icognizione sul territorio Secondaria di 1 grado

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "icognizione sul territorio Secondaria di 1 grado"

Transcript

1 icognizione sul territorio Secondaria di 1 grado NEL MONDO E VICINO A ME Come vengono trattati i rifiuti nella Regione Piemonte? I ragazzi sanno quanti rifiuti, oggetti senza futuro, arrivano direttamente in discarica (i cosiddetti indifferenziati) e quanti vengono differenziati? Il Comune in cui i ragazzi vivono e studiano è un Comune Riciclone? Come tratta i suoi rifiuti? Vengono differenziati? In quale percentuale? Come si colloca rispetto ai dati regionali? E rispetto ai dati nazionali? Può essere interessante avviare con la classe una discussione sui dati ufficiali relativi ai rifiuti confrontando i grafici e le tabelle presenti negli opuscoli del kit. Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio definisce il rifiuto come qualsiasi sostanza od oggetto [...] di cui il detentore o il proprietario si disfi o abbia intenzione di disfarsi. Secondo il Decreto legislativo 5/2/1997, che si occupa in maniera specifica di rifiuti, ogni oggetto ha un proprietario. Ciò fa si che ognuno di noi sia responsabile, almeno in parte, dei propri numerosissimi oggetti, o dei loro scarti, che via via accantona e non utilizza più. A volte alcune problematiche ambientali appaiono agli occhi degli studenti estranee e prive di significato, come se fossero lontane dal loro mondo: lo scopo della seguente attività è quello di rendere consapevoli gli alunni di questa problematica, facendo capire che i rifiuti, il loro smaltimento, il riciclaggio, la seconda vita degli oggetti sono tematiche che riguardano tutti, nessuno escluso. Viene proposto un approccio iniziale percettivo seguito da attività di ricerca e di esplorazione ambientale sul territorio. Immaginiamo di Immaginiamo di avere un potentissimo zoom: osserviamo la Terra, poi focalizziamo la nostra attenzione sulla nostra nazione, sulla nostra regione, e infine con una zoomata più intensa guardiamo quello che succede nelle vie che circondano la scuola, la casa: ci sono dei rifiuti? Come si presenta il tragitto che abitualmente percorriamo per venire a scuola: ci sono cassonetti o campane per la raccolta differenziata? Oppure cartacce, mozziconi di sigarette, escrementi di animali? C è qualche situazione che colpisce particolarmente l attenzione, angoli del quartiere in stato di abbandono e sommersi da oggetti abbandonati? Ci sono cartelli o locandine che segnalano ai cittadini tempi e modi per il ritiro della spazzatura? Come sono? SU FOGLIO DI CARTONCINO A3, SUDDI- VISO A METÀ NEL VERSO PIÙ LUNGO, I RAGAZZI POTRANNO SINTETIZZARE CIÒ CHE HANNO RICORDATO: UNO SCHIZZO DEL PERCORSO CASA-SCUOLA CON BEN IN EVIDENZA CESTINI, CASSONETTI, NEGOZI, LOCALI PUBBLICI, PERSONE INCONTRATE, MA ANCHE CARTACCE, GRAFFITI, RIFIUTI ABBANDONATI. QUESTE STRISCE SARANNO IL MATE- RIALE DI PARTENZA PER IL VIAGGIO TRA IRIFIUTI DEL QUARTIERE.

2 sul territorio Ricognizione Waste Watching! Dopo avere lavorato e discusso in classe, per parlare di rifiuti di casa nostra è necessario organizzare una vera e propria spedizione con gli alunni per esplorare insieme il territorio, possibilmente i percorsi casascuola oggetto dell attività precedente. Particolarmente utili in questa fase saranno la macchina fotografica e la planimetria di base del quartiere; vanno benissimo per questa attività gli stradari allegati all elenco telefonico. La classe può essere divisa e organizzata in squadre di WASTE WACHTER ( osservatori di rifiuti ): cartina e pennarelli colorati alla mano, ogni gruppo dovrà evidenziare sulla propria mappa i luoghi dove si trova immondizia, gli spazi destinati alla raccolta, i cassonetti, le campane e osservare se vicino alle abitazioni e all interno del cortile della scuola esistono punti di raccolta di rifiuti generici e di materiali differenziati, e se si trovano indicazioni circa il giorno e le modalità di raccolta. Importante per la successiva rielaborazione è la documentazione dell uscita con numerose fotografie. I dati andranno raccolti in un unica tabella che dovrà riportare l elenco delle situazioni anomale, dei rifiuti fuori posto, ma anche situazioni positive in cui ogni cosa, o meglio, ogni rifiuto è al posto giusto! Un ulteriore stimolo di discussione potrebbe essere il confronto tra la striscia sui rifiuti immaginati e la mappa con le segnalazioni e effettuate sul campo. Ogni giorno, ciascun cittadino piemontese produce in media 1,370 kg di rifiuti totali. Neonati, giovani, adulti: i residenti nella regione (dati 2003) producono rifiuti totali pari a tonnellate annue. DOVE VANNO A FINIRE?

3 ipulire &razionalizzare & Secondaria di 1 grado Netturbiamo! L esplorazione del quartiere effettuata con la classe ha evidenziato un area particolarmente degradata e colpita dalla problematica dei rifiuti? Può essere molto coinvolgente organizzare una vera e propria azione di bonifica e di pulizia: allestiamo una squadra di WASTE BUSTER che si sentiranno responsabilizzati e coinvolti in prima persona nella gestione attiva del quartiere. Molto utile potrebbe essere svolgere queste operazioni chiedendo la collaborazione di genitori e nonni. Naturalmente i ragazzi dovranno stare molto attenti a oggetti taglienti, siringhe, vetri: è consigliabile l uso di robusti guanti protettivi. È opportuno dare comunicazione delle attività ai vigili di zona e al comune. Parola d ordine: comunicare! Comunicare e rendere accessibili a tutti i temi ambientali, diffondere consapevolezza, agire sugli stili di vita, stimolare il maggior numero di ragazzi, ragazze, cittadini e cittadine a prendersi cura del pianeta sono gli obiettivi dell educazione ambientale. Perché allora non realizzare insieme agli studenti una vera e propria campagna di sensibilizzazione incentrata sui rifiuti e sul consumo consapevole, rivolta a tutti i cittadini del quartiere, a tutto il personale e al corpo docente della scuola, agli altri alunni utilizzando gli strumenti di comunicazione più accattivanti e moderni? La scuola affronta temi ambientali di notevole interesse, esce sul territorio, non in silenzio ma con un vero e proprio battage pubblicitario con tanto di locandine da appendere alle vetrine dei negozi, con volantini e con adesivi da distribuire per le vie del quartiere, durante il mercato settimanale, con canzoni, fumetti e poesie per il giornalino della scuola, con una pagina WEB per il sito dell Istituto Scolastico. Il contenuto della campagna potrebbe essere una sintesi sapiente di quanto appreso in classe con tanto di dati ufficiali, ma anche un importante momento di verifica finale per l insegnante per valutare quanto sia stato realmente interiorizzato dagli studenti. LA SFIDA? Trovare il linguaggio adeguato per ogni situazione: formale per le comunicazioni più ufficiali, veloce per i giovani... Con tre regole importantissime: uscire dai luoghi comuni evitando facili decaloghi, stupire dando via libera alla creatività e usare carta riciclata!

4 Ripulire &razionalizzare & A casa: riciclare con successo Una semplice ma stimolante attività consiste nell analizzare il sacchetto della spazzatura di casa con lo scopo di capire quanti rifiuti produciamo personalmente ogni giorno, per poi intraprendere un indagine critica sui consumi, sulla scelta dei prodotti, sugli sprechi. Si tratta di un attività individuale che, almeno nella sua prima fase, deve essere svolta a casa dagli studenti. e rendere tutto semplice I ragazzi, alla fine di una giornata qualsiasi, determineranno il peso del sacchetto della pattumiera di casa, cioè di quanto finisce nella frazione di rifiuti indifferenziata, poi valuteranno quanto e cosa invece è destinato al riciclo. Quindi sarà possibile passare alla fase di ispezione del contenuto del sacchetto indifferenziato: cosa contiene? Ci sono oggetti, contenitori di liquidi, lattine di alluminio, vasetti di vetro che non dovrebbero esserci? Ci sono degli oggetti particolarmente voluminosi? Se sì, è possibile ridurne il volume schiacciandoli? La stessa analisi andrà effettuata anche sulla parte di rifiuti che vengono differenziati. Gli studenti potranno coinvolgere nella corretta gestione dei rifiuti domestici tutta la famiglia, per esempio predisponendo delle etichette colorate per i cestini dei rifiuti così che a tutti sia ben chiaro dove gettare quello che non serve più oppure offrendosi di convogliare, dopo opportuna verifica del contenuto, verso il cassonetto condominiale i rifiuti riciclabili in modo da non avere eccessivi accumuli in casa. Nel 2004 la città di Torino ha raggiunto il suo obiettivo: 35% di raccolta differenziata dei rifiuti. Questo successo è stato ottenuto anche grazie al progetto di Raccolta Differenziata Sottocasa (attivo in alcune circoscrizioni della città). Questa raccolta porta a porta prevede il posizionamento di piccoli cassonetti all interno dei cortili delle abitazioni ed è stata apprezzata da tutti coloro che hanno già fatto della raccolta differenziata una buona abitudine quotidiana: cassonetti più piccoli e vicini hanno agevolato gli utenti interessati nelle attività di differenziazione dei rifiuti domestici e hanno permesso di aumentare la percentuale di raccolta differenziata. Conosci questo progetto? Sai riferire se nel tuo Comune le Aziende Municipalizzate hanno attivato progetti simili per favorire la raccolta differenziata dei rifiuti? KEEP IT SIMPLE! Riciclare tutti i giorni richiede solo un piccolo spazio, mentre immagazzinare lattine, bottiglie e giornali per un mese richiede circa tre metri quadrati. Altri suggerimenti su come rendere semplice il riciclo sul sito

5 isparmio di materia prima Secondaria di 1 grado CARTACCIAI A SCUOLA E A CASA Cosa sanno i ragazzi della carta? Conoscono qual è il destino della carta che non serve più? Si comportano correttamente evitando inutili sprechi? Avviano alla raccolta differenziata carta, cartoncini e vecchie riviste? Per responsabilizzare gli studenti si può organizzare un servizio di recupero della carta vecchia nelle classi della scuola, a domicilio, affidando a turno ad alcuni studenti il RUOLO DI CARTACCIAI. I cartacciai in orari e giorni pre-stabiliti faranno il giro delle classi della scuola per ritirare tutta la carta usata e che non serve più. Nel 1997 in tutto il mondo sono stati prodotti circa 300 milioni di tonnellate di carta (l equivalente di una montagna di un chilometro e mezzo di diametro e di 500 metri di altezza!). dati FAO, 2000 Una pila di giornali alta 30 cm pesa 15Kg Ogni anno una persona usa la carta ricavata da due alberi. Riciclo Riciclo, Verde Ambiente, 1993 Quasi il 90% dei quotidiani italiani viene stampato su carta riciclata. Quasi il 90% delle scatole per la vendita di pasta, calzature e altri prodotti di uso comune sono realizzate in cartoncino riciclato. Il 100% delle scatole per prodotti più fragili o voluminosi sono realizzate in cartone riciclato. Fonte Comieco Parte di questa carta potrà servire per produrre della carta riciclata originalissima con la quale fare dei bigliettini di auguri, inviti e anche pieghevoli informativi sulle varie attività di recupero e differenziazione di rifiuti scolastici. Il resto della carta dovrà essere pesato, quindi riposto negli appositi cassonetti dove sarà prelevato e avviato al riciclaggio per diventare nuova carta. Alla fine del mese è importantissimo divulgare i risultati della raccolta e comunicare a tutta la scuola quanta carta è stata riciclata evitando il taglio di alberi, risparmiando acqua ed energia elettrica. Parola d ordine:! COINVOLGERE e SENSIBILIZZARE tutte le persone che lavorano nella scuola: docenti, studenti, personale degli uffici e della segreteria, commessi, addetti alle pulizie, spiegando tempi, modi e scopi della raccolta, e soprattutto far capire quanto è prezioso il contributo di tutti. 4 milioni di tonnellate di carta da ufficio (utilizzata dagli impiegati americani e non riciclata nel 1993) sono abbastanza per costruire un muro di carta alto 3,5 metri che va da New York alla California. Riciclo Riciclo, Verde Ambiente, 1993

6 di Risparmio materia prima Facciamo un po di conti! Una tonnellata di Alberi Acqua Energia elettrica Carta cellulosa vergine Kwt Carta da macero Kwt I dati nella tabella possono essere utilizzati per calcolare il risparmio di materia prima e anche per stimolare una discussione sui consumi, partendo da domande stimolo proprio sulle abitudini quotidiane dei ragazzi in tema di carta, per esempio l utilizzo o meno di quaderni di carta riciclata, riuso di fogli per la brutta, razionalizzazione dello spazio utilizzato per la scrittura QUALE CARTA RICICLARE: Tutta la carta bianca da computer o per le fotocopiatrici è idonea al riciclo, l inchiostro non compromette il riciclaggio, ma attenzione alle buste: quelle con l adesivo e con la finestra di plastica non vanno bene. Anche la carta fax, autocopiante o quella adesiva non è idonea.

7 iciclo & produzione di carta iciclo Secondaria di 1 grado Produrre carta utilizzando altra carta 1 Spezzettare la carta, metterla nella bacinella con l acqua a macerare per 2-3 giorni, poi frullare fino a ottenere una poltiglia omogenea. Mettere una parte di questa pasta di carta in una vaschetta con acqua: dovrà essere piuttosto liquida. 2 Cosa occorre Alcune bacinelle basse e larghe; acqua; un frullatore a immersione; strofinacci da cucina o stracci di cotone; retini; tanta carta usata. Immergere velocemente il retino (può essere costruito nel laboratorio di falegnameria con legno e rete metallica) posizionandolo sul fondo della vaschetta, poi risollevarlo lentamente tenendolo orizzontale, facendogli pescare i frammenti di carta in sospensione. 3 Come alternativa al retino classico, è possibile usare una comune retina spargifiamma: con 1 euro si trova in qualunque mercato rionale! 4 Il segreto è cercare di fare depositare le fibre di carta sulla rete in maniera uniforme: non troppe, altrimenti si ottiene un cartoncino difficile poi da scrivere o piegare, ma non troppo poche, per evitare di produrre un foglio troppo sottile e delicato. 5 Sollevare infine il retino, sgocciolare l eccesso di acqua, quindi, steso uno strofinaccio sul tavolo, capovolgere con un gesto rapido il setaccio portando il foglio di carta a contatto con lo strofinaccio. 6 Con della carta assorbente o con un altro straccio asciugare tutta l acqua possibile dal foglio, facendo una leggera pressione. Il retino si dovrebbe ora staccare perfettamente dal foglio, che rimane attaccato allo strofinaccio fino a quando non è perfettamente asciutto.

8 Riciclo & produzione di carta Riciclo Qualche trucco Dopo aver familiarizzato con la tecnica base, si possono usare bacinelle diverse per fare originali esperimenti, ma bisogna ricordare che la carta di partenza condizionerà la riuscita del lavoro. Molto meglio le carte povere, ruvide, come quella di giornale, quella da pacco sottile, quella per fotocopie, da tralasciare invece carte patinate e plastificate, più difficili da trattare. Anche la quantità di inchiostro presente nella carta contribuisce al risultato finale, e tenderà a ingrigire la pasta, e quindi la carta finale. PER REALIZZARE CARTA COLORATA: la carta velina, quella sottilissima, e la carta crespa sono delle ottime carte colorate. Potete frullarle insieme all altra carta per dare un colore uniforme o aggiungerle a pezzetti al frullato gia pronto, per dare un effetto marmorizzato davvero particolare! PER REALIZZARE BIGLIETTI RAFFINATI: provare a immergere nel frullato, o ad apporre sulla carta appena pescata con il retino, foglie secche, petali di fiori secchi, frammenti di rafia, coriandoli e altri materiali sottili e secchi. Qualunque sia il retino utilizzato, ne vanno sfruttate le particolarità! Se ad esempio è del tipo spargifiamma, la sua forma rotonda consente di fare degli originali biglietti a cerchio, o di piegarli a mezza luna o a spicchio per scrivere all interno auguri o pensieri. Si possono anche realizzare originali libri con fogli rotondi rilegati con un filo di rafia in tinta. Date spazio alla fantasia! Per i più curiosi? Se le carte più tradizionali non vi bastano, ottimi risultati si ottengono con i materiali più strani: carciofi, bucce di carote, bucce di banane! È possibile utilizzare materiale vegetale vario: deve essere cotto in pentola a pressione per un certo tempo, poi frullato e lavorato esattamente come descritto sopra. Avrete dei lavori davvero particolari! Del resto, anche la carta deriva da fibre vegetali oltre al papiro, esistono anche numerosi altri vegetali, o loro scarti, che possono essere utilizzati. L INVENZIONE DELLA CARTA La carta è stata probabilmente inventata in Cina da Ts ai Lun nel 105 d.c., usando solo vecchi stracci, reti da pesca e scorza d albero. La tecnica della sua fabbricazione è arrivata in Europa, passando attraverso il mondo arabo, soltanto a partire dal XIII secolo. Pare sia stato un prigioniero cinese, cartaio di professione, a insegnare agli Arabi la tecnica di produzione nel 750 d.c.

9 isorse idriche Secondaria di 1 grado INQUINAMENTO MARINO e INQUINAMENTO DELLE ACQUE INTERNE sono strettamente connessi e l INQUINAMENTO DELLE ACQUE COSTIERE in particolare dipende in larghissima misura dalle sostanze trasportate in mare dai fiumi, dagli scarichi a mare dei centri abitati e delle industrie costiere. Gli effetti dell inquinamento delle acque dolci, anche se più circoscritti, sono talvolta più netti di quelli che si osservano in mare, tanto da rendere laghi di piccole dimensioni e tratti del corso di fiumi delle vere e proprie fogne. UNA DISCUSSIONE IN CLASSE PERMETTERÀ DI FAR INDIVIDUARE AI RAGAZZI ALTRI BENEFICI IN TERMINI AMBIENTALI, AD ESEMPIO RISPARMIO DI COMBUSTIBILI FOSSILI, TERRENO, ALBERI. AGENTI INQUINANTI URBANA INDUSTRIALE AGRICOLA Sostanze organiche OGNI PROCESSO PRODUTTIVO PRODUCE DEGLI SCARTI: DOVE VANNO A FINIRE? Consumare meno e meglio significa risparmiare risorse idriche e riversare meno liquami e scarichi industriali nelle acque. Riciclare una tonnellata di carta significa risparmiare litri di acqua rispetto ai processi di fabbricazione della carta ex-novo ed evita i processi di candeggio per la sbiancatura della carta, oltre a una notevole quantità di energia. Ciò si traduce in una consistente quantità di anidride carbonica in meno emessa in atmosfera. Origine degli agenti inquinanti Carboidrati, grassi, composti proteici, aminoacidi, azotati Cloruri, sali ammoniacali Sali, calcio e magnesio (precipitati) Colloidi, polverino sottile, materiali organici Acidi forti Basi forti Anidride solforosa, solfiti, idrosolfiti, sali di ferro e manganese Sali di potassio, fosfati, nitrati Cromati, cianuri, sali di Zn, Cu, Ni, Pb, cloroderivati, pesticidi Idrocarburi, catrame, grassi, olii vegetali Acque di refrigerazione (colore) Saponi, detergenti, alcali Coloranti, tannino più ioni metallici, colloidi, idrocarburi Tronchetti, segatura, fibre, carniccio Sabbie, pietrisco, materiali organici Radioisotopi

10 Risorse idriche Il depuratore 1Recuperate 4 bottiglie di plastica della stessa forma e dimensione. Tagliate 2 bottiglie a 12 cm di altezza dal fondo e una a 20 cm. 2Procuratevi un po di cotone, sabbia, ghiaia e carbone: sciacquate bene la sabbia e la ghiaia e triturate il carbone in piccoli pezzi senza però ridurlo in polvere. 3Vi servirà anche dell acqua sporca : mescolate della terra con l acqua del rubinetto oppure usate quelle delle pozzanghere. 4 Scaldate uno spillo per bucare la plastica con facilità e fate dei fori, circa 10, sul fondo della bottiglia rimasta intera e delle due bottiglie tagliate a 12 cm dal fondo. La bottiglia da 20 cm non va forata! 5Mettete in entrambe le bottiglie da 12 cm uno strato di cotone (sotto) e uno di ghiaia (sopra). Aggiungete nella prima uno strato di sabbia, nella seconda uno strato di carbonella. 6Incastrate una sull altra le quattro bottiglie seguendo l ordine della figura: il vostro depuratore è pronto! Adesso basta riempire la bottiglia intera con l acqua sporca e osservare. COSA SUCCEDE? COME CAMBIANO I MATERIALI CONTENUTI NELLE BOTTIGLIE? COSA SUCCEDE ALL ACQUA SPORCA? Ricordatevi che l acqua ottenuta è pulita ma non è batteriologicamente pura, quindi non può essere bevuta! L inquinamento è una modificazione sfavorevole di un ambiente naturale dovuta completamente o parzialmente all attività umana, con interventi diretti o indiretti, che alterano le caratteristichefisico-chimiche dell acqua, i flussi di energia e la struttura e abbondanza delle associazioni dei viventi. definizione del Comitato Ecologico Americano

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fare la raccolta differenziata In provincia di Modena, ogni giorno produciamo 1,75 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta differenziata

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. UNIONE DEI COMUNI Agugliano Camerata Picena Offagna Polverigi Santa Maria Nuova Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. Raccolta differenziata porta a porta. A.T.I. Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Eco Natural Lucart: la nuova generazione di carta ecologica

Eco Natural Lucart: la nuova generazione di carta ecologica Natural Lucart: nuova generazione di carta ecologica Una gamma di prodotti INNOVATIVA nel filosofia produttiva, eccellente nelle PRESTAZIONI ed ECOLOGICA al 100%. Professional TecHnology La prima carta

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità :

Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità : Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità : 1. Stiletto in gel ed in acrilico ; 2. Scultura/ Tip pink & white in Gel/acrilico Principianti ; 3. Scultura/ Tip pink & white in

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13 MONINI S.p.A. S.S 3 Flaminia Km. 129-06049 Spoleto (PG) Tel. 0743.2326.1 (r.a.) Partita IVA 02625300542- Cap.Soc. EURO 6.000.000,00 I.V. www.monini.com e-mail: info@monini.com Posta Certificata: monini@legalmail.it

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Esperienze con l elettricità e il magnetismo

Esperienze con l elettricità e il magnetismo Esperienze con l elettricità e il magnetismo Laboratorio di scienze Le esperienze di questo laboratorio ti permettono di acquisire maggiore familiarità con l elettricità e il magnetismo e di sperimentare

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI via Belenzani, 18 I 38122 Trento tel. 0461 884935 I fax 0461 884940 servizio_ambiente@comune.trento.it Orario di apertura al pubblico: da lun. a ven. 8. 30-12 LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO:

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AVISA Gruppo inchiostri da stampa e serigrafici L impatto ambientale degli inchiostri da stampa Marzo 2013 Questa nota informativa è stata preparata da EuPIA basandosi su di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri Giovanna Mayer Nucleo: Numeri Introduzione Tematica: Si propongono attività e giochi per sviluppare in modo più consapevole la capacità di confrontare frazioni, confrontare numeri decimali e successivamente

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA.

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT ALPHA ORIENT Il colore è ovunque, basta saperlo cercare. Finitura altamente decorativa

Dettagli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli www.metrawindows.it PERSIANA SCORREVOLE Sistemi oscuranti METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Questa attività pratica può essere realizzata con immagini

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum. Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News

Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum. Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News 1 di 9 1/30/2009 4:47 PM Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News ITALIA, DOVE MUOIONO I PC E I CELLULARI OBSOLETI Quando gli italiani

Dettagli