Creare e selezionare le nuove varietà con strumen2 di gene2ca avanzata. Luca Gianfranceschi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Creare e selezionare le nuove varietà con strumen2 di gene2ca avanzata. Luca Gianfranceschi"

Transcript

1 Creare e selezionare le nuove varietà con strumen2 di gene2ca avanzata Luca Gianfranceschi

2 Come selezionare le nuove varietà? Iden2ficando: i geni responsabili del cara;ere U2lizzando: Marcatori molecolari Sfru;ando: Conoscenze di biologia molecolare Sviluppi delle biotecnologie 2

3 Marcatori molecolari Sono uno strumento che serve per marcare una precisa posizione all interno del DNA di un organismo Quali cara;eris2che devono avere Non sono influenza2 dall ambiente Stabili Numerosi Mostrare elevata variabilità Facili da monitorare Analisi automa2zzabili 3

4 Quan2 marcatori abbiamo? Nel proge;o AGER melo abbiamo u2lizzato circa marcatori SNP sono sta2 posiziona2 sulla mappa gene2ca La mappa gene2ca del genoma di melo è circa cm C è un marcatore ogni cm è è U2lizzando il marcatore più vicino al gene per selezionare faremmo un errore 6-8 volte ogni Se u2lizzassimo i due marcatori fiancheggian2 per la selezione del gene gli errori sarebbero circa 2-4/ La dimensione del genoma del melo è circa 790 milioni di nucleo2di Distanza media tra marcatori è di circa nucleo2di 4

5 Mappa gene2ca del melo Distribuzione lungo i 17 cromosomi di melo dei marcatori mappa2 in 21 popolazioni di incrocio di melo (raggruppa2 per Focal Point) Bianco et al. PLoS ONE 2014, 9(10): e (doi: /journal.pone ) 5

6 Mappatura di cara;eri complessi m 1 Varietà 1 m 2 Varietà 2 m 3 Popolazione segregante m 1 m 2 m 3 Mappa gene2ca Dato feno2pico 6

7 QTL analysis Esiste Come un associazione scoprire se esiste tra un associazione il geno1po del tra marcatore il geno2po del molecolare marcatore e molecolare il cara5ere e il quan1ta1vo? cara;ere feno2pico Frequenza Mm MM mm Dimensione 7

8 QTL analysis Come scoprire se esiste un associazione tra il geno2po del marcatore molecolare e il cara;ere feno2pico Frequenza mm Mm MM Dimensione 8

9 QTL analysis Cara7ere quantitativo M 1 M 1 m 1 m 1 b 0 0 M 1 M 1 m 1 m 1 Genotipo marcatore Il marcatore NON è associato al cara;ere feno2pico Ê nelle vicinanze del marker NON c è un gene che controlla il cara;ere 9

10 QTL analysis Cara7ere quantitativo M 2 M 2 m 2 m 2 b 0 0 M 2 M 2 m 2 m 2 Genotipo marcatore Il marcatore È ASSOCIATO al cara;ere feno2pico Ê nelle vicinanze del marker è presente un gene che controlla il cara;ere 10

11 Quali cara;eri studiare? Aspe;o Dolcezza Aromi Durezza Succosità Consistenza Maturità Conservabilità Acidità Resistenza a malage 11

12 La resistenza alle malage La maggior parte delle resistenze derivano da specie selva2che senza valore commerciale e con cara;eris2che nega2ve Alla resistenza sono associa2 mol2 cara;eri nega2vi del fru;o che dovrebbero essere elimina2 L iden1ficazione dei geni di resistenza perme5e: Di selezionare molto precocemente le piante resisten2 Di individuare piante che hanno più di un gene di resistenza (piramidizzazione) Di eliminare più velocemente il genoma della specie selva1ca producendo una pianta con elevata qualità Malus flo ribunda 8 21 (Vf) 12

13 Marcatori disponibili Patogeno locus R marker fonte Venturia inaequalis Vf CH- Vf1 Vinatzer et al 2004 Venturia inaequalis Vd CH02b07 Tartarini et al 2004 Venturia inaequalis Vd DCA- SSR1, - 2, - 3, - 17, questo proge;o - 21, - 22, - 26, - 29, - 30 Venturia inaequalis Vm Hi07h02 Patocchi et al 2005 Venturia inaequalis Vh2 CH02b10 Bus et al 2005 Venturia inaequalis Vh2 CH05e03 Bus et al 2005 Venturia inaequalis Vh4 CH02c02a Bus et al 2005 Podosphaera leucotricha Pl1 AT20- SCAR Markussen et al 1995 Erwinia amylovora [da Fiesta] AE375 Khan et al 2007 Erwinia amylovora [da Fiesta] GE8019 Khan et al

14 Popolazioni di incrocio u2lizzate per la mappatura di nuovi geni di resistenza in melo Locus Incrocio Progenie (n) Gruppi coinvol1 Va? Reinders x Antonovka PI UNIBO/UNIMI Va? Golden delicious x Antonovka 80 UNIBO/UNIUD DCA Va? Fuji x Antonovka DCA 81 UNIBO/UNIUD Vb Golden D. x Hansen s baccata #2 a.100 UNIBO/FEM- IASMA Vm Golden D. x [Galaxi x Murray] > 1000 UNIBO/FEM- IASMA Vx? Golden delicious x Striato dolce a. 500 FEM- IASMA- UNIUD Vy? Golden delicious x Dal dolç a. 500 FEM- IASMA- UNIUD AP Coop12 x Coop UNIBO/UNIUD FB Durello di Forlì x Fiesta 174 UNIBO/UNIMI 14

15 Lista dei geno2pi con resistenze piramidate selezionate nell ambito del proge;o Varietà/Geno1po Origine loci piramida1 Ariwa (a) Golden Delicious x A Vf, Vg, Plx, FBx, Nx Florina (a) x Jonathan Vf, ALx Golden Orange (a) Ed Gould Golden X PRI Vf, PM QTL DD59 (s) Durello di Forlì x Discovery Vd, V QTLD DF120 (s) Durello di Forlì x Fiesta Vd, V QTLF DF128 (s) Durello di Forlì x Fiesta Vd, V QTLFa DF163 (s) Durello di Forlì x Fiesta Vd, V QTLFa GK13 (s) GoldRush x Realka Vf,Vh2, Vh4 GM37 (s) GoldRush x Murray Vf, Vm GR40 (s) GoldRush x Russian seedling R A Vf, Vr HM47, - 57, (s) Harmonie x Murray Vf, Vm GMALx (a) accessioni di M. orientalis Vr2, FBx, Rux (a) varietà/accessione acquisita (s) genotpo selezionato da incrocio nell ambito del progewo Vx = Venturia inaequalis, 2cchiolatura Plx = Podosphera leucotricha, oidio FBx = Erwinia amylovora, fire blight, colpo di fuoco ba;erico Nx = Nectria, cancro rameale Ru = cedar apple rust ALx = afide lanigero 15

16 Lista dei nuovi incroci prodog per la piramidizzazione di resistenze Incrocio (tra parentesi il locus R) Coop 39 Crimson Crisp (Vf) x Sel. HM47 (Vm) Coop 39 Crimson Crisp (Vf) x Sel. HM57 (Vm) Daline;e Choupe;e (Vf) x Sel. HM47 (Vm) Daline;e Choupe;e (Vf) x Sel. HM57 (Vm) GK13 x HM45 HM45 x GK15 Coop 39 Crimson Crisp (Vf) x Realka (Vr) Daline;e Choupe;e (Vf) x Realka (Vr) Semenzali o semi

17 Collaborazioni Work Package: Development and use of molecular markers and selec3on of new varie3es with mul3ple resistance traits nel proge;o AGER melo responsabile: Prof. Guido Cipriani Prof. Stefano Tartarini Do;. Riccardo Velasco & al. Do;. Silvio Pellegrino Do;. Luca Gianfranceschi Collegamen2 anche con il proge;o EU Fruitbreedomics Do;. Eric Van de Weg (Plant Research Interna2onal, NL) 17

18 Grazie dell attenzione 18

Qualità della mela nell era della post-genomica, dalla creazione di nuovi genotipi alla post-raccolta: nutrizione e salute

Qualità della mela nell era della post-genomica, dalla creazione di nuovi genotipi alla post-raccolta: nutrizione e salute Qualità della mela nell era della post-genomica, dalla creazione di nuovi genotipi alla post-raccolta: nutrizione e salute Ente capofila: Partners: Fondazione E. Mach San Michele all Adige Università di

Dettagli

Miglioramento genetico delle orticole: innovazione, risultati e nuovi utilizzi

Miglioramento genetico delle orticole: innovazione, risultati e nuovi utilizzi Miglioramento genetico delle orticole: innovazione, risultati e nuovi utilizzi I principali obiettivi del nostro Miglioramento genetico degli ortaggi con l impiego delle tecniche tradizionali: Ada$amento

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

GREEN HIGH TECH: la Scienza nell'arte di nutrire il mondo? Non si sequenzia solo il genoma umano: ecco perché usando l'esempio del pesco

GREEN HIGH TECH: la Scienza nell'arte di nutrire il mondo? Non si sequenzia solo il genoma umano: ecco perché usando l'esempio del pesco GREEN HIGH TECH: la Scienza nell'arte di nutrire il mondo? Non si sequenzia solo il genoma umano: ecco perché usando l'esempio del pesco Luca Dondini - Dipartimento di Scienze Agrarie (Università di Bologna)

Dettagli

La coltura del pero è da sempre

La coltura del pero è da sempre Tecnica SPECIALE PERO Quattro nuove varietà dall Università di Bologna Stefano Musacchi - Vincenzo Ancarani - Silviero Sansavini Dipartimento di Scienze Agrarie - Università di Bologna In fase di introduzione

Dettagli

Viaggio al centro della Biodiversità

Viaggio al centro della Biodiversità Liceo G.M. Colombini - Piacenza - indirizzo scientifico-tecnologico Biodiversità all interno di ogni specie e varietà dovute all azione dell uomo in ambito genetico Viaggio al centro della Biodiversità

Dettagli

MAP-BASED CLONING OF THE Rvi15 (Vr2) APPLE SCAB RESISTANCE GENE

MAP-BASED CLONING OF THE Rvi15 (Vr2) APPLE SCAB RESISTANCE GENE DISS. ETH Nr.: 18568 MAP-BASED CLONING OF THE Rvi15 (Vr2) APPLE SCAB RESISTANCE GENE A dissertation submitted to the SWISS FEDERAL INSTITUTE OF TECHNOLOGY ZUERICH For the degree of Doctor of science ETH

Dettagli

I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più.

I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più. Piante transgeniche prive di geni marker I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più. Possibili problemi una volta in

Dettagli

PROGETTO FINALIZZATO: "Prodotti e tecnologie innovative su piante ornamentali con paticolare riguardo alle aree del meridione"

PROGETTO FINALIZZATO: Prodotti e tecnologie innovative su piante ornamentali con paticolare riguardo alle aree del meridione PROGETTO FINALIZZATO: "Prodotti e tecnologie innovative su piante ornamentali con paticolare riguardo alle aree del meridione" SOTTOPROGETTO: "Germoplasma" TITOLO DELLA RICERCA: "Miglioramento genetico

Dettagli

Dal seme alla farina: metodi tradizionali e innovativi per la tracciabilità genetica dei cereali

Dal seme alla farina: metodi tradizionali e innovativi per la tracciabilità genetica dei cereali Dal seme alla farina: metodi tradizionali e innovativi per la tracciabilità genetica dei cereali Chiara Delogu Lorella Andreani SCS- Centro per la sperimentazione e certificazione delle sementi SEME Materiale

Dettagli

LA SELEZIONE GENOMICA NELLE RAZZE DA CARNE: WORK IN PROGRESS

LA SELEZIONE GENOMICA NELLE RAZZE DA CARNE: WORK IN PROGRESS Associazione Italiana Allevatori LA SELEZIONE GENOMICA IMMAGINE NELLE RAZZE DA CARNE: WORK IN PROGRESS RICCARDO NEGRINI riccardo.negrini@unicatt.it negrini.r@aia.it Trend del mercato della carne nei Paesi

Dettagli

Recupero e caratterizzazione di vecchi ecotipi autoctoni di fagiolo da granella

Recupero e caratterizzazione di vecchi ecotipi autoctoni di fagiolo da granella Recupero e caratterizzazione di vecchi ecotipi autoctoni di fagiolo da granella Carmagnola 25 marzo 2011 Michele Baudino, Ezio Portis Il fagiolo da granella in Piemonte Fagiolo per produzione di granella

Dettagli

Dipartimento di Scienze Agrarie e degli Alimenti

Dipartimento di Scienze Agrarie e degli Alimenti Dipartimento di Scienze Agrarie e degli Alimenti Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia via Amerndola, 2 Pad. Besta - 42100 Reggio Emilia - Italy CONTRATTO DI RICERCA/CONSULENZA TRA L UNIVERSITÀ

Dettagli

Coordinatore Scientifico: Prof. VITO N. SAVINO Dip. Biologia e Chimica Agroforestale ed Ambientale Università di Bari

Coordinatore Scientifico: Prof. VITO N. SAVINO Dip. Biologia e Chimica Agroforestale ed Ambientale Università di Bari Angelantonio Minafra e Stefania Pollastro Istituto di Virologia Vegetale del CNR, Bari e Dipartimento Biologia e Chimica Agroforestale ed Ambientale Università di Bari Rete regionale di laboratori per

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA a.a.2011-2012 11.10.2011 Lezioni N. 7 e 8 Ereditarietà Mendeliana Segregazione alleli, indipendenza geni, associazione, ricombinazione Dott.ssa Elisabetta Trabetti UN GENE =

Dettagli

IL RIFIUTO DEGLI OGM ESPERIENZE E VALUTAZIONI 1

IL RIFIUTO DEGLI OGM ESPERIENZE E VALUTAZIONI 1 DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE Area Arboree Alma Mater Studiorum Università di Bologna Viale G. Fanin 46 40127 Bologna Tel. 00390512096400 Fax 00390512096401 IL RIFIUTO DEGLI OGM ESPERIENZE E VALUTAZIONI

Dettagli

Genetica. Mendel e la genetica

Genetica. Mendel e la genetica Genetica Le leggi dell ereditarietà di Mendel Ereditarietà e cromosomi Estensioni della genetica mendeliana Applicazioni della genetica Genoma umano Mendel e la genetica Mendel 81822-1884), un monaco di

Dettagli

Docente Prof. Agata Gadaleta email: agata.gadaleta@uniba.it - Tel. 080 544 2993

Docente Prof. Agata Gadaleta email: agata.gadaleta@uniba.it - Tel. 080 544 2993 Corso di Laurea: Scienze e tecnologie alimentari Corso Integrato: Biotecnologie per la qualità degli alimenti Modulo: Metodologie geneticomolecolari (6 CFU) (4 CFU Lezioni + 2 CFU Esercitazioni) Docente

Dettagli

DATA inizio e fine BUDGET. Euro 2.454.414,00 01/07/2011 31/03/2015. COORDINATORE PROGETTO Roberta Davoli. CAPOFILA Università di Bologna, DIPROVAL

DATA inizio e fine BUDGET. Euro 2.454.414,00 01/07/2011 31/03/2015. COORDINATORE PROGETTO Roberta Davoli. CAPOFILA Università di Bologna, DIPROVAL SETTORE INTERVENTO: ZOOTECNIA (SUINO) TITOLO PROGETTO: Ricerca avanzata in genomica e innovazioni tecnologiche per la filiera produttiva del suino pesante italiano (HEPIGET) Advanced research in genomics

Dettagli

Antonello Carta, Marco Pittau, Marino Contu, Riccardo Negrini, Maria Filippa Addis

Antonello Carta, Marco Pittau, Marino Contu, Riccardo Negrini, Maria Filippa Addis Antonello Carta, Marco Pittau, Marino Contu, Riccardo Negrini, Maria Filippa Addis È la tecnica che consente di incrementare il livello delle performance delle nuove generazioni rispetto alla generazione

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UNIONE EUROPEA Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Fondo Sociale Europeo MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA REGIONE PUGLIA Angelantonio Minafra e Stefania Pollastro

Dettagli

Cap. 2 ordine spontaneo e auto- organizzazione. Antonio Nicita

Cap. 2 ordine spontaneo e auto- organizzazione. Antonio Nicita Cap. 2 ordine spontaneo e auto- organizzazione Antonio Nicita Ques7oni/1 Risulta7 aggrega7 e preferenze Una delle grandi sfide delle scienze sociali è il comprendere come gli esi7 aggrega7 siano spesso

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

Scheda di presentazione del progetto. Carafierizzazione varietale e diversità genetica in O/ea europaea mediante l'impiego di marcatori molecolari'

Scheda di presentazione del progetto. Carafierizzazione varietale e diversità genetica in O/ea europaea mediante l'impiego di marcatori molecolari' Carafierizzazione varietale e diversità genetica in O/ea europaea mediante l'impiego di marcatori molecolari' L'olivo (Olea europaea L.) è una delle piu antich e importanti piante coltivate nell'areale

Dettagli

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere l informazione genetica nelle cellule,

Dettagli

FEM RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 2013

FEM RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 2013 FEM RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 2013 2 SOMMARIO Prospetti economico-patrimoniali... 6 Centro Ricerca e Innovazione... 10 CRI: Prospetti economici-patrimoniali... 38 Centro

Dettagli

MERIDIAN (Measuring the Effects of Radia5on on Immunity and DIfferen5A5oN) Edoardo Milo> INFN Sezione di Trieste CdS 11/7/2013

MERIDIAN (Measuring the Effects of Radia5on on Immunity and DIfferen5A5oN) Edoardo Milo> INFN Sezione di Trieste CdS 11/7/2013 MERIDIAN (Measuring the Effects of Radia5on on Immunity and DIfferen5A5oN) Edoardo Milo> INFN Sezione di Trieste CdS 11/7/2013 Condizioni necessarie allo sviluppo dei tumori (lista ripresa e modificata

Dettagli

L enigma del XXI secolo: decifrare il codice della vita

L enigma del XXI secolo: decifrare il codice della vita L enigma del XXI secolo: decifrare il codice della vita David Horner Dipar9mento di Bioscienze Università degli Studi di Milano Via Celoria 26 Milano 20133 david.horner@unimi.it Regola di Chargaff %A =

Dettagli

X-FILES in NUTRIZIONE. CLINICA ed ARTIFICIALE

X-FILES in NUTRIZIONE. CLINICA ed ARTIFICIALE Onconutrizione: La ricerca in chemioprevenzione Ulrich Pfeffer U.O.C. Patologia Molecolare ntegrata RCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Mar6no ST s6tuto Nazionale per la Ricerca sul Cancro La prevenzione

Dettagli

Le innovazioni di ESPLORA nel settore orto-floricolo

Le innovazioni di ESPLORA nel settore orto-floricolo Le innovazioni di ESPLORA nel settore orto-floricolo Giuseppe L. Rotino (CRA-ORL, Montanaso L.) giuseppeleonardo.rotino@entecra.it specie studiate Anemone Pisello da industria Fagiolo Pomodoro Melanzana

Dettagli

Trasmissione del materiale ereditario

Trasmissione del materiale ereditario Trasmissione del materiale ereditario Confronto tra mitosi e meiosi: La mitosi consiste in una duplicazione dei cromosomi seguita da una regolare separazione Ciascun cromosoma si comporta indipendentemente

Dettagli

Meiosi Genetica. Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica

Meiosi Genetica. Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica Meiosi Genetica Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica Batteri e altri organismi unicellulari si riproducono mediante divisione cellulare (riproduzione

Dettagli

Corso di Biologia Molecolare

Corso di Biologia Molecolare Corso di Biologia Molecolare Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Acidi nucleici Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

Agricoltura del futuro: quali biotecnologie usare per garantire a tutti il diritto al cibo?

Agricoltura del futuro: quali biotecnologie usare per garantire a tutti il diritto al cibo? Agricoltura del futuro: quali biotecnologie usare per garantire a tutti il diritto al cibo? SOSTENIBILITA Nel 'genome editing' la risposta alla sfida per l'agricoltura del futuro Roma, 24 set. (AdnKronos)

Dettagli

Smart Breeding: la nuova generazione di piante

Smart Breeding: la nuova generazione di piante Smart Breeding: la nuova generazione di piante MAS, selezione assistita da marcatori: una biotecnologia per il miglioramento genetico delle piante, ma senza i problemi dell ingegneria genetica. Novembre

Dettagli

ESCRIZIONE DELLA PROPOSTA

ESCRIZIONE DELLA PROPOSTA -2015 ESCRIZIONE DELLA PROPOSTA LABORATORI PER LE SCUOLE PROPOSTE DI LABORATORI ARTISTICI, ESPRESSIVI ED ESPERIENZIALI RIVOLTI AI BAMBINI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO, DELLA PRIMARIA E DELL INFANZIA

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMEDICHE

DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMEDICHE DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMEDICHE Istituto di Genetica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE Address: Istituto di Genetica DSTB - Università degli Studi di Udine P.le Kolbe,1-33100 Udine - ITALIA

Dettagli

GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA

GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA LE SCIENZE AGRARIE Tra OGM e agricolture alternative Firenze, 19 Aprile 2013 GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA Blanco Università degli Studi di Bari Aldo Moro A. La Dieta Mediterranea è caratterizzata dal

Dettagli

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices Product Overview ITI Apps Enterprise apps for mobile devices ITI idea, proge2a e sviluppa apps per gli uten6 business/enterprise che nell ipad, e nelle altre pia2aforme mobili, possono trovare un device

Dettagli

Gene MERTK come marker di progressione di fibrosi nelle mala8e croniche di fegato

Gene MERTK come marker di progressione di fibrosi nelle mala8e croniche di fegato Università degli Studi di Palermo FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA DoKorato di Ricerca in Biopatologia Gene MERTK come marker di progressione di fibrosi nelle mala8e croniche di fegato Do$.ssa Rosaria Maria

Dettagli

Il microbiota della vite: un assicurazione sulla salute della pianta

Il microbiota della vite: un assicurazione sulla salute della pianta Il microbiota della vite: un assicurazione sulla salute della pianta 26 marzo 2015 Costigliole d Asti Museo del Vino Barolo Paola Bonfante Dibios paola.bonfante@unito.it Il microbiota dell intestino umano

Dettagli

AGENDA. q Gli obie0vi delle car policy mul@nazionali. q Evoluzione delle car policy mul@nazionali. q Evoluzione delle car list mul@nazionali

AGENDA. q Gli obie0vi delle car policy mul@nazionali. q Evoluzione delle car policy mul@nazionali. q Evoluzione delle car list mul@nazionali Analisi e scelte di car policy per le flotte multinazionali Laura Echino Membro del Comitato Dire0vo A.I.A.G.A. Corporate General Services Manager Lavazza A.I. A. G. A. Associazione Italiana Acquiren4

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Indagini Biologico-Molecolari per Accertamento di Paternità

RELAZIONE TECNICA. Indagini Biologico-Molecolari per Accertamento di Paternità RELAZIONE TECNICA Indagini Biologico-Molecolari per Accertamento di Paternità PROSPETTO RIASSUNTIVO DELL'ANALISI ANALISI INDAGINE DI PATERNITA' PERSONE SOTTOPOSTE AL TEST QUESITO Campione Biologico Tampone

Dettagli

Cosa manca alla pianta per essere resistente: analisi dei geni espressi durante l infezione. Studio dell interazione kiwi-psa

Cosa manca alla pianta per essere resistente: analisi dei geni espressi durante l infezione. Studio dell interazione kiwi-psa Cosa manca alla pianta per essere resistente: analisi dei geni espressi durante l infezione Studio dell interazione kiwi-psa Dr Gianni Tacconi (CRA-GPG) Centro di Ricerche per la Genomica e la Postgenomica

Dettagli

Profilo aziendale. Prodotti e servizi per il mercato italiano

Profilo aziendale. Prodotti e servizi per il mercato italiano Profilo aziendale La ATLAS Biolabs GmbH è fornitore leader di servizi di genomica su microarray, quali espressione genica sull intero genoma e analisi degli SNP, analisi CGH e servizi diagnostici per dottori

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO Polo Universitario delle Professioni Sanitarie Rovereto Dipartimento di Genetica e

Dettagli

Dal grano Creso alle scienze omiche, nuove applicazioni e strategie future

Dal grano Creso alle scienze omiche, nuove applicazioni e strategie future Dal grano Creso alle scienze omiche, nuove applicazioni e strategie future..non c'è futuro senza passato Patrizia Galeffi, PhD - ENEA Dalla ricerca nucleare alla produzione agro-alimentare: il caso del

Dettagli

Marcatori molecolari per l iden3ficazione varietale. Tracciabilità molecolare

Marcatori molecolari per l iden3ficazione varietale. Tracciabilità molecolare Marcatori molecolari per l iden3ficazione varietale Tracciabilità molecolare Regolamento Europeo 178/2002 Nella tracciabilità rientrano le a.vità volte a iden1ficare le sostanze che cos1tuiscono il cibo

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

Metodi di Miglioramento genetico. Stefano Pavan DiS.S.P.A E-mail: stefano.pavan@uniba.it

Metodi di Miglioramento genetico. Stefano Pavan DiS.S.P.A E-mail: stefano.pavan@uniba.it Metodi di Miglioramento genetico Stefano Pavan DiS.S.P.A E-mail: stefano.pavan@uniba.it Legge di Hardy-Weinberg Si assuma una popolazione diploide che si riproduca sessualmente attraverso generazioni discrete

Dettagli

Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela

Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela Dr.ssa Paola Modesto Dr.ssa Serena Meistro Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela Prodotti

Dettagli

Il melo in coltivazione biologica

Il melo in coltivazione biologica in collaborazione con Il melo in coltivazione biologica La mela rientra tra le prime dieci colture ortofrutticole più coltivate nel mondo; tra i soli frutti è alla quarta posizione con quasi 64 milioni

Dettagli

e dei genotipi tossici

e dei genotipi tossici Metodi molecolari l per il riconoscimento dei cianobatteri e dei genotipi tossici Susanna Vichi Dip. Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria Istituto Superiore di Sanità, Roma Workshop Sorveglianza delle

Dettagli

masterpartneresa Risposta: Ignorare il messaggio.

masterpartneresa Risposta: Ignorare il messaggio. IVA 2010 REL. 1.1 VF53 PROCEDURA IVA-2010 REL. 1.1 Nel caso in cui sia barrata la casella VF53 e non siano state compilate altre sezioni del quadro VF sez. 3 viene segnalato nell ALT F3 il seguente messaggio:

Dettagli

La cartella web del dolore cronico non oncologico. Do#. Marco Viscon. Presidente Commissione Informa.ca ANCoM

La cartella web del dolore cronico non oncologico. Do#. Marco Viscon. Presidente Commissione Informa.ca ANCoM La cartella web del dolore cronico non oncologico Do#. Marco Viscon. Presidente Commissione Informa.ca ANCoM Il proge#o IMPACT prevede da parte dei Medici di Famiglia la registrazione di un set di da.

Dettagli

CELIACHIA E TEST HLA RACCOMANDAZIONI

CELIACHIA E TEST HLA RACCOMANDAZIONI CELIACHIA E TEST HLA RACCOMANDAZIONI a cura di Maria Cristina Mazzilli 1 Antonio Calabrò 2 Carlo Catassi 2 Luigi Greco 2 Riccardo Troncone 2 Umberto Volta 2 Valerio Misefari 3 Antonio Amoroso 4 Ettore

Dettagli

Cosa sono? Come? Perchè?

Cosa sono? Come? Perchè? Cosa sono? Un organismo vivente si definisce Geneticamente Modificato (OGM), secondo la legislazione nazionale e comunitaria, quando " il materiale genetico è stato modificato in modo diverso da quanto

Dettagli

Esercitazione di Laboratorio corso Prof Tuberosa Biotecnologie genetiche agrarie Laurea in Biotecnologie (terzo anno).

Esercitazione di Laboratorio corso Prof Tuberosa Biotecnologie genetiche agrarie Laurea in Biotecnologie (terzo anno). Esercitazione di Laboratorio corso Prof Tuberosa Biotecnologie genetiche agrarie Laurea in Biotecnologie (terzo anno). Programma: Giorno 1Preparazione di DNA genomico da foglie 2 - Controllo qualità DNA

Dettagli

CREAZIONE DELLA BANCA DEL GERMOPLASMA DELLA VALLE D AOSTA, CON IL SUPPORTO DELLA

CREAZIONE DELLA BANCA DEL GERMOPLASMA DELLA VALLE D AOSTA, CON IL SUPPORTO DELLA CREAZIONE DELLA BANCA DEL GERMOPLASMA DELLA VALLE D AOSTA, CON IL SUPPORTO DELLA CARATTERIZZAZIONE GENETICA DI SPECIE VEGETALI DI INTERESSE REGIONALE RICERCATORE TEAM LEADER: FABIO GUGLIELMO INTRODUZIONE:

Dettagli

MAP-BASED CLONING OF RESISTANCE GENE HOMOLOGUES IN THE Vf -REGION OF THE APPLE (Malus sp.)

MAP-BASED CLONING OF RESISTANCE GENE HOMOLOGUES IN THE Vf -REGION OF THE APPLE (Malus sp.) Diss. ETH Nr. 13793 MAP-BASED CLONING OF RESISTANCE GENE HOMOLOGUES IN THE Vf -REGION OF THE APPLE (Malus sp.) A dissertation submitted to the SWISS FEDERAL INSTITUTE OF TECHNOLOGY ZÜRICH For the degree

Dettagli

Valutazione individuale dell attitudine casearia del latte

Valutazione individuale dell attitudine casearia del latte Valutazione individuale dell attitudine casearia del latte Alessio Cecchinato Dipartimento di Agronomia, Animali, Alimenti Risorse Naturali e Ambiente - DAFNAE Università di Padova Bufala Mediterranea

Dettagli

Controllo post-trascrizionale dell espressione genica

Controllo post-trascrizionale dell espressione genica Controllo post-trascrizionale dell espressione genica Livelli di controllo dell espressione genica Rivisitazione del concetto di gene Per gli organismi eucariotici più evoluti il dogma un gene = una proteina

Dettagli

Corso di Biologia Molecolare

Corso di Biologia Molecolare Corso di Biologia Molecolare Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Acidi nucleici Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere

Dettagli

I progetti di ricerca europei dell Università degli Studi di Brescia. Giorgio Sberveglieri ( Delegato del Rettore per i Progetti Europei )

I progetti di ricerca europei dell Università degli Studi di Brescia. Giorgio Sberveglieri ( Delegato del Rettore per i Progetti Europei ) I progetti di ricerca europei dell Università degli Studi di Brescia ( Delegato del Rettore per i Progetti Europei ) Strategia di Lisbona 7 PQ - Programma NMP Grafico normalizzato del rateo di successo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Indagini Biologico-Molecolari per Accertamento di Paternità

RELAZIONE TECNICA. Indagini Biologico-Molecolari per Accertamento di Paternità RELAZIONE TECNICA Indagini Biologico-Molecolari per Accertamento di Paternità PROSPETTO RIASSUNTIVO DELL'ANALISI ANALISI INDAGINE DI PATERNITA' Campione Biologico PERSONE Prelievo Ematico Padre XXXXXXXX

Dettagli

IL CONTROLLO GENETICO DELLA PARENTELA NEL CANE CON ANALISI DEL DNA Michele Polli, Loredana Holzer, Stefano Marelli, Luigi Guidobono Cavalchini

IL CONTROLLO GENETICO DELLA PARENTELA NEL CANE CON ANALISI DEL DNA Michele Polli, Loredana Holzer, Stefano Marelli, Luigi Guidobono Cavalchini IL CONTROLLO GENETICO DELLA PARENTELA NEL CANE CON ANALISI DEL DNA Michele Polli, Loredana Holzer, Stefano Marelli, Luigi Guidobono Cavalchini Università degli Studi di Milano - Istituto di Zootecnica

Dettagli

LA TECNOLOGIA SANGER SEQUENCING RICERCATORE TEAM LEADER: DOTT.SSA VELCA BOTTI

LA TECNOLOGIA SANGER SEQUENCING RICERCATORE TEAM LEADER: DOTT.SSA VELCA BOTTI LA TECNOLOGIA SANGER SEQUENCING RICERCATORE TEAM LEADER: DOTT.SSA VELCA BOTTI 1953: scoperta del DNA (Watson e Crick) CENNI STORICI 1977: metodo di Sanger per il sequenziamento del DNA (pubblicazione della

Dettagli

Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana

Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana IL DNA L'acido desossiribonucleico o deossiribonucleico (DNA) presente nelle cellule di

Dettagli

Luoghi di conservazione ex situ:

Luoghi di conservazione ex situ: PESCO Famiglia: Rosaceae Genere: Prunus Specie: Prunus persica (L.) Batsch Nome comune: Pesca noce cotogna spiccagnola di Romagna Sinonimi accertati: nettarina-percoca a buccia gialla Sinonimie errate:

Dettagli

L utilizzazione della biodiversità nel miglioramento genetico delle piante

L utilizzazione della biodiversità nel miglioramento genetico delle piante La biodiversità: una risorsa essenziale della natura. Conoscenza e valorizzazione attraverso la scuola 2010: Anno Internazionale della Biodiversità L utilizzazione della biodiversità nel miglioramento

Dettagli

Pubblicazione finanziata con fondi della Regione Veneto L.R. 09.08.99 n.32, art.5

Pubblicazione finanziata con fondi della Regione Veneto L.R. 09.08.99 n.32, art.5 Autori - LUIGINO SCHIAVON, Settore Ricerca Agraria - SIMONE SERRA, Centro Sperimentale Pradon di Porto Tolle (RO) - ELISA STOPPA, Collaboratrice Pubblicazione edita da VENETO AGRICOLTURA Azienda Regionale

Dettagli

Dall Intranet al Cloud Content Management

Dall Intranet al Cloud Content Management Dall Intranet al Cloud Content Management Dallo sviluppo su pia+aforme all u1lizzo di servizi. È possibile e sostenibile? Chi ci guadagna e chi ci perde? Come cambia lo scenario per il fornitore? Quale

Dettagli

LA GENETICA. Dott.ssa Valentina Terio

LA GENETICA. Dott.ssa Valentina Terio LA GENETICA Dott.ssa Valentina Terio LLA GENETCA SCIENZA NATA CIRCA 150 ANNI FA GRAZIE AD UN STUDIOSO AUSTRIACO DI NOME MENDEL Pisello da giardino per la facilità di crescita e la possibilità di una impollinazione

Dettagli

Elementi di genetica di base e marcatori molecolari. Dott.ssa Marica Soattin

Elementi di genetica di base e marcatori molecolari. Dott.ssa Marica Soattin Elementi di genetica di base e marcatori molecolari Dott.ssa Marica Soattin Organismi animali costituiti da cellule di tipo eucariote Cellule con nucleo differenziato delimitato da membrana e organelli

Dettagli

Scientifico e Comunicazione Istituzionale, Università degli Studi di Ferrara. ore 11.20: ripresa dei lavori

Scientifico e Comunicazione Istituzionale, Università degli Studi di Ferrara. ore 11.20: ripresa dei lavori ISTITUTO AGRARIO DI SAN MICHELE ALL ADIGE Organismi Geneticamente Modificati (OGM) agroalimentari: strategie di comunicazione. Aula Magna dell Istituto Agrario di San Michele all Adige (TN) 31 gennaio

Dettagli

NEBBIOLO GENOMICS: genomica strutturale-funzionale su aspetti patologici e qualitativi

NEBBIOLO GENOMICS: genomica strutturale-funzionale su aspetti patologici e qualitativi NEBBIOLO GENOMICS: genomica strutturale-funzionale su aspetti patologici e qualitativi Il gruppo di ricerca è costituto da 2 enti pubblici ed un partner operativo: Istituto di Virologia Vegetale del Consiglio

Dettagli

Autismo. Potrebbe iniziare già in gravidanza. Ecco lo studio USA

Autismo. Potrebbe iniziare già in gravidanza. Ecco lo studio USA Autismo. Potrebbe iniziare già in gravidanza. Ecco lo studio USA http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=20640 Pagina 1 di 2 28/03/2014 quotidianosanità.it Venerdì 28 MARZO 2014

Dettagli

CODICE FISCALE. Riservato al soggetto non residente nelle ipotesi di passaggio da rappresentente fiscale a identificazione diretta e viceversa

CODICE FISCALE. Riservato al soggetto non residente nelle ipotesi di passaggio da rappresentente fiscale a identificazione diretta e viceversa 0 0 0 0 0 0 CONFORME AL DECRETO MIN. FINANZE DEL /0/00 - DATA PRINT GRAFIK tecnologia di stampa FISCOLASER www.dataprint.it QUADRO VA INFORMAZIONI E DATI RELATIVI ALL'ATTIVIT Sez. - Dati analitici generali

Dettagli

"Sotto l'azzurro fitto del cielo qualche uccello di mare se ne va, nè sosta mai perchè tutte le immagini portano scritto più in là".

Sotto l'azzurro fitto del cielo qualche uccello di mare se ne va, nè sosta mai perchè tutte le immagini portano scritto più in là. Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca, chi non rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce. Muore

Dettagli

Rivoira, nuovo magazzino hi-tech e nuove strategie

Rivoira, nuovo magazzino hi-tech e nuove strategie Rivoira, nuovo magazzino hi-tech e nuove strategie Confezionamento in diretta ed elevata automazione Eugenio Felice L impianto più avanzato d Europa per la lavorazione di frutta estiva e kiwi si trova

Dettagli

Progetto ESPLORA. Le innovazioni di ESPLORA nel settore frutticolo ed arboricolo

Progetto ESPLORA. Le innovazioni di ESPLORA nel settore frutticolo ed arboricolo Progetto ESPLORA Le innovazioni di ESPLORA nel settore frutticolo ed arboricolo Ignazio Verde Centro di Ricerca per la Frutticoltura Roma 6 Novembre 2013 ignazio.verde@entecra.it 1 Peculiarità specie arboree:

Dettagli

Metodologie informa/che per l analisi dei genomi

Metodologie informa/che per l analisi dei genomi Metodologie informa/che per l analisi dei genomi Metodologie informa/che per l analisi dei genomi Perchè sono qui? Walter Sanseverino, CEO at !? Informa/cs = Genomics? We have a problem!!! Focus curve

Dettagli

LA GENETICA: DNA e RNA LA GENETICA. DNA e RNA. Prof. Daniele Verri

LA GENETICA: DNA e RNA LA GENETICA. DNA e RNA. Prof. Daniele Verri LA GENETICA DNA e RNA Prof. Daniele Verri L'acido desossiribonucleico o deossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico che contiene le informazioni necessarie per la formazione di RNA e proteine. LA GENETICA:

Dettagli

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo Danni insoliti da tripidi sul frutto melo L osservazione e lo studio di sintomi su piante o frutti fa parte delle attività della Sezione Difesa delle Piante presso il Centro per la Sperimentazione Agraria

Dettagli

IL PROGETTO GENOMA UMANO e le sue implicazioni nella nostra vita

IL PROGETTO GENOMA UMANO e le sue implicazioni nella nostra vita IL PROGETTO GENOMA UMANO e le sue implicazioni nella nostra vita Conferenza-Dibattito Relatore: Prof. Giuseppe Novelli Martedì 18 Gennaio 2005 Liceo Scientifico Nomentano Aula Magna Via della Bufalotta

Dettagli

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna DNA: la molecola della vita L'acido desossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico, presente nel nucleo delle cellule, che contiene le informazioni genetiche

Dettagli

Quotidiano. www.ecostampa.it

Quotidiano. www.ecostampa.it Quotidiano 097156 www.ecostampa.it Quotidiano 097156 www.ecostampa.it Lettori: 2.835.000 Diffusione: 431.913 12-NOV-2013 Dir. Resp.: Ezio Mauro da pag. 1 Lettori: 2.835.000 Diffusione: 431.913 12-NOV-2013

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITÀ 2007-2013 AZIONE II - INTERVENTI DI SOSTEGNO ALLA RICERCA INDUSTRIALE

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITÀ 2007-2013 AZIONE II - INTERVENTI DI SOSTEGNO ALLA RICERCA INDUSTRIALE Progetto di Ricerca PON 01_02400/2 dal titolo IDEN.Pr.E.P.T- Identificazione del prodotto e della sua provenienza territoriale CUP B38I3000540005 Avviso finalizzato alla formazione di elenchi da utilizzare

Dettagli

Giochi del genoma Memory

Giochi del genoma Memory Giochi del genoma Memory Progetto Citizen Science Centro della Scienza At-Bristol genome games memory Introduzione Memory è uno dei giochi del genoma (Genome Games) sviluppati dal Centro della Scienza

Dettagli

Punteggio disabilità. totale. 80 100 Adeguamento bagno-servizi e impianti e opere connesse

Punteggio disabilità. totale. 80 100 Adeguamento bagno-servizi e impianti e opere connesse Allegato D (riferito all articolo 7, comma 5) COMUNE DI UDINE SERVIZIO AMMINISTRATIVO APPALTI Unità Operativa Amministrativa 4 Elenco delle domande pervenute al 31.12.2014 e ritenute ammissibili ai sensi

Dettagli

Polymerase Chain Reaction - PCR

Polymerase Chain Reaction - PCR Polymerase Chain Reaction - PCR Real-Time PCR Saggio Saggio di PCR monitorato di continuo Tubi Tubi chiusi Nessuna analisi post PCR Nessuna elettroforesi Caratterizzazione del prodotto Possibilità di quantificare

Dettagli

VEQ in Biologia Molecolare ciclo 2013. HBV DNA HIV RNA HCV RNA Genotipo HCV

VEQ in Biologia Molecolare ciclo 2013. HBV DNA HIV RNA HCV RNA Genotipo HCV VEQ in Biologia Molecolare ciclo 2013 HBV DNA HIV RNA HCV RNA Genotipo HCV Firenze 21 ottobre 2014 Maria Grazia Colao VEQ 2013 2 7 54 4 1 1 2 17 5 3 2 4 1 2 4 3 112 partecipanti Metodi utilizzati Gruppi

Dettagli

I MOTORI DELL EVOLUZIONE PT1. POMERIGGIO DI AGGIORNAMENTO 23.03.2011 PROF. M.A. ZORDAN, Ph.D UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

I MOTORI DELL EVOLUZIONE PT1. POMERIGGIO DI AGGIORNAMENTO 23.03.2011 PROF. M.A. ZORDAN, Ph.D UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA I MOTORI DELL EVOLUZIONE PT1 POMERIGGIO DI AGGIORNAMENTO 23.03.2011 PROF. M.A. ZORDAN, Ph.D UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA 1 GREGOR MENDEL 1822-1884 2 2 Grandi navigatori 3 3 Rotte commerciali per le

Dettagli

ANNO 2007 IMPORTO TOTALE ANNUO 68,12 L. 62/2000 68,12 L. 62/2000 68,12 L. 62/2000 68,12 L. 62/2000 68,12 L. 62/2000

ANNO 2007 IMPORTO TOTALE ANNUO 68,12 L. 62/2000 68,12 L. 62/2000 68,12 L. 62/2000 68,12 L. 62/2000 68,12 L. 62/2000 N. 1 COGNOME NOME 2 RC 3 PM 4 RP 5 NU GD FINALITA' DEL BENEFICIO CONCESSO IMPORTO TOTALE ANNUO RIFERIMENTI LEGISLATIVI 6 AV 7 PD 8 KN 9 AL 10 AR 11 TG 12 LD 13 GL 14 DD 15 DL 16 BM 17 BM 18 BE 19 AM 20

Dettagli

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO R. Pucinotti, C. Siciliano Dipartimento di Meccanica e Materiali Facoltà di Ingegneria -Università degli Studi Mediterranea di

Dettagli

La Genetica. Le leggi di Mendel

La Genetica. Le leggi di Mendel La Genetica Le leggi di Mendel Genetica: scienza che studia la trasmissione dei caratteri ereditari (che si trasmettono di generazione in generazione) Carattere: caratteristica esterna, interna o comportamentale

Dettagli

Università degli studi di Firenze Dipartimento di Scienze per la Salute della Donna e del Bambino

Università degli studi di Firenze Dipartimento di Scienze per la Salute della Donna e del Bambino Università degli studi di Firenze Dipartimento di Scienze per la Salute della Donna e del Bambino TERAPIA DELLA INFERTILITA MASCHILE E TECNICHE DI PMA: LO STUDIO DELLA FRAMMENTAZIONE DEL DNA SPERMATICO

Dettagli

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013 1 www.entecra.it LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it Badoere di Morgano 20 settembre 2013 21/09/2013 CRA-Unità di Ricerca per l Orticoltura (Montanaso

Dettagli