Quaderno Settimanale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quaderno Settimanale"

Transcript

1 qp quaderno professionale Quaderno Settimanale Circolare settimanale di aggiornamento e supporto professionale Numero 15 del 16 aprile 2012 In questo numero: Flash stampa... 3 L Agenzia interpreta... 5 Il Giudice ha sentenziato... 6 L Approfondimento Oneri deducibili e detraibili L Approfondimento Compensi amministratori L Approfondimento Circolare n. 11/E/2012: chiarimenti sulla nuova tassazione delle rendite finanziarie Le prossime scadenze... 50

2 Gruppo scientifico: Costa Gianfranco Burzacchi Francesco Trevisan Michele Costa Francesco Tatone Alessandro

3 Flash stampa Decreto semplificazioni Immobili strumentali montani ed IMU IL SOLE 24 ORE IL SOLE 24 ORE IL SOLE 24 ORE Si riportano, in breve, altre disposizioni contenute nel decreto semplificazioni: i documenti di identità e di riconoscimento saranno rilasciati o rinnovati con validità fino alla data corrispondente al giorno di nascita del titolare, immediatamente successiva alla scadenza altrimenti prevista per il documento; le Pubbliche Amministrazioni devono pubblicare sul proprio sito la lista delle verifiche cui sono assoggettate le imprese in ragione della dimensione e del settore di attività, specificando criteri e modalità di svolgimento dei controlli; è sufficiente la SCIAA per l'esercizio dell'attività temporanea di somministrazione di alimenti e bevande in occasione di sagre, fiere, manifestazioni religiose e tradizionali o eventi locali straordinari; dal 2012, il controllo obbligatorio delle emissioni dei gas di scarico degli autoveicoli e dei motoveicoli sarà effettuato solo in occasione della revisione obbligatoria del mezzo Sono esenti dall IMU i fabbricati rurali strumentali ubicati nei Comuni classificati montani o parzialmente montani Modello F24 IL SOLE 24 ORE Dal , i contribuenti che versano le accise, devono usare il nuovo modello F24 accise Previsto un aggiornamento del modello F24 per il pagamento dell'imu pagina 3 di 51

4 Bilanci Xbrl Segnalatori anomalie Studi di Settore ITALIA OGGI ITALIA OGGI Il formato Xbrl è previsto per il deposito di: bilanci ordinari; bilanci abbreviati; bilanci consolidati d esercizio; situazioni patrimoniali di consorzi. Non è richiesto il formato Xbrl per il deposito di: bilancio finale di liquidazione; situazioni economico patrimoniali allegate ai progetti di fusione e scissione; bilanci redatti in base ai principi contabili internazionali Ias / Ifrs Sono stati introdotti, dalla società per gli Studi di Settore (Sose), dei nuovi segnalatori di anomalie o di incoerenze. Si evidenziano, tra gli altri: la presenza di beni strumentali nei dati strutturali e l assenza di valore degli stessi nei dati contabili dello studio; indicatori delle scorte; indicatori del costo del venduto pagina 4 di 51

5 L Agenzia interpreta Pagamento IMU Istruzioni operative sul contenzioso tributario PROVVEDIMENTO N. 2012/53909 C.M N. 12/E È consentito il pagamento dell IMU esclusivamente per mezzo del modello F24 e i titolari di partita IVA devono pagare l imposta con modalità telematiche L Agenzia delle Entrate, di concerto con Equitalia, con la Circolare citata, ha dettato le istruzioni agli Uffici su come dovrà essere gestito il contenzioso con i contribuenti pagina 5 di 51

6 Il Giudice ha sentenziato Sottoscrizione del PVC Emissione ed utilizzo di fatture false Impugnazione ruolo mai contestato Modello F24 telematico e blackout informatico CASS N CASS N C.T.R. LAZIO N. 332/10/11 C.T.P. REGGIO EMILIA N. 7/2/12 È valido l'accertamento fondato su un Processo Verbale di Constatazione firmato da un parente dell'imprenditore. Non è obbligatoria la sottoscrizione di chi ha un potere di rappresentanza Si applica una doppia condanna per chi emette e poi utilizza fatture false in fase di dichiarazione. Il reato di emissione di documenti inesistenti concorre con la dichiarazione fraudolenta È impugnabile davanti al giudice tributario una semplice stampa rilasciata dall agente della riscossione da cui si evinca l esistenza di un ruolo mai contestato, nel caso in cui lo stesso non sia stato portato a conoscenza del contribuente con la regolare notifica della cartella di pagamento Il blackout del sistema informatico o il ritardo della banca non configura il mancato versamento in capo al contribuente che ha dato disposizione all intermediario di pagare l F24 all ultimo giorno utile Dichiarazione omessa con credito d imposta Pullman trasporto passeggeri ed IVA CASS N CORTE GIUSTIZIA UE Se la dichiarazione che riporta il credito di imposta è stata omessa, il disconoscimento del predetto credito è subordinato ad un avviso di accertamento dell'agenzia delle Entrate, poiché non è sufficiente un semplice avviso bonario Al servizio di semplice trasporto passeggeri tramite pullman non può applicarsi il regime speciale IVA previsto per le agenzie di viaggi Dipendenti in nero ed accertamento CASS N La presenza di dipendenti in nero può legittimare l accertamento induttivo anche se formalmente le scritture contabili risultano corrette pagina 6 di 51

7 Cessione fittizia CASS N Anche la cessione parziale delle quote di una società può bastare a configurare il reato di intestazione fittizia con finalità di riciclaggio PVC e rimborso IVA Codice attività errato ed accertamento Sequestro scritture contabili CASS N CASS N CASS N Il rimborso dell IVA è legittimamente negato dal Fisco, anche se i dati del Processo Verbale di Constatazione sono troppo vecchi per fondare l accertamento È nullo l accertamento basato sugli Studi di Settore relativi ad un codice attività indicato erroneamente in dichiarazione dal contribuente È legittimo il sequestro delle scritture contabili custodite presso la sede della società, anche se ciò impedisce la prosecuzione dell attività Commercialista che aiuta nell evasione Responsabilità del professionista Contenuto della cartella di pagamento CASS N CASS N CASS N Il commercialista che aiuta il cliente ad evadere l IVA rischia di essere condannato come concorrente e di vedere applicato il sequestro per equivalente dei suoi beni Commette il reato di infedele dichiarazione dell IVA il professionista che omette di dichiarare le fatture emesse, anche se non ha incassato i relativi compensi La cartella di pagamento è da considerarsi valida anche qualora non sia preceduta dalla comunicazione dell esito della liquidazione Equitalia ed iscrizione di ipoteca CASS N Equitalia non può iscrivere ipoteca per crediti non realizzabili con l espropriazione immobiliare, neppure a seguito dell emanazione del Decreto n. 40/2010 pagina 7 di 51

8 L Approfondimento 1 Oneri deducibili e detraibili 2012 PREMESSA Con questo intervento concludiamo la descrizione degli oneri e delle spese per i quali il legislatore prevede la detraibilità nella misura del 19% in sede di determinazione dell IRPEF dovuta per l anno Nei due modelli dichiarativi, 730/2012 e UNICO PF 2012, le spese sostenute vanno evidenziate rispettivamente nei quadri E ed RP, sezione I, righi da E12 ad E21 ed RP12 ad RP21. Come negli interventi precedenti, seguendo lo schema presente nelle dichiarazioni, procederemo con la descrizione dei vari oneri e l indicazione delle istruzioni per la corretta compilazione dei righi. Rigo E12 ed RP12 Assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni pagina 8 di 51

9 La detraibilità dei premi di assicurazione è specificatamente regolata dall ex articolo 15, comma 1, lettera f) del TUIR, e secondo il quale dall imposta lorda si detrae un importo pari al 19% de i premi per assicurazioni aventi per oggetto il rischio di morte o di invalidità permanente non inferiore al 5 per cento da qualsiasi causa derivante, ovvero di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana, se l impresa di assicurazione non ha la facoltà di recesso dal contratto per un importo complessivamente non superiore a lire 2 milioni e 500 mila [euro 1.291,14]. Per meglio comprendere l argomento in questione ricordiamo brevemente che tale disposizione normativa è stata oggetto di riforma per effetto del D.lgs. n. 47/2000 e del D.lgs. n. 168/2001, in seguito all introduzione dei quali, a partire dal 2001, il trattamento fiscale da adottare varia in considerazione che una polizza sia stipulata al fine di fronteggiare in via esclusiva il rischio di morte o di invalidità permanente, per le quali è prevista la detraibilità del premio versato, le polizze che hanno finalità di carattere pensionistico previdenziale, per le quali è concessa la deducibilità dei premi, e quelle a carattere prettamente finanziario, per le quali non è concesso alcun beneficio. A queste polizze assicurative vanno accostate quelle miste, con le quali l assicurato copre sia il rischio infortuni, detraibile, sia il rischio malattia, non detraibile: per queste è necessario, in sede di dichiarazione stabile quale sia la quota di premio riconducibile alla copertura per infortuni. La riforma introdotta dai due decreti sopracitati non è andata, comunque, ad intaccare il regime fiscale cui rifarsi per tutte quelle polizze stipulate o rinnovate fino alla data del 30 dicembre 2000: occorrerà, quindi, porre attenzione alla data di stipula o di rinnovo del contratto, prendendo come spartiacque tale termine. Per le polizze stipulate o rinnovate entro questa data si continuano ad applicare le previgenti disposizioni e quindi viene ammessa la detraibilità del 19% dei premi versati per assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni: di durata non inferiore a cinque anni dalla data di stipula; che per il periodo di durata minima non permettano la concessione di prestiti. pagina 9 di 51

10 Per i contratti stipulati o rinnovati a partire dal 1 gennaio 2001, invece, si applica la previsione di cui all articolo 15, in forza al quale il beneficio fiscale della detrazione del 19% riguarderà le polizze che coprono: il rischio morte; il rischio di invalidità permanente non inferiore al 5%, da qualsiasi causa dipendente; il rischio di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana. La detrazione si estende anche ai premi di assicurazione versati all estero o ad una compagnia assicuratrice estera, come segnalato dalla C.M. n. 137/E/1997. Per i contratti di assicurazione sulla vita, invece, il beneficio fiscale consiste nella deducibilità dei premi versati, entro i limiti individuati dalla normativa, e che andranno esposti nella sezione II del quadro E ed RP (spese ed oneri per i quali spetta la deduzione dal reddito complessivo). Se il contribuente ha stipulato o rinnovato, a partire dal 1 gennaio 2001, delle polizze assicurative miste, occorre prestare attenzione ai rischi cui l assicurato intende dare copertura. Per il loro inquadramento l Amministrazione Finanziaria, con la C.M. n. 29/E/2001, ha precisato che: relativamente ai contratti di assicurazione finalizzati alla copertura del rischio di morte, rientrano tra questi non solo quelli in cui il contratto prevede l'erogazione della prestazione esclusivamente in caso di morte, ma anche quelli che prevedono l'erogazione sia in caso di morte sia in caso di permanenza in vita dell'assicurato alla scadenza del contratto stesso o di riscatto prima della scadenza (c.d. contratti di tipo "misto"). Tra questi vanno annoverati anche i contratti che hanno per oggetto il rischio di morte a vita intera. Fiscalmente nei contratti misti solo la parte del premio riferibile al rischio di morte può fruire della detrazione; pagina 10 di 51

11 per quanto attiene ai contratti aventi ad oggetto il rischio di invalidità permanente, la norma consente la detrazione con riferimento ai premi se l'invalidità permanente è derivante da "qualsiasi causa", quindi sia se è causata da infortuni sia conseguenza di malattia, purché l'invalidità sia non inferiore al 5%. Nel caso in cui la polizza malattia o infortuni sia finalizzata a garantire un risarcimento anche in caso di invalidità inferiore a tale limite percentuale, sarà riconosciuta la detrazione con riferimento alla sola quota parte del premio corrisposto limitatamente alla copertura del rischio di invalidità. Detta quota deve essere indicata separatamente, in valore assoluto o in percentuale, nel contratto di polizza e nelle comunicazioni annuali all'assicurato. Sono inoltre escluse dal beneficio le somme versate per garantire la copertura del rischio di invalidità temporanea, anche se totale; per le polizze che coprono il rischio di non autosufficienza nel compimento degli atti di vita quotidiana assieme ad altri rischi, la detrazione viene riconosciuta solo per la quota di premio riferita al rischio di non autosufficienza. Per questi premi, come stabilito dall ex articolo 15, il limite massimo di detraibilità è pari ad euro 1.291,14, ne consegue che, applicando la percentuale di detrazione del 19%, il beneficio massimo conseguibile per il periodo d imposta 2011 si attesta ad euro 245,32. Questo limite si applica anche nel caso in cui il contribuente abbia sottoscritto e versato premi relativi a più polizze o per premi versati in favore di familiari a carico; in merito la C.M. n. 17/E/2006 ha chiarito che la detrazione è concessa qualora: il soggetto dichiarante risulti essere sia contraente che assicurato della polizza; il dichiarante risulti essere contraente e l assicurato sia un familiare fiscalmente a carico; un familiare fiscalmente a carico risulti essere sia contraente che assicurato; un familiare fiscalmente a carico sia il contraente e il dichiarante sia l assicurato. Nel caso il contribuente sia un lavoratore dipendente, nel suddetto limite deve essere ricompreso anche l ammontare dei premi assicurativi in relazione ai quali il datore di lavoro ha operato la detrazione in sede di ritenuta, come disposto dal terzo periodo dell articolo 15, comma 1, lettera f). pagina 11 di 51

12 Al fine di beneficiare della detrazione, è necessario produrre idonea documentazione, ovvero: la ricevuta di pagamento del premio versato nel 2011; copia del contratto di assicurazione o dell attestato assicurativo in cui risultino: la tipologia del contratto; la decorrenza del contratto; i dati del contraente e dell assicurato; gli importi fiscalmente rilevanti; per le polizze miste, è richiesta la separata indicazione della parte del premio versato relativa alla copertura del rischio infortuni. Nei righi E12 ed RP12 vanno compresi anche i premi di assicurazione indicati con il codice 12 nelle annotazioni del modello CUD 2012 e/o del modello CUD Rigo E13 ed RP13 Spese di istruzione Ai sensi dell articolo 15, comma 1, lettera e), è possibile fruire della detrazione del 19% delle spese sostenute nel 2011, anche se riferibili a più anni, per la frequenza a corsi di istruzione secondaria ed universitaria, compresi i corsi di perfezionamento e di specializzazione, presso istituti o Università sia italiane che straniere, pubbliche o private, nella misura non superiore a quella stabilita per le tasse e i contributi degli istituti statali italiani. pagina 12 di 51

13 Tra le spese di istruzione relative agli studi universitari, è riconosciuta la detraibilità anche delle tasse di iscrizione e di immatricolazione, anche se riferibili a più anni, compresa l iscrizione ad anni fuori corso, e le sopratasse per gli esami di profitto e di laurea. L Amministrazione Finanziaria, con svariati documenti di prassi, ha fornito alcuni chiarimenti in materia, tra questi ricordiamo: la C.M. n. 95/E/2000, per le spese sostenute per la frequenza di Università straniere, detraibili nei limiti individuati dalla normativa, e per le quali occorre fare riferimento alle corrispondenti spese per la frequenza di corsi similari tenuti presso l Università statale italiana più vicina al domicilio fiscale del contribuente; la C.M. n. 101/E/2000, per le spese di frequenza a master universitari, detraibili solo nel caso risultino assimilabili a corsi universitari o di specializzazione gestiti da istituti universitari pubblici o privati; la R.M. n 77/E/2008, per le spese di frequenza a Scuole di specializzazione per l abilitazione all insegnamento nelle scuole statali o paritarie, la cui detrazione viene consentita solo se il corso frequentato può essere paragonato ad un ordinario corso di istruzione universitaria; la R.M. n. 87/E/2008, con la quale viene precisato che le spese di partecipazione ai test di accesso ai corsi di laurea, dato che le prove selettive costituiscono condizione necessaria per accedere agli studi, sono assimilate alle normali spese per istruzione e, quindi, detraibili; la R.M. n. 11/E/2010, che riconosce la detraibilità delle spese sostenute per l iscrizione ai dottorati di ricerca, essendo questi dei titoli che vengono conseguiti dopo la frequenza di un corso di istruzione universitaria; la C.M. n. 39/E/2010, con la quale non viene riconosciuta la detraibilità dei contributi versati all Università pubblica italiana per ottenere il riconoscimento di lauree conseguite all estero; la Circolare 13 maggio 2011, n. 20, punto 5.3, con la quale l Agenzia delle Entrate ha chiarito che possono essere detratte le spese sostenute per l iscrizione ai conservatori musicali, in particolare: pagina 13 di 51

14 nuovi corsi istituiti ai sensi del D.P.R. n. 212/2005 presso i conservatori musicali; Istituti musicali pareggiati; Rimangono escluse da tale precisazione le spese per l iscrizione agli istituti musicali privati. Per tutte le spese di istruzione i contribuenti sono tenuti a conservare i bollettini, ricevute o quietanze comprovanti il versamento delle tasse scolastiche, effettuato nell anno 2010; su questi documenti devono essere indicati: i dati anagrafici dello studente; i dati identificativi l istituto o l Università; la causale del versamento; l importo versato. La detrazione viene riconosciuta anche se dette spese sono state sostenute dal dichiarante a favore di un familiare fiscalmente a carico: l ipotesi più diffusa nella realtà quotidiana è quella delle spese sostenute per l istruzione dei figli, in questo caso: se il documento è intestato al figlio studente, la spesa può essere suddivisa in parti uguali fra i genitori dichiaranti, salvo la possibilità di ripartire con una diversa quota la spesa o nel caso in cui uno dei coniugi sia a sua volta fiscalmente a carico dell altro; se il documento è intestato ad uno dei genitori, la detrazione spetta unicamente a quest ultimo. Nei righi E13 ed RP13 vanno comprese anche le spese indicate con il codice 13 nelle annotazioni del modello CUD 2012 e/o del modello CUD pagina 14 di 51

15 Rigo E14 ed RP14 Spese funebri Questa detrazione è prevista dall ex articolo 15, comma 1, lettera d) del TUIR, il quale specifica che è consentita: per le spese sostenute in dipendenza della morte di persone indicate dall articolo 433 del Codice Civile, di affidati o affiliati, anche se non fiscalmente a carico; per un importo non superiore ad euro 1.549,37 per ciascuna di esse. Andiamo ad approfondire il requisito normativo: per quanto riguarda i soggetti defunti e per i quali viene ammessa la detrazione delle spese funebri la normativa individua: il coniuge, anche se legalmente o effettivamente separato; i figli, intendendo quelli legittimi, legittimati, naturali, riconosciuti, adottivi, affidati o affiliati; i discendenti dei figli, anche quelli naturali; i genitori e ascendenti prossimi, anche naturali; gli adottati; i generi e le suocere; i fratelli e le sorelle, sia germani che unilaterali, con precedenza dei germani. Le spese funebri, per poter essere detraibili, devono rispondere ad un criterio di attualità rispetto all'evento cui sono finalizzate, sono così escluse quelle sostenute anticipatamente dal contribuente in previsione delle future onoranze funebri. pagina 15 di 51

16 Per quanto riguarda il limite massimo detraibile, il legislatore, per l anno 2010, fissa l importo di euro 1.549,37 per ciascun decesso e spettante al soggetto che ha effettivamente sostenuto la spesa. La documentazione necessaria per la detrazione consiste nelle fatture, ricevute o quietanze che attestino il pagamento di spese per l acquisto di beni o la prestazione di servizi riconducibili al funerale. Nei righi E14 ed RP14 vanno comprese anche le spese indicate indicati con il codice 14 nelle annotazioni del modello CUD 2012 e/o del modello CUD Rigo E15 ed RP15 Spese per addetti all assistenza personale Tale detrazione è stata prevista per le spese sostenute nel 2011, non a proprio favore, bensì per altri familiari, seguiti da addetti all assistenza personale, nell ipotesi di non autosufficienza; l assistenza può essere prestata anche presso case di riposo nelle quali il soggetto non autosufficiente viene ricoverato o qualora sia prestata da cooperative di servizio. La detrazione è ammessa nel limite massimo di spesa di euro 2.100,00, per un beneficio complessivo di euro 399,00, riconosciuto al singolo contribuente e non al numero di familiari non autosufficienti assistiti, e a condizione che il reddito complessivo del fruitore della detrazione (da quest anno calcolato anche sulla base di quello derivante da locazione di fabbricati assoggettati a cedolare secca) non sia superiore ad euro ,00. pagina 16 di 51

17 La documentazione richiesta consiste nelle fatture o ricevute fiscali, emesse dall addetto all assistenza, in cui siano riportati i dati anagrafici ed il codice fiscale dell addetto all assistenza, del soggetto che ha sostenuto l onere, e del familiare non autosufficiente che ha necessitato di assistenza. Nei righi E15 ed RP15 vanno comprese anche le spese indicate con il codice 15 nelle annotazioni del modello CUD 2012 e/o del modello CUD Rigo E16 ed RP16 Spese per attività sportive praticate da ragazzi Questa detrazione è prevista dall articolo 15, comma 1, lettera i-quinquies) del TUIR, ed è ammessa: per ragazzi di età compresa tra i 5 ed i 18 anni; per spese di importo non superiore ad euro 210,00, cui corrisponde un beneficio massimo di euro 39,90; sostenute per l iscrizione annuale e per l abbonamento ad associazioni sportive, palestre, piscine, altre strutture, per impianti sportivi destinati alla pratica sportiva e dilettantistica rispondenti alle caratteristiche individuate con D.P.C.M. o Ministro delegato, di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze. Tra le spese per attività sportiva rientrano non solo quelle strettamente individuate dalla normativa (iscrizione ed abbonamento), ma anche quelle che si rendono necessarie per consentire l esercizio delle attività, quindi accessorie. pagina 17 di 51

18 Con il D.M. del 28 marzo 2007, attuativo per la detrazione, sono stati individuate le caratteristiche che devono presentare le strutture sportive: le associazioni sportive devono recare nella propria denominazione la dicitura dilettantistica ; le palestre, le piscine, le altre strutture, gli impianti sportivi destinati alla pratica sportiva e dilettantistica devono essere gestiti da soggetti giuridici diversi da associazioni e società sportive dilettantistiche, pubblici o privati, anche costituiti in forma di impresa ed organizzati per la pratica sportiva non professionale, agonistica e non agonistica. Sono ammessi anche gli impianti polisportivi. Di riflesso, non è ammessa la detrazione delle spese per abbonamenti ad associazioni non dilettantistiche, per le società che praticano attività sportiva in forma professionale e per le associazioni non sportive, per eventuali corsi di attività sportiva da queste organizzate al di fuori di palestre. In merito ai limite massimo di detraibilità di euro 210,00 occorre ricordare che la detrazione riguarda le spese sostenute per ciascun ragazzo, e pertanto se sostenuta per familiari a carico, come pressoché ovvio presupporre, chi ha sostenuto effettivamente la spesa, solitamente un genitore, potrà beneficiare della detrazione. Il dichiarante è, infine, tenuto ad esibire le fatture, le ricevute fiscali o le quietanze di pagamento nei quali sia indicato: la ditta, la denominazione o ragione sociale e la sede legale o, se persona fisica, il nome, cognome, residenza e codice fiscale di chi ha reso la prestazione; la causale del pagamento; l attività sportiva esercitata; l importo; i dati anagrafici di chi ha praticato l attività sportiva; il codice fiscale del soggetto cha ha eseguito il pagamento. pagina 18 di 51

19 A tal proposito, l Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 20 del , ha chiarito che nel caso in cui i Comuni abbiano stipulato accordi con le associazioni / palestre / piscine per la frequenza, per la detraibilità delle somme viene richiesto che il bollettino postale / bancario o la ricevuta riportino i dati normativamente richiesti. Secondo tale interpretazione, infatti, la presentazione del bollettino di versamento intestato direttamente al Comune, con annessa ricevuta complessiva riportante l elenco dei ragazzi che hanno frequentato i corsi, non risulta più sufficiente. Con riguardo alla compilazione, va sottolineato che a partire da quest anno i righi E16 ed RP16 risultano suddivisi in 2 colonne: nella colonna 1, va riportato l importo delle spese per attività sportive sostenute nei confronti di un solo ragazzo; nella colonna 2 viene, invece, indicata la somma relativa alle spese sostenute per un secondo familiare rientrante nel regime qui sopra descritto; nel caso di un terzo ragazzo / familiare, viene posto l onere di compilazione di modelli aggiuntivi da parte del contribuente interessato. Nei righi E16 ed RP16 vanno, infine, comprese anche le spese indicate con il codice 16 nelle annotazioni del modello CUD 2012 e/o del modello CUD Righi E17, E18, E19 ed RP17, RP18, RP19 (codice 17) Spese per intermediazione immobiliare pagina 19 di 51

20 A partire da quest anno, per tale tipologia di spese non viene più assegnato uno specifico rigo; esse infatti vanno riportate nei righi residuali della sezione I del quadro E (modello 730), nonché negli stessi della medesima sezione del quadro RP (modello UNICO), indicandone il codice (17, in questo caso) e l importo ammesso in detrazione. In particolare, questa detrazione, disciplinata dall articolo 15, comma 1, lettera b-bis) del TUIR, prevede l abbattimento dell imposta lorda per un importo pari al 19% dei compensi, comunque denominati: pagati a soggetti di intermediazione immobiliare; a partire dal 1 gennaio 2007; in dipendenza dell acquisto dell unita immobiliare da adibire ad abitazione principale; per un importo non superiore ad euro per ciascuna annualità; se l unità immobiliare è acquistata da più persone la detrazione, nel suddetto limite, deve essere suddivisa tra i comproprietari in ordine alla percentuale di proprietà; non spetta per i familiari fiscalmente a carico. Si tratta, quindi, di provvigioni, compensi o commissioni immobiliari pagate ad agenti immobiliari, iscritti presso gli appositi ruoli conservati presso le Camere di Commercio ai sensi della Legge n. 39/1989, per il servizio di intermediazione reso per l acquisto della prima casa. Anche per queste spese è intervenuta l Amministrazione Finanziaria fornendo alcuni chiarimenti per alcune situazioni specifiche che possono verificarsi, tra questi ricordiamo: la C.M. n. 34/E/2008, con la quale si ritiene che il contribuente possa beneficiare della detrazione anche per l acquisto di diritti reali diversi dalla piena proprietà, a condizione che l immobile sia adibito a dimora principale; la stessa C.M. n. 34 nega, invece, la detrazione dei compensi pagati se la contrattazione non ha esito positivo e non si ha luogo all acquisto. Questo, secondo logica, in quanto non c è la possibilità di destinare l immobile ad abitazione principale; pagina 20 di 51

21 la R.M. n. 26/E/2009, ammette la detrazione dei compensi pagati ad agenti immobiliari anche se relativi al solo contratto preliminare di compravendita. Alla luce di quanto appena esposto la detrazione è subordinata al successivo acquisto dell immobili e alla destinazione all uso predetto; la C.M. n. 39/E/2010, viene concesso il beneficio della detrazione anche nel caso in cui le spese di intermediazione immobiliare siano state sostenute in data antecedente alla stipula del contratto preliminare di compravendita. Segnaliamo che in assenza di specifiche istruzioni ministeriali, per il beneficio fiscale si ritiene necessario disporre della fattura emessa dall agente immobiliare. In tali righi vanno comprese anche le spese indicate con il codice 17 nelle annotazioni del modello CUD 2012 e/o del modello CUD Righi E17, E18, E19 ed RP17, RP18, RP19 (codice 18) Spese per canoni di locazione sostenute da studenti universitari fuori sede Così come disposto per le spese di intermediazione mobiliare, anche per tale tipologia di costi è stata disposta l eliminazione del rigo ad essi dedicato. Essi, infatti, vanno indicati nei righi residuali della sezione I del quadro E (modello 730) nonché negli stessi della medesima sezione del quadro RP (modello UNICO), indicandone il codice (18, in questo caso) e l importo ammesso in detrazione. pagina 21 di 51

22 In particolare questa detrazione è prevista dall ex articolo 15, comma 1, lettera i-sexies) del TUIR e riguarda: i canoni di locazione, relativi a contratti di locazione stipulati o rinnovati ai sensi della Legge n. 431/1998 e successive modificazioni; i canoni relativi ai contratti o dichiarazioni di ospitalità; gli atti di assegnazione in godimento o locazione stipulati con enti per il diritto allo studio, Università, collegi universitari legalmente riconosciuti, enti senza fine di lucro e cooperative; pagati dagli studenti iscritti ad un corso di laurea presso un Università: ubicata in un Comune diverso da quello di residenza distante, almeno, 100 chilometri; e comunque in una Provincia diversa; per poter accedere ad unità immobiliari situate nello stesso Comune in cui ha sede l Università o in Comuni ad esso limitrofi; per un importo non superiore ad euro 2.633,00 annuo, cui corrisponde un benefici complessivo di euro 500,27; la detrazione spetta anche se la spesa è stata sostenuta per familiari a carico, situazione che spesso si verifica nella realtà quotidiana nella quale i genitori sostengono queste spese a favore dei figli. Tale importo va applicato al nucleo familiare, mentre non rileva il numero dei figli studenti universitari a carico. Allo stesso modo non conta il numero dei contratti di locazione sottoscritti; la detrazione non è cumulabile con altre detrazioni eventualmente spettanti per i canoni di locazione. In tali righi vanno comprese anche le spese indicate con il codice 18 nelle annotazioni del modello CUD 2012 e/o del modello CUD pagina 22 di 51

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali le agevolazioni fiscali aggiornata con la normativa in vigore al 30 novembre 2007 INDICE 1. PREMESSA 2 2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS 4 La deducibilità dal reddito delle erogazioni liberali alle ONLUS 4 La

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2015 OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale e da altri

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Mauro Porcelli 1 I fringe benefits sono emolumenti aggiuntivi della retribuzione costituiscono vantaggi accessori servono a motivare

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015)

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015) GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ (edizione per il 730/2015) Premessa La presente GUIDA si prefigge lo scopo di dare istruzioni a tutti gli operatori dei CAF aderenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa Affitti in nero: convenienza ZERO Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa A cura del Comando Provinciale Guardia di Finanza Studia e vivi Roma Studia e vivi Roma è una guida di

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative.

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 giugno 2002 CIRCOLARE N. 50/E OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Art. 1. Norme generali 1.1 Come stabilito dal D.Lgs 252/2005, l Associato può richiedere un anticipazione sulla posizione individuale maturata: a)

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009:

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009: NOTA BENE L articolo 34 della legge 183/10 ha introdotto nuove componenti del reddito da dichiarare, oltre quelle previste dall art. 3, comma 1, delle norme integrate dai D.P.C.M. n. 221/99 e n. 242/01.

Dettagli

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI Come si detraggono le spese per l acquisto dei farmaci? Cosa deve contenere lo scontrino fiscale emesso dalla farmacia? A cosa serve la tessera sanitaria?

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO

DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO Riferimenti normativi Testo Unico in materia di spese

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

COMPENSO IN MISURA FISSA

COMPENSO IN MISURA FISSA AMMINISTRATORI Per gli amministratori può essere previsto un compenso: a) in misura fissa; b) variabile in base agli utili (partecipazione agli utili); c) misto, base fissa più variabile in base agli utili;

Dettagli