Genetica del colore del mantello nel cavallo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Genetica del colore del mantello nel cavallo"

Transcript

1 Genetica del colore del mantello nel cavallo Corso di laurea in Scienze e Tecniche Equine MIGLIORAMENTO GENETICO ED ETNOLOGIA DEGLI EQUINI A.Sabbioni. Anno Accademico

2 Principali geni per il colore del mantello nel cavallo categoria gene alleli genotipi loci per i colori di A A, a A/A, A/a, a/a base E E, e E/E, E/e, e/e C C, c cr C/C, C/c cr, c cr /c cr loci di diluizione loci mascheranti D D, d D/D, D/d, d/d Z Z, z Z/Z, Z/z, z/z Ch Ch, ch Ch/Ch, Ch/ch, ch/ch G G, g G/G, G/g, g/g W W, w (W/W), W/w, w/w A.Sabbioni. Anno Accademico

3 Gene: E E/E; E/e: il cavallo è in grado di formare pigmento nero/marrone (eumelanina) nella pelle e nei peli (baio e/o morello). I peli neri possono essere localizzati o diffusi in relazione all azione del gene A e/e: il cavallo ha pigmento nero nella pelle, ma i peli sono rossi/gialli (feomelanina) (sauro). Il gene è epistatico recessivo. A.Sabbioni. Anno Accademico

4 Gene: A A/A; A/a: in presenza del gene E, il colore è in localizzazioni precise (baio). Il gene non ha effetto sul pigmento rosso (ee). a/a: in presenza del gene E il colore nero è uniformemente distribuito sul corpo (morello). Il gene non ha effetto sul colore rosso (ee). A.Sabbioni. Anno Accademico

5 Baio (A-, E-). A.Sabbioni. Anno Accademico

6 Nero (morello) (aa, E-). A.Sabbioni. Anno Accademico

7 Sauro (ee). Sauro scuro Sauro (chestnut) Sauro dorato A.Sabbioni. Anno Accademico

8 Gene: C C/C: nessuna diluizione. C/c cr (dominanza incompleta): il pigmento rosso è diluito a giallo (Palomino, Buckskin). Nessun effetto sul pigmento nero (Smoky Black) (single dilutes). c cr /c cr : sia il rosso che il nero sono diluiti a crema chiaro (Cremello, Perlino, Smoky Cream) (double dilutes). A.Sabbioni. Anno Accademico

9 Palomino (ee, Cc cr ). La presenza del gene di diluizione trasforma il pigmento rosso in giallo. A.Sabbioni. Anno Accademico

10 Pelle di daino (Buckskin) (A-, E-, Cc cr ). Sono di fatto bai, ma le aree di pigmento rosso sono diluite a giallo. A.Sabbioni. Anno Accademico

11 Smoky Black (E-, aa, Cc cr ) Non diversi da un morello se non per il fatto che possono produrre una discendenza double dilute, chiamata Smoky Cream. A.Sabbioni. Anno Accademico

12 Cremello (pseudo-albino) (ee, c cr c cr ). Fattrice Smoky Black con puledro cremello (lo stallone era Palomino) Notare: mantello color crema, pelle rosa, occhi blu (non rossi). A.Sabbioni. Anno Accademico

13 Perlino (A-, E-, c cr c cr ) Notare: mantello color crema, pelle rosa, occhi blu, colore rossiccio a criniera, coda, parti distali degli arti. Il perlino è l unico cavallo A-, E- senza punti neri. A.Sabbioni. Anno Accademico

14 Smoky cream (aa;e-;c cr c cr ) A.Sabbioni. Anno Accademico

15 Effetto del gene C sul mantello sauro Sauro CCee Palomino Cc cr ee Cremello c cr c cr ee A.Sabbioni. Anno Accademico

16 Effetto del gene C sul mantello baio Baio A-E-CC Buckskin A-E-Cc cr Perlino A-E-c cr c cr A.Sabbioni. Anno Accademico

17 Effetto del gene C sul mantello morello Morello aae-cc Smoky Black aae-cc cr Smoky Cream aa-e-c cr c cr A.Sabbioni. Anno Accademico

18 Gene: D (Dun) D/D, D/d: il colore del mantello è diluito a rosso-rosato, rosso-giallo, giallo o grigio topo, con punti neri localizzati alla linea dorsale e/o alle zampe (zebratura), spesso alle spalle e al padiglione auricolare. d/d: il colore del mantello non è diluito. A.Sabbioni. Anno Accademico

19 Dun: (A-, E-, D-): colore baio diluito (riga mulina) Red dun: (D-, ee): colore sauro diluito Grulla (Black dun): (aa, D-, E-): colore nero diluito (ardesia) A.Sabbioni. Anno Accademico

20 Tipica colrazione DUN (notare che la striscia nera dalla groppa continua nella coda). Il padiglione auricolare è spesso a strisce. Zebratura agli arti A.Sabbioni. Anno Accademico

21 Gene: Z (Silver) Z/Z; Z/z: Ha effetto sul colore nero, diluendolo verso un bruno scuro o mediamente scuro; criniera e coda vengono diluiti al colore bianco (silver dapple). Il colore del mantello viene spesso confuso con Palomino. Sul mantello baio il gene Z diluisce criniera e coda verso il bianco e le zampe verso il bruno scuro, ma il colore rosso non è influenzato. z/z: nessuna diluizione. A.Sabbioni. Anno Accademico

22 Effetto del gene Z su morello e baio Morello aae-zz Baio A-E-zz Silver dapple Silver dapple baio aae-z- A-E-Z- A.Sabbioni. Anno Accademico

23 Gene Ch (champagne) Ch/Ch; Ch/ch: diluisce il colore rosso ed il nero anche in singola dose, facendo assumere un riflesso brillante al mantello. La pelle è rosata. Spesso si confonde con la diluizione crema; gli occhi sono blu alla nascita ma poi diventano marrone chiaro ch/ch: nessuna diluizione A.Sabbioni. Anno Accademico

24 Champagne su sauro (gold ch.) Champagne su baio (amber ch.) Champagne su morello (classic ch.) A.Sabbioni. Anno Accademico

25 GENE DI DILUIZIONE CHAMPAGNE INSIEME AL GENE DI DILUIZIONE CREMA Champagne su palomino (gold ivory) Champagne su buckskin (amber ivory) Champagne su smoky black (classic ivory) A.Sabbioni. Anno Accademico

26 Gene: G (Grey) G/G; G/g: mantello grigio; il cavallo può nascere di qualsiasi colore, ma lo perde progressivamente, imbianchendo con l età. Il pigmento è però sempre presente nella pelle (alta frequenza di melanomi cutanei).(epistasi dominante) g/g: colorazione normale (non grigio). A.Sabbioni. Anno Accademico

27 Grigio (G-) Questo stallone arabo grigio era nato di un altro colore ed è diventato bianco con l età. Confrontato con un cavallo bianco dominante (Ww), presenta la pelle nera intorno alla bocca, narici e occhi. A.Sabbioni. Anno Accademico

28 Femmina pony grigia (G) con puledro tobiano rosso che diventerà grigio (G-,ee,TOto). Notare: anello di peli grigi intorno agli occhi, frammisto a peli rossi. Quando sarà maturo, non sarà facile risalire al colore rosso da puledro, e le pezzature saranno solo evidenti a livello della cute. A.Sabbioni. Anno Accademico

29 Gene: W (White) W/W: letale. W/w: colore bianco dominante. w/w: presenza di pigmenti. A.Sabbioni. Anno Accademico

30 Bianco dominante Bianco dominante (Ww). Questi cavalli erano bianchi fin dalla nascita. Notare: pelle rosa, chiaramente visibile intorno alla bocca, alle narici e agli occhi. Gli occhi sono in genere marroni (non blu come nel perlino e cremello), come nella maggior parte dei cavalli bianchi. A.Sabbioni. Anno Accademico

31 Altri geni per il colore del mantello nel cavallo Gene alleli genotipi Rn Rn, rn Rn/Rn, Rn/rn, rn/rn Rb Rb, rb Rb/Rb, Rb/rb, rb/rb Lp Lp, lp Lp/Lp, Lp/lp, lp/lp To To, to To/To, To/to, to/to O O, o O/O, O/o, o/o A.Sabbioni. Anno Accademico

32 Gene: Rn (roano) Rn/Rn: letale Rn/rn: colorazione roana (presenza di peli bianchi nel mantello; a differenza del grigio è presente fin dalla nascita), a tutto il corpo, meno che a testa e parte distale degli arti. rn/rn: nessun effetto. A.Sabbioni. Anno Accademico

33 Roano su sauro (ee, Rnrn) A.Sabbioni. Anno Accademico

34 Roano su nero: (aa, E-, Rnrn). A.Sabbioni. Anno Accademico

35 Roano su baio (A-, E-, Rnrn) A.Sabbioni. Anno Accademico

36 Roano su dun (A-, E-, Rnrn, D-): notare la colorazione dun (riga mulina sul dorso) A.Sabbioni. Anno Accademico

37 Roano su Grulla (aad-e-rnrn). A.Sabbioni. Anno Accademico

38 Gene: Rb (rabicano) Rb/Rb: presenza di peli bianchi sui fianchi e alla base della coda. Rb/rb: come RbRb. rb/rb: nessun effetto. A.Sabbioni. Anno Accademico

39 Rabicano A.Sabbioni. Anno Accademico

40 Pezzatura Appaloosa (Lp:complesso leopardo) Lp/Lp: tipico della razza Appaloosa; presenza di pezzatura bianca sulla groppa. Lp/lp: minore quantità di macchie bianche. lp/lp: nessun effetto. A.Sabbioni. Anno Accademico

41 Tipologie di base del mantello Appaloosa Nove gradazioni di macchie (spotting patterns): few spot leopard: quasi bianchi con poche macchie di colore nel fianco, gomito, collo e testa Snowcap mantello bianco dal garrese verso il posteriore Leopard: mantello bianco con macchie colorate diffuse, Blanket o blanket without spots : Mantello colorato con area bianca sulla groppa, che a volte si estende all indietro e ai lati. blanket with spots: mantello base su tutto il corpo con estesa zona di peli bianchi sulla groppa che presenta all interno anche piccoli agglomerati rotondeggianti di peli del colore del mantello base Varnish roan: Il mantello sembra un normale roano con due eccezioni: 1) la colorazione roana si estende alle regioni ossee (testa e porzione distale degli arti) e 2) sono presenti zone colorate (non roane) alla testa e più spesso al corpo Snowflake: Mantello colorato con poche macchie bianche sparse nel corpo Frosted (brinato) mantello base su tutto il corpo e ciuffi di peli bianchi Mottled: pezzatura screziata. A.Sabbioni. Anno Accademico

42 few spot leopard snowcap Leopard Blanket Blanket with spots Varnish roan Snowflake Frosted Mottled A.Sabbioni. Anno Accademico

43 Pezzature Vengono riconosciuti 4 tipi di pezzature, dovuti ciascuno ad un diverso gene: Tobiano Frame Overo Sabino Splash White A.Sabbioni. Anno Accademico

44 Gene: To (tobiano) To/To; To/to: pezzatura bianca tipica. Le zampe sono di norma bianche; la pezzatura incrocia di norma il dorso e/o la groppa; la testa è scura con rari segni bianchi to/to: non tobiano. A.Sabbioni. Anno Accademico

45 Tobiano Minimal tobiano Medium tobiano Moderate tobiano Extensive tobiano A.Sabbioni. Anno Accademico

46 Gene: O (frame overo) OO: letale (atresia coli o aganglionosi ileocolica, con morte pochi giorni dopo la nascita). Oo: mantello overo : macchie bianche sui lati; garrese, dorso, groppa e addome generalmente pigmentati (effetto cornice, framed); macchie bianche sulla faccia, arti scuri oo: nessun effetto. A.Sabbioni. Anno Accademico

47 Frame Overo Minimal frame Moderate frame Medium frame Extensive frame A.Sabbioni. Anno Accademico

48 Pezzatura Sabino Forse non un singolo gene ma un sistema poligenico. Questo tipo di pezzatura presenta arti bianchi (soprattutto posteriori e bianco esteso sulla faccia che si estende al labbro inferiore e al mento. Grande varietà di fenotipi: dalla piccola balzana al cavallo completamente bianco. A.Sabbioni. Anno Accademico

49 Sabino Minimal sabino Moderate sabino Extensive sabino Extreme sabino White sabino A.Sabbioni. Anno Accademico

50 Pezzatura Splash White E una pezzatura molto estesa e a bordi netti che parte dalla zona inferiore del corpo, dando al cavallo l immagine dell animale immerso nel colore (dipped in paint) Occhi sempre blu A.Sabbioni. Anno Accademico

51 Splash white Minimal splash Medium splash Extensive splash Moderate splash A.Sabbioni. Anno Accademico

La genetica del colore

La genetica del colore La genetica del colore Tutte le caratteristiche che si manifestano in un individuo, come il colore del mantello, sono l espressione di un patrimonio genetico ben definito che lo determina. In genetica

Dettagli

IL COLORE DEL MANTELLO (G. Battacone) Nei mammiferi il colore del mantello dipende dalla presenza di melanina nella cute e nel pelame.

IL COLORE DEL MANTELLO (G. Battacone) Nei mammiferi il colore del mantello dipende dalla presenza di melanina nella cute e nel pelame. IL COLORE DEL MANTELLO (G. Battacone) Nei mammiferi il colore del mantello dipende dalla presenza di melanina nella cute e nel pelame. La melanina risiede in organuli citoplasmatici chiamati melanosomi

Dettagli

Capra di Saanen ( 1 )

Capra di Saanen ( 1 ) Stato: 20.02.2008 Capra di Saanen ( 1 ) m f m f 90 80 85 60 fine bianca con corto, ben aderente bianca, tollerate piccole macchie pigmentate; Colore bianco impuro Becchi più severo macchie nere, più grandi

Dettagli

ROSSO CREMA ALBICOCCA

ROSSO CREMA ALBICOCCA ROSSO Il colore rosso (fulvo) è dovuto al gene "O", epistatico rispetto al gene "B" (fenotipo nero/bruno). Si trova sul cromosoma Y. Esprime per la feomelanina, che a differenza dell'eumelanina (bruna)

Dettagli

LA GENETICA. Dott.ssa Valentina Terio

LA GENETICA. Dott.ssa Valentina Terio LA GENETICA Dott.ssa Valentina Terio LLA GENETCA SCIENZA NATA CIRCA 150 ANNI FA GRAZIE AD UN STUDIOSO AUSTRIACO DI NOME MENDEL Pisello da giardino per la facilità di crescita e la possibilità di una impollinazione

Dettagli

Appendice situata all estremo superiore del tronco con la quale termina la colonna vertebrale. Vertebre coccigee (18-22) CARATTERE DI RAZZA

Appendice situata all estremo superiore del tronco con la quale termina la colonna vertebrale. Vertebre coccigee (18-22) CARATTERE DI RAZZA CODA Appendice situata all estremo superiore del tronco con la quale termina la colonna vertebrale Vertebre coccigee (18-22) CARATTERE DI RAZZA coda Funzioni: -timone direzionale ed organo di equilibrio

Dettagli

FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: inglese. ORIGINE: Brasile DATA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

Capitolo 4 Estensione dell eredità mendeliana

Capitolo 4 Estensione dell eredità mendeliana Capitolo 4 Estensione dell eredità mendeliana 4.1 L assenza di zampe nei bovini ( amputati ) è stata attribuita a un gene letale completamente recessivo. Un toro normale viene incrociato con una vacca

Dettagli

Guida al riconoscimento delle specie di scoiattoli presenti in Italia

Guida al riconoscimento delle specie di scoiattoli presenti in Italia LIFE+ EC-SQUARE ROSSO SCOIATTOLO Guida al riconoscimento delle specie di scoiattoli presenti in Italia Foto di: Veronique Adriaens, Sandro Bertolino, Dario Capizzi, Jean-Louis Chapuis, Monica Chasseur,

Dettagli

Estensioni e variazioni dell eredit. ereditàmendeliana

Estensioni e variazioni dell eredit. ereditàmendeliana Estensioni e variazioni dell eredit ereditàmendeliana I principi dell ereditariet ereditarietà enunciati da Mendel non sono sempre rispettati. Sbagliati? No, insufficienti per spiegare tutte le modalità

Dettagli

Genetica post-mendeliana. Cdl Tecnici di Lab. Biomedico Aa. 2011-12 Prof.ssa Flavia Frabetti

Genetica post-mendeliana. Cdl Tecnici di Lab. Biomedico Aa. 2011-12 Prof.ssa Flavia Frabetti Genetica post-mendeliana Cdl Tecnici di Lab. Biomedico Aa. 2011-12 Prof.ssa Flavia Frabetti DOMINANZA INCOMPLETA GLI IBRIDI F 1 MANIFESTANO UN ASPETTO FENOTIPICO INTERMEDIO RISPETTO ALLE DUE VARIETÀ PARENTALI

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori www.ala-avicoltori.it info@ala-avicoltori.it MOROSETA

Associazione Lombarda Avicoltori www.ala-avicoltori.it info@ala-avicoltori.it MOROSETA MOROSETA I GENERALITA Origine: Asia dell'est, probabilmente la Cina. Per alcuni ricercatori è stata selezionata in Giappone, secondo altri è originaria dell' Africa del Sud. Nei trattati letterari è menzionata

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 05.03.1998

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 05.03.1998 FCI Standard N 97 / 05.03.1998 SPITZ TEDESCHI ORIGINE: Germania DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 05.03.1998 UTILIZZAZIONE: Cane da guardia e da compagnia CLASSIFICAZIONE F.C.I. Gruppo

Dettagli

Considerazioni sugli alleli multipli e sulle serie alleliche nella genetica di colori

Considerazioni sugli alleli multipli e sulle serie alleliche nella genetica di colori Considerazioni sugli alleli multipli e sulle serie alleliche nella genetica di colori [07000011] ABSTRACT La catalogazione delle mutazioni di colore fino a oggi più accreditata viene ora messa in dubbio

Dettagli

Il cavallo è un vero amico!

Il cavallo è un vero amico! Il cavallo è un vero amico! Piccola guida fotografica per ragazzi Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica veterinaria, della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela

Dettagli

Norme Tecniche del Disciplinare del Libro Genealogico del Gatto di Razza

Norme Tecniche del Disciplinare del Libro Genealogico del Gatto di Razza Norme Tecniche del Disciplinare del Libro Genealogico del Gatto di Razza llegato Standard di razza Volume V Standard IV categoria In accordo con la edizione 01.01.2014 de FIFe-Standard : ategory IV ll.

Dettagli

MiPAAF.SVIRIS.REGISTRO UFFICIALE.0024281.21-10-2009

MiPAAF.SVIRIS.REGISTRO UFFICIALE.0024281.21-10-2009 MiPAAF.SVIRIS.REGISTRO UFFICIALE.0024281.21-10-2009 ALLEGATO 1 Norme tecniche dei libri genealogici dei cavalli delle razze: Anglo-Araba e Sella italiano A. Libro II : Anglo Arabo 1. Standard di razza

Dettagli

ALLEGATO B: RAZZE DEL REGISTRO ANAGRAFICO ( STANDARD MORFOLOGICI )

ALLEGATO B: RAZZE DEL REGISTRO ANAGRAFICO ( STANDARD MORFOLOGICI ) ALLEGATO B: RAZZE DEL REGISTRO ANAGRAFICO ( STANDARD MORFOLOGICI ) 1. Gigante (G.) DESCRIZIONE PUNTI 1. Tipo e forma del corpo 20 2. Peso 10 3. Pelliccia 20 4. Testa e pelliccia 15 5. sovracolore e lucentezza

Dettagli

ESTENSIONI DELLE LEGGI DI MENDEL

ESTENSIONI DELLE LEGGI DI MENDEL ESTENSIONI DELLE LEGGI DI MENDEL Mendel rinuncia alle sue ricerche Mendel proseguì le sue ricerche su altre piante per ottenere conferme alle sue leggi, ma trovò tante e tali contraddizioni che (si dice)

Dettagli

www. .com La selezione del colore bianco

www. .com La selezione del colore bianco La selezione del colore bianco [07000013] ABSTRACT Nel cane, il colore bianco del mantello è tanto attraente, quanto difficile da selezionare. Nelle razze che ammettono più colori, i soggetti bianchi risultano

Dettagli

Norme Tecniche del Disciplinare del Libro Genealogico del Gatto di Razza

Norme Tecniche del Disciplinare del Libro Genealogico del Gatto di Razza Norme Tecniche del Disciplinare del Libro Genealogico del Gatto di Razza Allegato A Standard di razza Volume I Parte Generale In accordo con la edizione 01.01.2014 de FIFe-Standard : General Part INDICE

Dettagli

Bicolori: white and tan, lemon and white; red and white; tan and white; black and white;

Bicolori: white and tan, lemon and white; red and white; tan and white; black and white; I COLORI DEL BEAGLE Il nuovo Standard del Beagle pubblicato dalla FCI in data 23.01.2011 modifica la definizione dei colori ammessi, da tutti colori degli hounds in un elenco ben preciso, conformemente

Dettagli

Commissione Tecnica Centrale Libro Genealogico del Gatto di Razza

Commissione Tecnica Centrale Libro Genealogico del Gatto di Razza Commissione Tecnica Centrale Libro Genealogico del Gatto di Razza Allegato B al Regolamento del Corpo degli Esperti Domande di Esame per Allievo Giudice 1) Dall accoppiamento tra un persiano e un esotico

Dettagli

Standard Europeo COCINCINA NANA

Standard Europeo COCINCINA NANA Standard Europeo COCINCINA NANA Origine : Cina. Importata in Europa nel 1886. Aspetto generale : Piccolo pollo, basso di portamento, con corpo largo,raccolto,con portamento verso l avanti. Piumaggio molto

Dettagli

Capitolo 3 Riproduzione e trasmissione dei cromosomi

Capitolo 3 Riproduzione e trasmissione dei cromosomi Capitolo 3 Riproduzione e trasmissione dei cromosomi 3.1 Nelle cellule somatiche del topolino domestico vi sono 40 cromosomi. a. Quanti cromosomi riceve dal padre? b. Quanti autosomi sono presenti nel

Dettagli

GENI LETALI E SUBLETALI

GENI LETALI E SUBLETALI GENI LETALI E SUBLETALI Si definiscono geni letali quelli che provocano la morte della progenie soprattutto nei primi stadi di vita. Invece i geni subvitali sono quelli che determinano la comparsa di anomalie

Dettagli

GENETICA MENDELIANA. Per i suoi studi, Mendel utilizzò piante di pisello odoroso (Pisum sativum) Facilità di coltivazione. Disponibilità di varietà

GENETICA MENDELIANA. Per i suoi studi, Mendel utilizzò piante di pisello odoroso (Pisum sativum) Facilità di coltivazione. Disponibilità di varietà GENETICA: è la scienza che studia i caratteri ereditari degli organismi viventi, i meccanismi attraverso i quali si trasmettono ai discendenti e le modalità con cui si manifestano. La genetica moderna

Dettagli

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 4. Domande concettuali

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 4. Domande concettuali SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 4 Domande concettuali C1. La dominanza si verifica quando un allele esercita completamente i suoi effetti sul fenotipo rispetto a un altro allele. La dominanza incompleta

Dettagli

1. TACCHINO ERMELLINATO DI ROVIGO

1. TACCHINO ERMELLINATO DI ROVIGO 1. TACCHINO ERMELLINATO DI ROVIGO AREA DI ORIGINE: Regione Veneto. TIPO ED INDIRIZZO PRODUTTIVO: Tacchino rustico di taglia media, precoce e a rapido impennamento. Ottimo pascolatore,si presta molto bene

Dettagli

VARIETA' PERNICIATE A MAGLIE di Fabrizio Focardi

VARIETA' PERNICIATE A MAGLIE di Fabrizio Focardi VARIETA' PERNICIATE A MAGLIE di Fabrizio Focardi Mi sono più volte occupato di queste varietà poiché sono presenti in molte razze e perché, sia per la selezione che per la valutazione, è necessaria una

Dettagli

Il terranova: lo standard lunedì 01 febbraio 2010

Il terranova: lo standard lunedì 01 febbraio 2010 Il terranova: lo standard lunedì 01 febbraio 2010 Origine: Canada Patronato F.C.I. Data di pubblicazione dello standard originale valido: 24.07.1996 Funzione : Cane da slitta per carichi pesanti, cane

Dettagli

Scienza che studia la

Scienza che studia la Genetica Scienza che studia la trasmissione delle caratteristiche degli individui alla propria discendenza Genetica: termini Fenotipo:aspetto di una caratteristica per una determinata specie Linea pura:

Dettagli

MILLEFIORI VENETA O MILLEFIORI DI LONIGO BOZZA DI STANDARD

MILLEFIORI VENETA O MILLEFIORI DI LONIGO BOZZA DI STANDARD I GENERALITÀ Origine MILLEFIORI VENETA O MILLEFIORI DI LONIGO BOZZA DI STANDARD Razza Veneta, selezionata dall'allevatore Luca Rizzini alla fine del XX secolo a partire da esemplari di polli di tipologia

Dettagli

ALLEGATO 7 PSR SICILIA 2014/2020 SCHEDE DESCRITTIVE DELLE RAZZE ANIMALI IN VIA DI ESTINZIONE

ALLEGATO 7 PSR SICILIA 2014/2020 SCHEDE DESCRITTIVE DELLE RAZZE ANIMALI IN VIA DI ESTINZIONE ALLEGATO 7 PSR SICILIA 2014/2020 SCHEDE DESCRITTIVE DELLE RAZZE ANIMALI IN VIA DI ESTINZIONE Palermo, Luglio 2014 SCHEDE DESCRITTIVE DELLE RAZZE ANIMALI IN VIA DI ESTINZIONE Studi CE sulle piccole razze

Dettagli

LA GENETICA MENDELIANA

LA GENETICA MENDELIANA LA GENETICA MENDELIANA A partire dal 1856, Johann Gregor Mendel (1822 1884) iniziò una lunga serie di esperimenti sulle piante di pisello (Pisum sativum), con le quali era facile effettuare incroci ed

Dettagli

ALBINISMO. Definizione. Storia. Classificazione. www.albinismo.it

ALBINISMO. Definizione. Storia. Classificazione. www.albinismo.it ALBINISMO Definizione. Storia. Classificazione Definizione L Albinismo è un gruppo eterogeneo di anomalie ereditarie della sintesi della melanina, caratterizzato da una riduzione o assenza congenita del

Dettagli

L ASINO DOMESTICO. Basili Marco Casturà Cinzia Sabbatini Silvia Trocchianesi Gianluca

L ASINO DOMESTICO. Basili Marco Casturà Cinzia Sabbatini Silvia Trocchianesi Gianluca L ASINO DOMESTICO Basili Marco Casturà Cinzia Sabbatini Silvia Trocchianesi Gianluca TASSONOMIA ORDINE: PERISSODATTILI FAMIGLIA: EQUIDI GENERE: EQUUS SOTTOGENERE: ASINUS CENNI STORICI Discende dall asino

Dettagli

a cura di GIANSTEFANO FILIPPONE

a cura di GIANSTEFANO FILIPPONE a cura di GIANSTEFANO FILIPPONE Classificazione e descrizione dei mantelli 2 IDENTIFICAZIONE, SEGNALAMENTO E REGISTRAZIONE DEGLI EQUIDI a cura di Gianstefano Filippone PREFAZIONE Il piano di eradicazione

Dettagli

Traduzione in italiano a cura del sig. Pietro Paolo Condo CANE CORSO

Traduzione in italiano a cura del sig. Pietro Paolo Condo CANE CORSO Traduzione in italiano a cura del sig. Pietro Paolo Condo FCI Standard N 343 pubblicazione del 17.12.2015 in vigore dal 1 gennaio 2016 CANE CORSO Questa illustrazione non è necessariamente a dimostrazione

Dettagli

FCI Standard N 8 / 05.09.2013 AUSTRALIAN TERRIER. La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

FCI Standard N 8 / 05.09.2013 AUSTRALIAN TERRIER. La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 8 / 05.09.2013 AUSTRALIAN TERRIER La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: tedesco ORIGINE: Australia DATA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 296 / 19.09.2013 CANE DA PASTORE SCOZZESE A PELO CORTO (Collie Smooth) L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: tedesco

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DLELO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 23.03.1991. UTILIZZAZIONE: Cane di utilità, cane da pastore e cane di servizio polivalente

DATA DI PUBBLICAZIONE DLELO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 23.03.1991. UTILIZZAZIONE: Cane di utilità, cane da pastore e cane di servizio polivalente FCI Standard N 166 / 30.08.1991 CANE DA PASTORE TEDESCO ORIGINE: Germania DATA DI PUBBLICAZIONE DLELO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 23.03.1991 UTILIZZAZIONE: Cane di utilità, cane da pastore e cane di servizio

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE GENETICA DELLA RAZZA AVICOLA VALDARNESE BIANCA. Recupero e valorizzazione della razza Gallina Nera Atriana

CARATTERIZZAZIONE GENETICA DELLA RAZZA AVICOLA VALDARNESE BIANCA. Recupero e valorizzazione della razza Gallina Nera Atriana CARATTERIZZAZIONE GENETICA DELLA RAZZA AVICOLA VALDARNESE BIANCA RAZZA VALDARNESE BIANCA Razza utilizzata prevalentamente per la produzione di carne Non trascurabile la sua attitudine alla deposizione

Dettagli

ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria

ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria Commento di Luisa Salinas UTILIZZAZIONE: questo cane robusto e resistente alle intemperie viene utilizzato dal cacciatore in

Dettagli

IL COLORE DEL MANTELLO NELLE RAZZE DI CEPPO JACK RUSSELL

IL COLORE DEL MANTELLO NELLE RAZZE DI CEPPO JACK RUSSELL IL COLORE DEL MANTELLO NELLE RAZZE DI CEPPO JACK RUSSELL S.P. Marelli, M. Polli, M.G. Strillacci, S. Dardano, L. Guidobono Cavalchini Istituto di Zootecnica, Facoltà di Medicina Veterinaria, Università

Dettagli

F.C.I. Standard Nr. 235/ 02 04 2001 Alano Tedesco (Deutsche Dogge) Traduzione Italiana Dott. A. Bottero, Dott. M.L. Marchese, Dott. A.

F.C.I. Standard Nr. 235/ 02 04 2001 Alano Tedesco (Deutsche Dogge) Traduzione Italiana Dott. A. Bottero, Dott. M.L. Marchese, Dott. A. Lo Standard F.C.I. Standard Nr. 235/ 02 04 2001 Alano Tedesco (Deutsche Dogge) Traduzione Italiana Dott. A. Bottero, Dott. M.L. Marchese, Dott. A. Murante Origini: Germania Data della pubblicazione dello

Dettagli

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 2. Domande concettuali

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 2. Domande concettuali SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 2 Domande concettuali C1. Il lavoro di Mendel dimostrò che i determinanti genetici vengono ereditati con modalità dominante/recessiva. Questo era evidente in molti dei

Dettagli

Genetica. Mendel e la genetica

Genetica. Mendel e la genetica Genetica Le leggi dell ereditarietà di Mendel Ereditarietà e cromosomi Estensioni della genetica mendeliana Applicazioni della genetica Genoma umano Mendel e la genetica Mendel 81822-1884), un monaco di

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALLEVATORI DEL CAVALLO RAZZA HAFLINGER ITALIA

ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALLEVATORI DEL CAVALLO RAZZA HAFLINGER ITALIA ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALLEVATORI DEL CAVALLO RAZZA HAFLINGER ITALIA Ufficio Centrale del Libro Genealogico FIRENZE DISCIPLINARE DELLE MOSTRE UFFICIALI DI LG E DEL RADUNO/MERCATO CONCORSO SATLLONI VALIDO

Dettagli

Ordre Mondial des Juges STANDARDS. Canaris de Couleur. Colourbred Canaries

Ordre Mondial des Juges STANDARDS. Canaris de Couleur. Colourbred Canaries Ordre Mondial des Juges STANDARDS Canaris de Couleur Colourbred Canaries INTRODUZIONE Per iniziativa del Presidente dell O.M.J. Daniel SOMMER, esperti Tedeschi, Belgi, Spagnoli, Francesi, Olandesi, Italiani

Dettagli

Italia 27.11.1989. Cane da compagnia. Gruppo 9: Cani da compagnia Sezione 1: Bichon e affini Senza prova di lavoro

Italia 27.11.1989. Cane da compagnia. Gruppo 9: Cani da compagnia Sezione 1: Bichon e affini Senza prova di lavoro BOLOGNESE fci-standard n 196 Con commenti allo standard di francesco cochetti giudice all rounder ENCI fci / italia origine Italia DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE 27.11.1989 UTILIZZAZIONE

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA ESERCIZI

CORSO INTEGRATO DI GENETICA ESERCIZI CORSO INTEGRATO DI GENETICA A.A. 2007-2008 15 novembre 2007 dott.ssa E. Trabetti Lezioni 37-38 ESERCIZI (1) Una coppia sarda di rivolge a voi per una consulenza genetica poiché, nel corso di uno screening

Dettagli

FCI Standard N 101 / 17.04.2015 BOULEDOGUE FRANCESE

FCI Standard N 101 / 17.04.2015 BOULEDOGUE FRANCESE NOME: Bouledogue Français ORIGINE: Francia FCI Standard N 101 / 17.04.2015 BOULEDOGUE FRANCESE Data di pubblicazione dello standard originale vigente: 03.11.2014 UTILIZZAZIONE: Cane da compagnia e da guardia

Dettagli

LE MALATTIE GENETICHE CLASSE 3 C

LE MALATTIE GENETICHE CLASSE 3 C LE MALATTIE GENETICHE CLASSE 3 C Malattia causata da allele dominante Il nanismo acondroplastico è una malattia causata da un allele dominante; gli individui che ne sono affetti sono di statura molto bassa,

Dettagli

LA GENETICA scienza che studia i caratteri ereditari e i meccanismi che ne regolano la trasmissione.

LA GENETICA scienza che studia i caratteri ereditari e i meccanismi che ne regolano la trasmissione. LA GENETICA scienza che studia i caratteri ereditari e i meccanismi che ne regolano la trasmissione. Gregor Jhoann Mendel (1822-1884) Mendel viveva nel monastero di Brum, a Brno in Repubblica Ceca, studiò

Dettagli

Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere)

Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere) Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere) Redatto da: Urban Hamann Storia della razzahte Nascita relativamente sconosciuta Conigli selvatici giallo rossi furono incrociati con diverse razze

Dettagli

CONOSCI LA RISERVA NATURALE REGIONALE SENTINA

CONOSCI LA RISERVA NATURALE REGIONALE SENTINA CONOSCI LA RISERVA NATURALE REGIONALE SENTINA Quaderno del birdwatching di: Data del rilevamento: / / Ora (inizio rilevamento) : (fine rilevamento) : Descrizione area rilevamento: Località Provincia Condizioni

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 06.03.07

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 06.03.07 FCI Standard N 183 / 18.04.2007 ZWERGSCHNAUZER ORIGINE: Germania DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 06.03.07 UTILIZZAZIONE: Cane di casa e di compagnia CLASSIFICAZIONE F.C.I. Gruppo

Dettagli

ALBO ESPERTI DEL REGISTRO ANAGRAFICO SPECIE CUNICOLA

ALBO ESPERTI DEL REGISTRO ANAGRAFICO SPECIE CUNICOLA ALBO ESPERTI DEL REGISTRO ANAGRAFICO SPECIE CUNICOLA CIRCOLARE 1 / 2012 Considerazioni e disposizioni di giudizio 1 ALBO ESPERTI DEL REGISTRO ANAGRAFICO SPECIE CUNICOLA CIRCOLARE 1 / 2012 Considerazioni

Dettagli

CONCETTI BASILARI SUI CAPELLI E LA COLORAZIONE COSMETICA

CONCETTI BASILARI SUI CAPELLI E LA COLORAZIONE COSMETICA Graffare DISPENSA TECNICA CONCETTI BASILARI SUI CAPELLI E LA COLORAZIONE COSMETICA COPERTINA LA STRUTTURA MOLECOLARE DEI CAPELLI Il capello è composto di stelo e radice. Lo stelo, vale a dire la parte

Dettagli

REGISTRO ANAGRAFICO DELLE POPOLAZIONI BOVINE AUTOCTONE E GRUPPI ETNICI A LIMITATA DIFFUSIONE

REGISTRO ANAGRAFICO DELLE POPOLAZIONI BOVINE AUTOCTONE E GRUPPI ETNICI A LIMITATA DIFFUSIONE REGISTRO ANAGRAFICO DELLE POPOLAZIONI BOVINE AUTOCTONE E GRUPPI ETNICI A LIMITATA DIFFUSIONE AGEROLESE INDICE DELLE NORME TECNICE Caratteristiche Morfologiche Pag. 6 Attitudine Pag. 7 Criteri d iscrizione

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz LE LEGGI DI MENDEL

www.fisiokinesiterapia.biz LE LEGGI DI MENDEL www.fisiokinesiterapia.biz LE LEGGI DI MENDEL Gregor Johann Mendel (1822-1884) Comprese i principi che regolano la trasmissione dei caratteri ereditari alla progenie senza conoscere - l esistenza dei geni

Dettagli

FCI Standard N 287 / 05.09.2013 AUSTRALIAN CATTLE DOG. La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

FCI Standard N 287 / 05.09.2013 AUSTRALIAN CATTLE DOG. La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 287 / 05.09.2013 AUSTRALIAN CATTLE DOG La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: tedesco ORIGINE: Australia DATA DI

Dettagli

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 5. Domande concettuali

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 5. Domande concettuali SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 5 Domande concettuali C1. Ricombinazione genetica è un termine che si riferisce alla presenza di una nuova combinazione di alleli in un individuo della progenie. Il crossing-over

Dettagli

OMOZIGOTE Dominante. OMOZIGOTE Recessivo ETEROZIGOTE

OMOZIGOTE Dominante. OMOZIGOTE Recessivo ETEROZIGOTE GENI E CARATTERI EREDITARI I caratteri ereditari corrispondono a precisi tratti di DNA, i geni, che contengono le informazioni per la sintesi delle proteine. Ciascun gene occupa nel cromosoma una determinata

Dettagli

Genetica felina: un approccio combinatorio Massimo Picardello

Genetica felina: un approccio combinatorio Massimo Picardello Genetica felina: un approccio combinatorio Massimo Picardello Universita di Roma Tor Vergata Dipartimento di Matematica 00133 Roma, Italy Introduzione pg. 2 I colori eumelanistici non diluiti (nero, chocolate,

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLEVATORI

ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLEVATORI Murgese ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLEVATORI Cenni storici CENNI STORICI Il cavallo Murgese vanta attualmente un posto di risalto nel palcoscenico equestre italiano. Deve il suo successo all aspetto imponente,

Dettagli

Testo redatto dal Dott. Vincenzo Ferrara STANDARD DEL SEGUGIO MAREMMANO

Testo redatto dal Dott. Vincenzo Ferrara STANDARD DEL SEGUGIO MAREMMANO Testo redatto dal Dott. Vincenzo Ferrara STANDARD DEL SEGUGIO MAREMMANO NOME DELLA RAZZA SEGUGIO MAREMMANO ORIGINE: ITALIA UTILIZZAZIONE Cane da caccia da seguita utilizzato prevalentemente nella caccia

Dettagli

Zoognostica. (scienza applicata) Conoscere e valutare i caratteri: -morfologici - fisiologici -patologici. v i. esteriori FENOTIPO

Zoognostica. (scienza applicata) Conoscere e valutare i caratteri: -morfologici - fisiologici -patologici. v i. esteriori FENOTIPO Zoognostica (scienza applicata) Conoscere e valutare i caratteri: -morfologici - fisiologici -patologici esteriori v i FENOTIPO Valutazione morfo-funzionale del cane CINOGNOSTICA Cino=cane Gnostica=conoscenza

Dettagli

IL TUMORE DELLA PELLE SI VEDE. SCOPRILO IN TEMPO E POTRAI CURARLO.

IL TUMORE DELLA PELLE SI VEDE. SCOPRILO IN TEMPO E POTRAI CURARLO. V I A G G I A I N O R A R I O, F A I L A D I A G N O S I I N T E M P O IL TUMORE DELLA PELLE SI VEDE. SCOPRILO IN TEMPO E POTRAI CURARLO. LOCAL SPONSORS EUROPEAN SPONSORS: CAMPAIGN PARTNER: WITH SUPPORT

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

Personalizzazione Fiat 500

Personalizzazione Fiat 500 Personalizzazione Fiat 500 Pop Sport Lounge Linea e stile Cerchi in lega 185/55-15 18 razze* O O O Cerchi in lega 185/55-15 5 razze* O O O Cerchi in lega 185/55-15 9 razze* O O O Cerchi in lega 185/55-15

Dettagli

Analisi genetica nell uomo: alberi genealogici problemi interpretazione

Analisi genetica nell uomo: alberi genealogici problemi interpretazione Analisi genetica nell uomo: alberi genealogici problemi interpretazione Tipi di ereditarietà monofattoriale autosomica dominante recessiva legata al sesso dominante recessiva Alberi genealogici o pedigrees

Dettagli

LA GENETICA MENDELIANA NELLA SPECIE UMANA!

LA GENETICA MENDELIANA NELLA SPECIE UMANA! LA GENETICA MENDELIANA NELLA SPECIE UMANA! ALBERI GENEALOGICI ACCOPPIAMENTO PROGENIE in ordine di nascita (da sx a dx) EREDITA AUTOSOMICA DOMINANTE AUTOSOMICA: il locus genico che controlla il carattere

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLEVATORI. REGISTRO ANAGRAFICO delle razze BOVINE autoctone a limitata diffusione

ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLEVATORI. REGISTRO ANAGRAFICO delle razze BOVINE autoctone a limitata diffusione ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLEVATORI REGISTRO ANAGRAFICO delle razze BOVINE autoctone a limitata diffusione In copertina: Giovanni Fattori Bovi bianchi al carro, 1867-1870 DISCIPLINARE DEL REGISTRO ANAGRAFICO

Dettagli

DISTINZIONE DELLE SOTTOSPECIE DI CODIBUGNOLO IN PIEMONTE. A cura di G.Boano

DISTINZIONE DELLE SOTTOSPECIE DI CODIBUGNOLO IN PIEMONTE. A cura di G.Boano DISTINZIONE DELLE SOTTOSPECIE DI CODIBUGNOLO IN PIEMONTE A cura di G.Boano GPSO, 2012 In Italia sono segnalate quattro sottospecie (razze geografiche) di codibugnolo Aegithalus caudatus Codibugnolo testabianca

Dettagli

GENETICA GENERALE ED UMANA LA GENETICA E LA SCIENZA DELL EREDITARIETA, CIOE STUDIA LA TRASMISSIONE DELLE CARATTERISTICHE EREDITARIE, CHE DISTINGUONO UN SOGGETTO DALL ALTRO. NEGLI ULTIMI DECENNI LA GENETICA,

Dettagli

Opuscolo a cura di: Alessandro Martella, Caterina Longo, Annalisa Santucci, Alessio Amoroso (Clinica Dermatologica di Modena).

Opuscolo a cura di: Alessandro Martella, Caterina Longo, Annalisa Santucci, Alessio Amoroso (Clinica Dermatologica di Modena). IO SONO IL MELANOMA! Opuscolo a cura di: Alessandro Martella, Caterina Longo, Annalisa Santucci, Alessio Amoroso (Clinica Dermatologica di Modena). Sono un tumore maligno della pelle e se non mi controlli,

Dettagli

Citopatologia delle neoformazioni cutanee. Prof. Paola Maiolino e-mail:maiolino@unina.it

Citopatologia delle neoformazioni cutanee. Prof. Paola Maiolino e-mail:maiolino@unina.it Citopatologia delle neoformazioni cutanee. Prof. Paola Maiolino e-mail:maiolino@unina.it Primo obiettivo nella valutazione citologica è determinare la natura del processo patologico e cioè se si è in presenza

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 13.03.2001. UTILIZZAZIONE: cane da caccia sopra e sotto il terreno

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 13.03.2001. UTILIZZAZIONE: cane da caccia sopra e sotto il terreno FCI Standard N 148 / 09.05.2001 BASSOTTI ORIGINE: Germania DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 13.03.2001 UTILIZZAZIONE: cane da caccia sopra e sotto il terreno CLASSIFICAZIONE F.C.I.-

Dettagli

Un mondo da scoprire: le api sez. II e III, scuola dell Infanzia di Troghi a. s. 2013/2014 L ape e la vespa Osservazione e confronto

Un mondo da scoprire: le api sez. II e III, scuola dell Infanzia di Troghi a. s. 2013/2014 L ape e la vespa Osservazione e confronto Un mondo da scoprire: le api sez. II e III, scuola dell Infanzia di Troghi a. s. 2013/2014 L ape e la vespa Osservazione e confronto I bambini trovano davanti alla porta della scuola, mentre scendono per

Dettagli

INDICE. Disponibile in colori semilucidi standard, fluorescenti e metallizzati. Spessore da 105 a 125 my.

INDICE. Disponibile in colori semilucidi standard, fluorescenti e metallizzati. Spessore da 105 a 125 my. Film termoadesivi per plotter da taglio e per stampa e taglio INDICE Termostampa 50 Film termoadesivo vinilico da taglio per stampa a caldo su cotone, poliestere, acrilici. Disponibile in colori semilucidi

Dettagli

La Genetica. Le leggi di Mendel

La Genetica. Le leggi di Mendel La Genetica Le leggi di Mendel Genetica: scienza che studia la trasmissione dei caratteri ereditari (che si trasmettono di generazione in generazione) Carattere: caratteristica esterna, interna o comportamentale

Dettagli

Capitolo 5 Associazione e mappatura genetica negli eucarioti

Capitolo 5 Associazione e mappatura genetica negli eucarioti Capitolo 5 Associazione e mappatura genetica negli eucarioti 5.1 Il gene recessivo sh ( shrunken ) produce nel seme del granturco un endosperma raggrinzito; il suo allele dominante sh + produce, invece,

Dettagli

OLA_ 01. L. cm. 210 Rovere laccato bianco - Top Rovere bronzo lucido Withe lacquered oak - Top bronze gloss oak 4 5...

OLA_ 01. L. cm. 210 Rovere laccato bianco - Top Rovere bronzo lucido Withe lacquered oak - Top bronze gloss oak 4 5... o OLA Puntotre presenta una nuova collezione d arredamento per la sala da bagno, dove il design rifugge da inutili estetismi per puntare alla vera eleganza. Con OLA si conferma il raffinato linguaggio

Dettagli

I MOTORI DELL EVOLUZIONE PT1. POMERIGGIO DI AGGIORNAMENTO 23.03.2011 PROF. M.A. ZORDAN, Ph.D UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

I MOTORI DELL EVOLUZIONE PT1. POMERIGGIO DI AGGIORNAMENTO 23.03.2011 PROF. M.A. ZORDAN, Ph.D UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA I MOTORI DELL EVOLUZIONE PT1 POMERIGGIO DI AGGIORNAMENTO 23.03.2011 PROF. M.A. ZORDAN, Ph.D UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA 1 GREGOR MENDEL 1822-1884 2 2 Grandi navigatori 3 3 Rotte commerciali per le

Dettagli

COM È FATTA UNA FARFALLA?

COM È FATTA UNA FARFALLA? COM È FATTA UNA FARFALLA? CORPO SUDDIVISO IN 3 SEGMENTI - TESTA - TORACE - ADDOME 3 PAIA DI ZAMPE = 6 ZAMPE 2 PAIA DI ALI = 4 ALI 1 SPIRITROMBA: è l organo con cui le farfalle succhiano il nettare dai

Dettagli

RAZZE SUINE ALLEVATE IN ITALIA. Zootecnica Generale e Miglioramento Genetico A.A. 2006-2007

RAZZE SUINE ALLEVATE IN ITALIA. Zootecnica Generale e Miglioramento Genetico A.A. 2006-2007 RAZZE SUINE ALLEVATE IN ITALIA Zootecnica Generale e Miglioramento Genetico A.A. 2006-2007 IL SUINO (filogenesi) ORDINE: SOTTORDINE: FAMIGLIA: GENERE: SPECIE: Artiodattili Suiformi Suidae Sus Sus scrofa

Dettagli

MALATTIE GENETICHE causate da un alterazione del DNA

MALATTIE GENETICHE causate da un alterazione del DNA MALATTIE GENETICHE causate da un alterazione del DNA CLASSIFICAZIONE DELLE MALATTIE GENETICHE - Malattie Monogeniche (Mendeliane) A.D., A.R., X-L. - Malattie Cromosomiche (Anomalie di numero e di struttura)

Dettagli

FCI Standard N 37 / 06.09.2013 CÃO DE AGUA PORTUGUÊS. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

FCI Standard N 37 / 06.09.2013 CÃO DE AGUA PORTUGUÊS. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 37 / 06.09.2013 CÃO DE AGUA PORTUGUÊS L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: tedesco ORIGINE: Portogallo DATA DI

Dettagli

Principi di mappatura genetica. Paolo Edomi - Genetica

Principi di mappatura genetica. Paolo Edomi - Genetica Principi di mappatura genetica Mappa genetica o di associazione cromosoma = mappa lineare posizione dei geni = punti sulla mappa loci genici frequenza di ricombinazione A B A B distanza dei geni > distanza

Dettagli

Scala fenotipica. Dominante o recessivo? fenotipo. fenotipo. fenotipo A 1 A 1 A 2 A 2 A 1 A 2

Scala fenotipica. Dominante o recessivo? fenotipo. fenotipo. fenotipo A 1 A 1 A 2 A 2 A 1 A 2 fenotipo Dominante o recessivo? Scala fenotipica fenotipo A 1 A 1 A 2 A 2 fenotipo A 1 A 2 A 1 dominante A 1 e A 2. codominanti A 2 dominante A 1 dominanza incompleta A 2 dominanza incompleta Nei casi

Dettagli

SNAZAROO. Oli essicanti. Sottotitolo

SNAZAROO. Oli essicanti. Sottotitolo Sottotitolo Oli essicanti Non tossico Tutti gli ingredienti contenuti in questo prodotto rispondono alla normativa europea in materia di cosmetica e giochi. Ipoallergenico Il trucco Snazaroo è formulato

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA NORME TECNICHE CAPITOLO I. Articolo 1 FINALITÀ DELLA SELEZIONE

DISCIPLINARE PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA NORME TECNICHE CAPITOLO I. Articolo 1 FINALITÀ DELLA SELEZIONE DISCIPLINARE PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA CAPITOLO I Articolo 1 FINALITÀ DELLA SELEZIONE La selezione dei bovini della razza Grigio Alpina ha lo scopo di produrre soggetti precoci

Dettagli

Bioinformatica e Biologia Computazionale per la Medicina Molecolare

Bioinformatica e Biologia Computazionale per la Medicina Molecolare V Scuola di Ingegneria dell Informazione Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica II Scuola di Ingegneria dei Sistemi Laurea Magistrale in Ingegneria Biomedica Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dettagli

FOTOALBUM & FOTOLIBRI

FOTOALBUM & FOTOLIBRI FOTOALBUM & FOTOLIBRI TABELLA COMPARATIVA LINEE: CARATTERISTICHE PRINCIPALI COPERTINA CARTA INTERNO RILEGATURA Ideale per PREMIUM Seminigida interamente stampata (300 gr) 200 gr 200 gr + vernice UV-HD

Dettagli

4 modulo didattico - Modalità di trasmissione delle malattie

4 modulo didattico - Modalità di trasmissione delle malattie 4 modulo didattico - Modalità di trasmissione delle malattie monogeniche. L analisi dell albero genealogico: uno strumento indispensabile della genetica medica I SIMBOLI DELL ALBERO GENEALOGICO L ANEMIA

Dettagli

NORME TECNICHE DEL LIBRO GENEALOGICO E DEL REGISTRO ANAGRAFICO DELLA SPECIE CUNICOLA. ALLEGATO A - Quadro sinottico delle razze del Libro genealogico

NORME TECNICHE DEL LIBRO GENEALOGICO E DEL REGISTRO ANAGRAFICO DELLA SPECIE CUNICOLA. ALLEGATO A - Quadro sinottico delle razze del Libro genealogico NORME TECNICHE DEL LIBRO GENEALOGICO E DEL REGISTRO ANAGRAFICO DELLA SPECIE CUNICOLA CAPITOLO 1 Caratteri morfologici delle razze del libro genealogico I caratteri morfologici delle razze del libro genealogico

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 06.03.07

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 06.03.07 FCI Standard N 172 / 18.04.2007 BARBONI (Caniche) ORIGINE: Francia DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 06.03.07 UTILIZZAZIONE : Cane da compagnia CLASSIFICAZIONE F.C.I.: Gruppo 9 Cani

Dettagli