2'000 2'500 3'000 Automobili immatricolate nella Svizzera nello scenario «130 g», nell anno Distribuzione relativa dei fattori tecnici

12 12 4 Risultati del parco veicoli Nello scenario «130 g», il parco veicoli può essere raffigurato così nel. I risultati più dettagliati si trovano nell allegato '000 1'500 2'000 2' '000 1'500 2'000 2'500 1'000 1'500 2'000 2'500 3'000 Automobili del parco veicoli nella Svizzera nello scenario «130 g», nell anno Distribuzione relativa dei fattori tecnici

13 13 5 Crescita parco veicoli a motore Per la valutazione degli utili futuri provenienti dalla tassa sui veicoli a motore non è soltanto importante lo sviluppo delle automobili immatricolate e gli sconvolgimenti nel parco veicoli, ma anche l evenuale aumento del numero di veicoli a motore. Accanto all aumento della popolazione residente l altro fattore motore è rappresentato dall incremento della prosperità. La popolazione residente permante in Svizzera aumenta. L UST ha sviluppato tre scenari in merito. Per cui la popolazione aumenterà da 7.83 mio. (nel ) a secondo dello scenario a 8.00 mio. fi no a 8.70 mio.; nello scenario medio la stima è di 8.36 mio. Si può presumere, che una tale crescita della popolazione si esprima 1:1 nella crescita del parco veicoli a motore. La crescita annuale del PIL (per abitante) si è ridotta. Se dopo la seconda guerra mondiale fi no a ca. il 1973 in media erano osservabili annuali, il periodo seguente fi no all anno 2000 rivela una rata di crescita media del 1.. Per la decade la Segreteria di Stato dell economia nel 2005 partiva ancora dal 1. («scenario PIL trend»). La crisi fi nanziaria ed economica raccomanda di prendere in considerazione anche uno scenario con il 0, («PIL basso»). L immagine mostra lo sviluppo annuale delle automobili immatricolate che ne risulta. È consistente con una crescita del parco veicoli a motore del 1 fi no al 1 entro il e del 2 fi no al 3 entro il.

14 14 350' ' ' ' '000 Numero annuale delle automobili finora immatricolate insieme alle immatricolazioni pronosticate in futuro

15 15 6 Excursus: mobilità basata sui veicoli elettrici Quanti veicoli elettrici circoleranno sulle strade svizzere? Solo in alcuni anni sarà possibile fare una stima attendibile. Fino al 2015 le vetture elettriche avranno verosimilmente un infl usso marginale. Dovranno concorrere con alternative come le auto ibride elettriche plug-in, quelle ibride «normali» come anche con le automobili con motore termico tradizionale molto effi cace. In tanti Cantoni i veicoli elettrici a partire dagli anni novanta pagano una tassa molto contenuta sui veicoli a motore. Per la penetrazione nel mercato dei veicoli elettrici si contraddistinguono gli scenari «alto» e «medio». Fattori rilevanti che infl uiscono sono: Il segmento di mercato delle utilitarie e delle microcar crescerà; soprattutto in questo segmento la trazione a batteria è ragionevole. Se nel il 5 delle automobili immatricolate ricadevano in economie domestiche con più di un automobile, nel saranno già il 6. Economie domestiche con più di un auto acquistano più facilmente un veicolo elettrico, dato che si ha comunque a disposizione un automobile convenzionale ad alta autonomia. Nel verrebbero immatricolati 50'000 («scenario medio») fi no a 100'000 («alto») veicoli elettrici. Questa cifra non comprende le auto ibride plug-in, rispettivamente gli ibridi seriali («range extender»). Lo scenario «alto» rappresenta un limite superiore, siccome è in dubbio che si possano realmente fornire pìu veicoli elettrici al mercato svizzero (soprattutto a partire dal 2017). Anche lo scenario «medio» è da defi nire ottimistico, perché altri Paesi promuovono l acquisto di veicoli elettrici con incentivi e potrebbero quindi esaurire l offerta, già limitata, fi no al.

16 16 Scenario «alto» Totale parco veicolo (mio.) Immatricolazioni automobili (mio.) VE totale '433 2'998 6'27213'12327'45457'439 % delle immatricolazioni Veicoli elettrici: scenario «alto» Penetrazione del mercato dal fi no al Scenario «medio» Totale parco veicoli (mio.) Immatricolazione automobili (mio.) VE totale '499 3'136 6'56113'72728'719 % delle immatricolazioni Veicoli elettrici: scenario «medio» Penetrazione del mercato dal fi no al

17 17 Allegato

18 18

19 19 Allegato I: Risultati delle nuove immatricolazioni g CO 2 / km <70 <80 <90 <100 <110 <120 <130 <140 <150 <160 <170 <180 <190 <200 <210 < g CO 2 / km <70 <80 <90 <100 <110 <120 <130 <140 <150 <160 <170 <180 <190 <200 <210 < g CO 2 / km <70 <80 <90 <100 <110 <120 <130 <140 <150 <160 <170 <180 <190 <200 <210 < Scenario «BAU» Automobili immatricolate, in funzione delle categorie g CO 2 / km Scenario «CH-130 g» Automobili immatricolate, in funzione delle categorie g CO 2 / km Scenario «130 g» Automobili immatricolate, in funzione delle categorie g CO 2 / km

20 20 Cilindrata <800 <900 <1'000 <1'100 <1'200 <1'300 <1'400 <1'500 <1'600 <1'700 <1'800 <1'900 <2'000 <2'100 <2'200 <2'300 2' kw <50 <60 <70 <80 <90 <100 <110 <120 <130 <140 <150 <160 <170 <180 <190 < Peso totale <1'200 <1'300 <1'400 <1'500 <1'600 <1'700 <1'800 <1'900 <2'000 <2'100 <2'200 <2'300 <2'400 <2'500 <2'600 <2'700 2' Scenario «BAU» Parco veicoli, in funzione delle categorie della potenza norma Scenario «BAU» Parco veicoli, in funzione delle categorie di cilindrata Scenario «BAU» Parco veicoli, in funzione delle categorie di carico massimo Allegato II: Risultati del parco veicoli

21 21 Cilindrata <800 <900 <1'000 <1'100 <1'200 <1'300 <1'400 <1'500 <1'600 <1'700 <1'800 <1'900 <2'000 <2'100 <2'200 <2'300 2' kw <50 <60 <70 <80 <90 <100 <110 <120 <130 <140 <150 <160 <170 <180 <190 < Peso totale <1'200 <1'300 <1'400 <1'500 <1'600 <1'700 <1'800 <1'900 <2'000 <2'100 <2'200 <2'300 <2'400 <2'500 <2'600 <2'700 2' Scenario «CH-130 g» Parco veicoli, in funzione delle categorie della potenza norma Scenario «CH-130 g» Parco veicoli, in funzione delle categorie di cilindrata Scenario «CH-130 g» Parco veicoli, in funzione delle categorie di carico massimo

22 22 Cilindrata <800 <900 <1'000 <1'100 <1'200 <1'300 <1'400 <1'500 <1'600 <1'700 <1'800 <1'900 <2'000 <2'100 <2'200 <2'300 2' kw <50 <60 <70 <80 <90 <100 <110 <120 <130 <140 <150 <160 <170 <180 <190 < Peso totale <1'200 <1'300 <1'400 <1'500 <1'600 <1'700 <1'800 <1'900 <2'000 <2'100 <2'200 <2'300 <2'400 <2'500 <2'600 <2'700 2' Scenario «130 g» Parco veicoli, in funzione delle categorie della potenza norma Scenario «130 g» Parco veicoli, in funzione delle categorie di cilindrata Scenario «130 g» Parco veicoli, in funzione delle categorie di carico massimo

23 23 Letteratura e link Letteratura asa (2011): Künftige Entwicklung der Personenwagen-Neuzulassungen in der Schweiz. Szenarien zur Entwicklung von Treibstoffverbrauch, CO 2 -Emissionen, Leer- und Gesamtgewicht, Hubraum und Leistung bis Schlussbericht. UST (): Scenari dell evoluzione demografi ca in Svizzera de Haan P. (2009): CO 2 -Emissionen der PW-Neuzulassungen der Schweiz: Orientierung an der EU. asa (2007): Rabattmodell für die kantonale Motorfahrzeugsteuer zur Förderung energie- und umwelteffi zienter Personenwagen. de Haan P., Mueller M.G., Peters A., Hauser A. (2007): Lenkungsabgaben zur Senkung des CO 2 -Ausstosses der PKW-Neuzulassungen: Hintergrund, Mechanismen, Prognosen Schlussbericht. Link aktuell Kennzahlen & Statistiken Statistiken Pubblicazioni Infotech Costi delle auto EcoMobiLista Automobili Elenco dei veicoli

24 24

Sommario. Torino, 7 giugno 2011. Filiera Automotive.2. Entrata in vigore della modifica alla Direttiva 2003/96/CE. 3. Effetti prodotti Criticità.

Sommario. Torino, 7 giugno 2011. Filiera Automotive.2. Entrata in vigore della modifica alla Direttiva 2003/96/CE. 3. Effetti prodotti Criticità. Torino, 7 giugno 2011 Proposta di direttiva recante modifica alla Direttiva 2003/96/CE sulla tassazione dei prodotti energetici che ristruttura il quadro comunitario per la tassazione dei prodotti energetici

Dettagli

Scheda tecnica n. 42E Diffusione di autovetture a trazione elettrica per il trasporto privato di passeggeri.

Scheda tecnica n. 42E Diffusione di autovetture a trazione elettrica per il trasporto privato di passeggeri. Scheda tecnica n. 42E Diffusione di autovetture a trazione elettrica per il trasporto privato di passeggeri. 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria di intervento 1 : Vita Utile

Dettagli

280 aziende associate

280 aziende associate Convegno Centro Studi Promotor Università di Bologna L auto a metà del guado nell anno orribile 2009 Guido Rossignoli Roma, 28 Maggio 2009 ANFIA e la Filiera Automotive ANFIA, Associazione Nazionale Filiera

Dettagli

Cresce il parco veicoli nonostante la diminuzione delle immatricolazioni

Cresce il parco veicoli nonostante la diminuzione delle immatricolazioni Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 05.02.2015, 9:15 11 Mobilità e trasporti N. 0352-1500-70 Veicoli stradali nel 2014 Cresce il parco veicoli

Dettagli

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it FINANZIARIA 2007 Energia www.governo.it 1 Risparmio energetico per la bolletta e per l ambiente Agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici Fondo per l incentivazione di edifici

Dettagli

RSL = [CS(VR) - CS(VE)] P / 10 6 (tep/anno)

RSL = [CS(VR) - CS(VE)] P / 10 6 (tep/anno) Allegato alla scheda tecnica n. 42E: procedura per il calcolo del risparmio di energia primaria Premessa L obiettivo di questa scheda tecnica è quello di incentivare la vendita di autovetture elettriche;

Dettagli

SCOOTER A BASSO IMPATTO AMBIENTALE

SCOOTER A BASSO IMPATTO AMBIENTALE SCOOTER A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori Premessa La produzione attuale di scooter superiori a 50cc e omologati EURO 3 è pressoché totalmente a 4 tempi. Attraverso

Dettagli

Effetti che l accordo bilaterale sui trasporti terrestri ha sul traffico merci stradale e ferroviario in Svizzera

Effetti che l accordo bilaterale sui trasporti terrestri ha sul traffico merci stradale e ferroviario in Svizzera _ Effetti che l accordo bilaterale sui trasporti terrestri ha sul traffico merci stradale e ferroviario in Svizzera Committente: Dienst für Gesamtverkehrsfragen des Eidgenössischen Departementes für Umwelt,

Dettagli

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Introduzione Il traffico è la causa principale dell inquinamento urbano. Nelle aree urbane e metropolitane si sviluppa circa il 70 per cento di

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO IT IT IT COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.11.2010 COM(2010) 655 definitivo RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO Monitoraggio delle

Dettagli

Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI

Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI Decreto Legislativo 30 maggio 2005, n. 128 Attuazione della direttiva 2003/30/CE relativa alla

Dettagli

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI Lo studio WETO-H2 ha elaborato una proiezione di riferimento del sistema energetico mondiale e due scenari di variazione,

Dettagli

Scheda tecnica n. 43E Diffusione di autovetture a trazione ibrida termoelettrica per il trasporto privato di passeggeri.

Scheda tecnica n. 43E Diffusione di autovetture a trazione ibrida termoelettrica per il trasporto privato di passeggeri. Scheda tecnica n. 43E Diffusione di autovetture a trazione ibrida termoelettrica per il trasporto privato di passeggeri. 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria di intervento 1

Dettagli

Progetto Kyoto ADOZIONE E APPLICAZIONE DI MARKAL-TIMES PER LA COSTRUZIONE DI UN PIANO DI MITIGAZIONE PER LA REGIONE

Progetto Kyoto ADOZIONE E APPLICAZIONE DI MARKAL-TIMES PER LA COSTRUZIONE DI UN PIANO DI MITIGAZIONE PER LA REGIONE Progetto Kyoto ADOZIONE E APPLICAZIONE DI MARKAL-TIMES PER LA COSTRUZIONE DI UN PIANO DI MITIGAZIONE PER LA REGIONE Riassunto non tecnico U.O. FEEM 2 anno Responsabile di Linea: Prof. Marzio Galeotti,

Dettagli

Sempre meno auto private

Sempre meno auto private Sempre meno auto private La struttura del vede ancora un rilevante calo del segmento dei privati: le immatricolazioni in maggio sono scese del 10,7% a 81.121 unità, con una quota che perde altri due punti

Dettagli

Un altro anno record per le nuove immatricolazioni

Un altro anno record per le nuove immatricolazioni Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 5.2.213, 9:15 11 Mobilità e trasporti N. 352-13-7 Parco veicoli stradali 212 Un altro anno record per

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2010

Informazioni Statistiche N 3/2010 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2009 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2010 NOVEMBRE 2010 Sindaco: Assessore ai Tributi e alla Statistica:

Dettagli

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso di inflazione, il mercato ha avuto un calo improvviso

Dettagli

Allegato alla scheda tecnica n. 45E: procedura per il calcolo del risparmio di energia primaria

Allegato alla scheda tecnica n. 45E: procedura per il calcolo del risparmio di energia primaria Allegato alla scheda tecnica n. 45E: procedura per il calcolo del risparmio di energia primaria Premessa L obiettivo di questa scheda tecnica è quello di incentivare la vendita di autovetture a GPL, con

Dettagli

Continua crescita del parco veicoli: preferenza per i veicoli a diesel e a trazione integrale

Continua crescita del parco veicoli: preferenza per i veicoli a diesel e a trazione integrale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 04.02.2014, 9:15 11 Mobilità e trasporti N. 0352-1400-70 Veicoli stradali nel 2013 Continua crescita

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012 Ottobre 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza Nel 2012 parco

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

Anno record per le nuove immatricolazioni

Anno record per le nuove immatricolazioni Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST qui Comunicato stampa Embargo: 07.02.2012, 9:15 11 Mobilità e trasporti N. 0352-1201-00 Parco veicoli stradali nel 2011 Anno record

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Scheda tecnica n. 45E Diffusione di autovetture alimentate a GPL per il

Scheda tecnica n. 45E Diffusione di autovetture alimentate a GPL per il Scheda tecnica n. 45E Diffusione di autovetture alimentate a GPL per il trasporto di passeggeri. 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria di intervento 1 : Vita Utile 2 Vita Tecnica

Dettagli

Preventivo 2016. In milliardi

Preventivo 2016. In milliardi Panoramica Preventivo 2016 In milliardi Deficit Uscite Per il 2016 è atteso un deficit del bilancio ordinario di 0,4 miliardi. Le direttive del freno all indebitamento potranno pertanto essere rispettate

Dettagli

Energia e trasporti: il ruolo del metano

Energia e trasporti: il ruolo del metano Metano e trasporti per il governo della mobilità Energia e trasporti: il ruolo del metano di Edgardo Curcio Presidente AIEE Parma, 16 marzo 2010 Centro Congressi Paganini Indice della presentazione 1.

Dettagli

All acquisto di un auto pensate al clima

All acquisto di un auto pensate al clima All acquisto di un auto pensate al clima Informazioni riguardo alle prescrizioni sulle emissioni di CO ² delle automobili Schweizerische Eidgenossenschaft Confédération suisse Confederazione Svizzera Confederaziun

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi 36 anni da 3 profonde crisi. La prima nel 1983, a causa della stagnazione economica

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi 36 anni da 3 profonde crisi. La prima nel 1983, a causa della stagnazione economica 1 Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi 36 anni da 3 profonde crisi. La prima nel 1983, a causa della stagnazione economica e di un alto tasso di inflazione. Dieci anni dopo,

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.213 Ottobre 214 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza 1 Nel 213 parco

Dettagli

Proposte di Confindustria per l Efficienza Energetica. Massimo Beccarello Direttore Energia Confindustria

Proposte di Confindustria per l Efficienza Energetica. Massimo Beccarello Direttore Energia Confindustria Proposte di Confindustria per l Efficienza Energetica Massimo Beccarello Direttore Energia Confindustria Roma 19 ottobre 2010 Pacchetto europeo clima - energia Al 2020 l Italia deve obbligatoriamente:

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2009

Informazioni Statistiche N 3/2009 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2008 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2009 AGOSTO 2009 Sindaco: Assessore alle Società ed Enti controllati

Dettagli

Ordinanza sulla riduzione delle emissioni di CO2 delle automobili

Ordinanza sulla riduzione delle emissioni di CO2 delle automobili Ordinanza sulla riduzione delle emissioni di CO2 delle automobili del 16 dicembre 2011 Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 11d capoversi 2 e 3, 11e capoversi 1 e 2, 11f capoversi 2 e 4,

Dettagli

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI Osservatorio Energia Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA PREMESSA Nel marzo 2007, l Unione europea ha varato il primo concreto

Dettagli

Commissione Finanze della Camera dei deputati. Audizione Assogasliquidi/Federchimica

Commissione Finanze della Camera dei deputati. Audizione Assogasliquidi/Federchimica Commissione Finanze della Camera dei deputati Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti l'imposizione tributaria sui veicoli (AC 2397) Audizione Assogasliquidi/Federchimica

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.214 Settembre 215 Capo Area Programmazione Controlli e Statistica: Gianluigi Bovini Dirigente U.I. Ufficio Comunale di Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura

Dettagli

Scheda tecnica n. 44E Diffusione di autovetture alimentate a metano, per il

Scheda tecnica n. 44E Diffusione di autovetture alimentate a metano, per il Scheda tecnica n. 44E Diffusione di autovetture alimentate a metano, per il trasporto di passeggeri. 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria di intervento 1 : Vita Utile 2 Vita

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

Andamento generale e specificità della Sicilia

Andamento generale e specificità della Sicilia ANALISI DEL MERCATO AUTOMOTIVE ANALISI DEL MERCATO AUTOMOTIVE Andamento generale e specificità della Sicilia Mercato europeo La crisi del settore dell'auto continua senza sosta e si sta aggravando ulteriormente,

Dettagli

MATERIALE PER LA STAMPA ESTRATTI DAL CONVEGNO AUTO USATE. IL MERCATO E IL MARKETING. Roma, 12 aprile 2013

MATERIALE PER LA STAMPA ESTRATTI DAL CONVEGNO AUTO USATE. IL MERCATO E IL MARKETING. Roma, 12 aprile 2013 MATERIALE PER LA STAMPA ESTRATTI DAL CONVEGNO AUTO USATE. IL MERCATO E IL MARKETING Roma, 12 aprile 2013 Osservatorio CarNext con il contributo degli studenti del Master sull Automobile 2013 64% 63% 63%

Dettagli

Circolare N. 9/2006 LE NOVITA FISCALI IN MATERIA DI VEICOLI AZIENDALI

Circolare N. 9/2006 LE NOVITA FISCALI IN MATERIA DI VEICOLI AZIENDALI Via G. Bovini, 41-48100 Ravenna (RA) Tel. 0544-501881 Fax 0544-461503 www.consulentiassociati.ra.it Altra sede: Dott. Franco Foschini 48012 Bagnacavallo (RA) Dott. Paolo Mazza Via Brandolini, 11 Dott.

Dettagli

Gioia di vivere, gioia di guidare Testate ora le nuove propulsioni

Gioia di vivere, gioia di guidare Testate ora le nuove propulsioni Affidatevi al vostro partner ufficiale di marca Desiderate sapere quale modello WE CARE si addice al meglio alle vostre esigenze? O magari vi piacerebbe dare un occhiata da vicino a un veicolo ibrido a

Dettagli

Le ricadute dell auto elettrica sulla domanda elettrica e sul sistema di generazione

Le ricadute dell auto elettrica sulla domanda elettrica e sul sistema di generazione Le ricadute dell auto elettrica sulla domanda elettrica e sul sistema di generazione Edgardo Curcio Presidente AIEE Roma, 26 ottobre 2010 Nell ambito di uno studio condotto per Assoelettrica lo scorso

Dettagli

Mobilità sostenibile e Trazione elettrica. Relatore Ing. Antonio Del Sole

Mobilità sostenibile e Trazione elettrica. Relatore Ing. Antonio Del Sole Mobilità sostenibile e Trazione elettrica Relatore Ing. Antonio Del Sole Mobilità: esigenza dell uomo Per sopravvivere gli esseri umani hanno dovuto, da sempre, essere disponibili alla mobilità Questo

Dettagli

Domande poste frequentemente: nuove prescrizioni sulle emissioni di CO 2 per le automobili

Domande poste frequentemente: nuove prescrizioni sulle emissioni di CO 2 per le automobili Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale dell'energia UFE Divisione Efficienza energetica Aprile 2012 Domande poste frequentemente:

Dettagli

L impegno di Enel per la mobilità elettrica Convegno Green City Energy

L impegno di Enel per la mobilità elettrica Convegno Green City Energy L impegno di Enel per la mobilità elettrica Convegno Green City Energy Pisa, 26 Maggio 2011 Veicoli elettrici Vantaggi e benefici Il risparmio energetico medio conseguibile dai veicoli elettrici rispetto

Dettagli

Scenari e prospettive del settore auto Roma, 18 Dicembre 2014

Scenari e prospettive del settore auto Roma, 18 Dicembre 2014 Scenari e prospettive del settore auto Cristiana Petrucci Responsabile Centro Studi e Statistiche Unione Petrolifera L UNRAE in numeri Auto, Commerciali, Industriali, Bus, Caravan, Autocaravan, Assistenza,

Dettagli

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO ANALISI PER VETTORE ENERGETICO Nel 2007 il gas naturale con 2.011,9 ktep risulta essere il vettore energetico più impiegato (44,4%) negli usi finali, seguito dall insieme dei prodotti petroliferi con 1.437,9

Dettagli

11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine

11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine Piano energetico-ambientale provinciale 2013/2020 11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine Provincia autonoma di Trento 1,4% 1,4% 1,4% 0,8% 0,8% 125 Provincia autonoma di Trento Piano energetico-ambientale

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Informazioni Statistiche N 8/2014

Informazioni Statistiche N 8/2014 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2013 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 8/2014 SETTEMBRE 2014 Sindaco: Segretario Generale: Capo Area della

Dettagli

Legge federale sulla riduzione delle emissioni di CO 2

Legge federale sulla riduzione delle emissioni di CO 2 Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Legge federale sulla riduzione delle emissioni di CO 2 () Modifica del 18 marzo 2011 L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 333/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (UE) N. 333/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 5.4.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 103/15 REGOLAMENTO (UE) N. 333/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell 11 marzo 2014 che modifica il regolamento (CE) n. 443/2009 al fine di definire

Dettagli

Con il termine trasporto si indica il movimento di persone e di merci da un luogo ad un altro Questo termine viene anche usato per individuare tutto

Con il termine trasporto si indica il movimento di persone e di merci da un luogo ad un altro Questo termine viene anche usato per individuare tutto Con il termine trasporto si indica il movimento di persone e di merci da un luogo ad un altro Questo termine viene anche usato per individuare tutto ciò che riguarda la circolazione tramite diverse sistemi

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2013

Informazioni Statistiche N 3/2013 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2013 NOVEMBRE 2013 Sindaco: Segretario Generale: Capo Area della

Dettagli

Il garage Informazioni per il PD

Il garage Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/5 Compito Com è organizzato un moderno garage? Che ruolo ha un garagista al giorno d oggi? Leggere un testo informativo sui garage. Obiettivo Gli alunni studiano un garage modello.

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la politica dei consumatori PROGETTO DI PARERE

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la politica dei consumatori PROGETTO DI PARERE PARLAMENTO EUROPEO 1999 2004 Commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la politica dei consumatori PROVVISORIO 2002/2260(INI) 6 marzo 2003 PROGETTO DI PARERE de la commissione per l'ambiente, la

Dettagli

Premesse (OMISSIS) Articolo 1 (Oggetto e finalità)

Premesse (OMISSIS) Articolo 1 (Oggetto e finalità) STRALCIO DELL ACCORDO DI PROGRAMMA SOTTOSCRITTO IN DATA 30/06/2009 TRA IL MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE LA CONFINDUSTRIA ANCMA (Associazione Nazionale Cicli, Motocicli

Dettagli

Il modo migliore di guidare associando l emozione al rispetto dell ambiente

Il modo migliore di guidare associando l emozione al rispetto dell ambiente Il modo migliore di guidare associando l emozione al rispetto dell ambiente La 307 CC IbridaHDi evidenzia nel migliore dei modi l impegno di Peugeot a favore della protezione dell ambiente attraverso la

Dettagli

La mobilità sostenibile nel contesto urbano LE OPPORTUNITA DA COGLIERE Letizia Rigato

La mobilità sostenibile nel contesto urbano LE OPPORTUNITA DA COGLIERE Letizia Rigato La mobilità sostenibile nel contesto urbano LE OPPORTUNITA DA COGLIERE Letizia Rigato Convegno Direzione Futuro Mobilità Elettrica e Autoriparazione 18 maggio 2013 ore 15.00 CROWNE PLAZA, via Po 197 -

Dettagli

L Intervista. Il veicolo del futuro. Il punto di vista di Micro-Vett. con Gaetano Di Gioia. a cura di Patrizia Mantovani

L Intervista. Il veicolo del futuro. Il punto di vista di Micro-Vett. con Gaetano Di Gioia. a cura di Patrizia Mantovani L Intervista Il veicolo del futuro Il punto di vista di Micro-Vett con Gaetano Di Gioia a cura di Patrizia Mantovani Veicolo elettrico e mobilità ad impatto zero sono ormai divenuti termini di uso quasi

Dettagli

L efficienza energetica a misura del cittadino: Possibili scenari per Firenze

L efficienza energetica a misura del cittadino: Possibili scenari per Firenze L efficienza energetica a misura del cittadino: Possibili scenari per Firenze Firenze, 16 Luglio 2015 Rodolfo Pasinetti L efficienza energetica è uno dei temi chiave per il raggiungimento di una serie

Dettagli

Il settore Automotive include le aree della Produzione, della Componentistica e della Distribuzione.

Il settore Automotive include le aree della Produzione, della Componentistica e della Distribuzione. Appunti: 2 Il settore Automotive include le aree della Produzione, della Componentistica e della Distribuzione. L area della Distribuzione e Riparazione che ci riguarda direttamente occupa oltre 254.000

Dettagli

Prospettive congiunturali per il settore dell automobile svizzero

Prospettive congiunturali per il settore dell automobile svizzero BAKBASEL Previsioni di settore Prospettive congiunturali per il settore dell automobile svizzero Analisi e previsioni per conto della Unione professionale svizzera dell automobile (UPSA) Novembre 2013

Dettagli

REPORT SULL IMPATTO SOCIALE FUORI STRADA. Le pretese dell industria automobilistica.

REPORT SULL IMPATTO SOCIALE FUORI STRADA. Le pretese dell industria automobilistica. In assenza di una regolamentazione legislativa, i progressi tecnici sono stati usati per produrre automobili più potenti e più inquinanti, piuttosto che per ottenere riduzioni nelle emissioni di CO2. REPORT

Dettagli

EUROPA Il mercato delle autovetture. Aprile 2012. AREA Studi e statistiche

EUROPA Il mercato delle autovetture. Aprile 2012. AREA Studi e statistiche EUROPA Il mercato delle autovetture Aprile 2012 Nell Europa27+EFTA 1 sono state registrate complessivamente 1,06 milioni di vetture nel mese di aprile 2012, con una flessione del 6,5 % rispetto allo stesso

Dettagli

CONFERENZA STAMPA UNRAE, MILANO 19 NOVEMBRE 2014 GLI ITALIANI E L AUTO: UN RAPPORTO DA RILANCIARE SU NUOVE BASI

CONFERENZA STAMPA UNRAE, MILANO 19 NOVEMBRE 2014 GLI ITALIANI E L AUTO: UN RAPPORTO DA RILANCIARE SU NUOVE BASI CONFERENZA STAMPA UNRAE, MILANO 19 NOVEMBRE 2014 GLI ITALIANI E L AUTO: UN RAPPORTO DA RILANCIARE SU NUOVE BASI Marco Baldi Responsabile Settore Territorio Fondazione Censis UNA LETTURA ATTRAVERSO TRE

Dettagli

UNRAE. Conferenza Stampa. Milano, 15 dicembre 2011

UNRAE. Conferenza Stampa. Milano, 15 dicembre 2011 UNRAE Conferenza Stampa Milano, 15 dicembre 2011 Mercato italiano delle autovetture 2011/2010 1.961.472 1.750.000 2010 2011 * - 10,8% Elaborazioni Centro Studi UNRAE * stime Mercato europeo delle autovetture

Dettagli

Audizione Enel presso le Commissioni riunite IX e X della Camera dei Deputati. Roma, 2 Febbraio 2011

Audizione Enel presso le Commissioni riunite IX e X della Camera dei Deputati. Roma, 2 Febbraio 2011 Audizione Enel presso le Commissioni riunite IX e X della Camera dei Deputati Roma, 2 Febbraio 2011 Veicoli elettrici Vantaggi e benefici Il risparmio energetico medio conseguibile dai veicoli elettrici

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE. Documento di accompagnamento della

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE. Documento di accompagnamento della COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 19.12.2007 SEC(2007) 1724 C6-0022/08 DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE Documento di accompagnamento della PROPOSTA DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO

Dettagli

ECOINCENTIVI PER ACQUISTO VEICOLI NUOVI

ECOINCENTIVI PER ACQUISTO VEICOLI NUOVI ECOINCENTIVI PER ACQUISTO VEICOLI NUOVI IL D.L. 10 FEBBRAIO 2009 N. 5 ( PUBBLICATO NELLA G.U. N.34 DEL 11.02.2009) IN VIGORE DALL' 11 C.M., ALL'ARTICOLO 1 RECA INCENTIVI AL RINNOVO DEL PARCO CIRCOLANTE

Dettagli

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Premessa Entro il 2050, la percentuale di cittadini europei residenti nelle aree urbane arriverà all 82%. La migrazione dalle città

Dettagli

Il progetto Mobilità Elettrica di Enel Il caso di Pisa. Andrea Zara Divisione Ingegneria e Innovazione Area Innovazione e Ambiente

Il progetto Mobilità Elettrica di Enel Il caso di Pisa. Andrea Zara Divisione Ingegneria e Innovazione Area Innovazione e Ambiente Il progetto Mobilità Elettrica di Enel Il caso di Pisa Andrea Zara Divisione Ingegneria e Innovazione Area Innovazione e Ambiente Veicoli elettrici Prospettive di mercato e benefici ambientali Gli scenari

Dettagli

IL PERCORSO DEL FUTURO DA OGGI AL 2020, DIECI ANNI CHE CAMBIERANNO L'AUTO?

IL PERCORSO DEL FUTURO DA OGGI AL 2020, DIECI ANNI CHE CAMBIERANNO L'AUTO? IL PERCORSO DEL FUTURO DA OGGI AL 2020, DIECI ANNI CHE CAMBIERANNO L'AUTO? Lucio Bernard Direttore Research & TechnologY Fiat Powertrain Technologies TECNOLOGIA MOTORISTICA FUTURA DAL SOGNO ALLA REALTÀ

Dettagli

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE)

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) INTRODUZIONE In concomitanza con l avvio dei lavori del 17esimo Forum Internazionale sull

Dettagli

Il mercato dei veicoli a metano, dinamiche di sviluppo e benefici ambientali

Il mercato dei veicoli a metano, dinamiche di sviluppo e benefici ambientali Il mercato dei veicoli a metano, dinamiche di sviluppo e benefici ambientali Gabriele Grea, CERTeT Università Bocconi Milano, 10 Aprile 2013 EnergyLab - Laboratorio dell Energia Sommario A. Potenzialità

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE Quale valore per le imprese e le banche italiane ABI FORUM CSR 2008 Roma, 29 Gennaio Aldo Pozzoli, Partner MUOVERSI 1. Introduzione Le Linee

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 27.1.2009 COM(2009) 9 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Monitoraggio delle emissioni di CO2 delle automobili

Dettagli

LOCAZIONE VEICOLI EFFICIENZA NELLA CAR POLICY E BENEFICI PER LE AZIENDE. Pietro Teofilatto ANIASA. Milano, 23 ottobre 2013

LOCAZIONE VEICOLI EFFICIENZA NELLA CAR POLICY E BENEFICI PER LE AZIENDE. Pietro Teofilatto ANIASA. Milano, 23 ottobre 2013 LOCAZIONE VEICOLI EFFICIENZA NELLA CAR POLICY E BENEFICI PER LE AZIENDE Pietro Teofilatto Milano, 23 ottobre 2013 Agenda Scenario del mercato dell auto e del noleggio Nuovo ruolo del Fleet manager: car

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

Tariffe verdi Assicurazione autoveicoli. Un gesto a favore dell ambiente

Tariffe verdi Assicurazione autoveicoli. Un gesto a favore dell ambiente Tariffe verdi Assicurazione autoveicoli Un gesto a favore dell ambiente Rispettare la natura è sempre la scelta giusta Pensare al futuro Il riscaldamento climatico I gas a effetto serra, responsabili del

Dettagli

Efficienza energetica: opportunità per le aziende e il sistema Italia

Efficienza energetica: opportunità per le aziende e il sistema Italia Efficienza energetica: opportunità per le aziende e il sistema Italia Energy Med Napoli, 23/03/2012 Marco Ballicu, Unità affari istituzionali e regolamentari EGL Italia S.p.A. Una società del Gruppo Indice

Dettagli

Il prezzo al consumo è il risultato finale di queste componenti:

Il prezzo al consumo è il risultato finale di queste componenti: E notizia di tutti i giorni l inarrestabile corsa dei prezzi al consumo e, in particolare, quella dei prodotti appartenenti ai capitoli Prodotti Alimentari e Bevande Analcoliche, Abitazione, Acqua, elettricità

Dettagli

Consumo energetico consapevole e sostenibile Progetti per un nuovo sviluppo

Consumo energetico consapevole e sostenibile Progetti per un nuovo sviluppo Consumo energetico consapevole e sostenibile Progetti per un nuovo sviluppo Luca Marchisio Responsabile Sustainability Italy Roma, 5 Maggio 2015 La definizione di sostenibilità Equilibrio di sistemi e

Dettagli

Consumi di flotta (1989 2012)

Consumi di flotta (1989 2012) Basi e metodologia comparativa Ogni anno «auto-svizzera», l associazione degli importatori svizzeri di automobili, rileva il consumo medio delle marche più vendute sul mercato elvetico, il cosiddetto consumo

Dettagli

Emissioni di CO 2. 6 rapporto sull energia

Emissioni di CO 2. 6 rapporto sull energia 6 Emissioni di CO 2 6 rapporto sull energia 99 6. Emissioni di CO 2 Sulla base degli usi finali di energia è possibile calcolare il bilancio delle emissioni di CO 21 e monitorarne l andamento dal 1990,

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

6332 23 marzo 2010 ISTITUZIONI

6332 23 marzo 2010 ISTITUZIONI 6332 23 marzo 2010 ISTITUZIONI Rapporto del Consiglio di Stato sulla mozione 25 gennaio 2010 presentata da Lorenzo Quadri Incentivi alla rottamazione da riconsiderare Signor Presidente, signore e signori

Dettagli

Premesso che: tenuto conto che:

Premesso che: tenuto conto che: Premesso che: Interrogazione In 13 a Commissione Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Al Ministro dello sviluppo economico

Dettagli

L'esercizio commerciale 2011: L'essen ziale in breve

L'esercizio commerciale 2011: L'essen ziale in breve News sulla previdenza 1/2012 Swisscanto Fondazione collettiva L'esercizio commerciale 2011: L'essen ziale in breve 2011: Un anno all insegna del consolidamento, dell estensione e dell innovazione 2 Cifre

Dettagli

Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008. Congiuntura economica in Germania

Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008. Congiuntura economica in Germania Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008 Congiuntura economica in Germania Dr.ssa Simona Bernardini Forum Subfornitura in Europa, 17. - 18.12.2008 1 Congiuntura economica Panorama

Dettagli

Sulla strada con le luci accese e la testa sulle spalle! Di giorno meglio la luce di marcia diurna a LED che gli abbaglianti.

Sulla strada con le luci accese e la testa sulle spalle! Di giorno meglio la luce di marcia diurna a LED che gli abbaglianti. Sulla strada con le luci accese e la testa sulle spalle! Di giorno meglio la luce di marcia diurna a LED che gli abbaglianti. Dall'inizio del 2014 è obbligatorio viaggiare con le luci accese anche di giorno.

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE IL PRESIDENTE DELLA REGIONE

IL CONSIGLIO REGIONALE IL PRESIDENTE DELLA REGIONE LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 26-05-2009 REGIONE VALLE D'AOSTA INCENTIVI REGIONALI, PER L ANNO 2009, PER IL RINNOVO TECNOLOGICO DEL PARCO AUTO E MOTO CIRCOLANTE IN VALLE D AOSTA. FONTE: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

DDL "Legge annuale per il mercato e la concorrenza" (A.C. 3012)

DDL Legge annuale per il mercato e la concorrenza (A.C. 3012) FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA ASSOGASLIQUIDI Associazione Nazionale imprese gas liquefatti La norma DDL "Legge annuale per il mercato e la concorrenza" (A.C. 3012) Articolo 22 - Disposizioni riguardanti la

Dettagli

I TRASFORMATORI DI DISTRIBUZIONE IN EUROPA

I TRASFORMATORI DI DISTRIBUZIONE IN EUROPA I TRASFORMATORI DI DISTRIBUZIONE IN EUROPA CONFRONTO TRA LE RICHIESTE DEGLI UTILIZZATORI Matteo Tironi Trasformatori ad alta efficienza Workshop Fast 20 Novembre 2006 Milano Contenuto Introduzione La situazione

Dettagli