PRIMA LETTURA (2Sam 7, ) - Il regno di Davide sarà saldo per sempre davanti al Signore.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRIMA LETTURA (2Sam 7, ) - Il regno di Davide sarà saldo per sempre davanti al Signore."

Transcript

1 IV DOMENICA DI AVVENTO (ANNO B) PRIMA LETTURA (2Sam 7, ) - Il regno di Davide sarà saldo per sempre davanti al Signore. Il re Davide, quando si fu stabilito nella sua casa, e il Signore gli ebbe dato riposo da tutti i suoi nemici all intorno, disse al profeta Natan: «Vedi, io abito in una casa di cedro, mentre l arca di Dio sta sotto i teli di una tenda». Natan rispose al re: «Va, fa quanto hai in cuor tuo, perché il Signore è con te». Ma quella stessa notte fu rivolta a Natan questa parola del Signore: «Va e di al mio servo Davide: Così dice il Signore: Forse tu mi costruirai una casa, perché io vi abiti? Io ti ho preso dal pascolo, mentre seguivi il gregge, perché tu fossi capo del mio popolo Israele. Sono stato con te dovunque sei andato, ho distrutto tutti i tuoi nemici davanti a te e renderò il tuo nome grande come quello dei grandi che sono sulla terra. Fisserò un luogo per Israele, mio popolo, e ve lo pianterò perché vi abiti e non tremi più e i malfattori non lo opprimano come in passato e come dal giorno in cui avevo stabilito dei giudici sul mio popolo Israele. Ti darò riposo da tutti i tuoi nemici. Il Signore ti annuncia che farà a te una casa. Quando i tuoi giorni saranno compiuti e tu dormirai con i tuoi padri, io susciterò un tuo discendente dopo di te, uscito dalle tue viscere, e renderò stabile il suo regno. Io sarò per lui padre ed egli sarà per me figlio. La tua casa e il tuo regno saranno saldi per sempre davanti a me, il tuo trono sarà reso stabile per sempre». SECONDA LETTURA (Rm 16,25-27) - Il mistero avvolto nel silenzio per secoli, ora è manifestato. Fratelli, a colui che ha il potere di confermarvi nel mio vangelo, che annuncia Gesù Cristo, secondo la rivelazione del mistero, avvolto nel silenzio per secoli eterni, ma ora manifestato mediante le scritture dei Profeti, per ordine dell eterno Dio, annunciato a tutte le genti perché giungano all obbedienza della fede, a Dio, che solo è sapiente, per mezzo di Gesù Cristo, la gloria nei secoli. Amen. VANGELO (Lc 1,26-38) - Ecco concepirai un figlio e lo darai alla luce. In quel tempo, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallegrati, piena di grazia: il Signore è con te». A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine». Allora Maria disse all angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio». Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l angelo si allontanò da lei. Parola del Signore 1

2 SALMO RESPONSORIALE (Sal 88) Rit: Canterò per sempre l amore del Signore. Canterò in eterno l amore del Signore, di generazione in generazione farò conoscere con la mia bocca la tua fedeltà, perché ho detto: «È un amore edificato per sempre; nel cielo rendi stabile la tua fedeltà». «Ho stretto un alleanza con il mio eletto, ho giurato a Davide, mio servo. Stabilirò per sempre la tua discendenza, di generazione in generazione edificherò il tuo trono». «Egli mi invocherà: Tu sei mio padre, mio Dio e roccia della mia salvezza. Gli conserverò sempre il mio amore, la mia alleanza gli sarà fedele». 2

3 Intervento di Padre Innocenzo Tutti e tre i testi di questa sera, che serviranno domani, sono di una intensità unica e dunque non possiamo pensare di approfondirli fino in fondo tutti e tre. Ma certamente il testo che è più appropriato per la giornata della Quarta Domenica di Avvento è il testo dell evangelista Luca. Un testo conosciutissimo, da questo testo è stata ricavata una delle preghiere più care della tradizione cattolica, l Ave Maria, e dunque l abbiamo recepito, senza conoscerne fino in fondo il significato, fin dalla prima infanzia. Forse non avevamo imparato a parlare, ma già sapevamo a mente l Ave Maria. Il testo è molto ricco, ed è molto più drammatico di quanto abitualmente possiamo immaginare. Sappiamo che è l inizio dei cosiddetti misteri gaudiosi e sappiamo che il Rosario contiene i misteri gaudiosi, i misteri dolorosi, i misteri gloriosi e poi i misteri della luce misteri, misteri, misteri. I misteri gaudiosi sono quelli che dovrebbero generare gaudio, perciò si chiamano gaudiosi. In realtà, come da sempre hanno insegnato i Padri della Chiesa, non si può mai pensare a Maria senza simultaneamente pensare al suo Figlio Gesù, riconosciuto come Cristo e Signore. Per cui l invito che viene dai Padri della Chiesa è di leggere Maria come profezia di Cristo. Questa sottolineatura dei Padri della Chiesa si rifà a tutto l AT, a tutto il mondo creato. Gesù stesso lo aveva detto, ai due discepoli che andavano verso Emmaus, che le Scritture, nel loro complesso, parlano di Lui. A fortiori parla di Lui Maria. Ma in che modo noi riusciamo a capire che Maria è profezia di Cristo? L evangelista Luca, che ha recepito questo insegnamento e lo ha tenuto presente lungo tutta la stesura del suo Vangelo, ci dà in questa pagina degli input per riuscire a scoprire che, parlando di Maria, si sta parlando in realtà di Cristo, Figlio di Maria. E si sta parlando di Gesù Cristo Signore, inteso proprio in tutto il suo mistero di incarnazione, passione e morte e resurrezione. Se riusciamo a leggere il testo da questa prospettiva cristologica, rimaniamo sorpresi, perché Luca dà appena appena qualche accenno, perché noi riusciamo a inserirci in questa sua fessura, allargando il nostro sguardo e scoprendo che in realtà ci sta parlando proprio del mistero di Gesù di Nazareth. E come lo fa? Luca lo fa anzitutto inserendo questa pagina, che noi conosciamo come pagina dell Annunciazione, all interno di una grande inclusione, che ha all inizio un riferimento, conosciutissimo al tempo di Gesù, a una precisa pagina del libro del Deuteronomio e ha, al termine, un altro riferimento, altrettanto conosciutissimo al Libro del Profeta Isaia. Quali sono questi punti che ci suggerisce Luca di utilizzare per entrare nel senso della pagina? Il primo punto viene dal capitolo 22 del Deuteronomio, che è il punto di arrivo del Pentateuco, al versetto 22, in cui si stabilisce, all interno di Israele, come comportarsi nel caso che una ragazza si 3

4 ritrovi incinta fuori del fidanzamento e fuori dal matrimonio. E il criterio che viene suggerito dal Libro del Deuteronomio per amministrare la giustizia, nei confronti di questa ragazza, è un criterio esterno. E cioè ci si chiede: dove può essere accaduto questo fatto? Perché, se questo fatto è accaduto nella solitudine della campagna, dobbiamo presupporre che la ragazza possa aver gridato di fronte ad una violenza. Però, non essendoci nessuno, in aperta campagna o in un luogo deserto, lei è stata semplicemente violentata con un aggressione ingiusta. In questo caso la ragazza va dichiarata innocente: è una vittima, e come tale va garantita e non le va torto nessun capello, la ragazza è innocente. Altro è invece il caso in cui la ragazza è stata messa incinta in città. Siccome la città è per definizione un luogo abitato, se lei non ha gridato, vuol dire che è stata consenziente nel tradire il suo fidanzato o il suo eventuale marito. Dunque, in questo caso, va accusata, segnata a dito, principalmente dal suo fidanzato o da suo marito, va denunziata in pubblico e lapidata nella piazza pubblica della città. Il fidanzato o il marito sarà il primo a gettarle sul capo la pietra mortale. Se riusciamo a renderci conto di questo tipo di contesto così drammatico, scopriamo che Luca ha una intenzione molto precisa, perché ci vuole mettere di fronte ad un evento apparentemente insolvibile, ma solvibile con il riferimento appunto alla legge. Perciò sottolinea, iniziando il racconto del concepimento di Gesù da parte di Maria, precisando che si tratta di un evento accaduto in città e accaduto ad una ragazza che era già fidanzata ad un uomo di nome Giuseppe della casa di Davide, e il nome della ragazza è Maria. Allora questo è il punto di partenza. Da questo punto di partenza, adesso, abbiamo altre indicazioni che ci fanno entrare dentro un modo di essere e di fare da parte di Dio, attraverso l angelo. L angelo è l angelo Gabriele, che è il dono della fortezza, fortitudo Dei è la traduzione di Gabriele in latino, fortezza di Dio. Dunque, se viene inviato questo angelo particolare è perché questo angelo rappresenta, di fatto, l energia stessa di Dio, che è una energia creativa, è una energia generativa, è una energia di vita. Se si legge il testo tenendo conto di alcune particolarità della lingua greca, troviamo due preposizioni, una preposizione che è la preposizione «in», che possiamo tradurre in italiano con «nel» o «in», semplicemente «eis» in greco. Poi c è un altra preposizione che è «pròs», da cui «prossimo», anche in italiano, ma tutte e due sia la preposizione «eis» che indica un movimento, sia la preposizione «pros» che indica una intimità, una prossimità, sono altamente significative: perché questo angelo di Dio sembra che abbia messo in movimento qualcosa di grande nel grembo di questa ragazza, al punto che lei resta non solo sconcertata, ma sconvolta. Perché, nel momento stesso in cui questo angelo si fa sentire intimo a Maria, Maria ode anche le parole dello shalom: cai/re (chaire), shalom (Lc 1,28). 4

5 La parola shalom, indica pace, indica rapporto ottimale con Dio, indica dunque tutto ciò che di più bello si può sperimentare all interno di una esperienza d amore. Non solo, ma poi l angelo non si limita a dire semplicemente: cai/re (chaire), ma aggiunge anche: kecaritwme,nh (kecharitomene); la karis è la grazia, ma è anche la graziosità, è anche l amabilità. Quindi dire: cai/re kecaritwme,nh (chaire kecharitomene) è il massimo che si possa augurare ad un essere umano da parte di un angelo mandato da Dio. Da qui l interrogativo che inevitabilmente ci poniamo anche noi, quando l evangelista aggiunge a queste parole dell angelo (cai/re kecaritwme,nh), che noi in italiano traduciamo con «ave, piena di grazie», che invece di crearle serenità di cuore, la sconvolgono e la mettono sotto sopra; il verbo indica proprio questo sconvolgimento del mare, questo sconvolgimento di un terremoto, sconvolgimento delle viscere nel caso specifico qui di Maria. Maria si sente sconvolta, avverte qualche cosa dentro di sé, resta senza parole, ma con una pulsione interiore fortissima, interrogandosi: perché questo? Cosa mi sta succedendo? E poi, cosa significano queste parole: cai/re kecaritwme,nh (chaire kecharitomene)? Lo sconvolgimento di Maria è molto importante e lo si può capire proprio per il modo con cui sta vivendo questa intimità con l angelo e per il luogo dove questa intimità si è prodotta. Su questo, sono le donne che capiscono meglio di che cosa si può trattare e, in ogni caso, l evangelista Luca lo tiene ben presente, per cui cerca adesso di consolarla. Sentite come ne parla: «A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. E l angelo le disse: "Non temere Maria, perché hai trovato grazia presso Dio"» (Lc 1,29-30). Dunque è una risposta dell angelo che cerca di calmare questo sconvolgimento interiore di Maria: non temere! E l espressione «non temere» la ritroviamo spesso in situazioni analoghe, quando Dio si lascia avvertire presente, o si lascia addirittura ascoltare, o vedere, e l uomo rimane sconvolto da questa esperienza perché chiunque vede Dio non può sostenerlo e muore. Per cui ci vuole una parola successiva che permetta a questa creatura, che fa esperienza di questa forza incredibile del Creatore, di sopportare un peso così grande. Non temere Maria, tutto ciò che ti sta accadendo, dimostra che hai trovato grazia presso Dio. Questa grazia presso Dio indica proprio l'elezione: sei stata eletta! E che cosa significa eletta, scelta? L angelo ha bisogno di spiegare, ha bisogno di prendere per mano Maria, e condurla con delicatezza verso eventi analoghi a quello che sta sperimentando lei. Stai per concepire un figlio, stai per darlo alla luce, stai per chiamarlo Gesù. Tutti questi futuri, futuri come il senso del testo ci suggerisce, non è un futuro che deve ancora arrivare, è un futuro che è già in cammino. È già in cammino dal momento in cui è stata scelta, dal momento in cui ha ricevuto questo shalom da 5

6 parte di Dio, dal momento in cui ha sperimentato la prossimità, l intimità della energia stessa di Dio, veicolata attraverso l angelo Gabriele. Dunque questo è un passaggio molto importante, perché è messa di fronte alla possibilità di superare tutto lo sconvolgimento interiore, leggendo l'evento a partire da Dio. Fino a questo momento qui, di fatto, Maria aveva potuto leggere ciò che le stava capitando, a partire dal giudizio degli uomini, a partire dal giudizio della legge. E conoscendo la legge possiamo immaginare che tipo di angoscia può aver provato Maria. Quindi l angelo si fa carico di questa angoscia e l aiuta a superarla: tutto ciò che ti sta succedendo, ti sta succedendo perché sei stata scelta da Dio. Ma la storia d Israele ci fa anche capire che, chi è stato scelto, passa poi attraverso esperienze estremamente forti, ma anche estremamente dolorose. Basta scoprire tutte le pagine in cui nell AT si parla di una vocazione di un profeta, la vocazione di un Patriarca, la vocazione di un giudice, la vocazione di un re. Essere eletti da Dio significa anche accettare tutto ciò che comporta questa elezione da parte di Dio. Luca ci sta preparando a cogliere tutte le conseguenze di questa elezione. È una elezione in funzione di, in funzione di una salvezza del popolo, in funzione di una battaglia da affrontare, in funzione di un gigante da afferrare, come è successo a Davide, o pensate alle gesta di Sansone, il grande potente giudice Sansone. Dunque l elezione non è semplicemente una carezza, e chi conosce la storia sacra, e Maria la conosceva, poteva benissimo capire che cosa potesse comportare questa elezione: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio» (Lc 1,30). E l angelo cerca di aprirla a tutto ciò che poi è frutto di questa elezione. Perché se nel primo tempo l elezione sembra legata alla sofferenza, al dolore, all umiliazione, poi l elezione è in funzione della salvezza. La salvezza del popolo dall Egitto, la salvezza dai popoli circostanti che devono essere combattuti dai giudici, la salvezza che poi si manifesterà in tanti altri modi in funzione della salvezza e lo chiamerai Gesù, cioè sarà il Salvatore. È vero che tu passerai attraverso tutto ciò che comporta essere stata eletta da Dio, però ricordati che darai alla luce un figlio, e lo chiamerai Gesù, e sarà grande, e verrà chiamato Figlio dell Altissimo (cfr. Lc 1,32). Questo riferimento al Figlio dell Altissimo ci suggerisce di arrivare alla storia di Abramo, del suo incontro con Melchìsedek, sacerdote dell Altissimo (cfr. Gen 14,18). Quindi Abramo che ha dovuto combattere un gruppo di re, che non intendevano accoglierlo nella propria terra, superata questa battaglia poi si ritrova di fronte al sacerdote dell Altissimo. Dunque c è probabilmente, nel testo di Luca, un suggerimento di andare molto lontano nella storia del proprio popolo o di Israele. «Il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre» (Lc 1,32). Dunque non soltanto si incontrerà col sacerdote del Dio Altissimo, ma sarà il successore di Davide. Dunque l angelo le sta facendo fare 6

7 un po di lectio divina, l ha presa per mano, a partire dalla sua esperienza personale, e la sta aiutando a leggere la propria storia, a leggersi attraverso la storia. La storia di Abramo, la storia di Davide, la storia poi di fatto di Israele. «Il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine» (Lc 1,32s). Dunque tutta una serie di spiegazioni, e tutta una serie di suggerimenti a rileggere la sua storia personale, alla luce della storia del popolo d Israele, dei grandi personaggi d Israele, per poter superare lo sconvolgimento iniziale e l angoscia da cui si era sentita afferrare. Questa manuductio, questa lectio divina, suggerita dall angelo, non risolve tutti gli interrogativi di Maria, perché dopo aver percorso con l angelo tutti questi eventi legati all elezione dice: si, si, va bene, ma io non conosco uomo (cfr. Lc 1,34). È la grande obiezione di Maria. E Luca ovviamente la mette di proposito a questo punto, perché la novità che sta per raccontare è proprio questa, di una vergine che concepisce senza apporto di uomo. E Maria, che si sente ormai coinvolta in questo tipo di concepimento, rimane con il punto interrogativo aperto: ma come è possibile, non conosco uomo! (Lc 1,34). E allora l angelo di nuovo deve prenderla per mano, deve aiutare Maria a raggiungere una convinzione che arriverà al termine della narrazione, ma che però viene disvelata gradualmente dall angelo, o se volete dalla lettura che l angelo le fa fare, non solo della storia di Davide, della storia di Abramo, o della storia dei Giudici, ma semplicemente della storia del mondo. Perché la storia del mondo? Perché fa riferimento allo Spirito Santo. Ora, questo Spirito Santo, noi, dopo la riflessione teologica di duemila anni di cristianesimo, immediatamente già lo possiamo accostare alla terza impostasi della Trinità. Ma in realtà lo Spirito Santo è la Ruach Adonai, che ha le origini stesse del mondo, quando tutto era caotico, proprio come ciò che stava sperimentando Maria con il suo terremoto interiore, e riuscì a trasformare il caos in Kosmos. Quindi tutto ciò che era sconvolto e sconvolgente, viene pacificato, viene ordinato, al punto da risplendere al massimo della sua bellezza. Kosmos, cosmesi, Kosmos bellezza, Kosmos ordine, Kosmos armonia, come frutto dello Spirito Santo che, come dice il Libro della Genesi, volava sul caos originario, proprio come una chioccia che sotto le sue ali fa aprire l uovo perché venga fuori la vita. Ma nel fare riferimento allo Spirito, l angelo le suggerisce anche altri momenti, raccontati dall AT, anch'essi relativi allo Spirito, che a questo punto si può presentare come vento impetuoso e come nube protettiva. Ed è l esperienza di questo straordinario vento dell Esodo di Israele dall Egitto, quando ha di fronte a se il mare, dietro le spalle l esercito aggressore del faraone e si rivolge verso il cielo e un vento impetuoso apre il mare, mentre mantiene la tenebra davanti agli occhi 7

8 dell esercito egiziano, apre il mare e seguendo questo frutto del vento di Dio, finalmente Israele attraversa il mare e arriva sull altra sponda. Dunque sono situazioni che l evangelista vuole sollecitare anche nel lettore, perché poi lo Spirito ritorna di nuovo ad agire all interno del popolo d Israele. La famosa visione di Ezechiele, della valle di ossa secche, aride, e che però, per il dono dello Spirito di Adonai, ritornano nella pienezza della vita (cfr. Ez 37,1ss). Un popolo che sembrava ormai sparito per sempre recupera, e le ossa diventano vivaci, piene di vita, e ritornano gli esseri umani nella loro dignità precedente, originaria. Quindi, poi c è lo Spirito che agisce nei grandi personaggi, prende possesso di Saul, prende possesso di Davide, come prima aveva preso possesso dei grandi Giudici d Israele. Uno Spirito che apre alla vita; dunque è uno Spirito che traccia di nuovo la strada verso la terra promessa, verso la patria perduta. Ma è anche lo Spirito che scende nella sua pienezza sul Profeta di Dio che, grazie allo Spirito, può preannunziare un tempo nuovo, un tempo che noi chiamiamo escatologico, un tempo che chiamiamo messianico, un tempo in cui vengono eliminati tutti i mali, perché possa affermarsi soltanto il bene, la libertà, e la pace. «Lo Spirito di Dio è sopra di me mi ha inviato...», lo sapete tutti il testo che poi viene ripreso anche da Luca e attribuito a Gesù. Ma l opera è qualche cosa di più, non è soltanto il vento che spazza via tutte le difficoltà, ma è anche un ombra protettiva, ha protetto anche Israele quando aveva l esercito dietro le spalle è un ombra che protegge l inviolabilità dell Arca del Signore, l Arca dell alleanza, l Arca che custodisce le due tavole della legge, custodisce la manna, custodisce il bastone fiorito di Aronne, con tutti i riferimenti simbolici che ci sono dietro questi tre elementi della natura, o della natura della grazia, e possiamo metterli insieme. Dunque l ombra, un ombra protettiva, un ombra talmente inviolabile che quando Mosè, nel quarantesimo capitolo del Libro dell Esodo, può mettersi finalmente di fronte alla completezza della costruzione dell Arca, prende a tal punto possesso dell Arca, dice il testo, che neppure Mosè che era il più santo di tutti gli esseri umani, poté violare quell ombra protettiva, stesa sull Arca dell alleanza di Dio con Israele. È un fenomeno che poi rivivrà Salomone, alla dedicazione del suo grande misteriosissimo tempio, ma che, nell interpretazione dei Padri, è l ombra protettiva della verginità feconda di Maria. Tutta una serie, dunque, di riferimenti che Luca ci lascia intravedere, ci suggerisce; è come se avesse appena appena aperta una fessura alla porta e ci abbia permesso di intravedere cosa succede nella casa o nella stanza. E rispose l angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell Altissimo ti coprirà con la sua ombra» (Lc 1,35). Ma che cosa significa questo? 8

9 Significa che tutto ciò che nascerà da te sarà Santo. E santo significa santificato, santificante, ma santamente sperimentato. Questo aggettivo, santo, non è secondo gli esegeti da prendere alla leggera, perché siccome Santo è soltanto Dio, ciò che si è verificato in Maria appartiene unicamente a Dio. E questo comporta che Colui che è stato concepito santamente da te, non può essere altro che Figlio di Dio. E così abbiamo la rivelazione progressiva, in Maria, del mistero della persona stessa di Gesù, Cristo, Figlio di Davide, Figlio di Dio. Prosegue il testo e adesso ti voglio dare una prova, un segno, il segno che anche Elisabetta, tua parente, ha concepito un figlio nella sua vecchiaia. E ritorna all origine, ritorna alla storia di Abramo, ritorna alla Onnipotenza di Dio, che sa rendere possibile l impossibile. E l impossibile in questo caso è il concepimento di un Figlio da parte di una ragazza vergine, che è assolutamente inconcepibile agli uomini, impossibile perfino da pensare agli uomini, tantomeno da realizzare, ma non è impossibile a Dio. È questo ciò che permette a Maria di aderire totalmente alle parole dell angelo, perché rievoca la storia di Abramo e di Sara. Rievoca anche quel sorriso più o meno sarcastico di Sara, di fronte alla parola dell angelo: ma si, con la mia vecchiaia posso avere un figlio. È il rimprovero dell angelo: perché hai sorriso? Non sai che tutto è possibile a Dio? È proprio questo riferimento ad Abramo che permette a Maria di aderire adesso, totalmente, non soltanto al concepimento del Figlio, ma a tutte le conseguenze della elezione che era stata fatta di lei da parte di Dio. Dunque di ritrovarsi nella condizione del servo, di quel servo di cui parla il Profeta Isaia, che è il servo sofferente che viene caricato di tutti i peccati, perché possa Dio, attraverso di Lui, spazzarli via dal mondo: Ecco l Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo. In questo senso qui Maria adesso realizza fino in fondo il suo essere profezia di Cristo, perché la definizione: «Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo», verrà da Giovanni Battista, con riferimento a Gesù. Ma qui Luca lo lascia preannunziare al femminile, è una voluta femminilizzazione, se vogliamo, della profezia. Ecco la serva del Signore, sono disposta a compiere la sua Parola. La profezia sta tutta in questa possibilità di mettere accanto alla conclusione che ne trae Maria, la preghiera di Gesù al Getsemani, che dopo aver vissuto fino in fondo tutta l angoscia di una vita che adesso vedeva concludersi nella violenza della crocefissione, della passione e della morte, si affida alla volontà del Padre: «Fiat voluntas tua!». Un inizio di «fiat voluntas tua» che poi, nel caso specifico di Gesù, si completa nel «Consummatum est» (Gv 19,30) del Calvario, in quel grido: «Dio mio, Dio mio, mi hai abbandonato, Dio mio resti tu!». E in questo «Dio mio resti tu», vediamo la 9

10 realizzazione della profezia contenuta in Maria, «sono la serva del Signore, accada di me secondo la tua Parola». E adesso l angelo può partire, ma l angelo può partire perché avendo toccato il fondo della sua sottomissione totale a Dio, o meglio il suo abbandono totale a Dio, ha condiviso profeticamente con il Figlio, la sua Passione, la sua morte e la sua sepoltura, e adesso può condividere anche la sua resurrezione. È la pagina che viene immediatamente dopo, che non per nulla ha inizio con un participio bellissimo, che purtroppo nella versione italiana non viene neppure considerato: VAnasta/sa de. Maria.m (anastasa de Mariàm), «Essendosi alzata poi Maria» (Lc 1,39). Anastasis, l icona della anastasis, la discesa agli inferi per il ritorno. Quindi risuscitata poi Maria, corse a portare la bella notizia di ciò che lei aveva ricevuto nella casa di Giuda, nella casa di Elisabetta. Dunque, riprendete in mano questo testo, cercate di mettere insieme l intuizione originaria della ragazza piena di angoscia perché può essere lapidata davanti a tutti, con questa donna che ha compreso fino in fondo le conseguenze della sua elezione da parte di Dio, l accoglie, la fa sua, la vive fino in fondo e adesso, proprio perché l ha vissuta fino in fondo, «propter quod et Deus exaltavit illa» (proprio per questo, Dio la esaltò). Maria, tutto questo lo dirà, sempre nel Vangelo di Luca, proprio quando canterà il Magnificat. Ma non si può capire il Magnificat se prima non abbiamo avuto la pazienza, la delicatezza, l attenzione, di seguire questo itinerario di Maria, punto per punto, fino alla condivisione della croce, della sepoltura di suo Figlio, per poter poi arrivare a cantare il Magnificat: l anima mia dichiara grande il Signore! Perché? Perché ha guardato l umiliazione della sua serva, l umiliazione, è proprio per questa umiliazione tutte le genti mi diranno beata. Proprio come termina il capitolo 2 dei Filippesi, proprio perché si è sottomesso, si è fatto servo dei servi. Accettando la croce, la morte e la sepoltura, proprio per questo Dio lo ha esaltato e gli ha dato un nome che è al di sopra di ogni altro nome. Adesso riprendetelo in mano, fate i vostri confronti, prendete in mano anche i bellissimi versetti della preghiera di Gesù nel Getsemani, dove di nuovo, nel Vangelo di Luca, interviene l angelo Gabriele. Non è chiamato Gabriele, ma è chiamato l angelo fortificante, che è la stessa cosa. Con tutto il dramma interiore che ha vissuto Gesù di Nazareth, accostatelo a questo itinerario di Maria e vi accorgete che vi ritrovate dentro. Questa è la conclusione che vorrei trarre: vi ritrovate dentro, perché è la storia di ciascuno di noi, e letta con questi suggerimenti che ci vengono prestati dall evangelista Luca, non ha tanta distanza dall esperienza di Maria, che è l esperienza di Gesù e che è l esperienza che facciamo tutti noi. 10

11 Gesù è il centro, è preannunciato, qui c è un passaggio da «non essere» all «essere» e poi è anche sviluppato perché c è «già» il nostro «essere risuscitati con Lui», come Maria, e progrediamo verso la pienezza di questa nostra resurrezione. È «già» ed è «non ancora»! Dunque il dono che ha ricevuto Maria di essere eletta, c è un «non ancora», che noi capiamo meglio accostando Maria alla storia di Gesù. Poi c è anche tutto ciò che diventa «già e non ancora» in ciascuno di noi, perché nel momento in cui siamo nati, per il battesimo siamo «già», ma non avendo completato ancora la nostra vita siamo nel «non ancora». E ci ritroviamo all interno dello stesso progetto che Dio ha preannunciato a Maria, ha realizzato in Gesù e adesso continua a farcelo toccare con mano, a ciascuno di noi, fino alla fine della nostra vita, e alla fine dei tempi. Intervento di Madre Michela Volevo solo dire un pensiero sulla relazione di questa annunciazione, col testo di Luca e la prima lettura. Mi sono soffermata un po, non ho fatto una lectio molto approfondita, ma pensavo a questo simbolo, a questa figura della casa, nel rapporto tra Natan e Davide. In realtà Natan aveva capito bene e dice a Davide va, fa quanto è in cuor tuo, perché il Signore è con te. Poi nella notte il Signore interviene e abbiamo tutto il racconto del Signore. Manca, in questa pagina di domani, la risposta che dà Davide, che è molto bella e interessante. Mi soffermavo su che cosa intende dire Dio facendo il suo discorso a Natan, stavo pensando a quello che dice Dio: così dice il Signore, forse tu mi costruirai una casa perché io vi abiti, sono stato con te ti ho preso etc. e più avanti: fisserò un luogo per Israele mio popolo e ve lo pianterò perché vi abiti. Qui è interessante perché questo fissare un luogo, su questo mi sono soffermata, prima si parla di una casa, poi su fissare questo luogo, per piantarlo. Questo mi ha richiamato molto Siracide 24, quando la Sapienza dice, dopo di aver visto tutto, lei è stata creata dall inizio etc. e poi si fissa in un luogo, questo luogo è la casa di Giacobbe, questa discendenza di Davide possiamo dire. Da questo fissarsi in un luogo perché vi abiti, la prima considerazione è perché abbiamo bisogno di abitare in un luogo. Anche il discorso della casa, è bello sentirsi a casa dove uno abita, non solo perché ti accoglie, dove si manifestano le relazioni, dove c è una intimità. Ma poi ci dice perché vi abiti e non tremi più, perché nella casa non si trema, ci si sente al sicuro e i malfattori non lo opprimano come in passato. Nella casa ti darò riposo per tutti i tuoi nemici, il Signore ti annuncia che farà a te una casa. Quindi la casa come ambito del riposo da tutti i nemici, quindi riferivo tutti questi elementi di cui parla Dio, perché poi Davide dirà nella sua risposta, chi sono io? E veramente tu mi costruisci una casa, ma chi sono veramente io? Ecco la trepidazione anche di Maria, perché tu mi 11

12 hai condotto fino a qua, fino a costruirmi una casa, questo è ancora poca cosa al tuo cospetto Signore, perché tu hai parlato di una casa al tuo servo e questa è la legge dell uomo, o Signore. Che cosa potrà ancora dirti Davide? Tu conosci il tuo servo, tutto questo è molto bello. Perché anche per Davide sembra una cosa grande quando Natan poi riferisce questo. La risposta di Davide è molto importante per capire che parola ha detto Dio. Costruire una casa, un luogo dove si può non più temere i nemici e dove si trova il riposo, è una cosa bellissima, e dove poi viene data anche una discendenza; la casa vuol dire anche generazione. Noi diciamo che il si di Maria ha permesso, in certo qual modo, al Verbo di farsi la tenda. Ma nello stesso tempo era già il Verbo che faceva questa casa a Maria, che la difendeva dai nemici. Il Signore è con te, vuol dire che la proteggeva e che generava vita. Allora mi sembrava bello pensare proprio questo che l iniziativa è di Dio. In Giovanni Gesù dice, io vado a prepararvi la dimora, presso il Padre ci sono molte dimore etc. Che cosa vuol dire questo? Una relazione nuova che doveva passare attraverso la sua morte e resurrezione. Un altro elemento è quel che a noi sembra impossibile di una relazione viva, vivente, stabile con Dio, questo è il frutto della sua resurrezione. Questo fissarsi, in questo piccolo luogo, questo ventre di Maria, ci dice che siamo liberi da tutti i nemici, che abbiamo una salvezza, un rifugio. Questo inizio della tenda piantata dice già la vittoria, dice già la realizzazione del piano di Dio. Questo si di Maria, questo avvenga è proprio perché Dio prepara anche a noi una casa, perché Lui possa dimorare in noi e noi possiamo dimorare in Lui, perché questo avvenga, ci deve essere questo aspetto della fede che fa accadere questo. Senza questa partecipazione di fede, di fiducia, di apertura come Davide, non accade nulla potremmo dire. Da questo punto di vista anche noi siamo dentro a questa costruzione della casa del Signore proprio attraverso la nostra fede semplice. Che cosa è la nostra fede? Appunto fare accadere che Lui costruisca in noi la casa, fare accadere che il Verbo porti avanti il suo progetto di salvezza per tutti. Questo lo facciamo accadere anche noi, noi stiamo dentro a questa storia di salvezza. Questo inizio, questa fissazione della dimora avvenuta in Maria, questo inizio dell umanità nuova, che però ciascuno di noi è impegnato a portare avanti. Questo mi sembra molto bello perché il Signore sta costruendo questa grande tenda, casa, abitazione dell umanità, dimora di Dio con gli uomini, proprio attraverso il contributo di ogni persona, consapevoli o non consapevoli. Tanti possono dire si, anche con la gioia della loro stessa esistenza, pur non conoscendo questo si della vita. Mi sembra che è iniziata questa relazione di Dio con l uomo, ma deve essere portata a compimento anche attraverso questa missione della Chiesa che, come Maria, genera attraverso la sua fede. Non viviamo nella paura della morte, dei nemici, c è già, gustiamo il riposo. Quindi anche 12

13 questo è qualcosa che ci auguriamo, che il Natale diventi proprio questa dimora di Dio in noi, e di noi in Dio. 13

LITURGIA DELLA PAROLA

LITURGIA DELLA PAROLA LITURGIA DELLA PAROLA PRIMA LETTURA (2Sam 7,1-5.8-12.14.16) Il regno di Davide sarà saldo per sempre davanti al Signore. Dal secondo libro di Samuèle Il re Davide, quando si fu stabilito nella sua casa,

Dettagli

In Maria Dio viene ad abitare la terra e la ri-crea!

In Maria Dio viene ad abitare la terra e la ri-crea! IV dom. di avvento - B Immagine di Maria con l angelo In Maria Dio viene ad abitare la terra e la ri-crea! Lc 1,26-38 26 Nel sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea,

Dettagli

Lectio divina. Alla scuola di un Amore fuori misura. A cura di Vito Cassone Anno II/3 8 dicembre 2010 SOLENNITÀ DELL IMMACOLATA

Lectio divina. Alla scuola di un Amore fuori misura. A cura di Vito Cassone Anno II/3 8 dicembre 2010 SOLENNITÀ DELL IMMACOLATA Lectio divina Alla scuola di un Amore fuori misura A cura di Vito Cassone Anno II/3 8 dicembre 2010 SOLENNITÀ DELL IMMACOLATA Lectio Divina 8 DICEMBRE IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA B.V. MARIA Solennità LETTURE:

Dettagli

AVVENGA PER ME SECONDO LA TUA PAROLA Incontro diocesano dei catechisti

AVVENGA PER ME SECONDO LA TUA PAROLA Incontro diocesano dei catechisti AVVENGA PER ME SECONDO LA TUA PAROLA Incontro diocesano dei catechisti DOMENICA 18 NOVEMBRE 2018 - Seminario Giovanni XXIII In piedi Canto di inizio: Ave Maria Rit. Ave Maria, Ave. Ave Maria, Ave. Donna

Dettagli

IN ATTESA DEL S.NATALE ORATORIO SAN LUIGI ALBAIRATE

IN ATTESA DEL S.NATALE ORATORIO SAN LUIGI ALBAIRATE IN ATTESA DEL S.NATALE ORATORIO SAN LUIGI ALBAIRATE Lunedì 16 Dicembre C - T - T - Nel nome del Padre Amen! Gloria al Padre, al Figlio ed allo Spirito Santo, come era nel principio e ora e sempre nei

Dettagli

PRIMO MISTERO GAUDIOSO: L ANNUNCIAZIONE

PRIMO MISTERO GAUDIOSO: L ANNUNCIAZIONE Il Santo Rosario PRIMO MISTERO GAUDIOSO: L ANNUNCIAZIONE NEL SESTO MESE, L ANGELO GABRIELE FU MANDATO DA DIO IN UNA CITTÀ DELLA GALILEA, CHIAMATA NÀZARET, A UNA VERGINE, PROMESSA SPOSA DI UN UOMO DELLA

Dettagli

Parrocchia S. Maria di Bacezza. 4^ lectio di VENNE AD ABITARE IN MEZZO A NOI. Il Signore farà a te una casa

Parrocchia S. Maria di Bacezza. 4^ lectio di VENNE AD ABITARE IN MEZZO A NOI. Il Signore farà a te una casa Parrocchia S. Maria di Bacezza 4^ lectio di VENNE AD ABITARE IN MEZZO A NOI Il Signore farà a te una casa 2017 Nel nome del Padre. Canto ADORO TE Sei qui davanti a me, o mio Signore, sei in questa brezza

Dettagli

L ANNUNCIO A MARIA Chiesa Evangelica Battista di Sarzana

L ANNUNCIO A MARIA Chiesa Evangelica Battista di Sarzana L ANNUNCIO A MARIA 06.12.2016 Chiesa Evangelica Battista di Sarzana LUCA 1: 26 Al sesto mese, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città di Galilea, chiamata Nazaret, 27 a una vergine fidanzata a

Dettagli

28 NOVEMBRE 2014 VEGLIA DEI GIOVANI CON IL VESCOVO PER L'AVVENTO. Il mio nome, i miei nomi, nel tuo nome

28 NOVEMBRE 2014 VEGLIA DEI GIOVANI CON IL VESCOVO PER L'AVVENTO. Il mio nome, i miei nomi, nel tuo nome 28 NOVEMBRE 2014 VEGLIA DEI GIOVANI CON IL VESCOVO PER L'AVVENTO Il mio nome, i miei nomi, nel tuo nome CANTO DI INIZIO Nel mare del silenzio una voce s'alzò da una notte senza confini una luce brillò

Dettagli

IL RE DAVIDE E LA PROMESSA 2 SAM.2-7

IL RE DAVIDE E LA PROMESSA 2 SAM.2-7 IL RE DAVIDE E LA PROMESSA MESSIANICA 2 SAM.2-7 INIZIO DELLA MONARCHIA DAVIDICA:capp.2-6 2,1-7: Consacrazione di Davide, come re, a Ebron e messaggio distensivo a Iabes, per la sepoltura di Saul 2,8-3,2:

Dettagli

Domenica 18 dicembre 2011 IV di AVVENTO Dal vangelo secondo Luca (Lc 1,26-38)

Domenica 18 dicembre 2011 IV di AVVENTO Dal vangelo secondo Luca (Lc 1,26-38) RIVOLI Parrocchie nella città San Bartolomeo, San Bernardo San Martino, Santa Maria della Stella Foglio settimanale di informazione n 147 Domenica 18 dicembre 2011 IV di AVVENTO Dal vangelo secondo Luca

Dettagli

Cinghiale e cristianesimo

Cinghiale e cristianesimo Cinghiale e cristianesimo Nelle puntate precedenti... Il cinghiale è il problema dell'uomo La religione si pone come soluzione a questo problema Ma: tra l'uomo e la/le divinità c'è una distanza incolmabile

Dettagli

L'ANNUNCIAZIONE A GIUSEPPE E MARIA I parte

L'ANNUNCIAZIONE A GIUSEPPE E MARIA I parte L'ANNUNCIAZIONE A GIUSEPPE E MARIA I parte GIUSEPPE Prima di narrare il racconto dell'annunciazione a Giuseppe l'evangelista Matteo ha narrato la lunga genealogia degli antenati di Gesù. Egli vuole sottolineare

Dettagli

Pregare il Rosario, è cogliere dal giardino del proprio cuore delle belle rose per offrirle a Maria. Questo opuscolo ha lo scopo di aiutare il

Pregare il Rosario, è cogliere dal giardino del proprio cuore delle belle rose per offrirle a Maria. Questo opuscolo ha lo scopo di aiutare il Pregare il Rosario, è cogliere dal giardino del proprio cuore delle belle rose per offrirle a Maria. Questo opuscolo ha lo scopo di aiutare il bambino a pregare il Rosario in famiglia. 36 1 Credo in un

Dettagli

Pregare il Rosario, è cogliere dal giardino del proprio cuore delle belle rose per offrirle a Maria. Questo opuscolo ha lo scopo di aiutare il

Pregare il Rosario, è cogliere dal giardino del proprio cuore delle belle rose per offrirle a Maria. Questo opuscolo ha lo scopo di aiutare il Pregare il Rosario, è cogliere dal giardino del proprio cuore delle belle rose per offrirle a Maria. Questo opuscolo ha lo scopo di aiutare il bambino a pregare il Rosario in famiglia. 36 1 Credo in un

Dettagli

ruolo importante nella storia della salvezza e una forte vicinanza a noi credenti.

ruolo importante nella storia della salvezza e una forte vicinanza a noi credenti. Luca 1 (26-38) 26 Al sesto mese, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città di Galilea, chiamata Nazaret, 27 a una vergine fidanzata a un uomo chiamato Giuseppe, della casa di Davide; e il nome della

Dettagli

SAN GIOVANNI XXIII, papa

SAN GIOVANNI XXIII, papa 11 ottobre SAN GIOVANNI XXIII, papa Dal Comune dei pastori: per un papa. COLLETTA Dio onnipotente ed eterno, che in san Giovanni, papa, hai fatto risplendere in tutto il mondo l immagine viva di Cristo,

Dettagli

Istituto Paritario Maria Ausiliatrice Scuola dell Infanzia AVVENTO 2015

Istituto Paritario Maria Ausiliatrice Scuola dell Infanzia AVVENTO 2015 AVVENTO 2015 Istituto Paritario Maria Ausiliatrice Scuola dell Infanzia Tel. 0332/291.711 fax 0332/291.707 email:infanzia@scuolamariausiliatrice.com website: www.scuolamariausiliatrice.com Quando venne

Dettagli

II DOMENICA DOPO NATALE

II DOMENICA DOPO NATALE II DOMENICA DOPO NATALE PRIMA LETTURA Dal libro del Siracide (24,1-4.12-16) La sapienza fa il proprio elogio, in Dio trova il proprio vanto, in mezzo al suo popolo proclama la sua gloria. Nell assemblea

Dettagli

LITURGIA DELLA PAROLA

LITURGIA DELLA PAROLA Rito romano Domenica 24 dicembre 2017 4.a Domenica di Avvento - B Il nodo della disobbedienza di Eva fu sciolto dall'obbedienza di Maria: ciò che la vergine Eva aveva legato con la sua incredulità, Maria

Dettagli

15 Novembre 2015 I Domenica di Avvento (Liturgia vigiliare vespertina) Anno C

15 Novembre 2015 I Domenica di Avvento (Liturgia vigiliare vespertina) Anno C 15 Novembre 2015 I Domenica di Avvento (Liturgia vigiliare vespertina) Anno C Lucernario Chi mi segue CD 541 Inno Responsorio Salmello Vedi Lezionario Vedi Lezionario Vedi Lezionario Ecco, viene la nostra

Dettagli

PARROCCHIA S.MARIA BACEZZA

PARROCCHIA S.MARIA BACEZZA PARROCCHIA S.MARIA BACEZZA Dio ci mette accanto delle persone che aiutano il nostro cammino di fede. Noi non troviamo la fede nell astratto. E sempre una persona che predica, che ci dice chi è Gesù, che

Dettagli

1.2 Annuncio a Maria (1,26-38)

1.2 Annuncio a Maria (1,26-38) 1.2 Annuncio a Maria (1,26-38) 26 Al sesto mese, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, 27 a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome

Dettagli

importanti della Settimana Santa e scoprire la risurrezione come vita nuova. -Conoscere il significato di alcuni simboli pasquali.

importanti della Settimana Santa e scoprire la risurrezione come vita nuova. -Conoscere il significato di alcuni simboli pasquali. CLASSI PRIME Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Scoprire nell ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre -Conoscere e farsi conoscere per

Dettagli

Come litanie pregare quelle lauretane.

Come litanie pregare quelle lauretane. Anno liturgico 2014-2015 Uomini e donne capaci di Eucarestia TEMPO di AVVENTO/4 QUARTA Settimana Il tempo di Avvento è il tempo liturgico mariano per eccellenza. Con Maria, primizia della Chiesa, guardiamo

Dettagli

Madre Anna Maria Cànopi IL SANTO ROSARIO. con le Icone dell Abbazia Mater Ecclesiae

Madre Anna Maria Cànopi IL SANTO ROSARIO. con le Icone dell Abbazia Mater Ecclesiae Madre Anna Maria Cànopi IL SANTO ROSARIO con le Icone dell Abbazia Mater Ecclesiae Madre Anna Maria Cànopi Madre Anna Maria Cànopi Il Santo Rosario con le Icone dell Abbazia Mater Ecclesiae 16 aprile

Dettagli

437) ROSARIO DEL PADRE

437) ROSARIO DEL PADRE 437) ROSARIO DEL PADRE Nel nome del Padre, e del Figlio e dello Spirito Santo. O Dio, vieni a salvarmi. Signore, vieni presto in mio aiuto. Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel

Dettagli

IL LIBRO DELL APOCALISSE LA CROCE DI CRISTO COME TRIONFO

IL LIBRO DELL APOCALISSE LA CROCE DI CRISTO COME TRIONFO IL LIBRO DELL APOCALISSE Nonostante non sia di facile comprensione ha fatto riflettere tutti noi sulla morte e risurrezione del Signore. Siamo invitati a volgere il nostro sguardo al Trono del Dio, là,

Dettagli

Pregare il Rosario, è cogliere dal giardino del proprio cuore delle belle rose per offrirle a Maria. Questo opuscolo ha lo scopo di aiutare il

Pregare il Rosario, è cogliere dal giardino del proprio cuore delle belle rose per offrirle a Maria. Questo opuscolo ha lo scopo di aiutare il Pregare il Rosario, è cogliere dal giardino del proprio cuore delle belle rose per offrirle a Maria. Questo opuscolo ha lo scopo di aiutare il bambino a pregare il Rosario in famiglia. 36 1 Credo in un

Dettagli

VI DOMENICA DI AVVENTO B

VI DOMENICA DI AVVENTO B VI DOMENICA DI AVVENTO B DOMENICA DELL INCARNAZIONE DIVINA MATERNITA DELLA BV MARIA Giulia e Mattia PREPARIAMO L ANGOLO DELLA BELLEZZA Poniamo nell angolo della Bellezza un semplice fiore di campo in un

Dettagli

DOMENICA 4^ DI AVVENTO - 18 dicembre 2011

DOMENICA 4^ DI AVVENTO - 18 dicembre 2011 DOMENICA 4^ DI AVVENTO - 18 dicembre 2011 Leonardo, Annunciazione, 1472-1475 circa, Galleria degli Uffizi, Firenze. Nel brano del Vangelo in cui Maria pone il suo Sì nelle mani del Signore, trova risposta

Dettagli

MISSIONARIO DEL MISTERO DI DIO

MISSIONARIO DEL MISTERO DI DIO ESERCIZI SPIRITUALI 2018 III MEDITAZIONE MISSIONARIO DEL MISTERO DI DIO CANTO ALLO SPIRITO Discendi Santo Spirito, le nostre menti illumina; del Ciel la grazia accordaci tu, Creator degli uomini. Chiamato

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO. Che cosa cercate? Domenica 12 Ottobre 2014

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO. Che cosa cercate? Domenica 12 Ottobre 2014 IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Che cosa cercate? Domenica 12 Ottobre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30 Introduzione

Dettagli

PARROCCHIA MARIA SS. ADDOLORATA OPERA DON GUANELLA BARI. «Cosa volete che io faccia per voi?» (10,35-45)

PARROCCHIA MARIA SS. ADDOLORATA OPERA DON GUANELLA BARI. «Cosa volete che io faccia per voi?» (10,35-45) PARROCCHIA MARIA SS. ADDOLORATA OPERA DON GUANELLA BARI «Cosa volete che io faccia per voi?» (10,35-45) Anno Pastorale 2015-2016 Strumenti per capire Dopo ogni annuncio della passione, morte e risurrezione,

Dettagli

La Chiamata di Dio e la risposta di Abramo Genesi 12,1-6

La Chiamata di Dio e la risposta di Abramo Genesi 12,1-6 La Chiamata di Dio e la risposta di Abramo Genesi 12,1-6 [1]Il Signore disse ad Abram:

Dettagli

Preghiera universale Venerdì santo

Preghiera universale Venerdì santo 1 Preghiera universale Venerdì santo Azione Liturgica 2 Fratelli e sorelle, in questo giorno in cui Cristo ha sofferto e dall alto della croce ha steso le sue braccia su tutto l universo preghiamo Dio

Dettagli

IN ATTESA DEL S.NATALE ORATORIO SAN LUIGI ALBAIRATE

IN ATTESA DEL S.NATALE ORATORIO SAN LUIGI ALBAIRATE IN ATTESA DEL S.NATALE ORATORIO SAN LUIGI ALBAIRATE Martedì 17 Dicembre C - T - T - Nel nome del Padre Amen! Gloria al Padre, al Figlio ed allo Spirito Santo, come era nel principio e ora e sempre nei

Dettagli

Lectio divina. Alla scuola di un Amore fuori misura. A cura di Vito Cassone Anno II/7 26 dicembre 2010 FESTA DELLA SACRA FAMIGLIA

Lectio divina. Alla scuola di un Amore fuori misura. A cura di Vito Cassone Anno II/7 26 dicembre 2010 FESTA DELLA SACRA FAMIGLIA Lectio divina Alla scuola di un Amore fuori misura A cura di Vito Cassone Anno II/7 26 dicembre 2010 FESTA DELLA SACRA FAMIGLIA Lectio Divina DOMENICA FRA L'OTTAVA DI NATALE SANTA FAMIGLIA DI GESÙ MARIA

Dettagli

5 gennaio Liturgia del giorno

5 gennaio Liturgia del giorno 5 gennaio 2014 - Liturgia del giorno Inviato da teresa Sunday 05 January 2014 Ultimo aggiornamento Sunday 05 January 2014 Parrocchia Immacolata Venosa Prima LetturaSir 24,1-4.12-16 (NV) [gr. 24,1-2.8-12]

Dettagli

Papa Francesco: lasciamoci abbracciare dalla misericordia di Dio

Papa Francesco: lasciamoci abbracciare dalla misericordia di Dio Papa Francesco: lasciamoci abbracciare dalla misericordia di Dio Questa è la porta del Signore... apritemi le porte della giustizia... per la tua grande misericordia entrerò nella tua casa, Signore. Con

Dettagli

L ANNUNCIO DI PASQUA Luca 24, 1-10

L ANNUNCIO DI PASQUA Luca 24, 1-10 L ANNUNCIO DI PASQUA Luca 24, 1-10 Arcabas - Chiesa della Risurrezione - Comunità Nazareth - Torre de Roveri (Bg) Buio e luce Di buon mattino.... Sul fondo della valle la notte lotta contro il giorno.

Dettagli

La Lode di Maria. Il canto del Magnificat Frate Alviero Niccacci ofm

La Lode di Maria. Il canto del Magnificat Frate Alviero Niccacci ofm Dal Sole di Fatima al Vento di Assisi ASSISI NEL VENTO Lode di Maria (vv. 46-47) L anima mia magnifica il Signore ha esultato il mio spirito in Dio mio salvatore a) Motivazione: esperienza personale, con

Dettagli

INSIEME PREGHIAMO INTORNO ALLA TAVOLA

INSIEME PREGHIAMO INTORNO ALLA TAVOLA 1 INSIEME PREGHIAMO INTORNO ALLA TAVOLA Tempo di Avvento 2 DICEMBRE 2018 I DOMENICA D AVVENTO Benedici, o Padre, la nostra mensa all inizio di questo tempo di avvento e fa che, illuminati dalla tua Parola,

Dettagli

BREVI RIFLESSIONI SULLA PASSIONE DI GESU' SECONDO L'EVANGELISTA LUCA

BREVI RIFLESSIONI SULLA PASSIONE DI GESU' SECONDO L'EVANGELISTA LUCA BREVI RIFLESSIONI SULLA PASSIONE DI GESU' SECONDO L'EVANGELISTA LUCA INTRODUZIONE Nei Vangeli Sinottici la passione viene predetta tre volte da Gesù, egli non si limita solo ad annunciarla ma ne indica

Dettagli

NELLA CASA DEL PANE...Dal grembo verginale della figlia di Sion è germinato colui che ci nutre con il pane degli angeli.

NELLA CASA DEL PANE...Dal grembo verginale della figlia di Sion è germinato colui che ci nutre con il pane degli angeli. NELLA CASA DEL PANE..Dal grembo verginale della figlia di Sion è germinato colui che ci nutre con il pane degli angeli. Quando venne la pienezza del tempo (Gal.4.4s.) Luca 2,1-20 Divisione del testo Sezione

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it. PRIMA LETTURA Tutti i confini della terra vedranno la salvezza del nostro Dio.

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it. PRIMA LETTURA Tutti i confini della terra vedranno la salvezza del nostro Dio. NATALE DEL SIGNORE Alla Messa del giorno PRIMA LETTURA Tutti i confini della terra vedranno la salvezza del nostro Dio. Dal libro del profeta Isaìa 52, 7-10 Come sono belli sui monti i piedi del messaggero

Dettagli

Lunedì - 31 Dicembre San Silvestro. Dal Vangelo secondo Giovanni (1,1-18) In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio. e il Verbo era Dio.

Lunedì - 31 Dicembre San Silvestro. Dal Vangelo secondo Giovanni (1,1-18) In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio. e il Verbo era Dio. Lunedì - 31 Dicembre San Silvestro. Dal Vangelo secondo Giovanni (1,1-18) In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio. Egli era, in principio, presso Dio: tutto è stato fatto

Dettagli

I sette doni dello Spirito Santo La nostra vita può essere paragonata ad una barca priva di motore e spinta a fatica a remi dai rematori, ma se si

I sette doni dello Spirito Santo La nostra vita può essere paragonata ad una barca priva di motore e spinta a fatica a remi dai rematori, ma se si I sette doni dello Spirito Santo La nostra vita può essere paragonata ad una barca priva di motore e spinta a fatica a remi dai rematori, ma se si aggiungono delle vele gonfiate dal vento, tutto diventa

Dettagli

NOVENA DI NATALE COMUNITA PASTORALE MADONNA ALLA ROVINATA LECCO GERMANEDO BELLEDO CALE OTTO IN CAMMINO CON GESU PER COMPRENDERE

NOVENA DI NATALE COMUNITA PASTORALE MADONNA ALLA ROVINATA LECCO GERMANEDO BELLEDO CALE OTTO IN CAMMINO CON GESU PER COMPRENDERE NOVENA DI NATALE COMUNITA PASTORALE MADONNA ALLA ROVINATA LECCO GERMANEDO BELLEDO CALE OTTO IN CAMMINO CON GESU PER COMPRENDERE LA SUA PRESENZA NELLA MESSA SCHEMA DI PREGHIERA TI ADORO. Ti adoro, mio Dio,

Dettagli

Ha lasciato un ricordo delle sue meraviglie: misericordioso e pietoso è il Signore. Mandò a liberare il suo popolo, stabilì la sua alleanza per sempre

Ha lasciato un ricordo delle sue meraviglie: misericordioso e pietoso è il Signore. Mandò a liberare il suo popolo, stabilì la sua alleanza per sempre lunedì 24 dicembre Novena di Natale - IV settimana del salterio Introduzione la preghiera O Dio vieni a salvarmi, Signore vieni presto in mio aiuto. Gloria al Padre al Figlio e allo Spirito Santo, a Dio

Dettagli

01/12/2010 Parrocchia "Maria Ss. Assunta" - Biccari

01/12/2010 Parrocchia Maria Ss. Assunta - Biccari 12 Mi voltai per vedere la voce che parlava con me, e appena voltato vidi sette candelabri d oro 13 e, in mezzo ai candelabri, uno simile a un Figlio d uomo, con un abito lungo fino ai piedi e cinto al

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA CELEBRAZIONE

INTRODUZIONE ALLA CELEBRAZIONE INTRODUZIONE ALLA CELEBRAZIONE Sorelle e fratelli, ci raduniamo in assemblea all inizio del nuovo anno che vogliamo porre sotto lo sguardo benedicente del Signore che nell incarnazione ha voluto condividere

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ MARIA E GIUSEPPE

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ MARIA E GIUSEPPE SANTA FAMIGLIA DI GESÙ MARIA E GIUSEPPE PRIMA LETTURA Dal libro della Genesi (15,1-6; 21,1-3) In quei giorni, fu rivolta ad Abram in visione questa parola del Signore: «Non temere, Abram. Io sono il tuo

Dettagli

XXVI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

XXVI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO XXVI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO PRIMA LETTURA Dal libro del profeta Ezechièle (18,25-28) Così dice il Signore «Voi dite: Non è retto il modo di agire del Signore. Ascolta dunque, casa d Israele: Non

Dettagli

Unità Pastorale S. Bernardetta e S. Giovanni Bono NOVENA DI NATALE

Unità Pastorale S. Bernardetta e S. Giovanni Bono NOVENA DI NATALE Unità Pastorale S. Bernardetta e S. Giovanni Bono NOVENA DI NATALE 17 dicembre: l Annunciazione Nel sesto mese, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine,

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL SIGNORE Festa

PRESENTAZIONE DEL SIGNORE Festa 2 FEBBRAIO PRESENTAZIONE DEL SIGNORE Festa Quando questa festa ricorre in domenica, si proclamano le tre letture qui indicate; se la festa ricorre in settimana, si sceglie come prima lettura una delle

Dettagli

Introduzione. Anno B 24 dicembre domenica di Avvento

Introduzione. Anno B 24 dicembre domenica di Avvento Anno B 24 dicembre 2017 4 domenica di Avvento ECCO CONCEPIRAI UN FIGLIO, E LO DARAI ALLA LUCE LA liturgia della Parola con la profezia messianica più importante di tutto l'antico Testamento. Riguarda la

Dettagli

Sia santificato il tuo nome

Sia santificato il tuo nome QUARESIMA 2019 S. E. MONS. GIOVANNI D ALISE VESCOVO DI CASERTA BIBLIOTECA DIOCESANA Sia santificato il tuo nome Giovedì 21 marzo 2019 ore 19.00 1 - Il termine santificare qui va inteso non in senso causativo.

Dettagli

Io sono con voi anno catechistico

Io sono con voi anno catechistico Io sono con voi 7a unità Pag. 9-10 * Ti chiamo per nome Pag. 111-112 * Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Pag. 11-12 * Il Signore Dio è Padre di tutti Pag. 113-114 * Ci accoglie una grande famiglia:

Dettagli

La grazia del Signore nostro Gesù Cristo, l amore di Dio Padre, e la comunione dello Spirito Santo siano con tutti voi.

La grazia del Signore nostro Gesù Cristo, l amore di Dio Padre, e la comunione dello Spirito Santo siano con tutti voi. IN CHIESA CELEBRAZIONE ESEQUIALE NELLA LITURGIA DELLA PAROLA RITI INIZIALI Canto d ingresso: L eterno riposo (G. Durighello) Se si celebra la Liturgia della Parola senza il Sacrificio eucaristico, dopo

Dettagli

Nascerà per noi un Bambino, sarà chiamato Dio Potente, e saranno in Lui benedette tutte le nazioni del mondo...

Nascerà per noi un Bambino, sarà chiamato Dio Potente, e saranno in Lui benedette tutte le nazioni del mondo... Signore Gesù, nato per noi, donaci di venire a te come Maria e Giuseppe con il cuore pieno di fede e di amore. 12 Nascerà per noi un Bambino, sarà chiamato Dio Potente, e saranno in Lui benedette tutte

Dettagli

3 Domenica del Tempo Ordinario - Anno C Lc 1,1-4;4,14-21

3 Domenica del Tempo Ordinario - Anno C Lc 1,1-4;4,14-21 3 Domenica del Tempo Ordinario - Anno C Lc 1,1-4;4,14-21 L'evangelista Luca non è stato il primo discepolo ad aver scritto su Gesù, ma è stato l unico ad iniziare il suo Vangelo con un introduzione dove

Dettagli

18/01/2014. IFTA Biccari

18/01/2014. IFTA Biccari La rivelazione dello Spirito Santo e della sua opera ha il suo vertice proprio nel Vangelo di Giovanni. Nel Vangelo di Giovanni Gesù e lo Spirito Santo sono rivelati in modo inscindibile. Il rapporto tra

Dettagli

QUARTA DOMENICA DI AVVENTO (ANNO C)

QUARTA DOMENICA DI AVVENTO (ANNO C) QUARTA DOMENICA DI AVVENTO (ANNO C) Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Viola Introduzione La quarta domenica di Avvento, per la sua vicinanza al Natale, ci invita a capire fino in fondo

Dettagli

Serie: Alberi di Giustizia. L uomo nato di Nuovo-2 1

Serie: Alberi di Giustizia. L uomo nato di Nuovo-2 1 Serie: Alberi di Giustizia L uomo nato di Nuovo-2 1 NATO DI SPIRITO 2 Gesù rispose: In verità, in verità ti dico, che chi non nasce di acqua e di Spirito non può entrare nel regno di Dio. Giovanni 3:5

Dettagli

3 DOMENICA DI PASQUA aprì loro la mente per comprendere le Scritture

3 DOMENICA DI PASQUA aprì loro la mente per comprendere le Scritture 3 DOMENICA DI PASQUA Nel capitolo 24 l evangelista Luca aveva sottolineato con molta attenzione la paura delle donne e lo scetticismo degli undici di fronte all annuncio della resurrezione di Gesù. Per

Dettagli

La Famiglia Maschio e Femmina (II)

La Famiglia Maschio e Femmina (II) PAPA FRANCESCO UDIENZA GENERALE Piazza San Pietro Mercoledì, 22 aprile 2015 [Multimedia] La Famiglia - 11. Maschio e Femmina (II) Cari fratelli e sorelle, nella precedente catechesi sulla famiglia, mi

Dettagli

IL MISTERO DELLA NASCITA

IL MISTERO DELLA NASCITA IL MISTERO DELLA NASCITA Nell umiltà dell infanzia: nel mondo Dio si affaccia come un bambino avvolto in fasce (Lc 2,12) non come condottiero Nella povertà delle condizioni: c è un altra ricchezza da cercare.

Dettagli

La S. MESSA (In rosso ci sono le risposte dell Assemblea)

La S. MESSA (In rosso ci sono le risposte dell Assemblea) RITI DI INTRODUZIONE CANTO D'INGRESSO La S. MESSA (In rosso ci sono le risposte dell Assemblea) Nel nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo. La grazia del Signore nostro Gesù Cristo, l'amore di

Dettagli

Dagli OSA agli OBIETTIVI FORMATIVI RELIGIONE CATTOLICA CLASSE I

Dagli OSA agli OBIETTIVI FORMATIVI RELIGIONE CATTOLICA CLASSE I CLASSE I Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. Gesù di Nazaret, l Emmanuele Dio con noi. La Chiesa, comunità dei cristiani aperta a tutti i popoli. 1) Scoprire nell ambiente i segni che richiamano

Dettagli

PREGHIERA. (a cori alterni) Canto: È bello andar

PREGHIERA. (a cori alterni) Canto: È bello andar PREGHIERA (a cori alterni) Canto: È bello andar PAROLA DI DIO Genesi 1, 1-25 1In principio Dio creò il cielo e la terra. 2Ora la terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l'abisso e lo spirito

Dettagli

Nel nome del Padre. Gloria al Padre, al Figlio ed allo Spirito Santo, come era nel principio e ora e sempre nei secoli dei secoli.

Nel nome del Padre. Gloria al Padre, al Figlio ed allo Spirito Santo, come era nel principio e ora e sempre nei secoli dei secoli. C - T - Nel nome del Padre Amen T - Gloria al Padre, al Figlio ed allo Spirito Santo, come era nel principio e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Ti aspettiamo, Signore Gesù! Attendiamo con pazienza

Dettagli

Domenica 17 Dicembre 2017 III di Avvento

Domenica 17 Dicembre 2017 III di Avvento Domenica 17 Dicembre 2017 III di Avvento Dal Vangelo secondo Giovanni (1,6-8.19-28) Venne un uomo mandato da Dio: il suo nome era Giovanni. Egli venne come testimone per dare testimonianza alla luce, perché

Dettagli

INTRODUZIONE. Questi aspetti attraversano tutta la storia di Abramo nel passaggio scelto per la nostra giornata (Gen.12 a Gen. 22).

INTRODUZIONE. Questi aspetti attraversano tutta la storia di Abramo nel passaggio scelto per la nostra giornata (Gen.12 a Gen. 22). RITIRO SPIRITUALE N 2-2018 1 "Lascia il tuo paese, il tuo popolo e la casa dei tuoi genitori e vai alla terra che ti mostrerò. Sto per fare una grande nazione, ti benedirò, farò grande il tuo nome e sarai

Dettagli

APPRENDIMENTO. Scoprire Dio Creatore e Padre. Cogliere, anche nella liturgia, alcuni segni cristiani del Natale e della Pasqua.

APPRENDIMENTO. Scoprire Dio Creatore e Padre. Cogliere, anche nella liturgia, alcuni segni cristiani del Natale e della Pasqua. CLASSE: PRIMA -Saper riconoscere Dio come Creatore e Padre degli uomini. Scoprire Dio Creatore e Padre. -Il Creato e/o rappresentazioni iconiche di vario tipo e/o scritti (in primo luogo la Bibbia) che

Dettagli

CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA (Via Cisa n. 5-1^ traversa Sarzana) Domenica 18 settembre 2011 LITURGIA. del.

CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA (Via Cisa n. 5-1^ traversa Sarzana) Domenica 18 settembre 2011 LITURGIA. del. CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA (Via Cisa n. 5-1^ traversa Sarzana) Domenica 18 settembre 2011 LITURGIA del culto battesimale Benedizione finale e AMEN cantato Attività della chiesa a martedì alterni

Dettagli

Composizione del vangelo di Luca

Composizione del vangelo di Luca Composizione del vangelo di Luca R. Meynet, Il vangelo secondo Luca, ReBib 7, EDB, Bologna 2003., L Évangile de Luc, RhSem 1, Lethielleux, Paris 2005. Sezione A Sezione B Sezione C Sezione D 4 x 2 8 8

Dettagli

Omelia di Pentecoste. 8 giugno Tutti furono colmati di Spirito Santo (At 2, 4).

Omelia di Pentecoste. 8 giugno Tutti furono colmati di Spirito Santo (At 2, 4). Omelia di Pentecoste 8 giugno 2014 Tutti furono colmati di Spirito Santo (At 2, 4). Parlando agli Apostoli nell Ultima Cena, Gesù disse che, dopo la sua partenza da questo mondo, avrebbe inviato loro il

Dettagli

è squarciata dallo splendore della Risurrezione, che il canto festoso

è squarciata dallo splendore della Risurrezione, che il canto festoso CRISTO HA VINTO LA MORTE. Nella Celebrazione della Veglia pasquale, con tutti i suoi riti e gesti: la liturgia della luce con l accensione del Cero pasquale, simbolo di Cristo-Luce, la Parola di Dio che

Dettagli

XVII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

XVII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO XVII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO PRIMA LETTURA Non si adiri il mio Signore, se parlo. Dal libro della Gènesi Gn 18, 20-32 In quei giorni, disse il Signore: «Il grido di Sòdoma e Gomorra è troppo grande

Dettagli

Così dice il Signore:

Così dice il Signore: 2 giugno ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA CHIESA CATTEDRALE SOLENNITÀ IN CATTEDRALE FESTA IN DIOCESI Le letture seguenti sono indicative e possono essere sostituite da altre, scelte dal Comune della

Dettagli

COMMEMORAZIONE DI TUTTI I DEFUNTI

COMMEMORAZIONE DI TUTTI I DEFUNTI COMMEMORAZIONE DI TUTTI I DEFUNTI PRIMA MESSA SALUTO Il Dio della speranza vi doni ogni gioia e pace nella fede, e il Signore sia sempre con voi. MONIZIONE INIZIALE Nella comunione che in Cristo risorto

Dettagli

Il servizio della Chiesa per compiere il Proposito di Dio

Il servizio della Chiesa per compiere il Proposito di Dio Il servizio della Chiesa per compiere il Proposito di Dio ed Egli stesso fece alcuni apostoli; altri, profeti, ad altri ancora, evangelisti; altri, pastori e maestro al fine di perfezionare i santi per

Dettagli

GIORNATA DEL PADRE NOSTRO 26 GENNAIO La famiglia in cammino verso il Padre

GIORNATA DEL PADRE NOSTRO 26 GENNAIO La famiglia in cammino verso il Padre GIORNATA DEL PADRE NOSTRO 26 GENNAIO 2015 La famiglia in cammino verso il Padre CONSEGNA DELLA PREGHIERA DEL SIGNORE CANTO INTRODUTTIVO In spirito e verità celebriamo il mistero della salvezza. Cristo

Dettagli

10 dicembre BEATA VERGINE MARIA DI LORETO In Cattedrale: festa In Diocesi: memoria

10 dicembre BEATA VERGINE MARIA DI LORETO In Cattedrale: festa In Diocesi: memoria 10 dicembre BEATA VERGINE MARIA DI LORETO In Cattedrale: festa In Diocesi: memoria Questa celebrazione mariana si ricollega alla tradizione secondo la quale il sacello venerato a Loreto, è la casa di Nazareth

Dettagli

il commento di p. Maggi al vangelo di natale

il commento di p. Maggi al vangelo di natale il commento di p. Maggi al vangelo di natale IL VERBO SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZO A NOI commento al vangelo del giorno di natale (25 dicembre 2016) di p. Alberto Maggi: Gv 1,1-18 In principio

Dettagli

2 Timoteo 2: 2 Siamo capaci

2 Timoteo 2: 2 Siamo capaci 2 Timoteo 2: 2 Siamo capaci Spesso la riunione della domenica ci dice il Cosa, ma non il Come, quindi spesso ci si sente impotenti di cambiare e frustrati e alcuni per tali motivi si allontanano dalla

Dettagli

NON ABBIATE PAURA DI RIPRENDERE LA CORONA IN MANO.

NON ABBIATE PAURA DI RIPRENDERE LA CORONA IN MANO. PARROCCHIA SANTA MARIA ASSUNTA IN CIELO CHIESA MADONNA DEL ROSARIO VILLA SANTO STEFANO LOCALITA MACCHIONE NON ABBIATE PAURA DI RIPRENDERE LA CORONA IN MANO. GIOVANNI PAOLO II SACERDOTE: Nel nome del Padre

Dettagli

1 Amo il Signore, perché ascolta il grido della mia preghiera. nel giorno in cui lo invocavo.

1 Amo il Signore, perché ascolta il grido della mia preghiera. nel giorno in cui lo invocavo. SALMO 116 (CEI 2008) 1 Amo il Signore, perché ascolta il grido della mia preghiera. 2 Verso di me ha teso l'orecchio nel giorno in cui lo invocavo. 3 Mi stringevano funi di morte, ero preso nei lacci degli

Dettagli

IO MI CHIAMO QUESTO SONO IO:

IO MI CHIAMO QUESTO SONO IO: IO MI CHIAMO QUESTO SONO IO: HO ANNI MI PREPARO A RICEVERE UN DONO GRANDE: 1 VOGLIO CONOSCERE GESÚ PER QUESTO VOGLIO CAMMINARE CON LUI 2 PARLIAMO DI DIO DIO È IL PAPÁ DI GESÚ, LUI CI HA DONATO TUTTO QUELLO

Dettagli

Papa Francesco. con. Marco Pozza. Ave Maria

Papa Francesco. con. Marco Pozza. Ave Maria Papa Francesco con Marco Pozza Ave Maria Pubblicato per da Mondadori Libri S.p.A. Proprietà letteraria riservata 2018 Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2018 Mondadori Libri S.p.A., Milano

Dettagli

La Santa Sede VISITA PASTORALE ALLA DIOCESI DI LIVORNO SANTA MESSA PER I LIVORNESI OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Livorno, 19 marzo 1982

La Santa Sede VISITA PASTORALE ALLA DIOCESI DI LIVORNO SANTA MESSA PER I LIVORNESI OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Livorno, 19 marzo 1982 La Santa Sede VISITA PASTORALE ALLA DIOCESI DI LIVORNO SANTA MESSA PER I LIVORNESI OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Livorno, 19 marzo 1982 Cari fratelli e sorelle! 1. Sono qui oggi, insieme con voi per venerare

Dettagli

IO, TE, NOI INSIEME Laboratorio di insegnamento delle religione cattolica (IRC)

IO, TE, NOI INSIEME Laboratorio di insegnamento delle religione cattolica (IRC) IO, TE, NOI INSIEME Laboratorio di insegnamento delle religione cattolica (IRC) Le attività d Insegnamento della Religione Cattolica, assieme alle varie proposte educative della scuola, contribuiscono

Dettagli

il commento di p. Maggi al vangelo della domenica

il commento di p. Maggi al vangelo della domenica il commento di p. Maggi al vangelo della domenica LA MIA CARNE E VERO CIBO E IL MIO SANGUE VERA BEVANDA commento al vangelo della domenica del corpus domini 18 giugno 2017) di p. Alberto Maggi : Gv 6,51-58

Dettagli

Canto iniziale: DALL AURORA AL TRAMONTO

Canto iniziale: DALL AURORA AL TRAMONTO 2 Entrando in Chiesa i giovani trovano la Parola di Dio già intronizzata, luci soffuse, musica di sottofondo, immagini videoproiettate, silenzio di preparazione. Canto iniziale: DALL AURORA AL TRAMONTO

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CLASSI TRIENNIO. Obiettivi di apprendimento Conoscenze Abilità. Fare non è creare.

CURRICOLO DI RELIGIONE CLASSI TRIENNIO. Obiettivi di apprendimento Conoscenze Abilità. Fare non è creare. CURRICOLO DI RELIGIONE CLASSI TRIENNIO Traguardi di competenze Obiettivi di apprendimento Conoscenze Abilità Riflette su Dio Creatore e Padre Riconoscere che per la religione cristiana Dio è creatore e

Dettagli

4 A SETTIMANA ADORARE IL CORPO TU NON HAI VOLUTO NÉ SACRIFICI, NÉ OFFERTE, UN CORPO INVECE MI HAI PREPARATO (LETTERA DI S.

4 A SETTIMANA ADORARE IL CORPO TU NON HAI VOLUTO NÉ SACRIFICI, NÉ OFFERTE, UN CORPO INVECE MI HAI PREPARATO (LETTERA DI S. 4 A SETTIMANA ADORARE IL CORPO TU NON HAI VOLUTO NÉ SACRIFICI, NÉ OFFERTE, UN CORPO INVECE MI HAI PREPARATO (LETTERA DI S. PAOLO AGLI EBREI) 2012 Nel nome del Padre LODI ALL'ALTISSIMO Tu sei Santo Signore

Dettagli

Il rosario dei bambini

Il rosario dei bambini MINISTRANTI O.K. Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano (LE) Il rosario dei bambini Si inizia la recita del Santo Rosario con il segno di Croce: Nel nome del Padre, del figlio dello Spirito Santo.

Dettagli