MASTER I LIVELLO in AVVOCATURA FISCALE. La successione:obblighi dichiarativi e imposizione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MASTER I LIVELLO in AVVOCATURA FISCALE. La successione:obblighi dichiarativi e imposizione"

Transcript

1 MASTER I LIVELLO in AVVOCATURA FISCALE 4 Marzo 2014 La successione:obblighi dichiarativi e imposizione Dott.ssa Nadia Oliva 1

2 EXECUTIVE SUMMARY LA SUCCESSIONE LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE L IMPOSTA DI SUCCESSIONE ANALISI DI UN CONTENZIOSO Dott.ssa Nadia Oliva 2

3 LA SUCCESSIONE La successione ereditaria è quel processo giuridico che permette agli eredi di subentrare in tutti i rapporti giuridici esistenti in capo al de cuius, secondo modalità indicate nell art. 457 c.c. Successione a titolo universale: il successore, che prende il nome di erede, subentra nella posizione giuridica patrimoniale del defunto. Successione a titolo particolare, detta legato: si trasferisce uno o più diritti determinati o rapporti attribuiti specificamente al successore (detto legatario) dal testamento o dalla legge. Dott.ssa Nadia Oliva 3

4 DISCIPLINE CHE REGOLANO LA SUCCESSIONE Nel nostro sistema giuridico possiamo sostanzialmente individuare due tipi di discipline che regolano la successione. La disciplina della SUCCESSIONE TESTAMENTARIA: si ha quando il defunto ha lasciato disposizioni che regolano il passaggio delle proprie sostanze, del proprio patrimonio: ha disposto appunto con testamento. La disciplina della SUCCESSIONE LEGITTIMA: si ha quando il defunto non ha disposto dei propri beni per testamento. Dott.ssa Nadia Oliva 4

5 TRE TIPI DI TESTAMENTO 1. Pubblico: (art. 603 c.c.) stipulato innanzi al notaio alla presenza di due testimoni, mediante il quale, il testatore dichiara le proprie volontà in presenza dei testimoni e le stesse vengono poi scritte a cura del notaio. 2. Olografo: (art. 602 c.c.) predisposto dal soggetto personalmente e conservato dallo stesso o fiduciariamente dal notaio; per la validità del testamento olografo è necessario che esso sia datato, scritto per intero dal testatore e sottoscritto da questo. 3. Segreto: (art. 604 c.c.) scritto dal testatore stesso (come l olografo) o anche da un terzo e consegnato al notaio in busta sigillata o da sigillare a mezzo del notaio stesso, il quale lo conserva. Dott.ssa Nadia Oliva 5

6 1.TESTAMENTO PUBBLICO La legge notarile prevede il passaggio da un regime di riservatezza del testamento pubblico, da rispettare fino alla morte del testatore, ad uno di pubblicità: questo avviene su richiesta di chiunque vi abbia interesse. 2.TESTAMENTO OLOGRAFO In base all art. 620 c.c. chi è in possesso di un testamento olografo deve presentarlo al notaio per la pubblicazione, appena ha notizia della morte del testatore. Il notaio procede alla pubblicazione dello stesso, verbalizzando l operazione. Dal momento della pubblicazione, il testamento ha esecuzione. 3.TESTAMENTO SEGRETO In base all art. 621 c.c. il testamento segreto deve essere aperto e pubblicato dal notaio appena gli perviene la notizia della morte del testatore. Chi può avervi interesse può chiedere al Tribunale che sia fissato un termine per l apertura e la pubblicazione. Dott.ssa Nadia Oliva 6

7 LA SUCCESSIONE LEGITTIMA L art. 565 del c.c. stabilisce che nella successione legittima l eredità si devolve al coniuge, ai discendenti legittimi e naturali, agli ascendenti legittimi, ai collaterali, agli altri parenti e allo Stato, secondo questo ordine. Dott.ssa Nadia Oliva 7

8 L EREDITA GIACENTE Tra la morte del de cuius e l eventuale accettazione può intercorrere del tempo durante il quale il patrimonio del defunto si trova sprovvisto di un titolare. L istituto dell eredità giacente prevede la nomina di un curatore da parte dell autorità giudiziaria con il compito di curare gli interessi dell eredità fino al momento in cui quest ultima venga accettata o, in mancanza dell accettazione, venga devoluta allo Stato. Dott.ssa Nadia Oliva 8

9 L EREDITA GIACENTE I presupposti della fattispecie sono: Esistenza del chiamato (o chiamati) all eredità; Mancanza di accettazione da parte del chiamato; Mancanza di immissione nel possesso di parte o di tutti i beni ereditari; Nomina del curatore, che rappresenta l inizio della giacenza. Dott.ssa Nadia Oliva 9

10 Il diritto di accettare l eredità si prescrive in 10 anni. Due tipi di Dichiarazione di Accettazione: Pura e semplice L erede confonde il suo patrimonio con quello del defunto. Con beneficio d inventario L erede, con dichiarazione resa con atto pubblico, accetta l eredità con beneficio d inventario per evitare la confusione del suo patrimonio con quello del defunto. espressa tacita E obbligatoria per: 1. i minori e gli interdetti (art. 471 c.c.); 2. i minori emancipati o inabilitati (art. 472 c.c.); 3. le persone giuridiche, le associazioni, fondazioni ed enti non riconosciuti, escluse le società commerciali (art. 473 c.c.). Dott.ssa Nadia Oliva 10

11 EREDE NEL POSSESSO DEI BENI EREDITARI (ART. 485 C.C.) Deve fare l inventario dei beni nei tre mesi (salvo proroga) dall apertura della successione e dichiarare se intende accettare l eredità nei successivi 40 giorni, altrimenti è considerato erede puro e semplice. EREDE NON IN POSSESSO DEI BENI EREDITARI (ART. 487 C.C.) Può fare la dichiarazione di accettare con beneficio di inventario fino a che il diritto di accettare non è prescritto. Dott.ssa Nadia Oliva 11

12 RINUNCIA ALL EREDITA La rinuncia all eredità è, ai sensi dell art. 519 c.c., un negozio unilaterale tra vivi, non recettizio, con il quale il chiamato dichiara che non vuole acquisire l eredità. La rinuncia può essere revocata solo nel caso in cui non sia ancora trascorso il termine per l accettazione dell eredità (10 anni), e qualora nessun altro dei chiamati abbia nel frattempo accettato l eredità stessa. La rinuncia può essere impugnata dai creditori del chiamato rinunciante, i quali possono farsi autorizzare ad accettare l eredità in nome e luogo dello stesso. Dott.ssa Nadia Oliva 12

13 RINUNCIA ALL EREDITA Nel caso di rinuncia all eredità, l erede o il legatario, per usufruire dell esonero di presentazione della dichiarazione, deve darne notizia all Ufficio delle Entrate competente mediante lettera raccomandata. Alla comunicazione deve essere allegata una copia autentica della dichiarazione di rinuncia all eredità. Dott.ssa Nadia Oliva 13

14 LA SUCCESSIONE LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE L IMPOSTA DI SUCCESSIONE ANALISI DI UN CASO DI CONTENZIOSO Dott.ssa Nadia Oliva 14

15 LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE E il documento, il cui modello è approvato con decreto del Ministro delle Finanze e pubblicato in Gazzetta Ufficiale, mediante il quale si procede al pagamento dell imposte di successione dovute in seguito alla morte di un soggetto. L aspetto fiscale legato alla successione è disciplinato dalla Legge n. 296 del rubricata Legge finanziaria Dott.ssa Nadia Oliva 15

16 SONO TENUTI A PRESENTARE LA DICHIARAZIONE: gli eredi, sia per legge che per testamento, anche se non hanno ancora accettato l eredità, purché non vi abbiano espressamente rinunziato; i legatari; i loro rappresentanti legali; gli immessi nel possesso dei beni, in caso di assenza o in caso di dichiarazione di morte presunta; gli amministratori dell eredità; i curatori delle eredità giacenti; gli esecutori testamentari. Se più persone sono obbligate alla presentazione della dichiarazione è sufficiente che la stessa sia presentata da una sola di esse. Dott.ssa Nadia Oliva 16

17 IL TERMINE DI PRESENTAZIONE di 12 mesi decorre: dalla data, successiva a quella di apertura della successione, in cui hanno avuto notizia della loro nomina, per i rappresentanti legali degli eredi o dei legatari, per i curatori di eredità giacenti e per gli esecutori testamentari; dalla data di chiusura del fallimento, nel caso di fallimento del defunto in corso alla data di apertura della successione o di dichiarazione di fallimento del medesimo entro 6 mesi; dalla data di immissione nel possesso dei beni ovvero, se non vi è stata anteriore immissione nel possesso dei beni, dalla data in cui è divenuta eseguibile la sentenza dichiarativa della morte presunta, nel caso della dichiarazione di assenza o di morta presunta; dalla scadenza dei termini per la formazione dell inventario, nel caso di accettazione con beneficio di inventario. Dott.ssa Nadia Oliva 17

18 Indicare l Ufficio Territoriale della Direzione Provinciale nella cui circoscrizione era l ultima residenza del defunto. In caso di residenza all estero, indicare l ufficio dove il defunto aveva l ultima residenza italiana. Se la residenza è sconosciuta, indicare la Direzione Provinciale II di Roma- Ufficio Territoriale Roma 6, via Canton N 20, Roma 18

19 TIPI DI DICHIARAZIONE Se dopo la presentazione della prima dichiarazione sopravvengono eventi che danno luogo a mutamento della devoluzione dell eredità o del legato, i soggetti obbligati debbono presentare dichiarazione di successione sostitutiva o integrativa. DICHIARAZIONE INTEGRATIVA Va presentata quando occorre inserire nell asse ereditario altri beni che non sono stati inseriti nella dichiarazione principale. Con le dichiarazioni integrative si possono aggiungere solo nuovi beni; non è possibile modificare o inserire eredi o annullare beni presentati in dichiarazione precedenti. DICHIARAZIONE MODIFICATIVA Si presenta per modificare dati catastali, quote, eredi, senza che aumenti il valore dell asse ereditario. Dott.ssa Nadia Oliva 19

20 DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE IRREGOLARE, INCOMPLETA O INFEDELE Irregolare: quando mancano indicazioni o documenti. L ufficio notifica al dichiarante, mediante avviso, l invito a provvedere alla regolarizzazione entro sessanta giorni, trascorsi i quali la dichiarazione è considerata omessa. Incompleta: quando non sono indicati tutti i beni e diritti compresi nell attivo ereditario. Infedele: se a seguito dell attività di controllo, l Ufficio accerta che il valore dei beni o diritti è superiori a quello esposto in dichiarazione. Dott.ssa Nadia Oliva 20

21 SANZIONI (Art. 50 e segg. del D.Lgs n. 346) Violazioni relative a: OMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE DELLA DICHIARAZIONE DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA INTEGRATIVA SE E DOVUTA IMPOSTA SE NON E DOVUTA IMPOSTA Da 120% a 140% dell imposta liquidata Da A 1.023,91 E considerata omessa la dichiarazione irregolare non regolarizzata nei 60 gg dalla notificazione dell invito dell ufficio. Dott.ssa Nadia Oliva 21

22 INFEDELTA DELLA DICHIARAZIONE delle passività in tutto o in parte inesistenti nei dati ed elementi necessari alla liquidazione riguarda anche coloro che rilasciano la documentazione mendace se l accertamento supera di ¼ il dichiarato SE E DOVUTA L IMPOSTA: Dal 100% al 200% della differenza d imposta SE NON INCIDE SULLA LIQUIDAZIONE DELL IMPOSTA: da a Dott.ssa Nadia Oliva 22

23 OMISSIONE INESATTEZZA IRREGOLARITA degli ALLEGATI: TARDIVO VERSAMENTO AUTOLIQUIDAZIONE Imposta ipotecaria e Imposta di bollo Tassa ipotecaria catastale 30% delle imposte autoliquidabili BENI CULTURALI Rivendita nel Tentata esportazione Mutamento destinazione Mancata offerta quinquennio da parte non autorizzata immobile non autorizzata di prelazione allo erede o legatario Stato in caso di vendita dal 100% al 200% dell imposta; Sanzione dovuta anche per l esclusione dalla riduzione ex art. 25; comma 2 Dott.ssa Nadia Oliva 23

24 La data di apertura della successione corrisponde alla data della morte, salvo casi particolari. Indicare se il defunto era sposato e quale era il regime patrimoniale: comunione legale dei beni o separazione dei beni Indicare se l eredità è devoluta per legge e/o testamento In caso di testamento, indicare il nome e cognome del notaio che lo ha pubblicato, la data, gli estremi di registrazione e la data di pubblicazione 24

25 Totale dei valori degli immobili indicati nel quadro B1 Totale dei valori indicati nei quadri B2 e B3 Totale dei valori indicati nel quadro B4 Totale delle passività indicate nel quadro D Dopo la firma, indicare in stampatello il nome e cognome del dichiarante, la data e il luogo di nascita Indicare la qualità del dichiarante (erede, legatario; curatore eredità giacente, trustee, rappresentante, ecc.) e l indirizzo 25

26 Esempio Luigi Verdi Indicare, in modo schematico, il nome, cognome, luogo e data di nascita degli eredi del defunto, il loro grado di parentela o affinità (in linea retta o collaterale) e le eventuali rinunce. Maria Rossi, coniuge, nata a Torino il Vittorio Verdi, figlio, nato a Torino il Giulia Verdi, figlia nata a Torino il

27 Autocertificazione resa da un erede, allegando un documento di identità, avente ad oggetto lo stato di morte del defunto. Autocertificazione resa da un erede, allegando un documento di identità, avente ad oggetto lo stato di famiglia del defunto alla data del decesso. Autocertificazione resa da un erede (se parente o affine del defunto), allegando un documento di identità, avente ad oggetto lo stato di famiglia degli eredi. Prospetto di autoliquidazione e modello F23 pagato. Copia autentica dell ultimo bilancio, se cade in successione un azienda. Certificazione bancaria per i rapporti di c/c di deposito titoli (con indicazione del saldo del c/c, compresi gli interessi maturati alla data della morte e dei prelevamenti eseguiti nei 4 giorni precedenti, e/o dei titoli in portafoglio). Autocertificazione del possesso dei requisiti per l agevolazione prima casa. Copia autentica degli atti di ultima volontà. Documenti comprovanti le passività (spese funebri, spese sanitarie, mutui e debiti bancari, imposte, ecc.). Non c è più l obbligo di allegare gli estratti catastali degli immobili (risoluzione n.11/e del 2013) 27

28 Indicare il numero dei quadri che sono stati compilati 28

29 Coniuge, figlio, nipote in linea retta di 2 grado, nipote in linea collaterale di 3 grado, ecc.. Categoria: erede o legatario Indicare il numero progressivo (001, 002, 003, ecc.) 29

30 Quota dell immobile posseduta dal defunto (es. 50/100 se il defunto possedeva metà immobile, 100/100 se la quota corrisponde all intero). Diritto di proprietà, nuda proprietà, superficie, ecc.. Indicare eventuali agevolazioni d imposta (ad es. agevolazione prima casa, riduzione per i fondi rustici) e altre osservazioni. Valore dell immobile, in base alla quota di possesso e al diritto del defunto. 30

31 DETERMINAZIONE DEL VALORE DELL IMMOBILE Per i fabbricati, si moltiplica la rendita catastale dell immobile rivalutata del 5%, per i seguenti coefficienti: 40,8 per i fabbricati delle categorie C/1 (negozi e botteghe) ed E 60 per i fabbricati delle categorie A/10 (uffici e studi privati) e D 110 per la prima casa e relative pertinenze 120 per i fabbricati appartenenti ai gruppi catastali A e C ( escluse A/10 e C/1) 140 per i fabbricati appartenenti al gruppo catastale B Per i fabbricati in costruzione o privi di rendita catastale, il valore è quello di mercato ma il contribuente puòrichiedere l attribuzione di rendita catastale. Per i terreni edificabili, il valore è quello di mercato Per i terreni non edificabili, il valore imponibile si determina moltiplicando per 90 il reddito dominicale rivalutato del 25% Dott.ssa Nadia Oliva 31

32 AGEVOLAZIONE <<PRIMA CASA>> L agevolazione spetta se almeno uno dei beneficiari abbia i seguenti REQUISITI: l abitazione non deve avere le caratteristiche di lusso; l immobile deve essere ubicato nel Comune dove il beneficiario (erede o legatario) ha la propria residenza o dove la stabilisca entro 18 mesi dalla data di apertura della successione o nel Comune in cui l erede o il legatario svolge la propria attività. Se il beneficiario è all estero per lavoro, l immobile deve essere ubicato nel Comune in cui ha sede il suo datore di lavoro in Italia; il beneficiario non deve essere titolare, esclusivo o in comunione col proprio coniuge, di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di altra casa situata nel territorio del Comune dove si trova l immobile ereditato; il beneficiario non deve essere titolare, neppure per quote o in comunione legale, su tutto il territorio nazionale, di diritti di proprietà, uso, usufrutto, abitazione o nuda proprietà, su altra casa di abitazione acquistata da lui o dal proprio coniuge, con le agevolazioni <<prima casa>>. Dott.ssa Nadia Oliva 32

33 AGEVOLAZIONI 1) Terreni agricoli e montani l importo totale delle imposte ipotecarie e catastali applicate in misura fissa su di essi, non può eccedere il valore fiscale degli stessi. Tassazione: imposta ipotecaria 200, catastale esente. 2) Agevolazioni per l imprenditoria giovanile dell agricoltura volta a favorire la continuità dell impresa agricola, applicata sui fondi rustici oggetto di successione tra ascendenti e discendenti entro il 3 grado, di età inferiore ai 40 anni. Condizioni: a) gli eredi si obblighino a coltivare o condurre direttamente i fondi rustici per almeno sei anni; b) gli eredi siano coltivatori diretti o imprenditori agricoli iscritti nelle relative gestioni previdenziali o che si iscrivano entro 3 anni dal trasferimento; c) gli eredi acquisiscano la qualifica di coltivatore diretto o di imprenditore agricolo a titolo principale entro 24 mesi dal trasferimento del terreno iscrivendosi nelle relative gestioni previdenziali entro i successivi 2 anni Tassazione: imposta ipotecaria 200, catastale esente. Dott.ssa Nadia Oliva 33

34 Partita IVA o C.F. della società emittente Quota di possesso da parte del defunto, dei titoli/azioni/ecc. e il loro valore, facendo attenzione al n. dei cointestatari Azioni, titoli, obbligazioni, quote di partecipazione al capitale di società, fondi comuni di investimento, ecc. Le quote sociali e le azioni devolute al coniuge e ai discendenti del defunto non sono soggette ad imposta di successione se tali soggetti detengono il controllo della società per un periodo almeno di 5 anni dalla data del trasferimento, indicando nella dichiarazione di successione la loro volontà di mantenere il controllo societario. I titoli di Stato non sono soggetti a tassazione anche se compresi nei fondi comuni di investimento; è comunque necessario indicarli specificando che gli stessi sono esenti. 34

35 Denominazione o ragione sociale dell azienda Quota dell azienda posseduta dal defunto e il valore dell azienda (al netto dell avviamento e delle passività) Partita IVA o C.F. dell azienda Ad es. l azienda devoluta al coniuge e ai discendenti del defunto non è soggetta ad imposta di successione se tali soggetti proseguono l attività d impresa per un periodo almeno di 5 anni dalla data del trasferimento, indicando nella dichiarazione di successione la loro volontà di proseguire l attività. 35

36 Descrivere la tipologia di bene: somme depositate in conto corrente, in libretti postali, depositi in cassette di sicurezza, crediti, rimborsi fiscali, rendite, pensioni,ecc. Indicare anche navi, imbarcazioni, aeromobili che non fanno parte di aziende. Quota di possesso dei beni da parte del defunto e il loro valore, facendo attenzione al n. dei cointestatari. Per i depositi in cassetta di sicurezza occorre allegare il verbale di apertura della cassetta redatto dal notaio o dal funzionario dell Agenzia. Per i crediti verso le cooperative per l assegnazione dell alloggio, occorre allegare la dichiarazione del Presidente della cooperativa attestante che non c è stato atto di assegnazione formale e che non c è stato frazionamento individuale del mutuo edilizio. Dott.ssa Nadia Oliva 36

37 E composto da: ATTIVO EREDITARIO (Artt del D.Lgs n. 346) Beni mobili ed immobili Diritti Gioielli, denaro e mobilia (10% del valore globale netto salvo inventario) Titoli di qualsiasi specie il cui reddito è evidenziato nell ultima dichiarazione dei redditi del defunto Beni mobili e titoli al portatore di qualsiasi specie in possesso del defunto depositati a suo nome presso altri Beni culturali Dott.ssa Nadia Oliva 37

38 VALORE DEI BENI E DIRITTI FACENTI PARTE DELL ATTIVO EREDITARIO Nella determinazione del valore degli immobili opera il meccanismo di valutazione automatica. Se viene dichiarato un valore pari a quello ottenuto moltiplicando il valore catastale dell immobile con i moltiplicatori indicati dalla legge, è precluso il potere di rettifica e accertamento dell Amministrazione Finanziaria sul valore dichiarato. Dott.ssa Nadia Oliva 38

39 VALORE DEI BENI E DIRITTI FACENTI PARTE DELL ATTIVO EREDITARIO azienda: il valore complessivo, alla data di apertura della successione, dei beni e dei diritti che la compongono, al netto delle passività e senza tenere conto dell avviamento; azioni e i titoli quotati in borsa: si fa riferimento alla media dei prezzi rilevata nell ultimo trimestre anteriore all apertura della successione, maggiorata dei dietimi o degli interessi maturati successivamente; azioni e i titoli non quotati: si fa riferimento al valore del patrimonio netto contabile dell ente o della società alla data di apertura della successione, escludendo l avviamento. Dott.ssa Nadia Oliva 39

40 VALORE DEI BENI E DIRITTI FACENTI PARTE DELL ATTIVO EREDITARIO titoli o quote di partecipazione a fondi comuni di investimento: si fa riferimento al valore risultante dall apposito prospetto (escludendo il valore riferibile a titoli di Stato); obbligazioni e gli altri titoli diversi da quelli indicati in precedenza: occorre considerare il valore comparato a quello dei titoli aventi analoghe caratteristiche quotati in borsa o negoziati al mercato ristretto, o, in mancanza, il valore desunto da altri elementi certi. Dott.ssa Nadia Oliva 40

41 BENI ESCLUSI dall attivo ereditario Beni culturali sottoposti a vincolo Crediti verso lo Stato o ceduti allo Stato Titoli di Stato (Bot, Cct, Btp, ecc.) o equiparati Veicoli iscritti nel pubblico registro automobilistico Indennità di fine rapporto di lavoro e altre indennità Azioni e titoli intestati al defunto e alienati prima della sua morte Crediti verso enti pubblici di previdenza e assistenza obbligatoria Crediti contestati giudizialmente alla data di apertura della successione Aziende familiari e partecipazioni sociali in favore di coniuge e discendenti Dott.ssa Nadia Oliva 41

42 Attenzione: non è più obbligatoria la compilazione del quadro B5. 42

43 Descrivere i beni donati dal defunto (o oggetto di altro atto a titolo gratuito) in favore di eredi o legatari (beneficiari), indicando i beneficiari e gli estremi dell atto di donazione o di libertà Valore di ciascun bene donato riferito alla data di apertura della successione Per l applicazione della FRANCHIGIA si deve tener conto delle donazioni fatte in vita dal defunto in favore degli eredi o legatari. Il valore di tali donazioni deve essere attualizzato alla data di apertura della successione. Dott.ssa Nadia Oliva 43

44 Indicare i debiti che aveva il defunto al momento di apertura della successione e altri oneri: mutui immobiliari, saldi passivi su c/c, debiti cambiari, debiti tributari, spese funerarie, spese mediche sostenute dagli eredi per conto del defunto negli ultimi sei mesi, legati, ecc.. Indicare il tipo di documento attestante la passività e allegarlo Indicare il valore per ciascuna passività, riferita alla quota del defunto. Per ulteriori approfondimenti si veda il Testo Unico 31 ottobre 1990, n tra i documenti di prassi si segnalano la circolare n.3/e del 2008, le risoluzioni n.8/e del 2012 e n.11/e del Dott.ssa Nadia Oliva 44

45 DIMOSTRAZIONE DEL PASSIVO (Art del D.Lgs n. 346) Debiti in genere. Debiti da sentenza definitiva. Debiti dell impresa del defunto. Debiti cambiari. Debiti verso la Pubblica Amministrazione. Debiti verso dipendenti. Debiti verso aziende o istituti di credito. Originale o copia autentica del titolo. Originale o copia autentica del provvedimento. Estratto notarile delle scritture contabili obbligatorie. Estratto notarile delle scritture contabili obbligatorie del trattario e del prenditore. Attestazione della P.A. o copia autentica della quietanza di pagamento. Attestazione dell Ispettorato Provinciale del lavoro. Originale o copia autentica del titolo. Certificato del creditore. Debiti per spese sostenute dagli eredi negli ultimi 6 mesi di vita del de cuius. Spese mediche Spese chirurgiche Spese per ricoveri, per medicinali, per protesi Spese funerarie fino a 1.032,91. Tutte dimostrate con regolari quietanze. Dott.ssa Nadia Oliva 45

46 LA SUCCESSIONE LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE L IMPOSTA DI SUCCESSIONE ANALISI DI UN CASO DI CONTENZIOSO Dott.ssa Nadia Oliva 46

47 L IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI (DECRETO LEGISLATIVO 31 ottobre 1990, n. 346) L imposta è dovuta: dagli eredi, che sono solidalmente obbligati al pagamento dell imposta nell ammontare complessivamente dovuto da essi stessi e dai legatari; dai legatari, che sono tenuti al pagamento dell imposta relativa al singolo legato ricevuto. Dott.ssa Nadia Oliva 47

48 BASE IMPONIBILE L imposta di successione si applica sul valore complessivo netto dei beni. Il D.L. 262/2006 convertito prevede che oggetto di tassazione è la somma del valore di tutti i beni trasferiti dal de cuius ai propri eredi (eccetto alcuni particolari beni, come i titoli di Stato, che sono espressamente esclusi da tassazione). Dott.ssa Nadia Oliva 48

49 BASE IMPONIBILE = Valori dei beni (relitti dal defunto) meno passività e oneri deducibili meno i legati (nel caso di eredità o di quote ereditarie) e gli oneri che gravano i legati più le donazioni fatte in vita dal defunto agli eredi o ai legatari meno le franchigie (nei casi in cui spettano) più 10% del valore globale netto imponibile a titolo di mobili e gioielli Dott.ssa Nadia Oliva 49

50 L IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI ALIQUOTE 4% EREDE O LEGATARIO FRANCHIGIA per ciascun beneficiario coniuge parenti in linea retta % fratelli e sorelle % altri parenti fino al 4 grado affini in linea retta affini in linea collaterale fino al 3 grado _ 8% altri soggetti _ 4%, 6%, 8% soggetti portatori di handicap riconosciuto grave ai sensi legge n Dott.ssa Nadia Oliva 50

51 COACERVO DELLE DONAZIONI Per effettuare il calcolo della franchigia ancora utilizzabile da parte di ciascun erede è necessario effettuare il cd. coacervo delle donazioni, inserendo nell apposito quadro C, tutte le donazioni che hanno contribuito a erodere la franchigia di ogni erede che per legge può goderne. Dott.ssa Nadia Oliva 51

52 ALIQUOTE E FRANCHIGIE ESEMPIO N. 1 Si ipotizzi che Caio lasci alla moglie e ai due figli un immobile del valore di , suddiviso in parti uguali. Nessun degli eredi sconta l imposta di successione. ESEMPIO N. 2 Si ipotizzi che Caio lasci alla moglie una quota dell immobile pari a , e ai due figli una quota pari a ciascuno. La moglie sconta un imposta pari al 4% di ; i due figli sono esenti da tassazione. Dott.ssa Nadia Oliva 52

53 PAGAMENTO DELL IMPOSTA Il pagamento dell imposta deve essere eseguito entro 60 giorni da quello in cui è stato notificato l avviso di liquidazione. Al contribuente può essere concessa la dilazione nel pagamento e quindi di eseguire il pagamento in misura non inferiore al 20% delle imposte, delle sanzioni amministrative e degli interessi di mora, e per il rimanente importo in rate annuali posticipate. Dott.ssa Nadia Oliva 53

54 SOLIDARIETA PER IL PAGAMENTO DELL IMPOSTA Seppur l imposta è divisa tra le parti, il fisco può richiedere il pagamento mancante di un soggetto agli altri soggetti solidalmente responsabili. Quando un erede si fa carico dell intero pagamento dell imposta avrà il potere di rifarsi esercitando il diritto di rivalsa nei confronti degli altri eredi che si sono resi inadempienti. Dott.ssa Nadia Oliva 54

55 ONERI FISCALI RELATIVI ALLA SUCCESSIONE All apertura della successione mortis causa occorre auto-liquidare con modello F23: l imposta ipotecaria: 2% sul valore catastale dei beni immobili con un minimo di 200; l imposta catastale: 1% del valore catastale dei beni immobili con un minimo di 200; la tassa ipotecaria: misura fissa di 35 per ogni nota di trascrizione; l imposta di bollo: misura fissa di 64 per ogni nota di trascrizione; i tributi speciali: misura fissa di 18,59. Dott.ssa Nadia Oliva 55

56 ONERI FISCALI RELATIVI ALLA SUCCESSIONE Il Decreto Legislativo 104/2013 ha stabilito l aumento dell imposta di registro a partire dal 1 gennaio Secondo la nuova tassazione dei trasferimenti immobiliari a titolo oneroso, l importo di ciascuna delle imposte di registro, quella ipotecaria e quella catastale passa da168 euro a 200 euro in misura fissa. Dott.ssa Nadia Oliva 56

57 RAVVEDIMENTO OPEROSO Nel caso di applicazione del ravvedimento operoso, entro 30 giorni dalla scadenza della presentazione, il contribuente deve versare: il tributo dovuto (o versato in misura inferiore); la sanzione per tardiva presentazione ridotta a 1/8 di 258 Euro; la sanzione per tardivo pagamento ridotta ad 1/8 del minimo irrogabile (30% del tributo dovuto = 3,75% del tributo dovuto) gli interessi moratori calcolati al tasso legale del 3% con maturazione giornaliera, sino al 31/12/2009, mentre al tasso legale del 1% dal 1/1/2010 in seguito al del D.M. del 04/12/ Dott.ssa Nadia Oliva 57

58 RAVVEDIMENTO OPEROSO Nel caso di applicazione del ravvedimento operoso, oltre 30 giorni ma entro un anno dalla scadenza della presentazione, il contribuente deve versare: il tributo dovuto (o versato in misura inferiore); la sanzione per tardiva presentazione ridotta a 1/5 di 258 Euro; la sanzione per tardivo pagamento ridotta ad 1/5 del minimo irrogabile (30% del tributo dovuto = 6% del tributo dovuto); gli interessi moratori calcolati al tasso legale con maturazione giornaliera. Dott.ssa Nadia Oliva 58

59 RIMBORSI IL RIMBORSO DI IMPOSTA E COMPRENSIVO DI INTERESSI MODALITA TERMINI INTERESSI domanda notificata a mano domanda spedita in plico raccomandato 3 anni dal giorno del pagamento 3 anni dal giorno in cui è sorto il diritto alla restituzione interessi semestrali ex L. n. 29/1961 Dott.ssa Nadia Oliva 59

60 SUCCESSIONE EREDITARIA DELLE PARTECIPAZIONI Il trasferimento di quote e partecipazioni non è più soggetto ad imposta sulle successioni. Se l asse ereditario comprende esclusivamente quote e/o partecipazioni non deve essere presentata la dichiarazione di successione. Per quanto riguarda le imposte dirette, la tassazione avviene nel momento in cui l erede cede, realizzando una plusvalenza, la partecipazione acquistata per successione. La plusvalenza si realizza quando la vendita del titolo è effettuata ad un prezzo superiore al costo. L eventuale plusvalenza (o minusvalenza) sarà determinata dalla differenza positiva (negativa) tra il corrispettivo di vendita e il costo d acquisto. Dott.ssa Nadia Oliva 60

61 PARTECIPAZIONI in SOCIETA NON QUOTATE e TITOLI NON QUOTATI (ART.16, co.1, lett. b, D.Lgs. 346/1990) Il valore delle azioni e dei titoli non quotati deve essere determinato: sulla base del valore, alla data di apertura della successione, del patrimonio netto contabile dell ente o società risultante dall ultimo bilancio pubblicato o dall ultimo inventario regolarmente redatto, tenendo conto dei mutamenti sopravvenuti; in mancanza di bilancio o inventario, in base al valore complessivo dei beni appartenenti all ente o alla società, al netto delle passività. Dott.ssa Nadia Oliva 61

62 TASSAZIONE DELLE PLUSVALENZE (art. 3, comma 4 ter, D.Lgs. 346/1990) Plusvalenze su partecipazioni non qualificate: si applica l imposta sostitutiva del 12,5%. Plusvalenze su partecipazioni qualificate: concorrono per 40% del loro ammontare a formare il reddito imponibile e vanno pertanto indicate nella dichiarazione dei redditi come redditi diversi oltre a essere soggette anche alle addizionali regionale e comunale Irpef. Dott.ssa Nadia Oliva 62

63 PASSAGGIO DELL AZIENDA PER CAUSA DI MORTE Il trasferimento dell azienda per successione è esente dal pagamento dell imposta. Dal punto di vista dell imposizione diretta, non è soggetto a tassazione, non costituendo realizzo di plusvalenze, quando: gli eredi proseguono nell attività di impresa; i valori contabili dei beni, che compongono l azienda caduta in successione, restano invariati rispetto a quelli che avevano in capo all imprenditore deceduto. Nei cinque anni successivi all apertura della successione, la predetta azienda resta acquisita da uno solo di essi. L assoggettamento a tassazione viene quindi rinviato al momento dell eventuale cessione dell azienda da parte dell erede o al momento della vendita delle quote sociali. Dott.ssa Nadia Oliva 63

64 PASSAGGIO DELL AZIENDA PER CAUSA DI MORTE LE IMPOSTE SUI REDDITI A seguito di trasferimento per causa di morte di un impresa individuale, gli eredi possono manifestare la volontà di continuare l attività esercitata dall imprenditore deceduto. La prosecuzione dell attività d impresa può dar luogo alla nascita di: una comunione ereditaria, se gli eredi continuano l attività allo scopo di conseguire un profitto; un impresa individuale, se l erede unico decide di dar seguito all attività adottando tale struttura. La prosecuzione comporta il conseguimento da parte dell erede di un reddito d impresa, tassato secondo le regole previste per tale forma reddituale. Dott.ssa Nadia Oliva 64

65 PASSAGGIO DELL AZIENDA PER CAUSA DI MORTE IMPOSTE INDIRETTE Ai fini Iva, la prosecuzione dell attività aziendale da parte degli eredi genera i seguenti effetti: per le operazioni compiute dall imprenditore prima del decesso, i relativi obblighi possono essere assolti dagli eredi entro 6 mesi dal decesso; ciò vale anche nel caso in cui i termini entro i quali eseguire tali adempimenti sono scaduti da non oltre 4 mesi prima della data di morte dell imprenditore; per le operazioni compiute direttamente dagli eredi si osservano i termini ordinari previsti dalla normativa sull Iva. Dott.ssa Nadia Oliva 65

66 LA SUCCESSIONE LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE L IMPOSTA DI SUCCESSIONE ANALISI DI UN CONTENZIOSO Dott.ssa Nadia Oliva 66

67 CASO: IL TESTAMENTO IMPUGNATO NON SOSPENDE L IMPOSTA DI SUCCESSIONE Un contribuente impugnava l avviso di liquidazione con il quale l Agenzia delle Entrate chiedeva il pagamento dell imposta di successione, in quanto era pendente il giudizio sulla validità del testamento. La Cassazione ha ritenuto legittimo l operato dell Ufficio con la sentenza n del 2013 affermando che l impugnazione del testamento è priva di influenza sulla debenza dell imposta di successione e sulla relativa procedura di liquidazione, fatto salvo il diritto al rimborso delle somme versate e non dovute. Dott.ssa Nadia Oliva 67

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE

DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE DICHIARA- genzia ZIONE ntrate genzia ntrate DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE MOD. 4 Direzione Provinciale Direzione di Provinciale di Ufficio Territoriale di Ufficio Territoriale di PARTE RISERVATA ALL UFFICIO

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Successioni tutelate Le regole per un sicuro trasferimento dei beni

Successioni tutelate Le regole per un sicuro trasferimento dei beni Le Guide per il Cittadino Successioni tutelate Le regole per un sicuro trasferimento dei beni Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Casa del Consumatore Cittadinanzattiva

Dettagli

Successioni tutelate

Successioni tutelate Le Guide per il Cittadino Successioni tutelate Le regole per un sicuro trasferimento dei beni Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Casa del Consumatore Cittadinanzattiva

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

Se muore il coniuge. Testamento e accettazione dell eredità Dichiarazione di successione e imposte - Pensione di

Se muore il coniuge. Testamento e accettazione dell eredità Dichiarazione di successione e imposte - Pensione di Se muore il coniuge Testamento e accettazione dell eredità Dichiarazione di successione e imposte - Pensione di reversibilità e TFR - Autoveicoli e cassetta di sicurezza Di Germano Palmieri In questo e

Dettagli

IL CONTROLLO DELLE AGEVOLAZIONI NELL IMPOSTA DI REGISTRO. A cura di Elena Galeotti Direzione Regionale Toscana

IL CONTROLLO DELLE AGEVOLAZIONI NELL IMPOSTA DI REGISTRO. A cura di Elena Galeotti Direzione Regionale Toscana IL CONTROLLO DELLE AGEVOLAZIONI NELL IMPOSTA DI REGISTRO A cura di Elena Galeotti Direzione Regionale Toscana Versione febbraio 2010 INDICE 1 PREMESSA...4 2 PRINCIPI GENERALI...4 2.1 Imposta principale,

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

1 La successione. in pratica

1 La successione. in pratica in pratica Esempi di successione nei diritti si rinvengono nella vita quotidiana: pensa a chi acquista un bene da un altro soggetto o all erede che riceve per testamento i beni di una persona deceduta.

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA III. QUANDO SI ACQUISTA CASA Quando si compra casa le imposte da pagare indicato nell'atto, provvede alla rettifica e sono diverse (registro o Iva) a seconda che il alla liquidazione della maggiore imposta

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 CODICE FISCALE/TESSERA SANITARIA/PARTITA IVA CONTRATTI DI LOCAZIONE ACQUISTO PRIMA CASA SUCCESSIONI RIMBORSI COMUNICAZIONI DI IRREGOLARITÀ E CARTELLE DI PAGAMENTO GUIDA

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

Italia Iscrizione e ricerca di un testamento

Italia Iscrizione e ricerca di un testamento Iscrizione e ricerca di un testamento Quali sono le principali forme di testamento in Italia? * il testamento autentico, redatto da un notaio. * il testamento olografo, scritto, datato e firmato di pugno

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015 CIRCOLARE N. 30/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 agosto 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

CAPITOLO VII L AGEVOLAZIONE PRIMA CASA NEI TRASFERIMENTI PER DONAZIONE E SUCCESSIONE A CAUSA DI MORTE

CAPITOLO VII L AGEVOLAZIONE PRIMA CASA NEI TRASFERIMENTI PER DONAZIONE E SUCCESSIONE A CAUSA DI MORTE CAPITOLO VII L AGEVOLAZIONE PRIMA CASA NEI TRASFERIMENTI PER DONAZIONE E SUCCESSIONE A CAUSA DI MORTE SOMMARIO: 7.1. Premessa - 7.2. Gli effetti dell agevolazione - 7.3. L oggetto dell agevolazione - 7.4.

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la vigente normativa in materia, applicabile all'imposta Comunale sugli Immobili e richiamata nel presente atto, AVVISA il contribuente, Coce Fiscale, residente in - (

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del regolamento

Articolo 1 Oggetto del regolamento ALLEGATO A) REGOLAMENTO IN MATERIA DI IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC), COMPRENSIVO DELLE DISPOSIZIONI CHE DISCIPLINANO L IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) E IL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI). Articolo

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Chi deve pagare la Tassa Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani? Tutti coloro che occupano,utilizzano o dispongono di locali e di aree scoperte a qualsiasi

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE

Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE Circolare Monografica 12 giugno 2014 n. 1990 DICHIARAZIONI Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE Soggetti obbligati, modalità di compilazione e di calcolo ed esemplificazioni di Armando

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli