Piano di Gestione del Centro Storico di Pienza Patrimonio Mondiale dell Umanità dal 1996

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di Gestione del Centro Storico di Pienza Patrimonio Mondiale dell Umanità dal 1996"

Transcript

1 Piano di Gestione del Centro Storico di Pienza Patrimonio Mondiale dell Umanità dal 1996 Pienza, 5 giugno 2013 Comitato di Pilotaggio Piano di Gestione Paola Venturi, architetto paesaggista Il Piano di Gestione: Monitoraggio e Aggiornamento 2011

2 Il Piano di Gestione del sito UNESCO è strumento flessibile e dinamico in grado di documentare il valore eccezionale del bene, di individuare strategie di tutela e valorizzazione, di identificare le opportunità per lo sviluppo locale e per la crescita della comunità, di garantirne la trasmissione alle future generazioni.

3 Criteri di selezione World Heritage Centre: I) Rappresentare un capolavoro del genio creativo umano II) Testimoniare un cambiamento culturale considerevole in un dato periodo in campo archeologico, architettonico, tecnologico, artistico, paesaggistico IV) Offrire un esempio eminente di un tipo di costruzione architettonica o del paesaggio o tecnologico illustrante un periodo della storia umana

4 Il sito UNESCO comprende il Centro Storico di Pienza racchiuso dalle mura all interno del quale oltre 40 tra edifici, giardini storici e singoli manufatti sono sottoposti al vincolo del Codice dei Beni Culturali D.Lgs 42/2004

5 Il patrimonio delle risorse di interesse storico architettonico e culturale si relaziona con i caratteri del paesaggio circostante della Val d Orcia, inclusa nella lista del Patrimonio Mondiale dell Umanità dal 2004 Il Piano di Gestione individua linee di indirizzo volte alla tutela ed alla conservazione dei caratteri architettonici ed urbanistici verso una strategia di valorizzazione delle peculiarità e delle connessioni paesaggistiche con l intorno

6 L elaborazione del Piano di Gestione 2005 ha coinciso con i festeggiamenti per il VI centenario della nascita di Pio II, il Papa umanista Numerose manifestazioni culturali si sono succedute riproponendo la centralità dell Umanesimo in sinergia con la dichiarazione di valore della Commissione UNESCO

7 TUTELA Il Piano di Gestione 2005 individua cinque linee di indirizzo: TUTELA DEL SITO - conservazione beni storico-architettonici, caratteri tipologici, qualità dei materiali e finiture dell edificato del centro storico RICERCA E VALORIZZAZIONE DEI CARATTERI UMANISTICI - creazione di un circuito culturale per la valorizzazione degli aspetti legati alla concezione umanistico-rinascimentale della città VALORIZZAZIONE DELLA DIMENSIONE SOCIALE E D USO DEL CENTRO STORICO ricomposizione del sistema cultura-artigianato-commercio e relazioni col territorio RECUPERO DEI CARATTERI ARCHITETTONICI E PAESAGGISTICI PECULIARI DEL SITO mantenere relazioni architettoniche e culturali con il tessuto urbano del centro storico VALORIZZAZIONE TURISTICA E ATTIVITÀ SOCIO-ECONOMICHE COMPATIBILI COL SITO favorire l incremento del turismo sostenibile rispettoso delle fragilità e delle potenzialità del sito DEL SITO RICERCA E VALORIZZAZIONE DEI CARATTERI UMANISTICI VALORIZZAZIONE DELLA DIMENSIONE SOCIALE E D USO DEL CENTRO STORICO RECUPERO DEI CARATTERI ARCHITETTONICI E PAESAGGISTICI PECULIARI DEL SITO VALORIZZAZIONE TURISTICA E ATTIVITÀ SOCIO-ECONOMICHE COMPATIBILI COL SITO

8 MONITORAGGIO Interventi attivati in relazione al Piano di Gestione 2005

9 Piano di Gestione del Centro Storico di Pienza Patrimonio Mondiale dell Umanità MONITORAGGIO Interventi attivati in relazione al Piano di Gestione 2005

10 MONITORAGGIO Interventi attivati in relazione al Piano di Gestione 2005

11 Piano di Gestione del Centro Storico di Pienza Patrimonio Mondiale dell Umanità MONITORAGGIO Interventi attivati in relazione al Piano di Gestione 2005

12 MONITORAGGIO Interventi attivati in relazione al Piano di Gestione 2005

13 L aggiornamento del Piano di Gestione è l occasione per un momento di riflessione comune verso la costruzione di un progetto di responsabilità collettiva, verso una nuova relazione identitaria della città storica nella contemporaneità

14 ... e non solo città ma anche territorio, verso la costruzione di un itinerario ideale che colleghi le molteplici espressioni della memoria storica e delle ricerca in atto, elementi inscindibili e fondanti del sistema architetture-città-territorio

15 Il Piano di Gestione aggiornamento 2011 DOCUMENTI ALLEGATI Monitoraggio e Aggiornamento Piano di Gestione 2011

16 Il Piano di Gestione aggiornamento 2011 DOCUMENTI ALLEGATI Monitoraggio e Aggiornamento Piano di Gestione 2011

17 Il Piano di Gestione aggiornamento 2011 DOCUMENTI ALLEGATI Monitoraggio e Aggiornamento Piano di Gestione 2011

18 Il Piano di Gestione si confronta con gli indirizzi e le prescrizioni dei Piani urbanistici Piano Paesaggistico Regionale Piano di Indirizzo Territoriale Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale Piano di Gestione sito UNESCO Val d Orcia

19 Il Piano di Gestione si confronta con gli indirizzi e le prescrizioni del Piano Strutturale e del Regolamento Urbanistico Integrità dell impianto urbanistico del Centro Storico Manutenzione e restauro del patrimonio storico architettonico Diversificazione delle funzioni e delle attività economiche di qualità Sostenibilità delle attività artigianali e commerciali nel Centro Storico Integrità fisica e percettiva rapporto città murata - margine Il PS di Pienza è stato redatto da un gruppo di lavoro costituito da: Andrea Filpa (coordinamento); Silvia Arnolfi (urbanistica); Marco Antoni, Armando Costantini, Antonio Lazzarotto (geologia); Carlo Blasi, Leopoldo Michetti, Riccardo Copiz (ecologia del paesaggio); Vincenzo De Dominicis, Chiara Centi (ecologia vegetale); Cristina Felici (archeologia e censimento dei BSA); Pietro Clemente, Federico Scarpelli, Valeria Trupiano (antropologia); Massimo Ferrini (trasporti e mobilità); Mario Zanzani, Sortito Casali, Rocco Savino, SMP srl (Economia territoriale); Francesco M. Galloppa (Cartografia, GIS,); Renata Giavara (Editing); Paolo Frezzi e Alessandro Ciali (collaborazione redazione cartografie); con la collaborazione arch. Giuseppina Ferrigno, Ufficio Tecnico del Comune di Pienza e Consulta per le strade rurali.

20 PRTOGETTI STRATEGICI Monitoraggio e Aggiornamento Piano di Gestione 2011

21 Il Piano di Gestione aggiornamento TUTELA DEL SITO 1.1 Conservazione dei beni storici e dei caratteri architettonici Conservazione complesso del centro storico quale esempio di concezione umanistico-rinascimentale. Ampliamento del coinvolgimento di Enti, Università e Centri studi per attivare collaborazioni (stage, dottorati di ricerca) volte ad attivare ricerche ed operatività (scuole di restauro specializzate). 1.2 Tutela e monitoraggio della Fabbrica del Duomo Garantire la conservazione di elementi architettonici di grande valore storico-testimoniale, elementi base della concezione umanistico-rinascimentale del disegno e della costruzione degli edifici e della città. Attività costante di monitoraggio. 1.3 Tutela dei caratteri tipologici degli edifici La conoscenza e la consapevolezza del valore del patrimonio edilizio storico esistente costituisce il punto di partenza per le necessarie opere di manutenzione e per il coinvolgimento della popolazione al rispetto delle tipologie edilizie negli interventi di trasformazione. 1.4 Attività per il recupero del Centro Storico Ricognizione fotografica sulle ultime facciate graffite del centro storico non ancora oggetto di interventi di restauro e risanamento conservativo, schedatura per attivazione di studio di fattibilità e reperimento finanziamenti.

22 Il Piano di Gestione aggiornamento RICERCA E VALORIZZAZIONE DEI CARATTERI UMANISTICI 2.1 Valorizzazione degli aspetti culturali legati alla concezione umanistico-rinascimentale della città Collegamento con università, centri studi, gemellaggi con altri luoghi di città-ideale. Attività di informazione e collegamento culturale tra il turismo del centro storico di Pienza, (Museo Diocesano, Città e Territorio) esaltando il valore del turismo umanistico Pienza e l Umanesimo. I Libri antichi e la Società Bibliografica Toscana, lo Studiolo dell umanista, l Istituto Studi Umanistici Francesco Petrarca. Studi antropologici (Pistoia Dialoghi sull Uomo) indagine QC PS Prof. Pietro Clemente. Letture e concerti nella Pieve e sotto l olivo a Corsignano 2.2 Valorizzazione degli aspetti culturali legati all appartenenza ai siti UNESCO Punti informatizzati siti UNESCO, collegamenti culturali con altri luoghi di particolare valore. Collegamento tra siti UNESCO(Val d Orcia, Toscana, Centri storici, etc) Promozione esperienze di ricerca e seminari di studi (Seaside). Collaborazione Associazione Città e Siti Italiani. Istituzione giornata UNESCO.

23 Il Piano di Gestione aggiornamento VALORIZZAZIONE DELLA DIMENSIONE SOCIALE E D USO DEL CENTRO STORICO 3.1 Ricomposizione del sistema cultura-artigianato-commercio nel Centro Storico Far coesistere il sistema della distribuzione degli esercizi commerciali col prioritario valore culturale del centro urbano. Promozione delle attività economiche e sociali compatibili con la tutela delle risorse del sito anche in relazione alla produzione artigianale del territorio della Val d Orcia, (filiera corta, chilometro zero, marchio di qualità). 3.2 Riorganizzazione del sistema dell accoglienza Migliorare il sistema di gestione dei flussi turistici anche in relazione alle valenze di attrazione turistica del Parco della Val d Orcia. Riorganizzazione tecnologica ed informatica del sistema con potenziamento servizi ricettivi (standard qualificati, innovazioni tecnologiche) e servizi informatizzati (Wireless, QR code e totem tipo Wi-Roni). Progetto trasparenza, quantità e qualità delle presenze turistiche nel sito UNESCO (Questionario). Permanenza e destagionalizzazione flussi. 3.3 Sviluppo delle attività culturali connesse al territorio Rafforzamento dell offerta culturale quale elemento di crescita culturale, di interesse per la popolazione residente, verso una più ampia considerazione del senso di appartenenza degli abitanti, in relazione al valore culturale del sito ed in relazione alle valenze specifiche del Parco Val d Orcia.

24 Il Piano di Gestione aggiornamento RECUPERO DI CARATTERI ARCHITETTONICI E PAESAGGISTICI PECULIARI DEL SITO 4.1 Conservazione del margine urbano del centro storico Conservazione del rapporto equilibrato tra margine urbano e centro storico. Valorizzazione dell apertura paesaggistica verso la Val d Orcia, con salvaguardia delle emergenze degli elementi architettonici nello skyline urbano. Strategie: rafforzare la consapevolezza del valore percettivo e visuale del rapporto città- territorio valorizzando anche la fitta rete di percorsi vicinali di connessione con la città che costituiscono un patrimonio di grande valore storico e della tradizione locale per tutta la comunità. Attivare studi ed eventi sul tema della percezione del nucleo storico e delle relazioni col contesto.

25 Il Piano di Gestione aggiornamento VALORIZZAZIONE TURISTICA E DELLE ATTIVITÀ SOCIO ECONOMICHE COMPATIBILI COL SITO 5.1 Il turismo e la salvaguardia dei valori storici e culturali in relazione alle tradizioni locali e al contesto circostante Promozione di un progetto coordinato con iniziative, eventi e manifestazioni (via Francigena, rete museale, luoghi della fede, fortezze e rocche) in stretta relazione col sito UNESCO Val d Orcia, finalizzate alla riscoperta delle lavorazioni tradizionali di qualità e delle connessioni territoriali tra i settori di produzione. Verifica delle strutture commerciali, artigianali e ricettive e sostegno dello sviluppo socioeconomico della comunità, anche attraverso specifici disciplinari per il riconoscimento delle certificazioni di qualità (marchio). Strategie: Sviluppare progetti integrati territoriali sui prodotti tipici della zona, sui percorsi cicloturistici, sulle relazioni tra i centri storici, per un potenziamento dell offerta turistica che, nel segno della massima qualità dell offerta coordinata, garantisca ampie ricadute di valore socio-economico sul territorio.

26 Il Piano di Gestione aggiornamento 2011 Dal borgo di Corsignano alla città di Pienza SCHEDA PROGETTI STRATEGICI Elementi identificativi Stato di fatto e valori presenti Obiettivi e ragioni della tutela Strumenti urbanistici ed operazioni di concertazione Descrizione del progetto Risultati attesi Indicatori principali Ente gestore del Piano Unesco Fonti di finanziamento Tempistica di progetto e di realizzazione Aggiornamento 2011 e Strategie

27 Il Piano di Gestione aggiornamento 2011 Il Piano di Gestione del sito UNESCO è strumento flessibile e dinamico che richiede il contributo di tutti nella considerazione che il riconoscimento UNESCO deve essere un punto di partenza non di arrivo una base di lavoro per costruire un progetto concreto di responsabilità operativa per la città di Pienza.

Allegato A Allegato B Allegato C Allegato D Allegato E Allegato F Allegato G Allegato H Allegato I Allegato L Allegato M Allegato N

Allegato A Allegato B Allegato C Allegato D Allegato E Allegato F Allegato G Allegato H Allegato I Allegato L Allegato M Allegato N Allegato A Palazzo Piccolomini VI centenario PioII manifestazioni ed eventi Allegato B Le relazioni con i Piani Urbanistici Il Piano Regionale PPR PIT Allegato C Le relazioni con i Piani Urbanistici Il

Dettagli

SCOPI E FINALITA NELL APPRENDIMENTO DELLA GEOGRAFIA TURISTICA NEGLI ISTITUTI TECNICI COMMERCIALI A INDIRIZZO TURISTICO (TRIENNIO)

SCOPI E FINALITA NELL APPRENDIMENTO DELLA GEOGRAFIA TURISTICA NEGLI ISTITUTI TECNICI COMMERCIALI A INDIRIZZO TURISTICO (TRIENNIO) SCOPI E FINALITA NELL APPRENDIMENTO DELLA GEOGRAFIA TURISTICA NEGLI ISTITUTI TECNICI COMMERCIALI A INDIRIZZO TURISTICO (TRIENNIO) COMPETENZE GENERALI Usare termini e concetti fondamentali del linguaggio

Dettagli

Coerenza con il PSR: le Misure, le Azioni.

Coerenza con il PSR: le Misure, le Azioni. Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Asse 4 Attuazione dell approccio Leader Coerenza con il PSR: le Misure, le Azioni. Macomer 27 febbraio 2009 Misura 311 Diversificazione verso attività non agricole

Dettagli

Fare impresa nel turismo. a cura di Prof. Matteo Caroli mcaroli@luiss.it

Fare impresa nel turismo. a cura di Prof. Matteo Caroli mcaroli@luiss.it Fare impresa nel turismo a cura di Prof. Matteo Caroli mcaroli@luiss.it Il tavolo ha l obiettivo di identificare le strategie e gli strumenti per accrescere la competitività, qualità e produttività del

Dettagli

Il nuovo Piano di Gestione del Centro Storico di Firenze: verso un documento condiviso. Comune di Firenze Direzione Cultura e Turismo Ufficio UNESCO

Il nuovo Piano di Gestione del Centro Storico di Firenze: verso un documento condiviso. Comune di Firenze Direzione Cultura e Turismo Ufficio UNESCO Il nuovo Piano di Gestione del Centro Storico di Firenze: verso un documento condiviso Comune di Firenze Direzione Cultura e Turismo Ufficio UNESCO Cos è il Piano di Gestione Obbligo principale di un sito

Dettagli

1 UTOE CHIANNI (1, 1a, 1b)

1 UTOE CHIANNI (1, 1a, 1b) 1 UTOE CHIANNI (1, 1a, 1b) GLI STANDARDS URBANISTICI POPOLAZIONE: 1054 abitanti esistenti POPOLAZIONE: 211 abitanti insediabili Standards totali esistenti: 65.563 mq - destinati a servizi collettivi: 12.401

Dettagli

Città di Firenze Patrimonio-Unesco

Città di Firenze Patrimonio-Unesco Città di Firenze Patrimonio-Unesco 02 Commissione Nazionale Italiana per l UNESCO Programma della Settimana UNESCO di Educazione allo Sviluppo Sostenibile 18-24 novembre 2013 I Paesaggi della Bellezza:

Dettagli

Centro Storico di Pienza Sito UNESCO

Centro Storico di Pienza Sito UNESCO COMUNE DI PIENZA Centro Storico di Pienza Sito UNESCO Piano di Gestione Aggiornamento e monitoraggio Novembre 2011 Il piano di Gestione è stato elaborato da Paesaggio2000 studio associato Via G.B.Lulli

Dettagli

IL COORDINAMENTO DEI SITI UNESCO

IL COORDINAMENTO DEI SITI UNESCO IL COORDINAMENTO DEI SITI UNESCO Verso un sistema di valorizzazione integrata INDAGINE a cura di Promo PA Fondazione IL COORDINAMENTO PER I SITI UNESCO DELLA TOSCANA I Siti Unesco della Toscana 1. Centro

Dettagli

L'UNESCO e i beni culturali: i criteri per la definizione di Bene Culturale e la Normativa.

L'UNESCO e i beni culturali: i criteri per la definizione di Bene Culturale e la Normativa. Camilla Serreli (matricola 20/45/65002) L'UNESCO e i beni culturali: i criteri per la definizione di Bene Culturale e la Normativa. L'UNESCO è una associazione promulgata dalle Nazioni Unite che ha lo

Dettagli

Pianificazione Urbanistica Partecipata

Pianificazione Urbanistica Partecipata Pianificazione Urbanistica Partecipata L Amministrazione comunale di Mattinata ha avviato le procedure per la formazione del Piano Urbanistico Generale (PUG) che, ai sensi della Legge Regionale n 20/2001,

Dettagli

Capitolo I La definizione del problema e il quadro di riferimento teorico: il territorio sistema vitale

Capitolo I La definizione del problema e il quadro di riferimento teorico: il territorio sistema vitale Indice Introduzione 11 Gli autori 17 Parte Prima - IL PROBLEMA DI RICERCA Capitolo I La definizione del problema e il quadro di riferimento teorico: il territorio sistema vitale 1. Ricognizione del concetto

Dettagli

3. Tendenze del contesto socio-economico (tabelle e grafici)

3. Tendenze del contesto socio-economico (tabelle e grafici) Project Work Tecniche Tecniche di analisi (Analisi di contesto) Tecniche di progettazione territoriale e implementazione di politiche locali Temi di progetto Caso Rigenerazione urbana (centro storico di

Dettagli

_il Piano Strategico di Fabriano. 1

_il Piano Strategico di Fabriano. 1 _il Piano Strategico di Fabriano 1 terzo forum pubblico F a b r i a n o 18_novembre_2006 Contenuti _il metodo _la sintesi dei risultati: il quadro sinottico _le 10 Vocazioni _le 10 Linee Strategiche _Azioni,

Dettagli

step Scuola per il governo del territorio e del paesaggio Obiettivi Linee di intervento

step Scuola per il governo del territorio e del paesaggio Obiettivi Linee di intervento Foto: Piero Cavagna 2 Obiettivi step Scuola per il governo del territorio e del paesaggio Obiettivi La Provincia autonoma di Trento, attraverso le strategie elaborate con il Piano Urbanistico e la Legge

Dettagli

MISURA 2.1 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE INTEGRATA DEL SISTEMA DEI

MISURA 2.1 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE INTEGRATA DEL SISTEMA DEI MISURA 2.1 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE INTEGRATA DEL SISTEMA DEI BENI CULTURALI Asse prioritario di riferimento: Risorse Culturali Fondo strutturale interessato: FESR Settore di intervento: Risorse culturali

Dettagli

Misura M07 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali (art.20)

Misura M07 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali (art.20) Misura M7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali (art.2) Sottomisura 7.6 - Sostegno per studi/investimenti relativi alla manutenzione, al restauro e alla riqualificazione del patrimonio

Dettagli

PIANO OPERATIVO COMUNALE

PIANO OPERATIVO COMUNALE verso il nuovo PIANO OPERATIVO COMUNALE (nuova denominazione del REGOLAMENTO URBANISTICO ai sensi della LR 65/14) COSA E IL PIANO OPERATIVO? Strumento che definisce la programmazione e il coordinamento

Dettagli

LA CRESCITA SOSTENIBILE DEI TERRITORI.

LA CRESCITA SOSTENIBILE DEI TERRITORI. LA CRESCITA SOSTENIBILE DEI TERRITORI. Alessandra Bonfanti Legambiente, Responsabile Piccoli comuni e mobilità dolce La legge per i piccoli comuni e la crescita sostenibile dei territori L ITALIA DEI PICCOLI

Dettagli

Linee di intervento, azioni e stato di attuazione

Linee di intervento, azioni e stato di attuazione Newsletter n.70 Dicembre 2009 Approfondimento_11 FESR PUGLIA 2007-2013 ASSE IV - VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE NATURALI E CULTURALI PER L ATTRATTIVITÀ E LO SVILUPPO Linee di intervento, azioni e stato di

Dettagli

Regione Campania Fondi Strutturali Comunitari Obiettivo 1 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE

Regione Campania Fondi Strutturali Comunitari Obiettivo 1 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE Regione Campania Fondi Strutturali Comunitari Obiettivo 1 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2000 2006 Napoli, Luglio 2000 1. L ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA...6 1.1 CONSIDERAZIONI SULL ECONOMIA DELLA

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto - Angolo via Cittadini, MILANO

I.I.S. PAOLO FRISI Via Otranto - Angolo via Cittadini, MILANO I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto - Angolo via Cittadini, 11-20157 - MILANO ISTITUTO PROFESSIONALE QUINTO ANNO SETTORE: SERVIZI ARTICOLAZIONI: ENOGASTRONOMIA SERVIZI DI SALA E VENDITA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

Dettagli

le torri dell acqua Progetti di valorizzazione del Paesaggio art. 49 LR Incontro seminariale del 31 marzo 2009.

le torri dell acqua Progetti di valorizzazione del Paesaggio art. 49 LR Incontro seminariale del 31 marzo 2009. le torri dell acqua Progetti di valorizzazione del Paesaggio art. 49 LR 20-2000. Incontro seminariale del 31 marzo 2009. 31 marzo 2009/ BOLOGNA Elena Farnè Claudia Fabbri coordinamento sviluppo del progetto

Dettagli

Principi e linee guida

Principi e linee guida Il Concept L interazione tra arte, cultura, sviluppo turistico ed economico permette di rafforzare la capacità di proporre le tradizioni delle diverse realtà locali, promuovendo, così, anche borghi e paesaggi

Dettagli

dichiarazione di conformità del Piano Strutturale al P.I.T. della Regione Toscana e al P.T.C. della Provincia di Lucca

dichiarazione di conformità del Piano Strutturale al P.I.T. della Regione Toscana e al P.T.C. della Provincia di Lucca COMUNE DI PESCAGLIA Provincia di Lucca PIANO REGOLATORE GENERALE PIANO STRUTTURALE L.R. 16 gennaio 1995 n 5 art. 24 dichiarazione di conformità del Piano Strutturale al P.I.T. della Regione Toscana e al

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BOCCI, GINOBLE, GRASSI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BOCCI, GINOBLE, GRASSI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 602 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BOCCI, GINOBLE, GRASSI Disposizioni per la riqualificazione e la rivitalizzazione dei centri

Dettagli

COMUNE DI CICERALE INCONTRO DEL 20/06/2016. Comune di Cicerale QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

COMUNE DI CICERALE INCONTRO DEL 20/06/2016. Comune di Cicerale QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO COMUNE DI CICERALE PROVINCIA DI SALERNO REGIONE CAMPANIA PIANO URBANISTICO COMUNALE INCONTRO DEL 20/06/2016 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO REGIONE CAMPANIA Legge 16 22 dicembre 2004 NORME SUL GOVERNO

Dettagli

A relazione dell'assessore Vignale: Premesso che:

A relazione dell'assessore Vignale: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU49 05/12/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 11 novembre 2013, n. 49-6665 Protocollo di collaborazione tra il Ministero dei beni e delle attivita' culturali e del turismo, la Regione

Dettagli

IL PIANO DI ASSETTO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VENEZIA STRUTTURA E PRIMI CONTENUTI. Mestre 14 Novembre

IL PIANO DI ASSETTO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VENEZIA STRUTTURA E PRIMI CONTENUTI. Mestre 14 Novembre IL PIANO DI ASSETTO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VENEZIA STRUTTURA E PRIMI CONTENUTI Mestre 14 Novembre LA LEGGE REGIONALE 11/2004 I PRINCIPI INNOVATIVI 1.Fase di concertazione obbligatoria, preliminare

Dettagli

1. Albergo diffuso del Monte Subasio

1. Albergo diffuso del Monte Subasio 1. Albergo diffuso del Monte Subasio Turismo sport e servizi; Innovazione nella gestione delle risorse economiche; Potenziamento dei beni pubblici e infrastrutture a fini turistici; Incentivazione del

Dettagli

Tiziana Maffei ICOM ITALIA

Tiziana Maffei ICOM ITALIA Tiziana Maffei ICOM ITALIA Protezione Civile L 225 1992 Istituzione del Servizio Civile Nazionale L 100 2012 Riordino della protezione civile Piano Regionale di Protezione Civile Tra le attività ritenute

Dettagli

Legacoop NuorOgliastra

Legacoop NuorOgliastra Legacoop NuorOgliastra Sviluppo Rurale Alessandro Dadea Sviluppo rurale Meno del 10% degli occupati, nelle aree rurali, opera in agricoltura. Nell Europa a 25, il 13% dell occupazione è agricola. In molte

Dettagli

Piano della città pubblica

Piano della città pubblica La Legge Regionale n 12/2005 Legge per il governo del territorio. I temi e le esperienze Politecnico di Milano Polo Regionale di Mantova Aula Magna - Via Scarsellini, 15 Mantova 30 novembre 2006 Studi

Dettagli

UN PROGETTO CULTURALE INTEGRATO PER LA CITTA DI PORTICI

UN PROGETTO CULTURALE INTEGRATO PER LA CITTA DI PORTICI UN PROGETTO CULTURALE INTEGRATO PER LA CITTA DI PORTICI Il 3 ottobre 1839 con la cerimonia di inaugurazione della linea Napoli-Portici iniziava, in Italia, la storia delle ferrovie. 174 anni di storia

Dettagli

7 Bollettino PSR Pag. 1

7 Bollettino PSR Pag. 1 7 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1 7. Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali SOTTOMISURA 7.2. INVESTIMENTI FINALIZZATI ALLA CREAZIONE, AL MIGLIORAMENTO E ALL ESPANSIONE DI OGNI TIPO

Dettagli

Comune di Albairate 9 Progetti

Comune di Albairate 9 Progetti Comune di Albairate 9 Progetti Scheda di progetto 1/9 Ufficio TECNICO Nome del progetto PISTA CICLABILE ALBAIRATE / ABBIATEGRASSO Destinatari del progetto abitanti dei Comuni limitrofi Descrizione del

Dettagli

TURISMO PEDEMONTANO VENETO

TURISMO PEDEMONTANO VENETO TURISMO PEDEMONTANO VENETO 1 PREMESSA...3 ILPARTENARIATO...4 OBIETTIVO GENERALE...4 OBIETTIVI OPERATIVI...4 DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA' PREVISTE...4 CRONOPROGRAMMA...5 ASPETTI FINANZIARI...5 2 TURISMO

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ASSETTO DEL TERRITORIO AREA POLITICHE PER L AMBIENTE,LE RETI E LA QUALITÀ URBANA SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ASSETTO DEL TERRITORIO AREA POLITICHE PER L AMBIENTE,LE RETI E LA QUALITÀ URBANA SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ASSETTO DEL TERRITORIO AREA POLITICHE PER L AMBIENTE,LE RETI E LA QUALITÀ URBANA SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO PROPOSTA DI SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE COD. CIFRA: AST/SDL/2009/00002

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N Disposizioni per la tutela, la valorizzazione e lo sviluppo economico delle città murate

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N Disposizioni per la tutela, la valorizzazione e lo sviluppo economico delle città murate Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 759 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore STUCCHI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 3 GIUGNO 2013 Disposizioni per la tutela, la valorizzazione e lo sviluppo

Dettagli

Rinnovamento dei villaggi rurali

Rinnovamento dei villaggi rurali Misura 322 Rinnovamento dei villaggi rurali Riferimenti normativi Articolo 52 lettera b ii) del Regolamento (CE) 1698/2005 Allegato II, paragrafo 5.3.3.2.2, del Regolamento (CE) 1974/2006 Codice di classificazione

Dettagli

Concorso Piazza 100 - il contest

Concorso Piazza 100 - il contest Concorso Piazza 100 - il contest Premessa L Unità Tecnica Tecnologie Avanzate per l Energia e l Industria (UTTEI) sta concludendo un progetto denominato "City 2.0", nel contesto di un programma di ricerca

Dettagli

LR 11/04, "Norme per il governo del territorio" Sostituisce il regime urbanistico della LR 61/85 e della LR 24/85

LR 11/04, Norme per il governo del territorio Sostituisce il regime urbanistico della LR 61/85 e della LR 24/85 LA NUOVA LEGGE URBANISTICA LR 11/04, "Norme per il governo del territorio" Sostituisce il regime urbanistico della LR 61/85 e della LR 24/85 PRG PRC Piano Regolatore Generale Piano Regolatore Comunale

Dettagli

GAL GIAROLO LEADER. Animazione degli attori locali per la programmazione PSR 2007/13 MISURA 431 2b

GAL GIAROLO LEADER. Animazione degli attori locali per la programmazione PSR 2007/13 MISURA 431 2b GAL GIAROLO LEADER Animazione degli attori locali per la programmazione 2014-2020 PSR 2007/13 MISURA 431 2b L attività svolta dal GAL Giarolo nel periodo di programmazione 2007/2013 Piano Finanziario Rispetto

Dettagli

Il turismo culturale urbano: orientamenti comunitari per un processo di sviluppo integrato

Il turismo culturale urbano: orientamenti comunitari per un processo di sviluppo integrato Lecce 23 marzo 2004 Convegno nazionale Lecce Città d arte Turismo Culturale e Nuova Imprenditorialità Assessorato al Turismo Il turismo culturale urbano: orientamenti comunitari per un processo di sviluppo

Dettagli

NetTARE opera nei seguenti ambiti:

NetTARE opera nei seguenti ambiti: Grazie ad una rete di professionisti e consulenti, NetTARE lavora con un approccio interdisciplinare sistemico e partecipativo mettendo a disposizione le proprie competenze in diversi ambiti: mobilità

Dettagli

Slowland Piemonte 26/09/2016

Slowland Piemonte 26/09/2016 Slowland Piemonte 26/09/2016 VALORIZZAZIONE INTEGRATA, COORDINATA E SOSTENIBILE delle risorse ambientali, culturali e turistiche a livello di bacino e di sistema dell anfiteatro morenico d Ivrea Pancrazio

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO PARCO PROGETTI. del DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO

PROGRAMMA DI SVILUPPO PARCO PROGETTI. del DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO REGIONE PUGLIA PROGRAMMA DI SVILUPPO ai sensi Linee Guida applicative della Legge Regionale 3 agosto 2007 n.23 Pagina 1 di 6 Pagina 2 di 6 DISTRETTO

Dettagli

CRITICITÀ E SCENARI PER MATERA Dal riconoscimento UNESCO a Capitale Europea della Cultura 2019

CRITICITÀ E SCENARI PER MATERA Dal riconoscimento UNESCO a Capitale Europea della Cultura 2019 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE, SOCIALI E DELLA FORMAZIONE DIPARTIMENTO DI BIOSCIENZE E TERRITORIO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ARCHEOLOGIA BENI CULTURALI E TURISMO

Dettagli

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DEL PAESAGGIO E DELLA SOSTENIBILITÀ DEL TURISMO. IL CASO DI PIOMBINO. Dott.

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DEL PAESAGGIO E DELLA SOSTENIBILITÀ DEL TURISMO. IL CASO DI PIOMBINO. Dott. INDICATORI PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DEL PAESAGGIO E DELLA SOSTENIBILITÀ DEL TURISMO. IL CASO DI PIOMBINO. Dott.ssa Doriana Bruni temi paesaggio turismo sostenibile indicatori per la valutazione

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLA SCHEDATURA DELLE UNITA EDILIZIE IN ZONA AGRICOLA INDIVIDUATE AI SENSI DELLA L.R. N.24/1985 ART.10.

AGGIORNAMENTO DELLA SCHEDATURA DELLE UNITA EDILIZIE IN ZONA AGRICOLA INDIVIDUATE AI SENSI DELLA L.R. N.24/1985 ART.10. AGGIORNAMENTO DELLA SCHEDATURA DELLE UNITA EDILIZIE IN ZONA AGRICOLA INDIVIDUATE AI SENSI DELLA L.R. N.24/1985 ART.10. Agli edifici di valore culturale - ambientale, individuati e schedati ai sensi dell

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DEL DIPARTIMENTO. codice 210 edizione 1 del FINALITÀ DELLA DISCIPLINA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DEL DIPARTIMENTO. codice 210 edizione 1 del FINALITÀ DELLA DISCIPLINA A.S. 2016/2017 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DEL DIPARTIMENTO Pag 1 di Data: 28/10 /2016 dati generali Ordine scolastico Materia: GEOGRAFIA TURISTICA REVISIONE N. III TURISMO Compilato da:valentina

Dettagli

BORGHI E TURISMO IL CASO BANDIERE ARANCIONI TOURING

BORGHI E TURISMO IL CASO BANDIERE ARANCIONI TOURING BORGHI E TURISMO IL CASO BANDIERE ARANCIONI TOURING 18 Ottobre 2012 Isabella Andrighetti Area Campagne e Programmi Territoriali Touring Club Italiano bandiere.arancioni@touringclub.it Tel. 02.8526828 Il

Dettagli

piano del parco Rapporto Ambientale 12 / 2016 CONTENUTI DEL PIANO

piano del parco Rapporto Ambientale 12 / 2016 CONTENUTI DEL PIANO piano del parco Valutazione Ambientale Strategica Rapporto Ambientale 12 / 2016 ALLEGATO 1 CONTENUTI DEL PIANO credits Coordinamento e Direzione generale Dott. Paolo Cassola Direttore dell Ente Parco Nazionale

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna

Regione Autonoma della Sardegna Repubblica Italiana Unione Europea Regione Autonoma della Sardegna PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE Versione del 10 novembre 2004 N 1999 IT 16 1 PO 010 1 INDICE Indice...1 1 Analisi della situazione di partenza...8

Dettagli

PIA RURALE BASSO PIAVE:

PIA RURALE BASSO PIAVE: Misura 341 - Animazione e acquisizione di competenze finalizzate a strategie di sviluppo locale PIA RURALE BASSO PIAVE: Percorsi storici di terra e acqua: un paesaggio rurale da salvaguardare PROGETTO

Dettagli

ASPETTANDO EXPO 2015: IL PALINSESTO EVENTI DI PADIGLIONE ITALIA

ASPETTANDO EXPO 2015: IL PALINSESTO EVENTI DI PADIGLIONE ITALIA ASPETTANDO EXPO 2015: IL PALINSESTO EVENTI DI PADIGLIONE ITALIA ANTEPRIMA DI UN AGENDA IN COSTRUZIONE Paolo Verri Direttore contenuti espositivi e palinsesto eventi 10 aprile 2014 Il Sito Espositivo AREE

Dettagli

Il PIANO PAESAGGISTICO REGIONALE

Il PIANO PAESAGGISTICO REGIONALE Il PIANO PAESAGGISTICO REGIONALE Anna Rossi Struttura Paesaggio www.ptr.regione.lombardia.it La Convenzione europea per il paesaggio impone l attenzione paesaggistica su tutto il territorio considerandone

Dettagli

MISURA PROGRAMMI DI RECUPERO E SVILUPPO URBANO

MISURA PROGRAMMI DI RECUPERO E SVILUPPO URBANO MISURA 5.1 - PROGRAMMI DI RECUPERO E SVILUPPO URBANO Asse prioritario di riferimento: Città Fondo strutturale interessato: FESR Settore di intervento: Città Codice di classificazione UE: 352, 317, 36 Obiettivi

Dettagli

P.S.R REGIONE MOLISE

P.S.R REGIONE MOLISE P.S.R. 2014-2020 REGIONE MOLISE MISURA 19 APPROCCIO LEADER PSL -PIANO di SVILUPPO LOCALE Gal «Molise Rurale» ASSEMBLEA SOCI 03/11/2016 ISERNIA 03 NOVEMBRE 2016 1 SI PARTE DALLA SSL APPROVATA in Regione

Dettagli

Visioni per Vercelli 2020

Visioni per Vercelli 2020 Visioni per Vercelli 2020 Premessa. Presentazione e metodologia Le Visioni per Vercelli2020 derivano da un elaborazione di dati e risultanze a partire da: - analisi dei lavori dei 5 tavoli tematici e del

Dettagli

Programmazione annuale di Diritto e Legislazione turistica Classe 5^ Indirizzo Turismo (n. 3 ore settimanali) Sezione Tecnica

Programmazione annuale di Diritto e Legislazione turistica Classe 5^ Indirizzo Turismo (n. 3 ore settimanali) Sezione Tecnica Modulo 1: Enti e istituzioni del settore turistico Programmazione annuale di Diritto e Legislazione turistica Classe 5^ Indirizzo Turismo (n. 3 ore settimanali) Sezione Tecnica Saper leggere, interpretare

Dettagli

declino delle forme di agricoltura tradizionale valorizzazione delle tipicità produttive e delle produzioni biologicamente controllate

declino delle forme di agricoltura tradizionale valorizzazione delle tipicità produttive e delle produzioni biologicamente controllate Il concetto di sviluppo rurale declino delle forme di agricoltura tradizionale valorizzazione delle tipicità produttive e delle produzioni biologicamente controllate necessità/opportunità di integrare

Dettagli

costituendo GalMolise Rurale

costituendo GalMolise Rurale costituendo GalMolise Rurale MISURA 19 APPROCCIO LEADER - SSL STRATEGIA DI SVILUPPO LOCALE Burm n.19 del 24/05/2016 ISERNIA 21.costituendo Gal Molise Rurale 1 M19 Aree rurali M19 - BASE GIURIDICA Schema

Dettagli

Crea Scheda Tecnica. Compilazione del formulario e della scheda tecnica della candidatura. Titolo del progetto *

Crea Scheda Tecnica. Compilazione del formulario e della scheda tecnica della candidatura. Titolo del progetto * Compilazione del formulario e della scheda tecnica della candidatura Crea Scheda Tecnica Titolo del progetto * 1. SOSTENIBILITÀ 1.1. L intervento ha riguardato principalmente (max 3 risposte) La realizzazione

Dettagli

Base di discussione per ripresa lavori Piano Strategico

Base di discussione per ripresa lavori Piano Strategico Base di discussione per ripresa lavori Piano Strategico In un epoca di crescente complessità dei sistemi sociali e territoriali e di nuove domande rivolte alla Pubblica Amministrazione occorre rafforzare

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE TINO IANNUZZI, BRAGA, MARIANI, BRATTI, REALACCI, MORASSUT

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE TINO IANNUZZI, BRAGA, MARIANI, BRATTI, REALACCI, MORASSUT Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 345 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI TINO IANNUZZI, BRAGA, MARIANI, BRATTI, REALACCI, MORASSUT Disposizioni per la riqualificazione

Dettagli

Abstract dello Studio a cura di Gianni Moriani e Melania Buset

Abstract dello Studio a cura di Gianni Moriani e Melania Buset STUDIO DI FATTIBILITÀ PER LA REALIZZAZIONE DEL PARCO ALIMENTARE DELLA VENEZIA ORIENTALE Abstract dello Studio a cura di Gianni Moriani e Melania Buset Lo Studio di fattibilità è frutto dell attività di

Dettagli

- Carta nazionale del paesaggio - Introduzione al progetto Raccontami un paesaggio

- Carta nazionale del paesaggio - Introduzione al progetto Raccontami un paesaggio - Carta nazionale del paesaggio - Introduzione al progetto Raccontami un paesaggio Arch. Giovanni Manieri Elia CARTA NAZIONALE DEL PAESAGGIO Elementi per una Strategia per il paesaggio italiano Nasce come

Dettagli

Piano Operativo con aggiornamento del Piano Strutturale Comune di Siena

Piano Operativo con aggiornamento del Piano Strutturale Comune di Siena 21 aprile 2017 Piano Operativo con aggiornamento del Piano Strutturale il Piano Operativo del è studiato e progettato da: Roberto Vezzosi, capogruppo Stefania Rizzotti (ldp studio) Luca Gentili e ldp progetti

Dettagli

P.S.R REGIONE PUGLIA

P.S.R REGIONE PUGLIA P.S.R. 2014 2020 REGIONE PUGLIA VERSO il PAL PIANO di AZIONE LOCALE 2014 2020 PAL 2014 2020 1 Dott. Pasquale Lorusso Direttore Gal Terre di Murgia GAL PSR 2014 2020 Il PSR prevede che per la definizione

Dettagli

CURRICULUM VITAE Dott. Arch. Mario Zampino

CURRICULUM VITAE Dott. Arch. Mario Zampino CURRICULUM VITAE Dott. Arch. Mario Zampino INFORMAZIONI PERSONALI Nome Residenza e professionale Codice Fiscale Partita iva MARIO ZAMPINO via Alessandro Manzoni 16, 80123, NAPOLI (NA), ITALIA ZMPMRA70L31F839A

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO ECONOMICO DI ALCUNE

ANALISI DI IMPATTO ECONOMICO DI ALCUNE ANALISI DI IMPATTO ECONOMICO DI ALCUNE POLITICHE DI RIQUALIFICAZIONE URBANISTICA AD ASIAGO Rapporto Finale SISTEMI OPERATIVI S.R.L. - VENEZIA Antonio Rigon Federico Zannantonio UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI

Dettagli

La pianificazione urbanistica in Toscana: Il Piano di indirizzo territoriale PIT

La pianificazione urbanistica in Toscana: Il Piano di indirizzo territoriale PIT Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I La pianificazione urbanistica in Toscana: Il Piano di indirizzo

Dettagli

ASSE IV Leader nel Programma di Sviluppo Rurale del Veneto

ASSE IV Leader nel Programma di Sviluppo Rurale del Veneto ASSE IV Leader nel Programma di Sviluppo Rurale del Veneto Cosa è Leader Avviata verso la fine degli anni 80, l Iniziativa Comunitaria Leader ha introdotto e sviluppato nel corso degli anni un metodo di

Dettagli

- Complesso immobiliare posto in San Casciano in Val di Pesa, via Achille Grandi via Dante Alighieri

- Complesso immobiliare posto in San Casciano in Val di Pesa, via Achille Grandi via Dante Alighieri STEFANO MENCUCCI ARCHITETTO Viale A. Volta n 103 - Tel. 055/650.35.45 50131- FIRENZE arch.mencucci@gmail.com RELAZIONE DI CONFORMITA' AL PIANO DI INDIRIZZO TERRITORIALE REGIONALE - Complesso immobiliare

Dettagli

P.S.R REGIONE PUGLIA MISURA 19 APPROCCIO LEADER SSL STRATEGIA DI SVILUPPO LOCALE PARTECIPATA

P.S.R REGIONE PUGLIA MISURA 19 APPROCCIO LEADER SSL STRATEGIA DI SVILUPPO LOCALE PARTECIPATA P.S.R. 2014-2020 REGIONE PUGLIA MISURA 19 APPROCCIO LEADER SSL STRATEGIA DI SVILUPPO LOCALE PARTECIPATA LE AREE RURALI PUGLIESI PSR PUGLIA 2014-2020 IL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT : Il Community-led

Dettagli

Protocollo d Intesa. dossier informativo

Protocollo d Intesa. dossier informativo Protocollo d Intesa avvio di iniziative di valorizzazione del patrimonio minerario dismesso localizzato nei Comuni di Abbateggio, Bolognano, Caramanico, Lettomanoppello, Manoppello, Roccamorice, San Valentino

Dettagli

AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria Itinerari di Sardegna Itinerari del cavallo e della transumanza

AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria Itinerari di Sardegna Itinerari del cavallo e della transumanza CALABRIA AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria Itinerari di Sardegna Itinerari del cavallo e della transumanza Cristina Schirru - Bova 22 Aprile 2008 Presidenza del

Dettagli

Questionario di Consultazione Cittadini Preliminare di Piano. Questionario cittadini Q.2

Questionario di Consultazione Cittadini Preliminare di Piano. Questionario cittadini Q.2 Questionario di Consultazione Cittadini Preliminare di Piano Questionario cittadini Q.2 PROVINCIA DI SALERNO CONSULTAZIONE PUBBLICA DEL PIANO URBANISTICO COMUNALE L Amministrazione Comunale di Vibonati,

Dettagli

Il Centro di Alta Formazione del DTC

Il Centro di Alta Formazione del DTC Il Centro di Alta Formazione del DTC Giovanni Fiorentino Università degli studi della Tuscia Marilena Maniaci Università degli studi di Cassino e del Lazio meridionale La rete A partire dal 2014 2015 cinque

Dettagli

Titolo di studio. Altri titoli di studio e professionali

Titolo di studio. Altri titoli di studio e professionali C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Refolo Giovanni Data di nascita 8 gennaio 1958 Qualifica Direttore Generale (dal settembre 2009) Amministrazione Provincia di Lecce Dirigente Settore

Dettagli

Campania, Basilicata, Calabria, Puglia e Sicilia conservazione dei beni culturali potenziamento del sistema delle attività legate alla fruizione

Campania, Basilicata, Calabria, Puglia e Sicilia conservazione dei beni culturali potenziamento del sistema delle attività legate alla fruizione Il Programma Operativo Nazionale (PON) Cultura e Sviluppo (FESR) 2014-2020 è un programma di interventi finalizzato alla tutela, alla valorizzazione e allo sviluppo delle aree di attrazione culturale delle

Dettagli

PARCO ARCHEOLOGICO E PAESAGGISTICO DELLA VALLE DEI TEMPLI PIANO DELLE ATTIVITA'

PARCO ARCHEOLOGICO E PAESAGGISTICO DELLA VALLE DEI TEMPLI PIANO DELLE ATTIVITA' A) ATTIVITA' ORDINARIA 1) Manutenzione ordinaria e straordinaria di immobili e di impianti a) - Lavori di manutenzione ed integrazione di impianti elettrici, di manufatti in legno, opere in ferro, impianti

Dettagli

Amministra zione, finan za e marketing - Turismo. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministra zione, finan za e marketing - Turismo. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MATERIA GEOGRAFIA CLASSE 3^ INDIRIZZO TURISTICO UdA n. 1 Titolo: Il SISTEMA TURISTICO Individuare gli aspetti del turismo e riconoscere il ruolo in ambito ambientale-economico-socio-culturale del turismo.

Dettagli

CORSI E SEMINARI DI FORMAZIONE giovedì 29 giugno 2017 // Centro Studi PIM - Villa Scheibler

CORSI E SEMINARI DI FORMAZIONE giovedì 29 giugno 2017 // Centro Studi PIM - Villa Scheibler CORSI E SEMINARI DI FORMAZIONE CORSI E SEMINARI DI FORMAZIONE giovedì 29 giugno 2017 // Centro Studi PIM - Villa Scheibler Il PPR e i nuovi strumenti del piano per promuovere un ruolo di governance e per

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE STRATEGICA PER LO SVILUPPO LOCALE INTEGRATO

LA PROGRAMMAZIONE STRATEGICA PER LO SVILUPPO LOCALE INTEGRATO LA PROGRAMMAZIONE STRATEGICA PER LO SVILUPPO LOCALE INTEGRATO di Francesco Mantino Rete Rurale Nazionale (INEA) Obiettivi e metodi per la costruzione del PSR 2014-2020 Campobasso, 24 giugno 2013 Gli elementi

Dettagli

CHI PARTECIPA CONDIVIDE!

CHI PARTECIPA CONDIVIDE! 30.07 2016 10,30 CHI PARTECIPA CONDIVIDE! Ciclo di Incontri Presentazione della Strategia di Sviluppo Locale AltoCasertano 2020 Consorzio di Bonifica del SannioAlifano Viale della Libertà n.75 Piedimonte

Dettagli

AGENDA 21 DELLA CULTURA

AGENDA 21 DELLA CULTURA AGENDA 21 DELLA CULTURA Un impegno delle città e dei governi locali a favore dello sviluppo della Cultura come strumento strategico per i processi di sostenibilità a cura di Claudio Pedone coordinatore

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 80 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 80 del Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 80 del 7-7-2017 38367 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 giugno 2017, n. 1026 Approvazione schema di Protocollo di Intesa tra Regione Puglia, ANCI Puglia

Dettagli

Luisa Pedrazzini Direzione Generale Territorio e Urbanistica

Luisa Pedrazzini Direzione Generale Territorio e Urbanistica Bergamo, 27 Gennaio 2010 Luisa Pedrazzini Direzione Generale Territorio e Urbanistica www.ptr.regione.lombardia.it Verso l attuazione... LEGGE REGIONALE 11 marzo 2005, N. 12 Legge per il governo del territorio

Dettagli

CARTA DI CRACOVIA 2000

CARTA DI CRACOVIA 2000 CARTA DI CRACOVIA 2000 Legislazione dei Beni Culturali Lorenzo Cattaneo Davide D'ugo Gilberto Di Virgilio A CHI SONO RIVOLTI I PRINCIPI ENUNCIATI NELLA CARTA DI CRACOVIA? Ai responsabili del patrimonio

Dettagli

Gli orti di Lombardia: un progetto ecologico, didattico e sociale. Francesca Ossola - ERSAF

Gli orti di Lombardia: un progetto ecologico, didattico e sociale. Francesca Ossola - ERSAF Gli orti di Lombardia: un progetto ecologico, didattico e sociale Francesca Ossola - ERSAF L'orto scolastico ha una forte valenza educativa, consentendo ai giovani allievi di migliorare il proprio senso

Dettagli

l.p. 4 agosto 2015, n. 15 legge provinciale per il governo del territorio

l.p. 4 agosto 2015, n. 15 legge provinciale per il governo del territorio l.p. 4 agosto 2015, n. 15 legge provinciale per il governo del territorio step 19 aprile 2016 Recupero del patrimonio edilizio esistente Riduzione del consumo di suolo Valorizzazione del paesaggio Ridefinizione

Dettagli

Civis Barbariae. Fonni Ollolai Oniferi Desulo Orotelli Orune Ottana Ovodda Teti Tiana

Civis Barbariae. Fonni Ollolai Oniferi Desulo Orotelli Orune Ottana Ovodda Teti Tiana Fonni Ollolai Oniferi Desulo Orotelli Orune Ottana Ovodda Teti Tiana 1 Inquadramento territoriale Il progetto pilota di qualità è riferito alla valorizzazione del patrimonio storico culturale ed ambientale

Dettagli

Obiettivi Costruire un rapporto di sinergia tra il mondo dell Artigianato, il Ministero e gli Enti Locali favorendo iniziative volte a valorizzare e p

Obiettivi Costruire un rapporto di sinergia tra il mondo dell Artigianato, il Ministero e gli Enti Locali favorendo iniziative volte a valorizzare e p Circuito dei Musei dell Artigianato della Sardegna Roma, 19 maggio 2004 Obiettivi Costruire un rapporto di sinergia tra il mondo dell Artigianato, il Ministero e gli Enti Locali favorendo iniziative volte

Dettagli

Comune di GANDOSSO. Variante n.1 al Piano di Governo del Territorio

Comune di GANDOSSO. Variante n.1 al Piano di Governo del Territorio 1 Comune di GANDOSSO Variante n.1 al Piano di Governo del Territorio 1 OBIETTIVI DELLA VARIANTE L Amministrazione Comunale di Gandosso, ha predisposto la presente Variante al PGT al fine di perseguire

Dettagli

Protocollo d intesa tra

Protocollo d intesa tra Ministero per Culturali Dipartimento i Beni e le Attività per i Beni Culturali e Paesaggistici Regione Autonoma della Sardegna Protocollo d intesa tra MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI DIPARTIMENTO

Dettagli

Scheda dei paesaggi e individuazione degli obiettivi di qualità

Scheda dei paesaggi e individuazione degli obiettivi di qualità Scheda dei paesaggi e individuazione degli obiettivi di qualità Contenuti della scheda Per la definizione degli indirizzi di valorizzazione dei paesaggi gli elementi conoscitivi relativi ad ogni territorio

Dettagli

Prot. n Oliveto Citra, li 08/07/2016. Procedimento di redazione del P.U.C. AVVISO PUBBLICO

Prot. n Oliveto Citra, li 08/07/2016. Procedimento di redazione del P.U.C. AVVISO PUBBLICO QM69J1J22.pdf 1/6 COMUNE DI OLIVETO CITRA (Provincia di Salerno) Via Vittorio Emanuele II, n. 46 84020 Oliveto Citra Tel. 0828/799219 fax 0828/799219 sue@comune.oliveto-citra.sa.it UFFICIO URBANISTICA

Dettagli

CURRICULUM SOCIETARIO 09/06/2014

CURRICULUM SOCIETARIO 09/06/2014 CURRICULUM SOCIETARIO 09/06/2014 DENOMINAZIONE e SEDE SOCIALE SINERGY-E SRL Società a responsabilità Limitata Sede Legale: Via della Pineta n 150. - 09126 Cagliari (CA) Partita IVA e codice fiscale 03406570923

Dettagli