Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.fisiokinesiterapia.biz"

Transcript

1 Linfomi non-hodgkin s: definizione Malattie neoplastiche con aspetti quanto mai eterogenei, con caratteristiche morfologiche, fenotipiche, genotipiche e talora funzionali corrispondenti ad uno o più degli stadi di maturazione e trasformazione delle cellule linfoidi. Possono originare da cellule B (85% dei casi) o da cellule T.

2 WHY did I develop lymphoma? AETIOLOGY of LYMPHOMA generally unknown Exceptions (risk factors): Immunodeficiency: HIV, post-tansplant, primary immunodeficiencies, (pesticides?) Previous dx of another lymphoid malignancy

3 PHYSICIAN s ANSWERS We do not know WHY you developed lymphoma BUT in many cases we know pretty well HOW your lymphoma developed

4 Is it useful to know HOW did my lymphoma develop? YES Because molecular markers may contribute to: Better diagnosis Prognostication Choice of therapy Molecular monitoring

5

6 VDJ RECOMBINATION in bone marrow recombination-activating genes 1 and 2 (RAG-1 and RAG-2)

7

8 B-CELL EVENTS in GERMINAL CENTRE MEMORY B-CELS SECONDARY B-CELL BLASTS PLASMACELLS STABLE CLASS SWITCHING FDC CENTROCYTES centrocytes centroblasts CENTROBLASTS DARK ZONE APICAL LIGHT ZONE BASAL LIGHT ZONE SOMATIC HYPERMUTATION ONGOING VIRGIN B-CELLS

9 SOMATIC HYPERMUTATION (SHM) of IgV GENES GERMINAL CENTER B CELLS Germline A T A A G C A C C T G G G A T A Somatically mutated T T A A C C C C C T G A G A T A

10 IgV SOMATIC HYPERMUTATION has the POTENTIAL to INCREASE AFFINITY of the BCR for ANTIGEN SOMATIC HYPERMUTATION

11 Patogenesi Molecolare dei Linfomi Non Hodgkin s Il linfoma si sviluppa per un alterato funzionamento dei meccanismi che regolano l espressione di protooncogeni e/o per perdita di geni onco-soppressori. I meccanismi che determinano tali alterazioni sono: Traslocazioni cromosomiche Delezioni geniche Amplificazioni geniche Ipermutazioni somatiche

12 MOLECULAR PATHWAYS in B-CELL LYMPHOMAGENESIS Mantle cell lymphoma VIRGIN B-CELLS BCL-1 MALT lymphoma API2/MLT MARGINAL ZONE GERMINAL CENTER Lymphoplasmacytoid lymphoma PAX-5 HHV-8 Primary effusion lymphoma PLASMA CELL MANTLE MEMORY B-CELS Follicular lymphoma BCL-2 p53 BCL-6? DLBCL c-myc p53 Burkitt lymphoma

13

14 Virgin B-cells HISTOGENETIC MARKERS of B-NHL Germinal center B-cells Memory B-cells FDC IgV mutations BCL-6 mutations Plasmacells BCL-6 MUM-1 CD138

15 HISTOGENESIS of B-cell NHL Virgin B cells Centroblasts/ Centrocytes Memory B cells FDC Plasma cells Mantle cell lymphoma Follicular lymphoma Burkitt lymphoma DLBCL Immunocytoma MALT-lymphoma DLBCL

16 Traslocazioni cromosomiche (I) Rappresentano il più comune meccanismo di deregolazione e conseguente attivazione di un particolare proto-oncogene. Il proto-oncogene, bersaglio del riarrangiamento, mappa vicino ad uno dei punti di rottura. L espressione del proto-oncogene è alterata perché la traslocazione lo pone sotto il controllo di sequenze eterologhe che favoriscono l espressione dei geni delle immunoglobuline o di altri geni espressi durante l ontogenesi B ( promoter/enhancers sequences )

17 Traslocazioni cromosomiche (II) La conseguenza del riarrangiamento è un eccessiva produzione di una proteina normale, quella codificata da quel particolare oncogene. Salvo rare eccezioni, non vengono mai prodotte proteine di fusione Sul piano patogenetico la traslocazione è forse dovuta ad errori nei processi di: Ricombinazione somatica Mutazione ipersomatica

18 Traslocazioni cromosomiche (III) Si distinguono in: Omotipiche: il proto-oncogene è fisiologicamente espresso dalle cellule di quel tessuto e viene solo sovraespresso dal tessuto tumorale Eterotipiche: il proto-oncogene non è fisiologicamente espresso dalle cellule di quel tessuto e viene ectopicamente espresso a causa della traslocazione Ciascuna è caratteristicamente correlata ad uno specifico sottotipo istologico di linfoma Non sono da sole sufficienti ad indurre la malattia

19 DIAGNOSI MOLECOLARE del L. MANTELLARE Linfoma mantellare CELLULE B VERGINI BCL-1 ZONA MARGINALE CENTRO GERMINATIVO PLASMACELLULA MANTELLO CELLULA B MEMORIA

20 Linfoma mantellare La cellula linfomatosa ha un fenotipo simile a quello espresso dalle cellule del follicolo o del mantello. Un altra somiglianza consiste nella mancanza di mutazioni del gene che codifica per la regione variabile delle immunoglobuline Il 65% circa dei pazienti presenta la traslocazione t(11;14)(q13;q32)

21 ANALISI MEDIANTE FISH del RIARRANGIAMENTO di BCL1 in LINFOMA MANTELLARE Centro per lo Studio e la Cura delle Malattie del Sangue Novara

22 t(11;14)(q13;q32) Giustappone il gene che codifica per l elemento J delle catene pesanti delle immunoglobuline, mappato in 14q32, al gene bcl-1, mappato in 11q13. Nella maggioranza dei casi (30-55%) il punto di rottura cade nel Major Translocation Cluster (MTC), ma nel 10-20% dei pazienti il punto di rottura è più distale Bcl-1 non è il gene sovra-espresso a causa della traslocazione. Infatti quest ultima determina un aumentata espressione del gene che codifica per la ciclina D1, situato 120kb a valle di Bcl-1.

23 Ciclina D1 (I) Non è normalmente espressa da linfociti e cellule mieloidi, ma costantemente espressa dalle cellule del mantello Il ruolo importante della ciclina D1 nella patogenesi del linfoma è dimostrato dal fatto che la sua espressione è aumentata anche nei pazienti con traslocazioni varianti o con trascritti aberranti che prolungano l emivita della molecola

24 Ciclina D1 (II) La sua sovra-espressione causa un accorciamento della fase G1 ed una minor dipendenza da fattori di crescita esterni. Una volta sovra-espressa favorisce la crescita tumorale agendo in due modi: Aumentando la fosforilazione e bloccando l azione anti-proliferativa di Rb-1, o direttamente o indirettamente previa formazione di complessi con le kinasi ciclina dipendenti 4 e 6 Associandosi ad alterazioni del gene p27 Kip1

25 Ciclina D1 (III) Se la sua espressione è aumentata la cellula assume un fenotipo sempre più aggressivo, determinato anche dallo sviluppo di mutazioni a carico di TP53 e da delezioni a carico di p16 INK4a e p15 INK4b, geni che inibiscono le kinasi ciclina dipendenti

26 CYCLIN-DEPENDENT KINASES (CDK) Composte da: Subunità catalitica + Ciclina Le subunità catalitiche sono attive solo quando complessate con le cicline Le cicline e le subunità CDK formano complessi 1:1 che producono l oloenzima CDK Si conoscono almeno 9 CDK (1-9) e 15 cicline (A-T) Ciclina D1/CDK4 fosforila RB1 abrogandone l azione oncosoppressoria

27 MOLECULAR PATHOGENESIS OF FOLLICULAR LYMPHOMA MARGINAL ZONE VIRGIN B CELLS GERMINAL CENTER PLASMA CELL MANTLE MEMORY B CELL Follicular lymphoma BCL-2 p53 p15 p16 Aberrant hypermutation BCL-6? Diffuse large B cell lymphoma Hematology Unit DMS & IRCAD Novara

28 Linfoma Follicolare La composizione cellulare è simile a quella del follicolo secondario. Le cellule esprimono CD10 e mostrano mutazioni già presenti o in via di sviluppo nei geni che codificano per la regione variabile delle immunoglobuline. Nell 80% dei pazienti si osserva la traslocazione t(14;18)(q32;q21), nel 20% dei pazienti si dimostra invece il riarrangiamento della banda 3q27.

29 t(14;18)(q32;q21) Chromosome 14 Chromosome 18 q p Immunoglobulin heavy chain (IgH) q p BCL-2 breakpoints ex.1 ex.2 ex.3 5 3

30 t(14;18)(q32;q21) Giustappone il gene che codifica per l elemento J delle catene pesanti delle immunoglobuline, mappato in 14q32, al gene Bcl-2 Determina un aumentata espressione della proteina Bcl-2

31 Punti di rottura in Bcl-2 Nel 70% dei casi a livello dell estremità 3 non tradotta del gene, in vicinanza al terzo esone. Questa regione è chiamata Major breakpoint region (MBR) Nel 5-20% dei casi 20kb a valle di Bcl-2, in una regione chiamata minor cluster region (MCR) In una piccola frazione di pazienti il punto di rottura cade a livello dell estremità 5 del gene, in una regione chiamata variant cluster region (VCR)

32 Patogenesi della traslocazione Studi iniziali avevano individuato nucleotidi random a livello dei punti di rottura della traslocazione e ciò aveva fatto supporre che il riarrangiamento fosse dovuto ad errori nel processo di ricombinazione dei geni delle immunoglobuline Più recentemente però l applicazione delle metodiche di sequenziamento genico ha permesso di escludere la presenza di siti necessari all attivazione della ricombinasi a livello dei punti di rottura

33 Chr. 18 Chr. 14 BCL-2 IgH ex.1 ex.2 ex.3 5 J 3 H S μ E μ C μ + up-regolazione trascrizionale di BCL-2

34 Bcl-2 (I) E una proteina a sede mitocondriale, ma si trova anche a livello della membrana nucleare e citoplasmatica Induce un blocco della morte cellulare programmata per: Inibizione delle caspasi, attivate da un aumentata espressione di FAS (CD20) Blocco dell azione pro-apoptotica svolta dalle molecole BAX e BAD Interazione con la proteina BH3

35 Bcl-2 (II) Principale meccanismo d azione: blocca la distruzione della membrana mitocondriale da parte del sistema BAX/BAD e perciò impedisce la fuoriuscita di citocromo C dal mitocondrio e la successiva attivazione delle caspasi Bloccando l apoptosi determina l immortalizzazione della cellula.

36 Il BCL-2 è un componente integrale della membrana di: Mitocondri Nucleo Reticolo endoplasmatico BCL2

37 Importanza del blocco dell apoptosi Permette alla cellula di sopravvivere in ambienti ostili (es.: poveri di citochine o in O 2 ) Permette di sopravvivere a distanza dal microambiente Elimina condizioni pro-apoptotiche, causate dall attivazioni di particolari proto-oncogeni

38 Ruolo di Bcl-2 nella patogenesi del Linfoma (I) Controverso: Il 35-50% dei soggetti sani di solito in età avanzata, studiati con RT PCR ad elevata sensibilità, presenta la t(14;18) Riarrangiamenti non neoplastici possono svilupparsi dieci mesi dopo la terapia in soggetti precedentemente affetti da linfoma. Si ritiene che essi siano dovuti ad una ricostituzione dell immunità

39 Ruolo di Bcl-2 nella patogenesi del Linfoma (II) L aumentata espressione non è da sola sufficiente a causare il linfoma, ma probabilmente ne favorisce solo lo sviluppo perché il blocco dell apoptosi permette alla cellula di acquisire di ulteriori alterazioni geniche

40 Ruolo di Bcl-2 nella patogenesi del Linfoma (III) Necessità di monitorare i soggetti sani con traslocazione 14;18 per dimostrare una possibile correlazione con: Un particolare fenotipo Età avanzata Presenza di cloni minori

41 Significato prognostico del riarrangiamento (I) Il punto di rottura in MCR dà la miglior risposta terapeutica (98% di remissione complete e 96% di remissione libera da malattia a tre anni), mentre un punto di rottura in MBR o una configurazione germline di Bcl-2 si associano ad un inferiore risposta Complessivamente una risposta completa con negativizzazione del dato molecolare si ottiene in un terzo dei pazienti

42 Lopez-Guillermo et al, Blood 1999;93;3081

43 Significato prognostico del riarrangiamento (II) Qual è l impatto della negativizzazione molecolare sulla sopravvivenza libera da malattia? Nessuno se la t(14;18) scompare a breve distanza dalla fine della chemioterapia (entro sei mesi), ma importante se la scomparsa persiste dopo il primo anno dalla fine della chemioterapia

44 Significato prognostico del riarrangiamento (III) Qual è il significato della frequente dissociazione tra dato molecolare e dato clinico? Da definire Pazienti in RC con dato molecolare positivo Pazienti in recidiva clinica ma con dato molecolare negativo

45 Linfoma Follicolare t(14;18) negativo Incidenza: 15% Suddivisi in: 30% Bcl % Bcl-2, Bcl-6+

46 Linfoma follicolare a grandi cellule Due tipi istologici: 3a, con prevalenza di centroblasti ma centrociti ancora presenti 3b, con presenza pressochè esclusiva di centroblasti t(14;18) osservata nel 73% dei casi 3a versus 13% dei casi 3b CD10 espresso dal 100% dei pazienti 3a ma solo dal 50% dei pazienti 3b Bcl-6 espresso nel 44% dei casi 3b

47 Linfoma follicolare a grandi cellule 3B Entità biologica e clinica eterogenea La maggior parte delle cellule sono centroblasti, mancano i centrociti In nessun caso si osserva un aumentata espressione sia di Bcl-2 che di Bcl-6. Si distinguono tre diversi sottotipi biologici: Con t(14;18) e Bcl-2 positivo, derivato dalle forme indolenti Con anomalie cromosomiche diverse Bcl-6 positivo più simile al linfoma centroblastico diffuso

48 Linfoma follicolare a grandi cellule 3B Bcl-6 positivo Crescita follicolare con componente monocitoide Cellula linfomatosa CD5-, CD10-, CD20+, Bcl-2-, Bcl-6+ Mutazioni intraclonali a livello del primo introne di Bcl-6 indicanti un origine del linfoma dal CG Esordio più frequentemente in stadio III-IV con masse linfomatose Prognosi favorevole

49 TRASFORMAZIONE del LINFOMA FOLLICOLARE BCL-6 L. Diffuso a grandi cellule de novo BCL-2 p53, p16, p15 BCL-6 Mut Centro per lo Studio e la Cura delle Malattie del Sangue Novara L. follicolare L. Diffuso a grandi cellule trasformato

50 Linfoma diffuso a grandi cellule (I) Il 30-45% dei pazienti mostra una traslocazione bilanciata a carico della banda 3q27, che contiene il proto-oncogene Bcl-6, definito promiscuo perché si riarrangia con numerosi partners. Il punto di rottura in Bcl-6 è a livello della regione 5 non codificante ad attività regolatoria del gene. Pertanto, tutte le traslocazioni pongono la porzione codificante di Bcl-6 sotto l azione di promoter/enhancers sequences derivate dall altro cromosoma.

51 Linfoma diffuso a grandi cellule (II) Il 73% circa dei pazienti mostra mutazioni puntiformi a carico della stessa regione di BCL-6 Si tratta di mutazioni somatiche bialleliche che avvengono indipendentemente dal riarrangiamento della banda 3q27. La mutazione di BCL-6 è considerata un marcatore del transito attraverso il CG.

52

53 BCL-6 E lungo 26kb ed è formato da 10 esoni Codifica per un repressore nucleare sequenzaspecifico della trascrizione. A livello dell estremità amino-terminale contiene una regione che lega N- CoR e SMRT, repressori trascrizionali La proteina BCL-6 viene degradata non solo per fosforilazione ma anche per acetilazione

54 Funzioni di BCL-6 Essenziale per lo sviluppo del CG e per la maturazione della cellula CD4+. La sua mancanza determina una risposta infiammatoria di tipo Th2 (con produzione di IL-4, IL10, stimolatori della produzione anticorpale) con infiltrati multiorgano costituiti da eosinofili e cellule B IgE positive Regola l espressione di geni importanti per l attivazione e differenziazione dei linfociti, per la risposta infiammatoria e per il ciclo cellulare

55 BCL-6: possibile ruolo patogenetico nel linfoma diffuso a grandi cellule Il legame tra il ligante del CD40 e il promotore di BCL-6 riducono l espressione di BCL-6 e favoriscono la normale differenzazione del linfocita B transitato nel CG. Le traslocazioni cromosomiche che sostituiscono la sequenza 5 regolatoria di BCL-6 altererebbero questo meccanismo. Azione anti-apoptotica?

56 Niu, Hematol Oncol 2002;20:155

57 BCL-6 positività e caratteri clinici Elevati valori di LDH e grosse masse linfomatose Significato prognostico irrilevante per quanto riguarda la percentuale di remissione completa e la sopravvivenza globale, ma migliore sopravvivenza libera da malattia a 5 anni per i pazienti con mutazione di BCL-6 ed elevati livelli di RNA messaggero

58 PROGNOSTIC IMPACT of DFS BCL-6 MUTATIONS % pts Median follow-up 73 months months 85% 48% p=.05 A subset of BCL-6 mutations associated with DLBCL cause deregulated BCL-6 transcription Deregulating mutations are not found in normal GC B-cells Pasqualucci et al., Blood 2003 BCL6 unmutated BCL6 mutated Vitolo U, Leukemia 2002;16:268 Artiga et al., Am J Pathol 2002;160:1371

59 Linfoma di Burkitt Hanno come bersaglio il gene c-myc, mappato a livello della banda 8q24. La proteina codificata dal gene viene sovraespressa per: Mutazioni insorte nella sequenza regolatoria del gene posta all estremità 5 Mutazioni missense che interferiscono con la fosforilazione del gene Traslocazioni cromosomiche

60 Linfoma di Burkitt: traslocazioni cromosomiche t(8;14): Nelle forme endemiche il punto di rottura sul cromosoma 8 si trova kb a monte di c- MYC che viene giustapposto all elemento J H Nelle forme sporadiche il punto di rottura si trova all estremità 5 del gene c-myc, che viene giustapposto a C H t(2;8) e t(8;22):il punto di rottura è 300kb a valle di c-myc che si fonde testa-coda con i geni per le catene leggere delle immunoglobuline

61 Proteina c-myc Proteina nucleare ad espressione ubiquitaria Fattore trascrizionale La sua espressione aumenta quando la cellula passa da uno stato di quiescenza ad uno stato di attiva proliferazione

62 Linfoma anaplastico Nel 40-60% dei pazienti con linfoma T o null si osserva la traslocazione t(2;5)(p23;q35) La traslocazione fonde il gene ALK, mappato in 2p23, con il gene NPM, mappato in 5q35 E l unico riarrangiamento che nei linfomi non-hodgkin s dà origine ad una proteina di fusione

63 Gene ALK Codifica per una proteina recettoriale transmembrana, con ligando sconosciuto ad attività tirosin kinasica. In condizioni fisiologiche una volta avvenuto il legame con il ligando si verifica la dimerizzazione della proteina e lo sviluppo dell attività kinasica

64 Gene NPM Codifica per una fosfoproteina nucleolare, che trasporta proteine dal citoplasma al nucleolo A livello della porzione carbossi-terminale contiene due siti di segnale per la localizzazione nucleare

65 Proteina chimerica NPM-ALK Formata dalla porzione di NPM, necessaria alla formazione di oligomeri e dalla porzione di ALK necessaria all attività kinasica Quindi la proteina chimerica è in grado di formare dimeri con se stessa e con moleclole NPM. La formazione di dimeri causa l attivazione dell attività kinasica di ALK senza necessità che si verifichi il legame con il ligando La tecnica più semplice per evidenziare la proteina è quella immuno-istochimica, che dimostra la proteina non solo nel citoplasma ma anche nel nucleo

66 Altre proteine formate da ALK Sono conseguenti alle traslocazioni: t(1;2)(q25;p23) t(2;3)(p23;q21) inv(2)(p23q35) Tutte formano dimeri per azione del gene partner di ALK,con conseguente sviluppo dell attività kinasica di quest ultimo L immunoistochimica ne dimostra l esclusiva localizzazioine citoplasmatica mancando le regioni per la localizzazione nucleare fornite da NPM.

67

68 Stein et al, Blood 2000;96:3681

LA DIAGNOSI DEI LINFOMI MALIGNI ATTRAVERSO TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE

LA DIAGNOSI DEI LINFOMI MALIGNI ATTRAVERSO TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE LA DIAGNOSI DEI LINFOMI MALIGNI ATTRAVERSO TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE Dott.ssa Cristina Colarossi Anatomia Patologica Istituto Oncologico del Mediterraneo Catania Linfomi I Linfomi sono malattie monoclonali

Dettagli

LEUCEMIE tessuto ematopoieitico MIELOMI. più precisamente!

LEUCEMIE tessuto ematopoieitico MIELOMI. più precisamente! LEUCEMIE tessuto ematopoieitico MIELOMI più precisamente! TUMORI EVOLUZIONE E SELEZIONE CLONALE Cambiano: Velocita proliferazione Velocità di mutazione Stabilità genetica Attività telomerasica Vantaggi

Dettagli

LE LINFOADENOPATIE. ProfAM Vannucchi-AA2009-10

LE LINFOADENOPATIE. ProfAM Vannucchi-AA2009-10 LE LINFOADENOPATIE I LINFOMI Organi linfatici primari Organi linfatici periferici mig M.O. B Sangue RICIRCOLAZIONE Progenitore linfocitario Linfonodi Milza Tess. linfatico associato alle mucose/cute Cell.

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz Genetica delle neoplasie ematologiche Individua le alterazioni genetiche ed epigenetiche presenti nei vari disordini onco-ematologici www.fisiokinesiterapia.biz Fattori estrinseci Ambiente Danno genotossico

Dettagli

Linfoma follicolare le basi su cui si fonda una terapia di successo per il linfoma follicolare Che cosa é il linfoma follicolare?

Linfoma follicolare le basi su cui si fonda una terapia di successo per il linfoma follicolare Che cosa é il linfoma follicolare? Linfoma follicolare La terapia del linfoma non-hodgkin follicolare è oggi molto più efficace che in passato grazie alle nuove modalità di terapia quali gli anticorpi monoclonali (Rituximab, Zevalin) e

Dettagli

Downloaded from www.immunologyhomepage.com. Riarrangiamento dei geni per le Immunoglobuline e sviluppo dei linfociti B

Downloaded from www.immunologyhomepage.com. Riarrangiamento dei geni per le Immunoglobuline e sviluppo dei linfociti B Downloaded from www.immunologyhomepage.com Riarrangiamento dei geni per le Immunoglobuline e sviluppo dei linfociti B I geni che codificano i recettori per gli antigeni (BCR e TCR) sono presenti in uno

Dettagli

Analisi della Malattia Minima Residua

Analisi della Malattia Minima Residua XIX CORSO NAZIONALE PER TECNICI DI LABORATORIO BIOMEDICO Riccione, 22-25 Maggio 2012 Analisi della Malattia Minima Residua Dr.ssa Anna Gazzola Laboratorio di Patologia Molecolare, Sezione di Emolinfopatologia,

Dettagli

Le cellule cancerose

Le cellule cancerose Le cellule cancerose Cosa è il cancro? Malattia che insorge in conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare E la Seconda causa di morte si possono sviluppare in quasi tutti gli organi Le diverse

Dettagli

Attivazione/repressione trascrizionale a lungo raggio: raggio: Altro meccanismo per reprimere la trascrizione: la metilazione del DNA

Attivazione/repressione trascrizionale a lungo raggio: raggio: Altro meccanismo per reprimere la trascrizione: la metilazione del DNA Attivazione/repressione trascrizionale a lungo raggio:! Le regioni di controllo di un locus (Locus Control Regions LCR)! Le regioni di attacco alla matrice nucleare (MAR)! Gli isolatori Attivazione/repressione

Dettagli

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali Tumore Cos è il tumore? Il tumore o neoplasia (dal greco neo,, nuovo, e plasìa,, formazione), o cancro se è maligno, è una classe di malattie caratterizzate da una incontrollata riproduzione di alcune

Dettagli

Normale controllo della crescita cellulare

Normale controllo della crescita cellulare Normale controllo della crescita cellulare STOP STOP Cellula normale STOP Alterato controllo della crescita cellulare X STOP STOP Cellula tumorale STOP X Le cellule tumorali presentano alterazioni cromosomiche

Dettagli

The Role of Nucleoporin Genes in Human Leukemias

The Role of Nucleoporin Genes in Human Leukemias The Role of Nucleoporin Genes in Human Leukemias INTRODUZIONE Il mio progetto di ricerca, finanziato dall Associazione Damiano per l Ematologia, si è inserito in un più ampio studio di caratterizzazione

Dettagli

Neoplasia (o tumore) Neoplasie Maligne. Neoplasie Benigne. Si definisce Neoplasia:

Neoplasia (o tumore) Neoplasie Maligne. Neoplasie Benigne. Si definisce Neoplasia: Neoplasia (o tumore) Neoplasia: classificazione Si definisce Neoplasia: una massa abnorme di tessuto la cui crescita supera quella dei tessuti normali e progredisce anche dopo la cessazione degli stimoli

Dettagli

Prof. Maria Alessandra Santucci

Prof. Maria Alessandra Santucci La famiglia Abl consiste di due isoforme Abl (1a e 1b ) e due isoforme Arg (1a e 1b). Le isoforme di tipo b contengono un sito di miristoilazione all N-teminale che manca nelle isoforme a. c-abl è una

Dettagli

Apoptosi. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company

Apoptosi. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company Apoptosi La morte cellulare e la sua regolazione La morte cellulare programmata è un processo fondamentale che controlla lo sviluppo degli organismi pluricellulari; L apoptosi porta all eliminazione di

Dettagli

Il cancro è la conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare

Il cancro è la conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare Cellule cancerose Il cancro è la conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare In base al tipo di tessuto colpito, diverse categorie : Carcinomi: cell. epiteliali rivestimenti est e int Sarcomi:

Dettagli

Ruolo dei test di clonalità nei disordini linfoproliferativi

Ruolo dei test di clonalità nei disordini linfoproliferativi XIX CORSO NAZIONALE PER TECNICI DI LABORATORIO BIOMEDICO Riccione, 22-25 Maggio 2012 Ruolo dei test di clonalità nei disordini linfoproliferativi Dr.ssa Claudia Mannu Laboratorio di Patologia Molecolare,

Dettagli

Determinazione del sesso Cromosomi sessuali

Determinazione del sesso Cromosomi sessuali Determinazione del sesso Cromosomi sessuali Negli Eucarioti un cromosoma del sesso è un cromosoma presente in forme diverse nei due sessi. Uno è un cromosoma "X", l'altro strutturalmente e funzionalmente

Dettagli

ONCOLOGIA Dott.ssa Samantha Messina Genetica delle neoplasie

ONCOLOGIA Dott.ssa Samantha Messina Genetica delle neoplasie ONCOLOGIA Dott.ssa Samantha Messina Genetica delle neoplasie Anno accademico 2012/2013 I anno, II trimestre Laurea Magistrale LM-67 Scienze Motorie Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale

Dettagli

Immunità umorale = immunità mediata dagli anticorpi ADCC

Immunità umorale = immunità mediata dagli anticorpi ADCC Immunità umorale = immunità mediata dagli anticorpi ADCC 1 2 Necessari 2 segnali per attivare i linfociti B Primo segnale: BCR Secondo segnale = - Antigeni timo-dipendenti (TD):. cellule T adiuvanti (T

Dettagli

Crescita e divisione cellulare

Crescita e divisione cellulare 08-04-14 CANCRO Crescita e divisione cellulare ogni cellula deve essere in grado di crescere e riprodursi una cellula che cresce e si divide genera due nuove cellule figlie gene4camente iden4che alla cellula

Dettagli

GIE - Gruppo Italiano di studio di Ematopatologia

GIE - Gruppo Italiano di studio di Ematopatologia INDAGINI DI CARATTERIZZAZIONE CITOFLUORIMETRICA E GENETICO- MOLECOLARE PREFAZIONE La diagnosi delle malattie linfoproliferative si basa sull integrazioni delle informazioni istomorfologiche con i dati

Dettagli

I geni del cancro. Il tumore è causato da squilibrio fra divisione e morte cellulare. Numero di divisioni cellulari. Numero di morti cellulari

I geni del cancro. Il tumore è causato da squilibrio fra divisione e morte cellulare. Numero di divisioni cellulari. Numero di morti cellulari I geni del cancro Il tumore è causato da squilibrio fra divisione e morte cellulare Numero di divisioni cellulari Numero di morti cellulari Aumento della popolazione cellulare Eccesso di mitosi e/o difetto

Dettagli

Linfomi indolenti. www.fisiokinesiterapia.biz

Linfomi indolenti. www.fisiokinesiterapia.biz Linfomi indolenti www.fisiokinesiterapia.biz I LINFOMI NON HODGKIN (LNH) Gruppo eterogeneo di neoplasie linfoidi caratterizzate da proliferazione ed accumulo di elementi linfoidi neoplastici (proliferazione

Dettagli

MORTE CELLULARE PROGRAMMATA (PCD)

MORTE CELLULARE PROGRAMMATA (PCD) MORTE CELLULARE PROGRAMMATA (PCD) APOPTOSI Eliminazione di cellule non desiderate SERVE PER Rimodellamento di organi e tessuti Regolazione del numero di cellule Eliminazione di linfociti (tolleranza) Turn-over

Dettagli

IL RUOLO DELL APLOINSUFFICIENZA DI CHIBBY NELLA PERSISTENZA DELLE CELLULE STAMINALI DELLA LEUCEMIA MIELOIDE CRONICA

IL RUOLO DELL APLOINSUFFICIENZA DI CHIBBY NELLA PERSISTENZA DELLE CELLULE STAMINALI DELLA LEUCEMIA MIELOIDE CRONICA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA IL RUOLO DELL APLOINSUFFICIENZA DI CHIBBY NELLA PERSISTENZA DELLE CELLULE STAMINALI DELLA LEUCEMIA MIELOIDE CRONICA Presenta:

Dettagli

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici MORTE CELLULARE Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici Omeostasi tissutale (di tessuti dinamici) Sviluppo embrionale Eliminazione di strutture corporee inutili - Fasi di scultura/rimodellamento

Dettagli

Il Cancro è una malattia genetica

Il Cancro è una malattia genetica Il Cancro è una malattia genetica PROCESSO MULTIFASICO Il Cancro è sempre genetico Talvolta il cancro è ereditario Ciò che viene ereditato non è la malattia, bensì la PREDISPOSIZIONE In assenza di ulteriori

Dettagli

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche la storia di HER2 V. Martin 28 giugno 2011 HER2: Human Epidermal Receptor HER2 e carcinoma mammario alias c-erb, ERBB2, HER-

Dettagli

Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare

Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare Test Metodo utilizzato Osservazioni, indicazioni Amplificazione genica Her2/neu nei carcinoma mammari e gastrici L amplificazione genica di Her2/neu

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

EZIOPATOGENESI DELLE LEUCEMIE ACUTE

EZIOPATOGENESI DELLE LEUCEMIE ACUTE EZIOPATOGENESI DELLE LEUCEMIE ACUTE Fattori ambientali HSC X? Alterazione genetica progenitore mieloide/linfoide Condizioni ereditarie? altro evento trasformante cellule leucemiche Cellule mature LEUCEMIE

Dettagli

- Assenza di mitogeni - Presenza di segnali conflittuali ( se durano troppo va incontro ad apoptosi) - Segnali differenziativi

- Assenza di mitogeni - Presenza di segnali conflittuali ( se durano troppo va incontro ad apoptosi) - Segnali differenziativi Ciclo Cellulare M --> G1--> S --> G2 --> M S, G2 e M hanno durata sempre uguale mentre la fase G1 (in media 10 ore) può subire enormi variazioni da tessuto a tessuto (fino a migliaia di ore per i neuroni).

Dettagli

GENETICA DEL TUMORE DEL COLON-RETTO

GENETICA DEL TUMORE DEL COLON-RETTO GENETICA DEL TUMORE DEL COLON-RETTO EPIDEMIOLOGIA In tutto l'occidente, il cancro del colon-retto occupa, per incidenza, il secondo posto tra i tumori maligni, preceduto dal tumore al polmone nell'uomo

Dettagli

LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO

LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO La leucemia acuta linfoide è una malattia non frequente (15% delle forme leucemiche) in cui vi è una proliferazione maligna di cellule linfoidi nel midollo, nel sangue

Dettagli

ONCOLOGIA Dott.ssa Samantha Messina

ONCOLOGIA Dott.ssa Samantha Messina ONCOLOGIA Dott.ssa Samantha Messina Anno accademico 2011/2012 I anno, II trimestre Laurea Magistrale LM-67 Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Elementi

Dettagli

Recettori di superficie

Recettori di superficie Recettori di superficie Esistono 3 classi principali di recettori di superficie 1. Recettori annessi a canali ionici 2. Recettori accoppiati alle proteine G 3. Recettori associati ad enzimi Recettori

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

RICERCA TRASNAZIONALE e TRASLAZIONALE

RICERCA TRASNAZIONALE e TRASLAZIONALE Roma, 3 dicembre 2012 RICERCA TRASNAZIONALE e TRASLAZIONALE Gianluca Gaidano, M.D., Ph.D Division of Hematology Department of Translational Medicine Amedeo Avogadro University of Eastern Piedmont Novara-Italy

Dettagli

La Biopsia Prostatica: where are we going?

La Biopsia Prostatica: where are we going? La Biopsia Prostatica: where are we going? Sabato 28 Novembre 2015, Catania Dott. Michele Salemi Screening genetico correlato a rischio di carcinoma prostatico. BRCA1, BRCA2, TP53, CHEK2, HOXB13 e NBN:

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

FORME LINFOPROLIFERATIVE CRONICHE

FORME LINFOPROLIFERATIVE CRONICHE FORME LINFOPROLIFERATIVE CRONICHE Organi linfatici primari Organi linfatici periferici mig M.O. B Sangue RICIRCOLAZIONE Progenitore linfocitario Linfonodi Milza Tess. linfatico associato alle mucose/cute

Dettagli

MANIPOLAZIONE IN VITRO ED IMPIEGO PER L AUTOTRAPIANTO DEI PROGENITORI EMOPOIETICI CIRCOLANTI

MANIPOLAZIONE IN VITRO ED IMPIEGO PER L AUTOTRAPIANTO DEI PROGENITORI EMOPOIETICI CIRCOLANTI Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia MANIPOLAZIONE IN VITRO ED IMPIEGO PER L AUTOTRAPIANTO DEI PROGENITORI EMOPOIETICI CIRCOLANTI esperienza in linfomi indolenti (follicolari

Dettagli

Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione

Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione DNA RNA Trascrizione RNA PROTEINE Traduzione Dove avvengono? GLI EUCARIOTI I PROCARIOTI Cambell, Reece Biologia ZANICHELLI Trascrizione Sintesi di

Dettagli

Sviluppo dei linfociti B

Sviluppo dei linfociti B Sviluppo dei linfociti B Checkpoints multipli nella maturazione dei linfociti Durante lo sviluppo i linfociti che esprimono recettori per l antigene funzionali sono selezionati e sopravvivono, gli altri

Dettagli

Elenco degli esami molecolari prescrivibili e a carico del SSN

Elenco degli esami molecolari prescrivibili e a carico del SSN Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori 02 20133 milano - via venezian, 1 - tel. 02 23901 - telex 333290 tumist I - codice fiscale 80018230153 - partita i.v.a. 04376350155 Dipartimento di Patologia

Dettagli

SINDROMI MIELODISPLASTICHE

SINDROMI MIELODISPLASTICHE SINDROMI MIELODISPLASTICHE MECCANISMI MOLECOLARI R. Piazza MECCANISMI MOLECOLARI Bejar R et al. JCO 2011;29:504-515 NEXT GENERATION SEQUENCING Flowcell NEXT GENERATION SEQUENCING Library di DNA Genomic

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

Natalina Antonella Marchi

Natalina Antonella Marchi ANALISI CITOFLUORIMETRICA DEL DNA E IMMUNOMARCATORI NEL CARCINOMA A CELLULE TRANSIZIONALI DELLA VESCICA Natalina Antonella Marchi TSLB Anatomia Patologica ULSS 17 Monselice-Este Il carcinoma della vescica

Dettagli

allele angiogenesi antisenso apoptosi carcinoma in situ cellula germinale cellula somatica cellule staminali cellule staminali embrionali chimera

allele angiogenesi antisenso apoptosi carcinoma in situ cellula germinale cellula somatica cellule staminali cellule staminali embrionali chimera Glossario allele: una delle possibili forme alternative di un gene che può essere presente nella specifica posizione cromosomica occupata da quel gene angiogenesi: processo di formazione dei vasi sanguigni;

Dettagli

APOPTOSI NECROSI: PROCESSO PASSIVO APOPTOSI: PROCESSO ATTIVO HORWITZ E SULSTAN NOBEL 2002 CED = Caenorhabditis Elegans Death genes CASPASI = Cistein-proteasi caratterizzate da un residuo Cys, necessario

Dettagli

RNA non codificanti ed RNA regolatori

RNA non codificanti ed RNA regolatori RNA non codificanti ed RNA regolatori RNA non codificanti ed RNA regolatori Piccoli RNA non codificanti RNA regolatore microrna RNAi e sirna Piccoli RNA non codificanti Gli RNA non codificanti (ncrna)

Dettagli

RNA polimerasi operone. L operatore è il tratto

RNA polimerasi operone. L operatore è il tratto La regolazione genica nei procarioti Alcune proteine vengono prodotte dalla cellula ad un ritmo relativamente costante e l attività dei geni che codificano queste proteine non è regolata in modo sofisticato.

Dettagli

Che significa animale transgenico o animale Knockout???

Che significa animale transgenico o animale Knockout??? Che significa animale transgenico o animale Knockout??? ORGANISMI TRANSGENICI Gli animali che sono stati ingegnerizzati per inserzione di un gene, delezione di un gene o sostituzione di un gene si chiamano

Dettagli

L IPOFISECTOMIA ED IL PROFESSORE DI MODENA

L IPOFISECTOMIA ED IL PROFESSORE DI MODENA L IPOFISECTOMIA ED IL PROFESSORE DI MODENA Praticando un ipofisectomia ad un essere vivente che è portatore di cancro questo regredisce. Su questa osservazione si è iniziato a considerare la possibilità

Dettagli

Nuovi ruoli dei telomeri e della telomerasi

Nuovi ruoli dei telomeri e della telomerasi Nuovi ruoli dei telomeri e della telomerasi Marco Santagostino Tutor: Elena Giulotto Dipartimento di Genetica e Microbiologia, Università degli Studi di Pavia Argomenti trattati 1. I telomeri e la telomerasi

Dettagli

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato.

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Correlazione tra fenotipo alterato, o a livello cellulare,

Dettagli

Considerando la definizione di introni indicare il rapporto corretto in ogni gene tra il numero degli esoni e degli introni: a) Esoni= introni +1 b)

Considerando la definizione di introni indicare il rapporto corretto in ogni gene tra il numero degli esoni e degli introni: a) Esoni= introni +1 b) Considerando la definizione di introni indicare il rapporto corretto in ogni gene tra il numero degli esoni e degli introni: a) Esoni= introni +1 b) Esoni=introni c) Esoni= introni 1 d) Esoni= 2 volte

Dettagli

Capitolo 22 Le basi genetiche del cancro

Capitolo 22 Le basi genetiche del cancro Capitolo Le basi genetiche del cancro CONTENUTO DEL CAPITOLO Il cancro: una malattia genetica Oncogeni Geni oncosoppressori Vie genetiche che portano al cancro La storia molecolare di una famiglia Quando

Dettagli

Soluzioni ai problemi del Capitolo 15. Domande concettuali

Soluzioni ai problemi del Capitolo 15. Domande concettuali Soluzioni ai problemi del Capitolo 15 Domande concettuali C1. 1. La struttura DNA-cromatina. Questo livello comprende l amplificazione genica, un aumento del numero di copie; riarrangiamenti di geni, come

Dettagli

Identificazione e studio delle Cellule Staminali Tumorali del carcinoma della mammella e dell adenocarcinoma del colon

Identificazione e studio delle Cellule Staminali Tumorali del carcinoma della mammella e dell adenocarcinoma del colon Identificazione e studio delle Cellule Staminali Tumorali del carcinoma della mammella e dell adenocarcinoma del colon Carmelo Lupo Coordinatore Tecnico U.O. Anatomia Patologica e Patologia Molecolare

Dettagli

La regolazione genica nei eucarioti

La regolazione genica nei eucarioti La regolazione genica nei eucarioti Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri Differenziamento negli eucarioti pluricellulari Negli eucarioti le cellule specializzate dei vari tessuti contengono

Dettagli

ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136)

ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136) ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136) Il gene implicato nella SCA17 è il gene TATA box-binding protein (TBP) che fa parte del complesso della RNA polimerasi II ed è essenziale per dare inizio

Dettagli

Evasione apoptosi. Angiogenesi

Evasione apoptosi. Angiogenesi Il cancro rappresenta un gruppo d malaae che comprende almeno 100 Bpi differenb di tumori. A secondo del tessuto di origne si classificano tre Bpi principali di tumori: in tessub epiteliali: Carcinoma

Dettagli

A 26-year-old woman was referred for progressive fatigue, dyspnea, blurred vision, and nearsyncope

A 26-year-old woman was referred for progressive fatigue, dyspnea, blurred vision, and nearsyncope A 26-year-old woman was referred for progressive fatigue, dyspnea, blurred vision, and nearsyncope Leach, M. J. N Engl J Med 2002;346:6e A 26-year-old woman was referred for progressive fatigue, dyspnea,

Dettagli

Disordini linfoproliferativi: leucemie linfoidi

Disordini linfoproliferativi: leucemie linfoidi DIAGNOSTICA CITO-ISTOLOGICA DELLE MALATTIE LINFO-EMATOPOIETICHE NEI PICCOLI ANIMALI seminario organizzato nell'ambito del corso di Diagnostica cito-istologica veterinaria a.a. 2005-2006 Udine, Venerdì

Dettagli

Biologia molecolare nella diagnosi citologica

Biologia molecolare nella diagnosi citologica Carcinoma differenziato della tiroide: dalla diagnosi al follow up 21 Marzo 2009 Biologia molecolare nella diagnosi citologica Giovanni Tallini Universita di Bologna Anatomia Patologica Osp. Bellaria Patogenesi

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

SLA e mitocondri. sporadica. genetica. attività del Complesso II e IV. stress ossidativo. citosolica e mitocondriale SOD1

SLA e mitocondri. sporadica. genetica. attività del Complesso II e IV. stress ossidativo. citosolica e mitocondriale SOD1 SLA e mitocondri sporadica attività del Complesso II e IV stress ossidativo genetica SOD1 citosolica e mitocondriale Huntington e mitocondri attività del Complesso II e III acido 3-nitropropionico (C2)

Dettagli

Seminari di Specialità di Genetica Medica 22 novembre 2011 EXOME SEQUENCING. dott.ssa Alessandra Cuccurullo

Seminari di Specialità di Genetica Medica 22 novembre 2011 EXOME SEQUENCING. dott.ssa Alessandra Cuccurullo Seminari di Specialità di Genetica Medica 22 novembre 2011 EXOME SEQUENCING dott.ssa Alessandra Cuccurullo EXOME SEQUENCING Anche noto come targeted exome capture. Strategia per sequenziare selettivamente

Dettagli

CORSO INTEGRATO di Genetica e Biologia Molecolare GENETICA. a.a. 2013-2014. 21/11/2013 Lezioni 43 e 44. Genetica dei tumori

CORSO INTEGRATO di Genetica e Biologia Molecolare GENETICA. a.a. 2013-2014. 21/11/2013 Lezioni 43 e 44. Genetica dei tumori CORSO INTEGRATO di Genetica e Biologia Molecolare GENETICA a.a. 2013-2014 21/11/2013 Lezioni 43 e 44 Genetica dei tumori Dott.ssa Elisabetta Trabetti Cancro: origine genetica? Evidenze: > 50 forme tumore

Dettagli

Zecchin Davide La telomerasi come target per l inibizione nella cura del cancro

Zecchin Davide La telomerasi come target per l inibizione nella cura del cancro Zecchin Davide La telomerasi come target per l inibizione nella cura del cancro INTRODUZIONE Esistono alcuni fattori che rendono la telomerasi un target attraente e selettivo per la cura del cancro. In

Dettagli

SARCOMA DI EWING. Anna Marina Liberati Giorgia Desantis. Università degli Studi di Perugia A.A. 2005/2006

SARCOMA DI EWING. Anna Marina Liberati Giorgia Desantis. Università degli Studi di Perugia A.A. 2005/2006 ARCOMA DI EWING Anna Marina Liberati Giorgia Desantis Università degli tudi di Perugia A.A. 2005/2006 TUMORI DELLA CRETA Possono essere divisi in due gruppi: NEURALE Derivanti dalle cellule della guaina

Dettagli

Catena B del fattore di crescita PDGF

Catena B del fattore di crescita PDGF FATTORI DI CRESCITA sis Proteina p28 Catena B del fattore di crescita PDGF (platelet derived growth factor) Agisce con meccanismo autocrino Si trova sul cromosoma 22, coinvolto nella traslocazione 9,22

Dettagli

Virus Oncogeni. Ciclo vitale litico. Per la maggior parte dei virus è vero: proteine virali. Replicazione Lisi Progenie virale

Virus Oncogeni. Ciclo vitale litico. Per la maggior parte dei virus è vero: proteine virali. Replicazione Lisi Progenie virale Virus Oncogeni Per la maggior parte dei virus è vero: Genoma proteine virali Replicazione Lisi Progenie virale Ciclo vitale litico 1 Virus Oncogeni Ciclo vitale latente Virus Cellula Integrazione (generalmente)

Dettagli

Dissezione della progressione tumorale: il modello della leucemia linfoide acuta con traslocazione t(9;22)

Dissezione della progressione tumorale: il modello della leucemia linfoide acuta con traslocazione t(9;22) Dissezione della progressione tumorale: il modello della leucemia linfoide acuta con traslocazione t(9;22) Dott.ssa Luciana Impera DIGEMI (Dipartimento di Genetica e Microbiologia) Universita di Bari Leucemia

Dettagli

Citochine e Chemochine aspetti generali

Citochine e Chemochine aspetti generali Citochine e Chemochine aspetti generali per esempi specifici, ruolo in funzione, attivazione e differenziamento Th, cambio di classe, migrazione cellulare, etc., vedi lezioni precedenti Citochine Proteine

Dettagli

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it marsteller/ B-M Healthcare Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it IN COLLABORAZIONE CON: SI RINGRAZIA: PER AVER SOSTENUTO L AIL NELLA DIFFUSIONE DI QUESTO MESSAGGIO. L

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Searching for targets for the systemic therapy of mesothelioma Stahel RA, Weder W, Felley- Bosco E, Petrausch U, Curioni-Fontecedro A, Schmitt-Opitz

Dettagli

Caratterizzazione dei geni coinvolti nelle nuove traslocazioni riguardanti la banda 14q32

Caratterizzazione dei geni coinvolti nelle nuove traslocazioni riguardanti la banda 14q32 2 Workshop SIES di Ematologia traslazionale Verona, 21-22 Maggio 2009 Caratterizzazione dei geni coinvolti nelle nuove traslocazioni riguardanti la banda 14q32 Identificazione di una correlazione tra l'espressione

Dettagli

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene I linfociti T sono le cellule dell immunità adattativa responsabili della protezione verso le infezioni ad opera dei microbi intracellulari. Essi derivano da cellule staminali del midollo osseo che si

Dettagli

Amplificazione del DNA tramite reazione a catena della polimerasi (POLYMERASE CHAIN REACTION; PCR) e sue applicazioni in ambito biomedico

Amplificazione del DNA tramite reazione a catena della polimerasi (POLYMERASE CHAIN REACTION; PCR) e sue applicazioni in ambito biomedico Amplificazione del DNA tramite reazione a catena della polimerasi (POLYMERASE CHAIN REACTION; PCR) e sue applicazioni in ambito biomedico Dottoressa Camerin Consuelo Laboratorio Oncoematologia Pediatrica

Dettagli

Oncologica. di Ematologia. Linfomi aggressivi NEL PROSSIMO NUMERO

Oncologica. di Ematologia. Linfomi aggressivi NEL PROSSIMO NUMERO ISSN 2038-2839 Editor in chief Giorgio Lambertenghi Deliliers Anno 8 Numero 1 2011 Seminari di Ematologia Oncologica NEL PROSSIMO NUMERO CELLULE STAMINALI Biologia e medicina rigenerativa Plasticità delle

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA. Federica Cioffi. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Laboratorio Universitario di Ricerca Medica (LURM)

PROGETTO DI RICERCA. Federica Cioffi. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Laboratorio Universitario di Ricerca Medica (LURM) ANALISI DEI CIRCUITI DI SIGNALING DEL RECETTORE DELLE CELLULE B NELLA LEUCEMIA LINFATICA CRONICA MEDIANTE ANTICORPI FOSFOSPECIFICI E CITOMETRIA A FLUSSO Federica Cioffi LEUCEMIA LINFATICA CRONICA patogenesi

Dettagli

La Biologia Molecolare in Oncoematologia: : dal laboratorio alla clinica. Ospedale L. Sacco 11 novembre 2014 Sarah Birindelli

La Biologia Molecolare in Oncoematologia: : dal laboratorio alla clinica. Ospedale L. Sacco 11 novembre 2014 Sarah Birindelli La Biologia Molecolare in Oncoematologia: : dal laboratorio alla clinica Ospedale L. Sacco 11 novembre 2014 Sarah Birindelli Neoplasie Sindromi mieloproliferative Sono disordini clonali delle cellule emopoietiche

Dettagli

La Malattia Minima Residua nelle Sindromi Linfoproliferative Acute e Croniche.

La Malattia Minima Residua nelle Sindromi Linfoproliferative Acute e Croniche. Dipartimento di Biotecnologie Cellulari ed Ematologia Sezione di Ematologia DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE EMATOLOGICHE XXVI CICLO Coordinatore Prof. Robin Foà TESI DI DOTTORATO La Malattia Minima Residua

Dettagli

Diapositiva 3: CASPASI IAP inibitor of apoptosis

Diapositiva 3: CASPASI IAP inibitor of apoptosis Diapositiva 1: Diapositiva 2: Nella presente presentazione vengono trattate le correlazioni scoperte e studiate tra la tecnica dei microrna e l apoptosi. Innanzitutto l apoptosi è il processo che porta

Dettagli

Si tratta di corpiccioli di natura ribonucleoproteica che nel citoplasma di tutte le cellule presiedono ai processi di sintesi proteica.

Si tratta di corpiccioli di natura ribonucleoproteica che nel citoplasma di tutte le cellule presiedono ai processi di sintesi proteica. I R I BOSOM I I RIBOSOMI sono organuli citoplasmatici presenti in tutte le cellule, sia procariotiche che eucariotiche. Sono visibili al M.O. solo quando presenti in gran numero, (come capita nelle cellule

Dettagli

EFFETTI BIOLOGICI DELLE RADIAZIONI

EFFETTI BIOLOGICI DELLE RADIAZIONI EFFETTI BIOLOGICI DELLE RADIAZIONI Asp 2- Caltanissetta- Dott.ssa G. Di Franco Dirigente medico U.O. Radioterapia San Cataldo RADIAZIONI IONIZZANTI Radiazioni capaci di causare direttamente o indirettamente

Dettagli

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH (Silver Enhanced In Situ Hybridization) CON LA METODICA MANUALE FISH (Fluorescence In Situ Hybridization) PER LA VALUTAZIONE DELLO STATO DEL GENE HER2 (neu)

Dettagli

JOURNAL CLUB Maria Elena Conidi

JOURNAL CLUB Maria Elena Conidi JOURNAL CLUB Maria Elena Conidi MITOCONDRI «organelli citoplasmatici presenti nelle cellule eucariotiche» Molteplici funzioni: 1) metabolismo energetico con la produzione di ATP (ciclo di Krebs e Fosforilazione

Dettagli

Dott. Elena Niccolai, PhD. Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica Università degli Studi di Firenze

Dott. Elena Niccolai, PhD. Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica Università degli Studi di Firenze Dott. Elena Niccolai, PhD Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica Università degli Studi di Firenze Premio Gianfranco Del Prete per le malattie orfane, Firenze 8 novembre 2014 ADENOCARCINOMA PANCREATICO

Dettagli

L endocitosi dell EGFR

L endocitosi dell EGFR L endocitosi dell EGFR IFOM per la scuola Lo Studente Ricercatore 2011 Muzio Giulia Istituto d Istruzione Superiore Maserati Voghera Gruppo di lavoro: Determinanti della trasformazione neoplastica e della

Dettagli

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Che cos è Prolaris? Una misura molecolare diretta della

Dettagli

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna DNA: la molecola della vita L'acido desossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico, presente nel nucleo delle cellule, che contiene le informazioni genetiche

Dettagli

Genetica del cancro. By NA. Lezione 18 1

Genetica del cancro. By NA. Lezione 18 1 Genetica del cancro Lezione 18 1 Il tumore come network Le cellule mutate iniziano a duplicarsi in modo incontrollato Carcinoma del colon Displasia. Le cellule perdono morfologia Cancro invasivo Le cellule

Dettagli

RUOLO DELL'HPV NELLA PATOGENESI DEL CARCINOMA DEL COLLO DELL'UTERO: FATTORI MOLECOLARI DIAGNOSTICI E PROGNOSTICI DI MALATTIA. Marialuisa Zerbini

RUOLO DELL'HPV NELLA PATOGENESI DEL CARCINOMA DEL COLLO DELL'UTERO: FATTORI MOLECOLARI DIAGNOSTICI E PROGNOSTICI DI MALATTIA. Marialuisa Zerbini Università di Bologna Dipartimento di Medicina Clinica Specialistica e Sperimentale Sezione di Microbiologia RUOLO DELL'HPV NELLA PATOGENESI DEL CARCINOMA DEL COLLO DELL'UTERO: FATTORI MOLECOLARI DIAGNOSTICI

Dettagli