PCR (Polymerase chain reaction)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PCR (Polymerase chain reaction)"

Transcript

1 LABORATORIO DI METOLOGIE E TECNOLOGIE GENETICHE PCR (Polymerase chain reaction) La PCR è un metodo di biologia molecolare, utile per amplificare (i.e. creare copie multiple di) DNA, inventato da Kary Mullis alla fine degli anni 80. Lo scopo della PCR è di produrre un enorme numero di copie di una sequenza di DNA, sia essa un gene o parte di questo. Nella pratica corrente i principali componenti della PCR sono: DNA stampo, che contiene il frammento da amplificare; Due primers (Forward e Reverse), che determinano l inizio e la fine della regione da amplificare; DNA Polimerasi, che copia la regione da amplificare (si usano le DNA polimerasi di batteri termofili, che sono stabili ad elevate temperature; es. Taq Polimerasi); Nucleotidi, per la sintesi di nuovo DNA; Buffer, che fornisce l ambiente chimico ideale per la DNA Polimerasi. Il processo della PCR consta di tre steps principali che vengono ripetuti dalle 30 alle 40 volte, attraverso l utilizzo di un termociclatore. 1). Denaturazione a 94 o C (Melting): Durante la denaturazione, i due filamenti di DNA si separano e tutte le reazioni enzimatiche si arrestano (es. l estensione del filamento del ciclo precedente); 2). Annealing a o C: La temperatura di questo stadio dipende dai primers usati. Durante l annealing vengono utilizzati due primers (Forward e Reverse), che si legano ai loro siti specifici. Si formano e si rompono continuamente i legami ionici tra i filamenti dei primers ed i singoli filamenti di DNA che funzionano da templato (filamento stampo). I primers che si appaiano esattamente con il filamento stampo formano i legami più stabili ed, in questo piccolo tratto di doppia elica, si lega la polimerasi, che così inizia a copiare il filamento stampo; 3). Estensione a o C (Elongation): La temperatura di elongation dipende dalla DNA Polimerasi. Durante l estensione, la Polimerasi estende i primers aggiungendo le basi (complementari al templato) all estremità 3. Il risultato sono 2 copie di DNA a doppio filamento. 1

2 Figura 1: Le tre fasi della PCR. Poichè entrambi i filamenti sono copiati durante la PCR, si ha un aumento esponenziale del numero di copie della sequenza di DNA. X=X0(2N) N= NUMERO DI CICLI Con 100 molecole di DNA come stampo, dopo 30 cicli, la PCR produrrà PIU DI 100 MILIONI DI COPIE. 2

3 Figura 2: Amplificazione esponenziale durante la PCR. Caratteristiche della PCR Si possono utilizzare piccole quantità di DNA(ng); La qualità del DNA può anche non essere buona; Alta riproducibilità, specificità e sensibilità; Applicazioni cliniche e nella ricerca; Molto rapida e poco costosa; Puo essere usata solo se si conosce la sequenza del DNA. A cosa serve la PCR? La PCR può essere utilizzata in un ampia varietà di analisi tra cui: Genetic fingerprinting (usata in medicina legale); Test di paternità; Studi di evoluzione e filogenesi; Identificazione di malattie ereditarie; Identificazione di malattie virali; Clonaggio di un gene; Analisi di DNA antico; Genotipizzazione di specifiche mutazioni e polimorfismi. 3

4 POLIMORFISMI I polimorfismi sono variazioni di sequenza nelle regioni codificanti e non (es.: sostituzioni nucleotidiche, delezioni/inserzioni, duplicazioni/delezioni geniche). Per definizione un polimorfismo è una variante allelica, che si verifica nella popolazione con una frequenza di almeno l 1%. Es.: I gruppi sanguigni umani ABO. Il polimorfismo si differenzia da una mutazione spontanea, che si verifica, invece, con una frequenza < 1%. PREVALENZA RISCHIO INDIVIDUALE POLIMORFISMO alta (>1%) basso MUTAZIONE bassa (<1%) alto RISCHIO ATTRIBUIBILE ALLA POPOLAZIONE apprezzabile basso STUDI APPROPRIATI studi di coorte studi di controllo famiglie A che serve lo studio dei polimorfismi? Le analisi dei polimorfismi sono usate: Nella tipizzazione dei tessuti (es.: per la donazione di organi); In studi di popolazione (es.: studio del grado di diversità genetica in una popolazione); Per l identificazione di malattie genetiche. Come nascono i polimorfismi? Per mutazione. Che cosa mantengono i polimorfismi nella popolazione? Molti sono i fattori che mantengono un polimorfismo nella popolazione, tra cui: Effetto del fondatore; Deriva genica; Polimorfismo bilanciato. 4

5 Negli ultimi anni è stato dimostrato che più di 1/3 dei loci eucariotici sono rappresentati da varianti alleliche e che un locus è tanto più polimorfico, quanto più i suoi alleli sono equifrequenti. Le varianti alleliche possono o meno causare alterazioni funzionali della proteina e nel fenotipo, a seconda che siano presenti nelle regioni codificanti o non codificanti. Se un polimorfismo è in una sequenza codificante di un gene, in un esone, si può verificare una sostituzione aminoacidica, determinando cambiamenti nella proteina risultante. Un polimorfismo in un promotore può alterare i livelli di trascrizione. Un polimorfismo caratterizzato dalla delezione dell intero gene, come per l allele nullo GSTM1, elimina l attività funzionale dell enzima. Si possono, inoltre, verificare sostituzioni aminoacidiche, originantesi dalla sostituzione di un singolo nucleotide. Gli alleli la cui sequenza rivela solo un singolo nucleotide cambiato sono chiamati polimorfismi a singolo nucleotide o SNPs (Single Nucleotide Polymorphisms). In questo caso l effetto della sostituzione dipende dalle caratteristiche chimiche dell amminoacido sostituito. Cambiamenti nella funzione della proteina possono avere effetti profondi sul fenotipo, che possono essere osservati sotto particolari condizioni, come l esposizione a sostanze chimiche o stress. Molto spesso questi cambiamenti possono creare, o eliminare, siti per gli enzimi di restrizione che tagliano il DNA. La digestione con l enzima può così produrre frammenti di DNA di diversa lunghezza, identificabili con l elettroforesi. L RFLP-PCR (Restriction Fragments Length Polymorphism) è un metodo indiretto di indagine utile per l individuazione degli SNPs. Dove può essere posizionato un SNP? In regioni non codificanti (questi polimorfismi non sono identificabili dal prodotto proteico); In regioni codificanti (in questi polimorfismi la struttura proteica può essere alterata). Il genoma umano contiene approssimativamente 1 milione di SNPs dei quali in zone non codificanti e in zone codificanti, dove si hanno sostituzioni amminoacidiche. Il numero di SNPs per gene varia da 0 a 9. La diversa risposta individuale alle condizioni ambientali dipende dalla presenza delle variazioni di sequenza all interno di geni critici. Questi polimorfismi genetici possono influenzare i livelli di espressione, la struttura, o l attività catalitica degli enzimi del metabolismo e della riparazione del DNA, influenzando la suscettibilità individuale. Alcuni esempi includono: 1). la relazione tra enzimi che attivano o detossificano (glutatione S-transferasi) i potenziali carcinogeni, 2). La suscettibilità, degli individui con polimorfismi nel gene XRCC1, a vari tipi di danni genotossici. Ci sono una dozzina di geni che modulano la risposta alle esposizioni ambientali. L analisi dei polimorfismi in questi geni può essere utile per capire la distribuzione del rischio all esposizione nelle popolazioni umane e, possibilmente, predire i rischi individuali dovuti all esposizione. 5

6 Enzimi detossificanti (del metabolismo): Glutatione S-transferasi. Le glutatione S-transferasi (GSTs) sono una famiglia di enzimi conosciuti per il loro importante ruolo nella detossificazioni di molti cancerogeni trovati nelle sigarette. Le GSTs sono proteine dimeriche, che catalizzano le reazioni tra il glutatione ed i loro substrati, come i radicali aromatici eterociclici e gli epossidi. La coniugazione facilita l escrezione consentendo, dunque, la detossificazione. Reazioni di fase I OSSIDAZIONI (es. CYP1A1,CYP2E1) OH Reazioni di fase II CONIUGAZIONI (es. GST, NAT2) O ELIMINAZIONE O ADDOTTO AL DNA Figura 3: Detossificazione dei composti potenzialmente cancerogeni, da parte degli enzimi GSTs. Oltre al loro ruolo nella fase II della detossificazione, i GSTs modulano l induzione di altri enzimi e proteine importanti per le funzioni cellulari, come la riparazione del DNA. Questa classe di enzimi è importante per mantenere l integrità genomica e, come risultato, può svolgere un ruolo importante nella suscettibilità al cancro. Gli enzimi GTSs sono codificati da cinque distinti loci, noti come: alpha (A), mu (M), pi (P), theta (T) e zeta (Z). Due loci, in particolar modo, GSTM1 e GSTT1, svolgono un ruolo di rilevanza nella suscettibilità al cancro testa-collo. 6

7 GSTM1 Il gene GSTM1 si trova sul cromosoma 1 in posizione p13.3; Individui con delezioni omozigoti del locus GSTM1 non hanno un attività enzimatica funzionale; Sono stati identificati tre alleli al locus GSTM1: Un allele nullo (delezione completa); Due alleli (GSTM1a e GSTM1b) che differiscono per una sostituzione C G in posizione 534. Questa sostituzione porta ad una sostituzione amminoacidica Lys Asn in posizione 172. Il metabolismo dei cancerogeni coinvolge una serie di steps di attivazione, che produce intermedi reattivi e steps di detossificazione, che produce composti idrosolubili e, quindi, eliminabili. L attivazione può comportare la formazione di composti che si legano al DNA, formando prodotti noti come addotti. L accumulo di addotti a livello di loci critici, come oncogeni e geni oncosoppressori, può portare a mutazioni somatiche e ad alterazioni del ciclo cellulare. Individui che non sono capaci di produrre l enzima GSTM1 accumulano potenzialmente più addotti al DNA. Le nostre conoscenze su come le variazioni genetiche influenzano gli enzimi del metabolismo hanno fornito nuove spiegazioni su come i carcinogeni riescono a danneggiare il DNA. Numerosi studi hanno dimostrato che i polimorfismi del metabolismo sono importanti determinanti del rischio di cancro a livello della popolazione. La formazione di addotti al DNA si verifica costantemente, nonostante i meccanismi di detossificazione. I mammiferi hanno un complesso sistema di riparazione del DNA, che corregge gli addotti al DNA, le basi danneggiate o altre lesioni prima che eventi di replicazione stabilizzino questi cambiamenti permanentemente. L interazione di tutti questi fattori protettivi determina il grado con cui questi danni sono convertiti in mutazioni e, quindi, in malattie. 7

8 Figura 4: Interazione tra i vari fattori protettivi. Recentemente sono stati compiuti molti sforzi per caratterizzare le variazioni nei geni della riparazione. Riparazione del DNA: Se i sistemi di riparazione del DNA correggono il danno al DNA, endogeno o indotto da cancerogeni, le conseguenze dei genotipi metabolici ad alto rischio possono essere meno significative. Gli enzimi della riparazione mantengono l integrità del codice genetico minimizzando gli errori di replicazione (causati da DNA templato riarrangiato o danneggiato) e rimuovendo i segmenti di DNA danneggiato. La fedeltà dei meccanismi di riparazione può essere influenzata da polimorfismi che alterano l attività enzimatica. E noto che individui che mancano di alcuni elementi della riparazione del DNA hanno una maggiore predisposizione allo sviluppo di tumori e che cambiamenti nell attività di riparazione del DNA può influenzare la sensibilità di un tumore al trattamento con alcuni agenti anti-tumorali. 8

9 La riparazione del DNA può verificarsi secondo molteplici pathways, che dipendono dal tipo di danno: Base excision repair (BER) coinvolge più di 25 geni deputati alla riparazione delle basi danneggiate, dei siti abasici ed altri danni causati per lo più dall azione di radicali liberi; Mismatch repair comprende almeno sei geni che correggono i nucletidi mal appaiati che risultano durante la replicazione del DNA; Nucleotide excision repair (NER) comprende più di 35 geni coinvolti nella rimozione del danno indotto da raggi UV (dimeri di pirimidine) e addotti al DNA prodotti dall esposizione a sostanze chimiche; Two double-strand-break, non homologous end joining and homologous recombination repair (HRR) contano più di 20 geni coinvolti nella riparazione di rotture dell elica del DNA prodotte dall esposizione alle radiazioni o dovute alla riparazione incompleta da parte di altri pathway. Polimorfismi nei geni della riparazione possono alterare la funzione della proteina corrispondente e la capacità individuale di riparare il DNA danneggiato. Recentemente è stata dimostrata una correlazione tra i polimorfismi associati al gene XRCC1 e l insorgenza del cancro. XRCC1 (X-Ray Repair Cross Complementig 1) Il gene XRCC1 si trova sul cromosoma 19 in posizione q13.2; E composto da 17 esoni; La proteina codificata è lunga 677 aa.; La proteina ha domini di legame con la Polimerase-ß, DNA ligasi III and Poly (ADP-ribose) polimerasi (PARP) ed è coinvolta nel pathway di riparazione BER. 9

10 Figura 5: Pathway BER e ruolo di XRCC1. 10

11 Figura 6: Il gene XRCC1. Polimorfismi in XRCC1 Codone 194 Esone 6, Base C T; Arg Trp Frequenza allelica= 0,15 Codone 206 Esone 9, Base A G; Pro Pro Frequenza allelica= 0,30 Codone 399 Esone 10, Base G A; Arg Gln Frequenza allelica= 0,25. Studi di associazione riguardanti il polimorfismo 399 del gene XRCC1 La variante allelica al codone 399 è stata associata ad un aumento di addotti al DNA indotti da aflatossine. E stata evidenziata un associazione positiva tra la variante allelica al codone 399 e la presenza di addotti al DNA, in cellule mononucleate presenti nel sangue, ed con un aumentata frequenza di scambi tra cromatidi fratelli (SCE) in linfociti di individui fumatori. Esiste un associazione positiva tra la presenza del polimorfismo nel codone 399 e l insorgenza del cancro testa-collo, cancro polmonare, cancro allo stomaco e cancro alla mammella. Esiste invece un associazione inversa tra lo stesso polimorfismo e l insorgenza del cancro alla vescica e del cancro della pelle (del tipo non-melanoma). 11

12 XRCC3 (X-Ray Repair Cross Complementig 3) Il gene XRCC1 si trova sul cromosoma 14 in posizione q32.3; E composto da 10 esoni; La proteina codificata è lunga 347 aa.; Proteina facente parte della famiglia di RAD51, la quale facilita, per l appunto, l assemblaggio del filamento nucleoproteico di RAD51 lungo il filamento crossricombinante. Interviene nella riparazione delle rotture a doppio filamento, in particolare nell Homologous Recombination Repair. Figura 7: Pathway HRR e ruolo di XRCC3. Polimorfismi in XRCC3 IVS 5-14, Base A G; Modifica della giunzione Introne-Esone Frequenza allelica= 0,30 Codone 241 Esone 7, Base C T; Thr Met Frequenza allelica= 0,25. 12

13 Studi di associazione riguardanti il polimorfismo 399 del gene XRCC1 La variante allelica al codone 241 è stata associata ad un aumento di addotti al DNA in leucociti circolanti di persone sane e ad un aumento di aberrazioni cromosomiche. E stata evidenziata un associazione positiva tra la variante allelica al codone 241 e l insorgenza di tumore alla pelle di tipo melanoma, cancro alla vescica e di tumore alla prostata. Di contro non sono state trovate relazioni tra questo polimorfismo e l aumentata probabilità di manifestare il tumore ai polmoni, allo stomaco, alla pelle ed alla vescica. SCOPO DELL ESERCITAZIONE Determinazione dei polimorfismi dei geni XRCC1 e XRCC3, mediante PCR. Primo Step: Purificazione di DNA da sangue intero; Quantificazione del DNA e sua diluizione; Secondo step: Preparazione dei campioni; Reazione della PCR; Check del prodotto di PCR (per verificare l assenza di contaminazioni); Terzo step: Determinazione del genotipo: a). Digestione enzimatica (per XRCC1/XRCC3); b). Corsa elettroforetica; c). Lettura delle bande ottenute. 13

14 Primo step Purificazione di DNA da sangue intero 1) Lisi dei campioni di sangue: Mettere in una eppendorf da 1,5 ml 200 μl di sangue (a temperatura ambiente) ed aggiungere 25 μl di proteinasi K. Aggiungere 200 μl di buffer B3 ai campioni e vortexare vigorosamente (10-20S). Incubare i campioni a 70 o C per min. 2). Regolare le condizioni di legame del DNA: Aggiungere 210 μl di etanolo (96-100%) ad ogni campione e vortexare ancora. 3). Legare il DNA: Caricare ogni campione in una colonnina NucleoSpin Blood posizionata dentro una eppendorf da 1,5ml. Centrifugare 1 min. a 11,000x g. 14

15 4). Lavare la membrana: Primo lavaggio Mettere la colonnina NucleospinBlood in una nuova eppendorf da 1,5 ml ed aggiungere 500 μl di buffer BW. Centrifugare 1 min. a 11,000 x g. Secondo lavaggio Mettere la colonnina NucleospinBlood in una nuova eppendorf da 1,5 ml ed aggiungere 600 μl di buffer B5. Centrifugare 1 min. a 11,000x g. 5). Eluizione del DNA: Mettere la colonnina NucleospinBlood in una nuova eppendorf da 1,5 ml ed aggiungere 100 μl di buffer BE, precedentemente riscaldato a 70 o C. Incubare a temperatura ambiente per 1 min. Centrifugare 1 min. a 11,000 x g. 15

16 Quantificazione del DNA purificato Preparare 1 eppendorf da 0,5 ml per ogni campione. Aggiungere in ogni eppendorf 390 μl di H2O distillata e 10 μl di campione. Lettura allo spettrofotometro: Prima lettura: bianco. Mettere nella cuvetta al quarzo 400 μl di H2O distillata ed iniziare la lettura. Letture successive. Campioni Caricare i campioni nella cuvetta al quarzo e procedere con la lettura. Lo spettrofotometro indicherà tre valori: A 260 : Assorbanza del DNA A 280 : Assorbanza delle proteine A 260 / A 280 = Purezza del DNA (deve essere tra 1,7 e 1,8). N.B.: se la lettura è negativa, non c è nulla. Calcolo della concentrazione del DNA: A 260 x Fattore di diluizione x 40 Con: Fattore di diluizione Valore dell assorbanza pari a 1 quando la concentrazione del DNA è pari a 40 μg/ml. Esempio: A 260 = 0,055 La concentrazione è pari a 110 μg/ml. La concentrazione finale del DNA deve essere di 10 ng/ μl, quindi: 16

17 110/10 = 10 ca. Il campione di DNA va diluito 10 volte in H2O distillata per ottenere una concentrazione finale di 10 ng/μl. XRCC1 ex10/xrcc3 ex7 Preparazione dei campioni Secondo step SCOPO: I polimorfismi che verrnno studiati sono delle sostituzioni aminoacidiche Arg Gln (codone 399) e Thr Met (codone 241), localizzate, rispettivamente, all interno dell esone 10 del gene XRCC1 e dell esone 7 del gene XRCC3. Tali polimorfismi sono dovuti: per XRCC1 ad una sostituzione G A (nucleotide 28152), in grado di eliminare un sito di restrizione specifico per l enzima HpaII/Msp I, presente, invece, nell allele wild-type; per XRCC3 ad una sostituzione C T (nucleotide 18067), in grado di creare un sito di restrizione specifico per l enzima NiaIII/Hsp92II. Dopo aver amplificato, tramite una PCR multipla (in cui vengono amplificate due frammenti genici diversi in due serie di campioni), un segmento di circa 200 bp per tutti e due i geni, la determinazione del genotipo verrà effettuata mediante digestione enzimatica. Campioni utilizzati: Totale campioni da utilizzare per ogni polimorfismo: 6 campioni genotipizzati. Per ogni serie di campioni sarà presente un controllo negativo per valutare la presenza o meno di contaminazione. 17

18 Preparare la miscela di reazione (Master Mix) per ogni gene in una eppendorf da 0,5/1,5 ml, secondo il seguente protocollo: PCR CALCULATION SHEET Date: 07/12/2005 XRCC1 ex10-xrcc3 ex7 Esercitazione Components Name or Stock solution Added Final concentration brand amount in µl in PCR Other component DMSO 1X 0,0 0,00X dh2o dw 1 X 102,0 0,69 X 10x buffer 10 X 14,8 1,00 X MgCl2 50 mm 5,9 2,00 mm dntp 1,25 mm 13,1 0,11 mm Primer 1 20 µm 2,2 0,30 µm Primer 2 20 µm 2,2 0,30 µm Glycerol 1X 0,0 0,00X DNA Polymerase Taq 5 U/µl 0,7 0,03 U/µl Desired MasterMix volume -> 141,0 To be used in PCR -> 133,0 DNA Polymerase added in Hot Start (µl/sample) 0,0 1:10 or 1:5 dilution!! Sample volume (µl) 1,0 Number of samples 7,0 Calculation OK Total volume of PCR reaction 20,0 Add MasterMix 19,0 Total volume -> 140 Allestire una microprovetta da 0,2 ml (strip) per ogni campione. Aggiungere in ogni strip 1 μl di DNA diluito (10 ng/μl) e 19 μl di Master Mix, per un volume totale di reazione di 20 μl. Nel controllo negativo non va aggiunto DNA, ma solo 20 μl di Master Mix. N.B.: Durante la preparazione della Master Mix tutti i suoi componenti vanno tenuti in ghiaccio. La Taq polimerasi va aggiunta all ultimo poco prima della reazione di PCR per impedire amplificazioni aspecifiche. Inoltre la Taq (HOTSTART Taq) che andremo ad utilizzare possiede una carattersistica che cerca di limitare le amplificazioni aspecifiche che possono avvenire a temperatura ambiente. Infatti possiede un ligando nel sito attivo che viene rimosso soltanto dopo uno step iniziale a 95 C per 5 minuti. 18

19 Reazione della Multiplex PCR Condizioni della PCR per XRCC1 399: 94 o C 30 sec. - Denaturazione 61 o C 30 sec. Annealing 35 cicli 72 o C 30 sec - Estensione 72 o C 5 min. 4 o C for ever. Condizioni della PCR per XRCC3 241: 94 o C 30 sec. - Denaturazione 60 o C 30 sec. Annealing 35 cicli 72 o C 30 sec - Estensione 72 o C 5 min. 4 o C for ever. Condizioni per la PCR multipla: E possibile effettuare una PCR multipla poichè le T di annealing sono molto simili. In questo caso verrà utilizzata la T di annealimg per XRCC1 (61 C). 95 C 5 min Attivazione della HOTSTART Taq 94 o C 30 sec. - Denaturazione 61 o C 30 sec. Annealing 35 cicli 72 o C 30 sec - Estensione 72 o C 5 min. 4 o C for ever. Check del prodotto di PCR Prima che il prodotto di PCR venga utilizzato, è necessario verificare che : Il prodotto si sia formato; Il prodotto sia della dimensione corretta; Non ci sia stata contaminazione (in questo caso è presente una banda anche nel controllo negativo) Preparazione del gel di agarosio Si utilizza un buffer (TBE) 10X, che va quindi diluito 10 volte. Gel al 2%: 19

20 2g di agarosio in 100 ml di buffer 1:10 (diluito, cioè, con H 2 O distillata). Far sciogliere alla T = 100 o C. Caricare il gel nell apposita celletta. Far solidificare il gel (occorrono 30 min.) Corsa elettroforetica Mettere su carta parafilm 1μl di colorante (loading dye) ed aggiungere 5 μl di campione, mettere i campioni colorati nei relativi pozzetti. Lasciare lo spazio per il controllo negativo e per il marker (DNA Ladder 50pb); vanno aggiunti 0,5 0,7 μl di marker. Valori per l elettroforesi: 300 ma; 100 V; 1:20 h (80 min.); 4 W. Dopo l elettroforesi, prendere il panetto di gel e lasciarlo immerso per 30 min. in BrEt (1 goccia di BrEt diluito 1:10, in un contenitore di H 2 O), al buio, a +4 o C. Successivamente prelevare il panetto ed immergerlo in H 2 O per 15 min., per eliminare l eccesso di colorante, al buio, a +4 o C. Verificare alla lampada UV la presenza di DNA. Lettura delle bande Analizzare le bande ottenute con l amplificazione. La dimensione delle bande viene calcolata rispetto alle bande del marker (ogni banda ha una dimensione di 50 bp). Dall analisi delle bande bisogna ottenere: - una sola banda da 213 bp per XRCC1; - una sola banda da 215 bp per XRCC3; - Controllo negativo nessuna banda (se compare una banda si è avuta una contaminazione con DNA che è stato amplificato). 20

21 Determinazione del genotipo Terzo Step Digestione enzimatica tramite l enzima HpaII/MspI per XRCC1 e NiaIII/Hsp92II per XRCC3: Aggiungere ad ogni campione 0,5 μl dell enzima di restrizione corrispondente ed incubare a 37 o C overnight (o per 4 ore). L identificazione del genotipo dei campioni esaminati verrà effettuata in base alla presenza di due frammenti di restrizione: XRCC1 ex 10 (l enzima taglia il sito wt): wt 2 bande a 161bp e 52bp het 3 bande a 213bp, 161bp e 52bp homo 1 banda a 213bp XRCC3 ex 7 (l enzima taglia il sito polimorfico): wt 1 banda a 215bp het 3 bande a 215bp, 105bp e 110bp homo 2 bande a 105bp e 110bp Esempio di foto di gel: XRCC1 (Arg399Gln) 213bp 161bp 52bp hom het wt hom het het wt hom wt XRCC3 (Thr241Met) M50 215bp 110bp 105bp wt hom wt hom het wt M50 Legenda: wt omozigote selvatico; het eterozigote; homo omozigote mutante; Neg controllo negativo. 21

22 Corsa elettroforetica Successivamente alla digestione enzimatica, i campioni vanno sottoposti ad elettroforesi, in un gel di poliacrilamide; questo passaggio consente la separazione delle bande (qualora il segmento di DNA da studiare sia stato digerito) e, quindi, permette di identificare la presenza del polimorfismo. Gel di poliacrilamide Volume totale : 10 ml. Gel al 10% in TBE. 5,5 ml H2O distillata; 3,5 ml acrilammide (30% ca.); 1 ml buffer (TBE o TAE); 100 μl APS (10%) (Ammonium Persulfate, si prepara una soluzione di 0,1 g di APS in 1 ml di H2O distillata); 7,5 μl TEMED. L APS ed il TEMED vanno aggiunti per ultimi, perché determinano la polimerizzazione del gel. Far polimerizzare il gel (40 min. ca.). Elettroforesi Mettere su carta parafilm 1μl di colorante (loading dye) ed aggiungere 5 μl di campione, mettere i campioni colorati nei relativi pozzetti. Lasciare lo spazio per il marker (DNA Ladder 50pb); vanno aggiunti 0,5 0,7 μl di marker. Se è stato fatto il check, non è necessario aggiungere il controllo negativo nei pozzetti. Valori per l elettroforesi: 400 ma; 200 V; 00:20 h (20 min.); 17 W. Dopo l elettroforesi, prendere il gel e lasciarlo immerso per 15 min. in BrEt (1 goccia di BrEt diluito 1:10, in un contenitore di H 2 O), al buio, a +4 o C. Successivamente prelevare il gel ed immergerlo in H 2 O il tempo necessario per l analisi alla lampada UV. Verificare alla lampada UV la presenza di DNA digerito. Lettura delle bande ottenute Fotografare il gel con la Polaroid ed analizzare le bande ottenute 22

23 Magnesio I componenti della miscela di reazione La concentrazione del Magnesio è un fattore cruciale, che influenza la performance della Taq DNA Polimerasi. I componenti della reazione, incluso il DNA templato, gli agenti alchilanti presenti nei campioni (EDTA o citrato), dntps e le proteine, influenzano la quantità di Magnesio libero. E importante, dunque, che nella preparazione della miscela di reazione non ci siano elevate concentrazioni di agenti alchilanti, come EDTA, o di gruppi ionici negativi, come i fosfati. I dntps rappresentano la maggiore parte dei gruppi fosfato nella reazione, quindi una qualsiasi variazione della loro concentrazione influenza la concentrazione del Magnesio disponibile. In assenza di un adeguata quantità di Magnesio disponibile, la Taq DNA Polimerasi non è attiva. Inoltre, un eccesso di Magnesio disponibile riduce la fedeltà dell enzima e può aumentare il livello di amplificazioni aspecifiche. Buffer Il buffer standard per la PCR contiene 50 mm KCl, 10 mm Tris-Cl (PH 8.3 a temperatura ambiente). Quando incubato a 72 o C, il PH della reazione diminuisce più di un unità, producendo un buffer il cui PH è approssimativamente 7.2. Primers Gli oligonucleotidi usati per i primers devono avere una lunghezza di almeno 16 nucleotidi e, preferibilmente, di nucleotidi. Questi oligonucletidi sono troppo corti per formare ibridi stabili alle temperature usate per la polimerizzazione (72 o C). La Taq Polimerasi inizia a lavorare non appena i primers si sono legati al loro templato alle basse temperature (50-60 oc). I prodotti così estesi sono abbastanza lunghi da rimanere legati al templato, non appena la temperatura è rapidamente aumentata a 72 o C. I primers devono contenere il 40-60% di G+C e va fatta molta attenzione nella scelta della sequenza, perchè con un elevata quantità di G+C è possibile la formazione di strutture secondarie interne. Le estremità 3 dei primers non devono essere complementari, per impedire la produzione di dimeri tra i primer durante la reazione di PCR. Idealmente entrambi i primers si annilano alla stessa temperatura. La temperatura di annealing dipende dal primer con la temperatura più bassa (melting temperature T m ). Generalmente gli oligonucletodi sono usati ad una concentrazione di 1 μm. Questa concentrazione è sufficiente per almeno 30 cicli di amplificazione. La presenza di concentrazioni più elevate di oligonucleotidi può causare priming a siti ectopici, con conseguente amplificazione di sequenze indesiderate. Al contrario, la PCR è estremamente inefficiente quando la concentrazione dei primers è limitata. Deossiribonucleotidi trifosfati (dntps) I dntps sono usati a concentrazioni saturanti. I

24 Taq DNA Polimerasi Possono essere utilizzate due forme di Taq DNA Polimerasi: l enzima purificato dal microorganismo Thermus acquaticus ed una forma geneticamente ingegnerizzata dell enzima sintetizzato in E.coli. Entrambe le forme di polimerasi hanno un attività esonucleasica 5 3, ma mancano dell attività 3 5. Le proprietà delle due polimerasi sono sostanzialmente equivalenti. L aggiunta di un eccesso di enzima può portare ad amplificazioni di sequenze non bersaglio. Sequenza target Un amplificazione corretta della regione d interesse dipende dalla quantità e dalla qualità del DNA templato. I reagenti comunemente utilizzati per purificare gli acidi nucleici (sali, guanidina, proteasi, solventi organici e SDS) sono dei potenti inibitori delle DNA polimerasi. La precipitazione con etanolo dei campioni di acici nucleici elimina la maggior parte degli agenti inibitori. La quantità di templato richiesta per un amplificazione corretta dipende dalla complessità del campione di DNA. Effetti indesiderati durante la reazione a catena Spesso si possono verificare reazioni a catena indesiderate, che iniziano a temperatura ambiente, una volta che tutti i componenti della reazione sono stati aggiunti. Queste reazioni non volute, includono amplificazioni aspecifiche e formazioni di dimeri tra primers. II

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico.

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. Elettroforesi su gel L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce

Dettagli

Messa a punto dell analisi della

Messa a punto dell analisi della SSMT Locarno 2012/2013 Lavoro di diploma per il corso di Tecnici in Analisi Biomediche Presso l Istituto Cantonale di Patologia di Locarno Messa a punto dell analisi della traslocazione RET/PTC Lavoro

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA IL PRESENTE TESTO E UNA SINTESI DEL TESTO COMPLETO EDITO DA LA MEDICINA BIOLOGICA, n.4, 2010, WWW.MEDIBIO.IT Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA Lo sviluppo

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della struttura secondaria: Minimizzazione dell energia Un

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

Caratterizzazione molecolare dell Anidrasi Carbonica in Trematomus spp.

Caratterizzazione molecolare dell Anidrasi Carbonica in Trematomus spp. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MM. FF. NN. Laurea di primo livello in Biologia Curriculum di Biologia Marina Caratterizzazione molecolare dell Anidrasi Carbonica in Trematomus spp.

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Produzione di formaggio di bufala a pasta semidura: studio della proteolisi Barbara La Gatta, Giusy Rusco, Aldo Di Luccia

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI:

STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI: STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI: - RETINOLO PURO - RETINOLO IN LIPOSOMI - RETINOLO IN LIPOSYSTEM COMPLEX - RETINOLO IN CYCLOSYSTEM COMPLEX - VITAMINA

Dettagli

Sostituzioni sull anello aromatico

Sostituzioni sull anello aromatico Sostituzioni sull anello aromatico Criteri per stabilire l esistenza di carattere aromatico 1. Il composto deve essere ciclico, planare e deve avere una nuvola ininterrotta di elettroni π sopra e sotto

Dettagli

1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit

1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit 1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit Per la determinazione in vitro della 1,25 (OH) 2 Vitamina D in plasma e siero Gültig ab/valid from 17.03.2008 +8 C IMM-K 2112 +2 C 48 1. APPLICAZIONE Il kit ELISA (Enzyme-Linked-Immuno-Sorbent-Assay)

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Aptima Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Per uso diagnostico in vitro. Solo per l esportazione dagli USA. Informazioni generali................................................ 2 Utilizzo previsto................................................................

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Nel corso di questa attivita utilizzeremo alcune delle piu importanti banche dati disponibili in rete per cercare informazioni su una proteina.

Dettagli

CROMATOGRAFIA SU COLONNA

CROMATOGRAFIA SU COLONNA 1 CROMATOGRAFIA SU COLONNA La cromatografia è una tecnica di migrazione differenziata che permette la separazione dei costituenti di una miscela di sostanze affini. La cromatografia può essere di tipo

Dettagli

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE.

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. C. Sintoni C. Galli Servizio di Anatomia Patologica - Presidio Ospedaliero S. M. delle Croci - Ravenna Attualmente nel nostro

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

Meccanismi di azione degli antiossidanti

Meccanismi di azione degli antiossidanti Meccanismi di azione degli antiossidanti Materiali rganici Sistemi biologici Lipidi, Proteine, Acidi Nucleici Alimenti Polimeri Materiali plastici, Gomme Lubrificanti Idrocarburi Carburanti Degradazione

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

Radiodays. Elio e le Storie Tese

Radiodays. Elio e le Storie Tese Radiodays Elio e le Storie Tese EFFETTI DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI SULL UOMO Elio Giroletti Dip. Fisica nucleare e teorica, Università di Pavia Ist. Naz. di Fisica Nucleare Sez. Pavia elio.giroletti@pv.infn.it

Dettagli

Cinquant anni dalla scoperta del DNA

Cinquant anni dalla scoperta del DNA Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale articolo 2 comma 20/c legge 662/96 - Roma Cinquant anni dalla scoperta del DNA Alcune ricerche dell Istituto Superiore di Sanità Un contributo

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Test di logica e cultura generale. 6. Quale di queste parole è estranea alle altre?

Test di logica e cultura generale. 6. Quale di queste parole è estranea alle altre? Test di logica e cultura generale 1. Tre amici Carlo, Piero e Nicola acquistano della frutta al mercato. Ognuno di loro sceglie un diverso tipo di frutta e spende una somma differente. Sapendo che: - Carlo

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Acidi nucleici non codificanti

Acidi nucleici non codificanti Vol. Giacca 4bozza 17-02-2011 11:05 Pagina 19 Acidi nucleici non codificanti 19 maniera controllata in modo da non favorire la crescita di eventuali tumori presenti in sedi lontane da quella in cui sono

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Dottorato in Biologia Avanzata - 22 ciclo -

Università degli Studi di Napoli Federico II Dottorato in Biologia Avanzata - 22 ciclo - Università degli Studi di Napoli Federico II Dottorato in Biologia Avanzata - 22 ciclo - Effetti citogenetici indotti in cellule umane da ioni pesanti relativistici Candidata: Diana Pignalosa Tutor: Prof.

Dettagli

Richiesta ai Clienti

Richiesta ai Clienti Richiesta ai Clienti Tutte le riparazioni eseguite su questo orologio, escludendo le riparazioni riguardanti il cinturino, devono essere effettuate dalla CITIZEN. Quando si desidera avere il vostro orologio

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic. Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.it è un sistema integrato completo di tutti i moduli per eseguire

Dettagli

Predire la struttura terziaria

Predire la struttura terziaria Predire la struttura terziaria E di gran lunga la predizione più complessa che si possa fare su una proteina. Esistono 3 metodi principali di predizione: 1 - Homology modelling: se si conoscono proteine

Dettagli

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia Come prevenire il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il pancreas e il tumore Il pancreas è un organo dalla forma simile a quella di una pera o di una lingua, situato in profondità nella cavità

Dettagli

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH I DETERGENTI: COME CONIUGARE PRESTAZIONI ELEVATE E RISPETTO PER L AMBIENTE L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Resana, 5 ottobre 2007 FEDERICA CECCARELLI Ist. Sup.

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli 1 ELEMENTI DI GENETICA LA GENETICA È: LA DISCIPLINA (= LA SCIENZA) CHE INDAGA SUI MECCANISMI DELLA TRASMISSIONE DEI CARATTERI DA UNA GENERAZIONE ALL ALTRA. RICORDIAMO 2 CONCETTI FONDAMENTALI: A) GENOTIPO:

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

DAI GENI AI SEMI. genetica e biotecnologie in agricoltura. Simona Baima e Giorgio Morelli

DAI GENI AI SEMI. genetica e biotecnologie in agricoltura. Simona Baima e Giorgio Morelli DAI GENI AI SEMI genetica e biotecnologie in agricoltura Simona Baima e Giorgio Morelli Copyright 2010 Editori: Simona Baima e Giorgio Morelli Copertina e disegni: Franco Marchiolli [www.francomarchiolli.com]

Dettagli