La genetica mendeliana;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La genetica mendeliana;"

Transcript

1 1 La genetica mendeliana; Le caratteristiche di un individuo che vengono trasmesse da una generazione all'altra sono chiamate caratteristiche ereditarie; queste caratteristiche sono sotto il controllo di tratti di DNA chiamati geni. La costituzione genetica di un individuo è chiamato genotipo, mentre la manifestazione fisica di una caratteristica genetica è chiamato fenotipo. Gli esperimenti di Mendel; Incroci tra monoibridi; Nel tentativo di comprendere i criteri dell'ereditarietà Mendel cominciò ad incrociare piante di pisello (Pisum Sativum) che differivano per determinati caratteri. La scelta di questa pianta era basata su alcuni criteri: 1. Devono essere noti i precedenti dei genitori utilizzati negli incroci sperimentali. 2. L'organismo deve possedere un ciclo vitale piuttosto breve in modo da ottenere un gran numero di generazioni entro un periodo di tempo relativamente corto. 3. Da un incrocio deve essere prodotto un gran numero di figli. 4. L'organismo deve essere facile da maneggiare. 5. Gli individui di una popolazione devono differire in tanti modi diversi. Innanzitutto Mendel lasciò autofecondare per molte generazioni ciascuna varietà di piante in modo da ottenere delle linee pure, ovvero varietà nelle quali il carattere studiato rimaneva invariato dai genitori ai figli per molte generazioni. Egli isolò diversi caratteri sui quali compiere gli esperimenti ed uno di questi fu il carattere seme liscio ed il carattere seme rugoso ed effettuò il seguente incrocio: P Seme Liscio X Seme Rugoso F 1 Semi tutti lisci Successivamente lasciò autofecondare le piante della generazione F 1 ed ottenne: P Seme liscio X Seme liscio F 1 Rapporto 3:1 tra lisci e rugosi Applicando lo stesso principio per tutti gli altri caratteri egli ottenne i medesimi risultati. Le sue conclusioni furono che: 1. I caratteri alternativi (liscio e rugoso) erano controllato da fattori particolati che erano trasmessi alla progenie dai genitori attraverso i gameti. 2. Ogni fattore esisteva in forme alternative che determinano i caratteri (che ora chiamiamo alleli). 3. Dato che alla F 1 solo un carattere era visibile, questo doveva in qualche modo "mascherare" l'altro carattere: era dominante (seme liscio), mentre l'altro era recessivo (seme rugoso). 4. Individui appartenenti a linee pure che contengono un solo tipo di allele sono chiamati omozigoti, piante che possiedono due diversi alleli sono eterozigoti.

2 2 Il principio della segregazione; In base ai dati raccolti Mendel propose la sua prima legge, ovvero il principio della segregazione che stabilisce che i due membri di una coppia genica (alleli) si separano (segregano) l'uno dall'altro durante la formazione dei gameti. L'uso dei reincroci; Per verificare quale sia il genotipo di un individuo viene usato il reincrocio di prova o testcross; si tratta di un incrocio tra un individuo di genotipo ignoto che generalmente manifesta il fenotipo dominante, ed un individuo omozigote recessivo. Se tutta la progenie ottenuta da questo incrocio mostra il fenotipo dominante, allora il genotipo dell'individuo in esame è omozigote dominante; se la progenie presenta un rapporto approssimativo di 1:1 tra fenotipi dominanti e recessivi, l'individuo è eterozigote. Incroci tra diibridi; Mendel effettuò una serie di incroci stavolta considerando due caratteri per volta ed in base ai risultati ottenuti enunciò la sua seconda legge sul principio dell'assortimento indipendente: i fattori (geni) che controllano caratteri diversi si distribuiscono in modo indipendente gli uni dagli altri. Vediamo un incrocio di esempio: P (semi lisci e gialli) SSYY X ssyy (semi rugosi e verdi) F 1 (semi lisci e gialli) SsYy X SsYy F 2 Rapporto 9:3:3:1 tra lisci-gialli; lisci-verdi; rugosi-gialli; rugosi-verdi; Questo confermò il suo principio, se infatti questo non fosse stato vero (cioè se i geni che controllavano i caratteri venivano trasmessi insieme dai genitori alla progenie) si avrebbe avuto un rapporto di 3:1 liscio-giallo e rugoso-verde. La genetica mendeliana nell'uomo; Nella genetica umana evidentemente non si possono compiere incroci programmati, è necessario quindi esaminare gli incroci genetici avvenuti casualmente. Lo studio dell'albero familiare prende il nome di analisi dell'albero genealogico e, l'individuo dal quale si parte nella ricostruzione dell'albero prende il nome di probando. Esempi di caratteri recessivi nell'uomo; Un esempio di carattere recessivo nell'uomo è l'albinismo, ma esistono molti caratteri determinati da alleli recessivi. I caratteri recessivi seguono alcuni criteri generali per ciò che riguarda la loro ereditarietà: La maggior parte degli individui affetti ha genitori normali entrambi eterozigoti, il carattere tende quindi a saltare di generazione. Matrimoni tra genitori eterozigoti normali dovrebbero dare sia progenie normale sia progenie che manifesta il carattere nel rapporto di 3:1. Quando entrambi i genitori sono affetti tutti i loro figli manifesteranno il carattere.

3 3 Esempi di caratteri dominanti nell'uomo; Un esempio è costituito dal fenotipo capelli lanosi, ovvero capelli che non riescono a crescere oltre una certa lunghezza in quanto poi si spezzano. Gli alleli mutanti dominanti sono espressi in un eterozigote quando sono in combinazione con l'allele definito selvatico (wild-type) che, è l'allele considerato normale per l'organismo. Una caratteristica molto comune dei caratteri dominanti è che la loro espressione può variare notevolmente; questa caratteristica prende il nome di espressività e quindi si riferisce al grado con il quale un individuo manifesta il fenotipo corrispondente al suo genotipo. Si ha poi la penetranza che rappresenta la frequenza con la quale un gene dominante od un gene omozigote recessivo si esprime nel fenotipo di un individuo. Una penetranza incompleta o bassa è uno dei problemi maggiori nell'analisi genetica qualora siano interessati caratteri rari (ad es. la polidattilia). L'ereditarietà dei caratteri dominanti è regolata dai seguenti principi: Ogni persona affetta nell'albero genealogico deve avere almeno un genitore affetto. Il carattere non deve saltare di generazione. Un individuo affetto eterozigote deve trasmettere il gene mutato a metà della progenie.

4 4 I cromosomi del sesso ed i caratteri a loro associati; Una conferma alla teoria cromosomica dell'ereditarietà che ipotizzo che i geni stessero fisicamente sui cromosomi, arrivò in seguito agli studi condotti sui cromosomi sessuali. I cromosomi del sesso; In seguito a delle osservazioni compiute sul numero di cromosomi di vari animali, ci si rese conto che esistevano animali che possedevano un numero diverso di cromosomi tra maschio e femmina. Il cromosoma che era "dispari" nel maschio venne chiamato cromosoma X. Si osservò inoltre che nei maschi di alcune specie di animali era presente un altro cromosoma appaiato con l'x che prese il nome di cromosoma Y. Entrambi vennero definiti cromosomi del sesso; il maschio venne chiamato sesso eterogametico dato che produceva due tipi di gameti (uno con l'x ed uno con l'y), la femmina prese invece il nome di sesso omogametico dato che produceva solo gameti X. Ereditarietà associata al sesso; La prova definitiva dell'ereditarietà cromosomica venne raggiunta con gli esperimenti condotti da Morgan sulla mosca Drosophila. Morgan individuò una mosca maschio con gli occhi bianchi (al posto del rosso tipico del selvatico) e la incrociò con una femmina selvatica (quindi con occhi rossi). Da questo incrocio ottenne tutte le mosche con occhi rossi e per questo poté affermare che il carattere occhio bianco era recessivo. In seguito lasciò reincrociare tra loro le mosche della F 1 e, una volta raccolti i dati sulla progenie si accorse che si discostava di parecchio dall'attesa segregazione nel rapporto di 3:1; egli notò inoltre che tutte le mosche con occhi bianchi erano maschi. Successivamente incrociò un maschio a occhi bianchi con una delle figlie ad occhi rossi ed ottenne un rapporto di 1:1:1:1 dimostrando che anche le femmine potevano avere gli occhi bianchi. Morgan propose quindi che il gene che determinava il colore dell'occhio era sito sul cromosoma X e che non era presente una copia di quel gene sul cromosoma Y; la condizione dei geni associati all'x è definita di emizigote e viene definita eredità crisscross il passaggio di un gene da un genitore maschio, attraverso una figlia femmina, ad un nipote maschio. Nondisgiunzione dei cromosomi X; Bridges, uno studente di Morgan, notò che, se da un incrocio tra una femmina ad occhi bianchi ed un maschio a occhi rossi si dovevano ottenere tutti i maschi con gli occhi bianchi e tutte le femmine con gli occhi rossi, con una frequenza di 1 su 2000 apparivano delle mosche con i fenotipi scambiati: maschi con occhi rossi o femmine con occhi bianchi.

5 5 La spiegazione di questo fenomeno è la nondisgiunzione del cromosoma X alla formazione dei gameti; se la nondisgiunzione avviene nella prima divisione meiotica si ottengono: 2 gameti XX 2 gameti senza cromosomi X Se invece avviene a livello della seconda divisione meiotica si ottengono: 1 gamete XX 1 gamete senza cromosomi X 2 gameti normali con un X per ciascuno. L'analisi citologica dimostrò che effettivamente le mosche con occhi bianchi erano XXY, mentre quelle con occhi rossi erano X0 (fenomeno chiamato di aneuploidia). La determinazione genotipica del sesso; Determinazione del sesso in Drosophila; La Drosophila ha 4 paia di cromosomi, 3 paia di autosomi ed 1 paio di cromosomi sessuali. La determinazione del sesso non è relativa alla presenza o all'assenza di un cromosoma Y, bensì e determinata dal rapporto tra il numero dei cromosomi sessuali ed il numero degli autosomi. Questo rapporto è pari a 1 nelle femmine, è di 0,5 nei maschi, mentre se è compreso tra 0,5 ed 1 si ha un intersesso. Le mosche intersesso presentano un aspetto variabile con in generale la presenza contemporanea di organi sessuali maschili e femminili e sterilità. Questo meccanismo prende il nome di sistema di determinazione del sesso della bilancia cromosomica X-autosomi. Determinazione del sesso nei Mammiferi; In questo caso la modalità di determinazione del sesso è data dal meccanismo cromosomico di determinazione del sesso. Ovvero è la presenza o meno del cromosoma Y a fare la differenza; difatti, quando è presente, regola la produzione del fattore di determinazione del testicolo che fa sviluppare gli abbozzi delle gonadi in testicoli anziché in ovari. La nondisgiunzione può provocare nell'uomo delle patologie. Un individuo X0 è una femmina che presenta la Sindrome di Turner; questa si presenta con un'altezza inferiore alla media, non sviluppano i caratteri sessuali secondari, presentano ritardo mentale e sono generalmente sterili. Un individuo XXY è invece un maschio con la Sindrome di Klinefelter; l'individuo si presenta con un'altezza superiore alla media, testicoli sottosviluppati, tendono a presentare ritardo mentale ed occasionalmente sono sterili. Il meccanismo della compensazione di dose; Salvo rare eccezioni i Mammiferi non possono tollerare variazioni nel numero degli autosomi e, un meccanismo di compensazione di dose compensa i cromosomi X in più presenti nel corredo cromosomico. Ogni individuo con un cromosoma X in più del normale presenta una massa di cromatina inattivata chiamata corpo di Barr che rappresenta citologicamente un cromosoma X inattivato. Una femmina (XX) avrà quindi un corpo di Barr, un maschio (XY) non avrà alcun corpo di Barr.

6 6 Caratteri associati al sesso nell'uomo; Ereditarietà legata all'x recessivo; Un esempio di questo tipo di carattere è costituito dall'emofilia. Alcune caratteristiche di questo tipo di trasmissione sono: Molti più maschi che femmine manifestano il fenotipo mutato. Nei figli maschi di madri eterozigoti si dovrebbe osservare approssimativamente un rapporto di 1:1 tra individui normali ed individui che manifestano il carattere. Ereditarietà legata all'x dominante; Un esempio di patologia dovuta ad un'eredità di questo tipo è lo smalto difettoso dei denti. Ereditarietà legata all'y; Sono chiamati caratteri oloandrici (interamente maschili) e dovrebbero essere facilmente riconoscibili dato che tutti i maschi di un padre affetto devono presentare il fenotipo mutato (e nessuna femmina). Un esempio di questo tipo di ereditarietà è il carattere orecchie pelose che, su scala mondiale è molto poco diffuso, mentre è molto diffuso nelle popolazioni di origine indiana.

7 7 Allelia multipla e interazioni tra geni; Benché un singolo individuo diploide possa possedere solo due alleli di un dato gene, nella realtà possono esistere molti alleli di uno stesso gene. I gruppi sanguigni AB0; Questa classificazione dei gruppi sanguigni è molto importante dato che, quando si effettuano trasfusioni di sangue, alcuni di questi gruppi non sono tra loro compatibili e rappresentano un tipico esempio di allelia multipla. In questo sistema abbiamo quattro diversi gruppi: A, B, AB e 0 che sono determinati dalle combinazioni di tre diversi alleli: I A, I B e I 0 (o i) che sono distribuiti in questo modo: Gruppo A => I A I A ; I A i Gruppo B => I B I B ; I B i Gruppo AB => I A I B Gruppo 0 => ii La determinazione dei gruppi è possibile in quanto, sulla superficie dei globuli rossi di ciascun individuo, sono presenti delle sostanze che prendono il nome di antigeni che, se poste in organismi diversi da quello originario, scatenano la reazione immunitaria da parte degli anticorpi di quell'organismo. Così esistono antigeni per il gruppo A, per il gruppo B e per quello AB (dati dalla presenza contemporanea dei due); caso particolare sono gli individui di gruppo 0 che non presentano antigeni sulla superficie dei propri eritrociti. Una patologia derivante dalle diversità tra i gruppi sanguigni che colpisce i bambini alla nascita è l'eritroblastosi fetale. Oltre al sistema AB0 esiste anche il sistema MN per classificare il sangue, dove i gruppi sono M, N ed MN e gli alleli sono I M e I N, per il resto il sistema è analogo a quello del sistema AB0. Un'altra classificazione del sangue viene effettuata per ciò che riguarda il fattore Rh; difatti ci si accorse che iniettando del sangue umano nel corpo di una scimmia (Rhesus), in alcuni casi vi era una risposta immunitaria, in altri casi no; nel primo caso si ha un Rh +, nel secondo un Rh -. La diversità è dovuta a sostanze per le quali codifica un certo gene D che, allo stato omozigote dominante o eterozigote (DD, Dd) codifica per Rh+, allo stato omozigote recessivo (dd) per Rh - Modificazioni delle relazioni di dominanza; La dominanza incompleta; In molti casi un allele non è completamente dominante sull'altro e questo crea un fenotipo intermedio rispetto ai parentali. Un esempio può essere rappresentato dalla bocca di leone, un fiore che si presenta con diverse varietà di colore; incrociando una pianta con fiori rossi con una con fiori bianchi otteniamo tutta la generazione F 1 di colore rosa, facendo incrociare tra loro gli individui della F 1 otteniamo un rapporto di 1:2:1 tra fiori rossi:rosa:bianchi.

8 8 La codominanza; In questo tipo di modificazione delle relazioni di dominanza, l'eterozigote presenta entrambi i fenotipi degli omozigoti. Un esempio di questo fenomeno possono essere i proprio i gruppi sanguigni sia del sistema AB0 che quelli del sistema MN dove, nel primo l'esempio è dato dal gruppo AB, mentre nel secondo dal gruppo MN. In entrambi i casi la presenza contemporanea dei due diversi alleli porta alla manifestazione di entrambi i caratteri. Interazioni geniche che determinano nuovi fenotipi; Un esempio è costituito dalla forma del frutto nella zucca ed il rapporto modificato di 9:6:1. Tra le diverse varietà di zucca due presentano il frutto di forma sferica e di forma allungata e quelle a frutto allungato sono linee pure. In alcuni casi incrociando piante con frutti allungati con piante con frutti sferici, alla F 1 otteniamo piante che presentano tutti frutti a disco; in una situazione del genere alla F 2 otteniamo frutti approssimativamente nel rapporto di 9:6:1 tra frutti a disco:sfera:allungati. La spiegazione è questa: 1. O l'uno o l'altro dominante da solo (A/- b/b oppure a/a B/-) determinano il frutto a sfera. 2. I due alleli dominanti non allelici tra loro (A/- B/-) danno il frutto a disco. 3. I frutti allungati come abbiamo detto sono linee pure ed hanno genotipo a/a b/b. L'epistasi; L'epistasi è un'interazione tra geni non allelici in base alla quale l'espressione fenotipica di un gene dipende dal genotipo dell'altro. Un fenomeno di questo tipo può dar luogo a dei rapporti mendeliani modificati come quello riguardante il colore del pelo nei roditori e del rapporto modificato di 9:3:4. Il colore primitivo dei roditori è grigiastro ed è generato dalla combinazione tra due colori diversi, il pelo è infatti nero se si escludono delle sottili bande gialle poste verso l'estremità del pelo stesso, questo colore prende il nome di agouti. Con l'addomesticamento sono state isolate anche altre varianti nella colorazione del pelo: l'albino ed il nero. Incrociando tra loro topi neri con topi albini otteniamo topi di colore agouti; reincrociando tra loro gli agouti della F 1, alla F 2 otteniamo nel rapporto di 9:3:4 topi agouti:neri:albini. La spiegazione è questa: 1. Genotipicamente gli agouti sono A/- C/-; i topi neri sono a/a C/- e gli albini sono A/- c/c oppure a/a c/c. 2. L'allele dominante C determina un prodotto necessario per la produzione di un qualsiasi pigmento; l'allele c se omozigote impedisce quindi la produzione di un qualsiasi colore. 3. L'allele dominante A specifica un prodotto che determina la colorazione agouti; l'allele a è presente in tutti i topi non agouti. 4. L'allele B dominante specifica un prodotto che controlla la sintesi del colore nero; se è allo stato recessivo b omozigote si ha il colore bruno.

9 9 Un'altra modificazione dei rapporti mendeliani tipici è quella che si riscontra nel colore del fiore del pisello con il rapporto di 9:7. Il colore purpureo è dominante sul bianco e dà alla F 2 un tipico rapporto di 3:1; le varietà a fiori bianchi sono linee pure e incroci tra piante a fiori bianchi producono generalmente una progenie a fiori bianchi. In alcuni casi si ha che l'incrocio tra due piante a fiori bianchi dà una F 1 di piante tutte a fiori purpurei, reincrociando si ottiene una F 2 che presenta il rapporto di 9:7 tra purpurei:bianchi. La spiegazione è questa: 1. Possiamo ipotizzare che due geni C e P controllino diverse tappe di una via biosintetica di produzione del pigmento porpora. Di conseguenza un'omozigosi recessiva dell'uno o dell'altro gene (o di entrambi) determina il blocco della sintesi del pigmento dando il colore bianco. 2. I genotipi C/- p/p; c/c P/- e c/c p/p saranno quindi bianchi e solo le piante C/- P/- saranno rosse. 3. Nel nostro incrocio i due parentali bianchi erano C/C p/p e c/c P/P, le piante della F 1 erano eterozigote C/c P/p e quindi rosse.

10 10 Concatenazione, crossing-over e mappatura negli eucarioti; Esperimenti di Morgan sulla concatenazione in Drosophila; Sulla base di dati ottenuti da una serie di esperimenti Morgan concluse che i geni recessivi w (white: occhio bianco) e m (miniature: ali ridotte) erano siti sul cromosoma X e, dato che stavano sullo stesso cromosoma, i geni dovevano essere concatenati. Morgan incrociò una femmina con occhio bianco ed ali ridotte (w m/w m) con un maschio con occhi rossi ed ali normali (w + m + / Y). Come atteso tutti i maschi alla F 1 presentavano i fenotipi recessivi occhi bianchi ed ali ridotte e, tutte le femmine erano selvatiche. Nella F 2 ottenuta dal reincrocio degli individui della generazione precedente le classi fenotipiche più frequenti erano quelle dei "nonni" con occhio bianco /ali ridotte e occhio rosso /ali normali; ci si riferisce a questi come ai genotipi parentali o parentali. Morgan osservò inoltre che vi era un numero significativo di classi che presentavano i fenotipi incrociati rispetto ai parentali e li chiamò ricombinanti. Vennero condotti altri esperimenti analoghi considerando altri caratteri, ma le conclusioni furono sempre le medesime: in ogni caso le classi parentali erano le più frequenti e le ricombinanti erano decisamente meno frequenti. La conclusione di Morgan fu che, durante la meiosi, alcuni alleli tendono a rimanere insieme perché sono vicini l'uno all'altro sullo stesso cromosoma. Precedentemente era stato osservato a livello citologico che durante la meiosi esistevano dei chiasmi ovvero dei punti di scambio reciproco di materiale genetico tra i cromosomi omologhi che rappresentavano i punti dove avveniva quello che poi venne definito crossing-over. Il crossing-over allo stadio di quattro cromatidi; La domanda che ci si è posti in seguito è in che fase della meiosi avvenisse il crossing-over, se allo stadio di due filamenti prima della meiosi, oppure allo stadio di quattro filamenti nella profase I della meiosi. Per osservare il fenomeno si è utilizzato l'organismo Neurospora Crassa. Questo è un fungo miceliale che normalmente si riproduce per via vegetativa; esistono tuttavia due diversi "tipi sessuali", il ceppo A ed il ceppo a che, se si trovano insieme in un terreno di crescita nel quale si esauriscono i fattori nutrizionali (ed in particolare l'azoto), fondono le rispettive cellule sessuali a dare uno zigote diploide che rapidamente va in meiosi producendo quattro nuclei aploidi siti all'interno di una struttura allungata che prende il nome di asco. Una successiva mitosi porta ad otto il numero delle spore presenti nell'asco; la particolarità sta nel fatto che le spore si vengono a trovare nell'asco esattamente nello stesso ordine con il quale è avvenuta la meiosi, sono delle cosiddette tetradi ordinate. Per studiare il crossing-over si sono usati due ceppi: uno A incapace di sintetizzare la metionina e selvatico per tutti gli altri geni, ed un ceppo a capace di sintetizzare la metionina ed incapace di sintetizzare l'istidina. Se il crossing-over avvenisse allo stadio di due filamenti nell'asco risultante si avrebbero solo due tipi di spore ricombinanti; se invece il crossing-over avviene allo stadio di quattro cromatidi viene prodotto un asco che contiene i due tipi di ascospore parentali ed i due tipi di ascospore ricombinanti così come si è dimostrato essere in realtà.

11 11 Mappatura dei cromosomi; Quanto due geni sono concatenati è possibile costruire una mappa di quei due geni suo cromosoma. Innanzitutto bisogna quindi verificare che i geni siano concatenati; il metodo migliore per verificarlo consiste in un reincrocio di prova (l'incrocio di un individuo a genotipo ignoto con un individuo omozigote recessivo per tutti i geni implicati) in quanto la distribuzione dei fenotipi è il risultato di eventi di segregazione in uno solo dei due genitori; l'altro genitore contribuisce solo con alleli recessivi che non si manifestano fenotipicamente. Un incrocio di questo tipo: a + /a b + /b x a/a b/b se a e b non sono concatenati dovrebbe dare un rapporto di 1:1:1:1 tra le classi fenotipiche; una qualsiasi deviazione significativa da questo rapporto porta a presumere che i geni siano concatenati. Questo lo si può verificare con il Test del χ 2. Gli alleli di un individuo doppio eterozigote possono essere disposti secondo due diverse configurazioni: o in cis quando i due alleli selvatici sono su un cromosoma omologo, oppure in configurazione trans quando ciascun omologo porta l'allele selvatico di un gene e l'allele mutato dell'altro. Morgan pensò che le caratteristiche frequenze di crossing-over potessero essere correlate alla distanza fisica che separa i geni sul cromosoma. Così si decise di usare la percentuale di ricombinanti che si formano con un crossing-over come unità di misura; questa distanza viene misurata in unità di mappa. Ad esempio una frequenza di ricombinazione dell'1% è pari ad 1 u.m. di distanza sul cromosoma. Numero dei ricombinanti % di ricombinanti = x 100 Numero totale della progenie Interferenza e coincidenza; A volte, nei reincroci a tre punti, è possibile osservare una percentuale di doppi ricombinanti inferiore a quella attesa. Questa differenza non è imputabile solamente ad errori sperimentali, ad una progenie male analizzata o altro, bensì è dovuta ad un fenomeno legato al crossing -over. Infatti, quando un singolo evento di crossing-over è avvenuto in una parte della tetrade meiotica, la probabilità che ne avvenga un altro nelle immediate vicinanze è ridotta, questo è dovuta probabilmente ad interferenza fisica causata dalla rottura e dalla riunione dei cromatidi; questo fenomeno viene chiamato interferenza da chiasma. Il normale modo di esprimere il valore dell'interferenza è il coefficiente di coincidenza: Freq. Doppi ricombinanti osservati Coeff. Coincidenza = Freq. Doppi ricombinanti attesi Interferenza = 1 - Coeff. Coincidenza Il coeff. di coincidenza varia tra 0 ed 1; se è pari ad 1 vuol dire che non vi è stata interferenza, se è pari a 0 significa che l'interferenza è completa, ovvero nessuno dei doppi ricomb. si è formato.

12 12 Mappatura dei geni nei Batteri; Un batterio molto usato per l'analisi genetica è Escherichia coli che si trova nell'intestino crasso di molti esseri viventi (tra i quali l'uomo). Per mappare i geni di un batterio si possono seguire tre diverse procedure: la trasformazione, la coniugazione e la trasduzione. Trasformazione batterica; Nel processo di trasformazione batterica, frammenti di DNA extracellulare vengono assunto da un batterio in vivo, determinando un cambiamento genetico stabile in tale cellula. Questo processo viene normalmente utilizzato qualora non sia possibile attuare coniugazione o trasduzione. Il DNA del donatore che viene assunto dal batterio può andare incontro a fenomeni di ricombinazione con la regione omologa del DNA del batterio; i riceventi che in seguito a ricombinazione presentano un fenotipo diverso vengono detti trasformanti. Esiste una notevole variabilità per ciò che riguarda la capacità di assumere il DNA, alcuni batteri vengono trasformati piuttosto facilmente e di conseguenza vengono mappati in questo modo (trasformazione naturale); altri come Escherichia coli non sono facilmente trasformabili in quanto possiedono degli enzimi che degradano il DNA extracellulare. Per mappare per trasformazione batteri come E.coli si trattano preventivamente le cellule in modo da renderle permeabili al DNA (trasformazione ingegnerizzata), tali cellule trattate prendono il nome di cellule competenti. Con cellule riceventi altamente competenti ed un eccesso di DNA trasformante si può ottenere una trasformazione per la maggior parte dei geni con una frequenza di 1 cellula su Usando la trasformazione è possibile determinare la concatenazione tra i geni, il loro ordine e la distanza di mappa. Considerando due geni x + e y + di un donatore e due geni x e y di un ricevente, la probabilità di trasformazione simultanea (cotrasformazione) è di 1 cellula su 10 6 (10 3 x 10 3 ); se invece due geni sono abbastanza vicini da potersi trovare frequentemente su uno stesso frammento di DNA, allora la frequenza di cotrasformazione si avvicinerà alla frequenza di trasformazione di un singolo gene. Se poi consideriamo i geni p, q, r, possiamo stabilire il loro ordine; se p e q hanno un'elevata frequenza di cotrasformazione, ed anche q ed r, mentre p ed r non cotrasformano, allora l'ordine sarà proprio p - q - r. Con questo sistema si può ottenere una mappa fisica dei geni sul DNA del batterio. Coniugazione batterica; Studiando due ceppi di E.coli che differivano per le richieste nutrizionali si scoprì un fenomeno interessante. Il ceppo A era selvatico per tutti gli amminoacidi tranne che per metionina e leucina che non era in grado di sintetizzare, il ceppo B era invece selvatico per metionina e leucina, ma non era in grado di sintetizzare altri tre amminoacidi che il ceppo A sintetizzava. Organismi di questo tipo che necessitano di aggiunte al loro terreno di coltura in quanto non sono in grado di produrre tutte le sostanze che sono a loro necessarie, vengono detti auxotrofi. Un ceppo che invece è selvatico per tutte le sostanze viene chiamato prototrofo.

13 13 Mischiando i ceppi A e B ci si accorse che si generavano colonie prototrofe, al contrario se venivano lasciate separate, non erano in grado di crescere. I ceppi prototrofi comparvero con una frequenza di 1 su 10 milioni di cellule ed erano selvatici per tutti gli amminoacidi; tutto questo suggerì che fosse avvenuto un qualche cambiamento genetico tra i due ceppi. Questo cambiamento era dovuto al fenomeno della coniugazione nel quale il materiale genetico può essere trasferito tra i batteri che vengono tra di loro in contatto. In seguito si scoprì che questo scambio era unidirezionale e non reciproco, ovvero una cellula agisce da donatore e l'altra da accettore, ed inoltre che questo scambio fosse mediato da un fattore sessuale o fattore F che è costituito da un plasmide. Esistono così batteri F + che possiedono il plasmide e batteri F - che non lo possiedono. Un plasmide è un tratto di DNA circolare in grado di autoreplicarsi; il fattore F possiede una regione di DNA chiamata origine (O) che è richiesta per la replicazione all'interno di E.coli. Quando cellule F + vengono messe in contatto con cellule F - il plasmide inizia la replicazione e, una copia del fattore F viene trasferita all'interno del batterio ricevente. Sul fattore F sono presenti dei geni che codificano per particolari strutture che prendono il nome di pili sessuali o pili F che permettono l'unione fisica dei due batteri coniuganti; non è mai stato dimostrato che il DNA passi attraverso il pilo. Nel processo di mappatura si utilizzano dei ceppi ad alta frequenza di ricombinazione o ceppi Hfr che si originano in seguito ad un singolo evento di crossing-over che fa si che il fattore F venga integrato all'interno del cromosoma batterico. Nella duplicazione, innanzitutto viene trasferita una parte di fattore F, poi il cromosoma batterico attaccato ad essa. Così come avviene l'integrazione del fattore F nel cromosoma batterico, può avvenire, anche se con una bassa percentuale, il processo inverso: l'excisione del fattore F; quando questo processo è impreciso si ha un fattore F'. Interrompendo periodicamente il processo di coniugazione tra un ceppo Hfr ed uno F - ed andando ad analizzare i tratti di DNA che sono presenti, si possono mappare i geni sul cromosoma batterico utilizzando come unità di misura il tempo (l'intero cromosoma di E.coli è lungo circa 100 minuti). Questo processo permette di mappare lunghi segmenti del cromosoma. Trasduzione batterica; E' un processo attraverso il quale il trasferimento del materiale genetico tra ceppi batterici è mediato da virus chiamati batteriofagi o fagi, che sono virus che infettano i batteri. I batteriofagi; Esistono numerosi fagi diversi che infettano diversi batteri. E.coli viene infettato dai fagi T2, T4, T5 e λ; la struttura dei fagi è semplice, il materiale genetico di un fago (DNA o RNA) è contenuto in un singolo cromosoma che è circondato da un involucro proteico, variazioni nel numero e nell'organizzazione delle proteine conferiscono ai fagi il loro caratteristico aspetto.

14 14 I fagi possono avere due cicli di vita: Ciclo litico Ciclo lisogeno Ad esempio il fago T4 ha un ciclo di vita litico che può essere così schematizzato: 1. Infezione del batterio attraverso l'iniezione del materiale genetico del fago. 2. Rottura del cromosoma batterico ad opera di enzimi sintetizzati dal DNA fagico. 3. Replicazione del DNA fagico. 4. Espressione dei geni siti sul DNA fagico che porta alla sintesi delle proteine che costituiscono la struttura del fago. 5. Assemblaggio delle particelle fagiche. 6. Lisi della parete cellulare del batterio e rilascio della progenie fagica. Il fago λ ha invece un ciclo di vita lisogeno (fago temperato) che può essere così schematizzato: 1. Infezione del batterio da parte del fago. 2. Integrazione del cromosoma di λ all'interno del cromosoma batterico 3. Numerose divisioni. 4. Solo in seguito ad induzione da parte, ad esempio, di raggi ultravioletti il cromosoma fagico si excide da quello batterico ed entra nel ciclo litico con relativo rilascio di progenie fagica. Mappatura per trasduzione; La trasduzione può essere di due tipi: Trasduzione generalizzata (qualunque gene può essere trasferito da un batterio all'altro) Trasduzione specializzata (solo alcuni geni possono essere trasferiti) Nella trasduzione generalizzata alcuni fagi della progenie fagica inseriscono nelle loro teste tratti di cromosoma batterico. Tutto ciò che è necessario per trasdurre un gene è quindi un fago in grado di operare trasduzione generalizzata e ceppi batterici che portino marcatori genetici diversi. Per mappare i geni si utilizzano normalmente esperimenti di trasduzione per due o tre fattori; ad esempio la trasduzione da un donatore a + b + ad un ricevente a b determina la formazione dei diversi trasduttanti a + b, a b + e a + b +. Dato che la produzione di un fago trasducente è un evento raro, e dato chela quantità di DNA batterico che può essere trasportata nella testa di un fago è limitata, la probabilità che sia a + che b + siano inclusi nella testa di un fago è proporzionale alla loro distanza. Se sono sufficientemente vicini da poter essere inclusi in un'unica testa di fago allora saranno chiamati costraduttanti. Determinando le relative frequenze di costraduzione si possono ottenere le relative distanze di mappa. La trasduzione specializzata è operata da fagi temperati come il fago λ, in questo caso il fago trasducente è generato da un'excisione anomala del profago dal cromosoma batterico cosicché il DNA del fago comprende sia i geni del fago, sia alcuni geni batterici. La trasduzione permette la mappatura fine di piccoli segmenti di cromosoma.

15 15 Ipotesi un gene - un enzima e patologie dovute a deficienze enzimatiche nell'uomo; Ipotesi un gene - un enzima; Gli studi furono condotti su un fungo miceliale: Neurospora crassa. Questo fungo allo stato selvatico è prototrofo, ovvero, a partire da alcune sostane di base, è in grado di sintetizzare tutte le sostanze che gli sono necessarie per vivere. Beadle e Tatum isolarono dei mutanti auxotrofi e vennero divisi in categorie: Non auxotrofi Auxotrofi per aminoacidi. Auxotrofi per vitamine. Una volta fatto questo decisero di analizzare i passaggi biochimici alterati dalle mutazioni. Essi ipotizzarono che le cellule di Neurospora funzionassero per interazione dei prodotti di un gran numero di geni ed immaginarono che la Neurospora selvatica convertisse i costituenti del terreno minimo di coltura in aminoacidi ed altre sostanze, con una serie di reazioni organizzate in una catena biochimica. In questo modo la sintesi dei componenti cellulari avviene in seguito ad una serie di piccoli passaggi ciascuno catalizzato dal proprio enzima. Beadle e Tatum chiamarono la relazioni tra i geni di un organismo e gli enzimi necessari per catalizzare le reazioni chimiche di una catena biochimica: ipotesi un gene - un enzima. Oggi questa ipotesi (che si è dimostrata corretta) può essere aggiornata nell'ipotesi un gene - un polipeptide; dato che sappiamo che un enzima (ovvero una proteina) può essere costituito da più catene polipeptidiche. Deficienze enzimatiche nell'uomo; Molte patologia nell'uomo sono causate dall'alterazione di un gene che determina il blocco di una catena biochimica. La Fenilchetunoria (o PKU); E' causata da una mutazione del gene che codifica per la fenilalanina idrossilasi. In seguito a questa mutazione la fenilalanina non può essere convertita in tirosina; dato che la tirosina concorre a produrre gli ormoni tiroxina, adrenalina e melanina, queste sostanze non possono essere prodotte nell'organismo di un individuo affetto da PKU. La tirosina può essere fornita dal cibo anche se non contiene una grande quantità di tirosina; di conseguenza gli individui affetti presentano pelle molto chiara, occhi azzurri (anche se hanno geni che codificano per occhi marroni) e livelli di adrenalina relativamente bassi. L'assenza della fenilalanina idrossilasi comporta però anche un accumulo di fenilalanina che non può più essere trasformata in tirosina; tuttavia viene convertita in una serie di derivati. L'accumulo di uno di questi derivati l'acido fenilpiruvico altera drammaticamente le cellule del sistema nervoso centrale e produce ritardo mentale, scarsa crescita e morte precoce.

16 16 L'albinismo; E' causato da una mutazione recessiva e, gli individui devono essere omozigoti per presentare i segni della patologia. Il fenotipo tipico degli albini è dovuto all'assoluta mancanza di melanina infatti gli individui affetti hanno pelle bianca, capelli bianchi ed occhi rossi (dovuti alla mancanza di pigmento nell'iride). Esistono almeno due tipi di albinismo dato che esistono perlomeno due passaggi della catena metabolica che porta alla formazione di melanina che possono essere interrotti. Quindi se due albini di diverso tipo si incrociano possono avere dei figli normali dato che le due mutazioni non alleliche si complementano. Anemia falciforme; Gli eritrociti degli individui affetti si presentano tipicamente con una forma "a falce", sono più fragili e meno elastici; di conseguenza tendono a bloccarsi nei capillari sanguigni piuttosto che scorrervi all'interno. Come conseguenza la circolazione sanguigna ne risente ed i tessuti serviti dai capillari rimangono senza ossigeno; gli individui affetti possono presentare una grande varietà di sintomi come danni cardiaci, polmonite, paralisi, insufficienza renale e dolori addominali. L'emoglobina, la molecola presente negli eritrociti che trasporta l'ossigeno, è un enzima costituito da quattro polipeptidi, due α e due β. L'anemia falciforme è causata da una mutazione omozigotica nel gene per il polipeptide β. La mutazione β S è codominante con il selvatico β A, gli individui β A β S fanno due tipi di emoglobina, una chiamata Hb-A normale, ed una chiamata Hb-S è un'emoglobina difettiva con due catene α normali, e due catene β anormali. Gli individui con emoglobina Hb-S presentano i cosiddetti tratti di anemia falciforme e, di norma, presentano una sintomatologia meno accentuata rispetto agli individui omozigoti recessivi β S β S. La mutazione è dovuta alla sostituzione dell'aminoacido Acido Glutammico (idrofilo) con l'aminoacido neutro Valina (idrofobo). Il differente comportamento dei due aminoacidi porta ad una modificazione nella struttura delle catene β che, per poter assumere la conformazione terziaria corretta, diventano strette ed allungate conferendo all'intera molecola di emoglobina (e di conseguenza all'intero globulo rosso) questo tipo di forma.

17 17 La struttura del materiale genetico; Prima che si scoprisse che gli acidi nucleici erano i portatori dell'informazione genetica, i genetisti avevano stabilito delle regole che le molecole portatrici dell'informazione genetica dovevano avere: 1. Dovevano possedere in forma stabile l'informazione concernente la struttura, la forma, lo sviluppo e la riproduzione delle cellule di un organismo. 2. Dovevano essere in grado di replicare accuratamente per trasmettere correttamente l'informazione genetica alla progenie. 3. Dovevano però essere in grado di andare incontro a cambiamento in quanto, in caso contrario, non sarebbe stato possibile l'evoluzione. La scoperta del DNA come materiale genetico; Uno dei primi studi che portò sulla strada corretta i genetisti, fu condotto su un batterio: Diplococcus Pneumoniae (detto Pneumococco). Furono usati due ceppi di questo batterio, un ceppo liscio S (smooth) virulento che porta alla morte l'animale infetto, ed un R (rough) non virulento. La differenza sostanziale è dovuta all'involucro polisaccaridico posseduto dai batteri del ceppo S che li rende virulenti al contreario di quelli appartenenti al ceppo R. L'esperimento procedette in questo modo: 1. Vennero iniettati batteri S in un topo, questo morì e furono tro vati nel suo sangue batteri S. 2. Vennero iniettati batteri R in una topo, l'animale sopravvisse e non si trovarono batteri nel suo sangue. 3. Vennero uccisi con il calore dei batteri S e poi vennero iniettati nel topo e questi sopravvisse, non si trovarono batteri nel suo sangue. 4. Vennero iniettati in un topo dei batteri S precedentemente uccisi e dei batteri R vivi, il topo morì e nel suo sangue furono trovati batteri S. Qualcosa nell'ultima fase dell'esperimento doveva aver fatto si che i batteri R acquistassero la capacità di costruirsi l'involucro polisaccaridico e quindi di diventare virulenti. Andando a scindere i batteri nei gruppi di molecole fondamentali che li costituiscono (lipidi, proteine, acidi nucleici e carboidrati) ci si rese conto che erano proprio gli acidi nucleici a trasporate l'informazione genetica, e, in questo caso specifico, trattando con DNasi ed RNasi i gli acidi nucleici scoprirono che era proprio il DNA che conteneva quel "fattore trasformante". Un analogo esperimento fu compiuto usando fagi λ e dei marcatori radioattivi per fosforo e zolfo (il primo si lega al DNA, il secondo alle proteine) e confermò i risultati di quello compiuto sul pneumococco. L'RNA come materiale genetico; Fino ad ora si era considerato che fosse solo il DNA il portatore dell'informazione genetica; nella realtà studiando il virus a mosaico del tabacco che è costituito solo da proteine ed RNA ci si è resi conto che, in questo caso, era l'rna a portare l'informazione in grado di provocare la patologia nelle piante di tabacco.

18 18 La composizione chimica di DNA ed RNA; Sia il DNA che l'rna sono molecole polimeriche composte da monomeri che sono chiamati nucleotidi. Ciascun nucleotide è costituito da tre parti distinte: Un pentoso (Desossiribosio o il Ribosio) Una base azotata Un gruppo fosfato Le basi azotate si dividono poi in: Purine: Adenina e Guanina Pirimidine: Timina e Citosina Nella molecola di RNA al posto della Timina c'è l'uracile La struttura fisica del DNA; La struttura del DNA fu scoperta da Watson e Creek con metodi di diffrazione ai raggi X. Essa è costituita da una doppia elica con avvolgimento destrorso, ha un diametro di circa 2 nm., le due catene sono antiparallele (hanno polarità opposta) e ci sono 10 coppie di basi per ogni giro di elica. In seguito sono state individuate altre strutture del DNA: B DNA: è la struttura tradizionale con 10 coppie di basi per ciascun giro dell'elica ed un'inclinazione delle stesse di 2 rispetto al piano orizzontale. A DNA: si viene ad avere in particolari condizioni di umidità, l'elica è meno schiacciata, le basi sono inclinate di 13 e per ogni giro di elica ci sono 10.9 coppie di basi. Questa forma non è mai stata rilevata in vivo. Z DNA: è costituito da un'elica sinistrorsa, le basi sono inclinate di 8,8 e vi sono 12 paia di basi per ogni giro completo di elica. Esistono delle situazioni nelle quali sono stati rilevati tratti di DNA in questa conformazione nelle cellule in vivo e si pensa che possano costituire un qualche segnale di controllo non ancora definito. La natura e le caratteristiche del codice genetico; Il codice è a triplette. Ogni codone dell'mrna che specifichi per un aminoacido è costituito da tre nucleotidi. Il codice non ha segni di interpunzione. L'mRNA viene letto in maniera continua senza saltare alcun nucleotide. Il codice non ha sovrapposizioni. Un messaggio del tipo AAGAAGAAG sarebbe possibile leggerlo in tre modi diversi, o AAG, AAG; AAG; oppure AGA, AGA, AGA; oppure ancora GAA, GAA, GAA a seconda di dove si inizi la lettura. Nella realtà esistono dei meccanismi che impediscono questo fenomeno. Il codice è quasi universale. Tutti gli organismi condividono lo stesso linguaggio dal punto di vista genetico; ad esempio AAA codifica per Lisina in tutti gli organismi. In questo modo sarebbe possibile isolare l'mrna di un organismo, farlo tradurre da un altro organismo e produrre delle proteine identiche a quelle che si sarebbero prodotte nel primo organismo. Nella realtà ad esempio i mitocondri dei Mammiferi possiedono minori variazioni del codice.

19 Il codice è degenerato. Tranne nel caso della metionina (AUG) e del triptofano (UGG), per ogni aminoacido è presente più di un codone con il fenomeno chiamato della degenerazione del codice. Nella realtà si è visto che l'uso dei diversi codoni non è casuale, infatti esistono dei codoni che vengono usati più frequentemente di altri. Il codice ha dei segnali di inizio e di fine. Nel codice sono contenuti dei segnali specifici di inizio e fine traduzione. Il segnale di inizio è costituito dalla tripletta che codifica per la metionina: AUG anche se in alcuni rari casi può venire usata GUG. Solo 64 codoni codificano per aminoacidi e questi vengono chiamati codoni senso; gli altri tre codoni: UAG, UAA e UGA non specificano per nessun aminoacido, vengono chiamati codoni non senso e costituiscono i codoni di stop o di terminazione. L'anticodone vacilla. L'ipotesi del vacillamento dell'anticodone si basa sul fatto che la base posta al 5' terminale dell'anticodone (che è complementare alla base 3' del codone) non è sottoposta a restrizioni nell'appaiamento come lo sono le altre due basi che costituiscono la tripletta. Questa caratteristica permette un appaiamento della basi meno preciso cosicché la base posta al 5' dell'anticodone può potenzialmente appaiarsi con tre basi differenti al 3' del codone. In condizioni normali non esiste nessun trna in grado di riconoscere quattro codoni diversi, ma se la molecola di trna contiene il nucleoside modificato inosina, allora tre codoni diversi possono essere riconosciuti dallo stesso trna. 19

20 20 Tecnologie del DNA ricombinante; Il DNA è tipicamente prodotto prendendo un pezzo di DNA da un organismo ed infilandolo in un vettore di clonazione che è una molecola in grado di replicarsi in un organismo ospite, come un batterio, producendo molte copie per lo studio e la manipolazione. Endonucleasi di restrizione; Le endonucleasi di restrizione (o enzimi di restrizione) sono molecole in grado di riconoscere specifiche sequenze di DNA chiamate siti di restrizione e di tagliare la doppia elica in corrispondenza di tali sequenze. Esistono tantissimi enzimi di restrizione che vengono classificati in due categorie: Enzimi di restrizione di Tipo I: riconoscono una specifica sequenza di DNA e poi tagliano il DNA in punti non specifici ad una certa distanza da quella sequenza. Enzimi di restrizione di Tipo II: riconoscono la sequenza di nucleotidi e tagliano il DNA all'interno di questa sequenza. Evidentemente per gli esperimenti di DNA ricombinante sono più utili gli enzimi di Tipo II. Gli enzimi di restrizione più comunemente usati riconoscono sequenze di 4 o 6 paia di basi, alcuni enzimi riconoscono 5 coppie di nucleotidi, e recentemente sono stati individuati enzimi di restrizione in grado di riconoscere 8 coppie di nucleotidi. Evidentemente in un filamento di DNA con una distribuzione casuale delle basi, un enzima di restrizione che riconosce quattro coppie di basi taglierà molto più di frequente di uno che riconosce una sequenza di 5 coppie, e così via. Tuttavia il DNA dei viventi non possiede una distribuzione casuale delle basi, in quanto esistono molecole di DNA particolarmente ricche di GC o altre di AT; di conseguenza di usano delle tabelle nelle quali vi sono espresse le sequenze riconosciute dai vari enzimi e dove operano il taglio. Enzimi di restrizione che riconoscono 8 coppie di nucleotidi tagliano con una frequenza abbastanza bassa e per questo, vengono usati per tagliare pezzi piuttosto grandi di genomi di grandi dimensioni come quello umano. Alcuni enzimi operano un taglio ad estremità piatte, ovvero tagliano entrambe le eliche di DNA tra le stesse due coppie di nucleotidi; altri tagliano ad estremità appiccicose (o a zigzag) appunto tagliano tra due coppie di nucleotidi diversi. Gli enzimi di restrizione che producono estremità appiccicose sono molto utili nella clonazione di frammenti di DNA dato che, tagliando con lo stesso enzima due DNA diversi, questi presenteranno delle estremità complementari che tenderanno spontaneamente a riunirsi, in presenza di DNA ligasi poi queste unioni possono essere "saldate". Comunque anche frammenti di DNA ad estremità piatte possono essere saldati con alte percentuali di DNA ligasi.

GENETICA MENDELIANA. Per i suoi studi, Mendel utilizzò piante di pisello odoroso (Pisum sativum) Facilità di coltivazione. Disponibilità di varietà

GENETICA MENDELIANA. Per i suoi studi, Mendel utilizzò piante di pisello odoroso (Pisum sativum) Facilità di coltivazione. Disponibilità di varietà GENETICA: è la scienza che studia i caratteri ereditari degli organismi viventi, i meccanismi attraverso i quali si trasmettono ai discendenti e le modalità con cui si manifestano. La genetica moderna

Dettagli

Genetica. Mendel e la genetica

Genetica. Mendel e la genetica Genetica Le leggi dell ereditarietà di Mendel Ereditarietà e cromosomi Estensioni della genetica mendeliana Applicazioni della genetica Genoma umano Mendel e la genetica Mendel 81822-1884), un monaco di

Dettagli

GENETICA. Ibridi discendenti ottenuti dall incrocio di due linee pure ovvero la generazione F1.

GENETICA. Ibridi discendenti ottenuti dall incrocio di due linee pure ovvero la generazione F1. BASI FISICHE DELL EREDITARIETA GENETICA La Genetica è quella branca della Biologia che si occupa dello studio dei caratteri ereditari e delle loro implicazioni. I caratteri ereditari prendono il nome di

Dettagli

LA GENETICA. Dott.ssa Valentina Terio

LA GENETICA. Dott.ssa Valentina Terio LA GENETICA Dott.ssa Valentina Terio LLA GENETCA SCIENZA NATA CIRCA 150 ANNI FA GRAZIE AD UN STUDIOSO AUSTRIACO DI NOME MENDEL Pisello da giardino per la facilità di crescita e la possibilità di una impollinazione

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA a.a.2011-2012 11.10.2011 Lezioni N. 7 e 8 Ereditarietà Mendeliana Segregazione alleli, indipendenza geni, associazione, ricombinazione Dott.ssa Elisabetta Trabetti UN GENE =

Dettagli

GENETICA seconda parte

GENETICA seconda parte GENETICA seconda parte I cromosomi sono lunghe molecole di una sostanza l acido desossiribonucleico. DNA Il DNA è una lunga catena fatta da due lunghi fili avvolti su se stessi a doppia elica. Sembra una

Dettagli

I MOTORI DELL EVOLUZIONE PT1. POMERIGGIO DI AGGIORNAMENTO 23.03.2011 PROF. M.A. ZORDAN, Ph.D UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

I MOTORI DELL EVOLUZIONE PT1. POMERIGGIO DI AGGIORNAMENTO 23.03.2011 PROF. M.A. ZORDAN, Ph.D UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA I MOTORI DELL EVOLUZIONE PT1 POMERIGGIO DI AGGIORNAMENTO 23.03.2011 PROF. M.A. ZORDAN, Ph.D UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA 1 GREGOR MENDEL 1822-1884 2 2 Grandi navigatori 3 3 Rotte commerciali per le

Dettagli

Scienza che studia la

Scienza che studia la Genetica Scienza che studia la trasmissione delle caratteristiche degli individui alla propria discendenza Genetica: termini Fenotipo:aspetto di una caratteristica per una determinata specie Linea pura:

Dettagli

Bioinformatica e Biologia Computazionale per la Medicina Molecolare

Bioinformatica e Biologia Computazionale per la Medicina Molecolare V Scuola di Ingegneria dell Informazione Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica II Scuola di Ingegneria dei Sistemi Laurea Magistrale in Ingegneria Biomedica Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dettagli

LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA

LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA Un metodo di base di analisi genetica negli esseri umani è la costruzione di una storia familiare per seguire la trasmissione ereditaria di un carattere.

Dettagli

Meiosi Genetica. Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica

Meiosi Genetica. Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica Meiosi Genetica Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica Batteri e altri organismi unicellulari si riproducono mediante divisione cellulare (riproduzione

Dettagli

LA GENETICA scienza che studia i caratteri ereditari e i meccanismi che ne regolano la trasmissione.

LA GENETICA scienza che studia i caratteri ereditari e i meccanismi che ne regolano la trasmissione. LA GENETICA scienza che studia i caratteri ereditari e i meccanismi che ne regolano la trasmissione. Gregor Jhoann Mendel (1822-1884) Mendel viveva nel monastero di Brum, a Brno in Repubblica Ceca, studiò

Dettagli

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 2. Domande concettuali

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 2. Domande concettuali SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 2 Domande concettuali C1. Il lavoro di Mendel dimostrò che i determinanti genetici vengono ereditati con modalità dominante/recessiva. Questo era evidente in molti dei

Dettagli

LA GENETICA: DNA e RNA LA GENETICA. DNA e RNA. Prof. Daniele Verri

LA GENETICA: DNA e RNA LA GENETICA. DNA e RNA. Prof. Daniele Verri LA GENETICA DNA e RNA Prof. Daniele Verri L'acido desossiribonucleico o deossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico che contiene le informazioni necessarie per la formazione di RNA e proteine. LA GENETICA:

Dettagli

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere l informazione genetica nelle cellule,

Dettagli

Trasmissione del materiale ereditario

Trasmissione del materiale ereditario Trasmissione del materiale ereditario Confronto tra mitosi e meiosi: La mitosi consiste in una duplicazione dei cromosomi seguita da una regolare separazione Ciascun cromosoma si comporta indipendentemente

Dettagli

La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte II: Meiosi

La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte II: Meiosi La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte II: Meiosi 1 Cromosomi omologhi I cromosomi in un corredo cromosomico diploide sono presenti come coppie di omologhi Negli animali le cellule

Dettagli

La Genetica. Le leggi di Mendel

La Genetica. Le leggi di Mendel La Genetica Le leggi di Mendel La Genetica Il monaco Gregor Mendel (1822-1884) fu il primo a studiare in modo rigoroso il fenomeno della trasmissione dei caratteri ereditari. Per questo, pur non avendo

Dettagli

La trasmissione dei caratteri ereditari. Le leggi di Mendel (1882-1884)

La trasmissione dei caratteri ereditari. Le leggi di Mendel (1882-1884) La trasmissione dei caratteri ereditari Le leggi di Mendel (1882-1884) Le leggi di Mendel studiano la trasmissione di caratteri qualitativi prodotti da un singolo gene Procedimento sperimentale di Mendel

Dettagli

Corso di Biologia Molecolare

Corso di Biologia Molecolare Corso di Biologia Molecolare Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Acidi nucleici Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere

Dettagli

GENETICA MENDELIANA NELL UOMO

GENETICA MENDELIANA NELL UOMO GENETICA MENDELIANA NELL UOMO GENETICA FORMALE o GENETICA CLASSICA basata unicamente su risultati visibili di atti riproduttivi. È la parte più antica della genetica, risalendo agli esperimenti di Mendel

Dettagli

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi.

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. DNA - RNA Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Esistono 4 basi azotate per il DNA e 4 per RNA Differenze

Dettagli

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo)

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) Regolazione della trascrizione Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) I geni possono essere accesi e spenti In un organismo pluricellulare adulto, vi sono molti tipi di cellule differenti,

Dettagli

La riproduzione cellulare

La riproduzione cellulare La riproduzione cellulare La riproduzione è una proprietà fondamentale dei viventi, che si manifesta a partire dalle singole cellule. Attraverso la riproduzione viene assicurata la continuità della vita.

Dettagli

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 4. Domande concettuali

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 4. Domande concettuali SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 4 Domande concettuali C1. La dominanza si verifica quando un allele esercita completamente i suoi effetti sul fenotipo rispetto a un altro allele. La dominanza incompleta

Dettagli

Corso di Biologia Molecolare

Corso di Biologia Molecolare Corso di Biologia Molecolare Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Acidi nucleici Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

Le leggi della Genetica

Le leggi della Genetica Le leggi della Genetica La genetica studia le caratteristiche ereditarie e come esse si trasmettono attraverso le generazioni. Si tratta di un campo di indagine scientifica vastissimo che, sulla base di

Dettagli

Risposta: 2. Uracile. Risposta: 2. legami idrogeno. Adenina, Citosina e Guanina si trovano sia nell RNA che nel DNA.

Risposta: 2. Uracile. Risposta: 2. legami idrogeno. Adenina, Citosina e Guanina si trovano sia nell RNA che nel DNA. Risposta: 2. Uracile Adenina, Citosina e Guanina si trovano sia nell RNA che nel DNA. La Timina si trova soltanto nel DNA; l Uracile si sostituisce alla Timina nelle molecole dell RNA. Risposta: 2. legami

Dettagli

La regolazione genica nei virus

La regolazione genica nei virus La regolazione genica nei virus Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri I VIRUS INDICE Caratteristiche dei virus: il capside e il genoma virale Classificazione virale Fasi del ciclo riproduttivo

Dettagli

LE MOLECOLE INFORMAZIONALI. Lezioni d'autore Treccani

LE MOLECOLE INFORMAZIONALI. Lezioni d'autore Treccani LE MOLECOLE INFORMAZIONALI Lezioni d'autore Treccani Introduzione (I) I pionieri della biologia molecolare, scoperta la struttura degli acidi nucleici, pensarono di associare al DNA una sequenza di simboli,

Dettagli

. Per basse concentrazioni di substrato la velocità cresce proporzionalmente

. Per basse concentrazioni di substrato la velocità cresce proporzionalmente 21) Il ph influenza l'attività enzimatica modificando la struttura del sito attivo con il cambiamento della distribuzione delle cariche coinvolte nei legami tra il substrato e il sito attivo. L'intervallo

Dettagli

V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA

V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA 0) CONCETTI BASE La trasformazione delle informazioni genetiche in proteine richiede due passaggi: la trascrizione del DNA in mrna e la traduzione dell mrna in una

Dettagli

Genetica dei microrganismi 3

Genetica dei microrganismi 3 Genetica dei microrganismi 3 2 In questo caso il filtro poroso non eliminava lo scambio, indicando l esistenza di un fattore diffusibile DNasi resistente Trasduzione generalizzata 3 Figura 10.14 4 Trasduzione

Dettagli

la probabilità q di avere un ricombinante è 0,286/2 = 0,143; la probabilità p di avere un parentale è quindi (1-0,286)/2 = 0,714/2 = 0,357.

la probabilità q di avere un ricombinante è 0,286/2 = 0,143; la probabilità p di avere un parentale è quindi (1-0,286)/2 = 0,714/2 = 0,357. Analizziamo i figli: per 3 volte A è stato trasferito insieme a B e per 2 volte a insieme a b (5 parentali); per 2 volte A con b e B con a (2 ricombinanti). Secondo l ipotesi dell indipendenza, ci aspettiamo

Dettagli

Delezione. Duplicazione. Variazioni della struttura. Inversione. Traslocazione. Mutazioni cromosomiche. Nullisomia Monosomia Trisomia Tetrasomia

Delezione. Duplicazione. Variazioni della struttura. Inversione. Traslocazione. Mutazioni cromosomiche. Nullisomia Monosomia Trisomia Tetrasomia Delezione Variazioni della struttura Duplicazione Inversione Mutazioni cromosomiche Variazioni del numero Traslocazione Aneuploidie Nullisomia Monosomia Trisomia Tetrasomia Variazioni del numero di assetti

Dettagli

Il nucleo e la riproduzione cellulare: mitosi e meiosi 1

Il nucleo e la riproduzione cellulare: mitosi e meiosi 1 Il nucleo e la riproduzione cellulare: mitosi e meiosi 1 IL NUCLEO Il nucleo è la porzione di protoplasma racchiusa all interno della membrana nucleare. Il nucleo rappresenta il cervello della cellula,

Dettagli

LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE. Anno scolastico 2012-2013. CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA.

LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE. Anno scolastico 2012-2013. CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA. LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno scolastico 2012-2013 CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA 2 ore settimanali Docente: Prof.ssa Negri Maria Rosa Testo: Le basi della Biologia

Dettagli

IL GENOMA UMANO. Ogni cromosoma è suddiviso in regioni d informazione dette GENI. L informazione espressa da ciascun gene è detta CARATTERE.

IL GENOMA UMANO. Ogni cromosoma è suddiviso in regioni d informazione dette GENI. L informazione espressa da ciascun gene è detta CARATTERE. IL GENOMA UMANO Ogni cellula contiene nel nucleo una molecola chiamata DNA (acido desossiribonucleico) Tale molecola ha la forma di una lunghissima scala a chiocciola. I gradini che compongono la scala

Dettagli

Plasmidi come vettori di clonaggio

Plasmidi come vettori di clonaggio Plasmidi come vettori di clonaggio Un vettore plasmidico di buona qualità deve possedere le seguenti proprietà: 1. Piccole dimensioni (

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

La Genetica. Le leggi di Mendel

La Genetica. Le leggi di Mendel La Genetica Le leggi di Mendel Genetica: scienza che studia la trasmissione dei caratteri ereditari (che si trasmettono di generazione in generazione) Carattere: caratteristica esterna, interna o comportamentale

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

Genetica umana. Storia. Storia. Storia. Storia. Ramón Lucas Lucas, LC lucas@unigre.it www.ramonlucas.org

Genetica umana. Storia. Storia. Storia. Storia. Ramón Lucas Lucas, LC lucas@unigre.it www.ramonlucas.org Genetica umana Ramón Lucas Lucas, LC lucas@unigre.it www.ramonlucas.org P Anni 30: coperta dei difetti congeniti del metabolismo (difetto ereditario nei processi normali del metabolismo) P Anni 30-45:

Dettagli

REPLICAZIONE DEL DNA

REPLICAZIONE DEL DNA REPLICAZIONE DEL DNA La replicazione (o anche duplicazione) è il meccanismo molecolare attraverso cui il DNA produce una copia di sé stesso. Ogni volta che una cellula si divide, infatti, l'intero genoma

Dettagli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli 1 ELEMENTI DI GENETICA LA GENETICA È: LA DISCIPLINA (= LA SCIENZA) CHE INDAGA SUI MECCANISMI DELLA TRASMISSIONE DEI CARATTERI DA UNA GENERAZIONE ALL ALTRA. RICORDIAMO 2 CONCETTI FONDAMENTALI: A) GENOTIPO:

Dettagli

svolgimento del programma precedente M F totale

svolgimento del programma precedente M F totale PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2009-2010 Docente:Cristina Marcon CLASSE 2A Materia: Biologia 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi educativo-cognitivi generali che sono stati

Dettagli

Programmazione annuale a.s. 2012/2013

Programmazione annuale a.s. 2012/2013 Programmazione annuale a.s. 2012/2013 Docente: Mendo Daniela Materia: biologia Classe: 4 B sociale Nel singolo consiglio di classe sono stati definiti i seguenti obiettivi educativo-cognitivi generali:

Dettagli

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato.

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Correlazione tra fenotipo alterato, o a livello cellulare,

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Le strategie mendeliane

Le strategie mendeliane Le strategie mendeliane Il punto di partenza: il rompicapo sull eredità e come l approccio sperimentale innovativo di Mendel aiutò a risolverlo. Il lavoro vero e proprio: l analisi genetica secondo Mendel,compresa

Dettagli

TUTTO VA COME SE. Redi. Mendel Morgan. Needham. Pasteur. Spallanzani

TUTTO VA COME SE. Redi. Mendel Morgan. Needham. Pasteur. Spallanzani TUTTO VA COME SE Pasteur (1822-1895) confutatore della teoria della generazione spontanea e Morgan (1866-1945) padre della genetica moderna. Attraverso due secoli di storia vogliamo esemplificare un metodo

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz TRASCRIZIONE

www.fisiokinesiterapia.biz TRASCRIZIONE www.fisiokinesiterapia.biz TRASCRIZIONE TRASCRIZIONE Processo mediante il quale una sequenza di DNA (un gene) viene copiata in una sequenza di RNA Dalla trascrizione derivano gli mrna, che verranno tradotti

Dettagli

DI TESTA VITO MARIA STA/L-CS VITERBO

DI TESTA VITO MARIA STA/L-CS VITERBO DI TESTA VITO MARIA STA/L-CS VITERBO 1 Sommario - Capitolo 1 Natura materiale ereditario da pag.3 a pag.7 - Capitolo 2 Organizzazione materiale ereditario da pag. 8 a pag.15 - Capitolo 3 Trasmissione del

Dettagli

I Composti Organici. Le Biomolecole

I Composti Organici. Le Biomolecole I Composti Organici I composti organici sono molecole tutte contenenti carbonio. Essi comprendono. 1. composti di interesse energetico che sono gli Idrocarburi ( i derivati del petrolio), 2. composti a

Dettagli

Scheda 1 1. SCHEDA 1 (2 ore) - MITOSI E MEIOSI - INCROCI CON UN GENE

Scheda 1 1. SCHEDA 1 (2 ore) - MITOSI E MEIOSI - INCROCI CON UN GENE Scheda 1 1 SCHEDA 1 (2 ore) - MITOSI E MEIOSI - INCROCI CON UN GENE 1. Disegna in modo schematico i cromosomi nei diversi stadi di mitosi di una cellula diploide con n = 1. L individuo è eterozigote per

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2013-2014

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2013-2014 SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2013-2014 ASSE DISCIPLINA SCIENTIFICO TECNOLOGICO BIOTECNOLOGIE AGRARIE DOCENTE DARMAN ELENA 2 BIENNIO CLASSE 3 CORSO E SEZIONE TECNICA

Dettagli

GENETICA genetica classica genetica mendeliana genetica di popolazione genetica molecolare ingegneria genetica. caratteri variabilità genotipo

GENETICA genetica classica genetica mendeliana genetica di popolazione genetica molecolare ingegneria genetica. caratteri variabilità genotipo 2007 GENETICA La Genetica è la scienza che studia l ereditarietà dei geni. La genetica trova le sue origini negli studi del monaco austriaco Gregor Mendel, risalenti alla metà dell Ottocento. Mendel effettuò

Dettagli

Capitolo 3 Riproduzione e trasmissione dei cromosomi

Capitolo 3 Riproduzione e trasmissione dei cromosomi Capitolo 3 Riproduzione e trasmissione dei cromosomi 3.1 Nelle cellule somatiche del topolino domestico vi sono 40 cromosomi. a. Quanti cromosomi riceve dal padre? b. Quanti autosomi sono presenti nel

Dettagli

Il flusso dell informazione genetica il ruolo dei polimeri di nucleotidi

Il flusso dell informazione genetica il ruolo dei polimeri di nucleotidi Il flusso dell informazione genetica il ruolo dei polimeri di nucleotidi trascrizione traduzione DNA RNA Proteina replicazione DNA replicazione: sintesi del DNA trascrizione: sintesi del RNA traduzione:

Dettagli

Il DNA e la duplicazione cellulare. Acidi nucleici: DNA, materiale ereditario

Il DNA e la duplicazione cellulare. Acidi nucleici: DNA, materiale ereditario Il DN e la duplicazione cellulare Il DN, materiale ereditario Struttura del DN Replicazione del DN Dal DN alla proteina Il odice genetico iclo cellulare Mitosi Meiosi Da Figura 8-11 ampbell & Reece cidi

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

PROGRAMMA di BIOLOGIA/MICROBIOLOGIA per la classe IIIB Tecnologico

PROGRAMMA di BIOLOGIA/MICROBIOLOGIA per la classe IIIB Tecnologico PROGRAMMA di BIOLOGIA/MICROBIOLOGIA per la classe IIIB Tecnologico Prof. Bozzato Andrea Prof.ssa Rosa Monica (Laboratorio) Il libro di testo è: Terra Ed. Verde, autori E.L.Palmieri, M.Parotto casa editrice

Dettagli

VARIAZIONI DELLA STRUTTURA DEI CROMOSOMI

VARIAZIONI DELLA STRUTTURA DEI CROMOSOMI VARIAZIONI DELLA STRUTTURA DEI CROMOSOMI Le alterazioni strutturali implicano cambiamenti di parti di cromosomi. Esistono 4 tipi di tali mutazioni: Delezione Duplicazione inversione Traslocazione Determinano

Dettagli

Si tratta di corpiccioli di natura ribonucleoproteica che nel citoplasma di tutte le cellule presiedono ai processi di sintesi proteica.

Si tratta di corpiccioli di natura ribonucleoproteica che nel citoplasma di tutte le cellule presiedono ai processi di sintesi proteica. I R I BOSOM I I RIBOSOMI sono organuli citoplasmatici presenti in tutte le cellule, sia procariotiche che eucariotiche. Sono visibili al M.O. solo quando presenti in gran numero, (come capita nelle cellule

Dettagli

C2. Il rilascio del fattore sigma marca il passaggio alla fase di allungamento della trascrizione.

C2. Il rilascio del fattore sigma marca il passaggio alla fase di allungamento della trascrizione. Soluzioni ai problemi del Capitolo 12 Domande concettuali C1. A. I geni dei trna codificano molecole di trna e i geni degli rrna le molecole di rrna che si trovano nei ribosomi. Esistono anche dei geni

Dettagli

Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione

Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione DNA RNA Trascrizione RNA PROTEINE Traduzione Dove avvengono? GLI EUCARIOTI I PROCARIOTI Cambell, Reece Biologia ZANICHELLI Trascrizione Sintesi di

Dettagli

Prof.ssa Gamba Sabrina. Lezione 7: IL DNA. Duplicazione e sintesi delle proteine

Prof.ssa Gamba Sabrina. Lezione 7: IL DNA. Duplicazione e sintesi delle proteine Prof.ssa Gamba Sabrina Lezione 7: IL DNA Duplicazione e sintesi delle proteine concetti chiave della lezione Costituzione fisico-chimica del DNA Basi azotate Duplicazione Concetto di geni Rna Trascrizione

Dettagli

Gerarchia della struttura delle proteine

Gerarchia della struttura delle proteine Si indica con CONFORMAZIONE la disposizione tridimensionale degli atomi di una molecola, cioè la loro organizzazione spaziale. Gerarchia della struttura delle proteine struttura primaria: sequenza degli

Dettagli

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione SINTESI DELL RNA Replicazione Trascrizione Traduzione L RNA ha origine da informazioni contenute nel DNA La TRASCRIZIONE permette la conversione di una porzione di DNA in una molecola di RNA con una sequenza

Dettagli

Malattie genetiche. Il genoma umano e formato da 23 paia di cromosomi (1 paio di eterocromosomi, 22 paia di autosomi).

Malattie genetiche. Il genoma umano e formato da 23 paia di cromosomi (1 paio di eterocromosomi, 22 paia di autosomi). Malattie genetiche Il patrimonio genetico e contenuto nel DNA. Il genoma umano e formato da 23 paia di cromosomi (1 paio di eterocromosomi, 22 paia di autosomi). La sequenza di tutto il genoma umano e

Dettagli

Struttura di una possibile serie di lezioni sull ereditarietà e sul DNA

Struttura di una possibile serie di lezioni sull ereditarietà e sul DNA 1 Struttura di una possibile serie di lezioni sull ereditarietà e sul DNA IL PERCORSO DIDATTICO Conosciamo noi stessi A chi assomiglio? Analisi dei caratteri ereditati Da dove derivano i caratteri? Costruiamo

Dettagli

SINTESI PROTEICA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione

SINTESI PROTEICA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione Replicazione SINTESI PROTEICA Trascrizione Traduzione 61 codoni codificanti 3 triplette non senso (STOP) AUG codone di inizio codone per Met Caratteristiche del codice genetico Specificità Il codice genetico

Dettagli

PROGRAMMA DI SCIENZE Cl. II sez. E A.S. 2014/2015. Testo: S. Passannanti C. Sbriziolo Noi e la chimica Dai fenomeni alle leggi Ed.

PROGRAMMA DI SCIENZE Cl. II sez. E A.S. 2014/2015. Testo: S. Passannanti C. Sbriziolo Noi e la chimica Dai fenomeni alle leggi Ed. PROGRAMMA DI SCIENZE Cl. II sez. E A.S. 2014/2015 CHIMICA Testo: S. Passannanti C. Sbriziolo Noi e la chimica Dai fenomeni alle leggi Ed. Tramontana S. Passannanti C. Sbriziolo Noi e la chimica agli atomi

Dettagli

Livello di organizzazione degli esseri viventi

Livello di organizzazione degli esseri viventi Livello di organizzazione degli esseri viventi _Organismo; _Apparato; _Organo; _Tessuti; _Cellule; _Organelli cellulari; _Molecole. Atomo, elemento, molecola, composto, formula, legame, elettronegativita.

Dettagli

Figura 1 : organizzazione del materiale genetico nel nucleo delle cellule.

Figura 1 : organizzazione del materiale genetico nel nucleo delle cellule. Il patrimonio genetico, base della vita Il patrimonio genetico (genoma) è l insieme di tutte le informazioni necessarie per costruire ogni embrione, attraverso complessi meccanismi di moltiplicazione delle

Dettagli

5 modulo didattico - Patologia cromosomica.

5 modulo didattico - Patologia cromosomica. 5 modulo didattico - Patologia cromosomica. G0 IL CICLO CELLULARE DI UNA CELLULA DI MAMMIFERO Avviene ogni volta che la cellula si divide Le tappe fondamentali del processo sono: Separazione dei due filamenti

Dettagli

Che significa animale transgenico o animale Knockout???

Che significa animale transgenico o animale Knockout??? Che significa animale transgenico o animale Knockout??? ORGANISMI TRANSGENICI Gli animali che sono stati ingegnerizzati per inserzione di un gene, delezione di un gene o sostituzione di un gene si chiamano

Dettagli

L ereditarietà. Il lavoro di Mendel. fenotipi alternativi. carattere. forma del seme. colore del seme. verde. giallo.

L ereditarietà. Il lavoro di Mendel. fenotipi alternativi. carattere. forma del seme. colore del seme. verde. giallo. L ereditarietà I figli generati per riproduzione sessuale, eredita dai genitori le caratteristiche di base della propria specie e determinate caratteristiche indiiduali che li rendo mili, ma n identici,

Dettagli

I geni del metabolismo

I geni del metabolismo I geni del metabolismo Lezione 6 1 Premessa I Quello che interessa e individuare i geni che controllano le vie metaboliche. Per arrivare a questo risultato si possono usare diverse strategie (non tecniche:

Dettagli

ERCIZI - R ICOMBINANTI COINCIDENZA - HW

ERCIZI - R ICOMBINANTI COINCIDENZA - HW ESERCIZI - RICOMBINANTI COINCIDENZA - HW Esercizio 1 Il 60% di una popolazione di semi riescono a germinare in un terreno contaminato grazie alla presenza di uno specifico allele. Qual'è la frequenza dell'allele

Dettagli

La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte I: Mitosi

La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte I: Mitosi La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte I: Mitosi 1 La divisione cellulare Permette agli organismi di accrescersi e sostituire le cellule morte ed è alla base della riproduzione.

Dettagli

Controllo post-trascrizionale dell espressione genica

Controllo post-trascrizionale dell espressione genica Controllo post-trascrizionale dell espressione genica Livelli di controllo dell espressione genica Rivisitazione del concetto di gene Per gli organismi eucariotici più evoluti il dogma un gene = una proteina

Dettagli

RNA interference. La tecnologia dell RNAi è basata su un processo di inattivazione genica post-trascrizionale, altamente specifico

RNA interference. La tecnologia dell RNAi è basata su un processo di inattivazione genica post-trascrizionale, altamente specifico RNA interference Tecnica che permette di interferire con l espressione di alcuni geni mediante la trasfezione di piccoli frammenti di RNA a doppio filamento in grado di antagonizzare l RNA messaggero corrispondente.

Dettagli

DOMANDA FREQUENTE: QUALE E LA FUNZIONE DI UNA CERTA PROTEINA? SI AUMENTA O SI DIMINUISCE L ESPRESSIONE DELLA PROTEINA

DOMANDA FREQUENTE: QUALE E LA FUNZIONE DI UNA CERTA PROTEINA? SI AUMENTA O SI DIMINUISCE L ESPRESSIONE DELLA PROTEINA DOMANDA FREQUENTE: QUALE E LA FUNZIONE DI UNA CERTA PROTEINA? OVERESPRESSIONE DELLA PROTEINA ESPRESSIONE ECTOPICA CON UN VETTORE DI ESPRESSIONE ABOLIZIONE DELLA ESPRESSIONE DELLA PROTEINA INTERFERENZA

Dettagli

SBOBBINATURE DI GENETICA prof. Varriale a.a. 2012/2013. Olivetta Michelangelo/Fonticelli Mariano. scaricato da www.sunhope.it

SBOBBINATURE DI GENETICA prof. Varriale a.a. 2012/2013. Olivetta Michelangelo/Fonticelli Mariano. scaricato da www.sunhope.it SBOBBINATURE DI GENETICA prof. Varriale a.a. 2012/2013 Olivetta Michelangelo/Fonticelli Mariano 16.10.2012 GENETICA N 1 Perché studiare la genetica? A parte un semplice interesse, lo studio di questa materia

Dettagli

Tecniche di bandeggio

Tecniche di bandeggio Tecniche di bandeggio sono sistemi di colorazione che conferiscono ai cromosomi caratteristici pattern di bande più o meno intense ogni cromosoma umano presenta un bandeggio (ossia una sequenza di bande)

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Dal DNA all RNA. La trascrizione nei procarioti e negli eucarioti

Dal DNA all RNA. La trascrizione nei procarioti e negli eucarioti Dal DNA all RNA La trascrizione nei procarioti e negli eucarioti DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA MOLECOLARE Gene Regione di DNA che porta l informazione (= che CODIFICA) per una catena polipeptidica o per

Dettagli

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo Esperto in processi innovativi di sintesi biomolecolare applicata a tecniche di epigenetica Materiale Didattico Biologia applicata alla ricerca bio-medica immagine Docente: Di Bernardo A COSA SERVE il

Dettagli

INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE. - malattie cardiovascolari - cancro

INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE. - malattie cardiovascolari - cancro INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE - malattie cardiovascolari - cancro Il processo di BIOSENESCENZA implica le caratteristiche seguenti: 1. è deleterio

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia A.A. 2011/2012

Facoltà di Medicina e Chirurgia A.A. 2011/2012 Facoltà di Medicina e Chirurgia A.A. 2011/2012 Prof.ssa Cinzia Di Pietro Deborak Rasà Claudia Reddavid Sara Romano Eliana Russo Il comportamento di un gene non dipende dal genitore che lo trasmette UGUALI

Dettagli

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna DNA: la molecola della vita L'acido desossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico, presente nel nucleo delle cellule, che contiene le informazioni genetiche

Dettagli

Il flusso dell informazione genetica. DNA -->RNA-->Proteine

Il flusso dell informazione genetica. DNA -->RNA-->Proteine Il flusso dell informazione genetica DNA -->RNA-->Proteine Abbiamo visto i principali esperimenti che hanno dimostrato che il DNA è la molecola depositaria dell informazione genetica nella maggior parte

Dettagli

APPUNTI DI GENETICA AGRARIA

APPUNTI DI GENETICA AGRARIA Università degli Studi di Camerino Dipartimento di Scienze ambientali APPUNTI DI GENETICA AGRARIA PROFESSOR CARLO RENIERI Anno Accademico 2007-'08 1. LA GENETICA. La genetica è la scienza dell eredità

Dettagli

Amminoacidi e Proteine

Amminoacidi e Proteine Amminoacidi e Proteine Struttura generale di un α-amminoacido R = catena laterale AMMINOACIDI (AA) CELLULARI Gli amminoacidi presenti nella cellula possono essere il prodotto di idrolisi delle proteine

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

Adriana Giangrande. Paradigmi dell evoluzione biologica

Adriana Giangrande. Paradigmi dell evoluzione biologica Adriana Giangrande Paradigmi dell evoluzione biologica Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978

Dettagli

Gli amminoacidi Gli amminoacidi sono dei composti polifunzionali che hanno formula generale:

Gli amminoacidi Gli amminoacidi sono dei composti polifunzionali che hanno formula generale: Gli amminoacidi Gli amminoacidi sono dei composti polifunzionali che hanno formula generale: N 2 Il nome ordinario degli amminoacidi prevale su quello della nomenclatura IUPA. Si possono avere α-amminoacidi,

Dettagli