Numéro : 059. Langue : IT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Numéro : 059. Langue : IT"

Transcript

1 BE I_IN F0_01_1 989_059_ITH BEI Information Année : 1989 Numéro : 059 Langue : IT

2 Den Europsaiske Investeringsbank Europäische Investitionsbank Ευρωπαϊκή Τράπεζα Επενδύσεων European Investment Bank Banco Europeo de Inversiones Banque européenne d'investissement Banca europea per gli investimenti Europese Investeringsbank Banco Europeu de Investimento Febbraio 1989 I\]. 59 ISSN Me issa fìaiiniidsim psir uum mìl mìloardì dì EGO Nel 1988 i finanziamenti della Banca europea per gli investimenti hanno superato per la prima volta i 10 miliardi di ECO (10,175 miliardi), con un incremento del 30% rispetto al 1987 (7,8 miliardi di ECU) ; dei 9 474,8 milioni di ECO accordati nella Comunità, 356,5 provenivano dalle risorse del t\!uovo strumento comunitario (NSC). Fuori della Comunità sono stati concessi 700,2 milioni di ECU, di cui 180 su risorse del bilancio comunitario. Le principali caretteristidie dell'esercizio sono state : Ο netta progressione dei finenziementi per progetti di sviluppo regionale (quesi il 60 <Vo del totale) ; la BEIl 1acosi contribuito a rafforzare nella Comunità la coesione economice e sociale, ritenuta prioritaria dall'atto unico ; Ο forte aumento dei finenziementi per grendi infrastrutture, in particolare per i trésporti e le telecomunicazioni, in vista della realizzazione del grande mercato unico ; Ο ulteriore crescita delle operazioni nel settore industriële per rafforzare la competitività delle imprese ; netta espansione dei crediti su prestiti globeli, di cui hanno benefideto oltre PMI ; Ο mantenimento ad un livello elevato dei mutui per le protezione dell'ambiente ; Ο proseguimento a un ritmo sostenuto degli interventi a favore di pregetti rispendenti ella politica energetica della Comunità ; Ο fuori della Comunità, ripresa dei finanziamenti nel quadro dei Protocolli mediterranei e proseguimento delle operazioni nel quadro della terza Convenzione di Lomé, con un incremento di quasi Γ8Ο0/0 rispetto al 1987; Ο aumento delle operezioni di reccolte dei fondi : quasi 7,7 miliardi di ECU contro 5,6 miliardi nel 1987, con una netta prevelenza delle monete comunitarie (84%) e principalmente del marce tedesco e deil'ecu ; reccolti per la prima volta fendi in pesetas e escudos. I finanziamenti nella Comunità La sensibile crescita dei finanziamenti registrata nel 1988 rispecchia il ritmo sostenuto degli investimenti nei Paesi membri nella prospettiva del grande.mercato unico del 1993 ed il contributo die la BEI lia potute apportare alla loro reelizzezione, die si tratti di infrastrutture necessarie allo sviluppo degli scembi e di progetti volti a stimolare la competitività delle imprese comunitarie. La BEI si è cosi adoperata più cl 1e negli anni precedenti in favore del refforzamento della coesione economica e sociale della Comunità, c^le l'atto unico annovera tra gli obiettivi prioritari. Allo sviluppo dell'attività della Banca ha anche contribuite la maggiore flessibilità delle condizioni proposte ai mutuatari, sia in termini di tasso 0 di durata che di scelta delle monete. Qualora persistesse l'ettuale contesto economico, l'esercizio 1989 potrebbe essere caratterizzato da un ulteriore eumento delle operazioni, in una misura difficile de valutare allo stadie attuale. I finanziamenti della BEI non sono eccordati secondo quote prestabilite per Paese e/e per settore ; essi dipendono tanto dalla domande quante dalla rispondenza degli investimenti proposti agli obiettivi di politica economica da esse perseguiti nonché dalla loro validità economica. Nel 1988 la BEI è intervenuta in 11 Paesi membri ; inoltre esse ha finanziato un progetto che interessa tutta la Comunità (messa in orbita di satelliti per telecomunicazioni), ma che sfugge ad una localizzazione geografica precisa. L'aumento delle operazioni è dovuto essenzialmente ai finanziamenti su risorse proprie (-{- 2,1 miliardi di ECU); l'attività In brewi Nel 1988 la BEI ha accordato finanziamenti per 10)175 miliardi di ECU, di cui 9,638 miliardi su risorse proprie e 537 milioni su risorse gestite per conto e su mandato della CEE: dell'importo su risorse proprie 9,118 miliardi sono stati destinati a pregetti nella Comunità e 520 milioni a investimenti nei Peesi mediterrenei che hanno conluse accordi di cooperezione e di associazione con le Comunità e nei Paesi firmatari della Convenzione di Lomé. Le risorse proprie seno costituite essenzielmente dai preventi dei prestiti che la BEI emette sui merceti dei cepiteli ed i finenziementi concessi su dette risorse sono contebilizzati nel sue bilendo, il cui totale ammontava a fine 1988 a 49,9 miliardi di ECU. Le operazioni effettuate dalla BEI su mandate, pur facendo perte integrente delle sua attività, non sono contabilizzate nel bilendo bensi nelle Sezione speciele, che corrisponde a un cento di gestione fiducierie ; queste operezioni sono emmontate nel 1988 e 537 milioni, di cui 357 accordati nelle Comunità su risorse (preventi di prestiti) del Nuove strumento comunitario e 180 in Peesi extracemunitari, a condizioni molto favorevoli, su risorse del bilancio della Comunità. Per le domende di finanziamento, i potenziell mutueteri possono prendere contatto direttemente con la BEI, senza alcuna formalità ; per quante concerne gli investimenti di piccola e media dimensione, finanziati con crediti su prestiti globeli, i contatti vanno presi direttamente con gli istituti intermediari.

3 è sensibilmente aumentata in Spagna, in Portogallo, in Francia, in Danimarca e soprattutto in Germania e nei Paesi Bassi. Nel Regno Unito, il mantenimento delle operazioni ad un livello elevate si è eccompagnato ad una forte diversificazione dei settori d'intervento. I finenziementi in Itelie sono aumenteti solo moderetemente, mentre per gli altri Paesi si è registrata una stabilizzazione. Il totale degli investimenti che la BEI ha contribuito a finanziare nel 1988 (a seconda dei progetti, tre il 20 e il 50 %) può essere volutelo in oltre 25 miliardi di ECU, pari a un po' più del 3 % della formazione lorda di capitale fisso nelle Comunità. Dette percentuele risulte molte più elevata per il Portogello 11.%), per la Grècia (5%), per l'irlanda 7 o/o) e per il Mezzogiorno d'italia 14%). L'impetto diretto di questi investimenti.suh'occupazione è stimato in posti di lavoro fissi, di cui una buona parte nelle piccole e medie imprese finenzieto nel quadro dei prestiti globeli. Le BEI contribuisce al finanziamento di investimenti prioritari per la Comunità, in particolare di quelli riguerdenti lo sviluppo regionale, il miglioramento delle infrestrutture, il rafforzamento della competitività industriale (principalmente tramite l'essistenza alle piccole e medie Ripartizione geografica dei finanziamenti IMella Comunità Italia Francia Regno Unite Spegna Germenie Portogello Danimarca Paesi Bassi Grecia Irlanda Belgio Lussemburgo Altri (') Fuori della Comunità di cui risorse BEI risorse bil. comun. Paesi ACP Peesi mediterranei Totale generale '. imprese e le sviluppe delle tecnologie avanzate), rapprowigionèmento energetico e l'utilizzazione più razionale dell'energia nonché la protezione dell'ambiente. Le cooperazione tra la Commissione e la Banca dovrebbe essere ulteriormente rinsaldate dalla riforma dei Fondi struttureli, comportente une modulazione tre finenziementi e sovvenzioni e nueve procedure di programmazione. ^Rispondenza dei finanziamenti alle politiche comunitarie (') Come negli enni precedenti, e conformemente e quelle che è sin dell'erigine la missione principale della BEI, la maggior parte dei finenziementi nella Comunità (59%) riguarda lo sviluppo regionale : per tale obiettivo sono steti eccordeti 4,9 milierdi di ECU, contro 3,8 milierdi nel 1987, Queste operazioni henne interessate per il 70 % i Paesi e le regioni in culi problemi strutturali sono più gravi e dove dovrebbe anche concentrarsi in future l'azione dei Fondi struttureli (Portogello, Grecie, Irlenda, Irlanda del Nord, Mezzogiorno, talune regioni spagnole). Circe il 30% dei finenziementi è endete ed investimenti milioni di ECU Totale d cui NSC 9474, , , , ,5 603,0 560,4 494,1 259,7 186,5 154,8.11,6 285,0 700,2 520,1 180,1 302,2 398, ,0 (') Poiché alcuni finanziamenti sono conformi nello stesso tempo a più obiettivi, gli importi relativi alle diverse voci non sono cumulabili. 356,5 97,3 106,6 99,2 21,9. 31,4 - ^ % ,6 14,3 12,4 10,7 6,4 5,9 5,2 2,7 2,0 1,6 0,1 3,0 milioni di ECU Totale d cui NSC 7 450,4 3112, , ,7 707,4 '276,5. 389,9 315,3 18,0-164,8 178,6 '37,1 1,6 108,7 392,1 188,8 203,3 349,3 42, ,5 446,9 196,2 76,8 14,0.113,7. 9,9 31,8 4,6;. (') Progetti non situati sul territorio degli Stati membri ma che interessano direttamente la Comunità. % 1(K) 41,8 13,5 15,2 9,5 3,7 5,2 4,2 0,2 2,2 2,4 0,5 0,1 1,5 1 1 nelle regioni deve, e seguite del decline delle attività tradizionali, seno in corse di attuazione dei progremmi di riconversione ; 2,7 milierdi riguerdane e progetti rientrenti direttemente nel quedro dei PIM-Programmi integreti mediterranei (^) oppure investimenti rispendenti alle stesse finelità negli stessi Peesi e regioni. Nel corse degli ultimi cinque anni i finanziamenti accordati dalla BEI a favore dello sviluppo regionele sene emmonteti ad oltre 18 miliardi di ECU. Dei 3,9 miliardi di ECU eccordeti per i tresporti e le telecomunicezioni, 1,7 milierdi hanno interessete il miglioramento delie comunicazioni tra Paesi membri, che nelle prospettive del 1993 diventa sempre più urgente. Un importo pari a 1,1 miliardi di ECU riguarda più direttamente le infrastrutture di trasporte, in particolare il Tunnel sotte le Menica per il quale sono steti concessi 213 milioni di ECU nel quedro dell'accordo di cofinanziamento concluse nel 1987 ; inoltre 404 milioni barino contribuite al miglioramento delle rete stredale e eutostredale e 384 milioni e quello dei collegamenti eerei (estensione di eereporti e potenziamento di flotte aeree). I restanti 604 milioni sono stati eccordeti nel settore delle telecomunicazioni (185 milioni sotte ferme di gerenzie), principelmente per le costruzione e le messe in orbite di satelliti (Inmerset e Eutelset). Dei 2,9 miliardi di.ecu destinati al settore industriale, 1,8 miliardi sono andati alle PMI (crediti su prestiti globeli in corso) è 1,1 milierdi seno stati concessi sette forme di mutui individuali a imprese di maggiore dimensione per una veste gamma di investimenti nei settori della costruzione aeronautica, della microelettronica e della chiimica. 1,7 miliardi di ÉCU hanno interessete più in perticolere l'ammodernamento dell'industria comunitaria e il rafforzamento della sua competitività internazionale ; per investimenti vòlti e favorire lo sviluppe delle tecnologie avanzate sono stati accordati 611 milioni, ai quali vanno aggiunti 285 milioni per le costruzione ed il lencie di satelliti per telecomunicazioni. Vanne poi ricordati diversi investimenti nei settori tredizionali, implicanti una cooperezione tra imprese di più Stati membri e diretti e facilitare l'adeguamento di imprese dei nuovi Peesi. membri alle condizioni "del mercato comunitario. Nel 1988 le BEI ha continuato e intensificato la cooperazione con banche ed istituti di credito per il finenziemento di piccole e medie imprese fremite i prestiti globali : sono stati così finanziati investimenti, di cui 2160 fremite (') I PIM interessano tutta la Grecia, il Mezzogiorno d'italia e le regioni mediterranee francesi.

4 operezioni di leasing, per un totale di 1,8 miliardi di ECU. Sono stete finanziate 3153 PMI (per 1 miliardo di ECU) nelle regióni meno prospere e (per 605 milioni di ECU) nelle eltre regioni, di cui con risorse preprie e 684 con risorse NSC. Inoltre 113 milióni di ECU seno steti destinati a 42 piccoli investimenti nel settore delle tecnologie evanzete e 94 milioni e 80.piccoli progetti volti a migliorare l'embiente e/e a permettere un'utilizzazione più rezionale dell'energia. Dal 1983, l'«anno europee delle PMI», le BEI he cosi contribuito complessivemente - con circa 7,7 miliardi di ECU (') su risorse proprie ο su quelle NSC - al finanziemento di circe investimenti produttivi di piccole e medie imprese. Ad investimenti rispendenti egli obiettivi comuniteri nel campo dell'energia seno endati 1,8 miliardi di ECU. Per progetti riguardanti lo sviluppo delle risorse interne sono steti eccordeti più di 0,9 milierdi ; i mutui per le diversificazione delle importezioni ammontane a 536 milioni, quelli per l'utilizzeziene più razionale dell'energia a 380 milioni. Circa il 15% di questi finenziementi concerne pregetti che henne anche un impetto positive sull'ambiente, come p. es. l'ammodernamente di centrali termiche in Germanie e l'installazione di impianti industriali in Italie. Nell'anno in esame, nel quale si cencludeve Γ«Anne europee dell'ambiente», la BEI he continuato a intervenire nel finanziamento di investimenti diretti e ridurre l'inquinemento e e migliorere le condizioni ambientali : per quest'obiettivo, in perticolere per le depureziene delle acque di scarico e per il miglioremento delle quelita dell'ecque petebile (in Portogallo, Spagna, Italia, Regno Unito, Germenia, Irlanda, Francie, Grecie, Denimerce) seno steti accordati 1,2 miliardi di ECU. Per rendere mene inquinanti le emissioni di centreli elettriche, di impienti di combustione, di raffinerie e di instellezioni industriell in Germenie, in Frencia e in Italia sono stati concessi finanziamenti per 362 milioni di ECU. Infine, circe 200 milioni riguardano opere per le riduzione dell'inquinamento idrico e atmosferico, per il trattamento dei rifiuti e per il miglioramento dell'ambiente urbane. Nel giugno 1988 il Consiglio dei governatori ha proceduto al rinnovo del Consi- (') Su risorse BEI: quasi PMI (4,3 miliardi di ECU); su risorse NSC: 9820 PMI (2,7 miliardi di ECU). Utilizzazione più razionale dell'energia e proteziorte dell'ambiente : 655 progetti (605 milioni di ECU). Tecnologie avanzate : 77 progetti (226 milioni di ECU).. glio di amministrazione e del Comitato direttivo della Banca. A Ernst-Günther Broder è steto rinnovato il mandato di Presidente ; Richerd Ross, Lucio Izze, Alain Prete e Miguel A. Arnedo Orbefianos sono stati riconfermeti come vicepresidenti. Sono stati nominati due nuovi vicepresidenti : Erling Jorgensen e Ludovicus Meulemans, che hanno sostituito Arie Peis e Noël Whelan giunti elle scedenze del mandato ; ai due vicepresidenti uscenti i governetori henne conferite il titolo di Vicepresidente onorario. D finanziamenti fuori della Comunità : 700 milioni di ECU Fuori delle Comunità la BEI contribuisce elle messa in opera dell'aiuto comunitario alle sviluppo nel quedro degli accordi di cooperazione e di essodazione conclusi dalla Comunità con 12 Paesi del Bacino mediterraneo nonché con 66 Paesi d'africe, dei Caraibi e del Pecifico firmeteri della terza Convenzione di Lomé. I finanziamenti della BEI su risorse proprie beneficieno, nelle maggior parte dei cesi, di. un ebbuone d'interesse su risorse di bilancio (Fonde europeo di sviluppo e bilendo della Comunità). D'altra parte la Banca accorda dei contributi su capitali di rischio, anch'essi su risorse di bilendo, a condizioni molto favorevoli. Nel 1988 le operezioni fuori della Comunità sono ammontate e 700,2 milioni di ECU (392,1 nel 1987) ; di detto importo, 398 milioni seno steti eccordati nei Paesi mediterranei e 302,2 nei Peesi ACP. Paesi mediterranei II 1988 è steto ceretterizzeto dall'entrata in vigore dei nuovi Protocolli finenzieri tra la CEE e diversi Peesi del Bacino mediterranee (Peesi del Meghreb e del Meshrak, Israele e Iugoslavia). L'attività delle Banca ha cesi potute riprendere molto repidemente in questi Peesi, reggiungende i 398 milioni di ECU, di cui 7 milioni per operazioni su capitali di rischio destinati al finanziamento, in via prioritaria, di investimenti realizzati in comune con imprese comunitarie. In lugoslevie seno stati accordati 210 milioni di ECU, in Tunisia 60 milioni, in Marocco 50 milioni, in Giordanie 34 milioni, in Egitto 28 milioni e e Melta 16 milioni. Paesi ACP e PTOR^ Continuando ad intervenire nel quedro delle terze Convenzione di Lomé, entrata in vigere nel 1986, e dell'aiuto specifico previsto parallelamente per i Paesi e territori d'oltremare, nel 1988 le BEI he accordate 302,2 milioni di ECU, di cui 173,1 milioni sui canltaii A -:'- previsti nella Convenzione di Lomé e la cui gestione è affidata alla Banca. Come negli anni precedenti, i finanziamenti hanno interessete principalmente l'industria e l'egroindustria (47 % per le piccole e medie imprese, in cooperezione con benché di sviluppo nazionali e regioneli). Al settore energetico - in particolare per la valorizzazione delle risorse locali, per reti di distribuzione e per l'interconnessione di reti elettriche - è andato il 23 % del totale, e infrastrutture idrauliche (approwigionamente idrico e trettemento delle acque di scarico) il 21 %, allo sviluppe delle comunicezioni il 9%. La BEI ha continuate soprattutto a finanziare la ristrutturazione di industrie e il ripristino di infrastrutture contribuendo in perticolere all'ammodernamento di imprese confrontate a difficoltà congiunturali, el rafforzamento delle struttura finanziaria di società di gestione e al buon funzionamento dei servizi pubblici (erogezione di acqua e elettricità). Essa ha contribuito inoltre e finanziare progetti nei settori delle telecomunicazioni, dell'epprovvigionamente idrico e della produzione/eregezione di energia elettrica per migliorere le condizioni di vita della popolazione, creerò condizioni economiche più favorevoli per le imprese e elleggerire le pressione sulle bilance dei pegementi. Come già in pesseto, le operazioni di cofinanziamento - con istituti di aiuto bilaterele e multileterale, con la Commissione delle Comunità europee (Fondo europeo di sviluppo) e con altre benché - sono stete frequenti. Operazioni di raccolta Confermando il suo ruolo di emittente di primaria importanze (principale emittente istituzionale con la Banca mondiale), la BEI ha raccolto nel 1988 quasi 7,7 milierdi di ECU - contro circa 5,6 miliardi nel 1987 (-1-37 %) - di cui 7,4 miliardi sui mercati finenzieri e 253 milioni sotto forme di notes in ECU sui mercati monete ri. Sui mercati finanziari più di 5,7 miliardi sono stati raccolti tramite emissioni pubbliche, quasi 1,3 miliardi mediante collocementi priveti, 311 milioni nel quadro di operezioni interbencerie e 56 milioni con l'emissione di medium term notes in delleri USA. Come negli anni precedenti, e per endare incontro alle richieste dei suoi mutuatari, le BEI ha sviluppate la raccolta di fondi in monete comunitarie, che nel 1988 henne rappresentato Γ84% del totele centro il 68% nel Il merco tedesco reste al primo posto tra le monete raccolte con un importo pari a milioni di ECU (oltre il 20 % del

5 totale) ; l'ecu continua a restare al secondo poste (dal 1985) con milioni. Nel 1988, le BEI he emesse per le prime volta dei prestiti in pesetas ed he eperto il mercato a lungo termine delle obbligezioni estere in escudos. Le BEI è intervenute su quesi tutti i mercati dei capitali dei Peesi membri della CEE. Nell'anno in eseme la BEI ha raccolto enche un meggiore volume di fondi e tasso variabile, passati da 393 milioni di ECU nel 1987 a 655 milioni. La maggior parte delle operezioni è stete effettueta tramite swaps d\ valuta e/o di tasse d'interesse (498 milioni di ECU) ; l'importo restante corrisponde e due emissioni in lire direttamente e tesso variabile. Monete raccolte sui mercati dei capitali (in milioni di ECU) (<) 1. DEM 2. ECU 3. FRF 4. GBP 5. ITL 6. CHF 7. NLG 8. BEF 9. JPY 10. USD 11. ESP 12. LUF 13. IEP 14. PTE (20,8 % '14,5% '11,5% 10,1 % ' 8,8 % ' 7,5% ' 6,7 % 6,4% 4,2 % 4,1 % ' 3,2 0/0 ' 1,2% 0,4% ( 0,4% ,6% 14,4% 8,3% 2,5% 11,4% 6,6 % 6,0% 5,40/0 9,2% 12,90/0 79 ( 1,4 0^; -^ È da osserverò che si è eccentuete le flessione del dollaro USA e delle yen, mentre si è confermato il ruolo importante deil'ecu nelle operezioni delle BEI. I prindpeli Peesi nei queli sono stati versati, integrelmente 0 in perte, dei finenziementi in ECU sono l'itelie (423 milioni), le Frencia (351 milioni), la Denimerce (266 milioni), le Spagna (191 milioni) e il Portogallo (171 milioni). (') Nel 1987 la BEI aveva raccolto anche dei fondi in corone danesi e scellini austriaci. N. B. Abbreviazioni secondo la normativa ISO. I finanziamenti nella Comunità Ripartizione per Paese Italia I finenziementi in Italie sono emmonteti e 3372 milioni di ECU/5177 miliardi di lire, di cui 97 milioni di ECU/150 milierdi di lire su risorse NSC. Conformemente elle sue missione prindpele, che è quelle di contribuire elle sviluppe regionale, la BEI ha accordate eltre 2460 miliardi di lire, peri a circa il 50 o/o del totele, per progetti nel Mezzogiorno. Per il finanziamento di piccoli e medi investimenti, milierdi di lire seno stati messi e disposizione di numerosi istituti intermediari sotto forma di prestiti globali. All'industria e ai servizi sono andati complessivemente (tramite mutui individuali e crediti su prestiti globali) 2130 miliardi di lire. I mutui individuali hanno interessato une veste gemma di progetti, tre i queli il potenziamento degli impianti per le fabliricazione, nella zona di Napoli, dell'eereo ATR72, realizzato in comune dall'aeritelia e dell'aerespatiale (Francia), la produzione di dischi a lettura ottica a L'Aquila (Abruzzo), la ristrutturezione di febbriche di detersivi in Lombardia e nel Lazio e di un cementificio in Celabria, rammodernamente di tre fabbriche di fibre sintetiche in Sardegna e in Basilicata. D'altra parte henne beneficiato di crediti su prestiti globeli in corse circa 2150 PMI, che hanno ottenuto complessivamente miliardi di lire. La BEI è anche intervenute nel finenziemento di investimenti nelle raffinerie di Livorno, Porto Merghera e Sennezzare, per ridurre l'impetto suh'embiente e produrre benzine senza piombe, e di diversi pregetti volti a permettere l'utilizzazione più rezionale dell'energie. Va menzionato, infine, il finanziamento per i leveri di restauro del Pelazzo Ducale di Genove, di cui è prevista l'utilizzazione come centro di conferenze e di attività turistiche e cultureli. I finanziamenti per infrastrutture sono sensibilmente aumenteti, raggiungendo i miliardi di lire ; le BEI ha contribuito a finanziare soprattutto dei progetti rientrenti nel quedro del FIO (Fondo investimenti e occupazione), che hanno interessato per la maggior parte le protezione dell'ambiente : 673 miliardi di lire per il trettemento delle acque di scarico, l'incenerimento di rifiuti e opere per il consolidemento del suolo e centro le inondazioni ; vanne ricordati, in particolare, gli investimenti per le riduzione dell'inquinemento del Po e dell'arno. Altri finanziamenti hanno riguardate il miglioramento delle telecomunicezioni nel Mezzogiorno e diverse infrestrutture di trasporto :. completamento dell'autostrada dei Traferi (Genova Veltri - Gravellone), costruzione di una terza corsia sull'autostrada Roma-Napoli, raccordo autostradale (Fieno Romeno-S. Cesareo) tra la Milano-Roma e le Roma-Napoli, costruzione di un reccordo ferroviarie tra Maccerese e Roma, sul quale sarà convogliato il traffico tra la capitale e Genova (la linea attuale sarà utilizzata per migliorere i colìegementi tra Roma e l'aeroporto di Fiumicino). La BEI ha enche contribuito all'acquisizione (operazione di leasing) di Airbus A300, ATR42 e MD82 per il potenziamento dei colìegementi regionali e intracemunitari. Nel settore energetico, sono steti accordati miliardi di lire per la valorizzazione delle risorse intèrne del Paese (sfruttamento di giacimenti di gas nel Mare Adriatico ie in Emilia-Romagna), l'estensione della rete di metenedotti in Lombardia, nel Veneto, in Piemonte e e Roma, la costruzione dì un gasdotto per il trasporto di gas naturale proveniente dell'urss attraverso il Friuli ed il Venete, l'aumento delle capacità di stoccaggio di tre serbetoi di ges neturele nelle province di Ferrerò, Crémone e Piecenze e il potenziamento del sisteme di telerisceldemento e Brescia. Diversi finenziementi all'enel sono destinati alle costruzione di due unità supplementari di 292 MW ciascuna nelle centrale di Fiume Santo (Sardegna), al proseguimento dei lavori di costruzione della centrele policombustibile di Brindisi (quattro unità di 614 MW ciascuna) che sarà dotata di un moderno sisteme di deselforezione e alla costruzione di centrali geotermiche in Toscana. Francia In Francia sono stati accordati finanziamenti per 1 350,5 milioni di ECU/ 9,5 milierdi di frenchi,\di cui 107 milioni di ECU/0,75 miliardi di franchi su risorse NSC. Circe 350 milioni di ECU sono stati concessi per infrestrutture di tresporto: 243 milioni per numerosi fretti eutostradali - Montmélian-Albertville dell'a43 (verso le Sevoia, dove evrenno luogo i Giochi olimpici invernali del 1992), Mâcon-Châtillon dèira40 (verso il Tunnel del Monte Bianco), Manosque-Sisteron deira51 (Mersiglia-Grenoble), Arles- Nîmes. deira55, Celais-Reims deira26 (fretto destinete e facilitare l'eccesso el Tunnel sotto la Menice), Le Mans- Angers dell'ali e Bourges-Clerment- Ferrend deira71 (che rompere l'isolamento del Massiccie Centrele) - e 107 milioni per le costruzione del Tunnel sotto la Manica. La BEI ha enche eccordeto 221 milioni di ECU setto forme di prestiti globali per infrestrutture pubbliche di piccola e medie dimensione ; detti prestiti sono destinati a progetti in determinate regioni (Nerd-Pes-dé-Celeis, Rodano- Alpi, Regione delle Loire, Bretagna, Alvernia, Limosino e Poitou-Charentes). Al settore delle produzione sono andeti 50,3 milioni di ECU sotto forme di mutui individuell per vari progetti, tre cui une stabilimento vicino all'aeroporto di Telesa-Blagnac per l'assembleggio degli Airbus A330/A340, eerei che compieterenne le gemma di velivoli dell'airbus Industrie, secondo costruttore civile mondiele ; questo progetto viene realizzate in strette cooperezione tre imprese di più Peesi memtïri delle Comunità. Le BEI ha anche finanziato quattro fabbriche di apparecchieture elettriche e Alès, Châlon-sur-Seône, Montmèlien e Serre- Union, una fabbrica di pasta per carte e St. Geudens, una fabbrica di impianti CAD/CAM (progettazione e produzione

6 assistite da computer) a Cestas e diversi investimenti industriell e agroindustriali in Bretegna. Con 610 milioni di ECU la BEI he d'eltre parte aumentato i suoi interventi a favore di investimenti produttivi di piccole e medie imprese. Nel corso dell'esercizio essa ha potute encore accrescere il numero di benché con le quali coopera per l'erogezione dei crediti : nel quadro dei prestiti globali in corse 218 milioni di ECU seno stati erogati a PMI dei settori industriële, agroindustriale e dei servizi annessi e del turisme setto ferme di crediti e tramite operazioni di leasing. Nel settore dell'energia, un finanziamento di 7 milioni di ECU è state concesso per l'impianto di incenerimento di rifiuti di Lione-Gerlend, deve sera recuperato il calore per alimentare la rete di telerisceldamento della città. ü^egno Unito Nel Regno Unito i finenziementi sono emmonteti e milioni di ECU/790 milioni di sterline, di cui 99 milioni di ECU/65 milioni di sterline su risorse NSC. Oltre ad un sensibile aumento degli interventi per i tresporti e le telecomunicezioni (594 milioni di ECU) è de noterò la ripresa dei finenziementi all'industria (281 milioni di ECU). 287 milioni di ECU seno stati destineti all'estensione e al miglioramento delle telecomunicezioni in Scozie, 307 milioni alla reelizzezione di infrestrutture di trasporte, principalmente per fedlitare i colìegementi con gli altri Paesi membri delle CEE, e 106,5 milioni alla costruzione dell'eurotunnel, parallelamente ai finenziementi concessi in Francia. La BEI ha d'altra parte contribuite al miglioramento di instellezioni portueli (a Plymouth, Southamptom, Hull, ecc.), ella costruzione di un seconde terminale eireeroporto internazionale di Londre- Stansed e el potenziamento delle installazioni in diversi aeroporti per accrescere le sicurezza del treffice eereo. Sempre per il tresporto aeree, ma nel settore industriële, le BEI he eccordeto 104 milioni di ECU per le pregettezione e le costruzione delle eli degli Airbus A320 e per l'ampliemento delle officine per la revisione di motori e epparecchiature aeree e Prestwick e Cardiff. Nel settore industriële le Bence ha anche finenzieto l'emmodernemento di una fabbrica di cilindri per leminatoi a Gateshead, stebilimenti tessili nello Yorkshire e une febbrice di prodotti in poliestere e Manchester; tre gli.altri progetti si ricordano un albergo e Birminghem nonché diversi piccoli motel e un centro informetice a Manchester. 130 milioni di ECU sono steti eccordeti e fine enne, sotto ferme di prestiti globali, per investimenti produttivi di PMI.. Nel settore dell'energie, 288 milioni di ECU sono stati concessi per impianti di ritrattemento di combustibili nucleari. Infine, per le protezione dell'ambiente, 16 milioni di ECU hanno contribuito al finanziamento, e Hastings, di un impianto di riciclaggio di rifiuti urbani e, nei Grampiani, di reti idriche e fognarie. Spagna I finanziamenti in Spagna sene aumenteti del 440/0 raggiungendo i 1018,5 milioni di ECU/140 miliardi di pesetas, di cui 22 milioni di ECU/3 miliardi di pesetes su risorse NSC. 423 milioni di ECU sono stati concessi per il potenziemento e l'ammodernamento delle telecomunicazioni nel quedro del progremme della società «Telefenica» (che prevede di portare de 10 e 15 milioni il numero delle linee di ebbonati entro il 1992) nonché per diversi fretti di strede nell'aregone e di eutostrede nelle Province basche, per il miglioramento dei tresporti urbani a Valencia (ferrovie suburbene e sistemezioni stradali) e, elle Cenerie, per le rete stradale e per l'estensione della rete fognerie a Las Palmas. 173,5 milioni di ECU hanno contribuito al finanziemento di opere per l'edduzione d'ecque e Terragona e di infrestrutture per la raccolta e il trattamento delle acque di scarice a Córdobe e a Barcellone (nella zona dove si svolgerenne i Giochi olimpici) nonché nei becini dei fiumi Rio Segura e Nervion. 23 infrastrutture di piccola e medie dimensione reelizzete de enti locali hanno beneficiate di crediti su prestiti globali per 37,3 milioni di ECU. 99 milioni di ECU henne interessete investimenti industriali : produzione di veicoli utilitari leggeri e Vittoria e Barcellone, fabbrica di vetri per eutomobili vicino a Valencia, ampliamento di febbriche di materiële per telecomunicezioni e impianti per la ricerca elle periferie di Madrid, a La Coruna e Algeciras. Altri 286 milioni di ECU seno stati accordati sotte forma di prestiti globeli. Continuende ad intervenire e favore delle piccole e medie imprese, in stretta cooperazione con le benché del Paese, la BEI ha contribuito al finanziamento di 742 PMI con 272 milioni di ECU, prindpalmente nel settore dei prodetti alimentari, del turismo, della chimica, della grafice, dei servizi e dell'egricolture. A volere su dette importo, 297 PMI sono state finanziate in cooperazione con gli istituti del gruppo ICO (Instituto de Crédito Oficial) e 445 PMI tramite banche private. Germania In Germenia sono stati concessi finanziamenti per 603 milioni di ECU/1249 milioni di marchi, principelmente per progetti riguardanti la protezione dell'ambiente. Sviluppando la cooperazione con le rete bancarie, la BEI ha accordato - sotto forma di prestiti globali milioni di ECU per investimenti di piccole e medie dimensione concernenti la tutela dell'embiente e le reelizzezione di investimenti produttivi di PMI. 120 milioni di ECU sono steti concessi per l'adeguamento di centrali termiche alla regolamentazione nazionale sull'ambiente : dispositivi per il trattamente dei ges di combustione nelle centreli di Duisburg, Weiher (vicino e Searbrûcken), Voerde (vicino e Duisburg) e Herne, nuove unità mene inquinenti e più efficienti nella centrele di Stöcken (vicino ed Hennever), costruzione di una fabbrice che produce ges di città a partire dal gas neturele e instellezione di impianti antinquinemento a Berline. 90 milioni di ECU hanno contribuito elle costruzione di una grande dige sul fiume Wupper, al potenziamento dell'impianto di depureziene di Colonie, alla realizzazione di una nuova rete di trasporto urbane e Stoccarda e el miglioremento della rete stradale lecele. A velerò sui prestiti globeli, 42 piccole infrastrutture, in particolare piccole reti fognerie, henne benefideto di creditlper un totele di 73 milioni di ECU. Inoltre 22 PMI hanno beneficiato di 23 milioni di ECU per investimenti riguardanti la protezione dell'embiente. Nel settore industriële, le BEI ha concesso 89 milioni di ECU per le costruzione, e Moneco, di un centi-o di ricerce e progettazione di automobili e, vicino e Brema, di una fabbrica di gas industriale. Sui prestiti globali in corso, 71 PMI hanno ottenuto crediti per 72 milioni di ECU. Infine, 29 milioni di ECU seno steti destineti ell'ampliamente dell'aree della Fiere di Colonia e all'ammodernamento delle instellezioni ivi esistenti e, nel settore dell'energie, 6,3 milioni ell'estensione delle rete di telerisceldamento della Saar. Per instellezioni volte e permettere un'utilizzazione.più razionale dell'energie nell'industria sono steti eccordeti 2,5 milioni di ECU fremite crediti sui prestiti globeli in corso. Portogallo Dopo essere reddoppiete tra il 1986 e il 1987, nel 1988 le operazioni in Portogallo sono aumentete del 44 o/o ammontando a 560 milioni di ECU/92 miliardi di escudos. 220,5 milioni di ECU sono stati eccordeti, nel settore dell'energie, per le centrali idroelettriche di Alto Lindoso (Nord) e Celdeirao (Centro) e per il potenziamento della centrele termica a carbone di Sines, vicino a Lisbona, al fine di

7 ridurre la dipendenza delle importazioni petrolifere. 152 milioni di ECU sono stati destinati ad infrastrutture di tresporto : miglioremento della rete stredele nei pressi di Lisbona e di Oporto, nell'algerve e nelle regioni del Centro (verso le Spegne, via Vilar Formoso) e un nuovo ponte sul fiume Guediana; tra l'algarve e l'andelusie ; 65 milioni di ECU henno contribuito el miglioramento della rete ferrovierie vicino ad Oporto e al miglioramento dei collegamenti con le Azzorre (ampliamento dell'aeroporto internazionale di Säe Miguel e costruzione dì un porto a Terceire). 18 milioni di ECU henne interessete la costruzione di reti fognarie e impianti di depureziene delle acque di scerice nel tratto tra Lisbona e l'estoril, per ridurre l'inquinamento e contribuire cosi elle sviluppo delle attività turistiche. Nel settore industriale, continuando a coopererò strettemente con le banche pubbliche e privete del Paese, la BEI ha eccordeto -e direttemente a talune banche e elle Stato, che li mette pei a disposizione di qualsiasi bance operente nel Paese - prestiti globali per 157 milioni di ECU. Sui prestiti globeli in corso, le BEI he erogete crediti per 84 milioni di ECU contribuendo al finanziamento di 282 PMI nei settori dell'industrie, dell'agroindustria e del turisme ; alcune PMI seno state finenzieto nel quadro di operezioni di leasing. 13 milioni di ECU sono stati infine concessi per un albergo e Lisbona, pei' una fabbrica di pannelli. ά\ fibre di legno nel distretto di Viseu e per une febbrìce di componenti elettronici.tecnologìcemente evenzati a Setubel. Danimarca I finenziementi in Denimerce hennò raggiunto i 494 milioni di ECU/3,9 miliardi di cerone denesi, di cui 31 milioni di ECU/ 250 milioni di corone su risorse NSC, principelmente per infrestrutture volte a migliorare le comunicezieni con gli eltri Peesi membri delle Comunità, per il settore dell'energie e, setto ferma di prestiti globeli, per le piccole e medie imprese (investimenti per le protezione dell'embiente e/e per là reelizzezione di piccole infrestrutture): Per le infrastrutture di trasporto la BEI ha eccordeto 185 milioni di ECU : potenziamento delle instellazieni aeropertueli di Kestrup-Cepeneghen, costruzione - tre Copenaghen e Rödbyhevn, nel sud dell'isola di Lolland - di'diversi fretti dell'autostrade E4 che collega le Scendinevia alle rete tedesce, une stazione ferroviaria a Frederikssund (per migliorare i colìegementi con Cópeneghen) e potenziamento delle instellazieni portuali di Odense (isola di Fionia). Finenziementi 6 per 27 milioni di ECU seno steti destineti elle costruzione dì reti fognarie e Esberg, sulle coste ocddentele, e a Aalberg, nello Jutland settentrionale. Mutui per 247 milioni di ECU nel settore dell'energie henno interesseto il potenziemento delle capacità dì stoccaggio di gas naturale e une rete dì telerisceldemente nelle Jutlend erientele nonché reti di trasporto e di distribuzione volte e permettere il conveglìamento, nelle diverse zone del Peese, del ges proveniente del Mare del Nord. Sui prestiti globali in corso, 94 PMI del settore industriële henne beneficiato dì crediti per un totele dì 35 milioni dì ECU. Paesi Bassi Nei Paesi Bassi sono stati accordati finanziamenti per 260 milioni di ECU/607 milioni di fiorini, principalmente per progetti industriali situati per la maggior parte nelle regioni in riterdo di sviluppe. 192 milioni di ECU sono steti concessi per la costruzione di una fabbrica di circuiti integreti con tecnologie submicronice a Nimega. La BEI ha enche accordate per le prima volta dei prestiti globeli, ammontati a 43 milioni di ECU ; su detti prestiti globeli, 12 PMI hanno ottenuto crediti per un totale, dì 16,5 milioni di ECU (l'importo, restante dovrebbe essere erogete nel corso del 1989). 21,4 milioni di ECU seno steti destineti el miglioramento dei collegamenti aerei intrecomuniteri ; infine, 3 milioni di ECU henno contribuito all'installazione, nel Limburgo, di impienti per le celdnaziene del celcare secondo un nuove processo tecnologìcemente evanzeto e non inqui^ nente. Grecia Le BEI he eccordeto in Grecia finanziamenti per 187 milioni di ECU/31 miliardi di dracme che hanno contribuite a finanziare soprettutto delle infrestrutture d'interesse regionale. 71 milioni di ECU henne interessate il settore dei trasporti: acquisizione di materiële rotabile per le Ferrovie greche, miglioremento dei collegamenti stredeli con Selonicco, levori stredeli nelle isole di Crete, Eubee e Rodi e nelle conurbazione di Atene, costruzione dell'autostrada Corinto-Tripoli e delle circonvallazione di Megelepeli, emmodernemento del sistema di controllo dello spazio eereo. 15 milioni di ECU seno stati concessi per l'epprewigionemente idrico di Salonicco e l'irrigezione di comprensori egricoli e Crete e in Mecedonie. Nel 1988 la BEI ha incominciate anche ed intervenire nel quedro dell'eiute comuniterio deliberete nel novembre per le ricostruzione della zona di Kalamata, colpite da un terremoto. Sui 100 milioni di ECU messi a disposizione (i finanziamenti beneficiano di un abbuono d'interesse del 3 o/o a carice del bilancio comunitario), un primo mutuo di 29.7 milioni è stato accerdeto al Ministero dell'economia nezionele per l'ettuezione del programma di ricostruzione (costruzione di strade, reti fognarie, edifici pubblici e elleggi). 12 milioni di ECU hanno contribuito a finenziare l'emmodernemento di una grande reffineria ad ovest di Atene, dove sene- steti instelleti enche dei dispositivi che permetteranno di ridurre l'inquinamento atmosferico, particolarmente elevato nelle conurbazione ateniese. 23 milioni di ECU sono stati destir nati alle costruzione di 26 istituti tecnici e tecnologici per contribuire alla formazione di menodopere quelificata. Nel quedro dei Progremmi integrati mediterranei (PIM), 12 milioni di ECU sono stati eccordati all'ente elettrice nezionele per piccoli progetti di distribuzione elettrica compresi nei veri PIM regioneli. Infine, la BEI ha concesse un prestito glebele di 24 milioni di ECU, eoopèrendo per le prime volta in Grecie con une banca privata, per il finanziamento di piccole e medie imprese. Irlanda. In Irlande le BEI he accordato 155 milioni di ECU/120 milioni di sterline irlendesi, soprettutto per infrestrutture e per il settore energetico. 78 milioni di ECU hanno contribuito a migliorare i. colìegementi eerei (estensione e emmedernamento deh'eeroporto di Dublino, potenziemento della flotta dell'aer Lingus) ; altri 16.8 milioni hanno interessato le infrastrutture stradali, soprattutto nella zona di Dublino. Per lo sviluppo delle telecomunicazioni all'interno del Paese e con la Gran Bretegne (introduzione di sistemi digitali e utilizzezione di cavi in fibre ottiche) sono steti concessi 18,8 milioni di ECU. Sono stati anche finenzieti, con 29,3 milioni di ECU, reti idriche e fognarie e levori di rimboschimento milioni di ECU hanno interessato la rete di tresporto e di distribuzione di gas naturale proveniente da un giacimento al largo di Cork e 25,8 milioni il potenziamento dèlia rete elettrice ad alta tensio: ne. Infine, 3,4 milioni di ECU seno stati concessi per une stezione radio che trasmetterà in tutte l'irlanda e in una parte dell'inghilterra mentre 32 piccole e medie imprese hanno. ottenuto 2,3 milioni di ECU sui prestiti globali in corso. Belgio In Belgio, riprendendo la cooperazione con la rete benceria, la BEI ha accordato

8 un prestito globele di quesi 12 milioni di ECU/500 milioni di frenchi belgi per il finenziemento di piccole e medie imprese ; nel corso dell'enne, crediti per 4,7 milioni di ECU sono steti erogati a 11 PMI. Lussemburgo Nel 1988 le Benca non he eccordate alcun finanziemento nel Lussemburgo ; nel corso dell'anno vi è steta però l'ineugurezione dei nuovi edifici delle Corte di giustizie delle Comunità europee, per i quali la BEI aveva concesse nel 1986 un finanziamento di 18 milioni di ECU/800 milioni di franchi lussemburghesi. Per progetti che interessano direttamente la Comunità ma che non sono situati sul territorio dei suoi Stati membri, nel 1988 sono.steti eccordati 285 milioni di ECU per due importanti progetti concernenti le telecomunicezioni vie satellite. 185 milioni sono endeti ell'lnmerset, che raggruppa 51 Paesi e gestisce une rete mondiele di telecomunicezioni marittime e eeree ; quest'intervento ha prese la ferma di garanzia, accordata in cooperazione con eltre banche e con istituti membri del Club: degli istituti di credito e lungo termine di cui la BEI assicura, il segretariato. Gli altri 100 milioni sono stati accordati all'eutel sat - di cui seno membri i Paesi, della CEE e 14 altri Paesi europei - per l'ecquisizione di satelliti per telecomunicazioni della nueve generazione. Lista dei finanziamenti accordati nei Paesi ACP e nei PTOE^ Paesi ACP 34,7 milioni di ECU (') henno contribuito ella reelizzezione di progetti regionali (che interesseno, cioè, più Paesi) : - 15 milioni " ell'agence pour le Sécurité de la Nevigetion Aérienne en Afrique et à Medagascar (ASECNA) per impianti di radiotelecomunicazione, apparecchiature per une stazione meteorelogice, radiofari, apparecchiature elettriche e impianti d'illuminazione delle piste destinati ad eumentere la sicurezza nello spezio eeree coperto dell'asecna ; -12 milioni (di cui 2 su cepiteli di rischio) alla Banque Ouest Africaine de Développement (BOAD) per il finanziamento di piccole e medie imprese operanti nei settori industriale, agroindustriale, minererie, turistico, dell'energia e delle telecomunicazioni nel Benin, nel Burkine Fese, nella Cesta d'avorio, nel Mali, nel Niger, nel Senegal e nel Togo; (') In questa lista tutti gli importi sono espressi in ECU. - 5,7 milioni (di cui 0,7 su capitali di rischio) alla Banque de Développement de l'afrique Centrale per iniziative di piccole e medie dimensioni nel Camerun, nel Cenge, nel. Gabon, nella Guinee Equatoriale, nelle Repubblica Centrafricana e nel.cied ; - 2 milioni ' alla Caribbean Financial Services. Corporation per progetti nei seguenti Peesi: Antigùe. e Barbuda, Dominica, Grenada, St. Kitts and Nevis, St. Lucie, St. Vincent e Grenadine. Nigeria : 45 milioni per il miglioramento deh'epprovvigionamento idrico della città di Legos. Kenia : 25 milioni per promuovere l'emmodernemento e lo sviluppo di imprese industriell. ^ali : 20,5 milioni" per le pese di une linea elettrice ad alta tensione di 220 km nonché per la costruzione di uno stabilimento per le sgranatura del cotone presse Koumantoiu. e l'emmedernemente di eltri neve. Guinea : 16,55 milioni" per l'emmodernamento di un impianto di allumina nell'ovest del Paese e per lo sfruttamento di una cava di granito a 40 km a sud-est di Cpnakry. Congo: 16 milioni" per piantagioni di palme da olio e per oleifici nel nord del Paese oltre che per una raffineria di olio di palma a Brazzaville. Papua-[yuova Guinea : 15,5 milioni (di cui 3,5 su cepiteli di risdiio) per une pientagione di palme de olio e per le costruzione di un oleificio, a circa 75 km dal porto di Kavieng. Zambia : 13 milioni " per il ripristino delroleedette di Tazama. ( km), che collega la raffineria di Ndela al porto di Dar-es-Seleam in Tanzanie. Sudan: 13 milioni", per il ripristino e l'ammodernamento di tre generatori di 30 MW ciascuno nella centrale idroelettrica di Roseires (a 500 km da Khartoum) nonché per uno studie circa l'entità delle riserve dei giacimenti auriferi della zona d'ariab (nord-est) e le possibilità di sfruttarle. Botswana: 13 milioni per migliorare l'approvvigionamento idrico di Gaborone, la capitale del Peese (costruzione di una diga della capacità di 18 milioni di m^ con stazione di pompeggiò e pòsa di 34 km di condette) e per la costruzione di un albergo di classe internazionale e 3 krh ad ovest di Gaborone. i^alawi : 11 milioni (di cui 8 su capitali di rischio) per l'estensione della rete elettrice di distribuzione. Etiopia: 10 milioni " per impianti di movimentazione delle merci ad Assab, il principale porte del Peese (sul Mar Rosso). IVladagascar : 6,3 milioni" per la costruzione di un complesso che permetterà la valorizzazione delle risorse ittiche (tonno) nonché per uno studie di fattibilità circa una nueva miniera di grafite e per ricerche geologiche complementari. Mozambico : 6 milioni " per la rimesse in esercizio del principale cementificio del Paese (a Matole), per le riapertura di una cava situate nelle vicinanze e delle linea ferrovierie che la serve nonché per l'assistenze tecnica necessaria. St. Vincent e Grenadine : 5,8 milioni (di cui 2,8 su capitali di rischio) per due generetori elettrici di 3,2 MW e 0,5 MW (rispettivamente sulle isole di St. Vincent e di Bequia), per le linee di tresmissione e distribuzione nonché per contribuire ell'eumento di cepitele della Development Corporation e consentirle cosi di finenziere imprese di piccola e media dimensione. Gambia : 5,7 milioni * per il ripristino e il potenziamento delle instellazieni per l'epprevvigjonamento idrico delle capitale, Banjul, e della periferia. Burkina Faso: 4,5 milioni" per le costruzione di une febbrica di cartoni da imballaggio e per l'ammedernamente e l'estensione, a Ouagadougou, di una fabbrica di sacchi e imballaggi di piasti^ ca. Samoa occidentali : 4,2 milioni * per la costruzione di une centrele idroelettrica di 4 MW presso le cascate di Afulile, sull'isola di Upolu, nonché per contribuire all'aumento di cepitale della Development Benk of Western Samoa e consentirle di finanziare piccole e medie imprese. Tanzania : 3,5 milioni " per l'estensione delle rete elettrica di distribuzione (per la fornitura di corrente a imprese agroindustriali). St. Lucia : 3 milioni per il potenziamento delle capacità di produzione e distribuzione di energie elettrice. Capo- Verde : 3 milioni " per l'installazione di due generatori elettrici di 3 MW ciescuno e di trasformatori nonché per la posa di linee di tresmissione, alle scopo di migliorare l'apprevvigionamento in energia elettrica di Praia, la capitale del Paese. Su capitali di rischio.

9 Swaziland : 3 milioni * per le tresformaziene, presso Manzini (Centro), di una filande in uno stabilimento tessile integreto. imaurizio : 3 milioni per le costruzione di un mulino (per le mecineziene sul pesto del greno imperteto) e di quattro silos della capacità totale di tonnellete e per l'installazione di quettro linee di insaccature presso il porto di Port-Louis. Burundi : 2,5 milioni " per installazioni di stoccaggio e impianti per le selezione del caffè - a Gitega (Centro) - presso urie stabilimento già esistente. Ciad: 2,2 milioni." per il ripristino delle instellezioni per l'epprewigionemente idrico della cepitale, N'Djamena. Gibuti : 2 milioni '- per l'aggiunta di un generatore elettrice di un MW nella centrele di Tadjouyra e per una linee elettrica di trasmissione verso le città di Obock. iviauritania : 1,5 milioni * per le prospezione di nuovi giedmenti di minerale di ferro nelle zona di Zouerete, allo scopo di accerterò l'entità delle riserve e le qualità del minerale in viste del loro eventuele sfruttamento. Senegal : 0,6 milioni per une stùdio di fattibilità circa l'esplorazione e lo sfruttamento del giacimento di gas di Diam Niadio-Kaber, a 30 km ad est di Dakar. Zaire : 0,4 milioni "per un studio di fettibilità sull'eventuale costruzione di une nuova linea elettrica destinete e servire il nord del Kivu. Barbados : 0,1 milione * per une studio di fattibilità sull'eventuale costruzione di un nuevo mattatoio destinate a sostituire quello di Bridgetown. Togo : 0,1 milione " per uno studio di fattibilità circa le reelizzezione di un collegamento mediante ponti radio fra la, capitale e la seconda città del Paese, Kara (Nord). Paesi e territori d'oltremare. Polinesia francese : 6 milioni (di cui 2 su capitali di rischio) per l'ultimazione delle rete elettrice di tresmissione a Tahiti. Antille olandesi : 3,1 milioni per il miglioramento e l'estensione delle rete di telecomunicazioni internazionali. Anguilla : 1,5 milioni " per la costruzione di un albergo (sviluppe turistico). 8 Aruba : 1 milione ella Aruban Investment Bank per il finanziamento di piccole e medie imprese. Finanziamenti nei Paesi mediterranei In Iugoslavia sono steti eccordati, nel quadre del secondo Protocollo finenzierie, 210 milioni di ECU per il miglioramento dei collegamenti stredeli : completamente dei leveri di costruzione del Tunnel transalpino delle Caravanche che collegherà l'eutostrada transiugoslave ell'eutostrede dei Tauri, in Austria, e, quindi, ella rete autostradele comuniterie ; costruzione di tre tratti (complessivamente 83 km) della stesse eutostrede trensiugoslava in Croazie, in Serbia e in Macedonia ; miglioramento di eltri tre fretti (42 km) in Slovénie e Vejvedine. In Tunisia le BEI he accordato 60 milioni di ECU (di cui 3 su risorse, di bilancio), esaurendo così l'importo previste del secondo Protecello. finenzierie e evviende le operezioni nel quadro del nuovo Protocolle. L'importo è statò destinato al finanziamento di investimenti di PMI nonché di progetti egricoli e agroindustriali. D'altra parte la BEI ha contribuito alla ricostruzione e alla rettifica del trecciete di circe 180 km di strada ferrata sulle principali linee ferroviarie del Peese : linee Tunisi-Algeri, linee Tunisi-Kesserine (verse i giacimenti di minerale di ferro e le zone cereelicole di Kef, a sud-ovest di Tunisi), linea costiera verse Sfax e Gabès, ecc. In ivüarocco un prestito globale di 50 milioni di ECU nel quedro del terze Protocollo finanziario permetterà di finanziare investimenti di piccole e media dimensione volti e modernizzerò le produzione agricola e agroindustriale. In Giordania sene steti eccordeti,nel quedro del terze Pretocelle finenzierie, 34 milioni di ECU (di cui un milione su risorse di bilancio). L'importo è stato destinete al potenziamento e ell'estensione delle rete elettrica di distribuzione ed Ammen e e Zerqa e e piccoli e medi investimenti : un prestito glebele per investimenti nel settore egricole e due per inizietive industriell e turistiche. In Egitto le BEI ha concesso, nel quadro del terze Protocollo finenzierie, 28 milioni di ECU (di cui 3 su risorse di bilancio) per il finenziemento di investimenti turistici e industriali di piccola e medie dimensione. A Ì\Aailta 16 milioni di ECUsone steti destinati alla costruzione di un moderno terminele all'aeroporto di Luqe ; con queste operazione è steto eseurite l'importo previsto del secondò Protocolle finanziario. Su capitali di rischio. Si riportano qui appresso i controvalori in moneta nazionale, al 30 dicembre 1988, deil'ecu ; la Banca applica questi tassi di conversione nel primo trimestre 1989 per l'elaborazione dei prospetti finanziari e dei dati statistici : DEM GBP FRF ITL NLG ESP 2, , , ,10 2, ,877 BEF LUF DKK GRD IEP PTE USD 43, ,5760 8, ,909 0, ,704 1,17258 (Abbreviazioni secondo la normativa ISO, applicata dal 1 gennaio 1989) N.B. Le conversioni ECU/moneta nazionale per l'articolo sull'attività della BEI nel 1988 sono state effettuate sulla base dei tassi di cambio vigenti al momento della firnia di ciascun contratto. BEI - Informaiioni è una pubblicazione periodica della Banca europea per gli investimenti che esce contemporaneamente in 9 lingue (danese, francese, greco, inglese, italiano, olandese, portoghese, spagnolo β tedesco). La riproduzione degli scritti apparsi su BEIlnformazioni è consentita ; si gradirebbero però la citazione della fonte e l'invio del ritaglio dell'articolo pubblicato.. 100, Bd. Konrad Adenauer L-2950 Luxembourg Tel Telex 3530 bnkeu lu Telefax Dipartimento Italia: Via Sardegna, Roma Tel Telex bankeu i Telefax Liaison Office for the United Kingdom : 68, Pali Mail London SWI Y SES Tel Telex bankeu g Telefax Bureau de Ligaçao para Portugal: Avenida da Liberdade, , 8? P-1200 Lisboa ' Tel ο Telex bnkeu ρ Telefax Ufficio di Rappresentanza a Atene: Ypsilantou 13-15; GR Athina Tel Telex bkeu gr Telefax Ufficio di Rappresentanza a Bruxelles: ' rue de la Loi 227 B-1040 Bruxelles Tel Telex bankeu b Telefax Printed-in Luxembourg by Imprimerle Centrale, 15, rue du Commerce, Luxembourg

EVENEMENTIELLES ENVIRONNEMENT MEDITERRANEE METAP PROGRAMME

EVENEMENTIELLES ENVIRONNEMENT MEDITERRANEE METAP PROGRAMME BEI PUBLICATIONS ENVIRONNEMENT MEDITERRANEE ME TAP PROGRAMME IT FONDS BEI SOUS-FONDS : PUBLICATIONS SERIES EVENEMENTIELLES SOUS-SERIES ENVIRONNEMENT DOSSIERS MEDITERRANEE METAP PIECES PROGRAMME DATES VERSIONS

Dettagli

Numéro : 063. Langue : IT

Numéro : 063. Langue : IT BE I_IN F0_01_1 9 9 0 _ 0 6 3 _ I T # BEI Information Année : 1990 Numéro : 063 Langue : IT Den Europaeiske Investeringsbank Europäische Investitionsbank Ευρωπαϊκή Τράπεζα Επενδύσεων European Investment

Dettagli

PUBLICATIONS EVENEMENTIELLES ACCORD HORS UE MEDITERRANEE MODALITES

PUBLICATIONS EVENEMENTIELLES ACCORD HORS UE MEDITERRANEE MODALITES BEI P U B L I C A T I O N S A C C O R D HORS UE M E D I T E R R A N E E M O D A L I T E S 1987 ITr FONDS BEI SOUS-FONDS : PUBLICATIONS SERIES : EVENEMENTIELLES SOUS-SERIES : ACCORD HORS UE DOSSIERS : MEDITERRANEE

Dettagli

ATTO FINALE. AF/ACP/CE/2005/it 1

ATTO FINALE. AF/ACP/CE/2005/it 1 ATTO FINALE AF/ACP/CE/2005/it 1 AF/ACP/CE/2005/it 2 I plenipotenziari di: SUA MAESTÀ IL RE DEI BELGI, IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CECA, SUA MAESTÀ LA REGINA DI DANIMARCA, IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

Udine Palazzo della Provincia 9 Marzo 2015

Udine Palazzo della Provincia 9 Marzo 2015 Udine Palazzo della Provincia 9 Marzo 2015 ITALIA - ESPORTAZIONE DI RIFIUTI SPECIALI ANNO 2012 A livello nazionale la quantità totale di rifiuti esportata nel 2012 è pari a 4 milioni di tonnellate di cui

Dettagli

Italia. I finanziamenti della Banca europea per gli investimenti in

Italia. I finanziamenti della Banca europea per gli investimenti in I finanziamenti della BEI in Italia I finanziamenti della BEI in Italia I finanziamenti della BEI in Italia I finanziamenti della BEI in Italia I finanziamenti della Banca europea per gli investimenti

Dettagli

Nazione Tariffa per ordini > 100 Tariffa per ordini < 100 Incremento tariffa ad articolo ** Giorni Lavorativi Spedizione ******

Nazione Tariffa per ordini > 100 Tariffa per ordini < 100 Incremento tariffa ad articolo ** Giorni Lavorativi Spedizione ****** Nazione Tariffa per ordini > 100 Tariffa per ordini < 100 Incremento tariffa ad articolo ** Giorni Lavorativi Spedizione Albania 75 105 ****** multipla * Algeria 75 105 multipla 3 Angola 105 135 multipla

Dettagli

100 der Beilagen XXIII. GP - Staatsvertrag - 50 Schlussakte italienisch (Normativer Teil) 1 von 11 ATTO FINALE. AF/ACP/CE/2005/it 1

100 der Beilagen XXIII. GP - Staatsvertrag - 50 Schlussakte italienisch (Normativer Teil) 1 von 11 ATTO FINALE. AF/ACP/CE/2005/it 1 100 der Beilagen XXIII. GP - Staatsvertrag - 50 Schlussakte italienisch (Normativer Teil) 1 von 11 ATTO FINALE AF/ACP/CE/2005/it 1 2 von 11 100 der Beilagen XXIII. GP - Staatsvertrag - 50 Schlussakte italienisch

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

CERTIFICATO DI ESENZIONE DALL IVA E DALLE ACCISE (Direttiva 77/388/CEE, articolo 15, paragrafo 1 e direttiva 92/12/CEE articolo 23, paragrafo 1)

CERTIFICATO DI ESENZIONE DALL IVA E DALLE ACCISE (Direttiva 77/388/CEE, articolo 15, paragrafo 1 e direttiva 92/12/CEE articolo 23, paragrafo 1) Allegato: COMUNITÀ EUROPEA CERTIFICATO DI ESENZIONE DALL IVA E DALLE ACCISE (Direttiva 77/388/CEE, articolo 15, paragrafo 1 e direttiva 92/12/CEE articolo 23, paragrafo 1) Numero di serie (facoltativo):......

Dettagli

Numéro : 071. Langue : IT

Numéro : 071. Langue : IT BE I_IN F0_01_1 9 9 2 _ 0 7 1 _ I T / BEI Information Année : 1992 Numéro : 071 Langue : IT BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI BEI INFORMAZIONI Febbraio 1992 N 71 ISSN 0250-3905 Nel 1991 finanziamenti

Dettagli

I principali temi. Crescita dimensionale. Reti d impresa e altre forme di alleanza. Innovazione e ricerca. Capitale umano e formazione

I principali temi. Crescita dimensionale. Reti d impresa e altre forme di alleanza. Innovazione e ricerca. Capitale umano e formazione I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale umano e formazione Internazionalizzazione: Esportazioni Investimenti diretti esteri Efficienza

Dettagli

Capitolo 14. Industria

Capitolo 14. Industria Capitolo 14 Industria 14. Industria Questo capitolo raccoglie informazioni sul settore dell industria in senso stretto, escluse cioè le costruzioni per le quali si rinvia all apposito capitolo. Un primo

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC Finalità: Obiettivo generale Migliorare, attraverso la cooperazione interregionale l efficacia dello sviluppo di politiche regionali nelle aree innovative, l economia della

Dettagli

Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia 17 marzo 2014 Bollettino Flash

Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia 17 marzo 2014 Bollettino Flash Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia Bollettino Flash 17 marzo 2014 Confagricoltura ha espresso più volte la propria preoccupazione

Dettagli

Relazione sulla visita alla BEI

Relazione sulla visita alla BEI Relazione sulla visita alla BEI Lussemburgo 18.03.2009 Dott.ssa Daniela Sacchi EIB Press and Information Officer Senior Press Officer European Investment Bank 100, boulevard Konrad Adenauer L-2950 Luxembourg

Dettagli

Programmi operativi approvati per risorse, priorità e risultati attesi.

Programmi operativi approvati per risorse, priorità e risultati attesi. Programmi operativi approvati per risorse, priorità e risultati attesi. (Legenda i colori raggruppano i tipi di priorità obiettivo tematico generale di cui si allega la lista) Programmi Valle d'aosta Investimento

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati Produzione rifiuti: valori nazionali Nel 2009 cala la produzione dei rifiuti urbani in tutte le macroaree geografiche italiane: -1,6% al Centro, -1,4% al Nord e -0,4%

Dettagli

0.822.713.6. Convenzione n. 26 concernente l introduzione di metodi per la fissazione dei salari minimi. Traduzione 1. (Stato 14 marzo 2006)

0.822.713.6. Convenzione n. 26 concernente l introduzione di metodi per la fissazione dei salari minimi. Traduzione 1. (Stato 14 marzo 2006) Traduzione 1 Convenzione n. 26 concernente l introduzione di metodi per la fissazione dei salari minimi 0.822.713.6 Adottata a Ginevra il 16 giugno 1928 2 Approvata dall Assemblea federale il 27 marzo

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

FONDS BEI EVENEMENTIELLES SOUS-SERIES OPERATIONS UE NTEGRAZIONE EUROPEA DATES VERSIONS LINGUISTIQUES : BEI PUBLICATIONS OPERATIONS UE ITALIE NTEGRAZI

FONDS BEI EVENEMENTIELLES SOUS-SERIES OPERATIONS UE NTEGRAZIONE EUROPEA DATES VERSIONS LINGUISTIQUES : BEI PUBLICATIONS OPERATIONS UE ITALIE NTEGRAZI BEI PUBLICATIONS OPERATIONS UE ITALIE NTEGRAZI ONE EUROPEA IT FONDS BEI SOUS-FONDS PUBLICATIONS SERIES EVENEMENTIELLES SOUS-SERIES OPERATIONS UE DOSSIERS : ITALIE PIECES NTEGRAZIONE EUROPEA DATES VERSIONS

Dettagli

Numéro : 055. Langue : IT

Numéro : 055. Langue : IT BE I_IN F0_05_1 987_055_ITi BEI Information Année : 1987 Numéro : 055 Langue : IT Den Europaeislce Investeringsbank Europäische Investitionsbank Ευρωπαϊκή Τράπεζα Επενδύσεων European Investment Bank Banco

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

PROSPETTO TRIMESTRALE DELLE DISPONIBILITA DESTINATE ALLA COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE

PROSPETTO TRIMESTRALE DELLE DISPONIBILITA DESTINATE ALLA COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE MODELLO 1 Società PROSPETTO TRIMESTRALE DELLE DISPONIBILITA DESTINATE ALLA COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE (ai sensi dell art. 31, comma 2, del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 174) Esercizio RISERVE

Dettagli

Legenda dei Paesi. Classifica dell ISU 2010 e variazioni 2005-2010

Legenda dei Paesi. Classifica dell ISU 2010 e variazioni 2005-2010 Legenda dei Paesi Classifica dell ISU 2010 e variazioni 2005-2010 Afghanistan 155 h 1 Albania 64 i 1 Algeria 84 h 1 Andorra 30 h 2 Angola 146 h 2 Argentina 46 h 4 Armenia 76 Australia 2 Austria 25 i 1

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

Bruxelles, 2 ottobre 2001

Bruxelles, 2 ottobre 2001 Bruxelles, 2 ottobre 2001 Sulla rete transeuropea di trasporto si svolge circa la metà del traffico totale di merci e di passeggeri ed essa costituisce quindi l'effettivo sistema circolatorio dell'unione.

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 3.8.2009 COM(2009) 412 definitivo 2009/0115 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la conclusione dell'accordo tra la Comunità europea

Dettagli

UNA REGIONE GEOGRAFIA. COME FARE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. Completa la tabella.

UNA REGIONE GEOGRAFIA. COME FARE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. Completa la tabella. Studiare con... le tabelle Completa la tabella. UNA REGIONE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. REGIONE... LOCALIZZAZIONE E CONFINI NORD... SUD... EST... OVEST...

Dettagli

Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina. Paese Visto richiesto/non richiesto Nota *

Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina. Paese Visto richiesto/non richiesto Nota * Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina Paese /non richiesto Nota * 1. Austria Visto non richiesto per un soggiorno 2. Afghanistan DP titolari di passaporti diplomatici SP titolari di

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA SCHEDA RIMBORSI

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA SCHEDA RIMBORSI DIPARTIMENTO DI MATEMATICA SCHEDA RIMBORSI SPESE COMPLEMENTARI Sono rimborsabili come spese complementari: le spese per visti consolari; le tasse di soggiorno; le spese per vaccinazioni obbligatorie e

Dettagli

BEI PUBLICATIONS OPERATIONS DANS ET HORS UE GE NERALITES 1997 ITP BEI FONDS PIECES : DATES : 1997 VERSIONS LINGUISTIQUES :

BEI PUBLICATIONS OPERATIONS DANS ET HORS UE GE NERALITES 1997 ITP BEI FONDS PIECES : DATES : 1997 VERSIONS LINGUISTIQUES : BEI PUBLICATIONS OPERATIONS DANS ET HORS UE GE NERALITES 1997 ITP FONDS BEI SOUS-FONDS PUBLICATIONS SERIES : EVENEMENTIELLES SOUS-SERIES : OPERATIONS DANS ET HORS UE DOSSIERS GENERALITES PIECES : DATES

Dettagli

Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea

Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea http://europa.eu.int/euro/quest/ Commissione europea È consentita la riproduzione a fini didattici e non commerciali, a condizione

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE RETI TRANSEUROPEE

IL FINANZIAMENTO DELLE RETI TRANSEUROPEE IL FINANZIAMENTO DELLE RETI TRANSEUROPEE Le reti transeuropee (RTE) sono in parte finanziate dall'unione europea e in parte dagli Stati membri. L'aiuto finanziario dell'unione funge da catalizzatore, poiché

Dettagli

Certificato di vaccinazione contro la febbre gialla

Certificato di vaccinazione contro la febbre gialla Certificato di vaccinazione contro la febbre gialla La febbre gialla urbana e della giungla si manifestano solo in parte dell'africa e del sud America (vedere cartina 1 e 2). La febbre gialla urbana è

Dettagli

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Cura del Documento: Giuseppe Gargano Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Tipologia di cooperazione Area eleggibile Transfrontaliera Ai sensi dell art. 7(1) del reg. 1083/2006,

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO MED Cooperazione Territoriale Transnazionale 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO MED Cooperazione Territoriale Transnazionale 2007-2013 1 PROGRAMMA OPERATIVO MED Cooperazione Territoriale Transnazionale 2007-2013 OBIETTIVI L'obiettivo del programma Med, finanziato con fondi FESR è quello di far divenire l'intera area Mediterranea un territorio

Dettagli

8,5 7,9 7,3 6,3 5,7 5,1 5,2 4,2 2,4 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010-1,3

8,5 7,9 7,3 6,3 5,7 5,1 5,2 4,2 2,4 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010-1,3 Panoramica del settore delle energie rinnovabili in Romania La Romania si trova nel centro geografico d'europa (nel sud-ovest del centro Europa). Il paese ha 21,5 milioni di abitanti e si estende su una

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 giugno 2015 Aprile 2015 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di aprile 2015 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali aumenta dello 0,5% rispetto al mese precedente

Dettagli

Newsletter novità europee 4/2012

Newsletter novità europee 4/2012 (Documento1 / 10/07/12) Newsletter novità europee 4/2012 Indice Eurobarometro 2 Monitoraggio dell impatto sociale della crisi 2 Finanziamenti 2 Banca del Consiglio d'europa per abitazioni per persone a

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 febbraio 2015 Dicembre 2014 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di dicembre 2014 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali diminuisce dell 1,8% rispetto al

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 24 febbraio 2014 Dicembre 2013 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI A partire dal mese corrente, l Istat avvia la diffusione mensile degli indici dei prezzi all importazione dei prodotti industriali.

Dettagli

Parte I FINANZIAMENTI INDIRETTI

Parte I FINANZIAMENTI INDIRETTI Parte I FINANZIAMENTI INDIRETTI L UE utilizza diverse procedure per fornire degli aiuti finanziari alle imprese europee, soprattutto alle PMI. In particolare la Commissione europea è consapevole dei problemi

Dettagli

Numéro : 067. Langue : IT

Numéro : 067. Langue : IT BE I_IN F0_01_1 9 9 1 _ 0 6 7 _ I T BEI Information Année : 1991 Numéro : 067 Langue : IT BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI BEI INFORMAZIONI Febbraio 1991 N. 67 ISSN 0250-3905 N e l 1990 accordati finanziamenti

Dettagli

Programma di geografia per l a.a. 2014/2015, classe 1E

Programma di geografia per l a.a. 2014/2015, classe 1E Programma di geografia per l a.a. 2014/2015, classe 1E Introduzione alla geografia Introduzione agli elementi geografici e morfologici di un territorio. La posizione di un luogo. L idrografia. Introduzione

Dettagli

Riforme orientate allo sviluppo economico e opportunità di investimento in Tirana

Riforme orientate allo sviluppo economico e opportunità di investimento in Tirana Riforme orientate allo sviluppo economico e opportunità di investimento in Tirana Tirana, 03 Aprile 2012 1 Tirana dati generali, la posizione geografica e strategica Perfetta posizione geografica 17 km

Dettagli

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane RISORSE NATURALI E CULTURALI COME ATTRATTORI QSN 2007-2013 Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane Roma, 28 settembre 2005 INDAGINI DOXA PER IL MINISTERO ATTIVITA PRODUTTIVE - PON ATAS

Dettagli

Chiamate verso Italia e UE rete mobile. AFGHANISTAN 0,35 1,69 /min. 2,09 /min. 2,09 /min. 2,39 /min. 1,19 /min. 0,19 /cad.

Chiamate verso Italia e UE rete mobile. AFGHANISTAN 0,35 1,69 /min. 2,09 /min. 2,09 /min. 2,39 /min. 1,19 /min. 0,19 /cad. AFGHANISTAN 0,35 1,69 /min. 2,09 /min. 2,09 /min. 2,39 /min. 1,19 /min. 0,19 /cad. ALBANIA 0,35 0,99 /min. 1,39 /min. 1,39 /min. 1,69 /min. 0,00 /min. 0,19 /cad. ALGERIA* 0,35 0,99 /min. 1,39 /min. 1,39

Dettagli

Imprenditorialità e patti per l'occupazione Integrazione sociale e servizi sociali Gestione e miglioramento delle risorse naturali Crotone

Imprenditorialità e patti per l'occupazione Integrazione sociale e servizi sociali Gestione e miglioramento delle risorse naturali Crotone Programma Urban II: 114,8 milioni di per dieci città italiane (Carrara, Caserta, Crotone, Genova, Milano, Misterbianco, Mola di Bari, Pescara, Taranto e Torino) Carrara Il programma riguarda una superficie

Dettagli

IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali

IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali Il capitale territoriale: una leva per lo sviluppo? Bologna, 17 aprile 2012 Il ruolo delle infrastrutture nei processi di

Dettagli

Costo al minuto (Euro) a base d'asta, IVA esclusa 1.368.000 0,0066 595.000 0,0087 70.000 0,1053 625 0,0710 1.250 0,0911 1.250 0,2900 0 0,2000 0 0,4500

Costo al minuto (Euro) a base d'asta, IVA esclusa 1.368.000 0,0066 595.000 0,0087 70.000 0,1053 625 0,0710 1.250 0,0911 1.250 0,2900 0 0,2000 0 0,4500 Telefonia di base Direttrici di traffico Distrettuale, incluso urbane Interdistrettuale Verso rete mobile Internazionale - Area 1 Internazionale - Area 2 Internazionale - Area 3 Internazionale - Area 4

Dettagli

Decreto Legislativo 30 marzo 1999, n. 96

Decreto Legislativo 30 marzo 1999, n. 96 Decreto Legislativo 30 marzo 1999, n. 96 "Intervento sostitutivo del Governo per la ripartizione di funzioni amministrative tra regioni ed enti locali a norma dell'articolo 4, comma 5, della legge 15 marzo

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5%

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% I dati definitivi sul bilancio elettrico del 2014 fanno registrare una riduzione

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA Finalità: Obiettivo generale Rafforzare l attrattività e la competitività dell area-programma ASSI PRIORITARIE 1 Ambiente, trasporti e integrazione territoriale sostenibile

Dettagli

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1 ANNO ANNO SCOLASTICO SCOLASTICO 2012 2013 2012 2013 1 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Energie rinnovabili caratteristiche energia eolica energia idrica energia elettrica energia geotermica biomassa energia solare

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Turismo & Toscana La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Il turismo nell economia Toscana Nel 2014 oltre 43,5 milioni di presenze ufficiali (+ 3 milioni

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 648 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 648 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 648 del 15/12/2014 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 3 - Direzione Generale Internazz.ne e rapporti con

Dettagli

I fondi europei per la coesione. passodopopasso

I fondi europei per la coesione. passodopopasso I fondi europei per la coesione >> passodopopasso FONDI EUROPEI 2014-2020 All Italia spettano 44 miliardi di Euro (22.2 miliardi alle Regioni del Sud) Sviluppo regionale Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Dettagli

Sintesi del Rapporto per la Stampa

Sintesi del Rapporto per la Stampa Sintesi del Rapporto per la Stampa Il Rapporto descrive e analizza le dinamiche connesse al movimento transfrontaliero dei rifiuti speciali tra l Italia e gli altri Paesi, europei e non. Per rifiuti speciali

Dettagli

Rapporto sulla presenza delle imprese di costruzioni italiane nel mondo - 2015

Rapporto sulla presenza delle imprese di costruzioni italiane nel mondo - 2015 Rapporto sulla presenza delle imprese di costruzioni italiane nel mondo - 2015 Roma, 5 ottobre 2015 Direzione Affari Economici e Centro Studi Ufficio Lavori all Estero Relazioni Internazionali Le 38 imprese

Dettagli

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a

Dettagli

La Regione francese. Il territorio. La Regione francese si trova nell Europa occidentale. È formata da 4 Stati: Francia, Belgio, Lussemburgo e Monaco.

La Regione francese. Il territorio. La Regione francese si trova nell Europa occidentale. È formata da 4 Stati: Francia, Belgio, Lussemburgo e Monaco. La Regione francese BELGIO LUSSEMBURGO FRANCIA La Regione francese si trova nell Europa occidentale. È formata da 4 Stati: Francia, Belgio, Lussemburgo e Monaco. MONACO Il territorio Mare del Nord TERRITORIO

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI

SINTESI DEI RISULTATI SINTESI DEI RISULTATI I dati relativi alle imprese di costruzioni che hanno preso parte all Indagine Ance 2013 sull internazionalizzazione confermano la dinamicità del settore, nonostante la crisi in atto.

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 27.1.2009 COM(2009) 9 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Monitoraggio delle emissioni di CO2 delle automobili

Dettagli

20.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 347/281

20.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 347/281 20.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 347/281 REGOLAMENTO (UE) N. 1300/2013 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 17 dicembre 2013 relativo al Fondo di coesione e che abroga il regolamento

Dettagli

RAPPORTO 2015. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo

RAPPORTO 2015. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo RAPPORTO 2015 sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo A CURA DELLA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI E DELL UFFICIO LAVORI ALL ESTERO E RELAZIONI INTERNAZIONALI Dieci anni

Dettagli

Progetto APICE. 1 a Newsletter GIUGNO 2011

Progetto APICE. 1 a Newsletter GIUGNO 2011 Progetto APICE Common Mediterranean Strategy and local practical Actions for the mitigation of Port, Industries and Cities Emissions 1 a Newsletter In questo numero: GIUGNO 2011 Gli obiettivi del progetto

Dettagli

IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa.

IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa. IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa. =========== Le tariffe pubbliche cominciano a scendere:

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Programma Gioventù in Azione Il Servizio Volontario Europeo. Bari, 5 giugno 2012

Programma Gioventù in Azione Il Servizio Volontario Europeo. Bari, 5 giugno 2012 Programma Gioventù in Azione Il Servizio Volontario Europeo Bari, 5 giugno 2012 AZIONE 2 SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO Il Volontario/ I Volontari Età: tra i 18 e i 30 anni (da 16 anni se con minori opportunità)

Dettagli

MODELLO ISTAT P.2 + P.3 MOVIMENTO E CALCOLO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE TOTALE E STRANIERA BILANCIO DEMOGRAFICO Anno 2013

MODELLO ISTAT P.2 + P.3 MOVIMENTO E CALCOLO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE TOTALE E STRANIERA BILANCIO DEMOGRAFICO Anno 2013 MODELLO ISTAT P.2 + P.3 MOVIMENTO E CALCOLO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE TOTALE E STRANIERA BILANCIO DEMOGRAFICO Anno 2013 Nel modello devono essere conteggiati i MOVIMENTI ANAGRAFICI REGISTRATI in anagrafe

Dettagli

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA Purtroppo, però, rimaniamo ancora poco attrattivi =================== Nel 2014 gli Ide (Investimenti diretti esteri) in entrata nel nostro paese ammontavano

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo

Dettagli

Maria Gabriela Ruffi Annalisa Romiti Raffaella Iacocca. Vademecum ambientale. Guida pratica ad adempimenti, obblighi e autorizzazioni per le imprese

Maria Gabriela Ruffi Annalisa Romiti Raffaella Iacocca. Vademecum ambientale. Guida pratica ad adempimenti, obblighi e autorizzazioni per le imprese Maria Gabriela Ruffi Annalisa Romiti Raffaella Iacocca Vademecum ambientale Guida pratica ad adempimenti, obblighi e autorizzazioni per le imprese 1 Indice generale INDICE GENERALE Presentazione... 9 CAPITOLO

Dettagli

AFRICA NORD AFRICA AFRICA SUB-SAHARIANA

AFRICA NORD AFRICA AFRICA SUB-SAHARIANA AFRICA NORD AFRICA AFRICA SUB-SAHARIANA NORD AFRICA MAROCCO RABAT MONARCHIA COSTITUZIONA- LE ALGERIA ALGERI REPUBBLICA TUNISIA TUNISI REPUBBLICA LIBIA TRIPOLI REPUBBLICA GOVERNO DI TRANSIZIONE EGITTO IL

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNÀ EUROPEE Bruxelles, 21/VIII/2007 C(2007) 3926 def. DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 21/VIII/2007 recante applicazione della decisione 2007/435/CE del Consiglio per quanto riguarda

Dettagli

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed SPIN - Roma, 13 giugno 2005 Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed Renzo Vanetti, Amministratore Delegato 2 Lisbona/Barcellona: lo stesso concetto di cooperazione Lisbona

Dettagli

20-3-2012. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 67

20-3-2012. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 67 ma, secondo l impostazione metodologica ora contenuta nell aggiornamento 2012-2013 del PSN; Considerato che il processo di riforma a livello europeo del Patto di stabilità e di crescita e della governance

Dettagli

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%)

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%) Nota di sintesi Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2010 CRESCE LA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2010: +3,2% E il valore di crescita più alto del decennio 2001-2010, eguagliato l incremento

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

Auditorium Comunale Albino Bg V.le Aldo Moro 2/4

Auditorium Comunale Albino Bg V.le Aldo Moro 2/4 Auditorium Comunale Albino Bg V.le Aldo Moro 2/4 La società multiculturale italiana: numeri e parole Mara Clementi - Fondazione ISMU 22 ottobre 2012 mara clementi ismu 1 due parole chiave abitano oggi

Dettagli

Capitolo 21. Ricerca e sviluppo

Capitolo 21. Ricerca e sviluppo Capitolo 21 Ricerca e sviluppo 21. Ricerca e sviluppo Ricerca e sviluppo in Italia Per saperne di più... ISTAT. Statistiche dell'innovazione tecnologica: anni 1994-1996. Roma, 2001. (Informazioni n. 25).

Dettagli

L ENERGIA E I SUOI NUMERI

L ENERGIA E I SUOI NUMERI ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E L AMBIENTE L ENERGIA E I SUOI NUMERI ITALIA 2000 Funzione Centrale Studi Maggio 2001 Il presente opuscolo è stato realizzato da M. Teresa Chironi e da Gemma Casadei

Dettagli

GUIDE TURISTICHE DISPONIBILI ALL'INFORMAGIOVANI, aggiornato novembre 2015

GUIDE TURISTICHE DISPONIBILI ALL'INFORMAGIOVANI, aggiornato novembre 2015 ESTERO - VACANZE ESTERO - VACANZE GUIDE TURISTICHE DISPONIBILI ALL'INFORMAGIOVANI, aggiornato novembre 2015 GENERALITA' GENERALITA' ATLANTE ENCICLOPEDICO ECONOMICO-FINANZIARIO-POLITICO DEAGOSTINI -VOL.

Dettagli

Numéro : 074. Langue : IT

Numéro : 074. Langue : IT BE I_IN F0_04_1 9 9 2 _ 0 7 4 _ I T + BEI Information Année : 1992 Numéro : 074 Langue : IT BANCA EUROPEA PER GU INVESTIMENTI BEI INFORMAZIONI Novembre 1992 N. ΊΑ ISSN 023905 metodi di controllo della

Dettagli

G. Trasporti, Telecomunicazioni ed Energia

G. Trasporti, Telecomunicazioni ed Energia G. Allo scopo di rafforzare la competitività, la crescita e l occupazione dell UE, e nel quadro della revisione di medio termine della Strategia Europa 2020, il ruolo delle tecnologie digitali, dell energia

Dettagli

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto La Commissione ha pubblicato a metà ottobre un documento dove, con un occhio al passato e uno al futuro, passando per il momento

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

CONCLUSIONI INDIVIDUAZIONE DELLE DIRETTRICI DI VOLO

CONCLUSIONI INDIVIDUAZIONE DELLE DIRETTRICI DI VOLO CONCLUSIONI INDIVIDUAZIONE DELLE DIRETTRICI DI VOLO I diversi approcci utilizzati nell ambito di questa ricerca, hanno permesso di valutare l andamento generale dei movimenti migratori degli uccelli in

Dettagli

Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.)

Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.) Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.) dott.ssa Cinzia Bricca Direttore Centrale Accertamenti e Controlli Agenzia delle Dogane Milano 25 marzo

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 il caffè marzo 2012 Dipartimento Promozione dell'internazionalizzazione Area Agro-alimentare Tel.:

Dettagli

SPORTELLO EUROPA ROMANIA

SPORTELLO EUROPA ROMANIA SPORTELLO EUROPA ROMANIA MISSIONE Lo Sportello Europa Romania nasce nel gennaio 2008 per dare supporto alle PMI italiane nella ricerca di informazioni sui fondi strutturali erogati dalla autorità romene

Dettagli

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili.

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24.01.2003 C(2003) 80 Oggetto: Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO 1. Con

Dettagli

Progetto HOPEurope Costruire cittadinanza, democrazia, pace e sostenibilità in un Europa unita e multilivello

Progetto HOPEurope Costruire cittadinanza, democrazia, pace e sostenibilità in un Europa unita e multilivello Progetto HOPEurope Costruire cittadinanza, democrazia, pace e sostenibilità in un Europa unita e multilivello 6. Istituzioni dell'unione europea La Corte dei conti dell'ue e la Banca europea degli investimenti

Dettagli

DIRITTI DI PROPRIETA INTELLETTUALE

DIRITTI DI PROPRIETA INTELLETTUALE DIRITTI DI PROPRIETA INTELLETTUALE IL BREVETTO 1 TIPOLOGIE BREVETTO PER: Invenzione industriale Modello ornamentale Modello utilità 2 DURATA DEI BREVETTI PER: INVENZIONE INDUSTRIALE 20 ANNI MODELLO ORNAMENTALE

Dettagli

(2) Il fascicolo è stato protocollato con il numero N 463/07.

(2) Il fascicolo è stato protocollato con il numero N 463/07. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.I.2008 C(2007) 6895 def. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 463/2007 Italia Aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente per veicoli commerciali pesanti di peso superiore

Dettagli

I finanziamenti per investire all estero con fondi della Banca Europea per gli Investimenti

I finanziamenti per investire all estero con fondi della Banca Europea per gli Investimenti I finanziamenti per investire all estero con fondi della Banca Europea per gli Investimenti BEI Banca Europea per gli Investimenti introduzione La BEI viene istituita nel 1958 con il trattato di Roma.

Dettagli

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO 92 6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO Nel corso degli anni Ottanta e Novanta si è registrata una crescita rilevante dei flussi internazionali di capitali, sia sotto forma di investimenti

Dettagli