L indebito utilizzo del nome a mezzo internet: profili di tutela

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L indebito utilizzo del nome a mezzo internet: profili di tutela"

Transcript

1 L indebito utilizzo del nome a mezzo internet: profili di tutela SOMMARIO: 1. Premessa. 2. La tutela giurisdizionale dell indebito utilizzo del cognome. 3. I presupposti per l esperibilità della tutela ed il danno risarcibile. 4. L individuazione del giudice competente. 1.Tra i diritti della personalità, con cui in generale si indicano tutti quei diritti dell uomo, ritenuti fondamentali, che tutelano la persona nei suoi valori essenziali, rientra il diritto all identità personale. Si tratta di un diritto elaborato dalla dottrina per tutelare il bene-valore rappresentato dalla proiezione sociale della personalità dell individuo, cui corrisponde l interesse di questi ad essere rappresentato nella comunità in cui vive secondo quella che è la sua vera identità intellettuale, ideologica, etica e professionale. Tale interesse è destinato a specificarsi nei diversi diritti che identificano il soggetto nel nostro ordinamento quali il diritto all immagine, all onore, alla reputazione, alla riservatezza. Ma il diritto che meglio rappresenta il concetto di identità sociale come strumento di identificazione sociale è il diritto al nome. Il nome è il mezzo con cui ogni persona viene identificata, è il segno che permette al soggetto di riferire a sé qualità personali e vicende della vita umana, e consiste nel diritto del soggetto all uso esclusivo dell appellativo che lo identifica socialmente 1. Lo stesso codice civile all art. 6 afferma che Ogni persona ha diritto al nome che le è per legge attribuito, sancendo così in modo inconfutabile il diritto all identità. Si tratta di un diritto personalissimo di pertinenza esclusiva della persona che ne è titolare, ed assoluto in quanto può essere fatto valere erga omnes. La norma precisa, altresì, che nel nome si comprendono il prenome ed il cognome. 1 In dottrina V. DOGLIOTTI, Le persone fisiche, in Trat. Rescigno, II, Torino, 1982, p. 107; ID., Identità personale, onore, reputazione e diritto al nome, in Dir. inf., 1985, p. 579 ss.; BUCCIANTE, Sul diritto alla tutela del nome, in Giust. civ., 1960, p. 593; RABITTI BEDOGNI, Sulla nozione di pregiudizio nella tutela del nome civile, in Giust. civ., 1986, p. 570; FACCI, Il risarcimento del danno per violazione dei diritti della personalità, al di fuori della privacy, in Resp. civ. prev., 2000, p ss.; CARFI, Nome (diritto al), in Il diritto Enc. giur., Milano, 2007, X, p. 15 ss.; MACIONE, Profili del diritto al nome civile e commerciale, Padova, 1984; DE SANNA, In tema di diritto al nome, in Resp. civ., 1996, p. 276 ss.; MOLLE, Sulla risarcibilità del danno da lesione del diritto al nome, in Dir. inf., 1990, p. 125 ss.; BONAMORE, Il diritto al nome, patrimonio irretrattabile della persona umana e segno distintivo della personalità, in Giust. civ., 1994, p ss.; ARICÒ, Diritto al nome e diritto all immagine: contenuto e rapporti, in N. dir., 1995, p. 763; GRASSANO, Il diritto al nome come diritto della personalità costituzionalmente garantito, in Stato civ. it., 1996, p. 7 ss.; PANOZZO, Il diritto al norme tra opinioni dottrinali e orientamenti giurisprudenziali, in Stato civ. it., 1999, p. 406 ss.; FESTA, La Corte costituzionale conferma l annoverabilità del diritto al nome fra i diritti inviolabili della persona, in Dir. fam., 2002, p. 13 ss.; RAPARELLI, Alcune riflessioni sul fondamento giuridico del diritto al nome, in Foro it., 2002, c. 647 ss.; ZIINO, Diritto della persona e diritto al (pre)nome Riferimenti storico letterari e considerazioni giuridiche, in Giust. civ., 2004, p. 355 ss.; PERON, Il diritto al nome, il consenso al suo sfruttamento ed i danni risarcibili, in Riv. dir. ind., 2006, p. 360 ss. 3

2 Nel presente lavoro ci prefiggiamo di affrontare brevemente alcuni profili della tutela del suddetto diritto nell ipotesi di indebito utilizzo del nome della persona come nome di dominio di un sito internet. Si pensi, ad esempio, all ipotesi in cui un sito web utilizzi indebitamente non solo il nome della famiglia Bianchi ma addirittura lo stemma gentilizio della famiglia medesima. In particolare, in relazione ad entrambe tali problematiche, si valuterà il tipo di tutela giurisdizionale che può invocare la famiglia Bianchi nonché la risarcibilità del danno dalla stessa patito. Verranno svolte, inoltre, alcune brevi considerazioni in relazione all individuazione del giudice competente posto che l illecito è stato commesso su internet. 2. Il diritto al nome è tutelato dall art. 7 c.c. che così testualmente recita : La persona, alla quale si contesti il diritto all uso del proprio nome o che possa risentire pregiudizio dall uso che altri indebitamente ne faccia, può chiedere giudizialmente la cessazione del fatto lesivo, salvo il risarcimento del danno. In particolare la norma individua due tipi di azione a tutela dell indebito utilizzo del nome: l azione di reclamo e l azione di usurpazione. La prima azione è utilizzata contro chi contesta od impedisce l uso del nome cui il soggetto ha diritto, oppure identifichi la persona con un nome diverso dal suo. Mentre la seconda è utilizzata per proteggere l esclusività del nome della persona, contro chi usi indebitamente il nome altrui. Sia l azione di reclamo che quella di usurpazione tutelano il diritto al nome con la cessazione del fatto lesivo, il risarcimento dei danni e la pubblicazione della sentenza su uno o più giornali, quando ciò possa concorrere ad eliminare il pregiudizio subito. Tornando alla fattispecie concreta presa in esame, sia l indebito utilizzo del nome che dello stemma di famiglia possono trovare tutela nell art. 7 c.c. In particolare, per quanto attiene al profilo relativo al nome, la disposizione summenzionata richiama espressamente il diritto al nome come oggetto di tutela. Mentre in relazione allo stemma gentilizio è possibile applicare analogicamente la disciplina prevista per la tutela del nome, ed in generale dei segni distintivi della persona, prevista dagli artt. 6 9 c.c. È, infatti, pacifica l estensione della tutela prevista dalle norme sul nome 2 alle vicende relative agli stemmi nobiliari (e anche ai c.d. predicati nobiliari ). Si ritiene, cioè, che lo stemma, essendo un elemento fortemente identificativo dell individuo come appartenente ad una determinata stirpe, si affianchi al cognome nella funzione identificativa della persona e, in caso di omonimia, contribuisca a precisare l appartenenza di quella medesima persona ad una determinata famiglia. 2 In questo senso V. Cass. civ., sez. I, 7 novembre 1997, n , in Giust. civ. Mass., 1997, p. 2097; Cass. civ., sez. I, 7 marzo 1991, n. 2426, in Giust. civ. Mass., 1991, fasc. 3. È interessante in proposito la pronuncia del Trib. di Milano, 9 novembre 1992, in Giur. it., 1993, p. 747 ss. che ha affermato che la tutela del diritto al nome si estende anche a proteggere la simbologia (bandiere, stemmi, colori, costumi) delle contrade di Siena e della loro partecipazione al Palio. 4

3 Il danno provocato dall utilizzo illegittimo dello stemma da parte di un soggetto che non ne sia il legittimo titolare è rappresentato dalla confusione familiare (anche solo potenziale 3 ). Rappresenta, cioè, un pregiudizio per chi appartiene ad una determinata famiglia la circostanza che, per effetto dell usurpazione dello stemma, si crei nella società una falsa opinione sull appartenenza alla stessa famiglia di un soggetto del tutto estraneo ad essa. Orbene, come è stato più sopra evidenziato, la tutela del diritto al nome si manifesta in una duplice forma, seconda quanto previsto dall art. 7: la persona alla quale si contesti il diritto all uso del proprio nome o che possa risentire pregiudizio dall uso che altri indebitamente ne faccia, può chiedere giudizialmente la cessazione del fatto lesivo, salvo il risarcimento del danno. Pertanto, nel caso di specie, il soggetto danneggiato dall usurpazione (i.e. utilizzo indebito) del nome e dello stemma, ai sensi dell art. 7 c.c., potrà chiedere giudizialmente la cessazione del fatto lesivo, il risarcimento del danno e la pubblicazione della sentenza su uno o più giornali quale forma di restitutio in integrum. Tale conclusione trova conferma anche nella giurisprudenza di merito 4 la quale ha statuito che nell ipotesi come quella presa in esame, in cui il nome di una persona venga registrato da terzi in malafede quale nome a dominio presso la Registration Authority italiana, trova applicazione la tutela del nome prevista dall art. 7 ss 5. È interessante notare come le suddette azioni ai sensi dell art. 8 c.c. possano essere promosse anche da chi, pur non portando il nome contestato o indebitamente usato, abbia alla tutela del nome un interesse fondato su ragioni familiari degne di essere protette. In proposito è stato evidenziato come l attribuzione del diritto al nome non sia la circoscritta individuazione anagrafica dell individuo ma la più complessa e vasta tutela che attraverso il nome può accordarsi anche al gruppo familiare dal punto di vista delle tradizioni, della fama e della reputazione sociale di cui essa gode Dobbiamo a questo punto esaminare i presupposti per la fruttuosa esperibilità della tutela. In particolare, ai fini dell accoglimento della domanda di cessazione del fatto lesivo, sarà necessario provare che l utilizzazione del nome altrui sia indebita e che da tale comportamento possa derivare un pregiudizio alla persona alla quale il nome è stato per legge attribuito. 3 L ordinamento tutela anche ogni possibile attentato o lesione della identità personale. In altre parole, è possibile chiedere la cessazione del fatto lesivo anche in presenza solo di un pregiudizio potenziale come conseguenza dell altrui indebito; danno che deve rivestire gli elementi di un illecito penale ovvero di un illecito civile nel senso di danno ingiusto. Cfr. Cass. civ., sez. I, 5 ottobre 1994, n. 8081, in Giur. it., 1996, p Trib. Torino, 23 dicembre 2000, Dir. inf., 2001, p Cfr. GAZZONI, Manuale di diritto privato, Napoli, 2007, p GAZZONI, op.cit., p

4 A tal fine è sufficiente dimostrare la sussistenza di un pregiudizio anche solo potenziale, non essendo richiesto che lo stesso si sia già in concreto verificato 7. Tuttavia, la ricorrenza del suddetto potenziale pregiudizio deve essere accertata in concreto. Pertanto, ai fini dell accoglimento dell azione inibitoria ex art. 7 c.c., non è sufficiente la sussistenza del mero fatto dell usurpazione, in quanto si richiede la prova del possibile pregiudizio economico o morale che dall usurpazione del nome può derivare al denunciante, al fine di contenere l azione nei limiti del ragionevole interesse del titolare ed escludendo dalla tutela quelle utilizzazioni che non abbiano tale effetto 8. In particolare, mentre per la cessazione del fatto lesivo è sufficiente la semplice possibilità del pregiudizio, ai fini del risarcimento dei danni occorre sia la sussistenza e la conseguente dimostrazione di un pregiudizio effettivamente verificatosi 9, sia il dolo o la colpa dell autore della violazione 10, non essendo sufficiente l illegittimità della condotta dell agente. Pertanto, secondo i principi generali, il soggetto, il cui nome è stato indebitamente utilizzato, potrà ottenere il risarcimento del danno patrimoniale, solo se sia in grado di provare che il comportamento doloso o colposo del terzo ha cagionato una lesione alla propria sfera patrimoniale. In ordine poi al danno non patrimoniale si evidenzia quanto segue. In dottrina 11, sussiste un orientamento favorevole al risarcimento dei danni non patrimoniali, anche nel caso in cui l usurpazione del nome non costituisca reato. Tale orientamento si basa su una interpretazione dell art. 7 c.c. inteso come previsione specifica, configurante uno dei casi previsti dalla legge per il risarcimento del danno non patrimoniale di cui all art c.c. Da questo punto di vista, si evidenzia come altrimenti sarebbe inutile il disposto dell art. 7 c.c. salvo il risarcimento del danno, essendo il risarcimento del danno patrimoniale già previsto dall art c.c. Di diverso avviso è la giurisprudenza 12, secondo la quale nessun risarcimento del danno morale è accordabile, in caso di usurpazione del nome, che non integri gli estremi del reato. Alla luce di quanto più sopra esposto, il danneggiato, ai sensi dell art. 7 c.c., oltre al potere di esercitare l azione di reclamo e di usurpazione, può altresì richiedere il risarcimento del danno patito a seguito dell indebito utilizzo del proprio nome. Tale posizione è confermata anche dalla giurisprudenza di legittimità 13, che ha affermato che mentre per l inibitoria è sufficiente che l attore dimostri, oltre all uso 7 In tal senso V. Cass. civ., sez. I, 16 luglio 2003, n , in Giust. civ, 2004, p Cfr. Cass. civ., sez. I, 22 ottobre 1984, n. 5343, in Dir. fam., 1985, p In questo senso Cass. civ., 15 marzo 1969, n. 829, in Giust. civ., 1969, p V. in giurisprudenza tra le altre Cass., 7 marzo 1991, n. 2426, in Dir. fam., 1992, p CATAUDELLA, La tutela civile della vita privata, Milano, 1972; AULETTA, Riservatezza e tutela della personalità, Milano, 1978; DOGLIOTTI, La responsabilità civile, in Giur. sist. Biagiavi, III, Torino, 1987, p. 24. In senso contrario V. FRANZONI, Dei fatti illeciti, Bologna-Roma, sub art. 2059, p Trib. Roma, 31 gennaio 1989, in Foro it., 1991, p. 947, con nota di SIMONE, Danno non patrimoniale e pena privata. 13 Cass. civ., sez. I, 5 ottobre 1994, n. 8081, cit. 6

5 illegittimo del proprio nome, la possibilità che da ciò derivi pregiudizio il quale può essere, quindi, meramente potenziale ovvero di ordine soltanto morale ai fini dell azione risarcitoria, devono sussistere i requisiti soggettivi ed oggettivi dell illecito aquiliano ex art ss c.c., sicché non solo è necessaria l esistenza di un pregiudizio effettivo, ma questo, se non ha carattere patrimoniale, è risarcibile, ai sensi dell art c.c., soltanto ove nella condotta dell indebito utilizzatore sia configurabile un illecito penalmente sanzionato. Da ultimo si evidenzia che, affinché la condanna alla cessazione dell uso indebito del nome possa risultare più incisiva, la famiglia Bianchi potrà altresì chiedere al giudice la pronuncia di un c.d. astreinte. La legge 18 giugno 2009 n. 69 ha infatti introdotto nel nostro ordinamento all art. 614-bis c.p.c. 14 questo nuovo strumento processuale diretto a rafforzare l adempimento della condanna ad un non facere. La norma prevede che con il provvedimento di condanna il giudice, salvo che ciò sia manifestamente iniquo, fissa, su richiesta di parte, la somma di denaro dovuta dall obbligato per ogni violazione o inosservanza successiva, ovvero per ogni ritardo nell esecuzione del provvedimento. Il provvedimento di condanna costituisce titolo esecutivo per il pagamento delle somme dovute per ogni violazione o inosservanza. Attraverso questa misura coercitiva, qualora il nome venga nuovamente usurpato dal terzo, questi potrà essere condannato ad una sanzione pecuniaria che costituirà titolo esecutivo e con la quale si potrà procedere ad esecuzione forzata. 4. Appurata l esistenza nel caso de quo di una posizione giudizialmente tutelabile in capo al danneggiato, si pone il problema di individuare il giudice territorialmente competente a pronunciarsi sulla domanda. Tale questione non è di poco conto, attesa sia la natura particolare (Internet) del luogo in cui si è verificato il fatto lesivo censurato, sia l assoluta assenza di una specifica normativa relativa alle vicende del Cyberspace. In prima approssimazione, nel caso in cui l illecito sia meramente nazionale, i criteri generali di competenza territoriali sono innanzitutto il domicilio del convenuto (art. 18 c.p.c.) ed in secondo luogo, trattandosi di obbligazione, anche il giudice del luogo in cui è sorta o deve eseguirsi l obbligazione dedotta in giudizio (art. 20 c.p.c.). Il luogo in cui deve considerarsi sorta l obbligazione extracontrattuale, ai fini della competenza per territorio, è quello in cui si è verificato il fatto produttivo del danno 15. Nella nozione di fatto rientra, oltre al comportamento illecito, anche l evento dannoso che ne deriva. Qualora i due luoghi non coincidano, il forum delicti previsto dall art. 20 c.p.c. deve essere identificato con riguardo al luogo in cui è avvenuto l evento 16. Vista la dematerializzazione delle attività compiute in internet, non è facile stabilire dove e quando è stato commesso il fatto illecito. Si tratta quindi di capire cosa debba 14 V. CHIZZINI, in BALENA, CAPONI, CHIZZINI, MENCHINI, La riforma della giustizia civile. Commento alle disposizioni della legge sul processo civile n. 69/2009, Torino, 2009, sub art. 614-bis; GAMBINERI, Attuazione degli obblighi di fare infungibile o di non fare, in Foro it., 2009, p. 320 ss.; MERLIN, Prime note sul sistema delle misure coercitive pecuniarie per l attuazione degli obblighi infungibili nella L. 69/2009, in Riv. dir. proc., 2009, p ss.; AMADEI, Una misura coercitiva generale per l esecuzione degli obblighi infungibili, in judicium. 15 Cass. civ., sez. II, 25 gennaio 1995, n. 866, in Giust. civ. Mass., 1995, p. 163; Cass. civ., sez. II, 5 ottobre 1998, n. 9853, in Giust. civ. Mass., 1998, p Cass. civ., sez. III, 20 settembre 2004, n , in Giust. civ. Mass., 2004, p. 9. 7

6 intendersi - in caso di illecito commesso via internet - per locus commissi delicti di cui all art. 20 c.p.c. e, quindi, quale sia il giudice che ha la competenza territoriale alternativa a conoscere la causa 17. Il problema da risolvere è, per l appunto, individuare il posto in cui si è verificato l evento, dal momento che l illecito commesso via internet può sfuggire ai tentativi di definizione geografica e dispiega il suo potenziale lesivo contemporaneamente in tutta la rete, senza che sia possibile, nella maggioranza dei casi, individuare con certezza un luogo fisico di prima incidenza dell azione. Molti sono i criteri che sono stati proposti al fine di risolvere la questione dell individuazione del foro territorialmente competente: il locus commissi delicti, quello del forum destinatae solutionis, quello del luogo ove è ubicato il computer dal quale partono i materiali diretti in rete. Tuttavia, in generale, possiamo individuare due orientamenti. Secondo un primo orientamento, in caso di fatto illecito commesso via internet, il forum commissi delicti è quello del luogo in cui si trova il server sul quale sono caricate le pagine contenenti le dichiarazioni offensive 18. Secondo altro orientamento il luogo di realizzazione del fatto illecito è quello nel quale esso produce il relativo danno, rilevando poi come il danno prevalente è presumibilmente sofferto presso il luogo di domicilio del danneggiato, e quindi individuando proprio in detto domicilio il locus commissi delicti in caso di fatto illecito commesso via internet 19. Quest ultimo è del resto l orientamento seguito dalle sezioni unite della Corte che hanno, pertanto, ritenuto preferibile la soluzione che identifica il giudice competente quello del foro in cui il danneggiato ha la propria sede, la propria residenza o il proprio domicilio 20. Secondo la Cassazione tale soluzione è preferibile in quanto: a) la causa viene incardinata dove l illecito è giunto a compimento causando concretamente un danno; b) si impedisce ad entrambe le parti in causa di compiere attività di forum shopping e si precostituisce il giudice territorialmente competente; 3) si evita che il danneggiato debba sopportare spese legate alla necessità di individuare il luogo di gestione del sito nonché il rischio di non riuscire in tale individuazione 21. Per quanto riguarda gli illeciti di dimensione sovranazionale, assumono rilevanza primaria i criteri di collegamento individuati dalla Convenzione di Bruxelles del 1968 (oggi sostituita dal Regolamento (CE) 44/2001) espressamente richiamati dall art. 3 L. 218/1995 come applicabili anche alle controversie internazionali extracomunitarie. 17 In questo senso V. anche DI CIOMMO, Art.20 c.p.c. e illeciti commessi tramite Internet (una regola a valere per tutti i mezzi di comunicazione di massa?), in Foro it., 2002, p ss. 18 Trib. di Lecce, 24 febbraio 2001, in Giur. it., 2002, p. 81 con nota di CASSANO. 19 Cfr. DI CIOMMO, Dispute sui «domain names», fatti illeciti compiuti via Internet ed inadeguatezza del criterio del «locus commissi delicti», in Foro it., 2001, p. 2033; ID., Internet (responsabilità civile), in Enc. giur., XVII., Roma, Cass. civ., sez. un., 8 giugno 2002, n in Foro it., 2002, p In questo senso V. DI CIOMMO, Art. 20 c.p.c. e illeciti commessi tramite Internet (una regola a valere per tutti i mezzi di comunicazione di massa?), cit. 8

7 In particolare, in tema di illecito civile l art. 5 del Regolamento 44/2001 attribuisce la giurisdizione al giudice del luogo in cui l evento dannoso è avvenuto o può avvenire 22 ; qualora poi si tratti di un azione di risarcimento di danni o di restituzione da reato, è competente il giudice dinanzi al quale è esercitata l azione penale, al quale la propria legge consenta di conoscere anche dell azione civile conseguente ai comportamenti penalmente rilevanti. La normativa comunitaria, dunque, esclude la giurisdizione del giudice nazionale in cui si è verificato il fatto causativo del danno e si limita ad attribuirla a quello del luogo in cui il danno stesso si è (realmente o potenzialmente) verificato. Va evidenziato che la Corte di Giustizia CE ha avuto in passato occasione di pronunciarsi sulla questione della competenza giurisdizionale nelle controversie aventi ad oggetto il risarcimento del danno in ipotesi analoghe a quella qui presa in esame, ovvero la fattispecie del danno causato da diffamazione a mezzo stampa. Con il danno derivante dall illecito utilizzo della rete internet esso condivide la difficoltà di individuare un unico luogo nel quale possa collocarsi la verificazione del pregiudizio. In tali ipotesi, i giudici comunitari avevano identificato il giudice competente, in via alternativa, in quello del luogo in cui aveva sede l editore del mezzo di stampa oppure in ciascuno Stato membro nel quale tale mezzo di stampa era stato diffuso 23. A tale conclusione la Corte era giunta considerando che nella fattispecie della diffamazione a mezzo stampa il danno per il diffamato poteva considerarsi verificato, ai sensi della Convenzione di Bruxelles, non appena venivano rese pubbliche le notizie diffamatorie. Applicando detto ragionamento all ipotesi di indebito utilizzo del nome nella rete internet, ci troviamo di fronte alla medesima difficoltà già individuata in riferimento ad ipotesi meramente nazionali: data la potenziale diffusione universale della rete internet, e dunque la potenziale conoscibilità universale dell illecito utilizzo del nome altrui, qualunque giudice nazionale sarebbe competente a conoscere dell azione per il risarcimento del danno subito dall usurpato. Anche in questa ambito, dunque, potrebbero venire in aiuto i criteri alternativi elaborati a livello nazionale, ossia il criterio che stabilisce la competenza del giudice del luogo in cui si trova il server (il locus commissi delicti) oppure il giudice del luogo in cui il danneggiato ha la propria residenza o domicilio. Si può infine notare come la specifica locuzione utilizzata dalla normativa comunitaria (luogo in cui si è verificato l evento dannoso) tende a rendere preferibile il secondo dei due criteri sopra richiamati: è infatti al domicilio del danneggiato che si può considerare realmente avvenuto il pregiudizio. 22 BAREL, ARMELLINI, Manuale breve Diritto internazionale privato, Milano, 2009, p. 251, evidenziano come la menzione del luogo in cui l evento dannoso può avvenire costituisca un aliquid novi rispetto alle previsioni della Convezione di Bruxelles, e quindi lascia spazio alla possibilità di instaurare azione fondate sul pericolo che l evento dannoso si verifichi, e per prevenirlo. 23 CGCE 7 marzo 1995, in causa C-68/93, in Foro it., 1995, p. 331 con nota di SARAVALLE, Foum damni o fora damni?. 9

8 Nel caso di specie, pertanto, si può concludere che la famiglia Bianchi potrà promuovere l azione di usurpazione innanzi al Tribunale nella cui circoscrizione ha il proprio domicilio. Sotto il profilo internazionale, l azione potrà essere intentata davanti al giudice nazionale dello Stato in cui essa ha ugualmente il proprio domicilio. 10

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

Tecniche Informatiche di ricerca giuridica. Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it

Tecniche Informatiche di ricerca giuridica. Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it Tecniche Informatiche di ricerca giuridica Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it Lezioni nona e decima La responsabilità civile in internet Principali casi giurisprudenziali La responsabilità

Dettagli

Risarcimento dei danni per la non ragionevole durata dei processi: la nuova legge Pinto

Risarcimento dei danni per la non ragionevole durata dei processi: la nuova legge Pinto STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

fra questi in particolare sono da ricordare

fra questi in particolare sono da ricordare La responsabilità penale è quella in cui incorre un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio che compia uno dei reati contro la pubblica amministrazione previsti dal codice penale, fra questi

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO RISOLUZIONE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica Uffici dell Amministrazione finanziaria. Imposta di registro. Determinazione della base imponibile degli

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Spazio di libertà, sicurezza e giustizia Cooperazione giudiziaria in materia civile Regolamento (CE) n. 864/2007 Articolo

Dettagli

Il riconoscimento e l esecuzione delle decisioni giudiziarie straniere

Il riconoscimento e l esecuzione delle decisioni giudiziarie straniere Il riconoscimento e l esecuzione delle decisioni giudiziarie straniere Nell ambito di un giudizio svoltosi in Belgio, Tizio ottiene l annullamento di un titolo di credito emesso in favore di Caio, suo

Dettagli

LeggeMania ~ Quos ego

LeggeMania ~ Quos ego LeggeMania ~ Quos ego L AZIONE RISARCITORIA NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO Il codice del processo amministrativo ha inciso in modo consistente sull azione di condanna al risarcimento del danno. Prima dell

Dettagli

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ Assemblea TSRM Ferrara 28 maggio 2013 Avv. Roberta Li Calzi CONCETTO DI RESPONSABILITÀ Obbligo di rispondere di un'azione antigiuridica (contraria alle norme) cioè di

Dettagli

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo La problematica. L introduzione dell informatica in azienda, in particolare nei processi produttivi modifica i rapporti

Dettagli

Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio

Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. 149 del 17.4.2009, dep. il 21.5.2009. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio dell Agenzia delle Entrate territorialmente

Dettagli

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Trasferimenti in sede di separazione e divorzio Domande Frequenti Sommario 1. Prima dell introduzione dell

Dettagli

Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1.

Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1. Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1. di Arrigo Varlaro Sinisi 2 Alla luce della recente novità normativa 3 in tema di soccorso istruttorio, c è da domandarsi se

Dettagli

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.)

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.) Responsabilità da fatto illecito (art. 2043 c.c.) Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno Responsabilità extra-contrattuale

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Seconda edizione aggiornata Ag g i o r na m e n t o n. 4 29 giugno 2015 Bononia University Press L editore mette a disposizione sul sito nella sezione

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

La successione. Obiettivi

La successione. Obiettivi La successione Prof.ssa Elisa Esposito Obiettivi In questa lezione ci occuperemo delle vicende che possono condurre alla modifica delle parti originarie del rapporto processuale, in particolare, della

Dettagli

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO INIZIAMO COL DARE UNA DEFINIZIONE AL CONCETTO DI RESPONSABILITÀ PENALE

Dettagli

IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI

IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI P&D.IT La terza sezione della Corte di Cassazione interviene sulla vexata questio

Dettagli

ABUSIVA PUBBLICAZIONE DI IMMAGINE DI PERSONA NOTA" Fabio CAPRARO e Dario SABBADIN

ABUSIVA PUBBLICAZIONE DI IMMAGINE DI PERSONA NOTA Fabio CAPRARO e Dario SABBADIN ABUSIVA PUBBLICAZIONE DI IMMAGINE DI PERSONA NOTA" Fabio CAPRARO e Dario SABBADIN P&D.IT Ringraziamo gli avvocati Fabio CAPRARO e Dario SABBADIN di Treviso che ci hanno inviato il contributo, di approfondimento

Dettagli

LE ALTRE CATEGORIE DEL DANNO INGIUSTO Consuela Cigalotti DANNO INGIUSTO Secondo la definizione del codice civile è da considerarsi danno ingiusto,, il danno prodotto non iure,, ( comportamento non giustificato

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d. L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.S- problemi procedurali Come è noto l ipoteca è un diritto reale di garanzia

Dettagli

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO PROF. ANGELO SCALA Indice 1 LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO ---------------------------------------------- 3 Per il proficuo studio

Dettagli

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 SENTENZA Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 Svolgimento del processo Con ricorso in data 17 dicembre 1982 Sparaco Salvatore chiedeva al Pretore di Caserta (adito) in funzione di giudice del

Dettagli

Il fallimento italiano delle società trasferite all estero

Il fallimento italiano delle società trasferite all estero Il fallimento italiano delle società trasferite all estero La globalizzazione, con l apertura delle frontiere, e l allargamento dei mercati, comporta contatti sempre più intensi con imprenditori esteri.

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

La responsabilità da illeciti tributari

La responsabilità da illeciti tributari La responsabilità da illeciti tributari La disciplina della responsabilità amministrativa nei casi di violazioni che abbiano inciso sulla determinazione o sul pagamento del tributo è differente a seconda

Dettagli

Sindacati parti civili nei processi per gli infortuni sul lavoro anche se la vittima non era iscritta

Sindacati parti civili nei processi per gli infortuni sul lavoro anche se la vittima non era iscritta Sindacati parti civili nei processi per gli infortuni sul lavoro anche se la vittima non era iscritta In generale, l azione civile è quella diretta a fare valere la pretesa civilistica alle restituzioni

Dettagli

Decisione N. 1362 del 07 marzo 2014

Decisione N. 1362 del 07 marzo 2014 COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA (RM) SILVETTI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) MACCARONE Membro designato da

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna CIRCOLARE N. 8/2007 PROT. n. 49031 ENTE EMITTENTE: Direzione Agenzia del Territorio. OGGETTO: Contenzioso tributario - Riassunzione del giudizio a seguito di sentenze della Corte di Cassazione - Effetti

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS Il ritiro della notifica è atto processuale? E se coincide con il sabato è prorogato al primo giorno seguente non festivo? notifica e compiuta giacenza di Elena Loghà Diritto e processo.com Cassazione,

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010 Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi IL QUESITO Il giudice, a conclusione di una causa tra me ed

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

SEPARAZIONE E DIVORZIO

SEPARAZIONE E DIVORZIO CARLO GUGLIELMO IZZO con la collaborazione di ADRIANO IZZO, ANDREA FALZONE, VALERIO CIONI SEPARAZIONE E DIVORZIO Cacucci Editore - Bari 2009 INDICE Capitolo Primo Il procedimento di separazione giudiziale

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca La problematica circa l ammissibilità o meno del risarcimento del danno nell ipotesi di separazione

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione Premessa La disciplina del risarcimento del danno arrecato dalla Pubblica Amministrazione, qualora la stessa avesse occupato aree di proprietà

Dettagli

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it DANNO DA MORTE: PER OGNI CONGIUNTO SE AGISCE AUTONOMAMENTE VALE IL MASSIMALE CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE, SENTENZA 09.02.2005 N 2653 Svolgimento

Dettagli

A cura di Laura Galli

A cura di Laura Galli LA TUTELA RISARCITORIA NELLE RELAZIONI FAMILIARI A cura di Laura Galli Da anni dottrina e giurisprudenza affrontano il problema della tutela risarcitoria dell illecito qualora la vittima sia uno dei congiunti.

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

Interessi legittimi: è l'evento dannoso il presupposto essenziale del risarcimento ( Cassazione, SS.UU. civile, sentenza 24.09.2004 n.

Interessi legittimi: è l'evento dannoso il presupposto essenziale del risarcimento ( Cassazione, SS.UU. civile, sentenza 24.09.2004 n. Interessi legittimi: è l'evento dannoso il presupposto essenziale del risarcimento ( Cassazione, SS.UU. civile, sentenza 24.09.2004 n. 19200 ) La lesione di un interesse legittimo, al pari di quella di

Dettagli

Appello contro il decreto di approvazione o di reiezione del Concordatoù L appello è previsto e disciplinato dall art 183 LF che non è stato modificato dalla riforma. Esso stabilisce che: contro la sentenza

Dettagli

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La Responsabiilliità Verso ii Prestatorii d Opera Studio Assicurativo Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La copertura R.C.O. La Ratio della Garanzia RCO Non sempre è chiaro per

Dettagli

La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione

La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione Avvocato Gianluca Lo Bianco Direttore Analisi Giuridiche e Contenzioso ENAC Il Reg. (CE) n. 261/2004 Il reg. (CE) n. 261/2004 dell 11 febbraio

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c.

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. Sommario 1. PREMESSA... 1 2. ART. 528 NOMINA CURATORE... 1 3. ATTIVITÀ DEL CURATORE DELL EREDITÀ GIACENTE: POTERI ED OBBLIGHI... 2 4. ART. 529 OBBLIGHI DEL CURATORE...

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO)

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 122 OGGETTO: Illecito amministrativo n. 42/05/RD del 14 febbraio 2005 (obiettivo % di raccolta differenziata rifiuti

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea

Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea di Valentina Bazzocchi Dopo la celebre sentenza Pupino 1, la Corte di giustizia

Dettagli

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA 11 UN OBBLIGO O UN OPPORTUNITA? LINEE GUIDA PER UNA SCELTA CONSAPEVOLE Vicenza, 13 giugno 2012 AGENDA DELL INCONTRO 22 NOVITA LEGISLATIVE IL NUOVO OBBLIGO DI

Dettagli

Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso

Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso Presentazione dell avvocato Fabio Petracci, avvocato giuslavorista del Foro di Trieste 1. Fattispecie e definizioni Quali sono gli elementi di

Dettagli

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 76 14.03.2014 Dichiarazione infedele: quando è reato? Senza la prova del dolo specifico, la condanna è illegittima Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011

DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011 DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema MARCO BIANCHI Internet è una rete telematica mondiale strutturata in codici di

Dettagli

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009 5.14 IUS POENITENDI E TUTELA DELLA PRIVACY Con ius poenitendi si intende il diritto di cambiare confessione religiosa. Nel nostro ordinamento tale possibilità (implicitamente prevista dall art 19 Cost)

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

RISOLUZIONE N. 90 /E

RISOLUZIONE N. 90 /E RISOLUZIONE N. 90 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 17 ottobre 2014 OGGETTO: Interpello Acquisto per usucapione di beni immobili Applicabilità delle agevolazioni prima casa. Con l interpello in esame,

Dettagli

MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres.

MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres. MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres. M. Finocchiaro; Rel. R. Lanzillo Danno (risarcimento da) Incidente mortale Casalinga Prossimi congiunti

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita.

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. PILLOLE DI GIURISPRUDENZA Colaci.it Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. Sentenza n.1740 del

Dettagli

Osservatorio sulla Corte di cassazione

Osservatorio sulla Corte di cassazione Osservatorio sulla Corte di cassazione Pedopornografia La decisione Detenzione di file a contenuto pedopornografico Detenzione di materiale incompleto, illeggibile o inutilizzabile dall utente Insussistenza

Dettagli

Lidia Undiemi GIURETA. Vol. VIII 2010. Rivista di Diritto dell Economia, dei Trasporti e dell Ambiente

Lidia Undiemi GIURETA. Vol. VIII 2010. Rivista di Diritto dell Economia, dei Trasporti e dell Ambiente BREVE COMMENTO A MARGINE DELLA SENTENZA SULLA ESTERNALIZZAZIONE EUTELIA-AGILE-OMEGA. IL RUOLO DEI COLLEGAMENTI SOCIETARI NELLA VALUTAZIONE DELLA ANTISINDACALITA DELLA CONDOTTA NELL AMBITO DEL TRASFERIMENTO

Dettagli

L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE

L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE Flavio Ficara (Estratto da Diritto e Processo formazione n. 4/2011 ) QUAESTIO IURIS Nella sentenza del 29 dicembre 2010, n.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 881 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PECORELLA, COSTA Modifiche alla legge 8 febbraio 1948, n. 47, al codice penale e al codice

Dettagli

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici Fondazione Forense Modenese Modena 5 ottobre 2012 venerdi 5 ottobre 2012 1 Premessa L arbitrato societario è disciplinato dagli artt. 34 ss. del d. lgs.

Dettagli

DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE

DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE Tribunale di Cuneo, 17 febbraio 2010, n. 100 Alberto Serpico L art. 540, comma II, c.c., dispone che al coniuge,

Dettagli

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione NOVEMBRE 2008 Titoli generici ma distintivi. Tra marchio e concorrenza sleale Avv. Alberto Pojaghi Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione generica

Dettagli

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi?

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi? LE RESPONSABILITÀ DELL AMMINISTRATORE A cura di: Avv. Salvatore Chiacchio Unioncasa 1. In cosa si sostanzia la responsabilità dell amministratore? 2. La responsabilità dell amministratore è solo verso

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

composta da A. Borg Barthet, facente funzione di presidente della sesta sezione, E. Levits e M. Berger (relatore), giudici,

composta da A. Borg Barthet, facente funzione di presidente della sesta sezione, E. Levits e M. Berger (relatore), giudici, ARRÊT DE LA COUR (sixième chambre) 4 dicembre 2014 «Rinvio pregiudiziale Spazio di libertà, sicurezza e giustizia Cooperazione giudiziaria in materia civile Competenza giurisdizionale dei giudici dello

Dettagli

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 IL DELITTO DI ABUSO DI UFFICIO: APPROFONDIMENTI PROF. FABIO FOGLIA MANZILLO Indice 1 LE CONDOTTE TIPICHE --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

MASSIME PENALE. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato

MASSIME PENALE. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato MASSIME PENALE Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. De Roberto; Rel. Aprile) Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato di violazione degli obblighi di

Dettagli

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI Contributo unificato, diritti di copia, indennità ex art. 30 t.u. spese di giustizia e imposta di registro nei procedimenti, in materia di sanzioni amministrative, di opposizione alle cartelle esattoriali,

Dettagli

Medico (assi)cura te stesso. Milano - 26.3.2011 www.studiolaplacagriva.it. www.studiolaplacagriva.it

Medico (assi)cura te stesso. Milano - 26.3.2011 www.studiolaplacagriva.it. www.studiolaplacagriva.it Medico (assi)cura te stesso. Milano - 26.3.2011 AMBITO ASSICURARSI COME. CIRCA IL PROBLEMA DELLA COLPA GRAVE NELL'ORDINAMENTO GIURIDICO ITALIANO: PROBLEMI DI COPERTURA ASSICURATIVA. Responsabilità del

Dettagli

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra Lecco - 31-10 2009 - acuradi S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it Principi generali della

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli SOMMARIO SEZIONE I Persone Scheda n. 1 Diritti civili dello straniero e condizione di reciprocità ex art. 16 preleggi (Cass. civ., sez. II, 30 giugno 2014,

Dettagli

Memorandum : indennità di fine rapporto di agenzia. 1. Si applica l accordo economico collettivo o l art. 1751 c.c.?

Memorandum : indennità di fine rapporto di agenzia. 1. Si applica l accordo economico collettivo o l art. 1751 c.c.? Milano, 4 febbraio 2015 Memorandum : indennità di fine rapporto di agenzia 1. Si applica l accordo economico collettivo o l art. 1751 c.c.? 1.1 L intervento interpretativo della Corte di Giustizia della

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO Premessa: La legge 13 febbraio 2006, n. 59 ha profondamente innovato l art. 52 c.p., afferente la scriminante della legittima difesa, introducendo

Dettagli

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA, CODICE DISCIPLINARE AZIENDALE E GRADUAZIONE DELLA SANZIONE, nota a Cass. sez. lavoro n. 22129 del 25 ottobre 2011 di MATTEO BARIZZA Con una pronuncia resa dalla sezione

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

Dentro la Notizia. 28 Maggio 2013

Dentro la Notizia. 28 Maggio 2013 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 73/2013 MAGGIO/14/2013 (*) 28 Maggio 2013 RAVVEDIMENTO OPEROSO SEMPRE

Dettagli

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5230/2012, ha stabilito che nei giudizi risarcitori

Dettagli

Incidenti stradali: le nuove disposizioni

Incidenti stradali: le nuove disposizioni INCONTRO DI STUDIO PER OPERATORI DI POLIZIA LOCALE LE NOVITA LEGISLATIVE PER LA P.M. FAENZA (RA) - 19 maggio 2006 Incidenti stradali: le nuove disposizioni LEGGE 21 febbraio 2006, n. 102 Disposizioni in

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI (Avvertenza: testo emendato dalla redazione; Gazzetta ufficiale no. 148 del 20.12.2012 testo emendato e no. 25 del 28.02.2013, nelle quali è indicato il periodo della loro entrata in vigore) CODICE DI

Dettagli

Le procedure stragiudiziali per il risarcimento del danno

Le procedure stragiudiziali per il risarcimento del danno 115 Capitolo VI Le procedure stragiudiziali per il risarcimento del danno Sommario: 1. La denuncia di sinistro - 2. La procedura di risarcimento ordinario - 3. La procedura di risarcimento a favore dei

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha

Dettagli