Manuale per la raccolta e il riciclo dei contenitori in vetro. Con la collaborazione e il contributo di

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale per la raccolta e il riciclo dei contenitori in vetro. Con la collaborazione e il contributo di"

Transcript

1 S.r.l. unipersonale di proprietà della Fondazione WWF Italia Manuale per la raccolta e il riciclo dei contenitori in vetro Con la collaborazione e il contributo di

2 A cura di Adriano Paolella ed Ernesto Maria Giuffrè Gruppo di lavoro: Adriano Paolella (responsabile), Simona Bardi (coordinamento), Ernesto Maria Giuffrè (ricerca e redazione testi), Elisabetta Berardi (illustrazioni) Immagine di copertina di Ernesto Maria Giuffrè

3 indice inroduzione Ridurre, Riusare, Riciclare Fulco Pratesi - Presidente Onorario WWF Italia premessa Assovetro, Coreve capitolo Caratteristiche dei contenitori in vetro e loro produzione Tipologie e proprietà La produzione dei contenitori in vetro Quantità prodotte, siti produttivi, addetti capitolo Riuso, utilizzo e riciclo del vetro: i vantaggi ambientali Le motivazioni Il Riuso dei prodotti in vetro La restituzione dei vuoti, il sistema del vuoto a rendere Il Riciclo del vetro Le quantità di vetro cavo attualmente riciclato e localizzazione dei centri di riciclo capitolo La raccolta ed il recupero del vetro: due fasi strettamente collegate Il processo di selezione e recupero Materiali raccolti e quantità recuperate: i vantaggi della raccolta monomateriale La raccolta per colore ed il recupero del vetro bianco La raccolta differenziata del vetro bianco nel Comune di Ferrara capitolo La raccolta Il ruolo I contenitori per la raccolta Gli acquisti verdi per la raccolta differenziata Le modalità di raccolta del vetro La raccolta Stradale La raccolta Porta a Porta Scheda di sintesi capitolo La formazione e la comunicazione La formazione dei tecnici: amministrazioni pubbliche ed aziende municipalizzate La sensibilizzazione e l informazione dei cittadini Indice 1 Manuale per la raccolta e il riciclo dei contenotori in vetro appendice La raccolta del vetro in Italia: alcune esperienze in atto Asti, Bari, Ferrara, Mercato San Severino, Milano, Napoli, Roma, Salerno, Udine, Verona, Vicenza fonti/web

4 introduzione Ridurre, Riusare, Riciclare Dalla campana di vetro, imputata grettamente a chi vuole difendere la natura, alla campana per la raccolta del vetro, simbolo di recupero di risorse preziose, tante sono le suggestioni che questa trasparente materia offre al mondo ambientalista. Il vetro non è mai un rifiuto. Un imballaggio in vetro, una volta consumato il suo contenuto, può essere o riutilizzato, in ambiente domestico o a livello industriale, oppure avviato a raccolta differenziata per il recupero del materiale, con percentuali anche superiori al 90%. In entrambi i casi, con vantaggi ambientali ed economici, sia per l industria che lo produce sia per i cittadini che ne fruiscono. 2 Una bottiglia di vino, pur quando il vino è finito, rimane una bottiglia in grado di contenere in modo salubre, igienico e visivamente piacevole, qualsiasi altra cosa. Un contenitore in vetro, non è solo un tramite per trasportare liquidi, bevande, alimenti o quant altro, ma è a tutti gli effetti un oggetto a sé stante, e come tale non smette di esistere e di avere una funzione pure quando è vuoto. Di conseguenza una bottiglia svuotata del suo contenuto non è un rifiuto ma è una bottiglia che aspetta di essere riempita nuovamente. Allo stesso tempo il vetro ha il vantaggio sia di essere riciclabile al cento per cento praticamente all infinito, sia di dar luogo, dopo il processo di riciclo, a una materia prima seconda che presenta le stesse caratteristiche e proprietà della materia prima vergine. Con il vetro recuperato da un contenitore per la marmellata è così possibile ottenere una bottiglia, da questa un imballaggio per il sugo, poi uno per il latte, poi un contenitore per l olio e magari, in uno degli innumerevoli passaggi, di nuovo un vasetto per la marmellata. Di conseguenza in un ottica mondiale di minor consumo delle risorse e di riduzione delle emissioni inquinanti, i materiali come il vetro, che garantiscono grandi potenzialità di riuso, sono fortemente favoriti. Il vetro deve essere usato anche per non perdere questa sua enorme potenzialità, di materiale che si usa ma non si consuma: garantire una corretta raccolta dei contenitori in vetro è perciò il primo passo per utilizzarne a piena questa sua caratteristica. Fulco Pratesi, Presidente Onorario WWF Italia

5 premessa Assovetro Assovetro, l Associazione Nazionale degli Industriali del Vetro, è un Associazione imprenditoriale di categoria fra le Imprese industriali italiane che fabbricano e trasformano il vetro. Costituita nel 1947, è un Associazione senza scopo di lucro aderente a Confindustria. I settori rappresentati riguardano principalmente il vetro impiegato come imballaggio per l industria alimentare, farmaceutica e dei cosmetici, ed i vetri destinati all edilizia e all industria dei mezzi di trasporto. La restante parte della produzione è rappresentata da lane e da filati che vengono impiegati in edilizia come elementi per l isolamento termico e acustico e nei rinforzi, e dai vetri tecnici. Nel 2009 l industria italiana vetraria ha impiegato circa addetti, con una produzione totale di circa 4,8 milioni di tonnellate di vetro, delle quali la sola produzione dei contenitori in vetro è stata pari a circa 3,5 milioni di tonnellate. La elevata attitudine del vetro al riciclo, riciclabile al 100%, e la costante attenzione verso questa importante risorsa da parte delle vetrerie produttrici di contenitori ha permesso all industria vetraria di raggiungere l obiettivo del 60%, fissato dal D.Lgs. 152/06 per il 2008, già con un anno di anticipo. Il tasso di riciclo dei contenitori in vetro è passato, infatti, negli undici anni di applicazione del Decreto Ronchi, dall iniziale 39% del 1998 al 66% registrato nel 2009, attestandosi al 67% nelle previsioni consuntive del 2010, malgrado il rallentamento della produzione dovuto alla difficile situazione economica attuale. L impiego del rottame di vetro nella miscela vetrificabile è una pratica da sempre seguita ed adottata perché consente di ottenere un prodotto con le stesse caratteristiche di un prodotto fabbricato con le sole materie prime naturali e garantisce le medesime condizioni di inerzia, di igienicità e di inattaccabilità. L utilizzo di rottame di vetro per produrre nuovo vetro determina inoltre una significativa riduzione in termini di energia, di emissioni di Co2 e di risparmio di materie prime, consentendo una migliore qualità dell ambiente che ci circonda. Il contributo del risparmio energetico derivante dal riciclo degli imballaggi in vetro è quantificabile per l anno 2009 in circa TEP (tonnellate equivalenti in petrolio), pari a circa barili di petrolio. (Una composizione della miscela vetrificabile con il 50% del rottame, consente un risparmio energetico di circa il 13% dell energia necessaria per fondere le materie prime corrispondenti). Questo risparmio comporta altresì una riduzione totale di emissioni per circa tonnellate di Co2 equivalente/anno. Coreve Il Consorzio Recupero Vetro Coreve è stato costituito nel 1997 in ottemperanza agli art. 38 e 40 del Decreto Legislativo 22/97, successivamente integrato con il D.lgs. 152 del 3 aprile 2006 (Testo Unico Ambientale, di seguito T.U.A.), che ha recepito la Direttiva 94/62/CE e seguenti. Il T.U.A. dispone che: I produttori e gli utilizzatori di imballaggi siano responsabili della corretta ed efficace gestione ambientale dei rifiuti di imballaggio in vetro; Gli stessi siano tenuti a raggiungere gli obiettivi di recupero e di riciclaggio dei rifiuti di imballaggio fissati dalla vigente normativa. I produttori di imballaggi in vetro possono adempiere gli obblighi posti a loro carico dal T.U.A. individualmente ovvero aderendo al Coreve. Aderiscono al Coreve 85 società: 33 fabbricanti di imballaggi di vetro 52 aziende importatrici di imballaggi di vetro vuoti. Il Coreve promuove, razionalizza, organizza e assicura il ritiro di tutti i rifiuti di imballaggio in vetro provenienti dalla raccolta differenziata urbana e l avvio al riciclaggio degli stessi, sulla base dei programmi di prevenzione predisposti dal Consorzio Nazionale Imballaggi (CONAI) e dal medesimo Coreve, ai sensi del T.U.A.; Il Consorzio, che opera all interno del sistema CONAI, non ha fini di lucro e in attuazione del T.U.A. ha sottoscritto per il periodo un accordo di programma con l Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (A.N.C.I.) al fine di assicurare: il ritiro e l avvio al riciclo di tutti i rifiuti di imballaggio raccolti dai Comuni o loro gestori delegati; il riconoscimento agli stessi di un corrispettivo in relazione alla quantità e al livello qualitativo dei rifiuti consegnati; l informazione, d intesa con il CONAI, degli utenti e dei consumatori. Introduzione/Premessa Manuale per la raccolta e il riciclo dei contenotori in vetro 3

6 4

7 capitolo 1 CARATTERISTICHE DEI CONTENITORI IN VETRO E LORO PRODUZIONE Caratteristiche dei contenitori in vetro e loro produzione Manuale per la raccolta e il riciclo dei contenotori in vetro 5

8 Tipologie e proprietà Un contenitore è un qualsiasi oggetto cavo atto a contenere altri elementi e sostanze. Sono contenitori in vetro tutti gli oggetti utilizzati come imballaggi per conservare, trasportare e commercializzare varie tipologie di prodotti, dalle bottiglie per i liquidi ai vasetti per le conserve, ai flaconi per i profumi o per i farmaci. Da sempre il vetro è stato utilizzato per contenere prodotti di un elevato valore dei quali si intende preservare le qualità, conservandoli nel tempo: si pensi ai prodotti alimentari, alle bottiglie d acqua, elemento importantissimo per l uomo, o a quelle per il vino, sia di normale produzione che pregiatissimo e, dunque, da conservare ancora con maggiore cura. Il materiale vetro ha la capacità di essere plasmato in forme particolari, innovative ma sempre riconoscibili, dunque ottimizzate per ogni tipo di prodotto, e nello stesso tempo, meglio di altri materiali, è in grado di garantire e di preservare la purezza, la freschezza e le qualità dell elemento o del prodotto contenuto. Ciò ha fatto si che, da sempre ed in modo naturale, le persone apprezzino e riconoscano le qualità positive del vetro, naturalità, trasparenza, bellezza ed igiene, e, attraverso le qualità del contenitore, quelle del suo contenuto. A tali caratteristiche, si associano quelle proprie ed imprescindibili che ogni materiale utilizzato per produrre contenitori destinati soprattutto agli alimenti dovrebbe avere: la resistenza alle alte temperature di lavaggio dei vuoti, la robustezza indispensabile per il loro riempimento, la richiudibilità perfetta, la totale garanzia di non assorbimento di sapori e di odori, la sicurezza dal punto di vista igienico-sanitario.tutte queste caratteristiche, unite alla naturalezza del materiale vetro, sia per la composizione che per le modalità di produzione, ed alla sua possibilità di essere totalmente ed infinitamente riciclabile, fanno del vetro uno dei materiali sicuramente più idonei alla realizzazione dei contenitori, soprattutto se destinati all industria alimentare e farmaceutica. Il vetro è chimicamente inerte e presenta cessioni estremamente basse. Gli elementi che potrebbero essere ceduti sono prevalentemente sodio e calcio, ossia elementi oligominerali presenti negli alimenti. Tali proprietà insieme alla sua impermeabilità consentono di mantenere inalterate le caratteristiche organolettiche, quali gusto e pro- Tabella 1: LE QUALITÀ FISICO CHIMICHE. Comparazione tra contenitori composti da differenti materiali Fonte: Assovetro, Questo non è solo vetro Contenitore in vetro Contenitore in plastica Contenitore in carta e cartone Contenitore in alluminio e banda stagnata Cessioni possibili Sodio e Calcio già presenti negli alimenti Componenti degli additivi, soprattutto se presenti grassi o alcool Additivi e coloranti a liquidi e grassi Stagno e piombo entro i limiti di legge. Sostanze tossiche dalle vernici (ad alta temperatura) Impermeabilità ai liquidi, gas ed agenti microbiologici 100% Variabile a seconda del polimero Solo se assenti abrasioni superficiali e conseguenti corrosioni Solo se assenti abrasioni superficiali e conseguenti corrosioni Corrosione Solo acido fluoridrico e soluzioni alcaline a Ph superiore a 8,5 Può rilasciare polimero in punti di piegatura o frizione Attaccabile da insetti e topi Generata da eventuali imperfezioni superficiali Sterilizzabilità Perfetta a secco e a umido Solo con sostanze batteriostatiche In fase di confezionamento con acqua ossigenata, UV o agenti chimici Buona, sopporta alte temperature Trasparenza Perfetta (vetro incolore) Variabile a seconda del polimero Nulla Nulla Protezione dalla luce attinica Ottima nei vetri colorati (verde, UVA6 e giallo) Buona solo con additivi speciali Opaco Opaco Sanificazione Perfetta Monouso, senza possibilità di riutilizzo Monouso, senza possibilità di riutilizzo Monouso, senza possibilità di riutilizzo Funzionalità Ben sopporta le sollecitazioni di confezionamento e uso Leggero ed elastico Difficilmente richiudibile, leggero e impilabile Impossibile da richiudere. Robusto e leggero Riciclabilità Infinita e senza degrado Con degrado, ostacolata dalla varietà del materiale e dai costi elevati Con degrado carta e cartone. Non riciclabili i poliaccoppiati Con degrado

9 Tabella 2: COMPARAZIONE TRA CONTENITORI COMPOSTI DA DIFFERENTI MATERIALI Fonte: Assovetro, Questo non è solo vetro Contenitore in vetro Contenitore in poliaccoppiato Mesi dal confezionamento Succo pompelmo al 100 % Succo arancia al 100% Nettare pera epesca Perfetto Perfetto Perfetto Perfetto Perfetto Perfetto Perfetto Perfetto Perfetto Buon mantenimento proprietà organolettiche Buon mantenimento proprietà organolettiche Perfetto Grafico 1: ANDAMENTO DEI PESI DI ALCUNI CONTENITORI IN VETRO Fonte: Coreve, Piano Specifico di Prevenzione 2008 grammi bottiglia per latte bottiglia per olio 1litro fumo. Il vetro è igienico e sicuro, in grado di resistere alle alte temperature permettendo la pastorizzazione e la sterilizzazione dei prodotti contenuti. È inviolabile ed inattaccabile da agenti esterni. È un materiale ecologico per definizione: non è inquinante perché chimicamente inerte ed è totalmente ed infinitamente riciclabile. La resistenza, la possibilità di essere sterilizzato nuovamente, la richiudibilità e la proprietà di non assorbire sostanze dal contenuto, consentono, inoltre, il continuo riutilizzo dei contenitori in vetro, sia a livello industriale mediante il conferimento dei vuoti al produttore, sia a livello prettamente domestico in quanto contenitori utilizzabili per svariati prodotti: da quelli fatti in casa, a quelli ricavati da altri contenitori in materiali non richiudibili. Quando parliamo di imballaggi in vetro non parliamo mai di elementi che, una volta persa la loro funzione di veicolatori di contenuto perdono anche il loro motivo d essere, tipologie di contenitore Alterazione sapore, colore Perfetto Perfetto bottiglia per vino 750ml Aumento alterazione Perdita di freschezza/ aroma Imbrunimento perdita freschezza 1980 (gr) (gr) (gr) Prodotto inaccettabile al commercio n.d. n.d. bottiglia per birra 660ml ma di veri e propri oggetti in grado di non perdere mai la loro funzione e capaci di soddisfare nel tempo differenti e svariate esigenze. Negli ultimi decenni, la continua ricerca svolta in campo industriale ha permesso di affinare maggiormente le tecniche produttive, migliorando le caratteristiche e le prestazioni dei contenitori. In particolar modo, la ricerca si è indirizzata verso lo sviluppo di nuove tecniche di progettazione e di stampaggio dei contenitori, tecniche finalizzate, a migliorarne, nello stesso tempo, la robustezza, la durata nel tempo e la trasportabilità. Tali innovazioni hanno portato a produrre contenitori più resistenti alle sollecitazioni meccaniche, ma anche più leggeri, perché realizzati con minor materiale vetroso, a tutto vantaggio del consumo delle materie prime e delle risorse e della limitazione delle emissioni. Caratteristiche dei contenitori in vetro e loro produzione Manuale per la raccolta e il riciclo dei contenotori in vetro 7

10 8 La produzione dei contenitori in vetro 1 Processo di produzione Prima di procedere alla descrizione del ciclo produttivo e delle sue differenziazioni in funzione dei vari tipi di lavorazione (per vasi, bottiglie o oggetti per la casa) è necessario puntualizzare alcuni elementi propri del vetro che ne determinano una reale specificità, la quale ha importanti e favorevoli ripercussioni sull idoneità al contatto con alimenti. Il vetro è un materiale inorganico amorfo, quindi per definizione privo di fasi cristalline. Per i contenitori e gli oggetti destinati al contatto con gli alimenti viene impiegato principalmente il tipo di vetro silico-sodico-calcico, ma trovano anche impiego vetri di tipo borosilicato e il vetro cristallo. Esso ha una struttura molto affine a quella di un liquido, tanto da potersi definire un fluido altamente viscoso che si comporta come materiale rigido a temperatura ambiente. La caratteristica del vetro è, infatti, quella di avere una curva di viscosità variabile con la temperatura tanto che, al decrescere della stessa, si passa da uno stato fluido in cui è possibile la formatura, ad uno in cui l oggetto acquista una stabile forma propria. Nella fase di fusione, ad alta temperatura, avvengono una serie di reazioni chimiche che scardinano le strutture di tipo cristallino presenti nelle materie prime. Durante il rapido raffreddamento successivo, gli elementi presenti si ricompongono in una struttura amorfa ed isotropa (vetrificazione). L ossido di silicio, ad esempio, presente nelle sabbie dove è organizzato in strutture regolari, sarà il costituente principale della struttura vetrosa, ma nel reticolo saranno presenti altri elementi (Ca, Mg, Na,..) conferiti attraverso altre materie prime (soda, marmo, dolomite etc.), con lo scopo di ottenere il materiale vetro più idoneo alle richieste del settore di utilizzo (contenitori e articoli per la casa). In sostanza, le reazioni chimiche delle materie prime danno come risultato un materiale nuovo ed omogeneo. Un fondamentale elemento di particolarità è rappresentato dal fatto che, una volta stabilita la formulazione del vetro, questa determina sia l idoneità alimentare che i parametri produttivi. Dalla formulazione, infatti, derivano -ad esempio- i limiti di temperatura di fusione e di lavorazione, la velocità della macchina, le temperature di rammollimento e di ricottura, la resistenza chimica del vetro nel contatto con gli alimenti in esso contenuti. In Vetreria, per ogni fase di processo, sono istituiti controlli molto accurati, i quali garantiscono la costanza ed efficienza dell intero processo di produzione. Eventuali deviazioni dal processo produttivo rispetto alle condizioni standard, imputabili ad errori di formulazione del vetro, generano situazioni che impediscono il regolare svolgimento del processo produttivo. Gli errori di formulazione del vetro che possano pregiudicare l idoneità del contenitore al contatto alimentare in definitiva impediscono la stessa fabbricazione del contenitore stesso, in quanto tutto il processo di produzione, dalla fusione alla formatura, risulterebbe inevitabilmente compromesso. Descrizione sintetica delle fasi del processo La filiera di produzione dei contenitori in vetro destinati a venire a contatto con gli alimenti può essere suddivisa in tre zone principali: Zona Calda (Hot-End), costituita dai sottoprocessi: Composizione, Fusione, Fabbricazione e Ricottura; Zona Fredda (Cold-End), costituita dai sottoprocessi: Controllo Prodotto, Imballo/Pallettizzazione; Zona di stoccaggio e spedizione. ZONA CALDA (HOT-END) Composizione La Composizione è il primo sottoprocesso che si incontra nella Zona Calda e riguarda il ricevimento e lo stoccaggio delle materie prime e la preparazione della miscela vetrificabile. 1 Vedi Progetto CAST Istituto Superiore della Sanità e Assovetro Ottobre 2009

11 Tabella 3: MATERIE PRIME E LORO FUNZIONE NELLA PRODUZIONE DEI CONTENITORI IN VETRO Fonte: Elaborazione WWF Ricerche e Progetti su fonte Assovetro Materiale Funzione Descrizione Sabbie silicee Vetrificante La silice (SiO2, biossido di silicio) è fondamentale per la formazione del liquido vetroso ed è presente nella miscela vetrificabile in una percentuale del 70%. Rottame di vetro Carbonato di sodio Loppa Silico alluminati di sodio e/o potassio Carbonato di calcio Dolomite Solfato di sodio Solfato di calcio Nitrato di sodio Selenio Cobalto Terre rare Ossidi (cobalto, rame, manganese, etc.) Ottimizzazione del processo Fondente Stabilizzante Affinanti Decoloranti Coloranti L introduzione del rottame, pratica diffusa nell industria del vetro fin dai tempi dei romani, permette di abbassare la temperatura di fusione. Il carbonato di sodio (Na2Co3) o soda, insieme alla loppa, è utilizzato per diminuire la temperatura di fusione, agendo come elemento fondente per consentire l abbassamento del punto di scioglimento della silice. Servono a rafforzare il reticolo vetroso. Hanno lo scopo di facilitare la fuoriuscita delle bolle gassose dalla miscela fusa, affinandone e migliorandone l omogeneità. Si tratta di elementi che, precisamente dosati in piccola quantità, correggono la tonalità del colore bianco. Si tratta di elementi che, precisamente dosati in piccola quantità, producono la colorazione del vetro. Caratteristiche dei contenitori in vetro e loro produzione 9 Le materie prime (sabbia silicea, sodio carbonato, calcio carbonato, dolomite, etc.), prevalentemente contenute in silos, vengono opportunamente dosate, miscelate ed umidificate al fine di ottenere una ben precisa miscela vetrificabile (batch). Il batch di peso totale compreso tra 500 e 2000 kg, viene inviato direttamente al forno fusorio attraverso un sistema di nastri trasportatori. Altro componente importante della miscela vetrificabile è il rottame di vetro derivante dal riciclo interno e/o dalla raccolta differenziata esterna, il quale, dopo essere stato opportunamente controllato è reso idoneo all utilizzo all interno del forno fusorio. Fusione Il processo di fusione ed affinaggio è costituito da una complessa sequenza di reazioni chimico-fisiche che avvengono ad alta temperatura. Tale temperatura dipende dalla formulazione chimica del vetro ed è normalmente compresa tra 1450 e 1550 C. Prima di essere lavorato, il vetro fuso deve essere reso omogeneo e privato delle bolle: la semplice fusione delle materie prime non è, quindi, sufficiente, ma è altresì necessaria la successiva fase di affinaggio ovvero l eliminazione delle bolle di gas intrappolate nel vetro fuso per renderlo conforme alle specifiche concordate. Fusione ed affinaggio avvengono all interno del forno fusorio, impianto costruito in materiale refrattario, in grado di resistere per anni alle elevate temperature sopra citate. L impianto è attivo 24 ore su 24 ed è controllato da monitor e calcolatori di processo che consentono di verificare costantemente i parametri di funzionamento. All uscita dal forno fusorio, segue la fase di condizionamento, la quale consiste nel raffreddamento controllato della massa vetrosa fino alla temperatura di goccia, normalmente compresa tra 1000 e 1350 C. Fabbricazione I contenitori di vetro destinati a venire a contatto con gli alimenti sono prodotti con macchine automatiche capaci di produrre un elevato numero di pezzi al minuto. È opportuno distinguere tra il processo di fabbricazione dei contenitori propriamente detti (bottiglie e vasi) e quello dei cosiddetti articoli per la casa (calici, bicchieri e piatti). Fabbricazione dei contenitori Il processo di fabbricazione dei contenitori prevede i seguenti stadi: Manuale per la raccolta e il riciclo dei contenotori in vetro

12 10 Taglio della goccia di vetro fuso di adeguato peso, forma e temperatura; Introduzione della goccia nello stampo preparatore attraverso un sistema di caduta guidata con scivoli; Formatura dell abbozzo (parison) nello stampo preparatore; Trasferimento dell abbozzo dallo stampo preparatore allo stampo finitore; Formatura definitiva del contenitore nello stampo finitore; Rimozione del contenitore dallo stampo finitore e trasferimento con nastro trasportatore fino al forno di ricottura. La formatura iniziale dell abbozzo nello stampo preparatore può essere ottenuta, sia attraverso un processo di pressatura con maschio metallico che di soffiatura con aria compressa. La formatura finale nello stampo finitore è sempre ottenuta attraverso un processo di soffiatura. I due processi che ne derivano sono chiamati rispettivamente soffio-soffio e presso-soffio, quest ultimo è particolarmente adatto per la produzione di contenitori a bocca larga (vasi) e bottiglie alleggerite. Il primo è preferito nel caso di produzioni tradizionali. La maggior parte dei contenitori in vetro è sottoposta a trattamenti superficiali esterni per migliorarne le prestazioni, sia durante la manipolazione nel Cold-End della Vetreria che sulle linee di riempimento dei clienti. Essi possono essere applicati sia all uscita della macchina di formatura, quando l articolo è ancora ad una temperatura di circa 500 C (hot-end coating), che successivamente, dopo il forno di ricottura (cold-end coating). È prassi comune che l applicazione avvenga in abbinamento, in quanto il trattamento a caldo rappresenta il substrato ideale per l ancoraggio del successivo trattamento a freddo. Il primo aumenta la resistenza meccanica dei contenitori, mentre quello a freddo riduce il coefficiente di attrito dei contenitori migliorandone la scorrevolezza sulle linee automatiche di imballo e riempimento e riducendo la formazione di microfessurazioni responsabili del decadimento delle caratteristiche di resistenza meccanica. La figura seguente mostra i processi presso-soffio (immagine 1) e soffio-soffio (immagine 2). Processo presso-soffio a) Alimentazione b) Preformazione c) Pressata d) ed e) Trasferimento abbozzo in stampo finitore f) Rinvenimento g) Soffiatura finale h) ed i) Uscita Processo soffio soffio a) Alimentazione b) e c) Preformazione d) Controsoffio e) ed f) Trasferimento abbozzo in stampo finitore g) Rinvenimento h) Soffiatura finale i) ed l) Uscita Immagine 1: PROCESSO PRESSO-SOFFIO Fonte: Assovetro Immagine 2: PROCESSO SOFFIO-SOFFIO Fonte: Assovetro Ricottura Il rapido raffreddamento della superficie esterna del contenitore durante il processo di formatura crea tensioni nella massa vetrosa che inducono una fragilità meccanica nell articolo in vetro. Per eliminare tutto ciò, il contenitore passa attraverso il forno di ricottura, dove viene portato ad una temperatura di circa 550 C e successivamente raffreddato molto lentamente per evitare di creare nuove tensioni. In alcuni oggetti in vetro, il trattamento termico di ricottura è sostituito dalla tempera: tale applicazione conferisce particolari caratteristiche di resistenza meccanica, tanto che nel linguaggio comune, tali oggetti vengono definiti infrangibili. Di norma, però, questo processo non può essere applicato nella realizzazione di contenitori (bottiglie, vasi) e di alcuni articoli per la casa (calici).

13 ZONA FREDDA (COLD-END) Controllo prodotto Subito dopo la ricottura viene effettuato un accurato controllo qualitativo manuale e/o automatico che sottopone a verifica la conformità del contenitore alle specifiche concordate. I contenitori non considerati idonei vengono eliminati dalla linea di imballaggio ed immediatamente riciclati nel medesimo processo produttivo per essere rifusi. I controlli fisici/meccanici, in continuo e/o su base statistica, sono effettuati mediante strumentazione dedicata, al fine di ottenere il livello qualitativo del prodotto finito rispondente alle esigenze dei clienti fino al consumatore. Imballo/palettizzazione L unità di imballo è, generalmente, il pallet costituito da pianale, interfalde, coperchio e cappuccio termoretratto, che rappresenta per la Vetreria anche l unità di vendita dopo la sua etichettatura e la sua commercializzazione. Tale imballo ha il compito di proteggere il prodotto nelle Tabella 4: FASI DI PRODUZIONE ED USO DELL ENERGIA Fonte: Elaborazione WWF Ricerche e Progetti Fasi di produzione Ricevimento, scarico e stoccaggio delle materie prime Formazione della miscela vetrificabile Fusione e affinaggio della miscela vetrificabile Condizionamento e Formazione della goccia Formatura dei contenitori Raffreddamento controllato o Forno di ricottura fasi di stoccaggio e di trasporto. Per adempiere al requisito della rintracciabilità del contenitore destinato al contatto alimentare, le Aziende Vetrarie adottano la prassi di etichettare ed identificare chiaramente la singola unità di vendita al cliente. Questa è rappresentata dal pallet, nel caso di produttori di contenitori, e dalle scatole americane o cestelli, nel caso di produttori di articoli casalinghi. ZONA DI STOCCAGGIO E SPEDIZIONE Stoccaggio e spedizione Così imballato ed adeguatamente etichettato, il prodotto viene stoccato in magazzini organizzati per settori, in modo da poter immediatamente localizzare l articolo richiesto. Il prelievo delle risorse Le materie prime utilizzate in maggior quantità per la produzione di vetro sono in parte presenti in natura (sabbie, feldspati, dolomite, carbonato di calcio), in parte ottenu- Utilizzo dell energia All interno del sito industriale, l energia viene utilizzata principalmente per il funzionamento delle macchine per la movimentazione della materia prima L utilizzo dell energia è limitato alle operazioni di dosatura, pesatura, umidificazione e trasporto della miscela all interno del forno di fusione. È la fase che richiede la maggior quantità di energia all interno del processo, circa l 80%. L energia sviluppata dai combustibili fossili (gas metano e olio combustibile BTZ), viene utilizzata per il riscaldamento del forno. L energia, in misura molto minore che nel forno di fusione, viene utilizzata per mantenere il materiale già caldo, alla temperatura desiderata. L utilizzo dell energia varia al modificarsi della tecnologia/e di formatura adottata (presso-soffio e soffio-soffio). Data la minore temperatura da raggiungere e la presenza di materiale già caldo, l energia impiegata nel forno di ricottura è molto inferiore, meno del 3% dell intero processo, rispetto a quella utilizzata nella fase di fusione. Caratteristiche dei contenitori in vetro e loro produzione 11 Manuale per la raccolta e il riciclo dei contenotori in vetro Controllo qualità Imballaggio e trasferimento in magazzino L energia viene utilizzata essenzialmente per l allineamento e la movimentazione dei contenitori in vetro sui nastri trasportatori e per l alimentazione dei meccanismi di controllo elettronici per la verifica della qualità. L energia viene utilizzata per la movimentazione e l imballaggio dei contenitori prodotti in contenitori da trasporto.

14 te chimicamente a partire da minerali (carbonato di sodio, solfato di sodio). Il prelievo delle risorse avviene attraverso siti estrattivi in cui il materiale viene cavato, depurato, stoccato e movimentato verso i mezzi di trasporto che lo porteranno a destinazione. Importante è il controllo dell operazione di estrazione: essa infatti comporta sia un impatto sull ambiente dovuto all interruzione di continuità, non solo percettiva, ma strutturale dell unità paesaggistica interessata, sia al suo funzionamento con la produzione di polveri e di rumori che creano disaggio alle persone ivi residenti. Una pianificazione attenta, ed uno studio accurato, a monte della scelta dell area, può contenere in maniera significativa gli aspetti negativi. Contestualmente alla decisione di apertura di un nuovo sito di estrazione, è necessario avviare sia la redazione del progetto della cava di estrazione che quello di ripristino, affinché, attraverso la loro integrazione, sia possibile arrivare ad un processo unitario in cui i due progetti si vengano a fondere in una serie di azioni tra loro coordinate. In tal modo, è inoltre possibile mettere a punto da subito accorgimenti in grado di limitare, non solo l impatto sulla natura dei luoghi, ma anche i disagi per le persone che Tabella 5: INTERVENTI MIRATI ALLA RIDUZIONE DEI CONSUMI NEI FORNI DI FUSIONE Fonte: Elaborazione WWF Ricerche e Progetti Obiettivo Intervento Risultato Ottimizzazione della combustione Viene, in genere, effettuata limitando il più possibile la quantità di aria necessaria per la combustione e riducendo le infiltrazioni di aria parassita nel forno. Si realizza attraverso una geometria appropriata del forno e selezionando e posizionando in modo appropriato i bruciatori. Migliore trasmissione del calore, incremento e migliore distribuzione dei moti convettivi all interno delle varie parti del forno, con conseguente miglioramento dell efficienza energetica globale e diminuzione delle produzione di NOx. 12 Riutilizzo del calore dei fumi L energia, contenuta sotto forma di calore all interno dei fumi emessi dai forni, viene captata e riutilizzata per preriscaldare l aria comburente. Si realizza con la progettazione ottimale dei recuperatori di calore e grazie all impiego di materiali refrattari resistenti alle alte temperature. L utilizzo di rigeneratori del tipo più evoluto all interno dei forni ha portato, rispetto agli impilaggi con mattoni refrattari tradizionali, ad un risparmio combustibile di circa il 7%. Nei forni di grandi dimensioni e funzionanti con elevate quantità di rottame, è possibile raggiungere risparmi di energia di oltre il 20%. Diminuzione del consumo specifico di combustibile Uno dei sistemi più utilizzati consiste nell immettere all interno della camera di combustione una quantità di ossigeno variabile dal 3 al 35%. Un altro sistema consiste nell immettere energia elettrica nel forno che, oltre ad avere un rendimento termico prossimo al 100%, crea un rimescolamento del bagno di fusione migliorando lo scambio di calore con le fiamme dei bruciatori. Si migliora pertanto il rendimento termico del forno e quindi una riduzione nel consumo di combustibile. A parità di materiale prodotto, con il 25% di ossigeno è possibile un risparmio del 10% di consumo di combustibile. Un attenzione particolare deve essere posta al costo ambientale ed energetico pagato per la produzione dell ossigeno. A questo proposito, si stanno sperimentando sistemi in grado di produrre aria arricchita con il 35% di ossigeno, i quali richiedono bassa quantità di energia e modesti investimenti iniziali. Diminuzione dell energia necessaria per la fusione Isolamento termico del forno Si ottiene inserendo nella miscela vetrificabile quantità variabili dal 10 a oltre il 90% di rottame di vetro proveniente in piccola parte dagli scarti interni di produzione ed in larga parte dalla raccolta differenziata del rottame di vetro, previo trattamento da parte delle aziende di recupero. Utilizzo all interno del forno di materiale refrattario, quali mattoni disposti in impilaggi a cesto o aperti o elementi di forma speciale, realizzati in materiale elettrofuso o con refrattari magnesiaci. Anche l utilizzo nel bacino di fusione di refrattari resistenti a più alte temperature, consente di migliorare l isolamento termico del forno con minori dispersioni di calore attraverso le pareti, la suola e la volta. Poiché il rottame richiede una minore energia di fusione rispetto alle materie prime, si ha, di conseguenza, una diminuzione dell energia utilizzata. In generale, ogni 10% di rottame aggiunto in più comporta una diminuzione del 2-3% del consumo di energia del forno. Significativo incremento del rendimento termico del forno.

15 vivono nelle vicinanze della cava. Un altro fattore da considerare, al fine di limitare l impatto dovuto al trasporto dei materiali, in termini di consumo di risorse energetiche e di contenimento delle emissioni atmosferiche, è la vicinanza a mezzi di trasporto quali navi e treni, normalmente utilizzati per il trasporto di grandi quantitativi di sabbie, così da limitare al minimo i trasporti via strada. Uso e recupero dell energia nelle fasi di produzione L utilizzo dell energia, all interno del processo di produzione del vetro, non è un valore costante per ogni lavorazione. Il maggior assorbimento, infatti, in quantità stimabili dal 70 al 80%, si ha nella fase di fusione, nel corso della quale la miscela vetrificabile viene riscaldata all interno di forni, alimentati principalmente a gas metano ed in parte ad Olio Combustibile a basso tenore di zolfo, fino ad una temperatura di circa C. Il restante 30-20% del consumo è prevalentemente costituito da energia elettrica, principalmente impiegata per l alimentazione dei compressori, dei ventilatori, degli aspiratori, dei dispositivi di movimentazione e robotica, per l illuminazione degli ambienti e per la produzione di aria compressa. La maggior parte degli interventi effettuati all interno del ciclo di produzione, finalizzati al risparmio ed al miglioramento dell efficienza energetica si concentrano, quindi, sulla fase di fusione, dato il maggior peso in termini di consumi energetici, ed in particolare sul forno, ottenendo vantaggi sia dal punto di vista ambientale, con minor utilizzo delle risorse e minori emissioni di anidride carbonica, sia in termini economici per l azienda, con diminuzione dei costi di acquisto delle risorse energetiche 2. L attività di ricerca indirizzata a questo scopo, ha portato, perciò, allo sviluppo di tecnologie volte a migliorare, al tempo stesso, l efficienza energetica e quella ambientale, e, di conseguenza, realmente utilizzabili all interno delle singole imprese. Nella quasi totalità dei casi, per la produzione industriale dei contenitori in vetro, si utilizzano forni continui a rigenerazione, alimentati prevalentemente a metano ed in alcuni casi ad olio combustibile. Al fine di ottenere risultati significativi, gli interventi attuati riguardano contemporaneamente differenti aspetti, in relazione ai vari elementi che compongono il processo: vi sono interventi mirati all ottimizzazione della combustione, al riutilizzo del calore dei fumi, alla diminuzione del consumo specifico di combustibile, alla diminuzione dell energia necessaria per la fusione ed all isolamento termico dei forni. La maggior parte del calore dei fumi è recuperato all interno del forno attraverso il preriscaldo dell aria comburente. In alcune situazioni è ancora possibile produrre vapore che viene impiegato per il riscaldamento degli uffici e dei magazzini o anche per la produzione di energia elettrica. Anche l energia dispersa dai compressori sotto forma di calore, attraverso i sistemi di raffreddamento può essere riutilizzata all interno della vetraria per riscaldare gli ambienti di lavoro. Elemento indispensabile per il corretto funzionamento di tutto l apparato produttivo e per la riduzione delle perdite di energia è la presenza ed il continuo sviluppo di sistemi di controllo in grado di monitorare l intero processo ed individuare tempestivamente le anomalie. Emissioni Durante il processo di produzione del vetro cavo, la maggior parte delle emissioni nell atmosfera hanno origine all interno del ciclo di fusione e sono dovute, principalmente alla combustione dei combustibili impiegati, ma anche a fenomeni di evaporazione dal bagno di vetro dovuti alle alte temperature del forno. Esse sono costituite quasi esclusivamente da polveri, ossidi di azoto (NOx), ossidi di zolfo (SOx), anidride carbonica (Co2), e da quantità insignificanti di cloruri gassosi (HC1) e floruri gassosi (HF), in funzione della qualità della materia prima impiegata e delle sostanze impiegate per conferire specifiche prestazioni ai vetri prodotti. Nella combustione dell olio combustibile a basso tenore di zolfo BTZ, rispetto al gas metano, si producono maggiori quantità di SOx (comunque abbattuta dagli elettrofiltri), maggiori quantità di Co2, ma si ottiene una significativa riduzione di NOx. Inoltre, la fiamma prodotta dal BTZ, essendo molto più luminosa di quella del gas, permette una maggiore trasmissione del calore per irraggiamento al bagno fuso e quindi un miglior rendimento termico del processo. Anche la minor necessità di aria comburente per la combustione del BTZ riduce il volume dei fumi e, di conseguenza, una minore dispersione di calore dalle ciminiere. Complessivamente, con l utilizzo del BTZ, si realizza un consumo energetico specifico di circa il 7% inferiore rispetto all uso del gas metano. Gli interventi attuati per ridurre tali emissioni sono costituiti principalmente dall utilizzo di filtri elettrostatici e nell ottimizzazione della combustione attraverso la progettazione di geometrie innovative del forno e all impiego di bruciatori di nuova generazione. Questo ha comportato una riduzione sensibile delle emissioni, pur a fronte di un incremento delle quantità di vetro prodotte. Coerentemente con questi interventi, vengono sviluppati sistemi in grado di utilizzare reagenti atti a migliorare l abbattimento delle polveri dei fumi riducendo, nel contempo, la quantità di solfati prodotti dai filtri al fine di con- Caratteristiche dei contenitori in vetro e loro produzione 13 Manuale per la raccolta e il riciclo dei contenotori in vetro 2 Vedi Assovetro/WWF, L efficienza energetica degli edifici

16 14 sentirne il pressoché totale riutilizzo negli stessi forni in sostituzione delle materie prime esterne. Parallelamente si tende a limitare il consumo di energia elettrica per il funzionamento degli impianti di abbattimento onde evitare di spostare l inquinamento del processo di produzione del vetro a quello dell energia. Nello stesso tempo, gli interventi mirati a migliorare l efficienza del forno di fusione si traducono in una riduzione dei consumi energetici con conseguente diminuzione delle emissioni di anidride carbonica derivanti direttamente dal processo di combustione o, indirettamente, dal ciclo di produzione di energia elettrica. Il contributo del riciclo del vetro alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni La elevata attitudine del vetro al riciclo, riciclabile al 100%, e la costante attenzione verso questa importante risorsa da parte delle vetrerie produttrici di contenitori ha permesso all industria vetraria di raggiungere l obiettivo del 60%, fissato dal D.Lgs. 152/06 per il 2008, già con un anno di anticipo. Il tasso di riciclo dei contenitori in vetro è passato, infatti, negli undici anni di applicazione del Decreto Ronchi, dall iniziale 39% del 1998 al 66% registrato nel 2009, attestandosi al 67% nelle previsioni consuntive del 2010, malgrado il rallentamento della produzione dovuto alla difficile situazione economica attuale. L impiego del rottame di vetro nella miscela vetrificabile è una pratica da sempre seguita ed adottata perché consente di ottenere un prodotto con le stesse caratteristiche di un prodotto fabbricato con le sole materie prime naturali e garantisce le medesime condizioni di inerzia, di igienicità e di inattaccabilità. L utilizzo di rottame di vetro per produrre nuovo vetro determina inoltre una significativa riduzione in termini di energia, di emissioni di Co2 e di risparmio di materie prime, consentendo una migliore qualità dell ambiente che ci circonda. Il contributo del risparmio energetico derivante dal riciclo degli imballaggi in vetro è quantificabile per l anno 2009 in circa TEP (tonnellate equivalenti in petrolio), pari a circa barili di petrolio. (Una composizione della miscela vetrificabile con il 50% del rottame, consente un risparmio energetico di circa il 13% dell energia necessaria per fondere le materie prime corrispondenti). Questo risparmio comporta altresì una riduzione totale di emissioni per circa tonnellate di Co2 equivalente/anno. Quantità prodotte, siti produttivi, addetti 3 Il settore della produzione dei contenitori in vetro, o vetro cavo come correntemente chiamato all interno del settore, occupa in Italia circa addetti, operanti in 40 stabilimenti, i quali risultano distribuiti all 80% nel nord Italia, al 12% nel sud ed al rimanente 8% al centro Italia. Nella figura seguente è rappresentata la distribuzione geografica degli stabilimenti vetrari italiani che producono contenitori in vetro. Nel prospetto presentato nell immagine 4 sono riportati l elenco delle Aziende che in Italia producono il vetro cavo, completo delle tipologie di prodotto fabbricate in ciascun impianto. La produzione del vetro cavo, che rappresenta il 70% della produzione totale del vetro in Italia, comprende gli imballaggi in vetro (bottiglie, fiaschi e damigiane), la flaconeria destinata all industria farmaceutica, cosmetica e profumeria, i vasi alimentari e gli articoli per uso domestico (bicchieri, piatti, accessori per la tavola). I dati di seguito riportati sono di fonte ISTAT ed elaborati ed aggregati da Assovetro. Nel 2009, la produzione dell intero comparto del vetro cavo è stata pari a tonnellate, con una flessione del 9,54% rispetto al Le esportazioni sono state pari a tonnellate, con un decremento del 19,72% rispetto all anno precedente, mentre le importazioni, pari a tonnellate sono diminuite del 9,60% rispetto al Fonte: Assovetro

17 Immagine 3: DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA DEGLI STABILIMENTI VETRARI ITALIANI CHE PRODUCONO CONTENITORI IN VETRO Fonte: Assovetro Caratteristiche dei contenitori in vetro e loro produzione 15 Manuale per la raccolta e il riciclo dei contenotori in vetro

18 Immagine 4: RAGIONE SOCIALE E AZIENDE DEL VETRO CAVO Fonte: Assovetro, Questo non è solo vetro Regionesociale Città Prodotti 16 Ardagh Glass s.r.l. Montorio al Vomano (TE) Bottiglie Bormioli Luigi S.p.a. Parma Vasi, flaconi, articoli di vetro Bormioli Luigi S.p.a. Abbiategrasso (MI) Bormioli Rocco e Figlio S.p.a Fidenza (PR) Bottiglie,vasi, flaconi articoli di vetro Bormioli Rocco e Figlio S.p.a Trezzano S/N (MI) Bormioli Rocco e Figlio S.p.a Altare (SV) Bormioli Rocco e Figlio S.p.a Bergantino (RO) Cooperativa Piegarese S.c.a.r.l. Piegaro (PG) Bottiglie Corsico Vetro Corsico (MI) Bottiglie, vasi O-I Manufacturing Italy S.p.a. Milano Bottiglie, vasi O-I Manufacturing Italy S.p.a. Mezzocorona(TN) O-I Manufacturing Italy S.p.a. San Polo di Piave (TV) O-I Manufacturing Italy S.p.a. VillottadiChions(PN) O-I Manufacturing Italy S.p.a. Sangemini(TR) O-I Manufacturing Italy S.p.a. Aprilia(LT) O-I Manufacturing Italy S.p.a. Asti O-I Manufacturing Italy S.p.a. Bari O-I Manufacturing Italy S.p.a. Origgio (VA) O-I Manufacturing Italy S.p.a. Marsala (TP) RCR Cristalleria Italiana S.p.a Colle di Vald'Elsa (SI) Articoli di vetro Saint-Gobain Vetri S.p.a. Dego (SV) Bottiglie, vasi Saint-Gobain Vetri S.p.a. Carcare (SV) Saint-Gobain Vetri S.p.a. Lonigo (VI) Saint-Gobain Vetri S.p.a. GazzoVeronese (VR) Saint-Gobain Vetri S.p.a. VillaPoma (MN) Saint-Gobain Vetri S.p.a. Pescia (PT) San Domenico Vetraria S.p.a. Ottaviano (NA) Bottiglie Vebad S.p.a. GioiadelColle (BA) Bottiglie, vasi Vetreria di Borgonovo S.p.a. Borgonovo Val Tidone (PC) Articoli di vetro Vetreria Etrusca s.r.l. Montelupo Fiorentino (FI) Bottiglie, vasi, articoli di vetro Vetreria Etrusca s.r.l. Altare (SV) Vetrerie Meridionali S.p.a. Castellana Grotte (BA) Bottiglie Vetrerie Riunite S.p.a. Colognola ai Colli (VR) Flaconi, articoli di vetro Vetri Speciali S.p.a. Trento Bottiglie Vetri Speciali S.p.a. Pergine Valsugana (TN) Vetri Speciali S.p.a. San Vito al Tagliamento (PN) Vetri Speciali S.p.a. Ormelle (TV) Vetro balsamo S.p.a. Sesto San Giovanni (MI) Bottiglie Zignago Vetro S.p.a. Fossalta di Portogruaro (VE) Bottiglie, vasi, flaconi Zignago Vetro S.p.a. Empoli (FI)

19 Immagine 5: AZIENDE DEL VETRO CAVO E TIPOLOGIE PRODUTTIVE Fonte: Assovetro, Questo non è solo vetro Ardagh Bormioli Bormioli Coope- Corsico OI S.Gob. San Borgo- Vetreria RCR Vebad Ve.Me Vetrerie Vetri Vetro Zigna- Luigi Rocco rativa Vetro Vetri Dome- novo Etrusca Riunite Speciali Balsa- go Piega- nico mo rese BOTTIGLIE Vino Olio Acqua Minerale Passate Latte Birra Liquori Soft drinks Sciroppi Succhi Aceto Altro VASI Ketchup Passate Maionese Confetture Sottoaceti Yoghurt Baby Food Altro FLACONI Profumeria Farmaceutico ARTICOLI VETRO Articoli tavola Articoli casa Altro Caratteristiche dei contenitori in vetro e loro produzione 17 Manuale per la raccolta e il riciclo dei contenotori in vetro

20 Grafico 2: ANDAMENTO DELLA PRODUZIONE DI VETRO CAVO PER SINGOLI COMPARTI Fonte: Assovetro - Relazione annuale (Anni ) tonnellate Bottiglie Vasi Flaconi Casalingo TOTALE anni Fonte: Assovetro - Relazione annuale (Anni ) 18 RIEPILOGO PRODUZIONE VETRO CAVO (TONNELLATE) Anno Produzione ESPORTAZIONI/IMPORTAZIONI TOTALE VETRO CAVO (TONNELLATE) Anno Exp totale Exp U.E. Exp extra U.E. Imp totale Imp U.E. Imp extra U.E ESPORTAZIONI DEI SINGOLI COMPARTI (TONNELLATE) Anno Bottiglie Vasi Flaconi Casalingo

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

A prima vista: Dati tecnici microfonditrice MC 15. 44 cm. 40 cm. Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie. Minimo utilizzo di metallo

A prima vista: Dati tecnici microfonditrice MC 15. 44 cm. 40 cm. Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie. Minimo utilizzo di metallo A prima vista: Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie Minimo utilizzo di metallo Generatore ad induzione da 3,5 kw per un riscaldamento estremamente veloce e per raggiungere alte temperature

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE

Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per Invenzione Industriale numero domanda: BO11A0007 Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura di BOLOGNA Verbale di Deposito Domanda di Brevetto

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

una boccata d ossigeno

una boccata d ossigeno Offrite al vostro motore una boccata d ossigeno Il vostro Concessionario di zona è un professionista su cui potete fare affidamento! Per la vostra massima tranquillità affidatevi alla manutenzione del

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA COME DEFINISCE LA QUALITÀ DI UNA BEVANDA CALDA? Esigenze per la macchina da caffè del futuro. Il piacere di una deliziosa bevanda aggiunge qualità in

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli