BOLLETTINO DI SICUREZZA INFORMATICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BOLLETTINO DI SICUREZZA INFORMATICA"

Transcript

1 STATO MAGGIORE DELLA DIFESA II Reparto Informazioni e Sicurezza Ufficio Sicurezza Difesa Sezione Gestione del Rischio CERT Difesa CC BOLLETTINO DI SICUREZZA INFORMATICA N. 4/2008 Il bollettino può essere visionato on-line su: Internet: Intranet:

2 Metodologie e tecniche di Footprinting Sommario Metodologie e Tecniche di Footprinting Lo Scanning - Parte II Introduzione... 1 Nmap... 2 Wireshark... 6 Il Fingerprint... 9 Difficoltà: Medio - Alta A cura di: SMD II Reparto Informazioni e Sicurezza Ufficio Sicurezza Difesa Sezione Gestione del Rischio - CERT Difesa

3 Metodologie e tecniche di Footprinting Metodologie e Tecniche di Footprinting Parte II Introduzione Riprendendo le fila del discorso cominciato nel precedente bollettino, ove sono state descritte le tecniche di scanning, nel presente bollettino saranno descritti i programmi, e le relative funzionalità, che permettono di eseguire operazioni di scanning sui sistemi informatici, allo scopo di raccogliere informazioni circa i tipi di servizio che ognuno di essi espone verso l esterno. Quale premessa importante và sottolineato che l utilizzo autorizzato di questo tipo di applicazioni su sistemi proprietari fa dell amministratore di sistema quello che in gergo viene chiamato un White Hat (letteralmente un cappello bianco o, se si preferisce un ethical hacker). La semplice operazione di scan su sistemi non proprietari, pur senza fini evidentemente malevoli, porta ad un comportamento che definisce, chi lo mette in pratica, un Black Hat (cappello nero o hacker), con tutte le implicazioni di carattere legale che ne conseguono. In questo bollettino si è proceduto ad effettuare un approfondimento di due pacchetti software che, per facilità di utilizzo, reperibilità e efficacia sono i più diffusi. L esposizione proseguirà, quindi, con la descrizione del fingerprint ( impronta digitale ): tecnica mediante la quale sono ottenute le informazioni che consentono di risalire al Sistema Operativo che viene eseguito (o anche, i codici di riconoscimento di dispositivi installati quali, ad esempio, la scheda di rete) per la esposizione un determinato servizio. 1

4 Nmap Autore: Gordon Lyon Primo rilascio: 09/97 Ultimo rilascio: 28/06/08 Versione: 4.68 Linguaggio: C, C++; Phyton Lingua: Inglese S.O.: Multipiattaforma Genere: Sicurezza Informatica, Gestione di Rete Licenza: GNU General Public License Website: Nmap è uno scanner che può essere usato per scoprire la presenza di computer e dei servizi eventualmente esposti su di una rete informatica e che agisce (giustificando così il nome) creando una sorta di mappa della rete. Nmap è anche in grado di scoprire servizi passivi (cioè quelli non esposti) in una rete, e può fornire un elevato numero di informazioni relative al computer remoto interrogato quali, ad esempio: Sistema Operativo; dispositivi collegati; software utilizzato per eseguire un servizio e la sua versione; eventuale presenza di un firewall; Tipologia della scheda di rete installata e così via. Essendo, come già detto, un sistema multipiattaforma, Nmap può essere eseguito su Linux, Microsoft Windows, Solaris, BSD (un tipoco esempio di Sistema Operativo BSD-based è l Apple OS X). Ciò che Nmap è in grado di fare è descritto di seguito: Identificazione dell Host Rivelare la presenza di un computer nella rete, ad esempio elencando tutti i computer che rispondono ad un ping o che abbiano una particolare porta aperta; 2

5 Port Scanning - Enumerazione delle porte aperte su uno o più computer soggetti a scanning; Version detection Interrogare servizi di rete di computer remoti alla ricerca delle applicazioni ivi installate (e della loro relativa versione) che ne permettono l esecuzione; Identificazione del Sistema Operativo Determinare, da remoto, il Sistema Operativo installato su di un host e le caratteristiche hardware dei dispositivi di rete installati. In relazione a quanto sopra descritto si può dedurre, allora, come Nmap possa anche essere utilizzato efficacemente per: Auditing di sicurezza di un computer: connessioni di rete, porte aperte, dispositivi e servizi offerti; mantenimento e gestione dell asset; Auditing di sicurezza di una rete i- dentificando servizi inavvertitamente offerti. Da quanto precede si evince l importanza che un tale strumento può avere nelle attività connesse alla corretta gestione di una rete da parte di un Amministratore. Da qui, però, emergono anche le implicazioni di carattere etico legale, in quanto l efficacia di Nmap si evidenzia tanto nel corretto utilizzo come strumento di ausilio nelle normali operazioni di amministrazione e messa in sicurezza di una rete, quanto nel suo impiego malevolo tendente al danneggiamento (operazione generalmente eseguite dai black hat): per questo si presuppone che l amministratore di rete sia stato preventivamente autorizzato dalla propria catena gerarchica a svolgere tale tipo di attività. 3

6 L interfaccia testo è quella nativa di Nmap ma è possibile installare interfacce grafiche maggiormente user friendly, fra le quali NmapFE o Zenmap. Quest ultima, più moderna e versatile, risulta quella maggiormente usata. Il software in oggetto presenta inoltre la caratteristica, non poco importante, di essere remote controlled mediante l impiego di interfaccia web. Esistono, inoltre, anche Graphical User Interface (GUI) per Microsoft Windows quale, ad esempio NMapWin o NmapW. Il formato di output di Nmap è l XML 1 che, data la portabilità risulta estremamente versatile. 1 L Extensible Markup Language (XML) è una specifica standardizzata per creare codice in markup languages (linguaggio artificiale che usa un set di notazioni in formato testo che descrivono come questo viene strutturato e/o formattato). Viene classificato come linguaggio estensibile in quanto permette all utente di creare propri elementi. 4

7 A titolo di esempio si riporta, di seguito, uno screenshot di Nmap al lavoro che mostra una operazione di SYN scanning (parametro.ss; s = scan. S = SYN) sul nodo vittima (l indirizzo IP fornito è fittizio). In questo caso, l operazione ha avuto successo e Nmap riporta che l host, attaccato sulla porta TCP 22 aperta, fornisce sulla stessa un servizio ssh (secure shell). Approfondimenti: Sito Ufficiale Nmap: Manuale d uso : 5

8 Wireshark Autore: The Wireshark team Primo rilascio: 09/97 Ultimo rilascio: 31 marzo, 2008 Versione: Linguaggio: C, C++; Phyton Lingua: Inglese S.O.: Linux, Solaris, FreeBSD, NetBSD, OpenBSD, Mac OS X e Windows Genere: analizzatore di rete Licenza: GNU General Public License Website: Wireshark (in precedenza noto come Ethereal) è un software per analisi di protocollo, o packet sniffer utilizzato per la soluzione di problemi di rete, per l'analisi e lo sviluppo di protocolli o di software di comunicazione. Le funzionalità di Wireshark sono molto simili a quelle di tcpdump 2, ma con un'interfaccia grafica, e maggiori funzionalità di ordinamento e filtraggio. Permette all'utente di osservare tutto il traffico presente sulla rete utilizzando la modalità promiscua dell'adattatore di rete. Tipicamente si riferisce alle reti Ethernet anche se rende possibile l analisi di altri tipi di rete fisica. Wireshark è rilasciato sotto licenza Open Source. Wireshark riesce a "comprendere" la struttura di diversi protocolli di rete, è in grado di individuare eventuali incapsulamenti, riconosce i singoli campi e permette di interpretarne il significato. Con Wireshark: 2 tcpdump è un tool comune per il debug delle reti di computer che funziona a riga di comando. Consente all'utente di intercettare pacchetti e trasmissioni ad esempio nel protocollo TCP/IP condotti attraverso una rete al quale il computer è collegato. 6

9 È possibile analizzare dati acquisiti in tempo reale su una rete attiva ("from the wire"), come pure analizzare dati salvati precedentemente su file di cattura. I dati possono essere acquisiti su reti di diverso tipo quali, ad esempio, Ethernet, FDDI (Fiber Distributed Data Interface), PPP (Point to Point Protocol), Token Ring, IEEE e e IP classico su ATM (Asynchronous Transfer Mode). È possibile analizzare i dati sia tramite interfaccia grafica sia da linea di comando con il programma "tshark". I dati catturati su file possono essere facilmente modificati, convertiti o filtrati, tramite opzioni su riga di comando del programma "editcap". È possibile filtrare i dati da visualizzare, e utilizzare filtri di visualizzazione per colorare o evidenziare selettivamente le informazioni sommarie sui pacchetti. È possibile scomporre e analizzare centinaia di protocolli di comunicazione. Il software di cattura WinPcap 3, che in passato doveva essere scaricato separatamente, è ora compreso nel pacchetto. La versione a riga di comando, Ywireshark, permette di lavorare comodamente su sistemi Unix e Unix-like, ma è comunque disponibile anche su Windows. 3 WinPcap è una libreria Open Source per la cattura e l'analisi dei pacchetti. Include filtri per la cattura di pacchetti a livello kernel, a livello dinamico e a basso livello. Il software consiste in un driver che estende le funzionalità del sistema operativo per il controllo della rete a basso livello. 7

10 Approfondimenti Il sito ufficiale di Wireshark è consultabile al seguente link: Per quanto riguarda le metodologie di utilizzo del pacchetto, consultare: 8

11 Il Fingerprint Concludiamo questo bollettino con quella parte dell attacco denominata Fingerprint, che risulta essere l ultimo passo per la raccolta delle informazioni inerenti alla struttura di una rete. Nell utilizzare gli scanner di rete, come quelli descritti nel presente bollettino, una delle informazioni che risulta in assoluto più importanti è quella di individuare quale tipo di Sistema Operativo è installato sull host oggetto di scan. Il principio generale è che durante una trasmissione ciascun SO marca in maniera univoca ed inequivocabile il pacchetto dati, lasciando su di esso la propria impronta digitale. Nello specifico questo processo di identificazione tramite analisi dello stack TCP/IP, viene anche definito OS Detection e puo essere di due tipi: Stack Fingerprinting attivo Tramite l utilizzo di tool dedicati (Nmap, nessus, p0f) si procede all analisi del comportamento dello stack TCP/IP del sistema target Questo metodo permette essenzialmente di determinare, con accuratezza e con una certa velocità, la versione di sistema operativo in uso sull host remoto ma, d altro canto, genera del traffico facilmente individuabile dai sensori IDS. Stack Fingerprinting Passivo Questa tecnica si basa sul monitoraggio passivo del traffico di rete tra vari sistemi, per determinare le peculiarità di trasmissione e ricezione tra gli host e, di conseguenza, i sistemi operativi stessi. Tipologia di analisi dello stack Le analisi piu comuni per il controllo del comportamento dello stack tcp di un sistema, sono: 9

12 TTL analysys Analisi sul tempo di validità dei pacchetti inviati dall host; Tcp Window Size Analisi sulla grandezza delle finestre dei pacchetti tcp; DF Bit Analisi per rilevare la presenza del Don t fragment bit sui pacchetti inviati dall host. Alcuni sistemi operativi settano il Don t Fragment Bit per migliorare le performance di trasmissione; FIN Probe Si invia un pacchetto FIN su una porta aperta del sistema remoto, e si analizza la risposta. I sistemi windows NT e 2000 rispondono a questa particolare richiesta con un FIN/ACK; Bogus Flag Probe Si fissa nell header di un pacchetto TCP SYN un flag undefined. Alcuni sistemi operativi come Linux fissano lo stesso tipo di flag nei pacchetti di risposta; Initial Sequence Number (ISN) Sampling Lo scopo di questa analisi è quello di individuare il modo in cui viene trasmesso l ISN (Initial Sequence Number) dall host analizzato, dopo l inizio di una sequenza di trasmissione tcp, che varia a seconda del sistema operativo che forgia il pacchetto di risposta; TCP Initial Window Size Viene tracciata la grandezza della prima finestra di trasmissione tcp in risposta, che varia a seconda dell implementazione di sistema operativo; 10

13 Type Of Service (TOS) Per i messaggi di tipo ICMP port unreachable il TOS (Type Of Service) viene esaminato, difatti alcune implentazioni dello stack impostano il TOS a 0; Fragmentation Handling Si analizza il modo di gestire pacchetti tcp frammentati, in base al quale vengono evidenziate le differenze tra vari sistemi operativi; TCP Options Mandando uin pacchetto tcp con opzioni multiple impostate come MSS (Maximum Segment Size), window scale factor e timestamp impostato, è possibile, analizzando i pacchetti di risposta, fare delle ipotesi sul sistema operativo remoto; 11

Esercitazione 05. Sommario. Packet Filtering [ ICMP ] Esercitazione Descrizione generale. Angelo Di Iorio (Paolo Marinelli)

Esercitazione 05. Sommario. Packet Filtering [ ICMP ] Esercitazione Descrizione generale. Angelo Di Iorio (Paolo Marinelli) Sommario Esercitazione 05 Angelo Di Iorio (Paolo Marinelli)! Packet Filtering ICMP! Descrizione esercitazione! Applicazioni utili: " Firewall: wipfw - netfilter " Packet sniffer: wireshark!"#!$#!%&'$(%)*+,')#$-!"#!$#!%&'$(%)*+,')#$-

Dettagli

BOLLETTINO DI SICUREZZA INFORMATICA

BOLLETTINO DI SICUREZZA INFORMATICA STATO MAGGIORE DELLA DIFESA II Reparto Informazioni e Sicurezza Ufficio Sicurezza Difesa Sezione Gestione del Rischio CERT Difesa CC BOLLETTINO DI SICUREZZA INFORMATICA N. 5/2008 Il bollettino può essere

Dettagli

Esercitazione 5 Firewall

Esercitazione 5 Firewall Sommario Esercitazione 5 Firewall Laboratorio di Sicurezza 2015/2016 Andrea Nuzzolese Packet Filtering ICMP Descrizione esercitazione Applicazioni da usare: Firewall: netfilter Packet sniffer: wireshark

Dettagli

Elementi di Sicurezza e Privatezza Laboratorio 6 - Sniffing. Chiara Braghin chiara.braghin@unimi.it

Elementi di Sicurezza e Privatezza Laboratorio 6 - Sniffing. Chiara Braghin chiara.braghin@unimi.it Elementi di Sicurezza e Privatezza Laboratorio 6 - Sniffing Chiara Braghin chiara.braghin@unimi.it Sniffing (1) Attività di intercettazione passiva dei dati che transitano in una rete telematica, per:

Dettagli

Prof. Mario Cannataro Ing. Giuseppe Pirrò

Prof. Mario Cannataro Ing. Giuseppe Pirrò Prof. Mario Cannataro Ing. Giuseppe Pirrò Footprinting Scansione Enumerazione Exploit Controllo del sistema Raccolta di informazioni sull obbiettivo da attaccare. Determinare il profilo di protezione della

Dettagli

Introduzione ad hping

Introduzione ad hping Introduzione ad hping Andrea Lanzi, Davide Marrone, Roberto Paleari Università degli Studi di Milano Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica 10 gennaio 2007 Sommario

Dettagli

BOLLETTINO DI SICUREZZA INFORMATICA

BOLLETTINO DI SICUREZZA INFORMATICA STATO MAGGIORE DELLA DIFESA II Reparto Informazioni e Sicurezza Ufficio Sicurezza Difesa Sezione Gestione del Rischio CERT Difesa CC BOLLETTINO DI SICUREZZA INFORMATICA N. 3/2008 Il bollettino può essere

Dettagli

Il firewall ipfw. Introduzione ai firewall. Problema: sicurezza di una rete. Definizione di firewall. Introduzione ai firewall

Il firewall ipfw. Introduzione ai firewall. Problema: sicurezza di una rete. Definizione di firewall. Introduzione ai firewall Il firewall ipfw Introduzione ai firewall classificazione Firewall a filtraggio dei pacchetti informazioni associate alle regole interpretazione delle regole ipfw configurazione impostazione delle regole

Dettagli

Sommario. Modulo 8: Applicativi. Parte 3: Terminale remoto. Premessa Telnet SSH XWindows VNC RDP. Gennaio Marzo 2007

Sommario. Modulo 8: Applicativi. Parte 3: Terminale remoto. Premessa Telnet SSH XWindows VNC RDP. Gennaio Marzo 2007 Modulo 8: Applicativi Parte 3: Terminale remoto 1 Sommario Premessa Telnet SSH XWindows VNC RDP Reti di Calcolatori 2 1 Premessa Necessita : controllare a distanza un dispositivo attraverso la connessione

Dettagli

Introduzione. Scansione dei servizi di rete. Le porte (1) Internet Protocol. Le porte (2) Port Scanning. Cenni preliminari PortScan Satan Saint

Introduzione. Scansione dei servizi di rete. Le porte (1) Internet Protocol. Le porte (2) Port Scanning. Cenni preliminari PortScan Satan Saint Corso di sicurezza su reti a.a.2002/2003 Introduzione Scansione dei servizi Docente del corso: Prof. De Santis Alfredo A cura di: Miele Alessandro Pagnotta Simona Cenni preliminari PortScan Satan Saint

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Antonio Pescapè (pescape@unina.it) ICMP ARP RARP DHCP - NAT ICMP (Internet

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate protezione delle reti Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate FABIO GARZIA DOCENTE ESPERTO DI SECURITY UN FIREWALL PERIMETRALE È IL PUNTO CENTRALE DI DIFESA NEL PERIMETRO DI UNA RETE

Dettagli

Introduzione allo sniffing

Introduzione allo sniffing Università degli Studi di Milano Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Anno Accademico 2007/2008 Introduzione allo sniffing Roberto Paleari 2-4 Settembre 2008 Roberto Paleari Introduzione

Dettagli

Esercitazione 7 Sommario Firewall introduzione e classificazione Firewall a filtraggio di pacchetti Regole Ordine delle regole iptables 2 Introduzione ai firewall Problema: sicurezza di una rete Necessità

Dettagli

Sicurezza delle reti 1. Lezione IV: Port scanning. Stato di una porta. Port scanning. Mattia Monga. a.a. 2010/11

Sicurezza delle reti 1. Lezione IV: Port scanning. Stato di una porta. Port scanning. Mattia Monga. a.a. 2010/11 1 Mattia Lezione IV: Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it a.a. 2010/11 1 c 2011 M.. Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

Wireshark revealed. Dario Lombardo Linuxday Torino 2010

Wireshark revealed. Dario Lombardo Linuxday Torino 2010 Wireshark revealed Dario Lombardo Linuxday Torino 2010 Cos è wireshark É un network analyzer, cioè un software che permette l'analisi dei pacchetti che transitano in rete, con lo scopo di analizzarli Può

Dettagli

Sommario. Introduzione ai firewall. Firewall a filtraggio dei pacchetti. Il firewall ipfw. Definizione e scopo Classificazione

Sommario. Introduzione ai firewall. Firewall a filtraggio dei pacchetti. Il firewall ipfw. Definizione e scopo Classificazione Sesta Esercitazione Sommario Introduzione ai firewall Definizione e scopo Classificazione Firewall a filtraggio dei pacchetti Informazioni associate alle regole Interpretazione delle regole Il firewall

Dettagli

Il Sistema Operativo (1)

Il Sistema Operativo (1) E il software fondamentale del computer, gestisce tutto il suo funzionamento e crea un interfaccia con l utente. Le sue funzioni principali sono: Il Sistema Operativo (1) La gestione dell unità centrale

Dettagli

Ethereal A cura di Donato Emma demma@napoli.consorzio-cini.it

Ethereal A cura di Donato Emma demma@napoli.consorzio-cini.it Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Corso di Reti di Calcolatori Docente: Simon Pietro Romano spromano@unina.it Ethereal A cura di Donato Emma demma@napoli.consorzio-cini.it Protocol

Dettagli

Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base

Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base Sistema operativo Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base Architettura a strati di un calcolatore

Dettagli

Servizio Sistemi Informativi SPERIMENTAZIONE DI RETI PRIVATE VIRTUALI CON L'UTILIZZO DI SOFTWARE OPEN SOURCE

Servizio Sistemi Informativi SPERIMENTAZIONE DI RETI PRIVATE VIRTUALI CON L'UTILIZZO DI SOFTWARE OPEN SOURCE Servizio Sistemi Informativi SPERIMENTAZIONE DI RETI PRIVATE VIRTUALI CON L'UTILIZZO DI SOFTWARE OPEN SOURCE Redatto: Nucleo Gestione Innovazione e fornitori IT Versione: 1.0 Data emissione: 9/11/2006

Dettagli

Dal protocollo IP ai livelli superiori

Dal protocollo IP ai livelli superiori Dal protocollo IP ai livelli superiori Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Protocollo IP Abbiamo visto che il protocollo IP opera al livello di rete definendo indirizzi a 32 bit detti indirizzi IP che permettono

Dettagli

Network Scanning: Tecniche & Politiche

Network Scanning: Tecniche & Politiche Network Scanning: Tecniche & Politiche Gruppo 4 Sebastiano Vascon 788442 me@xwasco.com 1 Cos'è il Network Scanning? E' una tecnica utilizzata per analizzare i computer presenti su una rete. La utilizzano

Dettagli

Filtraggio del traffico IP in linux

Filtraggio del traffico IP in linux Filtraggio del traffico IP in linux Laboratorio di Amministrazione di Sistemi L-A Dagli appunti originali di Fabio Bucciarelli - DEIS Cos è un firewall? E un dispositivo hardware o software, che permette

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Laboratorio di Networking Operating Systems. Lezione 2 Principali strumenti di diagnostica

Laboratorio di Networking Operating Systems. Lezione 2 Principali strumenti di diagnostica Dipartimento di Informatica - Università di Verona Laboratorio di Networking Operating Systems Lezione 2 Principali strumenti di diagnostica Master in progettazione e gestione di sistemi di rete edizione

Dettagli

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI Confronto tra ISO-OSI e TCP/IP, con approfondimento di quest ultimo e del livello di trasporto in cui agiscono i SOCKET. TCP/IP

Dettagli

Uso di sniffer ed intercettazione del traffico IP

Uso di sniffer ed intercettazione del traffico IP Uso di sniffer ed intercettazione del traffico IP Massimo Bernaschi Istituto per le Applicazioni del Calcolo Mauro Picone Consiglio Nazionale delle Ricerche Viale del Policlinico, 137-00161 Rome - Italy

Dettagli

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software.

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software. Reti locati e reti globali Tecnologie: Reti e Protocolli Reti locali (LAN, Local Area Networks) Nodi su aree limitate (ufficio, piano, dipartimento) Reti globali (reti metropolitane, reti geografiche,

Dettagli

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET)

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso

Dettagli

ARP SPOOFING - Papaleo Gianluca

ARP SPOOFING - Papaleo Gianluca ARP SPOOFING - Papaleo Gianluca ARP spoofing è un attacco che può essere effettuato solo dall interno di una rete locale o LAN (Local Area Network). Questa tecnica si basa su alcune caratteristiche di

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Giovedì 15-05-2014 1 Protocolli a turno

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

hplinux sommario 7-11-2001 13:14 Pagina V Indice Introduzione

hplinux sommario 7-11-2001 13:14 Pagina V Indice Introduzione hplinux sommario 7-11-2001 13:14 Pagina V Indice Introduzione XIII Capitolo 1 Introduzione agli strumenti di sicurezza Open Source 1 Strumenti utilizzati negli esempi di questo libro 2 1.1 Licenza GPL

Dettagli

Sicurezza delle reti. Monga. Ricognizione. Scanning Network mapping Port Scanning NMAP. Le tecniche di scanning. Ping. Sicurezza delle reti.

Sicurezza delle reti. Monga. Ricognizione. Scanning Network mapping Port Scanning NMAP. Le tecniche di scanning. Ping. Sicurezza delle reti. 1 Mattia Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it Port Lezione IV: Scansioni Port a.a. 2011/12 1 c 2011 12 M.. Creative Commons Attribuzione-Condividi

Dettagli

Impostazione di un insieme di misure di sicurezza per la LAN di un ente di ricerca

Impostazione di un insieme di misure di sicurezza per la LAN di un ente di ricerca Università degli Studi Roma Tre Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Impostazione di un insieme di misure di sicurezza per la LAN di un

Dettagli

Il protocollo TCP. Obiettivo. Procedura

Il protocollo TCP. Obiettivo. Procedura Il protocollo TCP Obiettivo In questo esercizio studieremo il funzionamento del protocollo TCP. In particolare analizzeremo la traccia di segmenti TCP scambiati tra il vostro calcolatore ed un server remoto.

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica CL3 - Biotecnologie Orientarsi nel Web Prof. Mauro Giacomini Dott. Josiane Tcheuko Informatica - 2006-2007 1 Obiettivi Internet e WWW Usare ed impostare il browser Navigare in internet

Dettagli

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione I semestre 04/05 Comunicazione tra Computer Protocolli Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica 1

Dettagli

Firewall e NAT A.A. 2005/2006. Walter Cerroni. Protezione di host: personal firewall

Firewall e NAT A.A. 2005/2006. Walter Cerroni. Protezione di host: personal firewall Firewall e NAT A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Protezione di host: personal firewall Un firewall è un filtro software che serve a proteggersi da accessi indesiderati provenienti dall esterno della rete Può

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli

Protezione del Kernel Tramite Macchine Virtuali

Protezione del Kernel Tramite Macchine Virtuali Protezione del Kernel Tramite Macchine Virtuali Fabio Campisi Daniele Sgandurra Università di Pisa 27 Novembre 2007 1/44 Protezione del Kernel Tramite Macchine Virtuali Università di Pisa Sommario della

Dettagli

Reti. Reti. IPv4: concetti fondamentali. arp (address resolution protocol) Architettura a livelli (modello OSI)

Reti. Reti. IPv4: concetti fondamentali. arp (address resolution protocol) Architettura a livelli (modello OSI) Reti Architettura a livelli (modello OSI) Prevede sette livelli: applicazione, presentazione, sessione, trasporto, rete, collegamento dei dati (datalink), fisico. TCP/IP: si può analizzare in maniera analoga

Dettagli

Protocolli di Comunicazione

Protocolli di Comunicazione Protocolli di Comunicazione La rete Internet si è sviluppata al di fuori dal modello ISO-OSI e presenta una struttura solo parzialmente aderente al modello OSI. L'architettura di rete Internet Protocol

Dettagli

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica.

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica Fabio Burroni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena burronif@unisi unisi.itit La Sicurezza delle Reti La presentazione

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Livello di Rete Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose

Dettagli

Network Intrusion Detection

Network Intrusion Detection Network Intrusion Detection Maurizio Aiello Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Elettronica e di Ingegneria dell Informazione e delle Telecomunicazioni Analisi del traffico E importante analizzare

Dettagli

Setup dell ambiente virtuale

Setup dell ambiente virtuale Setup dell ambiente virtuale 1.1 L immagine per le macchine virtuali Il file mininet-vm-x86 64.qcow è l immagine di una memoria di massa su cui è installato un sistema Linux 3.13 Ubuntu 14.04.1 LTS SMP

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

2. Strutture dei Sistemi Operativi

2. Strutture dei Sistemi Operativi 1 2. Strutture dei Sistemi Operativi Quali servizi un generico sistema operativo mette a disposizione degli utenti, e dei programmi che gli utenti vogliono eseguire? interfaccia col sistema operativo stesso

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

Transmission Control Protocol

Transmission Control Protocol Transmission Control Protocol Franco Callegati Franco Callegati IC3N 2000 N. 1 Transmission Control Protocol - RFC 793 Protocollo di tipo connection-oriented Ha lo scopo di realizzare una comunicazione

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

Esercitazione 05. Sommario. Packet Filtering [ ICMP ] Esercitazione Descrizione generale. Angelo Di Iorio

Esercitazione 05. Sommario. Packet Filtering [ ICMP ] Esercitazione Descrizione generale. Angelo Di Iorio Sommario Esercitazione 05 Angelo Di Iorio Packet Filtering ICMP Descrizione esercitazione Applicazioni utili: Firewall: wipfw - netfilter Packet sniffer: wireshark ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA

Dettagli

Protocolli di Sessione TCP/IP: una panoramica

Protocolli di Sessione TCP/IP: una panoramica Protocolli di Sessione TCP/IP: una panoramica Carlo Perassi carlo@linux.it Un breve documento, utile per la presentazione dei principali protocolli di livello Sessione dello stack TCP/IP e dei principali

Dettagli

Software per la gestione delle stampanti MarkVision

Software per la gestione delle stampanti MarkVision Software e utilità per stampante 1 Software per la gestione delle stampanti MarkVision In questa sezione viene fornita una breve panoramica sul programma di utilità per stampanti MarkVision e sulle sue

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

VPN RETI PRIVATE VIRTUALI: ACCESSO REMOTO

VPN RETI PRIVATE VIRTUALI: ACCESSO REMOTO TERMINAL SERVER E XSERVER VPN RETI PRIVATE VIRTUALI: ACCESSO REMOTO Fondazione dell'ordine degli Ingegneri della Provincia di Milano Commissione per l'ingegneria dell'informazione ing. Gianluca Sironi

Dettagli

L architettura di TCP/IP

L architettura di TCP/IP L architettura di TCP/IP Mentre non esiste un accordo unanime su come descrivere il modello a strati di TCP/IP, è generalmente accettato il fatto che sia descritto da un numero di livelli inferiore ai

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 8 -

Informatica per la comunicazione - lezione 8 - Informatica per la comunicazione - lezione 8 - I multipli 1 KB (kilo) = 1000 B 1 MB (mega) = 1 mln B 1 GB (giga) = 1 mld B 1 TB (tera) = 1000 mld B Codifica binaria dei numeri Numerazione con base 10:

Dettagli

La VPN con il FRITZ!Box Parte I. La VPN con il FRITZ!Box Parte I

La VPN con il FRITZ!Box Parte I. La VPN con il FRITZ!Box Parte I La VPN con il FRITZ!Box Parte I 1 Introduzione In questa mini-guida illustreremo come realizzare un collegamento tramite VPN(Virtual Private Network) tra due FRITZ!Box, in modo da mettere in comunicazioni

Dettagli

Reti e Internet: introduzione

Reti e Internet: introduzione Facoltà di Medicina - Corso di Laurea in Logopedia Corso di Informatica III anno Prof. Crescenzio Gallo Reti e Internet: introduzione c.gallo@unifg.it Reti e Internet: argomenti Tipologie di reti Rete

Dettagli

Sicurezza negli ambienti di testing. Grancagnolo Simone Palumbo Claudio

Sicurezza negli ambienti di testing. Grancagnolo Simone Palumbo Claudio Sicurezza negli ambienti di testing Grancagnolo Simone Palumbo Claudio Obiettivo iniziale: analizzare e testare il Check Point VPN-1/FireWall-1 Condurre uno studio quanto più approfondito possibile sulle

Dettagli

Struttura di un sistema operativo. Struttura dei Sistemi Operativi. Servizi per l utente generico. Servizi per l utente generico

Struttura di un sistema operativo. Struttura dei Sistemi Operativi. Servizi per l utente generico. Servizi per l utente generico Impossibile visualizzare l'immagine. Struttura di un sistema operativo Struttura dei Sistemi Operativi Servizi di un sistema operativo Interfaccia Utente Capitolo 2 -- Silberschatz Chiamate di sistema

Dettagli

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità Standard: OSi vs TCP/IP Application Presentation Session NFS XDR RPC Telnet, FTP SMTP, HTTP SNMP, DNS RTP,... Protocolli per la comunicazione tra applicativi: le raisons d etre della rete Transport TCP

Dettagli

University of Modena and Reggio Emilia. Laboratorio di Comunicazioni Multimediali WIRESHARK. Daniela Saladino (daniela.saladino@unimore.

University of Modena and Reggio Emilia. Laboratorio di Comunicazioni Multimediali WIRESHARK. Daniela Saladino (daniela.saladino@unimore. University of Modena and Reggio Emilia Laboratorio di Comunicazioni Multimediali WIRESHARK Daniela Saladino (daniela.saladino@unimore.it) Analizzatore di protocollo Cattura i pacchetti, decodifica e analizza

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 4

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 4 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) Software di rete Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Se i protocolli

Dettagli

Capitolo 2 -- Silberschatz

Capitolo 2 -- Silberschatz Struttura dei Sistemi Operativi Capitolo 2 -- Silberschatz Struttura di un sistema operativo Servizi di un sistema operativo Interfaccia Utente Chiamate di sistema Tipi di chiamate Programma di sistema

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 1 Sistema software 1 Prerequisiti Utilizzo elementare di un computer Significato elementare di programma e dati Sistema operativo 2 1 Introduzione In questa Unità studiamo

Dettagli

FIREWALL: LA PROTEZIONE PER GLI ACCESSI ESTERNI

FIREWALL: LA PROTEZIONE PER GLI ACCESSI ESTERNI FIREWALL VPN RETI PRIVATE VIRTUALI: ACCESSO REMOTO Fondazione dell'ordine degli Ingegneri della Provincia di Milano Commissione per l'ingegneria dell'informazione ing. Gianluca Sironi FIREWALL: LA PROTEZIONE

Dettagli

IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico

IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico IP e subnetting Ip IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico come nel caso del MAC Address) una

Dettagli

Indice I rischi: introduzione alle reti connesse a Internet Le reti e il protocollo TCP/IP

Indice I rischi: introduzione alle reti connesse a Internet Le reti e il protocollo TCP/IP Indice Capitolo 1 I rischi: introduzione alle reti connesse a Internet 1 1.1 Il virus Worm 3 1.2 Lo stato della rete nel 2002 9 1.3 Cos è Internet 10 1.4 La commutazione di pacchetti: la base della maggior

Dettagli

,QGLYLGXD]LRQHGHLQRGLSURPLVFXLVXUHWL7RNHQULQJ FRQO DXVLOLRGLSDFFKHWWL$53. ing. Roberto Larcher webteca.altervista.

,QGLYLGXD]LRQHGHLQRGLSURPLVFXLVXUHWL7RNHQULQJ FRQO DXVLOLRGLSDFFKHWWL$53. ing. Roberto Larcher webteca.altervista. ,QGLYLGXD]LRQHGHLQRGLSURPLVFXLVXUHWL7RNHQULQJ FRQO DXVLOLRGLSDFFKHWWL$53 ing. Roberto Larcher webteca.altervista.org febbraio 2004 ,QWURGX]LRQH La possibilità di individuare i nodi di una rete locale che

Dettagli

Software. Definizione, tipologie, progettazione

Software. Definizione, tipologie, progettazione Software Definizione, tipologie, progettazione Definizione di software Dopo l hardware analizziamo l altra componente fondamentale di un sistema di elaborazione. La macchina come insieme di componenti

Dettagli

Sicurezza delle reti. Monga. Il livello di trasporto. Problemi di sicurezza intrinseci. Riassunto. Porte. Sicurezza delle reti.

Sicurezza delle reti. Monga. Il livello di trasporto. Problemi di sicurezza intrinseci. Riassunto. Porte. Sicurezza delle reti. 1 Mattia Lezione III: I protocolli di base Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it a.a. 2010/11 1 c 2011 M.. Creative Commons Attribuzione-Condividi

Dettagli

Installazione del software Fiery per Windows e Macintosh

Installazione del software Fiery per Windows e Macintosh 13 Installazione del software Fiery per Windows e Macintosh Il CD del Software per l utente comprende le utilità di installazione di Fiery Link. Il software di utilità Fiery è supportato in Windows 95/98,

Dettagli

Internet Architettura del www

Internet Architettura del www Internet Architettura del www Internet è una rete di computer. Il World Wide Web è l insieme di servizi che si basa sull architettura di internet. In una rete, ogni nodo (detto host) è connesso a tutti

Dettagli

10. Stratificazione dei protocolli

10. Stratificazione dei protocolli 10. Stratificazione dei protocolli 10.1. Introduzione Abbiamo visto la struttura dell'internet. Ora dobbiamo esaminare la struttura del restante software di comunicazione, che è organizzato secondo il

Dettagli

SARA. Software per scansioni

SARA. Software per scansioni SARA Software per scansioni Introduzione: perché le scansioni I sistemi operativi installano servizi che non si usano Non tutti sanno cosa sta girando sul proprio calcolatore Non tutti sanno su quali porte

Dettagli

I protocolli UDP e TCP

I protocolli UDP e TCP I protocolli UDP e TCP A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il livello di trasporto in Internet APP. APP. TCP UDP IP collegamento logico tra diversi processi applicativi collegamento logico tra diversi host IP

Dettagli

Accesso Remoto: Che cos'è Q uali programmi si utilizzano Come si effettua (teoria) Q uando è utile

Accesso Remoto: Che cos'è Q uali programmi si utilizzano Come si effettua (teoria) Q uando è utile Accesso Remoto Accesso Remoto: Che cos'è Q uali programmi si utilizzano Come si effettua (teoria) Q uando è utile Che cos'è Possibilità di accedere ai processi residenti su un altro computer da una postazione

Dettagli

Allegato Tecnico. Progetto di Analisi della Sicurezza

Allegato Tecnico. Progetto di Analisi della Sicurezza Allegato Tecnico Progetto di Analisi della Sicurezza Obiettivo E richiesta dal cliente un analisi della sicurezza reti/sistemi del perimetro internet ed un analisi della sicurezza interna relativa al sistema

Dettagli

TCP: trasmissione Source port [16 bit] - Identifica il numero di porta sull'host mittente associato alla connessione TCP. Destination port [16 bit] - Identifica il numero di porta sull'host destinatario

Dettagli

Introduzione a Wireshark Andrea Atzeni < shocked@polito.it > Marco Vallini < marco.vallini@polito.it >

Introduzione a Wireshark Andrea Atzeni < shocked@polito.it > Marco Vallini < marco.vallini@polito.it > Introduzione a Wireshark Andrea Atzeni < shocked@polito.it > Marco Vallini < marco.vallini@polito.it > Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Introduzione intercettare traffico diretto alla

Dettagli

Esercitazione su Windows. Introduzione al calcolatore Introduzione a Windows

Esercitazione su Windows. Introduzione al calcolatore Introduzione a Windows Esercitazione su Windows Introduzione al calcolatore Introduzione a Windows Sistemi Operativi Moderni Multi-Utente Multi-Processo Strutturati a Cipolla Dispongono di Interfaccia Grafica (GUI) oltre che

Dettagli

Programmazione modulare 2014-2015

Programmazione modulare 2014-2015 Programmazione modulare 2014-2015 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 5 A e 5 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore (2 teoria + 2 laboratorio) Totale ore previste:

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 5 Giovedì 19-03-2015 1 Intensità del traffico e perdita dei pacchetti La componente

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

PACKET TRACER 4.0 Cisco Networking Academy Program

PACKET TRACER 4.0 Cisco Networking Academy Program PACKET TRACER 4.0 Cisco Networking Academy Program 1.0 Cosa è Packet Tracer? Packet Tracer (PT) è uno software didattico distribuito liberamente agli studenti ed istruttori del Programma Cisco Networking

Dettagli

Il protocollo IP (Internet Protocol)

Il protocollo IP (Internet Protocol) Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Il protocollo IP (Internet Protocol) -Servizi offerti da IP -Formato del pacchetto IP 1 Il servizio di comunicazione offerto da IP Connectionless

Dettagli

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 1 richiami SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 1 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Laboratorio di Informatica SOFTWARE Francesco Tura francesco.tura@unibo.it 1 Le componenti del calcolatore: HARDWARE E SOFTWARE HARDWARE parti che compongono fisicamente il calcolatore componente multifunzionale

Dettagli

BOLLETTINO DI SICUREZZA INFORMATICA

BOLLETTINO DI SICUREZZA INFORMATICA STATO MAGGIORE DELLA DIFESA II Reparto Informazioni e Sicurezza Ufficio Sicurezza Difesa Sezione Gestione del Rischio CERT Difesa CC BOLLETTINO DI SICUREZZA INFORMATICA N. 6/2008 Il bollettino può essere

Dettagli

Laboratorio del corso Progettazione di Servizi Web e Reti di Calcolatori Politecnico di Torino AA 2014-15 Prof. Antonio Lioy

Laboratorio del corso Progettazione di Servizi Web e Reti di Calcolatori Politecnico di Torino AA 2014-15 Prof. Antonio Lioy Laboratorio del corso Progettazione di Servizi Web e Reti di Calcolatori Politecnico di Torino AA 2014-15 Prof. Antonio Lioy Soluzioni dell esercitazione n. 2 a cura di Giacomo Costantini 19 marzo 2014

Dettagli