La religione è un residuo dell infanzia della nostra intelligenza; si dissolverà man mano che ci lasceremo guidare dalla ragione e dalla scienza (B.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La religione è un residuo dell infanzia della nostra intelligenza; si dissolverà man mano che ci lasceremo guidare dalla ragione e dalla scienza (B."

Transcript

1 La religione è un residuo dell infanzia della nostra intelligenza; si dissolverà man mano che ci lasceremo guidare dalla ragione e dalla scienza (B. Russell). In merito all affermazione che il credere è un esigenza umana, non posso che essere parzialmente d accordo. E la parzialità è dovuta alla constatazione seppure preliminare che il cervello umano ha caratteristiche genetiche / biochimiche che lo inducono necessariamente al soddisfacimento di tutte quelle condizioni fisico-mentali-emozionali che determinano la liberazione di sostanze responsabili della sensazione di appagamento, benessere, felicità. Io definisco tale meccanismo mentale il meccanismo del succhiotto, visto che apparentemente corrisponde abbastanza da vicino all atteggiamento infantile del neonato o poco più, che quando piange disperatamente per uno qualunque degli affari suoi, subito smette di urlare se gli si ficca in bocca un succhiotto, magari intinto nel miele rosato. La mia parzialità è dovuta comunque alla probabilità crescente all estendersi delle conoscenze neurobiologiche e genetiche che in effetti la natura umana converga, per necessità biologica, verso l occlusione mentale del recinto religioso. L ipotesi dell esistenza del gene di dìo (Hamer, 2005), propone infatti che il gene VMAT2 predisponga l essere umano verso le esperienze spirituali, mistiche. La tesi è proposta addirittura dal genetista Hamer, direttore della Gene Structure and Regulation Unit all Istituto Nazionale per il Cancro degli USA, nel suo libro The God Gene: How Faith is Hardwired into our Genes (2005). L ipotesi del gene-dio si basa sulla combinazione di studi genetici, neurobiologici e psicologici. Le argomentazioni principali della tesi di Hamer sono: (1) la spiritualità può essere quantificata mediante misurazioni psicometriche (capacità di auto-trascendenza, secondo Cloninger); (2) la tendenza alla spiritualità è ereditaria; (3) tale ereditarietà può essere attribuita almeno in parte al gene VMAT2; (4) tale gene agisce modificando i livelli delle monoamine cerebrali; (5) gli individui spirituali sono favoriti dalla selezione naturale poiché sono provvisti di un ottimismo innato, che produce effetti positivi a livello sia fisico che mentale. Hamer ha potuto circoscrivere al detto VMAT2, il gene coinvolto più specificamente nella determinazione della spiritualità, analizzando il DNA di oltre un migliaio di individui. Questo gene infatti codifica un trasportatore di monoamine, che svolge un ruolo di regolazione rilevante sul livello cerebrale di serotonina, dopamina e norepinefrina. I trasportatori di monoamine svolgerebbero un ruolo importante

2 nella regolazione delle attività cerebrali associate ai comportamenti mistici. Hamer ipotizza che la tendenza alla spiritualità, al misticismo, renda le persone più ottimiste, ciò che aumenterebbe la probabilità di godere di buona salute. Hamer scrive espressamente:.. In the God gene io propongo che.. noi si abbia una predisposizione genetica alla spiritualità, che si esprime e si dimensiona in risposta a esperienze personali e situazioni culturali. Tali geni, agirebbero influenzando le capacità di tipi e forme differenti di coscienza che stanno alla base dell esperienza spirituale... probabilmente ci sono diversi geni coinvolti, non uno solo... oltre alle influenze ambientali (nurture). Col termine spiritualità, non intendo la credenza in un dìo particolare.. può esserci spiritualità senza credenza in un dìo. Difficile non collegare la base genetica della spiritualità, con la religiosità. Anche Hamer lo fa direttamente, del resto, quando parla di gene-dìo. Inoltre, poiché la tesi di Hamer si basa sull analisi comparativa di più di un migliaio di DNA, è probabile che seppure con estensioni e/o limitazioni il fondamento genetico della tendenza ad essere religiosi, venga confermato scientificamente. E in tal caso, la religiosità perderebbe il carattere di scelta, e diverrebbe una semplice necessità biologica (la necessità di Monod, 1970), come le tantissime pulsioni determinate dalla struttura genica del DNA, che tutti i viventi si portano addosso. Si potrà interloquire con l osservazione che la molteplicità delle religioni (ne sono conosciute attualmente più di _By_Adherents.html) induce di per se stessa a ritenere che l esigenza religiosa sia davvero sentita universalmente e sia quindi una realtà che travalica l esigenza genetica. Io direi invece che tale molteplicità deriva dalla varietà delle culture diversamente primitive che hanno mallevato l immaginazione stimolata dalla necessità genica. Molte culture, hanno semplicemente prodotto molte religioni, così come molte filosofie, diverse realizzazioni artistiche, abitudini di vita, mitologie, ecc. A - Si afferma spesso, che le persone religiose vivono in un maggiore stato di benessere (SWB) nelle Nazioni più religiose, che in quelle meno religiose. Poiché è certamente più razionale basare le argomentazioni sulle risultanze più scientificamente attendibili, per quanto e comunque sempre discutibili e perfezionabili, piuttosto che basarsi su informazioni imprecise e/o con maggiore probabilità viziate da pregiudizi personali, verranno esaminate di seguito in maggiore dettaglio una serie di indici che caratterizzano efficacemente la diversità tra situazioni sociali, etiche e culturali prevalenti nei Paesi a diversa componente atea, laica e religiosa. Secondo un indagine pubblicata meno di tre mesi fa (Gebauer, J., Sedikides, C., 1

3 Neberich, W., 2012, "Religiosity, Social Self-Esteem, and Psychological Adjustment: On the Cross-Cultural Specificity of the Psychological Benefits of Religiosity", Psychological Science, 23 (2), ) condotta su 188 mila adulti in diversi Paesi, le persone religiose non sono necessariamente più felici delle persone che non credono. Le persone religiose sono in condizioni psicologiche più soddisfacenti, quando vivono in comunità religiose. Ma la stessa situazione si verifica per le persone non credenti, che vivono meglio nei Paesi nei quali la religiosità è meno diffusa ed apprezzata. E vero che diverse indagini sembrerebbero stabilire un collegamento tra religiosità e minore morbidità e mortalità. Ma un analisi accurata di 27 degli studi che tenderebbero ad evidenziare una correlazione positiva tra le condizioni generali di salute e la religiosità, portano a concludere che tale relazione non è in realtà dimostrata in misura scientificamente attendibile (J. S. Levin, How religion influences morbidity and health: reflections on natural history, salutogenesis and host resistance, 1996, Social Science & Medicine, 43, (5), ). La religione non porta alla felicità per effetto di influenze super-naturali, bensì per meccanismi psicologici, sociologici indotti / promossi / sostenuti da normali effettori chimico-biologici. La condizione del benessere personale, spesso identificata con il termine felicità, è dovuta in massima parte all estensione e alla qualità delle relazioni sociali dei singoli con la comunità circostante. La religione, e in specie la frequenza alle funzioni religiose che comporta, favorisce lo stabilirsi di rapporti interpersonali ampi e conseguentemente una sensazione di condivisione di intenti, convinzioni, che rassicurano e ingenerano soddisfazione, benessere (Michael Argyle, 2001; The Psychology of Happiness, Routledge, 2001). Ma se la religione rendesse davvero le persone felici, allora perché la quantità di persone religiose diminuisce continuamente? [negli ultimi vent anni la popolazione USA che si è dichiarata non-credente, è più che raddoppiata, raggiungendo il 15% - Scientific American Mind, (2012, 5/6), 59-63]. A tale paradosso pare rispondere la ricerca di Diener e coll. ( The religion paradox: If religion makes people happy, why are so many dropping out?, 2011, J. of Personality and Social Psychology, 101(6), ). Circa il 68% della popolazione terrestre 4.6 miliardi ritiene che la religione sia importante nella quotidianità. Studi precedenti hanno dimostrato che le persone religiose sono mediamente in condizioni soggettive di maggiore benessere [SWB, Subjective Well-Being; il concetto è una destrutturazione della felicità in separati ma correlati effetti positivi gioia ed emozioni positive (soddisfazione) ed effetti negativi ( depressione ed ansia)]. Tuttavia, nelle nazioni più economicamente sviluppate e nelle quali c è ampia libertà religiosa, la gente abbandona sempre più frequentemente la religione. Come mai? Dall analisi comparativa tra quanto 2

4 avviene in USA e in altri Paesi, tale atteggiamento di abbandono della religiosità è risultato comune a tutte le quattro grandi religioni. E in ogni caso, l associazione tra SWB e religiosità è condizionato dall ambiente sociale: l atteggiamento religioso è più diffuso nelle Nazioni e negli Stati USA nei quali le condizioni di vita sono più difficili (fame diffusa e bassa speranza di vita); nelle nazioni e negli Stati nei quali le condizioni dell esistenza sono più soddisfacenti, la religiosità è meno diffusa, e sia le persone religiose che quelle non credenti, sono in condizioni di SWB analoghe. L inchiesta condotta nel 2010 su americani (Diener e coll., citato sopra), rafforza questa situazione: la condizione che soddisfa maggiormente, non è il pensare a dìo, discorrere di dìo o pensare alla sua presenza costante, ma esclusivamente il partecipare alle funzioni religiose; e la soddisfazione è tanto maggiore, quanto più frequentemente si partecipa alle funzioni. Risulta inoltre dalla stessa indagine, che negli Stati USA in cui vi è una diffusa condizione di vita difficile (Mississipi, ad esempio) la gente è più religiosa (88%); mentre negli Stati nei quali le condizioni di vita sono generalmente più soddisfacenti (Vermont, ad es.) la religiosità è minore (44%). Analogamente, un inchiesta Gallup condotta in 154 Paesi, in ognuno dei quali sono stati consultate circa tremila persone, tre quarti degli intervistati hanno affermato che la religione è per loro importante. Ma mentre in Paesi come la Svezia la percentuale dei credenti scende al 16%, sale al 99% in Bangladesh, Egitto, Sri Lanka e Somalia, tutti Paesi a ridotte condizioni generali di benessere e ad elevatissima religiosità (mussulmani). Nei Paesi nei quali le condizioni di vita sono meno soddisfacenti, il conforto della religione tende a migliorarne le condizioni esistenziali. Nei Paesi nei quali le condizioni di vita sono più soddisfacenti, sia i credenti che i non credenti, affermano di essere ad un livello soddisfacente di benessere. E ciò vale sia per i paesi in cui prevale il cristianesimo, il buddismo, l induismo o l islam. Insomma, il livello di benessere (SWB) è connesso strettamente al livello di benessere generale della società in cui si vive, ed al tipo di società prevalente (per gli uni, la religiosità, per gli altri, l ateismo) della gente in mezzo alla quale ci si trova (S. Upson, 2012, Scientific American Mind, 5/6, 59-63). B - I non-credenti sono tra 500 e 750 milioni (P. Zuckerman, Atheism, Secularity, and Well-Being: How the Findings of Social Science Counter Negative Stereotypes and Assumptions, 2009, Sociology Compass 3/6, ). L ATEISMO e la laicità sono ai minimi livelli nel mondo Arabo (Eller, 2009), che è il meno civilmente evoluto del pianeta. La sola nazione con livello significativo di laicità nel Medio Oriente è Israele; il 37 percento degli israeliani è ateo (non crede all esistenza di dìo) o agnostico (Kedem, 1995) e il 75 3

5 percento degli israeliani si auto-qualifica non-religioso o comunque privo di qualsiasi orientamento religioso. Un indagine della BBC del 2004 ha rilevato che il 30 percento dei Sud-coreani non credono in dìo, mentre Eungi (2003) riferiva che è il 52 percento che non credono in dìo. Il Giappone è una delle nazioni meno religiose del pianeta (Schneider and Silverman, 2010): il 65 percento della gente non è credente (Norris and Inglehart, 2004; Demerath, 2001). Ateismo e laicità sono particolarmente diffusi in Europa (Bruce, 2002; Brown, 2001; Hayes, 2000; Zuckerman, 2008; Grotenhuis and Scheepers, 2001; Gil et al., 1998; Shand, 1998). Ronald Inglehart et al. (2004) dicono che il 61 percento dei Cechi, il 49 percento degli Estoni, il 45 percento degli Sloveni, il 34 percento dei Bulgari, e il 31 percento dei Norvegesi non crede in dìo. Secondo il Rapporto dell Eurobarometer (2005) il 33 percento dei Francesi, il 27 percento degli Olandesi, il 27 percent of Belgi, il 25 percento dei Tedeschi, e il 20 percento degli Inglesi NON credono in dìo e in nessun altro grande spirito. Solo il 51 percento dei Danesi e il 26 percento degli Svedesi crede in un dìo personale (Bondeson, 2003) e circa la metà degli Svedesi tutti sono decisamente laici (Ahlin 2005). Sempre l indagine della BBC del 2004 ha rilevato che il 24 percento dei Russi non crede in dìo (Inglehart et al., 2004, riferiscono che è il 30 percento dei Russi ad essere ateo). Quanto al Nord America, il 28 percento dei Canadesi sono laicisti (Guth and Fraser, 2001), e il percento non credenti (Bibby, 2002; Altemeyer, 2009). Negli Stati Uniti, l ateismo e la laicità sono aumentate negli ultimi decenni (Kosmin and Keysar, 2009; Paul, 2009; Phillips, 2007; Gallup Poll, 2005a; Hout and Fischer, 2002; Condran and Tamney, 1985). Kosmin and Keysar (2009) riferiscono che circa il 12 percento degli statunitensi è ateo o agnostico, il 15 percento degli Americani sceglie per nessuna quando si chiede loro a che religione appartengano e il 16 percento si definisce laico. La Pew Forum Religious Landscape Survey del 2007 indica che il 5 percento degli Americani non crede in dìo, mentre il 16 percento preferisce definirsi non affiliato a nessun credo. Un indagine del 2005 (Baylor Religion Survey) indica che il 4.6 percento degli Americani non crede in nulla che non faccia parte del mondo fisico, il 14.3 percento non crede in dìo, ma in qualcosa di simile ad una forza cosmica indefinita; il 2.8 percento non ha opinioni in merito. Sherkat (2008) riferisce che il 6.5 percento degli Americani è ateo o agnostico; l indagine di Barna del 2007 indica che il 9 percento degli Americani è ateo o agnostico; l indagine di Harris Poll del 2008, indica che il 19 percento degli Americani è ateo o agnostico; questa sarebbe la percentuale più elevata riferita fino ad ora nelle indagini sulla popolazione Americana; quindi tra agnostici, laici e atei, gli americani ammonterebbero ad un valore compreso tra 10 milioni e 47 milioni. 4

6 C - L ateismo, l agnosticismo e la laicità sono tanto più frequenti quanto più è elevato il livello scolastico delle persone (Baker, 2008; Sherkat, 2008, 2003; Johnson, 1997; Argyle and Beit-Hallahmi, 1975). L abilità matematica e l istruzione scientifica è molto più diffusa nei paesi a maggiore laicità (Lynn, 2001; UNICEF, 2002). Alcuni scienziati ritengono che scienza e religione riguardino legittimamente campi differenti del sapere; altri, ritengono che la scienza sia l unico strumento d indagine delle cose nell universo. Da un indagine condotta dalla Pew Research Center for the People & the Press, è risultato che i membri dell Associazione Americana per l Avanzamento della Scienza (AAAS) sono molto meno religiosi della gente in generale; circa il 51% crede in una qualche forma di divinità (33% credono in dìo, mentre il 18% crede in qualcosa di simile ad uno spirito o potere universale); il 41% degli scienziati ha affermato di non credere in un dìo o una potenza superiore. Laron & Witham (1997, 1998) hanno riscontrato che nei membri dell Accademia nazionale delle Scienze degli USA, solo il 7 percento dichiara di credere in un dìo personale e solo l 8 percento crede all immortalità; Ecklund & Scheitle (2007) riferiscono che i professori delle maggiori Università americane sono molto più frequentemente atei di quanto non sia la popolazione in generale. Nel 1914 lo psicologo svizzeroamericano James Leuba, interrogò un migliaio di scienziati americani sulla questione di dìo. Leuba rilevò che la comunità scientifica era divisa praticamente in parti uguali tra chi credeva in dìo e chi no. Più di 80 anni dopo, Edward Larson, uno storico della scienza all Università della Georgia, ripeté parii pari la stessa inchiesta. Con generale sorpresa, l indagine del 1966 ottenne gli stessi risultati (40% di credenti e 45% di non credenti) (Larson, E.J. and L. Witham, 1998, Leading Scientists Sill Reject God. Nature 394: 313). Nella comunità scientifica, sono più i protestanti (21%) dei cattolici (10%); nella popolazione in generale, vi sono all incirca il 51% di protestanti e il 24% di cattolici. Del 42 percento degli Americani che si definiscono non-religiosi, il 32 percento è ateo e il 42 percento degli agnostici sono laureati/diplomati (Kosmin, 2008; Keysar, 2007). L aver frequentato un College o una scuola superiore o comunque l avere un orientamento culturale sono indici significativi della probabilità di abbandonare la religione in una fase successiva della vita (Beit- Hallahmi, 2007; Altemeyer, 2009; Hayes, 2000, 1995a; Sherkat and Ellison, 1991; McAllister, 1998; Altemeyer and Hunsberger, 1997; Hadaway and Roof, 1988). Per quanto concerne la connessione tra livello educativo intellettuale e laicità, studi recenti mostrano che le persone laiche ottengono valutazioni molto superiori nell abilità e nella sofisticazione verbale a quelle delle persone religiose (Sherkat 2006), e conseguono indici di profitto scientifico molto superiori a quelli della gente religiosa (Sherkat, 2009). 5

7 D - C è la tendenza a ritenere che chi non crede in dìo non creda in nulla; ed anche che la persona senza religione non sia portatrice di valori morali o di nessun genere. Tale assunzione è del tutto priva di verità. Numerosi studi hanno rilevato che gli atei e in generale i laici sono portatori di forti valori morali e sociali. E soprattutto, se paragoniamo i valori etico/morali e sociali di atei e laici rispetto a quelli delle persone religiose, si scopre che gli atei sono meno nazionalisti, hanno meno pregiudizi, sono meno anti-semiti, meno razzisti, meno dogmatici, meno etnocentrici, con minori chiusure mentali e meno autoritari (Greeley and Hout, 2006; Sider, 2005; Altemeyer, 2003, 2009; Jackson and Hunsberger, 1999; Wulff, 1991; Altemeyer and Hunsberger, 1992, 1997; Beit-Hallahmi, 2007; Beit-Hallahmi and Argyle, 1997; Batson et al., 1993; Argyle, 2000). Gli atei e i laici sono generalmente più favorevoli all uguaglianza dei sessi e ai diritti delle donne, (Hayes, 1995) e comunque molto più delle persone religiose. Al confronto con le persone religiose, quelle atee o laiche sono molto più tolleranti verso l omosessualità, i diritti dei gay e il matrimonio omosessuale (Sherkat et al., 2007; Burdette et al., 2005; Lewis, 2003; Loftus, 2001; Roof and McKinney, 1987); sono molto meno omofobici, e sono privi di tendenze antiomosessuali (Altemeyer, 2009; Rowatt et al., 2006; Schulte and Battle, 2004; Aubyn et al., 1999; VanderStoep and Green, 1988; Kunkel and Temple, 1992). Harris & Poll (2004) hanno riscontrato che l 84 percento degli Americani non religiosi sostiene le ricerche sulle cellule staminali, mentre solo il 55 percento delle persone molto religiose condividono questo atteggiamento. Come ha riscontrato Lynn Nelson (1988), le persone non-religiose hanno un senso della giustizia sociale più spiccato di quelle che vanno a messa la domenica. Le Nazioni nelle quali le libertà politiche e civili sono più rispettate, sono quelle a maggiore secolarizzazione (Nationmaster, 2009). E La popolazione carceraria è costituita più frequentemente da atei / agnostici, o religiosi? Se la religione, la preghiera o la credenza in dìo impedissero i comportamenti criminali, mentre laicismo e ateismo favorissero l illegalità, ci si dovrebbe attendere che le nazioni più religiose avessero meno assassinii e quelle meno religiose ne avessero di più. Al contrario, la frequenza di omicidi è inferiore nelle nazioni più laiche, mentre è più elevata in quelle più religiose, nelle quali la credenza in dio è più diffusa e radicata (Jensen, 2006; Paul, 2005; Fajnzylber et al., 2002; Fox and Levin, 2000). Le prigioni americane non sono affatto ripiene di atei; ma al contrario (Golumbaski, 1997), solo lo 0.2 percento dei prigionieri negli USA sono atei, e sono il gruppo sociale meno rappresentato. Tra gli Stati Americani, quelli con un maggior numero di omicidi 6

8 sono tendenzialmente più religiosi come la Luisiana e l Alabama mentre sono meno numerosi / frequenti negli Stati meno religiosi come il Vermont e l Oregon (Ellison et al., 2003; Death Penalty Information Center, 2008). Inoltre, pur con le inevitabili eccezioni, la frequenza dei crimini più violenti tende ad essere minore negli Stati meno religiosi e superiore in quelli più religiosi (United States Census Bureau, 2006). Infine, delle 50 città meno pericolose del mondo, quasi tutte sono in Paesi poco religiosi; e delle otto città degli States meno pericolose, quasi tutte sono negli Stati con minore diffusione della religiosità (Mercer Survey, 2008). Nelle democrazie più laiche al mondo, il livello di benessere e felicità è più elevato (Kamenev, 2006) e la frequenza di crimini e omicidi è tra le meno elevate (Paul, 2005). In più, stando al recente United Nations World Development Report, si apprende che quanto all aspettativa di vita, la mortalità infantile, l eguaglianza economica, la competitività economica, le condizioni di salute, lo standard di vita, l educazione, la cultura, sono le democrazie meno religiose a prevalere in quantità e qualità, rispetto a quelle più religiose (Zuckerman, 2008; Norris and Inglehart, 2004; Bruce, 2003). Si consideri l eguaglianza dei sessi e i diritti delle donne: sono molto più rispettati e tutelati nei Paesi a maggiore diffusione della laicità (Ingelhart et al., 2003; Inglehart and Norris, 2003). Un rapporto recente dell UNICEF (2007) indica che nelle nazioni meno religiose del pianeta come l Olanda e la Svezia - le condizioni generali e il benessere dell infanzia è il più elevato. I dieci Paesi nei quali le condizioni della maternità sono più soddisfacenti, sono tutti a maggiore laicità; quelli nei quali lo sono meno, sono tutti a maggiore religiosità (Save the Children, 2008). I Paesi nei quali la corruzione è meno diffusa, sono quelli a maggiore laicità (Beit-Hallahmi, 2009). I livelli di intolleranza raziale e delle minoranze etniche sono meno elevati nei paesi meno religiosi e più elevati in quelli più religiosi (Gallup Poll, 2009). Per quanto attiene ai suicidi, sono meno frequenti negli Stati Americani nei quali la religiosità delle comunità è maggiore (Comstock and Partridge, 1972; Stack and Wasserman, 1992; Martin, 1984). Delle dieci Nazioni nelle quali la frequenza dei suicidi è maggiore, la maggior parte è relativamente a prevalenza laica (World Health Organization, 2003). Da notare però, che otto di questi dieci sono Paesi ex-sovietici, e quindi con caratteristiche socio-economico-culturali molto particolari, e devianti la norma occidentale. Allo stesso modo, le Nazioni governate da dittature come il Cile di Pinochet, Haiti con Duvalier, la Spagna con Franco, o l attuale Iran sono particolarmente deficienti in relazione al rispetto dei diritti civili e umani (un Paese civile ritiene che.. l indipendenza 7

9 dell individuo è di diritto, assoluta. Su se stesso, sul proprio corpo e sulla propria mente, l individuo è sovrano., J.S. Mills, 1869). F - In accordo con il Legatum Prosperity Index (2009), le nazioni più laiche sono molto più prospere di quelle più religiose. Secondo l Economist s Quality of Life Index (2005), che prende in considerazione diversi indicatori di benessere soggettivo (SWB), come determinanti della qualità della vita, le migliori nazioni al mondo sono di gran lunga quelle più secolarizzate, mentre quelle a maggiore religiosità sono tra le peggiori. Gli Stati degli Usa con la maggiore povertà sono tra i più religiosi, come Mississippi e Tennessee; mentre quelli meno poveri sono quelli a maggiore diffusione della laicità, come il New Hampshire e le Hawaii (United States Census Bureau, 2008). Gli Stati a maggiore diffusione dell obesità sono quelli più religiosi (Calorielab.com, 2008). Sono gli Stati più religiosi, quelli nei quali la mortalità infantile tende ad essere più elevata della media nazionale. Mentre è in quelli meno religiosi che è tendenzialmente meno elevata (United States Census Bureau, 2005). E negli Stati più religiosi che la diffusione delle malattie sessuali è più elevata (Sexually Transmitted Disease Surveillance, 2007), così come la gravidanza giovanile (Guttmacher Institute, 2006). Nell America del Bible Belt l educazione scolastica superiore è la meno diffusa tra gli adulti, mentre le più elevate percentuali di adulti con istruzione superiore si riscontrano negli Stati più secolarizzati (United States Census Bureau, 2007). Con molta evidenza si può sostenere dunque che la preponderanza della fede religiosa in una popolazione non è necessariamente benefica; così come la densità di atei e laici non è necessariamente deleteria. La correlazione tra le diverse situazioni socio-culturali, non comporta necessariamente un rapporto di causa<>effetto, come ben noto. Ma mentre l ateismo e la laicità non determinano una diminuzione del benessere generale delle popolazioni, si deve necessariamente rilevare che diversi parametri socio-culturali negativi, deteriori, sono apparentemente associati alla religiosità. Allo stesso tempo, è evidente che ad una maggiore diffusione dell ateismo e della laicità, corrispondono in generale un maggiore livello di istruzione, minori livelli di pregiudizio, etnocentrismo, razzismo, omofobia, maggiore sostegno all eguaglianza dei sessi, ecc. Pur con l importante eccezione della frequenza di suicidi, i Paesi con la più elevata diffusione della laicità sono socialmente più avanzati. Insomma, pare proprio che la religiosità ostacoli lo sviluppo culturale e civile della società. 8

10 (vency) 9

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO Mi sono spesso chiesto: come nasce, come si genera il fenomeno del razzismo? Quali sono le cause più profonde dell essere umano che ci fanno pensare

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

MATEMATICA E RELIGIONE

MATEMATICA E RELIGIONE MATEMATICA E RELIGIONE STATISTICHE SULLE RELIGIONI Quanto sono importanti i numeri nella religione? E la matematica? Si può fare l esempio della kabbalah ebraica: attraverso i numeri ed alcune regole matematiche,

Dettagli

Carta dei Valori, della Cittadinanza e dell'integrazione

Carta dei Valori, della Cittadinanza e dell'integrazione Carta dei Valori, della Cittadinanza e dell'integrazione L ITALIA, COMUNITA DI PERSONE E DI VALORI L Italia è uno dei Paesi più antichi d Europa che affonda le radici nella cultura classica della Grecia

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI

CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO ENRICO FERMI - NUORO INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA. PROGRAMMI SVOLTI classe prima D A.S. 2010/2011

LICEO SCIENTIFICO ENRICO FERMI - NUORO INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA. PROGRAMMI SVOLTI classe prima D A.S. 2010/2011 classe prima D INTERROGATIVI ESISTENZIALI E RISPOSTE DATE NEL CORSO DELLA STORIA - l uomo e le sue domande - fattori che ritardano le risposte alle domande di senso nell adolescenza - senso della vita

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO: IRC

PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO: IRC INDIRIZZO: TUTTI GLI INDIRIZZI MODULI o UNITA DIDATTICHE: 1. LA RELIGIONE A SCUOLA (Introduzione all IRC) Riconoscere l universalità della esperienza religiosa come componente importante nella storia e

Dettagli

La buona scuola, musica e scuola dell infanzia

La buona scuola, musica e scuola dell infanzia AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA VII COMMISSIONE (Istruzione) SULL AFFARE ASSEGNATO SCUOLA Mercoledì 19 Novembre 2014 Documento a cura di Cecilia Pizzorno, Coordinamento Nazionale Nati per la Musica

Dettagli

INTERVENTI COME: L ABORTO SELETTIVO LA FECONDAZIONE ARTIFICIALE LA MANIPOLAZIONE DELLE CELLULE STAMINALI L ACCANIMENTO TERAPEUTICO GLI OGM. SONO ETICAMENTE LECITI Il termine deriva da bìos (vita) ed éthos

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

I.TC. N. DELL ANDRO SANTERAMO PROGRAMMA DI RELIGIONE CATTOLICA SVOLTO NELLA CLASSE 5^ SEZ. A DALLA PROF.SSA ANNA DISANTO Anno Scolastico 2010/2011

I.TC. N. DELL ANDRO SANTERAMO PROGRAMMA DI RELIGIONE CATTOLICA SVOLTO NELLA CLASSE 5^ SEZ. A DALLA PROF.SSA ANNA DISANTO Anno Scolastico 2010/2011 I.TC. N. DELL ANDRO SANTERAMO SVOLTO NELLA CLASSE 5^ SEZ. A Anno Scolastico 2010/2011 1. La morale La morale. Ragione e fede. La questione morale è di attualità. I fondamenti della vita morale dell uomo.

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

Corso di Diritto Ecclesiastico Prof. Giovanni Cimbalo Nozione di Confessione religiosa negli ordinamenti giuridici europei

Corso di Diritto Ecclesiastico Prof. Giovanni Cimbalo Nozione di Confessione religiosa negli ordinamenti giuridici europei Corso di Diritto Ecclesiastico Prof. Giovanni Cimbalo Nozione di Confessione religiosa negli ordinamenti giuridici europei A.A. 2012/2013 Concordato (1801) I Culti nella legislazione napoleonica Articoli

Dettagli

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA ASSISTEST 2015 ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA Di cosa ci occuperemo? 2 Saperi essenziali richiesti dal bando: - Elementi di storia del pensiero filosofico: Glossario - Scetticismo - Kant - Marxismo

Dettagli

PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA

PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA Dott.ssa Martina Valente Psicologa master II livello in Psicopatologia dell Apprendimento s.a Psicoterapia cognitivo comportamentale per l infanzia e l adolescenza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI)

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Finalità della disciplina ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Linee progettuali disciplinari a.s. 2014/2015 classi prime IRC (= Insegnamento della religione cattolica)

Dettagli

Executive Summary. Metodologia EMC PRIVACY INDEX EXECUTIVE SUMMARY

Executive Summary. Metodologia EMC PRIVACY INDEX EXECUTIVE SUMMARY Privacy vs Vantaggi Executive Summary Le ultime notizie sulla privacy in Internet stanno alimentando il dibattito su fino a che punto la pubblica amministrazione e le aziende possano avere accesso ad attività

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

La bioetica tra fede e ragione

La bioetica tra fede e ragione La bioetica tra fede e ragione PROF. ANDREA PORCARELLI D o c e n t e d i P e d a g o g i a g e n e r a l e e s o c i a l e a l l U n i v e r s i t à d i P a d o v a D o c e n t e d i E t i c a g e n e

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

PROGRAMMAZIONE I.R.C. PREMESSA

PROGRAMMAZIONE I.R.C. PREMESSA PROGRAMMAZIONE I.R.C. PREMESSA L IRC fa sì che gli alunni riflettano e si interroghino sul senso della loro esperienza per elaborare ed esprimere un progetto di vita, che si integri nel mondo reale in

Dettagli

Stefano Bartolini. Dal ben-avere al ben-essere. Colloqui di Dobbiaco 2011 01.10. 02.10.2011 Benessere senza crescita

Stefano Bartolini. Dal ben-avere al ben-essere. Colloqui di Dobbiaco 2011 01.10. 02.10.2011 Benessere senza crescita Stefano Bartolini Dal ben-avere al ben-essere SINTESI Come dimostrato dal paradosso di Easterlin, la crescita economica ha tradito largamente la sua promessa di aumentare il nostro benessere. Ma al di

Dettagli

Il mondo diviso. Francesco Ciafaloni

Il mondo diviso. Francesco Ciafaloni Menu Il mondo diviso Francesco Ciafaloni 30 gennaio 2016 Sezione: Mondo, Società Oggi circa l 80% della popolazione del mondo possiede solo il 6% della ricchezza. Circa il 61% non ha un contrattto di lavoro

Dettagli

Appartenenza religiosa e relativismo etico?

Appartenenza religiosa e relativismo etico? I RISULTATI DELLA SECONDA RICERCA EURISKO SULLA RELIGIOSITA DEGLI ITALIANI, COMMISSIONATA DALLA TAVOLA VALDESE: RAPPORTO TRA SPIRITUALITA, PRATICA RELIGIOSA, OPINIONI E SCELTE ETICHE Appartenenza religiosa

Dettagli

Dimensioni del cambiamento Dimensione personale

Dimensioni del cambiamento Dimensione personale SINTESI Rilevanza ed effetti dell azione nel campo della fede e della giustizia Un tentativo di identificare, valutare e documentare i risultati e gli impatti dell attività dei partner di Sacrificio Quaresimale

Dettagli

Sociologia Giuridica della devianza e del mutamento sociale. Indice

Sociologia Giuridica della devianza e del mutamento sociale. Indice INSEGNAMENTO DI SOCIOLOGIA GIURIDICA DELLA DEVIANZA E DEL MUTAMENTO SOCIALE LEZIONE IV LA DEVIANZA COME COSTRUZIONE SOCIALE PROF. ALFREDO GRADO Indice 1 L importanza dei paradigmi costruzionisti ---------------------------------------------------------

Dettagli

Casa Anziani Alto Vedeggio 6805 Mezzovico Vira S 2 d I Valori della Casa Anziani Alto Vedeggio

Casa Anziani Alto Vedeggio 6805 Mezzovico Vira S 2 d I Valori della Casa Anziani Alto Vedeggio I VALORI DELLA CASA per ANZIANI ALTO VEDEGGIO Mezzovico-Vira Le mie mani sono mani di lavoro Le mie mani sanno fare un bel decoro Le mie mani sanno ricamare Si muovono come onde nel mare. Quante cose han

Dettagli

Lungo cammino verso la libertà

Lungo cammino verso la libertà Lungo cammino verso la libertà Corso introduttivo alla conoscenza dei Diritti Umani e delle loro violazioni I INCONTRO Mandela: Lungo cammino verso la libertà. Lettura Cosa sono i Diritti Umani? interviste

Dettagli

La Chiesa Cattolica per la libertà religiosa

La Chiesa Cattolica per la libertà religiosa La Chiesa Cattolica per la libertà religiosa Ordinario di Diritto Canonico nella Università Cattolica di Milano e Direttore del Centro Studi sugli enti ecclesiastici e gli altri enti senza fini di lucro.

Dettagli

I media. Sport, media e genere.

I media. Sport, media e genere. INTRODUZIONE Nell anno 2012/2013 la nostra scuola, il Liceo Marconi di Foggia, ci ha offerto la possibilità di partecipare ad un corso formativo al fine di ampliare la nostra conoscenza su quello che è

Dettagli

All the invisible children. Appunti sulla Convenzione Internazionale sui diritti dell Infanzia e dell Adolescenza. Comitato Provinciale UNICEF di Roma

All the invisible children. Appunti sulla Convenzione Internazionale sui diritti dell Infanzia e dell Adolescenza. Comitato Provinciale UNICEF di Roma XIX Corso Universitario Multidisciplinare di Educazione allo Sviluppo Università La Sapienza di Roma All the invisible children Appunti sulla Convenzione Internazionale sui diritti dell Infanzia e dell

Dettagli

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e educazione 2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e I documenti presentati presentano nella maggior parte dei casi ripetuti riferimenti alla Dichiarazione Universale

Dettagli

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Firenze, 11 dicembre 2013 Nessuno può farvi sentire inferiore senza il vostro consenso. Eleanor Roosevelt Inversione di paradigma da persone

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

I giovani di fronte al futuro e alla vita, con e senza fede. Un indagine di Istituto IARD rps per Passio 2010

I giovani di fronte al futuro e alla vita, con e senza fede. Un indagine di Istituto IARD rps per Passio 2010 I giovani di fronte al futuro e alla vita, con e senza fede Un indagine di Istituto IARD rps per Passio 2010 Il progetto Passio 2010 e i giovani All interno del progetto Passio 2010 è stata predisposta

Dettagli

SCHEDA DATI. UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015

SCHEDA DATI. UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015 SCHEDA DATI UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015 Trasformare il circolo vizioso in un circolo virtuoso ha benefici enormi: - Si

Dettagli

CARTA DEI MUSULMANI D EUROPA

CARTA DEI MUSULMANI D EUROPA CARTA DEI MUSULMANI D EUROPA Carta dei Musulmani d Europa La Federazione delle Organizzazioni Islamiche in Europa (FIOE) ha cominciato a parlare della stesura di una Carta dei Musulmani d Europa fin dall

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

SALUTE, MALATTIA E MORTE IN OTTICA INTERCULTURALE

SALUTE, MALATTIA E MORTE IN OTTICA INTERCULTURALE 1 SALUTE, MALATTIA E MORTE IN OTTICA INTERCULTURALE Varese, 22 novembre 2013 Obiettivi 2 Approfondire i concetti di salute, malattia e morte nelle loro peculiarità culturali Favorire il dialogo interculturale

Dettagli

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio I parte

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio I parte CORSO DI FORMAZIONE A.S.L. TO4 Comunicazione e prevenzione: strategie efficaci per trasmettere messaggi di salute rivolti a target diversi di popolazione Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO L entrata alla scuola dell infanzia rappresenta per il bambino una tappa fondamentale di crescita. La scuola è il luogo dove il bambino prende coscienza della sua abilità

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

IL COACHING. MOTIVAZIONE E POTENZIALITA.

IL COACHING. MOTIVAZIONE E POTENZIALITA. IL COACHING. MOTIVAZIONE E POTENZIALITA. INDICE a cura di: Domenico Nigro Direttore Didattico e Trainer della Scuola IN Counseling Consulente aziendale - Life e Business Coach Cap.1: Coaching & Counseling.

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia Il Medio Oriente si scopre progressista Una ricerca dalla University of Michigan Institute for Social Research mette a fuoco la percezione della donna in sette paesi a maggioranza musulmana (Ilaria Orrù)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Obiettivi formativi Verranno valutati: il comportamento, la partecipazione e l interesse, la responsabilità nei confronti dei

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-RELIGIOSO TRIVENETO

OSSERVATORIO SOCIO-RELIGIOSO TRIVENETO - Documentazione grafica - CONFERENZA STAMPA Zelarino, giovedì 16 febbraio 2012 1 Identità religiose del Nord Est - stime - 3,3 8,2 1,4 11,6 75,6 italiani cattolici immigrati cattolici italiani di altre

Dettagli

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA LE DINAMICHE DELLA CRESCITA 1. Viviamo in una situazione di disequilibrio educativo, a causa di: a) fattori strutturali, quali - ritmi di cambiamento sociale, - esposizione ripetuta e prolungata di immagini

Dettagli

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ PERIODO TEMATICA DALLA CARTA DELLA TERRA 1 q. ED. ALIMENTARE Sviluppo di una coscienza alimentare. Conoscere e riconoscere i sapori. Apprezzare

Dettagli

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Premessa La crisi economica è ancora argomento d attualità. Lungi dal perdersi nell analisi approfondita di indici economici e nella ricerca di una verità nei

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: I.R.C. Classe: IV B I A.S. 2014/15 Docente: Diana Annalisa

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: I.R.C. Classe: IV B I A.S. 2014/15 Docente: Diana Annalisa Disciplina: I.R.C. Classe: IV B I A.S. 2014/15 Docente: Diana Annalisa ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Classe positiva, gli alunni partecipano vivacemente alle lezioni dimostrando spiccato senso

Dettagli

Problematiche psicologiche connesse al disagio scolastico

Problematiche psicologiche connesse al disagio scolastico Problematiche psicologiche connesse al disagio scolastico di Maria Anna Formisano 1 Introduzione Il termine insuccesso scolastico generalmente interpreta il mancato risultato positivo dell istruzione e,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S.

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014/2015 Finalità e obiettivi generali del dipartimento per classi: L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere

Dettagli

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Su ali di farfalla Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Schemi realizzati dall autrice. Laura Freni SU ALI DI FARFALLA Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Manuale www.booksprintedizioni.it

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Cervello / Brain John H. Schumann

Cervello / Brain John H. Schumann Cervello / Brain John H. Schumann Semplificando al massimo, il cervello può esser considerato un organo composto da un sistema sensoriale posteriore, un sistema motorio anteriore e un sistema valutativo

Dettagli

LA PROFESSIONE DEL CRISTIAN COACHING

LA PROFESSIONE DEL CRISTIAN COACHING LA PROFESSIONE DEL CRISTIAN COACHING Cos è che rende Cristiano il Coaching? Sebbene la crescita spirituale non sia il "fine ultimo" del Coaching, il coach non ha paura di affrontare problemi e questioni

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE E OBIETTIVI DEL MILLENNIO

ALFABETIZZAZIONE E OBIETTIVI DEL MILLENNIO ORIENTAMENTI INTERNAZIONALI NELL EDUCAZIONE DEGLI ADULTI IL CONTESTO DELLE INIZIATIVE PROF. BARBARA DE CANALE Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Con Don Bosco educatori dei giovani nel nostro tempo

Con Don Bosco educatori dei giovani nel nostro tempo Convegno Internazionale di Pedagogia Salesiana Roma 19-21 marzo 2015 Con Don Bosco educatori dei giovani nel nostro tempo SEDE DEL CONVEGNO: Salesianum (via della Pisana), UPS (Università Pontificia Salesiana)

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Introduzione alla sociologia

Introduzione alla sociologia Introduzione alla sociologia Le persone e il sociale La sociologia studia il rapporto di influenza reciproco che lega le persone alle strutture e ai processi sociali, i quali possono essere associati a

Dettagli

Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale

Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale Mariano Giacchi U.O.C. Promozione della salute AOUS CREPS Dip. Fisiopatologia, Medicina Sperimentale e Sanità Pubblica

Dettagli

LE GRANDI DOMANDE. dall editore delle 50 grandi idee un nuovo successo internazionale. luglio 2015

LE GRANDI DOMANDE. dall editore delle 50 grandi idee un nuovo successo internazionale. luglio 2015 La collana, diretta da Simon Blackburn, affronta i principali problemi scientifici e filosofici che hanno segnato la storia della conoscenza umana, e ci introduce alle risposte dei più illustri pensatori.

Dettagli

VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO

VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO Il 21 marzo si celebra la Giornata Internazionale per l Eliminazione della Discriminazione Razziale che rappresenta un occasione per chiunque di riprendere contatto con

Dettagli

Psicologia dello Sviluppo

Psicologia dello Sviluppo Psicologia dello Sviluppo DESCRIVE i cambiamenti dell essere umano nei comportamenti e nelle competenze (motorie, percettive, sociali, emotive, comunicativo-linguistiche, cognitive) in funzione del trascorrere

Dettagli

3 dicembre 2014 GIORNATA INTERNAZIONALE PER I DIRITTI DELLA PERSONA CON DISABILITÀ

3 dicembre 2014 GIORNATA INTERNAZIONALE PER I DIRITTI DELLA PERSONA CON DISABILITÀ 3 dicembre 2014 GIORNATA INTERNAZIONALE PER I DIRITTI DELLA PERSONA CON DISABILITÀ LE PERSONE CON DISTURBO AUTISTICO E DISABILITA INTELLETTIVA? METRO DI CIVILTÁ. Riflessione sull importanza della filosofia

Dettagli

GLI ITALIANI E IL RISPARMIO

GLI ITALIANI E IL RISPARMIO COMUNICATO STAMPA Sondaggio realizzato per Acri da Abacus in occasione della 78ª Giornata Mondiale del Risparmio GLI ITALIANI E IL RISPARMIO Roma, 30 ottobre 2002. Gli Italiani sono sempre meno soddisfatti

Dettagli

L INTEGRAZIONE TRA PSICOLOGIA E FILOSOFIA. Intervista con il professor Michael Pakaluk

L INTEGRAZIONE TRA PSICOLOGIA E FILOSOFIA. Intervista con il professor Michael Pakaluk L INTEGRAZIONE TRA PSICOLOGIA E FILOSOFIA Intervista con il professor Michael Pakaluk di Genevieve Pollock In un istituto fondato solo qualche decennio fa, gli studiosi stanno cercando di porre rimedio

Dettagli

La pena di morte. Vorrei iniziare a parlarvi della pena di morte spiegandovi che cosa significa: la pena capitale è

La pena di morte. Vorrei iniziare a parlarvi della pena di morte spiegandovi che cosa significa: la pena capitale è La pena di morte Vorrei iniziare a parlarvi della pena di morte spiegandovi che cosa significa: la pena capitale è intesa come l uccisione di un criminale decisa da un tribunale, dopo una condanna. In

Dettagli

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco Dirittosuweb.it La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, proclamata dall Assemblea Generale

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: VIOLENZA CONTRO LE DONNE Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti - Ufficio

Dettagli

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L educazione ai diritti umani può essere definita come l insieme dei programmi e delle attività educative centrati sulla promozione dell uguaglianza della dignità umana, al

Dettagli

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE Guiducci Martina, insegnante Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni XXIII, Castellarano (RE) Il Progetto Tutoring, attivo nella

Dettagli

Le funzioni dell ONU

Le funzioni dell ONU Le funzioni dell ONU Allo scopo di tutelare la pace nel mondo, nel 1945 venne istituita l ONU (Organizzazione delle nazioni unite). Oltre che della tutela della pace, l ONU si occupa della salvaguardia

Dettagli

GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA

GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA scelta ragionata dallo Zibaldone Introduzione di Dante Lepore cm. 14x21, pp. 100 Offerta minima 10 *** Leopardi mette in guardia dal ruolo nefasto della

Dettagli

I RISULTATI DELLE RICERCHE BOCCONI E XING PER ASSOLOMBARDA

I RISULTATI DELLE RICERCHE BOCCONI E XING PER ASSOLOMBARDA I RISULTATI DELLE RICERCHE BOCCONI E XING PER ASSOLOMBARDA Introduzione Milano capitale del lavoro, dell economia e della tecnologia innovativa è una metropoli che sa attrarre e integrare intelligenze,

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO. VERZINI-ZANARINI-STAGNOLI «Società da capire, società da agire»

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO. VERZINI-ZANARINI-STAGNOLI «Società da capire, società da agire» PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO VERZINI-ZANARINI-STAGNOLI «Società da capire, società da agire» DISTINGUIAMO: PSICOLOGIA DELL ETA EVOLUTIVA SEGUE LE FASI DI CRESCITA DELL INDIVIDUO FINO ALLA MATURAZIONE BIOLOGICA

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA SETTORE: SERVIZI COMMERCIALI E PROFESSIONALE

RELIGIONE CATTOLICA SETTORE: SERVIZI COMMERCIALI E PROFESSIONALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2013/2014 RELIGIONE CATTOLICA SETTORE: SERVIZI COMMERCIALI E PROFESSIONALE A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO M.V. FILIPPINI

Dettagli

CODICE ETICO RSA Casa San Gaetano

CODICE ETICO RSA Casa San Gaetano CODICE ETICO RSA Casa San Gaetano Opera Don Guanella PREMESSA La Casa San Gaetano di Caidate di Sumirago ha tra i sui servizi un R.S.A. accreditata al SSR la cui attività è finalizzata a realizzare prestazioni

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Istituto Comprensivo Nori de Nobili Trecastelli (AN) PIANO ANNUALE ATTIVITA DI PROMOZIONE ALLA SALUTE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

Istituto Comprensivo Nori de Nobili Trecastelli (AN) PIANO ANNUALE ATTIVITA DI PROMOZIONE ALLA SALUTE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Istituto Comprensivo Nori de Nobili Trecastelli (AN) PIANO ANNUALE ATTIVITA DI PROMOZIONE ALLA SALUTE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Il gruppo di lavoro di Educazione alla Salute dell Istituto Comprensivo Nori

Dettagli

CODICE ETICO dell Università degli Studi di Brescia

CODICE ETICO dell Università degli Studi di Brescia CODICE ETICO dell Università degli Studi di Brescia (approvato dal Senato Accademico nella seduta del 17 maggio 2011) Preambolo 1. L Università degli Studi di Brescia (d ora innanzi Università) consapevole

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

I numeri della felicità

I numeri della felicità I numeri della felicità Donato Speroni Istituto per la Formazione al Giornalismo Università di Urbino Cerchiamo di rispondere a queste domande 1 La felicità si può misurare? 2 La misura della felicità

Dettagli

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion)

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) SCHEDA 1 Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) Prima Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute Ottawa, Canada, 7-21 novembre 1986 II primo Congresso

Dettagli

(Approvata dall'assemblea delle Nazioni Unite il 10 dicembre del 1948)

(Approvata dall'assemblea delle Nazioni Unite il 10 dicembre del 1948) 1 di 8 11/11/2011 10.30 (Approvata dall'assemblea delle Nazioni Unite il 10 dicembre del 1948) Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato e proclamato la Dichiarazione Universale

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

SSAS Scuola superiore di studi avanzati

SSAS Scuola superiore di studi avanzati SSAS Scuola superiore di studi avanzati a.a. 2015/2016 1 Scuola Superiore di Studi Avanzati Ogni Allievo è seguito sia da un tutor che da un relatore specializzato per l approfondimento di un progetto

Dettagli

Religiosità, fondamentalismo e attaccamento nell adulto: un approccio empirico

Religiosità, fondamentalismo e attaccamento nell adulto: un approccio empirico Religiosità, fondamentalismo e attaccamento nell adulto: un approccio empirico Una ricerca su un campione del Nord Italia Salvatore Iovine, Germano Rossi iovine34@interfree.it germano.rossi@unimib.it Dip.

Dettagli

Lettera/Bolletino di Informazione per i genitori

Lettera/Bolletino di Informazione per i genitori ITALIAN/ITALIANO Lettera/Bolletino di Informazione per i genitori Un insieme di 18 brevi articoli su vari argomenti del SACSA, in merito all insegnamento essenziale, le aree di insegnamento, i livelli

Dettagli