CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO E DISCIPLINARE TECNICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO E DISCIPLINARE TECNICO"

Transcript

1 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO E DISCIPLINARE TECNICO Servizio di igiene urbana, raccolta e trasporto dei Rifiuti Urbani con modalità differenziata domiciliare nel COMUNE DI ROCCA PRIORA Pag. 1di51

2 Indice: Riferimenti Normativi (indicazione puramente di massima) D.Lgs. 267/2000 Testo Unico degli Enti Locali Legge 241/1990 Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi Direttiva europea 2008/98/CE del 19 novembre 2008 D.Lgs. 3 aprile 2006 n. 152 aggiornato con il Decreto legislativo 16 gennaio 2008, n. 4 D.Lgs. n 205 del 3 dicembre 2010 Disposizioni di attuazione della direttiva 2008/98/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 19 novembre 2008 relative ai rifiuti e che abroga alcune direttive D.Lgs. 12 aprile 2006, n Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE, e s. m. ed i. oltre che alle norme del Codice Civile e alle altre disposizioni di legge nazionali vigenti in materia di contratti di diritto privato Legge 6 agosto 2008, n. 133 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto- legge 25 giugno2008, n. 112, recante disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria D.P.R. n 168 del 7 settembre 2010: Regolamento in materia di servizi pubblici locali di rilevanza economica, a norma dell articolo 23-bis, comma 10, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133 Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 gennaio 2004: Principi sull erogazione dei servizi pubblici D.M. n. 406 del 28/4/98 Regolamento recante norme di attuazione delle direttive dell Unione Europea avente ad oggetto la disciplina dell Albo nazionale delle imprese che effettuano la gestione dei rifiuti Decreto Legislativo 25 luglio 2005 n Attuazione delle direttive 2002/95/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell'uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche, nonché allo smaltimento dei rifiuti (RAEE) Articolo 5 comma 1) del D. Lgs. 36/2003 Attuazione della Direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e ss.mm.ii. Attuazione dell art. 1 della Legge 3 agosto 2007 n 123 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro Decreto Ministeriale n. 185 del 25 Settembre 2007 Istituzione e modalità di funzionamento del registro nazionale dei soggetti obbligati al finanziamento dei sistemi di gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche(raee), costituzione e funzionamento di un centro di coordinamento per l ottimizzazione delle attività di competenza dei sistemi collettivi e istituzione del comitato d'indirizzo sulla gestione dei RAEE, ai sensi degli articoli 13, comma8, e 15, comma 4, del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 151 Decreto Ministeriale del 13 maggio 2009 Modifica del decreto 8 aprile 2008, recante la disciplina dei centri di raccolta dei rifiuti urbani raccolti in modo differenziato, come previsto dall'articolo 183, comma 1, lettera cc) del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 Decreto Ministeriale dell 8 aprile 2008 Disciplina dei centri di raccolta dei rifiuti urbani raccolti in modo differenziato, come previsto dall'articolo 183, comma 1, lettera cc) del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 Pag. 2di51

3 il D.P.R. 158/99 Regolamento recante norme per la elaborazione del metodo normalizzato per definire la tariffa del servizio di gestione del ciclo dei rifiuti Legge Regionale n.27 del 9 luglio 1998 concernente la disciplina regionale dei rifiuti, come modificata dalla Legge Regionale n.26 del 2 settembre 2003 Deliberazione n.112 del 10 luglio 2002 del Consiglio regionale del Lazio concernente l approvazione del Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti del Lazio Ulteriori Atti di riferimento: Deliberazione di Giunta Regionale n 310 dell 8 maggio 2009: Metodo standardizzato di certificazione della percentuale della raccolta differenziata dei rifiuti urbani Delibera di giunta regionale 30 aprile 2009 n 291 Programmazione delle risorse finanziarie per gli anni destinate al potenziamento della Raccolta differenziata D.G.P. 1645/48 del 21 dicembre 2005 Bando per la presentazione di candidature per la progettazione e la realizzazione della raccolta differenziata domiciliare Documento di Indirizzo per la riduzione della produzione dei Rifiuti Urbani e l implementazione delle raccolte differenziate nel territorio della Provincia di Roma approvato con la D.G.P. n 170/6 del 13/02/2008 Deliberazione dell Albo Nazionale Gestori Ambientali del 20 luglio 2009 Criteri e requisiti per l iscrizione all Albo nella categoria 1 per lo svolgimento dell attività di gestione dei centri di raccolta di cui al decreto del Ministro dell ambiente e della tutela del territorio e del mare 8 aprile 2008, modificato con decreto 13 maggio 2009, di attuazione dell articolo 183, comma 1, lettera cc), del D.Lgs. 152/06, e successive modificazioni e integrazioni Accordo Quadro ANCI CONAI 2009/2013 e relativi allegati tecnici dei consorzi di filiera. Pag. 3di51

4 Disposizioni Generali Art. 1 Oggetto del contratto Il contratto ha per oggetto le seguenti prestazioni: a. servizi di raccolta differenziata delle seguenti frazioni di rifiuti urbani: 1. residuo indifferenziato per le utenze domestiche e non domestiche; 2. carta e cartone per le utenze domestiche; 3. carta per le utenze non domestiche; 4. cartone per le utenze non domestiche; 5. imballaggi in plastica e imballaggi metallici per le utenze domestiche e non domestiche; 6. vetro per le utenze domestiche e non domestiche; 7. organico (frazione umida) per le utenze domestiche e non domestiche; 8. ingombranti per le utenze domestiche; 9. pile e farmaci; b. trasporto all impianto di trattamento e/o smaltimento (secondo le indicazioni del Piano Regionale) della frazione residuale indifferenziata dei rifiuti c. trasporto all impianto di trattamento e recupero, indicato dall Amministrazione Comunale, della frazione umida d. trasporto ai siti CONAI e/o ai siti di stoccaggio e/o agli impianti di trattamento, recupero e riciclaggio delle altre frazioni: 1. carta e cartone per le utenze domestiche; 2. carta per le utenze non domestiche; 3. cartone per le utenze non domestiche; 4. imballaggi in plastica e imballaggi metallici per le utenze domestiche e non domestiche; 5. vetro per le utenze domestiche e non domestiche; 6. ingombranti per le utenze domestiche; 7. pile e farmaci; e. gestione del centro di raccolta comunale dei rifiuti (crc/ecocentro) f. attività propedeutiche e collaterali al servizio di raccolta: 1. indagini territoriali finalizzate al corretto dimensionamento delle forniture di ciascuna u- tenza; 2. fornitura di contenitori e attrezzature per lo svolgimento dei servizi; 3. rimozione delle vecchie attrezzature non più funzionali ai nuovi servizi; 4. manutenzione e sostituzione dei contenitori, delle attrezzature e dei veicoli per lo svolgimento del servizio; g. Servizi di spazzamento stradale: 1. Spazzamento manuale, svuotamento cestini, raccolta rifiuti abbandonati 2. Spazzamento meccanico combinato di tutto il territorio; h. servizi informativi: 1. redazione della carta dei servizi; 2. azioni di informazione sulla riduzione e sulla raccolta differenziata dei rifiuti e sul corretto utilizzo dei servizi da parte degli utenti dal secondo all ultimo anno di vigenza del contratto Pag. 4di51

5 3. report periodici sull andamento dei servizi (art. 13 del presente CSA). La Stazione Appaltante si riserva la facoltà, nel corso del contratto, e comunque ai sensi di legge, di assegnare mediante procedura negoziata, all Appaltatore: a) ai sensi e per gli effetti dell art. 57, comma 5, lettera a), del D.lgs. 163/06 e ss. mm. ii., servizi complementari, non compresi nel presente Capitolato Speciale, che, a causa di circostanze impreviste, siano diventati necessari per assicurare il servizio all utenza; b) ai sensi e per gli effetti dell art. 57, comma 5, lettera b), del D.lgs. 163/06 e s. m. e i., nuovi servizi consistenti nella ripetizione di analoghi allo stesso affidati. I servizi oggetto dell appalto, dettagliatamente descritti nei successivi articoli del presente Capitolato enei relativi allegati, dovranno, salvo diversa specifica indicazione, essere eseguiti su tutto il territorio del Comune di Rocca Priora (Roma). Le utenze da servire, suddivise nelle categorie domestiche (famiglie) e non domestiche (operatori economici nei settori industriale, artigianale, agricolo, commerciale, di servizi, ecc.) sono indicativamente quantificate rispettivamente nell Allegato 1 e nell Allegato 2. Tali quantità dovranno essere considerate come indicative. Pertanto, l Appaltatore sarà tenuto a eseguire i servizi, per il corrispettivo oggetto di aggiudicazione, anche qualora il numero reale di utenze domestiche e non domestiche si discostasse, per eccesso, fino al 10%, dai valori indicati nell Allegato 1 e nell Allegato 2. Ciò senza alcuna pretesa, da parte dello stesso, di maggiori compensi, indennizzi o risarcimenti. Art. 2 Durata dell appalto La durata dell appalto è stabilita in sette anni decorrenti dalla data di stipula del contratto stesso. E facoltà della Stazione Appaltante, qualora, ai sensi dell art. 11, comma 12, del D.lgs. 163/2006 e ss. mm. ii. ne ricorressero i presupposti, richiedere l anticipata esecuzione del contratto nell attesa del perfezionamento degli atti amministrativi. I servizi di raccolta di cui all art. 1, dovranno essere completamente avviati entro 45 (quarantacinque) giorni naturali e consecutivi dalla sottoscrizione del contratto ad eccezione delle campagne di comunicazione che dovranno essere eseguite secondo il cronoprogramma proposto in sede di gara dall Appaltatore. L Appaltatore si impegna a eseguire il servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani secondo il precedente modello gestionale senza soluzione di continuità fino alla completa attivazione da parte sua dei servizi di raccolta e trasporto dedotti nell oggetto del presente appalto, secondo le scadenze indicate nel presente articolo. I servizi riferiti al precedente modello gestionale sono sinteticamente indicati nell Allegato 3. La Stazione Appaltante si riserva la facoltà di recedere dal contratto al verificarsi di circostanze che rendano non più opportuna la sua prosecuzione (per ogni causa legittima). Il provvedimento di recesso dal contratto sarà notificato per iscritto all Appaltatore. In tal caso, l Appaltatore avrà diritto al pagamento di un corrispettivo commisurato alla parte del servizio prestato e delle forniture eseguite, escluso ogni risarcimento o indennizzo. Ai sensi dell art. 204 del D.Lgs. 152/06, qualora fosse istituito e organizzato il servizio di gestione integrata dei rifiuti da parte dell Autorità d Ambito (art. 202 del D.Lgs. 152/06), il contratto potrà essere sciolto anticipatamente. In tal caso, l Appaltatore non avrà diritto, a qualsiasi titolo, a alcun risarcimento, ne a compensi o indennizzi neppure con riferimento al mancato periodo di ammortamento di veicoli, mezzi e Pag. 5di51

6 attrezzature di sua proprietà impiegati nell esecuzione del contratto. E fatta salva la corresponsione del canone maturato per l esecuzione dei servizi fino alla data di scioglimento anticipato del contratto e la corresponsione del valore contabile residuo (costo storico dedotti gli ammortamenti) alla stessa data, di veicoli, mezzi e attrezzature che rimarranno in proprietà alla Stazione Appaltante. Art. 3 Obiettivi Con il presente appalto, la Stazione Appaltante si prefigge di raggiungere i seguenti obiettivi: a) ridurre le quantità di rifiuti urbani da avviare agli impianti di smaltimento,; b) incoraggiare la pratica del compostaggio domestico c) migliorare la qualità dei rifiuti conferiti agli impianti di trattamento e recupero; d) ridurre all essenziale il posizionamento sul suolo pubblico di contenitori per la raccolta dei rifiuti; e) ridurre le discariche abusive e l abbandono di rifiuti; f) raccogliere in modo differenziato almeno il 65% dei rifiuti entro il primo anno di attivazione(quantità massima di rifiuti urbani indifferenziati 35%). L operato dell Appaltatore dovrà portare al conseguimento dei predetti obiettivi e comunque di quelli di legge. Qualora il mancato raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata di cui al comma 1, lettera e), fosse imputabile all Appaltatore, per accertata sua responsabilità, lo stesso sarà tenuto a rifondere alla Stazione Appaltante i danni subiti e conseguenti, ivi comprese le eventuali sanzioni che potranno essere applicate nei confronti della Stazione Appaltante in forza di specifiche norme. Per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata sarà applicata la formula indicata nella D.G.R. della Regione Lazio 7 agosto 2010, n Art. 4 Importo presunto a base di gara L importo complessivo presunto a base di gara ammonta a euro ,00 - IVA di legge esclusa- così suddiviso: 1) servizi di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani prestazione principale [art. 1, comma 1, lettera a) del Capitolato Speciale]: euro ,00, IVA di legge esclusa; 2) servizi informativi prestazione secondaria [art. 1, comma 1, lettera h), del Capitolato Speciale]:euro ,00, IVA di Legge esclusa. Gli oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso (D.Lgs. 81/08) sono pari a 6.000,00 (euro seimila/00) come dal DUVRI documento unico valutazione rischio interferenze. Per il verificarsi del caso di cui all art. 16, quinto comma, l importo presunto a base di gara soggetto a ribasso è di 0,25 euro/tonnellata/km - IVA esclusa. Art. 5 Subappalto Il subappalto è disciplinato dall art. 118 del D.Lgs. 163/06. L Appaltatore si impegna al rispetto della predetta norma e a indicare, in sede di presentazione dell offerta, i servizi e le forniture o le parti di servizi e forniture che intenda eventualmente subappaltare. Pag. 6di51

7 La Stazione Appaltante pagherà all Appaltatore il canone per i servizi comprensivo di quelli da questi subappaltati. E fatto obbligo all Appaltatore, nel caso di subappalto, di trasmettere, entro venti giorni dalla data di ciascun pagamento ricevuto, copia delle fatture quietanzate relative ai pagamenti corrisposti al subappaltatore, con l indicazione delle ritenute di garanzia effettuate. Qualora l Appaltatore non trasmettesse le fatture quietanziate del subappaltatore entro il predetto termine, la Stazione Appaltante sospenderà il successivo pagamento a favore dello stesso. Art. 6 Obbligo di continuità dei servizi Il contratto ha per oggetto servizi pubblici locali essenziali che costituiscono attività di pubblico interesse disciplinata dalla Parte IV del D.Lgs. 152/06. I servizi non potranno essere sospesi o abbandonati, salvo che per casi di forza maggiore. In caso di loro arbitrario abbandono o sospensione, la Stazione Appaltante potrà sostituirsi all Appaltatore per la loro esecuzione d ufficio, con il totale e completo recupero dell onere e dei conseguenti danni. Nel caso di astensione dal lavoro per sciopero del personale, l Appaltatore si impegna a rispettare quanto disposto dalla Legge 12 giugno 1990, n. 146 recante Norme sull esercizio del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali e sulla salvaguardia dei diritti della persona costituzionalmente tutelati. Istituzione della Commissione di garanzia dell attuazione della legge. E fatta salva la facoltà della Stazione Appaltante, nel caso in cui si ravvisassero le ipotesi di reato di cui all art. 340 del codice penale, di segnalare il fatto all Autorità Giudiziaria competente. Art. 7 Osservanza delle norme applicabili L Appaltatore è tenuto a: a) osservare e a far osservare al proprio personale tutte le disposizioni del presente Capitolato nonché le norme di legge, decreto, regolamento, che si succederanno, con riferimento all oggetto e alla natura del contratto; b) adempiere gli obblighi che saranno eventualmente posti da norme future, senza nulla pretendere, fatta salva l ipotesi dell eventuale riconoscimento di un eccessiva onerosità sopravvenuta; c) osservare e a far osservare al proprio personale tutte le norme, regolamenti e ordinanze comunali attinenti i servizi oggetto del contratto; d) eseguire gli ordini e a osservare le direttive, attinenti ai servizi, che saranno emanate dalla Stazione Appaltante. Art. 8 Responsabilità dell Appaltatore L Appaltatore è responsabile: a) del perfetto svolgimento dei servizi, dei beni eventualmente consegnatigli dalla Stazione Appaltante, della disciplina e dell operato del proprio personale; b) civilmente e penalmente dei danni a chiunque causati nell esecuzione dei servizi, secondo quanto disposto dalla legge. L Appaltatore è tenuto a: Pag. 7di51

8 a) fornire ogni informazione di carattere tecnico e economico finanziario sui servizi e ogni altro dato utile per la presentazione della comunicazione annuale al Catasto dei rifiuti di cui all art.189 del D.lgs. 152/06 e per l eventuale predisposizione della tariffa per la gestione dei rifiuti urbani, secondo la normativa vigente nel corso del contratto. Eventuali sanzioni amministrative, comminate alla Stazione Appaltante, o eventuali danni dallo stesso subiti a seguito di mancanze o di errori nelle comunicazioni dell Appaltatore, saranno allo stesso addebitati; b) adempiere gli obblighi assicurativi previdenziali e assistenziali verso gli enti previdenziali(inail e INPS); c) adottare, nell esecuzione dei servizi, tutte le precauzioni e i provvedimenti per evitare danni a persone, cose od ambiente; d) stipulare, a proprie spese, per tutta la durata del contratto, una o più polizze assicurative, da consegnare, prima della sottoscrizione del contratto, per ciascuna delle seguenti responsabilità civili: verso terzi: dovrà prevedere il risarcimento dei danni (capitale, interessi, spese) per i quali l Appaltatore fosse chiamato a rispondere civilmente da terzi. La copertura assicurativa dovrà essere riferita ai danni causati, nell esecuzione del contratto, a persone (siano esse o no addette ai servizi), cose, animali e estesa anche ai danni causati da subappaltatori o da altri soggetti che, pur non essendo alle dipendenze dell Appaltatore, parteciperanno all esecuzione del contratto. Il massimale della polizza per responsabilità civile verso terzi non dovrà essere inferiore a ,00 (euro cinque milioni/00) per ogni singolo sinistro; verso la Stazione Appaltante: dovrà prevedere il risarcimento dei danni subiti dalla Stazione Appaltante stessa a causa del danneggiamento o alla distruzione totale o parziale di impianti e opere, anche preesistenti, verificatisi nel corso dell esecuzione dei servizi. La polizza dovrà prevedere anche i danni alle cose in consegna e custodia all Appaltatore a qualsiasi titolo o destinazione compresi quelli conseguenti a incendio e furto. Il massimale per tale responsabilità non dovrà essere inferiore a ,00 (euro due milioni/00) per ogni sinistro; verso prestatori di lavoro: dovrà prevedere il risarcimento dei danni (capitale, interessi, spese) per gli infortuni subiti dal personale utilizzato nell esecuzione del contratto e essere estesa anche ai danni causati da subappaltatori o da altri soggetti che, pur non essendo alle dipendenze dell Appaltatore, parteciperanno all esecuzione del contratto. Il massimale della polizza per responsabilità civile verso prestatori di lavoro non dovrà essere inferiore a ,00 (euro un milione/00) per ciascun prestatore di lavoro; per inquinamento: dovrà prevedere il risarcimento dei danni da inquinamento (capitale, interessi e spese), per i quali l Appaltatore sia chiamato a rispondere, causati nell esecuzione del contratto. Per danni da inquinamento si intendono quelli conseguenti a contaminazione dell acqua, dell aria, del suolo, congiuntamente o disgiuntamente, derivanti dalla dispersione di sostanze di qualsiasi natura. La copertura assicurativa dovrà estesa anche ai danni causati da subappaltatori o da altri soggetti che, pur non essendo alle dipendenze dell Appaltatore, parteciperanno all esecuzione del contratto. Il massimale della polizza per responsabilità civile per inquinamento non dovrà essere inferiore a ,00 (euro tre milioni/00). Pag. 8di51

9 L Appaltatore resterà unico e esclusivo responsabile dei maggiori danni non coperti dai suddetti massimali. Tutti i massimali assicurativi andranno rideterminati in base agli indici ISTAT relativi al costo della vita, nell eventualità che subiscano un aumento che superi il 10 % del dato iniziale. Art. 9 Obblighi in materia di sicurezza L Appaltatore, nello svolgimento dei servizi, è tenuto all osservanza e all applicazione della normativa in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, nonché delle norme in materia che potrebbero essere emanate durante il corso del contratto. A tal fine, avrà l onere di procurare e fornire al personale tutti i materiali necessari allo svolgimento delle prestazioni di cui al presente contratto (in special modo i D.P.I.), secondo quanto previsto dai documenti e dalle valutazioni effettuate dall Appaltatore e dal D.Lgs. 81/08. Tutte le attrezzature, le macchine, i mezzi, i veicoli utilizzati per l espletamento dei servizi dovranno rispettare le normative di sicurezza vigenti (specie in materia di prevenzione degli infortuni e di codice dalla strada). Per quanto riguarda le attività oggetto del contratto, l Appaltatore è reso edotto dei seguenti principali fattori di rischio connessi alle prestazioni da eseguire (elenco non esaustivo): a) presenza di agenti biologici (rimozione di siringhe, rimozione di deiezioni canine); b) raccolta di rifiuti di natura organica da raccolta differenziata domestica (a esempio, scarti di cucina), ecc.; c) attività svolta su spazi pubblici o aperti al pubblico (strade, piazze, parchi e giardini pubblici, scalinate, viali ed alberate, ecc.); d) attività svolta in presenza di altri veicoli in movimento (strade, piazze, aree pubbliche o aperte al pubblico); e) presenza di materiali pericolosi (oli, pile, vernici, farmaci, ecc.); f) presenza o utilizzo di materiali chimici (a esempio, materiali usati per la disinfestazione o la sanificazione o la disinfezione o il diserbo); g) presenza di materiali pericolosi per urti, abrasioni, tagli, ecc., quali vetro, metalli, ecc.; h) presenza di materiali a rischio d incendio (a esempio, carta e plastica); i) presenza di materiali di dimensioni ingombranti e conseguente peso eccessivo per la movimentazione manuale; j) presenza di polveri (dovute all attività svolta, ad esempio lo spazzamento delle strade, o ad attività esterne, quali, ad esempio, il traffico veicolare); k) presenza di possibili materiali ignoti, conferiti volutamente, scorrettamente o accidentalmente; l) derivanti dalle condizioni temporali, atmosferiche e climatiche; m) derivanti dall attività di conferimento dei carichi presso impianti (di recupero, smaltimento o altro); n) presenza di rischi generici determinati dall attività all aperto, in aree pubbliche, aperte al pubblico o private; o) nelle vie, nelle piazze e nelle aree soggette al traffico veicolare, sono presenti attrezzature,impianti e elementi dell arredo urbano, dell illuminazione pubblica e della segnaletica, che possono costituire ostacolo alla movimentazione e fonte di pericoli per i lavoratori. L Appaltatore, al momento della sottoscrizione del contratto, al solo fine di consentire una corretta verifica del rispetto delle norme di sicurezza, dovrà: Pag. 9di51

10 a) dimostrare di avere redatto tutta la documentazione necessaria ai fini della sicurezza, in particolar modo, relativamente alle attività oggetto del presente contratto, il Documento di Valutazione dei rischi dell Azienda di cui agli articoli 28 e seguenti del D.Lgs. 81/08 e ss. mm. ii., aggiornato alle singole specifiche attività e luoghi di lavoro. Tale documentazione dovrà poter essere visionata dalla Stazione Appaltante in qualunque momento nel corso del contratto e dovrà essere consegnata, in copia, entro 60 giorni dall aggiudicazione definitiva; b) esibire l organigramma funzionale aziendale, attraverso la consegna di un documento in forma scritta redatto sotto la propria responsabilità, dal quale si evinca la presenza e il conferimento d incarico per tutte le figure normativamente previste dal D.Lgs. 81/08 (come: RSPP, RLS, SPP, Medico Competente, ecc.), comprensivo di nominativi e recapiti; dovranno essere altresì rilevabili, nella medesima forma, anche tutte le eventuali attività riguardanti la materia, conferite all esterno e dimostrare l avvenuta formazione e informazione dei lavoratori, anche attraverso la trasmissione del piano di formazione futuro. Tali attività formative potranno essere dimostrate attraverso autocertificazione. A semplice richiesta, potrà essere visionata dalla Stazione Appaltante la documentazione comprovante i percorsi formativi del personale. L Appaltatore e la Stazione Appaltante si impegnano a trasmettere tutte le informazioni utili al miglioramento degli standard di sicurezza, presenti e futuri, assicurando la massima cooperazione nell attuazione ed implementazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro. Art. 10 Caratteristiche e poteri del Responsabile del contratto designato dall Appaltatore L Appaltatore, al momento della sottoscrizione del contratto, notificherà il nominativo del soggetto, in possesso di idonei requisiti di professionalità ed esperienza, responsabile del contratto (di seguito solo Responsabile), al quale competerà la responsabilità della direzione del servizio nonché la responsabilità delle comunicazioni alla Stazione Appaltante relative all esecuzione del contratto. Il Responsabile, munito di specifico mandato, dovrà avere piena conoscenza delle obbligazioni assunte dall Appaltatore e essere munito dei necessari poteri per la gestione del servizio e per la piena rappresentanza dell Appaltatore. In caso di impedimento del Responsabile, l Appaltatore sarà tenuto a nominare un sostituto nel rispetto delle obbligazioni di notifica del nominativo di cui al primo comma. Il Responsabile darà adeguate, complete e esaustive istruzioni, informazioni, conoscenze al personale per la corretta e regolare esecuzione dei servizi. Egli controllerà che le prestazioni siano esattamente adempiute rispetto a quanto prescritto dal Capitolato Speciale, dal progetto offerta e dal contratto di servizio e adotterà ogni provvedimento e azione a ciò necessari. In caso di comprovata inidoneità del Responsabile, previa formale argomentata contestazione e richiesta scritta della Stazione Appaltante, lo stesso dovrà essere sostituito entro dieci giorni dalla richiesta, fatta salva la facoltà dell Appaltatore di produrre proprie controdeduzioni entro sette giorni. Art. 11 Domicilio L Appaltatore è tenuto a eleggere domicilio speciale, per tutta la durata del contratto, nel territorio Comune di Rocca Priora (Roma). Tale domicilio andrà comunicato alla Stazione Appaltante, all atto della sottoscrizione del contratto per il recapito di tutte le comunicazioni inerenti l esecuzione del contratto, Pag. 10di51

11 unitamente ai numeri di telefono fisso e mobile e di fax e a un indirizzo di posta elettronica ai quali saranno inoltrate le comunicazioni. Art. 12 Comunicazioni tra Stazione Appaltante e Appaltatore Il Direttore dell esecuzione del contratto per la Stazione Appaltante è il Geom. Antonio Pucci, ai sensi dell art.119 del D.Lgs. 163/06. Tutte le comunicazioni dell Appaltatore, inerenti l esecuzione del contratto, dovranno pervenire al responsabile di cui al precedente comma ai recapiti telefonici, fax e che saranno comunicati. Art. 13 Informazione sull andamento dei servizi Ai fini dell informazione sull andamento dell esecuzione del contratto, l Appaltatore è tenuto a presentare alla Stazione Appaltante un resoconto mensile recante: a) l elenco dei servizi eseguiti e le aree interessate; b) i dati delle pesature di cui all art. 17, in formato excel o equipollente; c) l elenco aggiornato del personale impiegato per lo svolgimento dei servizi indicante il nominativo, l inquadramento e la qualifica; d) la rendicontazione informatizzata degli spostamenti dei veicoli secondo le rilevazioni di cui al successivo art. 19. La predetta rendicontazione dovrà essere prodotta in file di formato compatibile con gli applicativi per personal computer in uso presso la Stazione Appaltante; e) la segnalazione di eventuali anomalie o problemi specifici riscontrati nel corso del loro svolgimento, di eventuali atti vandalici o di fatti accidentali accaduti; f) gli interventi di carattere straordinario eventualmente eseguiti, con l indicazione precisa e dettagliata di personale, mezzi e attrezzature impiegati. Tale resoconto, datato e sottoscritto dal Responsabile, dovrà contenere ogni altra informazione che possa consentire alla Stazione Appaltante un monitoraggio costante e una rappresentazione completa, esaustiva e veritiera dell andamento dell appalto. Il resoconto sarà trasmesso alla Stazione Appaltante entro il quindicesimo giorno del mese successivo a quello di riferimento, salvo che eventuali anomalie o problemi riscontrati non richiedano, per la loro natura, una comunicazione urgente e immediata. L Appaltatore presenterà alla Stazione Appaltante, con cadenza semestrale, entro il decimo giorno del mese successivo a quello in cui è terminato il semestre di riferimento, una relazione, datata e sottoscritta, riepilogativa delle attività eseguite nel semestre, recante l analisi delle informazioni e dei dati forniti nei rapporti mensili, evidenziando anche i risultati ottenuti in termini di raccolta differenziata, di produzione totale di rifiuti urbani e per singole frazioni merceologiche. L Appaltatore, nella relazione, sarà tenuto a presentare eventuali proposte riferite a possibili interventi da avviare nel semestre successivo al fine di migliorare l efficacia e l efficienza dei servizi, senza poter richiedere, comunque, maggiori compensi, poiché tali interventi si intenderanno compresi nel corrispettivo contrattuale. L Appaltatore sarà inoltre disponibile a intervenire nell incontro semestrale che la Stazione Appaltante si riserva di convocare per verifiche e approfondimenti sull esecuzione del contratto. I predetti resoconti e relazioni dovranno essere forniti in formato cartaceo ed elettronico idoneo per i personal computer in uso presso la Stazione Appaltante. L Appaltatore sarà tenuto a seguire: Pag. 11di51

12 i monitoraggi e controlli della qualità dei rifiuti di carta, cartone, vetro, plastica e lattine, organico (frazione umida) conferiti dagli utenti. Dell esito di tali monitoraggi e controlli, sarà fornita apposita relazione alla Stazione Appaltante corredata dalle indicazioni sul tipo di rifiuto e sui luoghi in cui tali monitoraggi e controlli sono stati eseguiti, nonché da proposte per incrementare la qualità, in termini di purezza, dei predetti rifiuti. Laddove i rifiuti non fossero conformi al tipo di contenitore cui sono destinati, l Appaltatore dovrà lasciare un avviso all utenza riportante le difformità riscontrate. Il contenuto dell avviso dovrà essere previamente approvato dalla Stazione Appaltante. I monitoraggi e i controlli in questione dovranno essere eseguiti almeno in un ciclo di cinque giornate lavorative ogni semestre. Gli stessi saranno aggiuntivi rispetto a quelli cui è tenuto il personale dell Appaltatore all atto del prelievo o dello svuotamento dei contenitori come previsto nella Parte II del presente Capitolato; Detta relazione dovrà essere allegata alla relazione semestrale di cui sopra. I resoconti e le relazioni presentate dall Appaltatore ai sensi del presente articolo costituiranno un elemento essenziale per le valutazioni della Stazione Appaltante in merito alla liquidazione delle fatture emesse dall Appaltatore. Art. 14 Criteri generali per l esecuzione dei servizi L Appaltatore è tenuto a eseguire i servizi: a) con la massima cura e puntualità anche al fine di assicurare le migliori condizioni di igiene, di pulizia, decoro e fruibilità da parte degli utenti; b) non solo nelle vie, nelle piazze e negli altri spazi ora esistenti, ma anche in quelli che, entro i confini comunali, saranno realizzati successivamente all avvio del servizio. A tal fine, l Appaltatore si impegna a operare per: a) evitare danni e pericoli per la salute, tutelando l incolumità e la sicurezza sia dei singoli cittadini sia del personale adibito al servizio; b) salvaguardare l ambiente. Tenendo conto delle indicazioni dell art. 1, secondo comma, il servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti sarà eseguito sia per la popolazione insediata all atto dell avvio del servizio sia per l ulteriore che si insedierà nel corso del contratto. Variazioni della popolazione, che si verificassero dopo il completo avvio dei nuovi servizi, in aumento o in diminuzione, in ragione del 5%, non daranno luogo a revisioni o variazioni del corrispettivo contrattuale. Art. 15 Cooperazione L Appaltatore è tenuto a: a) segnalare alla Stazione Appaltante circostanze e fatti riferiti a: impedimenti alla regolare esecuzione dei servizi; qualsiasi altra irregolarità quali, a titolo esemplificativo: abbandono di rifiuti, uso improprio dei cassonetti e dei sacchi per la raccolta differenziata, conferimento di rifiuti esclusi dal servizio, altri conferimenti scorretti, ecc.; Pag. 12di51

13 b) fornire tutte le informazioni utili per l individuazione di chi ha causato i predetti impedimenti e irregolarità, coadiuvando l opera della Polizia Locale. Art. 16 Proprietà e destinazione dei rifiuti urbani La Stazione Appaltante è proprietario dei rifiuti raccolti dall Appaltatore. Competeranno all Appaltatore i costi di smaltimento e di trattamento dei rifiuti riciclabili,nonché i ricavi conseguiti attraverso i contributi CONAI o a qualsiasi altro titolo, mentre per quanto attiene al secchio indifferenziato e il rifiuto organico, i costi di smaltimento sono a carico della Stazione appaltante. L Appaltatore, laddove riscontrasse che il materiale non fosse conferito dagli utenti in maniera conforme alle disposizioni impartite, dovrà darne tempestiva comunicazione alla Stazione Appaltante che darà istruzioni all Appaltatore su come procedere nel caso specifico. Nel caso in cui non ottemperasse alla predetta prescrizione, sarà responsabile, con riferimento ai rifiuti recuperabili, degli eventuali minori ricavi ottenuti e dei maggiori costi di smaltimento. L Appaltatore è tenuto a: a) mettere a disposizione della Stazione Appaltante i rifiuti raccolti per l esecuzione di analisi merceologiche finalizzate alla loro caratterizzazione; b) raccogliere e trasportare i rifiuti ai siti CONAI e/o ai siti di stoccaggio e/o agli impianti di trattamento e/o recupero e/o riciclaggio e/o smaltimento che, di volta in volta, saranno indicati dalla Stazione Appaltante; c) consegnare alla Polizia Locale gli oggetti di valore eventualmente rinvenuti nel corso dell esecuzione dei servizi. Qualora si individuassero siti o impianti di destinazione dei rifiuti a una distanza superiore a 100 Km dal centro del Comune di Rocca Priora (Roma), all Appaltatore sarà riconosciuto, per il percorso eccedente i 100 Km, un importo presunto a base di gara (soggetto a ribasso) di 0,25 euro/tonnellata/km oltre IVA. La distanza sarà calcolata dal centro del Comune di Rocca Priora (Roma) all impianto di destinazione. Art. 17 Pesatura dei rifiuti Fatto salvo quanto previsto dalla normativa vigente in materia di tracciabilità dei rifiuti, l Appaltatore dovrà mettere a disposizione della Stazione Appaltante i seguenti dati con riferimento alla pesatura: a) le quantità e la descrizione dei rifiuti suddivisi per codici CER; b) la suddivisione dei pesi per codici CER e destinazione allo smaltimento finale, al trattamento e al recupero. Art. 18 Sede operativa L Appaltatore dovrà dotarsi, entro la data di avvio dei servizi di raccolta, di una sede operativa, sita nel territorio oggetto dell Appalto, eventualmente articolata in immobili ubicati in più luoghi, costituita da settore uffici, servizi per il personale, autorimessa per il ricovero degli automezzi, officina, magazzino deposito attrezzature, materiale di consumo e scorte e piazzali esterni. La localizzazione della sede operativa dovrà essere comunicata all Amministrazione almeno cinque giorni prima della sottoscrizione del contratto. Pag. 13di51

14 La sede dovrà essere dotata, inoltre, di locali spogliatoi e servizi igienici per il personale, di locale per le operazioni di lavaggio, disinfezione e manutenzione dei contenitori, degli automezzi e delle attrezzature impiegati nell espletamento dei servizi appaltati. Il settore uffici sarà munito di telefono fisso e cellulare, fax e casella di posta elettronica. Presso lo stesso, dovrà essere reperibile, durante l orario di svolgimento dei servizi, il Responsabile o suo sostituto preventivamente delegato. Tutti i locali e le aree dovranno essere mantenute efficienti, funzionali, puliti, igienizzati e conformi ad ogni effetto alle vigenti disposizioni che disciplinano la materia. Art. 19 Veicoli L Appaltatore dovrà disporre dei veicoli necessari per la corretta e puntuale esecuzione dei servizi. I predetti veicoli dovranno essere elencati e esaustivamente descritti nell offerta, indicando: I. quantità; II. tipologia e caratteristiche tecniche; III. capacità (volume) e portata legale; IV. anno di immatricolazione; V. ogni altra informazione utile a meglio caratterizzarli, ivi compresi disegni, documentazione fotografica, schede tecniche, ecc. Entro quattro mesi dall avvio dei servizi, la totalità dei veicoli dovrà essere immatricolata (considerato l anno di prima immatricolazione). I veicoli indicati nell offerta dovranno essere effettivamente destinati all esecuzione dei servizi per il Comune di Rocca Priora. Gli stessi dovranno recare le scritte con i dati identificativi dell Appaltatore e della Stazione Appaltante, così come sarà concordato prima dell avvio dei servizi con la Stazione Appaltante che, venti giorni prima dell avvio dei servizi, li sottoporrà a controllo di idoneità. I veicoli dovranno essere nella disponibilità dell Appaltatore e essere in regola con le disposizioni normative in materia di circolazione stradale, tassa di possesso, revisione periodica (che dovrà risultare da apposite annotazioni poste sulla carta di circolazione). Per ogni veicolo, dovranno essere stipulate idonee polizze di assicurazione. I veicoli dovranno essere dotati di tutta la strumentazione idonea per garantire il loro efficiente funzionamento, la sicurezza del personale, di persone e cose, nonché la sicurezza della circolazione. A tale scopo, i veicoli dovranno essere dotati, a titolo esemplificativo: a) di lampeggianti, catene antineve/gomme termiche, proiettori fendinebbia e retronebbia, nonché di ogni altro accessorio o attrezzatura per il migliore e più sicuro svolgimento dei servizi; b) di tutti i dispositivi utili per la tutela e la salvaguardia della sicurezza del personale addetto ai servizi. I predetti dispositivi e strumentazione dovranno essere tenuti in costante perfetto funzionamento. La Stazione Appaltante si riserva la facoltà di eseguire verifiche e controlli per accertare lo stato di efficienza dei veicoli e misurazioni dei livelli di rumorosità e delle emissioni di gas. L Appaltatore, sin d ora, accetta tali verifiche. Pag. 14di51

15 Le dimensioni massime e il diametro di sterzata dei veicoli dovranno essere tali da consentire una corretta circolazione (transito, fermata, manovre) senza violazioni del codice della strada, tenuto contoanche delle specifiche caratteristiche della rete viaria nel territorio sul quale saranno eseguiti i servizi, nonché le peculiarità climatologiche L Appaltatore si impegna: a) alla scrupolosa osservanza delle norme che regolano il trasporto dei rifiuti e la circolazione stradale; b) a mantenere i veicoli in un perfetto stato di efficienza, ordine, pulizia, privi di esalazioni moleste a bordo; c) a provvedere agli adempimenti amministrativi, assicurativi, tributari connessi all utilizzo dei veicoli comprese le revisioni periodiche; d) alla manutenzione (eseguita costantemente e a regola d arte) ordinaria e straordinaria (compresi gli interventi alle parti meccaniche e alla carrozzeria) dei veicoli, affinché gli stessi siano sempre in perfetto stato di funzionamento e di conservazione. Il transito, le soste e le fermate dei veicoli sul suolo pubblico non potranno perdurare oltre il tempo strettamente necessario né costituire intralcio, ostacolo o disturbo per il normale fluire del traffico. La Stazione Appaltante si riserva la facoltà di verificare lo stato di decoro e di perfetta efficienza dei veicoli. Nel caso di comprovata inidoneità degli stessi, ordinerà che siano eseguite tempestivamente, e comunque entro dieci giorni, le necessarie opere di manutenzione ordinaria e straordinaria o, se necessario, che si provveda alla loro sostituzione. L Appaltatore è tenuto a provvedervi senza poter vantare pretese di risarcimenti, indennizzi o maggiori compensi. Non saranno mai giustificate sospensioni, neppure parziali, del servizio nel caso di fermata dei veicoli per le operazioni di manutenzione. A tale scopo, i veicoli fermi per manutenzione dovranno essere sostituiti con altri aventi le medesime caratteristiche. L Appaltatore è tenuto alla sostituzione a proprie spese dei veicoli, quando ciò si renda necessario, senza alcun riferimento alla durata dell ammortamento. I mezzi adibiti alla raccolta dei rifiuti dovranno essere dotati di sistemi di rilevazione satellitare GPS. Dovrà essere realizzata, a cura e spese dell Appaltatore, una cartografia informatica per il rilievo dei punti di raccolta e dei contenitori stradali presenti sul territorio oggetto del contratto che dovrà essere consegnata alla Stazione Appaltante entro il primo anno di gestione del servizio Art. 20 Attrezzature per la raccolta dei rifiuti urbani 1) L Appaltatore deve fornire le attrezzature necessarie per la corretta e puntuale esecuzione dei servizi. Le predette attrezzature dovranno essere elencate ed esaustivamente descritte nell offerta, indicando: quantità; tipologia e caratteristiche tecniche; capacità (in volume); ogni altra informazione utile a meglio caratterizzarle, ivi compresi disegni, documentazione fotografica e schede tecniche, ecc.. 2) Tutte le attrezzature dovranno essere fornite dall Appaltatore in quantità sufficiente a soddisfare le esigenze di conferimento di rifiuti urbani di tutte le utenze domestiche e non domestiche. Pag. 15di51

16 3) I sacchi dovranno essere forniti annualmente in quantità tale da soddisfare le esigenze di conferimento di rifiuti urbani di tutte le utenze domestiche e non domestiche e con riferimento a tutte le frazioni merceologiche per le quali è previsto il loro utilizzo. 4) Le attrezzature indicate nell offerta dovranno essere effettivamente destinate all esecuzione dei servizi. Per l avvio dei nuovi servizi, l Appaltatore dovrà procedere alla fornitura delle attrezzature necessarie almeno trenta giorni prima dell avvio degli stessi. Ai fini delle consegne, l Appaltatore dovrà predisporrei kit di attrezzature pronti per l utilizzo da parte degli utenti. 5) La Stazione Appaltante si riserva la facoltà di verificare lo stato di decoro e di perfetta efficienza delle attrezzature. Nel caso di comprovata inidoneità delle stesse, ordinerà che siano eseguite tempestivamente, e comunque entro dieci giorni, le necessarie opere di manutenzione ordinaria e straordinaria o, se necessario, che si provveda alla loro sostituzione. L Appaltatore è tenuto a provvedervi senza alcun riferimento alla durata dell ammortamento. 6) I contenitori per la raccolta dei rifiuti urbani, depositati all aperto e esposti agli agenti atmosferici, dovranno avere caratteristiche tali da: favorire e agevolare il conferimento delle varie frazioni di rifiuti differenziati da parte degli utenti; evitare la fuoriuscita e la dispersione dei rifiuti in essi depositati, sia a causa di oggetti taglienti e/o acuminati, sia a causa di eventi di natura eolica o a seguito dell azione di animali randagi; evitare l infiltrazione al loro interno di acque meteoriche; contenere eventuali liquami che possono generarsi dal percolare dei rifiuti di natura organica; favorire le operazioni di movimentazione, anche manuale, e svuotamento meccanizzate; agevolare le operazioni di lavaggio e igienizzazione, sia degli stessi contenitori, sia del luogo in cui sono posizionati. 7) In considerazione dei criteri di cui al precedente comma, i contenitori dovranno: essere realizzati con materiali idonei a sopportare le sollecitazioni fisico meccaniche e chimiche derivanti dalle operazioni di riempimento, movimentazione, lavaggio e svuotamento; essere a tenuta e muniti di idoneo coperchio; devono avere superfici interne lisce e con spigoli arrotondati, essere dotati di tutti gli accorgimenti che ne permettano la movimentazione manuale, e lo svuotamento meccanizzato relativamente ai contenitori di capacità superiore o uguale a 80 lt; recare un codice identificativo alfanumerico stampato a caldo sui medesimi; essere dotati di: I. idonea segnaletica stradale catarifrangente sugli spigoli per contenitori di capacità superiore o uguale a 80 lt; II. appositi cartelli adesivi o serigrafie indicanti il tipo di rifiuto che vi si potrà introdurre, i segni distintivi della Stazione Appaltante e altre informazioni da questa fornite. 8) L Appaltatore è tenuto a rimuovere, a sua cura e spese, i contenitori attualmente dislocati sul territorio e non più funzionali ai servizi oggetto del presente contratto e a depositarli presso il sito indicato dalla Stazione Appaltante nel territorio comunale. I relativi costi di stoccaggio e smaltimento sono a carico della Stazione Appaltante. 9) Ai fini della consegna agli utenti delle attrezzature, l Appaltatore dovrà eseguire approfondite indagini territoriali preventive. Le finalità da perseguire con le indagini territoriali sono: individuazione delle utenze domestiche e non domestiche da servire; dimensionamento delle volumetrie dei contenitori da consegnare alle singole utenze sulla base delle caratteristiche specifiche di ciascuna; Pag. 16di51

17 indagare la presenza di aree private idonee al posizionamento dei contenitori condominiali o delle utenze non domestiche; individuazione dei referenti delle utenze domestiche e non domestiche per la successiva consegna dei contenitori. L Appaltatore dovrà valutare le istanze degli utenti circa il dimensionamento volumetrico delle dotazioni, previa concertazione con il Comune. In esito alle indagini territoriali, dovranno essere compilate le schede di consegna recanti i recapiti dei destinatari e la tipologia di contenitori e di attrezzature da consegnare nonché l indicazione dei luoghi dove collocare contenitori e attrezzature. I contenuti del modello di scheda di consegna dovranno essere concordati con il Comune prima dell avvio delle indagini territoriali. Le schede di consegna dovranno essere compilate e sottoscritte dall utente destinatario e dall addetto alla consegna. Nelle schede di consegna, dovranno essere riportati anche i codici alfanumerici dei contenitori, che dovranno venire associati al codice fiscale (nel caso di utenza domestica) o partita IVA o codice fiscale (nel caso di utenza non domestica) degli utenti destinatari. Utenze domestiche non potranno avere contenitori in comune con utenze non domestiche. I dati delle schede dovranno essere dall Appaltatore inseriti in un archivio elettronico che indicherà almeno i seguenti dati abbinati: nominativo, categoria di utenza (domestica/non domestica) e codice fiscale/partita IVA dell utente, indirizzo, quantità e tipologia delle attrezzature consegnate. Il predetto archivio dovrà essere consegnato al Comune e tenuto costantemente aggiornato con le successive movimentazioni di contenitori per tutta la durata del contratto. 10) Prima delle consegne e nel corso delle stesse, l Appaltatore dovrà curare particolarmente i rapporti con i vari portatori di interessi (proprietari degli immobili, amministratori di condominio, referenti da questi delegati, associazioni delle utenze non domestiche, associazioni civili, ecc.). Destinatari degli incontri di concertazione saranno almeno: amministratori comunali, amministratori di condominio, associazioni di categoria (delle utenze non domestiche), associazioni civili. 11) L Appaltatore dovrà eseguire la consegna di tutti i contenitori (a titolo esemplificativo, cassonetti, sacchi, mastelli e contenitori di varia volumetria e tipologia) presso le utenze per le quali sarà prevista la raccolta domiciliare e la raccolta di prossimità. L Appaltatore sarà altresì tenuto a distribuire sul territorio i contenitori per la raccolta stradale (ove prevista). 12) La consegna e la distribuzione dei predetti contenitori sul territorio dovrà avvenire entro i tempi di attivazione dei servizi indicati all art. 2, secondo comma. L Appaltatore fornirà ogni settimana alla Stazione Appaltante la rendicontazione (in formato.xls) delle consegne eseguite in ciascun giorno. 13) L Appaltatore, coordinandosi con la Stazione Appaltante, nella fase di avvio del servizio di raccolta domiciliare, dovrà rimodulare lo stesso, per le utenze per le quali sarà riconosciuta l effettiva necessità, sostituendo le volumetrie e cambiando le frequenze. 14) Ai fini della raccolta domiciliare, i contenitori dovranno essere posizionati in aree pertinenziali private, esterne ai fabbricati, al fine di favorire le operazioni di conferimento dei rifiuti, la movimentazione dei medesimi contenitori. Su espressa dichiarazione del proprietario dell immobile o dell amministratore condominiale, l Appaltatore potrà essere autorizzato all accesso all immobile stesso per il prelievo diretto dei rifiuti dal medesimo. Tale prestazione non costituisce oggetto del presente contratto. 15) In ogni caso, il posizionamento dei contenitori non dovrà costituire intralcio o ostacolo al passaggio, nelle suddette aree pertinenziali dei fabbricati, al normale accesso al suolo pubblico o a altre aree private, nonché alla viabilità in genere. I contenitori non potranno essere posizionati a ridosso dei muri perimetrali degli edifici sui quali sono presenti, a livello di piano terra e/o di piano rialzato, ingressi, porte, finestre, punti di ventilazione e balconi di civili abitazioni e/o di attività produttive, con particolare riferimento a attività alimentari e farmacie. Pag. 17di51

18 16) L utente, quale produttore dei rifiuti, ai sensi dell articolo 183, comma 1, lettera f), del D.Lgs. 152/06, sarà proprietario e responsabile degli stessi sino al momento della loro esposizione su strada finalizzata alla raccolta e, in quanto tale, gli è imposto l onere del deposito temporaneo nel luogo in cui i rifiuti saranno stati prodotti (ossia nelle proprie abitazioni o in aree private esterne non soggette a uso pubblico di pertinenza delle medesime, se trattasi di utenze domestiche, ovvero negli altri locali o in aree private esterne non soggette a uso pubblico di pertinenza dei medesimi, se trattasi di utenze non domestiche). La possibilità di deposito temporaneo sul suolo pubblico, o su aree private soggette a uso pubblico, di rifiuti prodotti da soggetti privati, sarà riservata alle sole ipotesi in cui lo spazio privato dell utenza produttrice risulterà inesistente o inidoneo, nel rispetto di quanto previsto dal comma precedente. 17) Nei casi in cui, sulla base di apposita valutazione della Stazione Appaltante, risultasse impossibile il rispetto dei succitati criteri di internalizzazione dei contenitori, i medesimi potranno essere posizionati sul suolo pubblico, previa autorizzazione della Stazione Appaltante stessa, riservando il loro utilizzo esclusivamente alle utenze a cui sono espressamente dedicati (con dotazione a cura e spese dell Appaltatore di sistemi di chiusura dei contenitori). 18) L Appaltatore dovrà curare, a proprie spese, la manutenzione di tutte le attrezzature per lo svolgimento dei servizi (a titolo esemplificativo, cassonetti, mastelli e contenitori di varia volumetria e tipologia). Ove le predette attrezzature fossero deteriorate e non più funzionali al servizio, l Appaltatore, a sue spese, le dovrà sostituire con attrezzature aventi caratteristiche simili. 19) I criteri generali di attribuzione dei contenitori alle utenze domestiche e alle utenze non domestiche per i servizi di raccolta domiciliare sono indicati rispettivamente negli Allegati 5 e 6. 20) Le caratteristiche tecniche delle attrezzature sono indicate nell Allegato 7. 21) Alla scadenza del contratto, tutti i contenitori (cassonetti, sacchi, mastelli, ecc.) forniti dall Appaltatore resteranno di proprietà della Stazione Appaltante, senza alcun riferimento al periodo di ammortamento e senza pretese di risarcimenti, indennizzi e maggiori compensi di qualunque natura. Art. 21 Condizioni della rete stradale e condizioni meteo I servizi dovranno essere eseguiti con cura e puntualità indipendentemente dalle condizioni della rete viaria, sia sulle strade asfaltate sia su quelle non asfaltate, purché percorribili. Qualora non fosse possibile la percorrenza in sicurezza, dovrà essere immediatamente informata la stazione appaltante. Non costituiranno giustificazione per ritardi nell esecuzione dei servizi o per la richiesta di maggiori compensi o indennizzi cambiamenti di percorso dei veicoli per lavori sulla rete stradale o per altro motivo. Non costituiranno giustificazioni per ritardi o per la mancata esecuzione dei servizi le avverse condizioni meteorologiche, fatti salvi i casi di forza maggiore e di oggettive condizioni di pericolo per il personale addetto ai servizi o per i veicoli dell Appaltatore, opportunamente e adeguatamente documentati. Art. 22 Personale, norme generali 1. L Appaltatore è obbligato: a) al rispetto, per il personale, della normativa in materia di lavoro, di previdenza, di assistenza, di sicurezza, di tutela della salute, di prevenzione dei rischi e degli infortuni; Pag. 18di51

19 b) ad applicare al personale tutte le disposizioni contenute nei contratti collettivi nazionali del settore in cui rientrano i servizi del presente contratto (IGIENE AMBIENTALE), anche se l Appaltatore non avrà aderito alle associazioni di categoria stipulanti o avrà receduto da esse o se il personale non avrà aderito alle associazioni sindacali stipulanti o avrà receduto da esse. Si evidenzia che l Appaltatore è obbligato all assunzione del personale attualmente in forza presso i precedenti appaltatori (passaggio di gestione) nel rispetto di quanto disposto in materia nei contratti collettivi nazionali del settore in cui rientrano i servizi del presente contratto (IGIENE AMBIENTALE). L inosservanza di tale obbligo legittimerà l Amministrazione alla risoluzione immediata del contratto senza che l Appaltatore possa avanzare pretese di risarcimento di danni o di indennizzi. E fatta salva ogni azione di rivalsa promossa nei confronti dell Appaltatore dal personale. Il personale soggetto al passaggio di gestione sarà indicato come previsto nel bando; c) ad osservare e a far osservare al personale le norme che interverranno durante la durata del contratto, ivi comprese quelle comunali, con particolare riferimento alle materie della gestione dei rifiuti, dell igiene e della salute pubblica e del decoro urbano, aventi relazione con i servizi oggetto del contratto. Art. 23 Personale e norme tecnico organizzative L Appaltatore è tenuto a: a) disporre di personale idoneo e sufficiente, per quantità e qualifica, per la regolare esecuzione dei servizi e per l esatto adempimento di tutte le obbligazioni assunte. In sede di offerta, i concorrenti dovranno indicare, per ciascun servizio, il numero degli addetti previsti e la relativa qualifica. Il personale indicato in sede di offerta dovrà essere effettivamente impiegato nell esecuzione del contratto; b) garantire la regolare e corretta esecuzione del servizio indipendentemente da ferie, malattia, infortuni o altro. Eventuali carenze o indisponibilità del personale non giustificheranno la mancata corretta e regolare esecuzione dei servizi; pertanto, qualora l Appaltatore dovesse ricorrere all impiego di personale assunto a termine, ciò non dovrà comportare oneri aggiuntivi per la Stazione Appaltante; c) trasmettere alla Stazione Appaltante, nei cinque giorni antecedenti la sottoscrizione del contratto: 1. le posizioni assicurative del personale; 2. copia delle denunce alle ASL territorialmente competenti, prescritte dalla normativa in materia di prevenzione degli infortuni e di igiene del lavoro. d) dotare il proprio personale di apposita divisa recante il logo e la dicitura permanenti di riconoscimento concordati con la Stazione Appaltante. Art. 24 Reperibilità del personale Per far fronte a eventuali emergenze o a necessità che richiedessero un intervento d urgenza, l Appaltatore è tenuto a disporre di un servizio di pronto intervento dotato di personale reperibile ventiquattro ore al giorno, compresi i giorni festivi. Entro un massimo di due ore dalla chiamata della Stazione Appaltante, l Appaltatore dovrà mettere a disposizione una squadra operativa, composta di personale in numero adeguato e addetto a mansioni conformi all entità e alle caratteristiche delle specifiche prestazioni che, di volta in volta, dovranno essere eseguite, che interverrà, con le attrezzature e i mezzi necessari per le esigenze di cui al comma 1. Pag. 19di51

20 L Appaltatore dovrà fornire alla Stazione Appaltante un recapito telefonico fisso o mobile, al quale rivolgere la richiesta di intervento, impegnandosi a comunicare le eventuali variazioni del numero. Art. 25 Stipulazione del contratto e spese contrattuali Il contratto sarà stipulato nel rispetto del termine di stand still, nelle modalità previste dall art. 11, comma 13, D. Lgs. 163/06. Tutte le spese inerenti o conseguenti la stipulazione del contratto saranno a totale ed esclusivo carico dell Appaltatore. Art. 26 Corrispettivo contrattuale Per l esecuzione dei servizi, la Stazione Appaltante corrisponderà all Appaltatore il corrispettivo risultante dall importo dell offerta economica oggetto di aggiudicazione. Il corrispettivo si intende remunerativo di tutte le obbligazioni contrattuali, ivi comprese le quote di ammortamento degli investimenti per l acquisizione delle attrezzature e dei mezzi e la realizzazione delle opere necessarie all esecuzione del servizio. Il canone sarà erogato in rate mensili posticipate entro il sessantesimo giorno successivo alla presentazione di regolare fattura con emissione di mandato di pagamento da parte del Settore Finanziario. I pagamenti saranno disposti previo accertamento da parte del direttore dell esecuzione, confermato dal responsabile del procedimento, della prestazione effettuata, in termini di quantità e qualità, rispetto alle prescrizioni previste nei documenti contrattuali. I resoconti e le relazioni presentate dall Appaltatore ai sensi dell art. 13 costituiranno un elemento essenziale per le valutazioni della Stazione Appaltante in merito alla liquidazione delle fatture emesse dall Appaltatore. Per eventuali ritardi nel pagamento, saranno applicati gli interessi al saggio legale ai sensi del D.lgs. 9 ottobre 2002, n La Stazione Appaltante non pagherà quei servizi che, da indagini e ricerche effettuate dallo stesso, risultassero non eseguiti. L Appaltatore si impegna a presentare, entro il trenta settembre di ogni anno, il piano economico finanziario della gestione dei servizi, dettagliando le voci di costo indicate dal D.P.R. 27 aprile 1999, n.158 o da future norme vigenti in materia di tariffa per la gestione dei rifiuti urbani. L Appaltatore si assume gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui alla Legge 13 agosto 2010, n Qualora le transazioni siano state eseguite senza avvalersi di banche o della società Poste Italiane S.p.A., il contratto è risolto di diritto automaticamente. La Stazione Appaltante verifica che nei contratti sottoscritti dall Appaltatore con i subappaltatori e i subcontraenti della filiera delle imprese a qualsiasi titolo interessate ai lavori, ai servizi e alle forniture di cui all art. 3, comma 1, della L. 136/10 e sia inserita, a pena di nullità assoluta, un apposita clausola con la quale ciascuno di essi assume gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui alla medesima L.136/10. Art. 27 Invariabilità del corrispettivo e revisione Il corrispettivo di cui al precedente articolo resterà fisso e invariabile. Pag. 20di51

Comune di Piglio Provincia di Frosinone

Comune di Piglio Provincia di Frosinone Il Respopnsabile del servizio: Arch. Giuseppe GRAZIANI Data 07/03/2014 ESTREMI atto di indirizzo e di approvazione: Deliberazione G.M. n 12 del 07/03/2014 Determinazione n 154 del 03/04/2014 Capitolato

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

Comune di Castel Gandolfo Capitolato Speciale d Appalto pag.1

Comune di Castel Gandolfo Capitolato Speciale d Appalto pag.1 Capitolato Speciale d Appalto dei servizi di raccolta differenziata e trasporto dei rifiuti urbani, servizi di nettezza urbana, servizi di informazione PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI... Art. 1 Oggetto dell

Dettagli

Città di Portici Provincia di Napoli

Città di Portici Provincia di Napoli CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEGLI OLII ESAUSTI DI ORIGINE DOMESTICA CLASSIFICATI CON IL C.E.R. 20.01.25 (OLI E GRASSI COMMESTIBILI) ART. 1 NATURA E OGGETTO DEL SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani COMUNE DI SERMONETA Provincia di Latina Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Approvato con deliberazione CC. n. 33 del 16/12/2013 Regolamento

Dettagli

COMUNE DI VITERBO. Affidamento dei servizi di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani e servizi di igiene urbana CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

COMUNE DI VITERBO. Affidamento dei servizi di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani e servizi di igiene urbana CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI VITERBO Affidamento dei servizi di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani e servizi di igiene urbana CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Comune di Viterbo - Capitolato Speciale d Appalto 1 Indice

Dettagli

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1(

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( )2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( ART.1 OGGETTO Il presente appalto ha ad oggetto il servizio di somministrazione di lavoratori a termine,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ALLEGATO A alla Delibera del Consiglio Comunale n. 37 del 28/12/2015 COMUNE DI SCORRANO. (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Eguaglianza

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Centro di costo Gabinetto CAPITOLATO TECNICO

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Centro di costo Gabinetto CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI IN USO AL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI PRESSO LA SEDE DI VIA VITTORIO VENETO N.

Dettagli

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI 1 CONTRATTO PER APPALTO DEI SERVIZI DI PULIZIA TRA Il Condominio

Dettagli

ALLEGATO A/4 (DESCRIZIONE OPERAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO)

ALLEGATO A/4 (DESCRIZIONE OPERAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO) PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA, DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE, PORTIERATO, FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO, PER UFFICI E SERVIZI PROVINCIALI CIG: 4178959A0D ALLEGATO A/4

Dettagli

COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE Piazza Indipendenza n. 2 - C.A.P. 33040 Tel. 0431-99092 Fax 0431-973707 e-mail: tecnico@com-campolongo-tapogliano.regione.fvg.it - Cod.Fisc. - P.IVA 02551830306

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS.

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. 192/05, D.LGS. 311/06) Approvato con delibera di C.C. n.

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ANTINCENDIO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO V.

CAPITOLATO TECNICO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ANTINCENDIO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO V. ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ANTINCENDIO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO V. CERVELLO 1 ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO PAG. 3 ART. 2PRESCRIZIONI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO Art. 1 OGGETTO DELL INCARICO Il presente capitolato disciplina l'incarico inerente il servizio professionale di

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI Capitolato speciale d Appalto per il servizio di manutenzione da effettuarsi mediante somministrazione - di tutti gli estintori

Dettagli

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA AVVISO ESPLORATIVO Oggetto: Fornitura di energia elettrica e servizi connessi per sessantacinque utenze intestate all EFS. - Importo complessivo annuo stimato 37.000,00 oltre iva di legge. - Procedura

Dettagli

D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione del rischio per l eliminazione delle interferenze.

D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione del rischio per l eliminazione delle interferenze. SERVIZIO LAVORI PUBBLICI SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA SUL TERRITORIO COMUNALE 2013-2018 D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione del rischio per l eliminazione

Dettagli

Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto

Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto SCHEMA di Contratto d'appalto tipo CONTRATTO D APPALTO TRA Il sig. nato a il e residente a C.F. in seguito denominato

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO CONTRATTO DI APPALTO PRIVATO PER OPERE RELATIVE A IMMOBILI CIVILI Tra... d ora in avanti denominato il committente residente in. C.F... P. IVA - da una parte e.. d ora in avanti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13.03.2003 con deliberazione n 9 2 CAPITOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO INCARICO DI ESPLETAMENTO DEGLI ADEMPIMENTI OBBLIGATORI CONNESSI ALLA GESTIONE DEL PERSONALE E DEI COLLABORATORI PER IL PERIODO 1/1/2012-31/12/2013 CIG Z990278489 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 -

Dettagli

Rio Marina AVVISO PUBBLICO

Rio Marina AVVISO PUBBLICO Rio Marina Comune elbano AVVISO PUBBLICO OGGETTO : Avviso di gara di licitazione privata per l affidamento del servizio di assistenza domiciliare agli anziani non autosufficienti. Si rende noto che con

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

COMUNE DI GOLFO ARANCI PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Affidamento dell incarico esterno di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) anni 2015 2016 ai sensi dell art. 81 del D.Lgs. 81/2008. CIG ZDC1420648 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Art.

Dettagli

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI Obiettivo dell Accordo di Programma per la gestione dei rifiuti inerti

Dettagli

Allegato B. Spett. le. Via Cap - Città

Allegato B. Spett. le. Via Cap - Città Prot. n. Cagliari, Spett. le Via Cap - Città OGGETTO: Procedura di affidamento diretto del servizio in economia inerente all imputazione sul SIL Sardegna dei dati relativi allo stato di attuazione degli

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 20/05/2015) Art. 1 Individuazione dei locali L Amministrazione Comunale,

Dettagli

Numero CIG 59174523DE RISPOSTA A RICHIESTA DI INFORMAZIONI COMPLEMENTARI N. 2

Numero CIG 59174523DE RISPOSTA A RICHIESTA DI INFORMAZIONI COMPLEMENTARI N. 2 Procedura aperta per l affidamento di gas naturale per il periodo 01.01.2015 31.12.2015. Autorizzata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 22.07.2014. Numero CIG 59174523DE RISPOSTA A RICHIESTA

Dettagli

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA Contratto n. /2012 FORNITURA BUONI PASTO L anno 2012, il giorno del mese di, TRA.. con sede legale in vi., partita IVA, in persona del legale rappresentante., in seguito denominata Committente E con sede

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CIG 50773444D0 OGGETTO DELL'INCARICO L affidamento ha per oggetto lo svolgimento del servizio di brokeraggio assicurativo professionale,

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO DELL INCARICO

Art. 1 - OGGETTO DELL INCARICO CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO DELL AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI DELLA PROVINCIA DI TRENTO Art. 1 - OGGETTO DELL INCARICO Il servizio ha per

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTAL ALLEGATO 4 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO PER ANNI 3 DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE E DEI SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE E DEI SERVIZI CONNESSI ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE E DEI SERVIZI CONNESSI INDICE: 1. DEFINIZIONI... 3 2. OGGETTO DELL APPALTO... 4 3. CONSUMI STIMATI DI GAS NATURALE... 4 4. ATTIVAZIONE DELLA

Dettagli

La Carta dei Servizi

La Carta dei Servizi La Carta dei Servizi - Allegato B - DETTAGLIO SULLE STRUTTURE E I SERVIZI FORNITI Le principali attività garantite da ACEA sono: la raccolta stradale per eco-punti; le raccolte domiciliari; il lavaggio

Dettagli

CONTRATTO PER GLI INTERVENTI MIRATI AL RISPARMIO ENERGETICO PRESSO LA REGGIA DI VENARIA REALE FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI A

CONTRATTO PER GLI INTERVENTI MIRATI AL RISPARMIO ENERGETICO PRESSO LA REGGIA DI VENARIA REALE FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI A CONTRATTO PER GLI INTERVENTI MIRATI AL RISPARMIO ENERGETICO PRESSO LA REGGIA DI VENARIA REALE FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI A BASSO CONSUMO PER LE SCUDERIE JUVARIANE CODICE C.I.G... - CUP.. Importo netto:

Dettagli

Schema di disciplinare di incarico professionale-------------------------------------------------

Schema di disciplinare di incarico professionale------------------------------------------------- PROT. N.. del. Schema di disciplinare di incarico professionale------------------------------------------------- Disciplinare di incarico professionale per Redazione progetto definitivo, progetto esecutivo,

Dettagli

Art. 1. Definizioni. Art. 2. Ente Aggiudicatore.

Art. 1. Definizioni. Art. 2. Ente Aggiudicatore. CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI AUTORIMESSA PROVINCIALE RELATIVI AL TRASPORTO DI FUNZIONARI E AMMINISTRATORI PROVINCIALI PER IL PERIODO DAL 1 AGOSTO 2007 AL 31 DICEMBRE 2012

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale COMUNE DI PIANO DI SORRENTO Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 152 del 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni, DM 08

Dettagli

Servizio di raccolta, trasporto e recupero di indumenti, scarpe ed accessori usati, di provenienza domestica

Servizio di raccolta, trasporto e recupero di indumenti, scarpe ed accessori usati, di provenienza domestica COMUNE DI PUTIFIGARI PROVINCIA DI SASSARI P.zza Boyl n 6/8-07040 PUTIFIGARI (SS) Telefono 079905023 Telefax 079905010 e-mail: utc.putifigari@tiscali.it DISCIPLINARE DI GARA PER Servizio di raccolta, trasporto

Dettagli

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE. Allegato allo schema di convenzione per la gestione del

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE. Allegato allo schema di convenzione per la gestione del AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE C.D.A N. 10 IN DATA 15.04.2016 Allegato allo schema di convenzione per la gestione del Servizio di

Dettagli

COMUNE DI MISSAGLIA PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI MISSAGLIA PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI MISSAGLIA PROVINCIA DI LECCO ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 151 del 27/12/2012 OGGETTO: APPALTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI,

Dettagli

3529,1&,$',%5,1',6, $57 2JJHWWRGHOO DSSDOWR

3529,1&,$',%5,1',6, $57 2JJHWWRGHOO DSSDOWR $OOHJDWR³* DOOD'HWHUPLQD]LRQHQƒGHO 3529,1&,$',%5,1',6, &$3,72/$7263(&,$/(' $33$/72 2JJHWWRGHOO DSSDOWR L appalto ha per oggetto i lavori di manutenzione ordinaria, pronto intervento e interventi straordinari

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza Rep. N. in data Contratto di appalto per lavori relativi ad interventi di adeguamento alle norme di prevenzione incendi e potenziamento uscite di sicurezza della

Dettagli

Consiglio Regionale del Piemonte

Consiglio Regionale del Piemonte ALLEGATO N. 02 Consiglio Regionale del Piemonte CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO SERVIZIO CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER L ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI VIA PIFFETTI, 49 10143 TORINO. Periodo:

Dettagli

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE INDICE Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 30 aprile 2015 CAPO I

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE DELLA TOSCANA

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE DELLA TOSCANA CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE DELLA TOSCANA BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEI VEICOLI DEL COMITATO REGIONALE CRI DELLA TOSCANA CIG: 28951999C9

Dettagli

APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA A SOGGETTI DISABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI MORROVALLE (MC) (CIG N 5238342092)

APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA A SOGGETTI DISABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI MORROVALLE (MC) (CIG N 5238342092) MORROVALLE SERVIZI S.R.L. APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA A SOGGETTI DISABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI MORROVALLE (MC) (CIG N 5238342092) Art. 20 Allegato IIB D.lgs. n 163/2006

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEL COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI SECONDO REPARTO- SESTA DIVISIONE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEL COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI SECONDO REPARTO- SESTA DIVISIONE MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEL COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI SECONDO REPARTO- SESTA DIVISIONE CONDIZIONI TECNICHE PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Città di Marigliano Comune di Marigliano Provincia di Napoli DETERMINAZIONE SETTORE III RESPONSABILE DEL SETTORE III: ing. A. Ciccarelli Registro Generale n. 1689 del 29.12.2014 Registro Settore n. 25

Dettagli

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO 1. OGGETTO: Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO Nell ambito dell Accordo Quadro ANCI-CONAI, siglato il 01/04/2014 il presente Allegato Tecnico definisce le modalità di gestione dei

Dettagli

1 - OGGETTO DELL APPALTO

1 - OGGETTO DELL APPALTO CAPITOLATO TECNICO Art. 1 - OGGETTO DELL APPALTO L Appalto ha ad oggetto il servizio di noleggio di bagni chimici, occorrenti ad AMA S.p.A. durante eventi pubblici quali feste, manifestazioni culturali,

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE DI EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA CONTRATTO DI APPALTO

AZIENDA TERRITORIALE DI EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA CONTRATTO DI APPALTO AZIENDA TERRITORIALE DI EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA CONTRATTO DI APPALTO mediante scrittura privata per l affidamento del servizio triennale di brokeraggio assicurativo a favore dell

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA Servizio di manutenzione di tutti gli estintori installati presso gli Uffici Comunali. Questa Amministrazione

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. OGGETTO: Affidamento del servizio di. all' IMPRESA: (DENOMINAZIONE E CODICE FISCALE / P.IVA)

SCHEMA DI CONTRATTO. OGGETTO: Affidamento del servizio di. all' IMPRESA: (DENOMINAZIONE E CODICE FISCALE / P.IVA) SCHEMA DI CONTRATTO OGGETTO: Affidamento del servizio di. all' IMPRESA: (DENOMINAZIONE E CODICE FISCALE / P.IVA) L anno DUEMILA... il giorno del mese di in una sala del Comune di Trieste. Premesso che:

Dettagli

COMUNE DI ORZINUOVI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI RIMOZIONE COATTA DEI VEICOLI. Provincia di Brescia

COMUNE DI ORZINUOVI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI RIMOZIONE COATTA DEI VEICOLI. Provincia di Brescia COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI RIMOZIONE COATTA DEI VEICOLI Adottato con delibera del Consiglio Comunale n. 13 del 22/02/2010 Art. 1 OGGETTO DEL DISCIPLINARE Il presente

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER IL SERVIZIO DI: NOLEGGIO CON MANUTENZIONE IGIENICO SANITARIA CON COPERTURA DI ASSICURAZIONE

Dettagli

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O 1 di 5 S O M M A R I O 1 OBBLIGHI DITTA AGGIUDICATARIA... 2 1.1 GENERALITÀ... 2 1.2 OBBLIGHI IN FASE DI GARA... 2 1.3 OBBLIGHI DOPO L AGGIUDICAZIONE... 3 2 RISCHI INTERFERENTI... 4 3 FORMAZIONE OBBLIGATORIA...

Dettagli

COMUNE DI FABRO PROVINCIA DI TERNI Tel. 0763-831020 - Fax 0763-831120

COMUNE DI FABRO PROVINCIA DI TERNI Tel. 0763-831020 - Fax 0763-831120 COMUNE DI FABRO PROVINCIA DI TERNI Tel. 0763-831020 - Fax 0763-831120 CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL CENTRO SERVIZI TURISTICI DI FABRO L anno il giorno del mese di TRA Il/la Sig./sig.ra

Dettagli

CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI

CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI LAVORI DI Manutenzione della rete idrica e fognaria a servizio dell intero territorio

Dettagli

BANDO ANCI-COMIECO PER IL CONTRIBUTO ALL ACQUISTO DI ATTREZZATURE DESTINATE ALLO SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE

BANDO ANCI-COMIECO PER IL CONTRIBUTO ALL ACQUISTO DI ATTREZZATURE DESTINATE ALLO SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE BANDO ANCI-COMIECO PER IL CONTRIBUTO ALL ACQUISTO DI ATTREZZATURE DESTINATE ALLO SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE PREMESSA Il presente bando è definito con riferimento all accordo

Dettagli

La Carta dei Servizi è un documento

La Carta dei Servizi è un documento I PRINCIPI FONDAMENTALI Nell erogazione propri servizi AMA rispetta i seguenti principi conformi alla direttiva Ciampi del 27 gennaio 994: EGUAGLIANZA E IMPARZIALITÀ Garantire la parità di trattamento

Dettagli

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Pagina 1 di 5 1. PREMESSA Il presente documento è parte integrante della documentazione contrattuale viene allegato alla documentazione inviata agli offerenti in fase di selezione e deve essere firmata

Dettagli

COMUNE DI QUALIANO PROVINCIA DI NAPOLI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE

COMUNE DI QUALIANO PROVINCIA DI NAPOLI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE Art. 1 - OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto la manutenzione ordinaria e straordinaria dell impianto di illuminazione pubblica di tutto il territorio comunale, ivi compreso le linee elettriche

Dettagli

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3]

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] COMUNE DI AGLIANO TERME Provincia di Asti RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] 1 A. MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO (ART. 8 D.P.R. n.158/1999, comma 3, lettera

Dettagli

Amministrazione aggiudicatrice: Comuni di Bogliasco, Pieve Ligure e Sori (Provincia di Genova)

Amministrazione aggiudicatrice: Comuni di Bogliasco, Pieve Ligure e Sori (Provincia di Genova) COMUNI DI BOGLIASCO PIEVE LIGURE - SORI (Provincia di Genova) Amministrazione aggiudicatrice: Comuni di Bogliasco, Pieve Ligure e Sori (Provincia di Genova) Comuni associati ai sensi dell art. 30 del D.lgs.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SUB A 2 SETTORE: RAGIONERIA-FINANZA-PROVVEDITORATO CED SERVIZIO ECONOMATO-PROVVEDITORATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO DI MANUTENZIONE, VERIFICA E RICARICA DEL PARCO ESTINTORI INSTALLATI NEGLI

Dettagli

CITTÀ DI AFRAGOLA Regolamento per l istituzione della figura di Ispettore Ambientale Comunale volontario

CITTÀ DI AFRAGOLA Regolamento per l istituzione della figura di Ispettore Ambientale Comunale volontario Regolamento per l istituzione della figura di Ispettore Ambientale Comunale volontario (approvato con Delibera di Consiglio Comunale n [ ] del [ ]) Art. 1. Finalità 1. Il Comune di Afragola, in virtù proprie

Dettagli

COMUNE DI NANTO. Provincia di Vicenza. Prot. 5141 Del 21/08/2015

COMUNE DI NANTO. Provincia di Vicenza. Prot. 5141 Del 21/08/2015 COMUNE DI NANTO Provincia di Vicenza Via Mercato, 43 36024 Nanto - 0444639033 fax 0444639065 Pec: nanto.vi@cert.ip-veneto.net 80005950243 P.I. 00534620240 Riferimenti Ufficio Personale unico Comuni di

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO INFERMI IN EMERGENZA CON AMBULANZA DI TIPO A

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO INFERMI IN EMERGENZA CON AMBULANZA DI TIPO A CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO INFERMI IN EMERGENZA CON AMBULANZA DI TIPO A Articolo 1 - Oggetto del servizio Il presente appalto ha per oggetto l affidamento del

Dettagli

Ente appaltante Procedura aperta Oggetto dell appalto Codice Identificativo Gara 4582110CC7 Valore stimato dell appalto:

Ente appaltante Procedura aperta Oggetto dell appalto Codice Identificativo Gara 4582110CC7 Valore stimato dell appalto: COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE SERVIZI SOCIALI P.O. SERVIZI CIMITERIALI PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO FUNERALI A CARICO DEL COMUNE DI FIRENZE * * * BANDO DI GARA Ente appaltante: Comune

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE per l affidamento del Progetto Attività Motoria in acqua, Ginnastica Dolce e Posturale per Anziani

SCHEMA DI CONVENZIONE per l affidamento del Progetto Attività Motoria in acqua, Ginnastica Dolce e Posturale per Anziani Municipio Roma XIV Monte Mario U.O. Servizi Sociali ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONVENZIONE per l affidamento del Progetto Attività Motoria in acqua, Ginnastica Dolce e Posturale per Anziani Art. 1 Oggetto dell

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici CAPITOLATO SPECIALE Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ammonta ad. 10250 oltre IVA al

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA L Amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi della L.R. 7/2002 e successive modifiche ed

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Prot. n. 02/ALBO/CN 11 SETTEMBRE 2013 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 11 settembre 2013 Regolamento per la gestione telematica

Dettagli

Comune di MISANO DI GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regione Lombardia

Comune di MISANO DI GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regione Lombardia BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA = PREZZO PIU BASSO DETERMINATO MEDIANTE MASSIMO RIBASSO SULL IMPORTO DEI LAVORI APPALTO CON CORRISPETTIVO A CORPO = LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA IMPIANTI

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO VISTE e RICHIAMATE integralmente le proprie Ordinanza Sindacali n 213 del 13 novembre 2009 disciplinante il servizio di raccolta dei rifiuti urbani

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NELLE AREE DI COMPETENZA DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NELLE AREE DI COMPETENZA DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NELLE AREE DI COMPETENZA DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO Approvato con deliberazione dell Assemblea della Comunità n. 5 del 10.02.2014 1 REGOLAMENTO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Consorzio per lo Sviluppo Industriale della Provincia di Potenza Centro Direzionale Zona Industriale 85050 TITO SCALO (PZ) Tel.0971/659111 Fax 0971/485881 Sito internet: www.consorzioasipz.it E-mail: asi@consorzioasipz.it

Dettagli

OGGETTO: servizio di pulizia e sanificazione degli immobili di proprietà o pertinenza del Comune di Trieste periodo dal 1.06.2014 al 31.05.

OGGETTO: servizio di pulizia e sanificazione degli immobili di proprietà o pertinenza del Comune di Trieste periodo dal 1.06.2014 al 31.05. OGGETTO: servizio di pulizia e sanificazione degli immobili di proprietà o pertinenza del Comune di Trieste periodo dal 1.06.2014 al 31.05.2017 IMPRESA: (denominazione e codice fiscale) REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

cooperativa sociale... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito e assistenza al pubblico) per le sedi del Servizio;

cooperativa sociale... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito e assistenza al pubblico) per le sedi del Servizio; ALLEGATO A SCHEMA DI CONVENZIONE OGGETTO: Convenzione tra Il Comune di Trieste Servizio Biblioteche Civiche e la cooperativa sociale.... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito

Dettagli

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08).

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). ALLEGATO 4 al Capitolato DISCIPLINARE SICUREZZA STAMPANTI 1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). Oggetto: attività di noleggio

Dettagli

Consorzio Universitario della Provincia di Palermo

Consorzio Universitario della Provincia di Palermo Consorzio Universitario della Provincia di Palermo SCHEMA DI DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (RSPP), AI SENSI DEL D.L.vo

Dettagli

COMUNE DI GARLASCO Provincia di Pavia AREA TERRITORIO - UFFICIO ECOLOGIA

COMUNE DI GARLASCO Provincia di Pavia AREA TERRITORIO - UFFICIO ECOLOGIA COMUNE DI GARLASCO Provincia di Pavia AREA TERRITORIO - UFFICIO ECOLOGIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA Approvato con deliberazione di C.C. n. 28 del 22.05.2003 Art. 1 FINALITA

Dettagli

ELENCO REVISIONI DATA REV. PAG. OGGETTO DELLA MODIFICA. 09/07/2003 3 5 Aggiunta di categorie merceologiche

ELENCO REVISIONI DATA REV. PAG. OGGETTO DELLA MODIFICA. 09/07/2003 3 5 Aggiunta di categorie merceologiche QUA-06-PRD ALBO FORNITORI ELENCO REVISIONI DATA REV. PAG. OGGETTO DELLA MODIFICA 23/11/00 1 - Prima emissione 05/05/2003 2 - Adeguamento alla Normativa UNI EN ISO 9001: 2000 09/07/2003 3 5 Aggiunta di

Dettagli

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CONNESSI ALLA BALNEAZIONE SU SPIAGGE LIBERE IN CONCESSIONE AL MUNICIPIO XIII

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CONNESSI ALLA BALNEAZIONE SU SPIAGGE LIBERE IN CONCESSIONE AL MUNICIPIO XIII CONTRATTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CONNESSI ALLA BALNEAZIONE SU SPIAGGE LIBERE IN CONCESSIONE AL MUNICIPIO XIII Il giorno 2006, presso la sede della Direzione Unità Organizzativa Ambiente e Litorale

Dettagli

COMUNE DI RIVELLO. Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI RIVELLO.

COMUNE DI RIVELLO. Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI RIVELLO. COMUNE DI RIVELLO Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI RIVELLO. Approvato con deliberazione di C.C. n. 24/2013 INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

2 - Il carattere della mobilità dell attrezzatura non è escluso dalla circostanza che la medesima sia collegata al suolo in modo non precario.

2 - Il carattere della mobilità dell attrezzatura non è escluso dalla circostanza che la medesima sia collegata al suolo in modo non precario. 1 Regolamento per la concessione delle aree disponibili per l installazione dei Circhi, delle Attività dello spettacolo viaggiante e dei Parchi di divertimento. ART. 1 - SCOPO DEL REGOLAMENTO 1- Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Giunta Comunale n. 32 del 10.02.2011 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni:

Dettagli

COMUNE DI PALESTRINA

COMUNE DI PALESTRINA COMUNE DI PALESTRINA CAPITOLATO SPECIALE DI ONERI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA AI PORTATORI DI HANDICAP PRESSO LE SCUOLE DELL OBBLIGO NONCHE ASSISTENZA DOMICILIARE HANDICAPPATI E ANZIANI PRE SCUOLA E

Dettagli

Gelsia ambiente S.r.l. Soggetta a Direzione e Coordinamento di Gelsia Srl. Socio Unico Gelsia srl. Sede Sociale: Via Caravaggio26/a.

Gelsia ambiente S.r.l. Soggetta a Direzione e Coordinamento di Gelsia Srl. Socio Unico Gelsia srl. Sede Sociale: Via Caravaggio26/a. CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DELLA FORNITURA DI CARBURANTI (BENZINA VERDE E GASOLIO) PER LE AUTOVETTURE E AUTOMEZZI DI GELSIA SRL, AEB SPA E GELSIA AMBIENTE SRL TRAMITE CARTE MAGNETICHE Gelsia ambiente

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

COMUNE di FICARRA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE di FICARRA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE di FICARRA Provincia di Messina REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ECONOMATO ART.1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO 1. In applicazione del disposto del comma 7 dell art.3 del D.Lgs. 25 febbraio 1995,

Dettagli

Codice di comportamento delle carrozzerie

Codice di comportamento delle carrozzerie Codice di comportamento delle carrozzerie Articolo 1 Finalità 1. Il presente Codice di comportamento contiene norme finalizzate a qualificare le imprese che esercitano attività di carrozzeria secondo principi

Dettagli

INFORMARIFIUTI MAGGIO

INFORMARIFIUTI MAGGIO PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE AMBIENTE INFORMARIFIUTI MAGGIO 2008 Circolare per le amministrazioni locali su tutto quanto fa rifiuto SOMMARIO Nuovo decreto CENTRI DI RACCOLTA Produzione rifiuti urbani -

Dettagli

CITTA DI SAN DONATO MILANESE

CITTA DI SAN DONATO MILANESE CITTA DI SAN DONATO MILANESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DELL IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del

Dettagli

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER UN SERVIZIO DI TRATTAMENTO FINALIZZATO AL RECUPERO DI R.U. - R.D

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER UN SERVIZIO DI TRATTAMENTO FINALIZZATO AL RECUPERO DI R.U. - R.D 1 MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER UN SERVIZIO DI TRATTAMENTO FINALIZZATO AL RECUPERO DI R.U. - R.D. E DI UN SERVIZIO DI SMALTIMENTO SOVVALLI CONFERITI DALL ASIA NAPOLI SPA Disciplinare tecnico 2 1. Principi

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA

TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA ARTICOLO DI RIFERIMENTO FATTISPECIE VIOLAZIONE SANZIONE MINIMO EDITTALE 1.1 Nelle

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Indice Art. 1 Servizio di Economato Art. 2 Economo Comunale Art. 3 Funzioni del Servizio di Economato Art. 4 Indennità

Dettagli