Indice Capitolo 1 Disposizioni generali dei termini di Unico 2010 pag.15

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice Capitolo 1 Disposizioni generali dei termini di Unico 2010 pag.15"

Transcript

1

2 Indice Capitolo 1 Disposizioni generali dei termini di Unico 2010 Il nuovo calendario delle Dichiarazioni Dichiarazione Unificata Dichiarazione Irap Modello 770 ordinario Modello 770 semplificato Periodo di imposta coincidente con l anno solare Persone fisiche Società di persone e Società di capitali Dichiarazione non unificata Individuazione dei modelli da utilizzare Soggetti IRES Società di persone Periodi di imposta chiusi anteriormente al Presentazione Unico 2010 Unico cartaceo Termine per la presentazione di Unico 2010 Persone Fisiche e Società di persone Termini per il versamento delle imposte Persone fisiche e società di persone Termine per la presentazione Unico 2010 Società di capitali Termine per il versamento delle imposte Unico 2010 Società di capitali Esempi Operazioni straordinarie Operazioni straordinarie delle Società di persone Inizio di attività in corso d anno Cessazione dell attività in corso d anno senza messa in liquidazione Cessazione dell attività in corso d anno con liquidazione Periodo ante liquidazione Periodo post-liquidazione Modelli da utilizzare e modalità di presentazione Liquidazione terminata prima del Liquidazione terminata in data Liquidazione terminata dopo il pag.15

3 Trasformazione di società di persone Operazioni straordinarie per le Società di capitali Periodo di imposta non coincidente con l anno solare per le Società di capitali Presentazione telematica dei modelli per le Società di capitali Esempi Periodo lungo Liquidazione società di capitali Conferimento ditta individuale in società di capitali Fusione per incorporazione Fusione di società di capitali Capitolo 2 Le scadenze relative alle dichiarazioni 2010 pag.43 Persone fisiche Società di persone e soggetti equiparati Soggetti IRES Capitolo 3 L Irpef scontata a novembre va versata a titolo di saldo senza necessità di distinzione pag.61 Riduzione degli acconti di imposta 2009 I soggetti interessati I soggetti esclusi Le imposte escluse Credito di imposta per acconti versati in eccesso Il ricalcolo che è stato effettuato Esempio Regolazione degli importi scontati Compilazione del quadro RN di Unico 2010 PF Versamento imposta a saldo Soggetti che hanno pagato Irpef senza agevolazioni Compilazione del quadro RN di Unico 2010 PF Capitolo 4 Calcolo degli acconti 2010 senza l agevolazione Tremonti-ter pag.69 Determinazione costo agevolabile Agevolazione in sede di saldo imposte Irrilevanza Tremonti-ter nel calcolo degli acconti-unico 2010 Sanzioni Capitolo 5 Le perdite d impresa nel Modello Unico 2010 pag.75 La ratio del riporto delle perdite Normative di riferimento Contribuenti IRES

4 Impresa di nuova costituzione Decorrenza disposizioni DL 223/06 Circolare n.1/e/2007 Esempi Modello Unico 2010 SC Esclusione del riporto delle perdite Perdite da partecipazioni in snc e sas Contribuenti IRPEF Perdite fiscali utilizzabili Limitazioni al riporto Società di persone ed associazioni Società in accomandita semplice : imputazione delle perdite agli accomandanti L imputazione delle perdite delle società di capitali trasparenti Modello Unico 2010 dei soggetti Irpef Imprenditore individuale in contabilità ordinaria Imprenditore individuale in contabilità semplificata Modello Unico 2010: società di persone Contribuenti minimi Società di comodo Capitolo 6 New entry in Unico 2010: perdite pregresse da deduzione Irap pag.103 Rivitalizzazione delle perdite Il prospetto di Unico Società di capitali Unico 2010 n.1 Precisazioni n.2 Società di persone Unico 2010 Imprenditori individuali e professionisti Unico 2010 n.3 Contribuenti minimi Capitolo 7 Unico 2010 SC: le perdite attribuite da società di persone a società di capitali pag.115 La nuova disciplina delle perdite derivanti da partecipazioni in società di persone Lo scopo antielusivo del legislatore

5 Soggetti interessati Decorrenza Unico 2009 SC Modello Unico 2010 SC - Esempio Perdita conseguita dalla partecipata nel 2007 Perdita conseguita dalla partecipata nel 2008 Utilizzo della perdita nel 2008 da parte della partecipante Riporto della perdita della partecipata nel 2009 Compilazione dei RS130 - RS132 RS130 RS131 RS132 Determinazione del reddito attribuito per trasparenza RS139 Capitolo 8 Unico 2010 SC: le novità e le variazioni in aumento e diminuzione del quadro RF pag.127 Quadro RF: determinazione reddito impresa Dettaglio dei righi del quadro RF Novità Prestazioni alberghiere e somministrazioni di alimenti e bevande Spese di rappresentanza Qualificazione delle spese di rappresentanza Spese di ospitalità Omaggi Indicazione in Unico 2010 delle spese di rappresentanza e di vitto e alloggio Tremonti-ter Rigo RF50 Indicazione in Unico 2010 Unico 2010 Quadro RS Unico 2010 Quadro RF Certezza del diritto per fruire dell agevolazione Revoca dell agevolazione Bonus ricapitalizzazioni - Rigo RF50 Rideterminazione tassazione utili e dividendi Dividendi e utili equiparati Plusvalenze e minusvalenze da cessione azienda Plusvalenze e minusvalenze Indicazione della maggiore IVA Rigo RF13 Variazioni in aumento Quote costanti delle plusvalenze e sopravvenienze rateizzate Rigo RF7

6 Calcolo del periodo minimi di possesso Individuazione del giorno a partire dal quale inizia il conteggio Sopravvenienza derivante da risarcimento Plusvalenze da cessione immobilizzazioni Finanziarie Cessione di azienda La scelta della rateizzazione Immobili patrimonio: redditi e spese Rigo RF11 e RF12 Proroga degli sfratti Contratti convenzionati in Comuni ad alta densità abitativa Immobili siti in Abruzzo Compensi agli amministratori Rigo RF15 Interessi passivi indeducibili Rigo RF16 Mezzi di trasporto indeducibili Rigo RF19 Spese e altri componenti negativi Limiti della deducibilità Oneri di utilità società Rigo RF18 Erogazioni liberali Spese per la generalità dei dipendenti Svalutazioni, minusvalenze e sopravvenienze passive non deducibili Rigo RF20 Ammortamenti non deducibili Rigo RF22 Spese di manutenzione e riparazione Rigo RF25 Manutenzione su beni di terzi Altre variazioni in aumento RF32 Variazioni in diminuzione Irap: deduzione al 10% - Rigo RF54 Dividendi in regime di trasparenza Rigo RF38 Proventi degli immobili patrimonio Rigo RF39 Interessi passivi indeducibili esercizio precedente Rigo RF54 codice 13 Ammortamento avviamento e marchi Rigo RF54 codice 99 Variazioni in diminuzione diverse Capitolo 9 Modello Unico 2010: deducibilità delle spese di rappresentanza pag.187 Normativa e prassi di riferimento La definizione di spesa di rappresentanza Il requisito dell inerenza Esclusioni Tabelle di sintesi Le spese di rappresentanza nel reddito d impresa Individuazione della nozione di ricavi e proventi della gestione caratteristica Le Holding industriali

7 Beni devoluti gratuitamente con valore unitario < a 50 euro Le spese alberghiere e di ristorazione Iva non detratta Verifica di deducibilità Attività di controllo Le spese di rappresentanza nel reddito di lavoro autonomo I contribuenti minimi Le spese di rappresentanza nel Modello Unico 2010 Modello Unico 2010 SC Rigo RF24 Rigo RF43 Rigo RS140 Società costituite nel 2009 impresa di nuova costituzione Modello Unico 2010 SP Quadro RF Rigo RF22 Quadro RG Rigo RG21 Quadro RE Rigo RF16 Modello Unico 2010 PF Quadro RF Rigo RF18 Quadro RG Rigo RG20 Quadro RE Rigo RF16 Modello Unico 2010 e imprese di nuova costituzione Le spese di rappresentanza e l Irap Capitolo 10 Le spese alberghiere e di ristorazione Normativa di riferimento ai fini Irpef e Ires ai fini Irap Detrazione dell Iva Circolare n.6/e del 2009 Risoluzione ministeriale n.84/e del 2009 Circolare n.19/e del 2010 Reddito d impresa Esclusioni dalla limitazione Estensione della limitazione Spese qualificabili come di rappresentanza Modello Unico 2010 pag.211

8 Variazioni in aumento Variazioni in diminuzione Quadro RS Redditi di lavoro autonomo Esclusioni della limitazione Modello Unico 2010 IRAP Soggetti Ires Soggetti Irpef: regime naturale Capitolo 11 Gli immobili patrimonio nel reddito d impresa: riflessi in Unico 2010 pag.231 Le tipologie di immobili Gli immobili nella determinazione del reddito d impresa Gli immobili non strumentali (o patrimonio) Immobile concesso in locazione Canoni non percepiti La gestione in Unico Individuazione delle spese relative agli immobili non strumentali Norma di comportamento n.156 dell ADC Milano Gli interessi passivi Risoluzione Ministeriale n.9/903 del Risoluzione Ministeriale n.178/e del Circolare Ministeriale n.6/e del La Finanziaria 2008: norma di carattere interpretativa sulla natura degli interessi passivi Capitalizzazione degli interessi passivi sul costo dell immobile Finanziamento acquisto immobile da destinare in locazione e con garanzia ipotecaria sullo stesso Gli altri costi Costi del personale Spese societarie Esempio Immobili storici Proroga degli sfratti Contratti convenzionati in Comuni ad alta densità abitativa Immobili siti in Abruzzo Capitolo 12 Unico 2010 PF: il quadro RW fa il pieno pag.247

9 Le novità dal modello Unico 2010 Circolare n.43/e/2009 Requisiti soggettivi Concetto di residenza Circolare n.99/e/2001 Soggetti esclusi Elementi oggettivi Riflessi dello Scudo fiscale Tabella di sintesi Il contenuto del quadro RW Sezione I Sezione II Elenco delle attività finanziarie da indicare nella sezione II Sezione III Rw ed immobili Immobili da NON dichiarare Esempi Tassazione redditi terreni e fabbricati detenuti all estero Sanzioni Capitolo 13 Guida al quadro RB di Unico 2010 pag.271 Presupposto soggettivo Redditi di fabbricati da NON dichiarare Ulteriori redditi di fabbricati da NON dichiarare Presupposto oggettivo Struttura del quadro RB Sezione I: redditi dei fabbricati Rigo RB11 Totale Sezione II: agevolazioni previste per contratti di locazione Gli immobili di interesse storico artistico Esempi Capitolo 14 Gli autotrasportatori ritrovano i bonus: interessato anche Unico 2010 pag.301 Contributo per SSN Utilizzo in compensazione Codice tributo Compilazione F24 Deduzione forfettaria spese non documentate

10 Requisiti Il prospetto riepilogativo dei viaggi Indicazione in Unico 2010 Deduzione per motoveicoli e autoveicoli con massa NON superiore a 3,5 tonnellate Limiti alla deduzione L indicazione in Unico 2010 Deduzione forfettaria trasferte dipendente (articolo 2, comma 17, lett.b) Indicazione in Unico 2010 L indicazione nel Modello studi di settore Credito di imposta per tassa automobilistica Ammontare dell agevolazione per l anno 2009 Capitolo 15 Unico 2010 Credito di imposta degli autotrasportatori relativo alla tassa automobilistica 2008 e 2009 pag.313 Credito di imposta tassa automobilistica autotrasportatori Ambito soggettivo Ammontare dell agevolazione per l anno 2008 Ammontare dell agevolazione per l anno 2009 Modalità di fruizione Codice tributo anno 2009 Codice tributo anno 2008 Ravvedimento operoso Adempimenti Dichiarazione sostitutiva Classificazione del credito di imposta contributo in conto esercizio Aspetto contabile Indicazione nel quadro RU del Modello Unico 2010 Esempio Tasse automobilistiche 2008 Tasse automobilistiche 2009 Capitolo 16 Familiari a carico in Unico 2010 PF pag.329 Familiare a carico Condizione di parentela Condizione di reddito Detrazioni per carichi di famiglia Detrazione per coniuge a carico Detrazione per figli a carico

11 Detrazione per altri familiari Presupposti e principali regole per il riconoscimento delle detrazioni Casistiche: % di detrazione spettante tra i genitori Casistiche: 100% di detrazione spettante a un solo genitore Detrazioni per i NON residenti Detrazioni per famiglie numerose Compilazione del prospetto Familiari a carico in Unico 2010 Rigo 1: relativo al coniuge Righi da 2 a 6 Cittadini extracomunitari che richiedono detrazioni per familiari a carico Rigo 7 (Percentuale ulteriore detrazione per famiglie con almeno quattro figli) Rigo 8 (Numero figli residenti all estero a carico del contribuente) Esempi Capitolo 17 Modello Unico 2010 PF: quadro RE redditi da lavoro autonomo derivanti dall esercizio di arti e professioni pag.343 Principio di cassa Componenti positivi RE1 RE 2 e 3 Corretta imputazione dei compensi Danno d immagine Cessione contratto di leasing Cessione di beni strumentali RE4 Le plusvalenze Calcolo della plus-minusvalenza Maggiore IVA dovuta RE5 Spese deducibili Ammortamento beni mobili RE7 Oggetti d arte e antiquariato Autovetture Autovetture date in uso ai dipendenti Ammortamento beni mobili leasing RE8 Telefonia fissa e mobile Veicoli Locazione non finanziaria e noleggio RE9 Beni immobili RE10 Ammortamenti deducibili Immobili strumentali

12 Immobili di proprietà associazioni e studi associati Immobili in affitto Canoni di leasing Immobili ad uso promiscuo Spese di ammoderna mentori strutturazione e manutenzione Spese imputate ad incremento Spese immediatamente deducibili Spese su immobili acquistati prima del 2007 Ulteriori disposizioni per spese non incrementative Compensi lavoro dipendente e per prestazioni a terzi RE11 e 12 Interessi passivi RE13 Interessi passivi per immobili ad uso promiscuo Interessi passivi acquisto di autovetture Spese consumi RE14 Spese carburante Ricariche telefoniche Spese vitto e alloggio RE15 Spese per alberghi e ristoranti Spese prepagate dal committente Altre spese sostenute direttamente dal professionista Spese di vitto e alloggio sostenute per i propri dipendenti in trasferta fuori dal Comune Spese di rappresentanza RE16 Spese di rappresentanza Ospitalità clienti Omaggi Spese per partecipazione a convegni RE17 Esempi di spese di albergo e ristorante e rappresentanza Altre spese RE19 10% dell Irap Incentivo per rientro in Italia di docenti e ricercatori RE21 Ritenuta d acconto RE26 Mancanza della certificazione Capitolo 18 Unico 2010 PF quadro RE: gli immobili dei professionisti pag.377 Immobili strumentali acquistati dal al Acquistati in proprietà Contratti di leasing Scorporo del terreno Immobili in proprietà

13 Esempi Decorrenza Immobili in leasing Periodi e inquadramento normativo Interventi sugli immobili Plusvalenze/minusvalenze cessione dell immobile strumentale Risoluzione Ministeriale n.13/e/2010 Plusvalenze/minusvalenze su immobili acquistati a partire dal Quadro RE Unico 2010 PF Rigo RE10 Rigo RE13 Casi operativi Capitolo 19 Pillole del quadro PF Modello Unico 2010 PF: quadro RP interventi per il risparmio energetico (detrazione 55%) pag.394 I soggetti interessati Gli interventi agevolabili Ulteriori adempimenti Bonifici bancari Trasmissione all Enea della documentazione Data di fine lavori Risoluzione Ministeriale n.244 del Circolare Ministeriale n.21/e/2010 Conservazione dei documenti La comunicazione per i lavori che proseguono per più periodi d imposta Mancato invio della comunicazione Circolare Ministeriale n.21/e/2010 La rateazione della detrazione La cumulabilità delle agevolazioni Trasferimento dell agevolazione L indicazione in Unico PF 2010 Colonna 1: tipo di intervento Colonna 2: anno Colonna 3: casi particolari Colonna 4: rideterminazione rate Colonna 5: rateazione Colonna 6: numero delle rate

14 Colonna 7: spesa totale Colonna 8: importo rata Rigo RP48: totale Modello Unico 2010 PF: quadro RP detrazione del 36% su ristrutturazioni immobili pag.407 Finanziaria 2010 Detrazione del 36%: come opera Comunicazione di fine lavori per importi superiori a ,69 Come si è evoluta la detrazione Soggetti che possono godere del bonus 36% Trasferimento per atto tra i vivi Trasferimento per decesso Immobili interessati dal beneficio Immobili residenziali/altri usi Parti comuni di immobili Tipologia di lavori che possono essere considerati per usufruire del bonus 36% Spese agevolabili Abitazioni facenti parte di edifici ristrutturati La detraibilità della TOSAP Spese NON agevolabili Modalità per usufruire del bonus 36% Documentazione al Centro Operativo di Pescara Comunicazione all ASL Le regole da rispettare Ulteriori requisiti per fruire del bonus Confine tra bonus 36% e bonus del 55% R.M.n.152 del Modello Unico PF 2010: righi da RP39 a RP41 Rigo RP42 Modello Unico 2010 PF: detrazioni del 20% per apparecchi per il risparmio energetico e sviluppo tecnologico, mobili, elettrodomestici, apparecchi televisivi e personal computer pag.426 Novità del quadro RP43 Colonna 1: frigoriferi e congelatori a basso consumo Circolare Ministeriale n.21/e/2010 Limite agevolabile Documentazione utile Colonna 2: l acquisto di motori ad elevata efficienza

15 Tab. Motori ad alta efficienza. Tetto di spesa ammissibile in funzione della potenza nominale Limite agevolabile Documentazione utile Presentazione all Enea Colonna 3: acquisto variatori di velocità Inverter Limite agevolabile Tab. Variatori di velocità. Tetto di spesa ammissibile in funzione della potenza nominale Documentazione utile Presentazione all Enea Colonna 4: acquisto di mobili, TV, elettrodomestici e computer I beni NON agevolabili Soggetti destinatari della detrazione Il presupposto dell agevolazione Circolare Ministeriale n.21/e/2010 Vendita immobile Requisito temporale L ammontare dell agevolazione Circolare Ministeriale n.21/e/2010 Contestazione della spesa tra due soggetti Circolare Ministeriale n.21/e/2010 Modello Unico 2010 PF: quadro RP detrazione spese funebri pag.439 Detrazione spese funerarie Valore della detrazione Tipologia delle spese Presupposto per la detrazione Modello Unico 2010 PF Modello Unico 2010 PF: quadro RP detrazione 19% delle spese per gli addetti all assistenza personale pag.442 Detrazione irpef spese di assistenza personale per casi di non autosufficienza Soggetti non autosufficienti I limiti Familiari non a carico e/o non conviventi Detrazione pari al 19% Documentazione utile Rigo RP15 Chiarimenti relativi alle badanti (Risoluzione n.397/e/2008) Modello Unico 2010 PF: quadro RP assegno corrisposto al coniuge pag.447 Detrazione dell assegno di mantenimento del coniuge

16 Risoluzione Ministeriale n.153/e del 11 giugno 2009 Risoluzione Ministeriale n.157/e del 15 giugno 2009 Somme non detraibili Coniuge che percepisce l assegno Modello Unico 2010 Modello Unico 2010 PF: quadro RP detrazione spese sanitarie e mediche pag.452 Detrazione spese mediche sanitarie Elenco spese detraibili Spese mediche generiche Spese mediche sostenute a decorrere dal 1 gennaio 2008 Scontrino fino al Scontrino dal Chiarimenti sul contenuto dello scontrino fiscale Abolizione precedenti obblighi documentali Farmaci omeopatici Preparazioni galeniche Parrucca come protesi sanitaria La ratio della risoluzione n.9/e/2010 Condizione di detraibilità Medicinali acquistati all estero Spese detraibili Indicazione in Unico 2010 PF Rigo RP1 Spese pre familiari NON fiscalmente a carico Rigo RP2 Rateizzazione Capitolo 20 Professionisti e l Irap: il tormentone pag.467 Il presupposto oggettivo dell Irap Autonoma organizzazione L autonoma organizzazione secondo la Corte di Cassazione Corte Costituzionale n.156 del Cassazione Sentenza n.3678 del I principi fondamentali espressi dalla Cassazione in sintesi L autonoma organizzazione Agenzia delle Entrate CM 45/E/2008 I punti cruciali della Circolare dell Agenzia delle Entrate n.45/e/2008 Parametri di riferimento I soggetti certamente esclusi Contribuenti con parametri da regime dei minimi Gli elementi probatori

17 Professionista senza autonoma organizzazione: cosa fare? Circolare n.2/ir del Prima soluzione: omessa presentazione dichiarazione Irap Circolare n.2/ir del IRDCEC Eliminazione del blocco informatico Risposta question time n del Gli aspetti positivi e quelli negativi della scelta Seconda soluzione: presentare la dichiarazione Irap e non versare l imposta Gli aspetti positivi e quelli negativi della scelta Terza soluzione: pagamento dell Irap e presentazione dell istanza di rimborso Irap Risoluzione n.459/e/2008 termine per la presentazione dell istanza di rimborso Possibilità di ricorrere Gli aspetti positivi e quelli negativi della scelta Il recupero degli acconti versati Commissione Tributaria Provincia di Milano sentenza 5 maggio 2010 n.141 In sintesi Fac-simile di ricorsi Capitolo 21 Irap: l Agenzia apre agli agenti di commercio e rivisita il concetto di autonoma organizzazione Circolare n.28/e del 28 maggio 2010 pag.497 La Circolare n.45/e/2008 Assoggettabilità all Irap per gli agenti di commercio e promotori finanziari: le sentenze della Corte di Cassazione Niente Irap automatica per agenti di commercio e promotori finanziari La conclusione delle Sezioni Unite Le istruzioni alla Dichiarazione Irap 2010 Circolare n.28/e/2010 Attività ausiliarie Autonoma organizzazione Attività di medicina generale Omessi versamenti Capitolo 22 Consolidato fiscale nazionale: l esercizio dell opzione scade il 16 giungo 2010 pag.505 Il gruppo fiscale nel Tuir L accesso al consolidato fiscale nazionale Il presupposto soggettivo Soggetti NON residenti Altri soggetti La consolidante

18 La consolidata Soggetti esclusi Il presupposto oggettivo Esercizio dell opzione Esempi Condizioni di efficacia dell opzione Identità dell esercizio sociale Chiusura esercizio solare anticipata Società di nuova costituzione Fusione, scissione, liquidazione volontaria Esercizio congiunto consolidante-consolidata Elezione di domicilio presso la consolidante Mancanza delle condizioni di efficacia Comunicazione dell opzione Effetti dell opzione Obblighi delle consolidate Obblighi della consolidante Cessazione dell opzione conseguente perdita dei benefici Capitolo 23 La partecipation exemption Normativa di riferimento Soggetti legittimati al beneficio Pex Partecipazioni soggette alla Pex Presupposti di applicazione della Pex Requisito temporale Requisito di classificazione Requisito della residenza Requisito della commercialità Presunzione assoluta non commercialità La Pex e le società immobiliari Pex ed immobiliari di costruzione con fabbricati locati Pex ed immobiliari costruzioni con fabbricai in corso di costruzione La Pex nelle operazioni straordinarie: la scissione Fusione Conferimento Gruppi di imprese Esempio pag.531

19 Capitolo 24 Guida all acconto Ici 2010 pag.559 Così il pagamento ICI Pagamento I acconto Pagamento del Saldo Pagamento in Unica soluzione Ambito soggettivo Fabbricati condotti in leasing Immobili in leasing riscattati dal conduttore Esenzione dall ici per l abitazione principale Presupposti per l applicazione della norma Sussistenza della soggettività passiva Abitazione NON di lusso Esenzione rapportata al periodo in cui l immobile è stato adibito ad abitazione principale Abitazioni possedute in Italia da cittadini residenti all estero Altri casi di applicazione dell esenzione Trattamento delle pertinenze ai fini dell esenzione Abitazioni assimilate all abitazione principale e quindi esenti da ICI Risoluzione n.12/2008 DF Risoluzione n.1/2009 DF Ipotesi di assimilazione Esenzione per gli immobili utilizzati da enti non commerciali Ambito soggettivo dell esenzione Soggetti esclusi Fabbricati sprovvisti di rendita Immobili di categoria D sprovvisti di rendita La base imponibile Cosa si intende per costo Collocazione temporale dei costi acquisto o costruzione Coefficienti per la rivalutazione dei costi storici di acquisto e costruzione Rilevanza temporale del metodo contabile Fabbricati con procedura automatica di classa mento Doc-fa Fabbricati rurali come si applica l ICI Aree fabbricabili La nozione di area fabbricabile Cassazione sentenza n /2008 Cassazione sentenze n.19131/2008 e n.16858/2008 Terreni edificabili su cui sono stati fatti interventi di edificazione Aree fabbricabili di pertinenza dell abitazione

20 Rendite catastali Individuazione della rendita da utilizzare ai fini ICI Base imponibile di calcolo Modalità di versamento Aspetti generali connessi al versamento Le alternative per il versamento Utilizzo del modello F24 e soggetti obbligati ad avvalersi dell F24 telematico Utilizzo del modello F24 cartaceo Ravvedimento breve e lungo Ravvedimento cosi detto lungo Ravvedimento cosi detto breve Ravvedimento con utilizzo di bollettino postale Ravvedimento con utilizzo di modello F24 Capitolo 25 FAQ ICI 2010 pag.593

21

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir -

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - 1 IRPEF IRPEF: redditi da lavoro autonomo L IRPEF è un imposta personale

Dettagli

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015 Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Soggetti interessati Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi (Mod. Unico PF 2015) i contribuenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 01/2008 Treviso, 30 gennaio 2008

CIRCOLARE N. 01/2008 Treviso, 30 gennaio 2008 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 01/2008 Treviso, 30 gennaio 2008 OGGETTO: Legge Finanziaria 2008 In data 21 dicembre 2007 è stata definitivamente approvata la legge Finanziaria 2008 che contiene

Dettagli

Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012

Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012 Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012 Le principali novità di quest anno Cedolare secca sulle locazioni Immobili di interesse storico-artistico

Dettagli

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU)

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU) I TRIBUTI I cittadini sono tenuti a concorrere alla spese pubblica in ragione della loro capacità contributiva, come recita l articolo 53 della Costituzione Italiana. I tributi che gravano sui cittadini

Dettagli

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI ALTRI INTERESSI SU IMMOBILI PATRIMONIO SU VEICOLI A MOTORE SOGGETTI IRPEF SOGGETTI IRES BANCHE ASSICURAZIONI

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa... TASSAZIONE DEI REDDITI PARTE PRIMA

INDICE SOMMARIO. Premessa... TASSAZIONE DEI REDDITI PARTE PRIMA INDICE SOMMARIO Premessa... XVII PARTE PRIMA TASSAZIONE DEI REDDITI CAPITOLO 1 I REDDITI DELLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione... 3 2. I soggetti passivi residenti in Italia: nozione di residenza delle

Dettagli

genzia ntrate UNICO Persone fisiche

genzia ntrate UNICO Persone fisiche genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Persone fisiche INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche 2015 INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici CIRCOLARE gennaio 2014: La Legge di Stabilità e le altre novità fiscali Vi riepiloghiamo le principali e più rilevanti novità introdotte in materia fiscale dalla Legge 27.12.2013 n 147 (Legge di Stabilità

Dettagli

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi Sezione prima IN SINTESI Capitolo I - Gli utili da partecipazione e i proventi equiparati Normativa civilistica... 3 Normativa fiscale... 7 Prassi amministrativa... 12 Schema n. 1 - Il regime dei dividendi:

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di gennaio 14 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 14 Oggetto: : Finanziaria 2014 prima parte È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. «Legge

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 CATEGORIE DI REDDITO DETERMINAZIONE DEL REDDITO SCADENZA COME SI COMPILA CASI PRATICI CASI PARTICOLARI Il Quadro RN è utilizzato ai fini del calcolo

Dettagli

MODELLO UNICO 2013 SOCIETÀ DI PERSONE

MODELLO UNICO 2013 SOCIETÀ DI PERSONE aprile MODELLO UNICO 2013 SOCIETÀ DI PERSONE Principali novità A cura di Roberta Braga Dottore commercialista in Mantova. Indice 1. Premessa 2. Novità in tema di reddito di impresa e/o di lavoro autonomo

Dettagli

REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME

REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME 2 REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME Il REGIME DI VANTAGGIO o nuovo regime dei minimi si rende applicabile: per il periodo d imposta in cui è iniziata l attività e per i 4 successivi; anche oltre

Dettagli

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE a cura di Diego Cigna Direzione Regionale dell Emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Fiscalità delle Imprese e Finanziaria LA RIVALUTAZIONE DEGLI

Dettagli

B R U Z Z O D O T T. A D O L F O D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A - R E V I S O R E C O N T A B I L E

B R U Z Z O D O T T. A D O L F O D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A - R E V I S O R E C O N T A B I L E B R U Z Z O D O T T. A D O L F O D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A - R E V I S O R E C O N T A B I L E Padova, 8/11/2010 Circolare n. 12 Ai gentili Clienti Loro sedi 1. VERSAMENTO DEGLI ACCONTI

Dettagli

SOMMARIO. Le modalità di iscrizione nello stato patrimoniale... 175

SOMMARIO. Le modalità di iscrizione nello stato patrimoniale... 175 Sezione prima IN SINTESI Capitolo I - L ammortamento dei beni materiali Normativa civilistica... 3 Normativa fiscale... 3 Prassi amministrativa... 5 Giurisprudenza... 9 Classificazione delle immobilizzazioni

Dettagli

Le novità dei modello UNICO 2013. DC SAC Modulistica Agenzia delle entrate

Le novità dei modello UNICO 2013. DC SAC Modulistica Agenzia delle entrate Le novità dei modello UNICO 2013 DC SAC Modulistica Agenzia delle entrate Le novità del modello UNICO 2013 Persone fisiche Fascicolo 1 ARGOMENTI PRINCIPALI Tra le principali novità del modello Unico PF

Dettagli

-anna maria mangiapelo

-anna maria mangiapelo REDDITI DI IMPRESA - norme generali - dall utile al reddito: esame dei principali casi di deducibilità fiscale dei componenti negativi - regole per la contabilità semplificata -anna maria mangiapelo 1

Dettagli

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3 Circolare n. 4 04 Febbraio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti... 3 2.1 Auto aziendali...

Dettagli

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 PARTE I PESCA E ACQUACOLTURA Legge Finanziaria per il 2008 (L. 24 dicembre 2007 n. 244, pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 285 della G.U. 28 dicembre 2007,

Dettagli

INDICE GUIDA OPERATIVA UNICO Società di Persone 2013

INDICE GUIDA OPERATIVA UNICO Società di Persone 2013 INDICE GUIDA OPERATIVA UNICO Società di Persone 2013 ISTRUZIONI GENERALI 1 Soggetti che devono utilizzare il modello Unico Società di persone 1 Soggetti che non devono utilizzare il modello Unico Società

Dettagli

Oneri deducibili e detraibili

Oneri deducibili e detraibili UNICO 2011 Oneri deducibili e detraibili A cura della dott.ssa Lucia Campana ONERI DEDUCIBILI e DETRAIBILI Oneri deducibili: sono le spese che ai sensi dell art.10 D.P.R. 917/86 (T.U. Imposte Dirette)

Dettagli

Manuale di Contabilità Aziendale. di Paolo Montinari

Manuale di Contabilità Aziendale. di Paolo Montinari Manuale di Contabilità Aziendale di Paolo Montinari Indice sistematico Capitolo 1 -La contabilità e il metodo della partita doppia 1.1 La funzione della contabilità... 15 1.2 Il metodo della partita doppia

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 20 del 14 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti...

Dettagli

Imposte sul reddito d esercizio

Imposte sul reddito d esercizio Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 25 novembre 29 Reddito esercizio e reddito fiscale Determinazione del reddito fiscale (IRAP e IRES) Imposte sul reddito d

Dettagli

imposte sui redditi e irap

imposte sui redditi e irap Imposte sui redditi e Irap ACCONTI d IMPOSTA di NOVEMBRE DOVUTI per l ANNO 2012 di Mario Jannaccone QUADRO NORMATIVO L art. 1, L. 23.3.1977, n. 97 [CFF ➋ 7316], ha introdotto nel nostro sistema tributario

Dettagli

SOMMARIO CAPITOLO 1 PREMESSA CAPITOLO 2 REDDITO D IMPRESA

SOMMARIO CAPITOLO 1 PREMESSA CAPITOLO 2 REDDITO D IMPRESA SOMMARIO CAPITOLO 1 PREMESSA 1.1 Principali novità fiscali della Legge di Stabilità 2014 CAPITOLO 2 REDDITO D IMPRESA 2.1 Novità in materia di deduzioni 2.2.1 Presupposto soggettivo 2.2.2 Misura dell agevolazione

Dettagli

REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI

REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Esercizio di attività commerciali (art. 2195 c.c.): - attività industriale diretta alla

Dettagli

LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 18 AL 24 LUGLIO 2009. Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza

LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 18 AL 24 LUGLIO 2009. Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 18 AL 24 LUGLIO 2009 Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza LEGISLAZIONE Iva delle agenzie di viaggio Dal 1 gennaio 2010 entrerà

Dettagli

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013 Roma, 22 Gennaio 2013 Prot. n. 58/2013/CDA/SS/GN Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI Circolare n. 05/2013 Oggetto: nuovo Modello 730/2013, redditi 2012: principali caratteristiche Con il provvedimento

Dettagli

NOVITÀ IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI. Alessandro Cotto

NOVITÀ IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI. Alessandro Cotto NOVITÀ IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI Alessandro Cotto UNICO 2011 - NOVITÀ Nuova sezione del Quadro RS per la Tremonti-quater (agevolazione tessile) Istruzioni Quadro RW completamente riviste Eliminato

Dettagli

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro Anno 2012 Diritto del Lavoro - Premesso il concetto di assicurazione sociale, il candidato illustri i principali adempimenti del datore di lavoro nei confronti di I.N.P.S. ed I.N.A.I.L., sia all inizio

Dettagli

Oggetto: DL 13.05.2011 n. 70 convertito nella L. 12.7.2011 n. 106 (c.d. decreto sviluppo ) - Novità in materia di imposte dirette

Oggetto: DL 13.05.2011 n. 70 convertito nella L. 12.7.2011 n. 106 (c.d. decreto sviluppo ) - Novità in materia di imposte dirette PIAZZA DELLA VITTORIA, 8/20 16121 GENOVA TEL: 010 553241 FAX: 010 5532460 E-MAIL: studio.genova@stsnet.it C. F. E P. IVA: 03022160109 Ai Signori Clienti Loro Sedi Genova, 2 settembre 2011 CIRCOLARE N.

Dettagli

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni. studi di settore: cause di esclusione

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni. studi di settore: cause di esclusione PERIODO D IMPOSTA 0 0 REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni Rientro lavoratrici/lavoratori RE Codice attività studi di settore: cause di esclusione

Dettagli

QUADRO RN CALCOLO DELL IRPEF

QUADRO RN CALCOLO DELL IRPEF QUADRO RN CALCOLO DELL IRPEF ASPETTI GENERALI La struttura del Quadro discende dallo schema normativo di determinazione dell imposta a debito o a credito, così determinato: Reddito complessivo (meno) Deduzione

Dettagli

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI Anno IV, n. 1 GENNAIO 2014 I N D I C E LEGGE DI STABILITà n. 147/2013... 3 Canoni di locazione Immobili abitativi... 3 Aumento detrazione Irpef lavoro dipendente...

Dettagli

Contabilità e bilancio

Contabilità e bilancio Contabilità e bilancio di Paolo Montinari IMPORTANTE PDF Il volume è disponibile anche in versione pdf Le istruzioni per scaricare il file sono a pag. 493 N.B.: Nelle versioni elettroniche del volume tutti

Dettagli

LEGGE STABILITA 2016: ASSEGNAZIONE DI BENI A SOCI TRASFORMAZIONE IN SO- CIETA SEMPLICE ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE

LEGGE STABILITA 2016: ASSEGNAZIONE DI BENI A SOCI TRASFORMAZIONE IN SO- CIETA SEMPLICE ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE OGGETTO: Circolare 5.2016 Seregno, 4 marzo 2016 LEGGE STABILITA 2016: ASSEGNAZIONE DI BENI A SOCI TRASFORMAZIONE IN SO- CIETA SEMPLICE ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE La legge di Stabilità

Dettagli

Il modello.. Uilcom..Unica I DOCUMENTI UTILI ALLA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE

Il modello.. Uilcom..Unica I DOCUMENTI UTILI ALLA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE Il modello.. Uilcom..Unica I DOCUMENTI UTILI ALLA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE Mod. 730/2011 1 DOCUMENTI ANAGRAFICI In via generale si ricorda che il contribuente deve esibire la documentazione necessaria

Dettagli

Il Modello UNICO per persone fisiche

Il Modello UNICO per persone fisiche Immacolata Di Rienzo (Commercialista in Caserta) Il Modello UNICO per persone fisiche Persone fisiche non esercenti attività di lavoro autonomo Persone fisiche esercenti attività di impresa o di arti e

Dettagli

QUADRO RG REDDITO D IMPRESA IN REGIME DI CONTABILITÀ SEMPLIFICATA E REGIMI FORFETARI

QUADRO RG REDDITO D IMPRESA IN REGIME DI CONTABILITÀ SEMPLIFICATA E REGIMI FORFETARI QUADRO RG REDDITO D IMPRESA IN REGIME DI CONTABILITÀ SEMPLIFICATA E REGIMI FORFETARI ASPETTI GENERALI Sono tenuti alla compilazione del Quadro RG gli enti non commerciali residenti e non residenti con

Dettagli

SOMMARIO. Schema n. 5 - Criteri di determinazione fiscale delle quote di ammortamento

SOMMARIO. Schema n. 5 - Criteri di determinazione fiscale delle quote di ammortamento Sezione prima IN SINTESI Capitolo I - L ammortamento dei beni materiali Normativa civilistica... 3 Normativa fiscale... 3 Prassi amministrativa... 6 Giurisprudenza... 13 Classificazione delle immobilizzazioni

Dettagli

Novità modello 730/2013 e modello Unico Persone Fisiche2013 (Fascicolo1) Roma, 26 marzo 2013

Novità modello 730/2013 e modello Unico Persone Fisiche2013 (Fascicolo1) Roma, 26 marzo 2013 Novità modello 730/2013 e modello Unico Persone Fisiche2013 (Fascicolo1) Roma, 26 marzo 2013 RAPPORTO TRA IMU E IRPEF EFFETTI SUI REDDITI DEI TERRENI E DEI FABBRICATI RAPPORTO IMU -IRPEF REDDITI FONDIARI

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 22 del 27 luglio 2011 DL 13.5.2011 n. 70 convertito

Dettagli

Indice circolari Fiscali 2010

Indice circolari Fiscali 2010 1 N ARGOMENTO 001 NOVITA' DAL 2010 FINANZIARIA 2010 002 NOVITA' DAL 2010 MILLEPROROGHE 003 TASSO INTERESSE LEGALE DAL 2010 EFFETTI USUFRUTTO 004 COMPENSAZIONE CREDITO IVA SCADENZA DEL 16/01/2010 005 RIVALUTAZIONE

Dettagli

La deduzione spetta una sola volta per ogni giorno di effettuazione del trasporto, indipendentemente dal numero di viaggi.

La deduzione spetta una sola volta per ogni giorno di effettuazione del trasporto, indipendentemente dal numero di viaggi. AGEVOLAZIONI SETTORE AUTOTRASPORTO IMPOSTE SUI REDDITI Deduzione forfettarie (Art. 66 comma 5 TUIR) Alle imprese autorizzate all autotrasporto di merci per conto terzi spetta una deduzione forfettaria

Dettagli

Modello 730/2015 novità

Modello 730/2015 novità Modello 730/2015 novità Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 24/03/2015 1 Principali riferimenti normativi Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle

Dettagli

Presentazione modello Unico 2005 Istruzioni per gli Enti non commerciali

Presentazione modello Unico 2005 Istruzioni per gli Enti non commerciali Presentazione modello Unico 2005 Istruzioni per gli Enti non commerciali Nell imminenza delle scadenze relative alle dichiarazioni dei redditi per l esercizio 2004 ed al versamento delle imposte ad esse

Dettagli

L adesione al Regime dei Contribuenti Minimi dal 2010 e la rettifica della detrazione Iva

L adesione al Regime dei Contribuenti Minimi dal 2010 e la rettifica della detrazione Iva Numero 32/2010 Pagina 1 di 10 L adesione al Regime dei Contribuenti Minimi dal 2010 e la rettifica della detrazione Iva Numero : 32/2010 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : ADEMPIMENTI REGIME FISCALE DEI

Dettagli

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008 Roma, 19 ottobre 2005 CIRCOLARE N.39/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 15 aprile 2008 OGGETTO: Estromissione degli immobili strumentali dall impresa individuale articolo 1, comma 37, della

Dettagli

PARTE A Norme generali: novità 2006. CAPITOLO 1 LA NUOVA DISCIPLINA DEL RIPORTO DELLE PERDITE FISCALI di Marco Cossetto e Roberto Frascinelli

PARTE A Norme generali: novità 2006. CAPITOLO 1 LA NUOVA DISCIPLINA DEL RIPORTO DELLE PERDITE FISCALI di Marco Cossetto e Roberto Frascinelli ANALISI PARTE A Norme generali: novità 2006 CAPITOLO 1 LA NUOVA DISCIPLINA DEL RIPORTO DELLE PERDITE FISCALI di Marco Cossetto e Roberto Frascinelli 1. PREMESSA 17 2. PERDITE DELLE IMPRESE MINORI E DEI

Dettagli

730/2015 quadro E: novità per la detrazione delle spese elededuzionidalreddito Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

730/2015 quadro E: novità per la detrazione delle spese elededuzionidalreddito Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista 730/2015 quadro E: novità per la detrazione delle spese elededuzionidalreddito Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO Il Quadro E del Mod. 730 deve essere utilizzato

Dettagli

Fiscal News N. 170. Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC. La circolare di aggiornamento professionale 20.06.2014

Fiscal News N. 170. Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC. La circolare di aggiornamento professionale 20.06.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 170 20.06.2014 Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC Tra le novità ospitate dal quadro RS del Modello Unico SC vi è l agevolazione per le

Dettagli

Indice circolari 2009

Indice circolari 2009 1 N ARGOMENTO 001 NOVITÀ DI FINE ANNO 002 DECRETO ANTICRISI E DETRAZIONE 55% 003 DECRETO ANTICRISI IVA PER CASSA 004 DECRETO ANTICRISI IRAP DEDUCIBILE 005 DECRETO ANTICRISI RIVALUTAZIONE IMMOBILI 006 DECRETO

Dettagli

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC INFORMATIVA N. 081 25 MARZO 2013 DICHIARAZIONI LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC Istruzioni mod. UNICO 2013 SC Nel mod. UNICO 2013 SC sono presenti alcune novità connesse con l operatività di una serie

Dettagli

Il modello Unico 2013 Rapporti tra Imu e Irpef

Il modello Unico 2013 Rapporti tra Imu e Irpef Il modello Unico 2013 Rapporti tra Imu e Irpef Novità ed esempi di compilazione Giorgio Gavelli Maggio 2013 Premessa Dal 2012 l Imu sostituisce l Ici per la componente immobiliare, l Irpef e le addizionali

Dettagli

Rivalutazione beni d impresa

Rivalutazione beni d impresa Legge di stabilità 2014 art. 1, commi 140-146 2 PUÒ ESSERE ANCHE SOLO CIVILISTICA? Ossia il maggior valore può essere iscritto in bilancio senza assolvere l imposta sostitutiva, e quindi senza rilevare

Dettagli

direttamente, tramite i servizi telematici dell Agenzia delle Entrate

direttamente, tramite i servizi telematici dell Agenzia delle Entrate Chi deve presentare la dichiarazione La soggettività passiva all IRAP non è circoscritta unicamente ai soggetti che esercitano attività di impresa o di lavoro autonomo ma anche agli enti non commerciali

Dettagli

?SOMMARIO SOMMARIO FISCO IN PRATICA VII

?SOMMARIO SOMMARIO FISCO IN PRATICA VII ?SOMMARIO SOMMARIO Capitolo 1 REDDITO DI IMPRESA: AUTOVEICOLI DEDUCIBILI AL 100% - IMPOSTE DIRETTE 1.1 Premessa... 3 1.2 L acquisto di veicoli deducibili al 100%... 3 1.2.1 Beni strumentali... 5 1.2.2

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA CHECK LIST PER DETERMINARE L IMPONIBILE IRES E IRAP

INDICE PARTE PRIMA CHECK LIST PER DETERMINARE L IMPONIBILE IRES E IRAP INDICE PARTE PRIMA CHECK LIST PER DETERMINARE L IMPONIBILE IRES E IRAP 1. PRINCIPI GENERALI 1.1 Determinazione del reddito imponibile... 3 1.2 Nozione fiscale di ricavo e criteri di imputazione... 8 1.3.

Dettagli

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI Anno 2013 N. RF160 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO RIFERIMENTI CIRCOLARE DEL 12/07/2013 CONTRIBUENTI E MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI ART.

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

PARTE A COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE 1. PREMESSA 17. 2. CHI PUÒ FRUIRE DELLA DETRAZIONE 18 2.1. I familiari conviventi 20

PARTE A COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE 1. PREMESSA 17. 2. CHI PUÒ FRUIRE DELLA DETRAZIONE 18 2.1. I familiari conviventi 20 ANALISI PARTE A COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE CAPITOLO 1 LA DISCIPLINA DELLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE (PER LE PERSONE FISICHE) di Armando Cravino 1. PREMESSA 17 2. CHI PUÒ FRUIRE DELLA DETRAZIONE 18

Dettagli

Milano Roma. News fiscali e societarie

Milano Roma. News fiscali e societarie Milano Roma News fiscali e societarie Aprile 2013 FISCALITA DOCUMENTI INTERPRETATIVI Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate in merito alla partecipation exemption L Agenzia delle Entrate ha fornito ulteriori

Dettagli

Modello730/2014: analisi delle principali novità

Modello730/2014: analisi delle principali novità A cura di Celeste Vivenzi Modello730/2014: analisi delle principali novità Premessa generale E' stato approvato dall'agenzia delle Entrate con un provvedimento del 15 gennaio 2014 il nuovo Modello 730

Dettagli

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta Dott. Pasquale SAGGESE LA CESSIONE DI NON DETENUTE NELL ESERCIZIO DI IMPRESA QUALIFICATE E FATTISPECIE ASSIMILATE Partecipazioni che rappresentano

Dettagli

Fiscalità degli immobili estranei al regime di impresa, arti e professioni Dott. Giovanni Picchi Dott. Domenico Ballor 1 I redditi diversi immobiliari L art. 67, comma 1, del TUIR prevede alcune fattispecie

Dettagli

Modelli di dichiarazione 2012: in sintesi le novità

Modelli di dichiarazione 2012: in sintesi le novità Modelli di dichiarazione 2012: in sintesi le novità a cura di Fabio Bonicalzi (*) Sul sito Internet dell Agenzia delle Entrate sono stati pubblicati i Provvedimenti di approvazione dei seguenti modelli

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE 730 UNICO PF 2013 UNICO MINI

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE 730 UNICO PF 2013 UNICO MINI 29 Aprile 2013 DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE 730 UNICO PF 2013 UNICO MINI Dott. Giangiacomo Indri Raselli SCADENZE 730 => al CAF entro 31/5/2013 trasmesso entro il 17/06/2013 Unico PF/mini

Dettagli

QUADRO RS - Prospetti vari

QUADRO RS - Prospetti vari QUADRO - Prospetti vari Il presente quadro rappresenta un completamento del quadro RF; esso raggruppa, infatti, una serie di prospetti che risultano complementari ai dati relativi al reddito in esso indicati.

Dettagli

STUDIO SESANA ASSOCIATI. Legge 24 dicembre 2007 n. 244

STUDIO SESANA ASSOCIATI. Legge 24 dicembre 2007 n. 244 LEGGE FINANZIARIA per il 2008 Legge 24 dicembre 2007 n. 244 Con la presente Circolare è nostra intenzione portare a Vostra conoscenza per grandi linee e senza pretesa di completezza, impossibile considerata

Dettagli

Presupposto soggettivo/oggettivo

Presupposto soggettivo/oggettivo IRAP Principi generali Irap: acronimo di Imposta regionale sulle attività produttive. È un'imposta reale che colpisce la ricchezza in quanto tale, senza tener conto delle condizioni personali del contribuente

Dettagli

I documenti da presentare per compilare la dichiarazione modello 730/2012 redditi 2011

I documenti da presentare per compilare la dichiarazione modello 730/2012 redditi 2011 I documenti da presentare per compilare la dichiarazione modello 730/2012 redditi 2011 A cura del dott. Andrea Baratta NOVITA MODELLO 730/2012 Le principali novità contenute nella dichiarazione dei redditi

Dettagli

Legge di stabilità 2016 - Principali novità

Legge di stabilità 2016 - Principali novità Legge di stabilità 2016 - Principali novità Di seguito si riepilogano le principali novità della legge di stabilità per il 2016, in vigore dall 1.1.2016. ARGOMENTO Regime fiscale agevolato per autonomi

Dettagli

OGGETTO: Le principali scadenze Fiscali di Luglio 2013

OGGETTO: Le principali scadenze Fiscali di Luglio 2013 Informativa per la clientela di studio Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Le principali scadenze Fiscali di Luglio 2013 Gentile Cliente, è nostra cura metterla al corrente, con il presente documento

Dettagli

LEGGE DI STABILITA' - La legge di Stabilità 2014 in pillole

LEGGE DI STABILITA' - La legge di Stabilità 2014 in pillole LEGGE DI STABILITA' - La legge di Stabilità 2014 in pillole IRPEF Detrazioni per gli interventi finalizzati al risparmio energetico (di cui all art. 1, comma 48, legge 220 del 13.12.2010) Le detrazioni

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2016 Legge n. 208 del 28/12/2015 ALTRE DISPOSIZIONI DI PARTICOLARE INTERESSE MERCOLEDI 6 APRILE 2016

LEGGE DI STABILITA 2016 Legge n. 208 del 28/12/2015 ALTRE DISPOSIZIONI DI PARTICOLARE INTERESSE MERCOLEDI 6 APRILE 2016 LEGGE DI STABILITA 2016 Legge n. 208 del 28/12/2015 ALTRE DISPOSIZIONI DI PARTICOLARE INTERESSE MERCOLEDI 6 APRILE 2016 NUOVA DETRAZIONE IRPEF SULL IVA PER L ACQUISTO DI IMMOBILI IN CHE COSA CONSISTE:

Dettagli

A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio IMPOSTE DIRETTE

A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio IMPOSTE DIRETTE Milano, 5 aprile 2013 Informazioni tributarie 1.4/04/2013 A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio IMPOSTE DIRETTE 1. PEX REGIME DI PARTECIPATION EXEMPTION. NUOVI CHIARIMENTI. (CIRCOLARE N. 7/E DELL

Dettagli

LA CEDOLARE SECCA: soggetti interessati, ambito oggettivo e base imponibile

LA CEDOLARE SECCA: soggetti interessati, ambito oggettivo e base imponibile LA CEDOLARE SECCA: soggetti interessati, ambito oggettivo e base imponibile Art. 3 D.LGS. 14.3.2011, n. 23 Stefano Spina O.D.C.E.C. Torino Torino 14 giugno 2012 LA CEDOLARE SECCA ASPETTI GENERALI Obiettivo

Dettagli

La convenienza ad esercitare l opzione Irap per i soggetti Irpef

La convenienza ad esercitare l opzione Irap per i soggetti Irpef Focus di pratica professionale di Sandro Cerato e Michele Bana La convenienza ad esercitare l opzione Irap per i soggetti Irpef Premessa Il D.Lgs. n.446/97 distingue i criteri di determinazione della base

Dettagli

RIGO E37-1 SOSTITUZIONE FRIGORIFERI E CONGELATORI CON APPARECCHI CLASSE A+

RIGO E37-1 SOSTITUZIONE FRIGORIFERI E CONGELATORI CON APPARECCHI CLASSE A+ RIGO E37-1 SOSTITUZIONE FRIGORIFERI E CONGELATORI CON APPARECCHI CLASSE A+ L art 1, comma 353, Legge n. 296/2006 ha introdotto una nuova detrazione dall Irpef per la sostituzione di frigoriferi, congelatori

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Il nuovo regime fiscale dei fondi di investimento immobiliari Dott. Fabio Giommoni Fondi

Dettagli

Indice cronologico sistematico

Indice cronologico sistematico 2011 2 trimestre Indice cronologico sistematico Nell'indice sono elencati tutti gli argomenti trattati nel della Circolare Tributaria dal n.14 del 4/04/2011 al n.26 del 27/06/2011. Gli argomenti sono elencati

Dettagli

LE NOVITA DI INIZIO ANNO INTRODOTTE DAL DECRETO SEMPLIFICAZIONI E DALLA LEGGE DI STABILITA

LE NOVITA DI INIZIO ANNO INTRODOTTE DAL DECRETO SEMPLIFICAZIONI E DALLA LEGGE DI STABILITA Circolare n. 1/2015 Del 21.01.2015 LE NOVITA DI INIZIO ANNO INTRODOTTE DAL DECRETO SEMPLIFICAZIONI E DALLA LEGGE DI STABILITA Il Decreto Semplificazioni e la Legge di stabilità hanno introdotto alcune

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2013

LEGGE DI STABILITA 2013 Studio Mantovani & Associati s.s. Pag. 1 di 6 Mantova, lì 18 gennaio 2013 Circolare N. 02/2013 Alle Aziende Clienti - Loro Sedi LEGGE DI STABILITA 2013 La L. 24.12.2012 n. 228 costituisce la legge di stabilità

Dettagli

IMU SINTESI DI COME SI APPLICA

IMU SINTESI DI COME SI APPLICA IMU SINTESI DI COME SI APPLICA Riferimenti legislativi Art. 13, DL n. 201/2011 Artt. 8 e 9, D.Lgs. n. 23/2011 D.Lgs. n. 504/92 Art. 4, DL n. 16/2012 Circolare MEF 18.5.2012, n. 3/DF PRESUPPOSTO IMPOSITIVO

Dettagli

GUIDA ALL'ACCONTO DELLE IMPOSTE DI NOVEMBRE 2013 : ANALISI ED APPROFONDIMENTI

GUIDA ALL'ACCONTO DELLE IMPOSTE DI NOVEMBRE 2013 : ANALISI ED APPROFONDIMENTI GUIDA ALL'ACCONTO DELLE IMPOSTE DI NOVEMBRE 2013 : ANALISI ED APPROFONDIMENTI a cura di Celeste Vivenzi Entro il prossimo 02/12/2013 (il 30/11 cade di sabato) va versata la 2 o unica rata degli acconti

Dettagli

Studio di settore (3) ,00. Dipendenti a tempo parziale, assunti con contratto di lavoro intermittente, di lavoro ripartito Apprendisti

Studio di settore (3) ,00. Dipendenti a tempo parziale, assunti con contratto di lavoro intermittente, di lavoro ripartito Apprendisti 0 Modello UG9U DOMICILIO FISCALE 4 5 69.0. - Servizi forniti da revisori contabili, periti, consulenti ed altri soggetti che svolgono attività in materia di amministrazione, contabilità e tributi Comune

Dettagli

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE SOCIETÀ DI PERSONE La base imponibile Irap delle imprese individuali e delle società di persone, secondo quanto stabilito dall

Dettagli

Studio 25/09/2013. Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini & Partners - Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Studio 25/09/2013. Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini & Partners - Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi MODIFICHE ALLA DEDUCIBILITA DEI COSTI DELLE AUTOVETTURE DAL 01/01/2013 EX LEGGE 92/2012 - LEGGE 228/2012 (STABILITA 2013) : EFFETTI SUGLI ACQUISTI E SULLE VENDITE 1 Deducibilità costi autovetture art.

Dettagli

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013 La fiscalità dei contratti di locazione Milano, 29 gennaio 2013 1 Fiscalità connessa ai contratti di locazione Imposte dirette Per il locatore non imprenditore, ai fini della determinazione del reddito

Dettagli

ESAME DI STATO DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2006 SECONDA PROVA SCRITTA DEL 29 GIUGNO 2006

ESAME DI STATO DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2006 SECONDA PROVA SCRITTA DEL 29 GIUGNO 2006 ESAME DI STATO DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2006 SECONDA PROVA SCRITTA DEL 29 GIUGNO 2006 1) La società a responsabilità limitata Y chiude l esercizio al 31/12/2005 con la seguente situazione

Dettagli

IRPEF: ESERCITAZIONI SULLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI. Dott.ssa Raffaella Sponsillo

IRPEF: ESERCITAZIONI SULLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI. Dott.ssa Raffaella Sponsillo IRPEF: ESERCITAZIONI SULLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI Dott.ssa Raffaella Sponsillo IRPEF (D.P.R. 22 DICEMBRE 1986 N. 917) DEFINIZIONE: IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE CARATTERISTICHE: IMPOSTA

Dettagli

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai In base alle risultanze del Conto Economico, e tenendo conto delle le informazioni che seguono, si determini: L imponibile IRES L IRES liquidata (l aliquota

Dettagli

I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO

I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Torino, 06 maggio 2014 I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Dott. Gustavo Desana DEFINIZIONE CIVILISTICA Il lavoro autonomo civilisticamente ricade nella categoria dei contratti d opera. L art. 2222 C.c. definisce

Dettagli

CIRCOLARE N 1 DEL 14.01.2014

CIRCOLARE N 1 DEL 14.01.2014 STUDIO BURLONE - CRISA Dottori Commercialisti e Revisori contabili CIRCOLARE N 1 DEL 14.01.2014 LEGGE DI STABILITA La Legge di Stabilità (147/2013) è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 27 dicembre

Dettagli