icognizione sul territorio Secondaria di 1 grado

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "icognizione sul territorio Secondaria di 1 grado"

Transcript

1 icognizione sul territorio Secondaria di 1 grado NEL MONDO E VICINO A ME Come vengono trattati i rifiuti nella Regione Piemonte? I ragazzi sanno quanti rifiuti, oggetti senza futuro, arrivano direttamente in discarica (i cosiddetti indifferenziati) e quanti vengono differenziati? Il Comune in cui i ragazzi vivono e studiano è un Comune Riciclone? Come tratta i suoi rifiuti? Vengono differenziati? In quale percentuale? Come si colloca rispetto ai dati regionali? E rispetto ai dati nazionali? Può essere interessante avviare con la classe una discussione sui dati ufficiali relativi ai rifiuti confrontando i grafici e le tabelle presenti negli opuscoli del kit. Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio definisce il rifiuto come qualsiasi sostanza od oggetto [...] di cui il detentore o il proprietario si disfi o abbia intenzione di disfarsi. Secondo il Decreto legislativo 5/2/1997, che si occupa in maniera specifica di rifiuti, ogni oggetto ha un proprietario. Ciò fa si che ognuno di noi sia responsabile, almeno in parte, dei propri numerosissimi oggetti, o dei loro scarti, che via via accantona e non utilizza più. A volte alcune problematiche ambientali appaiono agli occhi degli studenti estranee e prive di significato, come se fossero lontane dal loro mondo: lo scopo della seguente attività è quello di rendere consapevoli gli alunni di questa problematica, facendo capire che i rifiuti, il loro smaltimento, il riciclaggio, la seconda vita degli oggetti sono tematiche che riguardano tutti, nessuno escluso. Viene proposto un approccio iniziale percettivo seguito da attività di ricerca e di esplorazione ambientale sul territorio. Immaginiamo di Immaginiamo di avere un potentissimo zoom: osserviamo la Terra, poi focalizziamo la nostra attenzione sulla nostra nazione, sulla nostra regione, e infine con una zoomata più intensa guardiamo quello che succede nelle vie che circondano la scuola, la casa: ci sono dei rifiuti? Come si presenta il tragitto che abitualmente percorriamo per venire a scuola: ci sono cassonetti o campane per la raccolta differenziata? Oppure cartacce, mozziconi di sigarette, escrementi di animali? C è qualche situazione che colpisce particolarmente l attenzione, angoli del quartiere in stato di abbandono e sommersi da oggetti abbandonati? Ci sono cartelli o locandine che segnalano ai cittadini tempi e modi per il ritiro della spazzatura? Come sono? SU FOGLIO DI CARTONCINO A3, SUDDI- VISO A METÀ NEL VERSO PIÙ LUNGO, I RAGAZZI POTRANNO SINTETIZZARE CIÒ CHE HANNO RICORDATO: UNO SCHIZZO DEL PERCORSO CASA-SCUOLA CON BEN IN EVIDENZA CESTINI, CASSONETTI, NEGOZI, LOCALI PUBBLICI, PERSONE INCONTRATE, MA ANCHE CARTACCE, GRAFFITI, RIFIUTI ABBANDONATI. QUESTE STRISCE SARANNO IL MATE- RIALE DI PARTENZA PER IL VIAGGIO TRA IRIFIUTI DEL QUARTIERE.

2 sul territorio Ricognizione Waste Watching! Dopo avere lavorato e discusso in classe, per parlare di rifiuti di casa nostra è necessario organizzare una vera e propria spedizione con gli alunni per esplorare insieme il territorio, possibilmente i percorsi casascuola oggetto dell attività precedente. Particolarmente utili in questa fase saranno la macchina fotografica e la planimetria di base del quartiere; vanno benissimo per questa attività gli stradari allegati all elenco telefonico. La classe può essere divisa e organizzata in squadre di WASTE WACHTER ( osservatori di rifiuti ): cartina e pennarelli colorati alla mano, ogni gruppo dovrà evidenziare sulla propria mappa i luoghi dove si trova immondizia, gli spazi destinati alla raccolta, i cassonetti, le campane e osservare se vicino alle abitazioni e all interno del cortile della scuola esistono punti di raccolta di rifiuti generici e di materiali differenziati, e se si trovano indicazioni circa il giorno e le modalità di raccolta. Importante per la successiva rielaborazione è la documentazione dell uscita con numerose fotografie. I dati andranno raccolti in un unica tabella che dovrà riportare l elenco delle situazioni anomale, dei rifiuti fuori posto, ma anche situazioni positive in cui ogni cosa, o meglio, ogni rifiuto è al posto giusto! Un ulteriore stimolo di discussione potrebbe essere il confronto tra la striscia sui rifiuti immaginati e la mappa con le segnalazioni e effettuate sul campo. Ogni giorno, ciascun cittadino piemontese produce in media 1,370 kg di rifiuti totali. Neonati, giovani, adulti: i residenti nella regione (dati 2003) producono rifiuti totali pari a tonnellate annue. DOVE VANNO A FINIRE?

3 ipulire &razionalizzare & Secondaria di 1 grado Netturbiamo! L esplorazione del quartiere effettuata con la classe ha evidenziato un area particolarmente degradata e colpita dalla problematica dei rifiuti? Può essere molto coinvolgente organizzare una vera e propria azione di bonifica e di pulizia: allestiamo una squadra di WASTE BUSTER che si sentiranno responsabilizzati e coinvolti in prima persona nella gestione attiva del quartiere. Molto utile potrebbe essere svolgere queste operazioni chiedendo la collaborazione di genitori e nonni. Naturalmente i ragazzi dovranno stare molto attenti a oggetti taglienti, siringhe, vetri: è consigliabile l uso di robusti guanti protettivi. È opportuno dare comunicazione delle attività ai vigili di zona e al comune. Parola d ordine: comunicare! Comunicare e rendere accessibili a tutti i temi ambientali, diffondere consapevolezza, agire sugli stili di vita, stimolare il maggior numero di ragazzi, ragazze, cittadini e cittadine a prendersi cura del pianeta sono gli obiettivi dell educazione ambientale. Perché allora non realizzare insieme agli studenti una vera e propria campagna di sensibilizzazione incentrata sui rifiuti e sul consumo consapevole, rivolta a tutti i cittadini del quartiere, a tutto il personale e al corpo docente della scuola, agli altri alunni utilizzando gli strumenti di comunicazione più accattivanti e moderni? La scuola affronta temi ambientali di notevole interesse, esce sul territorio, non in silenzio ma con un vero e proprio battage pubblicitario con tanto di locandine da appendere alle vetrine dei negozi, con volantini e con adesivi da distribuire per le vie del quartiere, durante il mercato settimanale, con canzoni, fumetti e poesie per il giornalino della scuola, con una pagina WEB per il sito dell Istituto Scolastico. Il contenuto della campagna potrebbe essere una sintesi sapiente di quanto appreso in classe con tanto di dati ufficiali, ma anche un importante momento di verifica finale per l insegnante per valutare quanto sia stato realmente interiorizzato dagli studenti. LA SFIDA? Trovare il linguaggio adeguato per ogni situazione: formale per le comunicazioni più ufficiali, veloce per i giovani... Con tre regole importantissime: uscire dai luoghi comuni evitando facili decaloghi, stupire dando via libera alla creatività e usare carta riciclata!

4 Ripulire &razionalizzare & A casa: riciclare con successo Una semplice ma stimolante attività consiste nell analizzare il sacchetto della spazzatura di casa con lo scopo di capire quanti rifiuti produciamo personalmente ogni giorno, per poi intraprendere un indagine critica sui consumi, sulla scelta dei prodotti, sugli sprechi. Si tratta di un attività individuale che, almeno nella sua prima fase, deve essere svolta a casa dagli studenti. e rendere tutto semplice I ragazzi, alla fine di una giornata qualsiasi, determineranno il peso del sacchetto della pattumiera di casa, cioè di quanto finisce nella frazione di rifiuti indifferenziata, poi valuteranno quanto e cosa invece è destinato al riciclo. Quindi sarà possibile passare alla fase di ispezione del contenuto del sacchetto indifferenziato: cosa contiene? Ci sono oggetti, contenitori di liquidi, lattine di alluminio, vasetti di vetro che non dovrebbero esserci? Ci sono degli oggetti particolarmente voluminosi? Se sì, è possibile ridurne il volume schiacciandoli? La stessa analisi andrà effettuata anche sulla parte di rifiuti che vengono differenziati. Gli studenti potranno coinvolgere nella corretta gestione dei rifiuti domestici tutta la famiglia, per esempio predisponendo delle etichette colorate per i cestini dei rifiuti così che a tutti sia ben chiaro dove gettare quello che non serve più oppure offrendosi di convogliare, dopo opportuna verifica del contenuto, verso il cassonetto condominiale i rifiuti riciclabili in modo da non avere eccessivi accumuli in casa. Nel 2004 la città di Torino ha raggiunto il suo obiettivo: 35% di raccolta differenziata dei rifiuti. Questo successo è stato ottenuto anche grazie al progetto di Raccolta Differenziata Sottocasa (attivo in alcune circoscrizioni della città). Questa raccolta porta a porta prevede il posizionamento di piccoli cassonetti all interno dei cortili delle abitazioni ed è stata apprezzata da tutti coloro che hanno già fatto della raccolta differenziata una buona abitudine quotidiana: cassonetti più piccoli e vicini hanno agevolato gli utenti interessati nelle attività di differenziazione dei rifiuti domestici e hanno permesso di aumentare la percentuale di raccolta differenziata. Conosci questo progetto? Sai riferire se nel tuo Comune le Aziende Municipalizzate hanno attivato progetti simili per favorire la raccolta differenziata dei rifiuti? KEEP IT SIMPLE! Riciclare tutti i giorni richiede solo un piccolo spazio, mentre immagazzinare lattine, bottiglie e giornali per un mese richiede circa tre metri quadrati. Altri suggerimenti su come rendere semplice il riciclo sul sito

5 isparmio di materia prima Secondaria di 1 grado CARTACCIAI A SCUOLA E A CASA Cosa sanno i ragazzi della carta? Conoscono qual è il destino della carta che non serve più? Si comportano correttamente evitando inutili sprechi? Avviano alla raccolta differenziata carta, cartoncini e vecchie riviste? Per responsabilizzare gli studenti si può organizzare un servizio di recupero della carta vecchia nelle classi della scuola, a domicilio, affidando a turno ad alcuni studenti il RUOLO DI CARTACCIAI. I cartacciai in orari e giorni pre-stabiliti faranno il giro delle classi della scuola per ritirare tutta la carta usata e che non serve più. Nel 1997 in tutto il mondo sono stati prodotti circa 300 milioni di tonnellate di carta (l equivalente di una montagna di un chilometro e mezzo di diametro e di 500 metri di altezza!). dati FAO, 2000 Una pila di giornali alta 30 cm pesa 15Kg Ogni anno una persona usa la carta ricavata da due alberi. Riciclo Riciclo, Verde Ambiente, 1993 Quasi il 90% dei quotidiani italiani viene stampato su carta riciclata. Quasi il 90% delle scatole per la vendita di pasta, calzature e altri prodotti di uso comune sono realizzate in cartoncino riciclato. Il 100% delle scatole per prodotti più fragili o voluminosi sono realizzate in cartone riciclato. Fonte Comieco Parte di questa carta potrà servire per produrre della carta riciclata originalissima con la quale fare dei bigliettini di auguri, inviti e anche pieghevoli informativi sulle varie attività di recupero e differenziazione di rifiuti scolastici. Il resto della carta dovrà essere pesato, quindi riposto negli appositi cassonetti dove sarà prelevato e avviato al riciclaggio per diventare nuova carta. Alla fine del mese è importantissimo divulgare i risultati della raccolta e comunicare a tutta la scuola quanta carta è stata riciclata evitando il taglio di alberi, risparmiando acqua ed energia elettrica. Parola d ordine:! COINVOLGERE e SENSIBILIZZARE tutte le persone che lavorano nella scuola: docenti, studenti, personale degli uffici e della segreteria, commessi, addetti alle pulizie, spiegando tempi, modi e scopi della raccolta, e soprattutto far capire quanto è prezioso il contributo di tutti. 4 milioni di tonnellate di carta da ufficio (utilizzata dagli impiegati americani e non riciclata nel 1993) sono abbastanza per costruire un muro di carta alto 3,5 metri che va da New York alla California. Riciclo Riciclo, Verde Ambiente, 1993

6 di Risparmio materia prima Facciamo un po di conti! Una tonnellata di Alberi Acqua Energia elettrica Carta cellulosa vergine Kwt Carta da macero Kwt I dati nella tabella possono essere utilizzati per calcolare il risparmio di materia prima e anche per stimolare una discussione sui consumi, partendo da domande stimolo proprio sulle abitudini quotidiane dei ragazzi in tema di carta, per esempio l utilizzo o meno di quaderni di carta riciclata, riuso di fogli per la brutta, razionalizzazione dello spazio utilizzato per la scrittura QUALE CARTA RICICLARE: Tutta la carta bianca da computer o per le fotocopiatrici è idonea al riciclo, l inchiostro non compromette il riciclaggio, ma attenzione alle buste: quelle con l adesivo e con la finestra di plastica non vanno bene. Anche la carta fax, autocopiante o quella adesiva non è idonea.

7 iciclo & produzione di carta iciclo Secondaria di 1 grado Produrre carta utilizzando altra carta 1 Spezzettare la carta, metterla nella bacinella con l acqua a macerare per 2-3 giorni, poi frullare fino a ottenere una poltiglia omogenea. Mettere una parte di questa pasta di carta in una vaschetta con acqua: dovrà essere piuttosto liquida. 2 Cosa occorre Alcune bacinelle basse e larghe; acqua; un frullatore a immersione; strofinacci da cucina o stracci di cotone; retini; tanta carta usata. Immergere velocemente il retino (può essere costruito nel laboratorio di falegnameria con legno e rete metallica) posizionandolo sul fondo della vaschetta, poi risollevarlo lentamente tenendolo orizzontale, facendogli pescare i frammenti di carta in sospensione. 3 Come alternativa al retino classico, è possibile usare una comune retina spargifiamma: con 1 euro si trova in qualunque mercato rionale! 4 Il segreto è cercare di fare depositare le fibre di carta sulla rete in maniera uniforme: non troppe, altrimenti si ottiene un cartoncino difficile poi da scrivere o piegare, ma non troppo poche, per evitare di produrre un foglio troppo sottile e delicato. 5 Sollevare infine il retino, sgocciolare l eccesso di acqua, quindi, steso uno strofinaccio sul tavolo, capovolgere con un gesto rapido il setaccio portando il foglio di carta a contatto con lo strofinaccio. 6 Con della carta assorbente o con un altro straccio asciugare tutta l acqua possibile dal foglio, facendo una leggera pressione. Il retino si dovrebbe ora staccare perfettamente dal foglio, che rimane attaccato allo strofinaccio fino a quando non è perfettamente asciutto.

8 Riciclo & produzione di carta Riciclo Qualche trucco Dopo aver familiarizzato con la tecnica base, si possono usare bacinelle diverse per fare originali esperimenti, ma bisogna ricordare che la carta di partenza condizionerà la riuscita del lavoro. Molto meglio le carte povere, ruvide, come quella di giornale, quella da pacco sottile, quella per fotocopie, da tralasciare invece carte patinate e plastificate, più difficili da trattare. Anche la quantità di inchiostro presente nella carta contribuisce al risultato finale, e tenderà a ingrigire la pasta, e quindi la carta finale. PER REALIZZARE CARTA COLORATA: la carta velina, quella sottilissima, e la carta crespa sono delle ottime carte colorate. Potete frullarle insieme all altra carta per dare un colore uniforme o aggiungerle a pezzetti al frullato gia pronto, per dare un effetto marmorizzato davvero particolare! PER REALIZZARE BIGLIETTI RAFFINATI: provare a immergere nel frullato, o ad apporre sulla carta appena pescata con il retino, foglie secche, petali di fiori secchi, frammenti di rafia, coriandoli e altri materiali sottili e secchi. Qualunque sia il retino utilizzato, ne vanno sfruttate le particolarità! Se ad esempio è del tipo spargifiamma, la sua forma rotonda consente di fare degli originali biglietti a cerchio, o di piegarli a mezza luna o a spicchio per scrivere all interno auguri o pensieri. Si possono anche realizzare originali libri con fogli rotondi rilegati con un filo di rafia in tinta. Date spazio alla fantasia! Per i più curiosi? Se le carte più tradizionali non vi bastano, ottimi risultati si ottengono con i materiali più strani: carciofi, bucce di carote, bucce di banane! È possibile utilizzare materiale vegetale vario: deve essere cotto in pentola a pressione per un certo tempo, poi frullato e lavorato esattamente come descritto sopra. Avrete dei lavori davvero particolari! Del resto, anche la carta deriva da fibre vegetali oltre al papiro, esistono anche numerosi altri vegetali, o loro scarti, che possono essere utilizzati. L INVENZIONE DELLA CARTA La carta è stata probabilmente inventata in Cina da Ts ai Lun nel 105 d.c., usando solo vecchi stracci, reti da pesca e scorza d albero. La tecnica della sua fabbricazione è arrivata in Europa, passando attraverso il mondo arabo, soltanto a partire dal XIII secolo. Pare sia stato un prigioniero cinese, cartaio di professione, a insegnare agli Arabi la tecnica di produzione nel 750 d.c.

9 isorse idriche Secondaria di 1 grado INQUINAMENTO MARINO e INQUINAMENTO DELLE ACQUE INTERNE sono strettamente connessi e l INQUINAMENTO DELLE ACQUE COSTIERE in particolare dipende in larghissima misura dalle sostanze trasportate in mare dai fiumi, dagli scarichi a mare dei centri abitati e delle industrie costiere. Gli effetti dell inquinamento delle acque dolci, anche se più circoscritti, sono talvolta più netti di quelli che si osservano in mare, tanto da rendere laghi di piccole dimensioni e tratti del corso di fiumi delle vere e proprie fogne. UNA DISCUSSIONE IN CLASSE PERMETTERÀ DI FAR INDIVIDUARE AI RAGAZZI ALTRI BENEFICI IN TERMINI AMBIENTALI, AD ESEMPIO RISPARMIO DI COMBUSTIBILI FOSSILI, TERRENO, ALBERI. AGENTI INQUINANTI URBANA INDUSTRIALE AGRICOLA Sostanze organiche OGNI PROCESSO PRODUTTIVO PRODUCE DEGLI SCARTI: DOVE VANNO A FINIRE? Consumare meno e meglio significa risparmiare risorse idriche e riversare meno liquami e scarichi industriali nelle acque. Riciclare una tonnellata di carta significa risparmiare litri di acqua rispetto ai processi di fabbricazione della carta ex-novo ed evita i processi di candeggio per la sbiancatura della carta, oltre a una notevole quantità di energia. Ciò si traduce in una consistente quantità di anidride carbonica in meno emessa in atmosfera. Origine degli agenti inquinanti Carboidrati, grassi, composti proteici, aminoacidi, azotati Cloruri, sali ammoniacali Sali, calcio e magnesio (precipitati) Colloidi, polverino sottile, materiali organici Acidi forti Basi forti Anidride solforosa, solfiti, idrosolfiti, sali di ferro e manganese Sali di potassio, fosfati, nitrati Cromati, cianuri, sali di Zn, Cu, Ni, Pb, cloroderivati, pesticidi Idrocarburi, catrame, grassi, olii vegetali Acque di refrigerazione (colore) Saponi, detergenti, alcali Coloranti, tannino più ioni metallici, colloidi, idrocarburi Tronchetti, segatura, fibre, carniccio Sabbie, pietrisco, materiali organici Radioisotopi

10 Risorse idriche Il depuratore 1Recuperate 4 bottiglie di plastica della stessa forma e dimensione. Tagliate 2 bottiglie a 12 cm di altezza dal fondo e una a 20 cm. 2Procuratevi un po di cotone, sabbia, ghiaia e carbone: sciacquate bene la sabbia e la ghiaia e triturate il carbone in piccoli pezzi senza però ridurlo in polvere. 3Vi servirà anche dell acqua sporca : mescolate della terra con l acqua del rubinetto oppure usate quelle delle pozzanghere. 4 Scaldate uno spillo per bucare la plastica con facilità e fate dei fori, circa 10, sul fondo della bottiglia rimasta intera e delle due bottiglie tagliate a 12 cm dal fondo. La bottiglia da 20 cm non va forata! 5Mettete in entrambe le bottiglie da 12 cm uno strato di cotone (sotto) e uno di ghiaia (sopra). Aggiungete nella prima uno strato di sabbia, nella seconda uno strato di carbonella. 6Incastrate una sull altra le quattro bottiglie seguendo l ordine della figura: il vostro depuratore è pronto! Adesso basta riempire la bottiglia intera con l acqua sporca e osservare. COSA SUCCEDE? COME CAMBIANO I MATERIALI CONTENUTI NELLE BOTTIGLIE? COSA SUCCEDE ALL ACQUA SPORCA? Ricordatevi che l acqua ottenuta è pulita ma non è batteriologicamente pura, quindi non può essere bevuta! L inquinamento è una modificazione sfavorevole di un ambiente naturale dovuta completamente o parzialmente all attività umana, con interventi diretti o indiretti, che alterano le caratteristichefisico-chimiche dell acqua, i flussi di energia e la struttura e abbondanza delle associazioni dei viventi. definizione del Comitato Ecologico Americano

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica carta Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica Per produrre UNA TONNELLATA di carta riciclata invece bastano:

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani.

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani. Stabilimenti balneari Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani. lo sapevate che: Per fare una tonnellata di carta ci vogliono 15 alberi, mentre per fare una tonnellata di carta riciclata neanche

Dettagli

LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA

LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA Che cosa è un RIFIUTO? I RIFIUTI SONO COSE SPORCHE E PUZZOLENTI I RIFIUTI SONO COSE INUTILIZZABILI, SCARTI O COSE ROTTE I RIFIUTI SONO UNA RISORSA PER IL FUTURO, DA

Dettagli

I rifiuti oggi Esegui l esperimento che ti permetterà di scoprire cosa succede ai rifiuti nelle discariche.

I rifiuti oggi Esegui l esperimento che ti permetterà di scoprire cosa succede ai rifiuti nelle discariche. Occorrente: I rifiuti oggi Esegui l esperimento che ti permetterà di scoprire cosa succede a nelle discariche. Procedimento: sotterra raccolti in un grande contenitore pieno di terra annaffia tutti i giorni

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani.

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani. Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani. lo sapevate che: Per fare una tonnellata di carta ci vogliono 15 alberi, mentre per fare una tonnellata di carta riciclata neanche

Dettagli

LA CARTA. inoltre questo prodotto può essere arricchito da collanti, cariche minerali, coloranti ed additivi diversi.

LA CARTA. inoltre questo prodotto può essere arricchito da collanti, cariche minerali, coloranti ed additivi diversi. Area Comunicazione CARTA E CARTONE COS' E' COmE SI RACCOGLIE COSA DIVENTA LA CARTA Nata come strumento per comunicare, oggi circa la metà della carta utilizzata nella nostra società è destinata agli imballaggi.

Dettagli

Betulla pioppo larice abete

Betulla pioppo larice abete Pagina1 La carta è un materiale formato da milioni di fibre di cellulosa saldate tra loro e ad altri materiali (collanti, coloranti e sostanze minerali) Le fibre di cellulosa sono il materiale di cui è

Dettagli

Utenze domestiche Centro Storico di Rimini. Apriamo le porte alla raccolta differenziata. Comune di Rimini

Utenze domestiche Centro Storico di Rimini. Apriamo le porte alla raccolta differenziata. Comune di Rimini Utenze domestiche Centro Storico di Rimini Apriamo le porte alla raccolta differenziata. Comune di Rimini lo sapevate che: Per fare una tonnellata di carta ci vogliono 15 alberi, mentre per fare una tonnellata

Dettagli

Apriamo le porte alla raccolta differenziata.

Apriamo le porte alla raccolta differenziata. Utenze domestiche Borgo San Giuliano di Rimini Apriamo le porte alla raccolta differenziata. Comune di Rimini lo sapevate che: Per fare una tonnellata di carta ci vogliono 15 alberi, mentre per fare una

Dettagli

Dopo aver letto la storia siamo tutti curiosi di conoscere meglio l argomento. Discutiamo in classe. Dalla discussione emerge che:

Dopo aver letto la storia siamo tutti curiosi di conoscere meglio l argomento. Discutiamo in classe. Dalla discussione emerge che: COSA SONO I RIFIUTI? Dopo aver letto la storia siamo tutti curiosi di conoscere meglio l argomento. Discutiamo in classe. Dalla discussione emerge che: I rifiuti sono le cose che buttiamo perché non ci

Dettagli

Dove lo butto? Guida alla raccolta differenziata domiciliare nel Comune di Parma. Zona 2

Dove lo butto? Guida alla raccolta differenziata domiciliare nel Comune di Parma. Zona 2 Dove lo butto? Guida alla raccolta differenziata domiciliare nel Comune di Parma Zona 2 Organico: da oggi è condominiale Da un ambiente sano e pulito dipende direttamente la nostra qualità della vita e

Dettagli

Una raccolta così non la sognavate nemmeno Comoda, facile, differenziata

Una raccolta così non la sognavate nemmeno Comoda, facile, differenziata Una raccolta così non la sognavate nemmeno Comoda, facile, differenziata Comune di Lesignano de Bagni COSA VI VIENE FORNITO CARTA, VETRO, PLASTICA, BARATTOLAME e CONTENITORI TETRA PAK Ad ogni famiglia

Dettagli

il pino, il pioppo e il faggio la cellulosa al 99% da acqua e per il restante 1% da fibre.

il pino, il pioppo e il faggio la cellulosa al 99% da acqua e per il restante 1% da fibre. La materia prima per la fabbricazione della carta è oggi il legno, anche se alcune carte vengono prodotte partendo da altre materie, come le alghe e il mais. Piante come il pino, il pioppo e il faggio,

Dettagli

Carissimi concittadini,

Carissimi concittadini, Carissimi concittadini, a distanza di un anno dall avvio della raccolta porta a porta nel centro urbano, torniamo nelle Vostre case a presentarvi un nuovo modello adattato alle reali esigenze del paese,

Dettagli

Apriamo le porte alla raccolta differenziata.

Apriamo le porte alla raccolta differenziata. Utenze domestiche Santa Giustina di Rimini Apriamo le porte alla raccolta differenziata. Comune di Rimini un nuovo progetto di raccolta differenziata porta a porta : lo sapevate che: il primo passo per

Dettagli

Bene, è semplice e divertente basta RICICLARE. E un modo molto efficace per mantenere il mondo pulito e anche il nostro bosco!

Bene, è semplice e divertente basta RICICLARE. E un modo molto efficace per mantenere il mondo pulito e anche il nostro bosco! Ciao bambini, Sono Carolina Riciclina. Gli amici del bosco hanno bisogno del vostro aiuto. Impariamo insieme a differenziare i rifiuti, solo in questo modo potremo distruggere Orco Sporco. Bene, è semplice

Dettagli

Se raccolti in modo differenziato, i tuoi rifiuti potranno essere ReCUPeRAti:

Se raccolti in modo differenziato, i tuoi rifiuti potranno essere ReCUPeRAti: FAI LA DIFFERENZA Ciascuno di noi produce in media 1,5 KG Di RiFiUti AL GioRno, oltre 500 kg ogni anno! Se raccolti in modo differenziato, i tuoi rifiuti potranno essere ReCUPeRAti: attraverso il RICICLO

Dettagli

Dicomano 5 Giugno 2015. Mauro Moretti Amministratore Delegato Centro Raccolta Cento Materie Srl Terranuova Bracciolini (AR

Dicomano 5 Giugno 2015. Mauro Moretti Amministratore Delegato Centro Raccolta Cento Materie Srl Terranuova Bracciolini (AR Dicomano 5 Giugno 2015 Mauro Moretti Amministratore Delegato Centro Raccolta Cento Materie Srl Terranuova Bracciolini (AR Il ciclo (e riciclo) della carta Raccolta - Riciclo - Recupero la carta: produzione

Dettagli

LE PROPRIETA FISICHE DELLA CARTA

LE PROPRIETA FISICHE DELLA CARTA LE PROPRIETA FISICHE DELLA CARTA Classe 4 A Primaria Di Gallicano E S P E R I M E N T I E O S S E R V A Z I O N I S C I E N T I F I C H E A P O R T A T A D I B A M B I N I Anno scolastico 2014/2015 COLLOCAZIONE

Dettagli

SCHEDE D I DAT T I CHE

SCHEDE D I DAT T I CHE Provincia di VERONA SCHEDE D I DAT T I CHE i rifiuti: cosa SoNo e cosa diventano 2008 P R E V E N Z I O N E E R I D U Z I O N E informazioni generali Sul concetto di rifiuto Le nostre scelte hanno delle

Dettagli

Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale

Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale fare la raccolta differenziata non è solo un obbligo di legge è un segno di rispetto e di grande civiltà!

Dettagli

UTENZE NON DOMESTICHE

UTENZE NON DOMESTICHE Comune di San Cesareo UTENZE NON DOMESTICHE per informazioni numero verde 800.180.330 www.comune.sancesareo.rm.it www.aimeriambiente.it Massimilian Massimiliano Rosolino, testimonial per l Ambiente FRAZIONE

Dettagli

Comune di Spilimbergo ANNO 2008

Comune di Spilimbergo ANNO 2008 Comune di Spilimbergo ANNO 2008 RICICLABILE 39,1% NON RICICLABILE 60,9% SITUAZIONE ATTUALE! "# INDUSTRIALI 13% CARTA 9% PLASTICA 6% VETRO 8% INGOMBRANTI 7% VERDE 11% UMIDO 9% INERTI 10% SECCO 26% OBIETTIVI

Dettagli

LA STORIA DEI RIFIUTI

LA STORIA DEI RIFIUTI I RIFIUTI LA STORIA DEI RIFIUTI Che cos è un rifiuto? Un rifiuto è qualsiasi oggetto o sostanza di cui ci disfiamo: residui, scarti, oggetti rotti o inutilizzabili, prodotti dalle attività domestiche o

Dettagli

CARTA, CARTONCINO, CARTONE

CARTA, CARTONCINO, CARTONE CARTA, CARTONCINO, CARTONE QUALI SI: giornali e riviste, tabulati di fotocopie, carta da pacchi, imballaggi di carta e cartoncini in genere, sacchetti di carta, scatole e scatoloni anche ondulato, cartoni

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

Progetto ecoschool: raccolta differenziata

Progetto ecoschool: raccolta differenziata Progetto ecoschool: raccolta differenziata Chi semina. raccoglie? 23/06/2010 progetto raccolta differenziata 1 Introduzione Conoscere le diverse tipologie di rifiuti Cosa fare per migliorare la raccolta?

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

Raccolte Differenziate. Guida Pratica

Raccolte Differenziate. Guida Pratica Raccolte Differenziate Guida Pratica R come rifiuto Preoccupatevi di lasciare questo mondo un po migliore di come lo avete trovato.. Ciclo Naturale Chiuso Il concetto di Rifiuto non esiste in Natura. La

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni EcoCentro Lombardia Scheda Tecnica di Approfondimento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI Nozioni Il Decreto legislativo n. 152/2006, Norme in materia

Dettagli

Riduco. Riciclo. Recupero. Riutilizzo. Provincia di Campobasso Assessorato all Ambiente

Riduco. Riciclo. Recupero. Riutilizzo. Provincia di Campobasso Assessorato all Ambiente Riduco Riciclo Recupero Riutilizzo Provincia di Campobasso Assessorato all Ambiente Quaderno di nato a il scuola classe sez. Cari ragazzi, questo quaderno che state leggendo, scritto e realizzato per voi

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Unità 1. Raccolta differenziata. Lavoriamo sulla comprensione. Ingombranti Conferiti nelle vicinanze Disfarti Riciclare

Unità 1. Raccolta differenziata. Lavoriamo sulla comprensione. Ingombranti Conferiti nelle vicinanze Disfarti Riciclare Unità 1 Raccolta differenziata CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere un testo che dà informazioni sulla raccolta differenziata parole relative alla raccolta differenziata e ai rifiuti a usare

Dettagli

RACCOLTA DEI RIFIUTI. Chi differenzia fa la differenza CITTÀ DI GARDONE VALTROMPIA

RACCOLTA DEI RIFIUTI. Chi differenzia fa la differenza CITTÀ DI GARDONE VALTROMPIA CITTÀ DI GARDONE VALTROMPIA RACCOLTA DEI RIFIUTI Chi differenzia fa la differenza A Gardone Valtrompia la raccolta rifiuti avviene tramite «Porta a Porta» per la raccolta differenziata di Plastica, Carta,

Dettagli

Utenze commerciali: Sacco bianco CARTA E CARTONI. Cosa mettere nel sacco:

Utenze commerciali: Sacco bianco CARTA E CARTONI. Cosa mettere nel sacco: CARTA E CARTONI Giornali e riviste separate da involucri di cellophane, libri e quaderni, fogli e tabulati, carta da pacchi, cartone e cartoncino, sacchetti di carta, scatole di cartoncino per alimenti

Dettagli

I.C. San Vittorino Corcolle Plesso Via Spinetoli Roma a.s. 2011-2012

I.C. San Vittorino Corcolle Plesso Via Spinetoli Roma a.s. 2011-2012 I.C. San Vittorino Corcolle Plesso Via Spinetoli Roma a.s. 2011-2012 Lavoro svolto dagli alunni delle classi II A-II B-II D-III D nel Laboratorio di Informatica con l Ins.te Maria Patrizi Ehi ma tu sei

Dettagli

Comune di Montefortino

Comune di Montefortino Comune di Montefortino Provincia di Fermo RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI RACCOLTA UMIDO Utilizza il cassonetto marrone per la raccolta dell UMIDO SI COSA INSERIRE: Avanzi freddi di cibo, scarti di

Dettagli

CARTA, CARTONCINO, CARTONE

CARTA, CARTONCINO, CARTONE CARTA, CARTONCINO, CARTONE QUALI SI: giornali e riviste, tabulati di fotocopie, carta da pacchi, imballaggi di carta e cartoncini in genere, sacchetti di carta, scatole e scatoloni anche ondulato, cartoni

Dettagli

La Raccolta Differenziata a casa tua. guida per le famiglie

La Raccolta Differenziata a casa tua. guida per le famiglie La Raccolta Differenziata a casa tua istruzioni per l uso guida per le famiglie Raccolta Differenziata Le novità Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve

Dettagli

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Esperto: ing. Walter

Dettagli

Utenze domestiche. Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Utenze domestiche. Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani CARTA giornali, riviste, libri, quaderni, carta da pacchi, cartoncini, sacchetti di carta, scatole di cartone per scarpe e alimenti

Dettagli

FACCIAMO LA DIFFERENZA

FACCIAMO LA DIFFERENZA Opuscolo informativo sulla raccolta differenziata dei rifiuti La raccolta differenziata comincia con te. Pochi gesti semplici che renderanno migliore il nostro ambiente e la città più vivibile. FACCIAMO

Dettagli

Agli studenti delle scuole elementari e medie: verificate con il test e leggete il vostro profilo

Agli studenti delle scuole elementari e medie: verificate con il test e leggete il vostro profilo Agli studenti delle scuole elementari e medie: verificate con il test e leggete il vostro profilo ISII tecnico G. Marconi Classe 1a E a.s. 2010-2011 Il riciclaggio è nato nei paesi industrializzati intorno

Dettagli

GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA CALENDARIO RACCOLTA RIFIUTI A DOMICILIO Il nuovo sistema di raccolta prevede un cambiamento del calendario settimanale di raccolta così organizzato: MARTEDI' 1 e 3 martedì

Dettagli

Istituto comprensivo VITTORINO DA FELTRE 14 aprile 2015

Istituto comprensivo VITTORINO DA FELTRE 14 aprile 2015 Diffusione del video Non siamo irrecuperabili Istituto comprensivo VITTORINO DA FELTRE 14 aprile 2015 Direzione Ambiente Governo e Tutela del territorio Ciclo Integrato dei Rifiuti e Servizio Idrico Integrato

Dettagli

usa la busta blu per differenziare la plastica e l alluminio

usa la busta blu per differenziare la plastica e l alluminio 1 Comune di Varapodio 2 usa la busta verde per differenziare il vetro usa la busta bianca per differenziare la carta usa la busta blu per differenziare la plastica e l alluminio Cari Cittadini, annunciamo

Dettagli

RIFIUTI: DIFFERENZIARE FA LA DIFFERENZA

RIFIUTI: DIFFERENZIARE FA LA DIFFERENZA RIFIUTI: DIFFERENZIARE FA LA DIFFERENZA Bagnoli Irpino 19 Aprile 2008 Finalità: Promuovere modelli comportamentali ed economici che inducano ad un impegno reale e ad un maggiore senso di responsabilità

Dettagli

IL CICLO DEI MATERIALI

IL CICLO DEI MATERIALI 1 LA SOCIETA DEI CONSUMI La nostra società produce molti beni di consumo, perché la pubblicità ci convince che abbiamo bisogno di nuovi prodotti buttando quelli vecchi anche se perfettamente funzionanti,

Dettagli

Servizi Comunali S.p.A.

Servizi Comunali S.p.A. Servizi Comunali S.p.A. In collaborazione con l Amministrazione l Comunale di Cavernago I rifiuti, una risorsa? Cavernago, 14 gennaio 2014 Raccolta differenziata perché farla? Valenza ecologica (rispetto

Dettagli

COMUNE DI. Raccolta differenziata dei rifiuti SEMPLICE COME UN GIOCO.

COMUNE DI. Raccolta differenziata dei rifiuti SEMPLICE COME UN GIOCO. COMUNE DI Raccolta differenziata dei rifiuti SEMPLICE COME UN GIOCO. RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PER RENDERE EFFICIENTE UN SERVIZIO AL CITTADINO NEL RISPETTO DELLE REGOLE DETTATE DALLA COMUNITA

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bovezzo scuola primaria C. Collodi RICICLARE E TESORO. Descrizione del progetto. Durata progetto: da gennaio a fine maggio

Istituto Comprensivo di Bovezzo scuola primaria C. Collodi RICICLARE E TESORO. Descrizione del progetto. Durata progetto: da gennaio a fine maggio Istituto Comprensivo di Bovezzo scuola primaria C. Collodi RICICLARE E TESORO Anno scolastico 2013/2014 Classe: 3 C Insegnanti: V. Paterlini - G. Catenacci Descrizione del progetto L idea del progetto

Dettagli

Istituto Tecnico per Attività Sociali Matteo Ricci

Istituto Tecnico per Attività Sociali Matteo Ricci Istituto Tecnico per Attività Sociali Matteo Ricci Siamo partiti dal progetto Quotidiano in classe e abbiamo quantificato quanti giornali arrivano a scuola e quanti Kg di carta potrebbero essere riciclati

Dettagli

VILLA FARALDI Differenziamoci. Con il porta a porta per liberarci dei rifiuti in modo intelligente, per noi e per le generazioni future.

VILLA FARALDI Differenziamoci. Con il porta a porta per liberarci dei rifiuti in modo intelligente, per noi e per le generazioni future. VILLA FARALDI Differenziamoci Con il porta a porta per liberarci dei rifiuti in modo intelligente, per noi e per le generazioni future. !!!!! SIAMO IMPEGNATI NEL MIGLIORAMENTO CONTINUO, AIUTATECI A RISPETTARE

Dettagli

Il nuovo Regolamento per la gestione dei rifiuti

Il nuovo Regolamento per la gestione dei rifiuti Il nuovo Regolamento per la gestione dei rifiuti Le norme principali Le istruzioni per l uso Le norme principali Raccolta differenziata Tutti i materiali riciclabili devono essere raccolti in modo differenziato

Dettagli

L ORO DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO! Dr. Danilo Pulvirenti Chimico Consulente Ambientale Gruppo FB: Compostiamoci bene - Sicilia

L ORO DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO! Dr. Danilo Pulvirenti Chimico Consulente Ambientale Gruppo FB: Compostiamoci bene - Sicilia L ORO DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO! Dr. Danilo Pulvirenti Chimico Consulente Ambientale Gruppo FB: Compostiamoci bene - Sicilia EVOLUZIONE DELL UOMO UOMO TECNOLOGICUS! una civiltà lineare ENERGIA ENERGIA

Dettagli

Progetto multidisciplinare e partecipativo 2013-2014

Progetto multidisciplinare e partecipativo 2013-2014 Dipartimento 4 Politiche del territorio U. Org.va Strategie Ambientali Progetto multidisciplinare e partecipativo 2013-2014 2050: ECO - DIFFERENZIATI! E-mail: aamps@aamps.livorno.it Seguici su: www.aamps.livorno.it

Dettagli

G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011 MATERIALI CARTA

G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011 MATERIALI CARTA MATERIALI CARTA 1 IERI E OGGI Cent anni fa: il quotidiano di otto pagine Oggi: il quotidiano di ottanta pagine 2 Cos è la carta zink.to/fare-carta Osserviamo quattro tipi di carta Tipi di carta (classificazione)

Dettagli

Differenzio. Riciclo Trasformo. Riutilizzo. Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia G.Rodari. Progetto di educazione ambientale

Differenzio. Riciclo Trasformo. Riutilizzo. Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia G.Rodari. Progetto di educazione ambientale Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia G.Rodari Progetto di educazione ambientale Sez. omogenea 5 anni C Differenzio Riciclo Trasformo Riutilizzo Insegnanti: AnnaContu, Giuseppina Florio 1 Anno scolastico

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

LE NUOVE MODALITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN VALLE D AOSTA

LE NUOVE MODALITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN VALLE D AOSTA XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX LE NUOVE MODALITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN VALLE D AOSTA Assessorat du Territoire et de l Environnement Assessorato Territorio e ambiente I NUOVI

Dettagli

COMUNE SETTALA ASSESSORATO AMBIENTE CARTA CARTONE TETRAPAK SENZA SACCHETTI DI PLASTICA

COMUNE SETTALA ASSESSORATO AMBIENTE CARTA CARTONE TETRAPAK SENZA SACCHETTI DI PLASTICA CARTA CARTONE TETRAPAK SENZA SACCHETTI DI PLASTICA GIORNALI E RIVISTE LIBRI E QUADERNI FOTOCOPIE E FOGLI VARI CARTONI PIEGATI E SCATOLE PER ALIMENTI IMBALLAGGI DI CARTONE TETRA PAK (LATTE, SUCCHI DI FRUTTA,

Dettagli

Quartiere Valle di Vado

Quartiere Valle di Vado carta, cartone e cartoncino: raccolta porta a porta il venerdì vetro e scatolame: campane verdi stradali plastica: raccolta porta a porta il giovedì abiti usati: contenitori stradali o presso la piattaforma

Dettagli

RACCOLTE DOMICILIARI. Comune di Cicognolo

RACCOLTE DOMICILIARI. Comune di Cicognolo RACCOLTE DIFFERENZIATE DOMICILIARI Comune di Cicognolo Situazione attuale Nel Comune di Cicognolo è attiva la raccolta porta a porta monosettimanale del rifiuto indifferenziato. Sistema secco-umido Appare

Dettagli

Percorso di educazione alla sostenibilità per la scuola secondaria di primo grado RIFIUTI, NO GRAZIE! LE SCUOLE DI MANTOVA CONTRO LO SPRECO

Percorso di educazione alla sostenibilità per la scuola secondaria di primo grado RIFIUTI, NO GRAZIE! LE SCUOLE DI MANTOVA CONTRO LO SPRECO Percorso di educazione alla sostenibilità per la scuola secondaria di primo grado RIFIUTI, NO GRAZIE! LE SCUOLE DI MANTOVA CONTRO LO SPRECO La natura non spreca l uomo sì! s Sì!!! Primo comandamento :

Dettagli

FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI

FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI COMUNE DI CESANO BOSCONE La raccolta differenziata a Cesano Boscone Raccogliere separatamente i rifiuti è un gesto di rispetto

Dettagli

vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi grandi, fiori secchi, alimenti, piatti di plastica cartone

vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi grandi, fiori secchi, alimenti, piatti di plastica cartone Livello A1 Unità 1 Raccolta differenziata Chiavi Lavoriamo sulla comprensione Chiavi 1. Metti i rifiuti nel contenitore giusto. (drag and drop) vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi

Dettagli

LE NUOVE MODALITà DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN VALLE D AOSTA

LE NUOVE MODALITà DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN VALLE D AOSTA XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX LE NUOVE MODALITà DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN VALLE D AOSTA Assessorat du Territoire et de l Environnement Assessorato Territorio e ambiente i nuovi

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE IMPRONTA ECOLOGICA GOLGI IL GOLGI IN PUNTA DI PIEDI

SVILUPPO SOSTENIBILE IMPRONTA ECOLOGICA GOLGI IL GOLGI IN PUNTA DI PIEDI SVILUPPO SOSTENIBILE IMPRONTA ECOLOGICA GOLGI IL GOLGI IN PUNTA DI PIEDI LA COLLABORAZIONE DELL ISTITUTO GOLGI CON CeTAmb Disinfezione solare dell acqua Valutazione dell efficienza del collettore solare

Dettagli

Istituto Comprensivo di Gallicano. Scuola Primaria di Fabbriche di Vallico. Progetto Laboratorio dei Saperi Scientifici «CARTA RI-CARTA»

Istituto Comprensivo di Gallicano. Scuola Primaria di Fabbriche di Vallico. Progetto Laboratorio dei Saperi Scientifici «CARTA RI-CARTA» Istituto Comprensivo di Gallicano Scuola Primaria di Fabbriche di Vallico Progetto Laboratorio dei Saperi Scientifici «CARTA RI-CARTA» Classi 1^/2^/3^/4^/5^ a. s. 2014-2015 OBIETTIVI ESSENZIALI ABILITA

Dettagli

QUALE TIPO DI RIFIUTO BUTTO NELL ORGANICO?

QUALE TIPO DI RIFIUTO BUTTO NELL ORGANICO? Differenziare i rifiuti L'importanza della raccolta differenziata La raccolta differenziata è il modo migliore per preservare e mantenere le risorse naturali, a vantaggio nostro, dell'ambiente in cui viviamo

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO SOCIALE EUROPEO "COMPETENZE PER LO SVILUPPO" 2007 IT 05 1 PO

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO SOCIALE EUROPEO COMPETENZE PER LO SVILUPPO 2007 IT 05 1 PO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO SOCIALE EUROPEO "COMPETENZE PER LO SVILUPPO" 2007 IT 05 1 PO 007 Obiettivo F Azione 1 BANDO AOODGAI 872 2007 Apprendere per orientarsi nella società complessa Codice

Dettagli

Comune di. Canegrate

Comune di. Canegrate Comune di Canegrate UMIDO ORGANICO Nei sacchetti in Mater-Bi dentro l apposito cestino aerato. Per la raccolta il sacchetto va spostato nel MASTELLO MARRONE da mettere fuori casa. Grandi quantità di verde

Dettagli

La Raccolta Differenziata

La Raccolta Differenziata La Raccolta Differenziata Le norme principali Le istruzioni per l uso Le norme principali Il Regolamento comunale è un insieme di norme utili a salvaguardare il decoro di Roma e a garantire una corretta

Dettagli

Laboratorio di Raccolta Differenziata

Laboratorio di Raccolta Differenziata Laboratorio di Raccolta Differenziata 1 Che cosa è un RIFIUTO? I RIFIUTI SONO COSE SPORCHE E PUZZOLENTI I RIFIUTI SONO COSE INUTILIZZABILI, SCARTI O COSE ROTTE I RIFIUTI SONO UNA RISORSA PER IL FUTURO,

Dettagli

1 GIUGNO 2012 PARTE LA NUOVA GESTIONE SPECIALE RIFIUTI. Raccolta dei rifiuti a Sale Marasino: COMUNE DI SALE MARASINO

1 GIUGNO 2012 PARTE LA NUOVA GESTIONE SPECIALE RIFIUTI. Raccolta dei rifiuti a Sale Marasino: COMUNE DI SALE MARASINO COMUNE DI SALE MARASINO L obiettivo delle norme italiane, conforme alle indicazioni dell Unione Europea, è il 65% di Raccolta Differenziata entro il 31 dicembre 2012 per garantire una migliore qualità

Dettagli

" Un due tre il riciclo tocca a te! "

 Un due tre il riciclo tocca a te! " Un due tre il riciclo tocca a te! " Una delle tematiche ambientali che ha maggiore spicco e visibilità è quella della gestione dei rifiuti, una problematica sempre più presente nelle nostre società,

Dettagli

Plastica. , PVC) e, particolari processi. Infine, è possibile. di nuove plastiche o di combustibili gas e liquidi.

Plastica. , PVC) e, particolari processi. Infine, è possibile. di nuove plastiche o di combustibili gas e liquidi. Il riciclaggio dei contenitori in plastica per liquidi può essere effettuato in quattro modi. Plastica Si possono separare in base al Oppure i contenitori polimero con cui sono stati possono essere realizzati

Dettagli

TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA

TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA ARTICOLO DI RIFERIMENTO FATTISPECIE VIOLAZIONE SANZIONE MINIMO EDITTALE 1.1 Nelle

Dettagli

Gestione dei rifiuti solidi associativi

Gestione dei rifiuti solidi associativi LA NUOVA REGALDI Gestione dei solidi associativi VADEMECUM PER I VOLONTARI DELLA PULIZIA INDICE Riassunto 1 1. Introduzione 1 2. Strumenti di lavoro 1 2.1. Ubicazione degli strumenti di lavoro... 1 2.1.

Dettagli

LE 4 R CHE COMBATTONO LO SPRECO

LE 4 R CHE COMBATTONO LO SPRECO Percorso di educazione alla sostenibilità per la scuola primaria LE 4 R CHE COMBATTONO LO SPRECO La natura non spreca. L uomo sì.che fare? CHIEDIAMO AIUTO ALLE MITICHE, FAVOLOSE INSUPERABILI, MEGAGALATTICHE,

Dettagli

LE NUOVE MODALITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN VALLE D AOSTA

LE NUOVE MODALITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN VALLE D AOSTA COMUNI DI: ANTEY-SAINT-ANDRÉ CHAMBAVE CHAMOIS CHÂTILLON EMARÈSE LA MAGDELEINE PONTEY SAINT-DENIS SAINT-VINCENT TORGNON VALTOURNENCHE VERRAYES LE NUOVE MODALITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN VALLE D AOSTA

Dettagli

L acqua è un bene prezioso!

L acqua è un bene prezioso! Con il Patrocinio di: In collaborazione con: Istituto Onnicomprensivo A. Argoli Scuola Primaria D. Bevilacqua - Tagliacozzo L acqua è un bene prezioso! Il ciclo dell acqua raccontato ai genitori dai bambini

Dettagli

Ordinanza per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel Comune di Poschiavo (approvata dalla Giunta comunale il 12 maggio 1997)

Ordinanza per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel Comune di Poschiavo (approvata dalla Giunta comunale il 12 maggio 1997) Ordinanza per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel Comune di Poschiavo (approvata dalla Giunta comunale il 12 maggio 1997) 81.51 Art. 1. Art. 2. Art. 3. Art. 4. I. Norme generali Il Comune

Dettagli

Che cos e il porta a porta?

Che cos e il porta a porta? Che cos e il porta a porta? È un nuovo modo di realizzare la raccolta dei rifiuti urbani. Si eliminano quasi tutti i cassonetti su strada e vengono consegnate ad ogni utenza piccole pattumiere in cui depositare

Dettagli

L'inizio della raccolta differenziata del rifiuto organico

L'inizio della raccolta differenziata del rifiuto organico A Pisogne L'inizio della raccolta differenziata del rifiuto organico Oltre alle raccolte differenziate avviate da tempo ora si possono recuperare anche: residui da sfalci e potature (erba, rami e foglie)

Dettagli

Impariamo anche noi a fare la differenza.

Impariamo anche noi a fare la differenza. La raccolta rifiuti diventa una faccenda domestica. Impariamo anche noi a fare la differenza. Comune di San Mar no in Rio COS E LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DOMICILIARE? La raccolta differenziata domiciliare

Dettagli

L importanza dell acqua dolce. Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata.

L importanza dell acqua dolce. Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata. L importanza dell acqua dolce Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata. Il deficit mondiale di acqua L acqua è un bene indispensabile per la sopravvivenza

Dettagli

Ordinanza per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel Comune di Poschiavo

Ordinanza per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel Comune di Poschiavo Ordinanza per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel Comune di Poschiavo (approvata dalla Giunta comunale il 12 maggio 1997) 1 I. Norme generali Art. 1. Il Comune di Poschiavo, conformemente

Dettagli

Mense scolastiche. Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti. Comune di Cesena

Mense scolastiche. Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti. Comune di Cesena Mense scolastiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti. Comune di Cesena Fare la raccolta differenziata In Emilia-Romagna, ogni giorno produciamo circa 1,8 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta

Dettagli

LA CARTA STORIA E LEGGENDA. Carta deriva dal latino chartae dal greco charassò che significa incidere.

LA CARTA STORIA E LEGGENDA. Carta deriva dal latino chartae dal greco charassò che significa incidere. LA CARTA INFEA - MATERIALE DIDATTICO LA CARTA Carta deriva dal latino chartae dal greco charassò che significa incidere. STORIA E LEGGENDA Per ritrovare le origini della carta è necessario tornare indietro

Dettagli

PERCHE LA RACCOLTA DEL RIFIUTO ORGANICO

PERCHE LA RACCOLTA DEL RIFIUTO ORGANICO PERCHE LA RACCOLTA DEL RIFIUTO ORGANICO Il rifiuto organico costituisce circa il 30-40% in peso della quantità complessiva di rifiuti prodotti a livello domestico. L obiettivo che l AMV vuole raggiungere

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI ANNO SCOLASTICO:2006/2007. SCUOLA PRIMARIA: G. Giusti Piano di Conca. ALUNNI COINVOLTI: classe 2^A e 2^B

OBIETTIVI FORMATIVI ANNO SCOLASTICO:2006/2007. SCUOLA PRIMARIA: G. Giusti Piano di Conca. ALUNNI COINVOLTI: classe 2^A e 2^B ANNO SCOLASTICO:2006/2007 SCUOLA PRIMARIA: G. Giusti Piano di Conca ALUNNI COINVOLTI: classe 2^A e 2^B INSEGNANTI: Bergamini Patrizia, Manfredini Maria Grazia Acquisire una maggiore sensibilità verso l

Dettagli

OGNI COSA AL SUO POSTO

OGNI COSA AL SUO POSTO Con il contributo di: OGNI COSA AL SUO POSTO ISTRUZIONI PER UNA CORRETTA RACCOLTA DIFFERENZIATA I VANTAGGI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA RECUPERO di materiali che possono essere riutilizzati, anziché buttati

Dettagli

PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA

PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA Che cos è un rifiuto? Qualcosa che non ci serve più e che buttiamo! Provate a pensare a questo: avete una vecchia felpa che a voi non piace più e che ormai

Dettagli

PORTA A PORTA GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA. Comune di Pettorano sul Gizio LA TUA COLLABORAZIONE E INDISPENSABILE

PORTA A PORTA GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA. Comune di Pettorano sul Gizio LA TUA COLLABORAZIONE E INDISPENSABILE Comune di Pettorano sul Gizio GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA E il nuovo sistema domiciliare con cui il Comune di Pettorano sul Gizio provvederà al ritiro dei rifiuti direttamente avanti

Dettagli

QUARTIERE. CITTÀ DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO Assessorato alle Politiche Ambientali RAGNOLA F.E.E. ITALIA

QUARTIERE. CITTÀ DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO Assessorato alle Politiche Ambientali RAGNOLA F.E.E. ITALIA CITTÀ DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO Assessorato alle Politiche Ambientali F.E.E. ITALIA QUARTIERE RAGLA 5 Nel tuo quartiere da lunedì 2 maggio tutti i cassonetti cominceranno ad andare via! FACCIAMO BENE

Dettagli

Relazione Tecnica Centro di raccolta - Isola Ecologica Sava (Ta)

Relazione Tecnica Centro di raccolta - Isola Ecologica Sava (Ta) -pag.1/6- Oggetto: Relazione Tecnica sui sistemi naturali sostenibili per la riduzione dell inquinamento diffuso delle acque di dilavamento in aree urbanizzate e riutilizzo delle acque meteoriche, per

Dettagli

RIDUCI LA DIFFERENZA!

RIDUCI LA DIFFERENZA! RIDUCI LA DIFFERENZA! CAMPAGNA 2010/11 PER IL POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NELLE SCUOLE DEL COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO LINEE GUIDA La Campagna 2010/11 per il potenziamento della raccolta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRESCORE CREMASCO PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCIENZE CLASSI 1 a, 2 a, 3 a, 4 a, 5 a ANNO SCOLASTICO 2015/16 COMPETENZE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRESCORE CREMASCO PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCIENZE CLASSI 1 a, 2 a, 3 a, 4 a, 5 a ANNO SCOLASTICO 2015/16 COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRESCORE CREMASCO PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCIENZE CLASSI 1 a, 2 a, 3 a, 4 a, 5 a ANNO SCOLASTICO 2015/16 COMPETENZE SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA: 1. L alunno sviluppa atteggiamenti

Dettagli

Galsi organizza la giornata ecologica per la pulizia delle nostre spiagge.

Galsi organizza la giornata ecologica per la pulizia delle nostre spiagge. Galsi organizza la giornata ecologica per la pulizia delle nostre spiagge. I ragazzi delle scuole medie, i loro genitori e professori: insieme per pulire il futuro Che progetti hai per il tuo futuro? Il

Dettagli