Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.fisiokinesiterapia.biz"

Transcript

1 Linfomi non-hodgkin s: definizione Malattie neoplastiche con aspetti quanto mai eterogenei, con caratteristiche morfologiche, fenotipiche, genotipiche e talora funzionali corrispondenti ad uno o più degli stadi di maturazione e trasformazione delle cellule linfoidi. Possono originare da cellule B (85% dei casi) o da cellule T.

2 WHY did I develop lymphoma? AETIOLOGY of LYMPHOMA generally unknown Exceptions (risk factors): Immunodeficiency: HIV, post-tansplant, primary immunodeficiencies, (pesticides?) Previous dx of another lymphoid malignancy

3 PHYSICIAN s ANSWERS We do not know WHY you developed lymphoma BUT in many cases we know pretty well HOW your lymphoma developed

4 Is it useful to know HOW did my lymphoma develop? YES Because molecular markers may contribute to: Better diagnosis Prognostication Choice of therapy Molecular monitoring

5

6 VDJ RECOMBINATION in bone marrow recombination-activating genes 1 and 2 (RAG-1 and RAG-2)

7

8 B-CELL EVENTS in GERMINAL CENTRE MEMORY B-CELS SECONDARY B-CELL BLASTS PLASMACELLS STABLE CLASS SWITCHING FDC CENTROCYTES centrocytes centroblasts CENTROBLASTS DARK ZONE APICAL LIGHT ZONE BASAL LIGHT ZONE SOMATIC HYPERMUTATION ONGOING VIRGIN B-CELLS

9 SOMATIC HYPERMUTATION (SHM) of IgV GENES GERMINAL CENTER B CELLS Germline A T A A G C A C C T G G G A T A Somatically mutated T T A A C C C C C T G A G A T A

10 IgV SOMATIC HYPERMUTATION has the POTENTIAL to INCREASE AFFINITY of the BCR for ANTIGEN SOMATIC HYPERMUTATION

11 Patogenesi Molecolare dei Linfomi Non Hodgkin s Il linfoma si sviluppa per un alterato funzionamento dei meccanismi che regolano l espressione di protooncogeni e/o per perdita di geni onco-soppressori. I meccanismi che determinano tali alterazioni sono: Traslocazioni cromosomiche Delezioni geniche Amplificazioni geniche Ipermutazioni somatiche

12 MOLECULAR PATHWAYS in B-CELL LYMPHOMAGENESIS Mantle cell lymphoma VIRGIN B-CELLS BCL-1 MALT lymphoma API2/MLT MARGINAL ZONE GERMINAL CENTER Lymphoplasmacytoid lymphoma PAX-5 HHV-8 Primary effusion lymphoma PLASMA CELL MANTLE MEMORY B-CELS Follicular lymphoma BCL-2 p53 BCL-6? DLBCL c-myc p53 Burkitt lymphoma

13

14 Virgin B-cells HISTOGENETIC MARKERS of B-NHL Germinal center B-cells Memory B-cells FDC IgV mutations BCL-6 mutations Plasmacells BCL-6 MUM-1 CD138

15 HISTOGENESIS of B-cell NHL Virgin B cells Centroblasts/ Centrocytes Memory B cells FDC Plasma cells Mantle cell lymphoma Follicular lymphoma Burkitt lymphoma DLBCL Immunocytoma MALT-lymphoma DLBCL

16 Traslocazioni cromosomiche (I) Rappresentano il più comune meccanismo di deregolazione e conseguente attivazione di un particolare proto-oncogene. Il proto-oncogene, bersaglio del riarrangiamento, mappa vicino ad uno dei punti di rottura. L espressione del proto-oncogene è alterata perché la traslocazione lo pone sotto il controllo di sequenze eterologhe che favoriscono l espressione dei geni delle immunoglobuline o di altri geni espressi durante l ontogenesi B ( promoter/enhancers sequences )

17 Traslocazioni cromosomiche (II) La conseguenza del riarrangiamento è un eccessiva produzione di una proteina normale, quella codificata da quel particolare oncogene. Salvo rare eccezioni, non vengono mai prodotte proteine di fusione Sul piano patogenetico la traslocazione è forse dovuta ad errori nei processi di: Ricombinazione somatica Mutazione ipersomatica

18 Traslocazioni cromosomiche (III) Si distinguono in: Omotipiche: il proto-oncogene è fisiologicamente espresso dalle cellule di quel tessuto e viene solo sovraespresso dal tessuto tumorale Eterotipiche: il proto-oncogene non è fisiologicamente espresso dalle cellule di quel tessuto e viene ectopicamente espresso a causa della traslocazione Ciascuna è caratteristicamente correlata ad uno specifico sottotipo istologico di linfoma Non sono da sole sufficienti ad indurre la malattia

19 DIAGNOSI MOLECOLARE del L. MANTELLARE Linfoma mantellare CELLULE B VERGINI BCL-1 ZONA MARGINALE CENTRO GERMINATIVO PLASMACELLULA MANTELLO CELLULA B MEMORIA

20 Linfoma mantellare La cellula linfomatosa ha un fenotipo simile a quello espresso dalle cellule del follicolo o del mantello. Un altra somiglianza consiste nella mancanza di mutazioni del gene che codifica per la regione variabile delle immunoglobuline Il 65% circa dei pazienti presenta la traslocazione t(11;14)(q13;q32)

21 ANALISI MEDIANTE FISH del RIARRANGIAMENTO di BCL1 in LINFOMA MANTELLARE Centro per lo Studio e la Cura delle Malattie del Sangue Novara

22 t(11;14)(q13;q32) Giustappone il gene che codifica per l elemento J delle catene pesanti delle immunoglobuline, mappato in 14q32, al gene bcl-1, mappato in 11q13. Nella maggioranza dei casi (30-55%) il punto di rottura cade nel Major Translocation Cluster (MTC), ma nel 10-20% dei pazienti il punto di rottura è più distale Bcl-1 non è il gene sovra-espresso a causa della traslocazione. Infatti quest ultima determina un aumentata espressione del gene che codifica per la ciclina D1, situato 120kb a valle di Bcl-1.

23 Ciclina D1 (I) Non è normalmente espressa da linfociti e cellule mieloidi, ma costantemente espressa dalle cellule del mantello Il ruolo importante della ciclina D1 nella patogenesi del linfoma è dimostrato dal fatto che la sua espressione è aumentata anche nei pazienti con traslocazioni varianti o con trascritti aberranti che prolungano l emivita della molecola

24 Ciclina D1 (II) La sua sovra-espressione causa un accorciamento della fase G1 ed una minor dipendenza da fattori di crescita esterni. Una volta sovra-espressa favorisce la crescita tumorale agendo in due modi: Aumentando la fosforilazione e bloccando l azione anti-proliferativa di Rb-1, o direttamente o indirettamente previa formazione di complessi con le kinasi ciclina dipendenti 4 e 6 Associandosi ad alterazioni del gene p27 Kip1

25 Ciclina D1 (III) Se la sua espressione è aumentata la cellula assume un fenotipo sempre più aggressivo, determinato anche dallo sviluppo di mutazioni a carico di TP53 e da delezioni a carico di p16 INK4a e p15 INK4b, geni che inibiscono le kinasi ciclina dipendenti

26 CYCLIN-DEPENDENT KINASES (CDK) Composte da: Subunità catalitica + Ciclina Le subunità catalitiche sono attive solo quando complessate con le cicline Le cicline e le subunità CDK formano complessi 1:1 che producono l oloenzima CDK Si conoscono almeno 9 CDK (1-9) e 15 cicline (A-T) Ciclina D1/CDK4 fosforila RB1 abrogandone l azione oncosoppressoria

27 MOLECULAR PATHOGENESIS OF FOLLICULAR LYMPHOMA MARGINAL ZONE VIRGIN B CELLS GERMINAL CENTER PLASMA CELL MANTLE MEMORY B CELL Follicular lymphoma BCL-2 p53 p15 p16 Aberrant hypermutation BCL-6? Diffuse large B cell lymphoma Hematology Unit DMS & IRCAD Novara

28 Linfoma Follicolare La composizione cellulare è simile a quella del follicolo secondario. Le cellule esprimono CD10 e mostrano mutazioni già presenti o in via di sviluppo nei geni che codificano per la regione variabile delle immunoglobuline. Nell 80% dei pazienti si osserva la traslocazione t(14;18)(q32;q21), nel 20% dei pazienti si dimostra invece il riarrangiamento della banda 3q27.

29 t(14;18)(q32;q21) Chromosome 14 Chromosome 18 q p Immunoglobulin heavy chain (IgH) q p BCL-2 breakpoints ex.1 ex.2 ex.3 5 3

30 t(14;18)(q32;q21) Giustappone il gene che codifica per l elemento J delle catene pesanti delle immunoglobuline, mappato in 14q32, al gene Bcl-2 Determina un aumentata espressione della proteina Bcl-2

31 Punti di rottura in Bcl-2 Nel 70% dei casi a livello dell estremità 3 non tradotta del gene, in vicinanza al terzo esone. Questa regione è chiamata Major breakpoint region (MBR) Nel 5-20% dei casi 20kb a valle di Bcl-2, in una regione chiamata minor cluster region (MCR) In una piccola frazione di pazienti il punto di rottura cade a livello dell estremità 5 del gene, in una regione chiamata variant cluster region (VCR)

32 Patogenesi della traslocazione Studi iniziali avevano individuato nucleotidi random a livello dei punti di rottura della traslocazione e ciò aveva fatto supporre che il riarrangiamento fosse dovuto ad errori nel processo di ricombinazione dei geni delle immunoglobuline Più recentemente però l applicazione delle metodiche di sequenziamento genico ha permesso di escludere la presenza di siti necessari all attivazione della ricombinasi a livello dei punti di rottura

33 Chr. 18 Chr. 14 BCL-2 IgH ex.1 ex.2 ex.3 5 J 3 H S μ E μ C μ + up-regolazione trascrizionale di BCL-2

34 Bcl-2 (I) E una proteina a sede mitocondriale, ma si trova anche a livello della membrana nucleare e citoplasmatica Induce un blocco della morte cellulare programmata per: Inibizione delle caspasi, attivate da un aumentata espressione di FAS (CD20) Blocco dell azione pro-apoptotica svolta dalle molecole BAX e BAD Interazione con la proteina BH3

35 Bcl-2 (II) Principale meccanismo d azione: blocca la distruzione della membrana mitocondriale da parte del sistema BAX/BAD e perciò impedisce la fuoriuscita di citocromo C dal mitocondrio e la successiva attivazione delle caspasi Bloccando l apoptosi determina l immortalizzazione della cellula.

36 Il BCL-2 è un componente integrale della membrana di: Mitocondri Nucleo Reticolo endoplasmatico BCL2

37 Importanza del blocco dell apoptosi Permette alla cellula di sopravvivere in ambienti ostili (es.: poveri di citochine o in O 2 ) Permette di sopravvivere a distanza dal microambiente Elimina condizioni pro-apoptotiche, causate dall attivazioni di particolari proto-oncogeni

38 Ruolo di Bcl-2 nella patogenesi del Linfoma (I) Controverso: Il 35-50% dei soggetti sani di solito in età avanzata, studiati con RT PCR ad elevata sensibilità, presenta la t(14;18) Riarrangiamenti non neoplastici possono svilupparsi dieci mesi dopo la terapia in soggetti precedentemente affetti da linfoma. Si ritiene che essi siano dovuti ad una ricostituzione dell immunità

39 Ruolo di Bcl-2 nella patogenesi del Linfoma (II) L aumentata espressione non è da sola sufficiente a causare il linfoma, ma probabilmente ne favorisce solo lo sviluppo perché il blocco dell apoptosi permette alla cellula di acquisire di ulteriori alterazioni geniche

40 Ruolo di Bcl-2 nella patogenesi del Linfoma (III) Necessità di monitorare i soggetti sani con traslocazione 14;18 per dimostrare una possibile correlazione con: Un particolare fenotipo Età avanzata Presenza di cloni minori

41 Significato prognostico del riarrangiamento (I) Il punto di rottura in MCR dà la miglior risposta terapeutica (98% di remissione complete e 96% di remissione libera da malattia a tre anni), mentre un punto di rottura in MBR o una configurazione germline di Bcl-2 si associano ad un inferiore risposta Complessivamente una risposta completa con negativizzazione del dato molecolare si ottiene in un terzo dei pazienti

42 Lopez-Guillermo et al, Blood 1999;93;3081

43 Significato prognostico del riarrangiamento (II) Qual è l impatto della negativizzazione molecolare sulla sopravvivenza libera da malattia? Nessuno se la t(14;18) scompare a breve distanza dalla fine della chemioterapia (entro sei mesi), ma importante se la scomparsa persiste dopo il primo anno dalla fine della chemioterapia

44 Significato prognostico del riarrangiamento (III) Qual è il significato della frequente dissociazione tra dato molecolare e dato clinico? Da definire Pazienti in RC con dato molecolare positivo Pazienti in recidiva clinica ma con dato molecolare negativo

45 Linfoma Follicolare t(14;18) negativo Incidenza: 15% Suddivisi in: 30% Bcl % Bcl-2, Bcl-6+

46 Linfoma follicolare a grandi cellule Due tipi istologici: 3a, con prevalenza di centroblasti ma centrociti ancora presenti 3b, con presenza pressochè esclusiva di centroblasti t(14;18) osservata nel 73% dei casi 3a versus 13% dei casi 3b CD10 espresso dal 100% dei pazienti 3a ma solo dal 50% dei pazienti 3b Bcl-6 espresso nel 44% dei casi 3b

47 Linfoma follicolare a grandi cellule 3B Entità biologica e clinica eterogenea La maggior parte delle cellule sono centroblasti, mancano i centrociti In nessun caso si osserva un aumentata espressione sia di Bcl-2 che di Bcl-6. Si distinguono tre diversi sottotipi biologici: Con t(14;18) e Bcl-2 positivo, derivato dalle forme indolenti Con anomalie cromosomiche diverse Bcl-6 positivo più simile al linfoma centroblastico diffuso

48 Linfoma follicolare a grandi cellule 3B Bcl-6 positivo Crescita follicolare con componente monocitoide Cellula linfomatosa CD5-, CD10-, CD20+, Bcl-2-, Bcl-6+ Mutazioni intraclonali a livello del primo introne di Bcl-6 indicanti un origine del linfoma dal CG Esordio più frequentemente in stadio III-IV con masse linfomatose Prognosi favorevole

49 TRASFORMAZIONE del LINFOMA FOLLICOLARE BCL-6 L. Diffuso a grandi cellule de novo BCL-2 p53, p16, p15 BCL-6 Mut Centro per lo Studio e la Cura delle Malattie del Sangue Novara L. follicolare L. Diffuso a grandi cellule trasformato

50 Linfoma diffuso a grandi cellule (I) Il 30-45% dei pazienti mostra una traslocazione bilanciata a carico della banda 3q27, che contiene il proto-oncogene Bcl-6, definito promiscuo perché si riarrangia con numerosi partners. Il punto di rottura in Bcl-6 è a livello della regione 5 non codificante ad attività regolatoria del gene. Pertanto, tutte le traslocazioni pongono la porzione codificante di Bcl-6 sotto l azione di promoter/enhancers sequences derivate dall altro cromosoma.

51 Linfoma diffuso a grandi cellule (II) Il 73% circa dei pazienti mostra mutazioni puntiformi a carico della stessa regione di BCL-6 Si tratta di mutazioni somatiche bialleliche che avvengono indipendentemente dal riarrangiamento della banda 3q27. La mutazione di BCL-6 è considerata un marcatore del transito attraverso il CG.

52

53 BCL-6 E lungo 26kb ed è formato da 10 esoni Codifica per un repressore nucleare sequenzaspecifico della trascrizione. A livello dell estremità amino-terminale contiene una regione che lega N- CoR e SMRT, repressori trascrizionali La proteina BCL-6 viene degradata non solo per fosforilazione ma anche per acetilazione

54 Funzioni di BCL-6 Essenziale per lo sviluppo del CG e per la maturazione della cellula CD4+. La sua mancanza determina una risposta infiammatoria di tipo Th2 (con produzione di IL-4, IL10, stimolatori della produzione anticorpale) con infiltrati multiorgano costituiti da eosinofili e cellule B IgE positive Regola l espressione di geni importanti per l attivazione e differenziazione dei linfociti, per la risposta infiammatoria e per il ciclo cellulare

55 BCL-6: possibile ruolo patogenetico nel linfoma diffuso a grandi cellule Il legame tra il ligante del CD40 e il promotore di BCL-6 riducono l espressione di BCL-6 e favoriscono la normale differenzazione del linfocita B transitato nel CG. Le traslocazioni cromosomiche che sostituiscono la sequenza 5 regolatoria di BCL-6 altererebbero questo meccanismo. Azione anti-apoptotica?

56 Niu, Hematol Oncol 2002;20:155

57 BCL-6 positività e caratteri clinici Elevati valori di LDH e grosse masse linfomatose Significato prognostico irrilevante per quanto riguarda la percentuale di remissione completa e la sopravvivenza globale, ma migliore sopravvivenza libera da malattia a 5 anni per i pazienti con mutazione di BCL-6 ed elevati livelli di RNA messaggero

58 PROGNOSTIC IMPACT of DFS BCL-6 MUTATIONS % pts Median follow-up 73 months months 85% 48% p=.05 A subset of BCL-6 mutations associated with DLBCL cause deregulated BCL-6 transcription Deregulating mutations are not found in normal GC B-cells Pasqualucci et al., Blood 2003 BCL6 unmutated BCL6 mutated Vitolo U, Leukemia 2002;16:268 Artiga et al., Am J Pathol 2002;160:1371

59 Linfoma di Burkitt Hanno come bersaglio il gene c-myc, mappato a livello della banda 8q24. La proteina codificata dal gene viene sovraespressa per: Mutazioni insorte nella sequenza regolatoria del gene posta all estremità 5 Mutazioni missense che interferiscono con la fosforilazione del gene Traslocazioni cromosomiche

60 Linfoma di Burkitt: traslocazioni cromosomiche t(8;14): Nelle forme endemiche il punto di rottura sul cromosoma 8 si trova kb a monte di c- MYC che viene giustapposto all elemento J H Nelle forme sporadiche il punto di rottura si trova all estremità 5 del gene c-myc, che viene giustapposto a C H t(2;8) e t(8;22):il punto di rottura è 300kb a valle di c-myc che si fonde testa-coda con i geni per le catene leggere delle immunoglobuline

61 Proteina c-myc Proteina nucleare ad espressione ubiquitaria Fattore trascrizionale La sua espressione aumenta quando la cellula passa da uno stato di quiescenza ad uno stato di attiva proliferazione

62 Linfoma anaplastico Nel 40-60% dei pazienti con linfoma T o null si osserva la traslocazione t(2;5)(p23;q35) La traslocazione fonde il gene ALK, mappato in 2p23, con il gene NPM, mappato in 5q35 E l unico riarrangiamento che nei linfomi non-hodgkin s dà origine ad una proteina di fusione

63 Gene ALK Codifica per una proteina recettoriale transmembrana, con ligando sconosciuto ad attività tirosin kinasica. In condizioni fisiologiche una volta avvenuto il legame con il ligando si verifica la dimerizzazione della proteina e lo sviluppo dell attività kinasica

64 Gene NPM Codifica per una fosfoproteina nucleolare, che trasporta proteine dal citoplasma al nucleolo A livello della porzione carbossi-terminale contiene due siti di segnale per la localizzazione nucleare

65 Proteina chimerica NPM-ALK Formata dalla porzione di NPM, necessaria alla formazione di oligomeri e dalla porzione di ALK necessaria all attività kinasica Quindi la proteina chimerica è in grado di formare dimeri con se stessa e con moleclole NPM. La formazione di dimeri causa l attivazione dell attività kinasica di ALK senza necessità che si verifichi il legame con il ligando La tecnica più semplice per evidenziare la proteina è quella immuno-istochimica, che dimostra la proteina non solo nel citoplasma ma anche nel nucleo

66 Altre proteine formate da ALK Sono conseguenti alle traslocazioni: t(1;2)(q25;p23) t(2;3)(p23;q21) inv(2)(p23q35) Tutte formano dimeri per azione del gene partner di ALK,con conseguente sviluppo dell attività kinasica di quest ultimo L immunoistochimica ne dimostra l esclusiva localizzazioine citoplasmatica mancando le regioni per la localizzazione nucleare fornite da NPM.

67

68 Stein et al, Blood 2000;96:3681

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1 1 13. Anticorpi I edizione (vedi singoli sottocapitoli) 13. Anticorpi...1 13.1. STRUTTURA DEGLI ANTICORPI ED I GENI DELLE IMMUNOGLOBULINE...3 13.1.1. Struttura/funzione degli anticorpi...4 13.1.2. Dominii

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari ANTONELLA GROSSO Corso di Immunologia Molecolare ILAN RIESS LA MOLECOLA Interleukin 4 From Wikipedia, the free encyclopedia Interleukin-4, abbreviated

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA. Biochimica. Ciclo XXI. Settore scientifico disciplinari di afferenza: BIO/10

DOTTORATO DI RICERCA. Biochimica. Ciclo XXI. Settore scientifico disciplinari di afferenza: BIO/10 Alma Mater Studiorum Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA Biochimica Ciclo XXI Settore scientifico disciplinari di afferenza: BIO/10 TITOLO TESI Trasduzione del segnale e poliamine nell apoptosi

Dettagli

Messa a punto dell analisi della

Messa a punto dell analisi della SSMT Locarno 2012/2013 Lavoro di diploma per il corso di Tecnici in Analisi Biomediche Presso l Istituto Cantonale di Patologia di Locarno Messa a punto dell analisi della traslocazione RET/PTC Lavoro

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 Cisteina di 3 gruppo (176) Unità ripetute ricche di leucina Cisteine di 2 gruppo

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Linea di ricerca. Via Gattamelata, 64 35128 Padova

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Linea di ricerca. Via Gattamelata, 64 35128 Padova ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico Linea di ricerca Via Gattamelata, 64 35128 Padova Linea di ricerca 8 Immunologia dei tumori e approcci terapeutici Innovativi

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Acidi nucleici non codificanti

Acidi nucleici non codificanti Vol. Giacca 4bozza 17-02-2011 11:05 Pagina 19 Acidi nucleici non codificanti 19 maniera controllata in modo da non favorire la crescita di eventuali tumori presenti in sedi lontane da quella in cui sono

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DADDY FADEL OPTOMETRISTA Nel 1866 John Langdon Down ha descritto per la prima volta la sindrome che porta il suo nome. Nel 1959 Lejeune et al. hanno

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Gli anticorpi. Elena Adinolfi. Anticorpi ed Antigeni

Gli anticorpi. Elena Adinolfi. Anticorpi ed Antigeni Gli anticorpi Elena Adinolfi Anticorpi ed Antigeni Sono responsabili dell immunità umorale perché sono stati identificati per la prima volta in circolo nel sangue, nella linfa ed in altri fluidi corporei

Dettagli

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA IL PRESENTE TESTO E UNA SINTESI DEL TESTO COMPLETO EDITO DA LA MEDICINA BIOLOGICA, n.4, 2010, WWW.MEDIBIO.IT Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA Lo sviluppo

Dettagli

Fonti alimentari di Inositolo

Fonti alimentari di Inositolo Fonti alimentari di Inositolo Agrumi Cereali integrali Frutta secca(arachidi) Semi(germe di grano) Legumi(fagioli) Lievito di birra Gli alimenti freschi contengono molto più Inositolo rispetto ai prodotti

Dettagli

NUOVI APPROCCI TERAPEUTICI NEL TRATTAMENTO DEI LINFOMI NON HODGKIN DI DERIVAZIONE DAI LINFOCITI T PERIFERICI

NUOVI APPROCCI TERAPEUTICI NEL TRATTAMENTO DEI LINFOMI NON HODGKIN DI DERIVAZIONE DAI LINFOCITI T PERIFERICI Alma Mater Studiorum Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA EMATOLOGIA CLINICA E SPERIMENTALE ED EMATOPATOLOGIA Ciclo XXI Settore scientifico disciplinare di afferenza: MED/15 MALATTIE DEL SANGUE NUOVI

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

IL SISTEMA DELL INTERFERON: CENNI GENERALI.

IL SISTEMA DELL INTERFERON: CENNI GENERALI. IL SISTEMA DELL INTERFERON: CENNI GENERALI. Marco De Andrea, Raffaella Ravera, Daniela Gioia, Marisa Gariglio e Santo Landolfo Torino, Novara - Italia Riassunto Gli interferoni sono una famiglia di proteine

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni

Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni Federica Morelli, Specialista in Dermatologia e Venereologia, Pescara Claudio Feliciani, Professore associato in Dermatologia e Venereologia, Policlinico

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Dottorato in Biologia Avanzata - 22 ciclo -

Università degli Studi di Napoli Federico II Dottorato in Biologia Avanzata - 22 ciclo - Università degli Studi di Napoli Federico II Dottorato in Biologia Avanzata - 22 ciclo - Effetti citogenetici indotti in cellule umane da ioni pesanti relativistici Candidata: Diana Pignalosa Tutor: Prof.

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

DAI GENI AI SEMI. genetica e biotecnologie in agricoltura. Simona Baima e Giorgio Morelli

DAI GENI AI SEMI. genetica e biotecnologie in agricoltura. Simona Baima e Giorgio Morelli DAI GENI AI SEMI genetica e biotecnologie in agricoltura Simona Baima e Giorgio Morelli Copyright 2010 Editori: Simona Baima e Giorgio Morelli Copertina e disegni: Franco Marchiolli [www.francomarchiolli.com]

Dettagli

Cinquant anni dalla scoperta del DNA

Cinquant anni dalla scoperta del DNA Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale articolo 2 comma 20/c legge 662/96 - Roma Cinquant anni dalla scoperta del DNA Alcune ricerche dell Istituto Superiore di Sanità Un contributo

Dettagli

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della struttura secondaria: Minimizzazione dell energia Un

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

PRINCIPI INTERPRETATIVI IN CITOLOGIA ONCOLOGICA

PRINCIPI INTERPRETATIVI IN CITOLOGIA ONCOLOGICA Quaderni di dermatologia, Anno 7, n. 1, Giugno 2002 7 PRINCIPI INTERPRETATIVI IN CITOLOGIA ONCOLOGICA DAVIDE DE LORENZI Medico Veterinario, Specialista in Clinica e Patologia degli Animali da Affezione

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF Dr. Vincenzo Piazza La Sindrome da resistenza agli ormoni tiroidei,descritta per la prima volta da Refetoff, è una patologia molto

Dettagli

Note sui messagg eri intracellulari (revisione 2005, distribuzione 2005) 1. Introduzione

Note sui messagg eri intracellulari (revisione 2005, distribuzione 2005) 1. Introduzione Note sui messagg eri intracellulari (revisione 2005, distribuzione 2005) 1. Introduzione Com é noto, nella larga maggioranza dei casi, il passaggio attraverso la membrana plasmatica dell infor mazione

Dettagli

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico.

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. Elettroforesi su gel L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Test per portatori sani

Test per portatori sani 16 Test per portatori sani Tutti i nomi originali in questo opuscolo sono stati cambiati per proteggere l'identità degli intervistati. Queste informazioni sono state elaborate dal Genetic Interest Group.

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV Arcispedale S. Maria Nuova Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Prof. Giovanni Battista La Sala - Direttore PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli