IN QU4TTRO CI FACCIAMO. Il manuale della raccolta differenziata. organico. carta. multimateriale. vetro. e facciamo quadrato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IN QU4TTRO CI FACCIAMO. Il manuale della raccolta differenziata. organico. carta. multimateriale. vetro. e facciamo quadrato"

Transcript

1 Il manuale della raccolta differenziata organico carta CI FACCIAMO IN QU4TTRO e facciamo quadrato multimateriale vetro Una sfida per tutta Napoli RACCOGLIAMOLA

2 La raccolta differenziata per reagire all indifferenza L emergenza rifiuti, che stringe come una morsa la nostra città da quasi 20 anni, non può diventare una norma. Il Comune di Napoli, guidato dal nuovo Sindaco Luigi De Magistris, ha scelto di avviare un piano di gestione dei rifiuti che non prevede la costruzione degli inceneritori, puntando tutto sulla raccolta differenziata e investendo sul modello porta a porta oltre 30 milioni di euro. Con la nuova amministrazione di Asia, i cittadini napoletani hanno la possibilità di vincere una sfida epocale nei confronti dell Italia intera e diventare in breve tempo la metropoli italiana che differenzia più rifiuti. Per realizzare il nostro ambizioso progetto abbiamo bisogno della cooperazione di tutti quei cittadini che nel passato si sono indignati davanti a tanta indifferenza ed ora vogliono reagire con la raccolta differenziata. Valorizzando l esperienza acquisita negli ultimi tre anni nei quartieri di Colli Aminei, Chiaiano, Scampia, Rione Alto, Ponticelli, San Giovanni a Teduccio, Centro Direzionale e Bagnoli, dove circa 146 mila napoletani differenziano con successo i loro rifiuti con il modello di raccolta porta a porta, il nostro obiettivo è di estendere entro il 31 dicembre il servizio porta a porta in nuove aree di Scampia e Ponticelli, nei quartieri di Posillipo, Barra, Agnano, Rione Lieti e in una parte dei Quartieri Spagnoli. Un percorso virtuoso che ci permetterà di raggiungere 325 mila cittadini entro dicembre 2011; una sfida storica per tutelare il futuro di Napoli, a cui rispondere con grande senso di responsabilità e con una passione civica e un amore per la città che ogni napoletano saprà sicuramente dimostrare. e facciamo quadrato

3 La raccolta differenziata è una scelta obbligata La raccolta differenziata è regolamentata dai seguenti provvedimenti che prevedono sanzioni in caso di violazione delle norme: > Il regolamento comunale per la gestione del ciclo integrato dei rifiuti approvato con deliberazione consiliare n.12 del 22/02/2006; > Il piano comunale per la implementazione e il rilancio della raccolta differenziata, approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 5 del 6/03/2008; > L Ordinanza del Sindaco n.1125 del 07/10/2008 relativa alla raccolta differenziata porta a porta in una parte del territorio cittadino precisamente nell area di Ponticelli, Chiaiano, Bagnoli, Rione Alto e Via Partenope; > L Ordinanza del Sindaco n. 746 del 10/07/2009 relativa alla raccolta differenziata porta a porta in una parte del territorio cittadino precisamente nell area di Bagnoli, Centro Direzionale, San Giovanni a Teduccio, Barra, Scampia, e Zona Lieti; > L Ordinanza del Sindaco n. 972 del 23/07/2011 relativa alla raccolta differenziata porta a porta in una parte del territorio cittadino precisamente nell area di Posillipo, Barra, Ponticelli, Zona Agnano e Vomero. Sono previste sanzioni fino ad un importo massimo di 600 euro.

4 La raccolta differenziata... a CASA nostra Tutte le famiglie riceveranno a casa una biopattumiera e delle buste compostabili dove verranno gettati gli avanzi della cucina, gli scarti di frutta e verdura, i cosiddetti rifiuti organici. L organico raccolto sarà trasformato negli impianti di compostaggio in un prezioso concime naturale: il compost. Impareremo a rispettare l ambiente e daremo per primi l esempio.

5 che fa la differenza... nei PALAZZI In accordo con l amministratore di condominio saranno posizionati in ogni stabile dei bidoncini colorati in plastica riciclata. I contenitori verranno raccolti in base a un calendario, consegnato ad ogni famiglia, che indica i giorni e gli orari del servizio. Possiamo differenziare i rifiuti comodamente.

6 ... nelle STRADE dove abitiamo Spariscono i cassonetti di colore grigio, mentre restano le campane verdi e in alcune zone del porta a porta anche le campane gialle. Le vie e le piazze di Napoli diventano più belle, libere e pulite.

7 Modalità di RACCOLTA La raccolta dei rifiuti da parte degli operatori ASIA avviene in due modi: > Il bidoncino esposto sulla strada pubblica Una volta che è stato svuotato dagli operatori, sarà cura del condominio riportarlo all interno dello stabile. > Ingresso da parte dell operatore ASIA nel condominio L area individuata deve essere ritenuta praticabile da ASIA, cioè accessibile e compatibile con i tempi e i modi del servizio. Come avviene già nelle altre parti di Napoli dove già da alcuni anni si fa la raccolta differenziata, porta a porta abbiamo previsto il lavaggio dei bidoncini secondo due modalità: lavaggio meccanico con mezzo di piccola taglia e trattamento enzimatico. La frequenza dei lavaggi dei bidoncini colorati sarà diversificata a seconda della stagione dell anno. Per ogni famiglia gratis il kit per differenziare: la pattumiera per i rifiuti organici; la confezione di sacchetti compostabili; l opuscolo «manuale della raccolta differenziata»; a»; l opuscolo «la guida dei rifiuti dalla A alla Z», dove potrai trovare tutte le informazioni su come vanno differenziati i rifiuti; il calendario dei giorni di raccolta.

8 organico scarti alimentari Ci facciamo in quattro per la raccolta dell ORGANICO Ecco la novità più importante della raccolta porta a porta! Si tratta dell opportunità di fare la raccolta differenziata di quel che resta dei nostri pasti: residui della cucina o scarti di verdura e frutta. Nella nostra città, infatti, i rifiuti organici sono tanti (circa il 45% del totale): bisogna fare uno sforzo tutti insieme per recuperare questi materiali. Perché DIFFERENZIARE La raccolta differenziata dell organico riduce sensibilmente la produzione di rifiuti indifferenziati. Inoltre, siccome tali rifiuti sono composti per lo più da acqua, se lasciati tra l indifferenziato, la loro decomposizione produce il percolato, liquido molto nocivo per le discariche e il terreno. Trattati in impianti di compostaggio, i rifiuti organici si trasformano in ottimo concime naturale usato come humus per il terreno, evitando, in questo maniera, il ricorso a concimi chimici. Come DIFFERENZIARE Asia mette a disposizione delle famiglie una biopattumiera forata (in plastica riciclata) e una fornitura di buste compostabili. I rifiuti organici, una volta differenziati e lasciati sgocciolare, vanno depositati nella busta compostabile. La busta va buttata nel bidone condominiale con il coperchio di colore marrone. Gli orari di raccolta dei rifiuti organici sono indicati nel calendario. Ruolo di ASIA I rifiuti organici vengono avviati in impianti autorizzati, per il momento fuori dalla Regione Campania, per diventare ottimo concime naturale. Per informazioni aggiornate sugli impianti di destinazione visita il sito:

9 sì cosa no cosa non Scarti di cibo freddi e sgocciolati, crudi o cucinati, bucce, noccioli, verdure, carne, pesce, riso, pasta, pane, biscotti, formaggi, gusci d uovo, alimenti avariati, fondi di caffè, filtri di tè, camomilla. Tovagliolini o fazzoletti di carta unti, carta del pane sporca, cartoni di pizza sporchi di olio e tagliati a pezzi. Foglie e fiori provenienti dalla manutenzione di piante da appartamento, piante, terriccio dei travasi, legno da potatura e segatura, semi, tappi di sughero, cenere di legna, scarti di frutta e verdura. Liquidi in genere e olio vegetale. Pannolini e assorbenti. Tessuti naturali e sintetici, mozziconi e cenere di sigaretta. Scarti di piante malate o infestate, legno verniciato. Gusci dei frutti di mare tipo cozze, vongole, telline, lupini. Carta dei formaggi e dei salumi, lettiere per animali. Comportamenti che fanno la DIFFERENZA Ecco alcune raccomandazioni per una corretta raccolta differenziata 1) USIAMO LA BIOPATTUMIERA>Usate la biopat tumiera forata distribuita da Asia: i fori asciugano i rifiuti organici, rallentano la fermentazione e riducono i cattivi odori 2) UTILIZZATE BUSTE BIODEGRADABILI E/COMPOSTABILI 3) LA CARTA SPORCA NELL ORGANICO > Non siate timorosi di buttare nella raccolta dell organico i tovaglioli di carta sporchi e i cartoni della pizza sporchi ma tagliati a pezzi; la carta sporca, infatti, è molto utile nel processo di compostaggio perchè assorbe i liquidi 4) DIFFERENZIAMO GLI SCARTI DI GIARDINAGGIO> di potatura domestica (foglie, piccole potature, terriccio di piccoli vasi) direttamente nel contenitore dell organico, senza consumare il sacchetto biodegrandabile e/o compostabile. 9

10 carta cartoncino Ci facciamo in quattro per la raccolta della CARTA La carta, il cartone e il cartoncino rappresentano oltre il 20% dei rifiuti prodotti! Cerchiamo di ridurre tali rifiuti evitando, innanzitutto, gli sprechi di carta e, poi, differenziando in casa, a scuola e al lavoro. Così risparmieremo energia e risorse preziose contribuendo alla tutela del nostro ambiente. Perché DIFFERENZIARE La carta, il cartoncino e il cartone possono essere riciclati molte volte e dare vita a nuovi materiali cartacei, salvaguardando così la natura e riducendo nelle cartiere l impiego di materie prime, energia e acqua. In Italia, infatti, la produzione di carta viene effettuata in buona parte con carta, cartoncino e cartone recuperati dalla raccolta differenziata. Come DIFFERENZIARE La raccolta differenziata della carta va effettuata utilizzando i sacchi bianchi o i bidoncini con il coperchio bianco. La carta differenziata deve essere depositata negli orari indicati dal calendario. Ruolo di ASIA La carta, il cartoncino e il cartone raccolti da Asia vengono consegnati agli impianti convenzionati con il Consorzio Nazionale Imballaggi di Carta e Cartone (Comieco), attualmente a Anca Plastica (Napoli), Ecocart (Arzano, Na), Di Gennaro (Caivano, NA), Langella (Volla, Na) TecoEcologia (Quarto, Na). Per informazioni aggiornate sugli impianti di destinazione visita il sito:

11 sì cosa differenziare Giornali e riviste, carta da pacchi, imballaggi di carta e cartoncini in genere, sacchetti di carta. Cartoni per bevande con pellicola di plastica e/o alluminio (es. tetrapak), tabulati di fotocopie, quaderni e opuscoli, astucci e fascette in cartoncino, imballaggi di cartone. Scatole, scatoloni anche ondulati (appiattiti) cosi come gli imballaggi di cartoni aperti, piegati e legati devono essere depositati accanto al bidoncino bianco oppure se in grande quantità possono essere portati nelle isole ecologiche o nei centri di raccolta itineranti. Cartoncino per alimenti (pasta e riso). no cosa non differenziare Cartone e cartoncino sporco: esempi più comuni sono i tovaglioli di carta usati o il cartone delle pizze unto di olio; che vanno introdotto nel bidoncino dell organico, sempre ridotti a pezzi. I piatti, i bicchieri e le posate di carta vanno conferite nell indifferenziato: solo quelle di plastica ricavata dal mais con il marchio di biodegradabilità possono andare nei rifiuti organici. Meglio perciò utilizzare le stoviglie lavabili. Carta carbone, la carta chimica, la carta termica tipo gli scontrini fiscali e la carta con residui di colla. Comportamenti che fanno la DIFFERENZA Ecco alcune raccomandazioni per una corretta raccolta differenziata: 1) NON GETTIAMO LE BUSTE DI PLASTICA > Non gettate mai nei bidoncini per la carta le buste di plastica con cui raccogliete la carta. 2) NON ACCARTOCCIAMO I FOGLI > Evitate di accartocciare i fogli di carta perché perdono qualità e occupano più spazio. 3) PIEGHIAMO I CARTONI > Piegate e legate tra loro i cartoni più ingombranti per ridurne le dimensioni. 4) SPEZZETTIAMO I CARTONCINI > Ricordatevi di ridurre in pezzi i cartoncini per diminuire il volume degli imballaggi. 5) RECUPERIAMO GLI IMBALLAGGI > Differenziate tutti gli imballaggi di cartone: sono una risorsa preziosa per il macero della carta. 6) PULIAMO I CARTONI DELLA PIZZA > I cartoni della pizza possono essere conferiti insieme alla carta solo se non sono sporchi e dopo averli ridotti a pezzi.

12 multi materiale imballaggi in plastica e metallo Ci facciamo in quattro per la raccolta del MULTIMATERIALE (imballaggi in plastica e metallo) La parola multimateriale viene usata per la raccolta degli imballaggi in plastica e metallo. Si tratta, cioè, dei contenitori utilizzati per le confezioni dei prodotti e per proteggere gli alimenti. È necessario ridurre tali rifiuti, dapprima, attraverso il riuso (es. i prodotti alla spina) e, poi, differenziandoli con molta attenzione. Perché DIFFERENZIARE La fortissima diffusione della plastica è una delle maggiori emergenze ambientali del pianeta. Usare questo materiale, che resiste in natura anche per centinaia d anni, per imballaggi di breve durata costituisce una forma di spreco insostenibile. Gli imballaggi di plastica possono essere riciclati molte volte e dar vita a nuovi imballaggi. Il recupero di alluminio e metalli è, in genere, pressoché totale. Come DIFFERENZIARE Gli imballaggi di plastica e metalli a Napoli vengono raccolti nelle campane stradali, nei bidoncini e nei sacchi di colore giallo. Laddove non saranno distribuite le campane di colore giallo, gli imballaggi di plastica e metallo dovranno essere depositati negli orari di indicati dal calendario. Ruolo di ASIA Gli imballaggi di plastica e metallo raccolti a Napoli vengono avviati agli impianti autorizzati dal Consorzio Nazionale Imballaggi (Conai): in base agli attuali accordi li trasportiamo presso Di Gennaro (Caivano-NA) e S.R.I. (Gricignano-CE). Per eventuali nuove destinazioni consultate il sito:

13 sì cosa differenziare > CONTENITORI DI PLASTICA Bottiglie di plastica (acqua minerale, bibite, olio, succhi, latte), piatti e bicchieri di plastica flaconi e contenitori (sciroppi, creme, salse, yogurt, detersivi, saponi, cosmetici), vaschette rigide e retine (ad esempio per frutta, dolciumi, affettati, yogurt, pasta fresca, porta uova), buste della spesa, pellicola in genere e polistirolo da imballaggio, reggette in plastica, cellophane. > CONTENITORI DI METALLO Lattine, barattoli, tappi e coperchi metallici, fogli di alluminio, vaschette da forno, tubetti, scatole di acciaio, bombolette spray vuote e senza nebulizzatore non etichettate T e F, crucce in ferro, caffettiere, pentole e padelle in alluminio o acciaio di piccola dimensione, chiodi, viti, fili di ferro e materiali metallici di piccole dimensioni da manutenzioni domestiche. no cosa non differenziare Non possono essere differenziati nelle campane gialli: oggetti in plastica rigida, gomma e metallo che non siano imballaggi, per esempio: giocattoli, grucce per abiti, casette video, dvd e cd, apparecchiature elettroniche ecc oggetti in plastica rigida (isola ecologiche) fusti, taniche, tavoli, sedie, lettini e sdraio in plastica dura. Tubi elettrici e stendi abiti. Abiti usati, rifiuti urbani pericolosi (pile e farmaci). Inoltre, dalle analisi sulla qualità della raccolta differenziata emerge come vengano erroneamente buttati nel multimateriale: posate di plastica che vanno raccolti nel rifiuto indifferenziato proprio perché non sono degli imballaggi. Comportamenti che fanno la DIFFERENZA Ecco alcune raccomandazioni per una corretta raccolta differenziata: 1) MENO PLASTICA > Riduciamo l uso degli imballaggi di plastica laddove è possibile: es. bevendo l acqua del rubinetto, usando bottiglie di vetro, acquistando detersivi alla spina. 2) NON GETTIAMO LE BUSTE > Recuperiamo sempre la plastica con la raccolta differenziata, evitando di abbandonare, ad esempio, le buste in natura; la plastica è prodotta dal petrolio ed inquina pesantemente l ambiente: in particolare l aria e il mare. 3) SVUOTIAMO LE BOTTIGLIE > Prima di buttare i contenitori all interno del multi materiale eliminiamo i liquidi all interno e risciacquiamo per eliminare gli odori. 4) SCHIACCIAMO LE BOTTIGLIE > Schiacciamo le bottiglie e rimettiamo il tappo affinché non riacquistino la forma originaria. 5) NON DEPOSITIAMO FUORI DALLE CAMPANE > Evitiamo di abbandonare i sacchetti al di fuori delle campane di colore giallo. Se troviamo il contenitore pieno, cerchiamo l altro più vicino.

14 vetro Ci facciamo in quattro per la raccolta del VETRO Il vetro è uno dei materiali più riciclabili perché le bottiglie, i barattoli e i vasetti ottenuti attraverso il riciclo sono identici a quelli prodotti ex novo. Se, invece, non viene recuperato, il vetro non è assolutamente biodegradabile, cioè non si decompone in natura e rimane per sempre sepolto in discarica. Pensate, dunque, quale danno ambientale e spreco economico causiamo, quando non ricicliamo il vetro e lo buttiamo nell immondizia indifferenziata. Perché DIFFERENZIARE Una volta raccolto nella campana, Asia trasporta il vetro dapprima all impianto di selezione e poi alla vetreria. Qui viene triturato, fuso e trasformato in nuovi oggetti: bottiglie, barattoli e vasetti. Tali operazioni richiedono temperature di fusione più basse, con conseguente risparmio energetico e riducono l utilizzo di silice, la materia prima del vetro che si ottiene dalla sabbia delle nostre coste. Come DIFFERENZIARE La raccolta differenziata del vetro a Napoli avviene attraverso l utilizzo delle campane di colore verde. Ruolo di ASIA Il vetro verrà avviato agli impianti di pretrattamento convenzionati con il Consorzio Recupero Vetro (CO.RE.VE): Eurovetro (Volla, NA) e successivamente alle vetrerie. dato che gli accordi con gli impianti di destinazione possono subire dei cambiamenti vi invitiamo a visitare il sito:

15 sì cosa differenziare Bottiglie e bottigliette in vetro, senza il tappo. Flaconi, barattoli, vasi in vetro, senza il coperchio. Bicchieri, anche se rotti. no cosa non differenziare Ci sono materiali molto simili al vetro, ma in realtà non lo sono. Il caso più problematico è: vetroceramica (pirex), usata per le pirofile da forno. Basta un solo frammento di ceramica o pirex per vanificare il processo di riciclo. Gli altri materiali da non differenziare nel vetro sono: lampadine, neon e specchi che contengono sostanze pericolose per l ambiente, lastre di vetro o cristalli a piombo che contengono un elevata quantità di metalli pesanti come il piombo. Comportamenti che fanno la DIFFERENZA Ecco alcune raccomandazioni per una corretta raccolta differenziata: 1) MEGLIO IL VETRO DELLA PLASTICA > Preferiamo il vetro alla plastica riutilizzandolo però più volte, viste le sue qualità di conservazione. 2) SCEGLIAMO IL VUOTO A RENDERE > Laddove è possibile proponiamo ai nostri negozianti di fiducia di adoperare il sistema del vuoto a rendere. 3) SVUOTIAMO LE BOTTIGLIE > Non è necessario risciacquare gli imballaggi in vetro prima di differenziarli, ma è molto importante svuotarli da eventuali residui liquidi. 4) TOGLIAMO I TAPPI > Non preoccupiamoci di eliminare etichette ma ricordiamoci sempre di togliere tappi e coperchi e buttarli nel multi materiale. 5) NON ABBANDONARE VETRI PERICOLOSI > Non abbandonare mai in prossimità delle campane del vetro lastre, specchi, boccioni, damigiane. Oltre a sporcare le strade, rischiano di ferire i passanti e gli operatori di Asia. È necessario portarli ai centri di raccolta oppure prenotare il prelievo gratuito, telefonando al numero verde Asia

16 indifferenziato Ci facciamo in quattro per ridurre i rifiuti INDIFFERENZIATI I rifiuti indifferenziati costituiscono la parte di immondizia che produce il maggiore impatto ambientale. A Napoli sono l 80% dei rifiuti prodotti ma potrebbero essere ridotti fino al 20%. Perché RIDURRE L elevata produzione di rifiuti indifferenziati rappresenta la causa principale della nostra emergenza rifiuti. I rifiuti indifferenziati non possono essere immessi in nessuno dei circuiti di riciclo e sono, quindi, smaltiti in discarica o negli inceneritori. La parola d ordine al riguardo è ridurli attraverso una corretta raccolta differenziata. Come RIDURRE La prima attenzione va posta al momento dell acquisto. È indispensabile scegliere prodotti che rispettino l ambiente con una vita di utilizzo più lunga, confezioni essenziali o contenitori ricaricabili. Rinunciamo ad esempio alle stoviglie monouso o ai prodotti usa e getta. Inoltre è buona norma riciclare. Riusiamo i contenitori e destiniamo gli oggetti a nuove funzioni oltre a donarli ad altre persone (es. gli abiti usati). Infine è obbligatorio recuperare tutti i rifiuti compatibili con la raccolta differenziata. Evitiamo di porre nel bidone dell indifferenziato rifiuti organici, vetro, carta e multimateriale. La raccolta differenziata è un obbligo di legge, potreste essere sanzionati. Il colore di riferimento per la raccolta dell indifferenziato è blu, nelle zone dove è attivo il porta a porta; non utilizzate i sacchetti biodegradabili e compostabili consegnati da Asia.

17 sì sono rifiuti indifferenziati Carta oleata o plastificata. Gomma, plastiche non aventi funzione di imballaggio (giocattoli, posate, pannolini; pannoloni e assorbenti in genere; CD, musicassette, DVD, VHS, penne e pennarelli, sacchi per aspirapolvere, spazzolini, collant, rasoi in plastica, giocattoli). Polveri dell aspirapolvere. no non sono rifiuti indifferenziati Tutti i materiali riciclabili (frazione organica, carta e cartone, vetro, imballaggi in plastica e metallo). Sostanze liquide, farmaci, pile scariche e batterie d auto, sostanze tossiche. Calcinacci, pneumatici; rifiuti ingombranti e apparecchiature elettriche ed elettroniche, indumenti usati. Cartucce, toner e vernici molto pericolosi per il nostro ambiente. Lettiere per animali domestici. Ceramiche e porcellane (isole ecologiche). Ruolo di ASIA La frazione indifferenziata, in quanto non riciclabile, va smaltita in modo da provocare il minor danno possibile all ambiente. Asia ha il solo compito di trasportare questo rifiuto negli impianti indicati dalla Regione Campania.

18 altri rifiuti domestici Ruolo di ASIA Asia si occupa della raccolta attraverso servizi esclusivi e gratuiti e fa in modo che ogni materiale sia avviato al recupero grazie a operatori autorizzati che eseguiranno le lavorazioni in impianti dedicati. Ci facciamo in quattro per smaltire gli ALTRI RIFIUTI DOMESTICI Da molto tempo Asia dà l opportunità a tutti i cittadini di smaltire gratuitamente i rifiuti che non rientrano nel normale circuito di raccolta differenziata. Perché SMALTIRE Come SMALTIRE Alcuni rifiuti domestici sono particolarmente dannosi per l ambiente e possono essere riciclati attraverso lavorazioni in carico ad Asia. sì sono rifiuti domestici Esistono due servizi gratuiti per lo smaltimento degli altri rifiuti urbani: > trasportarli presso i centri di raccolta comunali: le isole ecologiche; > usufruire del ritiro a piano strada dei rifiuti ingombranti attraverso il numero verde Asia da lunedì a venerdì dalle 8 alle 18 e il sabato dalle 9 alle 13. Tutte le tipologie particolari di rifiuti che non rientrano nel ciclo di raccolta differenziata stradale: cucine, lavatrici, frigoriferi e altri elettrodomestici; televisori, apparecchiature informatiche e di illuminazione (fari, neon, lampadine); pile usate, batterie d auto, toner per cartucce e stampanti; farmaci scaduti; abiti dismessi; grandi quantità di carta e cartone e multimateriali; cassette di plastica o di legno; olio vegetale e lubrificanti, ingombranti (mobili, materassi, reti, quadri, specchi, ceramiche, tappezzerie ecc.); vetro in lastre e damigiane; manufatti in ferro e legno (termosifoni, porte, balaustre) ecc

19 LE ISOLE ECOLOGICHE Le isole ecologiche - centri comunali di raccolta - non sono una discarica e neppure un impianto di trattamento rifiuti. In un sistema basato sulla raccolta differenziata porta a porta, in cui i rifiuti vengono ritirati in base a un calendario preciso, il centro di raccolta ha un importanza fondamentale per il cittadino perché garantisce quotidianamente la possibilità di conferire tutti quei rifiuti che non vanno nei contenitori consegnati alle famiglie e alle attività. Il Comune ha varato un programma per la realizzazione di questi impianti di supporto per la raccolta differenziata, in base alle indicazioni tecniche di ASIA Napoli. Dove si trovano Attualmente i centri di raccolta comunali, (isole ecologiche) attivi sono quelle di Via Saverio Gatto (Colli Aminei), Via Emilio Salgari (Ponticelli), viale Ponte della Maddalena (Centro città) e Viale della Resistenza (Scampia) Isole ecologiche ITINERANTI In attesa che i centri di raccolta comunali fissi siano realizzati in tutta la città, il Comune di Napoli insieme ad Asia ha lanciato un programma che prevede dei centri di raccolta itineranti su tutto il territorio della città. Per maggiori informazioni sui luoghi e gli orari dei centri di raccolta itineranti visita il sito

20 Per continuare a far crescere la raccolta differenziata a Napoli, serve il contributo volontario di tutti e in particolare della società civile. A questo scopo, ASIA promuove la campagna di partecipazione RIFIUTI+ADESIONI per coinvolgere i napoletani nella diffusione di una nuova cultura ambientale e per la riduzione dei rifiuti indifferenziati. Questo manuale è stampato su carta riciclata certificata greenpaper Hanno smesso di rifiutarsi in tanti: cittadini, scuole, commercianti, aziende, associazioni, istituzioni, media... aderisci anche tu come volontario ambientale! Puoi mandare le tue idee o proposte a: Numero Verde

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. UNIONE DEI COMUNI Agugliano Camerata Picena Offagna Polverigi Santa Maria Nuova Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. Raccolta differenziata porta a porta. A.T.I. Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como www.apricaspa.it www.comune.como.it COMUNE DI COMO 1 2 Indice Insieme verso il 6 5% di raccolta differenziata pag. 4 Perché fare la raccolta

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fare la raccolta differenziata In provincia di Modena, ogni giorno produciamo 1,75 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta differenziata

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

Dividere i rifiuti. bidone giallo Caritas. centro di raccolta. assorbenti igienici. audio e video cassette e custodie

Dividere i rifiuti. bidone giallo Caritas. centro di raccolta. assorbenti igienici. audio e video cassette e custodie Dividere i rifiuti A TIPOLOGIA RIFIUTO abiti accendino accumulatori acidi alcool denaturato alcool etilico alluminio contenitori alluminio oggetti di grandi dimensioni amianto ampolle anticrittogamici

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014

Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014 Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014 OGGETTO Abbigliamento Abiti Accendini Accumulatori Acetone Acquaragia Adesivi chimici Agende di carta e/o cartoncino Albero di Natale vivo Alimentatori

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... VetReRiA CARtieRA CoMPoStAggio Regione del Veneto Presidente Giancarlo Galan Assessore alle Politiche dell Ambiente Giancarlo Conta Segretario

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Concorso La scuola più riciclona

Concorso La scuola più riciclona Il futuro è nella nostra natura Concorso La scuola più riciclona Nell'ambito del Piano dell'offerta Formativa Territoriale (POFT) 2014/2015, il Comune di Bitonto indice il concorso La scuola più riciclona

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente

più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente guida al compostaggio più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente Ho in testa una gran bella idea: Brescia più bella, più sana, più pulita. Un obiettivo possibile, adottando semplicemente

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI via Belenzani, 18 I 38122 Trento tel. 0461 884935 I fax 0461 884940 servizio_ambiente@comune.trento.it Orario di apertura al pubblico: da lun. a ven. 8. 30-12 LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO:

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

Negli UFFICI. 28 settembre 2010

Negli UFFICI. 28 settembre 2010 Negli UFFICI Come si fa 28 settembre 2010 Dai suggerimenti ai benefici Alcuni sono di facile attuazione, altri sono complessi o/e onerosi economicamente. Ovviamente non è necessario adottarli tutti e subito

Dettagli

ilmondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti

ilmondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti il mondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti Lo Sviluppo Sostenibile è quello sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

Realizzato in PET riciclato. La natura ci guida. Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it

Realizzato in PET riciclato. La natura ci guida. Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it Realizzato in PET riciclato La natura ci guida Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it Insieme per l ambiente. La nuova vita della plastica Questo supporto è stato realizzato con materiale riciclato:

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino La città di Leonia rifà se stessa tutti i giorni: ogni mattina la popolazione si risveglia tra lenzuola fresche, si lava con saponette appena sgusciate dall'involucro, indossa vestaglie nuove fiammanti,

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 1 LIFTKAR, il carrello motorizzato saliscale e MODULKAR, il carrello manuale. 2 3 Caratteristiche principali: 1) Tubolare in Alluminio in

Dettagli

CAPANNORI VERSO RIFIUTI ZERO AL 2020 MARZO 2011. Comune di Capannori 1

CAPANNORI VERSO RIFIUTI ZERO AL 2020 MARZO 2011. Comune di Capannori 1 CAPANNORI VERSO RIFIUTI ZERO AL 2020 MARZO 2011 Comune di Capannori 1 INTRODUZIONE GENERALE Capannori, 46.000 abitanti in Provincia di Lucca, è stato il primo Comune in Italia ad aver aderito alla Strategia

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO Consorzio Intercomunale di Servizi per l Ambiente LOGO COMUNE COMUNE di REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO data: OTTOBRE 2012 SOMMARIO

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Trekking di più giorni

Trekking di più giorni SEZIONE DI MORTARA Trekking di più giorni Cosa portare nello zaino Escursioni di più giorni Per i trekking il discorso peso diventa ancora più importante delle escursioni di un giorno o due. Portare sulle

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO

PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO REGIONE UMBRIA PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI: PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO 1 INDICE 1. Introduzione: importanza

Dettagli

w w w. c m r i s t o r a z i o n e. i t

w w w. c m r i s t o r a z i o n e. i t BOCCALE 4 STAGIONI Senza capsula 41,5 cl Quattro stagioni bottiglia 20 CL bottiglia 40 CL SAGITTA VINO BIANCO Calice 44 cl SWING Bottiglia 25 cl Bottiglia 50 cl OFFICINA 1825 Bicchiere 30 cl ROCKBAR Bicchiere

Dettagli

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO La gestione ambientale di una struttura turistica prevede di porre sotto controllo, gestire e ridurre gli impatti ambientali legati al ciclo di vita

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

UNO SVILUPPO SOSTENIBILE PER I RIFIUTI URBANI

UNO SVILUPPO SOSTENIBILE PER I RIFIUTI URBANI Liceo di Lugano 2 Lavoro di maturità interdisciplinare in Economia e Diritto e in Geografia (2003) Da Rio a Johannesburg: lo sviluppo sostenibile UNO SVILUPPO SOSTENIBILE PER I RIFIUTI URBANI Alessia Salmina

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

People. Process. Product.

People. Process. Product. People. Process. Product. INTRODUZIONE Il programma StoreSafe è stato creato per identificare i prodotti Cambro che aiutano gli operatori nel settore della ristorazione collettiva a soddisfare i requisiti

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

COS È L ALLUMINIO? UN PROGETTO DI

COS È L ALLUMINIO? UN PROGETTO DI COS È L ALLUMINIO? UN PROGETTO DI 1. STORIA DELL ALLUMINIO 2. COME SI PRODUCE 3. CICLO DELL ALLUMINIO 4. ALLUMINIO INTORNO A NOI 5. LO SAPEVI CHE? UN PROGETTO DI STORIA DELL ALLUMINIO LE ORIGINI DELL ALLUMINIO

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

Eco Natural Lucart: la nuova generazione di carta ecologica

Eco Natural Lucart: la nuova generazione di carta ecologica Natural Lucart: nuova generazione di carta ecologica Una gamma di prodotti INNOVATIVA nel filosofia produttiva, eccellente nelle PRESTAZIONI ed ECOLOGICA al 100%. Professional TecHnology La prima carta

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Alimentazione Switching con due schede ATX.

Alimentazione Switching con due schede ATX. Alimentazione Switching con due schede ATX. Alimentatore Switching finito 1 Introduzione...2 2 Realizzazione supporto...2 3 Realizzazione Elettrica...5 4 Realizzazione meccanica...7 5 Montaggio finale...9

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

Logistica di Amazon. Guida rapida alla creazione della spedizione

Logistica di Amazon. Guida rapida alla creazione della spedizione Logistica di Amazon Guida rapida alla creazione della spedizione Come inviare le spedizioni Logistica di Amazon ad Amazon in modo efficiente e senza intoppi Agenda 1 2 3 4 5 6 7 Creazione di una spedizione

Dettagli

Il sistema di lavaggio ActiveWater concentrato in 55 centimetri.

Il sistema di lavaggio ActiveWater concentrato in 55 centimetri. Il sistema di lavaggio ActiveWater concentrato in 55 centimetri. Nuove lavastoviglie ActiveWater Smart. Il massimo delle prestazioni in dimensioni ridotte. Sistema ActiveWater. Lavaggi perfetti, risparmio

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

Più intelligenti e più ecologici. Consumare e produrre in maniera sostenibile

Più intelligenti e più ecologici. Consumare e produrre in maniera sostenibile Più intelligenti e più ecologici Consumare e produrre in maniera sostenibile 1 Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea.

Dettagli

Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum. Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News

Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum. Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News 1 di 9 1/30/2009 4:47 PM Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News ITALIA, DOVE MUOIONO I PC E I CELLULARI OBSOLETI Quando gli italiani

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

Risparmiare acqua ed energia. Molti ne parlano, ecogenius lo rende concreto ad ogni lavaggio.

Risparmiare acqua ed energia. Molti ne parlano, ecogenius lo rende concreto ad ogni lavaggio. Risparmiare ed energia. Molti ne parlano, ecogenius lo rende concreto ad ogni lavaggio. Nuove lavastoviglie ecogenius. The future moving in. Risultati straordinari nel risparmio d. Con le nuove ecogenius,

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

CODICI CER NON PERICOLOSI

CODICI CER NON PERICOLOSI CODICI CER NON PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 01 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali 01 01

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano Eine Un iniziativa Initiative von Coop Coop con

Dettagli