AZIENDA SPECIALE DEL COMUNE DI MONTICELLO BRIANZA CASA DI RIPOSO MONTICELLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIENDA SPECIALE DEL COMUNE DI MONTICELLO BRIANZA CASA DI RIPOSO MONTICELLO"

Transcript

1 Allegato 2 alla determinazione dirigenziale prot. 229 del 8 maggio 2015 AZIENDA SPECIALE DEL COMUNE DI MONTICELLO BRIANZA CASA DI RIPOSO MONTICELLO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI AMBIENTI DELLA RSA CASA DI RIPOSO MONTICELLO CIG ARTICOLO 1 - Dati anagrafici della Stazione Appaltante 1. Amministrazione aggiudicatrice: Azienda Speciale del Comune di Monticello Brianza Casa di Riposo Monticello, Via Sirtori, Monticello Brianza (Lc) Stazione Appaltante in quanto Organismo di Diritto Pubblico. 2. Tel.: 039/ Fax: 039/ Indirizzo mail: 5. Indirizzo PEC: 6. Url: 7. Responsabile delle procedure di affidamento e di esecuzione del contratto ex art. 10 d.lgs. 163/2006: dott. Maurizio Gioia 8. Forma giuridica: azienda speciale ex art. 114 d.lgs. n. 267/2000; 9. Codice fiscale e n. di iscrizione Registro delle imprese: Partita IVA: ; 11. Num. REA: LC Codice NUTS: ITC Numero di riferimento CPV: Indirizzo presso il quale è possibile ottenere ulteriori informazioni: 15. Indirizzo presso il quale è possibile ottenere la documentazione: ARTICOLO 2: Oggetto dell appalto 1. L appalto ha per oggetto il servizio di pulizia e sanificazione giornaliera e periodica degli ambianti all interno degli edifici della RSA Monticello. 2. Numero di riferimento CPV: La descrizione dettagliata del servizio da svolgere è riportata infra. 4. Il servizio dovrà svolgersi sotto l osservanza delle norme contenute negli articoli che seguono, tenendo conto, inoltre, di quanto previsto in materia di igiene, sanità e sicurezza vigenti in materia, degli accordi sindacali relativi al personale impiegato dalle imprese di pulizia anche se soci di cooperative. 5. L appaltatore deve osservare le norme di sicurezza previste dal DUVRI del Committente, al quale può proporre eventuali motivate modifiche. 6. Non sono ammesse varianti a quanto richiesto dal presente Capitolato. ARTICOLO 3: Codice etico del Committente. 1. L appaltatore è obbligato a tenere un comportamento in linea con il Codice Etico e con il Modello Organizzativo di Gestione e Controllo dell Azienda Speciale del Comune di Monticello Brianza Casa di Riposo Monticello, e comunque a mantenere una condotta tale da non esporre quest ultima a rischio dell applicazione delle sanzioni 1

2 2 previste dal Decreto Legislativo n. 231/2001 e dalle norme da esso richiamate anche in materia di salute e sicurezza sul lavoro ARTICOLO 4: Durata dell appalto. 1. L appalto ha durata di due anni, con possibilità di proroga tecnica per altri sei mesi. ARTICOLO 5 Corrispettivo dell appalto e aggiornamento prezzi. 1. Per l esecuzione dei servizi oggetto del presente appalto, il canone annuale a base d asta è pari a , oltre l IVA, dal quale vanno detratti gli oneri per la sicurezza da interferenza, risultanti dal DUVRI della stazione appaltante, e vanno aggiunti gli oneri per la sicurezza da rischio aziendale specifico, risultanti dall offerta economica dell appaltatore. 2. L importo contrattuale netto d aggiudicazione compresi gli oneri della sicurezza (da rischio specifico e da rischio per interferenze), non soggetti a ribasso, - sarà oggetto di rivalutazione annuale, a partire dal primo giorno del mese successivo alla scadenza di ogni periodo di dodici mesi dalla data d inizio del rapporto contrattuale. La rivalutazione sarà disposta, previa richiesta dell impresa appaltatrice ed in seguito ad istruttoria dell Azienda Speciale, esclusivamente sulla base dei costi standardizzati di cui all art. 7, comma 4, lettera c), del D.Lgs. n. 163/2006. In alternativa l adeguamento potrà essere effettuato sulla base delle variazioni degli indici ISTAT per le famiglie di operai e impiegati (cosiddetto indice FOI), verificatesi nei dodici mesi precedenti all applicazione della rivalutazione. Nessun altro elemento potrà essere tenuto in considerazione per tale scopo. Non saranno concessi adeguamenti del prezzo retroattivi rispetto alla data della relativa istanza. ARTICOLO 6 Direttore dell esecuzione del contratto 1. Direttore dell esecuzione del contratto per conto del Committente è il Direttore pro tempore dell Azienda Speciale del Comune di Monticello. ARTICOLO 7 Divieto di modifiche introdotte dall esecutore 1. Nessuna variazione o modifica al presente appalto può essere introdotta dall esecutore, se non è disposta dalla Stazione Appaltante. Si applica l art. 310 del D.P.R. 10 ottobre 2010, n ARTICOLO 8 Varianti introdotte dal Committente 1. L Azienda Speciale, in relazione al presente appalto, può richiedere varianti al contratto per le motivazioni, con le modalità e nei limiti di cui all art. 311 del D.P.R. 10 ottobre 2010, n L Azienda Speciale potrà altresì richiedere variazioni qualitative e/o quantitative del contratto, dovute alle normative regionali, senza che l impresa possa sollevare alcuna obiezione. 2. Ai fini di cui sopra, l Azienda Speciale si obbliga a comunicare tempestivamente all appaltatore le eventuali modifiche. ARTICOLO 9 Variazioni entro il 20% 1. L entità del servizio da fornire, come indicata nel Foglio Patti e Condizioni, ha per il Committente valore indicativo. Nei casi: a) di esigenze derivanti da sopravvenute disposizioni legislative e regolamentari; b) di cause impreviste ed imprevedibili, accertate dal responsabile del procedimento o per l intervenuta possibilità di utilizzare materiali, componenti e tecnologie non esistenti al momento in cui ha avuto inizio la procedura di selezione del contraente, che possono determinare, senza aumento di costo, significativi miglioramenti nella qualità delle prestazioni eseguite; c) di eventi inerenti alla natura e alla specificità dei beni o dei luoghi sui quali interviene, verificatesi nel corso di esecuzione del contratto, l appaltatore è pertanto tenuto ad effettuare il servizio sia per le maggiori come per le minori quantità rispetto a quelle indicate nel presente articolato, nei limiti di un quinto del valore complessivo dell appalto, senza aver diritto a reclamare, per tale motivo, indennità o compensi di sorta, fatta eccezione, in caso di aumento delle aree su cui deve eseguirsi il servizio, del corrispettivo per il maggior impiego di forza lavoro. In questo caso il corrispettivo sarà incrementato in misura proporzionale alla stima di incremento della forza lavoro ed al valore complessivo dell appalto. 2. Nel caso in cui la variazione superi i suddetti limiti, il Committente procede alla stipula di una integrazione del contratto, con il consenso dell appaltatore. In alternativa, il Committente potrà chiedere una variazione del contratto, entro il limiti del 20% del valore complessivo dell appalto, alle medesime condizioni pattuite per l intero servizio. ARTICOLO 10: Personale dell appaltatore 1. L appaltatore, se diverso dall attuale aggiudicatario, ferma restando la risoluzione dei rapporti di lavoro dell impresa appaltatrice uscente e la liquidazione di tutto quanto dovuto per effetto della risoluzione stessa,

3 dovrà garantire, alle unità di personale che alla data di inizio dell appalto si trovano in servizio presso la gestione cessante, la continuità del rapporto di lavoro, con tutti gli effetti giuridico-economici maturati. A tale scopo si riporta, l elenco dell attuale consistenza di personale: livello CCNL coop.soc. numero addetti % part-time A1 3 76,97 A2 1 71,24 B1 1 76,97 A2 1 67,28 A2 1 73,89 A2 1 46,18 A2 1 92,10 A2 1 53,86 2. L appaltatore deve impiegare personale di sicura professionalità ed affidabilità, che parli la lingua italiana. 3. L appaltatore è responsabile, penalmente e civilmente, di tutti i danni di qualsiasi natura che dovessero prodursi a persone o cose in dipendenza dell esecuzione del presente appalto, sia nel corso del servizio di pulizia e dopo la sua ultimazione, che nel caso di mancato, tardivo, o inesatto espletamento degli interventi previsti, con particolare riguardo a quelli che garantiscono la sicurezza e l igiene delle persone. 4. L appaltatore ha l obbligo di far partecipare il proprio personale ad adeguati corsi di formazione. 5. Tutto il personale, che dipenderà ad ogni effetto dall impresa appaltatrice, dovrà mantenere in servizio un comportamento irreprensibile e decoroso, uniformandosi a tutte le disposizioni emanate dal Committente. In particolare il personale dell appaltatore dovrà essere reso edotto che il servizio è svolto in ambienti che ospitano soggetti anziani non autosufficienti, nei confronti dei quali il contegno decoroso dovrà essere mantenuto anche nei casi di disturbi comportamentali. 6. Il personale dell appaltatore ha l obbligo di segnalare ogni guasto, manomissione, alterazione od altro, che dovesse riscontrare durante l espletamento del servizio. 7. Il personale deve altresì essere di gradimento del Committente, il quale ha diritto di ottenere, su semplice richiesta, l allontanamento dal luogo di lavoro e l immediata sostituzione di qualunque dipendente dell appaltatore, qualora il comportamento non sia adeguato al contesto lavorativo. ARTICOLO 11: Osservanza delle normative laburistiche, previdenziali e assistenziali 1. L appaltatore è tenuto all osservanza di tutte le norme e prescrizioni contenute nei contratti collettivi di lavoro vigenti nel tempo e nelle leggi e regolamenti sulle assicurazioni sociali e previdenziali. In particolare l appaltatore è obbligato ad attuare nei confronti dei propri dipendenti addetti al servizio oggetto del presente appalto e, se cooperative, anche nei confronti dei soci, condizioni normative e retributive non inferiori a quelle risultanti dai contratti collettivi di lavoro vigenti per la regione Lombardia e per la provincia di Lecco. 2. L appaltatore dovrà dimostrare di avere adempiuto alle disposizioni sopra richiamate anche al fine del pagamento del corrispettivo dovuto. 3. Per le finalità di cui al comma 2, l appaltatore dovrà fornire al committente, e costantemente tenere aggiornato, l elenco del personale adibito al servizio oggetto del presente appalto, indicando nominativo, data di assunzione, tipologia contrattuale, livello di inquadramento e tutto quanto sia necessario al Committente per effettuare i dovuti controlli. ARTICOLO 12: Suddivisione in lotti, divieto di cessione e subappalto del contratto. 1. L appalto non è suddiviso in lotti 2. E vietata la cessione del contratto. 3. Il subappalto è ammesso con le modalità di cui all art118 del D. Lgs. n. 163/2006. In caso di subappalto, è fatto obbligo all impresa affidataria di trasmettere, entro venti giorni dalla data di ciascun pagamento effettuato nei confronti del subappaltatore, copia delle fatture quietanzate relative ai pagamenti corrisposti dall affidatario al subappaltatore, con l indicazione delle ritenute di garanzia effettuate. Qualora l affidatario non trasmetta le fatture quietanzate dal subappaltatore entro il predetto termine, la stazione appaltante sospenderà il successivo pagamento a favore dell affidatario. Gli eventuali subappaltatori devono essere in possesso dei requisiti di cui 3

4 4 all art. 38 del d.lgs. n. 163/2006. Le obbligazioni in tema di codice etico della Stazione Appaltante e di tracciabilità finanziaria si applicano anche ai subappaltatori. ARTICOLO 13: Cauzione definitiva 1. A garanzia degli esatti adempimenti degli obblighi assunti, l aggiudicatario è obbligato a costituire garanzia fideiussoria pari al 10 per cento dell importo contrattuale (al netto dell I.V.A.). In caso di aggiudicazione con ribasso superiore al 10 per cento rispetto agli importi indicati dal presente disciplinare, la garanzia fideiussoria è aumentata di tanti punti percentuali quanti sono quelli eccedenti il 10 per cento; ove il ribasso sia superiore al 20 per cento, l aumento è di due punti percentuali per ogni punto di ribasso superiore al 20%. L importo della garanzia è ridotto del cinquanta per cento per gli operatori economici ai quali venga rilasciata, da organismi accreditati, ai sensi delle norme europee della serie UNI CEI EN e della serie UNI CEI EN ISO/IEC 17000, la certificazione del sistema di qualità conforme alle norme della serie UNI CEI ISO Per fruire del beneficio di cui trattasi, l operatore economico segnala, in sede di offerta, il possesso del requisito, e lo documenta nei modi prescritti dalle norme vigenti. La fideiussione bancaria o la polizza assicurativa dovrà prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la rinuncia all eccezione di cui all art. 1957, comma 2 del Codice Civile, nonché l operatività della garanzia medesima, entro quindici giorni, a semplice richiesta della Direzione dell Azienda Speciale. L atto di costituzione della fidejussione dovrà altresì contenere un espressa disposizione in forza della quale la cauzione sarà tacitamente rinnovata, con l obbligo dell impresa di provvedere al pagamento dei premi o commissioni suppletivi, anche oltre il termine di scadenza riportato nell atto fideiussorio, fino al momento in cui la stessa impresa obbligata consegni al fideiussore l originale della polizza, corredato dal benestare allo svincolo da parte della Stazione Appaltante. La garanzia definitiva dovrà essere costituita entro quindici giorni dal ricevimento della comunicazione dell esito della gara e comunque prima della stipulazione del contratto. La mancata costituzione della garanzia determinerà la decadenza dall affidamento e l acquisizione della cauzione provvisoria da parte della stazione appaltante, che aggiudicherà l appalto al concorrente che segue nella graduatoria. Qualora, per ragioni d urgenza, si proceda alla consegna del servizio sulla base dell aggiudicazione definitiva, prima della stipulazione del contratto, l appaltatore è tenuto a documentare l esistenza della prescritta garanzia al momento della consegna, prima di dare inizio all esecuzione del servizio. In ogni caso, in difetto di costituzione della garanzia, e fino alla presentazione della documentazione dimostrativa dell avvenuta costituzione, non potrà procedersi alla consegna del servizio. La cauzione definitiva è prestata a garanzia di ogni adempimento dell Impresa, nonché per danni di qualunque natura provocati per effetto dell esercizio della prestazione. Si provvederà allo svincolo della cauzione definitiva entro tre mesi dalla risoluzione del rapporto previo accertamento dell esatto adempimento di tutte le obbligazioni derivanti dal rapporto contrattuale da parte dell Impresa, anche con riferimento alla conduzione, custodia ed utilizzo dei beni immobili e mobili di proprietà del committente. Fatto salvo il diritto al risarcimento degli eventuali maggiori danni, l Azienda Speciale del Comune di Monticello Brianza potrà trattenere sull ammontare della cauzione definitiva i crediti vantati nei confronti dell aggiudicatario e derivanti dal contratto di appalto. In tal caso l appaltatore dovrà provvedere alla reintegrazione della garanzia entro 30 (trenta) giorni dalla richiesta di reintegro. In caso di risoluzione del contratto per inadempimento dell appaltatore, l Azienda Speciale tratterrà, a titolo di penale, e fatto salvo il diritto al risarcimento dell eventuale maggior danno, la somma depositata in garanzia ovvero provvederà ad escutere la fideiussione. ARTICOLO 14 Spese 1. Tutte le spese per l organizzazione ed il funzionamento del servizio sono a carico dell appaltatore. 2. Sono altresì a totale carico dell appaltatore le tasse dirette ed indirette, presenti o future, comunque derivanti dal presente appalto, registrazione del contratto, bolli, diritti di segreteria, ecc, ivi comprese tutti i costi, nessuno escluso, sostenute dalla stazione appaltante per il procedimento di gara. ARTICOLO 15 Pagamenti. 1. Il pagamento delle fatture avverrà a cadenza mensile e sarà effettuato solo a seguito di verifica di regolarità contributiva (D.U.R.C.), mediante bonifico bancario entro 30 giorni dal ricevimento, su conto corrente bancario o postale che l appaltatore ai sensi dell articolo seguente. ARTICOLO 16 Tracciabilità dei flussi finanziari 1. L appaltatore assume tutti gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui all articolo 3 della legge 13 agosto 2010, n. 136 e successive modifiche e integrazioni. I pagamenti al medesimo appaltatore potranno essere effettuati esclusivamente con le modalità previste dalla L. 136/10 e s.m.i., in base alla quale lo stesso dovrà assumere tutti gli obblighi previsti e fornire i dati per la tracciabilità dei flussi finanziari, ovvero il codice IBAN del conto corrente dedicato sul quale devono transitare tutti i movimenti finanziari relativi al servizio di cui al presente capitolato, nonché le generalità ed il codice fiscale delle persone fisiche abilitate ad operare sul conto. In assenza di tali dati o di comunicazione dell eventuale variazione del conto, nessuna responsabilità è imputabile al Committente per i ritardi

5 o le omissioni in sede di pagamento. 2. L appaltatore si impegna a dare immediata comunicazione al committente e alla Prefettura-ufficio territoriale del Governo, competente per territorio, della notizia dell inadempimento della propria controparte (subappaltatore/subcontraente) agli obblighi di tracciabilità finanziaria. ARTICOLO 17 Penalità 1. L'appaltatore, nell'esecuzione dei servizi previsti dal presente Capitolato, avrà l obbligo di uniformarsi a tutte le disposizioni di legge e di regolamento concernenti il servizio stesso. 2. Nel caso in cui non venga eseguito il servizio, l appaltatore sarà gravato di una penalità pari al doppio dell importo della frazione di canone relativa a quel giorno, oltre al rimborso dell'eventuale somma pagata dal committente per assicurare il servizio; dal terzo giorno di mancata esecuzione si considererà come abbandono del servizio con conseguente risoluzione del contratto. 3. Per inadempienze a seguito di controlli saranno applicate le seguenti penali: TIPO DI INADEMPIMENTO PENALE APPLICATA Prestazioni insufficienti o scadenti, rilevate o contestate Da 100,00 a 200,00 Mancato espeltamento del servizio per un solo giorno 500,00 al giorno mancata fornitura di prodotti per le pulizie Da 100,00 a 300,00, oltre al rimborso delle spese sostenute per acquisto prodotti Mancato rispetto del calendario e/o della cadenza degli interventi Fino a 500,00 al mese 4. In caso di recidiva nell'arco di validità del contratto sarà applicata una sanzione del valore doppio rispetto a quelli indicati in precedenza. 5. Gli addebiti devono essere contestati all Impresa entro i 10 giorni successivi dall avvenuta conoscenza del fatto. L Impresa stessa può far pervenire nei 7 giorni lavorativi successivi le controdeduzioni all addebito. Qualora la Stazione Appaltante, a proprio insindacabile giudizio: valuti positivamente gli elementi giustificativi presentati dalla ditta, ne darà comunicazione alla stessa entro il termine di trenta giorni; - ritenga insufficienti gli elementi presentati dall Impresa a giustificazione della mancanza contestata o non riceva alcunché dall Impresa stessa, comunicherà, entro il termine di trenta giorni, l ammontare della penale che l Impresa dovrà versare nel termine di 30 gg, fatta salva la possibilità per la Stazione Appaltante di rivalersi sul deposito cauzionale o mediante ritenuta diretta sui pagamenti che la Stazione Appaltante deve effettuare all impresa medesima. 6. Anche a seguito dell applicazione di penalità la Stazione Appaltante mantiene inalterato il diritto all azione risarcitoria quando ne ricorrano le condizioni. ARTICOLO 18 Assicurazioni 1. L appaltatore è responsabile, in via diretta ed esclusiva, dei danni derivanti alle persone fisiche e cose determinati da negligenza, imprudenza, imperizia, inosservanza di leggi e di prescrizioni impartite dal committente, arrecati per fatto, anche omissivo, proprio o dei propri dipendenti o di persone da essa chiamate in luogo per qualsiasi motivo, sollevando il committente da ogni responsabilità e conseguenza civile e penale. L appaltatore medesimo è tenuto all integrale risarcimento dei danni di cui sopra. 2. L appaltatore dovrà stipulare apposita polizza assicurativa a copertura della responsabilità civile derivante dall esecuzione del presente contratto, con validità non inferiore alla durata del servizio oggetto del presente contratto. La polizza dovrà avere il massimale unico per sinistro non inferiore a euro per R.C.T. e R.C.O. Eventuali franchigie e/o scoperti e limitazioni di copertura assicurativa restano a totale carico dell impresa. Copia delle polizze assicurative stipulate dovrà essere consegnata alla Stazione Appaltante prima dell inizio della gestione e ogni anno l impresa dovrà presentare copia della quietanza di pagamento del premio relativo alle polizze medesime. ARTICOLO 19 Contratto 1. Ai sensi dell art. 137 del d.lgs , il presente capitolato speciale, il modulo di offerta e l offerta tecnica, il DUVRI, le polizze di garanzia, firmati e/o siglati in ogni pagina dal legale rappresentante dell impresa aggiudicataria, costituiranno parti integranti e sostanziali del contratto. ARTICOLO 20: Descrizione dettagliata del servizio 1. Il servizio dovrà essere svolto a regola d arte e tenendo conto della particolare categoria di utenza a cui il servizio è rivolto. 5

6 Oggetto del servizio Il servizio riguarderà i seguenti manufatti: - pavimenti di qualsiasi tipo e materiali siano costituiti; - scale, pareti, nicchie anche nelle pareti non in vista, pilastri, controsoffittature, soffitti, e imposte varie, persiane; - corpi illuminanti, lampadine spia; - porte e soprapporte, stipiti, maniglie, corrimano, ringhiere, zoccolature; - infissi e serramenti interni ed esterni, vetri di qualunque tipo ed in qualunque posto ubicati, davanzali e terrazzi; - pareti leggere, divisori fissi e mobili; - quadri, specchi, posacenere, portarifiuti, elementi igienico-sanitari, targhe; - radiatori ed altri corpi riscaldanti; - apparecchi telefonici; - tutto il materiale di arredamento ordinario quale il mobilio e le suppellettili in ogni loro superficie e componente; - attrezzature non sanitarie; - arredamento sanitario in qualsiasi posto collocato; - zerbini; - monitor e tastiere di personal computer; Descrizione delle prestazioni Si definiscono qui di seguito le attività e le rispettive caratteristiche generali che costituiscono il servizio PULIZIA: E l operazione con cui si asporta lo sporco dalle superfici senza deteriorare o alterare le superfici stesse, ma anzi mirando alla loro più lunga conservazione. SANIFICAZIONE: E l operazione che esprime un complesso di attività e di norme atte a rendere un ambiente sano e idoneo alla sua destinazione, riducendo la carica microrganica ambientale a un valore tanto basso da non essere dannoso. SANITIZZAZIONE: Metodica che si avvale dell uso di disinfettanti per mantenere, per un periodo di tempo, il livello di sicurezza di contaminazione nei limiti fissati dalle norme di igiene su oggetti e superfici. DISINFEZIONE: E l operazione per diminuire la carica batterica (batteri patogeni) con l aiuto di un disinfettante, dopo l operazione di pulizia. SPOLVERATURA A UMIDO: E l operazione di pulizia delle superfici utilizzando un panno ben strizzato e imbevuto di un prodotto detergente. SCOPATURA A UMIDO: E l operazione per l eliminazione delle polveri e dello sporco non ancorato al pavimento a mezzo di una scopa speciale avente un basamento sul quale viene applicata una garza monouso pre impregnata. SCOPATURA A SECCO: E l operazione come sopra utilizzando una scopa tradizionale a setole. LAVATURA PAVIMENTI: E l operazione per l eliminazione dello sporco ancorato al pavimento utilizzando un prodotto chimico e una azione abrasiva. LUCIDATURA CON METODO SPRAY: E l operazione per l eliminazione dello sporco, dei segni neri e ripristino delle superfici trattate a cera (in modo da renderle pulite e lucide) con monospazzola, disco abrasivo e prodotto detergente/incerante con caratteristiche antisdrucciolo. BATTITURA E ASPIRAZIONE: E l operazione per l eliminazione delle polveri e dello sporco non ancorato dai pavimenti tessili, corsie e tappeti con una attrezzatura elettromeccanica avente una spazzola rotante per la rimozione delle polveri in profondità e un aspirapolvere per la loro aspirazione contemporanea (battitappeto). RINNOVO FILM POLIMERICO: E l operazione per l eliminazione della cera esistente nei pavimenti con azione elettromeccanica e prodotto decerante, successivi risciacqui per l eliminazione totale dei residui di decerante e la stesura del nuovo film polimerico (almeno due strati a mani incrociate) con caratteristiche antisdrucciolo. LAVAGGIO DEI VETRI: E l operazione per l eliminazione dello sporco dalle superfici in vetro e dei relativi infissi/telai. Aree di attivita e modalita svolgimento prestazioni Le attività descritte nell articolo precedente vanno prestate nelle seguenti zone della struttura e secondo le seguenti modalità. AREE ASSISTENZIALI E SANITARIE (stanze degli ospiti e servizi igienici, soggiorni, sale da pranzo, infermeria e sale ad uso medico, ripostigli e guardaroba nelle unità abitative, palestra, bagni assistiti). Operazioni a frequenza giornaliera MATTINO/POMERIGGIO 1. Arieggiamento degli ambienti; 2. Spolveratura a umido/sanitizzazione, con soluzione disinfettante/detergente, di tavoli, sedie, maniglie, porte, corrimano, ogni superficie piana lavabile fino ad altezza uomo, con rimozione di impronte o macchie su porte, sportelliere e pareti in vetro; 6

7 2.bis. Sparecchiature e pulizia dei tavoli e delle sedie nelle sale da pranzo e nelle cucinine dei nuclei abitativi (14 sale da pranzo in tutto: 4 sale da pranzo nel reparto rosso, 4 sale da pranzo nel reparto giallo, 2 sale da pranzo nel reparto verde, 2 sale da pranzo nel reparto azzurro, 1 sala da pranzo nel reparto marrone 1, 1 sala da pranzo nel reparto marrone 2; 6 cucinine in tutto, una per reparto; 45 tavoli in tutto). Devono poi essere accompagnati nella cucina centrale della RSA i carrelli con le stoviglie sporche e, infine, puliti i pavimenti delle sale da pranzo e dei cucinini 1 3. Lavaggio e sanitizzazione, con soluzione disinfettante/detergente, di tutte le aree lavabo, lavandini, rubinetterie, specchi, mensole, distributori e qualsiasi altro impianto e accessorio, pareti adiacenti comprese; 4. Distribuzione di qualsiasi prodotto di consumo negli appositi contenitori (saponi, asciugamani); 5. Scopatura dei pavimenti con garze elettrostatiche e scopa lamellare e sanitizzazione comprese le parti sottostanti ai mobili; 6. Pulizia e sanitizzazione, con soluzione disinfettante/detergente, corrimano, apparecchi telefonici; 7. Vuotatura e pulizia esterna dei recipienti porta rifiuti, cestini porta carta, con cambio del sacco a perdere; 8. Raccolta e smaltimento di tutti i rifiuti, compresi quelli di grossa pezzatura, nel rispetto delle indicazioni impartite per la raccolta differenziata; 9. Trasporto al punto di raccolta, di tutti i sacchi; 10. Pulizia e sanitizzazione dei box per lo stoccaggio dei rifiuti. 11. Il personale addetto alla pulizia degli ambienti sanitari è tenuto a rimuovere sporco derivante da elementi biologici degli anziani. Operazioni a frequenza settimanale 1. Pulizia di pavimenti, tappeti, zerbini, con battitappeto per uso industriale, aspirazione nella zona sottostante, pulizia e sanificazione dello stesso; 2. Pulizia e sanitizzazione, con soluzione disinfettante/detergente, di armadi, compresa la parte superiore, sedie, poltrone, davanzali interni, porte, mobili, interruttori, pulsantiere, protezioni antiurto, e ogni altro accessorio a contatto frequente di più persone; 4. Pulizia scale; 5. Asportazione delle ragnatele. Operazioni a frequenza mensile 1. Lavaggio dei davanzali esterni, di terrazzi, balconi, parapetti, scale di sicurezza; 2. Ripristino delle superfici protette da emulsioni autolucidanti (spray-cleaning) con caratteristiche antisdrucciolo; 3. Decalcificazione delle rubinetterie; Operazioni a frequenza bimestrale 1. Aspirazione e spolveratura a umido dei termoconvettori, caloriferi, apparecchi di condizionamento, bocchette di aerazione, apparecchi fissi di illuminazione (operazione da effettuarsi, ove necessario, in condizione di isolamento elettrico) con soluzione disinfettante detergente; 8. Lavaggio vetri e infissi ingresso principale corridoio e salone centrale; 10.Lavaggio con macchina dei pavimenti dei bagni dei nuclei. Operazioni a frequenza trimestrale 1. Lavaggio vetri nuclei; Operazioni a frequenza semestrale 1. Pulizia e sanitizzazione di tutte le aree interessate (superfici lavabili e controsoffitti compresi), con eventuale asportazione dai locali delle attrezzature; 2. Lavaggio a fondo dei pavimenti (esteso agli zoccoli), asportazione dell esistente film polimerico, posa in opera con stratificazioni successive differenziate del nuovo film polimerico autolucidante con caratteristiche antisdrucciolo; 3. Sanitizzazione degli apparecchi di illuminazione. 3. Lavaggio di pareti piastrellate o lavabili. AREE AMMINISTRATIVE, COMUNI E DI SERVIZIO Le attività descritte nell articolo precedente vanno prestate secondo le seguenti modalità. AREE ESTERNE SCOPERTE E AREE DI ACCESSO: scale di accesso, porticati, 1 Comma inserito con determinazione del RUP prot. 305 del

8 marciapiedi, atri e ascensori, area raccolta rifiuti, cortile esterno, terrazzo Area esterna entrata via Sirtori, Area esterna giardino all italiana Appalto Servizio Pulizia Ambienti RSA Monticello Firma dell appaltatore Operazioni a frequenza giornaliera 1. Scopatura e asportazione dello sporco solido. 2. Pulizia e lavaggio degli ascensori, da ripetere a seconda delle necessità; 3. Lavaggio dei pavimenti ove piastrellati o lavabili. Operazioni a frequenza settimanale 1. Deragnatura; 2. Spolveratura ad umido di superfici soggette a deposito di polvere 3. Scopatura a secco e pulizia area ecologica, cortile esterno e vialetti esterni. 4. Pulizia delle pilette di scarico a pavimento nelle aree esterne AREE AD UTILIZZO LIMITATO: (scantinati, terrazze, vani di condizionamento, depositi Operazioni a frequenza mensile 1. Deragnatura; 2. Scopatura e asportazione dello sporco solido; 3. Spolveratura ad umido di superfici soggette a deposito di polvere; 4. Lavaggio dei pavimenti ove piastrellati o lavabili. AREE DEI LOCALI TECNICI: (archivi, magazzini) Operazioni di frequenza settimanale 1. Scopatura e asportazione dello sporco solido. Operazioni a frequenza mensile 1. Deragnatura; 2. Spolveratura ad umido di superfici soggette a deposito di polvere; 3. Lavaggio dei pavimenti ove piastrellati o lavabili. AREE AMMINISTRATIVE E DI SERVIZIO: Uffici con annessi servizi, locali portineria, ADI con annessi servizi, Direzione Sanitaria, Studio Medico, Ufficio Assistente Sociale: mattino; spogliatoi, lavanderia e guardaroba, palestra, camera mortuaria: pomeriggio 2. Operazioni a frequenza giornaliera 1. Arieggiamento; 2. Vuotatura e pulizia esterna dei recipienti porta rifiuti, cestini porta carta, con eventuale cambio del sacco a perdere; 3. Raccolta di tutti i rifiuti e scarti di imballaggio di grossa pezzatura nel rispetto delle indicazioni impartite per la raccolta differenziata; 4. Trasporto al punto di raccolta nei cassonetti della nettezza urbana o, secondo diverse indicazione del referente di struttura, nelle diverse zone, di tutti i sacchi e contenitori dei rifiuti; 5. Spolveratura a umido di: scrivanie, sedie (comprese le razze), tavoli, seggiolini, superfici esterne degli armadi e qualsiasi altra superficie libera soggetta a deposito di polvere; 6. Scopatura a umido di tutti i pavimenti, scale, pianerottoli, compresi gli ascensori e i montacarichi, con particolare riguardo alle canalette di scorrimento delle porte; 7. Distribuzione di qualsiasi prodotto di consumo negli appositi contenitori (carta igienica, saponi, asciugamani); 8. Lavaggio accurato con detergente/sanitizzante di pavimenti, porte, maniglie, corrimano e simili. Operazioni a frequenza settimanale 2 Capoverso così modificato con determinazione del RUP prot. 305 del 23 giugno

9 1. Spolveratura ad umido di mobili ed arredi; 2. Spolveratura ad umido di davanzali interni ed esterni di scale e aree comuni; 3. Pulizia, con specifici prodotti, delle macchine per scrivere, macchine elettrocontabili, calcolatrici, terminali, personal computer, stampanti, materiali didattici; 4. Spolveratura e/o aspirazione di pareti e soffitti con asportazione delle ragnatele; Operazioni a frequenza mensile 1. Lavaggio e sanitizzazione dei cestini porta rifiuti, eventuali posacenere a piletta; 2. Lavaggio e lucidatura dei pavimenti protetti con emulsioni autolucidanti con caratteristiche antisdrucciolo; 3. Pulizia ed eliminazione di impronte e macchie da pareti e soffitti lavabili provvedendo, se ciò non fosse possibile, alla sola spolveratura o aspirazione. 4. Lavaggio dei vetri interni ed esterni con specifico prodotto; Operazioni a frequenza bimestrale 1. Spolveratura ad umido e/o aspirazione di termoconvettori, caloriferi, apparecchi di condizionamento, bocchette di aerazione, controsoffitti e successivo lavaggio di termoconvettori, caloriferi, mobiletti di condizionamento, bocchette di aerazione; 2. Lavaggio di tutti i davanzali interni ed esterni; 3. Aspirazione e spolveratura a umido di tende lamellari e tende a bande verticali. Operazioni a frequenza semestrale 1. Lavaggio e sanificazione di tutti i rivestimenti murali lavabili (marmo, piastrelle, mosaico, plastica e simili) non altrimenti indicati; 2. Lavaggio e sanificazione delle pareti verticali delle scale, in concomitanza con il lavaggio dei pianerottoli e rampe; 3. Lavaggio a fondo dei pavimenti (esteso agli zoccoli), asportazione dell esistente film polimerico, posa in opera con stratificazioni successive differenziate del nuovo film polimerico autolucidante con caratteristiche antisdrucciolo. SERVIZI IGIENICI COMUNI servizi igienici del pubblico, spogliatoi Operazioni a frequenza giornaliera 1. Ricambio d aria ambientale, ove possibile; 2. Vuotatura e pulizia dei recipienti porta rifiuti con cambio del sacco a perdere; 3. Raccolta e trasporto nei punti di stoccaggio dei rifiuti; 4. Spolveratura ad umido di specchi, mensole e porta sapone; 5. Scopatura ad umido dei pavimenti; 6. Sanitizzazione (con soluzione detergente/disinfettante) di lavandini, water, scopino e porta scopino, superfici piastrellate ad altezza d uomo; 7. Distribuzione di qualsiasi prodotto di consumo negli appositi contenitori, previa pulizia del dispenser (carta igienica, saponi, asciugamani); 8. Pulitura e sanitizzazione delle pilette di scarico. Operazioni a frequenza settimanale 1. Disincrostazione delle tazze WC; AREE AD ALTA E/O FREQUENTE PERCORRENZA O UTILIZZO Entrate comprese la parte esterna, Scale, Corridoi Salone TV Salone occupazionale Cappella e sacrestia* Tutte le atre aree non specificatamente indicate che sono di utilizzo comune Operazioni a frequenza giornaliera 1. Arieggiamento; 2. Vuotatura e pulizia esterna dei recipienti porta rifiuti, cestini porta carta, con eventuale cambio del sacco a perdere, pulizia del posacenere; 3. Raccolta di tutti i rifiuti compresi quelli di grossa pezzatura nel rispetto delle indicazioni impartite per la raccolta differenziata; 9

10 4. Trasporto al punto di raccolta, di tutti i sacchi e contenitori dei rifiuti; 5. Spolveratura ad umido di sedie, tavoli, seggiolini, ripiani, panche, superfici esterne degli armadi e qualsiasi altra superficie libera soggetta a deposito polvere; 6. Pulizia ed eliminazione di impronte e macchie su entrambe le facce di porte, sportelli,vetrate, interruttori nonché, all occorrenza, da pareti; 7. Sanitizzazione dei telefoni sia pubblici che interni; 8. Sanitizzazione di maniglie, pulsantiere, corrimano; 9. Scopatura ad umido di tutti i pavimenti, scale, pianerottoli, compresi gli ascensori; 10. Sanificazione delle aree di distribuzione caffè e bevande; 11. Pulizia con battitappeto di pavimenti e zerbini, ove esistenti; 12. Rifornimento di qualsiasi prodotto di consumo negli appositi contenitori (carta igienica, saponi, asciugamani, deodoratori); 13. Lavaggio manuale o meccanico dei pavimenti. Operazioni a frequenza settimanale 1. Spolveratura ad umido di mobili ed arredi, cabine telefoniche, radiatori; 2. Spolveratura ad umido di davanzali interni ed esterni di scale e aree comuni; 3. Pulizia, con specifici prodotti, delle macchine per scrivere, macchine elettrocontabili, calcolatrici, terminali, personal computer, stampanti, materiali didattici; 4. Lavaggio accurato con detergente/sanitizzante di pavimenti, porte, maniglie, corrimano e simili; 5. Lavaggio e sanitizzazione di scale, ringhiere, parapetti, pianerottoli, scale di sicurezza. Operazioni a frequenza mensile 1. Lavaggio e sanitizzazione dei cestini porta rifiuti, eventuali posacenere a piletta; 2. Lavaggio e lucidatura dei pavimenti protetti con emulsioni autolucidanti con caratteristiche antisdrucciolo; 3. Pulizia ed eliminazione di impronte e macchie da pareti e soffitti lavabili; 4. Lavaggio delle superfici vetrate con specifico prodotto con l ausilio, ove necessario, di scale, ponteggi, cella idraulica; 5. Spolveratura ad umido e/o aspirazione di termoconvettori, caloriferi, apparecchi di condizionamento, bocchette di aerazione, controsoffitti e successivo lavaggio di termoconvettori, caloriferi, mobiletti di condizionamento, bocchette di aerazione. Operazioni a frequenza bimestrale 1. Lavaggio di tutti i davanzali interni ed esterni; 2. Lavaggio di pareti piastrellate o lavabili; 3. Aspirazione e spolveratura a umido di tende lamellari e tende a bande verticali. Operazioni a frequenza semestrale 1. Lavaggio e sanificazione di tutti i rivestimenti murali lavabili (marmo, piastrelle, mosaico, plastica e simili) non altrimenti indicati; 2. Lavaggio e sanificazione delle pareti verticali delle scale, in concomitanza con il lavaggio dei pianerottoli e rampe; 3. Lavaggio a fondo dei pavimenti (esteso agli zoccoli), asportazione dell esistente film polimerico, posa in opera con stratificazioni successive differenziate del nuovo film polimerico autolucidante. Smaltimento dei rifiuti e sanificazione ambientale La ditta appaltatrice si impegna ad attenersi alle seguenti disposizioni per lo smaltimento dei rifiuti e per la sanificazione degli ambienti: Rifiuti urbani ed assimilati raccolta differenziata. La raccolta dei rifiuti solidi urbani e dei rifiuti assimilati ai rifiuti solidi urbani nell ambito della struttura sarà svolta giornalmente con riempimento dei cassonetti divisi per tipologia di raccolta differenziata. - Rifiuti speciali. La raccolta dei rifiuti speciali, di qualsiasi tipo, sarà svolta nelle forme e con le modalità stabilite dalla normativa in vigore. La pulizia di termoconvettori e condizionatori o apparecchi similari deve essere effettuata limitatamente alle superfici esterne degli stessi, con l avvertenza di non danneggiare o manomettere i vari congegni. La ditta concorderà con la Direzione della struttura le modalità operative, al fine di non intralciare altre attività della struttura stessa. Oltre alle prestazioni meglio descritte negli articoli precedenti, la ditta appaltatrice, su richiesta della Direzione della struttura, sarà altresì tenuta a svolgere i seguenti interventi: 1. Operazioni di pulizia finalizzate al ripristino, alle condizioni originarie, dei locali a seguito di interventi manutentivi, quali pitturazioni, rifacimento pavimentazione e quant altro; 10

11 2. sgorgatura di scarichi e di sanitari, evitando l uso di prodotti corrosivi; Le operazioni di cui sopra saranno tuttavia oggetto di nuovo preventivo soggetto ad approvazione da parte del direttore della struttura. Fornitura del materiale di pulizia Sono a totale carico della ditta appaltatrice tutti gli articoli di consumo necessari all espletamento del servizio. I materiali non ritenuti adeguati dalla Azienda Speciale dovranno essere tempestivamente sostituiti dalla ditta appaltatrice con altri ritenuti idonei La ditta dovrà altresì garantire il ripristino, negli appositi contenitori, dei sacchi per le immondizie, di misura grande e piccola, per i cestini dei rifiuti, nonché dei materiali di consumo per i servizi igienici e per i lavabi siti nei diversi ambienti: carta igienica, asciugamani di carta (in rotolo e/o ripiegati a C), sapone liquido e/o solido, con acquisto a proprio carico dei relativi materiali. La ditta aggiudicataria si obbliga comunque a provvedere, a cura e carico propri e sotto la propria responsabilità, a tutte le spese occorrenti, secondo i più moderni accorgimenti della tecnica, per garantire la completa sicurezza durante l esercizio dei lavori e l incolumità delle persone addette ai lavori stessi, nonché per evitare incidenti e/o danni di qualsiasi natura a persone o cose, finalizzate allo svolgimento dei lavori medesimi ed esonerando di conseguenza l Azienda Speciale da ogni e qualsiasi responsabilità. La ditta aggiudicataria si obbliga altresì ad impiegare per tutta la durata dell appalto il materiale, le attrezzature ed i dispositivi che indicherà in uno specifico elenco da sottoporre all approvazione della direzione dell Azienda Speciale ed a sostituire prontamente con prodotti simili, sempre previa autorizzazione della Azienda Speciale, quelli che per qualsiasi motivo venissero meno durante il periodo di validità dell appalto stesso. Utilizzo delle macchine e delle attrezzature 1. Tutte le macchine, le attrezzature e i mezzi d'opera necessari per la esecuzione del servizio di cui trattasi dovranno essere conferiti dalla ditta appaltatrice. 2. La ditta appaltatrice dovrà predisporre, prima dell avvio del servizio, un elenco relativo alle attrezzature ed alle macchine che intende usare, tutte idoneamente certificate e sottoposte con regolarità alle verifiche previste dalla legislazione sulla prevenzione, che intende usare per la prestazione dei servizi nei luoghi di esecuzione dell appalto e consegnarlo alla Azienda Speciale. Qualsiasi utilizzo delle macchine, attrezzature e strumenti dell Azienda Speciale da parte del personale della ditta appaltatrice potrà avvenire solo previa autorizzazione scritta preventiva dell Amministrazione. In questo caso, all'atto dell autorizzazione, la ditta appaltatrice dovrà verificarne, unitamente al referente della Casa di Riposo, l eventuale messa in sicurezza, assumendosi, da quel momento, ogni responsabilità connessa all'uso da parte del proprio personale. L autorizzazione sarà sottoscritta per presa d atto di quanto previsto al comma precedente dal referente della ditta appaltatrice e dal referente della Casa di Riposo. ARTICOLO 21 interruzione del servizio 1. Il servizio oggetto del presente appalto per nessuna ragione può essere sospeso o interrotto, eccetto il caso di sciopero o per cause di forza maggiore. In questi casi, comunque, l appaltatore deve dare tempestiva comunicazione, anche telefonica, al committente, il quale potrà adottare tutti i possibili rimedi, ivi compresi l intervento diretto nella gestione del servizio o il ricorso a terzi. 2. Qualora l appaltatore ometta di eseguire, anche parzialmente, il servizio, il Committente potrà ricorrere ad altra impresa senza alcuna ulteriore formalità nei confronti dell appaltatore, al quale saranno addebitati i relativi costi e l eventuale risarcimento del danno. ARTICOLO 22 Clausola risolutiva espressa 1. Ai sensi dell art del Codice Civile, si potrà procedere alla risoluzione del contratto, senza pregiudizio di ogni altra azione per rivalsa di danni, nei seguenti casi: a) comportamento non in linea con il Codice Etico e con il Modello Organizzativo di Gestione e Controllo dell Azienda Speciale del Comune di Monticello Brianza Casa di Riposo Monticello, che possa esporre quest ultima al rischio dell applicazione delle sanzioni previste dal Decreto Legislativo n. 231/2001 e dalle norme da esso richiamate anche in materia di salute e sicurezza sul lavoro; b) mancato rispetto degli obblighi in tema di tracciabilità dei flussi finanziari; c) interruzione completa del servizio priva di giustificazione e di preavviso, anche per un solo giorno. ARTICOLO 23 Controversie 11

12 1. L appaltatore deve comunicare espressamente l indirizzo in cui dovranno essere notificati dal committente eventuali atti giudiziari ed altri atti. 2. Per ogni controversia che dovesse insorgere fra le parti per l esecuzione e per l interpretazione del presente contratto, è competente esclusivamente il foro di Lecco. ARTICOLO 24 Segreto d ufficio 1. L appaltatore ed il suo personale devono mantenere il segreto d ufficio e la riservatezza su tutti i fatti, dati, notizie concernenti l organizzazione e l andamento delle unità abitative della RSA e di ogni reparto dell Azienda committente, gli ospiti e ogni altro soggetto a qualsiasi titolo ivi operante. ARTICOLO 25 Trattamento dei dati personali. 1. L Impresa aggiudicataria è nominata responsabile del trattamento dei dati personali e sensibili forniti. 2. Il trattamento dei dati dovrà essere effettuato nel rispetto della normativa vigente in materia (D. Lgs. 196/03 - T.U. sulla privacy - e successive modifiche e/o integrazioni), pertanto i dati forniti potranno essere utilizzati dall Impresa solo per le finalità inerenti alla gestione del presente contratto e l Impresa si impegnerà a custodire e non divulgare notizie e informazioni di cui possa essere venuta eventualmente a conoscenza nell espletamento del servizio e che riguardino gli utenti e la Stazione Appaltante. ARTICOLO 26 Allegato 1. Allegata al presente copia in formato ridotto della planimetria degli ambienti della Casa di Riposo Monticello. La planimetria in scala 1:200 può essere visionata presso l Azienda Speciale RSA Monticello. 12

Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À

Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali C O M U N E di AMALFI U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À R E L A Z I O N E T E C N I C A P E R I L S E R V I Z I O D I P U

Dettagli

COMUNE DI LECCO. Settore finanziario, società partecipate gare e contratti Servizio economato e provveditorato

COMUNE DI LECCO. Settore finanziario, società partecipate gare e contratti Servizio economato e provveditorato COUNE DI LECCO ettore finanziario, società partecipate gare e contratti ervizio economato e provveditorato ALLEATO C CHEDE DI PULIZIA ED IIENE ABIENTALE LEENDA. = Tutti i giorni (da lunedì a venerdì più

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO AFFIDAMENTO SERVIZIO DI PULIZIA PER I LOCALI DELLA SEDE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO AFFIDAMENTO SERVIZIO DI PULIZIA PER I LOCALI DELLA SEDE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMPRENSORIO DI CIVITAVECCHIA CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO AFFIDAMENTO SERVIZIO DI PULIZIA PER I LOCALI DELLA SEDE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

UFFICIO TECNICO COMUNALE

UFFICIO TECNICO COMUNALE UFFICIO TECNICO COMUNALE COMUNE DI TRIGGIANO P.IVA: 00865250724 - Tel. 0804628.206 - Fax: 0804628.203 e-mail: llpp@comune.triggiano.bari.it SERVIZIO DI PULIZIA IMMOBILI COMUNALI, CUSTODIA E MANUTENZIONE

Dettagli

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione REGIONE CALABRIA Azienda Ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione Servizio pulizie - ALLEGATO N 2 Pagina 1 di 6 PULIZIA GIORNALIERA AREE AD ALTO RISCHIO 1 Servizi

Dettagli

CAPITOLATO PER I LAVORI DI PULIZIA PRESSO GLI EDIFICI COMUNALI ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

CAPITOLATO PER I LAVORI DI PULIZIA PRESSO GLI EDIFICI COMUNALI ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO ALLEGATO B Comune di Verdellino (Provincia di Bergamo) Piazza don Martinelli, 1-24040 Verdellino cod.fisc./p.iva 00321950164 - tel. 0354182811 fax. 0354182899 E-Mail: info@comune.verdellino.bg.it PEC:

Dettagli

ARTICOLO 2: DESCRIZIONE DEI SERVIZI DA APPALTARE

ARTICOLO 2: DESCRIZIONE DEI SERVIZI DA APPALTARE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI ANIMAZIONE, ASSISTENZA DIRETTA AGLI ANZIANI RESIDENTI E CURA DEGLI AMBIENTI NELLA CASA DI RIPOSO MONTICELLO. CODICE CIG 04649053BD TITOLO

Dettagli

GARA D APPALTO CON PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PER I SERVIZI DI PULIZIA FORESTERIA, CAMERE E PORTIERATO

GARA D APPALTO CON PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PER I SERVIZI DI PULIZIA FORESTERIA, CAMERE E PORTIERATO GARA D APPALTO CON PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PER I SERVIZI DI PULIZIA FORESTERIA, CAMERE E PORTIERATO CIG 4230168D0D Capitolato servizi foresteria Pagina 1 di 8 Timbro e firma del partecipante

Dettagli

ALLEGATO 1A DESCRIZIONI DELLE PRESTAZIONI

ALLEGATO 1A DESCRIZIONI DELLE PRESTAZIONI ALLEGATO 1A DESCRIZIONI DELLE PRESTAZIONI A1 - UFFICI SALE RIUNIONI AULE INFORMATIZZATE ARCHIVI CORRENTI DI PIANO BIBLIOTECHE UFFICIO CASSA SALA MEDICA* UFFICIO INFORMAZIONE E PASSI BOX VIGILANZA - SPOGLIATOI

Dettagli

Piano Interrato. Piano terra: Piano primo: Piano secondo: Di seguito si descrivono le operazioni e le frequenze delle stesse: Operazioni giornaliere

Piano Interrato. Piano terra: Piano primo: Piano secondo: Di seguito si descrivono le operazioni e le frequenze delle stesse: Operazioni giornaliere ALLEGATO A al Capitolato Speciale di Gara Servizio di pulizia e disinfezione giornaliera integrato da lavori periodici di pulizia a fondo. I centri servizio oggetto del presente appalto sono: Residenza

Dettagli

Art. 1 - Servizi in concessione

Art. 1 - Servizi in concessione AZIENDA SPECIALE FARMACIE COMUNALI Via Gramsci N. 38-20068 Peschiera Borromeo Telefono: 025471353 Fax: 025471353 e-mail amministrazione@farmaciecomunalipeschiera.it Codice fiscale N. 11674080152- Partita

Dettagli

Pulizia, Sanificazione ambientale, Derattizzazione e Disinfestazione

Pulizia, Sanificazione ambientale, Derattizzazione e Disinfestazione Allegato 4 Pulizia, Sanificazione ambientale, Derattizzazione e Disinfestazione La metodologia utilizzata dovrà garantire la pulizia e la disinfezione degli ambienti utilizzando attrezzi e materiali per

Dettagli

SEDE MUNICIPALE PIAZZA UMBERTO I (Servizio a canone)

SEDE MUNICIPALE PIAZZA UMBERTO I (Servizio a canone) SEDE MUNICIPALE PIAZZA UMBERTO I (Servizio a canone) N. ORARIO D UFFICIO LUNEDÌ, MERCOLEDI, VENERDI 8:00 14:00 MARTEDI: 8:00 13:00 14:00 18:30 GIOVEDÌ: 8.00-13.00; 14.00-17.30 SABATO: 8.00-13.00 SUPERFICI

Dettagli

Progetto dell appalto - art. 279 D.P.R. 207/2010

Progetto dell appalto - art. 279 D.P.R. 207/2010 Procedura aperta per l'affidamento del servizio di Pulizia del Museo Nazionale dell Automobile Avv. Giovanni Agnelli, Corso Unità d Italia 40, 10126 Torino Entità complessiva dell appalto 390.000,00 oltre

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO UFFICIO VIII ex DGPOB GARA EUROPEA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA - MINISTERO DELLA SALUTE. LOTTO 2 COMANDO CARABINIERI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER I SERVIZI DI PULIZIA E GUARDIANIA DEI LOCALI DEL MUSEO DEL TESSUTO DURANTE LA MOSTRA LO STILE DELLO ZAR.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER I SERVIZI DI PULIZIA E GUARDIANIA DEI LOCALI DEL MUSEO DEL TESSUTO DURANTE LA MOSTRA LO STILE DELLO ZAR. ALLEGATO 1 PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER I SERVIZI DI PULIZIA E GUARDIANIA DEI LOCALI DEL MUSEO DEL TESSUTO DURANTE LA MOSTRA LO STILE DELLO ZAR. Pag. 1/7 PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA CAPITOLATO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA LOCALI ADIBITI A SEDE DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. Art. 1 ( OGGETTO DELL APPALTO E ARTICOLAZIONI DEL SERVIZIO)

Dettagli

- SETTORE 3 - - LAVORI PUBBLICI -

- SETTORE 3 - - LAVORI PUBBLICI - COMUNE DI CROTONE - SETTORE 3 - - LAVORI PUBBLICI - SERVIZIO DI PULIZIA PALAZZO DI GIUSTIZIA, UFFICI GIUDICE DI PACE E UFFICI UNEP E NISA. OGGETTO TAVOLA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DATA: IL TECNICO

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali C.d.G. 591 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLE SEDI DEL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Via Flavia n. 6 - Via Fornovo n. 8 - Via C. De Lollis

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

1) Area uffici /laboratorio per complessivi mq 3962 così suddivisi:

1) Area uffici /laboratorio per complessivi mq 3962 così suddivisi: CAPITOLATO D APPALTO C.I.G. [04292471D4] SERVIZI DI PULIZIA LOCALI DEL CNR Istituto di Scienze dell Alimentazione Via Roma, 64 Avellino Si definiscono, nell ambito della superficie totale dell ISA, 3 aree

Dettagli

ALLEGATO C DISCIPLINARE TECNICO RELATIVO ALLE OPERAZIONI E FREQUENZA DI PULIZIA.

ALLEGATO C DISCIPLINARE TECNICO RELATIVO ALLE OPERAZIONI E FREQUENZA DI PULIZIA. Procedura Aperta per l affidamento del servizio di pulizia, sanificazione e sanitizzazione dei presidi ospedalieri e strutture territoriali dell Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro. ALLEGATO C DISCIPLINARE

Dettagli

COMUNE DI MARCELLINA (Prov. di Roma) CAPITOLATO SPECIALE D APPLATO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI COMUNALI

COMUNE DI MARCELLINA (Prov. di Roma) CAPITOLATO SPECIALE D APPLATO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI COMUNALI COMUNE DI MARCELLINA (Prov. di Roma) CAPITOLATO SPECIALE D APPLATO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI COMUNALI ARTICOLO 1. - OGGETTO DEL SERVIZIO Oggetto del servizio è la pulizia, alle condizioni

Dettagli

ALLEGATO 1 A ELENCO DELLE PRESTAZIONI DA ESEGUIRE

ALLEGATO 1 A ELENCO DELLE PRESTAZIONI DA ESEGUIRE ALLEATO 1 A ELENCO DELLE PRETAZIONI DA EEUIRE 1 ERVIZIO DI PULIZIA A RIDOTTO IPATTO ABIENTALE PER LE EDI DELI UFFICI DI ÆUA ROA.P.A. Il servizio di pulizia proposto si riferisce ad unità tipologiche differenziate

Dettagli

CAPITOLATO RELATIVO ALL APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI CALLIANO

CAPITOLATO RELATIVO ALL APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI CALLIANO Comune di Calliano Provincia Autonoma di Trento Ufficio Tecnico CAPITOLATO RELATIVO ALL APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI CALLIANO ART. 1 - OGGETTO E PREZZO DELL

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI TREVIGNANO ROMANO. (Provincia di Roma)

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI TREVIGNANO ROMANO. (Provincia di Roma) Repertorio n. REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI TREVIGNANO ROMANO (Provincia di Roma) CONTRATTO D APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SOCIALE E DOMICILIARE DESTINATO AI MINORI, DISABILI, ANZIANI RESIDENTI NEL

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER SERVIZIO DI PULIZIA DI STRUTTURE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER SERVIZIO DI PULIZIA DI STRUTTURE COMUNALI COMUNE DI GIOVINAZZO PROV. DI BARI SETTORE SERVIZI ALLA CITTA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER SERVIZIO DI PULIZIA DI STRUTTURE COMUNALI 1 ART. 1 DISCIPLINA PER IL SERVIZIO Il presente Capitolato disciplina

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA CAPITOLATO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA LOCALI ADIBITI A SEDE DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. Art. 1 ( OGGETTO DELL APPALTO E ARTICOLAZIONI DEL SERVIZIO)

Dettagli

COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo)

COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo) COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo) SCHEMA Concessione in esclusiva, dell uso di spazi pubblicitari su elementi di arredo urbano e segnaletica direzionale privata e pubblica nel territorio

Dettagli

R.S.A. per anziani L. ACCORSI

R.S.A. per anziani L. ACCORSI 1 ALLEGATO 3 R.S.A. per anziani L. ACCORSI STABILE via Colombes MQ. calpestabili MQ. superf. vetrate seminterrato 1000 piano terra 1060 primo piano 1060 secondo piano 950 3 piano non utilizzato quarto

Dettagli

COMUNE DI VOLLA Provincia di Napoli

COMUNE DI VOLLA Provincia di Napoli COMUNE DI VOLLA Provincia di Napoli SETTORE AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI CAPITOLATO D ONERI PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI COMUNALI ART. 1 MANSIONARIO DELLE PULIZIE E CONTROLLI La

Dettagli

Allegato 3 - ELENCO PRESTAZIONI DI PULIZIA E RELATIVE FREQUENZE DI INTERVENTO

Allegato 3 - ELENCO PRESTAZIONI DI PULIZIA E RELATIVE FREQUENZE DI INTERVENTO Allegato 3 - ELENCO PRESTAZIONI DI PULIZIA E RELATIVE FREQUENZE DI INTERVENTO LEGENDA: il numero indicato prima della indica la frequenza nel periodo considerato; la colonna gg/sett. indica i giorni lavorativi

Dettagli

COMUNE DI SESTO ED UNITI

COMUNE DI SESTO ED UNITI COMUNE DI SESTO ED UNITI Provincia di Cremona Gestione RSA Casa Soggiorno Nolli-Pigoli Allegato alla delibera G.C. n. 184 del 27.10.2009 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI

Dettagli

COMUNE DI SACROFANO Provincia di Roma CAPITOLATO SPECIALE - SERVIZIO DI PULIZIA UFFICI COMUNALI

COMUNE DI SACROFANO Provincia di Roma CAPITOLATO SPECIALE - SERVIZIO DI PULIZIA UFFICI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE - SERVIZIO DI PULIZIA UFFICI COMUNALI Approvato con DdR n. 12 del 13.03.2015 ART. 1 - OGGETTO E DURATA DELL APPALTO L appalto ha per oggetto il servizio di pulizia dei locali siti negli

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE per l esecuzione del servizio di pulizia degli uffici comunali

CAPITOLATO SPECIALE per l esecuzione del servizio di pulizia degli uffici comunali CAPITOLATO SPECIALE per l esecuzione del servizio di pulizia degli uffici comunali UFFICIO ACQUISTI Via Roma n. 20-20094 CORSICO (MI) tel. 02 4480382 Fax 02 4480381 e-mail: acquisti@comune.corsico.mi.it

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia Settore II Finanziario - Servizio Patrimonio CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia Settore II Finanziario - Servizio Patrimonio CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE Codice CIG: 34069808D4 Pagina 1 di 16 SOMMARIO PREMESSE Art. 1 OGGETTO DELLA PROCEDURA Art. 2

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO MULTISERVICE (PULIZIA, PORTIERATO FACCHINAGGIO) PER UFFICI COMUNALI

PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO MULTISERVICE (PULIZIA, PORTIERATO FACCHINAGGIO) PER UFFICI COMUNALI PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO MULTISERVICE (PULIZIA, PORTIERATO FACCHINAGGIO) PER UFFICI COMUNALI PROGETTO TECNICO e INSERIMENTO SOCIO - LAVORATIVO LOTTO 2 SOGGETTO PARTECIPANTE. Progetto Tecnico -

Dettagli

ARTICOLO 1 ARTICOLO 2. 1 UFFICI DIREZIONE Pavimenti mq. 436,5 Servizi igienici mq. 48 Superfici vetrate mq. 164

ARTICOLO 1 ARTICOLO 2. 1 UFFICI DIREZIONE Pavimenti mq. 436,5 Servizi igienici mq. 48 Superfici vetrate mq. 164 DISCIPLINARE TECNICO PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI, STRADE E CORTILI DELLO STABILIMENTO MILITARE DEL MUNIZIONAMENTO TERRESTRE, BAIANO DI SPOLETO. ARTICOLO 1 Il servizio sarà atto

Dettagli

COMUNE DI CAPANNORI SCHEDA TECNICA PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER VARIE STRUTTURE COMUNALI CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI

COMUNE DI CAPANNORI SCHEDA TECNICA PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER VARIE STRUTTURE COMUNALI CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI ALLEGATO A2 COMUNE DI CAPANNORI SCHEDA TECNICA PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER VARIE STRUTTURE COMUNALI CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI Le operazioni di pulizia riportate dal presente Capitolato

Dettagli

COMUNE DI TRIGOLO Provincia di Cremona

COMUNE DI TRIGOLO Provincia di Cremona COMUNE DI TRIGOLO Provincia di Cremona Allegato alla determina del R.F. n. 63 del 02.11.2009 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO OGGETTO: Fornitura del servizio di pulizie degli uffici e della palestra comunali

Dettagli

COMUNE DI PISA. Capitolato speciale d appalto per la fornitura e posa in opera di arredi per l asilo nido di Via Puglia in Pisa

COMUNE DI PISA. Capitolato speciale d appalto per la fornitura e posa in opera di arredi per l asilo nido di Via Puglia in Pisa COMUNE DI PISA Direzione Finanze e Politiche Tributarie Ufficio Economato-Provveditorato U.O. Provveditorato Capitolato speciale d appalto per la fornitura e posa in opera di arredi per l asilo nido di

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Via V. Bachelet, 12 tel. 06 49249201 fax 06 49249300

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Via V. Bachelet, 12 tel. 06 49249201 fax 06 49249300 Allegato al decreto del Segretario Generale n. del AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Via V. Bachelet, 12 tel. 06 49249201 fax 06 49249300 COTTIMO FIDUCIARIO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018 SEUS SICILIA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA SCpA Sede Legale: Via Villagrazia, 46 Edificio B - 90124 Palermo Registro delle Imprese di Palermo Codice Fiscale e Partita Iva. 05871320825 CAPITOLATO D APPALTO

Dettagli

N. Rep... SCHEMA DI CONTRATTO

N. Rep... SCHEMA DI CONTRATTO SCHEMA DI CONTRATTO N. Rep.... LAVORI PER LA NUOVA PAVIMENTAZIONE IN CALCESTRUZZO STAMPATO COME ESISTENTE NEL CORTILE INTERNO DELLA SEDE DI PIAZZA CARDINAL FERRARI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTO ORTOPEDICO

Dettagli

Allegato C COMUNE DI PISA

Allegato C COMUNE DI PISA Allegato C COMUNE DI PISA CAPITOLATO D'ONERI PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI INSTALLAZIONE, MANUTENZIONE E GESTIONE DI IMPIANTI PUBBLICITARI A MESSAGGIO VARIABILE O MAXISCHERMI SU AREE DI PROPRIETA DEL COMUNE

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI)

SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI) SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI) Tra il Comune di RHO (di seguito, Comune ), in persona

Dettagli

ALLEGATO P8 NORME E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PULIZIE

ALLEGATO P8 NORME E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PULIZIE ALLEGATO P8 NORME E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PULIZIE L esecuzione delle pulizie dovrà avvenire con il supporto di mezzi, tecniche e personale, in grado di garantire un elevato standard di igiene. Le

Dettagli

Allegato B al Capitolato

Allegato B al Capitolato Allegato B al Capitolato ROSSO ARANCIONE 1 ARANCIONE 2 GIALLO Aree trapianto, alto isolamento, sale operatorie, presale, sala lavaggio antisettico mani e sale induzione risveglio, percorso pulito, corridoi

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Allegato 2-bis al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI PULIZIA DA SVOLGERE PRESSO LA CASA ALBERGO

Dettagli

Università per Stranieri di Siena APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE AMBIENTALE, COMPRESO LA FORNITURA DI

Università per Stranieri di Siena APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE AMBIENTALE, COMPRESO LA FORNITURA DI Università per Stranieri di Siena APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE AMBIENTALE, COMPRESO LA FORNITURA DI SPECIFICI MATERIALI DI CONSUMO CODICE CIG: 017074680C ALLEGATI AL

Dettagli

Comune di Pisogne (Provincia di Brescia)

Comune di Pisogne (Provincia di Brescia) DISCIPLINARE PER L APPALTO DI CUSTODIA DELLA NUOVA PALESTRA SCOLASTICA E POLISPORTIVA NELLA FRAZIONE DI Art. 1 Oggetto dell appalto. GRATACASOLO L appalto ha per oggetto il servizio di custodia, apertura

Dettagli

CITTÀ DI AULLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA

CITTÀ DI AULLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA CITTÀ DI AULLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA CAPITOLATO D ONERI (Allegato B) Procedura aperta per l appalto dei servizi educativi dell Asilo Nido comunale Il Girasole e di pulizia dei locali sede dell asilo.-

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BRERA MANSIONARIO

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BRERA MANSIONARIO annuali trimestrali giornalieri MANSIONARIO GARA D APPALTO RELATIVA AD UN CONTRATTO ANNUALE PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO LE SEDI DELL CIG n. 707405BC. Le sedi indicate saranno oggetto delle attività

Dettagli

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO PULIZIA/CUSTODIA DELLA PALESTRA TREPALLE

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO PULIZIA/CUSTODIA DELLA PALESTRA TREPALLE CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO PULIZIA/CUSTODIA DELLA PALESTRA TREPALLE TRA lo Sporting Club Livigno, A.S.D. (C.F/P.IVA. N. 92007190140) con sede in Livigno, in Plazal Dali Schola n. 25, nella

Dettagli

OGGETTO: Appalto per il servizio di pulizia della sede municipale, degli uffici del Giudice di pace e della biblioteca comunale.

OGGETTO: Appalto per il servizio di pulizia della sede municipale, degli uffici del Giudice di pace e della biblioteca comunale. COMUNE DI CIVITACAMPOMARANO (Provincia di Campobasso) c.a.p. 86030 - Piazza Municipio, 13 - tel. 0874/ 748103-748133 - fax 0874/ 748335 P. IVA e codice fiscale 00067590703 - INTERNET www.comune.civitacampomarano.cb.it

Dettagli

1. Oggetto dell affidamento

1. Oggetto dell affidamento CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA RISTRETTA PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DEI SERVIZI DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI UTILIZZATI DA TURIMO TORINO E PROVINCIA: LOTTO 2 1. Oggetto dell affidamento Il presente Capitolato

Dettagli

Allegato B.23 - Schede pulizie periodiche Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto di questa gara

Allegato B.23 - Schede pulizie periodiche Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto di questa gara Allegato B.23 - Schede pulizie periodiche Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto di questa gara Queste attività di pulizia periodica devono essere eseguite con le cadenze riportate. Tutte le attività di

Dettagli

ANALISI PREZZO N A1 A) PULIZIA GIORNALIERA

ANALISI PREZZO N A1 A) PULIZIA GIORNALIERA A) PULIZIA GIORNALIERA ANALISI PREZZO N A1 - Spazzatura dei pavimenti di tutti gli ambienti, comprese le scale, i servizi igienici con esclusione dei pavimenti dei locali cantinati e archivi. Costo mano

Dettagli

SUB - ALLEGATO 2. Schede tecniche prestazionali per aree e categoria di locale

SUB - ALLEGATO 2. Schede tecniche prestazionali per aree e categoria di locale PROCEDURA APERTA FINALIZZATA ALL ACQUISIZIONE DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE, DISINFESTAZIONE E DERATIZZAZIONE E SERVIZI COMPLEMENTARI PER GLI IMMOBILI DELLA REGIONE

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI Allegato 2-bis al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

LOTTO 2 CAPITOLATO DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA

LOTTO 2 CAPITOLATO DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA ASF AUTOLINEE srl LOTTO 2 CAPITOLATO DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA UFFICI, OFFICINE E PIAZZALI DEI DEPOSITI PRESIDIATI Ver. 1.1 PULIZIA DEGLI UFFICI, SERVIZI E LOCALI ACCESSORI (scale, atri, spogliatoi ecc.)

Dettagli

Pagina 1. UFFICI Aspirazione / battitura pavimenti tessili, stuoie, zerbini giornaliera

Pagina 1. UFFICI Aspirazione / battitura pavimenti tessili, stuoie, zerbini giornaliera Pagina 1 SCHEDA TECNICA INTERVENTI elaborata per la gara di pulizia dei nuovi locali della sezione distaccata di Gragnano del Tribunale di Torre Annunziata (NA), predisposta per consentire la prestazione

Dettagli

Comunità Montana dell Esino Frasassi Prescrizioni Tecniche. Allegato 2) PRESCRIZIONI TECNICHE

Comunità Montana dell Esino Frasassi Prescrizioni Tecniche. Allegato 2) PRESCRIZIONI TECNICHE Allegato 2) PRESCRIZIONI TECNICHE L appalto ha per oggetto l esecuzione dei lavori di pulizia e sanificazione da effettuarsi mediante prestazione d opera, di materiali, di mezzi ed attrezzature per la

Dettagli

INTERVENTO DI TIPO 1 (PER COMPLESSIVI METRI QUADRI 5.730 CIRCA)

INTERVENTO DI TIPO 1 (PER COMPLESSIVI METRI QUADRI 5.730 CIRCA) ALLEGATO E1 INTERVENTO DI TIPO 1 (PER COMPLESSIVI METRI QUADRI 5.730 CIRCA) PRESTAZIONI DA EFFETTUARSI CON CADENZA GIORNALIERA: - pulizia/lavaggio di pavimenti, scale e vani elevatori (con esclusione delle

Dettagli

BOZZA DI CONTRATTO. tra

BOZZA DI CONTRATTO. tra BOZZA DI CONTRATTO tra la società TRM SpA, con sede legale in Torino, via P. Gorini, n. 50, Partita Iva e Cod. Fisc. 08566440015, in persona del proprio legale rappresentante pro tempore, (qui di seguito

Dettagli

Comune di Castelfidardo

Comune di Castelfidardo Allegato A1 LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui) PERIODICITA PULIZIA: Pulizie giornaliere di tutti i locali: a) aspirazione/battitura

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL CONSIGLIO REGIONALE LOTTO N.1 ART. 1 Oggetto dell appalto

CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL CONSIGLIO REGIONALE LOTTO N.1 ART. 1 Oggetto dell appalto CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL CONSIGLIO REGIONALE LOTTO N.1 ART. 1 Oggetto dell appalto L appalto ha per oggetto l esecuzione dei lavori di pulizia dei seguenti

Dettagli

CONTRATTO PER FORNITURA DEL SERVIZIO DI MAGAZZINAGGIO, STOCCAGGIO, CONFEZIONAMENTO E CONSEGNA METERIALE INFORMATIVO DI TORINO E PROVINCIA

CONTRATTO PER FORNITURA DEL SERVIZIO DI MAGAZZINAGGIO, STOCCAGGIO, CONFEZIONAMENTO E CONSEGNA METERIALE INFORMATIVO DI TORINO E PROVINCIA CONTRATTO PER FORNITURA DEL SERVIZIO DI MAGAZZINAGGIO, STOCCAGGIO, CONFEZIONAMENTO E CONSEGNA METERIALE INFORMATIVO DI TORINO E PROVINCIA Premesso che - in data 23/05/2011 è stato approvato il Regolamento

Dettagli

SUPERFICIE CONVENZIONALE IN METRI QUADRI DA PULIRE

SUPERFICIE CONVENZIONALE IN METRI QUADRI DA PULIRE CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA STRAORDINARIO DELL EDIFICIO ADIBITO A NUOVA SEDE DEL CONSERVATORIO DI MUSICA DI TRENTO, UBICATO IN VIA S.G. BOSCO SCUOLE EX CRISPI Art. 1 Oggetto

Dettagli

TIPOLOGIA LOCALI, PRESTAZIONI DI PULIZIA, SPECIFICHE TECNICHE E FORNITURA ACCESSORI E MATERIALE.

TIPOLOGIA LOCALI, PRESTAZIONI DI PULIZIA, SPECIFICHE TECNICHE E FORNITURA ACCESSORI E MATERIALE. TIPOLOGIA LOCALI, PRESTAZIONI DI PULIZIA, SPECIFICHE TECNICHE E FORNITURA ACCESSORI E MATERIALE. Indice: 1 TIPOLOGIA LOCALI E OPERAZIONI DI PULIZIA... 3 1.1 SERVIZI IGIENICI/SPOGLIATOI:...3 1.1.1 FORNITURE

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI AZIENDA U.L.S.S. 20 VERONA SOMMARIO

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI AZIENDA U.L.S.S. 20 VERONA SOMMARIO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI AZIENDA U.L.S.S. 20 VERONA SOMMARIO Art. 1 - OGGETTO Art. 2 - COMUNICAZIONI Art. 3 - DECORRENZA E DURATA DELLA FORNITURA Art. 4 - DEPOSITI

Dettagli

COMUNE DI SAN FELICE A CANCELLO. Provincia di Caserta

COMUNE DI SAN FELICE A CANCELLO. Provincia di Caserta COMUNE DI SAN FELICE A CANCELLO www.comune.sanfeliceacancello.ce.it Provincia di Caserta Settore 1 Affari Generali CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO DI PULIZIA UFFICI COMUNALI Pagina 1 di 10 I N D

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI E SCHEMA DI CONTRATTO

CAPITOLATO D ONERI E SCHEMA DI CONTRATTO CAPITOLATO D ONERI E SCHEMA DI CONTRATTO INDIVIDUAZIONE DI UN OPERATORE ECONOMICO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE E DELLA RELATIVA MANUTENZIONE DI UNA FLOTTA DI BICICLETTE A PEDALATA ASSISTITA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA DISCIPLINARE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DE ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO ED AMBIENTE siti in Palermo nella via Ugo LaMalfa n. 169 Art. 1 Definizione

Dettagli

PULIZIE ORDINARIE PULIZIE PERIODICHE

PULIZIE ORDINARIE PULIZIE PERIODICHE Allegato 1a PULIZIE ORDINARIE PULIZIE PERIODICHE PULIZIE ORDINARIE AREE ESTERNE (AREA 01) (carta, foglie, mozziconi di sigaretta, lattine, ecc.) Svuotatura dei contenitori per rifiuti e sostituzione sacco

Dettagli

I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA PROCEDURA APERTA FINALIZZATA ALLʹAFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE DI EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA CONTRATTO DI APPALTO

AZIENDA TERRITORIALE DI EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA CONTRATTO DI APPALTO AZIENDA TERRITORIALE DI EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA CONTRATTO DI APPALTO mediante scrittura privata per l affidamento del servizio triennale di brokeraggio assicurativo a favore dell

Dettagli

(ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI)

(ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI) (ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI) Tabella A - Quantificazione aree su cui effettuare il servizio Tipologia

Dettagli

PARTE TERZA - SCHEMA DI CONTRATTO Tra la Provincia di Pavia (di seguito Stazione Appaltante o Committente ) e [ ] (di seguito la Società o il

PARTE TERZA - SCHEMA DI CONTRATTO Tra la Provincia di Pavia (di seguito Stazione Appaltante o Committente ) e [ ] (di seguito la Società o il PARTE TERZA - SCHEMA DI CONTRATTO Tra la Provincia di Pavia (di seguito Stazione Appaltante o Committente ) e [ ] (di seguito la Società o il Fornitore ) Si conviene e si stipula quanto segue: 1. OGGETTO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE DELL IMMOBILE EX SANTORIO SEDE DELLA SISSA

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE DELL IMMOBILE EX SANTORIO SEDE DELLA SISSA CPITOLTO PECILE D PPLTO PER L FFIDENTO DEL ERVIZIO DI PULIZI ED IIENE BIENTLE DELL IOBILE EX NTORIO EDE DELL I LLETO 1 PERIODICIT DELI INTERVENTI Pagina 1 di 8 cheda pulizie giornaliere e periodiche REE

Dettagli

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto dell Appalto è il Servizio di affissione

Dettagli

ANNESSO 1.B (APPLICABILI PER GLI EDR INSERITI NEL LOTTO 19)

ANNESSO 1.B (APPLICABILI PER GLI EDR INSERITI NEL LOTTO 19) ANNESSO 1.B SCHEDE CONTENENTI, PER CIASCUNA TIPOLGIA DI LOCALI, LE PRESTAZIONI CHE DEVONO ESSERE SVOLTE, LE RELATIVE PERIODICITA ED I GIORNI IN CUI I SERVIZI DEVONO ESSERE SVOLTI. (APPLICABILI PER GLI

Dettagli

ALLEGATO 1A - Scheda delle Prestazioni

ALLEGATO 1A - Scheda delle Prestazioni LLETO 1 - cheda delle Prestazioni UFFICI*, LE RIUNIONI, ULE INFORTIZZTE, BIBLIOTECHE, UFFICIO C, L EDIC, BOX VIILNZ, POLITOI genzia pazzatura dei pavimenti ad umido = giornaliera polveratura ad umido punti

Dettagli

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Il presente documento descrive le procedure per la pulizia e sanificazione ambientale dell Azienda Ospedaliera. Le imprese concorrenti potranno

Dettagli

ISTITUTO INCREMENTO IPPICO DELLA SARDEGNA

ISTITUTO INCREMENTO IPPICO DELLA SARDEGNA CAPITOLATO D ONERI SERVIZIO BIENNALE DI PULIZIA DI IMMOBILI DELL ENTE ART. 1 PRESCRIZIONI GENERALI L Istituto Incremento Ippico della Sardegna indice pubblico incanto per l affidamento del servizio biennale

Dettagli

La pulizia dei suddetti locali effettuata in occasione di cerimonie o celebrazioni in giorni feriali è ricompresa nella pulizia giornaliera.

La pulizia dei suddetti locali effettuata in occasione di cerimonie o celebrazioni in giorni feriali è ricompresa nella pulizia giornaliera. - (allegato varie strutture comunali) SCHEDA TECNICA PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER VARIE STRUTTURE COMUNALI (Palazzo Nuovo III Palazzi Locali Vigili Urbani Campo Scuola /Stadio) CONDIZIONI

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO ( COD: CIG ) Articolo 1

CAPITOLATO TECNICO ( COD: CIG ) Articolo 1 OGGETTO: Servizio di manutenzione presidi antincendio, con concessione d uso, installati presso gli edifici comunali. Periodo 01.07.2014 / 30.06.2015. ( COD: CIG ) CAPITOLATO TECNICO Articolo 1 Stazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI PULA. Rep. n. 1347 CONTRATTO D APPALTO TRA IL COMUNE DI PULA E LA MIORELLI SERVICE

REPUBBLICA ITALIANA PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI PULA. Rep. n. 1347 CONTRATTO D APPALTO TRA IL COMUNE DI PULA E LA MIORELLI SERVICE REPUBBLICA ITALIANA PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI PULA Rep. n. 1347 CONTRATTO D APPALTO TRA IL COMUNE DI PULA E LA MIORELLI SERVICE S.P.A. PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E STABILI

Dettagli

LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui)

LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui) Allegato A1 LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui) PERIODICITA PULIZIA: Pulizie giornaliere di tutti i locali: a) aspirazione/battitura

Dettagli

Allegato c.5 Linee guida Igiene ambienti, prodotti, materiali, attrezzature

Allegato c.5 Linee guida Igiene ambienti, prodotti, materiali, attrezzature Allegato c.5 Linee guida Igiene ambienti, prodotti, materiali, attrezzature PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI Si definiscono le attività e le rispettive caratteristiche generali che costituiscono

Dettagli

FOGLIO CONDIZIONI. C.F. 82005660061 - P.I. 01628780064 - Cap.Soc. 7.000.000,00 i.v.

FOGLIO CONDIZIONI. C.F. 82005660061 - P.I. 01628780064 - Cap.Soc. 7.000.000,00 i.v. FOGLIO CONDIZIONI ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO La scrivente Società intende affidare l incarico per il servizio di carico - trasporto avvio a recupero, presso impianto/i di compostaggio, della frazione

Dettagli

CONTRATTO D APPALTO. Tra l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente e la Società., sede in ( ), per

CONTRATTO D APPALTO. Tra l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente e la Società., sede in ( ), per CONTRATTO D APPALTO Tra l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente e la Società, sede in ( ), per l affidamento del servizio di ritiro trasporto e smaltimento rifiuti speciali non pericolosi e

Dettagli

CONTRATTO PER GLI INTERVENTI MIRATI AL RISPARMIO ENERGETICO PRESSO LA REGGIA DI VENARIA REALE FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI A

CONTRATTO PER GLI INTERVENTI MIRATI AL RISPARMIO ENERGETICO PRESSO LA REGGIA DI VENARIA REALE FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI A CONTRATTO PER GLI INTERVENTI MIRATI AL RISPARMIO ENERGETICO PRESSO LA REGGIA DI VENARIA REALE FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI A BASSO CONSUMO PER LE SCUDERIE JUVARIANE CODICE C.I.G... - CUP.. Importo netto:

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari Capitolato d oneri per l affidamento del servizio pulizia presso i locali della sede municipale, del centro di aggregazione sociale, della palestra e della biblioteca

Dettagli

A. TESTO CAPITOLATO D APPALTO DAL QUALE TRARRE IL RELATIVO CONTRATTO

A. TESTO CAPITOLATO D APPALTO DAL QUALE TRARRE IL RELATIVO CONTRATTO A. TESTO CAPITOLATO D APPALTO DAL QUALE TRARRE IL RELATIVO CONTRATTO ARTICOLO 01 - Oggetto Il presente contratto ha per oggetto il servizio di pulizia presso le due Farmacie di Piazza Tricolore 42 e Piazza

Dettagli

CAPITOLATO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE GENERALI INTERNE/ESTERNE E GUARDIANIA Rif. Gara informale n. 012010

CAPITOLATO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE GENERALI INTERNE/ESTERNE E GUARDIANIA Rif. Gara informale n. 012010 Allegato 1 CAPITOLATO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE GENERALI INTERNE/ESTERNE E GUARDIANIA Rif. Gara informale n. 012010 ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento da parte

Dettagli

OFFERTA PER L'APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DI IMMOBILI COMUNALI - PERIODO 01/06/2015-31/12/2017

OFFERTA PER L'APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DI IMMOBILI COMUNALI - PERIODO 01/06/2015-31/12/2017 CIG 621616801D OFFERTA PER L'APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DI IMMOBILI COMUNALI - PERIODO 01/06/2015-31/12/2017 Modello 4) A) PALAZZO FOGLIA tipologia di intervento giornaliero/settimanale/mensile a

Dettagli

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA (SERSE) PER IL. L'anno duemilaundici, addì ( ) del mese di

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA (SERSE) PER IL. L'anno duemilaundici, addì ( ) del mese di REP. n. del CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA (SERSE) PER IL PERIODO 01.03.2012-31.12.2014 - C.I.G. [ ]. L'anno duemilaundici, addì ( ) del mese di presso la Sede

Dettagli

Allegato A al Capitolato d Appalto. 1) Palazzo Comunale P.zza Visconti 23 intervento: dal lunedì al venerdì

Allegato A al Capitolato d Appalto. 1) Palazzo Comunale P.zza Visconti 23 intervento: dal lunedì al venerdì Allegato A al Capitolato d Appalto 1) Palazzo Comunale P.zza Visconti 23 intervento: dal lunedì al venerdì - svuotatura, pulizia e sostituzione sacchetto cestini carta, contenitori per rifiuti differenziati,

Dettagli

Sede legale: Località Torrevecchia 87100 Cosenza - tel. 0984/308011 fax 0984/482332 aziendatrasporticosenza@tin.it web: www.amaco.

Sede legale: Località Torrevecchia 87100 Cosenza - tel. 0984/308011 fax 0984/482332 aziendatrasporticosenza@tin.it web: www.amaco. GARA PER LA FORNITURA DI GAS METANO PER AUTOTRAZIONE C.I.G. 60347701BF CAPITOLATO SPECIALE Responsabile Unico del Procedimento Ing. Gianfranco Marcelli 1 INDICE Art. 1 Glossario Art. 2 Oggetto dell Appalto

Dettagli