COMUNE di BASSANO ROMANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE di BASSANO ROMANO"

Transcript

1 COMUNE di BASSANO ROMANO (Provincia di Viterbo) PROGETTO TECNICO (SPECIFICHE TECNICHE) SINDACO Angela BETTUCCI Progetto approvato con Deliberazione Consiliare n. del / /2013 Responsabile Unico del Procedimento: Geom. Claudio QUAGLIA

2 INDICE 1 Premessa 2 Inquadramento territoriale ed urbanistico del territorio comunale di Bassano Romano 3 Analisi dello stato di fatto 4 Obiettivi di progetto 5 L implementazione di una nuova metodologia di raccolta dei rifiuti solidi urbani e assimilati 6 L esternalizzazione dei servizi: l affidamento tramite gara ad evidenza pubblica 7 Il sistema di raccolta: descrizione 7.1 Segue: la frazione residuale indifferenziata 7.2 Segue: la frazione organica Segue: il verde domiciliare 7.3 Segue: la carta e il cartone 7.4 Segue: il tetrapak 7.5 Segue: gli imballaggi in vetro 7.6 Segue: gli imballaggi in plastica, alluminio e banda stagnata 7.7 Segue: i rifiuti ingombranti 7.8 Segue: i RAEE 7.9 Segue: i prodotti etichettati T e/o F 7.10 Segue: batterie e pile esauste 7.11 Segue: i consumabili esausti da sistema di stampa elettronica 7.12 Segue: olio vegetale 7.13 Segue: farmaci scaduti 8 Il calendario della raccolta 9 Il Centro di Raccolta Comunale 10 La destinazione delle diverse frazioni raccolte: gli impianti di conferimento 11 Spazzamento manuale e meccanizzato 11.1 Servizi accessori: lavaggio e disinfezione delle strade 11.2 Segue: Gestione cestini portarifiuti 11.3 Segue: Pulizia delle caditoie stradali, fontane e lavatoi pubblici 11.4 Segue: Gestione verde pubblico 2

3 11.5 Modalità di erogazione degli altri servizi: raccolta, trasporto e conferimento dei fiuti abbandonati sul territorio comunale 12 Orari dei servizi 13 Attrezzature per la Raccolta Differenziata e altri servizi 14 Automezzi impiegati 15 Il personale 16 Parametri di misurazione del raggiungimento degli obiettivi e sistema di monitoraggio e controllo del livello qualitativo delle prestazioni rese 3

4 1. Premessa Le presenti specifiche tecniche, ai sensi dell art. 68 del D. Lgs. 163/2006, sono state definite tenendo in massima considerazione la tutela dell ambiente e improntate alla sostenibilità ambientale e sociale. 2. Inquadramento territoriale ed urbanistico del territorio comunale di Bassano Romano Bassano Romano è un comune di circa abitanti in Provincia di Viterbo che dista dal capoluogo circa 30 km e dal GRA 35 km. Situato ad un'altitudine di 350 metri s.l.m., si colloca a metà strada tra il Lago di Bracciano e il Lago di Vico, entrambi di origine vulcanica. Il territorio, principalmente collinare, è immerso in un ambiente ricco di vegetazione lussureggiante, caratterizzata principalmente da alberi secolari di faggi, castagni e querce. Queste caratteristiche fanno in modo che, in particolare durante il periodo estivo, il clima sia apprezzato soprattutto per la sua aria salubre e fresca. Bassano Romano vanta una superficie di circa 37,55 km² ed una densità abitativa di circa 132,64 ab./km². 3. Analisi dello stato di fatto Il Comune di Bassano Romano, particolarmente attento alle politiche ambientali sostenibili, ha deciso di modificare completamente il proprio sistema di smaltimento dei rifiuti introducendo un sistema di gestione integrata : vale a dire un modello di raccolta che non è avulso dal circuito di raccolta del rifiuto indifferenziato, con il quale anzi si deve integrare ; un modello che tendenzialmente privilegia la personalizzazione 1 dei servizi, ovvero la messa a disposizione di servizi su misura delle differenti categorie di produttori di rifiuti. 1 Per esemplificare: se con un sistema di raccolta aggiuntivo tutti i produttori del rifiuto vetroso, famiglie, bar, ristoranti chioschi etc. dovevano conferire le bottiglie allo stesso contenitore - la campana stradale - ora si tratta di fornire un servizio di migliore qualità, che faciliti il compito del conferimento separato alle differenti categorie di produttori, ad es. dotando gli esercizi pubblici di propri contenitori dedicati, con frequenza di vuotatura specificatamente studiate per rispondere alle loro esigenze (mancanza di spazi per il deposito dei contenitori, esigenze di maggiore frequenza di raccolta e così via). Un modello quindi che privilegia la raccolta domiciliare, o meglio un integrazione ben programmata tra raccolte domiciliari, a partecipazione tendenzialmente obbligatoria, e raccolte stradali basate sul conferimento volontario; ancora un modello che amplia il campo di applicazione a raccolte più complesse, la frazione organica putrescibile, il verde, che ottimizza la raccolta di differenti materiali (ad esempio attraverso raccolte combinate degli imballaggi in plastica, alluminio e banda stagnata). 4

5 Si aggiunga, poi, che il Comune di Bassano Romano aderisce alla strategia RIFIUTI ZERO e pertanto ha come obiettivo primario la prevenzione e la riduzione della produzione e della nocività dei rifiuti. Sulla base di tali criteri ha costruito l aggiudicazione con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa. La pulizia del paese, la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti rappresentano una delle spese più significative del Comune di Bassano Romano. Solo per conferire in discarica i rifiuti prodotti, l Amministrazione Comunale paga una cifra pari a circa 98,00 a tonnellata ed ogni anno vengono prodotte circa 2.069,22 tonnellate di rifiuti, il cui costo di smaltimento in discarica è pari a circa ,00. A ciò si aggiunga che è già previsto un aumento del costo di conferimento in discarica per i prossimi anni che farà ulteriormente lievitare i costi di conferimento. Si comprenderà bene che l unica strategia perseguibile per frenare questa tendenza è la differenziazione dei rifiuti. 4. Obiettivi di progetto Il principale obiettivo del progetto è quello di ottenere risultati discreti di differenziazione in termini di percentuale in peso dei rifiuti prodotti, al fine di evitare una maggiorazione degli oneri di smaltimento in discarica. Attualmente il Comune di Bassano Romano è attestato su una bassa percentuale di raccolta differenziata ed effettua la raccolta in maniera tradizionale: sistema con batterie di contenitori su fronte stradale per le varie frazioni merceologiche di rifiuti, con cassonetti da lt per i RSU, e svariate postazioni di campane stradali per la raccolta differenziata del vetro, carta e cartone ed imballaggi in materiali misti. Si allega alla presenti Specifiche Tecniche MUD anno L obiettivo minimo posto alla base della progettazione è il raggiungimento di una percentuale di raccolta differenziata, sul totale dei rifiuti prodotti, del 75% in tre anni, il che è raggiungibile solo dando vita ad un sistema di raccolta differenziata spinta : in particolare dando vita ad un sistema di raccolta differenziata della frazione organica del rifiuto che risulta allo stato inattuata. 5

6 Il servizio è progettato in maniera da assicurare una percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani e assimilati pari alle seguenti percentuali minime 2 : almeno il 65% entro la fine del primo anno almeno il 70% entro la fine del secondo anno almeno il 75% entro la fine del terzo anno 3 A tal fine si è ritenuto impossibile mantenere un sistema di raccolta incentrato sull utilizzo di contenitori stradali di grandi dimensioni. E infatti vero che in tal modo si è ottenuto un indubbio contenimento dei punti di conferimento ed una velocizzazione della fase di prelievo, tuttavia va tenuto conto del fatto che: 1) non si è riusciti ad attivare un sistema che induca le utenze ad una maggiore responsabilità nel conferimento del proprio rifiuto; 2) non è stato possibile adottare efficaci sistemi di tariffazione che incentivassero una minore produzione di rifiuti; 3) è stato difficile controllare il flusso dei rifiuti delle attività industriali, che poteva essere immesso impropriamente nel circuito di raccolta indifferenziata dei rifiuti urbani (i contenitori stradali, di dimensioni elevate, per l indifferenziato, il cui utilizzo non è legato ad alcun numero civico particolare e quindi difficilmente controllabile, agevolano ed incentivano i conferimenti impropri di rifiuti speciali di origine artigianale, nonché di inerti e macerie di origine civile); 4) il circuito di raccolta ha assunto i connotati di un sistema a partecipazione volontaria ; molto materiale recuperabile è stato in realtà inserito nel rifiuto residuo impedendone una sostanziale riduzione; 5) l indice di purezza del materiale raccolto è scarso e quindi è difficile collocarlo sul mercato del recupero; 6) si sono verificati conferimenti abusivi intorno ai contenitori, mal sopportati dagli utenti/cittadini, che hanno, tra l altro, richiesto un capillare servizio di pulizia. 2 Nel calcolo si terrà conto delle frazioni merceologiche raccolte in modo differenziato sulla base delle modalità previste dall Accordo ANCI- CONAI. Ai fini del calcolo della percentuale minima è esclusa la frazione residuale indifferenziata. I rapporti col CONAI saranno tenuti dalla Ditta Aggiudicataria che gestirà anche il Centro di Raccolta Comunale. Il Comune intende cedere alla Ditta Aggiudicataria i proventi della vendita dei materiali recuperabili. 3 L Amministrazione Comunale si riserva di dare un premio alla Ditta Aggiudicataria nell ipotesi in cui questa dovesse superare l 80% della percentuale di raccolta differenziata. 6

7 5. L implementazione di una nuova metodologia di raccolta dei rifiuti solidi urbani e assimilati In relazione alle considerazioni sopra esposte, la metodologia tradizionale utilizzata, pur essendo stata un importante base di partenza, non può rispondere alle attuali esigenze di riduzione della frazione dei rifiuti avviati a smaltimento in discarica. La volontà del Comune è di passare ad un sistema di raccolta Porta a Porta, sulla totalità del territorio comunale, con l intercettazione di tutte le frazioni merceologiche dei rifiuti: vale a dire un servizio di raccolta con prelievo del rifiuto direttamente presso i luoghi di produzione dello stesso. Il passaggio da una struttura di conferimento anonima ad una raccolta domiciliarizzata tramite l assegnazione dei manufatti alle singole utenze è consigliabile ovunque possibile per: 1) responsabilizzare il cittadino/utente nella riduzione del conferimento dei rifiuti; 2) controllare la qualità del rifiuto differenziato ed ottenere elevate percentuali di differenziazione; 3) modulare le volumetrie di raccolta in base alle effettive esigenze da parte delle utenze domestiche e delle attività commerciali/produttive; 4) evitare il conferimento improprio di alcune tipologie di rifiuti all interno dei contenitori incustoditi; 5) minimizzare i conferimenti in discarica e conseguentemente diminuire i costi in discarica di smaltimento; 6) limitare i costi di manutenzione dei contenitori (lavaggi e disinfezioni periodiche nonché sostituzioni per atti di vandalismo) e l impatto visivo in contesti storici come quelli situati nel centro storico del Comune di Bassano Romano; 7) adottare sistemi di imposizione fiscale premianti; 8) massimizzare i contributi CONAI. 6. L esternalizzazione dei servizi: l affidamento tramite gara ad evidenza pubblica Il Comune di Bassano Romano ha deciso di erogare il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani ed assimilati affidandolo ad una ditta specializzata, esterna all Ente (di seguito denominata Ditta 7

8 Aggiudicataria), da individuare tramite l espletamento di una gara 4 con procedura aperta ad evidenza pubblica, ai sensi del D. Lgs. 12 aprile 2006 n Oggetto dell appalto sarà il complesso delle seguenti elencate prestazioni: SERVIZI IN APPALTO Raccolta rifiuti solidi urbani e assimilati e conferimento degli stessi agli impianti di destinazione Raccolta differenziata della frazione organica e del verde domiciliare Raccolta della frazione secca residua Raccolta differenziata delle frazioni di carta e cartone Raccolta differenziata degli imballaggi in vetro Raccolta differenziata degli imballaggi in plastica, alluminio e banda stagnata Raccolta differenziata dei rifiuti ingombranti e dei RAEE Raccolta differenziata di batterie e pile esauste, farmaci scaduti e prodotti etichettati T e/o F Gestione del Centro di Raccolta Comunale Raccolta, trasporto e conferimento dei rifiuti abbandonati sul territorio comunale Spazzamento manuale e meccanizzato Servizi accessori: lavaggio e disinfezione delle strade; gestione cestini portarifiuti; pulizia delle caditoie stradali, fontane e lavatoi pubblici; gestione verde pubblico Tabella 1: Servizi in appalto 7. Il sistema di raccolta: descrizione L Amministrazione Comunale ha deciso di implementare un sistema di raccolta domiciliare dei rifiuti del tipo Porta a Porta, su tutto il territorio comunale, sia per le utenze domestiche che per quele non domestiche. Ai fini dell organizzazione del servizio le utenze 5 sono divise in due categorie: 4 La durata dell appalto sarà fissata in anni tre, salvo l inizio delle attività da parte del soggetto aggiudicatario della gara ad evidenza pubblica indetta dall Autorità d Ambito ai sensi dell art. 202 del D. Lgs. 152/ Qualora nel corso dell appalto dovesse aumentare il numero delle utenze il servizio si intende esteso, per lo stesso importo a base gara senz alcun aumento, anche alle nuove utenze iscritti ai ruoli TARSU/TARES. 8

9 utenze domestiche (per un numero di circa 2.550) utenze non domestiche 6 (per un numero di circa 150) La raccolta avverrà mediante prelievo del rifiuto direttamente presso i luoghi di produzione dello stesso: il ritiro del materiale avviene presso il numero civico dell utente, il quale conferisce il materiale in sacchi, alcuni dei quali posizionati all interno di contenitori (bidoncini), che vengono collocati all esterno della proprietà in giorni ed orari stabiliti secondo il calendario di conferimento. La collaborazione richiesta all utenza nella nuova organizzazione del servizio prevede la separazione, presso il domicilio 7, dei seguenti flussi: frazione organica dei RSU verde domiciliare imballaggi in vetro imballaggi in plastica, alluminio e banda stagnata carta e cartone secco residuo rifiuti ingombranti 8 RAEE 9 L utente sarà fornito di buste di colore diverso a seconda della frazione merceologica da conferire. La busta dovrà essere conferita chiusa; alcune saranno posizionate all interno di un contenitore al quale sarà applicato un sistema di chiusura antirandagismo (di cui ogni contenitore sarà provvisto). Gli utenti saranno dotati di un mastello dedicato esclusivamente a contenere le buste per la raccolta dell organico e di un altro contenitore per il secco residuo e alternativamente le altre frazioni merceologiche. 6 Tra cui si individuano le utenze non domestiche dedicate : vale a dire quelle con particolari esigenze di raccolta in relazione a determinate frazioni merceologiche di rifiuti. Si indicano, di seguito, le utenze non domestiche dedicate : Bar, attività di ristoro, alberghi e supermercati: vetro, organico, plastica/barattolame, indifferenziato Esercizi commerciali di generi alimentari (ortofrutta) e fiorai:organico indifferenziato Esercizi commerciali di generi non alimentari: indifferenziato e cartoni Attività ricreative (circoli, impianto sportivo, e sale giochi): indifferenziato, vetro e plastica/barattolame Scuole: vetro, plastica/barattolame,carta indifferenziato se scuole con mensa anche organico Studi professionali ed agenzie: indifferenziato e carta Grandi uffici pubblici (posta, inps, asl): vetro, plastica/barattolame, carta 7 Tutte le frazioni merceologiche dei rifiuti potranno essere conferite gratuitamente presso il Centro di Raccolta Comunale in Via della Stazione. 8 I cittadini potranno usufruire per la raccolta dei rifiuti ingombranti, RAEE e della frazione del verde domiciliare di un servizio a domicilio di raccolta su chiamata, pagando una piccola cifra pari a 5 (cd. Taxi dei rifiuti ) da liquidare direttamente alla Ditta Aggiudicataria, oppure potranno conferire gratuitamente i rifiuti presso il Centro di raccolta Comunale. La chiamata verrà effettuata ad un numero predisposto dalla Ditta Aggiudicataria. 9 Vd. Nota 7 9

10 La busta e/o il bidoncino saranno conferiti la mattina del giorno di raccolta, all esterno della propria abitazione, nell orario prefissato dall Amministrazione Comunale di concerto con la Ditta Aggiudicataria. Nel caso di strade private i manufatti saranno posizionati all intersezione della strada privata con la strada pubblica nelle modalità indicate dall Ufficio Tecnico 10. Gli utenti sono obbligati ad utilizzare solo ed esclusivamente i manufatti dedicati alla raccolta, seguendo fedelmente il calendario di conferimento. Gli operatori ecologici non dovranno raccogliere rifiuti conferiti in buste e contenitori non dedicati. In tale ultimo caso dovranno segnalare il fatto all Ufficio Tecnico. Il sistema di raccolta prospettato è propedeutico all applicazione di un sistema di identificazione puntuale delle utenze e nel tempo, di un sistema di quantificazione del rifiuto conferito - e quindi di un puntuale sistema tariffario che possa introdurre meccanismi incentivanti e premianti finalizzati a sostenere la riduzione ed il riciclaggio dei rifiuti prodotti. Saranno poi posizionati sul territorio degli Ecopunti: punti di conferimento allestiti con contenitori stradali per batterie e pile esauste, contenitori etichettati T e/o F e poi saranno posizionati, presso le farmacie, contenitori per la raccolta dei farmaci scaduti. A sostegno dell intero sistema di raccolta è in uso il Centro di Raccolta Comunale in Via della Stazione, presso cui gli utenti potranno conferire gratuitamente tutte le frazioni merceologiche dei rifiuti indicate al successivo articolo 9. L Amministrazione Comunale promuoverà il riutilizzo di beni usati attraverso iniziative mirate tra cui la creazione e/o il sostegno di centri e reti accreditati di riparazione/riutilizzo (cd. Ricicleria ) di beni usati 11. Precedentemente all adozione delle nuove modalità di raccolta verrà organizzata una apposita campagna di sensibilizzazione ed informazione. Per i primi sei mesi dall inizio del nuovo servizio, la ditta Aggiudicataria dovrà, tramite SMS, allertare il giorno precedente i singoli conferimenti - tutti gli utenti (che avranno lasciato il loro 10 Nel caso di strade dissestate, e pertanto inaccessibili, il punto di prelievo sarà concordato con l Ufficio Tecnico. 11 Una percentuale importante dei rifiuti attualmente è costituita da oggetti usati o invenduti ancora utilizzabili che in alcuni casi possono anche avere valore commerciale. È possibile allungare la vita di molti prodotti, rimandando il loro ingresso nel ciclo dei rifiuti, attraverso molteplici iniziative. Innanzitutto è necessario consentire/organizzare la raccolta di tali prodotti. Allo scopo la stazione appaltante può stipulare accordi con enti caritatevoli o organizzazioni del settore dell usato e può realizzare (ove possibile, preferibilmente accanto ai centri di raccolta) centri del riuso dove i beni possono essere oggetto di baratto, vendita o cessione gratuita. 10

11 contatto telefonico all Ufficio Tecnico) circa la frazione da raccogliere nei giorni indicati in calendario Segue: la frazione residuale indifferenziata Tale frazione è costituita da rifiuti secchi di origine domestica e assimilati che in genere non possono venire riciclati o recuperati (carta sporca, carta assorbente, tubetti di dentifricio, cocci di ceramica o porcellana, piccoli oggetti di uso domestico etc. etc.). Le utenze da servire saranno: 1. domestiche; 2. non domestiche (negozi, associazioni, istituzioni, scuole, istituti bancari, attività produttive in genere). Per le utenze domestiche è previsto un sistema di raccolta domiciliare con sacchi di colore GRIGIO da posizionare all interno di mastelli per l esposizione su fronte stradale. La raccolta avverrà una volta 12 alla settimana in orari compresi tra le ore e le ore Solo per i primi sei mesi dall inizio del servizio, la raccolta di tale frazione secca residua avverrà due volte alla settimana. Trascorsi sei mesi, la raccolta avverrà, nelle sole utenze domestiche, una volta alla settimana. Durante le operazioni di svuotamento la Ditta dovrà porre la massima cura per non arrecare danni ai bidoni e per non sporcare o lasciare residui di rifiuti sulle strade che, in ogni caso, dovranno essere immediatamente raccolti. Per le utenze non domestiche è prevista la stessa metodologia utilizzata per le utenze domestiche raggiunte dal servizio domiciliare porta a porta, salvo l utilizzo da parte delle utenze non domestiche di manufatti di maggiori dimensioni, in numero adeguato alle esigenze. In merito alla tempistica invece la raccolta sarà effettuata, nelle utenze non domestiche, due volte alla settimana per tutta la durata dell appalto Segue: la frazione organica Il servizio consiste nella raccolta della frazione organica dei rifiuti ( FORSU), detta anche umido Essa rappresenta la frazione maggiore, in termini di percentuale, dei rifiuti da gestire e la sua 12 La gara di appalto verrà aggiudicata con il criterio dell offerta economicamente più vanataggiosa, pertanto si inserirà tra le offerte migliorative che le ditte concorrenti potranno offrire in sede di gara la raccolta dedicata dei pannolini. 11

12 raccolta in modo differenziato risulta strategica per l ottenimento di buoni risultati in termini di percentuale di Raccolta Differenziata. Si tratta soprattutto di scarti da cucina ovvero rifiuti organici domestici che, dopo un periodo di fermentazione per opera di batteri, danno origine ad un fertilizzante naturale il cosiddetto compost. Si considerano utili per la raccolta i resti alimentari, gli avanzi di cibo, scarti da cucina, piccole ossa, pane vecchio, foglie e fiori in piccole quantità etc. etc. Le utenze da servire saranno: 1. domestiche; 2. non domestiche ( negozi, associazioni, istituzioni, scuole, istituti bancari, attività produttive in genere). Per le utenze domestiche è previsto un sistema di raccolta domiciliare con buste compostabili da inserire in un sottolavello areato di colore MARRONE. Per l esposizione su strada, invece, la busta dovrà essere conferita chiusa, all interno di un mastello dedicato anch esso di colore marrone. Gli utenti sono obbligati ad utilizzare solo ed esclusivamente le buste dedicate alla raccolta. In particolare il mastello per la raccolta dell organico non potrà essere utilizzato per allocare buste contenenti altre frazioni merceologiche di rifiuti. Gli operatori ecologici non dovranno raccogliere rifiuti conferiti in buste e contenitori non dedicati. La busta sarà conferita la mattina del giorno di raccolta, all esterno della propria abitazione, nell orario prefissato. Il conferimento e quindi la raccolta avverrà tre volte a settimana in orari compresi tra le ore e le ore Durante le operazioni di svuotamento la Ditta dovrà porre la massima cura per non arrecare danni al mastello e per non sporcare o lasciare residui di rifiuti sulle strade che, in ogni caso, dovranno essere immediatamente raccolti. Per le utenze non domestiche è prevista la stessa metodologia utilizzata per le utenze domestiche raggiunte dal servizio domiciliare porta a porta, salvo l utilizzo da parte delle utenze non domestiche di manufatti di maggiori dimensioni. Per le utenze non domestiche dedicate (fioristi, vivaisti, ristoranti, trattorie, pizzerie, pizzetterie, bar, ortofrutticoli e simili) sarà fissata una tempistica ad hoc (vd. il Calendario della raccolta ) e precisamente di 5 volte alla settimana. Il Comune renderà disponibile all azienda aggiudicataria, prima dell attivazione del servizio, un elenco degli operatori commerciali interessati, desunto dalla banca dati dell ufficio commercio. 12

13 Il Comune di Bassano Romano favorirà l utilizzo di compostiere domestiche con la creazione di un Albo Comunale dei Compostatori i cui iscritti avranno diritto ad una riduzione sulla TARSU/TARES. In particolare è previsto, nel tempo, l utilizzo di una compostiera di comunità presso la Mensa scolastica, il Monastero di San Vincenzo e la Casa di Riposo Altobelli. Quando le compostiere di comunità entreranno in uso, la Ditta Aggiudicataria non svolgerà più il servizio di raccolta della frazione organica nei tre siti prima indicati (e in altri che eventualmente dovessero aggiungersi) e in luogo di tale servizio ne effettuerà altri da concordare con l Ufficio Tecnico. Tale principio della sostituzione vale in generale per tutti i servizi oggetto dell appalto Segue: il verde domiciliare 13 Si attiverà il servizio di raccolta domiciliare, a pagamento, della frazione verde dei RSU, vale a dire degli sfalci delle potature. Il servizio - che prevede l istituzione di un numero telefonico, allestito e gestito dalla Ditta Aggiudicataria, attraverso cui gli utenti potranno segnalare la loro esigenza di conferire la frazione verde dei RSU - sarà attivato, su richiesta telefonica dei cittadini. Il servizio sarà svolto con la frequenza minima di una volta ogni due settimane presso le utenze del centro urbano e una volta al mese per le abitazioni rurali. Gli utenti possono conferire gratuitamente tale frazione anche presso il Centro di Raccolta Comunale in Via della Stazione Segue: la carta e il cartone Il servizio consiste nella raccolta di carta, cartone ed imballaggi. Le utenze da servire saranno: 1. domestiche; 2. non domestiche ( negozi, associazioni, istituzioni, scuole, istituti bancari, attività produttive in genere). Per le utenze domestiche è previsto un sistema di raccolta domiciliare con sacchi di colore GIALLO. 13 Tutte le frazioni merceologiche dei rifiuti potranno essere conferite gratuitamente presso il Centro di Raccolta Comunale in Via della Stazione. I cittadini potranno usufruire per la raccolta dei rifiuti ingombranti, RAEE e della frazione del verde domiciliare di un servizio a domicilio di raccolta su chiamata, pagando una piccola cifra pari a 5 (cd. Taxi dei rifiuti ) da liquidare direttamente alla Ditta Aggiudicataria, oppure potranno conferire gratuitamente i rifiuti presso il Centro di raccolta Comunale. La chiamata verrà effettuata ad un numero predisposto dalla Ditta Aggiudicataria 13

14 La raccolta avverrà una volta alla settimana, in orari compresi tra le ore e le ore Per le utenze non domestiche è prevista la stessa metodologia utilizzata per le utenze domestiche raggiunte dal servizio domiciliare porta a porta, salvo l utilizzo da parte delle utenze non domestiche di manufatti di maggiori dimensioni. Per le utenze non domestiche dedicate sarà fissata una tempistica ad hoc (vd. il Calendario della raccolta al successivo art. 8) di tre volte alla settimana. Le utenze commerciali si dovranno preoccupare di diminuire il più possibile il volume degli imballaggi in cartone, con utilizzo anche di spago per tenere legati i rifiuti medesimi, e di esporli poco tempo prima dell orario di raccolta. Al fine di organizzare in maniera efficiente il servizio, il Comune renderà disponibile alla Ditta Aggiudicataria, prima dell attivazione del servizio, un elenco degli operatori commerciali interessati, desunto dalla banca dati dell ufficio commercio. Il calendario, gli orari di raccolta e le modalità di conferimento, concordate con il Comune, saranno comunicate agli utenti a mezzo di apposita campagna informativa Segue: il tetrapak È possibile raccogliere, insieme alla frazione della carta, il tetrapak (i cartoni per bevande fatto di materiale poliaccoppiato). Infatti, il modo più comune per riciclare cartoni per bevande postconsumo è tramite il recupero della fibra nelle cartiere dove avviene il riciclo della carta. Queste cartiere inseriscono carta e i nostri contenitori nel normale processo produttivo; nel pulper, un enorme caldaia contenente acqua, soggetta a un movimento vorticoso. Tale azione fa staccare le fibre, aiutando la carta a spappolarsi più velocemente. Le fibre assorbono acqua e divengono parte di una grande poltiglia di fibra acquosa. Qualsiasi elemento diverso dalla carta (come la plastica) galleggia o affonda e può essere prelevato e rimosso. Tale processo solitamente richiede circa minuti e consente di recuperare gran parte della fibra. Le fibre recuperate a questo modo possono produrre nuova carta, che viene utilizzata come carta tipografica, per la produzione di borsine di carta, per carta per ad uso domestico, per scatole in cartone, ecc. 14

15 7.5. Segue: gli imballaggi in vetro Il servizio, consiste nella raccolta degli imballaggi in vetro: barattoli e vasetti in vetro; bottiglie in vetro per acqua e liquidi in genere non pericolosi e ripuliti da ogni elemento organico. Le utenze da servire saranno: 1. domestiche; 2. non domestiche ( negozi, associazioni, istituzioni, scuole, istituti bancari, attività produttive in genere). Per le utenze domestiche è previsto un sistema di raccolta domiciliare con buste di colore VERDE. La busta sarà conferita la mattina del giorno di raccolta, all esterno della propria abitazione, nell orario prefissato. La raccolta avverrà una volta alla settimana in orari compresi tra le ore e le ore Per le utenze non domestiche è prevista la stessa metodologia utilizzata per le utenze domestiche raggiunte dal servizio domiciliare porta a porta, salvo l utilizzo da parte delle utenze non domestiche di manufatti di maggiori dimensione e tempistiche ad hoc per le utenze non domestiche dedicate (vd. il Calendario della raccolta al successivo art. 8) di tre volte alla settimana. A tale scopo il Comune renderà disponibile all azienda aggiudicataria, prima dell attivazione del servizio, un elenco degli operatori commerciali interessati, desunto dalla banca dati dell ufficio commercio. Il calendario, gli orari di raccolta e le modalità di conferimento, concordate con il Comune saranno comunicate agli utenti a mezzo di apposita campagna informativa Segue: gli imballaggi in plastica alluminio e banda stagnata Il servizio consiste nella raccolta delle seguenti tipologie di materiali: (bottiglie di plastica per acqua minerale, flaconi per bagnoschiuma, detersivi, shampoo e simili; piatti e bicchieri di plastica) imballaggi in alluminio e banda stagnata (barattoli, vasetti, lattine). Per le utenze domestiche è previsto un sistema di raccolta domiciliare con buste di colore CELESTE. Il mastello sarà conferito la mattina del giorno di raccolta, all esterno della propria abitazione, nell orario prefissato. La raccolta avverrà una volta alla settimana in orari compresi tra le ore e le ore

16 Per le utenze non domestiche è prevista la stessa metodologia e tempistica utilizzata per le utenze domestiche raggiunte dal servizio domiciliare porta a porta, salvo l utilizzo da parte delle utenze non domestiche di manufatti di maggiori dimensione e tempistiche ad hoc per le utenze non domestiche dedicate (vd. il Calendario della raccolta al successivo art. 8) di tre volte alla settimana Segue: i rifiuti ingombranti 14 La raccolta riguarda le seguenti tipologie di rifiuto indicate a titolo esemplificativo: - divani, poltrone, sedie - materassi, beni durevoli in genere ecc. ecc. Tale servizio a pagamento, per un costo di 5,00 a chiamata, è attivato, su richiesta telefonica dei cittadini, con cadenza mensile. Il servizio, prevede l istituzione di un numero telefonico, allestito e gestito dalla Ditta Aggiudicataria, attraverso cui gli utenti potranno segnalare la loro esigenza di conferire i rifiuti ingombranti specificandone numero e tipologia. Qualora l utente non volesse attendere il giorno fissato per il ritiro, potrà conferire il rifiuto gratuitamente presso il sito destinato a Centro di Raccolta Comunale Segue: i RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) 15 La raccolta riguarda le seguenti tipologie di rifiuto indicate: R1: apparecchiature refrigeranti R2: grandi bianchi R3: Tv e monitor R4: piccoli elettrodomestici R5: sorgenti luminose Tale servizio a pagamento per un costo di 5,00 a chiamata, è attivato, su richiesta telefonica dei cittadini, con cadenza mensile. 14 Tutte le frazioni merceologiche dei rifiuti potranno essere conferite gratuitamente presso il Centro di Raccolta Comunale in Via della Stazione. I cittadini potranno usufruire per la raccolta dei rifiuti ingombranti, RAEE e della frazione del verde domiciliare di un servizio a domicilio di raccolta su chiamata, pagando una piccola cifra pari a 5 (cd. Taxi dei rifiuti ) da liquidare direttamente alla Ditta Aggiudicataria, oppure potranno conferire gratuitamente i rifiuti presso il Centro di raccolta Comunale. La chiamata verrà effettuata ad un numero predisposto dalla Ditta Aggiudicataria 15 Vd. nota 13 16

17 Qualora l utente non volesse attendere il giorno fissato per il ritiro, potrà conferire gratuitamente il rifiuto direttamente presso il sito destinato a Centro di Raccolta Comunale Segue: i prodotti etichettati T e/o F Il servizio consiste nella raccolta delle seguenti tipologie di rifiuti indicati a titolo semplificativo: - prodotti e relativi contenitori etichettati T ( tossico) - prodotti e relativi contenitori etichettati F ( facilmente o estremamente infiammabile); Le caratteristiche di larga diffusione di tali tipologie di materiali, fa si che essi si prestino alla raccolta mediante appositi contenitori ubicati entro o nelle immediate vicinanze dei luoghi di vendita degli stessi, oppure potranno essere conferiti presso il Centro di Raccolta Comunale. In particolare: a) contenitori per la raccolta dei prodotti e relativi imballaggi etichettati T e/o F ubicati presso Ferramenta, Supermercati etc.. b) conferimento presso il Centro di Raccolta Comunale Il servizio di raccolta dovrà avvenire ogni qual volta se ne ravvisi la necessità e comunque con la frequenza minima di un giorno al mese. L automezzo utilizzato dalla Ditta Aggiudicataria dovrà provvedere allo svuotamento o al ricambio dei contenitori oggetto del servizio. I contenitori, che dovranno essere minimo 3, saranno forniti dalla Ditta Aggiudicataria e da questa posizionati nei luoghi indicati dall Amministrazione Comunale Segue: Batterie e pile esauste Il servizio consiste nella raccolta delle seguenti tipologie di rifiuti: - pile esauste; - batterie esauste Le caratteristiche di larga diffusione di tali tipologie di materiali, fa si che essi si prestino alla raccolta mediante appositi contenitori ubicati entro o nelle immediate vicinanze dei luoghi di vendita degli stessi. In particolare: contenitori, per la raccolta delle pile esauste, ubicati presso negozi quali Tabaccherie e Ferramenta. Saranno inoltre posizionati contenitori per la raccolta presso altri Ecopunti, da posizionare in luoghi indicati dall Ufficio Tecnico. Il conferimento da parte degli utenti potrà avvenire in qualsiasi momento ma il servizio di raccolta dovrà avvenire ogni qual volta se ne ravvisi la necessità e comunque con la frequenza minima di un 17

18 giorno al mese. L automezzo utilizzato dalla Ditta Aggiudicataria dovrà provvedere allo svuotamento o al ricambio dei contenitori oggetto del servizio. E possibile, in ogni caso, conferire questi rifiuti presso il Centro di Raccolta Comunale. I contenitori, che dovranno essere minimo 3, saranno forniti dalla Ditta Aggiudicataria e da quest ultima posizionati nei luoghi indicati dall Amministrazione Comunale Segue: i consumabili esausti da sistema di stampa elettronica La raccolta riguarda le cartucce esauste per tutti i tipi di stampanti (laser, inkjet e aghi) cioè i cosiddetti consumabili esausti da stampa elettronica. Tali rifiuti potranno essere conferiti gratuitamente presso il Centro di Raccolta Comunale Segue: Olio vegetale La raccolta riguarda l'olio vegetale da versare in un recipiente (bottiglia, stagna ecc.) che va svuotato nel contenitore del punto di raccolta presso il Centro di Raccolta Comunale. I recipienti saranno forniti dall Amministrazione Comunale Segue: Farmaci scaduti Il servizio consiste nella raccolta delle seguenti tipologie di rifiuti: - prodotti farmaceutici scaduti o inutilizzati. Le caratteristiche di larga diffusione di tali tipologie di materiali, fa si che essi si prestino alla raccolta mediante appositi contenitori ubicati entro o nelle immediate vicinanze dei luoghi di vendita degli stessi. In particolare: a. contenitori per la raccolta dei farmaci scaduti o inutilizzati posizionati nelle Farmacie b. conferimento presso il Centro di Raccolta Comunale in Via della Stazione. Il conferimento da parte degli utenti potrà avvenire in qualsiasi momento ma il servizio di raccolta dovrà avvenire ogni qual volta se ne ravvisi la necessità e comunque con la frequenza minima di un giorno al mese. L automezzo utilizzato dalla Ditta Aggiudicataria dovrà provvedere allo svuotamento o al ricambio dei contenitori oggetto del servizio. I contenitori, che dovranno essere minimo 3, saranno forniti dalla Ditta Aggiudicataria e da quest ultima posizionati nei luoghi indicati dall Amministrazione Comunale. 18

19 8. Il calendario della raccolta Frazione residuale indifferenziata Abitazione domestiche del centro storico e urbano Abitazione domestiche Rurali Utenze non domestiche Utenze non domestiche dedicate (vale a dire quelle con particolari esigenze di raccolta in relazione a determinate frazioni merceologiche di rifiuti) 1/7 17 2/7 2/7 Frazione organica 3/7 3/7 3/7 5/7 Carta e cartone 1/7 1/7 1/7 3/7 Imballaggi in vetro 1/7 1/7 1/7 3/7 Imballaggi in plastica e barattolame Rifiuti ingombranti 16 RAEE Pile esauste e farmaci scaduti 1/7 1/7 1/7 3/7 1/30 1/30 1/30 1/30 Raccolta stradale Raccolta stradale Raccolta stradale Raccolta stradale Frazione verde 1/15 1/30 1/15 1/15 domiciliare 17 Tabella 2: Il calendario della raccolta 9. Il Centro di Raccolta Comunale L isola ecologica in Via della Stazione, sarà adibita a Centro Comunale di Raccolta, dei vari materiali da conferire direttamente nelle diverse unità di carico (cassoni scarrabili, ceste e gabbie). Le unità di carico e più in generale tutti i contenitori atti a raccolgiere i rifiuti saranno messi a disposizione dalla Ditta Aggiudicataria (ad eccezione di quelle fornite dal Centro di Coordinamento dei RAEE per i 5 Raggruppamenti previsti nell Allegato 1 del D. M.185/2007 e di quelle già utilizzate dal Comune), ciascuna destinato alla ricezione di uno specifico rifiuto. L Amministrazione Comunale si riserva, nel corso dell appalto, di localizzare in un diverso punto il Centro di Raccolta Comunale sempre all interno del territorio di Bassano Romano. 16 Raccolta su chiamata. 17 Raccolta su chiamata 19

20 Potranno essere conferiti gratuitamente presso il Centro di Raccolta Comunale tutti i rifiuti indicati dal DM 8 aprile 2008 così come integrato dal DM 13 maggio 2009, di cui a titolo esemplificativo se ne elencano alcuni: 1. imballaggi in carta e cartone (codice CER ) 2. imballaggi in plastica (codice CER ) 3. imballaggi in legno (codice CER ) 4. imballaggi in metallo (codice CER ) 5. imballaggi in materiali misti (CER ) 6. imballaggi in vetro (codice CER ) 7. contenitori T/FC (codice CER * e *) 8. rifiuti di carta e cartone (codice CER ) 9. rifiuti in vetro (codice CER ) 10. frazione organica umida (codice CER e ) 11. abiti e prodotti tessili (codice CER e ) 12. solventi (codice CER *) 13. acidi (codice CER *) 14. sostanze alcaline (codice CER *) 15. prodotti fotochimici ( *) 16. pesticidi (CER *) 17. tubi fluorescenti ed altri rifiuti contenenti mercurio (codice CER ) 18. rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (codice CER *, * e ) 19. oli e grassi commestibili (codice CER ) 20. oli e grassi diversi da quelli al punto precedente, ad esempio oli minerali esausti (codice CER *) 21. vernici, inchiostri, adesivi e resine (codice CER * e ) 22. detergenti contenenti sostanze pericolose (codice CER *) 23. detergenti diversi da quelli al punto precedente (codice CER ) 24. farmaci (codice CER * e ) 25. batterie e accumulatori di cui alle voci * * * provenienti da utenze domestiche (codice CER *) 20

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO Consorzio Intercomunale di Servizi per l Ambiente LOGO COMUNE COMUNE di REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO data: OTTOBRE 2012 SOMMARIO

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fare la raccolta differenziata In provincia di Modena, ogni giorno produciamo 1,75 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta differenziata

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. UNIONE DEI COMUNI Agugliano Camerata Picena Offagna Polverigi Santa Maria Nuova Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. Raccolta differenziata porta a porta. A.T.I. Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 Sommario 1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 1 1. QUADRO ECONOMICO In base al computo metrico dei servizi si è desunto un costo complessivo del servizio

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie Il trattamento della frazione organica dei rifiuti urbani: sfide locali e globali - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - La Regione Piemonte e la politica europea:

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative :

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative : Il Consorzio Servizi Plus, è una società di outsourcing, operante da oltre 10 anni nel settore dei servizi facchinaggio, trasporti e pulizia, con lo scopo precipuo di associare in forma consortile tutte

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI via Belenzani, 18 I 38122 Trento tel. 0461 884935 I fax 0461 884940 servizio_ambiente@comune.trento.it Orario di apertura al pubblico: da lun. a ven. 8. 30-12 LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO:

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

CALCOLO DELLA SPESA E PROSPETTO ECONOMICO (art. 279, comma 1, lett. c) e d) del D.P.R.n. 207/2010)

CALCOLO DELLA SPESA E PROSPETTO ECONOMICO (art. 279, comma 1, lett. c) e d) del D.P.R.n. 207/2010) UNIONE DI COMUNI VIGATA-SCALA DEI TURCHI (Porto Empedocle e Realmonte) UFFICIO A.R.O. Servizio di spazzamento, raccolta e trasporto allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani differenziati e indifferenziati,

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO

PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO REGIONE UMBRIA PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI: PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO 1 INDICE 1. Introduzione: importanza

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Il trattamento completo che la tua Azienda merita

Il trattamento completo che la tua Azienda merita Il trattamento completo che la tua Azienda merita Chi siamo Omnia è un Consorzio il cui Management è formato da professionisti dalla consolidata esperienza nel campo della fornitura dei servizi alle aziende;

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE CITTÀ DI PALERMO AREA SERVIZI ALLE IMPRESE SETTORE ATTIVITÀ PRODUTTIVE - SPORTELLO UNICO REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE 1 SOMMARIO Parte I. le forme del commercio su aree pubbliche e relative

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... VetReRiA CARtieRA CoMPoStAggio Regione del Veneto Presidente Giancarlo Galan Assessore alle Politiche dell Ambiente Giancarlo Conta Segretario

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli