I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese"

Transcript

1 I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro

2 EXECUTIVE SUMMARY 2

3 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di 1018 giovani di età compresa tra i 15 e i 29 anni rappresentativi della popolazione giovanile italiana, 1019 adulti con figli di età compresa tra i 15 e i 29 anni e un gruppo selezionato di 30 aziende. Attraverso la somministrazione di un questionario strutturato a domande chiuse, è stato possibile approfondire le opinioni di giovani, adulti e referenti aziendali relativamente a quattro aree di indagine: situazione professionale dei giovani; orientamento e ricerca del lavoro; rappresentazioni del lavoro con un focus sulle professioni manuali; apprendistato. Perché è importante fare una ricerca sul tema Giovani e Lavoro La scelta di dedicare una ricerca al tema Giovani e Lavoro si basa su alcune considerazioni e dati di contesto: la difficile situazione del mercato del lavoro italiano che nel caso dei giovani (15-29 anni) risulta ancor più critica con un tasso di disoccupazione al 20,5% che sale al 29,1% per la fascia di età anni nell anno 2011 (Rapporto annuale 2012, Istat); il paradosso del mercato del lavoro italiano che vede, pur in presenza di una disoccupazione elevata, il permanere di mestieri trascurati (soprattutto con riferimento al lavoro manuale/artigianale) per i quali si registra una cronica carenza di offerta di figure professionali; il ruolo giocato dai genitori nell influenzare le scelte di lavoro dei giovani, ruolo ancor più significativo nel nostro Paese come conseguenza della permanenza prolungata dei figli nella famiglia di origine. Le caratteristiche del campione Con riferimento alla situazione professionale, la maggior parte dei rispondenti ha già lavorato e, in particolare, quasi la metà dichiara di aver fatto dei lavori occasionali. Solo 1 giovane su 6 non ha mai avuto esperienze lavorative. Considerando la situazione attuale, la maggior parte del campione è studente e tra gli studenti poco più di un quarto è nella condizione di studente lavoratore. Va altresì notato come 2 giovani su 10 non lavorino (fra chi non lavora sono compresi: disoccupati, in cerca di prima occupazione e NEET- Not in Education, Employment or Training). Circa un terzo dei giovani dichiara di avere un contratto a tempo indeterminato, quasi la metà del campione è formato da chi ha una qualche forma contrattuale flessibile e da chi ha un contratto a tempo determinato. Quanto i giovani sono soddisfatti del loro lavoro Gli aspetti del lavoro per i quali i giovani italiani occupati si dimostrano più soddisfatti fanno riferimento alla sfera relazionale, legata ai rapporti interpersonali: il 78,3% colloca al primo posto per livello di soddisfazione il rapporto con i colleghi e quello con i capi (voto medio 7,1). Al secondo posto si trovano gli aspetti espressivi del lavoro, relativi all auto-realizzazione, per i quali risultano soddisfatti il 53,9% dei rispondenti (voto medio 6,0). Il 55,1% si dichiara soddisfatto dagli aspetti strumentali vale a dire dalle condizioni oggettive del lavoro (voto medio 5,9). All ultimo posto, ma comunque con una percentuale di poco inferiore, si collocano i fattori legati all achievement inerenti il prestigio e la carriera per i quali si dichiara soddisfatto il 51,9% dei rispondenti (voto medio 5,8). Le aspettative che i giovani italiani avevano prima di iniziare a lavorare risultano soddisfatte, attestandosi intorno a valori medio-bassi, con la sola eccezione della retribuzione dove prevalgono 3

4 (46,6%) quelli che si aspettavano di più. La situazione più critica emerge per quanto riguarda la possibilità di fare carriera: la maggior parte del campione dichiara che le aspettative (basse) che aveva sono in linea con quanto trovato nella realtà. Significativo appare il fatto che la maggioranza relativa dei giovani (41,8%) stia pensando di cambiare lavoro perché considera il lavoro che sta svolgendo come provvisorio. I giovani occupati sono soddisfatti del loro lavoro, anche se non si aspettano molto (soprattutto su carriera e retribuzione). La soddisfazione è alta sulle relazioni con capi e colleghi, più bassa sulle condizioni di lavoro ad esempio sicurezza del posto e retribuzione, bassissima sulle possibilità di carriera. Come e con chi i giovani scelgono cosa fare da grandi e cercano lavoro I giovani sembrano non avere dubbi su chi conta quando si tratta di compiere scelte importanti: l 85,3% vede in se stesso l attore principale nelle decisioni riguardanti la scelta del proprio percorso scolastico e lavorativo. Seguono, indicati da più della metà del campione (57,2%), i genitori, a conferma del ruolo importante giocato da quest ultimi nell influenzare le scelte significative dei propri figli. Per capire cosa fare da grande, quasi due terzi dei giovani italiani riconosce l importanza, da un lato, dei servizi forniti dalle scuole e università (65,4%) e, dall altro, dello stage svolto in azienda durante il periodo scolastico (64,2%). Seguono i servizi atti a comprendere il funzionamento del mondo del lavoro nella duplice declinazione: incontri per capire come funziona il mondo del lavoro e quali sono i lavori più richiesti (59,1%) e informazioni specifiche sui diversi tipi di contratto per i giovani (58,4%). I genitori sembrano esprimere una maggiore fiducia verso gli strumenti di orientamento che ottengono, infatti, voti medi più alti di quelli dati dai giovani. Le aziende hanno un atteggiamento ancora più positivo di quello espresso dai genitori: tutti gli strumenti, ad eccezione dei test per capire quale è il lavoro migliore e dei consigli dei genitori, ricevono, infatti, un voto positivo. Interessante osservare che giovani, genitori e aziende collocano ai primi tre posti gli stessi strumenti ma le aziende esprimono una maggiore convinzione riguardo alla loro efficacia particolarmente evidente per quanto riguarda lo stage in azienda durante il percorso scolastico (voto medio 8,9 aziende vs 6,2 giovani vs 6,8 genitori) e i servizi di Scuole/Università (voto medio 8,2 aziende vs 6,2 giovani vs 6,4 genitori). Il 79,1% del campione di giovani considera come strumento più efficace per trovare lavoro chiedere l aiuto di una persona potente e questo senza differenze di genere, area geografica, titolo di studio, tipologia contrattuale e condizione lavorativa. Al secondo posto, il 66,7% del campione indica come canale efficace chiedere l aiuto di parenti, amici e conoscenti. Si posizionano tra il terzo e il quarto posto, con una percentuale tra il 61% e il 63%, gli strumenti che richiedono un comportamento proattivo nella ricerca del lavoro come rispondere ad un annuncio, scrivere direttamente all azienda o inviare spontaneamente il curriculum e utilizzare siti internet specializzati. Da segnalare che il 55,5% del campione ritiene efficace avviare una propria attività. Tra i canali formali per la ricerca del lavoro, i giovani considerano più efficaci le agenzie del lavoro (51,2%) rispetto all ufficio di collocamento/centri per l impiego pubblici (40,7%). Contrariamente a quanto emerso per gli strumenti di orientamento, i genitori assegnano punteggi più bassi rispetto ai giovani a quasi tutti gli strumenti di ricerca del lavoro. 4

5 Gli unici aiuti che per i genitori meritano un voto superiore alla sufficienza sono chiedere l aiuto di una persona potente considerato, comunque, meno efficace rispetto ai giovani (voto medio 6,4 genitori vs 7,5 giovani) e scrivere direttamente all azienda o inviare spontaneamente il curriculum a cui i genitori attribuiscono una maggiore utilità rispetto ai giovani (voto medio 6,4 genitori vs 6,1 giovani). Sono soprattutto le aziende ad esprimere una maggiore fiducia verso gli strumenti che richiedono la messa in atto di comportamenti proattivi quali rispondere ad un annuncio (voto medio 8,3 aziende vs 6,0 giovani vs 5,6 genitori), usare siti internet specializzati (voto medio 8,3 aziende vs 6,0 giovani vs 5,6 genitori), cercare lavoro attraverso i social network (voto medio 7,4 aziende vs 4,2 giovani vs 4,3 genitori). Minore efficacia, al contrario, è assegnata dai referenti aziendali alle reti informali quali chiedere l aiuto di una persona potente (voto medio 5,6 aziende vs 7,5 giovani vs 6,4 genitori) o di parenti, amici e conoscenti (voto medio 5,4 aziende vs 6,3 giovani vs 5,5 genitori) o dei genitori (voto medio 4,2 aziende vs 5,2 giovani vs 5,3 genitori). Rispetto agli attori di intermediazione le aziende riconoscono una maggiore importanza alle agenzie per il lavoro (voto medio 7,4 aziende vs 5,4 giovani vs 5,3 genitori) mentre perdono ulteriormente di efficacia gli uffici di collocamento/centri per l impiego pubblici (voto medio 2,7 aziende vs 4,8 giovani vs 4,5 genitori). Le aziende, più dei giovani e dei genitori, riconoscono il ruolo positivo che scuola e università svolgono nell intermediazione con il mercato del lavoro assegnando una efficacia maggiore sia ai loro servizi sia all aiuto dei professori. Infine, può essere osservato che tutti i soggetti intervistati imprese, genitori e giovani - concordano nel non ritenere efficace un atteggiamento di totale passività, collocando all ultimo posto della classifica l item aspettare di essere chiamato per un offerta di lavoro perché tutti gli altri strumenti non servono. Le scelte professionali dei giovani sono il risultato di un lavoro di squadra : genitori, scuola/università ed eventuali stage (imprese) danno un contributo significativo. Per trovare lavoro, i giovani ritengono importanti le reti di conoscenze ; genitori e soprattutto imprese danno maggior peso a fattori più formali come ad esempio annunci e siti internet specializzati. I giovani sono disposti a trasferirsi per motivi di lavoro? I giovani italiani dimostrano, anche, una grande apertura verso la mobilità geografica: circa l 85% si dichiara, infatti, disponibile a trasferirsi per motivi di lavoro. Più precisamente il 39,6% è disponibile ad una mobilità geografica interna, il 18,1% prende in considerazione l ipotesi di trasferirsi in un Paese dell Unione Europea e il 17,2% in un Paese extra-europeo economicamente sviluppato. Da segnalare, infine, che il 7,4% si dichiara disponibile a trasferirsi in un Paese in via di sviluppo (Africa, India, Cina, etc.). I genitori si dimostrano più propensi dei giovani a consigliare un trasferimento per lavoro (89,2% genitori vs 84,7% giovani) indicando, in termini di aree geografiche, con convinzione doppia rispetto ai giovani, un Paese dell Unione Europea (34,9% genitori vs 18,1% giovani). I Paesi in via di sviluppo sono considerati ancor meno attrattivi: i genitori che consiglierebbero ai figli di trasferirsi in tali Paesi sono la metà dei giovani disposti a farlo (3,6% genitori vs 7,4% giovani). Rispetto ai tre target intervistati, le aziende sono decisamente più favorevoli alla mobilità geografica per motivi professionali: tutte, senza alcuna eccezione, consiglierebbero a un giovane di trasferirsi per motivi di lavoro. In termini di aree geografiche, la meta che raccoglie il maggior numero di consensi da parte dei referenti aziendali sono i Paesi extra-europei in via di sviluppo (43,3%), destinazione che registrava, come visto, il minor 5

6 gradimento di giovani e genitori. Nessuna azienda, infine, consiglierebbe un trasferimento all interno del nostro Paese. I giovani dichiarano di essere disposti a trasferirsi per motivi di lavoro e sono sostenuti in questo dai genitori. Sulle destinazioni le divergenze sono alte: i giovani e i genitori scelgono l Italia e l Europa, le imprese consigliano i Paesi in via di sviluppo. Il valore e il senso del lavoro Nelle priorità di valore dei giovani italiani si conferma al vertice della gerarchia la sfera degli affetti, sfera che include prioritariamente famiglia e partner, segnalando una propensione verso una socialità che tende a non includere gli amici, posti comunque in posizione più importante rispetto al lavoro. In secondo ordine si pone la sfera del dovere nella declinazione di lavoro e studio. Segue quella del tempo libero che riceve un valore di poco inferiore alla sfera del dovere, confermando l importanza attribuita dalle nuove generazioni al divertimento e alla molteplicità di interessi extra-lavorativi, senza tuttavia che trovi conferma lo stereotipo che dipinge i giovani come attenti solo al divertimento e focalizzati sul presente. Per i giovani italiani l impegno sociale risulta ridimensionato nella sua importanza essendo le cose fondamentali sempre più legate alla sfera della socialità ristretta delle relazioni affettive. Per i giovani il lavoro rappresenta soprattutto la possibilità di portare a casa uno stipendio (41,7%) seguito in seconda battuta dall occasione di realizzazione personale (36,3%). Appare evidente da parte dei giovani la centratura del senso del lavoro attorno agli elementi strumentali. Da segnalare, in controtendenza, le donne, i laureati, i lavoratori autonomi e i giovani con un contratto flessibile che mettono al primo posto l occasione di realizzazione personale (43,7% donne, 42,6% laureati, 47,8% autonomo, 40,7% flessibile ). Per i giovani il lavoro rimane importante, superato solo da una sfera degli affetti estremamente ristretta (famiglia e partner). In questa situazione di crisi, i giovani lavorano per portare a casa uno stipendio più che per realizzare se stessi. 6

7 Il lavoro dei miei sogni Quando si immagina il lavoro dei sogni il 27,8% del campione pensa al settore pubblico che risulta, quindi, occupare il primo posto nella graduatoria del lavoro ideale dei giovani italiani. Seguono a pari merito la multinazionale (16,6%) e l avvio di una propria attività imprenditoriale (16,6%). Al terzo posto si colloca la libera professione (14,8%) seguita dalla grande impresa italiana (12,9%). Le piccole/medie imprese registrano una bassa preferenza (6,8%) così come il terzo settore (4,5%). I genitori fanno sogni diversi quando immaginano il lavoro ideale dei propri figli mettendo al primo posto l impresa multinazionale (25,9% genitori vs 16,6% giovani). Inoltre, i genitori auspicherebbero meno dei giovani un lavoro imprenditoriale nella duplice declinazione di libero professionista e di imprenditore. Anche per i genitori la piccola/media impresa risulta poco attrattiva pur ricevendo una preferenza maggiore di quanto manifestato dai giovani (9,4% genitori vs 6,8% giovani). Il terzo settore è fanalino di coda per entrambi i campioni. Pensando ai fattori importanti del lavoro, per i giovani contano in primo luogo gli aspetti relazionali (voto medio 7,9) e quelli strumentali legati alle condizioni oggettive (voto medio 7,8). Quando queste dimensioni sono soddisfatte, l attenzione si pone sugli aspetti espressivi legati all auto-realizzazione (voto medio 7,4). Minore importanza hanno, nelle preferenze dei giovani italiani, gli aspetti di achievement legati al prestigio della professione e alla carriera (voto medio 7,2), che quindi non hanno una grande presa sul nostro campione. Non stupisce il fatto che gli aspetti legati al bilanciamento tra lavoro e vita (work-life balance) occupino l ultimo posto della classifica (voto medio 7,0): nell attuale situazione di crisi, i giovani sono consapevoli che la preoccupazione di garantirsi un equilibrio tra i diversi ambiti della propria esistenza si pone solo dopo aver trovato un lavoro sicuro, confortevole da un punto di vista delle relazioni interpersonali e, se possibile, coerente con i propri bisogni di autorealizzazione. Nel dettaglio, quasi il 90% dei giovani ritiene che ai primi tre posti degli aspetti importanti del lavoro ci siano: la sicurezza del posto di lavoro (voto medio 8,2), fare cose che mi interessano (voto medio 8,1) e la possibilità di migliorare sia la retribuzione/stipendio sia il tipo di lavoro (voto medio 8,0). Tra gli aspetti di achievement, i giovani sono più sensibili alla possibilità di crescita professionale (voto medio 7,9) e alla possibilità di fare carriera (voto medio 7,8), mentre minore importanza viene attribuita agli aspetti legati al prestigio lavorare per un azienda di successo (voto medio 6,7) e fare un lavoro considerato importante dalla maggior parte delle persone (voto medio 6,2). Genitori e giovani risultano allineati rispetto all ordine di importanza da dare ai diversi aspetti considerati: relazionali, strumentali, espressivi, di achievement e work-life balance. Escludendo i fattori legati al work life balance, i genitori attribuiscono più importanza dei giovani a tutti gli aspetti, con particolare enfasi sugli aspetti espressivi del lavoro (voto medio 7,9 genitori vs 7,4 giovani) come ad esempio fare cose che lo interessano (voto medio 8,7 genitori vs 8,1 giovani) o fare il lavoro per cui ha studiato (voto medio 7,7 genitori vs 7,1 giovani). Da osservare, infine, come la sicurezza del posto di lavoro, pur importante, si collochi solo al terzo posto nelle preferenze dei genitori. Le aziende attribuiscono una minore importanza a tutti agli aspetti considerati e, in particolare, assegnano una valutazione insufficiente agli aspetti strumentali (voto medio 5,6 aziende vs 7,8 giovani vs 8,0 genitori) e a quelli di work-life balance (voto medio 4,1 aziende vs 7,0 giovani vs 6,8 genitori). Gli aspetti di achievement risultano più importanti per le aziende (voto medio 6,8) rispetto agli strumentali (voto medio 5,6). Questi ultimi si collocano infatti al penultimo posto, mentre per i giovani e i genitori si collocano, come visto, al secondo. Da segnalare che la sicurezza del posto di lavoro si colloca solo al 16 posto nelle risposte dei referenti aziendali con un voto insufficiente (voto medio 4,7 aziende vs 8,2 giovani vs 8,4 genitori). La ricerca conferma lo stereotipo negativo nei confronti del lavoro manuale: la stragrande maggioranza dei giovani considera negativamente questa tipologia di occupazione che l indagine associa ai seguenti 7

8 aspetti: lavorare con le mani, svolgere un lavoro dove posso creare con le mani qualcosa di tangibile, svolgere un lavoro dove non ci sia bisogno di concentrarsi ma serva principalmente forza fisica. Solo il 39,8% del campione, infatti, esprime un voto positivo (6 o più) relativamente a tali aspetti. Anche nel caso dei genitori e delle aziende pare confermato lo stereotipo negativo nei confronti di questa tipologia di attività, stereotipo che risulta radicato soprattutto nella percezione dei referenti aziendali che esprimono una propensione verso il lavoro manuale ancor più negativa rispetto a giovani e genitori (voto medio 3,3 aziende vs 5,2 giovani vs 5,0 genitori). Il lavoro ideale dei giovani è soprattutto nel settore pubblico; i genitori, invece, privilegiano la multinazionale e sconsigliano l auto-imprenditorialità. Le piccole e medie imprese sono poco allettanti sia per i giovani che per i genitori. Gli elementi chiave del lavoro ideale, per giovani e genitori, sono: buone relazioni, sicurezza del posto e contenuti interessanti; crolla l idea di giovane rampante. Il lavoro manuale si conferma un male necessario. Cosa è ritenuto importante per trovare lavoro e fare carriera I giovani italiani considerano fattori meritocratici (voto medio 7,0) e non meritocratici (voto medio 7,1) ugualmente importanti per trovare lavoro. Quasi il 90% del campione crede che il fattore più importante sia la perseveranza ( non arrendersi nella ricerca del lavoro ), aspetto che anche genitori e imprese collocano al primo posto nella loro classifica come ordine di importanza. I fattori che possono, nell opinione dei giovani, aiutare ad accorciare i tempi o a rendere meno difficoltoso il cammino sono a pari merito (voto medio 7,7): la fortuna, le raccomandazioni, la conoscenza di persone potenti e il sapersi presentare bene. Genitori e aziende, al contrario dei giovani, credono nel primato della meritocrazia collocando nella prima metà della loro classifica solo fattori meritocratici ad eccezione della fortuna per quanto riguarda i genitori (unico fattore non meritocratico a posizionarsi tra i primi posti) e della coerenza con i propri valori/non accettare compromessi per le aziende (unico fattore meritocratico collocato nella seconda metà della classifica). Rispetto ai giovani, i genitori e ancor più le aziende assegnano una minore importanza agli aiuti di natura relazionale quali raccomandazioni (voto medio 5,2 aziende vs 7,7 giovani vs 6,5 genitori) e conoscenza di persone potenti (voto medio 5,4 aziende vs 7,7 giovani vs 6,6 genitori). Da notare come, in termini di graduatoria, le competenze siano considerate centrali soprattutto dai genitori che le collocano al secondo posto della loro classifica, a differenza dei giovani che le posizionano al terzo e ancor più dei referenti aziendali che le considerano solo al quinto posto. Appare interessante notare, inoltre, il maggior peso - rispetto a giovani e aziende che i genitori assegnano alla creatività (voto medio 7,7 genitori vs 6,7 giovani vs 7,2 aziende) e alla coerenza rispetto ai propri valori (voto medio 7,4 genitori vs 6,0 giovani vs 6,0 aziende). Genitori e aziende dimostrano, infine, di credere nell importanza di disporre di un titolo di studio adeguato più di quanto non facciano i giovani (voto medio 7,0 giovani vs 8,0 genitori vs 8,3 aziende). I giovani italiani considerano fattori meritocratici (voto medio 7,1) e non meritocratici (voto medio 7,0) sostanzialmente di uguale importanza anche per fare carriera e mettono al primo posto, a pari merito (voto medio 7,6): le raccomandazioni, la disponibilità a lavorare molto e la fortuna, seguiti da competenze, aggiornarsi e sapersi presentare bene (voto medio 7,5 a pari merito). Anche in questo 8

9 caso le rappresentazioni dei genitori e delle aziende divergono significativamente da quelle dei giovani affermando nuovamente il primato dei fattori meritocratici (voto medio 7,8 genitori e 7,9 aziende) su quelli non meritocratici (voto medio 6,4 genitori e 4,6 aziende). Sono soprattutto i referenti aziendali ad esprimere con convinzione questa preferenza tanto da assegnare punteggi negativi a tutti gli item non meritocratici, con la sola eccezione di saper cogliere le occasioni senza preoccuparsi troppo dei colleghi (voto medio 6,5 aziende vs 7,2 giovani vs 6,6 genitori). Genitori e aziende credono in primo luogo nell importanza delle competenze (voto medio 7,5 giovani vs 8,3 genitori vs 8,8 aziende) e nell aggiornamento continuo (voto medio 7,5 giovani vs 8,3 genitori vs 9,2 aziende). I referenti aziendali enfatizzano, soprattutto rispetto ai giovani, l importanza della disponibilità a trasferirsi per motivi di lavoro. Genitori e aziende assegnano una minore importanza ai fattori non meritocratici per fare carriera credendo meno rispetto ai giovani a fattori quali raccomandazioni (voto medio 7,6 giovani vs 6,5 genitori vs 4,5 aziende), stare per tanti anni nella stessa impresa (voto medio 6,5 giovani vs 6,3 genitori vs 4,0 aziende), dire sempre di sì ai capi (voto medio 6,5 giovani vs 5,4 genitori vs 4,2 aziende) e famiglia benestante (voto medio 6,5 giovani vs 5,6 genitori vs 3,3 aziende). Per trovare lavoro e fare carriera, genitori e imprese credono nel merito; i giovani considerano altrettanto importanti fortuna e conoscenze. L apprendistato: vincolo o opportunità? Sul tema dell apprendistato è possibile individuare un atteggiamento di apertura da parte dei giovani che sono propensi a riconoscerne l utilità per migliorare la propria professionalità. Infatti, ben il 74,2% valuta positivamente la possibilità di lavorare per 2 o 3 anni con uno stipendio ridotto a fronte della possibilità di migliorare le proprie competenze. Questa positività sembra, tuttavia, essere accompagnata anche da un sentimento di diffidenza verso le modalità concrete di utilizzo da parte delle imprese. La maggior parte dei giovani sembra essere poco fiduciosa riguardo alla possibilità di essere assunti una volta terminato il periodo di apprendistato: il 63,3% del campione crede, infatti, che le aziende assumano meno della metà degli apprendisti. I genitori sono perfettamente allineati con i giovani quando pensano all apprendistato: ne riconoscono l utilità per migliorare le competenze con ancor maggior convinzione di quanto non facciano i giovani ma al contempo esprimono gli stessi dubbi sull effettivo utilizzo da parte delle imprese riguardo la possibilità che il contratto di apprendistato si trasformi in un assunzione a tempo indeterminato. Genitori e giovani vedono nell apprendistato un opportunità per entrare nel mercato del lavoro; al contrario delle imprese non credono rappresenti un primo step verso il contratto indeterminato. 9

10 L identikit del giovane italiano Il giovane italiano che la ricerca fotografa sente su di sé il peso dell attuale situazione economica e sociale, vive in un contesto di crisi, caratterizzato da lavori temporanei e precari, da elevati tassi di disoccupazione, dalla difficoltà di garantirsi, per la prima volta dopo molti anni, prospettive di benessere superiori rispetto a quelle della generazione precedente. È figlio di una situazione sociale in cui le principali Istituzioni (Scuola, Famiglia e Chiesa) hanno perso parte della loro legittimazione. In questo contesto fluido caratterizzato dall instabilità e dall apparente mancanza di punti fermi, la strategia di sopravvivenza adottata dal giovane italiano è quella del rifugio nella sfera degli affetti, in quanto dimensione conosciuta e sicura. La sua è una socialità ristretta che include prioritariamente famiglia e partner (le amicizie, a differenza di quanto accadeva nel recente passato, seppur importanti sono fuori da questo primo anello dei relazioni). Per il giovane italiano il lavoro rimane un valore che sta assumendo sempre più le caratteristiche di un bene prezioso - in quanto a rischio e scarsamente disponibile - tanto da prendere in considerazione la possibilità di sacrificare aspetti ritenuti fino a pochi anni fa irrinunciabili. I giovani lavorano, in questa situazione di crisi, per portare a casa uno stipendio più che per realizzare se stessi. Il giovane italiano è poco rampante, dimostra una bassa sensibilità per gli aspetti legati al prestigio della professione ed è meno attento, rispetto al passato, al bilanciamento tra tempi di vita e di lavoro (work-life balance). E molto pragmatico, la sua priorità è trovare un lavoro possibilmente sicuro, dove i rapporti con colleghi e capi siano buoni e dove ci sia la possibilità di fare cose interessanti. Vorrebbe lavorare nel settore pubblico, che con ogni probabilità associa all idea di un posto sicuro e con stipendio garantito, disdegna le piccole e medie imprese che vede come poco allettanti. Per lo stesso motivo considera il lavoro manuale come un male necessario che è disposto ad accettare solo a fronte di un adeguato stipendio e per un periodo di tempo limitato. Il giovane italiano sembra avere una visione piuttosto stereotipata del mondo del lavoro, rischiando così di incorrere in possibili delusioni e di perdere occasioni importanti da un punto di vista lavorativo (basti pensare al fatto che le piccole/medie imprese rappresentano la maggioranza numerica del tessuto imprenditoriale italiano e che in relazione ad alcuni mestieri si registra una cronica mancanza di offerta di figure professionali). Purtroppo su questi aspetti, genitori, imprese e scuole/università sembrano rafforzare nei giovani stereotipi e rappresentazioni non sempre corrispondenti alla realtà delle cose. Per capire come orientarsi nel mondo del lavoro il giovane italiano si affida ai genitori, che confermano il loro ruolo di figura guida, ai servizi di scuole/università e agli stage svolti in azienda. Riconosce l importanza di dedicare tempo e attenzione per raccogliere informazioni sui lavori più richiesti e sui diversi tipi di contratto. Non a caso la maggioranza dei giovani italiani dichiara, ad esempio, di conoscere l apprendistato, esprime un opinione, da un lato, positiva riconoscendone il valore in termini di crescita professionale e, dall altro, critica dubitando che esso rappresenti il primo step verso il contratto indeterminato. Alcuni dei suoi bisogni di orientamento rimangono insoddisfatti, segnalando a chi ricopre un ruolo di intermediazione la necessità di investire risorse per progettare servizi in grado di accompagnarlo nell ingresso nel mercato del lavoro. Il giovane italiano sembra avere perso l approccio ottimista nei confronti del futuro basato principalmente sulla speranza di vedere ripagato l impegno messo nello studio: all acquisizione/aggiornamento delle competenze come fattore critico per trovare lavoro e fare carriera attribuisce più efficacia alla fortuna, alle reti di conoscenze e ai legami fiduciari. Se genitori e imprese dichiarano di continuare a credere nel primato della meritocrazia dimostrando, quindi, un atteggiamento di fiducia nei confronti dei meccanismi che regolano il funzionamento del mercato del 10

11 lavoro, il giovane italiano appare piuttosto disincantato e propenso ad accettare la realtà per come (probabilmente) è senza farsi troppe illusioni. In questo scenario la risorsa personale che sembra contare è la forza di volontà intesa come perseveranza nella ricerca del lavoro e disponibilità a lavorare molto per fare carriera. L identikit del giovane italiano che emerge dalla ricerca è ben lontano dallo stereotipo che descrive le nuove generazioni come attente solo al presente, incapaci di fare progetti di lungo respiro e interessate solo allo svago e al divertimento. È un giovane pragmatico, realista, con preoccupazioni concrete rispetto al lavoro, poco fiducioso rispetto al mondo del lavoro e ai suoi meccanismi di funzionamento. Sembra essere più vecchio dei suoi genitori, che invece sono ancora capaci di slanci positivi se pensano al lavoro dei loro figli, quasi a segnalare che la pesantezza dell attuale situazione di crisi abbia minato la capacità e il desiderio, tipicamente associati a chi è giovane, di volare alto e di porsi mete personali e professionali ambiziose. L utilità dell indagine Le evidenze emerse possono fornire spunti interessanti ai giovani che desiderano scoprire il mondo del lavoro partendo dal proprio punto di vista e da quello dei loro coetanei. Alcuni dati possono risultare utili a coloro che, a vario titolo, svolgono un ruolo di intermediazione tra scuola e lavoro, soprattutto con riferimento ai servizi di orientamento che i giovani ritengono importanti e rispetto ai quali manifestano bisogni al momento non soddisfatti. I risultati potrebbero, infine, essere interessanti per le imprese in termini di ripensamento delle logiche di reclutamento/selezione e messa a punto di politiche di gestione per i giovani che presentano modi diversi di intendere il lavoro rispetto alle generazioni precedenti. 11

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani 1 Il contesto 1.1 Il contesto europeo La Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 sull istituzione di una Garanzia

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012. Uno sguardo sull'istruzione 2012. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012. Uno sguardo sull'istruzione 2012. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012 Summary in Italian Read the full book on: 10.1787/eag-2012-en Uno sguardo sull'istruzione 2012 Sintesi in italiano Lo studio intitolato Uno sguardo

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011 Monitoraggio dei processi formativi Genova, 2 dicembre 2011 Premessa: un patto!!! Nel Protocollo d Intesa le organizzazioni formative garantiscono un progressivo miglioramento e innalzamento della qualità

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO SU SOSTEGNO HO AVUTO IL RUOLO SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009

RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO SU SOSTEGNO HO AVUTO IL RUOLO SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009 SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009 a cura di Laura Razzano RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA PER QUEST'ANNO (2009/2010)O NON POTRO' PIU' LAVORARE NELLA GRADUATORIA DI QUELLA PROVINCIA POTRO'

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari

4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari 4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari Marco Liera Il semestre del silenzio-assenso sul TFR (ossia la prima metà del 2007) doveva rappresentare un occasione non solo

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Il tempo che dedico alla valutazione delle prove di apprendimento lo considero:

Il tempo che dedico alla valutazione delle prove di apprendimento lo considero: Progetto LLP-LDV-TOI-9-IT-8 8 ValeRIA Valutare la relazione tra insegnamenti e apprendimenti Autoriflessione del formatore sulla valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori di cui 98

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli