Introduzione. Il Responsabile Area Minori e.p. Nicola Conti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione. Il Responsabile Area Minori e.p. Nicola Conti"

Transcript

1 L ESTATE RAGAZZI ALBA 2004, dal titolo P..Artiamo per l Estate, vede coinvolti, per la città di Alba, circa 900 bambini, dai 6 ai 14 anni, suddivisi in dieci Centri cittadini: parrocchia Divin Maestro, Parrocchia S. Cassiano, Centro Storico, parrocchia Cristo Re, G.S. Europa, parrocchia Mussotto, parrocchia Moretta, Casa M. Ausiliatrice, parrocchia S. Rocco Cherasca e parrocchia S. Margherita. Si tratta di un Servizio messo in atto dal Comune e affidato, per la gestione, al Consorzio Socio Assistenziale Alba - Langhe - Roero in cui si convogliano aspetti ludici ma soprattutto educativi, che gli oltre 190 animatori ed aiuto animatori svolgono direttamente. Anche quest anno si è scelto di dedicare una parte del tempo investito a progetti specifici cercando in questo modo di aiutare i ragazzi a riflettere, sperimentarsi e mettersi in gioco su tematiche più impegnative. L Estate 2004 vede il progetto Ambientiamoci innestarsi sull ordinaria attività, apportando, in tal modo, un significativo valore aggiunto. Si coglie l occasione di questa pubblicazione per ringraziare chi pensa, organizza e gestisce queste attività, rivolte a quelli che saranno i Cittadini del Domani Il Responsabile Area Minori e.p. Nicola Conti Introduzione

2 Premessa Il progetto Ambientiamoci ha offerto la possibilità ad ogni centro di attivare percorsi di sensibilizzazione, promozione e cura dell ambiente e delle sue risorse, cercando di sviluppare al massimo atteggiamenti di responsabilità e consapevolezza. I ragazzi hanno avuto modo di formarsi e sperimentarsi in azioni concrete: laboratori, giochi e uscite sono serviti da stimolo per porre attenzione a temi strettamente collegati all ambiente. Potendo, infatti, approfondire direttamente le conoscenza delle materie prime e dalla loro importanza, si é cercato di sensibilizzare ad una maggiore coscienza del loro utilizzo e della possibilità reale di limitarne gli sprechi. Analogamente si è posta attenzione al territorio e alle sue condizioni di pulizia, all utilizzo delle risorse primarie e alla raccolta differenziata. Il coinvolgimento attivo dei ragazzi, poi, ha permesso di dare vita ad un percorso originale di educazione e di responsabilità, condiviso con gli animatori. I ragazzi si sono, così, avvicinati al tema in maniera positiva attraverso percorsi l osservazione, la sperimentazione e la rielaborazione delle esperienze stesse. Un frutto di tutto il lavoro è sicuramente questo libretto, all interno del quale vengono riportati parte delle attività realizzate: fotografie, impressioni, flash, scritti o immagini diventano quindi segni del cammino fatto dai ragazzi e dagli animatori di tutti i centri. Sprecare meno, riciclare di più e differenziare sempre sono i sottotitoli di questo scritto ma sono anche testimonianza delle tre aree su cui maggiormente si è operato.

3 L intero ambito cittadino si è reso un po sfondo di tutto il percorso creando così un ulteriore obiettivo: dare visibilità a quanto fatto, incidere, sebbene in maniera meno diretta, su tutta la popolazione e fissare i percorsi realizzati, al fine di renderli esperienza condivisibile, e di coniugare le tematiche ambientali con quelle prettamente educative. Non si ritiene infatti che possa esistere una crescita individuale avulsa da un contesto fisico e relazionale. Questo libretto, i lavori che ogni Centro metterà a disposizione della comunità locale (cartelloni, attrezzature per la raccolta differenziata...) così come la creazione di uno slogan che si utilizzerà come tema per adesivi da divulgare (al fine di prevenire atteggiamenti negativi) resteranno così, una traccia visibile di quest estate Con la speranza che tale lavoro possa diventare una risorsa per tutti e ringraziando chi ha permesso il realizzarsi di questo progetto, auguriamo una Buona lettura! 3

4 ...In natura nulla si crea e nulla si distrugge ma tutto si rigenera... 4

5 dobbiamo sprecare meno Non è mai facile affrontare un tema così attuale e importante come quello dell ambiente e di tutte le conseguenze legate alle azioni scorrette dell uomo. Questo argomento è costantemente sulla bocca di tutti, media e giornali ne parlano spesso con reticenza e difficoltà ma anche con la consapevolezza di aver a che fare con un problema di importanza locale e mondiale. Da parte nostra abbiamo cercato di analizzare soprattutto i comportamenti che riguardano l utilizzo dei rifiuti, dell acqua, dell energia e che possono essere corretti o migliorati nella quotidianità di ogni giorno. Il punto di partenza della nostra riflessione è stato proprio quello che è il risultato delle nostre azioni spesso molto poco ambientaliste: cioè quel famigerato cestino della spazzatura tanto facilmente pieno e pesante quanto difficilmente evitabile per le nostre esigenze. dobbiamo sprecare meno Questo punto è stato fondamentale per comprendere lo spreco di una delle risorse più importanti del nostro pianeta: l acqua. Infatti abbiamo notato come sia elevato lo spreco d acqua in determinate azioni della nostra giornata: mentre ci laviamo i denti, ci facciamo la doccia, usiamo lo scarico del wc o semplicemente non chiudendo il rubinetto. Sprecare meno

6 Con i ragazzi abbiamo cercato di dare delle regole per ridurre al minimo lo spreco di acqua nel nostro Centro; sono nati, così, I DIECI COMANDACQUA 1 Chiudere sempre il rubinetto dopo aver bevuto 2 Ricordarsi di chiudere sempre lo scarico del wc dopo averlo usato 3 Se un bambino ha dimenticato di chiudere un rubinetto, lo facciamo noi al posto suo 4 Evitare di usare l acqua per schizzare gli altri bambini, gli specchi e i pavimenti dei bagni 5 Tenere chiuso il rubinetto mentre ci si lava i denti 6 Usare l acqua avanzata durante i pasti per bagnare le piante 7 Aprire il rubinetto mai al getto massimo ma regolarlo in modo da non sprecare l acqua 8 Evitare i gavettoni e non giocare con la pistola ad acqua 9 Bagnare la sabbia nella sabbionaia lo stretto indispensabile 10 In coda per bere tenere sempre il rubinetto chiuso tra un bambino e l altro L idea di realizzare Arcobaleno è nata dalla voglia di creare un personaggio che fosse in grado di insegnare ai ragazzi l utilizzo di alcuni materiali di recupero, come cartone, bottiglie, bicchieri di plastica,lana, stoffa e che, al con tempo, fosse anche l esternazione di uno dei concetti più grandi e attuali: la pace. 6

7 Abbiamo imparato a utilizzare materiali di recupero per creare simpatici pupazzi. Gli ingredienti sono stati: la segatura di una segheria, vecchie calze di nylon, bottoni, spago e semi di prato. Abbiamo riempito la calza con i semi ricoprendoli con la segatura, chiudendola con un nodo realizzato con l aiuto degli animatori. Dopo abbiamo attaccato i bottoni per gli occhi e fatto un nodino per il naso. Da ultimo è stata disegnata la bocca e, così, finalmente il nostro Casimiro era pronto. Adesso tutti i giorni lo bagniamo sulla testa aspettando che i suoi capelli di erba crescano. Ieri abbiamo costruito da soli alcuni giocattoli veri con i tappi di sughero, il cartoncino colorato e gli stuzzicadenti della cucina. Abbiamo costruito una barca, un aereo e persino un treno con tutti i vagoni. Mi sono divertito molto.. VIAGGIO NELLA PIANA DELLE EX LUMACHE TRISTI C era una volta una banda di ragazzotti che non amava giocare a calcio, guardare la televisione o andare in bicicletta, come era invece abitudine dei compagni. 7

8 Il loro passatempo preferito era recarsi tutti i giorni al Pian delle Lumache Tristi, diventata la loro sede di giochi sballati e nascosti, guidati dalla suggestione che provocava un cumulo di macerie e di rifiuti riversati dal popolo distratto della città. Quella montagna di rifiuti rappresentava per loro il mondo dei colori, dei rumori, dei sogni, che non avevano nulla a che vedere con quelli del mondo ordinato e familiare che li circondava: plastica, lattine, travi e assi di legno, stoffa, contenitori in disuso, lamiera, vetro, cartone, giornali e riviste vecchie erano i residui di una vita domestica di un popolo che emarginava la bellezza delle periferie. Marco, tra tutti i ragazzi della banda, era un acuto osservatore dell ambiente e vedeva in quegli oggetti tutta la ricchezza che gli stessi potevano ancora dare ed essere (continua a pagina 12) 8

9 Proviamoci anche noi Ogni bimbo ha portato da casa qualcosa (es. bottoni rotti, tappi di sughero o di bottiglie, pezzi di stoffa, giornali vecchi) che, non servendo più, sarebbe stato buttato via. Con questi oggetti hanno realizzato bellissime composizioni e disegni Un altro laboratorio interessante è stato quello con le lattine: le abbiamo trasformate in originali portacenere. Li abbiamo prodotti tagliando le lattine in spicchi che abbiamo poi incrociato e incollato sulla base del portacenere realizzata con quella delle lattine. Creare un sole con la faccia è stato facile: ci vuole un pallone rotondo, della colla, della carta da cucina e un pennello. Spalmando di colla mista ad acqua il palloncino e mettendo strisce di carta sul palloncino fino a coprirlo solo metà, cercando di rendere il tutto più rotondo possibile; si crea così una superficie che asciugando diventa solida e a forma sferica. Una volta perfettamente asciutta si colora con i colori più belli e vivaci e quando anche il colore è Recuperare di più

10 colore è asciugato si può staccare la nostra forma di carta e colla dal pallone. Con dei fondi di bottiglia tagliati a triangolo abbiamo fatto i raggi del sole e li abbiamo attaccati tutt intorno alla nostra mezza sfera di carta, li abbiamo colorati ed abbiamo disegnato gli occhi e la bocca ai nostri soli. IL SOGNO DI JEORGE C era una volta una città di nome SPAZZATUR-CITY, dove viveva un bambino di nome Jeorge. Egli sporcava sempre, buttando cartacce per terra. Una notte fece un sogno. Sogno che la sua città si trasformava nella città più sporca del mondo: monti di spazzatura invece che montagne ricoperte di corallo e al posto di piante fiorite solo tanta immondizia. Allora, capendo che ciò gli dispiaceva, decise di migliorare la sua città. Quando si sveglio, andò subito in comune, comunicando al sindaco la sua proposta di cambiamento. Il sindaco, essendo d accordo, riunì tutti i cittadini, pregando loro di non sporcare più la città, altrimenti si sarebbe trasformata in una vera e propria spazzatura. Da allora la città si chiamo : RECICLUB- CITY. 10

11 Sono state seguite anche alcune tracce di riflessione sulla modalità dei ragazzi di buttare via gli oggetti. Per far ciò abbiamo proposto la battaglia dei giornali, che richiedeva la divisione dei ragazzi in due gruppi all interno di un terreno di gioco delimitato e diviso da una riga di metà campo. Al via sono stati buttati nelle due parti del campo diversi fogli di giornale appallottolati. Lo scopo del gioco era di mandarli nel campo avversario, liberandosi dei rifiuti. Trascorsi cinque minuti vinceva la squadra con meno immondizia nella propria parte di gioco. Abbiamo affrontato anche il tema dell inquinamento del mare, attraverso un laboratorio ludico. Le squadre erano due: gli inquinatori e i pesci. Su un telo teso il mare la squadra degli inquinatori buttava rifiuti mentre i pesci, da sotto, dovevano liberarsene. Da qui è emersa l importanza di avere un rispetto particolare per il mare, perché buttandoci dentro ogni sorta di rifiuti rendiamo difficile la vita ai pesci ma anche a noi stessi. Spesso, infatti, quando facciamo il bagno d estate ci troviamo a nuotare tra l immondizia altrui e, talvolta, nostra. Per evitare di buttare via una vecchia casetta di legno e comprarne una nuova, abbiamo realizzato con gli animatori una nuova struttura con il materiale di recupero trovato in Oratorio. Così, con seghe, martelli e chiodi abbiamo ristrutturato la nostra casa, intitolandola La casa della pace. I colori utilizzati per dipingerla sono stati quelli dell arcobaleno, proprio in onore della pace. La casa è stata disegnata e colorata anche all interno, con un arredo di cuscini realizzati con stoffa, ago, filo e fogli di giornale. Accanto alla struttura abbiamo ricavato 11

12 un piccolo orto dove abbiamo piantato fiori ed erbe aromatiche, come il basilico che ci servirà poi per preparare un gustoso pesto per condire la pasta. La casa ora è un vero splendore e i bimbi più piccoli hanno finalmente un posto importante dove giocare. (Continua il) VIAGGIO NELLA PIANA DELLE EX LUMACHE TRISTI..Marco, a questo punto, chiama Alì e gli dice: «Alì, che cosa ti suggerisce questa montagna di spazzatura?». Alì, osservandola attentamente, risponde: «E un mucchio di rifiuti, ho giusto qui un accendino per dargli fuoco!». Marco:«Ma sei fuori!? Se bruciamo i rifiuti inquiniamo l aria e rischiamo che vengano a prenderci e non ci permettano più di giocare qui! Le vedi tutte quelle bottiglie colorate? Secondo me potrebbero diventare un lampadario o un porta vasi. Invece, con il cartone, potremmo fare delle cornici e delle maschere. Il polistirolo potrebbe diventare, sbriciolandolo, neve, molto più bianca di quella grigia ed inquinata che cade in inverno. Con il legno, potremmo preparare dei cestini per i rifiuti, delle panchine per i parchi, dei tavoli e delle sedie per i pic-nic o delle giostre». 12

13 Alì: «Hai ragione! Così potremmo venire a prepararci dei pranzetti e delle cenette e li potremmo mangiare seduti ai nostri tavoli!». A questo punto Alì chiama immediatamente i suoi compagni di avventura e li mette al corrente della proposta fatta da Marco. Da quel giorno la discarica non è più solo il luogo del gioco, ma cantiere che produce oggetti simpatici e, perché no, anche utili. La carta dei quotidiani e delle riviste era stata messa a macerare nelle pozzanghere di acqua per diventare carta pesta; le bottiglie di plastica erano diventate grappoli colorati come lampadari; le lattine delle bibite dei suonavento, che ad ogni brezza tintinnavano e accompagnavano il lavoro dei ragazzi; il legno, inchiodato ed assemblato, è diventato l arredo domestico dell ambiente; i vetri, incollati ad un rudere di una parete, sono diventati un mosaico che al passare del sole riflette raggi multicolori. In pochi giorni di gioco e lavoro quell ambiente triste e desolato, deturpato dalla distrazione del popolo della città, era diventato, quasi per magia, un ambiente allegro e vissuto non più soltanto de quei ragazzi che fuggivano dalla città. (continua a pagina 25) L accumulo di materiali diversi ha reso possibile il loro utilizzo durante le attività di laboratorio. In particolare abbiamo sfruttato i nostri rifiuti, cioè quelli che produciamo durante le merende: i vasetti 13

14 vuoti di yogurt per costruire maracas, lattine vuote per dar vita a magnifiche sculture, barattoli di vetro per formare variopinte lampade. Noi ragazzi abbiamo notato che, nei giardinetti, c è una scarsa presenza di contenitori per i rifiuti e per questo alcune persone, un po per pigrizia è un po per maleducazione, tendono a disperdere nell ambiente alcuni rifiuti come lattine vuote, cartacce, mozziconi di sigarette, bottiglie vuote, fazzoletti di carta usati, ecc... Per questo, noi dell Estate Ragazzi, abbiamo pensato di risolvere questo problema, unendo lo sport e la salvaguardia dell ambiente, per mezzo di contenitori di rifiuti. Ecco come li abbiamo creati: FASE 1: Dopo esserci procurati dei pannelli di legno, li abbiamo ricoperti integralmente di cementite e, in seguito lasciati asciugare. FASE 2: Poi li abbiamo abbelliti con colori e forme vivaci. 14

15 FASE 3: Successivamente, per mezzo di un martello e di alcuni chiodi abbiamo fissato al pannello i contenitori per i rifiuti....ed IL RISULTATO??? VI ASPETTIAMO DI PERSONA A VEDERE CON I VOSTRI OCCHI 15

16 abbiamo disegnato con le tempere, alcuni disegni li abbiamo fatti diluendo (molto!) la tempera con materiali di recupero: per l arancione la fanta,per il marrone il caffè e la coca-cola Ci sono venute anche altre idee il gioco con i rifiuti. Prendendo spunto da libri e giornali e sempre utilizzando bottiglie di plastica, giornali, cartoncini e lattine abbiamo realizzato alcuni modelli di case tipiche delle varie zone del mondo che stiamo osservando e scoprendo durante quest Estate Ragazzi. In particolare abbiamo progettato ed elaborato un grattacielo delle metropoli americane, una capanna delle zone del centro Africa, una piramide Maya (centro sud America) e un tempio indiano. 16

17 Abbiamo riflettuto con i ragazzi sulla raccolta differenziata ed i contenitori adatti Questo è stato il primo passo nel cercare di migliorare il nostro rapporto con l ambiente a noi vicino. In ogni angolo del cortile della parrocchia sono stati sistemati numerosi bidoni per la raccolta differenziata: vetro, carta, plastica e lattine. Grazie alla divisione di questi rifiuti abbiamo immediatamente notato che il nostro famoso cestino della spazzatura si riempiva molto meno facilmente di prima. Differenziare sempre

18 Per accostare i bambini più piccoli al complesso tema della raccolta differenziata sono stati proposti alcuni giochi sui rifiuti così che i ragazzi, divertendosi, potessero riflettere sui piccoli gesti quotidiani da loro compiuti. Si è cercato di far loro capire l importanza e il peso dell imballaggio di un prodotto, che rappresenta circa il 50% del totale dei rifiuti soli urbani. Gli imballaggi, infatti, hanno un brevissimo ciclo di vita e costituiscono un volume che finisce in discarica, saturando lo spazio disponibile in maniera selvaggia.si è inoltre tentato di ragionare sull importanza che ciascuno di noi da all estetica di un prodotto, alimentare o gioco che sia. L attenzione alla forma, al colore, ai materiali impiegati, la continua ricerca di differenziazione sono crescenti e, pertanto, l imballaggio ha acquistato un grado di importanza crescente nella comunicazione e nelle strategie di vendita. Per animare la discussione abbiamo proposto ai ragazzi di cercare in scatole e imballaggi di ogni tipo un piccolo bottone che ci serviva. I ragazzi hanno aperto tutte le confezioni contenute nel sacco e non lo hanno trovato ma nessuno ha in realtà guardato in fondo al sacco. Riflettendo: non sempre l essenziale, ciò che veramente ci serve, si nasconde dietro ad accattivanti confezioni. 18

19 PINA LA LATTINA PORCELLINA Tutti i giorni, la lattina Pina, quando doveva gettare la carta, lo faceva buttandola sul pavimento della propria casa. Un giorno andò a fare la spesa e, non appena torno a casa, non riuscì ad aprire la porta. Facendo un giro, vide dalla finestra che la casa era piena di carta e ciò no permetteva alla porta di aprirsi. Allora decise di chiamare i SOCCORRITORI LATTINARI, i quali le tolsero tutta la carta da in casa. Cosi la lattina Pina visse felice e contenta, imparando a buttare la spazzatura negli appositi contenitori. 19

20 JA SAM PAPIR, I JA ÎELIM DA ÎIVIM. AKO ÎELI DA JA ÎIVIM, MOLIM TE STAVI ME LI ODGOVARAJUåU KANTU; HA KOJOJ PI E PAPIR I VIDJEåEMO SE OPET. IO SONO LA CARTA; IO VOGLIO VIVERE. SE TU VUOI CHE IO VIVA PER FAVORE METTIMI NELL APPOSITO CASSONETTO; E SUL CASSONETTO SCRIVI CARTA E CI RIVEDREMO DI NUOVO. OVO JE ÎELJA SVAKOG PAPIRA, A TAKO I PORUKA HVALA. QUESTO È L AUGURIO E IL MESSAGGIO CHE HA LA CARTA. GRAZIE. 20

21 Parlando con i ragazzi abbiamo scoperto che la maggior parte di loro dice di fare la raccolta differenziata a casa: purtroppo a casa è facile fare ciò vista la bassa quantità di rifiuti prodotti e la vicinanza dei cassonetti appositi. A questo punto ci siamo accorti che una struttura pubblica come l oratorio nella quale per cinque settimane 150 tra educatori e ragazzi passano le loro giornate non offre la possibilità di differenziare. Allora abbiamo deciso di costruire dei cassonetti (ovviamente con materiale recuperato) per i maggiori tipi di materiale riciclabile presente in una struttura del genere (es. carta, plastica, lattina) colorandoli per dar loro un aspetto più gradevole (vedi foto, sempre se la mettete). L idea è che i cassonetti non durino solo cinque settimane ma che diventino una parte integrante e stabile dell oratorio per dare concretamente a tutti i fruitori del luogo la possibilità di effettuare la raccolta differenziata. Anche se molti dei ragazzi (soprattutto i più grandi) conoscevano già i criteri di divisione dei materiali, gli operatori hanno fatto fare ai più piccoli dei cartelloni, dei disegni che istruissero i ragazzi nel differenziare correttamente che spiegassero perché è importante e che rendessero più facile e divertente l atto del differenziare Dopo che l opera di raccolta è iniziata e i primi cassonetti sono stati riempiti, dovevamo decidere cosa fare di tutto questo materiale riciclato. Potevamo darlo agli operatori ecologici che 21

22 lo portassero nei vari centri specializzati nel riciclaggio, ma ci siamo detti: e se invece lo riciclassimo noi?. E a questo punto abbiamo scoperto come del materiale considerato da molti del rifiuto possa essere ancora utilizzabile e diventare addirittura UN OPERA D ARTE. Con un po di ingegno e di fantasia siamo riusciti a produrre: OGGETTO COSTRUITO Dosaspaghetti Fiori Tende colorate e rumorose Bottiglie colorate Castelli magici Mosaici Stampini per rilievo MATERIALE UTILIZZATO Cartone Calze, tappi di sughero Cucchiaini di plastica (quelli del gelato) Vetro (succhi di frutta) Bottiglie di plastica Carta Lattine Arrivati a questo tutti noi, ragazzi ed operatori, abbiamo compreso l importanza e l utilità della raccolta differenziata, ma la comunità ha le stesse nostre conoscenze? I nostri genitori, i nostri amici, sanno differenziare? Come abbiamo già detto molti di noi fanno la raccolta differenziata e questo ci fa capire che molti degli adulti sanno già come differenziare anche se spesso per pigrizia o svogliatezza questa non viene effettuata regolarmente. 22

23 Allora noi operatori con i ragazzi delle medie abbiamo deciso di compiere una piccola opera di sensibilizzazione che racchiudesse i principali motivi per i quali fosse importante differenziare per far si che ciò che si può fare venga fatto con costanza e perseveranza. Abbiamo, quindi, prodotto una lettera usando anche toni forti (come ad esempio il titolo VIVIAMO IN UN PORCILE, scelto dai ragazzi) e puntando su alcuni elementi cari ai più grandi (come le tasse sui rifiuti e l amore per i propri figli). Questa lettera è stata consegnata a tutti i nostri genitori ed è stata distribuita in tutti i quei luoghi maggiormente frequentati dagli abitanti del quartiere (es. la chiesa, i supermercati, i parchi giochi, ecc...) nella speranza che qualcuno accolga le nostre richieste. VIVIAMO IN UN PORCILE!!! Al giorno d oggi ognuno di noi produce 1,5 kg di rifiuti al giorno. Nel 1980 se ne producevano solo 0,7 kg. In 20 anni c è stato un aumento superiore al 100%!!!!! Questo significa che, attualmente, la città di Alba ( abitanti circa) produce ogni giorno kg di rifiuti!!!! Questa quantità riempirebbe un campo da calcio!!! Pensate a questa immensa quantità se moltiplicata per giorni e giorni... 23

24 A noi ragazzi non va bene così! Ed è per questo che chiediamo a noi stessi (come stiamo già facendo nel centro estivo) e a voi adulti di rispettare almeno alcune di queste semplici regole per permetterci di ridurre la quantità di rifiuti pro-capite, di crescere in luogo pulito e per vivere la vita in un luogo sano, e non in una discarica!! Se avete i cassonetti della raccolta differenziata sotto casa, FATELA!! Con la raccolta differenziata si può recuperare ben il 90% dei rifiuti (tra scarti organici, vetro, plastica, lattine, alluminio, carta) riducendo la quantità non riciclabile da 1500 grammi a 150 al giorno!; FATE ATTENZIONE AD USARE CORRETTAMENTE I CASSONETTI!! Solo con un loro uso appropriato si può favorire un corretto riciclo; Se la città di Alba non raggiungerà almeno il 35% di raccolta differenziata, dovrà pagare una multa! E questa si ripercuoterà sulle vostre tasse sui rifiuti!! Quindi, adoperatevi!; Se non avete i cassonetti sotto casa, niente paura! Ci sono operatori che passano a raccogliere la raccolta differenziata porta a porta, basta informarsi!; Aiutateci a tenere pulito il territorio (in particolare i parchi gioco e l oratorio dove ci divertiamo tanto!); è solo questione di buona volontà; L ecologia è un bene di tutti: imparate a rispettarla e ad insegnarla, per non dover vivere in un PORCILE!; I trasgressori possono essere duramente puniti! Se vi scopriremo non esiteremo a farvelo notare! 24

25 NOI CI TENIAMO AL NOSTRO QUARTIERE E AL NOSTRO FUTURO! AIUTATECI A SALVAGUARDARLO!!! (Continua il) VIAGGIO NELLA PIANA DELLE EX LUMACHE TRISTI La spazzatura rimasta era soltanto più quella organica che, messa nelle fioriere costruite dai ragazzi, ha fatto germogliare fiori e piante che abbelliscono e profumano la nuova Piana delle Lumache Allegre. Da quel giorno anche i grandi, quando vanno alla Piana delle Lumache Allegre, hanno imparato a differenziare la spazzatura sistemandola nei contenitori appositi realizzati con le proprie mani dai ragazzi. LABORATORIO DI FOTOGRAFIA: Ogni ragazzo di 2^ e 3^ elementare ha avuto la sua macchina fotografica e con essa ha cercato di documentare quelli che sono gli spazi che il quartiere prevede per i bambini ( parchi, giostre, cassonetti, ). Un gruppo, invece, ha fotografato la città come sta cambiando: dove fino a ieri c era un viale alberato oggi c è una rotonda. 25

26 LABORATORIO DI FALEGNAMERIA: Nato come continuazione del progetto dello scorso anno, ai ragazzi è stato proposto di realizzare con il legno fioriere e cestini per i rifiuti che saranno posizionati nel centro, nei parchi del quartiere su proposta dei ragazzi. NATURA...lmente PULITA Il mio ambiente non è salutare, ma lo posso migliorare...basta RICICLARE 26

27 Questo è stato il primo passo nel cercare di migliorare il nostro rapporto con l ambiente. In ogni angolo del cortile della parrocchia sono stati sistemati numerosi bidoni per la raccolta differenziata: vetro, carta, plastica e lattine. Grazie alla divisione di questi rifiuti abbiamo immediatamente notato che il nostro famoso cestino della spazzatura si riempiva molto meno facilmente di prima. Recuperiamo Insieme Cellophan Ingombranti Carta Lattine Altri Rifiuti Ecologicamente 27

28 Abbiamo preso dei vecchi scatoloni, li abbiamo dipinti e trasformati in contenitori diversi, colorati e disegnati a seconda del materiale che intendevamo separare e li abbiamo utilizzati per la raccolta differenziata. Noi, invece, dopo aver raccolto e portato materiali di prodotti ormai consumati, abbiamo deciso di costruire con questi, bidoni per la raccolta differenziata dei rifiuti. I materiali che abbiamo utilizzato sono stati principalmente le bottiglie di plastica, giornali e riviste, lattine e cartoni vari.dopo esserci divisi in gruppi ci siamo divertiti e sbizzarriti a modellare questi rifiuti e a creare i nuovi contenitori per i seguenti materiali: carta,plastica e latta. Durante i lavori abbiamo capito l importanza di recuperare e differenziare le rimanenze dei vari prodotti consumati. Per ultima cosa ci piace sapere che i nostri bidoni verranno utilizzati da un bar del nostro quartiere. 28

29 L ALFABETO DELL AMBIENTE Cose che vorrei nella mia città A come B come C come D come E come F come G come H come I come L come M come N come O come P come Q come R come S come T come U come Autobus elettrici Bidoni per la raccolta differenziata Coscienza ecologica Discariche ben gestite Educazione Fabbriche meno inquinanti Giardini puliti Hope for the future Isole pedonali Leggi più severe contro chi inquina Maggior riciclaggio Natura più rispettata Oasi ecologiche Pulizia nelle strade Quartieri più sani Risparmio energetico Salvaguardia del paesaggio Trasporto di rifiuti più efficiente Uso corretto dell acqua 29

30 LA LANGA È UN PARADISO LA LANGA È COME UN SORRISO STAMPATO SULLA BOCCA È L ACQUA IN UNA BROCCA. SE ASCOLTI BENE BENE UNA STRANA SENSAZIONE TI VIENE LA NATURA CANTA E TACE MA REGNA TANTA PACE!!! 30

31

32 Stampa: tipografia l artigiana - Alba

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva 4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva L attività è stata introdotta da una richiesta di collaborazione, si è chiesto l aiuto degli alunni per riscoprire le caratteristiche

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

BUONE AZIONI PER RISPARMIARE

BUONE AZIONI PER RISPARMIARE BUONE AZIONI PER RISPARMIARE A cura del Servizio Socio Assistenziale della Comunità Alta Valsugana e Bersntol in collaborazione con i dipendenti delle Casse Rurali di Pergine Valsugana, Caldonazzo, Levico

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone Se fossi... Nicole Pesce Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone se fossi un coppa mi lascerei osservare da tutti, ed essere contenta di essere con te, te che mi

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

C era una volta... Nel castello di Roccabisaccia è un giorno di festa tutti sono contenti perché è finalmente pace con i vicini del regno, dopo una guerra lunga dieci anni! Re Baldassarre medita di preparare

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. UNIONE DEI COMUNI Agugliano Camerata Picena Offagna Polverigi Santa Maria Nuova Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. Raccolta differenziata porta a porta. A.T.I. Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli