Riccardo Siligato MIGLIORAMENTO GENETICO TRADIZIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Riccardo Siligato MIGLIORAMENTO GENETICO TRADIZIONALE"

Transcript

1 MIGLIORAMENTO GENETICO TRADIZIONALE Con il miglioramento genetico tradizionale (incrocio e ricombinazione) si possono trasferire geni da una varietà ad un'altra per ottenere una varietà vegetale con caratteristiche nuove derivanti da entrambe le piante progenitrici; la progenie sarà in seguito selezionata per il carattere desiderato, sebbene sussista l'inconveniente che oltre al gene di interesse, siano presenti anche pezzi di genoma non desiderati; questo problema è limitabile con la tecnica del reincrocio. Attraverso l'ingegneria genetica e la tecnica del DNA ricombinante è possibile isolare solamente il gene di interesse ed inserirlo nell'organismo al fine di ottenere un organismo geneticamente modificato (OGM); nel caso delle piante si parla di PGM, ossia una pianta nella quale, mediante ingegneria genetica, è stata introdotta una o più copie di un gene proveniente da un organismo diverso o ulteriori copie di un gene già presente in quella specie. Una pianta può essere trasfromata solo se ci sono alcuni pre-requisiti essenziali: efficiente metodo di trasferimento del DNA; può essere indiretto (Agrobacterium tumefaciens/ Agrobacterium rhizogenes) o diretto (sistema biolistico, trasferimento di protoplasti o microiniezione) disponibilità di cellule/ tessuti competenti per la rigenerazione (solitamente sono utilizzati espianti di tessuto) adatti sistemi di selezione, affinché si possano individuare le piante trasformate rispetto a quelle rimaste naturali TRASFERIMENTO CON AGROBACTERIUM L'Agrobacterium è un genere di batteri Gram negativi che infetta numerosi generi di piante (Brassica, Lilium, Lycopersicon, Nicotiana); l'agrobacterium tumefaciens causa la cosiddetta galla del colletto, mentre l'agrobacterium rhizogenes induce la formazione di radici avventizie nel sito di infezione. Che la galla del colletto esistesse si sapeva già intorno al 1850, ma fu solo agli inizi del Novecento che fu correlato con l'agrobacterium tumefaciens; intorno alla metà del secolo scorso fu osservato che tessuti tumorali isolati potevano, in assenza di ormoni, rigenerare un'intera pianta. La formazione del tumore venne correlato con un fantomatico principio che induce tumore (TIP) prodotto dal batterio. Tempo dopo ci si accorse che nel sito di infezione erano prodotte opine dalle cellule tumorali. Verso il 1970 si capì che il tumore era indotta dal plasmide Ti (tumor inducing), senza il quale i batteri non erano in grado di causare la galla del colletto. Nel 1977 la regione del plasmide Ti, chiamata T-DNA, venne identificata come il fattore TIP, nel 1983 venne ottenuta la prima pianta trasformata con Agrobacterium e l'anno successivo furono identificati i geni oncogeni del T-DNA, nel 1985 fu decifrato il meccanismo di trasduzione del segnale che permetteva al batterio di infettare le cellule vegetali e trasferire il TDNA nel genoma delle cellule ospiti. L'Agrobacterium tumefaciens, dopo aver infettato la cellula vegetale, trasferisce 1

2 stabilmente il proprio T-DNA nel genoma ospite, e questo induce la formazione del tumore anche in assenza di ormoni nel terreno di coltura. Affinchè l'infezione sia possibile è necessaria una ferita, che solitamemte si forma a livello del colletto (zona della pianta a livello del terreno) causata da nematodi, insetti o erbivori; la ferita scatena la produzione di composti fenolici come l'acetosiringone, che fungono da composi chemiotattici per il batterio, che la pianta produce in qualità di fotoalessine come meccanismo di difesa. Il TDNA è trasferito nel genoma ospite perchè contiene geni che consentono la produzione e lo sfruttamento delle opine, (ne esistono 20, ogni ceppo può produrne solo una e questo consente la loro classificazione) amminoacidi utilizzati dal batterio come fonte di nutrimento. Il fenotipo tumorale è indotto poiché più cellule producono opine, più il batterio si moltiplica e si riproduce. I geni Shi (shoot inducing) e Roi (root inducing) individuano i due estremi del T-DNA che contengono geni come la nopalina sintasi. Altri geni sono quelli per l'utilizzazione delle opine, per la replicazione, e i geni Vir necessari a excidere il T-DNA e a trasferirlo nel genoma ospite. Il tumore è causato da una sovraproduzione di auxina e citochinine. I passaggi dell'infezione sono: L'auxina determina lo sviluppo delle radici, mentre le citochinine determinano lo sviluppo dei germogli; il tumore è causato da una sovrapproduzione di entrambe. Il gene 4 è conivolto nella produzione delle citochinine (codifica per una isopenteniltransferasi), ed una mutazione nel locus Roi lo inattiva causando uno squilibrio degli ormoni a favore delle auxine: ciò determina lo sviluppo del tumore con formazione di radici avventizie. Una mutazione nel locus Shi invece determina lo sviluppo di un tumore con germigli avventizi perchè lo squilibrio ormonale si sposta a favore delle citochinine. 2

3 Le auxine sono normalmente prodotte a partire dal triptofano: la monoossigenasi converte in triptofano in monoammina, che sarà idrolizzata dall'idrolasi Ah e si forma acido 3indolo acetico. L'isopentenil pirofosfato è l'intermedio chiave di molte reazioni, come la biosintesi del colesterolo o dei terpeni; nelle piante l'isopentenil pirofosfato è utilizzato come substrato dall'isopenteniltrasnferasi codificata nel gene 4 del locus Roi. I geni Vir sono resposanbili del tarsferimento del T-DNa nel genoma ospite; ci sono i geni Vir A, B, C, D, E, ecc.. Il gene Vir A codifica per il recettore dell'acetosiringone. Il gene Vir G codifica per un attivatore trascrizionale che attiva la trascrizione degli altri geni ed anche di se stesso. Quando l'acetosiringone si lega al recettore Vir A, questo si autofosforila trasferendo in seguito il gruppo fosfato a Vir G, il quale attiva la trascrizione di altri geni Vir presenti sul palsmide, tra cui VirD1 e VirD2. 3

4 Il T-Dna è rilasciato come singolo filamento: Vir D1 riconosce l'estremità destra del T-DNA, e permette a VirD2 (anche se entrambe sono necessarie) di rompere il legame fosfodiesterico liberando energia: VirD2 rimane legata covalentemente al nucleotide tagliato (estremità 5') tramite un legame fosfotirosina. Viene sintetizzato altro T-DNA, e lo stesso processo di taglio avviene all'estremità sinistra, sempre grazie ad una sequenza riconsciuta da VirD1; infine è rilasciato il Dna a singolo filamento. Dato che si riforma il T-DNA exciso, un singolo batterio può infettare più cellule. In seguito alla excisione del Dna a singlo filamento, questo è complessato con la proteina VirE2 la quale esercita un'azione protettiva nei confronti delle esonucleasi ed endonucleasi. Quindi si osserva una doppia protezione offerta da VirD2 e VirE2 (quest'ultima non legata covalentemente). Il legame di VirE2 è cooperativo: 600 molecole di VirE2 (P.M: 60,5 KDa) sono richieste per ricoprire un filamento di 20 Kbp, e si complessano sul Dna a singolo filamento. In seguito il Dna a singolo filamento così stabilizzato entra nella cellula vegetale, grazie alla formazione di un poro creato da 11 proteine codificate dagli operoni VirB e VirD4. Il poro nucleare della cellula ospite consente di solito il passaggio di molecole con dimensioni non superiori ai 60 KDa, ma VirD2 e VirE2 posseggono sequenze di localizzazione nucleare (1 per VirD2, 2 per VirE2) che ne consentono la traslocazione nel nucleo. Studi di immunolocalizzazione e di fusione con una proteina reporter (GUS, β-glucoronidasi) hanno mostarto che entrambe entrano nel nucleo. Il T-DNA si integra casualmente in regioni con attiva trascrizione forse perchè è più sciolto, e all'interno dello stesso gene l'integrazione è casuale, ossia si può integrare sia in esoni che in introni; in Arabidopsis è stata osservata un'integrazione ogni 10 cm. Nelle regioni laterali il T-DNA conserva sequenze riconosciute da VirD2, le quali sono rimosse al momento dell'integrazione nel genoma ospite (sebbene rimangano 1-2 nucleotidi all'estremità destra). L'integrazione all'estremità 5' del filamento T è estreramente precisa (penultimo nucleotide legato a VirD2, la quale probabilmente ha un ruolo nel mediare la precisione dell'integrazione); l'integrazione all'estremità 3' è meno precisa, dato che si possono avere delezioni nel T-DNA fino a 100 bp, anche se sono state osservate 4

5 sperimentalmente delezioni che arrivano fino a 1.5 Kbp; sono state osservati anche concantenameri di TDNA integrati. Il T-DNA si ricombina solitamente tramite ricombinazione illeggittima (o non omologa): l'integrazione avviene a livello di sequenze non omologhe ma casuali, infatti all'estremità 3' (estremità sinistra) è richiesta un'omologia di 5 nucleotidi mentre all'estremità 5' (estremità destra) è richiesta l'omologia di un solo nucleotide. I modelli proposti sono tre: microhomology-dependent model: un certo numero di basi sono delete all'estremità 3', il DNA vegetale è tagliato in un punto qualsiasi e si appaia con il T-DNA all'estremità 5' (un solo nucleotide), dopodiché anche questa estremità è inserita nel DNA vegetale ed è integrato il T-strand. Secondo questo modello VirD2 catalizza sia la reazione endonucleasica che ligasica. double-strand break repair model: il T-DNA è trasformato in DNA a doppio filamento ed in seguito integrato, grazie all'attività endonucleasica ed esonucleasica, nei siti di rottura che normalmente si presentano nel DNA ospite; in questo modello VirD2 manca di importanza. single-strand gap repair model: il T-DNA si inserisce come singolo filamento nei buchi che normalmente si formano nei processi di riparo del DNA ospite, e in seguito è ricopiato a doppio filamento. Nel processo di integrazione del T-DNA sono coinvolte anche proteine vegetali che normalmente riparano il DNA ospite. Il mutante di lievito AtKU80 è resistente all'infezione da parte di Agrobacterium perchè la proteina AtKU80 è coinvolta nel sistema di riparazione del DNA vegetale a doppia elica. Avendo analizzato le caratteristiche di Agrobacterium tumefaciens, è possibile sfruttarlo per veicolare all'interno degli ospiti qualsiasi gene di interesse sia compreso tra l'estremità destra e sinistra del T-DNA. Il gene di interesse può essere identificato attraverso tecniche di normale genetica tradizionale, ossia lo studio di mutanti associati ad un determinato fenotipo gene-tagging. Il gene di interesse può essere clonato in: screening library: libreria di cdna fagica o plasmidica. Se la sequenza del gene di interesse è nota è possibile costruire una sonda radioattiva o fluorescente per trovarlo all'interno della libreria: la colonia o il fago che apparirà radioattiva o fluorescente porterà con sé la sequenza del gene di interesse. Nel cdna non sono presenti gli introni dato che derivano dall'azione che la trascrittasi inversa svolge sull'mrna, copiando prima una sequenza di DNA appaiata all'mrna e dopo a partire da questa è creato un DNA a doppio filamento corrispondente all'mrna. 5

6 mrna: basandosi sulla sequenza del gene di interesse, l'mrna della cellula vegetale è amplificato tramite primer amplimeri appaiati alle estremità terminali del messaggero (RT-PCR); nei primer sono presenti siti di restrizione che consentono ai ricercatori di inserire l'rna amplificato in DNA di essere inserito nel plasmide tramite l'utilizzo di opportuni siti di restrizione nel Multiple Cloning Site (MCS). É meglio utilizzare due siti di restrizione diversi sia per il plasmide (un plasmide tipico è il puc18) sia per il gene di interesse, in modo da garantire la sua inserzione nella direzione desiderata. Il cdna deve quindi essere inserito all'interno del T-DNA di Agrobacterium tumefaciens, ma ci sono parecchie limitazioni per l'utilizzo di plasmidi T naturali: la sovrapproduzione di auxina e citochine (fenotipo tumorale) non permette la rigenerazione della pianta i geni per la biosintesi delle opine non sono necessari difficoltà nel manipolare palsmidi molto grandi come il plasmide T che arriva fino a 200 Kbp, nonché presentano una bassa efficienza di clonazione non hanno un'origine di replicazione per E.Coli, quindi si replicherebbero solo in Agrobacterium tumefaciens Per risolvere questi inconvenienti sono stati approntati 2 sistemi, il primo più diffuso: 1. sistema vettore binario: T-DNA e geni Vir possono trovarsi su plasmidi differenti, infatti sono utlizzati due plasmidi, ossia il vettore binario ed il palsmide T disarmato. I prodotti dei geni Vir agiscono sul T-DNA consentendone l'integrazione. Il vettore binario è il plasmide di circa 13 Kbp dove si inserisce il gene di interesse; il plasmide T disarmato è grande circa 170 Kbp e non contiene il T-DNA. 2. vettore cointegrativo: due plasmidi ricombinano per dare origine al plasmide T se presentano una regione di omologia in comune. I geni Vir ed il T-DNa stanno sullo stesso plasmide. 6

7 Il gene di interesse va inserito nel vettore binario o cointegrativo: si utilizzano due enzimi di restrizione diversi (per garantire ila direzione di inserzione) che riconoscono i siti di restrizione presenti sia sul T-DNA sia sul plasmide che porta il gene clonato; tramite una reazione di ligazione. Il vettore binario o il vettore cointegrativo devono essere inseriti nel ceppo di Agrobacterium con il plasmide T disarmato (esistono in natura), e ciò si può ottenere o tramite elettroporazione o tramite coniugazione: elettroporazione: l'elettricità altera la permeabilità della membrana coniugazione: detto anche triparental mating, ossia si utilizzano tre ceppi di batteri. Il primo ceppo batterico di E.Coli contiene un plasmide helper che consente la mobilizzazione sia di sé che di altri plasmidi; questo ceppo batterico passa il plasmide helper al ceppo batterico di E.Coli che contiene il vettore binario o cointegrato, il quale a questo punto sarà capace di trasferire il vettore al ceppo di Agrobacterium tumefaciens che contiene il plasmide T disarmato: si crea così un ceppo di Agrobacterium tumefaciens in grado di poter trasferire il gene di interesse nelle cellule della pianta desiderata. Con il ceppo appena creato di Agrobacterium tumefaciens si possono infettare diversi espianti di tessuto (foglie, fusto, gemme, radici, cotiledoni), ma si otterranno diverse rese a seconda della pianta, non perchè ci sia diversa efficienza di infezione da parte del batterio, ma perchè l'efficienza di rigenerazione dell'intera pianta varia da tessuto a tessuto e da specie a specie. Il trasferimento con Agrobacterium tumefaciens presenta vantaggi e svantaggi: Il basso numero di copie integrate è un vantaggio perchè, inserendosi a caso, il T-DNA potrebbe inattivare troppi geni importanti per la sopravvivenza della pianta. Sono stati sviluppati molti protocolli che consentono l'infezione anche di Monocotileodni e di piante che prima non era possibile infettare, in particolare i superbinary vector ed i ceppi ipervirulenti, i quali esprimono in maggior quantità i geni Vir e portano anche più copie del T-DNA (i tessuti migliori per rigenerare la pianta sono gli embrioni immaturi). TRASFERIMENTO DIRETTO DEL DNA Abbiamo diversi metodi che consentono l'inserimento diretto del DNA nel genoma ospite: elettroporazione protoplasti: il DNA esogeno è internato nel protoplsato e verrà integrato con bassa efficienza nel proprio genoma microiniezione: funziona bene negli animali, poco nelle piante. sistema biolistico: è valido sia per gli animali che per i vegetali ed è stato messo a punto da Stanford e colleghi nel 1987, ed in questa tecnica microparticelle di oro o tungsteno ricoperte di DNA sono accelerate e sparate nel tessuto; penetrando nelle cellule rilasciano il DNA che è integrato nel genoma vegetale. Una volta il sistema funzionava con la polvere da sparo, ma ora è utilizzato il gas come sistema propellente: nel tubo di accelerazione è presente il gas, che in seguito al cambiamento di pressione colpisce un microcarrier che spara le particelle di oro o tungsteno direttamente nel tessuto vegetale, le quali rilasciano il DNA nelle cellule presenti sulla loro traiettoria senza rimanervi dentro; i danni cellulari sono minimi. Sono necessarie severe condizioni di sterilità in quanto la rigenerazione avviene in vitro. Ora è in commercio una pistola che sfrutta lo stesso meccanismo, ma la resa è molto più bassa. Integrazione del plasmide: il transgene non si autoexcide, quindi può integrasi tutto il plasmide. 7

8 TRASFORMAZIONE PULITA Con il termine trasformazione pulita si indica lo scopo di evitare che, oltre al gene di interesse, nel genoma ospite si integrino anche sequenze di DNA non desiderate. A tale proposito sono state escogitate diverse vie: cassetta: invece del DNA plasmidico si può utilizzare il transgene linearizzato, che però presneta l'inconveniente di avere una resa estremamente bassa poiché è degradato dalle esonucleasi. gene killer: si crea un costrutto con il quale il transgene è fiancheggiato da geni killer, che uccidono la pianta se inseriti nel suo genoma; in questo modo solo le piante che hanno ricevuto soltanto il transgene sopravviveranno, le altre in cui si è integrato anche una parte del plasmdie acquisiranno il gene killer che conferisce loro un fenotipo letale; stesso discorso epr chi il plasmide non l'ha integrato (muore perchè non riceve il gene per la resistenza all'antibiotico). trasformazione agrolistica: sono inseriti tre plasmidi con metodo biolistico. Il primo palsmide porta il transgene fiancheggiato dalle regioni Left Border e Right Border, il secondo plasmide porta VirD1 ed il terzo porta VirE2; le proteine VirD2 e VirE2 excidono ed integrano il transgene nel genoma ospite, e si selezionano solo le piante che portano integrato il transgene e non il plasmide. 8

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della struttura secondaria: Minimizzazione dell energia Un

Dettagli

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Le prospettive del vivaismo viticolo europeo MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Elisa Angelini CRA VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) 1. Giallumi (Flavescenza dorata e Legno nero):

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico.

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. Elettroforesi su gel L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce

Dettagli

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un COME FUNZIONA UN ALBERO di Mario Carminati e Massimo Ranghetti La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un albero è che si tratta di un essere vivente, proprio come noi. È un fatto scontato, certo,

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

DAI GENI AI SEMI. genetica e biotecnologie in agricoltura. Simona Baima e Giorgio Morelli

DAI GENI AI SEMI. genetica e biotecnologie in agricoltura. Simona Baima e Giorgio Morelli DAI GENI AI SEMI genetica e biotecnologie in agricoltura Simona Baima e Giorgio Morelli Copyright 2010 Editori: Simona Baima e Giorgio Morelli Copertina e disegni: Franco Marchiolli [www.francomarchiolli.com]

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA IL PRESENTE TESTO E UNA SINTESI DEL TESTO COMPLETO EDITO DA LA MEDICINA BIOLOGICA, n.4, 2010, WWW.MEDIBIO.IT Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA Lo sviluppo

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Acidi nucleici non codificanti

Acidi nucleici non codificanti Vol. Giacca 4bozza 17-02-2011 11:05 Pagina 19 Acidi nucleici non codificanti 19 maniera controllata in modo da non favorire la crescita di eventuali tumori presenti in sedi lontane da quella in cui sono

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Dario Bressanini OGM tra leggende e realtà

Dario Bressanini OGM tra leggende e realtà Dario Bressanini OGM tra leggende e realtà Chi ha paura degli organismi geneticamente modificati? Chiavi di lettura a cura di Federico Tibone e Lisa Vozza indice Introduzione 5 1. Le leggi della natura

Dettagli

Messa a punto dell analisi della

Messa a punto dell analisi della SSMT Locarno 2012/2013 Lavoro di diploma per il corso di Tecnici in Analisi Biomediche Presso l Istituto Cantonale di Patologia di Locarno Messa a punto dell analisi della traslocazione RET/PTC Lavoro

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Presentando le cellule staminali

Presentando le cellule staminali Presentando le cellule staminali 1 Alcune note prima di iniziare Questa presentazione va considerata come uno strumento flessibile per scienziati, divulgatori scientifici ed insegnanti. Non tutte le diapositive

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

Test di logica e cultura generale. 6. Quale di queste parole è estranea alle altre?

Test di logica e cultura generale. 6. Quale di queste parole è estranea alle altre? Test di logica e cultura generale 1. Tre amici Carlo, Piero e Nicola acquistano della frutta al mercato. Ognuno di loro sceglie un diverso tipo di frutta e spende una somma differente. Sapendo che: - Carlo

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Cinquant anni dalla scoperta del DNA

Cinquant anni dalla scoperta del DNA Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale articolo 2 comma 20/c legge 662/96 - Roma Cinquant anni dalla scoperta del DNA Alcune ricerche dell Istituto Superiore di Sanità Un contributo

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo Danni insoliti da tripidi sul frutto melo L osservazione e lo studio di sintomi su piante o frutti fa parte delle attività della Sezione Difesa delle Piante presso il Centro per la Sperimentazione Agraria

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Dottorato in Biologia Avanzata - 22 ciclo -

Università degli Studi di Napoli Federico II Dottorato in Biologia Avanzata - 22 ciclo - Università degli Studi di Napoli Federico II Dottorato in Biologia Avanzata - 22 ciclo - Effetti citogenetici indotti in cellule umane da ioni pesanti relativistici Candidata: Diana Pignalosa Tutor: Prof.

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Nel corso di questa attivita utilizzeremo alcune delle piu importanti banche dati disponibili in rete per cercare informazioni su una proteina.

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Laurea Magistrale in Fisica Tesi sperimentale in Fisica Biomedica Studio degli effetti subletali indotti

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli