Comune di. raccolta differenziata. per le famiglie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di. raccolta differenziata. per le famiglie"

Transcript

1 Comune di raccolta differenziata per le famiglie

2

3 LE CATEGORIE DI UTENZA Il nuovo sistema di raccolta differenziata prevede che tutti gli utenti del comune di Monfalcone (famiglie, aziende, ) siano suddivisi in due gruppi: - utenze domestiche (ovvero le famiglie) - utenze non domestiche che comprendono tutte le aziende senza distinzione di dimensioni. A ciascun utente viene fornito un kit con tutte le istruzioni e tutti i contenitori necessari per il conferimento dei propri rifiuti. IL TERRITORIO Le caratteristiche del nuovo sistema di raccolta richiedono che il territorio venga suddiviso in aree omogenee per numero di utenti serviti e dimensioni. Il comune di Monfalcone è stato suddiviso in 4 aree: MONFALCONE SUD MONFALCONE NORD MONFALCONE EST MONFALCONE OVEST Sul calendario della raccolta ciascun utente trova indicata l area in cui rientra la propria via di residenza e le relative modalità di asporto delle diverse tipologie di rifiuto. 3

4 IL KIT PER LE FAMIGLIE Il kit per la raccolta dei rifiuti fornito a ciascuna famiglia comprende manuali e depliant con le istruzioni sul funzionamento del sistema e una serie di contenitori per il conferimento del rifiuto. I contenitori sono stati scelti sulla base della quantità di rifiuti che presumibilmente ciascuna categoria di utenti produce in considerazione anche della dimensione dell edificio in cui risiede. Esistono infatti dotazioni specifiche per i condomini e per gruppi di abitazioni equiparabili al condominio pensate per risolvere eventuali problemi di spazio. Ciò significa che chiunque riscontri l esigenza di avere a disposizione ulteriori contenitori o dotazioni alternative a quelle proposte può rivolgersi al numero verde gratuito o all ecosportello comunale per manifestare la propria necessità (vedi l ecosportello e il numero verde, pag. 22). I contenitori hanno colori diversi a seconda della tipologia di rifiuto che contengono per facilitare il conferimento da parte del cittadino e il riconoscimento da parte dell operatore addetto all asporto o allo svuotamento. 4

5 IL RIFIUTO UMIDO Il rifiuto umido comprende tutti i residui delle preparazioni alimentari quali, ad esempio, bucce e gusci di frutta, resti di pesce, gusci d uovo, fondi di caffè, tutti gli alimenti scaduti, scarti delle preparazioni di cucina, piccole piante, bustine del tè,... I contenitori previsti per il conferimento del rifiuto umido consegnati alle famiglie sono i seguenti: famiglie residenti in case singole o condomini fino a 5 famiglie - sacchetti per il rifiuto umido - secchiello marrone da 7 litri (uno per famiglia) - mastello marrone da 25 litri (uno per famiglia) famiglie residenti in condomini di almeno 6 famiglie - sacchetti per il rifiuto umido - secchiello marrone da 7 litri (uno per famiglia) - bidone marrone condominiale (uno ogni 6 famiglie) 5

6 Il sacchetto viene inserito nel secchiello marrone: una volta riempito, il sacchetto chiuso viene svuotato nel mastello da 25 litri o nel bidone condominiale. Mastello o bidone vanno esposti la sera precedente al giorno previsto per l asporto e ritirati dopo lo svuotamento. Il mastello marrone è fornito di uno speciale manico antirandagismo che evita la sua apertura da parte di gatti o altri animali. Per rendere riconoscibile il contenitore le famiglie possono scrivere il proprio nome o apporre un altro segno identificativo. Il rifiuto umido dopo opportuni trattamenti si trasforma in compost, un prodotto ammendante particolarmente indicato per il ripristino e la concimazione dei terreni in agricoltura. Il compost può essere prodotto anche in casa: ogni nucleo familiare che abbia a disposizione gli spazi sufficienti per posizionare una compostiera, allestire il cumulo o scavare una fossa può scegliere questo tipo di soluzione per il trasformare in terriccio il proprio rifiuto umido. Il rifiuto umido viene raccolto porta a porta tre volte alla settimana da giugno a settembre e due volte alla settimana da ottobre a maggio. IL RIFIUTO RICICLABILE GLI IMBALLAGGI DI PLASTICA E LE LATTINE Gli imballaggi di plastica e le lattine (categoria che comprende anche i piccoli oggetti in metallo) sono materiali riciclabili che, dopo opportune trasformazioni, possono venir riutilizzati ed immessi nuovamente nel ciclo produttivo. Per imballaggi di plastica si intendono tutti gli involucri o contenitori come ad esempio, le borse della spesa, i sacchetti, le bottiglie di acqua minerale e bibite, le confezioni per prodotti cosmetici, le confezioni per alimenti, flaconi per detersivi, i 6

7 vasetti di yogurt, le borse della spesa, vaschette e scatole in polistirolo e più in generale tutti gli imballaggi in plastica (retine della frutta, reggette, ). La categoria lattine comprende più nello specifico i barattoli per bibite e olio, i vasi per le conserve, le vaschette e le pellicole di alluminio e altri piccoli oggetti metallici quali, ad esempio, le posate o i tappi delle bottiglie. Per il conferimento di imballaggi in plastica e lattine alle famiglie viene fornito un sacco bianco da 100 litri. Per una miglior gestione di questo materiale si consiglia di ripulire grossolanamente con acqua o con un pezzo di carta le confezioni che contengono alimenti conditi. Il CONAI su tutti i materiali riciclabili riconosce un contributo economico proporzionato al quantitativo di materiale che ciascun Comune raccoglie e consegna: tale contributo economico contribuisce ad abbattere il costo del servizio. Imballaggi di plastica e lattine vengono raccolti porta a porta una volta alla settimana. Eventuali contenitori voluminosi quali ad esempio le cassette di plastica o di polistirolo possono essere posti di fianco o sotto al sacco bianco avendo cura di ridurne al massimo l ingombro (quando possibile). 7

8 IL RIFIUTO RICICLABILE LA CARTA E IL CARTONE La carta e il cartone sono materiali riciclabili che godono del contributo CONAI. Nella categoria carta e cartone sono compresi, ad esempio, i giornali, le riviste, le scatole di ogni dimensione, i fogli e i sacchetti di carta, le confezioni per alimenti, i cartoni per latte e succhi in tetrapak. Per il conferimento di carta e cartone sono previste due tipi di dotazioni che tengono conto delle dimensioni dell edificio in cui la famiglia risiede. famiglie residenti in case singole o condomini fino a 14 famiglie mastello bianco da 40 litri famiglie residenti in condomini di almeno 15 famiglie cassonetto bianco condominiale (uno ogni 15 famiglie) Nel mastello bianco e nel cassonetto bianco carta e cartone vanno inseriti sfusi o eventualmente all interno di sacchetti di carta senza mai utilizzare contenitori di materiali diversi che altererebbero la purezza del contenuto (usando ad esempio borse di plastica mescoleremmo la carta con la plastica). La carta viene raccolta porta a porta una volta per settimana. Il mastello bianco (o il cassonetto bianco) vanno esposti la sera precedente al giorno della raccolta e ritirati dopo il loro svuotamento. Per rendere riconoscibile il contenitore le famiglie possono scrivere il proprio nome o apporre un altro segno identificativo. 8

9 IL RIFIUTO RICICLABILE IL VETRO La categoria dei materiali riciclabili comprende i materiali in vetro. Fra i materiali riciclabili il vetro è il primo che abbiamo imparato a riconoscere e a raccogliere separatamente dalle altre frazioni di rifiuto. In tale categoria rientrano tutti i contenitori in vetro di qualsiasi colore utilizzati per contenere bibite e sostanze alimentari. Non rientrano nella categoria vetro i neon, tutte le lampade a scarica, il vetro al piombo, la vetroceramica (vedi altri rifiuti a pag. 14). La raccolta del vetro viene effettuata con l ausilio di campane stradali di colore verde. Nelle campane si possono inserire solo prodotti in vetro che per la loro dimensione siano compatibili con il foro di inserimento: oggetti più grandi quali ad esempio le damigiane o le lastre vengono gestiti con le stesse modalità previste per i rifiuti ingombranti (vedi gli ingombranti, pag. 14). 9

10 IL RIFIUTO SECCO RESIDUO Il rifiuto secco residuo è la vera immondizia e comprende tutti i materiali che per loro natura non sono né riciclabili né recuperabili e che devono essere quindi mandati a smaltimento. In questa categoria rientra tutto ciò che (con esclusione di pile e farmaci - vedi pag. 12), non fa parte né del rifiuto umido né degli altri materiali riciclabili. Comprende ad esempio penne e pennarelli, la gomma, i cocci di ceramica, porcellana e terracotta, le lettiere degli animali domestici, i mozziconi di sigaretta, la cenere, la polvere dei pavimenti, gli stracci, tutti gli oggetti in plastica che non sono imballaggi (piatti, posate, bicchieri, rasoi usa e getta, spazzolini, assorbenti, pannolini e spugne, tappi in sughero, gli oggetti in gomma come i guanti da cucina, ecc.) e in genere gli oggetti di materiali misti. I contenitori previsti per il conferimento del rifiuto secco residuo consegnati alle famiglie sono i seguenti: famiglie residenti in case singole o condomini fino a 9 famiglie - sacchi gialli da 70 litri per il rifiuto secco residuo 10

11 famiglie residenti in condomini di almeno 10 famiglie - sacchi gialli per il rifiuto secco residuo - cassonetto verde condominiale (uno ogni 10 famiglie) Il rifiuto secco residuo può essere inserito nel sacco giallo anche all interno di sacchetti diversi (ad esempio sacchetti della spesa). Il sacco giallo o il cassonetto verde vengono esposti la sera precedente al giorno della raccolta. La raccolta del rifiuto secco residuo viene effettuata una volta per settimana. Nel rifiuto secco residuo vanno inseriti anche quei pochi materiali di cui il cittadino non riesce a riconoscere l esatta natura e che potrebbero inquinare i materiali riciclabili rendendoli non riutilizzabili. Anche pannolini e pannoloni fanno parte del rifiuto secco residuo: per tali materiali sono previsti contenitori specifici (vedi il bidone giallo pag 16). 11

12 LE PILE E I FARMACI Per la raccolta di pile e farmaci scaduti le famiglie hanno a disposizione appositi contenitori stradali. Pile e farmaci fanno parte dei RUP, rifiuti urbani pericolosi, categoria che comprende, ad esempio, le lampade al neon, le vernici, i solventi. Per informazioni sulla gestione di tali rifiuti chiedere informazioni al numero verde gratuito o all ecosportello. ATTENZIONE! LE BATTERIE DELLE AUTOMOBILI E L OLIO DEL MOTORE NON RIENTRANO IN QUESTA CATEGORIA. PER IL LORO SMALTIMENTO RIVOL- GERSI AL RIVENDITORE. GLI INDUMENTI USATI Gli indumenti usati che presentano condizioni generali che ne consentono l ulteriore utilizzo devono essere conferiti separatamente. Sul territorio comunale sono a disposizione numerose campane di colore giallo destinate alla raccolta di tali materiali che, dopo opportuna selezione, vengono distribuiti da parte delle associazioni di volontariato alle famiglie bisognose. Nelle campane gialle vanno inseriti solo indumenti ancora utilizzabili, scarpe e calze non spaiate ma anche lenzuola e coperte che non ci servono più. 12

13 IL VERDE Il rifiuto verde comprende i residui di sfalci e potature oltre che tutti gli altri materiali derivanti da interventi di pulizia in orti e giardini quali, ad esempio, le foglie secche e i ramoscelli. Il rifiuto verde costituisce una frazione molto importante ai fini della produzione di compost: solo mescolando il rifiuto verde con il rifiuto umido gli impianti di compostaggio riescono ad ottenere compost di qualità. Il verde può venir conferito da parte del cittadino con tre diverse modalità. - utilizzando le benne stradali poste sul territorio comunale: nelle benne stradali il verde va inserito sfuso senza lasciare sacchi di plastica. - con consegna diretta presso l ecopiazzola di via Bagni aperta dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle a domicilio previo appuntamento telefonico chiamando il numero verde gratuito In questo caso il materiale deve venir inserito nei sacchi o legato in fascine a seconda delle sue caratteristiche. L asporto a domicilio è gratuito fino a 2 metri cubi di materiale. I residui di potature di piccole dimensioni (i fiori secchi, le foglie delle piccole piante da interno) possono venir conferiti assieme al rifiuto umido (compatibilmente con le dimensioni del contenitore). 13

14 GLI INGOMBRANTI Sono definiti rifiuti ingombranti tutti i rifiuti voluminosi che, per loro natura, non vengono prodotti quotidianamente e che non sono conferibili utilizzando il normale servizio di asporto. In questo gruppo rientrano ad esempio gli elettrodomestici, i materassi, le lastre di vetro, le reti del letto, i mobili ecc. La raccolta degli ingombranti viene effettuata con due diverse modalità: - con consegna diretta presso l ecopiazzola di via Bagni aperta dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle a domicilio con prenotazione effettuata chiamando il numero verde gratuito Il servizio a domicilio prevede che il materiale da asportare venga posizionato da parte dell utente sul fronte stradale. Il servizio di asporto a domicilio viene effettuato gratuitamente fino a 2 metri cubi di materiale GLI ALTRI RIFIUTI Ferma restando l indicazione generale già evidenziata nella sezione dedicata al rifiuto secco residuo, per effettuare un conferimento corretto i cittadini potranno rivolgere il proprio quesito al numero verde gratuito

15 LE AGEVOLAZIONI Per venire incontro alle esigenze dei cittadini il Comune di Monfalcone ha previsto una serie di agevolazioni e facilitare così determinate categorie di utenze risolvendo al tempo stesso problematiche specifiche connesse alla configurazione della città. IL SACCO VERDE Alcune categorie di utenze che hanno difficoltà ad effettuare la raccolta differenziata possono richiedere l esenzione. Tale possibilità è riservata a: - anziani singoli o in coppia di età superiore ai 75 anni - persone con invalidità superiore al 75%. L esenzione alla raccolta differenziata consente al cittadino avente diritto di mettere tutti i rifiuti in unico sacco di colore verde che viene fornito al momento dell autorizzazione. Per il conferimento del rifiuto tali categorie ricevono in dotazione un sacco verde e il calendario delle giornate di ritiro. Il sacco verde viene ritirato due volte alla settimana. La domanda di esenzione va presentata all ecosportello comunale (vedi pag. 22). Gli aventi diritto all esenzione possono comunque scegliere di conferire separatamente e con l ausilio dei contenitori dedicati una o più frazioni di rifiuto oggetto della raccolta differenziata. 15

16 IL BIDONE GIALLO Il bidone giallo viene proposto per risolvere il problema del conferimento da parte di chi ha una grossa produzione di pannolini e pannoloni. Tali materiali, che dopo il loro asporto vengono gestiti con le stesse modalità del rifiuto secco residuo, presentano caratteristiche che ne consigliano la conservazione in sacchetti chiusi: per il loro conferimento il cittadino può richiedere degli speciali contenitori. Si tratta di bidoni di colore giallo da richiedere all ecosportello comunale; vengono svuotati due volte per settimana secondo un calendario specifico per ciascuna area di residenza che viene consegnato al momento del ritiro del contenitore dedicato. Il conferimento nel bidone giallo può essere effettuato inserendo i materiali in normali sacchetti di plastica o di altro materiale. IL CONTENITORE PER SIRINGHE E OGGETTI TAGLIENTI Una soluzione specifica è stata pensata per chi, per motivi di salute, fa un uso quotidiano di siringhe e fiale. A tali cittadini l ecosportello comunale fornisce a richiesta un secchiello giallo autosigillante: una volta pieno il secchiello viene chiuso con il coperchio giallo ermetico ed inserito nel sacco giallo o verde e raccolto assieme al rifiuto secco residuo. Questa soluzione garantisce la privacy dell utente e l incolumità dell addetto alla raccolta. 16

17 I CONTENITORI CONDOMINIALI I bidoni e i cassonetti condominiali per il conferimento di alcune tipologie di rifiuto vengono dati in comodato gratuito al condominio e posizionati all interno della proprietà privata; tali contenitori vanno esposti la sera precedente al giorno della raccolta e ritirati dopo il loro svuotamento. Tale modalità di gestione non è però applicabile a tutti gli edifici situati sul territorio del comune di Monfalcone: esistono infatti alcuni condomini che non dispongono di spazi interni e per cui si è reso necessario trovare una soluzione alternativa. I residenti in tali edifici hanno a disposizione speciali contenitori con chiave posti sul suolo pubblico in prossimità dell edificio stesso in cui le singole frazioni di rifiuto possono venir conferite con l ausilio delle dotazioni previste per le singole famiglie. La fornitura della singola tipologia di cassonetto con chiave al condominio viene effettuata con i criteri già illustrati e che, a seconda della tipologia di rifiuto, considerano il numero di famiglie residenti all interno dell edificio. Ciascun contenitore o gruppi di contenitori a cui fa riferimento un condominio viene dotato di serratura apribile con un unica chiave fornita a ciascun utente. Le chiavi sono personali e personalizzate per singolo condominio di residenza. 17

18 I condomini che scelgono di non utilizzare i bidoni e/o i cassonetti collettivi possono segnalare la propria esigenza all ecosportello o al numero verde gratuito In sostituzione di tali contenitori ad ogni famiglia viene fornita la dotazione individuale prevista per case singole e piccoli edifici. IL LAVAGGIO DI BIDONI E CASSONETTI Il comune di Monfalcone ha previsto il lavaggio periodico dei bidoni del rifiuto umido e dei cassonetti del rifiuto secco residuo che i condomini ricevono in dotazione. Il bidone del rifiuto umido viene lavato una volta al mese da marzo ad ottobre ed ogni due mesi nel resto dell anno. Il lavaggio del cassonetto del rifiuto secco residuo viene effettuato bimestralmente per un totale di sei lavaggi all anno. Il lavaggio dei contenitori viene effettuato subito dopo il loro svuotamento in giornate fisse che vengono comunicate al condominio in modo da consentirne l esposizione. 18

19 LE ISOLETTE ECOLOGICHE DI EMERGENZA DI QUARTIERE Per fornire una soluzione concreta a chi occasionalmente non è in grado di avvalersi del sistema di raccolta porta a porta sono a disposizione le isole ecologiche di emergenza di quartiere. Presso le isole ecologiche, il cittadino in caso di bisogno potrà portare il rifiuto umido, il rifiuto secco residuo, gli imballaggi in plastica e le lattine. Infatti solo questi materiali possono causare qualche inconveniente in caso di conservazione prolungata all interno del proprio domicilio. Le isolette di emergenza non sono un sistema alternativo al porta a porta ma costituiscono un punto di riferimento in caso di necessità. Le isole di emergenza operative sul territorio comunale sono dislocate nei seguenti quartieri: > ARIS - SAN POLO - ANCONETTA > CENTRO > ROMANA - SOLVAY > LARGO ISONZO - CROCIERA > PANZANO > MARINA JULIA Le isolette di emergenza sono aperte dal lunedì al sabato. Chi volesse conferire i propri rifiuti nelle fasce orarie in cui l isoletta di emergenza del proprio quartiere osserva l orario di chiusura può rivolgersi ad una qualsiasi delle altre strutture. 19

20 L ECOPIAZZOLA Il Comune di Monfalcone mette a disposizione dei cittadini anche un altra importante struttura di riferimento per il conferimento di determinate tipologie di rifiuto. Si tratta dell ecopiazzola situata in via Bagni. Presso tale impianto tutti i cittadini di Monfalcone possono consegnare i seguenti materiali: ingombranti materassi rifiuti ferrosi carta e cartone plastica legno vetro ingombrante (lastre, damigiane) verde (ramaglie, potature, sfalci) elettrodomestici (frigoriferi, fornelli, lavastoviglie) apparecchiature elettriche ed elettroniche (tv, monitor, PC) inerti (in piccola quantità) pneumatici (in piccole quantità) toner esausti L ecopiazzola di via Bagni per determinati materiali è a disposizione anche delle utenze non domestiche. 20

21 LE REGOLE GENERALI Le frazioni di rifiuto gestite con il sistema porta a porta vengono raccolte dal personale addetto nelle giornate indicate dal calendario della propria zona di residenza. Se la giornata di raccolta coincide con una festività la raccolta viene posticipata automaticamente al primo giorno feriale utile successivo (salvo casi particolari che verranno segnalati al cittadino) I diversi tipi di rifiuto vanno inseriti nei contenitori a loro dedicati forniti a tutti i cittadini in fase di avvio del nuovo sistema o, per i neoresidenti nel comune di Monfalcone, all ecosportello. Sacchetti, mastelli, bidoni e cassonetti, vanno custoditi all interno delle proprie pertinenze ed esposti sempre la sera precedente alla giornata prevista per l asporto sulla strada pubblica o in altro luogo definito in accordo con Iris e ritirati dopo il loro svuotamento. Il cittadino riceve i contenitori in comodato gratuito e, in caso di trasferimento delle propria residenza in un altro comune, deve riconsegnarli all ecosportello comunale. Il cittadino non è responsabile per eventuali danni a cose o persone provocati nelle normali condizioni d uso dai contenitori per la raccolta differenziata. In caso di furti o rotture di uno dei contenitori il cittadino può richiederne la sostituzione rivolgendosi all ecosportello comunale. Il rifiuto non conforme viene segnalato al fine di facilitare il corretto utilizzo dei diversi contenitori e per far sì che venga posta attenzione sulla tipologia di rifiuto da esporre nelle singole giornate. 21

22 L ECOSPORTELLO Per dare assistenza e aiuto al cittadino, il Comune di Monfalcone ha attivato un ecosportello. L ecosportello costituisce il principale punto di riferimento sia per i nuovi residenti sia per tutti coloro che necessitano di assistenza e informazione su ogni tipo di argomento relativo al nuovo sistema di asporto dei rifiuti. L ecosportello comunale ha sede presso gli uffici comunali siti in via Sant Ambrogio 60 ex albergo Roma (tel ) e si occupa di raccogliere segnalazioni e richieste, di registrare i disagi causati da disservizi legati alle modalità di conferimento (abbandoni, danneggiamenti dei contenitori,...) oltre che di gestire tutti gli aspetti relativi alle agevolazioni (compilazione domande, consegna materiali, ) e alla fornitura dei materiali per i neoresidenti sul territorio del Monfalconese. Gli orari di apertura al pubblico dell ecosportello sono i seguenti: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 lunedì e mercoledì dalle alle IL NUMERO VERDE GRATUITO Assistenza completa al cittadino viene fornita al cittadino anche da parte del numero verde gratuito Gli operatori del numero verde registrano e inoltrano ogni singola richiesta ai tecnici addetti in tempo reale garantendo 22

23 una soluzione concreta nel minor tempo possibile ad ogni tipo di problema. Per motivi connessi alla legge sulla privacy il numero verde gratuito non può gestire le pratiche di richiesta di agevolazione (sacco verde, bidone giallo). Il numero verde gratuito si occupa anche di gestire gli appuntamenti per il servizio di asporto a domicilio di verde ed ingombranti Il numero verde gratuito è attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 20 e il sabato dalle 8 alle 13. SITO INTERNET ED Tutte le informazioni sulla raccolta differenziata sono anche online. Sui siti sono disponibili tutte le indicazioni sul funzionamento del sistema e si possono scaricare i materiali informativi realizzati per l utenza. Eventuali quesiti possono venire inoltrati anche via mail indirizzandoli ai seguenti indirizzi di posta elettronica: 23

24 Impaginazione e stampa: Grafica Goriziana - Gorizia 2007

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. UNIONE DEI COMUNI Agugliano Camerata Picena Offagna Polverigi Santa Maria Nuova Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. Raccolta differenziata porta a porta. A.T.I. Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fare la raccolta differenziata In provincia di Modena, ogni giorno produciamo 1,75 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta differenziata

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

Dividere i rifiuti. bidone giallo Caritas. centro di raccolta. assorbenti igienici. audio e video cassette e custodie

Dividere i rifiuti. bidone giallo Caritas. centro di raccolta. assorbenti igienici. audio e video cassette e custodie Dividere i rifiuti A TIPOLOGIA RIFIUTO abiti accendino accumulatori acidi alcool denaturato alcool etilico alluminio contenitori alluminio oggetti di grandi dimensioni amianto ampolle anticrittogamici

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como www.apricaspa.it www.comune.como.it COMUNE DI COMO 1 2 Indice Insieme verso il 6 5% di raccolta differenziata pag. 4 Perché fare la raccolta

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... VetReRiA CARtieRA CoMPoStAggio Regione del Veneto Presidente Giancarlo Galan Assessore alle Politiche dell Ambiente Giancarlo Conta Segretario

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014

Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014 Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014 OGGETTO Abbigliamento Abiti Accendini Accumulatori Acetone Acquaragia Adesivi chimici Agende di carta e/o cartoncino Albero di Natale vivo Alimentatori

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI via Belenzani, 18 I 38122 Trento tel. 0461 884935 I fax 0461 884940 servizio_ambiente@comune.trento.it Orario di apertura al pubblico: da lun. a ven. 8. 30-12 LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO:

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO Consorzio Intercomunale di Servizi per l Ambiente LOGO COMUNE COMUNE di REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO data: OTTOBRE 2012 SOMMARIO

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

CAPANNORI VERSO RIFIUTI ZERO AL 2020 MARZO 2011. Comune di Capannori 1

CAPANNORI VERSO RIFIUTI ZERO AL 2020 MARZO 2011. Comune di Capannori 1 CAPANNORI VERSO RIFIUTI ZERO AL 2020 MARZO 2011 Comune di Capannori 1 INTRODUZIONE GENERALE Capannori, 46.000 abitanti in Provincia di Lucca, è stato il primo Comune in Italia ad aver aderito alla Strategia

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino La città di Leonia rifà se stessa tutti i giorni: ogni mattina la popolazione si risveglia tra lenzuola fresche, si lava con saponette appena sgusciate dall'involucro, indossa vestaglie nuove fiammanti,

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente

più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente guida al compostaggio più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente Ho in testa una gran bella idea: Brescia più bella, più sana, più pulita. Un obiettivo possibile, adottando semplicemente

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO

PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO REGIONE UMBRIA PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI: PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO 1 INDICE 1. Introduzione: importanza

Dettagli

ilmondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti

ilmondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti il mondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti Lo Sviluppo Sostenibile è quello sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO I BIGLIETTI SCUOLA I biglietti scuola, nella modalità biglietto singolo, hanno un costo di 10 per ogni studente e sono riservati ai gruppi scolastici

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

CONTRATTO di prestazione di servizi

CONTRATTO di prestazione di servizi CONTRATTO di prestazione di servizi tra CLENEAR S ROSY di Nappi Maria Rosaria con sede in Via Moncenisio, 27-20031 Cesano Maderno (MI) E Nome Cognome. luogo e data di nascita residenza o domicilio.. codice

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Realizzato in PET riciclato. La natura ci guida. Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it

Realizzato in PET riciclato. La natura ci guida. Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it Realizzato in PET riciclato La natura ci guida Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it Insieme per l ambiente. La nuova vita della plastica Questo supporto è stato realizzato con materiale riciclato:

Dettagli

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 Sommario 1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 1 1. QUADRO ECONOMICO In base al computo metrico dei servizi si è desunto un costo complessivo del servizio

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

Concorso La scuola più riciclona

Concorso La scuola più riciclona Il futuro è nella nostra natura Concorso La scuola più riciclona Nell'ambito del Piano dell'offerta Formativa Territoriale (POFT) 2014/2015, il Comune di Bitonto indice il concorso La scuola più riciclona

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

Il sistema di lavaggio ActiveWater concentrato in 55 centimetri.

Il sistema di lavaggio ActiveWater concentrato in 55 centimetri. Il sistema di lavaggio ActiveWater concentrato in 55 centimetri. Nuove lavastoviglie ActiveWater Smart. Il massimo delle prestazioni in dimensioni ridotte. Sistema ActiveWater. Lavaggi perfetti, risparmio

Dettagli

Servizio HP Hardware Support Exchange

Servizio HP Hardware Support Exchange Servizio HP Hardware Support Exchange Servizi HP Il servizio HP Hardware Support Exchange offre un supporto affidabile e rapido per la sostituzione dei prodotti HP. Studiato in modo specifico per i prodotti

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA LA COTTURA IN PENTOLA A PRESSIONE La pentola a pressione è uno strumento ancora tutto da scoprire, da conoscere e da valorizzare, sia dal punto di vista

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

Trekking di più giorni

Trekking di più giorni SEZIONE DI MORTARA Trekking di più giorni Cosa portare nello zaino Escursioni di più giorni Per i trekking il discorso peso diventa ancora più importante delle escursioni di un giorno o due. Portare sulle

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

Ricevitore con fascia pettorale per la misurazione della frequenza cardiaca con gli smartphone ISTRUZIONI PER L USO

Ricevitore con fascia pettorale per la misurazione della frequenza cardiaca con gli smartphone ISTRUZIONI PER L USO Ricevitore con fascia pettorale per la misurazione della frequenza cardiaca con gli smartphone ISTRUZIONI PER L USO VOLUME DI FORNITURA 1 ricevitore (n. art. RUNDC1, modello: 92-1103800-01) incluse batterie

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

Raccolta di problemi del tre semplice completi di soluzioni Proportionality Problems and Three rule

Raccolta di problemi del tre semplice completi di soluzioni Proportionality Problems and Three rule Proporzionalità Problemi del tre semplice - Raccolta di problemi del tre semplice completi di soluzioni Proportionality Problems and Three rule. Il Saulo e la Bea non hanno ancora deciso quale scala installare.

Dettagli