Provincia di Venezia. Calendario porta a porta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Provincia di Venezia. Calendario 2014. porta a porta"

Transcript

1 Comune di Marcon Provincia di Venezia Calendario 2014 porta a porta

2 Numeri utili e contatti Servizio Clienti da rete fissa da lunedì a venerdì dalle 8.30 alle Fax Servizio asporto oggetti voluminosi www. gruppoveritas.it posta elettronica certificata (pec) I contenitori devono essere esposti con il coperchio chiuso. Questo al fine di agevolare lo svuotamento. Non si possono utilizzare contenitori diversi dai convenzionali e/o usare gli stessi contenitori per frazioni diverse. Si ricorda che i contenitori per la raccolta porta a porta vanno esposti fuori casa prima delle 5.00 del mattino. In caso di esposizione successiva a quest orario non si garantisce la raccolta. In caso di mancato prelievo chiamare il numero da lunedì a venerdì dalle ore 8.30 alle Indice argomenti - Numeri utili e contatti - Intervento del Sindaco - Frazione Organica/Verde ramaglie - Secco - Vetro - Plastica e Poliaccoppiato - Alluminio - Carta - Acqua - Rifiuti etichettati T/F/X - Pile e farmaci - RAEE - Ingombranti SEC CAR PL VET LEGENDA CALENDARIO RITIRI RIFIUTO SECCO CARTA CARTONE TETRA PAK PLASTICA LATTINE SOLO VETRO FRAZIONE ORGANICA RAMAGLIE - Zanzare - Per chi fa o vorrebbe fare il compostaggio domestico - Ecocentro Marcon - Ritiro a domicilio/ecofurgone - Suddivisione zone racc. vetro - Nuova etichettatura - Schema riassuntivo per la raccolta differenziata - Raccolte festivi

3 Comune di Marcon Provincia di Venezia Comune di CON Assessorato alle politiche ambientali Dal riciclo, al riutilizzo, alla riduzione, fino ad arrivare all obiettivo di rifiuti zero: questa è la direzione cui dobbiamo tendere, impostando i nostri comportamenti quotidiani di conseguenza. Oltre alla raccolta differenziata, che è comunque possibile eseguire ancora meglio, sono molte le azioni che ciascuno di noi può mettere in pratica per ridurre il suo impatto sull ambiente. Ricordiamo la pratica dell ecoscambio, che si organizza tre volte l anno sul nostro territorio (vedi date indicate nel calendario) grazie all aiuto dell associazione Ecovolontari. E importante conservare l abitudine ad acquistare prodotti sfusi, a bere l acqua del rubinetto o sfruttare le reti di distribuzione delle bevande con vuoto a rendere, ad effettuare acquisti ponderati, misurati, che evitano gli sprechi. Queste sono solo alcune delle buone pratiche che possono essere messe in atto. Noi possiamo e dobbiamo fare molto, dopotutto il nostro mondo è preso in prestito dalle generazioni future, che devono poterlo vivere, un domani, pulito e sano. Quest anno, nell ottica di migliorare la percentuale di raccolta differenziata, realizzando finalmente un salto tangibile, vi chiederemo di fare qualche sforzo in più: dai piccoli accorgimenti nel sistema di raccolta porta a porta, alle sperimentazioni che potremmo aver bisogno di mettere in pratica. Le azioni saranno volte al miglioramento dell efficacia del servizio, ma anche al contenimento dei costi che porti benefici nelle nostre bollette! Per questo vi chiediamo da subito di affrontare queste eventuali modifiche con lo spirito del cambiamento, che è peraltro l unico compatibile con i tempi rapidi, ed in continuo divenire, della nostra epoca. Andrea Follini Sindaco Claudia Bonotto Assessora all Ambiente

4 FRAZIONE ORGANICA SÌ - scarti di cucina, avanzi di cibo; frutta e verdura; pane vecchio; fondi di caffè e filtri di tè; alimenti avariati e scaduti; gusci d uovo; fiori recisi e piante domestiche; salviette sporche di carta. NO - pannolini e assorbenti; stracci; imballaggi e confezioni. Differenzia bene i rifiuti. Elimina con la frazione organica anche tovaglioli e fazzoletti di carta sporchi. Butta inoltre anche i gusci di cozze e vongole. E RAMAGLIE SÌ - sfalci domestici di erba e fiori recisi; ramaglie e domestiche potature di alberi e siepi; foglie; residui vegetali da pulizia dell orto; cortecce, segatura e paglia; piante domestiche (senza terra). NO - legno trattato in genere, armadi e mobili in genere; finestre e quadri. Riciclabolario A - B Abiti usati... Contenitori per indumenti usati Accendino... Secco Accumulatori per auto... Ecocentro Acetone... Ecocentro Acquaragia... Ecocentro Acquario... Ecocentro Addobbi natalizi... Secco Adesivi... Secco Agende senza copertine... Carta Aghi siringhe (sempre con cappuccio)... Secco Alberi di Natale di plastica... Ecocentro Alberi di Natale veri...verde-ramaglie/ecocentro Alcool (bottiglia vuota e sciacquata)... P/L Alimentari...Organico Alluminio grandi q.tà... Ecocentro Amianto Eternit... Chiamare ditta autorizzata Ammoniaca (bottiglia vuota e sciacquata)... P/L Antiparassitari... Ecocentro Antiruggine contenitore... Ecocentro Appendiabito legno, plastica...secco/ecocentro Appendiabito metallo...secco/ecocentro Armadio smontato... Ritiro a domicilio/ecocentro Asciugacapelli... Ecocentro Aspirapolvere... Ecocentro Asse da stiro... Ecocentro Assorbenti... Secco Astuccio... Secco Attaccapanni...Secco/Ecocentro Bacinelle... P/L Bambole (togliere le pile)... Secco Bamboo... Ecocentro Bandiere... Secco Barattoli... P/L Batterie per autoveicoli... Ecocentro

5 GENNAIO Utenze VET ZONA ROSSA VET ZONA PL CAR INDUSTRIALI SEC VET ZONA PL CAR INDUSTRIALI SEC Come la frazione umida diventa compost Negli impianti di compostaggio, grazie ad alcuni batteri che operano sia in presenza che in assenza di ossigeno, la frazione organica viene trasformata in compost. Questi due processi permettono di RIDURRE le EMISSIONI di CO ². Ogni tonnellata di legno risparmiata equivale alla mancata emissione di una tonnellata di CO ² (anidride carbonica) equivalente. Ogni tonnellata di sfalci e potature trasformati in compost equivale alla mancata emissione di 700 kg di CO ² equivalente. La CO ² equivalente è l unità di misura che permette di pesare insieme emissioni di gas serra diversi con differenti effetti climalteranti. Per esempio: una tonnellata di metano, che ha un potenziale climalterante 21 volte superiore rispetto alla CO ², viene contabilizzata come 21 tonnellate di CO ² equivalente. Il compostaggio comincia con la bi ossidazione, un operazione che permette di degradare il materiale organico. In questa fase i microrganismi operano in condizioni controllate di umidità e aerazione. La temperatura viene poi portata oltre 70 C, igienizzando così il materiale organico. Nel corso dell ultima fase i microrganismi innescano il processo di maturazione che porta alla creazione del compost: un terriccio scuro che odora di sottobosco. Si tratta di un ottimo fertilizzante utilizzato in agricoltura, orticoltura, frutticoltura, florovivaismo e per la realizzazione di parchi, giardini, aree verdi e di interesse naturalistico.

6 SECCO SÌ - gomma, stracci sporchi; carta carbone, oleata, plastificata, chimica e scontrini; cartoni per la pizza sporchi; posate di plastica sporche e pulite; piatti e bicchieri di plastica sporchi; pannolini e assorbenti igienici (richiedere il servizio apposito per grandi quantità); bicchieri di vetro e cristallo; sacchetti per aspirapolvere; piccoli oggetti di legno e plastica; giocattoli rotti; cocci di ceramica; porcellana e terracotta; evidenziatori, forbici e penne; cassette audio e video, floppy disk, cd. NO - rifiuti ingombranti; calcinacci e materiali edili; carta, cartone e Tetra Pak; vetro, plastica e lattine; frazione organica; pile e batterie anche scariche; farmaci anche scaduti; RAEE (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche). Differenzia bene i rifiuti. Non buttare nel secco i piccoli elettrodomestici (ad esempio frullatori, radio o giochi elettronici) ma portali all Ecocentro. Riciclabolario B - C Batterie per cellulari... Ecocentro Batuffoli di cotone/bende... Secco Bauli... Ecocentro Berretti... Secco Biancheria... Contenitori per indumenti usati Bianchetto... Secco Bicchiere di plastica dura (tipo campeggio)... P/L Bicchiere plastica usa e getta (non sporchi)... P/L Bicchiere vetro...secco/ecocentro Bicicletta... Ecocentro Bigiotteria... Secco Biglie di vetro/plastica... Secco Bilancia pesa persone... Ecocentro Biro... Secco Bistecchiera elettrica... Ecocentro Blister vuoti di farmaci... P/L Bombolette alluminio non marchiate T/F/X... P/L Bombolette marchiate T/F/X... Ecocentro Borse in cuoio... Secco Borse in plastica... P/L Bottiglie di vetro... V Bottiglie di plastica... P/L Bottoni... Secco Bronzo... Ecocentro Bulloneria... Ecocentro Buste per alimenti... P/L Caffettiera... Ecocentro Calcinacci (max 5 secchi da 20 L)... Ecocentro Calcolatrice... Ecocentro Calze e Calzini (nylon, lana cotone)... Secco Candele e Cera... Secco Canne da pesca... Ecocentro Cappelli (utenze domestiche)... Secco Carbone, Carbonella... Secco

7 FEBBRAIO Utenze VET ZONA PL CAR INDUSTRIALI SEC VET ZONA PL CAR INDUSTRIALI SEC Come viene trattato il rifiuto secco I rifiuti vengono portati all interno del Polo integrato di Fusina, la piattaforma per il trattamento dei rifiuti più all avanguardia d Italia e una delle più importanti in Europa. Qui il rifiuto secco viene trasformato in CDR, combustibile derivato dai rifiuti, che viene bruciato insieme al carbone nella centrale termoelettrica dell Enel Andrea Palladio di Fusina. Il beneficio per l ambiente è notevole: tonnellate di CDR bruciate nella centrale di Fusina permettono di risparmiare circa tonnellate di carbone e di ridurre della stessa quantità le emissioni di anidride carbonica in atmosfera Per produrre il CDR i rifiuti vengono triturati e chiusi per sette giorni nelle biocelle, dove il calore generato dalla decomposizione delle sostanze organiche, fa evaporare l acqua contenuta. Dal materiale vengono poi separati meccanicamente i materiali inerti (sabbia, vetro) e i metalli che intralcerebbero la combustione. Tutti i metalli pesanti sono presenti in concentrazioni molto inferiori a quelle previste dal Decreto ministeriale del 1998 che definisce le caratteristiche del CDR. Il CDR che ha un potere calorifico elevato è ora pronto per essere bruciato insieme al carbone nella centrale termoelettrica Palladio di Fusina e diventare quindi energ i a elettrica.

8 VETRO SÌ - bottiglie; vasi e vasetti di vetro. Il materiale non deve avere residui di cibo o prodotto contenuto. NO - porcellana e ceramica; bicchieri di vetro e cristallo; lampadine. Come differenziare il vetro il vetro non deve mai essere abbandonato fuori dalle campane o dai contenitori per la raccolta differenziata. Una bottiglia di vetro, se abbandonata, si decompone in anni. è importante rispettare il calendario di raccolta, dove il servizio è porta a porta. basta una piccola quantità di materiale estraneo per inquinare tutto il resto e renderlo non riciclabile. Differenzia bene i rifiuti. Ricorda che tazzine, piatti, porcellane, bicchieri NON VANNO nel VETRO ma nel secco. Riciclabolario C Carne...Organico Carrozzina... Ecocentro Carta carbone... Secco Carta da forno... Secco Carta da pacco... Carta Carta oleata per alimenti... Secco Carta plastificata (tipo riviste)... Carta Carta stagnola pulita... P/L Carta uova di pasqua/caramelle... P/L Carta vetrata... Secco Cartone (ridotto di volume)...carta/ecocentro Cartucce per toner...ecofurgone Casse e cassette di legno... Ecocentro Casse e cassette di plastica... P/L Cassette audio video... Secco CD Rom... Secco Cellophane... P/L Cenere...Organico Ceramica...Secco/Ecocentro Cerchioni auto... Ecocentro Cerotti... Secco Cestelli in plastica... P/L Chiavi... Secco Ciabatte... Secco Cialda da caffè... Secco Cibi cotti e crudi...organico Cinture... Contenitori per indumenti usati Cinture inutilizzabili... Secco Ciotole in plastica... P/L Colle e collanti... Ecocentro Computer... Ecocentro Congelatore... Ecocentro Contenitori per alimenti di metallo... P/L Contenitori/confezioni di plastica... P/L

9 ZO Utenze VET ZONA PL CAR INDUSTRIALI VET ZONA PL CAR INDUSTRIALI SEC Come il VETRO viene trattato e diventa vetro pronto forno Riciclare il vetro vuol dire rispettare l ambiente e risparmiare risorse (limitando l estrazione di materie prime) ed energia, dal momento che fondere una tonnellata di vetro riciclato permette di risparmiare 136 litri di petrolio rispetto alla lavorazione della materia prima. RIDUZIONE EMISSIONI CO ². Per 1 tonnellata di vetro recuperato e riciclato il risparmio è di 300 kg di CO ² equivalente Dopo essere stato raccolto in maniera differenziata, il vetro viene portato negli impianti e selezionato meccanicamente. Viene fatto passare attraverso elettrocalamite che eliminano i materiali metallici; un aspiratore toglie poi i residui di plastica e carta. Selettori ottici computerizzati separano il vetro ormai ridotto in cocci - in base al colore. Nelle vetrerie il vetro recuperato è mescolato al materiale grezzo e quindi fuso. Il vetro così prodotto ha le stesse caratteristiche di quello realizzato solo con materie prime.

10 PLASTICA Riciclabolario C-D-E-F Coperte... Contenitori per indumenti usati Copertoni veicoli (max 3 pezzi)... Ecocentro Cornici (plastica/legno/metallo)...secco/ecocentro SÌ - flaconi, dispenser e tubetti di plastica vuoti per detergenti, saponi, creme, shampoo, bagnoschiuma; confezioni, vaschette, buste e sacchetti per alimenti privi di residui di prodotto; cellophanee film di plastica alimentare trasparente; contenitori di plastica e polistirolo per imballaggi; sacchetti, buste, shopper e retine di plastica; terrine, bacinelle, secchi, ciotole di plastica; piatti e bicchieri di plastica puliti; taniche pulite; contenitori di plastica puliti per pitture lavabili; cassette porta bottiglie e cestelli di plastica. Il materiale non deve avere residui di cibo o prodotto contenuto. Cosmetici /creme... Secco NO - posate di plastica sporche e pulite; piatti e Dischetti computer... Secco Cover cellulari... Secco Cozze...Organico Cristallo...Secco/Ecocentro Cucina (mobili smontati)... Ritiro a domicilio/ecocentro Cuoio... Secco Cuscini... Secco Damigiane... Ecocentro Deodoranti marchiati T/F/X... Ecocentro Depliants... Carta Diario (solo parti in carta e cartone)... Carta Diluente... Ecocentro bicchieri di plastica sporchi; giocattoli e oggetti di gomma. Dischi di vinile... Secco Differenzia bene i rifiuti. Fai attenzione: il Tetra Pak NON VA mai buttato nella plastica, ma nella carta. Ricorda inoltre che i piatti e bicchieri puliti usa e getta vanno nella plastica. Divano... Ritiro a domicilio/ecocentro Imballaggi poliaccoppiati Alcuni sacchetti e contenitori sono poliaccoppiati, realizzati sovrapponendo più strati di diversi materiali. La plastica protegge da acqua e umidità, l alluminio impedisce alla luce di entrare e agli aromi di uscire, la carta assicura struttura e consistenza. l contenitori marchiati Tetra Pak (per latte, succhi vari, vino) sono poliaccoppiati e devono essere riciclati con la CARTA. Tutti gli altri contenitori poliaccoppiati, cioè formati da vari materiali saldati insieme (sacchetti per biscotti, patatine, snack, tappi dei vasetti di yogurt e blister per i medicinali) sono riciclabili. Quindi vanno insieme alla PLASTICA. Disinfettante (contenitori vuoti e puliti)... P/L Divisori dolciumi di plastica... P/L Ecografie... Secco Elastici... Secco Il riciclaggio della plastica è un settore specifico del riciclaggio dei rifiuti, e consiste in un insieme di operazioni che vengono svolte sui rifiuti composti da plastica per ottenere nuovo materiale da reimmettere nei processi produttivi 1 Polietilentereftalato 2 3 Polivinilcloruro 5 Polipropilene 6 Polistirolo 4 Polietilene 2 = bassa densità 4 = alta densità

11 APRILE Utenze VET ZONA PL CAR INDUSTRIALI VET ZONA PL CAR INDUSTRIALI VET ZONA PL CAR INDUSTRIALI Poliaccoppiati - I poliaccoppiati hanno caratteristiche diverse a seconda dell uso. La maggior parte viene utilizzata nel settore agro-alimentare (prodotti da forno e dolci, formaggi e salumi, caffè, pasta). I rimanenti contengono detergenti e prodotti sanitari per la casa. Pasta secca - Per la pasta sono usati sacchetti in polipropilene (PP), o in polietilene (PE) quindi vanno nella PLA- STICA. Coperchi di yogurt, conserve e succhi di frutta, formaggi, salse, creme, maionese, salsa di pomodoro. Il tappo è di etilene-alcool polivinilico che lo rende impermeabile a ossigeno e anidride carbonica. Anche il contenitore (fatto di PE o PP) deve essere riciclato nella PLASTICA. Dolci e prodotti da forno - Molti prodotti di pasticceria industriale e biscotti sono confezionati in sacchetti flessibili, a doppio film in polipropilene (PP), con l aggiunta di un film di alluminio. Questi contenitori DEVONO essere riciclati con la PLASTICA, tranne le confezioni di sola carta e cartoncino, che vanno insieme alla CARTA. Surgelati - Le confezioni variano a seconda del prodotto. Quelle di materiale plastico DEVONO essere riciclate con la PLASTICA, se invece la scatola è di cartone, DEVE essere riciclata con la CARTA. Salumi preaffettati - La maggior parte dei prodotti è confezionata in atmosfera protetta, in buste o vaschette di plastica semirigide realizzate con PET, PS, PP. Una volta pulite, vanno nel contenitore della PLASTICA. Formaggi - Mozzarelle e altri formaggi freschi e a pasta molle sono confezionati in buste o contenitori poliaccoppiati (PE e PP), che vanno riciclati con la PLASTICA. Prodotti per la pulizia della casa - Cresce l utilizzo di contenitori e sacchi di poliaccoppiato PET/PE. Una volta svuotati completamente vanno poi riciclati con la PLASTICA. Come viene trattata la plastica Dopo essere stata raccolta in maniera differenziata, la plastica viene portata negli impianti e selezionata meccanicamente. Successivamente la materia prima viene ulteriormente differenziata con sistemi ottici ad infrarosso. Le plastiche fuse e termoformate daranno vita a maglioni, piumini, pennarelli, portafiori, chiavi usb, panchine, secchi e molte altre cose. RIDUZIONE EMISSIONI CO ² Per 1 tonnellata di plastica si risparmiano 500 kg di CO ² equivalente. Recuperare tonnellate di plastica permette di risparmiare circa tonnellate di petrolio, in pratica l energia usata in un anno da frigoriferi.

12 ALLNIO e METALLI SÌ - lattine e barattoli per alimenti; stagnola e vaschette di alluminio. Il materiale non deve avere residui di cibo o prodotto contenuto. Differenzia bene i rifiuti. Non buttare insieme ai metalli forbici, coltelli, cacciaviti: oggetti che potrebbero ferire gli operatori. Come differenziare l alluminio: viene raccolto assieme alla plastica. PERCHÈ DIFFERENZIARE L ALLNIO L alluminio si trova in natura solo combinato ad altri elementi, soprattutto nella bauxite che però, se non aumenta la quantità di alluminio riciclato, tra un migliaio di anni sarà esaurita. Per produrre una lattina partendo dalla materia prima occorre una quantità di energia 20 volte superiore a quella impiegata per riciclare la stessa quantità di materiale. Per produrre 1 kg di alluminio occorrono circa 15 kwh di energia elettrica e un impianto di estrazione di bauxite, che richiede molte risorse. Per produrre 1 kg di alluminio da materiale riciclato occorrono 0,8 kwh di energia e non servono miniere. Riciclabolario F - G - I Elettrodomestici grandi... Ritiro a domicilio/ecocentro Elettrodomestici piccoli... Ecocentro/Ecofurgone Erba...Verde-Ramaglie Escrementi animali domestici...organico Eternit... Chiamare ditta autorizzata Etichette adesive per indumenti... Secco Evidenziatori... Secco Faldoni ufficio (senza parti metalliche)... Carta Farmaci scaduti... Farmacie/Ecocentro Fazzoletti di carta usati...organico Federe... Secco Feltrini... Secco Ferro... Ecocentro Ferro da stiro... Ecocentro Fiale di vetro... V Fiammiferi di legno usati...organico Fili elettrici (piccole quantità)... Secco Film da imballaggio... P/L Filo interdentale... Secco Filtri di carta per the e caffè...organico Fiori finti... Secco Fiori recisi...organico Flaconi di plastica... P/L Fogli di carta o cartone... Carta Foglie...Verde-Ramaglie Fondi di caffè...organico Forbici...Secco/Ecocentro Forno elettrico/gas... Ritiro a domicilio/ecocentro Fotocopie... Carta Fotografie... Secco Frigorifero... Ritiro a domicilio/ecocentro Frutta...Organico Gabbietta per animali... Ecocentro Garze... Secco

13 MAG Utenze CAR VET ZONA PL CAR INDUSTRIALI VET ZONA PL CAR INDUSTRIALI Come viene trattato l alluminio Dopo essere stato raccolto in maniera differenziata, l alluminio viene portato negli impianti e selezionato meccanicamente. Da rifiuto a nuovi materiali Un sistema di calamite separa l alluminio da ferro e acciaio, eliminando i materiali estranei. In questa fase diventa pericolosa la presenza di oggetti contundenti (coltelli, forbici) perché accelerati dalle calamite potrebbero ferire gli operatori Alluminio, barattoli e materiali ferrosi vengono pressati separatamente in balle. Il baratti vengono portati nelle fonderie dove subiscono un processo di destagnatura che rigenera l acciaio e recupera lo stagno. I rottami metallici e di alluminio vengono caricati in un forno che elimina lo sporco ed eventuali residui di vernice. Il metallo, una volta fuso, viene versato in grandi stampi così da ottenere lingotti destinati alla realizzazione di nuovi beni. RIDUZIONE EMISSIONI CO ² Per 1 tonnellata di ferro o acciaio riciclato, il risparmio di emissioni è di 1,5 tonn di CO ² equivalente. Per 1 tonnellata di alluminio riciclato, si risparm i a n o 9,9 tonn di CO ² equivalente.

14 CARTA SÌ - giornali, riviste, fumetti, quaderni, libri, buste, fotocopie, fogli di carta, volantini e opuscoli; contenitori Tetra Pak per bevande e alimenti (succhi, latte, vino); astucci, confezioni e fascette di cartoncino; cartone; scatole di cartone anche per alimenti; scatole e foglietti informativi dei medicinali (non i farmaci); confezioni di cartone per uova, cartoni per la pizza puliti. Il materiale deve essere pulito, altrimenti va buttato nel rifiuto secco. NO - carta plastificata, chimica e oleata; scontrini e cartoni per la pizza sporchi. Differenzia bene i rifiuti. Il Tetra Pak, anche se ha parti di plastica, deve essere eliminato con la CARTA fai anche attenzione a togliere il cellophane che incarta i giornali prima di buttarli nel contenitore della CARTA. Non inserire mai la carta, il cartone e il Tetra Pak in sacchetti di plastica nè tenerli insieme con il nastro adesivo. Devono essere inseriti esclusivamente in scatoloni o borse di carta, oppure legati con lo spago. RIDUZIONE EMISSIONI CO ² Per 1 tonnellata di carta il risparmio è di 1,3 tonn di CO ² equivalenti. Riciclabolario I - J - K - L Giocattoli di grandi dimensioni (togliere le pile)... Ecocentro Giocattoli di piccole dim. (non elettrici)... Secco Giornali... Carta Girello per bambini...ritiro a domicilio/ecocentro Gomma da masticare... Secco Gomma e gommapiuma... Secco Grattugia di solo metallo...ecocentro Imballaggi che non è possibile pulire... Secco Imballaggi di plastica... P/L Imballaggi di plastica delle bottiglie... P/L Imballaggi di metallo... P/L Imballaggi grandi carta a pezzi... Carta Imballaggi grandi cartoni a pezzi... Ecocentro Imbuto di plastica o metallo... P/L Impregnanti per legno... Ecocentro Incensi... Secco Insetti...Organico Insetticidi uso domestico...ecocentro Involucro cassette audio/video... P/L Jeans...Contenitori per stoffa e indumenti usati Joystick... Ecocentro Juta...Secco/Ecocentro K-way...Contenitori per stoffa e indumenti usati Lacca per capelli marchiata T/F/X... Ecocentro Lacci per scarpe... Secco Lamette usa e getta... Secco Lampadari... Ecocentro Lampadine a basso consumo... Ecocentro Lampadine a incandescenza... Ecocentro Lana... Contenitori per indumenti usati Lastra di vetro... Ritiro a domicilio/ecocentro Latta... P/L Lattine... P/L Lavastoviglie... Ritiro a domicilio/ecocentro

15 Utenze VET ZONA ROSSA PL CAR INDUSTRIALI VET ZONA PL CAR INDUSTRIALI VET ZONA ROSSA PL CAR INDUSTRIALI VET ZONA PL CAR INDUSTRIALI Come vengono trattati carta cartone e tetra pack Dopo essere stati raccolti in maniera differenziata, la carta, il cartone e il Tetra Pak vengono portati negli impianti di recupero e selezionati. Vengono eliminati tutti gli elementi non cellulosici (ad esempio, metallo, legno e plastica), poi il materiale viene pressato, imballato e diventa materia prima seconda, pronta per diventare nuova carta. Da rifiuto a nuova carta Nelle cartiere la carta da macero, mescolata a una piccola quantità di fibre vergini, viene gettata in una grande caldaia dove l acqua calda separa le fibre, creando una poltiglia. La pasta di carta viene poi ulteriormente raffinata, privata delle impurità, pressata, essiccata e il nuovo foglio è avvolto in enormi bobine. È possibile separare anche la carta, l alluminio e la plastica di cui è composto il Tetra Pak, utilizzato per i contenitori per liquidi (latte, succhi di frutta, vino, passata di pomodoro). Nelle cartiere i contenitori finiscono nella caldaia, dove l acqua calda separa le fibre. Gli elementi diversi dalla carta (plastica o alluminio) galleggiano o affondano e possono quindi essere recuperati. La carta separata dal Tetra Pak diventa Cartafrutta, per produrre carta da tipografi a e imballaggio, scatole e sacchetti. Il film di polietilene e alluminio viene trasformato in ecoallene, utilizzato per la produzione di oggetti per la casa, da ufficio o scolastici. GIUGNO

16 ACQUA SEMPLICI CONSIGLI PER NON SPRECARE L ACQUA Riparare le piccole perdite: un rubinetto che gocciola spreca litri di acqua in un anno. Un economizzatore idrico, che mescola aria e acqua mantenendo inalterato il comfort, permette di ridurre i consumi anche del 50%. Le vaschette di scarico del wc a gettata differenziata evitano di sprecare in un anno litri di acqua. Meglio la doccia (30 litri di acqua) del bagno in vasca (150 litri). Chiudere il rubinetto quando ci si rade, si lavano i denti o i capelli fa risparmiare 50 litri di acqua al giorno. Lavatrici e lavastoviglie a pieno carico riducono il consumo idrico annuo di litri. Lavare l auto con spugna e secchio, invece che con l acqua corrente, fa risparmiare 130 litri a lavaggio. Annaffiare le piante con l acqua usata per lavare frutta e verdura, in grado di fornire preziosi sali minerali. Riciclabolario L - M - N - O Lavatrice... Ritiro a domicilio/ecocentro Legno da potatura...verde-ramaglie Legno piccole dimensioni...verde-ramaglie Legno verniciato... Ecocentro Lenti di plastica o vetro... Secco Lenzuola... Contenitori per indumenti usati Lettiere chimiche per animali... Secco Lettiere naturali per animali...organico Libri... Carta Lische di pesce...organico Lucidascarpe... Secco Macerie (max 5 secchi da 20 L)... Ecocentro Maglieria... Contenitori per indumenti usati Materassi... Ecocentro Matita... Secco Mattonelle (max 5 secchi da 20 L)... Ecocentro Mattoni (max 5 secchi da 20 L)... Ecocentro Medicine scadute... Farmacie/Ecocentro Mensole in legno... Ecocentro Metro di plastica, metallo o legno... Secco Mobili di legno (smontati)... Ritiro a domicilio/ecocentro Mobili di plastica... Ecocentro Mollette per bucato... Secco Monitor computer... Ecocentro Motorino elettrico... Ecocentro Mozziconi di sigarette... Secco Musicassette... Secco Nappa e pellami... Secco Nastri per regali... Secco Nastro adesivo... Secco Negativi fotografici... Secco Neon... Ecocentro Noccioli/noci di cocco...verde-ramaglie Nylon (Calze, ecc)... Secco

17 LUGLIO Utenze VET ZONA PL CAR INDUSTRIALI VET ZONA PL CAR INDUSTRIALI 12/01/ /18.00 presso l atrio del Centro Civico di via della Cultura, 3 17/05/ /18.00 presso piazzale di via dello sport, Marcon 11/10/ /18.00 presso piazzale di via dello sport, Marcon Cosa, come: porta, scambia, dona, il riutilizzo evita di buttare via! Ed è economico! Possono scambiarsi libri, dvd, riviste, indumenti, vestiti per bambini, oggettistica, piccoli elettrodomestici, etc. Non possono essere scambiati/donati: intimo, beni preziosi, giochi (escluso il 13/01/2013) generi alimentari, deperibili o di dubbia provenienza, pericolosi, tossici, articoli multimediali non in regola con le norme del copyright e diritto d autore, giocattoli. Oggetti di grandi dimensioni: Sarà presente una bacheca in cui lasciare annunci, foto, ecc. Non è necessario che avvenga uno scambio fisico dei beni, i beni vengono registrati in entrata mentre non è necessario controllarli in uscita, quindi si porta ciò che si vuole e si prende quel che interessa, senza che vi sia una corrispondenza esatta tra reso e preso Responsabili: Ass. Ecovolontari Marcon

18 Rifiuti Etichettati T/F/X Appartengono a questo gruppo molti prodotti di uso quotidiano come solventi, vernici, colori, che richiedono cautela nell utilizzo, nella conservazione e nello smaltimento. Anche i prodotti per l igiene e gli insetticidi richiedono molta attenzione. Per riconoscerli è sufficiente controllare le lettere e i simboli stampati sulle etichette dei contenitori. Anche i contenitori vuoti sono rifiuti pericolosi, possono infatti produrre seri e gravi danni all ambiente. Differenzia bene e fai molta attenzione a questi rifiuti: anche un piccolo quantitativo inquina molto. Questi materiali non devono mai essere eliminati insieme agli altri rifiuti, ma esclusivamente portati in Ecocentro o all Ecomobile. Riciclabolario O - P Nylon per imballaggi... P/L Occhiali (montatura)... Secco Oggetti di legno verniciato... Ecocentro Olio alimentare e auto... Ecocentro Ombrello... Ecocentro Ombrellone... Ecocentro Orologio (secondo le dimensioni)...secco/ecocentro Ossa (avanzi di cibo)...organico Ovatta... Secco Paglia...Verde-Ramaglie Palla e palloni... Secco Pallets... Ecocentro Pane...Organico Panni... Secco Pannolini/Pannoloni... Secco Peli/Capelli... Secco Pelle di camoscio... Secco Pellicola fotografica... Secco Pellicole di plastica per alimenti... P/L Peluche... Secco Pennarelli/Penne... Secco Penne/Piume di animali...organico Pennelli... Secco Pentole... Ecocentro Persiane... Ritiro a domicilio/ecocentro Pesce...Organico Pettini di legno o plastica... Secco Piante (senza vaso e terra)...verde-ramaglie Piastrelle rotte (max 5 secchi da 20 lt)... Ecocentro Piastrine per zanzare... Secco Piatti di ceramica/pirex/porcellana...secco/ecocentro Piatti/bicchieri di plastica non sporchi di cibo...p/l Pile...Contenitori appositi/ecocentro Pneumatici (massimo 3 pezzi)... Ecocentro

19 AGOSTO VET ZONA VET ZONA ROSSA VET ZONA VET ZONA ROSSA Utenze SEC SEC SEC SEC PL PL PL PL CAR CAR CAR CAR CAR CAR INDUSTRIALI CAR INDUSTRIALI CAR INDUSTRIALI CAR INDUSTRIALI Ecco i simboli stampati sul contenitore Corrosivo Infiammabile Irritante Pericoloso Fanno parte di questa categoria i prodotti e i contenitori per: Pulizia della casa (ammoniaca, candeggina, trielina, solventi, diluenti, smacchiatori, insetticidi); Giardinaggio (confezioni di pesticidi, antiparassitari, biocidi e fitofarmaci); Prodotti per l auto (lucidante, detergente, olio lubrificante antigelo); Igiene personale (cosmetici, lacche, bombolette spray con gas infiammabile e con CFC); Fai da te (vernici, colle, diluenti, Come vengono trattati I contenitori dei rifiuti con etichetta T/F/X vengono raccolti in appositi cassoni, dedicati esclusivamente a loro, che si trovano negli Ecocentri o nell Ecomobile. Vengono poi portati in impianti specializzati, dove il contenuto viene trattato con procedure che garantiscono la sicurezza e impediscono qualunque tipo di contaminazione ambientale.

20 PILE e FARMACI I medicinali scaduti se abbandonati o gettati nello scarico dei bagni sono molto pericolosi per l ambiente e la nostra salute. Per questo devono essere raccolti separatamente e inseriti negli appositi contenitori, senza la scatola e il foglietto di istruzioni che vanno invece eliminati con la carta e il cartone. I farmaci devono essere portati nell Ecocentro oppure gettati nei contenitori che si trovano nelle farmacie. Le pile e le batterie scariche devono essere inserite nei contenitori che si trovano all interno dei negozi che le vendono, oppure portate in Ecocentro. Pile e batteria contengono infatti metalli pesanti (cromo, cadmio, rame, mercurio, zinco), cioè materiali molto inquinanti pericolosi per la nostra salute e l ambiente. Differenzia bene e fai molta attenzione a questi rifiuti: non mescolarli mai ad altri, non buttarli mai nel secco e non abbandonarli in strada. Per questi materiali utilizza sempre l Ecocentro, oppure gli appositi contenitori. Riciclabolario P - Q - R - S Polistirolo (vaschette per alimenti)... P/L Polistirolo grandi dimensioni... Ecocentro Poltrona... Ritiro a domicilio/ecocentro Polveri aspirapolvere... Secco Porte... Ritiro a domicilio/ecocentro Posate di acciaio... Ecocentro Posate di plastica usa e getta... Secco Preservativi/profilattici... Secco Prodotti chimici marchiati T/F/X... Ecocentro Profumi (contenitore vuoto solo vetro)... V Profumi (contenitore vuoto sola plastica)... P/L Quaderni... Carta Quadri (senza cornice)... Secco Quotidiani... Carta Racchette da tennis... Secco Radio... Ecocentro Radiografie... Secco Raffia...Verde-Ramaglie Ramaglie...Verde-Ramaglie Rasoio usa e getta... Secco Reggette per legatura pacchi... P/L Reti di plastica per frutta e verdura... P/L Reti per letto... Ritiro a domicilio/ecocentro Reti per recinzioni... Ecocentro Righelli... Secco Riviste... Carta Rossetto... Secco Rubinetti... Ecocentro Rullino fotografico... Secco Sacchetti di carta (con interno plastificato)... P/L Sacchetti di plastica (shoppers)... P/L Sacchetti in poliaccoppiato (es. sacchetto biscotti)... P/L Sacchetti per aspirapolvere... Secco Sacchi, sacchetti, buste di plastica... P/L

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

Dividere i rifiuti. bidone giallo Caritas. centro di raccolta. assorbenti igienici. audio e video cassette e custodie

Dividere i rifiuti. bidone giallo Caritas. centro di raccolta. assorbenti igienici. audio e video cassette e custodie Dividere i rifiuti A TIPOLOGIA RIFIUTO abiti accendino accumulatori acidi alcool denaturato alcool etilico alluminio contenitori alluminio oggetti di grandi dimensioni amianto ampolle anticrittogamici

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fare la raccolta differenziata In provincia di Modena, ogni giorno produciamo 1,75 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta differenziata

Dettagli

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. UNIONE DEI COMUNI Agugliano Camerata Picena Offagna Polverigi Santa Maria Nuova Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. Raccolta differenziata porta a porta. A.T.I. Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dettagli

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como www.apricaspa.it www.comune.como.it COMUNE DI COMO 1 2 Indice Insieme verso il 6 5% di raccolta differenziata pag. 4 Perché fare la raccolta

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014

Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014 Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014 OGGETTO Abbigliamento Abiti Accendini Accumulatori Acetone Acquaragia Adesivi chimici Agende di carta e/o cartoncino Albero di Natale vivo Alimentatori

Dettagli

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... VetReRiA CARtieRA CoMPoStAggio Regione del Veneto Presidente Giancarlo Galan Assessore alle Politiche dell Ambiente Giancarlo Conta Segretario

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI ALLEGATO 10 ELENCO DELLE LAVORAZIONI O TRASFORMAZIONI ALLE QUALI DEVONO ESSERE SOTTO- POSTI I MATERIALI NON ORIGINARI AFFINCHÉ IL PRODOTTO FINITO POSSA AVERE IL CARATTERE DI PRODOTTO ORIGINARIO Materie

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente

più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente guida al compostaggio più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente Ho in testa una gran bella idea: Brescia più bella, più sana, più pulita. Un obiettivo possibile, adottando semplicemente

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Realizzato in PET riciclato. La natura ci guida. Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it

Realizzato in PET riciclato. La natura ci guida. Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it Realizzato in PET riciclato La natura ci guida Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it Insieme per l ambiente. La nuova vita della plastica Questo supporto è stato realizzato con materiale riciclato:

Dettagli

Trekking di più giorni

Trekking di più giorni SEZIONE DI MORTARA Trekking di più giorni Cosa portare nello zaino Escursioni di più giorni Per i trekking il discorso peso diventa ancora più importante delle escursioni di un giorno o due. Portare sulle

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

brocures A5:Layout 1 26/04/10 15:18 Pagina 1 Comune di (Provincia di Viterbo) manuale di compostaggio domestico

brocures A5:Layout 1 26/04/10 15:18 Pagina 1 Comune di (Provincia di Viterbo) manuale di compostaggio domestico brocures A5:Layout 1 26/04/10 15:18 Pagina 1 Comune di Castiglione in teverina (Provincia di Viterbo) manuale di compostaggio domestico brocures A5:Layout 1 26/04/10 15:18 Pagina 2 COS E : COS S E : COMPOS

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

Uno spettroscopio fatto in casa

Uno spettroscopio fatto in casa Uno spettroscopio fatto in casa Angela Turricchia Laboratorio per la Didattica Aula Planetario Comune di Bologna, Włochy Ariel Majcher Centro di fisica teorica, PAS Varsava, Polonia Uno spettroscopio fatto

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

Il compostaggio domestico

Il compostaggio domestico COLLANA GUIDE ECOIDEA 1 Il compostaggio domestico Provincia di Ferrara Dal pattume... al concime www.provincia.fe.it/ecoidea Introduzione La Provincia di Ferrara nel 1999 ha avviato la propria Agenda 21

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

ilmondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti

ilmondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti il mondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti Lo Sviluppo Sostenibile è quello sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri

Dettagli

CODICI CER NON PERICOLOSI

CODICI CER NON PERICOLOSI CODICI CER NON PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 01 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali 01 01

Dettagli

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AVISA Gruppo inchiostri da stampa e serigrafici L impatto ambientale degli inchiostri da stampa Marzo 2013 Questa nota informativa è stata preparata da EuPIA basandosi su di

Dettagli

DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI

DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI IT- Settore Tecnologico - B. FOCACCIA Salerno Piano dell Offerta Formativa 2011/2012 Presentazione del Progetto: DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI Referente Prof. Anna Maria Madaio Cosa

Dettagli

Esempio di posizione dell incisione

Esempio di posizione dell incisione Grazie per avere acquistato questo orologio Citizen. Prima di usarlo le raccomandiamo di leggere con attenzione questo manuale d uso in modo da procedere nel modo corretto. Dopo la lettura del manuale

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

People. Process. Product.

People. Process. Product. People. Process. Product. INTRODUZIONE Il programma StoreSafe è stato creato per identificare i prodotti Cambro che aiutano gli operatori nel settore della ristorazione collettiva a soddisfare i requisiti

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Acquistare una zucca fresca o già secca. Nel primo caso sarà opportuno comprarla in un periodo caldo per godere delle giornate

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino La città di Leonia rifà se stessa tutti i giorni: ogni mattina la popolazione si risveglia tra lenzuola fresche, si lava con saponette appena sgusciate dall'involucro, indossa vestaglie nuove fiammanti,

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA LA COTTURA IN PENTOLA A PRESSIONE La pentola a pressione è uno strumento ancora tutto da scoprire, da conoscere e da valorizzare, sia dal punto di vista

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO La gestione ambientale di una struttura turistica prevede di porre sotto controllo, gestire e ridurre gli impatti ambientali legati al ciclo di vita

Dettagli

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Gli ausili per l'autonomia nella vita 1 AUTONOMIA 1,2 RECUPERO DI UN NUOVO EQUILIBRIO Relazione

Dettagli

scienza come gioco lampadine bruciate

scienza come gioco lampadine bruciate IS science centre immaginario scientifico Laboratorio dell'immaginario Scientifico - Trieste tel. 040224424 - fax 040224439 - e-mail: lis@lis.trieste.it - www.immaginarioscientifico.it indice Accendiamo

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

COS È L ALLUMINIO? UN PROGETTO DI

COS È L ALLUMINIO? UN PROGETTO DI COS È L ALLUMINIO? UN PROGETTO DI 1. STORIA DELL ALLUMINIO 2. COME SI PRODUCE 3. CICLO DELL ALLUMINIO 4. ALLUMINIO INTORNO A NOI 5. LO SAPEVI CHE? UN PROGETTO DI STORIA DELL ALLUMINIO LE ORIGINI DELL ALLUMINIO

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli