I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese"

Transcript

1 I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro

2 EXECUTIVE SUMMARY 2

3 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di 1018 giovani di età compresa tra i 15 e i 29 anni rappresentativi della popolazione giovanile italiana, 1019 adulti con figli di età compresa tra i 15 e i 29 anni e un gruppo selezionato di 30 aziende. Attraverso la somministrazione di un questionario strutturato a domande chiuse, è stato possibile approfondire le opinioni di giovani, adulti e referenti aziendali relativamente a quattro aree di indagine: situazione professionale dei giovani; orientamento e ricerca del lavoro; rappresentazioni del lavoro con un focus sulle professioni manuali; apprendistato. Perché è importante fare una ricerca sul tema Giovani e Lavoro La scelta di dedicare una ricerca al tema Giovani e Lavoro si basa su alcune considerazioni e dati di contesto: la difficile situazione del mercato del lavoro italiano che nel caso dei giovani (15-29 anni) risulta ancor più critica con un tasso di disoccupazione al 20,5% che sale al 29,1% per la fascia di età anni nell anno 2011 (Rapporto annuale 2012, Istat); il paradosso del mercato del lavoro italiano che vede, pur in presenza di una disoccupazione elevata, il permanere di mestieri trascurati (soprattutto con riferimento al lavoro manuale/artigianale) per i quali si registra una cronica carenza di offerta di figure professionali; il ruolo giocato dai genitori nell influenzare le scelte di lavoro dei giovani, ruolo ancor più significativo nel nostro Paese come conseguenza della permanenza prolungata dei figli nella famiglia di origine. Le caratteristiche del campione Con riferimento alla situazione professionale, la maggior parte dei rispondenti ha già lavorato e, in particolare, quasi la metà dichiara di aver fatto dei lavori occasionali. Solo 1 giovane su 6 non ha mai avuto esperienze lavorative. Considerando la situazione attuale, la maggior parte del campione è studente e tra gli studenti poco più di un quarto è nella condizione di studente lavoratore. Va altresì notato come 2 giovani su 10 non lavorino (fra chi non lavora sono compresi: disoccupati, in cerca di prima occupazione e NEET- Not in Education, Employment or Training). Circa un terzo dei giovani dichiara di avere un contratto a tempo indeterminato, quasi la metà del campione è formato da chi ha una qualche forma contrattuale flessibile e da chi ha un contratto a tempo determinato. Quanto i giovani sono soddisfatti del loro lavoro Gli aspetti del lavoro per i quali i giovani italiani occupati si dimostrano più soddisfatti fanno riferimento alla sfera relazionale, legata ai rapporti interpersonali: il 78,3% colloca al primo posto per livello di soddisfazione il rapporto con i colleghi e quello con i capi (voto medio 7,1). Al secondo posto si trovano gli aspetti espressivi del lavoro, relativi all auto-realizzazione, per i quali risultano soddisfatti il 53,9% dei rispondenti (voto medio 6,0). Il 55,1% si dichiara soddisfatto dagli aspetti strumentali vale a dire dalle condizioni oggettive del lavoro (voto medio 5,9). All ultimo posto, ma comunque con una percentuale di poco inferiore, si collocano i fattori legati all achievement inerenti il prestigio e la carriera per i quali si dichiara soddisfatto il 51,9% dei rispondenti (voto medio 5,8). Le aspettative che i giovani italiani avevano prima di iniziare a lavorare risultano soddisfatte, attestandosi intorno a valori medio-bassi, con la sola eccezione della retribuzione dove prevalgono 3

4 (46,6%) quelli che si aspettavano di più. La situazione più critica emerge per quanto riguarda la possibilità di fare carriera: la maggior parte del campione dichiara che le aspettative (basse) che aveva sono in linea con quanto trovato nella realtà. Significativo appare il fatto che la maggioranza relativa dei giovani (41,8%) stia pensando di cambiare lavoro perché considera il lavoro che sta svolgendo come provvisorio. I giovani occupati sono soddisfatti del loro lavoro, anche se non si aspettano molto (soprattutto su carriera e retribuzione). La soddisfazione è alta sulle relazioni con capi e colleghi, più bassa sulle condizioni di lavoro ad esempio sicurezza del posto e retribuzione, bassissima sulle possibilità di carriera. Come e con chi i giovani scelgono cosa fare da grandi e cercano lavoro I giovani sembrano non avere dubbi su chi conta quando si tratta di compiere scelte importanti: l 85,3% vede in se stesso l attore principale nelle decisioni riguardanti la scelta del proprio percorso scolastico e lavorativo. Seguono, indicati da più della metà del campione (57,2%), i genitori, a conferma del ruolo importante giocato da quest ultimi nell influenzare le scelte significative dei propri figli. Per capire cosa fare da grande, quasi due terzi dei giovani italiani riconosce l importanza, da un lato, dei servizi forniti dalle scuole e università (65,4%) e, dall altro, dello stage svolto in azienda durante il periodo scolastico (64,2%). Seguono i servizi atti a comprendere il funzionamento del mondo del lavoro nella duplice declinazione: incontri per capire come funziona il mondo del lavoro e quali sono i lavori più richiesti (59,1%) e informazioni specifiche sui diversi tipi di contratto per i giovani (58,4%). I genitori sembrano esprimere una maggiore fiducia verso gli strumenti di orientamento che ottengono, infatti, voti medi più alti di quelli dati dai giovani. Le aziende hanno un atteggiamento ancora più positivo di quello espresso dai genitori: tutti gli strumenti, ad eccezione dei test per capire quale è il lavoro migliore e dei consigli dei genitori, ricevono, infatti, un voto positivo. Interessante osservare che giovani, genitori e aziende collocano ai primi tre posti gli stessi strumenti ma le aziende esprimono una maggiore convinzione riguardo alla loro efficacia particolarmente evidente per quanto riguarda lo stage in azienda durante il percorso scolastico (voto medio 8,9 aziende vs 6,2 giovani vs 6,8 genitori) e i servizi di Scuole/Università (voto medio 8,2 aziende vs 6,2 giovani vs 6,4 genitori). Il 79,1% del campione di giovani considera come strumento più efficace per trovare lavoro chiedere l aiuto di una persona potente e questo senza differenze di genere, area geografica, titolo di studio, tipologia contrattuale e condizione lavorativa. Al secondo posto, il 66,7% del campione indica come canale efficace chiedere l aiuto di parenti, amici e conoscenti. Si posizionano tra il terzo e il quarto posto, con una percentuale tra il 61% e il 63%, gli strumenti che richiedono un comportamento proattivo nella ricerca del lavoro come rispondere ad un annuncio, scrivere direttamente all azienda o inviare spontaneamente il curriculum e utilizzare siti internet specializzati. Da segnalare che il 55,5% del campione ritiene efficace avviare una propria attività. Tra i canali formali per la ricerca del lavoro, i giovani considerano più efficaci le agenzie del lavoro (51,2%) rispetto all ufficio di collocamento/centri per l impiego pubblici (40,7%). Contrariamente a quanto emerso per gli strumenti di orientamento, i genitori assegnano punteggi più bassi rispetto ai giovani a quasi tutti gli strumenti di ricerca del lavoro. 4

5 Gli unici aiuti che per i genitori meritano un voto superiore alla sufficienza sono chiedere l aiuto di una persona potente considerato, comunque, meno efficace rispetto ai giovani (voto medio 6,4 genitori vs 7,5 giovani) e scrivere direttamente all azienda o inviare spontaneamente il curriculum a cui i genitori attribuiscono una maggiore utilità rispetto ai giovani (voto medio 6,4 genitori vs 6,1 giovani). Sono soprattutto le aziende ad esprimere una maggiore fiducia verso gli strumenti che richiedono la messa in atto di comportamenti proattivi quali rispondere ad un annuncio (voto medio 8,3 aziende vs 6,0 giovani vs 5,6 genitori), usare siti internet specializzati (voto medio 8,3 aziende vs 6,0 giovani vs 5,6 genitori), cercare lavoro attraverso i social network (voto medio 7,4 aziende vs 4,2 giovani vs 4,3 genitori). Minore efficacia, al contrario, è assegnata dai referenti aziendali alle reti informali quali chiedere l aiuto di una persona potente (voto medio 5,6 aziende vs 7,5 giovani vs 6,4 genitori) o di parenti, amici e conoscenti (voto medio 5,4 aziende vs 6,3 giovani vs 5,5 genitori) o dei genitori (voto medio 4,2 aziende vs 5,2 giovani vs 5,3 genitori). Rispetto agli attori di intermediazione le aziende riconoscono una maggiore importanza alle agenzie per il lavoro (voto medio 7,4 aziende vs 5,4 giovani vs 5,3 genitori) mentre perdono ulteriormente di efficacia gli uffici di collocamento/centri per l impiego pubblici (voto medio 2,7 aziende vs 4,8 giovani vs 4,5 genitori). Le aziende, più dei giovani e dei genitori, riconoscono il ruolo positivo che scuola e università svolgono nell intermediazione con il mercato del lavoro assegnando una efficacia maggiore sia ai loro servizi sia all aiuto dei professori. Infine, può essere osservato che tutti i soggetti intervistati imprese, genitori e giovani - concordano nel non ritenere efficace un atteggiamento di totale passività, collocando all ultimo posto della classifica l item aspettare di essere chiamato per un offerta di lavoro perché tutti gli altri strumenti non servono. Le scelte professionali dei giovani sono il risultato di un lavoro di squadra : genitori, scuola/università ed eventuali stage (imprese) danno un contributo significativo. Per trovare lavoro, i giovani ritengono importanti le reti di conoscenze ; genitori e soprattutto imprese danno maggior peso a fattori più formali come ad esempio annunci e siti internet specializzati. I giovani sono disposti a trasferirsi per motivi di lavoro? I giovani italiani dimostrano, anche, una grande apertura verso la mobilità geografica: circa l 85% si dichiara, infatti, disponibile a trasferirsi per motivi di lavoro. Più precisamente il 39,6% è disponibile ad una mobilità geografica interna, il 18,1% prende in considerazione l ipotesi di trasferirsi in un Paese dell Unione Europea e il 17,2% in un Paese extra-europeo economicamente sviluppato. Da segnalare, infine, che il 7,4% si dichiara disponibile a trasferirsi in un Paese in via di sviluppo (Africa, India, Cina, etc.). I genitori si dimostrano più propensi dei giovani a consigliare un trasferimento per lavoro (89,2% genitori vs 84,7% giovani) indicando, in termini di aree geografiche, con convinzione doppia rispetto ai giovani, un Paese dell Unione Europea (34,9% genitori vs 18,1% giovani). I Paesi in via di sviluppo sono considerati ancor meno attrattivi: i genitori che consiglierebbero ai figli di trasferirsi in tali Paesi sono la metà dei giovani disposti a farlo (3,6% genitori vs 7,4% giovani). Rispetto ai tre target intervistati, le aziende sono decisamente più favorevoli alla mobilità geografica per motivi professionali: tutte, senza alcuna eccezione, consiglierebbero a un giovane di trasferirsi per motivi di lavoro. In termini di aree geografiche, la meta che raccoglie il maggior numero di consensi da parte dei referenti aziendali sono i Paesi extra-europei in via di sviluppo (43,3%), destinazione che registrava, come visto, il minor 5

6 gradimento di giovani e genitori. Nessuna azienda, infine, consiglierebbe un trasferimento all interno del nostro Paese. I giovani dichiarano di essere disposti a trasferirsi per motivi di lavoro e sono sostenuti in questo dai genitori. Sulle destinazioni le divergenze sono alte: i giovani e i genitori scelgono l Italia e l Europa, le imprese consigliano i Paesi in via di sviluppo. Il valore e il senso del lavoro Nelle priorità di valore dei giovani italiani si conferma al vertice della gerarchia la sfera degli affetti, sfera che include prioritariamente famiglia e partner, segnalando una propensione verso una socialità che tende a non includere gli amici, posti comunque in posizione più importante rispetto al lavoro. In secondo ordine si pone la sfera del dovere nella declinazione di lavoro e studio. Segue quella del tempo libero che riceve un valore di poco inferiore alla sfera del dovere, confermando l importanza attribuita dalle nuove generazioni al divertimento e alla molteplicità di interessi extra-lavorativi, senza tuttavia che trovi conferma lo stereotipo che dipinge i giovani come attenti solo al divertimento e focalizzati sul presente. Per i giovani italiani l impegno sociale risulta ridimensionato nella sua importanza essendo le cose fondamentali sempre più legate alla sfera della socialità ristretta delle relazioni affettive. Per i giovani il lavoro rappresenta soprattutto la possibilità di portare a casa uno stipendio (41,7%) seguito in seconda battuta dall occasione di realizzazione personale (36,3%). Appare evidente da parte dei giovani la centratura del senso del lavoro attorno agli elementi strumentali. Da segnalare, in controtendenza, le donne, i laureati, i lavoratori autonomi e i giovani con un contratto flessibile che mettono al primo posto l occasione di realizzazione personale (43,7% donne, 42,6% laureati, 47,8% autonomo, 40,7% flessibile ). Per i giovani il lavoro rimane importante, superato solo da una sfera degli affetti estremamente ristretta (famiglia e partner). In questa situazione di crisi, i giovani lavorano per portare a casa uno stipendio più che per realizzare se stessi. 6

7 Il lavoro dei miei sogni Quando si immagina il lavoro dei sogni il 27,8% del campione pensa al settore pubblico che risulta, quindi, occupare il primo posto nella graduatoria del lavoro ideale dei giovani italiani. Seguono a pari merito la multinazionale (16,6%) e l avvio di una propria attività imprenditoriale (16,6%). Al terzo posto si colloca la libera professione (14,8%) seguita dalla grande impresa italiana (12,9%). Le piccole/medie imprese registrano una bassa preferenza (6,8%) così come il terzo settore (4,5%). I genitori fanno sogni diversi quando immaginano il lavoro ideale dei propri figli mettendo al primo posto l impresa multinazionale (25,9% genitori vs 16,6% giovani). Inoltre, i genitori auspicherebbero meno dei giovani un lavoro imprenditoriale nella duplice declinazione di libero professionista e di imprenditore. Anche per i genitori la piccola/media impresa risulta poco attrattiva pur ricevendo una preferenza maggiore di quanto manifestato dai giovani (9,4% genitori vs 6,8% giovani). Il terzo settore è fanalino di coda per entrambi i campioni. Pensando ai fattori importanti del lavoro, per i giovani contano in primo luogo gli aspetti relazionali (voto medio 7,9) e quelli strumentali legati alle condizioni oggettive (voto medio 7,8). Quando queste dimensioni sono soddisfatte, l attenzione si pone sugli aspetti espressivi legati all auto-realizzazione (voto medio 7,4). Minore importanza hanno, nelle preferenze dei giovani italiani, gli aspetti di achievement legati al prestigio della professione e alla carriera (voto medio 7,2), che quindi non hanno una grande presa sul nostro campione. Non stupisce il fatto che gli aspetti legati al bilanciamento tra lavoro e vita (work-life balance) occupino l ultimo posto della classifica (voto medio 7,0): nell attuale situazione di crisi, i giovani sono consapevoli che la preoccupazione di garantirsi un equilibrio tra i diversi ambiti della propria esistenza si pone solo dopo aver trovato un lavoro sicuro, confortevole da un punto di vista delle relazioni interpersonali e, se possibile, coerente con i propri bisogni di autorealizzazione. Nel dettaglio, quasi il 90% dei giovani ritiene che ai primi tre posti degli aspetti importanti del lavoro ci siano: la sicurezza del posto di lavoro (voto medio 8,2), fare cose che mi interessano (voto medio 8,1) e la possibilità di migliorare sia la retribuzione/stipendio sia il tipo di lavoro (voto medio 8,0). Tra gli aspetti di achievement, i giovani sono più sensibili alla possibilità di crescita professionale (voto medio 7,9) e alla possibilità di fare carriera (voto medio 7,8), mentre minore importanza viene attribuita agli aspetti legati al prestigio lavorare per un azienda di successo (voto medio 6,7) e fare un lavoro considerato importante dalla maggior parte delle persone (voto medio 6,2). Genitori e giovani risultano allineati rispetto all ordine di importanza da dare ai diversi aspetti considerati: relazionali, strumentali, espressivi, di achievement e work-life balance. Escludendo i fattori legati al work life balance, i genitori attribuiscono più importanza dei giovani a tutti gli aspetti, con particolare enfasi sugli aspetti espressivi del lavoro (voto medio 7,9 genitori vs 7,4 giovani) come ad esempio fare cose che lo interessano (voto medio 8,7 genitori vs 8,1 giovani) o fare il lavoro per cui ha studiato (voto medio 7,7 genitori vs 7,1 giovani). Da osservare, infine, come la sicurezza del posto di lavoro, pur importante, si collochi solo al terzo posto nelle preferenze dei genitori. Le aziende attribuiscono una minore importanza a tutti agli aspetti considerati e, in particolare, assegnano una valutazione insufficiente agli aspetti strumentali (voto medio 5,6 aziende vs 7,8 giovani vs 8,0 genitori) e a quelli di work-life balance (voto medio 4,1 aziende vs 7,0 giovani vs 6,8 genitori). Gli aspetti di achievement risultano più importanti per le aziende (voto medio 6,8) rispetto agli strumentali (voto medio 5,6). Questi ultimi si collocano infatti al penultimo posto, mentre per i giovani e i genitori si collocano, come visto, al secondo. Da segnalare che la sicurezza del posto di lavoro si colloca solo al 16 posto nelle risposte dei referenti aziendali con un voto insufficiente (voto medio 4,7 aziende vs 8,2 giovani vs 8,4 genitori). La ricerca conferma lo stereotipo negativo nei confronti del lavoro manuale: la stragrande maggioranza dei giovani considera negativamente questa tipologia di occupazione che l indagine associa ai seguenti 7

8 aspetti: lavorare con le mani, svolgere un lavoro dove posso creare con le mani qualcosa di tangibile, svolgere un lavoro dove non ci sia bisogno di concentrarsi ma serva principalmente forza fisica. Solo il 39,8% del campione, infatti, esprime un voto positivo (6 o più) relativamente a tali aspetti. Anche nel caso dei genitori e delle aziende pare confermato lo stereotipo negativo nei confronti di questa tipologia di attività, stereotipo che risulta radicato soprattutto nella percezione dei referenti aziendali che esprimono una propensione verso il lavoro manuale ancor più negativa rispetto a giovani e genitori (voto medio 3,3 aziende vs 5,2 giovani vs 5,0 genitori). Il lavoro ideale dei giovani è soprattutto nel settore pubblico; i genitori, invece, privilegiano la multinazionale e sconsigliano l auto-imprenditorialità. Le piccole e medie imprese sono poco allettanti sia per i giovani che per i genitori. Gli elementi chiave del lavoro ideale, per giovani e genitori, sono: buone relazioni, sicurezza del posto e contenuti interessanti; crolla l idea di giovane rampante. Il lavoro manuale si conferma un male necessario. Cosa è ritenuto importante per trovare lavoro e fare carriera I giovani italiani considerano fattori meritocratici (voto medio 7,0) e non meritocratici (voto medio 7,1) ugualmente importanti per trovare lavoro. Quasi il 90% del campione crede che il fattore più importante sia la perseveranza ( non arrendersi nella ricerca del lavoro ), aspetto che anche genitori e imprese collocano al primo posto nella loro classifica come ordine di importanza. I fattori che possono, nell opinione dei giovani, aiutare ad accorciare i tempi o a rendere meno difficoltoso il cammino sono a pari merito (voto medio 7,7): la fortuna, le raccomandazioni, la conoscenza di persone potenti e il sapersi presentare bene. Genitori e aziende, al contrario dei giovani, credono nel primato della meritocrazia collocando nella prima metà della loro classifica solo fattori meritocratici ad eccezione della fortuna per quanto riguarda i genitori (unico fattore non meritocratico a posizionarsi tra i primi posti) e della coerenza con i propri valori/non accettare compromessi per le aziende (unico fattore meritocratico collocato nella seconda metà della classifica). Rispetto ai giovani, i genitori e ancor più le aziende assegnano una minore importanza agli aiuti di natura relazionale quali raccomandazioni (voto medio 5,2 aziende vs 7,7 giovani vs 6,5 genitori) e conoscenza di persone potenti (voto medio 5,4 aziende vs 7,7 giovani vs 6,6 genitori). Da notare come, in termini di graduatoria, le competenze siano considerate centrali soprattutto dai genitori che le collocano al secondo posto della loro classifica, a differenza dei giovani che le posizionano al terzo e ancor più dei referenti aziendali che le considerano solo al quinto posto. Appare interessante notare, inoltre, il maggior peso - rispetto a giovani e aziende che i genitori assegnano alla creatività (voto medio 7,7 genitori vs 6,7 giovani vs 7,2 aziende) e alla coerenza rispetto ai propri valori (voto medio 7,4 genitori vs 6,0 giovani vs 6,0 aziende). Genitori e aziende dimostrano, infine, di credere nell importanza di disporre di un titolo di studio adeguato più di quanto non facciano i giovani (voto medio 7,0 giovani vs 8,0 genitori vs 8,3 aziende). I giovani italiani considerano fattori meritocratici (voto medio 7,1) e non meritocratici (voto medio 7,0) sostanzialmente di uguale importanza anche per fare carriera e mettono al primo posto, a pari merito (voto medio 7,6): le raccomandazioni, la disponibilità a lavorare molto e la fortuna, seguiti da competenze, aggiornarsi e sapersi presentare bene (voto medio 7,5 a pari merito). Anche in questo 8

9 caso le rappresentazioni dei genitori e delle aziende divergono significativamente da quelle dei giovani affermando nuovamente il primato dei fattori meritocratici (voto medio 7,8 genitori e 7,9 aziende) su quelli non meritocratici (voto medio 6,4 genitori e 4,6 aziende). Sono soprattutto i referenti aziendali ad esprimere con convinzione questa preferenza tanto da assegnare punteggi negativi a tutti gli item non meritocratici, con la sola eccezione di saper cogliere le occasioni senza preoccuparsi troppo dei colleghi (voto medio 6,5 aziende vs 7,2 giovani vs 6,6 genitori). Genitori e aziende credono in primo luogo nell importanza delle competenze (voto medio 7,5 giovani vs 8,3 genitori vs 8,8 aziende) e nell aggiornamento continuo (voto medio 7,5 giovani vs 8,3 genitori vs 9,2 aziende). I referenti aziendali enfatizzano, soprattutto rispetto ai giovani, l importanza della disponibilità a trasferirsi per motivi di lavoro. Genitori e aziende assegnano una minore importanza ai fattori non meritocratici per fare carriera credendo meno rispetto ai giovani a fattori quali raccomandazioni (voto medio 7,6 giovani vs 6,5 genitori vs 4,5 aziende), stare per tanti anni nella stessa impresa (voto medio 6,5 giovani vs 6,3 genitori vs 4,0 aziende), dire sempre di sì ai capi (voto medio 6,5 giovani vs 5,4 genitori vs 4,2 aziende) e famiglia benestante (voto medio 6,5 giovani vs 5,6 genitori vs 3,3 aziende). Per trovare lavoro e fare carriera, genitori e imprese credono nel merito; i giovani considerano altrettanto importanti fortuna e conoscenze. L apprendistato: vincolo o opportunità? Sul tema dell apprendistato è possibile individuare un atteggiamento di apertura da parte dei giovani che sono propensi a riconoscerne l utilità per migliorare la propria professionalità. Infatti, ben il 74,2% valuta positivamente la possibilità di lavorare per 2 o 3 anni con uno stipendio ridotto a fronte della possibilità di migliorare le proprie competenze. Questa positività sembra, tuttavia, essere accompagnata anche da un sentimento di diffidenza verso le modalità concrete di utilizzo da parte delle imprese. La maggior parte dei giovani sembra essere poco fiduciosa riguardo alla possibilità di essere assunti una volta terminato il periodo di apprendistato: il 63,3% del campione crede, infatti, che le aziende assumano meno della metà degli apprendisti. I genitori sono perfettamente allineati con i giovani quando pensano all apprendistato: ne riconoscono l utilità per migliorare le competenze con ancor maggior convinzione di quanto non facciano i giovani ma al contempo esprimono gli stessi dubbi sull effettivo utilizzo da parte delle imprese riguardo la possibilità che il contratto di apprendistato si trasformi in un assunzione a tempo indeterminato. Genitori e giovani vedono nell apprendistato un opportunità per entrare nel mercato del lavoro; al contrario delle imprese non credono rappresenti un primo step verso il contratto indeterminato. 9

10 L identikit del giovane italiano Il giovane italiano che la ricerca fotografa sente su di sé il peso dell attuale situazione economica e sociale, vive in un contesto di crisi, caratterizzato da lavori temporanei e precari, da elevati tassi di disoccupazione, dalla difficoltà di garantirsi, per la prima volta dopo molti anni, prospettive di benessere superiori rispetto a quelle della generazione precedente. È figlio di una situazione sociale in cui le principali Istituzioni (Scuola, Famiglia e Chiesa) hanno perso parte della loro legittimazione. In questo contesto fluido caratterizzato dall instabilità e dall apparente mancanza di punti fermi, la strategia di sopravvivenza adottata dal giovane italiano è quella del rifugio nella sfera degli affetti, in quanto dimensione conosciuta e sicura. La sua è una socialità ristretta che include prioritariamente famiglia e partner (le amicizie, a differenza di quanto accadeva nel recente passato, seppur importanti sono fuori da questo primo anello dei relazioni). Per il giovane italiano il lavoro rimane un valore che sta assumendo sempre più le caratteristiche di un bene prezioso - in quanto a rischio e scarsamente disponibile - tanto da prendere in considerazione la possibilità di sacrificare aspetti ritenuti fino a pochi anni fa irrinunciabili. I giovani lavorano, in questa situazione di crisi, per portare a casa uno stipendio più che per realizzare se stessi. Il giovane italiano è poco rampante, dimostra una bassa sensibilità per gli aspetti legati al prestigio della professione ed è meno attento, rispetto al passato, al bilanciamento tra tempi di vita e di lavoro (work-life balance). E molto pragmatico, la sua priorità è trovare un lavoro possibilmente sicuro, dove i rapporti con colleghi e capi siano buoni e dove ci sia la possibilità di fare cose interessanti. Vorrebbe lavorare nel settore pubblico, che con ogni probabilità associa all idea di un posto sicuro e con stipendio garantito, disdegna le piccole e medie imprese che vede come poco allettanti. Per lo stesso motivo considera il lavoro manuale come un male necessario che è disposto ad accettare solo a fronte di un adeguato stipendio e per un periodo di tempo limitato. Il giovane italiano sembra avere una visione piuttosto stereotipata del mondo del lavoro, rischiando così di incorrere in possibili delusioni e di perdere occasioni importanti da un punto di vista lavorativo (basti pensare al fatto che le piccole/medie imprese rappresentano la maggioranza numerica del tessuto imprenditoriale italiano e che in relazione ad alcuni mestieri si registra una cronica mancanza di offerta di figure professionali). Purtroppo su questi aspetti, genitori, imprese e scuole/università sembrano rafforzare nei giovani stereotipi e rappresentazioni non sempre corrispondenti alla realtà delle cose. Per capire come orientarsi nel mondo del lavoro il giovane italiano si affida ai genitori, che confermano il loro ruolo di figura guida, ai servizi di scuole/università e agli stage svolti in azienda. Riconosce l importanza di dedicare tempo e attenzione per raccogliere informazioni sui lavori più richiesti e sui diversi tipi di contratto. Non a caso la maggioranza dei giovani italiani dichiara, ad esempio, di conoscere l apprendistato, esprime un opinione, da un lato, positiva riconoscendone il valore in termini di crescita professionale e, dall altro, critica dubitando che esso rappresenti il primo step verso il contratto indeterminato. Alcuni dei suoi bisogni di orientamento rimangono insoddisfatti, segnalando a chi ricopre un ruolo di intermediazione la necessità di investire risorse per progettare servizi in grado di accompagnarlo nell ingresso nel mercato del lavoro. Il giovane italiano sembra avere perso l approccio ottimista nei confronti del futuro basato principalmente sulla speranza di vedere ripagato l impegno messo nello studio: all acquisizione/aggiornamento delle competenze come fattore critico per trovare lavoro e fare carriera attribuisce più efficacia alla fortuna, alle reti di conoscenze e ai legami fiduciari. Se genitori e imprese dichiarano di continuare a credere nel primato della meritocrazia dimostrando, quindi, un atteggiamento di fiducia nei confronti dei meccanismi che regolano il funzionamento del mercato del 10

11 lavoro, il giovane italiano appare piuttosto disincantato e propenso ad accettare la realtà per come (probabilmente) è senza farsi troppe illusioni. In questo scenario la risorsa personale che sembra contare è la forza di volontà intesa come perseveranza nella ricerca del lavoro e disponibilità a lavorare molto per fare carriera. L identikit del giovane italiano che emerge dalla ricerca è ben lontano dallo stereotipo che descrive le nuove generazioni come attente solo al presente, incapaci di fare progetti di lungo respiro e interessate solo allo svago e al divertimento. È un giovane pragmatico, realista, con preoccupazioni concrete rispetto al lavoro, poco fiducioso rispetto al mondo del lavoro e ai suoi meccanismi di funzionamento. Sembra essere più vecchio dei suoi genitori, che invece sono ancora capaci di slanci positivi se pensano al lavoro dei loro figli, quasi a segnalare che la pesantezza dell attuale situazione di crisi abbia minato la capacità e il desiderio, tipicamente associati a chi è giovane, di volare alto e di porsi mete personali e professionali ambiziose. L utilità dell indagine Le evidenze emerse possono fornire spunti interessanti ai giovani che desiderano scoprire il mondo del lavoro partendo dal proprio punto di vista e da quello dei loro coetanei. Alcuni dati possono risultare utili a coloro che, a vario titolo, svolgono un ruolo di intermediazione tra scuola e lavoro, soprattutto con riferimento ai servizi di orientamento che i giovani ritengono importanti e rispetto ai quali manifestano bisogni al momento non soddisfatti. I risultati potrebbero, infine, essere interessanti per le imprese in termini di ripensamento delle logiche di reclutamento/selezione e messa a punto di politiche di gestione per i giovani che presentano modi diversi di intendere il lavoro rispetto alle generazioni precedenti. 11

Generation Y: ready for work around the world?

Generation Y: ready for work around the world? Generation Y: ready for work around the world? Aspettative, sogni, delusioni dei giovani in un mercato del lavoro globale ABSTRACT Introduzione L edizione 2013-2014 dell Osservatorio ISTUD sul rapporto

Dettagli

Indagine sul mondo del lavoro: Direttori del Personale e neolaureati a confronto

Indagine sul mondo del lavoro: Direttori del Personale e neolaureati a confronto Indagine sul mondo del lavoro: Direttori del Personale e neolaureati a confronto Indagine nazionale neolaureati - G.I.D.P/H.R.D.A. A cura di Paolo Citterio Presidente Nazionale Associazione Risorse Umane

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto 2013 sulla

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

INDAGINE ALMADIPLOMA SULLE SCELTE FORMATIVE E OCCUPAZIONALI DEI DIPLOMATI 2014

INDAGINE ALMADIPLOMA SULLE SCELTE FORMATIVE E OCCUPAZIONALI DEI DIPLOMATI 2014 INDAGINE ALMADIPLOMA SULLE SCELTE FORMATIVE E OCCUPAZIONALI DEI DIPLOMATI 2014 Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria

Dettagli

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy I principali risultati della ricerca realizzata nell ambito del In collaborazione con Paolo Anselmi - Vice Presidente GfK-Eurisko Luglio 2015

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013 Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire 1 Anche nel 2013, per il quarto anno consecutivo, Amway l azienda pioniere

Dettagli

SINTESI RISULTATI INDAGINE SULLA PERCEZIONE GIOVANILE DEL MERCATO DEL LAVORO. Ancona, 29 Novembre 2013

SINTESI RISULTATI INDAGINE SULLA PERCEZIONE GIOVANILE DEL MERCATO DEL LAVORO. Ancona, 29 Novembre 2013 SINTESI RISULTATI INDAGINE SULLA PERCEZIONE GIOVANILE DEL MERCATO DEL LAVORO Ancona, 29 Novembre 2013 La P.F. Servizi per l'impiego, mercato del lavoro, crisi occupazionali e produttive della Regione Marche,

Dettagli

QUARTO BAROMETRO INTERNAZIONALE SULLA SALUTE. Nota di sintesi

QUARTO BAROMETRO INTERNAZIONALE SULLA SALUTE. Nota di sintesi QUARTO BAROMETRO INTERNAZIONALE SULLA SALUTE Nota di sintesi Milano, 21 Settembre 2010 Per gli italiani poca fiducia nel sistema e nella classe medica. Meglio affidarsi al web per acquisire informazioni

Dettagli

Osservatorio Giovani e Lavoro e Master ISTUD Rassegna Stampa

Osservatorio Giovani e Lavoro e Master ISTUD Rassegna Stampa lavoro azienda internet mondo futuro generazione Y Osservatorio Giovani e Lavoro e Master ISTUD Rassegna Stampa Quotidiano 110232 www.ecostampa.it Quotidiano 110232 www.ecostampa.it Quotidiano 110232 www.ecostampa.it

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

INDAGINE SUI GIOVANI E IL LAVORO

INDAGINE SUI GIOVANI E IL LAVORO Consulenti del Lavoro Consiglio Nazionale dell Ordine INDAGINE SUI GIOVANI E IL LAVORO I giovani inattivi in un mercato a forte disoccupazione 2012 Dalle recenti indagini pubblicate dalla Banca d Italia

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI

DIVENTARE GENITORI OGGI In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia Sintesi della ricerca Roma, 1 ottobre 2014 La genitorialità come dimensione individuale L esperienza della genitorialità

Dettagli

Obiettivi e metodologia della ricerca

Obiettivi e metodologia della ricerca Atteggiamenti e consapevolezza rispetto a salute e lavoro: un confronto tra cittadini italiani e cittadini stranieri provenienti da paesi a forte pressione migratoria (PFPM) Obiettivi e metodologia della

Dettagli

OSSERVATORIO GENERAZIONE PROTEO

OSSERVATORIO GENERAZIONE PROTEO SINTESI DEI RISULTATI DELLA RICERCA OSSERVATORIO GENERAZIONE PROTEO L INDAGINE( * ) SUI GIOVANI SICILIANI 17-19ENNI, A CURA DI LINK CAMPUS UNIVERSITY UNIVERSITÀ E LAVORO Dopo la scuola assolutamente l

Dettagli

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto 2014 sulla

Dettagli

Questo grafico conferma le tendenze evidenziate con il precedente.

Questo grafico conferma le tendenze evidenziate con il precedente. Istituto Paolo Boselli Questionario rivolto alle classi quinte Agenzia Banca Dati a.s. 2011/12 Commento ai risultati del questionario Il tradizionale questionario sottoposto agli allievi delle classi quinte

Dettagli

Giovani e lavoro: tra realtà e disincanto

Giovani e lavoro: tra realtà e disincanto Giovani e lavoro: tra realtà e disincanto Convegno LAVORO E CRISI ECONOMICA: EVIDENZE, RIFORME E PROSPETTIVE Auditorium Isfol Autori: Chiozza A., Mattei L., Torchia B. Roma, 10 dicembre 2015 I CONTATTI

Dettagli

Rilevazione sul benessere organizzativo e sul fenomeno del mobbing: primi risultati

Rilevazione sul benessere organizzativo e sul fenomeno del mobbing: primi risultati 10 settembre 2012 Rilevazione sul benessere organizzativo e sul fenomeno del mobbing: primi risultati Tra il 6 marzo e il 24 aprile 2012, il Comitato unico di garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione

Dettagli

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT PROGETTO CHIOCCIOL@.IT Premessa: Secondo una ricerca condotta da Skuola.net, in Italia un giovane su tre (nella fascia di età che va dagli undici ai venti anni) sarebbe sempre connesso ai social network.

Dettagli

Rapporto Amway sull imprenditorialità Anno 2013. Incoraggiare l imprenditorialità eliminando la paura di fallire

Rapporto Amway sull imprenditorialità Anno 2013. Incoraggiare l imprenditorialità eliminando la paura di fallire Rapporto Amway sull imprenditorialità Anno 2013 Incoraggiare l imprenditorialità eliminando la paura di fallire Rapporto Amway sull imprenditorialità 2013 SURVEY DESIGN Periodo di rilevazione: Marzo maggio

Dettagli

IL LAVORO CHE CAMBIA? ITALIANI DIVISI A METÀ!

IL LAVORO CHE CAMBIA? ITALIANI DIVISI A METÀ! IL LAVORO CHE CAMBIA? ITALIANI DIVISI A METÀ! Indagine AstraRicerche e Manageritalia (aprile 2015) Enrico Pedretti direttore marketing Manageritalia MILANO 24 NOVEMBRE 2015 L INDAGINE Manageritalia, con

Dettagli

[GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda

[GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda 2014 Imera Sviluppo 2010 Giuseppe Di Gesù [GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda GARANZIA GIOVANI: CHE COS E La Garanzia Giovani

Dettagli

Relazione sul benessere organizzativo (2013)

Relazione sul benessere organizzativo (2013) Relazione sul benessere organizzativo (0) ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE PROVINCIA DI PISTOIA Dott.ssa Elena Gori Via Boschetti e Campano, 8 09 Quarrata (PT) Tel. 7 0880 E-mail elena.gori@unifi.it

Dettagli

XLIII Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani GLI ITALIANI E LA RIFORMA DELLA SCUOLA DEL GOVERNO RENZI

XLIII Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani GLI ITALIANI E LA RIFORMA DELLA SCUOLA DEL GOVERNO RENZI XLIII Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani GLI ITALIANI E LA RIFORMA DELLA SCUOLA DEL GOVERNO RENZI Rapporto ottobre 2014 NOTA INFORMATIVA L Osservatorio sul Capitale Sociale è realizzato da

Dettagli

LE RISORSE UMANE E L ANALISI DEL CLIMA

LE RISORSE UMANE E L ANALISI DEL CLIMA LE RISORSE UMANE E L ANALISI DEL CLIMA Questo articolo vuole far riflettere sul perché è necessario tenere sotto controllo il clima aziendale in tutti i suoi aspetti. Infatti a seconda dello stato del

Dettagli

INDAGINE ON-LINE. Settembre 2014

INDAGINE ON-LINE. Settembre 2014 INDAGINE ON-LINE Settembre 2014 Rispondenti Indagine on-line condotta fra il 10-15 settembre 2014 (23,8% dei lavoratori sono giovani 15-29 anni) Settore Merceologico * Commercio 36,9% 26,2% 25,4% 11,5%

Dettagli

1. I PRINCIPALI RISULTATI DELL INDAGINE DI PLACEMENT

1. I PRINCIPALI RISULTATI DELL INDAGINE DI PLACEMENT Modelli di monitoraggio e valutazione delle politiche del lavoro contestualizzati al quadro sociale, economico ed occupazionale della Regione Autonoma Valle d'aosta, con specifico approfondimento del fenomeno

Dettagli

I giovani e le nuove tecnologie: quali impatti sui luoghi di lavoro? Milano, 12 novembre 2010 Assolombarda, Auditorium Gio Ponti Via Pantano, 9

I giovani e le nuove tecnologie: quali impatti sui luoghi di lavoro? Milano, 12 novembre 2010 Assolombarda, Auditorium Gio Ponti Via Pantano, 9 I giovani e le nuove tecnologie: quali impatti sui luoghi di lavoro? Milano, 12 novembre 2010 Assolombarda, Auditorium Gio Ponti Via Pantano, 9 Il focus dell indagine 2010 La ricerca ha avuto l obiettivo

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

INQUADRIAMO I QUADRI

INQUADRIAMO I QUADRI INQUADRIAMO I QUADRI QUADRI DI VALORE, la più grande indagine sui quadri aziendali italiani lanciata a luglio da Manageritalia in collaborazione con LinkedIn, OD&M, Praxi, AstraRicerche, ci mostra uno

Dettagli

I DOTTORI DI RICERCA: UNA RISORSA DA NON SPRECARE

I DOTTORI DI RICERCA: UNA RISORSA DA NON SPRECARE I DOTTORI DI RICERCA: UNA RISORSA DA NON SPRECARE di Liana Verzicco IL CAPITALE UMANO DI LIVELLO TERZIARIO Il solo obiettivo della strategia di Lisbona che l Unione Europea ha pienamente raggiunto prima

Dettagli

LA TERZA FASE DEL MONITORAGGIO LE SCELTE INTRODUZIONE

LA TERZA FASE DEL MONITORAGGIO LE SCELTE INTRODUZIONE INTRODUZIONE La certificazione esterna delle competenze linguistiche in inglese è un fenomeno che non interessa esclusivamente la scuola secondaria, ma assume una forte valenza anche nella scuola primaria.

Dettagli

Quale metodologia è stata adottata per realizzare la ricerca?

Quale metodologia è stata adottata per realizzare la ricerca? Angela Mongelli, ordinario di Sociologia della formazione presso il Dipartimento di Scienze della formazione, psicologia, comunicazione dell'università di Bari ha curato ed è la responsabile scientifica

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della scuola Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Giugno 2015

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

Concrete alternative all auto? Incoraggiare mezzi pubblici e bici!!

Concrete alternative all auto? Incoraggiare mezzi pubblici e bici!! Concrete alternative all auto? Incoraggiare mezzi pubblici e bici!! Una fermata Audimob, di approfondimento su incentivi e investimenti pubblici per politiche di sostegno finalizzate a trovare soluzioni

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO Progetto VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità della scuola Profilo della scuola POPPI Codice meccanografico ARIC8R INDICE Introduzione La partecipazione al progetto:

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate Le opinioni dei Capi di Istituto e dei responsabili scolastici dei progetti -25- -26- Nota

Dettagli

Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini

Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini Risultati dell indagine 2014 Ricerca commissionata dalla Presidente Giovani Albergatori Trentini dott. Francesca Maffei a cura dell Ufficio Marketing

Dettagli

PRIME CONSIDERAZIONI SULLO STUDIO RELATIVO AL BENESSERE LAVORATIVO

PRIME CONSIDERAZIONI SULLO STUDIO RELATIVO AL BENESSERE LAVORATIVO Regione Siciliana Azienda Ospedaliero Universitaria "Policlinico - Vittorio Emanuele" PRIME CONSIDERAZIONI SULLO STUDIO RELATIVO AL BENESSERE LAVORATIVO In considerazione del numero di 212/3192 operatori

Dettagli

Giovani protagonisti del futuro

Giovani protagonisti del futuro 2011 Giovani protagonisti del futuro Indagine sul disagio giovanile e interventi di prevenzione Daniela Pavoncello Logo della Gioventu.jpg Logo ISFOL.jpg INDAGINE SUL DISAGIO GIOVANILE E INTERVENTI DI

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Giovani laureate in cammino tra università e carriera. Sintesi III Rapporto Bachelor

Giovani laureate in cammino tra università e carriera. Sintesi III Rapporto Bachelor Giovani laureate in cammino tra università e carriera Sintesi III Rapporto Bachelor Bachelor - Future Manager Alliance è una società multinazionale italiana che da 15 anni si occupa di ricerca e selezione

Dettagli

realizzato in collaborazione con

realizzato in collaborazione con Un progetto di: realizzato in collaborazione con Modelli sostenibili per l Age Management e il Welfare Aziendale Indagine di AstraRicerche in collaborazione con Manageritalia Competitività, politiche intergenerazionali

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani

Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani 1 Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani La situazione dei giovani lavoratori italiani risulta a noi particolarmente svantaggiata. La società di oggi richiede ai giovani

Dettagli

I neolaureati nel mondo del lavoro e nell Industria di Marca Canali di reclutamento, profili, esigenze delle imprese

I neolaureati nel mondo del lavoro e nell Industria di Marca Canali di reclutamento, profili, esigenze delle imprese I neolaureati nel mondo del lavoro e nell Industria di Marca Canali di reclutamento, profili, esigenze delle imprese Prof. Francesco Ferrante (Uniclam) Consulente Scientifico di AlmaLaurea In collaborazione

Dettagli

L identità del manager italiano, il best place to work e l assistenza sanitaria integrativa. Indagine realizzata da Ipsos per Assidai

L identità del manager italiano, il best place to work e l assistenza sanitaria integrativa. Indagine realizzata da Ipsos per Assidai L identità del manager italiano, il best place to work e l assistenza sanitaria integrativa Indagine realizzata da Ipsos per Assidai Maggio 2015 L identità del manager italiano, il best place to work e

Dettagli

Rapporto sintetico sui bisogni educativi, verso un modello pedagogico comune

Rapporto sintetico sui bisogni educativi, verso un modello pedagogico comune ANALISI DEI BISOGNI Rapporto sintetico sui bisogni educativi, verso un modello pedagogico comune progetto 2013-1-IT1-LEO05-04042 "Educezione tra pari: trasferimento di una metodologia e strategia di apprendimento

Dettagli

WIS/SVP. Scala dei Valori Professionali PROFILO VALORIALE. Giancarlo Trentini, Massimo Bellotto, Maria C. Bolla. Nominativo: Codice cliente:

WIS/SVP. Scala dei Valori Professionali PROFILO VALORIALE. Giancarlo Trentini, Massimo Bellotto, Maria C. Bolla. Nominativo: Codice cliente: Scala dei Valori Professionali Giancarlo Trentini, Massimo Bellotto, Maria C. Bolla PROFILO VALORIALE Nominativo: Codice test: Data della prova: 12/09/2008 Sesso: Professione: maschile adulto in età lavorativa

Dettagli

IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE E LA STESURA DEL RAV ovvero Come sopravvivere al RAV

IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE E LA STESURA DEL RAV ovvero Come sopravvivere al RAV AIMC UCIIM Lombardia - Piemonte Veneto - Emilia Romagna Convegno interregionale Valutare per meglio educare Milano, 11 aprile 2015 IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE E LA STESURA DEL RAV ovvero Come sopravvivere

Dettagli

La scuola valutata: Europa, Italia, OCSE-PISA e altro

La scuola valutata: Europa, Italia, OCSE-PISA e altro 5 N PRMO PANO La scuola valutata: Europa, talia, OCSE-PSA e altro La scuola valutata: Europa, talia, OCSE-PSA e altro D PATRZA BORETT La scuola italiana bocciata ancora una volta n talia il dibattito sulla

Dettagli

Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla Regione LOMBARDIA

Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla Regione LOMBARDIA Governance Regionale e sviluppo dei servizi per il lavoro Linea 2. Network degli operatori del mercato del lavoro Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ANNO 2012

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ANNO 2012 BENESSERE CASA BELLEZZA RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ANNO 2012 Il potenziale imprenditoriale in Italia in tempo di crisi RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ IN EUROPA E IN ITALIA ANNO 2012 CASA

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

La selezione del personale

La selezione del personale La selezione del personale dott. Matteo Majer La selezione del personale è il processo mediante il quale un organizzazione effettua una serie di attività al fine di ricoprire un determinato ruolo all interno

Dettagli

Il futuro del volontariato

Il futuro del volontariato Il futuro del volontariato Giulia Barbero Vignola, Elisabetta Mandrioli La ricerca e i suoi risultati Le motivazioni che hanno portato la Fondazione «E. Zancan», da sempre attenta ai temi della solidarietà

Dettagli

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA Presso la Business Community e presso la popolazione di Brasile Ricerca di mercato condotta da: GPF&A e Ispo Ltd Per conto di: Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento per le Politiche di Sviluppo

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia 5 luglio 2005 Il testo qui presentato è pubblicato anche nel volume Madri sole - Sfide politiche e genitorialità alla prova, a cura

Dettagli

GARANZIA PER I GIOVANI: LE RISPOSTE DELL UNIONE E DELL ITALIA ALLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE*.

GARANZIA PER I GIOVANI: LE RISPOSTE DELL UNIONE E DELL ITALIA ALLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE*. GARANZIA PER I GIOVANI: LE RISPOSTE DELL UNIONE E DELL ITALIA ALLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE*. (*Il presente articolo è frutto esclusivo del pensiero dell Autore e non impegna in alcun modo l Amministrazione

Dettagli

Diventare padri in Italia

Diventare padri in Italia 20 ottobre 2005 Diventare padri in Italia Fecondità e figli secondo un approccio di genere L ampia letteratura scientifica su fecondità e figli è quasi esclusivamente basata su dati riferiti alla sola

Dettagli

I giovani e il mondo del lavoro

I giovani e il mondo del lavoro I giovani e il mondo del lavoro Agosto 2015 REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Presidenza della Regione Direzione generale Servizio programmazione, pianificazione strategica, controllo di gestione

Dettagli

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Realizzata da CNA Produzione In collaborazione con Centro Studi CNA MANIFATTURA

Dettagli

ANALISI DEL QUESTIONARIO DOCENTI

ANALISI DEL QUESTIONARIO DOCENTI 1 ANALISI DEL QUESTIONARIO DOCENTI L inchiesta che,al termine del passato anno scolastico, ha coinvolto gli insegnanti dell Istituto è, senza dubbio, quella con la più alta attendibilità giacché, in questo

Dettagli

RILEVAZIONE DATI D.i.Re. I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013

RILEVAZIONE DATI D.i.Re. I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013 RILEVAZIONE DATI D.i.Re I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013 A cura del Gruppo Ricerca rilevazione dati Novembre 2014 Premessa L associazione nazionale D.i.Re Donne in

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI

SINTESI DEI RISULTATI SINTESI DEI RISULTATI Valori Affetti ed etica. Nella vita dei più giovani occupano ancora un posto privilegiato affetti e legami come la famiglia, l amicizia e l amore. Il complessivo 97,5% del campione

Dettagli

La rappresentazione del futuro in epoche di crisi. Potenza 3 ottobre 2013

La rappresentazione del futuro in epoche di crisi. Potenza 3 ottobre 2013 La rappresentazione del futuro in epoche di crisi Potenza 3 ottobre 2013 Salvatore Soresi Università di Padova da Pearson (1909) a Holland (1959) al Miur (???) L uomo giusto al posto giusto! Lo scopo dell

Dettagli

Studiare lavorando: gli studenti universitari europei e italiani a confronto

Studiare lavorando: gli studenti universitari europei e italiani a confronto Studiare lavorando: gli studenti universitari europei e italiani a confronto 11 novembre 2011 I risultati dell indagine comparata Europea EUROSTUDENT IV - Social and economic conditions of student life

Dettagli

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale. Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale. Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES 2 la fondazione rosselli Origini e attività La Fondazione Rosselli è un

Dettagli

Sintesi dei risultati

Sintesi dei risultati 1 Sintesi dei risultati Il presente documento sintetizza i principali risultati ottenuti dall attività di ricerca e di intervista sviluppata dallo Studio GMB per conto dell Associazione Territorio e Cultura

Dettagli

Welfare aziendale tra opportunità e rischi. I risultati dell Osservatorio Edenred - Doxa.

Welfare aziendale tra opportunità e rischi. I risultati dell Osservatorio Edenred - Doxa. Welfare aziendale tra opportunità e rischi. I risultati dell Osservatorio Edenred - Doxa. Monica Boni, Direttore Welfare Benefits Edenred Italia Chi siamo Inventore dei Ticket Restaurant e leader mondiale

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO

I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO L articolo presenta i risultati di un indagine campionaria condotta, a luglio 22, sulla popolazione di coloro che hanno acquisito il diploma ECDL essendo già occupati

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Cercare lavoro è un lavoro! Da dove iniziare? Roberta Morici 16-10-2014

Cercare lavoro è un lavoro! Da dove iniziare? Roberta Morici 16-10-2014 Cercare lavoro è un lavoro! Da dove iniziare? Roberta Morici 16-10-2014 1 Cosa cercare? Non cercate solo un posto Cercate di costruire la vostra occupabilità come professionisti..ossia la libertà e la

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE E RIASSUNTO DEI PRINCIPALI DATI EMERSI DALLA RICERCA IPSOS (a cura di Intercultura)

NOTE ESPLICATIVE E RIASSUNTO DEI PRINCIPALI DATI EMERSI DALLA RICERCA IPSOS (a cura di Intercultura) Una ricerca sulle aspettative e gli atteggiamenti, di studenti, famiglie e presidi verso gli scambi interculturali NOTE ESPLICATIVE E RIASSUNTO DEI PRINCIPALI DATI EMERSI DALLA RICERCA IPSOS (a cura di

Dettagli

Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8

Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8 Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8 Sono circa mille i cittadini che hanno partecipato a Dite la vostra sul G8, la prima consultazione pubblica on line sul Vertice G8. La consultazione

Dettagli

LA FUGA DEI TALENTI: I MANAGER ITALIANI ESPATRIATI

LA FUGA DEI TALENTI: I MANAGER ITALIANI ESPATRIATI LA FUGA DEI TALENTI: I MANAGER ITALIANI ESPATRIATI Indagine Manageritalia e Kilpatrick a cura di LUGLIO 2013 0 LA FUGA DEI TALENTI: I MANAGER ITALIANI ESPATRIATI Indagine per Manageritalia e Kilpatrick

Dettagli

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE A conclusione del lavoro di ricerca, si ritiene di riassumere alcune considerazioni nate alla luce sia del lavoro di documentazione, sia di quello di indagine.

Dettagli

BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011

BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011 BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011 Gli europei e le vacanze estive: abitudini e tendenze Sintesi della ricerca Anche quest anno l Istituto di Ricerca IPSOS ha realizzato per conto di Europ Assistance

Dettagli

LA SOCIETA VICENTINA Rapporto sugli orientamenti e i valori dei cittadini SCENARIO 2002 ALTOVICENTINO

LA SOCIETA VICENTINA Rapporto sugli orientamenti e i valori dei cittadini SCENARIO 2002 ALTOVICENTINO LA SOCIETA VICENTINA Rapporto sugli orientamenti e i valori dei cittadini SCENARIO 2002 ALTOVICENTINO VII Rapporto POSTER Associazione Industriali di Vicenza SCHEDA DELLA RICERCA * CAMPIONE RAPPRESENTATIVO

Dettagli

Essere precari stanca

Essere precari stanca Essere precari stanca Il precariato nelle scuole friulane Sintesi degli esiti dell inchiesta promossa dal Coordinamento Precari Scuola (CPS) della provincia di Udine Settembre 2010 Il campione considerato

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECONOMICI

LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECONOMICI LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECOMICI 0. INDICE 0. INDICE... 1 1. LINEE GUIDA EUROPEE E RMATIVA NAZIONALE... 2 2. MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLA CONSULTAZIONE... 3

Dettagli

Lezione 9. Le barriere al cambiamento e le tecniche per il loro superamento. I gruppi

Lezione 9. Le barriere al cambiamento e le tecniche per il loro superamento. I gruppi Lezione 9 Le barriere al cambiamento e le tecniche per il loro superamento I gruppi 1 LE TIPOLOGIE DI BARRIERE ORGANIZZATIVE AL CAMBIAMENTO: UNA POSSIBILE CLASSIFICAZIONE mancata percezione dei benefici

Dettagli

Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno scolastico 2015/2016 INDICE

Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno scolastico 2015/2016 INDICE Pistoia, 01-09- 2015 Pistoia Social Business City Via Abbi Pazienza, 1-51100 Pistoia Ai soggetti interessati Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno

Dettagli

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012 TEAM BUILDING e BENESSERE ORGANIZZATIVO Faenza, 12 dicembre 2012 Ravenna, 24 gennaio 2013 Lugo, 30 gennaio 2013 Bandini Barbara benessere organizzativo secondo la normativa italiana l insieme dei nuclei

Dettagli

Lo studio riguarda tre fasi:

Lo studio riguarda tre fasi: 1 Premessa Lo studio è una particolare forma di apprendimento che ha come scopo l apprendere da un testo o da una lezione in modo intenzionale e autodiretto (Anderson, 1978), scegliendo obiettivi, tempi

Dettagli

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica Provincia Autonoma di Trento Dipartimento turismo, commercio, promozione e internazionalizzazione tsm Trentino School of Management SMT Scuola di Management del Turismo CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO

Dettagli

Risorse Umane e Performance Organizzativa

Risorse Umane e Performance Organizzativa Risorse Umane e Performance Organizzativa Perché Investire sulle Risorse Umane? Paula Benevene Università LUMSA, Roma Le persone costituiscono il fattore critico di successo Negli USA il costo dei dipendenti

Dettagli

L INSERIMENTO DI GIOVANI RISORSE UMANE IN AZIENDA griglia per la conduzione di gruppi di lavoro con imprenditori e tutor aziendali

L INSERIMENTO DI GIOVANI RISORSE UMANE IN AZIENDA griglia per la conduzione di gruppi di lavoro con imprenditori e tutor aziendali La griglia si compone di due livelli: una parte "a testo libero", in cui si chiede di descrivere e rispondere in modo discorsivo; una parte codificata tramite una scala a punteggio (intervallo da 1 a 5)

Dettagli

7.2 Indagine di Customer Satisfaction

7.2 Indagine di Customer Satisfaction 7.2 Indagine di Customer Satisfaction Il campione L indagine è stata condotta su un campione a più stadi di 795 clienti TIEMME SpA (errore di campionamento +/ 2%) rappresentativo della popolazione obiettivo,

Dettagli

Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO

Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO Direzione centrale Organizzazione Direzione centrale Risorse Umane Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO DICEMBRE 2014 1 A. Premessa La somministrazione

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

LA PERCEZIONE DEL CIC PRESSO GLI STUDENTI. Ricerca effettuata presso gli istituti superiori appartenenti all ULSS 9 di Treviso

LA PERCEZIONE DEL CIC PRESSO GLI STUDENTI. Ricerca effettuata presso gli istituti superiori appartenenti all ULSS 9 di Treviso LA PERCEZIONE DEL CIC PRESSO GLI STUDENTI Ricerca effettuata presso gli istituti superiori appartenenti all ULSS 9 di Treviso 1 Alcune osservazioni sui dati emersi dalla tabulazione del questionario sulla

Dettagli