RELAZIONE DI ATTIVITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE DI ATTIVITÀ"

Transcript

1 RELAZIONE DI ATTIVITÀ

2

3 RAPPORTO ANNUALE SOMMARIO Organi Direttivi 2 Messaggio del Presidente 3 Cifre chiave 4 RAPPORTO DI GESTIONE 6 Contesto economico 6 Le tendenze del mercato 7 Attività del Gruppo 8 Trasporto Francia: TFE & TRADIMAR 10 Logistica Francia: STEF 12 Attività Europee: STEF-TFE Internazionale 14 Marittimo: La Méridionale 17 Sistemi informativi 18 Immobiliare 19 Sviluppo Sostenibile 20 Conti consolidati 30 Risultati 32 Informazioni di carattere generale 33 CONTI CONSOLIDATI 34 PROSPETTIVE

4 2 RAPPORTO ANNUALE 2009 ORGANI DIRETTIVI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Francis LEMOR - Presidente Direttore Generale Bernard JOLIVET Vicepresidente e Direttore Generale Delegato Jean-Charles FROMAGE Direttore Generale Delegato Gilles BOUTHILLIER Henri BOUVATIER Alain BRÉAU Éric GIUILY Christian GUILBERT Emmanuel HAU Robert de LAMBILLY Dominique NOUVELLET Xavier OGIER du TERRAIL Dominique THÉNAULT ALLIANZ Vie, rappresentata da Pier RICHES ATLANTIQUE MANAGEMENT, rappresentata da François de COSNAC COMITATO ESECUTIVO Francis LEMOR Presidente Direttore Generale di STEF-TFE Bernard JOLIVET Vicepresidente e Direttore Generale Delegato di STEF-TFE Presidente di STEF-TFE Transport Jean-Charles FROMAGE Direttore Generale Delegato di STEF-TFE Direttore Generale Delegato di STEF-TFE Transport Jean-Marc BRUÈRE Vicedirettore di STEF-TFE Transport Serge CAPITAINE Vicedirettore di STEF-TFE Direttore Commerciale e Marketing Bruno DUQUENNE Vicedirettore di STEF-TFE Direttore Generale di STEF-TFE International Gérard GROFFE Direttore delle Risorse Umane Robert de LAMBILLY Presidente de La Compagnie Méridionale de Navigation Léon de SAHB Direttore dei Sistemi Informativi Direttore Generale di AGROSTAR Jean-Pierre SANCIER Direttore Generale di STEF France Gilles SAUBIER Direttore Acquisti e Tecnica Immobiliare Vicedirettore di IMMOSTEF

5 RAPPORTO ANNUALE MESSAGGIO DEL PRESIDENTE Il deterioramento dell economia europea nel 2009 avrà colpito tutti i settori, compreso quello del consumo alimentare, in proporzioni che non venivano raggiunte dalla seconda guerra mondiale. Quel che è apparso, in un primo tempo, come un fenomeno congiunturale di grande ampiezza si è trasformato molto velocemente in un cambiamento strutturale di rilievo nell organizzazione dei nostri mercati. In quest ambiente, il nostro gruppo ha dimostrato la sua solidità nel resistere a queste turbolenze ma anche la sua capacità di adattamento al cambiamento. Nei fatti, con un fatturato in diminuzione, la redditività operativa del gruppo, penalizzata nel primo semestre dalla situazione generale e dal costo delle misure di adeguamento attuate, si è ristabilita a partire dall estate, ad un livello paragonabile a quello del 2008, e ciò grazie al dinamismo commerciale, ad una gestione rigorosa e alla modernizzazione dell insieme delle equipe. Il lavoro compiuto nel 2009 è stato infatti molto significativo. Gli sforzi di tutti, compiuti a tutti i livelli, hanno favorito la diminuzione del punto morto e l adattamento degli strumenti. Il 2009 è stato così, l anno della creazione di una rete di trasporto unica, STEF-TFE Transport, che riunisce i mezzi della rete TFE e quelli della rete Tradimar, i cui primi risultati sono già molto incoraggianti: la fiducia ritrovata presso i clienti comporta un nuovo sviluppo delle nostre quote di mercato. Nel settore del trasporto e della logistica Francia, il gruppo ha deciso di trarre vantaggio dall effetto rete per sviluppare sinergie commerciali e operative a tutti i livelli. STEF-TFE Transport e STEF hanno preso così l iniziativa di sviluppare processi innovativi, come il pilotaggio di flussi o il collettame ottimizzato, resi possibili grazie alla creazione di depositi di consolidamento regionali. In Europa, il gruppo ha esteso la propria rete con l acquisizione delle società DPF Courcelles in Belgio e SGF in Svizzera. In generale, le azioni promosse nei paesi europei in cui siamo insediati, generano un miglioramento progressivo e regolare delle performance. Nelle due filiali maggiormente colpite dalla crisi Cavalieri in Italia e SDF in Spagna l instaurazione di nuove procedure, l implementazione degli strumenti del gruppo ed il reengineering della gestione cominciano a portare i loro frutti. A ciò si aggiunte il lavoro innovativo e metodico delle equipe commerciali che ha permesso di aumentare il fatturato nel secondo semestre dell anno. STEF-TFE ha inoltre acquistato la quasi totalítà dei titoli che compongono il capitale de La Compagnie Méridionale de Navigation e, confidando nel futuro di questo settore, la società ha ordinato un cargo misto nuovo che entrerà in servizio nell aprile Gli anni di crisi sono periodi privilegiati per rivedere le modalità operative ed immaginare gli schemi di gestione del futuro che rispondono ai bisogni e alle attese dei nostri clienti. Ed e proprio qui il merito delle donne e degli uomini del gruppo, che nel 2009 hanno saputo mobilitarsi e adattarsi per rispondere ad una situazione eccezionale. Sono certo che questa dinamica proseguirà anche nel Francis LEMOR

6 04 RAPPORTO ANNUALE 2009 CIFRE CHIAVE CIFRE CHIAVE SPECIALISTA EUROPEO DELLA LOGISTICA A TEMPERATURA CONTROLLATA Veicoli rimorchi frigoriferi SITI STEF-TFE SITI PARTNER TRASPORTO FRANCIA 78 SITI LOGISTICA FRANCIA 85 SITI ATTIVITÀ EUROPEE 52 SITI Fatturato consolidato in milioni di euro

7 CIFRE CHIAVE RAPPORTO ANNUALE Salariati m 2 di superficie di banchina 215 Piattaforme e magazzini m 3 di volume di deposito 3 Carghi misti 231,8 260,3 263,1 288,8 38,8 44,4 40,5 39, Capitali propri consolidati Quota Gruppo in milioni di euro Risultati consolidati Quota Gruppo in milioni di euro Organici consolidati

8 06 RAPPORTO ANNUALE 2009 CONTESTO DEL GRUPPO CONTESTO ECONOMICO DEL GRUPPO SEMBRAVA INELUTTABILE, A PARTIRE DAL 2008, CHE GLI EFFETTI DELLA CRISI MONDIALE ED IL COLLASSO DEL SISTEMA BANCARIO SI SAREBBERO RIPERCOSSI SULL ECONOMIA. LA VIOLENZA E LA RAPIDITÀ DI QUEST IMPATTO SI SONO RIVELATI MOLTO PIÙ SIGNIFICATIVI DI QUANTO SI POTESSE TEMERE. Il violento capovolgimento della congiuntura, osservato nell estate del 2008, si è ampliato per raggiungere, in tutte le economie europee ed in particolare in Francia, il suo livello più basso nel primo trimestre Registrando un calo dell 1,4 del suo PIL nel primo trimestre, la Francia ha in seguito conosciuto due trimestri di ristagno (+ 0,3% e + 0,2%) per beneficiare, alla fine, di una leggera ripresa dell attività a fine anno (+ 0,6% nell ultimo trimestre). In media, nell anno, il PIL della Francia ha registrato un calo del 2,2% in volume, ossia il calo più significativo registrato dal dopo guerra. Ovunque, la situazione del lavoro si è fortemente deteriorata, il tasso di disoccupazione nella zona euro raggiunge così, in media, il 10 %. Quest evoluzione grava direttamente sul consumo e in generale sulle spese delle famiglie. Inoltre, la frequentazione turistica si è ridotta in Europa ed in particolare in Francia dove registra un calo del 4 % nell anno. Sebbene siano apparse, nel terzo trimestre 2009, le premesse di un uscita dalla recessione, grazie ai piani di rilancio attuati all interno delle economie europee, i segni di una vera e propria ripresa non sono ancora visibili. Le tendenze sono diverse a seconda dei paesi nei quali opera il Gruppo. La Francia, principale mercato di STEF-TFE, è stata una delle prime economie a ritrovare un PIL in crescita, a partire dal secondo trimestre. Al contrario, la Spagna, secondo paese di insediamento del Gruppo, registrava un ulteriore calo di attività nel 3 e nel 4 trimestre 2009 e ancora adesso non si vedono segni tangibili di miglioramento. L anno 2009 avrà anche conosciuto variazioni erratiche del costo delle materie prime e del costo del credito. STEF Bondoufle Negli altri paesi europei, l impatto della crisi è stato correlato al crollo del mercato immobiliare, come in Spagna, o agli eccessivi tassi di indebitamento, come in Italia o nel Regno Unito. Dal canto suo, la Germania è stata particolarmente perturbata dal crollo degli scambi internazionali. Il prezzo del carburante, dopo un calo molto rapido a partire da luglio 2008, si è stabilizzato all inizio dell anno 2009 ad un prezzo inferiore a quello di gennaio Questo prezzo è rimasto stabile durante tutto l anno grazie alla debolezza del dollaro che è venuta a compensare il rialzo del prezzo del barile. Il tasso d interesse ha proseguito il suo calo, iniziato a fine 2008, per raggiungere i livelli storicamente piũ bassi. L Euribor 3 mesi si attestava così allo 0,7 % a fine anno contro oltre il 5 % a ottobre 2008.

9 CONTESTO DEL GRUPPO RAPPORTO ANNUALE TENDENZE DEL MERCATO IN FRANCIA IL GRUPPO STEF-TFE INTERVIENE PRINCIPALMENTE NELL AGROALIMENTARE, SETTORE ALL INTERNO DEL QUALE TRATTA DUE TIPI DI PRODOTTI: i prodotti trasformati dall industria, in prodotti freschi e surgelati, i prodotti di raccolta (prodotti ittici, frutta e verdura, fiori). I SUOI CLIENTI SONO RIPARTITI IN QUATTRO GRANDI CATEGORIE: Produttori Distributori Grossisti Insegne della ristorazione La Francia è uno dei primi paesi europei ad aver dato segni di miglioramento nel secondo trimestre. Ma gli effetti della crisi si sono fatti comunque sentire ed il forte calo subito nel primo trimestre non è stato totalmente recuperato nel resto dell anno. Per gli industriali agroalimentari, l anno 2009 si è chiuso meglio di quanto non sia iniziato. Dopo un primo trimestre 2009 difficile ( -2,6% in valore ), la produzione ha registrato un leggero aumento nel secondo trimestre ( +0,5% ), ed ha beneficiato di una netta ripresa nel terzo trimestre ( +2,8% ), in particolare grazie ad un miglioramento del consumo e del commercio esterno. Nell anno, l indice di produzione degli industriali agroalimentari registrava, alla fine, un aumento dello 0,8% rispetto all anno precedente. L apparente buona tenuta del consumo generale in Francia ( +0,7% in valore ) non trova il suo corollario nel settore alimentare in cui il calo del consumo è proseguito nel 2009, anche se solo in minima parte rispetto al Si sono coniugati due effetti, il calo delle vendite in volume ( -1,3%secondo la Banca di Francia ) e l impatto della Legge di «Modernizzazione dell Economia» del 4 agosto 2008 che ha consentito un calo dei prezzi dei prodotti alimentari nella grande distribuzione. Nello stesso tempo, la crisi finanziaria ha modificato le abitudini del consumo dei francesi. I centri commerciali sono stati declassati a vantaggio dei supermercati o negozi vicini, insediati nel cuore dei quartieri abitati. Gli effetti della crisi si sono fatti sentire anche nel settore della ristorazione esterna la cui frequentazione è diminuita del -1,2% nell insieme dell anno. Nella grande distribuzione, le insegne tradizionali di Supermercati Medi e Grandi ( GMS ) hanno frenato, per la prima volta, lo sviluppo dei discount. Per riuscirvi, queste ultime hanno orientato la propria strategia sulla diminuzione dei prezzi di vendita dei prodotti di marche nazionali al consumatore, sull accelerazione delle politiche promozionali, sullo sviluppo delle marche di distributori e la creazione delle proprie reti di discount. Nel settore del trasporto, il ritmo del collasso delle imprese è rimasto sostenuto, coinvolgendo quasi imprese. Secondo le organizzazioni professionali, nonostante la mancanza di visibilità da parte dell insieme dei trasportatori, le prospettive d attività erano piuttosto stabili a fine anno. EVOLUZIONE DEL CONSUMO ALIMENTARE IN FRANCIA (in %) Insieme dei prodotti, di cui alimentazione + 2,9 % - 1,6% - 1,3 % - di cui prodotti alimentari esclusa macelleria + 0,8 % - 2,8% - 0,8 % - di cui prodotti carnei e prodotti a base di carne - 2,0 % - 5,1% - 2,9 % L analisi delle statistiche delle vendite della distribuzione, espressa in volume, (a partire dagli indici pubblicati dalla Banca di Francia) mette in evidenza il proseguirsi del crollo del consumo alimentare.

10 08 RAPPORTO ANNUALE 2009 ATTIVITÀ DEL GRUPPO ATTIVITÀ DEL GRUPPO ELEMENTI DI RILIEVO DELL ATTIVITÀ DI STEF-TFE NEL 2009: MIGLIORAMENTO DEL FATTURATO ALLA FINE DELL ANNO. Escluso l impatto dell effetto di sovrattassa carburante, l attività del Gruppo è in calo nei primi nove mesi dell anno prima di stabilizzarsi nel quarto trimestre. Dopo un inizio d anno in forte ribasso, il Gruppo ha rivisto il proprio dispositivo di gestione per offrire nuovi servizi ai suoi clienti, il che ha permesso di riguadagnare progressivamente quote di mercato. EVOLUZIONE DEL FATTURATO GRUPPO (in milioni di euro) 1 trimestre 2 trimestre 3 trimestre 4 trimestre Totale Fatturato ,0 488,0 500,3 522, ,0 Fatturato ,0 512,7 533,4 536, ,4 % dell'evoluzione totale - 5,0 % - 4,8 % - 6,3 % - 2,6 % - 4,7 % % dell'evoluzione totale esclusa rifatturazione carburante - 2,4 % - 1,2 % - 2,4 % - 0,5 % - 1,6 % EVOLUZIONE DEL PERIMETRO Il Gruppo ha mantenuto una politica di acquisizione selettiva rafforzando le sue posizioni nel Benelux nell ambito della logistica con l acquisizione di una società a Charleroi, DPF ( ribattezzata STEF Courcelles ) nonché in Svizzera, in cui il Gruppo detiene attualmente la maggior parte del capitale della Société des Gares Frigorifiques di Ginevra, la quale possiede magazzini frigoriferi a Ginevra e Losanna. FIRMA DI UN PARTENARIATO CON LA SNCM Nel settore marittimo, La Méridionale ha finalizzato un partenariato strategico con la SNCM, che verte in particolare sulle modalità di rappresentazione commerciale e l informatica di gestione delle prenotazioni. Il Gruppo STEF-TFE detiene peraltro ormai il 97,4 % del capitale de La Méridionale.

11 ATTIVITÀ DEL GRUPPO RAPPORTO ANNUALE ATTIVITÀ PER SETTORI A PARTIRE DALL ESERCIZIO 2009 E NELL AMBITO DELLA PRIMA APPLICAZIONE DELLA NORMA IFRS 8, IL GRUPPO HA MODIFICATO IL FORMATO DELLE SUE INFORMAZIONI SETTORIALI CHE È ORA ORGANIZZATO INTORNO A QUATTRO SETTORI OPERATIVI DISTINTI, INVECE DI TRE COME IN PASSATO. 1. IL POLO TRASPORTO FRANCIA Riunisce in un unico settore ( STEF-TFE Transport ) l insieme delle attività trasporto di prodotti freschi e surgelati con il marchío «TFE», il trasporto di prodotto ittici con il marchío «TRADIMAR» e l organizzazione dei trasporti internazionali con l insegna «TFE International». 2. IL POLO LOGISTICA FRANCIA Gestisce, con un unica marca, STEF, le prestazioni logistiche di prodotti freschi e surgelati per gli industriali, la grande distribuzione e la ristorazione esterna. 3. IL POLO STEF-TFE INTERNAZIONALE Riunisce la maggior parte delle attività interne Francia esclusa, ossia la Spagna, il Portogallo, il Belgio, l Italia e la Svizzera. Il polo internazionale include, peraltro, le principali strutture operanti sui flussi europei. 4. IL POLO MARITTIMO Intorno alla Compagnie Méridionale de Navigation ( CMN ), riunisce anche le attività di intermediazione marittima della filiale SATA-MINFOS. DUE POLI DI COMPETENZA VENGONO A COMPLETARE QUEST ORGANIZZAZIONE. IL POLO SISTEMI INFORMATIVI AGROSTAR riunisce l insieme delle equipe informatiche operanti nel settore dell informatica mestiere e dell informatica cliente. IL POLO IMMOBILIARE IMMOSTEF gestisce il patrimonio immobiliare, in gestione e locativo.

12 10 RAPPORTO ANNUALE 2009 ATTIVITÀ DEL GRUPPO TRASPORTO FRANCIA LA PRINCIPALE ATTIVITÀ DELLA RETE STEF-TFE TRANSPORT È COSTITUITA DALLA GESTIONE DI UNA RETE DI TRASPORTO E DI DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI FRESCHI, ITTICI E SURGELATI A TEMPERATURA CONTROLLATA TFE Nantes COSTITUZIONE DI UNA RETE DI TRASPORTO UNICA L anno 2009 rappresenta un anno cerniera nell evoluzione delle attività di Trasporto del Gruppo in Francia. La presa di coscienza, all inizio dell anno, della gravità della crisi economica ha portato all adeguamento delle reti di trasporto TFE e TRADIMAR alle nuove sfide del mercato, l esperienza della rete TFE ha reso possibile tale riorganizzazione. Questa mutazione si è concretizzata il 1 marzo 2009 con la creazione di una rete unica denominata STEF-TFE Transport, costituita dalla condivisione dei mezzi della rete TFE, dedicati al trasporto di prodotti freschi e dei mezzi delle rete TRADIMAR dedicati al trasporto e alla logistica dei prodotti ittici e surgelati. Questa rete unica risponde TRADIMAR Rennes a due principi di vicinanza. La vicinanza commerciale, da un lato, con la riorganizzazione delle equipe commerciali intorno ad una differenziazione tra grandi clienti e clienti regionali, punta a proporre un insieme di servizi per tutte le filiere di prodotti a temperatura controllata. Dall altro lato, la vicinanza manageriale, che si organizza intorno a cinque regioni operative, ha il fine di ottimizzare le risorse e di mettere in comune le funzioni supporto identificate: il commercio, la gestione, le risorse umane, il controllo operativo della gestione. Il collegamento delle strutture dei siti di TFE e di TRADIMAR, la ricerca delle sinergie operative regione per regione, il trasferimento della responsabilità della consegna di prodotti al dettaglio ai siti TFE, la riorganizzazione nazionale dei flussi che mira alla responsabilizzazione dei siti di spedizione, il rafforzamento dei partenariati commerciali attraverso la cessione di attivi non strategici hanno consentito di riequilibrare il risultato operativo dei siti che operano sul mercato dei prodotti ittici. SVILUPPO DI NUOVE OFFERTE DI SERVIZI Spinti da una forte volontà di ricerca di efficacia economica, gli industriali dell agroalimentare hanno rimesso in discussione i contratti commerciali significativi attraverso la generalizzazione delle gare d appalto. In un contesto di concorrenza esacerbato, la rete STEF-TFE Transport si è vista obbligata, in un primo tempo, ad accompagnare il calo dei prezzi richiesto, prima di sviluppare, in un secondo tempo, offerte differenziate basate in particolar modo su principi di massificazione. In collaborazione con le equipe di gestione, sono state sviluppate così, nuove offerte di servizi, come il pilotaggio flussi per clienti che presentano un potenziale di massificazione sufficiente ed il raggruppamento ottimizzato dei prodotti freschi, attraverso hub di consolidamento regionali per la consegna nazionale delle piattaforme dei Supermercati Grandi e Medi, l immagazzinamento regionale e la consegna nazionale messa in comune per i prodotti surgelati. La creazione di questa rete di trasporto unica e la politica commerciale di differenziazione delle offerte si rivelano pertinenti in seguito ai risultati constati a partire dal secondo semestre e dovrebbero rafforzare, a medio termine, la posizione di STEF-TFE sul suo mercato.

13 ATTIVITÀ DEL GRUPPO RAPPORTO ANNUALE PROSEGUIMENTO DELL INDUSTRIALIZZAZIONE DEI PROCESSI Gli sforzi intrapresi da tre anni nell insieme delle filiere si sono intensificati: Lo strumento informatico «Infoquai» è stato installato sull insieme dei siti della rete. Questo strumento di identificazione delle unità di movimentazione consente di garantire una tracciabilità totale. Consente di progettare per il 2010 un alleggerimento dei controlli interni in occasione dei trasferimenti di responsabilità tra siti e quindi, un ottimizzazione della produttività dei siti. Il tasso di non qualità, vera e propria misura dell efficacia operativa della rete, è in costante miglioramento, come dimostrato dalla riduzione del 24 % del tasso di non qualità nell esercizio. ATTIVITÀ DI STEF-TFE TRANSPORT NELLE REGIONI La rete STEF-TFE Transport ha messo in atto un piano che mira ad una maggiore performance e che interessa tutti i comparti della produzione. Questo piano verteva sull ottimizzazione dei mezzi di trasporto attraverso la ricerca di un migliore utilizzo ( aumento del coefficiente di riempimento, limitazione dei percorsi a vuoto ), la diminuzione dei costi unitari del parco proprio e del subappalto. L accento è stato anche posto sulla ricerca di una maggiore produttività delle operazioni di movimentazione, l ottimizzazione delle strutture operative attraverso il reengineering dei processi interni e la riduzione delle spese generali. TFE Lille In un contesto economico depresso, il cui impatto si è fatto risentire sulla performance dell insieme delle regioni, gli sforzi delle equipe si sono rifocalizzati sulla dinamica commerciale e sulla ricerca di soluzioni innovative a forte valore aggiunto. NORD-OVEST La regione Nord-Ovest ha ampiamente contribuito all avvicinamento delle reti TFE e TRADIMAR. Il lavoro realizzato sul sito di Boulogne, principale punto di incrocio dei prodotti ittici in provenienza dall Europa del Nord e dal resto del mondo, ha consentito di razionalizzare il dispositivo TRADIMAR in base al piano nazionale. L attività della regione è, nel complesso, in calo, poiché le zone urbane di Parigi e di Lille sono particolarmente colpite dalla crisi economica. Un piano di azioni commerciali mirato, la ridefinizione dei dispositivi operativi e la creazione di un settore manageriale che riunisce i siti dell Ilede-France e del Centro dovrebbero consentire di migliorare la performance finanziaria nel BRETAGNA - PAYS DE LA LOIRE Gli effetti della crisi economica si sono accentuati durante il 2009, rafforzando la concorrenza tra gli operatori del trasporto e modificando gli usi dei principali protagonisti, con un ricorso sistematico alle gare d appalto. Le equipe di sono mobilitate nello sviluppo di dispositivi di massificazione ( hub regionali ) al fine di fornire nuove soluzioni ai flussi a destinazione delle piattaforme dei Supermercati Grandi e Medi. La stabilizzazione di questo processo, coniugata ad un azione commerciale mirata, permette di sperare in un miglioramento dei risultati. SUD-OVEST I siti sono stati fortemente perturbati dalla paralisi della regione in seguito alla tempesta di gennaio. L anno è stato in seguito segnato dalle ristrutturazioni industriali e dai rimaneggiamenti degli schemi logistici di alcuni grandi clienti. A scapito di ciò, la mobilitazione delle equipe regionali si è tradotta in ricadute tangibili. Così, grazie a nuovi accordi commerciali, TFE Brive si afferma come un punto di massificazione strategico, ed un partenariato nella regione di Tarbes consente di aumentare la densità della rete di consegne. SUD-EST Le disparità economiche tra il bacino mediterraneo ed il bacino lionese rimangono marcate. Se la regione mediterranea ha resistito bene al calo dell attività, la regione Rhône-Alpes è stata maggiormente impattata a causa di una forte concorrenza locale e difficoltà economiche incontrate dal tessuto esteso delle Piccole e Medie Imprese del settore agroalimentare della regione. Lo sviluppo di soluzioni commerciali di massificazione di flussi nel 2010 dovrebbe consentire di conquistare quote di mercato in questa zona. EST Il 2009 segna una trasformazione profonda del dispositivo di gestione. Il collegamento sistematico alla rete trasporto delle attività di consegna dei prodotti ittici ed il raggruppamento degli uffici trasporti per la costituzione di un polo regionale dedicato sono altrettante leve che permetteranno di offrire soluzioni clienti differenziate e dal forte valore aggiunto.

14 12 RAPPORTO ANNUALE 2009 ATTIVITÀ DEL GRUPPO LOGISTICA FRANCIA IL POLO LOGISTICA HA IL COMPITO DI PILOTARE L ATTIVITÀ LOGISTICA DI STEF- TFE IN FRANCIA. GLI ENTI DEL POLO SI PRESENTANO CON IL MARCHIO STEF. degli schemi logistici esistenti e dei fenomeni di sovraccapacità dei volumi di immagazzinamento. CONTESTO GENERALE E PIANO DI ADEGUAMENTO L inversione della congiuntura registrata nell ultimo trimestre dell anno 2008 ha fortemente impattato lo svolgimento dell esercizio 2009 con effetti molto marcati nel 1 semestre. L unione di vari fattori è alla base di questi cambiamenti: un mercato mondiale delle materie prime orientato al ribasso, con come conseguenza la drastica diminuzione delle scorte dopo un anno 2008 proficuo, il calo del consumo alimentare in Francia, STEF Les Essarts risentito nell insieme delle attività logistiche, in particolar modo nel corso del 1 trimestre 2009, i cambiamenti di gamme: i Francesi hanno adattato le proprie modalità di consumo orientandosi risolutamente verso ì marchi di distribuzione ( MDD ) a scapito dei marchi nazionali. Ciò ha avuto come effetto un forte aumento dei prezzi, generato dalla diminuzione dell euro / kilo venduto, l attuazione delle disposizioni della legge LME, relative alla diminuzione dei tempi di pagamento, ha prodotto dei cambiamenti di comportamento presso gli industriali dell agroalimentare e i distributori che hanno rivisto la propria politica di gestione delle scorte. Questa situazione ha generato cambiamenti durevoli e strutturali le difficoltà economiche di alcuni clienti già indeboliti prima della crisi si sono tradotte in dichiarazioni fallimentari o in concentrazioni che hanno impattato le attività. L anno 2009 si caratterizza come un anno di rottura e di rimessa in discussione delle organizzazioni da parte dei clienti, che hanno reagito privilegiando strategie a breve termine, a scapito di strategie fondate su rapporti di partenariato che si iscrivevano nella durata. Ciò nonostante, è stato possibile preservare l azienda commerciale del Gruppo, ma talvolta in seguito a sforzi mirati, filiale per filiale. Questa realtà si è tradotta in uno scarto significativo rispetto al fatturato iscritto nel bilancio, richiedendo l elaborazione di un drastico piano di economia delle spese, articolato intorno a diversi temi: la riduzione delle spese generali e degli oneri di gestione, la rinegoziazione dei contratti di subappalto trasporto, l abbassamento dei costi di possesso immobiliari attraverso decisioni di chiusura di siti obsoleti, una politica selettiva in materia d investimenti ed il controllo della massa salariale.

15 ATTIVITÀ DEL GRUPPO RAPPORTO ANNUALE ATTIVITÀ PER FILIERA LOGISTICA DEI PRODOTTI SURGELATI Quest attività è stata segnata in modo significativo dai cambiamenti di tendenza degli industriali. Durante tutto l anno, sono state portate avanti azioni di riduzione degli oneri in questo settore poco flessibile a causa del peso dei costi fissi, come riorganizzazioni della gestione o chiusura di siti obsoleti che non presentavano possibilità di ritorno ad un equilibrio economico a breve termine. Sono state prese alcune misure di riposizionamento dell offerta per far fronte alle evoluzioni del mercato. Il riequilibrio dei flussi Industrie Agroalimentari Supermercati Grandi e Medi, attraverso l acquisizione di nuovi affari ed il lancio del progetto di creazione di magazzini di massificazione regionali ( EMR ) con un primo successo ad Arras ( apertura di un EMR per un grande distributore a settembre 2009 ), illustrano questo nuovo orientamento commerciale. Come per le altre filiere, è stato attuato un piano di ottimizzazione dei siti e di miglioramento della performance. LOGISTICA SUPERMERCATI GRANDI E MEDI Quest attività tratta solo i contratti clienti Supermercati Grandi e Medi su siti dedicati ( flussi ventilati per i prodotti freschi e flussi stoccati per i prodotti surgelati ). I principi di Miglioramento Continuo vengono applicati sull insieme di questo perimetro, senza eccezioni, per rispondere alle esigenze dei clienti. Sostenuta dalle azioni di STEF Saint-Herblain riconquista delle quote di mercato delle insegne «ipermercato» e incentrata sull ottimizzazione dei suoi mezzi di produzione, la logistica dei Supermercati Grandi e Medi ha realizzato performance migliori rispetto alle previsioni in termini di risultato. LOGISTICA DEI PRODOTTI FRESCHI Quest attività, tradizionalmente promettente in termini di crescita e di risultati, non è sfuggita ad una diminuzione di fatturato a causa dei cali generali di volume nell insieme del perimetro, della politica di reinternalizzazione di quest attività condotta da alcuni clienti e di un fenomeno di generalizzazione della messa in concorrenza. Una riorganizzazione della gestione all inizio del 2009 e una riduzione dei costi di funzionamento hanno consentito di migliorare la competitività. Queste misure hanno portato i loro frutti e si sono tradotte in una riconquista di quote di mercato a fine anno, il che ha permesso di prendere in considerazione, in modo ragionevole, una ripresa della crescita nel secondo semestre LOGISTICA RISTORAZIONE Questo segmento di attività ha conosciuto un anno molto soddisfacente, grazie ad una crescita del fatturato e agli sforzi attuati per una maggiore performance dei siti, il che ha permesso di constatare un risultato superiore alle previsioni.

16 14 RAPPORTO ANNUALE 2009 ATTIVITÀ DEL GRUPPO STEF TFE INTERNATIONAL DA FEBBRAIO 2009, IL PERIMETRO DEL POLO STEF-TFE INTERNATIONAL SI È ESTESO IN SEGUITO ALLA PRESA DI CONTROLLO DA PARTE DI STEF-TFE DELLA MAGGIOR PARTE DEL CAPITALE DI SGF ( SOCIÉTÉ DES GARES FRIGORIFIQUES DI GINEVRA ), DETENUTA ORMAI AL 60 % E L ACQUISIZIONE DELLA SOCIETÀ DPF IN BELGIO ( RIBATTEZZATA STEF COURCELLES ). Alla Cavalieri, l arrivo di un nuovo direttore generale, l elaborazione delle procedure e l adozione degli strumenti del Gruppo si sono tradotti in un miglioramento regolare delle performance, anche se il risultato per l esercizio rimane nel complesso insufficiente. L insieme degli enti economici di questo polo ha raggiunto i suoi obiettivi di bilancio 2009 in termini di risultati, eccetto l Italia la cui ripresa, nel contesto economico attuale, si rivela più lenta del previsto. ITALIA L economia italiana è entrata in recessione a partire dal L Italia ha ritrovato la strada della crescita nel terzo trimestre 2009 ( + 0,5 % ). Il PIL italiano ha registrato tuttavia un calo di - 5 % nel Il prezzo dei prodotti alimentari è rimasto stabile nel 2009, SDF Los Olivos l inflazione in Italia infatti, è stata debole ( +1,1 %), il che ha consentito di conservare un livello delle vendite stabile nel commercio alimentare. Il Gruppo è insediato in Italia attraverso Cavalieri Trasporti di cui STEF-TFE ha assunto il controllo totale a fine 2008 e TFE DA ( flussi internazionali ). Nonostante un contesto economico poco favorevole, l attività del Gruppo in Italia comincia a riprendersi. Il 2009 si caratterizza come un anno di riorganizzazione con l adozione degli strumenti e delle procedure del Gruppo ed un forte dinamismo commerciale. L anno 2010 sarà caratterizzato dall elaborazione di un organizzazione per mestiere ( logistica e trasporto ), e dall insediamento del sistema di gestione trasporto (Transport Management System) del Gruppo. La filiale di collettame internazionale ( TFE DA ) è stata confrontata ad una forte concorrenza. In un contesto di calo del fatturato, la sua sfida è stata caratterizzata dal controllo dei costi di gestione ( in particolare di subappalto ). PENISOLA IBERICA STEF-TFE è insediata in Spagna e in Portogallo attraverso le sue filiali SDF che gestiscono oltre m 3 di magazzini frigoriferi e m 3 di magazzini di prodotti freschi. SPAGNA La Spagna è stata fortemente colpita dalla crisi economica nel 2009 con un PIL in calo di -3,6 % rispetto al 2008, un tasso di disoccupazione record pari al 19 % della popolazione attiva ed un deficit pubblico che raggiunge il 9,5 % del PIL. In Spagna, come negli altri paesi europei, l indice della produzione ha registrato un calo ( -5,6 % a fine novembre 2009 ), la produzione alimentare registra tuttavia un calo meno pronunciato. In un contesto caratterizzato da una significativa

17 ATTIVITÀ DEL GRUPPO RAPPORTO ANNUALE diminuzione del potere d acquisto, il consumo delle famiglie spagnole ha registrato un calo di -4,4 % nel 2009 rispetto al Il consumo alimentare tuttavia, ha resistito meglio. Il trasporto merci stradale ha visto la sua attività diminuire del 19,4 % in valore nell anno, e del 18,4 % in volume nei primi tre trimestri. Paradossalmente, il mercato interno è stato meno impattato rispetto al trasporto merci internazionale. Per quest ultimo, le tonnellate trasportate hanno registrato un calo del 15,8 %. Nonostante quest ambiente economico deteriorato, le attività di trasporto e di logistica di SDF in Spagna terminano il periodo con un risultato soddisfacente. La redditività è migliorata grazie ad una politica rigorosa di controllo dei costi e di reengineering della gestione. Nel 2010, verrà realizzato un consistente investimento nella regione di Madrid con la costruzione di una nuova piattaforma di trasporto, fulcro del collettame per i prodotti freschi e surgelati. Il consumo privato è rimasto stabile nell insieme dell anno 2009 ( -1 % ) ed il consumo delle famiglie ha seguito la stessa tendenza. Per la filiale portoghese, SDF Portogallo, si trattava di una grossa sfida, e quest ultima, nonostante il sovrapprezzo immobiliare pari ad oltre il 60 % della superficie del sito di Lisbona, ha realizzato un risultato economico superiore al budget. L anno 2010 sembra promettere bene in termini di opportunità di sviluppo nell ambito della logistica di ristorazione, il che consentirà, in particolar modo, il lancio di un nuovo progetto d investimento nella regione di Porto. PORTOGALLO Il rallentamento dell economia del Portogallo osservato nel 2008 è stato meno violento rispetto ad altri paesi. A differenza di altri paesi europei, la ripresa della crescita è apparsa a partire dal secondo trimestre 2009, ma nel complesso quest ultima è rimasta negativa nell anno ( -2,7 % ). I prezzi dei prodotti alimentari non trasformati hanno registrato un calo di -6,2 % nel Le vendite in valore dei prodotti industriali agroalimentari portoghesi sono in forte diminuzione ( -7,8 % ) in tutte le filiere ( salvo le bevande ). Al contrario, il volume di produzione sembra aver resistito bene alla crisi: +8,6 % nell anno ( fonte Eurostat ). BENELUX I Paesi Bassi hanno risentito molto gli effetti della crisi, sin dalla sua comparsa. Nonostante una debole inflazione ( +0,7 % ), ed un basso potere d acquisto, il consumo delle famiglie ha registrato una diminuzione nel 2009 ( -2,7 % ). Nell anno, nella zona Benelux, i Paesi Bassi hanno registrato il più forte calo del PIL (-4,5 %). Sono stati seguiti dal Lussemburgo ( -3,6 % ) e dal Belgio ( -3,1 % ). Il tasso di disoccupazione dell insieme dei paesi del Benelux rimane tuttavia inferiore rispetto a quello degli altri paesi della zona Euro. La crisi economica ha impattato gli insediamenti del Gruppo in Belgio in cui una quota significativa dell attività è orientata sui flussi di trasporto all export verso la Francia e l Europa del Sud.

18 16 RAPPORTO ANNUALE 2009 ATTIVITÀ DEL GRUPPO L elemento di rilievo dell anno è costituito dall acquisizione della società DPF ( diventata STEF Courcelles ) che gestisce un affare di prodotti freschi in cross-docking per una catena di ipermercati su una piattaforma di m². Gli sforzi messi in atto per una maggiore performance del sito sono stati tuttavia ritardati dalla migrazione, più lunga del previsto, del sistema informatico. SVIZZERA Il PIL della Svizzera ha registrato una diminuzione dell 1,5 % nel 2009, principalmente a causa della forte esposizione alla crisi del settore dei servizi finanziari e delle esportazioni industriali, ma il resto dell economia è rimasta in crescita nell anno. A dicembre 2009, il tasso di disoccupazione rappresenta il 4,7 % della popolazione. Il consumo alimentare è rimasto stabile. Il Gruppo ha rafforzato le sue posizioni in Svizzera con l acquisizione di una partecipazione complementare nella Société des Gares Frigorifiques di Ginevra, che gli ha consentito di diventare azionista di maggioranza. Quest ultima gestisce due magazzini frigoriferi in Svizzera romanda, raggiungendo un volume totale di m³, e garantisce inoltre, una prestazione di collettame di prodotti surgelati. Nel 2009, la Società ha conosciuto un forte incremento del suo risultato. STEF Courcelles TFE Benelux ha sviluppato la sua attività di collettame export, orientata sino ad allora sulla Francia, verso la Penisola Iberica e verso l Italia appoggiandosi sulla rete del Gruppo. La piattaforma logistica di Saintes ( Stef Benelux ) che ha beneficiato di un estensione, a fine 2008, è diventata a mano a mano sempre più potente ed è praticamente riuscita a coprire il suo sovrapprezzo immobiliare sull esercizio. la filiale olandese, TFE Logistiek Nederland BV, ha accompagnato lo sviluppo di clienti mirati, attirati dall offerta di collettame di prodotti freschi verso la rete STEF-TFE. Il suo risultato è leggermente positivo. Nell insieme, una buona gestione dei costi ha consentito di compensare un attività ridotta in un mercato amorfo. TFE EFF Strasbourg FLUSSI INTERNAZIONALI Germania: la filiale francese EFF, specializzata nei flussi in provenienza dalla Germania ed a destinazione della Francia e della Penisola Iberica, ha realizzato una performance eccellente grazie ad un buon controllo dei suoi fornitori durante tutto l anno. Per far fronte al suo sviluppo, quest ultima si è trasferita in una nuova piattaforma di m² sulle rive del Reno, a Strasburgo. Maghreb: STEFOVER, la filiale tunisina specializzata nei flussi a destinazione e in provenienza del Maghreb, ha realizzato un buon esercizio offrendo alla clientela interna nuove possibilità di collettame e di prestazioni di servizi nella piattaforma di Vitrolles in cui si è collegata a TFE Marsiglia. La concorrenza italiana sui flussi in partenza dalla Tunisia è stata contenuta e l ottimizzazione dei carichi in partenza da Marsiglia, riducendo i passaggi a vuoto, ha consentito un netto miglioramento del risultato. TFE Saintes

19 ATTIVITÀ DEL GRUPPO RAPPORTO ANNUALE MARITTIMO L ANNO 2009 È STATO CARATTERIZZATO DALLA FIRMA DI UN ACCORDO DI COOPERAZIONE COMMERCIALE CON LA SNCM E DALL ACQUISIZIONE DEL SALDO DEL CAPITALE DE LA MÉRIDIONALE. Nel 2009, La Méridionale ha trasportato passeggeri ( -2,7 % rispetto al 2008 ) e metri lineari di merci ( -5,5 % rispetto al 2008 ). Le attività ità marittime del Gruppo sono riunite it in STIM di Orbigny che possiede attualmente, oltre a Sata- Minfos( intermediazione marittima ), il 100 % della holding Compagnie Méridionale de Participation ( CMP ), quest ultima detiene pressoché l integralità della partecipazione in La Méridionale, al fianco del fondo comune d investimento dei dipendenti. In un contesto di forte concorrenza e di rallentamento economico, La Méridionale è riuscita a preservare i propri margini unitari in particolare grazie al miglioramento della qualità dei suoi servizi a bordo. Per rispondere agli impegni risultanti dalla convenzione di concessione di servizio pubblico, La Méridionale procede alla sostituzione di una delle navi destinata al collegamento con la Corsica Il Gruppo, attraverso la sua filiale «Navale Kalliste Scandola Girolata La Méridionale fornisce un servizio regolare di trasporto marittimo di passeggeri e merce, nell ambito di una concessione di servizio pubblico conclusa tra dell Ente Territoriale della Corsica, l Ufficio dei Trasporti della Corsica, La Méridionale e la SNCM, per il periodo che va dal 1 luglio 2007 al 31 dicembre La Méridionale offre anche un collegamento regolare per la Sardegna. I collegamenti marittimi vengono realizzati con 3 navi traghetto miste ( Kalliste, Girolata, Scandola ), con una capacità totale di metri lineari, ossia l equivalente di 450 rimorchi e di passeggeri con le proprie macchine. STEF-TFE», ha ordinato nel 2008 un cargo misto di una capacità di 750 passeggeri e di metri lineari, la cui consegna è prevista a marzo Il 16 febbraio 2009, La Méridionale ha ottenuto la certificazione ISO in seguito al suo piano di azioni ambientali. L anno 2010 dovrebbe essere caratterizzato da un intensificazione dell ambiente concorrenziale. La Méridionale dispone di significativi punti di forza per far fronte a questo contesto, grazie in particolare alla qualità del suo servizio e ad un azione commerciale forte e mirata.

20 18 RAPPORTO ANNUALE 2009 ATTIVITÀ DEL GRUPPO ALTRE ATTIVITÀ SISTEMI INFORMATIVI AGROSTAR È INCARICATA DEI SISTEMI INFORMATIVI E INTERVIENE SOPRATTUTTO COME COMMITTENTE DELEGATO PER CONTO DELLE SOCIETÀ DEL GRUPPO. stati installati in quasi tutte le filiali del Gruppo. L installazione di TMS in Italia rimane il principale cantiere di AGROSTAR e dovrebbe essere portato a termine nel corso del Nel corso dell anno 2009, AGROSTAR ha portato avanti le sue attività di pubblicazione di software, di integrazione e di manutenzione dei sistemi informativi del Gruppo e dei suoi clienti. Durante l esercizio, due grossi progetti hanno mobilitato le equipe: Nel 2009, sono stati inoltre ampiamente sviluppati alcuni strumenti di gestione destinati ai siti, come il software di gestione automatizzata delle ribalte ( Infoquai ) e l informatizzazione del parco automezzi, attraverso il controllo GPS dei veicoli e la centralizzazione dei dati relativi alla la migrazione tecnologica della piattaforma WMS ( gestione dei magazzini e delle piattaforme logistiche ) è stata conclusa nell ambito di una nuova versione. La standardizzazione dello strumento per tipo di attività ( prodotti freschi, prodotti surgelati, flussi misti ) è stata portata avanti, in parte, nel corso dell anno, i moduli per la fatturazione generale, collettame e controllo operativo di gestione dello strumento TMS ( gestione dell attività di trasporto della rete STEF-TFE Transport ) sono temperatura. L installazione di questi strumenti proseguirà nel Inoltre, è stato sviluppato in tutti i centri contabili del Gruppo un importante progetto di smaterializzazione delle fatture fornitori e di centralizzazione della loro elaborazione. La smaterializzazione delle fatture infragruppo è in corso d esame per un attuazione nel Il fatturato esterno di AGROSTAR corrisponde all attuazione di soluzioni mestiere orientate verso i clienti/partner di STEF-TFE.

Organi di Direzione 2 Messaggio del Presidente 3 Cifre chiave 4 RELAZIONE DI GESTIONE 6

Organi di Direzione 2 Messaggio del Presidente 3 Cifre chiave 4 RELAZIONE DI GESTIONE 6 RELAZIONE Di ATTIVITÀ 2010 INDICE Organi di Direzione 2 Messaggio del Presidente 3 Cifre chiave 4 RELAZIONE DI GESTIONE 6 Ambiente economico 6 Tendenze del mercato 7 Attività del Gruppo 8 Trasporto Francia:

Dettagli

RELAZIONE Di ATTIVITÀ 2011

RELAZIONE Di ATTIVITÀ 2011 RELAZIONE Di ATTIVITÀ 2011 INDICE Consiglio di amministrazione e comitato esecutivo 2 Messaggio del Presidente 3 Cifre chiave 4 RELAZIONE SULLA GESTIONE 6 Ambiente economico del gruppo 6 Ambiente settoriale

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

IL SETTORE DELL EDILIZIA

IL SETTORE DELL EDILIZIA BELGIO: IL SETTORE DELL EDILIZIA L ICE Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, con la propria rete di Uffici nel mondo e con le attività di promozione e

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Risultati del primo semestre 2009 riflettono lo stato senza precedenti del mercato pubblicitario

Risultati del primo semestre 2009 riflettono lo stato senza precedenti del mercato pubblicitario Risultati del primo semestre 2009 riflettono lo stato senza precedenti del mercato pubblicitario Fatturato in diminuzione del 13,3 % portandosi a 925,4 milioni di euro e CA organico in decrescita del 13,8

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE GRUPPO ITALMOBILIARE RICAVI: 4.908,1 MILIONI DI EURO (+5,4) UTILE NETTO TOTALE:

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA Ricavi totali: 23,9 miliardi, +6,0% ( 22,6 miliardi al 30.09.2014) Risultato

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012 Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività 2012 Gruppo Unipol perimetro ante acquisizione Premafin Durante il 2012 le politiche di investimento hanno perseguito, in un

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2006

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2006 COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2006 2006 ANNO DI SVOLTA PER SEAT PAGINE GIALLE CON UN SECONDO SEMESTRE IN FORTE CRESCITA GRAZIE ALLE INNOVAZIONI

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

RELAZIONE DI ATTIVITÀ 2013

RELAZIONE DI ATTIVITÀ 2013 RELAZIONE DI ATTIVITÀ 2013 INDICE Consiglio di amministrazione e Comitato esecutivo 2 Messaggio del presidente 3 Cifre chiave 2013 4 RAPPORTO DI GESTIONE Ambiente economico del gruppo 6 Attività del gruppo

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DEI PRIMI NOVE MESI 2015 (VS PRIMI NOVE MESI 2014)*: RICAVI NETTI: 334,8

Dettagli

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2014

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2014 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2014 PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DELL ESERCIZIO 2014 (VS ESERCIZIO 2013)*: RICAVI NETTI: 426,1 MILIONI DI

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

Contatti Ipsos per gli Affari Pubblici:

Contatti Ipsos per gli Affari Pubblici: Barometro Ipsos / Europ Assistance Intenzioni e preoccupazioni degli europei per le vacanze estive Sintesi Ipsos per il Gruppo Europ Assistance Giugno 2015 Contatti Ipsos per gli Affari Pubblici: Fabienne

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO a cura dell I.R.S. (Istituto per la Ricerca Sociale) di Milano per conto della Camera di Commercio I.A.A. e della Provincia di Bergamo (estratto

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI

RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI Giugno 2012 Gruppo ad alto livello presieduto dal professor B. T. Bayliss SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI Il gruppo

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1.000 1k 1,5k OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE Stima e previsione dei tassi di ingresso in sofferenza delle per fascia dimensionale APRILE 2015 #1 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 2 SOFFERENZE

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana

Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana Consuntivo 1 semestre e luglio-agosto Ufficio Studi Novembre Indice 1. Considerazioni generali....3 2. Il fatturato di vendita della Grande

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna Venerdì 9 Ottobre 2015 Si intravede qualche segnale di ripresa, ma i principali indicatori economici rimangono

Dettagli

APPRENDISTATO, UNO STRUMENTO PER AIUTARE I GIOVANI

APPRENDISTATO, UNO STRUMENTO PER AIUTARE I GIOVANI Appunti APPRENDISTATO, UNO STRUMENTO PER AIUTARE I GIOVANI Sono 54 mila i giovani in apprendistato, pari al 15% degli occupati tra i 15 e i 9 anni d età. Nel biennio 009-010 si è registrato un calo complessivo

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 Trieste, 19 febbraio 2016 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Indice 2 Sintesi 3 Cos era avvenuto nel 2009 4 Cosa sta accadendo nel 2010 6 Estratto dall osservatorio Uncsaal sul primo quadrimestre 2010 Sintesi

Dettagli

L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita

L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita GUALTIERO TAMBURINI ASSEMBLEA ANNUALE FEDERIMMOBILIARE ROMA, 18 GENNAIO 2012 Il quadro macroeconomico PIL ed occupazione (variazioni %

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE Introduzione Il perché della ricerca La presenza di prodotti non alimentari nelle diverse formule della distribuzione

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole continua a generare redditività malgrado

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO PREMESSA Il mercato del credito sta dando segnali di ripartenza. Le prime avvisaglie di miglioramento si erano viste già dalla

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Settore Assicurativo

Settore Assicurativo 28 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2011 Relazione sulla gestione Settore Assicurativo Premi e prodotti di investimento La raccolta complessiva (premi diretti e indiretti e prodotti di investimento)

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2013

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2013 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2013 Cagliari, 14 maggio 2013 Il Consiglio di Amministrazione di ha approvato i risultati al 31 marzo 2013. Ricavi consolidati

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management EDILIZIA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management DEFINIZIONE DEL SETTORE Nel settore edilizio possono essere individuati 2 micro-settori: edilizia residenziale in conto proprio:

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI Lo studio WETO-H2 ha elaborato una proiezione di riferimento del sistema energetico mondiale e due scenari di variazione,

Dettagli

Outlook finanziario dell agricoltura europea

Outlook finanziario dell agricoltura europea Gian Luca Bagnara Outlook finanziario dell agricoltura europea I prezzi agricoli hanno colpito i titoli dei giornali negli ultimi cinque anni a causa della loro volatilità. Tuttavia, questa volatilità

Dettagli

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 COMUNICATO STAMPA BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 Il documento declina le linee strategiche e operative del Piano di Ristrutturazione presentato il 7 ottobre 2013

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso di inflazione, il mercato ha avuto un calo improvviso

Dettagli

LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI AL CONSUMO

LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI AL CONSUMO 27 ottobre 2014 Anno 2014 LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI L inflazione (misurata dall indice armonizzato dei prezzi al consumo, IPCA), già in forte decelerazione nel 2013 (+1,3% in media d anno, dal +3,3%

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA 31 Elisioni intersettoriali Le elisioni intersettoriali sono relative allo storno di ricavi e costi tra società del Gruppo appartenenti a settori diversi. In particolare il saldo negativo di 15 milioni

Dettagli

ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG

ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG Avete un progetto d installazione, acquisto,

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

Poligrafici Editoriale

Poligrafici Editoriale COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria semestrale

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017.

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. LINEE GUIDA DEL PIANO 1. Incremento dei ricavi attraverso una maggiore spinta sui mercati e una migliore gestione del portafoglio clienti con focus sui proventi commissionali

Dettagli

Le tre aree strategiche d affari Pag. 3. La storia imprenditoriale Pag. 6. La struttura del Gruppo e gli azionisti Pag. 7. Scheda di sintesi Pag.

Le tre aree strategiche d affari Pag. 3. La storia imprenditoriale Pag. 6. La struttura del Gruppo e gli azionisti Pag. 7. Scheda di sintesi Pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Le tre aree strategiche d affari Pag. 3 La storia imprenditoriale Pag. 6 La struttura del Gruppo e gli azionisti Pag. 7 Scheda di sintesi Pag. 8 Milano, marzo 2006

Dettagli

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 Comunicazione della Commissione Criteri per l'analisi della compatibilità degli aiuti di stato a favore dei lavoratori svantaggiati e disabili soggetti

Dettagli

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche Ascoli Piceno, 24 ottobre 2014 Agenda 1 L identikit delle

Dettagli

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO Avvertenze Il presente documento è stato realizzato da CNA FORMAZIONE srl utilizzando anche fonti istituzionali comunitarie, nazionali, regionali e

Dettagli