Oristano fa la differenza!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oristano fa la differenza!"

Transcript

1 Comune di Oristano le quattro erre di Oristano Riduco Riuso Riciclo Rispetto Oristano fa la differenza! Manuale per una corretta gestione dei rifiuti

2 Grazie alla collaborazione dei cittadini, Oristano ha raggiunto buoni risultati nella raccolta differenziata. Possiamo ancora migliorare se ognuno di noi, all interno della comunità, darà il proprio contributo. L impatto ambientale e i costi derivanti dalla raccolta e smaltimento dei rifiuti non sono certo trascurabili. È importante l adozione di comportamenti sostenibili e responsabili quale strada necessaria per la diminuzione della produzione dei rifiuti, un loro proficuo riciclo e il loro eventuale riuso. Qualsiasi forma di virtuosità non ha limiti se non nella sensibilità etica di ciascun soggetto. L adozione di buone pratiche permette, senza particolari rinunce, un risparmio economico, preserva l ambiente e contribuisce al decoro cittadino. Il tuo Comune 2

3 Indice 1 - Introduzione: le 4 R Riduco, Riuso, Riciclo, Rispetto.. pag I materiali e le modalità di conferimento Secco residuo... pag. 7 Carta e cartone... pag. 8 Plastica... pag. 10 Umido... pag. 13 Vetro, alluminio e banda stagnata... pag. 14 Rifiuti elettrici e elettronici (RAEE) pag. 15 Rifiuti ingombranti... pag. 16 Indumenti usati... pag. 16 Sfalci e ramaglie... pag. 17 Oli vegetali esausti... pag. 17 Pile e farmaci... pag. 18 Rifiuti pericolosi... pag I centri di conferimento L Ecocentro di via Oslo... pag. 19 L Ecocentro Mobile... pag. 20 Il Centro del Riuso... pag. 22 L Ecosportello... pag. 22 Indirizzi, orari, riferimenti e informazioni... pag Informazioni e approfondimenti Il decoro nella nostra città... pag. 24 Guida alla simbologia dei rifiuti... pag. 27 3

4 Tonnellate La nostra città può fare un passo avanti può farlo con l impegno e la collaborazione di tutti. Con le 4 R di Oristano e la strategia rifiuti zero possiamo raggiungere ottimi risultati. RIDUCO i rifiuti acquistando merci con pochi imballaggi ed evitando in genere di sprecare; RIUSO tutto quello che è possibile utilizzare più volte; RICICLO ciò che può trasformarsi in nuova materia prima (plastica, carta, vetro, lattine, scarti di cucina ecc.); RISPETTO l ambiente ed evito di disperdere i rifiuti. Smaltire i rifiuti indifferenziati - in discarica o nell inceneritore - costa molto denaro: attualmente la bella somma di173 euro a tonnellata! Non solo: occupa territorio, inquina aria, acqua e suolo. Al contrario, riciclare i materiali raccolti in modo differenziato non costa nulla e potrà in futuro addirittura diventare una fonte di reddito per il nostro Comune. La città di Oristano, dopo essere partita molto bene alcuni anni fa con la raccolta porta-a-porta tende a non progredire più. Ancora oggi nel secco residuo si trova una grande quantità di rifiuti riciclabili. Questo significa che abbiamo ampi spazi per migliorare. Se aumenteranno i rifiuti differenziati, Oristano spenderà meno e avrà più risorse a disposizione. È ora di ripartire! In questo opuscolo ci sono tutte le informazioni e i consigli utili per poterlo fare, insieme. 4 Cara immondizia Andamento raccolta

5 QUANDO CONFERISCO I RIFIUTI? I passaggi di ritiro avvengono secondo il calendario diviso per zone. Il servizio viene effettuato anche nelle giornate festive infrasettimanali, tranne la domenica. COME CONFERISCO? utilizzo sempre sacchetti idonei e conferisco negli appositi contenitori rispetto il calendario di raccolta espongo i contenitori negli orari stabiliti e li ritiro sollecitamente dopo che sono stati svuotati (sulla pubblica via non sono ammesse esposizioni prolungate di contenitori di varia natura o dimensione) deposito i contenitori in posizione tale da non arrecare disagi ai vicini e a chi transita conferisco il materiale senza residui di altra natura; in questo modo il rifiuto può essere avviato al giusto recupero o riciclo. PER IL CONFERIMENTO DI rifiuti ingombranti o voluminosi grandi quantità di sfalci verdi domestici indumenti usati piccole quantità di inerti (mattoni, piastrelle, sanitari ) per un massimo di 30 kg. vado all Ecocentro Comunale di Via Oslo oppure all Ecocentro Mobile oppure (per il ritiro a domicilio) telefono al numero verde E gli altri rifiuti che non posso esporre? Porto le pile esauste e i medicinali scaduti negli appositi contenitori dislocati in città conferisco i rifiuti con il simbolo T e/o F nei contenitori stradali che trovo in città. 5

6 Ogni tipo di materiale va conferito senza residui di altra natura perché in questo modo può essere avviato al giusto recupero e generare risparmi per la collettività. Se la raccolta differenziata contiene troppi materiali non conformi, al contrario, il Comune dovrà sostenere maggiori costi per lo smaltimento in discarica. Il Comune di Oristano intende aiutare il cittadino a conferire in maniera corretta il rifiuto ma deve anche verificare che la qualità del rifiuto differenziato corrisponda agli standard previsti dai centri di conferimento. Se durante la raccolta verranno riscontrate delle non conformità, gli operatori che effettueranno il servizio di raccolta lasceranno dei bollini colorati sul sacchetto o sul contenitore, con il messaggio che si vuole comunicare all utente. Il rifiuto non sarà ritirato in fino a quando non sarà conforme. 6

7 Secco residuo non riciclabile né recuperabile Sacchi semitrasparenti, contenitore di colore grigio Buono a sapersi Se in casa ci sono neonati, disabili o anziani, esiste un servizio per il ritiro dei pannolini o pannoloni più volte alla settimana. Se rientro in queste categorie, posso richiederlo chiamando il numero verde , oppure inviando una all indirizzo Dove conferisco Il rifiuto secco non riciclabile né recuperabile va introdotto in sacchi semitrasparenti e il sacchetto va ben chiuso (NON sacchi neri, solo sacchi semitrasparenti) e depositato all interno dei contenitori neri e grigi. Cosa conferisco Filtri di sigarette, pannolini, pannoloni, assorbenti, cd, dvd, musicassette, siringhe, pirofile, ceramica e porcellana, carta plastificata, carta molto sporca o molto unta, carta termica lucida o chimica (scontrini, fax), oggetti in gomma (guanti, piccolissimi pezzi di tubo), sacchetti dell aspirapolvere, accendini, rifiuti dello spazzamento dei pavimenti, penne, pennarelli, calze di nylon. Cosa NON conferisco Tutti i materiali riciclabili che possono essere avviati alla raccolta differenziata (v. pag. 8-14). Tutti i rifiuti elettrici ed elettronici e pericolosi, oggetti in buono stato e riutilizzabili, oggetti di grandi dimensioni. I giocattoli devono essere conferiti come ingombranti (v. pag ). Trovo a pag. 23 tutti gli indirizzi, gli orari e i riferimenti per mettermi in contatto e chiedere informazioni 7

8 Carta, cartone e cartoncino Contenitore di colore giallo Buono a sapersi Al fine di occupare meno spazio, distendo e piego i materiali per ridurne il volume. Elimino sempre gli imballaggi in nylon, cellophane o rivestimenti di altri materiali. Carta, cartone e cartoncino sono materiali composti da fibre vegetali che possono essere riciclate. Raccolti separatamente, vengono inviati in appositi impianti per essere lavorati e produrre nuova carta o cartone. Le fibre possono essere riciclate 6-7 volte. Su confezioni e/o imballaggi vengono spesso riportati i simboli che ne indicano il corretto conferimento (la simbologia completa può essere consultata a pag. 28). Dove conferisco Carta, cartone e cartoncino vanno introdotti negli appositi mastelli o bidoni carrellati di colore giallo. Cosa conferisco Giornali, riviste, libri, quaderni, carta per fotocopie o stampanti, scatole di cartone di varie dimensioni (per pasta, riso, saponette, dentifricio, zucchero, sale, fari na) cartone del latte, bevande e succhi di frutta (Tetrapak) pacchetti di sigarette privi dell involucro esterno in cellophane (che può essere conferito nella plastica) confezioni di spazzolini prive della parte plastificata cartoni di pizza ripuliti da eventuali residui buste in carta con rivestimento interno in alluminio (come le confezioni di alcune marche di biscotti) carta da cucina/tovaglioli (conferire nell umido se sporchi o unti di alimenti) buste da corrispondenza (anche quelle con finestrella in plastica) sacchetti di carta(anche quelli con inserto in plastica), shopper di carta, tubi della carta igienica e carta da cucina scontrini (non di carta chimica), biglietti lotterie e giochi vari, supporto di etichette, carta asciugamani, carta uso alimentare, carta tritata da ufficio piatti e bicchieri di carta (senza residui di cibo). 8

9 Carta, cartone e cartoncino Contenitore di colore giallo Cosa NON conferisco carta plastificata, carta molto sporca o unta tovaglioli e scottex sporchi, fazzoletti per l igiene nasale pannolini, pannoloni e assorbenti igienici, fazzolettini imbevuti, salviettine struccanti scontrini di carta chimica carta termica carta oleata, carta forno carta copiativa, carta catramata, carta vetrata carta utilizzata come lettiera di animali sacchi di cemento carta mani utilizzata per pulizia motori involucri di caramelle e cioccolatini. Tutti questi materiali vanno nel secco residuo (v. pag. 7). Trovo a pag. 23 tutti gli indirizzi, gli orari e i riferimenti per mettermi in contatto e chiedere informazioni 9

10 Imballaggi di plastica e altre plastiche Sacchetti di colore celeste o contenitore condominiale di colore blu Buono a sapersi Se ho imballaggi in plastica da smaltire, li svuoto e rimuovo al meglio eventuali residui, sia solidi che liquidi, così evito anche il formarsi di cattivi odori in casa. È molto importante schiacciare e appiattire tutti i rifiuti in modo che occupino meno spazio possibile. Su confezioni e/o imballaggi vengono spesso riportati i simboli che ne indicano il corretto conferimento (la simbologia completa può essere consultata a pag. 29 e 30). Dove conferisco Gli imballaggi di plastica vanno introdotti in sacchi semitrasparenti di colore celeste e/o depositati in contenitori carrellati di colore blu. 10

11 Imballaggi di plastica e altre plastiche Sacchetti di colore celeste o contenitore condominiale di colore blu Cosa conferisco Contenitori per prodotti alimentari Bottiglie di acqua minerale, bibite, olio, succhi, latte pellicola di imballaggio per tenere più prodotti ecc. Flaconi, dispensatori di sciroppi, creme, salse, yogurt ecc. insieme (es. per raggruppare bottiglie d acqua ecc.) se conferita in piccole quantità. Attenzione! Per confezioni rigide per dolciumi (es. scatole trasparenti e vassoi interni a impronte) grandi quantità di pellicola di imballaggio per mobili, pallet ecc. mi rivolgo all Ecocentro di Via vaschette e confezioni in plastica trasparente per Oslo alimenti freschi (es. affettati, formaggi, frutta, contenitori vari per alimenti per animali (es. sacchi, verdura) vaschette) buste e sacchetti per alimenti in genere (es. pasta, riso, patatine, salatini, caramelle, surgelati, coperchi in plastica (da separare dall imballaggio principale se in altro materiale) merendine) cassette per prodotti ortofrutticoli e alimentari in vaschette porta-uova, vaschette/barattoli per gelati; contenitori per yogurt, creme di formaggio, dessert genere. Cassette per bottiglie di acqua, vino, bibite ecc. vaschette per alimenti in polistirolo. Reti per frutta stoviglie in plastica monouso come piatti, bicchieri e verdura e posate, purché senza residui. shopper (buste) dei negozi e supermercati Nota bene: la raccolta delle stoviglie nella plastica è una novità!!! È importante ricordare che non devono contenere residui di cibo. Trovo a pag. 23 tutti gli indirizzi, gli orari e i riferimenti per mettermi in contatto e chiedere informazioni 11

12 Imballaggi di plastica e altre plastiche Sacchetti di colore celeste o contenitore condominiale di colore blu Cosa conferisco Contenitori per prodotti non alimentari Flaconi per detersivi, saponi, prodotti per l igiene della persona e della casa, cosmetici, acqua distillata e liquidi in genere imballaggi in polistirolo in genere film d imballaggio e film a bolle (pluriball) in piccole quantità. Per grandi quantità, mi rivolgo all Ecocentro di via Oslo barattoli per il confezionamento di prodotti vari (es. cosmetici, articoli da cancelleria, salviette umide, detersivi) scatole e buste per il confezionamento di capi di abbigliamento (es.: camicie, biancheria, calze ecc.) sacchi, sacchetti e buste (es. sacchi per detersivi, per prodotti per giardinaggio) esclusi quelli compostabili che vanno nel rifiuto umido! vasi per vendita piante blister e contenitori rigidi e formati a sagoma (es. gusci per giocattoli, pile, articoli da cancelleria, gadget vari ecc.) reggette per legatura pacchi grucce appendiabiti in plastica (avendo cura di togliere il gancio metallico). Cosa NON conferisco siringhe, CD, DVD e loro custodie; videocassette, musicassette e loro custodie (vanno nel secco residuo) teli da serra, teli da imbianchino, teli da campeggio (vanno all ecocentro di via Oslo o all ecocentro mobile) articoli per edilizia (tubi, sagome in polistirolo usate in edilizia ecc.) (vanno all ecocentro di via Oslo) canne da irrigazione e spugne (vanno all ecocentro di via Oslo o all ecocentro mobile) tubo del dentifricio (contiene comunque troppo residuo) (va nel secco residuo) tute sportive non recuperabili (vanno negli indumenti usati v. pag. 16) giocattoli, arredi (vanno all ecocentro di via Oslo o all ecocentro mobile) 12

13 Rifiuto umido - Frazione Organica Sacchetto biodegradabile e compostabile. Contenitore di colore marrone Buono a sapersi Scelgo sempre e solo sacchetti biodegradabili e compostabili e per il conferimento utilizzo l apposito contenitore marrone. I sacchetti in plastica detti biodegradabili (senza l esplicita dicitura compostabile ) NON vanno utilizzati perché compromettono la qualità della raccolta. Chiudo sempre il sacchetto e il coperchio del contenitore per evitare cattivi odori e la dispersione dei rifiuti. Dove conferisco I sacchetti vanno chiusi bene e conferiti negli appositi mastelli o nei contenitori carrellati di colore marrone. Per grandi quantitativi di sfalci verdi devo richiedere il ritiro a domicilio al numero verde o eventualmente conferire all Ecocentro di via Oslo.. Cosa conferisco Avanzi di cibo, scarti di cucina, gusci d uova e gusci di molluschi, pane raffermo, bucce e scarti di frutta, scarti di verdure, piccole ossa, bustine di the e fondi di caffè, fiori e piante recisi di piccole dimensioni, piccole quantità di tovaglioli e fazzoletti di carta intrisi di residui di alimenti, cenere del camino spenta, fibre naturali quali cotone, canapa e lana. Metto foglie e erba nei sacchetti biodegradabili e compostabili. Riduco in pezzi le cassette di legno, le lego con spago o rafia (non di plastica) e le metto vicino al contenitore. Lego piccole quantità di ramaglie in fascine della lunghezza massima di 60 cm e di peso inferiore ai 10 kg, con cordini (NON di plastica o di metallo). Ne posso depositare al massimo 2 per volta accanto ai contenitori marroni. Per quantità superiori vedere a pag. 17. Cosa NON conferisco Scarti non organici, lettiere e feci di animali, pannolini, assorbenti, vaschette per alimenti, rifiuti liquidi. Trovo a pag. 23 tutti gli indirizzi, gli orari e i riferimenti per mettermi in contatto e chiedere informazioni 13

14 Vetro, alluminio e banda stagnata Contenitore di colore verde Buono a sapersi I barattoli di vetro contengono e conservano tanti prodotti, prima di buttarli verifico se possono servirmi per qualche altro utilizzo. Svuoto tutti i contenitori e rimuovo al meglio eventuali residui, sia solidi che liquidi, evitando anche il formarsi di cattivi odori in casa. Su confezioni e/o imballaggi vengono spesso riportati i simboli che ne indicano il corretto conferimento (la simbologia completa può essere consultata a pag. 31). Dove conferisco Il vetro, le lattine, i barattoli in banda stagnata vanno introdotti negli appositi mastelli e/o bidoni carrellati di colore verde. I materiali vanno introdotti senza buste o altri tipi di involucro. Cosa conferisco Bottiglie, bicchieri, contenitori, barattoli e vasetti di vetro; lattine per bibite e alimenti barattoli in banda stagnata per alimenti (es. polpa di pomodoro o cibi in scatola) barattoli di cibi per animali; tappi a vite e a corona per bottiglie di vetro scatole in metallo (biscotti, cioccolatini, caramelle, caffè ecc.) coperchi in metallo di vasetti e marmellate; vaschette e fogli per alimenti in alluminio (avendo cura di rimuovere i residui di cibo); scatolette di tonno e altro bombolette spray per deodoranti il vetro di porte e finestre va separato dai telai e, quando per ragioni di sicurezza non è possibile spezzettarlo, può essere conferito all Ecocentro di via Oslo, cosi come i vetri voluminosi di damigiane o grandi contenitori. Cosa NON conferisco Oggetti in ceramica, porcellana e terracotta. Specchi e cristalli. Occhiali. Vetro pyrex, pirofile e contenitori termici (che vanno nel secco residuo o, se in buono stato, al Centro del Riuso v. pag. 22) Lampadine, tubi al neon (che vanno all ecocentro di via Oslo o all ecocentro mobile v. pag ) 14

15 Rifiuti da Apparecchiature Elettriche e Elettroniche (RAEE) Frigoriferi, congelatori, apparecchi per il condizionamento lavatrici, lavastoviglie, forni a microonde, cucine economiche ecc. televisori al plasma, CRT, LCD e LED Pc desktop e pc portatili, mouse, tastiere ed accessori tablet e smartphone e accessori monitor LED, monitor LCD e monitor CRT stampanti laser, ink-jet e ad aghi apparecchi telefonici da tavolo, segreterie telefoniche cellulari con batteria e accessori, modem, fax, calcolatrici, scanner, unità di salvataggio (back-up) per PC e per server, gruppi di continuità per PC e per server videoproiettori, videoregistratori, apparecchi radio aspirapolvere, macchine per cucire, ferri da stiro, friggitrici, frullatori fotocopiatrici da tavolo, macchine da scrivere, sistemi di videoscrittura bilance da tavolo neon (tubi e lampade fluorescenti), faretti, lampioni e altri sistemi di illuminazione, plafoniere. Dove conferisco i RAEE - Porto i materiali presso l Ecocentro di via Oslo (v. pag. 19) - Prenoto il ritiro a domicilio telefonando al numero verde Mando un all indirizzo Trovo a pag. 23 tutti gli indirizzi, gli orari e i riferimenti per mettermi in contatto e chiedere informazioni 15

16 Rifiuti ingombranti e indumenti usati - Rifiuti ingombranti Rifiuti voluminosi che per le loro dimensioni non possono essere inseriti in sacchi o contenitori. Spesso sono costruiti con materiali composti, accoppiati e non tutti riciclabili. Mobili, arredi, reti, materassi, provenienti da utenze domestiche. Pneumatici, batterie e accumulatori provenienti da utenze domestiche. - Indumenti usati Tutti gli indumenti usati inclusi accessori come scarpe, borse, cinture ecc Se non conosco associazioni umanitarie, diocesane o altre associazioni di volontariato che possano recuperare e devolvere gli indumenti ai bisognosi, posso conferirli al servizio di igiene urbana del Comune. In questo caso, gli indumenti usati vengono consegnati a società che provvedono alla separazione dei materiali, da inviare al riutilizzo e/o al recupero presso aziende tessili o devoluti in beneficenza. Dove conferisco Raee, ingombranti e indumenti usati - Porto i materiali presso l Ecocentro di via Oslo (v. pag. 19) - Prenoto il ritiro a domicilio telefonando al numero verde Mando un all indirizzo 16

17 Sfalci di giardini e ramaglie Cosa conferisco Materiali derivanti da sfalci di giardini e ramaglie in sacchi di rafia sintetica (o bidoni idonei per la raccolta di tale frazione) o in fascine. Le fascine devono essere della lunghezza massima di 100 cm e comunque devono avere un peso inferiore ai 18 kg in numero massimo di 4 colli per volta. Le fascine vanno opportunamente legate utilizzando materiali non metallici e non riconducibili alla plastica (es. spago o altri materiali biodegradabili). Dove conferisco - All Ecocentro di via Oslo (v. pag. 19) - Chiamo il numero verde per il ritiro a domicilio. - Posso, inoltre, conferire tali materiali nell Ecocentro Mobile, secondo il calendario riportato a pag. 21. Oli vegetali esausti (oli alimentari da cucina) È importante che gli oli vengano raccolti e non gettati nel WC, nei corsi d acqua o nel terreno, per contribuire alla salvaguardia dell ambiente e ottenere notevoli vantaggi economici derivanti dal loro riutilizzo. Dove conferisco Conferisco gli oli usati presso l Ecocentro di via Oslo (v. pag. 19) oppure attraverso il servizio di raccolta differenziata domiciliare degli oli vegetali usati (da cucina). La raccolta è organizzata ogni sei mesi e viene preceduta da una campagna informativa specifica che indica il giorno di raccolta previsto e le tipologie di materiali ammessi. Attenzione! Conferisco gli oli minerali (lubrificanti) provenienti da utenze domestiche e non da attività di officina meccanica o similari, presso l Ecocentro di via Oslo (v. pag. 19). Trovo a pag. 23 tutti gli indirizzi, gli orari e i riferimenti per mettermi in contatto e chiedere informazioni 17

18 Pile usate e Farmaci scaduti Per la raccolta delle pile usate e dei farmaci scaduti sono presenti appositi contenitori sul territorio comunale: per le pile utilizzo i contenitori solitamente posti presso i supermercati, i rivenditori di prodotti elettronici e tabacchini. per i farmaci utilizzo i contenitori solitamente posti presso le farmacie, parafarmacie o ambulatori. Per conoscere il contenitore stradale più vicino, verifico sul sito l elenco aggiornato delle sedi, oppure telefono al numero verde Posso comunque conferire pile e farmaci all Ecocentro di Via Oslo (v. pag. 19) e all Ecocentro Mobile (v. pag. 20) Rifiuti Urbani Pericolosi I prodotti etichettati con la dicitura T e/o F La lettera T indica la presenza di sostanze tossiche (es. pesticidi e topicidi). La lettera F indica la presenza di sostanze infiammabili (es. trielina e benzina). Sono prodotti che, pur avendo un utilizzo comune, contengono al loro interno una dose di sostanze pericolose che possono produrre danni se disperse nell ambiente. Porto perciò i rifiuti urbani pericolosi presso l Ecocentro di via Oslo (v. pag. 19) oppure all Ecocentro Mobile (v. pag. 20) 18

19 L Ecocentro di via Oslo (zona industriale agglomerato nord) È la struttura, dove è possibile conferire tutti i tipi di rifiuti ad esclusione del secco residuo. È aperto nei seguenti orari: Da Giugno a Settembre da lunedì a sabato dalle 08:30 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 18:30 Da Ottobre a Maggio da lunedì a sabato dalle 08:30 alle 12:30 e dalle 13:30 alle 16:30 Il centro di raccolta è destinato sia alle utenze domestiche sia a quelle non domestiche. Permette il conferimento delle seguenti tipologie di rifiuti: toner per stampa esauriti tubi fluorescenti e altri rifiuti contenenti mercurio pneumatici fuori uso solo se conferiti da utenze rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche domestiche oli e grassi commestibili filtri olio da utenze domestiche oli minerali esausti gas in contenitori a pressione (limitatamente a vernici, inchiostri, adesivi e resine estintori e aerosol a uso domestico) detergenti anche contenenti sostanze pericolose miscugli o scorie di farmaci scaduti cemento, mattoni, mattonelle, ceramiche (solo da batterie e accumulatori provenienti da utenze piccoli interventi di rimozione eseguiti direttamente domestiche dal conduttore dell abitazione) rifiuti legnosi, plastici, metallici rifiuti di carta e cartone rifiuti prodotti dalla pulizia di camini solo se rifiuti in vetro provenienti da utenze domestiche frazione organica umida sfalci e potature abiti e prodotti tessili altri rifiuti non biodegradabili solventi, acidi, sostanze alcaline, prodotti ingombranti fotochimici, pesticidi tutti i rifiuti tossici. Trovo a pag. 23 tutti gli indirizzi, gli orari e i riferimenti per mettermi in contatto e chiedere informazioni 19

20 L Ecocentro Mobile È un centro di raccolta mobile dotato di contenitori separati, che sosta in alcuni giorni e ore in punti strategici della città. Posso conferire all Ecocentro Mobile le normali frazioni merceologiche del rifiuto: umido, carta, plastica, vetro/lattine, rifiuti urbani pericolosi, imballaggi, ingombranti, beni durevoli e RAEE. Inoltre è possibile conferire oli minerali esausti, oli vegetali, batterie e accumulatori, lampade al neon, prodotti del fai da te, toner e cartucce per stampanti, tessili e indumenti usati, sfalci verdi (piccole quantità), purché opportunamente confezionati. NON è assolutamente consentito conferire il rifiuto secco residuo. L Ecocentro Mobile viene posizionato in diverse postazioni predefinite nei diversi giorni della settimana e gli utenti possono conferirvi i rifiuti durante gli orari di apertura. Gli orari di apertura al pubblico sono dalle 12:30 alle 17:30 per ciascuna postazione. 20

21 L Ecocentro Mobile - Calendario Zona 1 Zona 2 Zona 3 Zona 4 Zona 5 Zona 6 Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato PERIODO INVERNALE - DA OTTOBRE A MAGGIO Torregrande via Duca degli Abruzzi Via Bellini PERIODO ESTIVO - DA GIUGNO A SETTEMBRE Torregrande, via Duca degli Abruzzi Via Bellini Area parcheggio alla fine di via Fermi (piazza Baden Powell) Donigala via Santa Petronilla (area ex campo sportivo) Nuraxinieddu via San Giacomo (a fianco casa parrocchiale) Silì via Simaxis (area adiacente campo sportivo) Massama via Barbagia Slargo via Marconi (ex mercato ingrosso) Via Emilo Lussu (area parcheggio) Via Iglesias Via Carbonia (angolo via Ales) Via Carissimi (fianco Chiesa) Via Leone XIII (lato via Don Murri) 1 lunedì del mese 2 3 e 4 lunedì del mese ogni domenica dalle 8 alle 10 e dalle 16 alle 20 ogni lunedì del mese ogni martedì del mese 1 mercoledì del mese 2 mercoledì del mese 3 mercoledì del mese 4 mercoledì del mese 1 e 3 giovedì del mese 2 e 4 giovedì del mese 1 e 3 venerdì del mese 2 e 4 venerdì del mese 1 e 3 sabato del mese 2 e 4 sabato del mese Trovo a pag. 23 tutti gli indirizzi, gli orari e i riferimenti per mettermi in contatto e chiedere informazioni 21

22 Il Centro del Riuso In uno spazio adiacente l Ecocentro di via Oslo è presente il Centro del Riuso, aperto ogni sabato non festivo tutto l anno dalle 8:30 alle 12:30. La struttura è uno spazio in cui ridare vita a tutto ciò che è ancora utile e in buono stato. Si desidera così favorire la cultura del riutilizzo e del reimpiego. Si vuole, inoltre, tutelare l ambiente cercando di ridurre la produzione dei rifiuti e fornire, ove possibile, un aiuto a quella parte di popolazione che non ha possibilità di accedere ad alcuni beni che, invece, attraverso il Centro del Riuso, può avere a titolo gratuito. Se ho qualche oggetto ancora in buono stato e riutilizzabile (anche se necessita di qualche piccola riparazione) posso portarlo al Centro del Riuso durante la settimana. Il sabato, gli oggetti vengono messi a disposizione della popolazione per il riuso, dietro offerta simbolica per coprire le spese dell organizzazione ONLUS che se ne occupa. L Ecosportello Presso l Ecocentro di via Oslo si svolge l attività di Ecosportello. Posso rivolgermi all Ecosportello per ricevere informazioni e per la consegna delle attrezzature necessarie (mastelli, contenitori carrellati, bio-bidoni, buste ecc.). L apertura dell Ecosportello al pubblico coincide con gli orari del conferimento dei materiali: Da Giugno a Settembre da lunedì a sabato dalle 08:30 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 18:30 Da Ottobre a Maggio da lunedì a sabato dalle 08:30 alle 12:30 e dalle 13:30 alle 16:30 22

23 Indirizzi, orari, riferimenti e informazioni Ecocentro di via Oslo, zona industriale agglomerato nord aperto nei seguenti orari: da Giugno a Settembre da lunedì a sabato dalle 08:30 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 18:30 da Ottobre a Maggio da lunedì a sabato dalle 08:30 alle 12:30 e dalle 13:30 alle 16:30 Ecosportello, presso l Ecocentro di via Oslo aperto negli stessi orari dell Ecocentro Centro del Riuso, adiacente all Ecocentro aperto ogni sabato non festivo tutto l anno, dalle 8.30 alle 12:30 Numero verde presidiato negli orari dell Ecocentro, con segreteria telefonica e servizio fax sempre attivi Sito internet Elenco completo di tutti gli oggetti e la loro giusta collocazione alla voce: Ambientedario È importante, per essere sempre aggiornati, partecipare agli eventi organizzati dal Comune per informare e coinvolgere la cittadinanza! 23

24 Il decoro nella nostra città Per una corretta modalità di conferimento dei rifiuti dobbiamo fare riferimento al REGOLAMENTO IGIENE E DECORO URBANO pubblicato nel sito istituzionale del comune. Nel febbraio 2013 il Comune di Oristano si è dotato di un regolamento per l igiene e il decoro della città. Qui sotto vengono riportate brevemente alcune norme precisando che il mancato rispetto delle stesse darà luogo a sanzioni da parte delle autorità competenti. REGOLAMENTO IGIENE E DECORO URBANO - approvato con delibera del C.C. in seduta Cerchiamo di essere più accorti e diamo il buon esempio È vietato, versare o depositare sulle aree di tutto il territorio qualsiasi rifiuto, immondizia, residuo solido e liquido, anche se racchiuso in sacchetti o contenuto in recipienti. Il medesimo divieto vige per le superfici acquee, rii, canali, corsi d acqua, fossati, cunette, argini, sponde e in qualsiasi altro luogo. Non usiamo i cestini getta-carta stradali per i nostri rifiuti È vietato introdurre e depositare presso i cestini getta-carta stradali i rifiuti provenienti dalle nostre abitazioni. Non lasciamo fuori sistematicamente i bidoni per la raccolta dei rifiuti I contenitori devono essere esposti negli orari e nei giorni stabiliti e ritirati a seguito delle operazioni di svuotamento da parte degli incaricati. Sulle aree pubbliche o sulle aree private ad uso pubblico, salvo espresse, motivate e notificate deroghe scritte, non sono ammesse in nessun caso esposizioni prolungate di contenitori di varia natura o dimensione. La raccolta differenziata si fa anche nelle aree mercatali I concessionari e gli occupanti i posti vendita nei mercati coperti o scoperti, in qualsiasi area pubblica e di uso pubblico, debbono conferire i rifiuti in modo differenziato. La raccolta differenziata si fa anche nei cimiteri Anche nei cimiteri sono presenti i contenitori per la raccolta differenziata: usiamoli! 24

25 Il decoro nella nostra città Anche i pubblici esercizi e chioschi possono contribuire al decoro I gestori di esercizi quali caffè, ristoranti e simili, che usufruiscono di aree esterne di somministrazione sul suolo pubblico o privato, devono provvedere alla costante pulizia di tali spazi, anche attraverso l utilizzo di adeguati contenitori. Analogo obbligo vale per i titolari di attività di produzione o di vendita di alimenti e bevande da asporto (quali ad esempio pizze al taglio o bibite in lattina ) che, all orario di chiusura, dovranno tenere pulita l area antistante il proprio locale. Chi utilizza il suolo pubblico lo tenga pulito I titolari di concessione d uso permanenti o temporanee di suolo pubblico quali i gestori di parcheggi a pagamento coperti, recintati o in qualche maniera delimitati sono obbligati a provvedere al termine dell orario di esercizio dell attività propria e al termine della concessione, alla pulizia della superficie occupata. Anche chi organizza manifestazioni pubbliche deve contribuire Le aree, al termine delle manifestazioni e comunque ogni giorno, dovranno essere pulite ed inoltre dovrà essere effettuato il regolare conferimento dei rifiuti accumulati nell arco temporale della durata delle manifestazioni, a cura e spese degli organizzatori. Raccogliamo sempre le deiezioni animali è un segno di civiltà I proprietari, i detentori a qualsiasi titolo o accompagnatori di animali devono raccogliere le deiezioni prodotte degli animali, servendosi di apposita paletta, guanto o altra attrezzatura idonea e depositare le deiezioni nei cestini porta rifiuti. La detenzione della paletta, guanto o altra attrezzatura idonea, sono obbligatori fin dal momento dell accompagnamento degli animali sul suolo pubblico e privato ad uso pubblico. Chi svolge attività di carico e scarico merci stia più attento Chi effettua operazioni di carico, scarico e trasporto di merci e materiali deve provvedere, ad operazioni ultimate, alla pulizia dell area o della superficie medesima senza lasciare sull area pubblica o di uso pubblico rifiuti di qualsiasi genere. 25

26 Il decoro nella nostra città Teniamo in ordine terreni privati e pubblici, evitiamo che i rami o rovi si protendano su spazi ad uso pubblico Il proprietario o il conduttore, periodicamente e ogni qual volta si ravvisi la necessità, è obbligato ad eseguire su spazi ad uso pubblico (strade, marciapiedi, piazze, aree carburante ecc) il taglio dei rami delle piante e/o delle siepi che si protendono oltre il confine della proprietà, in modo da evitare sia impedimenti alla circolazione pedonale e veicolare ed alla visibilità della segnaletica stradale che danni di varia natura. Le siepi ed i rami delle piante insistenti nella privata proprietà non dovranno fuoriuscire dalla recinzione/muro invadendo i marciapiedi e le strade attigue. È fatto obbligo, annualmente entro il 15 giugno, per i conduttori, amministratori e proprietari, di provvedere alla pulizia da erbe infestanti, rovi, sterpaglie ecc. mantenendone lo stato in perfetta pulizia fino al 15 ottobre, provvedendo comunque e in ogni caso al continuo mantenimento dei luoghi sopra descritti in condizioni di decoro, igiene e sicurezza così da evitare pericoli per la pubblica e privata incolumità. Evitiamo volantinaggi e affissioni selvagge Di norma è vietato: a) distribuire volantini tramite veicoli o collocarli sotto i tergicristalli dei veicoli in sosta sul suolo pubblico; b) lanciare o abbandonare sul suolo pubblico e di uso pubblico volantini, depliant o simili. È inoltre severamente vietato affiggere, apporre, appendere, attaccare, manifesti, volantini o altri materiali simili su strutture, servizi e attrezzature pubbliche o di uso pubblico e negli spazi pubblici, fatta eccezione per i manifesti, volantini o altro connessi a comunicazioni effettuate dall Amministrazione Comunale o da altri Enti o Aziende pubbliche rivolte alla cittadinanza o all utenza. 26

27 Guida alla simbologia dei rifiuti Principali simboli che ritroviamo sulle etichette e sugli imballaggi dei prodotti I produttori hanno l'obbligo di indicare sulle etichette una serie di informazioni tra cui anche quelle che riguardano le caratteristiche del materiale usato per l'imballaggio al fine di aiutare i consumatori alla corretta separazione dei rifiuti. Questi simboli possono essere liberi o racchiusi dentro un esagono, un cerchio, un triangolo o in un quadrato nel caso di rifiuti che contengono sostanze pericolose. Triangolo verde con tre frecce Indica che parte del materiale dell'imballaggio è riciclato, oppure che lo stesso è riciclabile. Viene utilizzato per carta e cartone. Se compare la scritta RESY, la materia prima è carta riciclata al 100%. Tre frecce che si inseguono Si trovano negli imballaggi in plastica, con un numero o una sigla riferita al materiale impiegato. Facilitano la raccolta differenziata ed il riciclaggio. Il numero o le lettere indicano la natura del materiale. Esagono Questo simbolo si trova sugli imballaggi per i liquidi. Gli imballaggi o contenitori per liquidi, sono da ritenersi la bottiglia, il barattolo, il vaso, la scatola e qualsiasi altro involucro sigillato di vetro, metallo, plastica, carta e loro combinazioni che contenga un liquido. Al fine di consentire l'identificazione dei materiali diversi dal vetro, i contenitori per i liquidi devono essere contrassegnati mediante un esagono regolare nel quale è riportata la sigla corrispondente al materiale utilizzato per la fabbricazione. 27

28 Guida alla simbologia dei rifiuti Carta, cartone e cartoncino N 20 PAP Cartone ondulato - Esempio: scatoloni contenenti mobili N 21 PAP Cartone non ondulato - Esempio: confezioni di cartoncino della pasta N 22 PAP Carta - Esempio: carta di giornale, sacchetti di carta N 84 C/PAP, CA, PI sono le sigle che indicano gli accoppiamenti di materiali di diverso tipo non separabili, ad esempio carta-plastica, plastica-alluminio, carta-alluminio, tipici esempi di impiego sono i cartoni del latte, dei succhi di frutta, i famosi Tetrapack (che vanno conferiti con la carta!) 28

29 Guida alla simbologia dei rifiuti Plastica PET è la sigla che indica il Polietilentereftalato o arnite, una plastica che fa parte della famiglia delle termoplastiche. La composizione chimica del PET permette un riutilizzo praticamente illimitato. Fornisce prodotti dalle superfici dure e lucide con buone proprietà meccaniche, bottiglie che contengono acqua minerale e tutte le altre bevande, flaconi di shampoo, oppure le fibre tessili con le quali si realizzano i vestiti ecc. Lo si può trovare indicato anche con il numero 1. PE è la sigla che indica il Polietilene, e' una resina termoplastica ottenuta dalla polimerizzazione dell'etilene, a volte viene specificato se si tratta di PE ad alta densità (HDPE, PE-HD) o a bassa densità (LDPE, PE-LD). A seconda della lavorazione, i prodotti finali possono essere, tra gli altri, contenitori per detergenti, nastri adesivi, bottiglie, tubi, giocattoli, contenitori degli yogurt, sacchetti(per la spesa, per l'immondizia e per surgelare i cibi), ecc. Lo si può trovare indicato anche con il numero 2 (HDPE, Politilene High Density) o 4 (LDPE, Politilene Low Density ). PVC è la sigla che indica il Polivinilcloruro, una plastica che fa parte della famiglia delle termoplastiche. Integrato con sostanze plastificanti prende una consistenza gommosa: serve per produrre bottiglie, tapparelle e tubazioni, materiali per imballaggi, finte pelli, giocattoli, parti di automobili, nastro isolante, fili elettrici, ecc. Lo si può trovare indicato anche col numero 3. 29

30 Guida alla simbologia dei rifiuti Plastica PP è la sigla che indica il Polipropilene o Moplen, una plastica che fa parte della famiglia delle termoplastiche. Viene utilizzata per realizzare contenitori, oggetti di arredamento, flaconi per detersivi, giocattoli ecc. Lo si può trovare indicato anche con il numero 5. PS è la sigla che indica il Polistirolo o Polistirene, una plastica che fa parte della famiglia delle termoplastiche. Viene utilizzata per realizzare bicchieri, posate, piatti, coppette per la frutta ed il gelato, tappi ed imballaggi. Derivato dal petrolio con aggiunta di pentano, diventa polistirene espanso sinterizzato, materiale espanso rigido di peso ridotto, utilizzato come isolante nell'industria delle costruzioni, per imballaggio e protezione dei prodotti. Lo si può trovare indicato anche con il numero 6. Other - Altri Polimeri - Vengono indicati col numero 7 all' interno del simbolo triangolare del riciclo (con o senza sigla) o all'interno del simbolo circolare. Non sono riciclabili. 30

31 Guida alla simbologia dei rifiuti Vetro e alluminio e banda stagnata VE è il simbolo del vetro. Utilizzato per lo più per la produzione di bottiglie, barattoli e contenitori vari. E' riciclabile N 70 GL - Vetro trasparente/incolore: bottiglie di acqua N 71 GL - Vetro di colore verde: bottiglie di vino N 72 GL - Vetro di colore marrone: bottiglie di birra AL è il simbolo dell' alluminio. L'alluminio è il metallo utilizzato per la produzione di lattine, scatolette e contenitori per alimenti e non, bombolette spray ecc. ed è riciclabile ACC è il simbolo della banda stagnata. L'acciaio è il metallo utilizzato per la produzione di molti contenitori e scatolette per alimenti e non, bombolette spray deodoranti spray, lucidanti per mobili ed è riciclabile 31

32 Guida alla simbologia dei rifiuti Simboli e figure che i produttori degli imballaggi aggiungono come informazioni aggiuntive sul prodotto. Non disperdere nell'ambiente dopo l'uso Questo simbolo è riportato in quasi tutti i contenitori ed imballaggi (bottiglie, brik, sacchetti ecc.). Il suo significato è molto importante, ci ricorda che i rifiuti non vanno abbandonati nell'ambiente ma riposti negli appositi contenitori. Appiattire dopo l'uso Questo simbolo si trova soprattutto sulle confezioni in poliaccoppiato di latte, succhi, conserve, vino ecc. Ridurne il volume consente di apportare un minor impatto ambientale con minori costi di trasporto dei rifiuti. Schiacciare dopo l'uso Questo simbolo si trova normalmente sulle bottiglie di plastica o flaconi e dà l'indicazione di provvedere al loro schiacciamento prima di introdurle nell'apposito cassonetto, così facendo esse occuperanno meno spazio: circa 1/3 dell'originale. Ecolabel È un marchio di qualità ecologica - Unico marchio ufficiale in Europa per la qualità ecologica. Il prodotto è stato ottenuto con ridotto impatto ambientale in ogni fase del suo ciclo di vita (produzione, imballaggio, distribuzione, utilizzo, smaltimento). Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) La presenza di questo simbolo su un prodotto indica che esso non deve essere gettato tra i rifiuti generici ma raccolto a parte per operazioni di riciclaggio o smaltimento a norma di legge. 32 Per produrre questo opuscolo non è stato tagliato neanche un albero perché è realizzato interamente con carta riciclata.

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. UNIONE DEI COMUNI Agugliano Camerata Picena Offagna Polverigi Santa Maria Nuova Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. Raccolta differenziata porta a porta. A.T.I. Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fare la raccolta differenziata In provincia di Modena, ogni giorno produciamo 1,75 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta differenziata

Dettagli

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como www.apricaspa.it www.comune.como.it COMUNE DI COMO 1 2 Indice Insieme verso il 6 5% di raccolta differenziata pag. 4 Perché fare la raccolta

Dettagli

Dividere i rifiuti. bidone giallo Caritas. centro di raccolta. assorbenti igienici. audio e video cassette e custodie

Dividere i rifiuti. bidone giallo Caritas. centro di raccolta. assorbenti igienici. audio e video cassette e custodie Dividere i rifiuti A TIPOLOGIA RIFIUTO abiti accendino accumulatori acidi alcool denaturato alcool etilico alluminio contenitori alluminio oggetti di grandi dimensioni amianto ampolle anticrittogamici

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014

Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014 Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014 OGGETTO Abbigliamento Abiti Accendini Accumulatori Acetone Acquaragia Adesivi chimici Agende di carta e/o cartoncino Albero di Natale vivo Alimentatori

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... VetReRiA CARtieRA CoMPoStAggio Regione del Veneto Presidente Giancarlo Galan Assessore alle Politiche dell Ambiente Giancarlo Conta Segretario

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI

DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI IT- Settore Tecnologico - B. FOCACCIA Salerno Piano dell Offerta Formativa 2011/2012 Presentazione del Progetto: DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI Referente Prof. Anna Maria Madaio Cosa

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO Consorzio Intercomunale di Servizi per l Ambiente LOGO COMUNE COMUNE di REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO data: OTTOBRE 2012 SOMMARIO

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO La gestione ambientale di una struttura turistica prevede di porre sotto controllo, gestire e ridurre gli impatti ambientali legati al ciclo di vita

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

Trekking di più giorni

Trekking di più giorni SEZIONE DI MORTARA Trekking di più giorni Cosa portare nello zaino Escursioni di più giorni Per i trekking il discorso peso diventa ancora più importante delle escursioni di un giorno o due. Portare sulle

Dettagli

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI ALLEGATO 10 ELENCO DELLE LAVORAZIONI O TRASFORMAZIONI ALLE QUALI DEVONO ESSERE SOTTO- POSTI I MATERIALI NON ORIGINARI AFFINCHÉ IL PRODOTTO FINITO POSSA AVERE IL CARATTERE DI PRODOTTO ORIGINARIO Materie

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

ilmondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti

ilmondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti il mondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti Lo Sviluppo Sostenibile è quello sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri

Dettagli

w w w. c m r i s t o r a z i o n e. i t

w w w. c m r i s t o r a z i o n e. i t BOCCALE 4 STAGIONI Senza capsula 41,5 cl Quattro stagioni bottiglia 20 CL bottiglia 40 CL SAGITTA VINO BIANCO Calice 44 cl SWING Bottiglia 25 cl Bottiglia 50 cl OFFICINA 1825 Bicchiere 30 cl ROCKBAR Bicchiere

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Concorso La scuola più riciclona

Concorso La scuola più riciclona Il futuro è nella nostra natura Concorso La scuola più riciclona Nell'ambito del Piano dell'offerta Formativa Territoriale (POFT) 2014/2015, il Comune di Bitonto indice il concorso La scuola più riciclona

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Realizzato in PET riciclato. La natura ci guida. Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it

Realizzato in PET riciclato. La natura ci guida. Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it Realizzato in PET riciclato La natura ci guida Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it Insieme per l ambiente. La nuova vita della plastica Questo supporto è stato realizzato con materiale riciclato:

Dettagli

Eco Natural Lucart: la nuova generazione di carta ecologica

Eco Natural Lucart: la nuova generazione di carta ecologica Natural Lucart: nuova generazione di carta ecologica Una gamma di prodotti INNOVATIVA nel filosofia produttiva, eccellente nelle PRESTAZIONI ed ECOLOGICA al 100%. Professional TecHnology La prima carta

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

PERCENTUALI CON LE FRAZIONI

PERCENTUALI CON LE FRAZIONI Visto che il 20% di un numero è uguale a frazionario per calcolare le percentuali. 20 100 n allora possiamo utilizzare il calcolo DATI n= numero intero p= frazione (percentuale) r= numeratore (tasso di

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino La città di Leonia rifà se stessa tutti i giorni: ogni mattina la popolazione si risveglia tra lenzuola fresche, si lava con saponette appena sgusciate dall'involucro, indossa vestaglie nuove fiammanti,

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum. Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News

Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum. Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News 1 di 9 1/30/2009 4:47 PM Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News ITALIA, DOVE MUOIONO I PC E I CELLULARI OBSOLETI Quando gli italiani

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI via Belenzani, 18 I 38122 Trento tel. 0461 884935 I fax 0461 884940 servizio_ambiente@comune.trento.it Orario di apertura al pubblico: da lun. a ven. 8. 30-12 LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO:

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

DAL NUMERO ALLA FRAZIONE

DAL NUMERO ALLA FRAZIONE SCHEDA N. 2 DAL NUMERO ALLA FRAZIONE 1. Calcola il valore di ogni frazione e colora tanti disegni quanti ne indica il risultato. 2 di 18 =. 9 di 2 =. di 1 =. 8 di 2 =. 2. Calcola il valore di ogni frazione.

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE MOD.COM 2 BOLLO copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt. 8,9,10, comma 5),

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

Logistica di Amazon. Guida rapida alla creazione della spedizione

Logistica di Amazon. Guida rapida alla creazione della spedizione Logistica di Amazon Guida rapida alla creazione della spedizione Come inviare le spedizioni Logistica di Amazon ad Amazon in modo efficiente e senza intoppi Agenda 1 2 3 4 5 6 7 Creazione di una spedizione

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

Come imballare le vostre spedizioni

Come imballare le vostre spedizioni Come imballare le vostre spedizioni Se avete bisogno di una guida generale per l imballaggio delle vostre spedizioni o di una guida per alcuni articoli speciali, di seguito troverete tutte le informazioni

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Uno spettroscopio fatto in casa

Uno spettroscopio fatto in casa Uno spettroscopio fatto in casa Angela Turricchia Laboratorio per la Didattica Aula Planetario Comune di Bologna, Włochy Ariel Majcher Centro di fisica teorica, PAS Varsava, Polonia Uno spettroscopio fatto

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli