La religione è un residuo dell infanzia della nostra intelligenza; si dissolverà man mano che ci lasceremo guidare dalla ragione e dalla scienza (B.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La religione è un residuo dell infanzia della nostra intelligenza; si dissolverà man mano che ci lasceremo guidare dalla ragione e dalla scienza (B."

Transcript

1 La religione è un residuo dell infanzia della nostra intelligenza; si dissolverà man mano che ci lasceremo guidare dalla ragione e dalla scienza (B. Russell). In merito all affermazione che il credere è un esigenza umana, non posso che essere parzialmente d accordo. E la parzialità è dovuta alla constatazione seppure preliminare che il cervello umano ha caratteristiche genetiche / biochimiche che lo inducono necessariamente al soddisfacimento di tutte quelle condizioni fisico-mentali-emozionali che determinano la liberazione di sostanze responsabili della sensazione di appagamento, benessere, felicità. Io definisco tale meccanismo mentale il meccanismo del succhiotto, visto che apparentemente corrisponde abbastanza da vicino all atteggiamento infantile del neonato o poco più, che quando piange disperatamente per uno qualunque degli affari suoi, subito smette di urlare se gli si ficca in bocca un succhiotto, magari intinto nel miele rosato. La mia parzialità è dovuta comunque alla probabilità crescente all estendersi delle conoscenze neurobiologiche e genetiche che in effetti la natura umana converga, per necessità biologica, verso l occlusione mentale del recinto religioso. L ipotesi dell esistenza del gene di dìo (Hamer, 2005), propone infatti che il gene VMAT2 predisponga l essere umano verso le esperienze spirituali, mistiche. La tesi è proposta addirittura dal genetista Hamer, direttore della Gene Structure and Regulation Unit all Istituto Nazionale per il Cancro degli USA, nel suo libro The God Gene: How Faith is Hardwired into our Genes (2005). L ipotesi del gene-dio si basa sulla combinazione di studi genetici, neurobiologici e psicologici. Le argomentazioni principali della tesi di Hamer sono: (1) la spiritualità può essere quantificata mediante misurazioni psicometriche (capacità di auto-trascendenza, secondo Cloninger); (2) la tendenza alla spiritualità è ereditaria; (3) tale ereditarietà può essere attribuita almeno in parte al gene VMAT2; (4) tale gene agisce modificando i livelli delle monoamine cerebrali; (5) gli individui spirituali sono favoriti dalla selezione naturale poiché sono provvisti di un ottimismo innato, che produce effetti positivi a livello sia fisico che mentale. Hamer ha potuto circoscrivere al detto VMAT2, il gene coinvolto più specificamente nella determinazione della spiritualità, analizzando il DNA di oltre un migliaio di individui. Questo gene infatti codifica un trasportatore di monoamine, che svolge un ruolo di regolazione rilevante sul livello cerebrale di serotonina, dopamina e norepinefrina. I trasportatori di monoamine svolgerebbero un ruolo importante

2 nella regolazione delle attività cerebrali associate ai comportamenti mistici. Hamer ipotizza che la tendenza alla spiritualità, al misticismo, renda le persone più ottimiste, ciò che aumenterebbe la probabilità di godere di buona salute. Hamer scrive espressamente:.. In the God gene io propongo che.. noi si abbia una predisposizione genetica alla spiritualità, che si esprime e si dimensiona in risposta a esperienze personali e situazioni culturali. Tali geni, agirebbero influenzando le capacità di tipi e forme differenti di coscienza che stanno alla base dell esperienza spirituale... probabilmente ci sono diversi geni coinvolti, non uno solo... oltre alle influenze ambientali (nurture). Col termine spiritualità, non intendo la credenza in un dìo particolare.. può esserci spiritualità senza credenza in un dìo. Difficile non collegare la base genetica della spiritualità, con la religiosità. Anche Hamer lo fa direttamente, del resto, quando parla di gene-dìo. Inoltre, poiché la tesi di Hamer si basa sull analisi comparativa di più di un migliaio di DNA, è probabile che seppure con estensioni e/o limitazioni il fondamento genetico della tendenza ad essere religiosi, venga confermato scientificamente. E in tal caso, la religiosità perderebbe il carattere di scelta, e diverrebbe una semplice necessità biologica (la necessità di Monod, 1970), come le tantissime pulsioni determinate dalla struttura genica del DNA, che tutti i viventi si portano addosso. Si potrà interloquire con l osservazione che la molteplicità delle religioni (ne sono conosciute attualmente più di _By_Adherents.html) induce di per se stessa a ritenere che l esigenza religiosa sia davvero sentita universalmente e sia quindi una realtà che travalica l esigenza genetica. Io direi invece che tale molteplicità deriva dalla varietà delle culture diversamente primitive che hanno mallevato l immaginazione stimolata dalla necessità genica. Molte culture, hanno semplicemente prodotto molte religioni, così come molte filosofie, diverse realizzazioni artistiche, abitudini di vita, mitologie, ecc. A - Si afferma spesso, che le persone religiose vivono in un maggiore stato di benessere (SWB) nelle Nazioni più religiose, che in quelle meno religiose. Poiché è certamente più razionale basare le argomentazioni sulle risultanze più scientificamente attendibili, per quanto e comunque sempre discutibili e perfezionabili, piuttosto che basarsi su informazioni imprecise e/o con maggiore probabilità viziate da pregiudizi personali, verranno esaminate di seguito in maggiore dettaglio una serie di indici che caratterizzano efficacemente la diversità tra situazioni sociali, etiche e culturali prevalenti nei Paesi a diversa componente atea, laica e religiosa. Secondo un indagine pubblicata meno di tre mesi fa (Gebauer, J., Sedikides, C., 1

3 Neberich, W., 2012, "Religiosity, Social Self-Esteem, and Psychological Adjustment: On the Cross-Cultural Specificity of the Psychological Benefits of Religiosity", Psychological Science, 23 (2), ) condotta su 188 mila adulti in diversi Paesi, le persone religiose non sono necessariamente più felici delle persone che non credono. Le persone religiose sono in condizioni psicologiche più soddisfacenti, quando vivono in comunità religiose. Ma la stessa situazione si verifica per le persone non credenti, che vivono meglio nei Paesi nei quali la religiosità è meno diffusa ed apprezzata. E vero che diverse indagini sembrerebbero stabilire un collegamento tra religiosità e minore morbidità e mortalità. Ma un analisi accurata di 27 degli studi che tenderebbero ad evidenziare una correlazione positiva tra le condizioni generali di salute e la religiosità, portano a concludere che tale relazione non è in realtà dimostrata in misura scientificamente attendibile (J. S. Levin, How religion influences morbidity and health: reflections on natural history, salutogenesis and host resistance, 1996, Social Science & Medicine, 43, (5), ). La religione non porta alla felicità per effetto di influenze super-naturali, bensì per meccanismi psicologici, sociologici indotti / promossi / sostenuti da normali effettori chimico-biologici. La condizione del benessere personale, spesso identificata con il termine felicità, è dovuta in massima parte all estensione e alla qualità delle relazioni sociali dei singoli con la comunità circostante. La religione, e in specie la frequenza alle funzioni religiose che comporta, favorisce lo stabilirsi di rapporti interpersonali ampi e conseguentemente una sensazione di condivisione di intenti, convinzioni, che rassicurano e ingenerano soddisfazione, benessere (Michael Argyle, 2001; The Psychology of Happiness, Routledge, 2001). Ma se la religione rendesse davvero le persone felici, allora perché la quantità di persone religiose diminuisce continuamente? [negli ultimi vent anni la popolazione USA che si è dichiarata non-credente, è più che raddoppiata, raggiungendo il 15% - Scientific American Mind, (2012, 5/6), 59-63]. A tale paradosso pare rispondere la ricerca di Diener e coll. ( The religion paradox: If religion makes people happy, why are so many dropping out?, 2011, J. of Personality and Social Psychology, 101(6), ). Circa il 68% della popolazione terrestre 4.6 miliardi ritiene che la religione sia importante nella quotidianità. Studi precedenti hanno dimostrato che le persone religiose sono mediamente in condizioni soggettive di maggiore benessere [SWB, Subjective Well-Being; il concetto è una destrutturazione della felicità in separati ma correlati effetti positivi gioia ed emozioni positive (soddisfazione) ed effetti negativi ( depressione ed ansia)]. Tuttavia, nelle nazioni più economicamente sviluppate e nelle quali c è ampia libertà religiosa, la gente abbandona sempre più frequentemente la religione. Come mai? Dall analisi comparativa tra quanto 2

4 avviene in USA e in altri Paesi, tale atteggiamento di abbandono della religiosità è risultato comune a tutte le quattro grandi religioni. E in ogni caso, l associazione tra SWB e religiosità è condizionato dall ambiente sociale: l atteggiamento religioso è più diffuso nelle Nazioni e negli Stati USA nei quali le condizioni di vita sono più difficili (fame diffusa e bassa speranza di vita); nelle nazioni e negli Stati nei quali le condizioni dell esistenza sono più soddisfacenti, la religiosità è meno diffusa, e sia le persone religiose che quelle non credenti, sono in condizioni di SWB analoghe. L inchiesta condotta nel 2010 su americani (Diener e coll., citato sopra), rafforza questa situazione: la condizione che soddisfa maggiormente, non è il pensare a dìo, discorrere di dìo o pensare alla sua presenza costante, ma esclusivamente il partecipare alle funzioni religiose; e la soddisfazione è tanto maggiore, quanto più frequentemente si partecipa alle funzioni. Risulta inoltre dalla stessa indagine, che negli Stati USA in cui vi è una diffusa condizione di vita difficile (Mississipi, ad esempio) la gente è più religiosa (88%); mentre negli Stati nei quali le condizioni di vita sono generalmente più soddisfacenti (Vermont, ad es.) la religiosità è minore (44%). Analogamente, un inchiesta Gallup condotta in 154 Paesi, in ognuno dei quali sono stati consultate circa tremila persone, tre quarti degli intervistati hanno affermato che la religione è per loro importante. Ma mentre in Paesi come la Svezia la percentuale dei credenti scende al 16%, sale al 99% in Bangladesh, Egitto, Sri Lanka e Somalia, tutti Paesi a ridotte condizioni generali di benessere e ad elevatissima religiosità (mussulmani). Nei Paesi nei quali le condizioni di vita sono meno soddisfacenti, il conforto della religione tende a migliorarne le condizioni esistenziali. Nei Paesi nei quali le condizioni di vita sono più soddisfacenti, sia i credenti che i non credenti, affermano di essere ad un livello soddisfacente di benessere. E ciò vale sia per i paesi in cui prevale il cristianesimo, il buddismo, l induismo o l islam. Insomma, il livello di benessere (SWB) è connesso strettamente al livello di benessere generale della società in cui si vive, ed al tipo di società prevalente (per gli uni, la religiosità, per gli altri, l ateismo) della gente in mezzo alla quale ci si trova (S. Upson, 2012, Scientific American Mind, 5/6, 59-63). B - I non-credenti sono tra 500 e 750 milioni (P. Zuckerman, Atheism, Secularity, and Well-Being: How the Findings of Social Science Counter Negative Stereotypes and Assumptions, 2009, Sociology Compass 3/6, ). L ATEISMO e la laicità sono ai minimi livelli nel mondo Arabo (Eller, 2009), che è il meno civilmente evoluto del pianeta. La sola nazione con livello significativo di laicità nel Medio Oriente è Israele; il 37 percento degli israeliani è ateo (non crede all esistenza di dìo) o agnostico (Kedem, 1995) e il 75 3

5 percento degli israeliani si auto-qualifica non-religioso o comunque privo di qualsiasi orientamento religioso. Un indagine della BBC del 2004 ha rilevato che il 30 percento dei Sud-coreani non credono in dìo, mentre Eungi (2003) riferiva che è il 52 percento che non credono in dìo. Il Giappone è una delle nazioni meno religiose del pianeta (Schneider and Silverman, 2010): il 65 percento della gente non è credente (Norris and Inglehart, 2004; Demerath, 2001). Ateismo e laicità sono particolarmente diffusi in Europa (Bruce, 2002; Brown, 2001; Hayes, 2000; Zuckerman, 2008; Grotenhuis and Scheepers, 2001; Gil et al., 1998; Shand, 1998). Ronald Inglehart et al. (2004) dicono che il 61 percento dei Cechi, il 49 percento degli Estoni, il 45 percento degli Sloveni, il 34 percento dei Bulgari, e il 31 percento dei Norvegesi non crede in dìo. Secondo il Rapporto dell Eurobarometer (2005) il 33 percento dei Francesi, il 27 percento degli Olandesi, il 27 percent of Belgi, il 25 percento dei Tedeschi, e il 20 percento degli Inglesi NON credono in dìo e in nessun altro grande spirito. Solo il 51 percento dei Danesi e il 26 percento degli Svedesi crede in un dìo personale (Bondeson, 2003) e circa la metà degli Svedesi tutti sono decisamente laici (Ahlin 2005). Sempre l indagine della BBC del 2004 ha rilevato che il 24 percento dei Russi non crede in dìo (Inglehart et al., 2004, riferiscono che è il 30 percento dei Russi ad essere ateo). Quanto al Nord America, il 28 percento dei Canadesi sono laicisti (Guth and Fraser, 2001), e il percento non credenti (Bibby, 2002; Altemeyer, 2009). Negli Stati Uniti, l ateismo e la laicità sono aumentate negli ultimi decenni (Kosmin and Keysar, 2009; Paul, 2009; Phillips, 2007; Gallup Poll, 2005a; Hout and Fischer, 2002; Condran and Tamney, 1985). Kosmin and Keysar (2009) riferiscono che circa il 12 percento degli statunitensi è ateo o agnostico, il 15 percento degli Americani sceglie per nessuna quando si chiede loro a che religione appartengano e il 16 percento si definisce laico. La Pew Forum Religious Landscape Survey del 2007 indica che il 5 percento degli Americani non crede in dìo, mentre il 16 percento preferisce definirsi non affiliato a nessun credo. Un indagine del 2005 (Baylor Religion Survey) indica che il 4.6 percento degli Americani non crede in nulla che non faccia parte del mondo fisico, il 14.3 percento non crede in dìo, ma in qualcosa di simile ad una forza cosmica indefinita; il 2.8 percento non ha opinioni in merito. Sherkat (2008) riferisce che il 6.5 percento degli Americani è ateo o agnostico; l indagine di Barna del 2007 indica che il 9 percento degli Americani è ateo o agnostico; l indagine di Harris Poll del 2008, indica che il 19 percento degli Americani è ateo o agnostico; questa sarebbe la percentuale più elevata riferita fino ad ora nelle indagini sulla popolazione Americana; quindi tra agnostici, laici e atei, gli americani ammonterebbero ad un valore compreso tra 10 milioni e 47 milioni. 4

6 C - L ateismo, l agnosticismo e la laicità sono tanto più frequenti quanto più è elevato il livello scolastico delle persone (Baker, 2008; Sherkat, 2008, 2003; Johnson, 1997; Argyle and Beit-Hallahmi, 1975). L abilità matematica e l istruzione scientifica è molto più diffusa nei paesi a maggiore laicità (Lynn, 2001; UNICEF, 2002). Alcuni scienziati ritengono che scienza e religione riguardino legittimamente campi differenti del sapere; altri, ritengono che la scienza sia l unico strumento d indagine delle cose nell universo. Da un indagine condotta dalla Pew Research Center for the People & the Press, è risultato che i membri dell Associazione Americana per l Avanzamento della Scienza (AAAS) sono molto meno religiosi della gente in generale; circa il 51% crede in una qualche forma di divinità (33% credono in dìo, mentre il 18% crede in qualcosa di simile ad uno spirito o potere universale); il 41% degli scienziati ha affermato di non credere in un dìo o una potenza superiore. Laron & Witham (1997, 1998) hanno riscontrato che nei membri dell Accademia nazionale delle Scienze degli USA, solo il 7 percento dichiara di credere in un dìo personale e solo l 8 percento crede all immortalità; Ecklund & Scheitle (2007) riferiscono che i professori delle maggiori Università americane sono molto più frequentemente atei di quanto non sia la popolazione in generale. Nel 1914 lo psicologo svizzeroamericano James Leuba, interrogò un migliaio di scienziati americani sulla questione di dìo. Leuba rilevò che la comunità scientifica era divisa praticamente in parti uguali tra chi credeva in dìo e chi no. Più di 80 anni dopo, Edward Larson, uno storico della scienza all Università della Georgia, ripeté parii pari la stessa inchiesta. Con generale sorpresa, l indagine del 1966 ottenne gli stessi risultati (40% di credenti e 45% di non credenti) (Larson, E.J. and L. Witham, 1998, Leading Scientists Sill Reject God. Nature 394: 313). Nella comunità scientifica, sono più i protestanti (21%) dei cattolici (10%); nella popolazione in generale, vi sono all incirca il 51% di protestanti e il 24% di cattolici. Del 42 percento degli Americani che si definiscono non-religiosi, il 32 percento è ateo e il 42 percento degli agnostici sono laureati/diplomati (Kosmin, 2008; Keysar, 2007). L aver frequentato un College o una scuola superiore o comunque l avere un orientamento culturale sono indici significativi della probabilità di abbandonare la religione in una fase successiva della vita (Beit- Hallahmi, 2007; Altemeyer, 2009; Hayes, 2000, 1995a; Sherkat and Ellison, 1991; McAllister, 1998; Altemeyer and Hunsberger, 1997; Hadaway and Roof, 1988). Per quanto concerne la connessione tra livello educativo intellettuale e laicità, studi recenti mostrano che le persone laiche ottengono valutazioni molto superiori nell abilità e nella sofisticazione verbale a quelle delle persone religiose (Sherkat 2006), e conseguono indici di profitto scientifico molto superiori a quelli della gente religiosa (Sherkat, 2009). 5

7 D - C è la tendenza a ritenere che chi non crede in dìo non creda in nulla; ed anche che la persona senza religione non sia portatrice di valori morali o di nessun genere. Tale assunzione è del tutto priva di verità. Numerosi studi hanno rilevato che gli atei e in generale i laici sono portatori di forti valori morali e sociali. E soprattutto, se paragoniamo i valori etico/morali e sociali di atei e laici rispetto a quelli delle persone religiose, si scopre che gli atei sono meno nazionalisti, hanno meno pregiudizi, sono meno anti-semiti, meno razzisti, meno dogmatici, meno etnocentrici, con minori chiusure mentali e meno autoritari (Greeley and Hout, 2006; Sider, 2005; Altemeyer, 2003, 2009; Jackson and Hunsberger, 1999; Wulff, 1991; Altemeyer and Hunsberger, 1992, 1997; Beit-Hallahmi, 2007; Beit-Hallahmi and Argyle, 1997; Batson et al., 1993; Argyle, 2000). Gli atei e i laici sono generalmente più favorevoli all uguaglianza dei sessi e ai diritti delle donne, (Hayes, 1995) e comunque molto più delle persone religiose. Al confronto con le persone religiose, quelle atee o laiche sono molto più tolleranti verso l omosessualità, i diritti dei gay e il matrimonio omosessuale (Sherkat et al., 2007; Burdette et al., 2005; Lewis, 2003; Loftus, 2001; Roof and McKinney, 1987); sono molto meno omofobici, e sono privi di tendenze antiomosessuali (Altemeyer, 2009; Rowatt et al., 2006; Schulte and Battle, 2004; Aubyn et al., 1999; VanderStoep and Green, 1988; Kunkel and Temple, 1992). Harris & Poll (2004) hanno riscontrato che l 84 percento degli Americani non religiosi sostiene le ricerche sulle cellule staminali, mentre solo il 55 percento delle persone molto religiose condividono questo atteggiamento. Come ha riscontrato Lynn Nelson (1988), le persone non-religiose hanno un senso della giustizia sociale più spiccato di quelle che vanno a messa la domenica. Le Nazioni nelle quali le libertà politiche e civili sono più rispettate, sono quelle a maggiore secolarizzazione (Nationmaster, 2009). E La popolazione carceraria è costituita più frequentemente da atei / agnostici, o religiosi? Se la religione, la preghiera o la credenza in dìo impedissero i comportamenti criminali, mentre laicismo e ateismo favorissero l illegalità, ci si dovrebbe attendere che le nazioni più religiose avessero meno assassinii e quelle meno religiose ne avessero di più. Al contrario, la frequenza di omicidi è inferiore nelle nazioni più laiche, mentre è più elevata in quelle più religiose, nelle quali la credenza in dio è più diffusa e radicata (Jensen, 2006; Paul, 2005; Fajnzylber et al., 2002; Fox and Levin, 2000). Le prigioni americane non sono affatto ripiene di atei; ma al contrario (Golumbaski, 1997), solo lo 0.2 percento dei prigionieri negli USA sono atei, e sono il gruppo sociale meno rappresentato. Tra gli Stati Americani, quelli con un maggior numero di omicidi 6

8 sono tendenzialmente più religiosi come la Luisiana e l Alabama mentre sono meno numerosi / frequenti negli Stati meno religiosi come il Vermont e l Oregon (Ellison et al., 2003; Death Penalty Information Center, 2008). Inoltre, pur con le inevitabili eccezioni, la frequenza dei crimini più violenti tende ad essere minore negli Stati meno religiosi e superiore in quelli più religiosi (United States Census Bureau, 2006). Infine, delle 50 città meno pericolose del mondo, quasi tutte sono in Paesi poco religiosi; e delle otto città degli States meno pericolose, quasi tutte sono negli Stati con minore diffusione della religiosità (Mercer Survey, 2008). Nelle democrazie più laiche al mondo, il livello di benessere e felicità è più elevato (Kamenev, 2006) e la frequenza di crimini e omicidi è tra le meno elevate (Paul, 2005). In più, stando al recente United Nations World Development Report, si apprende che quanto all aspettativa di vita, la mortalità infantile, l eguaglianza economica, la competitività economica, le condizioni di salute, lo standard di vita, l educazione, la cultura, sono le democrazie meno religiose a prevalere in quantità e qualità, rispetto a quelle più religiose (Zuckerman, 2008; Norris and Inglehart, 2004; Bruce, 2003). Si consideri l eguaglianza dei sessi e i diritti delle donne: sono molto più rispettati e tutelati nei Paesi a maggiore diffusione della laicità (Ingelhart et al., 2003; Inglehart and Norris, 2003). Un rapporto recente dell UNICEF (2007) indica che nelle nazioni meno religiose del pianeta come l Olanda e la Svezia - le condizioni generali e il benessere dell infanzia è il più elevato. I dieci Paesi nei quali le condizioni della maternità sono più soddisfacenti, sono tutti a maggiore laicità; quelli nei quali lo sono meno, sono tutti a maggiore religiosità (Save the Children, 2008). I Paesi nei quali la corruzione è meno diffusa, sono quelli a maggiore laicità (Beit-Hallahmi, 2009). I livelli di intolleranza raziale e delle minoranze etniche sono meno elevati nei paesi meno religiosi e più elevati in quelli più religiosi (Gallup Poll, 2009). Per quanto attiene ai suicidi, sono meno frequenti negli Stati Americani nei quali la religiosità delle comunità è maggiore (Comstock and Partridge, 1972; Stack and Wasserman, 1992; Martin, 1984). Delle dieci Nazioni nelle quali la frequenza dei suicidi è maggiore, la maggior parte è relativamente a prevalenza laica (World Health Organization, 2003). Da notare però, che otto di questi dieci sono Paesi ex-sovietici, e quindi con caratteristiche socio-economico-culturali molto particolari, e devianti la norma occidentale. Allo stesso modo, le Nazioni governate da dittature come il Cile di Pinochet, Haiti con Duvalier, la Spagna con Franco, o l attuale Iran sono particolarmente deficienti in relazione al rispetto dei diritti civili e umani (un Paese civile ritiene che.. l indipendenza 7

9 dell individuo è di diritto, assoluta. Su se stesso, sul proprio corpo e sulla propria mente, l individuo è sovrano., J.S. Mills, 1869). F - In accordo con il Legatum Prosperity Index (2009), le nazioni più laiche sono molto più prospere di quelle più religiose. Secondo l Economist s Quality of Life Index (2005), che prende in considerazione diversi indicatori di benessere soggettivo (SWB), come determinanti della qualità della vita, le migliori nazioni al mondo sono di gran lunga quelle più secolarizzate, mentre quelle a maggiore religiosità sono tra le peggiori. Gli Stati degli Usa con la maggiore povertà sono tra i più religiosi, come Mississippi e Tennessee; mentre quelli meno poveri sono quelli a maggiore diffusione della laicità, come il New Hampshire e le Hawaii (United States Census Bureau, 2008). Gli Stati a maggiore diffusione dell obesità sono quelli più religiosi (Calorielab.com, 2008). Sono gli Stati più religiosi, quelli nei quali la mortalità infantile tende ad essere più elevata della media nazionale. Mentre è in quelli meno religiosi che è tendenzialmente meno elevata (United States Census Bureau, 2005). E negli Stati più religiosi che la diffusione delle malattie sessuali è più elevata (Sexually Transmitted Disease Surveillance, 2007), così come la gravidanza giovanile (Guttmacher Institute, 2006). Nell America del Bible Belt l educazione scolastica superiore è la meno diffusa tra gli adulti, mentre le più elevate percentuali di adulti con istruzione superiore si riscontrano negli Stati più secolarizzati (United States Census Bureau, 2007). Con molta evidenza si può sostenere dunque che la preponderanza della fede religiosa in una popolazione non è necessariamente benefica; così come la densità di atei e laici non è necessariamente deleteria. La correlazione tra le diverse situazioni socio-culturali, non comporta necessariamente un rapporto di causa<>effetto, come ben noto. Ma mentre l ateismo e la laicità non determinano una diminuzione del benessere generale delle popolazioni, si deve necessariamente rilevare che diversi parametri socio-culturali negativi, deteriori, sono apparentemente associati alla religiosità. Allo stesso tempo, è evidente che ad una maggiore diffusione dell ateismo e della laicità, corrispondono in generale un maggiore livello di istruzione, minori livelli di pregiudizio, etnocentrismo, razzismo, omofobia, maggiore sostegno all eguaglianza dei sessi, ecc. Pur con l importante eccezione della frequenza di suicidi, i Paesi con la più elevata diffusione della laicità sono socialmente più avanzati. Insomma, pare proprio che la religiosità ostacoli lo sviluppo culturale e civile della società. 8

10 (vency) 9

LICEO SCIENTIFICO ENRICO FERMI - NUORO INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA. PROGRAMMI SVOLTI classe prima D A.S. 2010/2011

LICEO SCIENTIFICO ENRICO FERMI - NUORO INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA. PROGRAMMI SVOLTI classe prima D A.S. 2010/2011 classe prima D INTERROGATIVI ESISTENZIALI E RISPOSTE DATE NEL CORSO DELLA STORIA - l uomo e le sue domande - fattori che ritardano le risposte alle domande di senso nell adolescenza - senso della vita

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Appartenenza religiosa e relativismo etico?

Appartenenza religiosa e relativismo etico? I RISULTATI DELLA SECONDA RICERCA EURISKO SULLA RELIGIOSITA DEGLI ITALIANI, COMMISSIONATA DALLA TAVOLA VALDESE: RAPPORTO TRA SPIRITUALITA, PRATICA RELIGIOSA, OPINIONI E SCELTE ETICHE Appartenenza religiosa

Dettagli

Executive Summary. Metodologia EMC PRIVACY INDEX EXECUTIVE SUMMARY

Executive Summary. Metodologia EMC PRIVACY INDEX EXECUTIVE SUMMARY Privacy vs Vantaggi Executive Summary Le ultime notizie sulla privacy in Internet stanno alimentando il dibattito su fino a che punto la pubblica amministrazione e le aziende possano avere accesso ad attività

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

INTERVENTI COME: L ABORTO SELETTIVO LA FECONDAZIONE ARTIFICIALE LA MANIPOLAZIONE DELLE CELLULE STAMINALI L ACCANIMENTO TERAPEUTICO GLI OGM. SONO ETICAMENTE LECITI Il termine deriva da bìos (vita) ed éthos

Dettagli

CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI

CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

PROGRAMMAZIONE I.R.C. PREMESSA

PROGRAMMAZIONE I.R.C. PREMESSA PROGRAMMAZIONE I.R.C. PREMESSA L IRC fa sì che gli alunni riflettano e si interroghino sul senso della loro esperienza per elaborare ed esprimere un progetto di vita, che si integri nel mondo reale in

Dettagli

La bioetica tra fede e ragione

La bioetica tra fede e ragione La bioetica tra fede e ragione PROF. ANDREA PORCARELLI D o c e n t e d i P e d a g o g i a g e n e r a l e e s o c i a l e a l l U n i v e r s i t à d i P a d o v a D o c e n t e d i E t i c a g e n e

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

SALUTE, MALATTIA E MORTE IN OTTICA INTERCULTURALE

SALUTE, MALATTIA E MORTE IN OTTICA INTERCULTURALE 1 SALUTE, MALATTIA E MORTE IN OTTICA INTERCULTURALE Varese, 22 novembre 2013 Obiettivi 2 Approfondire i concetti di salute, malattia e morte nelle loro peculiarità culturali Favorire il dialogo interculturale

Dettagli

Con Don Bosco educatori dei giovani nel nostro tempo

Con Don Bosco educatori dei giovani nel nostro tempo Convegno Internazionale di Pedagogia Salesiana Roma 19-21 marzo 2015 Con Don Bosco educatori dei giovani nel nostro tempo SEDE DEL CONVEGNO: Salesianum (via della Pisana), UPS (Università Pontificia Salesiana)

Dettagli

CODICE ETICO RSA Casa San Gaetano

CODICE ETICO RSA Casa San Gaetano CODICE ETICO RSA Casa San Gaetano Opera Don Guanella PREMESSA La Casa San Gaetano di Caidate di Sumirago ha tra i sui servizi un R.S.A. accreditata al SSR la cui attività è finalizzata a realizzare prestazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI)

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Finalità della disciplina ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Linee progettuali disciplinari a.s. 2014/2015 classi prime IRC (= Insegnamento della religione cattolica)

Dettagli

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio I parte

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio I parte CORSO DI FORMAZIONE A.S.L. TO4 Comunicazione e prevenzione: strategie efficaci per trasmettere messaggi di salute rivolti a target diversi di popolazione Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello

Dettagli

I giovani di fronte al futuro e alla vita, con e senza fede. Un indagine di Istituto IARD rps per Passio 2010

I giovani di fronte al futuro e alla vita, con e senza fede. Un indagine di Istituto IARD rps per Passio 2010 I giovani di fronte al futuro e alla vita, con e senza fede Un indagine di Istituto IARD rps per Passio 2010 Il progetto Passio 2010 e i giovani All interno del progetto Passio 2010 è stata predisposta

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA SETTORE: SERVIZI COMMERCIALI E PROFESSIONALE

RELIGIONE CATTOLICA SETTORE: SERVIZI COMMERCIALI E PROFESSIONALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2013/2014 RELIGIONE CATTOLICA SETTORE: SERVIZI COMMERCIALI E PROFESSIONALE A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO M.V. FILIPPINI

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

La buona scuola, musica e scuola dell infanzia

La buona scuola, musica e scuola dell infanzia AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA VII COMMISSIONE (Istruzione) SULL AFFARE ASSEGNATO SCUOLA Mercoledì 19 Novembre 2014 Documento a cura di Cecilia Pizzorno, Coordinamento Nazionale Nati per la Musica

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

CELLULE STAMINALI E FECONDAZIONE ASSISTITA: COME LA PENSANO GLI ITALIANI?

CELLULE STAMINALI E FECONDAZIONE ASSISTITA: COME LA PENSANO GLI ITALIANI? CELLULE STAMINALI E FECONDAZIONE ASSISTITA: COME LA PENSANO GLI ITALIANI? Primo appuntamento con l di Observa -Science in Society e tuttoscienzetecnologia - La Stampa di Massimiano Bucchi e Federico Neresini

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

Le città e la popolazione

Le città e la popolazione Alexander, Thompson, Sociologia, Il Mulino, 2010 Le città e la popolazione 1 Urbanizzazione Il processo storico-sociale con cui le cittàsono cresciute di dimensioni e sono diventate il centro/riferimento

Dettagli

I media. Sport, media e genere.

I media. Sport, media e genere. INTRODUZIONE Nell anno 2012/2013 la nostra scuola, il Liceo Marconi di Foggia, ci ha offerto la possibilità di partecipare ad un corso formativo al fine di ampliare la nostra conoscenza su quello che è

Dettagli

Religiosità, fondamentalismo e attaccamento nell adulto: un approccio empirico

Religiosità, fondamentalismo e attaccamento nell adulto: un approccio empirico Religiosità, fondamentalismo e attaccamento nell adulto: un approccio empirico Una ricerca su un campione del Nord Italia Salvatore Iovine, Germano Rossi iovine34@interfree.it germano.rossi@unimib.it Dip.

Dettagli

L INTEGRAZIONE TRA PSICOLOGIA E FILOSOFIA. Intervista con il professor Michael Pakaluk

L INTEGRAZIONE TRA PSICOLOGIA E FILOSOFIA. Intervista con il professor Michael Pakaluk L INTEGRAZIONE TRA PSICOLOGIA E FILOSOFIA Intervista con il professor Michael Pakaluk di Genevieve Pollock In un istituto fondato solo qualche decennio fa, gli studiosi stanno cercando di porre rimedio

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO L entrata alla scuola dell infanzia rappresenta per il bambino una tappa fondamentale di crescita. La scuola è il luogo dove il bambino prende coscienza della sua abilità

Dettagli

LA PROFESSIONE DEL CRISTIAN COACHING

LA PROFESSIONE DEL CRISTIAN COACHING LA PROFESSIONE DEL CRISTIAN COACHING Cos è che rende Cristiano il Coaching? Sebbene la crescita spirituale non sia il "fine ultimo" del Coaching, il coach non ha paura di affrontare problemi e questioni

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento PROGETTO EDUCATIVO 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento Nella Scuola dell Infanzia Stella Mattutina l azione educativa mira al raggiungimento delle

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2128

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2128 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2128 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori PERDUCA e PORETTI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 22 APRILE 2010 Norme contro le discriminazioni fondate sull orientamento

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Lettera/Bolletino di Informazione per i genitori

Lettera/Bolletino di Informazione per i genitori ITALIAN/ITALIANO Lettera/Bolletino di Informazione per i genitori Un insieme di 18 brevi articoli su vari argomenti del SACSA, in merito all insegnamento essenziale, le aree di insegnamento, i livelli

Dettagli

CARATTERISTICHE POSITIVE E VALORI NEI BAMBINI PICCOLI

CARATTERISTICHE POSITIVE E VALORI NEI BAMBINI PICCOLI CARATTERISTICHE POSITIVE E VALORI NEI BAMBINI PICCOLI... E COME PROMUOVERLI Parenting, Emotion Regulation, and Attachment 18 October 2007 Marc H. Bornstein National Institute of Child Health and Human

Dettagli

La Biodanza. Musica, movimento, comunicazione espressiva per lo sviluppo armonico della persona. Sistema Rolando Toro

La Biodanza. Musica, movimento, comunicazione espressiva per lo sviluppo armonico della persona. Sistema Rolando Toro La Biodanza Sistema Rolando Toro Il metodo esperienziale del prof. Rolando Toro sugli effetti congiunti della musica, del movimento e delle emozioni. Per il benessere e la qualità della vita. Musica, movimento,

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E CONOSCENZA

SVILUPPO LOCALE E CONOSCENZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE DIPARTIMENTO DI TECNOLOGIE DELL ARCHITETTURA E DESIGN PIER LUIGI SPADOLINI SVILUPPO LOCALE E CONOSCENZA Il ruolo del Knowledge Management BENEDETTA BIONDI La conoscenza

Dettagli

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ PERIODO TEMATICA DALLA CARTA DELLA TERRA 1 q. ED. ALIMENTARE Sviluppo di una coscienza alimentare. Conoscere e riconoscere i sapori. Apprezzare

Dettagli

Crisi economica e suicidi in italia

Crisi economica e suicidi in italia a cura del dottor Roberto ciavoni Sociologo Crisi economica e suicidi in italia Crisi e suicidio nel mondo del lavoro Parlarne senza Tabù è la prima forma Di Prevenzione Crisi economica e suicidi in italia

Dettagli

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione PREMESSA La rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione Bhalobasa. Nel perseguire questo nucleo di valori, la Carta individua le responsabilità e ispira i comportamenti

Dettagli

Piattaforma d azione Verso l abbandono della escissione/mutilazione genitale femminile (E/MGF)

Piattaforma d azione Verso l abbandono della escissione/mutilazione genitale femminile (E/MGF) Piattaforma d azione Verso l abbandono della escissione/mutilazione genitale femminile (E/MGF) Una questione di parità di genere Il Gruppo di lavoro dei donatori sulla E/MGF Lavorare insieme > Portare

Dettagli

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE Guiducci Martina, insegnante Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni XXIII, Castellarano (RE) Il Progetto Tutoring, attivo nella

Dettagli

Introduzione alla sociologia

Introduzione alla sociologia Introduzione alla sociologia Le persone e il sociale La sociologia studia il rapporto di influenza reciproco che lega le persone alle strutture e ai processi sociali, i quali possono essere associati a

Dettagli

Testo redatto dalla Commissione ad hoc ex DD.RR. di nomina 477 e 524 /2011 CODICE ETICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE

Testo redatto dalla Commissione ad hoc ex DD.RR. di nomina 477 e 524 /2011 CODICE ETICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE Testo redatto dalla Commissione ad hoc ex DD.RR. di nomina 477 e 524 /2011 CODICE ETICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE in attuazione della Legge 240/2010, art. 2, comma 4 Preambolo 1. Correttezza

Dettagli

I numeri della felicità

I numeri della felicità I numeri della felicità Donato Speroni Istituto per la Formazione al Giornalismo Università di Urbino Cerchiamo di rispondere a queste domande 1 La felicità si può misurare? 2 La misura della felicità

Dettagli

Progetto Educativo per la Scuola dell'infanzia Istituto Spirito Santo

Progetto Educativo per la Scuola dell'infanzia Istituto Spirito Santo Progetto Educativo per la Scuola dell'infanzia Istituto Spirito Santo P R E M E S S A Il progetto educativo esprime "l identità della scuola", ne precisa gli obiettivi e li traduce in termini operativi

Dettagli

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA Presso la Business Community e presso la popolazione di Brasile Ricerca di mercato condotta da: GPF&A e Ispo Ltd Per conto di: Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento per le Politiche di Sviluppo

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 257-348 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale L onda lunga della comunicazione sulla salute Il boom dell informazione sanitaria

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

UN CASO STUDIO: LA METODOLOGIA EDUCATIVA DI COOPI IN REPUBBLICA CENTRAFRICANA

UN CASO STUDIO: LA METODOLOGIA EDUCATIVA DI COOPI IN REPUBBLICA CENTRAFRICANA UN CASO STUDIO: LA METODOLOGIA EDUCATIVA DI COOPI IN REPUBBLICA CENTRAFRICANA Giugno 2007 Ufficio Programmi Internazionali A cura di Ennio Miccoli Gisella Sartori Anna Sambo Silvia Favaron COOPI è un organizzazione

Dettagli

Carta dei valori della cittadinanza e dell'integrazione

Carta dei valori della cittadinanza e dell'integrazione Carta dei valori della cittadinanza e dell'integrazione Edizione plurilingue a cura di Studio immigrazione sas Distribuita da ImmigrazioneOggi/videoweb in maggio 2007 1 PRESENTAZIONE La Carta dei valori

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

DICHIARAZIONE RIGUARDANTE GLI SCOPI E GLI OBBIETTIVI DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO

DICHIARAZIONE RIGUARDANTE GLI SCOPI E GLI OBBIETTIVI DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DICHIARAZIONE RIGUARDANTE GLI SCOPI E GLI OBBIETTIVI DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ventiseiesima Sessione Filadelfia, 10 maggio

Dettagli

DEVIANZA E CRIMINALITA

DEVIANZA E CRIMINALITA DEVIANZA E CRIMINALITA obiettivi di apprendimento 2 Norme e sanzioni Il concetto di devianza Subculture devianti le teorie sulla devianza Teoria biologica Lombroso Sheldon Teorie funzionaliste Durkheim

Dettagli

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Obiettivi di apprendimento Sono sempre di più le aziende interessate ad approfondire la conoscenza degli strumenti di collaborazione per migliorare la propria

Dettagli

LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA

LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA Credo che sia molto importante parlare di formazione degli insegnanti in generale ed in particolare credo che sia importante fare un confronto tra la nostra situazione

Dettagli

Scheda didattica LA BANCA MONDIALE

Scheda didattica LA BANCA MONDIALE Scheda didattica LA BANCA MONDIALE La Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo, conosciuta anche come Banca Mondiale (World Bank), è un istituzione che si occupa di dare assistenza ai Paesi

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

I RISULTATI DELLE RICERCHE BOCCONI E XING PER ASSOLOMBARDA

I RISULTATI DELLE RICERCHE BOCCONI E XING PER ASSOLOMBARDA I RISULTATI DELLE RICERCHE BOCCONI E XING PER ASSOLOMBARDA Introduzione Milano capitale del lavoro, dell economia e della tecnologia innovativa è una metropoli che sa attrarre e integrare intelligenze,

Dettagli

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute Adelaide (Australia), 5-9 aprile 1988 Conferenza Internazionale Le Raccomandazioni di Adelaide The Adelaide Recommendations 2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute L adozione della Dichiarazione

Dettagli

Un cervello, due lingue: vantaggi linguistici e cognitivi del bilinguismo infantile Antonella Sorace Università di Edimburgo

Un cervello, due lingue: vantaggi linguistici e cognitivi del bilinguismo infantile Antonella Sorace Università di Edimburgo Un cervello, due lingue: vantaggi linguistici e cognitivi del bilinguismo infantile Antonella Sorace Università di Edimburgo Il mantenimento della diversità linguistica, in Italia e nel resto dell Europa,

Dettagli

L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011

L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011 L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011 MARKETING SOCIALE Il Marketing Sociale è l'utilizzo delle strategie e delle tecniche del marketing per influenzare un gruppo target ad accettare, modificare o abbandonare

Dettagli

Pagina 1 di 6 Consumer Fraud Report Educazione truffe Relazioni sulle le ultime Frodi, truffe, Lotterie falsi, spam e dei falsi allarmi Truffe Istruzione: Diploma Mills e Lauree frodi Truffe veloci di

Dettagli

The New Leadership Paradigm

The New Leadership Paradigm Leadership del XXI secolo The New Leadership Paradigm Richard Barrett A cura di Luigi Spiga I 7 stati di coscienza della leadership Servizio Fare la differenza Trasformazione Stima di se stessi Relazione

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA

IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA *********** 1. Premessa sulla sociologia dei media. Si dice comunemente che viviamo in una società della informazione. Una

Dettagli

ARCI: "I DOCUFILM ZEITGEIST AIUTANO A PORSI DOMANDE" Scritto da Marzia Mirizzi Giovedì 06 Ottobre 2011 06:48

ARCI: I DOCUFILM ZEITGEIST AIUTANO A PORSI DOMANDE Scritto da Marzia Mirizzi Giovedì 06 Ottobre 2011 06:48 Dopo Zeitgeist The Movie e Zeitgeist Addendum, proiettati presso la sede del Circolo Arci rispettivamente l 11 settembre e il 18 settembre scorsi ( ZEITGEIST SVELA LE VICENDE OSCURATE DEL MONDO ), Marica

Dettagli

CHE COSA SI INTENDE PER PROCREAZIONE ASSISTITA?

CHE COSA SI INTENDE PER PROCREAZIONE ASSISTITA? CHE COSA SI INTENDE PER PROCREAZIONE ASSISTITA? Oggi la scienza può interferire coi processi riproduttivi, e modificarli in vitro al di fuori delle loro modalità naturali. Preliminarmente dobbiamo allora

Dettagli

Cos e EDV Global Foundation?

Cos e EDV Global Foundation? Cos e EDV Global Foundation? EDV Global Foundation si propone di diventare un organizzazione leader a livello mondiale nel contrasto e nello sforzo finalizzato all eliminazione della violenza domestica.

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Misure e ruolo della felicità nel benessere degli individui

Misure e ruolo della felicità nel benessere degli individui - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Misure e ruolo della felicità nel benessere degli individui Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di Scienze

Dettagli

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni SOMMARIO ESECUTIVO Negli ultimi cinque anni, l economia dell energia pulita è emersa in tutto il mondo come una nuova, grande opportunità per gli

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato PREMESSA Anche quest anno la programmazione risulterà aderente ai

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt

Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt Reed Hundt è responsabile dell iniziativa IDEA (International Digital Economy Accords) promossa dall Aspen Institute ed ex presidente della Commissione

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

Differenze di genere e Assertività

Differenze di genere e Assertività Differenze di genere e Assertività 24 gennaio 2015, Portogruaro Maura Di Mauro Differenze di Genere e Assertività 2 Differenze di Genere e Assertività 3 Genere, o sesso? Differenze sessuali = differenze

Dettagli

LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA

LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA Martedì 7 giugno 2005, dalle ore 15 alle ore 20, si è svolto il 3 convegno alla Camera dei Deputati dell Associazione Nazionale ConVoglio Valori (per il 1

Dettagli

-Ma come la Scuola dell Infanzia si inserisce in un discorso così complesso dalle varie sfaccettature pedagogiche, sociali, politiche?...

-Ma come la Scuola dell Infanzia si inserisce in un discorso così complesso dalle varie sfaccettature pedagogiche, sociali, politiche?... RELAZIONE : Ispettrice LUCILLA D ANTONIO. LA PRECOCITA DELL INTERVENTO A PARTIRE DALLA SCUOLA DELL INFANZIA. L attività educativa nei confronti dei bambini in difficoltà è talmente articolata che affrontarla

Dettagli

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio CORSO DI FORMAZIONE A.S.L. TO4 Comunicazione e prevenzione: strategie efficaci per trasmettere messaggi di salute rivolti a target diversi di popolazione Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello

Dettagli

PIL. (trilioni di $ a parità di potere d acquisto) Fonte: Fmi

PIL. (trilioni di $ a parità di potere d acquisto) Fonte: Fmi Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9//22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA RELIGIONE CATTOLICA L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici il valore della cultura religiosa e il contributo che i principi del cattolicesimo

Dettagli

Che cosa è richiesto per una vera libertà di educazione Sintesi e passi della relazione di Charles L. Glenn A cura di Rosario Mazzeo

Che cosa è richiesto per una vera libertà di educazione Sintesi e passi della relazione di Charles L. Glenn A cura di Rosario Mazzeo Sabato 12 ottobre 2013 Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano Convention Diesse, Bologna Convegno promosso dalle Associazioni Diesse, Cdo Opere Educative, Il Rischio Educativo Che cosa è richiesto

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

Competenze chiave per l apprendimento permanente

Competenze chiave per l apprendimento permanente per l apprendimento permanente Un quadro di riferimento europeo * Contesto ed obiettivi Che cosa c è di nuovo nei piani di studio Dato che la globalizzazione europea continua a porre l Unione europea di

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.Galilei www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE : 5 anni SCUOLA INFANZIA Consapevolezza ed espressione culturale / imparare a imparare.

Dettagli

LA RICERCA DEL GIOCO

LA RICERCA DEL GIOCO Torna alla Ricerca completa LA RICERCA DEL GIOCO (Sintesi) Ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo problematico tra la popolazione giovanile di Reggio Emilia La storia del gioco d azzardo è strettamente

Dettagli

SCHEDA DIPARTIMENTI DISCIPLINARI

SCHEDA DIPARTIMENTI DISCIPLINARI ISTITUTO SUPERIORE E D ARTE BRUNO MUNARI DI ACERRA - CARDITO (NA) Sede centrale con liceo artistico, indirizzi design e grafica: via Armando Diaz, 43-80011 Acerra (NA), tel. centralino: 0815205935, fax:

Dettagli

Italian-Turkish Forum

Italian-Turkish Forum Italian-Turkish Forum November 21-22, 2007 What do Europeans think of Turkey and what Turks think of Europe What do Europeans think of Turkey and what Turks think of Europe Nel 2004, anno in cui l Unione

Dettagli

OCCUPAZIONE SOSTENIBILE, REDDITI SICURI E PROTEZIONE SOCIALE

OCCUPAZIONE SOSTENIBILE, REDDITI SICURI E PROTEZIONE SOCIALE 3 CONGRESSO MONDIALE DELLA CSI - Berlino 18-23 Maggio 2014 OCCUPAZIONE SOSTENIBILE, REDDITI SICURI E PROTEZIONE SOCIALE BOZZA Quadro d Azione CONFEDERAZIONE INTERNAZIONALE DEI SINDACATI OCCUPAZIONE SOSTENIBILE,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA 1. Scoprire nei segni dell ambiente la presenza di Dio Creatore e Padre 2. Conoscere Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi 3. Cogliere i segni

Dettagli

Le Carte della Diversità in Europa

Le Carte della Diversità in Europa Le Carte della Diversità in Europa La Commissione Europea, negli ultimi anni, ha incoraggiato i datori di lavoro a inserire con maggiore impegno, la gestione della diversità e delle pari opportunità nelle

Dettagli

Il cervello è un computer?

Il cervello è un computer? Corso di Intelligenza Artificiale a.a. 2012/13 Viola Schiaffonati Il cervello è un computer? Definire l obiettivo L obiettivo di queste due lezioni è di analizzare la domanda, apparentemente semplice,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli