Analisi ecologica centro storico Gravina in Puglia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi ecologica centro storico Gravina in Puglia"

Transcript

1 8 luglio 2014 Analisi ecologica centro storico Gravina in Puglia Risultati indagine e formulazione proposte in materia di Raccolta Differenziata LAbGRAVINA/ECOLOGICA a cura di Iris Soc. Coop. Soc.

2 Analisi ecologica centro storico Gravina in Puglia Risultati indagine e formulazione proposte in materia di Raccolta Differenziata LAbGRAVINA/ECOLOGICA L Asse 3/Ecologica del LAbGRAVINA 2020 in linea con le attività svolte nell ambito del progetto ha avviato, al termine di un percorso di sensibilizzazione rivolto ai ragazzi e per loro tramite alle famiglie sull utilità e sui benefici della Raccolta Differenziata, un indagine per conoscere e tradurre in proposte i bisogni preminenti dei cittadini gravitanti nel Centro Storico di Gravina in Puglia. Il Comune di Gravina in Puglia ha negli ultimi anni raggiunto una percentuale di Raccolta Differenziata piuttosto bassa, che raggiunge poco più del 7%.

3 Raccolta RSU ,23 92,77 Indifferenziata Differenziata Raccolta RSU ,15 92,85 Indifferenziata Differenziata Raccolta RSU ,54 92,46 Indifferenziata Differenziata Questi dati ricavati dalle analisi che la Regione Puglia pubblica sul suo portale ogni anno, hanno portato la scrivente Società a interrogare i cittadini sul perché ancora in molti non vedono nella Raccolta

4 Differenziata un vero beneficio per il proprio paese tanto ambientale quanto economico. La raccolta dei dati, formulata su un campione di cittadini, è stata condotta utilizzando un questionario misto (domande a risposta chiusa, multipla e aperta) distribuito sia ai proprietari di attività commerciali nel centro storico che a cittadini residenti nello stesso al fine di fornire all Amministrazione Comunale un valido strumento di intervento per avviare nell ambito del Centro Storico un modello di gestione dei rifiuti orientato al recupero e al riciclo. È ampiamente accertato che una corretta e produttiva gestione dei rifiuti, oltre che essere organizzata e supportata con ogni mezzo dallo Stato, deve trovare nel cittadino un collaboratore attivo e consapevole, spinto all attuazione di una efficiente e totale differenziazione dei rifiuti, da un dovere più morale che legislativo. Per questo motivo, prima di giungere ad una conclusione delle analisi, si è scelto di intraprendere un percorso di sensibilizzazione, in grado di educare il cittadino, cominciando dai più piccoli, con attività ludico-didattiche volte alla creazione di una cultura ambientale. Solo una educazione e uno stimolo continuo ad atteggiamenti verdi porterà, nel lungo tempo, alla formazione di uomini consapevoli dell importanza dell ambiente e quindi attivi in ogni iniziativa volta a proteggerlo e preservarlo.

5 DEFINIZIONE DELL AMBITO DI ANALISI La raccolta differenziata, nell ambito della suddivisione dei rifiuti, indica un sistema di raccolta dei rifiuti solidi urbani che prevede, per ogni tipologia di rifiuto, una prima selezione o differenziazione in base al tipo, da parte del cittadino diversificandola dunque dalla raccolta totalmente indifferenziata. Il fine ultimo è dunque la separazione dei rifiuti in modo tale da reindirizzare ciascuna tipologia di rifiuto differenziato verso il rispettivo più adatto trattamento di smaltimento o recupero che va dallo stoccaggio in discarica per il residuo indifferenziato, al compostaggio per l organico e al riciclo per il differenziato propriamente detto (carta, vetro, plastica, metallo ecc...). Per quanto detto dunque la raccolta differenziata è propedeutica alla corretta e più avanzata gestione dei rifiuti costituendone di fatto la prima fase dell'intero processo, ma perde di senso in mancanza degli impianti di trattamento/smaltimento dei rifiuti differenziati. Non è sufficiente, infatti, raccogliere tanti rifiuti in modo differenziato se poi non si è in grado si garantire adeguati livelli qualitativi dei materiali da avviare a recupero. In Italia esistono molti Comuni che ottengono ottimi risultati superiori all 80% di materiale differenziato, ma ancora la maggior parte di questi è concentrata nella parte settentrionale.

6 La Puglia invece, secondo l ultima classifica dei Comuni Ricicloni, stilata nel 2013 da Legambiente, raggiunge ottimi livelli di differenziata in cinque comuni. Questo deve perciò spingerci a incrementare e potenziare la cultura della differenziata. Ma per raggiungere dei risultati è necessario far comprendere e portare a conoscenza il cittadino dei

7 reali vantaggi che da una politica differenziata dei rifiuti si possono trarre. Il cittadino se non aiutato, informato, stimolato e incitato a nuove abitudini non cambierà il suo modo di essere. Investire sulle campagne di sensibilizzazione non deve essere visto dalle Istituzioni come spreco di denaro ma come mezzo necessario per raggiungere il fine. Il cittadino solo se reso protagonista del problema è spinto a mettere in atto misure per la risoluzione dello stesso e il suo impegno successivamente deve sempre tradursi in un vantaggio spendibile per se stesso e per la sua comunità. Una buona raccolta differenziata non può essere avviata senza una comunicazione ben fatta, una divulgazione delle modalità. Purtroppo ad oggi quello della raccolta differenziata, non è più solo un problema, ma sta diventando un vero e proprio allarme rosso. E il centro storico di Gravina in Puglia è ad oggi la zona del comune dove si registra la più irrimandabile emergenza. Le percentuali che la legislazione europea, nazionale, regionale ci impongono diventano sempre più alte e noi siamo ancora totalmente impreparati a rispondere. Il primo Decreto che fissò per i Comuni gli obiettivi di raccolta differenziata da raggiungere fu il D. Lgs. 22/1997, cosiddetto Decreto Ronchi che fissava, nei

8 vari anni di attuazione, una percentuale da raggiungere tra il 15% e il 35%.. Tali obiettivi sono stati successivamente modificati dal Testo Unico in materia ambientale (art. 205 D. Lgs. 152/2006) nel quale si afferma che «deve essere assicurata una raccolta differenziata dei rifiuti urbani pari alle seguenti percentuali minime di rifiuti prodotti: a) almeno il 35% entro il 31 dicembre 2006; b) almeno il 45% entro il 31 dicembre 2008; c) almeno il 65% entro il 31 dicembre 2012». Infine percentuali minime sempre più alte di Raccolta differenziata vengono fissate dalla L. 296/2006. Anche a livello regionale gli obiettivi da perseguire, fissati dal Piano di Gestione dei Rifiuti approvato con Decreto del commissario Delegato per l emergenza Ambientale in Puglia n. 187 del 2005, sono ogni anno più alti. Il 12 novembre 2013 è stato infine approvato il nuovo Piano di gestione dei Rifiuti Urbani che prevede una serie di azioni finalizzate all accelerazione degli obiettivi di raccolta differenziata fissati dalla normativa nazionale. Scopo finale delle norme nazionali e regionali in materia di rifiuti è di ridurre quanto più possibile la quantità di residuo non riciclabile da portare in discarica o da trattare con inceneritori o termovalorizzatori e, contemporaneamente, recuperare, mediante il riciclaggio dei rifiuti, tutte le

9 materie prime riutilizzabili, che si trasformano così in fonte di ricchezza e non più di inquinamento. Le attività di informazione, comunicazione ed educazione a corretti stili di vita devono perciò continuare, nella consapevolezza che il sistema è delicato e si regge su tante basi: il cittadino, le buone pratiche amministrative e la corretta programmazione. L emergenza rifiuti non può più affidarsi ad una raccolta differenziata sporadica e approssimativa ma deve necessariamente puntare ad una azione concreta e reale. Bisognerà, altresì, lavorare sul completamento degli impianti a partire da quelli per il recupero. Sono fondamentali gli impianti di compostaggio come anche quelli per il recupero della frazione secca recuperabile. Tutto deve mirare al consolidamento della cultura della raccolta differenziata di qualità e del riciclo. I rifiuti possono e devono diventare beni riciclabili con enormi vantaggi economici e ambientali per la collettività. Bisogna puntare alla qualità della Raccolta Differenziata perché la differenziata di qualità migliore porta consistenti benefici economici per i comuni. È fondamentale quindi perseguire obiettivi di riciclo oltre che di raccolta. Fare in modo che tutti i materiali rivenienti dalla differenziata trovino un effettivo sbocco sui mercati senza aggravi di costi economici e ambientali per le comunità, in ottemperanza agli obiettivi di riutilizzo e riciclaggio posti al 2020 dalla Direttiva 98/2008/CE.

10 INDAGINE CONOSCITIVA SUL TEMA DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL CENTRO STORICO Modalità e obiettivi dell Indagine La volontà di avviare una indagine conoscitiva campionaria è nata dalla necessità di conoscere quali fossero le abitudini dei cittadini gravitanti nel centro storico di Gravina in Puglia nei confronti della Raccolta Differenziata, nonché il loro grado di sensibilizzazione alla materia. Altresì, si è ritenuto di rilevante importanza, nell ambito di un Laboratorio Partecipato, interrogare gli stessi su possibili proposte migliorative per il servizio. L indagine campionaria è stata svolta nel periodo Maggio - Giugno 2014 ed è stata realizzata mediante la somministrazione di un questionario, ad un campione di residenti nel Centro Storico e ad un campione di proprietari di attività commerciali nel Centro Storico. Dopo aver descritto gli obiettivi della presente indagine si è consegnato il questionario, lasciando al cittadino il tempo necessario per la compilazione (tempo in alcuni casi anche di 2-3 giorni) puntando sulla non superficialità della risposta ma lasciando, soprattutto per la parte riguardante le proposte, maggior tempo per riflettere.

11 Gli obiettivi alla base dell indagine sono stati: - valutare l attuale livello di responsabilità nei confronti dell ambiente attraverso la messa in atto o meno della Raccolta Differenziata; - valutare le motivazioni alla base della scelta o meno di attuare la Raccolta Differenziata; - rivelare eventuali proposte utili a migliorare e potenziare il servizio di Raccolta Differenziata nel centro storico. Definizione del piano di campionamento La scelta del campione al quale somministrare il questionario è avvenuta attraverso la selezione casuale dei residenti nel Centro Storico e delle attività commerciali ivi presenti. Struttura del questionario Il questionario formulato per la suddetta indagine è articolato in tre sezioni: la prima sezione consente di rilevare i dati personali dell intervistato (sesso, età, residente o proprietario di attività commerciale nel centro storico);

12 la seconda sezione consente di rilevare le attuali abitudini degli intervistati riguardo le pratiche di Raccolta Differenziata la terza sezione consente di raccogliere eventuali proposte per migliorare il servizio di Raccolta Differenziata Nel complesso il questionario prevede una parte compilativa (sezione 1) e 3 domande, di cui una a risposta chiusa, una a risposta multipla (sezione 2) e una a risposta aperta (sezione 3). Modalità di compilazione La somministrazione del questionario agli intervistati è avvenuta attraverso la modalità dell autocompilazione. Secondo tale modalità: è la persona oggetto della rilevazione a compilare il questionario autonomamente, senza il tramite dell intervistatore; il questionario può essere inviato via mail; il questionario può essere consegnato da personale addetto che avrà anche l incarico di ritirarlo; I vantaggi dell autocompilazione risiedono nel fatto che: ci sono informazioni, percepite come riservate o delicate, che gli individui sono riluttanti a dare a un interlocutore fisicamente presente;

13 l intervistato può rispondere in maniera libera perché non condizionato dalla presenza di un altra persona o perché non influenzato dalla presenza dell intervistatore; possibilità di raccogliere dati più precisi in quanto si lascia la possibilità di una riflessione più attenta; l intervistato può scegliere il momento più opportuno per la compilazione. La somministrazione del questionario è stata in ogni caso preceduta da una accurata descrizione, da parte dei rilevatori, degli obiettivi dell indagine, delle attività che l Asse 3 sta svolgendo nell ambito del LAbGRAVINA 2020, al fine di sensibilizzare gli intervistati alla tematica e persuaderli a collaborare e fornire risposte attendibili. Il questionario Prima sezione: Rilevazione dati personali Questionario per indagine sulla raccolta differenziata nel centro storico di Gravina in Puglia Sesso M F Età meno di 30 anni anni più di 51 anni

14 Seconda Sezione: Rilevazione abitudini intervistati 1. In casa o nella sua attività commerciale fa la raccolta differenziata? SI NO 1.1 Se sì, quali sono i materiali che lei differenzia? o Carta o Vetro o Plastica o Batterie o Rifiuti farmaceutici o Altro 1.2 Se no, quali sono le ragioni? o non so dove conferire i materiali su elencati o penso che la Raccolta Differenziata sia inutile o non ho lo spazio sufficiente in casa o i cassonetti della differenziata sono scomodi o lontani o non è previsto alcun incentivo a chi la fa o nessuno mi spiega come farla 2. Per quali motivi sarebbe disposto a impegnarsi maggiormente nella raccolta differenziata? o in seguito ad un incentivo o ad una diminuzione della tassa sui rifiuti o se ricevo informazioni circa il reale beneficio per l ambiente o se ricevo maggiori informazioni circa le modalità

15 Terza sezione: Rilevazione proposte migliorative 3. Se residente nel centro storico, le andrebbe di suggerire un metodo efficace che stimoli il cittadino a fare la Raccolta differenziata? Se possiede un attività commerciale nel centro storico, sarebbe interessato a qualche particolare forma di raccolta in base all attività che lei svolge? Elaborazione dei dati L elaborazione dei dati si è articolata nei seguenti passaggi: - raccolta e verifica dei questionari - elaborazione e analisi dei dati - definizione delle percentuali di risposta In particolare è stato dapprima delineato il profilo anagrafico del campione per distinguere il campione in sesso e fascia di età. Dalle risposte è emersa una partecipazione all indagine maggiormente femminile e una popolazione appartenente alla fascia d età anni.

16 80% 60% 40% 20% 0% 37% Uomo 63% Donna 80% 60% 40% 20% 0% 18% meno di 30 anni 62% 20% anni più di 51 anni Si è poi suddiviso il campione in residenti e proprietari di attività commerciali nel centro storico e la maggior parte dei dati raccolti fa riferimento ai residenti. 80% 60% 40% 68% 20% 0% Residenza 32% Attività commerciale Si è poi passati alla valutazione dello stato attuale in termini di buone prassi, chiedendo agli intervistati se

17 effettuassero la Raccolta Differenziata. I risultati emersi delineano una netta maggioranza di persone che non praticano questa prassi. 80% 60% 40% 78% 20% 0% SI 22% NO A coloro che hanno risposto si, è stato chiesto nello specifico che genere di materiali differenzia e le risposte sono orientate per la maggior parte su materiali quali carta, vetro e plastica. 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 80% 63% 65% 11% 7% 0% A coloro invece che hanno risposto no, è stato chiesto di specificarne il motivo. È importante

18 precisare che rispetto a questa domanda in molti hanno dato una risposta multipla. 1 0,9 0,8 0,7 0,6 0,5 0,4 0,3 0,2 0,1 0 97% 74% 32% 12% 6% 0% A B C D E F A. Non so dove conferire i materiali su elencati B. Penso che la Raccolta Differenziata sia inutile C. Non ho lo spazio sufficiente in casa D. I cassonetti della differenziata sono scomodi o lontani E. Non è previsto alcun incentivo a chi la fa F. Nessuno mi spiega come farla A tutti gli intervistati è stato poi chiesto quale motivo li spingerebbe a fare la raccolta Differenziata o a migliorare quella che già fanno. Anche in questo caso molti hanno dato una risposta multipla. 1 0,9 0,8 0,7 0,6 0,5 0,4 0,3 0,2 0, % 67% 18% A B C A. In seguito ad un incentivo o ad una diminuzione della tassa sui rifiuti B. Se ricevo informazioni circa il reale beneficio per l'ambiente C. Se ricevo maggiori informazioni circa le modalità

19 Tante sono state invece le proposte ricevute su come stimolare maggiormente alla Raccolta Differenziata suggerendo forme particolari di raccolta. Nel grafico in basso si riassumono le più ricorrenti. 1 0,9 0,8 0,7 0,6 0,5 0,4 0,3 0,2 0,1 0 98% 100% 38% 22% 31% 12% A B C D E F A. Ricevere maggiori informazioni circa le modalità B. Istituzione del servizio di raccolta "porta a porta" C. Benefici economici o incentivi D. Incrementare il numero dei cassonetti E. Fornire Kit per raccogliere i rifiuti differenziati F. Proporre campagne di sensibilizzazione

20 PANEL DEGLI INTERVENTI Alla luce di quelli che sono stati i risultati ottenuti attraverso l indagine conoscitiva e attraverso la votazione delle proposte fatta nell ambito della Fiera Regionale di San Giorgio, la Scrivente Società in linea con gli obiettivi prefissati nell ambito delle attività del LAbGRAVINA 2020, struttura il seguente Panel degli interventi da sottoporre all attenzione dell Amministrazione Comunale, in modo da individuare l emergenza e la conseguente proposta da poter attuare e quindi realizzare nel breve tempo. La necessità primaria che scaturisce dall analisi compiuta è un potenziamento del servizio di Raccolta Differenziata nel centro storico, che seppur esistente risulta carente sotto vari punti di vista. I cassonetti gravitanti intorno al centro storico sono pochi, distanti e fatiscenti e questo non fa che demotivare le persone ad attuare una attiva Raccolta Differenziata. Manca inoltre una divulgazione delle modalità e dei benefici economici e ambientali che scaturiscono da una corretta e attenta abitudine. In molti lamentano la mancanza di mezzi per poter attuare la raccolta differenziata: oltre ai cassonetti, la distribuzione di sacchetti e soprattutto l istituzione del porta a porta come servizio alla e per la cittadinanza. La raccolta differenziata che oggi si attua nel comune di Gravina in Puglia è carente anche nelle tipologie. Una voce comune dei residenti del centro storico è

21 l istituzione della raccolta dell umido e dell olio esausto, che parecchi benefici porterebbe se venisse attuata. PANEL DEGLI INTERVENTI 1. Migliorare e potenziare l attuale sistema di Raccolta Differenziata 2. Introduzione della Raccolta Differenziata Multimateriale 3. Potenziamento della Raccolta Differenziata con il servizio del porta a porta 4. Istituzione di un isola ecologica 5. Installazione cestini per la differenziata da passeggio Di seguito si elencano nel dettaglio le proposte di intervento a seguito dell analisi compiuta. 1. Migliorare e potenziare la situazione attuale Dall analisi compiuta in molti si accontenterebbero di migliorare quella che è la situazione attuale semplicemente sostituendo, laddove necessario, i cassonetti della raccolta differenziata ormai fatiscenti, potenziandone il numero e anche la varietà. Attualmente Gravina attua solo una raccolta differenziata del vetro, della plastica e della carta, conferendo tutto il resto dei rifiuti nell indifferenziata.

22 Per questo molti cittadini attenti e sensibili alla tematica richiedono l aggiunta della differenziata per organico e metalli e in molti casi dell olio esausto. Quello dei contenitori stradali (cassonetti) è un sistema ampiamente utilizzato perché nel complesso abbastanza semplice e che permette di intercettare numerosi materiali (carta, pile, farmaci, contenitori per liquidi in vetro, plastica, alluminio e metalli). Garantisce una buona comodità di conferimento (crescente con la capillarità del servizio) e non richiede una particolare attività di comunicazione per la semplicità del riconoscimento dei contenitori. I maggiori rischi per questo tipo di raccolta sono però, la presenza di materiali indesiderati, cioè incompatibili con i successivi trattamenti di riciclaggio e il facilitare della cosiddetta migrazione dei rifiuti. I contenitori utilizzati sono del tipo a campana, a cassonetto o a cestino. Le campane vengono utilizzate nella raccolta del vetro, della carta, della plastica e dell alluminio. I cassonetti sono utilizzati per la carta, plastica ed alluminio ed i cestini per pile e farmaci. Il principale problema dell utilizzo di questa metodologia è costituito dall ingombro dei grossi contenitori che limita il loro utilizzo, specialmente nei centri storici dove lo spazio è, in genere, limitato. Ulteriore problema è il fattore estetico: la presenza di contenitori, oltre a non essere integrata nel territorio,

23 comporta inevitabilmente che possano essere abbandonati rifiuti all esterno di essi. Si rende quindi necessario che le operazioni di svuotamento, anche per evitare il diffondersi di sgradevoli odori, vengano effettuate di frequente. Le operazioni di svuotamento stesse inoltre creano un ulteriore problema alla viabilità e, se fatte di notte, potrebbero disturbare la quiete pubblica per la loro rumorosità. 2. Introduzione della Raccolta Differenziata Multimateriale Da alcune risposte analizzate è emersa anche un altra possibile soluzione atta a semplificare la differenziazione dei rifiuti con l obiettivo di migliorarla e innalzare le percentuali. Si tratta della Raccolta Differenziata dei rifiuti di origine domestica con la metodica del multimateriale. Da parecchi anni molti comuni hanno introdotto questo tipo di metodica che effettivamente rappresenta una soluzione vantaggiosa per tutti i soggetti coinvolti, dal cittadino, alle società che effettuano la raccolta, alle Amministrazioni Comunali. La raccolta multimateriale si caratterizza per la raccolta congiunta di frazioni merceologiche di rifiuti di origine domestica

24 I vantaggi di questa metodica sono numerosi. Innanzitutto la velocità, in quanto riponendo congiuntamente gli imballaggi recuperabili all interno di un unico sacco il cittadino riduce il proprio impegno ed il tempo quotidianamente dedicato alla separazione delle varie frazioni da riporre (nel caso di una raccolta monomateriale) in molteplici sacchi e/o contenitori. In questo modo si fornisce un vero e proprio servizio al cittadino sostituendosi a lui nella fase di separazione delle singole frazioni merceologiche effettuandola durante il proprio processo industriale. Si tratta di un servizio razionale in quanto il servizio di raccolta, grazie all unificazione delle varie frazioni merceologiche recuperabili all interno di un unico sacco, viene razionalizzato prevedendo un solo ritiro sul territorio riducendo così l utilizzo di mezzi diversi per la raccolta e di personale addetto. Infine la raccolta multimateriale consente, una stabilità e maggiore garanzia di percepimento dei contributi economici (contributo alla raccolta) erogati in favore del soggetto appositamente convenzionato (solitamente questo ruolo è ricoperto dall'amministrazione Comunale).

25 3. Potenziamento della Raccolta Differenziata con il servizio del porta a porta Tra i sistemi più diffusi di raccolta differenziata vi è senza dubbio il cosiddetto porta a porta. Si tratta in sostanza di una raccolta domiciliare in cui l Ente responsabile della raccolta effettua il ritiro dei materiali direttamente presso l utente secondo modalità precise (giorni e orari fissati) per la raccolta dei diversi tipi di materiale. Generalmente l Amministrazione Comunale fornisce ai cittadini sacchetti di diversi colori e contenitori (ad esempio il secchio per la frazione umida) dedicati appositamente alla raccolta differenziata. Questo sistema è aggiuntivo rispetto al ritiro ordinario dei rifiuti solidi urbani ed è in genere dedicato a particolari categorie di consumatori o a particolari zone del Comune. Sono infatti interessati a questo tipo di raccolta: i cittadini per la raccolta di carta, plastica, vetro, alluminio, metalli e materiale organico; gli uffici e le scuole per la raccolta di carta; i supermercati per gli imballaggi in cartacartone e plastica; i mercati ortofrutticoli per legno e sostanza organica; le mense e i ristoranti per vetro, plastica e sostanza organica; i fast food per oli vegetali esausti.

26 Attraverso questo sistema di raccolta si ottiene una qualità di materiali differenziati generalmente buona, ma necessita di ulteriori selezioni. La quantità di rifiuti differenziati dipende, senza dubbio, dal livello di sensibilizzazione dei cittadini, in genere è comunque elevata poiché la comodità e la responsabilizzazione sono maggiori. Inoltre, per stimolare maggiormente i cittadini, le autorità competenti possono decidere di sanzionare i cittadini, o i condomini, che non attuano una corretta selezione e in alcuni casi addirittura non ritirano il materiale. Il sistema porta a porta diventa efficiente in quanto molto capillare e per le sue caratteristiche si adatta bene ai centri storici, favorendo, grazie alla sua comodità, il cittadino in maniera netta. Inoltre non c è nessun tipo di occupazione di suolo pubblico per quanto riguarda i cassonnetti né un danneggiamento dell immagine e del decoro del Centro storico. Quella della raccolta porta a porta è certamente una metodica che negli ultimi anni si sta diffondendo sempre di più, in quanto permette il controllo dei rifiuti e impedisce la cosiddetta migrazione dei rifiuti, come nel caso dei contenitori stradali. 4. Istituzione di un isola ecologica Un altra possibilità per migliorare e in alcuni casi avviare il servizio di Raccolta Differenziata è istituire una piattaforma di raccolta, ossia un isola ecologica.

27 Grazie a questo tipo di raccolta tutto il materiale riciclabile insieme ad altri rifiuti, viene, portato direttamente dal cittadino in luoghi adibiti alla raccolta di grandi quantità di materiali e gestiti da personale addetto. Questo metodo è uno dei meno usati in quanto è difficile trovare luoghi idonei facilmente raggiungibili da tutti gli utenti per depositare i rifiuti precedentemente selezionati e stoccati nelle abitazioni. Nonostante ciò questo tipo di raccolta ha i suoi grandi vantaggi, che in sede decisionale andrebbero presi fortemente in considerazione: si tratta innanzitutto di una metodica applicabile a diversi materiali (carta, plastica, pile, farmaci, vetro alluminio, metalli, rifiuti ingombranti, materiali organici, olio, ecc ); si otterrebbe senza dubbio una elevata qualità dei materiali raccolti, sia per effetto del controllo immediato del gestore della piattaforma che contribuisce a suddividere il flusso in ingresso dei rifiuti (ed eliminare le frazioni estranee), sia per le ulteriori fasi di selezione cui i materiali possono essere soggetti; abbattimento dei costi di gestione poiché verrebbe eliminata la fase della raccolta attraverso veicoli speciali destinati allo svuotamento di campane/cassonetti;

28 una riduzione dell impatto ambientale dovuto al traffico e alla rumorosità nella zona interessata; Vi sono però anche diversi svantaggi che vanno parallelamente vagliati in sede decisionale. Seppur si applica una riduzione dell impatto ambientale dovuto alla rumorosità e al traffico veicolare nella zona, per esempio del Centro Storico, di contro lo stesso va a concentrarsi nella zona attinente la piattaforma; occupazione di suolo pubblico (questo problema spesso viene superato con la localizzazione delle piattaforme in aree dimesse); richiesta di maggiore impegno da parte dei cittadini che sono tenuti a stoccare i materiali a casa e conferirli periodicamente alla piattaforma di raccolta. Una innovazione, sviluppata in molti comuni italiani, e che sempre di più sta prendendo piede è quella dell istituzione di isole ecologiche sotterranee, studiate per avere un impatto ambientale minimo in luoghi delicati della città, quali per esempio i centri storici. Infatti grazie a questo innovativo servizio, la parte sgradita, cioè i contenitori, vengono fatti sparire sotto terra e non sono quindi visibili, pur svolgendo tranquillamente la loro funzione. L ascensore viene attivato dagli addetti allo scarico che portano alla luce i bidoni solo il tempo necessario per

29 svuotarli. Altrimenti la vista degli scorci del centro non è rovinata da impatti sgradevoli. I vantaggi di questa tipologia di intervento sono essenzialmente: rifiuti urbani non più visibili su strade e piazze con immediata eliminazione del loro impatto ambientale; a parità di area superficiale occupata è stato stimato un volume sino a quattro volte superiore di rifiuti raccolti; il volume dei rifiuti si riduce anche grazie alla naturale compattazione gravitazionale che si verifica nel contenitore interrato; abbattimento degli odori sgradevoli: l'interramento permette di accumulare i rifiuti in ambiente fresco che rallenta sensibilmente lo sviluppo di batteri; eliminazione dei liquidi di percolamento nocivi; immondizia non più accessibile ad animali domestici, animali randagi, roditori, ecc. Da una preliminare ricerca è emerso che esistono vari tipi di isole ecologiche: - con interramento di COMPATTATORI SCARRABILI (fig.1) - interrate con utilizzo di CASSONETTI TRADIZIONALI (fig.2) - seminterrate (fig.3).

30 Fig. 1 Fig. 2

31 Fig. 3 Il cittadino all interno delle isole ecologiche, sotterranee può conferire i rifiuti mediante una carta personale tipo (memory card), sulla quale viene registrata la quantità di rifiuti differenziati depositati. L amministrazione può pensare, per esempio, di riconoscere all utente diligente, un premio per i conferimenti di questo tipo, consistente in buoni acquisto o nella riduzione della quota annuale della Tarsu. Un isola ecologica tipo, prevede solitamente 6 cassonetti, 3 per i rifiuti solidi urbani e gli altri 1 per la carta, per la plastica e per il vetro con un totem esterno in cui sono specificati gli orari, di conferimento e di prelievo.

32 5. Installazione cestini per la differenziata da passeggio Un ultima proposta emersa dai cittadini è quella dell installazione, lungo la principale strada pedonale del centro storico, di cestini per la differenziata da passeggio con l aggiunta di un piccolo scomparto come posacenere. Questo con il solo obiettivo di tenere pulita, in maniera civile, una zona di passeggio oltre che turisticamente viva. La scelta estetica dei cestini dovrà però ben integrarsi con l architettura del centro storico in modo da difenderne la sua bellezza e il suo decoro.

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA.

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA SITUAZIONE IN PROVINCIA DI PARMA L autosufficienza nello smaltimento della quota residua di rifiuti

Dettagli

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA 1 Normativa di riferimento Legge nazionale di riferimento: Testo Unico in materia ambientale D.Lgs. 152/06 In Lombardia vige la L.R. 26/03 Disciplina dei servizi locali

Dettagli

Comune di Eboli. ORDINANZA n. 57 del 05/03/2013 Rub. N. Prot. n. 8776

Comune di Eboli. ORDINANZA n. 57 del 05/03/2013 Rub. N. Prot. n. 8776 ORDINANZA n. 57 del 05/03/2013 Rub. N. Prot. n. 8776 Obbligo di conferire in modo differenziato i rifiuti urbani ed assimilati al pubblico servizio di raccolta nel centro cittadino e nei nuclei periferici-

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

problemi dovuti al o automatiche. contenitori va stabilito in base al numero degli abitanti serviti.

problemi dovuti al o automatiche. contenitori va stabilito in base al numero degli abitanti serviti. Descrizione sintetica dei principali sistemi di RD [5] 1 Distribuisce sul Stocca il materiale territorio interessato un presso la propria sufficiente numero di abitazione e contenitori di successivamente

Dettagli

World cafè Peccioli, 10 Febbraio 2012... 1/1

World cafè Peccioli, 10 Febbraio 2012... 1/1 World cafè Peccioli, 10 Febbraio 2012... 1/1 La gerarchia dei rifiuti Il principale riferimento normativo in tema di rifiuti è la direttiva comunitaria 2008/98/CE, recentemente recepita nell ordinamento

Dettagli

PIANO STRATEGICO PER LA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI INDIFFERENZIATI E PER L INCREMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

PIANO STRATEGICO PER LA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI INDIFFERENZIATI E PER L INCREMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PIANO STRATEGICO PER LA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI INDIFFERENZIATI E PER L INCREMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 1. Introduzione Nel corso degli ultimi decenni, l aumento generalizzato della

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2 ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2.1 PREMESSA... 3 2.2 SMALTIMENTO RIFIUTI URBANI NON DIFFERENZIATI... 3 2.3 RACCOLTA, SELEZIONE E RECUPERO MULTIMATERIALE... 4 2.4 RACCOLTA,

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI GE.S.IDR.A. S.p.A. Gestione Servizi Idrici Ambientali Via Lazio sn 24055 Cologno al Serio (Bg) Tel. 035 4872331 - Fax 035 4819691 e-mail: protocollo@gesidra.it SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

Dettagli

1. Presentazione della società. 2. Perché una carta dei servizi 3. PRINCIPI FONDAMENTALI. Validità della carta

1. Presentazione della società. 2. Perché una carta dei servizi 3. PRINCIPI FONDAMENTALI. Validità della carta ! "! 1. Presentazione della società Cisterna Ambiente è l azienda partecipata dal Comune di Cisterna di Latina che gestisce nel territorio comunale i servizi ambientali e cioè la pulizia della città, la

Dettagli

COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra Ufficio del Sindaco

COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra Ufficio del Sindaco COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra Ufficio del Sindaco Ordinanza n. 46 del 27 Maggio 2013 Oggetto: Modalità di gestione e conferimento Rifiuti Solidi Urbani.- IL SINDACO (In qualità di Autorità

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 7. RIFIUTI 7.1. Inquadramento Il rapido sviluppo industriale ed il miglioramento delle condizioni economiche hanno comportato negli ultimi decenni un aumento sempre maggiore dei consumi e della conseguente

Dettagli

CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I

CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I parte Introduzione Generale Acqua, rifiuti ed energia rappresentano tre questioni fondamentali per il futuro del nostro pianeta. Emergenze ambientali

Dettagli

La Carta dei Servizi

La Carta dei Servizi La Carta dei Servizi - Allegato B - DETTAGLIO SULLE STRUTTURE E I SERVIZI FORNITI Le principali attività garantite da ACEA sono: la raccolta stradale per eco-punti; le raccolte domiciliari; il lavaggio

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli IL SINDACO. Oggetto: Nuove disposizioni per il conferimento deirifiuti - Modifica sistema sanzionatone.

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli IL SINDACO. Oggetto: Nuove disposizioni per il conferimento deirifiuti - Modifica sistema sanzionatone. COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli Ordinanza sindacale jtt **$' f- 104Z IL SINDACO Oggetto: Nuove disposizioni per il conferimento deirifiuti - Modifica sistema sanzionatone. Premesso che con ordinanza

Dettagli

2. I SISTEMI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI

2. I SISTEMI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI 2. I SISTEMI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI 2.1. La raccolta secco-umido La raccolta separata della frazione organica è effettuata nel 92 dei comuni veneti e rappresenta una realtà oramai consolidata in

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILATI E DELLE RACCOLTE DIFFERENZIATE DEL COMUNE DI SAN GIORGIO SU LEGNANO. MODIFICA ALL ARTICOLO 23 ESAME ED

Dettagli

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente La gestione sostenibile dei rifiuti Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente Cenni sulla normativa Le prime direttive europee sui rifiuti risalgono alla seconda metà degli anni 70 1975:

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado P. Cafaro -Andria. PROGETTO di EDUCAZIONE AMBIENTALE

Scuola Secondaria di Primo Grado P. Cafaro -Andria. PROGETTO di EDUCAZIONE AMBIENTALE Scuola Secondaria di Primo Grado P. Cafaro -Andria Anno Scolastico 2009 / 2010 PROGETTO di EDUCAZIONE AMBIENTALE Referente del progetto Prof. ssa Arcangela Quacquarelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE

Dettagli

COME OTTIMIZZARE LA RACCOLTA DI CARTA E CARTONE A MILANO E PROVINCIA

COME OTTIMIZZARE LA RACCOLTA DI CARTA E CARTONE A MILANO E PROVINCIA COME OTTIMIZZARE LA RACCOLTA DI CARTA E CARTONE A MILANO E PROVINCIA Danilo VISMARA Responsabile Marketing Milano, 7 OTTOBRE 2014 Il sistema milanese di gestione integrata dei rifiuti Amsa, azienda del

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE Ordinanza n. 755 del 12 novembre 2013 Oggetto: DIVIETO DI ABBANDONO RIFIUTI E MATERIALI IL SINDACO VISTO D.Lgs 03/04/06 n. 152 e s.m.i. Norme in materia ambientale ed in particolare: - l articolo 178 ove

Dettagli

Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI

Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI LA RACCOLTA DIFFERENZIATA NELLA PROVINCIA DI TORINO La Provincia di Torino impone il raggiungimento del 50% di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13.03.2003 con deliberazione n 9 2 CAPITOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni EcoCentro Lombardia Scheda Tecnica di Approfondimento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI Nozioni Il Decreto legislativo n. 152/2006, Norme in materia

Dettagli

Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale

Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale Villafranca d Asti SITUAZIONE ANTECEDENTE Sistema di raccolta fino a marzo 2002 - RSU indifferenziati (cassonetti stradali) - Carta (cassonetti stradali) -

Dettagli

SOMMARIO. .a questo ed altro risponde lo. 1. LA NOZIONE DI RIFIUTO E LA SUA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL D.LGS. n 22/97. 2. LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI.

SOMMARIO. .a questo ed altro risponde lo. 1. LA NOZIONE DI RIFIUTO E LA SUA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL D.LGS. n 22/97. 2. LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI. Alberto Casarotti Orari Martedì dalle ore 9,00 alle ore 13,00 Giovedì dalle ore 9,00 alle ore 16,00 Su appuntamento in orari diversi da quelli indicati sopra tel. 0532 299540 fax 0532 299525 rispondiamo

Dettagli

Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici

Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici Scuola Agraria del Parco di Monza 1 Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici MASSIMO CENTEMERO, SANDRO DI SCERNI, MARCO RICCI, VALENTINA CAIMI

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI

COMUNE DI PERUGIA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI COMUNE DI PERUGIA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI 6 Aprile 2009 Progettazione G.S.A. Srl Stampato su carta riciclata 100% 1 1. CRITERI DI CALCOLO In Italia oggi non esiste una metodica unica per il

Dettagli

Piano Comunale dei Rifiuti. Sommario. progetto di raccolta differenziata. Comune di Roccaromana Provincia di Caserta

Piano Comunale dei Rifiuti. Sommario. progetto di raccolta differenziata. Comune di Roccaromana Provincia di Caserta Sommario _ Introduzione : il SIGRS _ Produzione _ Definizione di rifiuto _ Aspetti normativi 1) Variabili progettuali : _ natura e storia del territorio in cui si opera _ demografiche _ urbanistiche _

Dettagli

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana 1di6 CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana OGGETTO : Relazione Tecnica Descrittiva ex art. 279 Lettera a) D.P.R. n. 207/2010 Regolare Esecuzione CCP

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO VISTE e RICHIAMATE integralmente le proprie Ordinanza Sindacali n 213 del 13 novembre 2009 disciplinante il servizio di raccolta dei rifiuti urbani

Dettagli

Provincia di Cremona

Provincia di Cremona Settore Ambiente ed Ecologia Rapporto annuale sulla produzione di rifiuti urbani e raccolta differenziata in provincia di Cremona - Anno 2003 - A cura dell Cremona Giugno 2004 PREMESSA Giunta al decimo

Dettagli

PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo

PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo 1 1. Premessa Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario relativo alle attività inerenti

Dettagli

9. I RIFIUTI 9.1. Premessa

9. I RIFIUTI 9.1. Premessa 9. I RIFIUTI 9.1. Premessa I problemi ambientali più gravosi per le amministrazioni pubbliche sono rappresentati dalla raccolta, dal trattamento e dallo smaltimento dei rifiuti, poiché fanno spesso riferimento

Dettagli

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia 1. Premessa Al fine di consentire una contabilizzazione uniforme della

Dettagli

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005 LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI Lezione del 11/10/2005 Obiettivi della raccolta differenziata: riduzione rifiuti da smaltire; ottimizzazione raccolta ai fini del recupero;

Dettagli

Gli italiani ed il riciclo dei rifiuti

Gli italiani ed il riciclo dei rifiuti Gli italiani ed il riciclo dei rifiuti per Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati e Legambiente FORUM RIFIUTI conferenza nazionale REPORT Milano, 19 Giugno 2014 Disegno di ricerca La ricerca è stata condotta

Dettagli

C O M U N E D I A B R I O L A

C O M U N E D I A B R I O L A C O M U N E D I A B R I O L A PROVINCIA DI POTENZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO RACCOLTA RIFIUTI SOLIDI URBANI IN MANIERA DIFFERENZIATA VISTA la Delibera di Giunta municipale n.41 del 12/04/2013 con la

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI MOTTA VISCONTI PROVINCIA DI MILANO Piazza San Rocco 9/a 20186 MOTTA VISCONTI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI (PIATTAFORMA

Dettagli

La gestione dei rifiuti urbani in Italia Verso una nuova definizione del recupero e dello smaltimento

La gestione dei rifiuti urbani in Italia Verso una nuova definizione del recupero e dello smaltimento La gestione dei rifiuti urbani in Italia Verso una nuova definizione del recupero e dello smaltimento 00 Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Roma, settembre 00 Indice Metodologia d indagine Prima

Dettagli

Raccolta Differenziata e gestione del rifiuto organico

Raccolta Differenziata e gestione del rifiuto organico Raccolta Differenziata e gestione del rifiuto organico Presentazione Commissione Consiglio Comunale Genova, 3 luglio 2014 Agenda Agenda Raccolta Differenziata della frazione organica: situazione attuale

Dettagli

COMUNE DI MIRANDOLA (Provincia di Modena)

COMUNE DI MIRANDOLA (Provincia di Modena) Prot. 19079 6.10 del 17/11/2010 n. 18 del 17 novembre 2010 Oggetto: Raccolta differenziata dei rifiuti urbani e assimilati con modalità domiciliare nel centro storico e nell area urbana di Mirandola. IL

Dettagli

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 10 Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni

Dettagli

COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA Testo emendato ed approvato con deliberazione C.C. n.8 del 27.03.2012 INDICE TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI ART.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ALLEGATO A alla Delibera del Consiglio Comunale n. 37 del 28/12/2015 COMUNE DI SCORRANO. (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Eguaglianza

Dettagli

ALLEGATO A TASSA RIFIUTI TARI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO

ALLEGATO A TASSA RIFIUTI TARI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO ALLEGATO A TASSA RIFIUTI TARI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO 2015 1 Premessa La Legge n. 147/2013 recante Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato

Dettagli

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3]

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] COMUNE DI AGLIANO TERME Provincia di Asti RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] 1 A. MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO (ART. 8 D.P.R. n.158/1999, comma 3, lettera

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E PIANO FINANZIARIO TARI ANNO 2014: ALLEGATO A1) ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 22 dd. 20.05.2014 COMUNE DI ALA PROVINCIA DI TRENTO PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L.

Dettagli

Il compostaggio all arrembaggio

Il compostaggio all arrembaggio Il compostaggio all arrembaggio Progetto di educazione ambientale per la scuola paritaria dell infanzia e primaria l isolachenonc era PREMESSA Il progetto ha al centro la prevenzione dei rifiuti urbani

Dettagli

COMUNE DI PALENA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ANNO 2014.

COMUNE DI PALENA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ANNO 2014. COMUNE DI PALENA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ANNO 2014. Gentili cittadini, come evidenziato lo scorso anno con nota informativa di pari oggetto, il 2013 è stato il primo anno in cui

Dettagli

La Carta dei Servizi è un documento

La Carta dei Servizi è un documento I PRINCIPI FONDAMENTALI Nell erogazione propri servizi AMA rispetta i seguenti principi conformi alla direttiva Ciampi del 27 gennaio 994: EGUAGLIANZA E IMPARZIALITÀ Garantire la parità di trattamento

Dettagli

2 LE STRATEGIE PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI A LIVELLO PROVINCIALE

2 LE STRATEGIE PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI A LIVELLO PROVINCIALE torna all Indice Capitolo 2 2 LE STRATEGIE PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI A LIVELLO PROVINCIALE Ai sensi della normativa europea e nazionale la priorità da perseguire nella gestione dei rifiuti è la prevenzione,

Dettagli

TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA

TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA ARTICOLO DI RIFERIMENTO FATTISPECIE VIOLAZIONE SANZIONE MINIMO EDITTALE 1.1 Nelle

Dettagli

COMUNE DI CASORATE PRIMO

COMUNE DI CASORATE PRIMO COMUNE DI CASORATE PRIMO Provincia di Pavia ************************************ PIATTAFORMA ECOLOGICA DI VIA MARCO BIAGI ************************************ REGOLAMENTO Approvato con Deliberazione di

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL CENTRO DI PADOVA

EVOLUZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL CENTRO DI PADOVA ZONA ARANCIO ZONA VERDE EVOLUZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL CENTRO DI PADOVA I cambiamenti di orari e modalità di conferimento per un servizio ancora più puntuale ed efficiente. Per un centro cittadino

Dettagli

Comune di Caronno Pertusella (VA) Piazza A. Moro 1 ORDINANZA

Comune di Caronno Pertusella (VA) Piazza A. Moro 1 ORDINANZA Comune di Caronno Pertusella (VA) Piazza A. Moro 1 ORDINANZA N. D ORDINE REGISTRO DELLE ORDINANZE 125 DATA EMISSIONE 21/11/2014 SETTORE SERVIZIO AFFARI ISTITUZIONALI ECOLOGIA OGGETTO DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio

Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio Gli imballaggi hanno molteplici funzioni quali quelle di contenere, proteggere, trasportare, garantire sicurezza igienica e informazione al consumatore e pertanto

Dettagli

Comune di Morrovalle

Comune di Morrovalle Comune di Morrovalle È stato attivato il servizio di raccolta differenziata porta a porta. Dopo le prime comprensibili problematiche riscontrate e dovute alla fase di avvio di questa nuova metodologia

Dettagli

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE PROVINCIA DI VARESE POLIZIA LOCALE ORDINANZA N 103 Venegono Superiore, 20 novembre 2009 Oggetto: Disposizioni in materia di conferimento dei rifiuti. IL SINDACO Visto l art.

Dettagli

AUDIZIONE VIII COMMISSIONE della Camera dei Deputati del 3 giugno 2014 POSITION PAPER ASSOBIOPLASTICHE SULL ART. 15

AUDIZIONE VIII COMMISSIONE della Camera dei Deputati del 3 giugno 2014 POSITION PAPER ASSOBIOPLASTICHE SULL ART. 15 Disegno di legge C. 2093 "Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali (collegato alla legge di stabilità 2014)"

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

Raccolta dei rifiuti solidi urbani

Raccolta dei rifiuti solidi urbani Raccolta dei rifiuti solidi urbani Raccolta differenziata aggiuntiva Si basa su una presenza abbastanza rarefatta di manufatti distribuiti sul territorio di competenza (di norma campane o cassonetti, in

Dettagli

Comune di Recanati. AREA GESTIONE RISORSE Servizio Nettezza Urbana SERVIZIO NETTEZZA URBANA DEL COMUNE DI RECANATI

Comune di Recanati. AREA GESTIONE RISORSE Servizio Nettezza Urbana SERVIZIO NETTEZZA URBANA DEL COMUNE DI RECANATI SERVIZIO NETTEZZA URBANA DEL COMUNE DI RECANATI Il Comune di Recanati è aderente al CO.SMA.RI. Consorzio Obbligatorio Smaltimento Rifiuti di Tolentino, costituito ai sensi e per gli effetti dell art.25

Dettagli

LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA

LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA CONSORZIO INTERCOMUNALE AUTORITA DI BACINO TV 2 LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA Giugno 2008 Il Consorzio Intercomunale Priula nasce nel 1987 per volontà di 5 Comuni

Dettagli

Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento. Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento

Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento. Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento Brescia, 30 aprile 2015 Legislazione italiana ed europea

Dettagli

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Art. n.1 Definizione e Campo di Applicazione. Le piazzole ecologiche o ecopiazzole sono aree attrezzate destinate

Dettagli

Raccolta domiciliare porta a porta

Raccolta domiciliare porta a porta Città di Sasso Marconi Raccolta domiciliare porta a porta Sasso Marconi, novembre 2007 Il continuo aumento della quantità di rifiuti prodotti ci sta ponendo urgenti problemi di gestione e di smaltimento

Dettagli

Calendario Raccolta Rifiuti

Calendario Raccolta Rifiuti P Comune di San Zeno di Montagna Provincia di Verona Calendario Raccolta Rifiuti Modalità e giorni di raccolta ECOman presenta La nuova guida per la raccolta differenziata porta a porta. Più vicino a te,

Dettagli

Si riporta una sintesi dei risultati

Si riporta una sintesi dei risultati Le filiere del recupero degli imballaggi in Lombardia Lucia Rigamonti, Mario Grosso, Michele Giugliano L analisi del ciclo di vita (Life Cycle Assessment LCA) consente una visione globale della filiera

Dettagli

Classificazione dei rifiuti solidi

Classificazione dei rifiuti solidi I RIFIUTI Rifiuto solido Qualsiasi sostanza od oggetto, allo stato solido, derivante dall attività umana o dai cicli naturali Potenziale rischio di malattia e/o danno alla salute umana, che può essere

Dettagli

Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico. Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi

Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico. Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi Coop per l ambiente e la sostenibilità Stiamo consumando più risorse di quanto la Terra

Dettagli

Helios srl Processing and Recycling waste

Helios srl Processing and Recycling waste Helios srl Processing and Recycling waste Attività dell impianto Le attività di recupero e trattamento dei rifiuti previste presso l impianto possono essere essenzialmente ricondotte alle seguenti tipologie:

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI NELLA PROVINCIA DI RAVENNA A CURA DI ARPA RAVENNA

GESTIONE DEI RIFIUTI NELLA PROVINCIA DI RAVENNA A CURA DI ARPA RAVENNA GESTIONE DEI RIFIUTI NELLA PROVINCIA DI RAVENNA A CURA DI ARPA RAVENNA 1 ELABORAZIONE DATI MUD SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI 1 ABSTRACT Questo Report fornisce un quadro sintetico del sistema di gestione dei

Dettagli

LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA

LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA Che cosa è un RIFIUTO? I RIFIUTI SONO COSE SPORCHE E PUZZOLENTI I RIFIUTI SONO COSE INUTILIZZABILI, SCARTI O COSE ROTTE I RIFIUTI SONO UNA RISORSA PER IL FUTURO, DA

Dettagli

LA GESTIONE E LA PRODUZIONE DEI RIFIUTI VISTE DAI CITTADINI Indagine in Emilia-Romagna. Guido Croce Ravenna, 27 settembre 2012

LA GESTIONE E LA PRODUZIONE DEI RIFIUTI VISTE DAI CITTADINI Indagine in Emilia-Romagna. Guido Croce Ravenna, 27 settembre 2012 LA GESTIONE E LA PRODUZIONE DEI RIFIUTI VISTE DAI CITTADINI Indagine in Emilia-Romagna Guido Croce Ravenna, 27 settembre 2012 Il Contesto Europeienordamericanisprecanoatestaall incircatrai95ei115kgdiciboall

Dettagli

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO 1. OGGETTO: Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO Nell ambito dell Accordo Quadro ANCI-CONAI, siglato il 01/04/2014 il presente Allegato Tecnico definisce le modalità di gestione dei

Dettagli

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI. Comune di PONTEBBA ANNO 2015

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI. Comune di PONTEBBA ANNO 2015 RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI Comune di PONTEBBA ANNO 2015 Redatto ai sensi dell art. 8 del DPR 27/04/99 n. 158 in applicazione dell art.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore Anno scolastico 2012/2013 INTRODUZIONE I ragazzi del Consiglio Comunale dei

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI NELLE AREE AD ALTA INTENSITA ABITATIVA

COMUNE DI CORCIANO RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI NELLE AREE AD ALTA INTENSITA ABITATIVA COMUNE DI CORCIANO RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI NELLE AREE AD ALTA INTENSITA ABITATIVA Aprile 2011 Premessa Il servizio di raccolta differenziata nel Comune di Corciano ha iniziato ad operare in

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO Regione dell'umbria Piano d Ambito per la gestione integrata dei Rifiuti Urbani dell A.T.O. N.2 ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA Perugia, Dicembre 2007 AMBITO

Dettagli

Customer satisfaction Igiene urbana

Customer satisfaction Igiene urbana Novembre - Dicembre 2008 Customer satisfaction Igiene urbana A cura di Francesca Dallago 0.1. Caratteristiche dell indagine PERIODO DI RILEVAZIONE DEI DATI: Novembre-Dicembre 2008. STRUMENTO DI RILEVAZIONE

Dettagli

Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Sondrio N dei comuni 78 N delle schede da compilare 75 N delle schede compilate 75 % di copertura 1,% Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che

Dettagli

Prova associata al percorso I rifiuti, una risorsa per l educazione sostenibile di Annalisa Salomone

Prova associata al percorso I rifiuti, una risorsa per l educazione sostenibile di Annalisa Salomone Prova associata al percorso I rifiuti, una risorsa per l educazione sostenibile di Annalisa Salomone Autore Annalisa Salomone Referente scientifico Michela Mayer Grado scolastico Scuola Secondaria di I

Dettagli

I rifiuti oggi Esegui l esperimento che ti permetterà di scoprire cosa succede ai rifiuti nelle discariche.

I rifiuti oggi Esegui l esperimento che ti permetterà di scoprire cosa succede ai rifiuti nelle discariche. Occorrente: I rifiuti oggi Esegui l esperimento che ti permetterà di scoprire cosa succede a nelle discariche. Procedimento: sotterra raccolti in un grande contenitore pieno di terra annaffia tutti i giorni

Dettagli

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 100,0% Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI COMUNE DI OLGIATE MOLGORA (PROV DI LECCO) REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI Art.l - Campo di applicazione. Il presente regolamento, emanato

Dettagli

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I.

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. COMUNE DI MARANO DI VALPOLICELLA (Provincia di Verona) PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. Allegato "B" alla CC. n. 13 del 27.07.2015 f.to Il Segretario Comunale ANNO 2015 1 1. PREMESSA Il presente documento riporta

Dettagli

Più riciclabile, meno secco residuo: una nuova tecnologia a servizio dei cittadini. Turriaco, 23 aprile 2015

Più riciclabile, meno secco residuo: una nuova tecnologia a servizio dei cittadini. Turriaco, 23 aprile 2015 Più riciclabile, meno secco residuo: una nuova tecnologia a servizio dei cittadini Turriaco, 23 aprile 2015 Isontina Ambiente a valle della procedura competitiva per la cessione dei rami energetici e la

Dettagli

COMUNE DI VAJONT PIANO FINANZIARIO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI. Anno 2015

COMUNE DI VAJONT PIANO FINANZIARIO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI. Anno 2015 1 COMUNE DI VAJONT PIANO FINANZIARIO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Anno 2015 Ex art. 8 D.P.R. 27 aprile 1999, n.158 Art.1 comma 639 Legge 27 dicembre 2013 n. 147 2 INDICE PREMESSA NORMATIVA E

Dettagli

Gru all opera sul cumulo di compost

Gru all opera sul cumulo di compost Alla periferia di Catania, in territorio di Ramacca, sorge uno degli stabilimenti più all avanguardia del Meridione, che è specializzato al trattamento e alla lavorazione dei rifiuti solidi urbani (RSU):

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2011 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro Carta dei servizi Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana Comune di Nembro Comune di Ranica Comune di Pradalunga Comune di Alzano Lombardo che cos è la carta dei servizi La Carta dei Servizi

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI ROCCAMENA 2) Codice di accreditamento: NZ05532 3) Albo e classe di iscrizione: REGIONALE

Dettagli

% RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI

% RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI % RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI www.arpa.veneto.it Legambiente COMUNI RICICLONI INDICATORE MULTIPARAMETRICO Non solo %RD (rifiuti avviati a recupero, compresi inerti, ingombranti a spazzamento)

Dettagli

Laboratorio di Raccolta Differenziata

Laboratorio di Raccolta Differenziata Laboratorio di Raccolta Differenziata 1 Che cosa è un RIFIUTO? I RIFIUTI SONO COSE SPORCHE E PUZZOLENTI I RIFIUTI SONO COSE INUTILIZZABILI, SCARTI O COSE ROTTE I RIFIUTI SONO UNA RISORSA PER IL FUTURO,

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2012 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Giugno 2013 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI -

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI. AMBIENTE E SALUTE 23 giugno 2008

IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI. AMBIENTE E SALUTE 23 giugno 2008 IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI AMBIENTE E SALUTE 23 giugno 2008 I 5 Principi della Gestione Integrata dei Rifiuti 1. Prevenzione nella formazione dei rifiuti 2. Riduzione della loro pericolosità 3. Riciclaggio

Dettagli