CENTRO DIURNO PER PERSONE DISABILI NOI E GLI ALTRI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CENTRO DIURNO PER PERSONE DISABILI NOI E GLI ALTRI"

Transcript

1 CENTRO DIURNO PER PERSONE DISABILI NOI E GLI ALTRI PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La mission del Centro Diurno è quella di garantire il benessere psicofisico degli ospiti, in un ambiente idoneo, volto a stimolare e consolidare le loro abilità residue, tenendo conto delle predisposizioni del singolo. Inoltre, essere sostegno e un punto di riferimento per le famiglie. Il servizio semiresidenziale supporta la famiglia, fornendo un intervento condiviso, pur mantenendo la diversità dei ruoli e delle funzioni di entrambe le parti. Il centro assicura momenti di respiro alla famiglia che diventano preziose occasioni per consentire una ripresa delle energie da parte dei familiari. E tenuto in massima cura il colloquio informativo con le famiglie da parte del Coordinatore e degli operatori del centro. EQUIPE E SEDE Dirigente Responsabile U.O. Disabilità: Dott.ssa Annalisa Menegolo Educatore Coordinatore del Centro Diurno: Sergio Moresco Tel Mail: Il Centro diurno è sito in Via Rosmini, 40 a Bassano del Grappa (Palazzina minore fronte strada) Il Centro è aperto in media 215 gg. all anno, dal lunedì al venerdì, con orario dalle 9.00 alle ed è in gestione diretta dell Az. San. ULSS n. 3. E in funzione un Servizio Trasporto (casa- Centro e ritorno) dalle 7.30 alle 9.30 e dalle alle circa. Inoltre, nel mese di Agosto è garantita l apertura con il progetto Agosto sicuro, per ospiti con famiglie in particolari condizioni di difficoltà OFFERTA DI PRESTAZIONI Il Centro assicura ai propri ospiti i servizi illustrati di seguito: - COORDINAMENTO: gestione e coordinamento del personale assegnato alla struttura attraverso un Coordinatore Educatore dell Azienda Ulss.

2 - ATTIVITA ASSISTENZIALE: assistenza di base durante l arco delle ore di permanenza al centro. Tale servizio è fornito da operatori socio-sanitari - ATTIVITA EDUCATIVE e di INCLUSIONE SOCIALE: attività interne ed esterne finalizzare a mantenere e sviluppare percorsi di identità personale tesi alla partecipazione sociale e alla massima autonomia. - CONSULENZA INFERMIERISTICA SETTIMANALE: l infermiera del D.S.S. che opera all interno dei Centri è responsabile dell assistenza infermieristica generale, svolge attività di prevenzione, salvaguardia della salute individuale ed educazione sanitaria, ponendo attenzione alla globalità della persona e alle sue specifiche esigenze. -SUPPORTO ALLA FAMIGLIA: dialogo e coinvolgimento della famiglia in un progetto personale di mantenimento e crescita per la persona. Altresì, la famiglia viene supportata per particolari esigenze, soprattutto, legate all'aspetto sanitario (in occasione di visite neurologiche, fisiatriche, psichiatriche, oppure, per prestazioni odontoiatriche, presso gli ambulatori dell azienda), all aspetto giuridico a relazioni con altri Enti. - VITTO: pranzo fornito dall Azienda ULSS n. 3 secondo i criteri HACCP e il manuale di qualità ISO 2000 del servizio cucina dell Azienda. Il vitto è a scelta personale nell ambito di una disponibilità programmata ed è adattato alle esigenze dietetiche individuali degli ospiti. -TRASPORTO: l azienda garantisce il servizio di trasporto di andata e ritorno da/a domicilio dell utente tutti i giorni di apertura del Centro. Il servizio trasporto è convenzionato è provvisto di mezzi idonei, mentre è l ULSS che garantisce il servizio di assistenza con personale oss qualificato. - SERVIZIO DI SANIFICAZIONE AMBIENTALE: la sanificazione ambientale è appaltata ad una ditta esterna che provvede ad assicurare in ogni momento il perfetto stato dei locali, degli arredi e delle attrezzature in uso. I lavori quotidiani sono eseguiti in ore pomeridiane, dopo la partenza degli ospiti. I prodotti utilizzati sono rispondenti alle normative vigenti. Le attrezzature utilizzate per l esecuzione dei lavori di pulizia sono conformi alle prescrizioni antiinfortunistiche vigenti. -ATTIVITA DI ACCOGLIENZA DI TIROCINANTI E VOLONTARI: possibilità di svolgere tirocini e stages formativi delle Agenzie educative del territorio in collaborazione con l Uff. Formazione dell Azienda. Il Centro accoglie volontari di Associazioni e/o gruppi con i quali concorda un progetto mirato. Si fa carico di guidare e sostenere l inserimento e verificare ogni singola progettualità. I volontari possono fruire di occasioni di dialogo e supervisione personale relativa all esperienza che stanno conducendo. ALTRE INFORMAZIONI UTILI L OSPITE AL CENTRO Gli interventi educativi si concretizzano nel progetto personale del quale ogni utente è protagonista. Il lavoro si proietterà nell'azione possibile invece di soffermarsi sul problema in sè e sarà caratterizzato da una sorta di pensiero positivo che guarda ai punti di forza più che alle carenze. In base al concetto di funzionamento globale e multidimensionale adottato dall'oms lo strumento principe di ogni azione educativa diventa l'attività progettuale. Verrà posta attenzione sull identità reale (che va oltre la categorizzazione e l aspetto patologico) costituita dalla biografia personale fatta di avvenimenti, passioni, successi, hobby, situazioni problematiche. Tali conoscenze danno la possibilità di individuare un bisogno educativo reale, legato al quotidiano e allo stesso tempo proiettato sui possibili su cui investire. L approccio è quindi globale, rivolto alla persona nella sua totalità e complessità, come insieme correlato di aspetti cognitivi, emotivo-affettivi, sociali e delle autonomie. In questo lavoro di conoscenza, prezioso risulta l apporto della famiglia, dei Servizi, della rete formale e

3 informale. Nella dimensione processuale del progettare educativo, idee, azioni e risultati sono in relazione tra loro in modo complesso e colui che ne tiene le fila, l'educatore, deve essere in grado di leggere questa complessità e governarla in itinere. Il progettare è sempre un lavoro condiviso e partecipato tra i soggetti coinvolti e tende a ricostruire non un profilo clinico ma una biografia completa e viva della persona, una storia che si arricchisce e disvela sempre nuovi significati nel procedere del cammino educativo. Nel progetto personale vengono formulati gli obiettivi possibili, le attività proposte e i loro ritmi, le modalità operative e relazionali che verranno condivise in equipe e con la famiglia. L accettazione e la valorizzazione delle diversità personali insieme alla capacità di instaurare una relazione positiva è premessa e requisito fondamentale per gli operatori per affrontare qualsiasi progetto. Nella progettazione quanto più la persona ha parte attiva nel curare i propri bisogni e desideri tanto più sarà nelle condizioni di esperire benessere. Aiutare vuol dire anche riconsegnare al soggetto la sua libertà e la sua responsabilità, credere in un possibile che è ancora latente. La persona disabile è aiutata nelle sue motivazioni personali e la programmazione dell'attività sia individuali che di gruppo viene discussa e verificata anche con la persona. Le azioni svolte alla ricerca di una migliore qualità della vita partono dai bisogni e dai desideri della persona stessa e il raggiungimento del benessere globale si realizza attraverso l'acquisizione di un maggior livello di autonomia e di integrazione sociale. Nell ambito del progetto personale ci si avvale di strumenti oggettivi, quali la scheda SVaMDi, la scheda Vineland, l indice di Barthel e di strumenti che valutano l autonomia sociale. Il Centro Diurno offre una molteplice opportunità di aderire ad attività e progetti finalizzati ad un percorso di mantenimento e crescita personale. Da un punto di vista organizzativo sono stati formati 2 sottogruppi di base che vengono gestiti da un educatore in collaborazione con gli operatori di assistenza che fungono anche da referenti sulle singole progettualità. Il sottogruppo consente una comunicazione più veloce e fluida ed una decisionalità efficace nel quotidiano in quanto più aderente ai bisogni emergenti e alle contingenze. I due gruppi hanno un ora settimanale di incontro per predisporre il piano di attività settimanale. Tutto il gruppo si trova per un ora di riunione che funge da raccordo, collaborazione,proposta, valutazione, verifica su obiettivi generali o specifici riferibili, al Centro, all utenza, al Servizio. Ad ogni singola progettualità personale viene formulato dall E.p. in collaborazione con l equipe un calendario di attività e progetti che possono comprendere: ATTIVITA ESTERNE Il Centro diurno Noi e gli Altri promuove la crescita di una cultura della solidarietà e di valorizzazione della diversità come risorsa con particolare attenzione all integrazione tra Servizi, Enti, gruppi, associazioni del territorio di riferimento. Nella programmazione viene posta particolare attenzione ad attività ed iniziative che coinvolgano il territorio e favoriscano l incontro con la disabilità. Il Centro Diurno con il supporto dell U.O. Disabilità, di altri CC.DD. e del Servizio di Prevenzione dell Azienda promuove e/o aderisce ad iniziative di formazione e sensibilizzazione culturale ( Altrocinema ), di animazione ( La città dei ragazzi ), di festa,di Sport ( Sport Incontro ) di collaborazione con le Ass. di volontariato, con le Scuole di ogni ordine, con gli Enti locali. Su tali iniziative viene pensata e realizzata dall equipe una programmazione specifica. Le attività esterne risultano essere di notevole importanza nel raggiungimento di obiettivi personali di inclusione e partecipazione sociale. Nella programmazione tali esperienze occupano per tutti più del 60-70% delle attività complessive che la struttura offre. Tale frequenza caratterizza e da identità al Centro Diurno. Tali attività chiedono il coinvolgimento degli ospiti anche in occasione della scelta o nell acquisto di materiali grezzi presso ditte o negozi del territorio. Si realizzano uscite presso altre botteghe artigiane o visite a mostre, fiere, mercati, dove, il saper fare degli altri diventa stimolo nella ricerca di nuove tecniche, opportunità di confronto e crescita.altresì, le persone che frequentano i laboratori. esterni fruiscono della mensa dell Az. Ospedaliera per il pranzo. Complessivamente le molteplici opportunità sono occasioni di possibili miglioramenti nell immagine di sé Nel periodo estivo usualmente vengono organizzate delle uscite a finalità ricreative in ambienti caratteristici ( mare, montagna, laghi ) o in città d arte. Le attività che ci vedono impegnati in questo periodo( tutte le mattine) all'esterno del centro, avvengono in modo regolare o a seconda delle progettualità concordate con le agenzie del territorio in questo periodo sono: Laboratorio artigianale Filo filò Il laboratorio esterno Filo filò è ubicato all'interno delle mura del centro storico di Bassano. Posizione strategica che permette di essere in continuo dialogo con il territorio, dove i cittadini possono ammirare manufatti prodotti da persone con disabilità. Infatti i prodotti esposti ( arazzi, tendaggi, tappeti ecc. ) diventano occasione di nuove conoscenze e di opportunità di sperimentazione e gratificazione. Le proposte sono modulate sulle autonomie degli ospiti, per cui in questo laboratorio trova spazio sia chi prepara il

4 gomitoli, sia chi compie complesse lavorazioni a telaio. Si è cercato quindi di valorizzare le capacità artigianale di ciascun tessitore, promuovendo un maggior contatto con l'esterno. Laboratorio La Bottega del Mastro Il Laboratorio situato in centro città è uno spazio dedicato ad un artigianalità creativa che si realizza a seconda della disponibilità di mastri artigiani (ceramisti, sarti, falegnami..ecc.) che mettono volontariamente a disposizione le loro competenze professionali. Il loro contributo, in veste di esperti, viene finalizzato alla realizzazione di manufatti e oggettistica ricordo diversi a seconda degli eventi ( adunata alpini, la città dei ragazzi,..) o delle ricorrenze (battesimi, presepi natalizi ). Le attività si concretizzano per singoli progetti o commesse (di Enti, Associazioni, gruppi,privati) che vengono coordinate e seguite dagli operatori che accompagnano e seguono gli ospiti sotto la supervisione tecnica di questi speciali volontari. Il laboratorio è occasione per poter assistere e partecipare a processi artigianali sempre diversi e di essere partecipi di una progettualità che ha una utilità sociale. Cooperativa Avvenire Presso la cooperativa Avvenire, con sede a Campese ogni giorno un gruppo di cinque ospiti accompagnati da un educatore e un operatore oss sono impegnati nella realizzazione di piccoli manufatti di legno senza l'uso di particolari attrezzature. L'attività è molto apprezzata da un gruppo di maschi anche se non mancano le ragazze in quanto per loro sono previsti percorsi più legati al bricolage. Il laboratorio di falegnameriabricolage ricavato in uno spazio della cooperativa, permette lo scambio con gli ospiti della cooperativa e viceversa. Frequentemente capita,che gli ospiti del centro collaborino nelle diverse attività di assemblaggio e nell'esecuzione di semplici lavori di riordino. Cooperativa Apostrofo Siamo presenti in cooperativa due volte la settimana con sette ospiti che si alternano. Colpisce subito l'ambiente tranquillo, accogliente, sereno. Il gruppo degli ospiti della cooperativa è formato da una maggioranza di persone giovani che vivono l esperienza con entusiasmo e che ci hanno permesso di instaurare da subito una relazione aospitica e vera. In tale sede si svolgono essenzialmente lavori di assemblaggio su commissione di ditte esterne (cartoni per vini, inserimento sorprese uova Pasquali, assemblaggio particolari di biciclette) e lavori di tessitura a mano, L esperienza è vissuta dal gruppo con entusiasmo e partecipazione. STANDARD DI QUALITA IMPEGNI E PROGRAMMI In questa sezione sono riportati gli impegni sulle caratteristiche di qualità (standard di qualità) dei servizi forniti dal Centro diurno, gli strumenti di verifica adottati per controllarne il rispetto, i programmi di miglioramento della qualità del servizio da attivare nel corso del periodo di validità della carta. Nel seguito sono quindi riportati solamente gli standard di qualità relativi ad alcuni dei fattori.il livello di qualità raggiunto nei rimanenti fattori sarà pertanto valutato sia mediante i questionari di gradimento del servizio distribuiti ai familiari con cadenza almeno annuale, sia attraverso gli incontri con i familiari e/o le figure di riferimento sia durante gli incontri con le Associazioni di volontariato dell area della disabilità. STANDARD DI QUALITÀ Fattori e Standard di qualità generali Qualità per il cittadino è L Azienda Sanitaria garantisce Soddisfazione del servizio da Non meno del l 80% di famiglie soddisfatte parte delle famiglie degli utenti Personalizzazione dell intervento - l individuazione dell operatore responsabile del PP; - presenza di un Progetto Educativo Individualizzato e, per chi ne necessita, di un piano di assistenza Individualizzato - la formalizzazione del PP con la descrizione delle attività specifiche, dei tempi indicativi di realizzazione, la frequenza e la titolarità degli interventi; - la realizzazione di attività di verifica sul PP

5 (procedure, tempi, strumenti) Adeguatezza delle sedi operative Rapporto e collaborazione con la famiglia Professionalità degli Operatori Assenza di barriere architettoniche L informazione e il coinvolgimento della famiglia nella definizione del Progetto personalizzato. Viene organizzata almeno un assemblea plenaria con i familiari. E possibile richiedere incontri individualizzati con il coordinatore o con l educatore referente dei casi per singole problematiche. l centro diurno ha una propria Carta del servizio che riporta le attività svolte, i servizi offerti, le modalità di accesso e gli standard di qualità garantiti. L èquipe è composta da Educatori professionali e da Operatori Socio Sanitari ed è coordinata da un Educatore Professionale Coordinatore. Il Personale si incontra ogni settimana e svolge attività di formazione, progettazione, verifica su obiettivi generali o specifici riferibili: agli ospiti, al Centro, al Servizio STRUMENTI DI VERIFICA PER IL RISPETTO DEGLI STANDARD DI QUALITÀ Standard di qualità relativi: all accoglienza nel Centro : indicatore standard strumenti di verifica tempo max per l accoglienza programmata 30 gg rilevazione sistematica dei tempi ogni 6 mesi alla permanenza nel Centro indicatore standard strumenti di verifica tempo max riverifica progetti individuali 10gg rilevazione sistematica dei tempi ogni 6 mesi Su situazioni e/o problematiche su un cambiamento rilevante tempo max rivalutazione generale individuale 1 anno rilevazione sistematica dei tempi ogni anno tempo max di risposta per colloqui con i 10 gg rilevazione sistematica dei tempi ogni 6 mesi familiari tempo max tra incontri collegiali con familiari 1 anno rilevazione sistematica dei tempi ogni anno al gradimento del Servizio: indicatore standard strumenti di verifica tempo max tra compilazioni del questionario 1 anno rilevazione sistematica dei tempi ogni anno tempo max di risposta al reclamo 30 g rilevazione sistematica dei tempi ogni6 mesi I risultati statistici delle rilevazioni sono discussi durante gli incontri collegiali con i familiari. IMPEGNI E PROGRAMMI SULLA QUALITÀ DEL SERVIZIO Il centro garantisce, in particolare, a tutti gli ospiti e ai loro familiari e alle Associazioni di volontariato: di considerare il coinvolgimento delle famiglie degli ospiti e delle Associazioni di volontariato un momento fondamentale per il miglioramento della qualità del Servizio; la personalizzazione dei programmi educativi e assistenziali; il coinvolgimento e la partecipazione dei familiari e/o figure di riferimento nella definizione e aggiornamento del P.p.; l applicazione delle procedure e dei protocolli assistenziali ed organizzativi codificati dall Azienda ULSS n.3;

6 di fornire la massima informazione riguardo ai servizi offerti, alle modalità di erogazione degli stessi e alle prestazioni qualitative ottenute. PARTECIPAZIONE DEI FAMILIARI E VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI In questa sezione sono indicate le modalità di partecipazione dei familiari degli Ospiti alle attività previste nel Centro. Sono inoltre riportate le modalità di verifica degli impegni assunti nelle sezioni precedenti e di intervento per il miglioramento dei servizi e l adeguamento alle esigenze degli Ospiti e delle loro famiglie. MODALITA DI PARTECIPAZIONE DEI FAMILIARI La mission del Centro prevede di favorire la migliore partecipazione alla vita sociale degli Ospiti, con particolare riguardo al coinvolgimento della rete familiare negli eventi della vita quotidiana, consentendo l espressione e la conservazione degli affetti utili al mantenimento del senso di appartenenza alla propria famiglia e al radicamento al proprio ambiente di origine. A questo fine, i familiari costituiscono un punto di riferimento fondamentale per la raccolta delle informazioni utili sull Ospite e per la ricostruzione della sua storia di vita. La condivisione e il dialogo costante con gli Ospiti e le loro famiglie concretizza il valore della partecipazione. Il coinvolgimento dei familiari viene pertanto promosso fin da prima dell'ingresso al Centro tramite la presentazione delle caratteristiche dei servizi e successivamente tramite contatti diretti o colloqui telefonici con il Coordinatore e/o educatore referente del caso per la presentazione di eventuali richieste, segnalazioni o chiarimenti. VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI OSPITI E DELLE LORO FAMIGLIE Il Centro assume l impegno del miglioramento continuo della qualità dei servizi offerti attraverso l adozione di standard di qualità. Nella consapevolezza che l obiettivo primario è quello di fornire una risposta adeguata ai bisogni e alle aspettative degli ospiti e delle loro famiglie, si ritiene di importanza fondamentale la valutazione del loro grado di soddisfazione. Tale valutazione viene effettuata mediante la distribuzione con cadenza annuale di questionari di Customer satisfaction riguardanti la qualità percepita relativa a tutti i servizi offerti. La compilazione del questionario da parte dell Ospite, quando è possibile, o del suo familiare/tutore risulta anonima. In calce al questionario è prevista la possibilità di aggiungere osservazioni positive e/o negative, dare motivazioni, formulare proposte di miglioramento. Tale sistema di valutazione garantisce il dialogo sulle specificità dei servizi e si configura come strumento per recepire le istanze degli Ospiti e dei loro familiari, fornendo impulso al miglioramento continuo della qualità dei servizi offerti. I dati ottenuti dai questionari sono infatti utilizzati per cogliere le eventuali criticità del sistema e per migliorare ogni fase dei processi di programmazione e di erogazione del servizio. La gestione della qualità dei servizi offerti è inoltre intesa come un processo dinamico di gestione partecipata. I dati ottenuti dai questionari sono infatti condivisi e discussi sia con i familiari, durante la prima riunione collegiale utile, sia con gli operatori in sede di riunione di équipe, al fine di elaborare strategie organizzative atte a migliorare la qualità dei servizi. PROCEDURE DI RECLAMO Il centro garantisce la funzione di tutela nei confronti degli ospiti anche attraverso la possibilità, per la famiglia di quest'ultimo, di sporgere reclamo a seguito di disservizio, atto o comportamento che abbiano negato o limitato la fruibilità delle prestazioni. Eventuali reclami devono essere presentati al Coordinatore dei Direttori di Distretto o all Uff. di relazioni per il pubblico e per conoscenza al Dirigente dell U.O. Disabilità e al Coordinatore del Centro. Non possono essere fatte rimostranze direttamente al personale in servizio. Il Centro garantisce la verifica dell'attuazione degli standard sopra definiti e dei livelli di qualità percepita derivanti dai questionari compilati dalle famiglie degli Ospiti. A tale scopo viene redatta una relazione annuale sui risultati conseguiti e su eventuali reclami avanzati dai familiari. Tale relazione, di norma redatta verso la fine dell anno in corso, viene discussa con le famiglie degli Ospiti durante la prima riunione collegiale successiva, al fine di verificare l andamento della qualità dei servizi e il suo costante miglioramento. Sulla base dei risultati ottenuti e dei suggerimenti emersi durante la discussione con le famiglie, la Direzione dell U.O. Disabilità con il Coordinatore del Centro provvede quindi all aggiornamento della Carta dei Servizi. La relazione annuale, assieme a un resoconto sulla discussione con le famiglie e alle modifiche proposte per la Carta dei Servizi, vengono inviate alla Direzione Generale dell Azienda ULLS n.3 e alle Associazioni di volontariato dell area della disabilità, che ne risultino interessate.

7 In accordo con la Direzione Generale e con le suddette Associazioni, la relazione annuale può essere oggetto di analisi da parte della Conferenza dei Servizi Sanitari convocata almeno annualmente dalla stessa Direzione Generale.

8

9 ACCESSO PRIMO CONTATTO /ACCOGLIENZA FASE DI INGRESSO - informazioni generali sulla struttura, servizi, orari, disponibilità - cortesia, ascolto - raccolta delle aspettative TRASPORTO CASA/ CENTRO - valutazione di ingresso - elaborazione e condivisione progetto individuale - informazione sugli interventi previsti PRESTAZIONI DEL CENTRO - definizione e comunicazione orari - adeguati mezzi di trasporto ed assistenza QUALITA DEL CENTRO DIURNO FREQUENZA DIURNA ASSISTENZA SOCIO- EDUCATIVA/RIABILITATIVA - pulizia degli ambienti - confort sale occupazionali, ricreative e di terapia+ - vitto - sicurezza e igiene RELAZIONI CON IL PERSONALE - rispetto del progetto individuale - informazioni/coinvolgimento - utente/famiglia condivisione - ambienti attrezzati per le attività - formazione e aggiornamento RELAZIONI CON I FAMILIARI - umanizzazione e personalizzazione - completezza e chiarezza delle informazioni - rispetto della privacy e dignità umana VERIFICA OBIETTIVI - informazioni, ascolto, sostegno - tutela dei diritti ASPETTI AMMINISTRATIVI - verifica periodica e finale del progetto individuale - eventuale riformulazione/rinnovo del progetto individuale - eventuali dimissioni REVISIONE/RINNOVO /DIMISSIONE RACCOLTA VALUTAZIONE DEGLI UTENTI - semplicità dei vari adempimenti amministrativi - chiarezza e disponibilità di questionari di soddisfazione - semplicità di inoltro del reclamo e tempo di risposta

10 richiesta Procedura di presentazione della domanda di accoglienza. accoglienza valutazione richiesta U.V.M.D. ingresso Documentazione necessaria Alloggio e Servizi igienici Procedura igiene ambientale. Vitto Procedura HACCP. Procedura scelta/distribuzione menù Contatti con il mondo esterno Procedura uscita ospiti per gite e visite specialistiche. qualità del servizio permanenza Visite mediche ed accertamenti Programmazione concordata con il MMG Trattamenti terapeutici Grafica integrata; protocolli assistenziali, organizzativi e terapeutici. Assistenza alla persona P.A.I. U.O.I. a cadenza mensile P.p.. Attività educativa integrata Partecipazione dei familiari Incontri settimanali programmati e personalizzati Incontri semestrali con tutti i familiari Questionari di gradimento Procedura reclami Reclami Relazione di dimissione con allegato ultimo verbale di UVDM dimissione

11 MODALITÀ DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI L accoglienza della persona con disabilità al Centro avviene dopo la valutazione da parte dell UVMD competente per territorio. Per presentare la domanda di accoglienza presso il Cento è necessario rivolgersi all Assistente Sociale dell U. O. Disabilità referente per territorio: Bassano (ex distretto 1): Tel 0424/883019/28 Marostica (ex distretto 2): Tel 0424/ Romano (ex distretto 3): Tel 0424/ Asiago (ex distretto 4): Tel.0424/ L Assistente sociale si occupa della raccolta dei documenti necessari (vedi paragrafo successivo) e della valutazione della situazione sociale del nucleo familiare. L Assistente sociale provvede inoltre a richiedere la convocazione dell Unità Valutativa Multidisciplinare Distrettuale (U.V.M.D.) composta da una èquipe che deciderà in merito all accoglienza all interno del Centro, compatibilmente a criteri di possibile e adeguata convivenza del gruppo nel suo complesso ed in base alla disponibilità di posti nello specifico periodo. L inizio della frequenza al Centro è graduale ed è finalizzata all osservazione del soggetto per favorire la conoscenza reciproca. Viene predisposto il Progetto personale che viene presentato ai familiari per la condivisione degli obiettivi. La documentazione necessaria per la presentazione della domanda La domanda di accoglienza deve essere corredata dalla seguente documentazione: 1. Domanda di inserimento da parte della persona interessata o di un suo tutore. 2. Certificato di invalidità civile. 3. Certificato dello stato di gravità (L.104/92). 4. Consenso al trattamento dei dati personali da parte dell ospite o del tutore legale. La documentazione necessaria all ingresso Al momento dell ingresso al Centro, l Ospite deve fornire: La Tessera sanitaria e l eventuale esenzione dal ticket. La Carta di identità o altro documento equipollente. La fotocopia del codice fiscale. La Certificazione medica indicante la diagnosi e l eventuale terapia farmacologica in atto. I recapiti telefonici e di abitazione del Tutore e di almeno un altro parente Gli utenti possono sporgere reclamo o segnalazione per disservizi o comportamenti che abbiano negato o limitato la fruibilità delle prestazioni. Queste segnalazioni (anch'esse utili per migliorare) dovranno essere presentate o inviate a: Ufficio per le Relazioni con il Pubblico Ospedale di Bassano del Grappa Via dei Lotti, Bassano del Grappa (VI) Tel

CENTRO DIURNO LA PERSONA AL CENTRO

CENTRO DIURNO LA PERSONA AL CENTRO CENTRO DIURNO LA PERSONA AL CENTRO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA Il Centro Diurno LA PERSONA AL CENTRO accoglie soggetti disabili adulti (18-65 anni) sprovvisti di capacità lavorative con disabilità psico-fisica

Dettagli

U.O. DISABILITA CENTRO DIURNO PER PERSONE DISABILI MAROSTICA

U.O. DISABILITA CENTRO DIURNO PER PERSONE DISABILI MAROSTICA U.O. DISABILITA CENTRO DIURNO PER PERSONE DISABILI MAROSTICA PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA Il Centro diurno per le persone con disabilità di Marostica è una struttura semiresidenziale sociosanitaria destinata

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE PER PERSONE CON DISABILITÀ LA CASA DELLE ROSE

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE PER PERSONE CON DISABILITÀ LA CASA DELLE ROSE RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE PER PERSONE CON DISABILITÀ LA CASA DELLE ROSE PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Residenza Sanitaria Assistita per le persone con disabilità si connota come una risposta

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE

SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE Lo stage in cooperativa. Un esperienza di lavoro per crescere assieme. IL GRANELLO COOPERATIVA SOCIALE ONLUS Via Amalteo, 74-33078 San Vito al Tagliamento

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

COMUNE DI STRADELLA Via Marconi,35 27049 Stradella (PV)

COMUNE DI STRADELLA Via Marconi,35 27049 Stradella (PV) COMUNE DI STRADELLA Via Marconi,35 27049 Stradella (PV) Servizio di Formazione All Autonomia per Persone Disabili P.zza L. Meriggi 27049 Stradella (PV) Tel. 0385/44313 Fax 0385/246460 E-mail: sfacomunedistradella@libero.it

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.)

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENNI STORICI Il CSE (Centro Socio Educativo) di Piario, ora CDD (Centro Diurno per persone con Disabilità) è stato aperto nel 1982 su iniziativa degli

Dettagli

via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it

via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it indice 1. FINALITA pag. 2 2. CRITERI DI AMMISSIONE E DIMISSIONE pag. 2 3. RETTA E SPESE PERSONALI pag.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA NOTA DI ACCOGLIENZA Gentile Signora, Gentile Signore, con la presente Le vogliamo fornire una Guida che Le sia di aiuto per orientarsi e conoscere la Struttura Sanitaria alla

Dettagli

S.S.D. DISABILITA. Coordinatori Centri Diurni: Ivan Luca Moro, Sergio Moresco, Fabrizio Farronato, Doppio Marco, Rigoni Stefano.

S.S.D. DISABILITA. Coordinatori Centri Diurni: Ivan Luca Moro, Sergio Moresco, Fabrizio Farronato, Doppio Marco, Rigoni Stefano. S.S.D. DISABILITA PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura realizza attività ed interventi nell Area della Disabilità individuando percorsi riabilitativi finalizzati al raggiungimento delle autonomie,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. del CENTRO SOCIO EDUCATIVO ARCOBALENO

CARTA DEI SERVIZI. del CENTRO SOCIO EDUCATIVO ARCOBALENO CARTA DEI SERVIZI del CENTRO SOCIO EDUCATIVO ARCOBALENO A cura del Comune di Castelfidardo Ufficio Assistenza PREMESSA Allo scopo di garantire informazione, trasparenza e standard adeguati di efficacia

Dettagli

S.S.E.R. NUOVA EDUCATIVA TERRITORIALE

S.S.E.R. NUOVA EDUCATIVA TERRITORIALE CARTA DEL SERVIZIO S.S.E.R. NUOVA EDUCATIVA TERRITORIALE CARTA DEL SERVIZIO Strumento di base che regola i rapporti fra Servizio e utenti nonché dichiarazione d intenti con la quale la cooperativa Il Punto

Dettagli

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 2 di 7 Denominazione del presidio: CAD Laboratori via Pio Ubicazione/Indirizzo: via PIO VII, 61 (zona lingotto) Come si raggiunge: linee

Dettagli

Residenza per anziani "Le Querce"

Residenza per anziani Le Querce Residenza per anziani "Le Querce" La residenza Nata da una sinergia tra il Comune di Cavenago Brianza e la C.R.M Cooperativa Sociale a r.l., la Residenza «Le querce» è pensata per l assistenza agli anziani

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 1 IDENTITA DEL CENTRO DISABILI E istituito presso i locali di proprietà dell Ipab Manlio Canepa in V.le Vittoria loc. San Terenzo, un Centro diurno per disabili

Dettagli

SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA (PERCORSI PARALLELI E PROGETTI MIRATI DI TERRITORIO

SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA (PERCORSI PARALLELI E PROGETTI MIRATI DI TERRITORIO SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA (PERCORSI PARALLELI E PROGETTI MIRATI DI TERRITORIO Cenni storici Il Servizio S.F.A. nasce nel giugno del 2001 in conformità con quanto stabilito nel Capitolato speciale

Dettagli

COMUNE DI GORGONZOLA Provincia di Milano. Assessorato Servizi alla Persona - Sanità. Regolamento del Centro Diurno Disabili

COMUNE DI GORGONZOLA Provincia di Milano. Assessorato Servizi alla Persona - Sanità. Regolamento del Centro Diurno Disabili COMUNE DI GORGONZOLA Provincia di Milano Assessorato Servizi alla Persona - Sanità Regolamento del Centro Diurno Disabili Delibera di Consiglio Comunale n. del 2 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO

Dettagli

Centro Socio Educativo (C.S.E.) di Brembate Sopra Via xxv Aprile Via Donizzetti 60. Redatta in conformità alla D.G.R. n. 7/20763 del 16/02/2005

Centro Socio Educativo (C.S.E.) di Brembate Sopra Via xxv Aprile Via Donizzetti 60. Redatta in conformità alla D.G.R. n. 7/20763 del 16/02/2005 Centro Socio Educativo (C.S.E.) di Brembate Sopra Via xxv Aprile Via Donizzetti 60 Redatta in conformità alla D.G.R. n. 7/20763 del 16/02/2005 Brembate sopra, settembre 2010 La Carta dei Servizi è il requisito

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 maggio 2007. Servizio di assistenza domiciliare Distretto n. 2

Carta dei Servizi rev. 1 maggio 2007. Servizio di assistenza domiciliare Distretto n. 2 Carta dei Servizi rev. 1 maggio 2007 Servizio di Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Distretto socio sanitario n. 2 Direttore: dott. Carmine Capaldo Coordinatore: AFD Giovanni Righetti Sede principale DOMEGLIARA,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO 1)Finalità del servizio Il Servizio di Assistenza Domiciliare ha lo scopo di favorire il mantenimento al

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI APPROVATO DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

Azione Disabilità. Per raggiungere gli obiettivi enunciati si perseguiranno sue punti: Le attività previste verranno realizzate in tre fasi:

Azione Disabilità. Per raggiungere gli obiettivi enunciati si perseguiranno sue punti: Le attività previste verranno realizzate in tre fasi: Azione Disabilità Num. Scheda 2 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare per disabili LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è consentire alle persone disabili la permanenza nell abituale contesto di vita

Dettagli

Unità di offerta. che possono essere incluse nel Piano Socio Sanitario della. Regione Veneto

Unità di offerta. che possono essere incluse nel Piano Socio Sanitario della. Regione Veneto giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 84 del 16 gennaio 2007 pag. 0/44 Allegato B) Dgr n. del 4444 Pagine Unità di offerta che possono essere incluse nel Piano Socio Sanitario della Regione

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 Titolo progetto Attività Integrative all Assistenza Domiciliare Integrata Tipologia destinatari A06 Disabili Giorni /ore di servizio 5 giorni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO DISABILI

Dettagli

DISTRETTO DI LUINO CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO DISABILI DI LUINO

DISTRETTO DI LUINO CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO DISABILI DI LUINO DISTRETTO DI LUINO CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO DISABILI DI LUINO Il Centro Diurno Disabili è gestito dal 2003 dal Comune di Luino in qualità di Ente capofila del Distretto di Luino a seguito del

Dettagli

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l.

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l. MICRONIDO l ABBRACCIO VIA SAN CARLO 11 CASCINA POGLIANASCA ARLUNO (MILANO) CARTA DEI SERVIZI 2013/14 La Carta dei Servizi è un documento che evidenzia in tutta trasparenza le modalità di erogazione del

Dettagli

Carta Dei Servizi. Servizio Di Assistenza Specialistica Scolastica Ed Extra Scolastica. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0

Carta Dei Servizi. Servizio Di Assistenza Specialistica Scolastica Ed Extra Scolastica. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Carta Dei Servizi Servizio Di Assistenza Specialistica Scolastica Ed Extra Scolastica Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Pagina 1 FINALITÀ DELLA CARTA DEI SERVIZI La realizzazione di una carta dei

Dettagli

Una finestra sul mondo

Una finestra sul mondo Domus Coop Una finestra sul mondo LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno strumento che noi della Cooperativa Sociale Domus Coop mettiamo a disposizione di chi vuole conoscerci per orientarsi al

Dettagli

DISCIPLINARE DI SERVIZIO

DISCIPLINARE DI SERVIZIO ALLEGATO B DISCIPLINARE DI SERVIZIO PER L ACCREDITAMENTO DELL UNITA DI OFFERTA SOCIALE SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA PER LE PERSONE DISABILI (S.F.A) Oggetto Oggetto del presente documento è la descrizione

Dettagli

CENTRO LAVORO E ARTE

CENTRO LAVORO E ARTE LIBERA ASSOCIAZIONE PRO-HANDICAPPATI Via 4 novembre 7 Lodi Vecchio Tel :0371 464188 e mail info@centrolavoroearte.it CENTRO LAVORO E ARTE Modulo A 1. SCHEMA GENERALE DEL CENTRO 2. TIPOLOGIA D UTENZA 3.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI CARTA DEI SERVIZI SOCIALI (ai sensi della L. n. 328/2000 e della L. R. n. 4/2007) Centro Diurno e Sostegno Educativo Domiciliare Aggiornata al Gennaio 2015 Consorzio C.S. Potenza CONFCOOPERATIVE FEDERSOLIDARIETA

Dettagli

Servizio Centro di Aggregazione Disabili GIODIS. Approfondimento. Il progetto: valori ed orientamento

Servizio Centro di Aggregazione Disabili GIODIS. Approfondimento. Il progetto: valori ed orientamento Il progetto: valori ed orientamento La storia Il servizio nasce nei primi anni 80 come sviluppo del Servizio Formazione Autonomia (SFA), uno spazio per il tempo libero pomeridiano sorto grazie all Associazione

Dettagli

Carta dei servizi Centro Medico di Fisioterapia ed Estetica S.n.c. Villa Sarina

Carta dei servizi Centro Medico di Fisioterapia ed Estetica S.n.c. Villa Sarina Carta dei servizi Centro Medico di Fisioterapia ed Estetica S.n.c. Villa Sarina Rev 02 del 31.12.07 File Carta dei servizi Pagina 1 di 10 Informazioni generali Informazioni generali La Carta dei Servizi

Dettagli

Indice 1. CARTA DI IDENTITA... 3 2. IL SERVIZIO CENTRO DIURNO... 6 FINALITÀ... 6 MISSION... 3 VALORI... 3 CERTIFICAZIONE ISO 9001...

Indice 1. CARTA DI IDENTITA... 3 2. IL SERVIZIO CENTRO DIURNO... 6 FINALITÀ... 6 MISSION... 3 VALORI... 3 CERTIFICAZIONE ISO 9001... Febbraio 2015 Indice 1. CARTA DI IDENTITA... 3 MISSION... 3 VALORI... 3 CERTIFICAZIONE ISO 9001... 4 ORGANIGRAMMA... 5 2. IL SERVIZIO CENTRO DIURNO... 6 FINALITÀ... 6 DESTINATARI... 6 STRUTTURE E I RIFERIMENTI...

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA. Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0

CARTA DEI SERVIZI. Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA. Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0 CARTA DEI SERVIZI Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0 LA NOSTRA STORIA Una moderna e accogliente struttura residenziale che offre ad

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI

RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI CARPI (MO) Via 3 Febbraio 1831, N 9 Tel. 059/682774 e Fax. 059/684575 e-mail: residenza.stella@stellacarpi.it CARTA DEI SERVIZI

Dettagli

UN ANNO PER CRESCERE INSIEME

UN ANNO PER CRESCERE INSIEME TITOLO DEL PROGETTO: UN ANNO PER CRESCERE INSIEME SETTORE E AREA D INTERVENTO Assistenza - Minori LUOGO DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO ENTE TITOLARE DEL PROGETTO COMUNE INDIRIZZO CODICE SEDE ATTUAZIONE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona

CARTA DEI SERVIZI. SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona CARTA DEI SERVIZI SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona 1 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno degli strumenti che un organizzazione utilizza per dare informazioni sulle attività che

Dettagli

Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE

Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE LA CASA RIFUGIO Finalità La Casa Rifugio è una struttura nella

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

INDICE. Art. 1 Obiettivi pag. 2. Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3. Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag.

INDICE. Art. 1 Obiettivi pag. 2. Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3. Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag. INDICE Art. 1 Obiettivi pag. 2 Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3 Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag. 3 Art. 4 Le attività della Comunità pag. 4 Art. 5 Tempi di apertura

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

Servizio Specialistico Ambulatoriale

Servizio Specialistico Ambulatoriale Servizio Specialistico Ambulatoriale Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure,

Dettagli

Centro accreditato di Riabilitazione

Centro accreditato di Riabilitazione Centro accreditato di Riabilitazione Carta dei Servizi Revisione 3 del 20.01.2015 INTRODUZIONE: La Carta dei Servizi vuole essere il documento che formalizza il contratto stipulato tra il nostro Centro

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE Notizie Operative ed Informazioni Pratiche 15/04/2014 ESTRATTO notizie operative ed informazioni pratiche numeri utili Relativi al servizio di Assistenza

Dettagli

Comuni di Baricella, Minerbio, Granarolo dell Emilia, Malalbergo, San Pietro in Casale, Pieve di Cento, Galliera, Azienda USL Pianura Est

Comuni di Baricella, Minerbio, Granarolo dell Emilia, Malalbergo, San Pietro in Casale, Pieve di Cento, Galliera, Azienda USL Pianura Est Allegato alla delibera di C. C. n. del REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Art.1 FINALITA L assistenza domiciliare è un servizio teso a favorire la ripresa sul piano

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona AREA PSICOLOGI SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI e AFFIDI FAMILIARI DISTRETTUALE SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI Il servizio ha l obiettivo di garantire in sinergia

Dettagli

L Aurora. Comunità Alloggio per Anziani. Carta dei servizi

L Aurora. Comunità Alloggio per Anziani. Carta dei servizi L Aurora Comunità Alloggio per Anziani Carta dei servizi CARTA DEI SERVIZI Sommario Caratteristiche della carta servizi... 2 L Aurora di Marzo S.r.l.... 2 La Comunità Alloggio L Aurora... 2 Servizi Offerti...

Dettagli

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS Area Persone Anziane Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS OBIETTIVI Scopo del servizio è permettere agli anziani, parzialmente o totalmente non

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE. - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005;

REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE. - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005; CITTA DI CONEGLIANO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005; - Data entrata in vigore: 14.10.2005 1 REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE ARTICOLO 1

Dettagli

Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa

Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa CARTA DEI SERVIZI Conforme alla Delibera della Regione Toscana n. 566 del 31/07/2006 (aggiornata al 16 aprile 2013) Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa

Dettagli

carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D.

carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D. carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D. chi siamo Coopselios è una Cooperativa Sociale di tipo A no-profit ai sensi della legge 381/91. È un soggetto del welfare community presente da oltre 25

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: ENTE CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e

Dettagli

PROTOCOLLO DI CONTINUITA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI CONTINUITA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI CONTINUITA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ: dalla SCUOLA D INFANZIA alla SCUOLA PRIMARIA alla SCUOLA SECONDARIA- Questo documento denominato Protocollo di Continuità per gli alunni

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione: Regione Campania

Dettagli

L UTILIZZO DELLA BINA-FAR DA PARTE DELLE CASE RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E DEI CENTRI DIURNI PER ANZIANI

L UTILIZZO DELLA BINA-FAR DA PARTE DELLE CASE RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E DEI CENTRI DIURNI PER ANZIANI L UTILIZZO DELLA BINA-FAR DA PARTE DELLE CASE RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E DEI CENTRI DIURNI PER ANZIANI (servizi accreditati e convenzionati) Prima parte per UVG ed incontri preparatori

Dettagli

UNITA ORGANIZZATIVA RESIDENZIALITÀ TERRITORIALE

UNITA ORGANIZZATIVA RESIDENZIALITÀ TERRITORIALE UNITA ORGANIZZATIVA RESIDENZIALITÀ TERRITORIALE PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA L Unità organizzativa Residenzialità Territoriale garantisce agli utenti ed ai suoi famigliari un servizio sul percorso per

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA CASTRIOTA E CORROPPOLI CARTA DEI SERVIZI

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA CASTRIOTA E CORROPPOLI CARTA DEI SERVIZI AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA CASTRIOTA E CORROPPOLI ISCRITTA NEL REGISTRO REGIONALE DELLE AZIENDE PUBBLICHE DI SERVIZI ALLA PERSONA ISTITUTITO PRESSO IL SERVIZIO SISTEMA INTEGRATO SERVIZI SOCIALI CON

Dettagli

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. Ce.Se.A. nasce nel 1999, presso il Centro Servizi Formativi del Comune di Lecco e sullo stimolo dell allora Centro Servizio Adulti (da cui l acronimo Ce.Se.A.)

Dettagli

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI Messina COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 Società Cooperativa Sociale AZIONE SOCIALE P.zza S.Giovanni, 15

Dettagli

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione 1 PROGETTO ASILO NIDO GESTIONE DEL SERVIZIO ASILO NIDO E DEL POST-NIDO Premessa: La traccia

Dettagli

Anni di Cure e Amore 2004-2014. Carta dei Servizi

Anni di Cure e Amore 2004-2014. Carta dei Servizi Anni di Cure e Amore 2004-2014 Carta dei Servizi Anniversario 2004-2014 GENTILE OSPITE, BENVENUTO NELLA RESIDENZA SMERALDA. La carta dei servizi è, oltre che un impegno, uno strumento utile per orientare

Dettagli

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio INDICE IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio 1. Dove siamo pag. 3 2. Chi siamo pag. 3 3. Orari e giorni di apertura del centro pag. 5 4. Pernottamento pag. 6 5.Trasporto con mezzo e accompagnatore pag.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD)

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) PREMESSA Il presente regolamento del Servizio di Assistenza Domiciliare fa riferimento alle disposizioni della legislazione nazionale, regionale

Dettagli

CARTA dei SERVIZI. di Cure Domiciliari della coop.

CARTA dei SERVIZI. di Cure Domiciliari della coop. CARTA dei SERVIZI di Cure Domiciliari della coop. 1 La carta dei servizi costituisce un importante punto di riferimento per l utente che può conoscere agevolmente i servizi e le loro modalità di erogazione.

Dettagli

NOI CITTADINI COME VOI

NOI CITTADINI COME VOI TITOLO DEL PROGETTO: NOI CITTADINI COME VOI SETTORE E AREA D INTERVENTO Assistenza - Disabili LUOGO DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO ENTE TITOLARE DEL PROGETTO COMUNE INDIRIZZO CODICE SEDE ATTUAZIONE N. VOLONTARI

Dettagli

Se un uomo parte con delle certezze finirà con dei dubbi. Se si accontenta di iniziare con qualche dubbio, arriverà alla fine a qualche certezza.

Se un uomo parte con delle certezze finirà con dei dubbi. Se si accontenta di iniziare con qualche dubbio, arriverà alla fine a qualche certezza. CARTA dei SERVIZI Se un uomo parte con delle certezze finirà con dei dubbi. Se si accontenta di iniziare con qualche dubbio, arriverà alla fine a qualche certezza. La carta dei servizi di Anffas onlus

Dettagli

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ALL ISC 05 Ed 1 -Rev 1 del 08/2011 SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO N 5705/0 SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA- INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E SEDI ASSOCIATE Il

Dettagli

REGOLAMENTO CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI

REGOLAMENTO CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI Comune di Calusco d Adda REGOLAMENTO CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI (approvato con deliberazione del C.C. n.20 del 11.05.2007 e modificato con deliberazioni del C.C. n.22 del 26.04.2010 e n.14 del

Dettagli

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 MODIFICATO CON D.C.C. N. 265 DEL 07/11/2002 Natura, destinatari e finalità del servizio Il Centro Diurno

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA Documentazione Sistema Qualità Pag. 1 di 11 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA DELLA ZONA ALTA VALDELSA Numero Revisione Motivo Data 1 APPROVAZIONE CONSIGLIO

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

Consorzio Privatassistenza Cooperativa LA LUCE Via Roma 49, 21053 Castellanza (VA)

Consorzio Privatassistenza Cooperativa LA LUCE Via Roma 49, 21053 Castellanza (VA) Carta dei Servizi Consorzio Privatassistenza Cooperativa LA LUCE Via Roma 49, 21053 Castellanza (VA) PAGINA 2 CARTA DEI SERVIZI Indice 2 Premesse 2 Principi della Carta dei Servizi 3 Obiettivi dei Servizi

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO 2014/15

CARTA DEL SERVIZIO 2014/15 CARTA DEL SERVIZIO 2014/15 Presentazione dell Associazione La Cascina La nostra storia inizia nel 1982 dall incontro di alcune persone che -come cittadini e volontari- hanno cercato risposte plausibili

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 22.03.2006 Pubblicato dal 11.04.2006 al 26.04.2006

Dettagli

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PRESENTAZIONE E OBIETTIVI Il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) è un servizio di aiuto a carattere professionale realizzato presso il domicilio delle

Dettagli

Centro Socio Educativo Riabilitativo Diurno per Disabili. Un mondo a colori

Centro Socio Educativo Riabilitativo Diurno per Disabili. Un mondo a colori Carta dei servizi Nella carta dei servizi sociali sono definiti i criteri per l accesso ai servizi, le modalità del relativo funzionamento, le condizioni per facilitarne le valutazioni da parte degli utenti

Dettagli

CODICE ETICO CSS IL SORRISO

CODICE ETICO CSS IL SORRISO CODICE ETICO PREMESSA La Comunità Socio sanitaria Il Sorriso è una struttura residenziale, che accoglie persone disabili, impossibilitate a restare nel proprio nucleo familiare o prive dello stesso, fornendo

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Carta dei Servizi 1

CARTA DEI SERVIZI. Carta dei Servizi 1 CARTA DEI SERVIZI Le nostre finalità prevenire e rimuovere le situazioni di bisogno nel quadro di una politica generale volta a superare gli squilibri nel territorio; svolgere interventi sociali volti,

Dettagli

Cooperativa Tempo per l Infanzia ONLUS

Cooperativa Tempo per l Infanzia ONLUS CARTA DEI SERVIZI Servizi socio-educativi per disabili e loro famiglie Questo documento vuole far conoscere in modo chiaro i servizi che la Cooperativa Tempo per l Infanzia, offre nell ambito dei ragazzi

Dettagli

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE Sportello di informazioni sulla disabilità 4 È un servizio promosso dalle associazioni Abc-Liguria e Dopodomani Onlus per dare informazioni ed indicazioni

Dettagli

Carta del servizio della Comunità Alloggio Crisalide - Coop. Il Raggio COMUNITÀ CRISALIDE CARTA DEL SERVIZIO. Sommario

Carta del servizio della Comunità Alloggio Crisalide - Coop. Il Raggio COMUNITÀ CRISALIDE CARTA DEL SERVIZIO. Sommario COMUNITÀ CRISALIDE CARTA DEL SERVIZIO Questa carta del servizio è uno strumento di comunicazione tra il servizio e il pubblico. Contiene le informazioni essenziali per conoscere il servizio, le prestazioni

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD aree anziani, disabili, nuove povertà)

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD aree anziani, disabili, nuove povertà) COMUNE DI SESTO CALENDE (Provincia di Varese) Area dei Servizi Educativi e Socio-Culturali SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD aree anziani, disabili, nuove povertà) CARTA DEI SERVIZI Approvata con

Dettagli

Cooperativa CO.S.S.A.G.I.

Cooperativa CO.S.S.A.G.I. CARTA DEI SERVIZI Cooperativa CO.S.S.A.G.I. Aggiornata con CdA del 31/10/2014 Cooperativa Sociale CO.S.S.A.G.I. Onlus sede legale e amministrativa Corso Italia n. 22 09092 Arborea (Or) e-mail coop.soc.cossagi@tiscali.it

Dettagli

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI Nell ambito delle azioni previste dalla Legge 328/2000, volte ad assicurare l esistenza

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli