COMUNE di BASSANO ROMANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE di BASSANO ROMANO"

Transcript

1 COMUNE di BASSANO ROMANO (Provincia di Viterbo) PROGETTO TECNICO (SPECIFICHE TECNICHE) SINDACO Angela BETTUCCI Progetto approvato con Deliberazione Consiliare n. del / /2013 Responsabile Unico del Procedimento: Geom. Claudio QUAGLIA

2 INDICE 1 Premessa 2 Inquadramento territoriale ed urbanistico del territorio comunale di Bassano Romano 3 Analisi dello stato di fatto 4 Obiettivi di progetto 5 L implementazione di una nuova metodologia di raccolta dei rifiuti solidi urbani e assimilati 6 L esternalizzazione dei servizi: l affidamento tramite gara ad evidenza pubblica 7 Il sistema di raccolta: descrizione 7.1 Segue: la frazione residuale indifferenziata 7.2 Segue: la frazione organica Segue: il verde domiciliare 7.3 Segue: la carta e il cartone 7.4 Segue: il tetrapak 7.5 Segue: gli imballaggi in vetro 7.6 Segue: gli imballaggi in plastica, alluminio e banda stagnata 7.7 Segue: i rifiuti ingombranti 7.8 Segue: i RAEE 7.9 Segue: i prodotti etichettati T e/o F 7.10 Segue: batterie e pile esauste 7.11 Segue: i consumabili esausti da sistema di stampa elettronica 7.12 Segue: olio vegetale 7.13 Segue: farmaci scaduti 8 Il calendario della raccolta 9 Il Centro di Raccolta Comunale 10 La destinazione delle diverse frazioni raccolte: gli impianti di conferimento 11 Spazzamento manuale e meccanizzato 11.1 Servizi accessori: lavaggio e disinfezione delle strade 11.2 Segue: Gestione cestini portarifiuti 11.3 Segue: Pulizia delle caditoie stradali, fontane e lavatoi pubblici 11.4 Segue: Gestione verde pubblico 2

3 11.5 Modalità di erogazione degli altri servizi: raccolta, trasporto e conferimento dei fiuti abbandonati sul territorio comunale 12 Orari dei servizi 13 Attrezzature per la Raccolta Differenziata e altri servizi 14 Automezzi impiegati 15 Il personale 16 Parametri di misurazione del raggiungimento degli obiettivi e sistema di monitoraggio e controllo del livello qualitativo delle prestazioni rese 3

4 1. Premessa Le presenti specifiche tecniche, ai sensi dell art. 68 del D. Lgs. 163/2006, sono state definite tenendo in massima considerazione la tutela dell ambiente e improntate alla sostenibilità ambientale e sociale. 2. Inquadramento territoriale ed urbanistico del territorio comunale di Bassano Romano Bassano Romano è un comune di circa abitanti in Provincia di Viterbo che dista dal capoluogo circa 30 km e dal GRA 35 km. Situato ad un'altitudine di 350 metri s.l.m., si colloca a metà strada tra il Lago di Bracciano e il Lago di Vico, entrambi di origine vulcanica. Il territorio, principalmente collinare, è immerso in un ambiente ricco di vegetazione lussureggiante, caratterizzata principalmente da alberi secolari di faggi, castagni e querce. Queste caratteristiche fanno in modo che, in particolare durante il periodo estivo, il clima sia apprezzato soprattutto per la sua aria salubre e fresca. Bassano Romano vanta una superficie di circa 37,55 km² ed una densità abitativa di circa 132,64 ab./km². 3. Analisi dello stato di fatto Il Comune di Bassano Romano, particolarmente attento alle politiche ambientali sostenibili, ha deciso di modificare completamente il proprio sistema di smaltimento dei rifiuti introducendo un sistema di gestione integrata : vale a dire un modello di raccolta che non è avulso dal circuito di raccolta del rifiuto indifferenziato, con il quale anzi si deve integrare ; un modello che tendenzialmente privilegia la personalizzazione 1 dei servizi, ovvero la messa a disposizione di servizi su misura delle differenti categorie di produttori di rifiuti. 1 Per esemplificare: se con un sistema di raccolta aggiuntivo tutti i produttori del rifiuto vetroso, famiglie, bar, ristoranti chioschi etc. dovevano conferire le bottiglie allo stesso contenitore - la campana stradale - ora si tratta di fornire un servizio di migliore qualità, che faciliti il compito del conferimento separato alle differenti categorie di produttori, ad es. dotando gli esercizi pubblici di propri contenitori dedicati, con frequenza di vuotatura specificatamente studiate per rispondere alle loro esigenze (mancanza di spazi per il deposito dei contenitori, esigenze di maggiore frequenza di raccolta e così via). Un modello quindi che privilegia la raccolta domiciliare, o meglio un integrazione ben programmata tra raccolte domiciliari, a partecipazione tendenzialmente obbligatoria, e raccolte stradali basate sul conferimento volontario; ancora un modello che amplia il campo di applicazione a raccolte più complesse, la frazione organica putrescibile, il verde, che ottimizza la raccolta di differenti materiali (ad esempio attraverso raccolte combinate degli imballaggi in plastica, alluminio e banda stagnata). 4

5 Si aggiunga, poi, che il Comune di Bassano Romano aderisce alla strategia RIFIUTI ZERO e pertanto ha come obiettivo primario la prevenzione e la riduzione della produzione e della nocività dei rifiuti. Sulla base di tali criteri ha costruito l aggiudicazione con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa. La pulizia del paese, la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti rappresentano una delle spese più significative del Comune di Bassano Romano. Solo per conferire in discarica i rifiuti prodotti, l Amministrazione Comunale paga una cifra pari a circa 98,00 a tonnellata ed ogni anno vengono prodotte circa 2.069,22 tonnellate di rifiuti, il cui costo di smaltimento in discarica è pari a circa ,00. A ciò si aggiunga che è già previsto un aumento del costo di conferimento in discarica per i prossimi anni che farà ulteriormente lievitare i costi di conferimento. Si comprenderà bene che l unica strategia perseguibile per frenare questa tendenza è la differenziazione dei rifiuti. 4. Obiettivi di progetto Il principale obiettivo del progetto è quello di ottenere risultati discreti di differenziazione in termini di percentuale in peso dei rifiuti prodotti, al fine di evitare una maggiorazione degli oneri di smaltimento in discarica. Attualmente il Comune di Bassano Romano è attestato su una bassa percentuale di raccolta differenziata ed effettua la raccolta in maniera tradizionale: sistema con batterie di contenitori su fronte stradale per le varie frazioni merceologiche di rifiuti, con cassonetti da lt per i RSU, e svariate postazioni di campane stradali per la raccolta differenziata del vetro, carta e cartone ed imballaggi in materiali misti. Si allega alla presenti Specifiche Tecniche MUD anno L obiettivo minimo posto alla base della progettazione è il raggiungimento di una percentuale di raccolta differenziata, sul totale dei rifiuti prodotti, del 75% in tre anni, il che è raggiungibile solo dando vita ad un sistema di raccolta differenziata spinta : in particolare dando vita ad un sistema di raccolta differenziata della frazione organica del rifiuto che risulta allo stato inattuata. 5

6 Il servizio è progettato in maniera da assicurare una percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani e assimilati pari alle seguenti percentuali minime 2 : almeno il 65% entro la fine del primo anno almeno il 70% entro la fine del secondo anno almeno il 75% entro la fine del terzo anno 3 A tal fine si è ritenuto impossibile mantenere un sistema di raccolta incentrato sull utilizzo di contenitori stradali di grandi dimensioni. E infatti vero che in tal modo si è ottenuto un indubbio contenimento dei punti di conferimento ed una velocizzazione della fase di prelievo, tuttavia va tenuto conto del fatto che: 1) non si è riusciti ad attivare un sistema che induca le utenze ad una maggiore responsabilità nel conferimento del proprio rifiuto; 2) non è stato possibile adottare efficaci sistemi di tariffazione che incentivassero una minore produzione di rifiuti; 3) è stato difficile controllare il flusso dei rifiuti delle attività industriali, che poteva essere immesso impropriamente nel circuito di raccolta indifferenziata dei rifiuti urbani (i contenitori stradali, di dimensioni elevate, per l indifferenziato, il cui utilizzo non è legato ad alcun numero civico particolare e quindi difficilmente controllabile, agevolano ed incentivano i conferimenti impropri di rifiuti speciali di origine artigianale, nonché di inerti e macerie di origine civile); 4) il circuito di raccolta ha assunto i connotati di un sistema a partecipazione volontaria ; molto materiale recuperabile è stato in realtà inserito nel rifiuto residuo impedendone una sostanziale riduzione; 5) l indice di purezza del materiale raccolto è scarso e quindi è difficile collocarlo sul mercato del recupero; 6) si sono verificati conferimenti abusivi intorno ai contenitori, mal sopportati dagli utenti/cittadini, che hanno, tra l altro, richiesto un capillare servizio di pulizia. 2 Nel calcolo si terrà conto delle frazioni merceologiche raccolte in modo differenziato sulla base delle modalità previste dall Accordo ANCI- CONAI. Ai fini del calcolo della percentuale minima è esclusa la frazione residuale indifferenziata. I rapporti col CONAI saranno tenuti dalla Ditta Aggiudicataria che gestirà anche il Centro di Raccolta Comunale. Il Comune intende cedere alla Ditta Aggiudicataria i proventi della vendita dei materiali recuperabili. 3 L Amministrazione Comunale si riserva di dare un premio alla Ditta Aggiudicataria nell ipotesi in cui questa dovesse superare l 80% della percentuale di raccolta differenziata. 6

7 5. L implementazione di una nuova metodologia di raccolta dei rifiuti solidi urbani e assimilati In relazione alle considerazioni sopra esposte, la metodologia tradizionale utilizzata, pur essendo stata un importante base di partenza, non può rispondere alle attuali esigenze di riduzione della frazione dei rifiuti avviati a smaltimento in discarica. La volontà del Comune è di passare ad un sistema di raccolta Porta a Porta, sulla totalità del territorio comunale, con l intercettazione di tutte le frazioni merceologiche dei rifiuti: vale a dire un servizio di raccolta con prelievo del rifiuto direttamente presso i luoghi di produzione dello stesso. Il passaggio da una struttura di conferimento anonima ad una raccolta domiciliarizzata tramite l assegnazione dei manufatti alle singole utenze è consigliabile ovunque possibile per: 1) responsabilizzare il cittadino/utente nella riduzione del conferimento dei rifiuti; 2) controllare la qualità del rifiuto differenziato ed ottenere elevate percentuali di differenziazione; 3) modulare le volumetrie di raccolta in base alle effettive esigenze da parte delle utenze domestiche e delle attività commerciali/produttive; 4) evitare il conferimento improprio di alcune tipologie di rifiuti all interno dei contenitori incustoditi; 5) minimizzare i conferimenti in discarica e conseguentemente diminuire i costi in discarica di smaltimento; 6) limitare i costi di manutenzione dei contenitori (lavaggi e disinfezioni periodiche nonché sostituzioni per atti di vandalismo) e l impatto visivo in contesti storici come quelli situati nel centro storico del Comune di Bassano Romano; 7) adottare sistemi di imposizione fiscale premianti; 8) massimizzare i contributi CONAI. 6. L esternalizzazione dei servizi: l affidamento tramite gara ad evidenza pubblica Il Comune di Bassano Romano ha deciso di erogare il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani ed assimilati affidandolo ad una ditta specializzata, esterna all Ente (di seguito denominata Ditta 7

8 Aggiudicataria), da individuare tramite l espletamento di una gara 4 con procedura aperta ad evidenza pubblica, ai sensi del D. Lgs. 12 aprile 2006 n Oggetto dell appalto sarà il complesso delle seguenti elencate prestazioni: SERVIZI IN APPALTO Raccolta rifiuti solidi urbani e assimilati e conferimento degli stessi agli impianti di destinazione Raccolta differenziata della frazione organica e del verde domiciliare Raccolta della frazione secca residua Raccolta differenziata delle frazioni di carta e cartone Raccolta differenziata degli imballaggi in vetro Raccolta differenziata degli imballaggi in plastica, alluminio e banda stagnata Raccolta differenziata dei rifiuti ingombranti e dei RAEE Raccolta differenziata di batterie e pile esauste, farmaci scaduti e prodotti etichettati T e/o F Gestione del Centro di Raccolta Comunale Raccolta, trasporto e conferimento dei rifiuti abbandonati sul territorio comunale Spazzamento manuale e meccanizzato Servizi accessori: lavaggio e disinfezione delle strade; gestione cestini portarifiuti; pulizia delle caditoie stradali, fontane e lavatoi pubblici; gestione verde pubblico Tabella 1: Servizi in appalto 7. Il sistema di raccolta: descrizione L Amministrazione Comunale ha deciso di implementare un sistema di raccolta domiciliare dei rifiuti del tipo Porta a Porta, su tutto il territorio comunale, sia per le utenze domestiche che per quele non domestiche. Ai fini dell organizzazione del servizio le utenze 5 sono divise in due categorie: 4 La durata dell appalto sarà fissata in anni tre, salvo l inizio delle attività da parte del soggetto aggiudicatario della gara ad evidenza pubblica indetta dall Autorità d Ambito ai sensi dell art. 202 del D. Lgs. 152/ Qualora nel corso dell appalto dovesse aumentare il numero delle utenze il servizio si intende esteso, per lo stesso importo a base gara senz alcun aumento, anche alle nuove utenze iscritti ai ruoli TARSU/TARES. 8

9 utenze domestiche (per un numero di circa 2.550) utenze non domestiche 6 (per un numero di circa 150) La raccolta avverrà mediante prelievo del rifiuto direttamente presso i luoghi di produzione dello stesso: il ritiro del materiale avviene presso il numero civico dell utente, il quale conferisce il materiale in sacchi, alcuni dei quali posizionati all interno di contenitori (bidoncini), che vengono collocati all esterno della proprietà in giorni ed orari stabiliti secondo il calendario di conferimento. La collaborazione richiesta all utenza nella nuova organizzazione del servizio prevede la separazione, presso il domicilio 7, dei seguenti flussi: frazione organica dei RSU verde domiciliare imballaggi in vetro imballaggi in plastica, alluminio e banda stagnata carta e cartone secco residuo rifiuti ingombranti 8 RAEE 9 L utente sarà fornito di buste di colore diverso a seconda della frazione merceologica da conferire. La busta dovrà essere conferita chiusa; alcune saranno posizionate all interno di un contenitore al quale sarà applicato un sistema di chiusura antirandagismo (di cui ogni contenitore sarà provvisto). Gli utenti saranno dotati di un mastello dedicato esclusivamente a contenere le buste per la raccolta dell organico e di un altro contenitore per il secco residuo e alternativamente le altre frazioni merceologiche. 6 Tra cui si individuano le utenze non domestiche dedicate : vale a dire quelle con particolari esigenze di raccolta in relazione a determinate frazioni merceologiche di rifiuti. Si indicano, di seguito, le utenze non domestiche dedicate : Bar, attività di ristoro, alberghi e supermercati: vetro, organico, plastica/barattolame, indifferenziato Esercizi commerciali di generi alimentari (ortofrutta) e fiorai:organico indifferenziato Esercizi commerciali di generi non alimentari: indifferenziato e cartoni Attività ricreative (circoli, impianto sportivo, e sale giochi): indifferenziato, vetro e plastica/barattolame Scuole: vetro, plastica/barattolame,carta indifferenziato se scuole con mensa anche organico Studi professionali ed agenzie: indifferenziato e carta Grandi uffici pubblici (posta, inps, asl): vetro, plastica/barattolame, carta 7 Tutte le frazioni merceologiche dei rifiuti potranno essere conferite gratuitamente presso il Centro di Raccolta Comunale in Via della Stazione. 8 I cittadini potranno usufruire per la raccolta dei rifiuti ingombranti, RAEE e della frazione del verde domiciliare di un servizio a domicilio di raccolta su chiamata, pagando una piccola cifra pari a 5 (cd. Taxi dei rifiuti ) da liquidare direttamente alla Ditta Aggiudicataria, oppure potranno conferire gratuitamente i rifiuti presso il Centro di raccolta Comunale. La chiamata verrà effettuata ad un numero predisposto dalla Ditta Aggiudicataria. 9 Vd. Nota 7 9

10 La busta e/o il bidoncino saranno conferiti la mattina del giorno di raccolta, all esterno della propria abitazione, nell orario prefissato dall Amministrazione Comunale di concerto con la Ditta Aggiudicataria. Nel caso di strade private i manufatti saranno posizionati all intersezione della strada privata con la strada pubblica nelle modalità indicate dall Ufficio Tecnico 10. Gli utenti sono obbligati ad utilizzare solo ed esclusivamente i manufatti dedicati alla raccolta, seguendo fedelmente il calendario di conferimento. Gli operatori ecologici non dovranno raccogliere rifiuti conferiti in buste e contenitori non dedicati. In tale ultimo caso dovranno segnalare il fatto all Ufficio Tecnico. Il sistema di raccolta prospettato è propedeutico all applicazione di un sistema di identificazione puntuale delle utenze e nel tempo, di un sistema di quantificazione del rifiuto conferito - e quindi di un puntuale sistema tariffario che possa introdurre meccanismi incentivanti e premianti finalizzati a sostenere la riduzione ed il riciclaggio dei rifiuti prodotti. Saranno poi posizionati sul territorio degli Ecopunti: punti di conferimento allestiti con contenitori stradali per batterie e pile esauste, contenitori etichettati T e/o F e poi saranno posizionati, presso le farmacie, contenitori per la raccolta dei farmaci scaduti. A sostegno dell intero sistema di raccolta è in uso il Centro di Raccolta Comunale in Via della Stazione, presso cui gli utenti potranno conferire gratuitamente tutte le frazioni merceologiche dei rifiuti indicate al successivo articolo 9. L Amministrazione Comunale promuoverà il riutilizzo di beni usati attraverso iniziative mirate tra cui la creazione e/o il sostegno di centri e reti accreditati di riparazione/riutilizzo (cd. Ricicleria ) di beni usati 11. Precedentemente all adozione delle nuove modalità di raccolta verrà organizzata una apposita campagna di sensibilizzazione ed informazione. Per i primi sei mesi dall inizio del nuovo servizio, la ditta Aggiudicataria dovrà, tramite SMS, allertare il giorno precedente i singoli conferimenti - tutti gli utenti (che avranno lasciato il loro 10 Nel caso di strade dissestate, e pertanto inaccessibili, il punto di prelievo sarà concordato con l Ufficio Tecnico. 11 Una percentuale importante dei rifiuti attualmente è costituita da oggetti usati o invenduti ancora utilizzabili che in alcuni casi possono anche avere valore commerciale. È possibile allungare la vita di molti prodotti, rimandando il loro ingresso nel ciclo dei rifiuti, attraverso molteplici iniziative. Innanzitutto è necessario consentire/organizzare la raccolta di tali prodotti. Allo scopo la stazione appaltante può stipulare accordi con enti caritatevoli o organizzazioni del settore dell usato e può realizzare (ove possibile, preferibilmente accanto ai centri di raccolta) centri del riuso dove i beni possono essere oggetto di baratto, vendita o cessione gratuita. 10

11 contatto telefonico all Ufficio Tecnico) circa la frazione da raccogliere nei giorni indicati in calendario Segue: la frazione residuale indifferenziata Tale frazione è costituita da rifiuti secchi di origine domestica e assimilati che in genere non possono venire riciclati o recuperati (carta sporca, carta assorbente, tubetti di dentifricio, cocci di ceramica o porcellana, piccoli oggetti di uso domestico etc. etc.). Le utenze da servire saranno: 1. domestiche; 2. non domestiche (negozi, associazioni, istituzioni, scuole, istituti bancari, attività produttive in genere). Per le utenze domestiche è previsto un sistema di raccolta domiciliare con sacchi di colore GRIGIO da posizionare all interno di mastelli per l esposizione su fronte stradale. La raccolta avverrà una volta 12 alla settimana in orari compresi tra le ore e le ore Solo per i primi sei mesi dall inizio del servizio, la raccolta di tale frazione secca residua avverrà due volte alla settimana. Trascorsi sei mesi, la raccolta avverrà, nelle sole utenze domestiche, una volta alla settimana. Durante le operazioni di svuotamento la Ditta dovrà porre la massima cura per non arrecare danni ai bidoni e per non sporcare o lasciare residui di rifiuti sulle strade che, in ogni caso, dovranno essere immediatamente raccolti. Per le utenze non domestiche è prevista la stessa metodologia utilizzata per le utenze domestiche raggiunte dal servizio domiciliare porta a porta, salvo l utilizzo da parte delle utenze non domestiche di manufatti di maggiori dimensioni, in numero adeguato alle esigenze. In merito alla tempistica invece la raccolta sarà effettuata, nelle utenze non domestiche, due volte alla settimana per tutta la durata dell appalto Segue: la frazione organica Il servizio consiste nella raccolta della frazione organica dei rifiuti ( FORSU), detta anche umido Essa rappresenta la frazione maggiore, in termini di percentuale, dei rifiuti da gestire e la sua 12 La gara di appalto verrà aggiudicata con il criterio dell offerta economicamente più vanataggiosa, pertanto si inserirà tra le offerte migliorative che le ditte concorrenti potranno offrire in sede di gara la raccolta dedicata dei pannolini. 11

12 raccolta in modo differenziato risulta strategica per l ottenimento di buoni risultati in termini di percentuale di Raccolta Differenziata. Si tratta soprattutto di scarti da cucina ovvero rifiuti organici domestici che, dopo un periodo di fermentazione per opera di batteri, danno origine ad un fertilizzante naturale il cosiddetto compost. Si considerano utili per la raccolta i resti alimentari, gli avanzi di cibo, scarti da cucina, piccole ossa, pane vecchio, foglie e fiori in piccole quantità etc. etc. Le utenze da servire saranno: 1. domestiche; 2. non domestiche ( negozi, associazioni, istituzioni, scuole, istituti bancari, attività produttive in genere). Per le utenze domestiche è previsto un sistema di raccolta domiciliare con buste compostabili da inserire in un sottolavello areato di colore MARRONE. Per l esposizione su strada, invece, la busta dovrà essere conferita chiusa, all interno di un mastello dedicato anch esso di colore marrone. Gli utenti sono obbligati ad utilizzare solo ed esclusivamente le buste dedicate alla raccolta. In particolare il mastello per la raccolta dell organico non potrà essere utilizzato per allocare buste contenenti altre frazioni merceologiche di rifiuti. Gli operatori ecologici non dovranno raccogliere rifiuti conferiti in buste e contenitori non dedicati. La busta sarà conferita la mattina del giorno di raccolta, all esterno della propria abitazione, nell orario prefissato. Il conferimento e quindi la raccolta avverrà tre volte a settimana in orari compresi tra le ore e le ore Durante le operazioni di svuotamento la Ditta dovrà porre la massima cura per non arrecare danni al mastello e per non sporcare o lasciare residui di rifiuti sulle strade che, in ogni caso, dovranno essere immediatamente raccolti. Per le utenze non domestiche è prevista la stessa metodologia utilizzata per le utenze domestiche raggiunte dal servizio domiciliare porta a porta, salvo l utilizzo da parte delle utenze non domestiche di manufatti di maggiori dimensioni. Per le utenze non domestiche dedicate (fioristi, vivaisti, ristoranti, trattorie, pizzerie, pizzetterie, bar, ortofrutticoli e simili) sarà fissata una tempistica ad hoc (vd. il Calendario della raccolta ) e precisamente di 5 volte alla settimana. Il Comune renderà disponibile all azienda aggiudicataria, prima dell attivazione del servizio, un elenco degli operatori commerciali interessati, desunto dalla banca dati dell ufficio commercio. 12

13 Il Comune di Bassano Romano favorirà l utilizzo di compostiere domestiche con la creazione di un Albo Comunale dei Compostatori i cui iscritti avranno diritto ad una riduzione sulla TARSU/TARES. In particolare è previsto, nel tempo, l utilizzo di una compostiera di comunità presso la Mensa scolastica, il Monastero di San Vincenzo e la Casa di Riposo Altobelli. Quando le compostiere di comunità entreranno in uso, la Ditta Aggiudicataria non svolgerà più il servizio di raccolta della frazione organica nei tre siti prima indicati (e in altri che eventualmente dovessero aggiungersi) e in luogo di tale servizio ne effettuerà altri da concordare con l Ufficio Tecnico. Tale principio della sostituzione vale in generale per tutti i servizi oggetto dell appalto Segue: il verde domiciliare 13 Si attiverà il servizio di raccolta domiciliare, a pagamento, della frazione verde dei RSU, vale a dire degli sfalci delle potature. Il servizio - che prevede l istituzione di un numero telefonico, allestito e gestito dalla Ditta Aggiudicataria, attraverso cui gli utenti potranno segnalare la loro esigenza di conferire la frazione verde dei RSU - sarà attivato, su richiesta telefonica dei cittadini. Il servizio sarà svolto con la frequenza minima di una volta ogni due settimane presso le utenze del centro urbano e una volta al mese per le abitazioni rurali. Gli utenti possono conferire gratuitamente tale frazione anche presso il Centro di Raccolta Comunale in Via della Stazione Segue: la carta e il cartone Il servizio consiste nella raccolta di carta, cartone ed imballaggi. Le utenze da servire saranno: 1. domestiche; 2. non domestiche ( negozi, associazioni, istituzioni, scuole, istituti bancari, attività produttive in genere). Per le utenze domestiche è previsto un sistema di raccolta domiciliare con sacchi di colore GIALLO. 13 Tutte le frazioni merceologiche dei rifiuti potranno essere conferite gratuitamente presso il Centro di Raccolta Comunale in Via della Stazione. I cittadini potranno usufruire per la raccolta dei rifiuti ingombranti, RAEE e della frazione del verde domiciliare di un servizio a domicilio di raccolta su chiamata, pagando una piccola cifra pari a 5 (cd. Taxi dei rifiuti ) da liquidare direttamente alla Ditta Aggiudicataria, oppure potranno conferire gratuitamente i rifiuti presso il Centro di raccolta Comunale. La chiamata verrà effettuata ad un numero predisposto dalla Ditta Aggiudicataria 13

14 La raccolta avverrà una volta alla settimana, in orari compresi tra le ore e le ore Per le utenze non domestiche è prevista la stessa metodologia utilizzata per le utenze domestiche raggiunte dal servizio domiciliare porta a porta, salvo l utilizzo da parte delle utenze non domestiche di manufatti di maggiori dimensioni. Per le utenze non domestiche dedicate sarà fissata una tempistica ad hoc (vd. il Calendario della raccolta al successivo art. 8) di tre volte alla settimana. Le utenze commerciali si dovranno preoccupare di diminuire il più possibile il volume degli imballaggi in cartone, con utilizzo anche di spago per tenere legati i rifiuti medesimi, e di esporli poco tempo prima dell orario di raccolta. Al fine di organizzare in maniera efficiente il servizio, il Comune renderà disponibile alla Ditta Aggiudicataria, prima dell attivazione del servizio, un elenco degli operatori commerciali interessati, desunto dalla banca dati dell ufficio commercio. Il calendario, gli orari di raccolta e le modalità di conferimento, concordate con il Comune, saranno comunicate agli utenti a mezzo di apposita campagna informativa Segue: il tetrapak È possibile raccogliere, insieme alla frazione della carta, il tetrapak (i cartoni per bevande fatto di materiale poliaccoppiato). Infatti, il modo più comune per riciclare cartoni per bevande postconsumo è tramite il recupero della fibra nelle cartiere dove avviene il riciclo della carta. Queste cartiere inseriscono carta e i nostri contenitori nel normale processo produttivo; nel pulper, un enorme caldaia contenente acqua, soggetta a un movimento vorticoso. Tale azione fa staccare le fibre, aiutando la carta a spappolarsi più velocemente. Le fibre assorbono acqua e divengono parte di una grande poltiglia di fibra acquosa. Qualsiasi elemento diverso dalla carta (come la plastica) galleggia o affonda e può essere prelevato e rimosso. Tale processo solitamente richiede circa minuti e consente di recuperare gran parte della fibra. Le fibre recuperate a questo modo possono produrre nuova carta, che viene utilizzata come carta tipografica, per la produzione di borsine di carta, per carta per ad uso domestico, per scatole in cartone, ecc. 14

15 7.5. Segue: gli imballaggi in vetro Il servizio, consiste nella raccolta degli imballaggi in vetro: barattoli e vasetti in vetro; bottiglie in vetro per acqua e liquidi in genere non pericolosi e ripuliti da ogni elemento organico. Le utenze da servire saranno: 1. domestiche; 2. non domestiche ( negozi, associazioni, istituzioni, scuole, istituti bancari, attività produttive in genere). Per le utenze domestiche è previsto un sistema di raccolta domiciliare con buste di colore VERDE. La busta sarà conferita la mattina del giorno di raccolta, all esterno della propria abitazione, nell orario prefissato. La raccolta avverrà una volta alla settimana in orari compresi tra le ore e le ore Per le utenze non domestiche è prevista la stessa metodologia utilizzata per le utenze domestiche raggiunte dal servizio domiciliare porta a porta, salvo l utilizzo da parte delle utenze non domestiche di manufatti di maggiori dimensione e tempistiche ad hoc per le utenze non domestiche dedicate (vd. il Calendario della raccolta al successivo art. 8) di tre volte alla settimana. A tale scopo il Comune renderà disponibile all azienda aggiudicataria, prima dell attivazione del servizio, un elenco degli operatori commerciali interessati, desunto dalla banca dati dell ufficio commercio. Il calendario, gli orari di raccolta e le modalità di conferimento, concordate con il Comune saranno comunicate agli utenti a mezzo di apposita campagna informativa Segue: gli imballaggi in plastica alluminio e banda stagnata Il servizio consiste nella raccolta delle seguenti tipologie di materiali: (bottiglie di plastica per acqua minerale, flaconi per bagnoschiuma, detersivi, shampoo e simili; piatti e bicchieri di plastica) imballaggi in alluminio e banda stagnata (barattoli, vasetti, lattine). Per le utenze domestiche è previsto un sistema di raccolta domiciliare con buste di colore CELESTE. Il mastello sarà conferito la mattina del giorno di raccolta, all esterno della propria abitazione, nell orario prefissato. La raccolta avverrà una volta alla settimana in orari compresi tra le ore e le ore

16 Per le utenze non domestiche è prevista la stessa metodologia e tempistica utilizzata per le utenze domestiche raggiunte dal servizio domiciliare porta a porta, salvo l utilizzo da parte delle utenze non domestiche di manufatti di maggiori dimensione e tempistiche ad hoc per le utenze non domestiche dedicate (vd. il Calendario della raccolta al successivo art. 8) di tre volte alla settimana Segue: i rifiuti ingombranti 14 La raccolta riguarda le seguenti tipologie di rifiuto indicate a titolo esemplificativo: - divani, poltrone, sedie - materassi, beni durevoli in genere ecc. ecc. Tale servizio a pagamento, per un costo di 5,00 a chiamata, è attivato, su richiesta telefonica dei cittadini, con cadenza mensile. Il servizio, prevede l istituzione di un numero telefonico, allestito e gestito dalla Ditta Aggiudicataria, attraverso cui gli utenti potranno segnalare la loro esigenza di conferire i rifiuti ingombranti specificandone numero e tipologia. Qualora l utente non volesse attendere il giorno fissato per il ritiro, potrà conferire il rifiuto gratuitamente presso il sito destinato a Centro di Raccolta Comunale Segue: i RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) 15 La raccolta riguarda le seguenti tipologie di rifiuto indicate: R1: apparecchiature refrigeranti R2: grandi bianchi R3: Tv e monitor R4: piccoli elettrodomestici R5: sorgenti luminose Tale servizio a pagamento per un costo di 5,00 a chiamata, è attivato, su richiesta telefonica dei cittadini, con cadenza mensile. 14 Tutte le frazioni merceologiche dei rifiuti potranno essere conferite gratuitamente presso il Centro di Raccolta Comunale in Via della Stazione. I cittadini potranno usufruire per la raccolta dei rifiuti ingombranti, RAEE e della frazione del verde domiciliare di un servizio a domicilio di raccolta su chiamata, pagando una piccola cifra pari a 5 (cd. Taxi dei rifiuti ) da liquidare direttamente alla Ditta Aggiudicataria, oppure potranno conferire gratuitamente i rifiuti presso il Centro di raccolta Comunale. La chiamata verrà effettuata ad un numero predisposto dalla Ditta Aggiudicataria 15 Vd. nota 13 16

17 Qualora l utente non volesse attendere il giorno fissato per il ritiro, potrà conferire gratuitamente il rifiuto direttamente presso il sito destinato a Centro di Raccolta Comunale Segue: i prodotti etichettati T e/o F Il servizio consiste nella raccolta delle seguenti tipologie di rifiuti indicati a titolo semplificativo: - prodotti e relativi contenitori etichettati T ( tossico) - prodotti e relativi contenitori etichettati F ( facilmente o estremamente infiammabile); Le caratteristiche di larga diffusione di tali tipologie di materiali, fa si che essi si prestino alla raccolta mediante appositi contenitori ubicati entro o nelle immediate vicinanze dei luoghi di vendita degli stessi, oppure potranno essere conferiti presso il Centro di Raccolta Comunale. In particolare: a) contenitori per la raccolta dei prodotti e relativi imballaggi etichettati T e/o F ubicati presso Ferramenta, Supermercati etc.. b) conferimento presso il Centro di Raccolta Comunale Il servizio di raccolta dovrà avvenire ogni qual volta se ne ravvisi la necessità e comunque con la frequenza minima di un giorno al mese. L automezzo utilizzato dalla Ditta Aggiudicataria dovrà provvedere allo svuotamento o al ricambio dei contenitori oggetto del servizio. I contenitori, che dovranno essere minimo 3, saranno forniti dalla Ditta Aggiudicataria e da questa posizionati nei luoghi indicati dall Amministrazione Comunale Segue: Batterie e pile esauste Il servizio consiste nella raccolta delle seguenti tipologie di rifiuti: - pile esauste; - batterie esauste Le caratteristiche di larga diffusione di tali tipologie di materiali, fa si che essi si prestino alla raccolta mediante appositi contenitori ubicati entro o nelle immediate vicinanze dei luoghi di vendita degli stessi. In particolare: contenitori, per la raccolta delle pile esauste, ubicati presso negozi quali Tabaccherie e Ferramenta. Saranno inoltre posizionati contenitori per la raccolta presso altri Ecopunti, da posizionare in luoghi indicati dall Ufficio Tecnico. Il conferimento da parte degli utenti potrà avvenire in qualsiasi momento ma il servizio di raccolta dovrà avvenire ogni qual volta se ne ravvisi la necessità e comunque con la frequenza minima di un 17

18 giorno al mese. L automezzo utilizzato dalla Ditta Aggiudicataria dovrà provvedere allo svuotamento o al ricambio dei contenitori oggetto del servizio. E possibile, in ogni caso, conferire questi rifiuti presso il Centro di Raccolta Comunale. I contenitori, che dovranno essere minimo 3, saranno forniti dalla Ditta Aggiudicataria e da quest ultima posizionati nei luoghi indicati dall Amministrazione Comunale Segue: i consumabili esausti da sistema di stampa elettronica La raccolta riguarda le cartucce esauste per tutti i tipi di stampanti (laser, inkjet e aghi) cioè i cosiddetti consumabili esausti da stampa elettronica. Tali rifiuti potranno essere conferiti gratuitamente presso il Centro di Raccolta Comunale Segue: Olio vegetale La raccolta riguarda l'olio vegetale da versare in un recipiente (bottiglia, stagna ecc.) che va svuotato nel contenitore del punto di raccolta presso il Centro di Raccolta Comunale. I recipienti saranno forniti dall Amministrazione Comunale Segue: Farmaci scaduti Il servizio consiste nella raccolta delle seguenti tipologie di rifiuti: - prodotti farmaceutici scaduti o inutilizzati. Le caratteristiche di larga diffusione di tali tipologie di materiali, fa si che essi si prestino alla raccolta mediante appositi contenitori ubicati entro o nelle immediate vicinanze dei luoghi di vendita degli stessi. In particolare: a. contenitori per la raccolta dei farmaci scaduti o inutilizzati posizionati nelle Farmacie b. conferimento presso il Centro di Raccolta Comunale in Via della Stazione. Il conferimento da parte degli utenti potrà avvenire in qualsiasi momento ma il servizio di raccolta dovrà avvenire ogni qual volta se ne ravvisi la necessità e comunque con la frequenza minima di un giorno al mese. L automezzo utilizzato dalla Ditta Aggiudicataria dovrà provvedere allo svuotamento o al ricambio dei contenitori oggetto del servizio. I contenitori, che dovranno essere minimo 3, saranno forniti dalla Ditta Aggiudicataria e da quest ultima posizionati nei luoghi indicati dall Amministrazione Comunale. 18

19 8. Il calendario della raccolta Frazione residuale indifferenziata Abitazione domestiche del centro storico e urbano Abitazione domestiche Rurali Utenze non domestiche Utenze non domestiche dedicate (vale a dire quelle con particolari esigenze di raccolta in relazione a determinate frazioni merceologiche di rifiuti) 1/7 17 2/7 2/7 Frazione organica 3/7 3/7 3/7 5/7 Carta e cartone 1/7 1/7 1/7 3/7 Imballaggi in vetro 1/7 1/7 1/7 3/7 Imballaggi in plastica e barattolame Rifiuti ingombranti 16 RAEE Pile esauste e farmaci scaduti 1/7 1/7 1/7 3/7 1/30 1/30 1/30 1/30 Raccolta stradale Raccolta stradale Raccolta stradale Raccolta stradale Frazione verde 1/15 1/30 1/15 1/15 domiciliare 17 Tabella 2: Il calendario della raccolta 9. Il Centro di Raccolta Comunale L isola ecologica in Via della Stazione, sarà adibita a Centro Comunale di Raccolta, dei vari materiali da conferire direttamente nelle diverse unità di carico (cassoni scarrabili, ceste e gabbie). Le unità di carico e più in generale tutti i contenitori atti a raccolgiere i rifiuti saranno messi a disposizione dalla Ditta Aggiudicataria (ad eccezione di quelle fornite dal Centro di Coordinamento dei RAEE per i 5 Raggruppamenti previsti nell Allegato 1 del D. M.185/2007 e di quelle già utilizzate dal Comune), ciascuna destinato alla ricezione di uno specifico rifiuto. L Amministrazione Comunale si riserva, nel corso dell appalto, di localizzare in un diverso punto il Centro di Raccolta Comunale sempre all interno del territorio di Bassano Romano. 16 Raccolta su chiamata. 17 Raccolta su chiamata 19

20 Potranno essere conferiti gratuitamente presso il Centro di Raccolta Comunale tutti i rifiuti indicati dal DM 8 aprile 2008 così come integrato dal DM 13 maggio 2009, di cui a titolo esemplificativo se ne elencano alcuni: 1. imballaggi in carta e cartone (codice CER ) 2. imballaggi in plastica (codice CER ) 3. imballaggi in legno (codice CER ) 4. imballaggi in metallo (codice CER ) 5. imballaggi in materiali misti (CER ) 6. imballaggi in vetro (codice CER ) 7. contenitori T/FC (codice CER * e *) 8. rifiuti di carta e cartone (codice CER ) 9. rifiuti in vetro (codice CER ) 10. frazione organica umida (codice CER e ) 11. abiti e prodotti tessili (codice CER e ) 12. solventi (codice CER *) 13. acidi (codice CER *) 14. sostanze alcaline (codice CER *) 15. prodotti fotochimici ( *) 16. pesticidi (CER *) 17. tubi fluorescenti ed altri rifiuti contenenti mercurio (codice CER ) 18. rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (codice CER *, * e ) 19. oli e grassi commestibili (codice CER ) 20. oli e grassi diversi da quelli al punto precedente, ad esempio oli minerali esausti (codice CER *) 21. vernici, inchiostri, adesivi e resine (codice CER * e ) 22. detergenti contenenti sostanze pericolose (codice CER *) 23. detergenti diversi da quelli al punto precedente (codice CER ) 24. farmaci (codice CER * e ) 25. batterie e accumulatori di cui alle voci * * * provenienti da utenze domestiche (codice CER *) 20

La Carta dei Servizi

La Carta dei Servizi La Carta dei Servizi - Allegato B - DETTAGLIO SULLE STRUTTURE E I SERVIZI FORNITI Le principali attività garantite da ACEA sono: la raccolta stradale per eco-punti; le raccolte domiciliari; il lavaggio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA E SUA FINALITA Il Centro di Raccolta

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE Ordinanza n. 755 del 12 novembre 2013 Oggetto: DIVIETO DI ABBANDONO RIFIUTI E MATERIALI IL SINDACO VISTO D.Lgs 03/04/06 n. 152 e s.m.i. Norme in materia ambientale ed in particolare: - l articolo 178 ove

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3]

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] COMUNE DI AGLIANO TERME Provincia di Asti RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] 1 A. MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO (ART. 8 D.P.R. n.158/1999, comma 3, lettera

Dettagli

TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA

TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA ARTICOLO DI RIFERIMENTO FATTISPECIE VIOLAZIONE SANZIONE MINIMO EDITTALE 1.1 Nelle

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13.03.2003 con deliberazione n 9 2 CAPITOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani COMUNE DI SERMONETA Provincia di Latina Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Approvato con deliberazione CC. n. 33 del 16/12/2013 Regolamento

Dettagli

Non più rifiuti ma risorse.

Non più rifiuti ma risorse. Non più rifiuti ma risorse. La raccolta differenziata porta a porta nel Comune di Bibbiano. GUIDA PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI, PRODUTTIVE E PER GLI UFFICI. Comune di Bibbiano Opuscolo PAP UND Bibbiano.indd

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI COMUNE DI CALCI PROVINCIA DI PISA SETTORE 5 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI Approvato con Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA ATTREZZATO E SUA FINALITA Il centro

Dettagli

Regolamento per la raccolta differenziata nei punti ecologici. valevole per il Comune di Manfredonia

Regolamento per la raccolta differenziata nei punti ecologici. valevole per il Comune di Manfredonia Regolamento per la raccolta differenziata nei punti ecologici valevole per il Comune di Manfredonia A ) Obiettivo L operazione a premi si prefigge lo scopo di promuovere e incentivare il servizio di raccolta

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI GE.S.IDR.A. S.p.A. Gestione Servizi Idrici Ambientali Via Lazio sn 24055 Cologno al Serio (Bg) Tel. 035 4872331 - Fax 035 4819691 e-mail: protocollo@gesidra.it SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio

Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio Il Centro di Raccolta Differenziata dei rifiuti è un area presidiata ove si svolge l attività di raccolta

Dettagli

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO Approvato con atto C.C. n. 28/2000 - Modificato con atto C.C. n. 23 del

Dettagli

C O M U N E D I P A L A I A

C O M U N E D I P A L A I A C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa Servizio LL.PP. Ambiente, Protezione Civile, Sicurezza sul Lavoro, Patrimonio REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA Approvato

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO VISTE e RICHIAMATE integralmente le proprie Ordinanza Sindacali n 213 del 13 novembre 2009 disciplinante il servizio di raccolta dei rifiuti urbani

Dettagli

UTENZE NON DOMESTICHE

UTENZE NON DOMESTICHE Comune di San Cesareo UTENZE NON DOMESTICHE per informazioni numero verde 800.180.330 www.comune.sancesareo.rm.it www.aimeriambiente.it Massimilian Massimiliano Rosolino, testimonial per l Ambiente FRAZIONE

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA.

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA SITUAZIONE IN PROVINCIA DI PARMA L autosufficienza nello smaltimento della quota residua di rifiuti

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE SITO NEL COMUNE DI PONTEDERA ZONA INDUSTRIALE LA BIANCA VIA DON MEI Art. 1 Definizione centro raccolta

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI MOTTA VISCONTI PROVINCIA DI MILANO Piazza San Rocco 9/a 20186 MOTTA VISCONTI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI (PIATTAFORMA

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale C O M U N E D I P I A N O D I S O R R E N T O Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni,

Dettagli

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI RACCOLTA Approvato con Deliberazione C.C. n 33 del 14/07/2010 1 art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Comune di Recanati. AREA GESTIONE RISORSE Servizio Nettezza Urbana SERVIZIO NETTEZZA URBANA DEL COMUNE DI RECANATI

Comune di Recanati. AREA GESTIONE RISORSE Servizio Nettezza Urbana SERVIZIO NETTEZZA URBANA DEL COMUNE DI RECANATI SERVIZIO NETTEZZA URBANA DEL COMUNE DI RECANATI Il Comune di Recanati è aderente al CO.SMA.RI. Consorzio Obbligatorio Smaltimento Rifiuti di Tolentino, costituito ai sensi e per gli effetti dell art.25

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA CITTA DI ARESE Provincia di Milano Assessorato all Ambiente REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA INDICE

Dettagli

COMUNE DI GENOLA SCHEDA SERVIZI

COMUNE DI GENOLA SCHEDA SERVIZI COMUNE DI GENOLA SCHEDA SERVIZI DATI GENERALI Abitanti 2.464 Produzione RSU 2008 [t] 774 Numero famiglie 990 Produzione carta (stradale) 2008 [t] 269 Numero famiglie porta a porta/organico 870 Produzione

Dettagli

Isola Ecologica FILICHITO

Isola Ecologica FILICHITO COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI - Provincia di Napoli - Isola Ecologica FILICHITO - Regolamento di Gestione - 1 ART. 1) - OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e la gestione dell Isola

Dettagli

COMUNE DI CITTÀ SANT ANGELO (PROVINCIA DI PESCARA)

COMUNE DI CITTÀ SANT ANGELO (PROVINCIA DI PESCARA) COMUNE DI CITTÀ SANT ANGELO (PROVINCIA DI PESCARA) REGOLAMENTO SULLA GESTIONE DEI CENTRI COMUNALI PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI. Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n del. [Art. 183, comma

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI

R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI (Approvato con delibera di C.c. n. 24 del 31.03.2010 modificato con delibera di C.c. n. 29 del 31.05.2012)

Dettagli

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Art. n.1 Definizione e Campo di Applicazione. Le piazzole ecologiche o ecopiazzole sono aree attrezzate destinate

Dettagli

COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO

COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO Ai sensi del D.P.R. 158/1998 ANNO 2013 COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO 2013 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il Comune di Borgolavezzaro conta, al 31/12/2012,

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILATI E DELLE RACCOLTE DIFFERENZIATE DEL COMUNE DI SAN GIORGIO SU LEGNANO. MODIFICA ALL ARTICOLO 23 ESAME ED

Dettagli

OGGETTO: Sistema premiante raccolta differenziata rifiuti approvazione parametri di riconoscimento del bonus economico IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: Sistema premiante raccolta differenziata rifiuti approvazione parametri di riconoscimento del bonus economico IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Sistema premiante raccolta differenziata rifiuti approvazione parametri di riconoscimento del bonus economico IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: il Comune intende incentivare la raccolta differenziata

Dettagli

Anche a Cave arriva la raccolta differenziata PORTA a PORTA

Anche a Cave arriva la raccolta differenziata PORTA a PORTA www.provincia.roma.it Anche a Cave arriva la raccolta differenziata PORTA a PORTA Comune di Cave Ufficio Informazioni RD, Tel. 06 950 008 28 - www.comune.cave.rm.it La raccolta differenziata Necessità

Dettagli

(FAQ) - DOMANDE FREQUENTI

(FAQ) - DOMANDE FREQUENTI (FAQ) - DOMANDE FREQUENTI 1. PERCHÉ SI E SCELTO DI INTRODURRE IL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA PORTA A PORTA? Il servizio di raccolta porta a porta si propone di responsabilizzare gli utenti rispetto ai problemi

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

Comune di Spilimbergo ANNO 2008

Comune di Spilimbergo ANNO 2008 Comune di Spilimbergo ANNO 2008 RICICLABILE 39,1% NON RICICLABILE 60,9% SITUAZIONE ATTUALE! "# INDUSTRIALI 13% CARTA 9% PLASTICA 6% VETRO 8% INGOMBRANTI 7% VERDE 11% UMIDO 9% INERTI 10% SECCO 26% OBIETTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI. Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA E SUA FINALITA Il Centro di Raccolta è un area presidiata

Dettagli

FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI

FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI COMUNE DI CESANO BOSCONE La raccolta differenziata a Cesano Boscone Raccogliere separatamente i rifiuti è un gesto di rispetto

Dettagli

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2 ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2.1 PREMESSA... 3 2.2 SMALTIMENTO RIFIUTI URBANI NON DIFFERENZIATI... 3 2.3 RACCOLTA, SELEZIONE E RECUPERO MULTIMATERIALE... 4 2.4 RACCOLTA,

Dettagli

OGGETTO: Sistema premiante raccolta differenziata rifiuti approvazione parametri di riconoscimento del bonus economico IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: Sistema premiante raccolta differenziata rifiuti approvazione parametri di riconoscimento del bonus economico IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Sistema premiante raccolta differenziata rifiuti approvazione parametri di riconoscimento del bonus economico Premesso che: IL CONSIGLIO COMUNALE il Comune intende incentivare la raccolta differenziata

Dettagli

Utenze domestiche. stampato su carta riciclata novembre 2014. Calendario 2015. Raccolta differenziata domiciliare San Giorgio di Piano

Utenze domestiche. stampato su carta riciclata novembre 2014. Calendario 2015. Raccolta differenziata domiciliare San Giorgio di Piano Utenze domestiche stampato su riciclata novembre 2014 Calendario 2015 Raccolta differenziata domiciliare San Giorgio di Piano Centro di Raccolta Rifiuti (stazione ecologica) I Centri sono luoghi a disposizione

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI FAUGLIA Provincia di Pisa DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n 12 del 21.01.2012 In vigore dal 21.01.2012 REGOLAMENTO

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI Appalto servizi di igiene urbana ELENCO PREZZI UNITARI COMUNE DI TRIUGGIO Appendice A al capitolato A) MANO D OPERA Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Operaio specializzato 4 Liv. Autista Operaio

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 23 dicembre 2003, n. 48-11386 Modifica della scheda di rilevamento dei dati di produzione dei rifiuti urbani di cui alla D.G.R. 17-2876 del 2 maggio 2001 (B.U. n. 5

Dettagli

COMUNE DI. Raccolta differenziata dei rifiuti SEMPLICE COME UN GIOCO.

COMUNE DI. Raccolta differenziata dei rifiuti SEMPLICE COME UN GIOCO. COMUNE DI Raccolta differenziata dei rifiuti SEMPLICE COME UN GIOCO. RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PER RENDERE EFFICIENTE UN SERVIZIO AL CITTADINO NEL RISPETTO DELLE REGOLE DETTATE DALLA COMUNITA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA Approvato con deliberazione C.C. n. 7 del 15.02.2007 Art. 1 (Oggetto del regolamento) 1. Il presente regolamento ha per oggetto

Dettagli

Comune di SAN DONATO MILANESE Provincia di Milano Via C. Battisti 2-20097 San Donato Milanese (Mi)

Comune di SAN DONATO MILANESE Provincia di Milano Via C. Battisti 2-20097 San Donato Milanese (Mi) Comune di SAN DONATO MILANESE Provincia di Milano Via C. Battisti 2-20097 San Donato Milanese (Mi) Area Gestione Territorio Ambiente e Attività Produttive DISCIPLINARE DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA

Dettagli

1 GIUGNO 2012 PARTE LA NUOVA GESTIONE SPECIALE RIFIUTI. Raccolta dei rifiuti a Sale Marasino: COMUNE DI SALE MARASINO

1 GIUGNO 2012 PARTE LA NUOVA GESTIONE SPECIALE RIFIUTI. Raccolta dei rifiuti a Sale Marasino: COMUNE DI SALE MARASINO COMUNE DI SALE MARASINO L obiettivo delle norme italiane, conforme alle indicazioni dell Unione Europea, è il 65% di Raccolta Differenziata entro il 31 dicembre 2012 per garantire una migliore qualità

Dettagli

COMUNE DI CALTAGIRONE SERVIZIO ECOLOGIA PROGETTO TECNICO

COMUNE DI CALTAGIRONE SERVIZIO ECOLOGIA PROGETTO TECNICO COMUNE DI CALTAGIRONE SERVIZIO ECOLOGIA PROGETTO TECNICO ELENCO DEI SERVIZI 1. RACCOLTA E TRASPORTO RIFIUTI 2. RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI RESIDUALI 3. RACCOLTA STRADALE E TRASPORTO VETRO 4. RACCOLTA

Dettagli

Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio.

Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio. Un pò di dati sui rifiuti in Italia: Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio. A cura di Giacomo Giargia (Ufficio Tecnico) TEMPI DI BIODEGRADAZIONE

Dettagli

33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308

33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308 COMUNE DI CASSACCO Comun di Cjassà 33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308 Regolamento per la gestione dei centri di raccolta

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario

SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario SPECIFICA TECNICA SERVIZIO S1: Raccolta domiciliare e trasporto

Dettagli

LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA

LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA Che cosa è un RIFIUTO? I RIFIUTI SONO COSE SPORCHE E PUZZOLENTI I RIFIUTI SONO COSE INUTILIZZABILI, SCARTI O COSE ROTTE I RIFIUTI SONO UNA RISORSA PER IL FUTURO, DA

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale COMUNE DI PIANO DI SORRENTO Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 152 del 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni, DM 08

Dettagli

Comune di Adrano (Provincia di Catania) IV A.F. / 3 servizio - Ambiente e verde

Comune di Adrano (Provincia di Catania) IV A.F. / 3 servizio - Ambiente e verde Comune di Adrano (Provincia di Catania) IV A.F. / 3 servizio - Ambiente e verde COPIA Determina 4 a A.F. /3 Serv. n. 6 del 31/03/2010 Registro Generale n. 320 del 31/03/2010 Oggetto: Centro di Raccolta

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli ASSESSORATO ALL AMBIENTE

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli ASSESSORATO ALL AMBIENTE COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli ASSESSORATO ALL AMBIENTE Allegato Delibera di Giunta Comunale n. 413 del 03/12/2010-1 - INDICE Art. 1 Riferimenti Normativi Art. 2 Principi e finalità Art. 3 Campi di

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE Stazione Ecologica Attrezzata. APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 23 del 31.05.2007

REGOLAMENTO DI GESTIONE Stazione Ecologica Attrezzata. APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 23 del 31.05.2007 REGOLAMENTO DI GESTIONE Stazione Ecologica Attrezzata APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 23 del 31.05.2007 REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA (SEA) ART. 1 - FUNZIONE E DESTINATARI

Dettagli

II Settore. GUIDA alla raccolta DIFFERENZIATA. campagna informativa sulla nuova raccolta differenziata

II Settore. GUIDA alla raccolta DIFFERENZIATA. campagna informativa sulla nuova raccolta differenziata II Settore GUIDA alla raccolta DIFFERENZIATA campagna informativa sulla nuova raccolta differenziata CAMPAGNA PROMOZIONALE PESCHICI PULITA LETTERA INVITO AI CITTADINI Cari Cittadini, II Settore questa

Dettagli

TITOLO 5 - ECOCENTRO

TITOLO 5 - ECOCENTRO TITOLO 5 - ECOCENTRO 1. L' ecocentro comunale è connesso e funzionale al sistema di gestione dei rifiuti urbani. 2. Il Comune e il Gestore del servizio rendono pubblico il sito ove è realizzato l'ecocentro

Dettagli

Utenze domestiche. stampato su carta riciclata novembre 2014

Utenze domestiche. stampato su carta riciclata novembre 2014 Utenze domestiche stampato su riciclata novembre 2014 Calendario 2015 Raccolta differenziata domiciliare nei Comuni di Bentivoglio, Castello d Argile, Galliera, Pieve di Cento, San Pietro in Casale, San

Dettagli

INFORMARIFIUTI MAGGIO

INFORMARIFIUTI MAGGIO PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE AMBIENTE INFORMARIFIUTI MAGGIO 2008 Circolare per le amministrazioni locali su tutto quanto fa rifiuto SOMMARIO Nuovo decreto CENTRI DI RACCOLTA Produzione rifiuti urbani -

Dettagli

Quartiere Valle di Vado

Quartiere Valle di Vado carta, cartone e cartoncino: raccolta porta a porta il venerdì vetro e scatolame: campane verdi stradali plastica: raccolta porta a porta il giovedì abiti usati: contenitori stradali o presso la piattaforma

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO PIEMONTE

COMUNE DI BAGNOLO PIEMONTE COMUNE DI BAGNOLO PIEMONTE SCHEDA SERVIZI DATI GENERALI Abitanti 5977 Produzione RSU 2008 [t] 1.761 Numero famiglie 4656 Produzione carta (stradale) 2008 [t] 108 Numero famiglie Organico 2700 Produzione

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA... 3. 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE... 4 Frequenza svuotamento... 4

SOMMARIO PREMESSA... 3. 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE... 4 Frequenza svuotamento... 4 COMUNE DI FOLLONICA ANNO 2013 PIANO ECONOMICO E FINANZIARIO TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARES) RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO (ex art. 8 D.P.R. 27.04.1999, n. 158) SOMMARIO PREMESSA... 3 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO

Dettagli

COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE Piazza Indipendenza n. 2 - C.A.P. 33040 Tel. 0431-99092 Fax 0431-973707 e-mail: tecnico@com-campolongo-tapogliano.regione.fvg.it - Cod.Fisc. - P.IVA 02551830306

Dettagli

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg TABELLA A Allegato A Prog. TIPOLOGIA RIFIUTO CODICE CER DESCRIZIONE CER Limit. CDR : limitazione della tipologia di rifiuti conferibili al Centro di Raccolta rispetto alla tipologia descritta dal Codice

Dettagli

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA 1 Normativa di riferimento Legge nazionale di riferimento: Testo Unico in materia ambientale D.Lgs. 152/06 In Lombardia vige la L.R. 26/03 Disciplina dei servizi locali

Dettagli

stampato su carta riciclata ottobre 2014 urp@comune.san-giorgio-di-piano.bo.it

stampato su carta riciclata ottobre 2014 urp@comune.san-giorgio-di-piano.bo.it Per informazioni Servizio Clienti 00..00 chiamata gratuita, attivo dal al dalle.00 alle.00, dalle.00 alle.00..00 da telefono cellulare chiamata apagamento, costi variabili in base all operatore e al profilo

Dettagli

Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento. Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento

Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento. Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento Brescia, 30 aprile 2015 Legislazione italiana ed europea

Dettagli

LA NUOVA TARIFFA DEI RIFIUTI. Guida al passaggio da tassa a tariffa nel Comune di Castel San Pietro.

LA NUOVA TARIFFA DEI RIFIUTI. Guida al passaggio da tassa a tariffa nel Comune di Castel San Pietro. LA NUOVA TARIFFA DEI RIFIUTI. Guida al passaggio da tassa a tariffa nel Comune di Castel San Pietro. Poste Italiane - tassa pagata - invii senza indirizzo auto./dc/er/bo/isi/3627/2003 del 20/06/2003. Alla

Dettagli

ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione

ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione 1 ART. 1) OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e la gestione dell Isola ecologica comunale denominata Arechi. In particolare il presente

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento di gestione della stazione ecologica

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento di gestione della stazione ecologica CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento di gestione della stazione ecologica Approvato con D.C.C. n. 119 del 19/09/2003 Modificato con D.C.C. n. 97 del 28/11/2007 Art. 1 - Modalità di utilizzo Le modalità per la

Dettagli

La Raccolta Differenziata a casa tua. guida per le famiglie

La Raccolta Differenziata a casa tua. guida per le famiglie La Raccolta Differenziata a casa tua istruzioni per l uso guida per le famiglie Raccolta Differenziata Le novità Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve

Dettagli

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA (Provincia di Roma)

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA (Provincia di Roma) COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA (Provincia di Roma) SETTORE VI - AREA TECNICA Contratto misto di servizi e forniture: Servizio di Igiene Urbana, servizi accessori e fornitura di contenitori per la raccolta

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE STAZIONI ECOLOGICHE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE STAZIONI ECOLOGICHE COMUNE DI SPELLO Provincia di Perugia REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE STAZIONI ECOLOGICHE Approvato con deliberazione consiliare n. 9 del 14 marzo 2005 Modificato ed integrato con deliberazione consiliare

Dettagli

La Raccolta Differenziata

La Raccolta Differenziata La Raccolta Differenziata Le norme principali Le istruzioni per l uso Le norme principali Il Regolamento comunale è un insieme di norme utili a salvaguardare il decoro di Roma e a garantire una corretta

Dettagli

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana 1di6 CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana OGGETTO : Relazione Tecnica Descrittiva ex art. 279 Lettera a) D.P.R. n. 207/2010 Regolare Esecuzione CCP

Dettagli

COMUNE DI FABRICA DI ROMA

COMUNE DI FABRICA DI ROMA COMUNE DI FABRICA DI ROMA (Provincia di Viterbo) UFFICIO TECNICO APPALTO DEI SERVIZI INTEGRATI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA E TRASPORTO DEI RIFIUTI URBANI DISCIPLINARE TECNICO SINDACO Mario Scarnati Progetto

Dettagli

COMUNE DI USINI Provincia di Sassari SETTORE SERVIZI TECNICI - MANUTENZIONI

COMUNE DI USINI Provincia di Sassari SETTORE SERVIZI TECNICI - MANUTENZIONI COMUNE DI USINI Provincia di Sassari SETTORE SERVIZI TECNICI - MANUTENZIONI AVVISO AI CITTADINI APERTURA ECOCENTRO COMUNE DI USINI Alle ore 9:00 di Sabato 14 Marzo 2015 avrà luogo l inaugurazione del Centro

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI NELLE AREE AD ALTA INTENSITA ABITATIVA

COMUNE DI CORCIANO RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI NELLE AREE AD ALTA INTENSITA ABITATIVA COMUNE DI CORCIANO RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI NELLE AREE AD ALTA INTENSITA ABITATIVA Aprile 2011 Premessa Il servizio di raccolta differenziata nel Comune di Corciano ha iniziato ad operare in

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO Regione dell'umbria Piano d Ambito per la gestione integrata dei Rifiuti Urbani dell A.T.O. N.2 ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA Perugia, Dicembre 2007 AMBITO

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELL ISOLA ECOLOGICA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELL ISOLA ECOLOGICA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELL ISOLA ECOLOGICA Art. 1 - Oggetto del regolamento 1.1 Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina della gestione e dell'utilizzo dell'area opportunamente

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro Carta dei servizi Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana Comune di Nembro Comune di Ranica Comune di Pradalunga Comune di Alzano Lombardo che cos è la carta dei servizi La Carta dei Servizi

Dettagli

Servizi di raccolta rifiuti in contesto metropolitano. Edoardo Barzotti HOST - 26 Ottobre 2015

Servizi di raccolta rifiuti in contesto metropolitano. Edoardo Barzotti HOST - 26 Ottobre 2015 Servizi di raccolta rifiuti in contesto metropolitano Edoardo Barzotti HOST - 26 Ottobre 2015 Indice degli argomenti Criteri generali Raccolta indifferenziato Raccolta carta vetro Raccolta cartone Raccolta

Dettagli

ALLEGATO 2. Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012.

ALLEGATO 2. Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012. ALLEGATO 2 Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012. Rinnovo convenzione con ATO 5 per la parte economica per l anno 2012 La assemblea di ATO5 del 22/12/2011

Dettagli

Trinitapoli Raccolta differenziata porta a porta

Trinitapoli Raccolta differenziata porta a porta 1 Porta a Porta: che cosa cambia? Scompaiono definitivamente i cassonetti stradali 1: Raccolta differenziata Porta a Porta Una grande idea per un mondo libero dai rifiuti il Comune di Trinitapoli attiva

Dettagli

Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI

Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI Oggetto: Richiesta di CONVENZIONE per il conferimento dei rifiuti assimilati agli urbani presso il Centro di Raccolta del Comune di Narni sito in Strada

Dettagli

consorzio provinciale della brianza milanese per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani in liquidazione

consorzio provinciale della brianza milanese per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani in liquidazione consorzio provinciale della brianza milanese per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani in liquidazione Iscritto R.E.A. di Monza e Brianza: 1540710 - Iscritto Registro Imprese di Monza e Brianza 03997090158

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo COMUNE DI MORENGO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Compiti del Comune Art. 3 Compiti del gestore Art. 4 Compiti degli

Dettagli

Comune di. Canegrate

Comune di. Canegrate Comune di Canegrate UMIDO ORGANICO Nei sacchetti in Mater-Bi dentro l apposito cestino aerato. Per la raccolta il sacchetto va spostato nel MASTELLO MARRONE da mettere fuori casa. Grandi quantità di verde

Dettagli

stampato su carta riciclata ottobre 2014 URP 051.6638507 - www.comune.san-giorgio-di-piano.bo.it consulta on-line o scarica la app il Rifiutologo

stampato su carta riciclata ottobre 2014 URP 051.6638507 - www.comune.san-giorgio-di-piano.bo.it consulta on-line o scarica la app il Rifiutologo Calendario 0 Raccolta differenziata domiciliare San Giorgio di Piano stampato su riciclata ottobre 0 Per informazioni Servizio Clienti Utenze non domestiche 00..00 chiamata gratuita, attivo dal al dalle.00

Dettagli

La gestione dei rifiuti urbani nel comune di Milano Sonia Cantoni Presidente AMSA

La gestione dei rifiuti urbani nel comune di Milano Sonia Cantoni Presidente AMSA La gestione dei rifiuti urbani nel comune di Milano Sonia Cantoni Presidente AMSA Convegno «La raccolta differenziata della frazione organica dei rifiuti a Milano» Gruppo RICICLA Dip Scienze Agrarie e

Dettagli

stampato su carta riciclata ottobre 2014 urp@comune.san-giorgio-di-piano.bo.it

stampato su carta riciclata ottobre 2014 urp@comune.san-giorgio-di-piano.bo.it Per informazioni Servizio Clienti 00..00 chiamata gratuita, attivo dal al dalle.00 alle.00, dalle.00 alle.00..00 da telefono cellulare chiamata apagamento, costi variabili in base all operatore e al profilo

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO) Comunità Montana Triangolo Lariano Gestione Associata dei Servizi di Igiene Urbana, Raccolta Differenziata e Smaltimento RSU REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO

Dettagli