Introduzione. Il Responsabile Area Minori e.p. Nicola Conti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione. Il Responsabile Area Minori e.p. Nicola Conti"

Transcript

1 L ESTATE RAGAZZI ALBA 2004, dal titolo P..Artiamo per l Estate, vede coinvolti, per la città di Alba, circa 900 bambini, dai 6 ai 14 anni, suddivisi in dieci Centri cittadini: parrocchia Divin Maestro, Parrocchia S. Cassiano, Centro Storico, parrocchia Cristo Re, G.S. Europa, parrocchia Mussotto, parrocchia Moretta, Casa M. Ausiliatrice, parrocchia S. Rocco Cherasca e parrocchia S. Margherita. Si tratta di un Servizio messo in atto dal Comune e affidato, per la gestione, al Consorzio Socio Assistenziale Alba - Langhe - Roero in cui si convogliano aspetti ludici ma soprattutto educativi, che gli oltre 190 animatori ed aiuto animatori svolgono direttamente. Anche quest anno si è scelto di dedicare una parte del tempo investito a progetti specifici cercando in questo modo di aiutare i ragazzi a riflettere, sperimentarsi e mettersi in gioco su tematiche più impegnative. L Estate 2004 vede il progetto Ambientiamoci innestarsi sull ordinaria attività, apportando, in tal modo, un significativo valore aggiunto. Si coglie l occasione di questa pubblicazione per ringraziare chi pensa, organizza e gestisce queste attività, rivolte a quelli che saranno i Cittadini del Domani Il Responsabile Area Minori e.p. Nicola Conti Introduzione

2 Premessa Il progetto Ambientiamoci ha offerto la possibilità ad ogni centro di attivare percorsi di sensibilizzazione, promozione e cura dell ambiente e delle sue risorse, cercando di sviluppare al massimo atteggiamenti di responsabilità e consapevolezza. I ragazzi hanno avuto modo di formarsi e sperimentarsi in azioni concrete: laboratori, giochi e uscite sono serviti da stimolo per porre attenzione a temi strettamente collegati all ambiente. Potendo, infatti, approfondire direttamente le conoscenza delle materie prime e dalla loro importanza, si é cercato di sensibilizzare ad una maggiore coscienza del loro utilizzo e della possibilità reale di limitarne gli sprechi. Analogamente si è posta attenzione al territorio e alle sue condizioni di pulizia, all utilizzo delle risorse primarie e alla raccolta differenziata. Il coinvolgimento attivo dei ragazzi, poi, ha permesso di dare vita ad un percorso originale di educazione e di responsabilità, condiviso con gli animatori. I ragazzi si sono, così, avvicinati al tema in maniera positiva attraverso percorsi l osservazione, la sperimentazione e la rielaborazione delle esperienze stesse. Un frutto di tutto il lavoro è sicuramente questo libretto, all interno del quale vengono riportati parte delle attività realizzate: fotografie, impressioni, flash, scritti o immagini diventano quindi segni del cammino fatto dai ragazzi e dagli animatori di tutti i centri. Sprecare meno, riciclare di più e differenziare sempre sono i sottotitoli di questo scritto ma sono anche testimonianza delle tre aree su cui maggiormente si è operato.

3 L intero ambito cittadino si è reso un po sfondo di tutto il percorso creando così un ulteriore obiettivo: dare visibilità a quanto fatto, incidere, sebbene in maniera meno diretta, su tutta la popolazione e fissare i percorsi realizzati, al fine di renderli esperienza condivisibile, e di coniugare le tematiche ambientali con quelle prettamente educative. Non si ritiene infatti che possa esistere una crescita individuale avulsa da un contesto fisico e relazionale. Questo libretto, i lavori che ogni Centro metterà a disposizione della comunità locale (cartelloni, attrezzature per la raccolta differenziata...) così come la creazione di uno slogan che si utilizzerà come tema per adesivi da divulgare (al fine di prevenire atteggiamenti negativi) resteranno così, una traccia visibile di quest estate Con la speranza che tale lavoro possa diventare una risorsa per tutti e ringraziando chi ha permesso il realizzarsi di questo progetto, auguriamo una Buona lettura! 3

4 ...In natura nulla si crea e nulla si distrugge ma tutto si rigenera... 4

5 dobbiamo sprecare meno Non è mai facile affrontare un tema così attuale e importante come quello dell ambiente e di tutte le conseguenze legate alle azioni scorrette dell uomo. Questo argomento è costantemente sulla bocca di tutti, media e giornali ne parlano spesso con reticenza e difficoltà ma anche con la consapevolezza di aver a che fare con un problema di importanza locale e mondiale. Da parte nostra abbiamo cercato di analizzare soprattutto i comportamenti che riguardano l utilizzo dei rifiuti, dell acqua, dell energia e che possono essere corretti o migliorati nella quotidianità di ogni giorno. Il punto di partenza della nostra riflessione è stato proprio quello che è il risultato delle nostre azioni spesso molto poco ambientaliste: cioè quel famigerato cestino della spazzatura tanto facilmente pieno e pesante quanto difficilmente evitabile per le nostre esigenze. dobbiamo sprecare meno Questo punto è stato fondamentale per comprendere lo spreco di una delle risorse più importanti del nostro pianeta: l acqua. Infatti abbiamo notato come sia elevato lo spreco d acqua in determinate azioni della nostra giornata: mentre ci laviamo i denti, ci facciamo la doccia, usiamo lo scarico del wc o semplicemente non chiudendo il rubinetto. Sprecare meno

6 Con i ragazzi abbiamo cercato di dare delle regole per ridurre al minimo lo spreco di acqua nel nostro Centro; sono nati, così, I DIECI COMANDACQUA 1 Chiudere sempre il rubinetto dopo aver bevuto 2 Ricordarsi di chiudere sempre lo scarico del wc dopo averlo usato 3 Se un bambino ha dimenticato di chiudere un rubinetto, lo facciamo noi al posto suo 4 Evitare di usare l acqua per schizzare gli altri bambini, gli specchi e i pavimenti dei bagni 5 Tenere chiuso il rubinetto mentre ci si lava i denti 6 Usare l acqua avanzata durante i pasti per bagnare le piante 7 Aprire il rubinetto mai al getto massimo ma regolarlo in modo da non sprecare l acqua 8 Evitare i gavettoni e non giocare con la pistola ad acqua 9 Bagnare la sabbia nella sabbionaia lo stretto indispensabile 10 In coda per bere tenere sempre il rubinetto chiuso tra un bambino e l altro L idea di realizzare Arcobaleno è nata dalla voglia di creare un personaggio che fosse in grado di insegnare ai ragazzi l utilizzo di alcuni materiali di recupero, come cartone, bottiglie, bicchieri di plastica,lana, stoffa e che, al con tempo, fosse anche l esternazione di uno dei concetti più grandi e attuali: la pace. 6

7 Abbiamo imparato a utilizzare materiali di recupero per creare simpatici pupazzi. Gli ingredienti sono stati: la segatura di una segheria, vecchie calze di nylon, bottoni, spago e semi di prato. Abbiamo riempito la calza con i semi ricoprendoli con la segatura, chiudendola con un nodo realizzato con l aiuto degli animatori. Dopo abbiamo attaccato i bottoni per gli occhi e fatto un nodino per il naso. Da ultimo è stata disegnata la bocca e, così, finalmente il nostro Casimiro era pronto. Adesso tutti i giorni lo bagniamo sulla testa aspettando che i suoi capelli di erba crescano. Ieri abbiamo costruito da soli alcuni giocattoli veri con i tappi di sughero, il cartoncino colorato e gli stuzzicadenti della cucina. Abbiamo costruito una barca, un aereo e persino un treno con tutti i vagoni. Mi sono divertito molto.. VIAGGIO NELLA PIANA DELLE EX LUMACHE TRISTI C era una volta una banda di ragazzotti che non amava giocare a calcio, guardare la televisione o andare in bicicletta, come era invece abitudine dei compagni. 7

8 Il loro passatempo preferito era recarsi tutti i giorni al Pian delle Lumache Tristi, diventata la loro sede di giochi sballati e nascosti, guidati dalla suggestione che provocava un cumulo di macerie e di rifiuti riversati dal popolo distratto della città. Quella montagna di rifiuti rappresentava per loro il mondo dei colori, dei rumori, dei sogni, che non avevano nulla a che vedere con quelli del mondo ordinato e familiare che li circondava: plastica, lattine, travi e assi di legno, stoffa, contenitori in disuso, lamiera, vetro, cartone, giornali e riviste vecchie erano i residui di una vita domestica di un popolo che emarginava la bellezza delle periferie. Marco, tra tutti i ragazzi della banda, era un acuto osservatore dell ambiente e vedeva in quegli oggetti tutta la ricchezza che gli stessi potevano ancora dare ed essere (continua a pagina 12) 8

9 Proviamoci anche noi Ogni bimbo ha portato da casa qualcosa (es. bottoni rotti, tappi di sughero o di bottiglie, pezzi di stoffa, giornali vecchi) che, non servendo più, sarebbe stato buttato via. Con questi oggetti hanno realizzato bellissime composizioni e disegni Un altro laboratorio interessante è stato quello con le lattine: le abbiamo trasformate in originali portacenere. Li abbiamo prodotti tagliando le lattine in spicchi che abbiamo poi incrociato e incollato sulla base del portacenere realizzata con quella delle lattine. Creare un sole con la faccia è stato facile: ci vuole un pallone rotondo, della colla, della carta da cucina e un pennello. Spalmando di colla mista ad acqua il palloncino e mettendo strisce di carta sul palloncino fino a coprirlo solo metà, cercando di rendere il tutto più rotondo possibile; si crea così una superficie che asciugando diventa solida e a forma sferica. Una volta perfettamente asciutta si colora con i colori più belli e vivaci e quando anche il colore è Recuperare di più

10 colore è asciugato si può staccare la nostra forma di carta e colla dal pallone. Con dei fondi di bottiglia tagliati a triangolo abbiamo fatto i raggi del sole e li abbiamo attaccati tutt intorno alla nostra mezza sfera di carta, li abbiamo colorati ed abbiamo disegnato gli occhi e la bocca ai nostri soli. IL SOGNO DI JEORGE C era una volta una città di nome SPAZZATUR-CITY, dove viveva un bambino di nome Jeorge. Egli sporcava sempre, buttando cartacce per terra. Una notte fece un sogno. Sogno che la sua città si trasformava nella città più sporca del mondo: monti di spazzatura invece che montagne ricoperte di corallo e al posto di piante fiorite solo tanta immondizia. Allora, capendo che ciò gli dispiaceva, decise di migliorare la sua città. Quando si sveglio, andò subito in comune, comunicando al sindaco la sua proposta di cambiamento. Il sindaco, essendo d accordo, riunì tutti i cittadini, pregando loro di non sporcare più la città, altrimenti si sarebbe trasformata in una vera e propria spazzatura. Da allora la città si chiamo : RECICLUB- CITY. 10

11 Sono state seguite anche alcune tracce di riflessione sulla modalità dei ragazzi di buttare via gli oggetti. Per far ciò abbiamo proposto la battaglia dei giornali, che richiedeva la divisione dei ragazzi in due gruppi all interno di un terreno di gioco delimitato e diviso da una riga di metà campo. Al via sono stati buttati nelle due parti del campo diversi fogli di giornale appallottolati. Lo scopo del gioco era di mandarli nel campo avversario, liberandosi dei rifiuti. Trascorsi cinque minuti vinceva la squadra con meno immondizia nella propria parte di gioco. Abbiamo affrontato anche il tema dell inquinamento del mare, attraverso un laboratorio ludico. Le squadre erano due: gli inquinatori e i pesci. Su un telo teso il mare la squadra degli inquinatori buttava rifiuti mentre i pesci, da sotto, dovevano liberarsene. Da qui è emersa l importanza di avere un rispetto particolare per il mare, perché buttandoci dentro ogni sorta di rifiuti rendiamo difficile la vita ai pesci ma anche a noi stessi. Spesso, infatti, quando facciamo il bagno d estate ci troviamo a nuotare tra l immondizia altrui e, talvolta, nostra. Per evitare di buttare via una vecchia casetta di legno e comprarne una nuova, abbiamo realizzato con gli animatori una nuova struttura con il materiale di recupero trovato in Oratorio. Così, con seghe, martelli e chiodi abbiamo ristrutturato la nostra casa, intitolandola La casa della pace. I colori utilizzati per dipingerla sono stati quelli dell arcobaleno, proprio in onore della pace. La casa è stata disegnata e colorata anche all interno, con un arredo di cuscini realizzati con stoffa, ago, filo e fogli di giornale. Accanto alla struttura abbiamo ricavato 11

12 un piccolo orto dove abbiamo piantato fiori ed erbe aromatiche, come il basilico che ci servirà poi per preparare un gustoso pesto per condire la pasta. La casa ora è un vero splendore e i bimbi più piccoli hanno finalmente un posto importante dove giocare. (Continua il) VIAGGIO NELLA PIANA DELLE EX LUMACHE TRISTI..Marco, a questo punto, chiama Alì e gli dice: «Alì, che cosa ti suggerisce questa montagna di spazzatura?». Alì, osservandola attentamente, risponde: «E un mucchio di rifiuti, ho giusto qui un accendino per dargli fuoco!». Marco:«Ma sei fuori!? Se bruciamo i rifiuti inquiniamo l aria e rischiamo che vengano a prenderci e non ci permettano più di giocare qui! Le vedi tutte quelle bottiglie colorate? Secondo me potrebbero diventare un lampadario o un porta vasi. Invece, con il cartone, potremmo fare delle cornici e delle maschere. Il polistirolo potrebbe diventare, sbriciolandolo, neve, molto più bianca di quella grigia ed inquinata che cade in inverno. Con il legno, potremmo preparare dei cestini per i rifiuti, delle panchine per i parchi, dei tavoli e delle sedie per i pic-nic o delle giostre». 12

13 Alì: «Hai ragione! Così potremmo venire a prepararci dei pranzetti e delle cenette e li potremmo mangiare seduti ai nostri tavoli!». A questo punto Alì chiama immediatamente i suoi compagni di avventura e li mette al corrente della proposta fatta da Marco. Da quel giorno la discarica non è più solo il luogo del gioco, ma cantiere che produce oggetti simpatici e, perché no, anche utili. La carta dei quotidiani e delle riviste era stata messa a macerare nelle pozzanghere di acqua per diventare carta pesta; le bottiglie di plastica erano diventate grappoli colorati come lampadari; le lattine delle bibite dei suonavento, che ad ogni brezza tintinnavano e accompagnavano il lavoro dei ragazzi; il legno, inchiodato ed assemblato, è diventato l arredo domestico dell ambiente; i vetri, incollati ad un rudere di una parete, sono diventati un mosaico che al passare del sole riflette raggi multicolori. In pochi giorni di gioco e lavoro quell ambiente triste e desolato, deturpato dalla distrazione del popolo della città, era diventato, quasi per magia, un ambiente allegro e vissuto non più soltanto de quei ragazzi che fuggivano dalla città. (continua a pagina 25) L accumulo di materiali diversi ha reso possibile il loro utilizzo durante le attività di laboratorio. In particolare abbiamo sfruttato i nostri rifiuti, cioè quelli che produciamo durante le merende: i vasetti 13

14 vuoti di yogurt per costruire maracas, lattine vuote per dar vita a magnifiche sculture, barattoli di vetro per formare variopinte lampade. Noi ragazzi abbiamo notato che, nei giardinetti, c è una scarsa presenza di contenitori per i rifiuti e per questo alcune persone, un po per pigrizia è un po per maleducazione, tendono a disperdere nell ambiente alcuni rifiuti come lattine vuote, cartacce, mozziconi di sigarette, bottiglie vuote, fazzoletti di carta usati, ecc... Per questo, noi dell Estate Ragazzi, abbiamo pensato di risolvere questo problema, unendo lo sport e la salvaguardia dell ambiente, per mezzo di contenitori di rifiuti. Ecco come li abbiamo creati: FASE 1: Dopo esserci procurati dei pannelli di legno, li abbiamo ricoperti integralmente di cementite e, in seguito lasciati asciugare. FASE 2: Poi li abbiamo abbelliti con colori e forme vivaci. 14

15 FASE 3: Successivamente, per mezzo di un martello e di alcuni chiodi abbiamo fissato al pannello i contenitori per i rifiuti....ed IL RISULTATO??? VI ASPETTIAMO DI PERSONA A VEDERE CON I VOSTRI OCCHI 15

16 abbiamo disegnato con le tempere, alcuni disegni li abbiamo fatti diluendo (molto!) la tempera con materiali di recupero: per l arancione la fanta,per il marrone il caffè e la coca-cola Ci sono venute anche altre idee il gioco con i rifiuti. Prendendo spunto da libri e giornali e sempre utilizzando bottiglie di plastica, giornali, cartoncini e lattine abbiamo realizzato alcuni modelli di case tipiche delle varie zone del mondo che stiamo osservando e scoprendo durante quest Estate Ragazzi. In particolare abbiamo progettato ed elaborato un grattacielo delle metropoli americane, una capanna delle zone del centro Africa, una piramide Maya (centro sud America) e un tempio indiano. 16

17 Abbiamo riflettuto con i ragazzi sulla raccolta differenziata ed i contenitori adatti Questo è stato il primo passo nel cercare di migliorare il nostro rapporto con l ambiente a noi vicino. In ogni angolo del cortile della parrocchia sono stati sistemati numerosi bidoni per la raccolta differenziata: vetro, carta, plastica e lattine. Grazie alla divisione di questi rifiuti abbiamo immediatamente notato che il nostro famoso cestino della spazzatura si riempiva molto meno facilmente di prima. Differenziare sempre

18 Per accostare i bambini più piccoli al complesso tema della raccolta differenziata sono stati proposti alcuni giochi sui rifiuti così che i ragazzi, divertendosi, potessero riflettere sui piccoli gesti quotidiani da loro compiuti. Si è cercato di far loro capire l importanza e il peso dell imballaggio di un prodotto, che rappresenta circa il 50% del totale dei rifiuti soli urbani. Gli imballaggi, infatti, hanno un brevissimo ciclo di vita e costituiscono un volume che finisce in discarica, saturando lo spazio disponibile in maniera selvaggia.si è inoltre tentato di ragionare sull importanza che ciascuno di noi da all estetica di un prodotto, alimentare o gioco che sia. L attenzione alla forma, al colore, ai materiali impiegati, la continua ricerca di differenziazione sono crescenti e, pertanto, l imballaggio ha acquistato un grado di importanza crescente nella comunicazione e nelle strategie di vendita. Per animare la discussione abbiamo proposto ai ragazzi di cercare in scatole e imballaggi di ogni tipo un piccolo bottone che ci serviva. I ragazzi hanno aperto tutte le confezioni contenute nel sacco e non lo hanno trovato ma nessuno ha in realtà guardato in fondo al sacco. Riflettendo: non sempre l essenziale, ciò che veramente ci serve, si nasconde dietro ad accattivanti confezioni. 18

19 PINA LA LATTINA PORCELLINA Tutti i giorni, la lattina Pina, quando doveva gettare la carta, lo faceva buttandola sul pavimento della propria casa. Un giorno andò a fare la spesa e, non appena torno a casa, non riuscì ad aprire la porta. Facendo un giro, vide dalla finestra che la casa era piena di carta e ciò no permetteva alla porta di aprirsi. Allora decise di chiamare i SOCCORRITORI LATTINARI, i quali le tolsero tutta la carta da in casa. Cosi la lattina Pina visse felice e contenta, imparando a buttare la spazzatura negli appositi contenitori. 19

20 JA SAM PAPIR, I JA ÎELIM DA ÎIVIM. AKO ÎELI DA JA ÎIVIM, MOLIM TE STAVI ME LI ODGOVARAJUåU KANTU; HA KOJOJ PI E PAPIR I VIDJEåEMO SE OPET. IO SONO LA CARTA; IO VOGLIO VIVERE. SE TU VUOI CHE IO VIVA PER FAVORE METTIMI NELL APPOSITO CASSONETTO; E SUL CASSONETTO SCRIVI CARTA E CI RIVEDREMO DI NUOVO. OVO JE ÎELJA SVAKOG PAPIRA, A TAKO I PORUKA HVALA. QUESTO È L AUGURIO E IL MESSAGGIO CHE HA LA CARTA. GRAZIE. 20

21 Parlando con i ragazzi abbiamo scoperto che la maggior parte di loro dice di fare la raccolta differenziata a casa: purtroppo a casa è facile fare ciò vista la bassa quantità di rifiuti prodotti e la vicinanza dei cassonetti appositi. A questo punto ci siamo accorti che una struttura pubblica come l oratorio nella quale per cinque settimane 150 tra educatori e ragazzi passano le loro giornate non offre la possibilità di differenziare. Allora abbiamo deciso di costruire dei cassonetti (ovviamente con materiale recuperato) per i maggiori tipi di materiale riciclabile presente in una struttura del genere (es. carta, plastica, lattina) colorandoli per dar loro un aspetto più gradevole (vedi foto, sempre se la mettete). L idea è che i cassonetti non durino solo cinque settimane ma che diventino una parte integrante e stabile dell oratorio per dare concretamente a tutti i fruitori del luogo la possibilità di effettuare la raccolta differenziata. Anche se molti dei ragazzi (soprattutto i più grandi) conoscevano già i criteri di divisione dei materiali, gli operatori hanno fatto fare ai più piccoli dei cartelloni, dei disegni che istruissero i ragazzi nel differenziare correttamente che spiegassero perché è importante e che rendessero più facile e divertente l atto del differenziare Dopo che l opera di raccolta è iniziata e i primi cassonetti sono stati riempiti, dovevamo decidere cosa fare di tutto questo materiale riciclato. Potevamo darlo agli operatori ecologici che 21

22 lo portassero nei vari centri specializzati nel riciclaggio, ma ci siamo detti: e se invece lo riciclassimo noi?. E a questo punto abbiamo scoperto come del materiale considerato da molti del rifiuto possa essere ancora utilizzabile e diventare addirittura UN OPERA D ARTE. Con un po di ingegno e di fantasia siamo riusciti a produrre: OGGETTO COSTRUITO Dosaspaghetti Fiori Tende colorate e rumorose Bottiglie colorate Castelli magici Mosaici Stampini per rilievo MATERIALE UTILIZZATO Cartone Calze, tappi di sughero Cucchiaini di plastica (quelli del gelato) Vetro (succhi di frutta) Bottiglie di plastica Carta Lattine Arrivati a questo tutti noi, ragazzi ed operatori, abbiamo compreso l importanza e l utilità della raccolta differenziata, ma la comunità ha le stesse nostre conoscenze? I nostri genitori, i nostri amici, sanno differenziare? Come abbiamo già detto molti di noi fanno la raccolta differenziata e questo ci fa capire che molti degli adulti sanno già come differenziare anche se spesso per pigrizia o svogliatezza questa non viene effettuata regolarmente. 22

23 Allora noi operatori con i ragazzi delle medie abbiamo deciso di compiere una piccola opera di sensibilizzazione che racchiudesse i principali motivi per i quali fosse importante differenziare per far si che ciò che si può fare venga fatto con costanza e perseveranza. Abbiamo, quindi, prodotto una lettera usando anche toni forti (come ad esempio il titolo VIVIAMO IN UN PORCILE, scelto dai ragazzi) e puntando su alcuni elementi cari ai più grandi (come le tasse sui rifiuti e l amore per i propri figli). Questa lettera è stata consegnata a tutti i nostri genitori ed è stata distribuita in tutti i quei luoghi maggiormente frequentati dagli abitanti del quartiere (es. la chiesa, i supermercati, i parchi giochi, ecc...) nella speranza che qualcuno accolga le nostre richieste. VIVIAMO IN UN PORCILE!!! Al giorno d oggi ognuno di noi produce 1,5 kg di rifiuti al giorno. Nel 1980 se ne producevano solo 0,7 kg. In 20 anni c è stato un aumento superiore al 100%!!!!! Questo significa che, attualmente, la città di Alba ( abitanti circa) produce ogni giorno kg di rifiuti!!!! Questa quantità riempirebbe un campo da calcio!!! Pensate a questa immensa quantità se moltiplicata per giorni e giorni... 23

24 A noi ragazzi non va bene così! Ed è per questo che chiediamo a noi stessi (come stiamo già facendo nel centro estivo) e a voi adulti di rispettare almeno alcune di queste semplici regole per permetterci di ridurre la quantità di rifiuti pro-capite, di crescere in luogo pulito e per vivere la vita in un luogo sano, e non in una discarica!! Se avete i cassonetti della raccolta differenziata sotto casa, FATELA!! Con la raccolta differenziata si può recuperare ben il 90% dei rifiuti (tra scarti organici, vetro, plastica, lattine, alluminio, carta) riducendo la quantità non riciclabile da 1500 grammi a 150 al giorno!; FATE ATTENZIONE AD USARE CORRETTAMENTE I CASSONETTI!! Solo con un loro uso appropriato si può favorire un corretto riciclo; Se la città di Alba non raggiungerà almeno il 35% di raccolta differenziata, dovrà pagare una multa! E questa si ripercuoterà sulle vostre tasse sui rifiuti!! Quindi, adoperatevi!; Se non avete i cassonetti sotto casa, niente paura! Ci sono operatori che passano a raccogliere la raccolta differenziata porta a porta, basta informarsi!; Aiutateci a tenere pulito il territorio (in particolare i parchi gioco e l oratorio dove ci divertiamo tanto!); è solo questione di buona volontà; L ecologia è un bene di tutti: imparate a rispettarla e ad insegnarla, per non dover vivere in un PORCILE!; I trasgressori possono essere duramente puniti! Se vi scopriremo non esiteremo a farvelo notare! 24

25 NOI CI TENIAMO AL NOSTRO QUARTIERE E AL NOSTRO FUTURO! AIUTATECI A SALVAGUARDARLO!!! (Continua il) VIAGGIO NELLA PIANA DELLE EX LUMACHE TRISTI La spazzatura rimasta era soltanto più quella organica che, messa nelle fioriere costruite dai ragazzi, ha fatto germogliare fiori e piante che abbelliscono e profumano la nuova Piana delle Lumache Allegre. Da quel giorno anche i grandi, quando vanno alla Piana delle Lumache Allegre, hanno imparato a differenziare la spazzatura sistemandola nei contenitori appositi realizzati con le proprie mani dai ragazzi. LABORATORIO DI FOTOGRAFIA: Ogni ragazzo di 2^ e 3^ elementare ha avuto la sua macchina fotografica e con essa ha cercato di documentare quelli che sono gli spazi che il quartiere prevede per i bambini ( parchi, giostre, cassonetti, ). Un gruppo, invece, ha fotografato la città come sta cambiando: dove fino a ieri c era un viale alberato oggi c è una rotonda. 25

26 LABORATORIO DI FALEGNAMERIA: Nato come continuazione del progetto dello scorso anno, ai ragazzi è stato proposto di realizzare con il legno fioriere e cestini per i rifiuti che saranno posizionati nel centro, nei parchi del quartiere su proposta dei ragazzi. NATURA...lmente PULITA Il mio ambiente non è salutare, ma lo posso migliorare...basta RICICLARE 26

27 Questo è stato il primo passo nel cercare di migliorare il nostro rapporto con l ambiente. In ogni angolo del cortile della parrocchia sono stati sistemati numerosi bidoni per la raccolta differenziata: vetro, carta, plastica e lattine. Grazie alla divisione di questi rifiuti abbiamo immediatamente notato che il nostro famoso cestino della spazzatura si riempiva molto meno facilmente di prima. Recuperiamo Insieme Cellophan Ingombranti Carta Lattine Altri Rifiuti Ecologicamente 27

28 Abbiamo preso dei vecchi scatoloni, li abbiamo dipinti e trasformati in contenitori diversi, colorati e disegnati a seconda del materiale che intendevamo separare e li abbiamo utilizzati per la raccolta differenziata. Noi, invece, dopo aver raccolto e portato materiali di prodotti ormai consumati, abbiamo deciso di costruire con questi, bidoni per la raccolta differenziata dei rifiuti. I materiali che abbiamo utilizzato sono stati principalmente le bottiglie di plastica, giornali e riviste, lattine e cartoni vari.dopo esserci divisi in gruppi ci siamo divertiti e sbizzarriti a modellare questi rifiuti e a creare i nuovi contenitori per i seguenti materiali: carta,plastica e latta. Durante i lavori abbiamo capito l importanza di recuperare e differenziare le rimanenze dei vari prodotti consumati. Per ultima cosa ci piace sapere che i nostri bidoni verranno utilizzati da un bar del nostro quartiere. 28

29 L ALFABETO DELL AMBIENTE Cose che vorrei nella mia città A come B come C come D come E come F come G come H come I come L come M come N come O come P come Q come R come S come T come U come Autobus elettrici Bidoni per la raccolta differenziata Coscienza ecologica Discariche ben gestite Educazione Fabbriche meno inquinanti Giardini puliti Hope for the future Isole pedonali Leggi più severe contro chi inquina Maggior riciclaggio Natura più rispettata Oasi ecologiche Pulizia nelle strade Quartieri più sani Risparmio energetico Salvaguardia del paesaggio Trasporto di rifiuti più efficiente Uso corretto dell acqua 29

30 LA LANGA È UN PARADISO LA LANGA È COME UN SORRISO STAMPATO SULLA BOCCA È L ACQUA IN UNA BROCCA. SE ASCOLTI BENE BENE UNA STRANA SENSAZIONE TI VIENE LA NATURA CANTA E TACE MA REGNA TANTA PACE!!! 30

31

32 Stampa: tipografia l artigiana - Alba

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra.

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Che puzza extragalattica c è qui!. Il mio mondo è bello,

Dettagli

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica guardano cosa c è dentro al bidone poi prendono le bottiglie

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

SETTIMANA EUROPEA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI 2010. Esperienza delle scuole in collaborazione con Consorzio Priula, Contarina spa, Consorzio Tv Tre

SETTIMANA EUROPEA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI 2010. Esperienza delle scuole in collaborazione con Consorzio Priula, Contarina spa, Consorzio Tv Tre SETTIMANA EUROPEA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI 2010 Esperienza delle scuole in collaborazione con Consorzio Priula, Contarina spa, Consorzio Tv Tre A SCUOLA DI RIDUZIONE Dal 20 al 28 novembre 2010 in tutta

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

S.O.S. PRONTO SOCCORSO PER L AMBIENTE

S.O.S. PRONTO SOCCORSO PER L AMBIENTE Scuola Primaria L. da Vinci 2 Circolo-Pordenone S.O.S. PRONTO SOCCORSO PER L AMBIENTE CL 5^ PREMESSA Noi, bambini della classe quinta della Scuola Leonardo da Vinci, abbiamo voluto ancora una volta affermare

Dettagli

Dopo il recente evento sismico,le associazioni Incontrarti e Piccole onde hanno avuto l'occasione di proporre alla classe III B della scuola don

Dopo il recente evento sismico,le associazioni Incontrarti e Piccole onde hanno avuto l'occasione di proporre alla classe III B della scuola don Dopo il recente evento sismico,le associazioni Incontrarti e Piccole onde hanno avuto l'occasione di proporre alla classe III B della scuola don Milani un laboratorio sul tema del cambiamento. Stimolati

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Bene, è semplice e divertente basta RICICLARE. E un modo molto efficace per mantenere il mondo pulito e anche il nostro bosco!

Bene, è semplice e divertente basta RICICLARE. E un modo molto efficace per mantenere il mondo pulito e anche il nostro bosco! Ciao bambini, Sono Carolina Riciclina. Gli amici del bosco hanno bisogno del vostro aiuto. Impariamo insieme a differenziare i rifiuti, solo in questo modo potremo distruggere Orco Sporco. Bene, è semplice

Dettagli

I.C. San Vittorino Corcolle Plesso Via Spinetoli Roma a.s. 2011-2012

I.C. San Vittorino Corcolle Plesso Via Spinetoli Roma a.s. 2011-2012 I.C. San Vittorino Corcolle Plesso Via Spinetoli Roma a.s. 2011-2012 Lavoro svolto dagli alunni delle classi II A-II B-II D-III D nel Laboratorio di Informatica con l Ins.te Maria Patrizi Ehi ma tu sei

Dettagli

Riduco. Riciclo. Recupero. Riutilizzo. Provincia di Campobasso Assessorato all Ambiente

Riduco. Riciclo. Recupero. Riutilizzo. Provincia di Campobasso Assessorato all Ambiente Riduco Riciclo Recupero Riutilizzo Provincia di Campobasso Assessorato all Ambiente Quaderno di nato a il scuola classe sez. Cari ragazzi, questo quaderno che state leggendo, scritto e realizzato per voi

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

Le classi prime al lavoro

Le classi prime al lavoro Le classi prime al lavoro RIFIUTI. ancora? Si, ancora. Questa volta usiamo solo rifiuti cartacei e qualche nozione di geometria. E otterremo risultati sorprendenti. Chi non ci crede ci segua in laboratorio

Dettagli

SCUOLA INFANZIA ANDERSEN PROGETTO ACQUA SEZIONE D ARANCIONI A.S. 20013/20014 INSEGNANTI ANNA VIGNA EANDI, MARISA COVELLO

SCUOLA INFANZIA ANDERSEN PROGETTO ACQUA SEZIONE D ARANCIONI A.S. 20013/20014 INSEGNANTI ANNA VIGNA EANDI, MARISA COVELLO CARI GENITORI, IN QUESTI FOGLI E CONTENUTA UNA PARTE DEL PROGETTO SVOLTO QUEST ANNO. NOI INSEGNANTI ABBIAMO PENSATO CHE FOSSE IMPORTANTE CHE VENISSE RESITUITO ALLE FAMIGLIE NON SOLO IL LAVORO INDIVIDUALE

Dettagli

LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA

LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA Che cosa è un RIFIUTO? I RIFIUTI SONO COSE SPORCHE E PUZZOLENTI I RIFIUTI SONO COSE INUTILIZZABILI, SCARTI O COSE ROTTE I RIFIUTI SONO UNA RISORSA PER IL FUTURO, DA

Dettagli

scuola elementari kugy - scuola materna rutteri 13 maggio 2011 LA PRIMA FESTA DI PRIMAVERA che bella giornata o no?!!

scuola elementari kugy - scuola materna rutteri 13 maggio 2011 LA PRIMA FESTA DI PRIMAVERA che bella giornata o no?!! scuola elementari kugy - scuola materna rutteri 13 maggio 2011 LA PRIMA FESTA DI PRIMAVERA che bella giornata o no?!! Quest anno il comitato genitori della scuola di Banne ha organizzato in concomitanza

Dettagli

Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it. A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino

Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it. A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino Prima Edizione Edizioni il Molo, 2014 Via Bertacca, 207-55054 Massarosa (LU) Tel e Fax 0584.93107

Dettagli

Progetto InBottigliAmo - Relazione conclusiva

Progetto InBottigliAmo - Relazione conclusiva Progetto InBottigliAmo - Relazione conclusiva Premessa: in Educazione Ambientale i processi rielaborativi e progettuali devono portare i ragazzi coinvolti dalla fase del recepire informazioni a quella

Dettagli

Perché affrontare il tema dell inquinamento?

Perché affrontare il tema dell inquinamento? Perché affrontare il tema dell inquinamento? Il problema dell'inquinamento dell'aria a Piacenza è serio e grave. Naturalmente sappiamo che non è grave solo nella nostra città, ma in tutta l Emilia Romagna

Dettagli

Ricicliamo! Aiutiamo i rifiuti a non sentirsi degli scarti!!

Ricicliamo! Aiutiamo i rifiuti a non sentirsi degli scarti!! Obiettivi del laboratorio Il percorso Il percorso in breve Ricicliamo! Aiutiamo i rifiuti a non sentirsi degli scarti!! laboratorio sul tema dei rifiuti far comprendere ai bambini l importanza del recupero

Dettagli

frutto della collaborazione fra Volontari della Caritas Parrocchiale, Alunni e Alunne, Insegnanti e Comitato dei Genitori

frutto della collaborazione fra Volontari della Caritas Parrocchiale, Alunni e Alunne, Insegnanti e Comitato dei Genitori La Scuola Primaria PAOLO NEGLIA di Vanzago, nell ambito delle manifestazioni organizzate per la Festa di fine anno scolastico, ha promosso la seguente iniziativa frutto della collaborazione fra Volontari

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

MISSIONE RIFIUTI LE AVVENTURE DI BATTISTA LA PUZZOLA ECOLOGISTA

MISSIONE RIFIUTI LE AVVENTURE DI BATTISTA LA PUZZOLA ECOLOGISTA MISSIONE RIFIUTI LE AVVENTURE DI BATTISTA LA PUZZOLA ECOLOGISTA CIAO BAMBINI, SONO BATTISTA LA PUZZOLA ECOLOGISTA, SIETE PRONTI PER PARTIRE IN MISSIONE PER L AMBIENTE? SE FACCIAMO BENE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA,

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Unità 1. Raccolta differenziata. Lavoriamo sulla comprensione. Ingombranti Conferiti nelle vicinanze Disfarti Riciclare

Unità 1. Raccolta differenziata. Lavoriamo sulla comprensione. Ingombranti Conferiti nelle vicinanze Disfarti Riciclare Unità 1 Raccolta differenziata CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere un testo che dà informazioni sulla raccolta differenziata parole relative alla raccolta differenziata e ai rifiuti a usare

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA G. PASCOLI - SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA G. PASCOLI - SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA G. PASCOLI - SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI INSEGNANTI DELLA SEZIONE 5 ANNI G. PASCOLI INSEGNANTI DELLE CLASSI 1ª E 5ª DELLA SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI ANNO SCOLASTICO

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA

PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA Che cos è un rifiuto? Qualcosa che non ci serve più e che buttiamo! Provate a pensare a questo: avete una vecchia felpa che a voi non piace più e che ormai

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

VILLA FARALDI Differenziamoci. Con il porta a porta per liberarci dei rifiuti in modo intelligente, per noi e per le generazioni future.

VILLA FARALDI Differenziamoci. Con il porta a porta per liberarci dei rifiuti in modo intelligente, per noi e per le generazioni future. VILLA FARALDI Differenziamoci Con il porta a porta per liberarci dei rifiuti in modo intelligente, per noi e per le generazioni future. !!!!! SIAMO IMPEGNATI NEL MIGLIORAMENTO CONTINUO, AIUTATECI A RISPETTARE

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

L'inizio della raccolta differenziata del rifiuto organico

L'inizio della raccolta differenziata del rifiuto organico A Pisogne L'inizio della raccolta differenziata del rifiuto organico Oltre alle raccolte differenziate avviate da tempo ora si possono recuperare anche: residui da sfalci e potature (erba, rami e foglie)

Dettagli

La Scuola dell infanzia L. Scotti. Presenta SCUOLE EMISSIONE ZERO PROGETTO PER UN MIGLIOR RISPARMIO DI CO2

La Scuola dell infanzia L. Scotti. Presenta SCUOLE EMISSIONE ZERO PROGETTO PER UN MIGLIOR RISPARMIO DI CO2 La Scuola dell infanzia L. Scotti Presenta SCUOLE EMISSIONE ZERO PROGETTO PER UN MIGLIOR RISPARMIO DI CO2 REGINA MADRE TERRA Siamo partiti da un racconto dal titolo: REGINA MADRE TERRA Per sensibilizzare

Dettagli

Quanto risparmi ABILE sei? Esiti totali del questionario proposto agli alunni della terza media delle tre sedi nell anno scolastico 2011-2012

Quanto risparmi ABILE sei? Esiti totali del questionario proposto agli alunni della terza media delle tre sedi nell anno scolastico 2011-2012 Quanto risparmi ABILE sei? Esiti totali del questionario proposto agli alunni della terza media delle tre sedi nell anno scolastico 211-212 La Scuola Media, da sempre sensibile alla difesa dell ambiente

Dettagli

EDUCATION ACTIONAID - DOVE E COME?

EDUCATION ACTIONAID - DOVE E COME? EDUCATION ACTIONAID - DOVE E COME? Scuole coinvolte negli ultimi tre anni (Tutta Italia ma in particolare Lombardia, Lazio, Liguria, Umbria + Regioni ART): - 560 SCUOLE PRIMARIE - 145 SCUOLE SECONDARIE

Dettagli

Progetto manipolativo: CON LE MANI CREO. Scuola dell infanzia CARLO DEL PRETE. Ins: NITTI RAFFAELLA CILIBERTI ANNAMARIA.

Progetto manipolativo: CON LE MANI CREO. Scuola dell infanzia CARLO DEL PRETE. Ins: NITTI RAFFAELLA CILIBERTI ANNAMARIA. Progetto manipolativo: CON LE MANI CREO Scuola dell infanzia CARLO DEL PRETE Ins: NITTI RAFFAELLA CILIBERTI ANNAMARIA Alunni di 5 anni a.s. 2011-2012 Il laboratorio manipolativo Con le mani creo vuole

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria PREMESSA In relazione alle più recenti indicazioni ministeriali nelle quali viene valorizzata l autonomia scolastica, i progetti per la continuità didattico - educativa rappresentano un ambito di valutazione

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario MACARIOPOLI O POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario La Terra sembra essere divisa in due parti Una di queste

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

RIFLESSIONI IN TEMA DI RIFIUTI E RACCOLTA DIFFERENZIATA. Cittadini dovete fare la raccolta, oppure volete che Napoli soffochi. contenitori normali.

RIFLESSIONI IN TEMA DI RIFIUTI E RACCOLTA DIFFERENZIATA. Cittadini dovete fare la raccolta, oppure volete che Napoli soffochi. contenitori normali. RIFLESSIONI IN TEMA DI RIFIUTI E RACCOLTA DIFFERENZIATA Cittadini dovete fare la raccolta, oppure volete che Napoli soffochi dall immondizia. Fate come alcuni cittadini che mettono l immondizia in macchina

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

L INDUSTRIA E I SERVIZI

L INDUSTRIA E I SERVIZI VOLUME 2 CAPITOLO 3 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE L INDUSTRIA E I SERVIZI 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: economia... industria... fabbrica...

Dettagli

vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi grandi, fiori secchi, alimenti, piatti di plastica cartone

vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi grandi, fiori secchi, alimenti, piatti di plastica cartone Livello A1 Unità 1 Raccolta differenziata Chiavi Lavoriamo sulla comprensione Chiavi 1. Metti i rifiuti nel contenitore giusto. (drag and drop) vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi

Dettagli

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione!

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! MATERIALE Un pupazzetto a forma di uccellino in un cestino, inizialmente nascosto da qualche parte. Stampa della diapositiva 8, incollata

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore Anno scolastico 2012/2013 INTRODUZIONE I ragazzi del Consiglio Comunale dei

Dettagli

come ambiente L A... B... C... D... di Fantambiente mette competenza, esperienza e fantasia al servizio dell ambiente e dei cittadini.

come ambiente L A... B... C... D... di Fantambiente mette competenza, esperienza e fantasia al servizio dell ambiente e dei cittadini. A come ambiente Fantambiente mette competenza, esperienza e fantasia al servizio dell ambiente e dei cittadini. Comunicazione ambientale Realizzazione di percorsi didattici Organizzazione di eventi Progettazione

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA

LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA OTTOBRE-NOVEMBRE 2009 LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA CAMPO DI ESPERIENZA PRIVILEGIATO: LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE OBIETTIVI Scoprire i colori derivati:(come nascono, le gradazioni,

Dettagli

Introduzione L insegnante: Oggi impareremo a conoscere le nostre capacità e quelle degli altri. Impareremo anche come complementarsi a vicenda.

Introduzione L insegnante: Oggi impareremo a conoscere le nostre capacità e quelle degli altri. Impareremo anche come complementarsi a vicenda. www.gentletude.com Impara la Gentilezza 5 FARE COMPLIMENTI AGLI ALTRI Guida Rapida Obiettivi: i bambini saranno in grado di: di identificare i talenti e i punti di forza propri e degli altri, e scoprire

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

Area Comunicazione. ingombranti. Cosa sono. Come si raccolgono. Cosa diventano

Area Comunicazione. ingombranti. Cosa sono. Come si raccolgono. Cosa diventano Area Comunicazione ingombranti Cosa sono Come si raccolgono Cosa diventano Cosa sono i rifiuti ingombranti? Se ci guardiamo attorno ci accorgeremo che molti oggetti che ci circondano a casa e a scuola,

Dettagli

Tra le varie attività proposte sul tema dell acqua c è stata anche la visione di un film:

Tra le varie attività proposte sul tema dell acqua c è stata anche la visione di un film: Tra le varie attività proposte sul tema dell acqua c è stata anche la visione di un film: La prima richiesta fatta ai bambini è stata di indicare quali film conoscevano che raccontassero storie ambientate

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

RICICLANDO. sez. I - PINGUINI. Progetto di educazione ambientale

RICICLANDO. sez. I - PINGUINI. Progetto di educazione ambientale RICICLANDO sez. I - PINGUINI Progetto di educazione ambientale 2014-2015 Piano delle attività Il progetto si è sviluppato da gennaio a giugno e si è articolato in 4 fasi principali: FASE 1 All'inizio del

Dettagli

L acqua si infiltra. Scuola Primaria- Classe Prima. Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso

L acqua si infiltra. Scuola Primaria- Classe Prima. Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso L acqua si infiltra Scuola Primaria- Classe Prima Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso Schema per costruire il diario di bordo riguardo a precise situazioni di lavoro scelte

Dettagli

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi UN DISEGNO PER DIRE Terza tappa Il percorso Fiori per dire e raccontare prende avvio dal dono di un fiore che ogni bambino della

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma. La nostra città mi piace molto, ma negli ultimi

Dettagli

La coda degli autosauri

La coda degli autosauri La coda degli autosauri Leggendo il libro La coda degli autosauri l attenzione di quasi tutti noi ragazzi è stata catturata dalla pagina del libro che parla dell enorme mucchio di candele e fiammiferi

Dettagli

MA TU QUANTO SEI FAI?

MA TU QUANTO SEI FAI? MA TU QUANTO SEI FAI? 1. VALORIZZARE IL PASSATO PER UN FUTURO MIGLIORE a. Quante volte al mese vai a cercare notizie sulla storia del tuo paese/città nella biblioteca comunale? o 3 volte o 1 volta b. Ti

Dettagli

LE 4 R CHE COMBATTONO LO SPRECO

LE 4 R CHE COMBATTONO LO SPRECO Percorso di educazione alla sostenibilità per la scuola primaria LE 4 R CHE COMBATTONO LO SPRECO La natura non spreca. L uomo sì.che fare? CHIEDIAMO AIUTO ALLE MITICHE, FAVOLOSE INSUPERABILI, MEGAGALATTICHE,

Dettagli

Progetto: In acqua per crescere

Progetto: In acqua per crescere Progetto: In acqua per crescere Scuola Secondaria di Primo Grado A. Caperle Classe 1 A Docenti: Panzieri Maddalena (Arte immagine) Mattioli Elisa (Educazione Fisica) Il progetto si propone, attraverso

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

LA BRICIOLA UNA DELICATA STORIA FRA AMBIENTE E LINGUAGGIO

LA BRICIOLA UNA DELICATA STORIA FRA AMBIENTE E LINGUAGGIO LA BRICIOLA UNA DELICATA STORIA FRA AMBIENTE E LINGUAGGIO ATTIVITA per TUTTO IL GRUPPO LA STORIA LA BRICIOLA Lettura e comprensione della storia. La narrazione richiederà più ripetizioni perché in rima

Dettagli

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista Allegato 11 INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08 Proponi ai nonni e ai genitori la seguente intervista Intervista 1. Con che cosa giocavi? 2. Chi ti comprava i giochi? 3. Ne

Dettagli

Giocare con la fantasia

Giocare con la fantasia Giocare con la fantasia Con le bambole e le pentoline si divertono le bambine, con piste e camioncini son felici tutti i bambini, sullo scivolo ed il trenino sale allegro ogni bambino, con il puzzle o

Dettagli

Batti la crisi col cervello!

Batti la crisi col cervello! Batti la crisi col cervello! 20 suggerimenti per vivere meglio consumando meno alimentazione trasporti economia domestica denaro tempo libero calcola il valore della tua AltraCard! Batti la crisi col cervello!

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Come si costruisce il Totem Io non rischio!

Come si costruisce il Totem Io non rischio! Come si costruisce il Totem Io non rischio! La struttura 5 scatoloni circa 50x50x50, anche usati, purché in buone condizioni e possibilmente con poche scritte Scotch di carta da carrozzieri Vernice nera,

Dettagli

Crea la Mappa per la tua autorealizzazione. di Anthony Robbins

Crea la Mappa per la tua autorealizzazione. di Anthony Robbins di Anthony Robbins Ti sei mai accorto che nella vita esistono cose che, non appena diventano rilevanti per noi, iniziano ad apparirci sempre più spesso? Pensa, ad esempio, all ultima volta che hai desiderato

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

Scuola dell infanzia San Biagio Sez. E (aula gialla) Bambini destinatari:bambini di 4/5 anni scuola dell infanzia. Docente: Agata Costa

Scuola dell infanzia San Biagio Sez. E (aula gialla) Bambini destinatari:bambini di 4/5 anni scuola dell infanzia. Docente: Agata Costa Scuola dell infanzia San Biagio Sez. E (aula gialla) Bambini destinatari:bambini di 4/5 anni scuola dell infanzia. Docente: Agata Costa Laboratorio di attività aducativo -didattiche per: sensibilizzare

Dettagli

Documentazione del lavoro di scienze sul Riciclo della carta

Documentazione del lavoro di scienze sul Riciclo della carta Documentazione del lavoro di scienze sul Riciclo della carta Le classi IV della scuola Conti hanno aderito all iniziativa RicicloAperto 2010 proposto dalla Comieco per sensibilizzare i bambini all utilità

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

Progetto TRAMPOLINO ANIMAZIONE DI STRADA A POLIN

Progetto TRAMPOLINO ANIMAZIONE DI STRADA A POLIN Progetto TRAMPOLINO ANIMAZIONE DI STRADA A POLIN Il progetto è nato nel 2005 dopo un confronto tra Servizio Sociale, l Amministrazione Comunale di Tione in collaborazione con la Cooperativa Sociale L Ancora.

Dettagli

L INCREDIBILE VIAGGIO NEL CIELO

L INCREDIBILE VIAGGIO NEL CIELO Scuola dell infanzia paritaria Opera Pia G. Cavallini PROGETTO ANNUALE 2012-2013 L INCREDIBILE VIAGGIO NEL CIELO Premessa Il nostro viaggio inizia da un posto a noi molto caro e vicino: la nostra biblioteca!

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI ANNO SCOLASTICO:2006/2007. SCUOLA PRIMARIA: G. Giusti Piano di Conca. ALUNNI COINVOLTI: classe 2^A e 2^B

OBIETTIVI FORMATIVI ANNO SCOLASTICO:2006/2007. SCUOLA PRIMARIA: G. Giusti Piano di Conca. ALUNNI COINVOLTI: classe 2^A e 2^B ANNO SCOLASTICO:2006/2007 SCUOLA PRIMARIA: G. Giusti Piano di Conca ALUNNI COINVOLTI: classe 2^A e 2^B INSEGNANTI: Bergamini Patrizia, Manfredini Maria Grazia Acquisire una maggiore sensibilità verso l

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni PIANO DI L ETTURA LA PIANTA MAGICA ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Orecchia Serie Azzurra n 81 Pagine: 87 Codice: 978-88-384-3564-2 Anno di pubblicazione: 2006 Dai 7 anni L AUTRICE Erminia Dell

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

L ipertesto multimediale o ipermedia

L ipertesto multimediale o ipermedia Informatica 2 livello/2ªb 21-02-2006 10:45 Pagina 19 multimediale o ipermedia Il programma di scrittura Word, che già conosci, ti permette anche di creare ipertesti multimediali o ipermedia. R Cerchiamo

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

SCATTI INQUINATI INQUINAMENTO DEL SUOLO IN CITTA

SCATTI INQUINATI INQUINAMENTO DEL SUOLO IN CITTA SCATTI INQUINATI In questo periodo a scuola ci siamo occupati dell inquinamento del suolo, dell acqua e dell aria, abbiamo pensato di fotografare, con l aiuto dei genitori, esempi di inquinamento che abbiamo

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

Dai, domanda! 6. Vita romana

Dai, domanda! 6. Vita romana Italiano per Sek I e Sek II Dai, domanda! 6. Vita romana 9:46 minuti Olivia: Edward: Margherita Un vecchio proverbio dice che tutte le strade portano a Roma. E finalmente sono venuto qua, giusto in tempo

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

GUIDA A UNA VITA CON MENO RIFIUTI SPAZIO PER LOGO PARTNER

GUIDA A UNA VITA CON MENO RIFIUTI SPAZIO PER LOGO PARTNER GUIDA A UNA VITA CON MENO RIFIUTI SPAZIO PER LOGO PARTNER IL PROGETTO ZEROWASTE PRO IL TEMA DEI RIFIUTI Il tema dei rifiuti riguarda tutti noi. Stiamo producendo una sempre maggiore Per ulteriori informazioni

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli