STRUMENTI DI BIOLOGIA MOLECOLARE PER L IDENTIFICAZIONE DEI BATTERI LATTICI DELL UVA E DEL VINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRUMENTI DI BIOLOGIA MOLECOLARE PER L IDENTIFICAZIONE DEI BATTERI LATTICI DELL UVA E DEL VINO"

Transcript

1 ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLA VIGNA E DEL VINO STRUMENTI DI BIOLOGIA MOLECOLARE PER L IDENTIFICAZIONE DEI BATTERI LATTICI DELL UVA E DEL VINO Risoluzione OIV-OENO , adottata nell Assemblea generale dell OIV del 22 giugno 2012 a Izmir 1

2 ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLA VIGNA E DEL VINO STRUMENTI DI BIOLOGIA MOLECOLARE PER L IDENTIFICAZIONE DEI BATTERI LATTICI DELL UVA E DEL VINO Informazioni generali Nel corso degli ultimi decenni, sono stati sviluppati differenti metodi molecolari per l identificazione dei batteri lattici (BL) d interesse enologico, allo scopo di ridurre il tempo di analisi di solito necessario per l esecuzione delle analisi fenotipiche. Inoltre, i metodi molecolari, non essendo influenzati dalle condizioni fisiologiche ed ambientali, permettono risultati di identificazione più affidabili. Tali metodi possono essere utilizzati per l identificazione dei batteri lattici nei mosti d uva e durante le varie fasi della vinificazione, dell invecchiamento e della conservazione del vino. Tali strumenti comprendono sia metodi coltura-dipendenti che metodi coltura indipendenti. I metodi molecolari permettono identificazioni a livello di specie e di ceppo. Inoltre, i ceppi batterici possono differenziarsi gli uni dagli altri ed inoltre i ceppi portatori di geni specifici possono essere individuati indipendentemente dalla specie. La tabella riassume i principali metodi molecolari utilizzati per l identificazione dei batteri lattici dell uva e del vino. 2

3 METODI COLTURA-DIPENDENTI (isolamento preliminare dei batteri su piastra e coltivazione) IDENTIFICAZIONE A LIVELLO DI SPECIE Ibridazione (1): dot blot su colonie Metodi basati sulla PCR: -amplificazione di una regione consenso e sequenziamento (3) IDENTIFICAZIONE A LIVELLO DI CEPPO Metodi basati sulla PCR: FUNZIONE SPECIFICA Ibridazione (2): dot blot, su colonie, in situ ( FISH ) e microscopio a fluorescenza Metodi basati sulla PCR: METODI COLTURA-INDIPENDENTI (ANALISI DIRETTA DEL CAMPIONE) -PCR specie-specifica -RFLP o ARDRA: amplificazione e restrizione (6) Ibridazione in situ e osservazione al microscopio a fluorescenza FISH (1) -RAPD: amplificazione random PFGE: restrizione del DNA genomico tramite l utilizzo di enzimi con pochi siti di taglio ed elettroforesi su gel in campo pulsato PCR specifiche (5) Ibridazione (2) in situ ( FISH ) 1 Ricerca di una specie o di una data funzione PCR (4) PCR (5) 2 Identificazione dei batteri senza a priori PCR-DGGE e sequenziamento (6) (1) Sonda specie-specifica (2) La sonda è rappresentata da un gene o da un frammento di gene o da una regione che codifica una specifica proteina (enzima) (3) I primer amplificano la regione consenso (16S rdna, rpob) (4) I primer sono specifici per la specie (5) I primer sono specifici per un gene o una regione che codifica una specifica proteina (enzima) (6) Le sequenze consenso amplificate vengono separate mediante elettroforesi su gel denaturante e, quindi, sequenziate. Ogni specie ha una sequenza specifica. 3

4 METODI COLTURA-DIPENDENTI 1. Informazioni preliminari I metodi di analisi sono applicati a colture pure o a colonie il cui DNA viene estratto e reso accessibile alle sonde. 1.1 Isolamento dei cloni e ottenimento di colture pure La maggior parte dei batteri che si sviluppano nel vino può essere isolata con le tecniche microbiologiche tradizionali, come il piastramento (coltura in piastre) su idonei mezzi di coltura agarizzati. In base alla loro concentrazione, tale procedura prevede una diluizione seriale del campione in soluzione fisiologica sterile (0,9% NaCl) necessaria prima della coltura su specifici mezzi nutritivi agarizzati. I batteri lattici dell'uva e del vino si sviluppano sui mezzi descritti per il conteggio (CII/MICRO/01/206). La popolazione batterica ottenuta può quindi essere identificata. I cloni vengono isolati sulla piastra e ri-coltivati nello stesso mezzo liquido, o coltivati di nuovo su piastra per purificare il ceppo isolato. Un singolo clone viene poi rimesso in coltura liquida al fine di fornire la biomassa pura da analizzare. In alcuni casi, la colonia è direttamente utilizzata per l'identificazione, ad esempio nella tecnica della PCR (reazione a catena della polimerasi). Nell ibridazione su colonia viene analizzata a totalità delle colonie sulla superficie della piastra. 1.2 Estrazione del DNA Il DNA deve essere estratto dalla biomassa raccolta dopo la coltura in liquido. Per l'ibridazione su colonie o per l analisi microscopica ( FISH ) viene ottenuto mediante lisi cellulare in situ. La metodica PCR diretta sulle colonie non necessita di una fase di estrazione; il DNA è disponibile per l'amplificazione durante il primo ciclo di aumento della temperatura del protocollo di amplificazione. 2. A livello di specie o per una specifica funzione 2.1 Ibridazione [ spot-on (dot blot) o colonie] con sonde di DNA specifiche di una specie o di una regione del genoma. Ambito d applicazione Identificazione dei batteri lattici vinari enzimatica). a livello di specie o di funzione specifica (attività Il principio comune dei metodi basati sull'ibridazione DNA-DNA è che frammenti di acidi nucleici complementari possono ibridarsi in condizioni specifiche che dipendono principalmente dalla temperatura e dalla forza ionica del tampone. Il DNA estratto dai batteri da identificare, chiamato DNA target, dopo la denaturazione a singolo filamento,, può riassociarsi in certe condizioni di ibridazione con un filamento singolo di DNA noto, chiamato sonda ( probe ), se le sequenze sono identiche o sufficientemente simili. Pertanto, la scelta della sonda è una decisione della massima importanza e determina il livello tassonomico dello studio. La sonda può essere costituita in tutto o in parte dal genoma che fornisce la specificità. Nella maggior parte dei casi, per l'identificazione della specie si utilizzano sonde del 16S rdna. Talvolta si 4

5 verifica la ibridazione crociata ( cross hybridization ) e si rende pertanto necessario trovare altre sequenze. Lo stesso principio si applica anche all'identificazione dei batteri portatori di geni specifici o regioni coinvolte in funzioni specifiche. Le sonde sono i geni, o parti di geni che codificano le proteine corrispondenti. Le applicazioni più note sono l'identificazione dei batteri che determinano alterazioni. Secondo l applicazione, esistono diverse procedure di ibridazione. (i) Metodi che utilizzano il DNA estratto dalla coltura del ceppo da identificare. Il DNA target, estratto dalla coltura da identificare, viene depositato e fissato su una membrana. Il DNA sonda, composto da un DNA marcato di riferimento, viene messo in contatto con la membrana che si trova nelle condizioni di temperatura di ibridazione. Dopo la reazione e i lavaggi destinati ad eliminare i residui di sonda non ibridata, la membrana viene trattata allo scopo di rivelare gli ibridi (DNA target/dna sonda). (ii) Metodi applicati alle cellule intere: sulle colonie. La membrana viene applicata sulla superficie di agar nutritivo sopra le colonie che si sono sviluppate, per poi essere rimossa. Essa cattura le colonie che sono state trasferite per semplice contatto. A questo punto la membrana viene trattata per ottenere la lisi delle cellule (affinché il DNA sia accessibile) e l'ibridazione con sonda. Dopo l ibridazione, si ottiene un immagine della piastra in cui le colonie che vengono rivelate appartengono alla stessa specie della sonda di riferimento. Grazie all'utilizzo di numerose sonde di DNA specifiche, la tecnica permette l'identificazione delle specie di batteri lattici del campione dopo successive ibridazioni/de-ibridazioni della stessa membrana. Lonvaud-Funel, A., Fremaux, C., Biteau, N., Joyeux A. (1991a). Speciation of lactic acid bacteria from wines by hybridisation with DNA probes. Food Microbiol., 8, Lonvaud-Funel, A., Joyeux, A., Ledoux, O. (1991b). Specific enumeration of lactic acid bacteria in fermenting grape must and wine by hybridization with non isotopic DNA probes. J. Appl. Bacteriol., 71, Sohier, D., Coulon, J., Lonvaud-Funel, A. (1999). Molecular identification of Lactobacillus hilgardii and genetic relatedness with Lactobacillus brevis. Int. J. Syst. Bacteriol., 49, (iii) Polimorfismo di restrizione (RFLP) ribotipizzazione: I frammenti di restrizione ottenuti a seguito di digestione del DNA totale estratto dalla coltura sono separati mediante elettroforesi su gel di agarosio e trasferiti su membrane di nylon o nitrocellulosa per l'ibridazione con una sonda di DNA ribosomiale (Southern). La sonda è precedentemente marcata. Dopo l'ibridazione e la rivelazione, il profilo costituisce l immagine dei frammenti generati dalla restrizione per tutta la lunghezza della regione genomica complementare alla sonda. L'impiego di geni ribosomali nella sonda (o eventualmente di altri geni) permette di identificare il ceppo di una specie o sottospecie confrontando le dimensioni dei frammenti della regione ribosomiale (ribotipizzazione) (o eventualmente di un'altra regione specifica del genoma). 5

6 2.2 Metodi basati sulla PCR (reazione di polimerizzazione a catena) Ambito d applicazione Identificazione, a livello di specie, di batteri lattici precedentemente isolati dal mosto e da vini tramite coltura su piastra. La PCR può essere utilizzata per diversi livelli di identificazione, genere, specie o ceppo in funzione della scelta dei primer (breve sequenza oligonucleotidica). Il principio è che il primer trovi la regione complementare per appaiarsi con il DNA stampo analizzato. È a partire dall estremità del primer che la polimerizzazione viene condotta mediante duplicazione del tratto del DNA stampo, portando numerose copie dell amplificato Amplificazione delle regioni consenso e sequenziamento: sub-unità 16S dell RNA ribosomiale o rpob Il sequenziamento del prodotto amplificato del gene codificante per l rrna 16S rappresenta il metodo di base. Tale approccio è fondato sulla presenza certa dell RNA nei batteri. La sequenza nucleotidica di questo gene viene utilizzata per la classificazione filogenetica e per l'identificazione di isolati sconosciuti, dal momento che il database disponibile per questo gene è il più completo tra i geni batterici. La sequenza nucleotidica della regione tra i geni che codificano per l rrna 16S e 23S, definita spaziatore interno trascritto (ITS), può essere usata per l'identificazione, tuttavia la sua sequenza è meno conservata. In questo caso, la PCR utilizza i primer diretti verso regioni universali conservate dei geni di codifica dell rrna 16S e 23S, da una parte e dall altra dell ITS. Un'altra sequenza interessante è il gene rpob che codifica una sub-unità della RNA polimerasi. Questo si è mostrato più adatto per l'identificazione (almeno allo stato attuale delle conoscenze). Effettivamente esiste solo una copia di questo gene nei batteri, mentre ci sono più copie dell'operone ribosomiale, la cui sequenza può variare all interno della medesima specie. Tuttavia, il suo utilizzo è più raro poiché il database è relativamente meno documentato. Per i principali batteri lattici vinari, è stato realizzato un database e sono stati sviluppati primer per talii batteri lattici. Protocollo generale Il presente metodo necessita dell'estrazione del DNA della coltura pura da identificare. Il DNA estratto viene usato nella reazione di PCR. Dopo la separazione mediante elettroforesi, gli amplificati sono purificati utilizzando kit adeguati e, in seguito, sequenziati. Le sequenze dei geni codificanti l rrna 16S o l rpob così ottenute sono confrontate con le sequenze presenti nei database disponibili. Du Plessis, E.M.; Dicks L.M.T., Pretorius I.S., Lambrechts M.G., & du Toit M. (2004). Identification of lactic acid bacteria isolated from South African brandy base wines. Int. J. Food Microbiol. 91, Sato, H., Yanagida, F., Shinohara, T., Suzuki, M., Suzuki, K., Yokotsuka, K. (2001). Intraspecific diversity Oenococcus oeni. FEMS Microbiol. Lett. 202, Renouf, V., O. Claisse, and A. Lonvaud-Funel rpob gene: A target for identification of LAB cocci by PCR-DGGE and melting curves analyses in real time PCR. Microbiol. Met. 67:

7 2.2.2 PCR specie-specifica La tecnica di PCR viene adattata per l'identificazione diretta delle specie, poiché si possono trovare primer specifici che amplificano solo in una data specie. Diverse coppie di primer sono state descritte per l'identificazione di varie specie di batteri lattici. In enologia la specie più importante da identificare è Oenococcus oeni. I primer sono sintetizzati in base alle regioni che codificano l'enzima malolattico, che si differenziano secondo le specie. Zapparoli G, Torriani S, Pesente P, Dellaglio F., 1998.Design and evaluation of malolactic enzyme gene targeted primers for rapid identification and detection of Oenococcus oeni in wine. Lett Appl Microbiol. 27: Polimorfismo della lunghezza dei frammenti di restrizione (PTFR) (RFLP) Ambito d applicazione Identificazione delle specie di batteri lattici isolate dal vino. Secondo lo stesso principio della ribotipizzazione (si veda iii), l amplificazione tramite PCR della regione ribosomiale (o di un altra regione), seguita dalla restrizione del prodotto amplificato tramite enzimi appropriati, fornisce le stesse informazioni. Tuttavia, questo metodo è molto più semplice e rapido rispetto a quello della restrizione seguita dall ibridazione. La restrizione del gene che codifica l rrna 16S o del gene che codifica l RpbB con endonucleasi di restrizione appropriati e la separazione dei frammenti tramite elettroforesi su gel d agarosio danno come risultato un profilo dei frammenti di DNA che è specifico per una particolare specie. Risultati Differenziazione di isolati di O. oeni da altre specie tramite analisi RFLP del 16 S rrna. Identificazione delle specie batteriche dei batteri lattici tramite RFLP del gene rpob. Claisse, O., V. Renouf, and A. Lonvaud-Funel Differentiation of wine lactic acid bacteria species based on RFLP analysis of a partial sequence of rpob gene. Journal of microbiological methods 69: Zavaleta, A.I.; Martínez-Murcía, A.J.; Rodríguez-Valera, F. 16S-23S rdna intergenic sequences indicate that Leuconostoc oenos is phylognetically homogeneous. Microbiology, 1996, 142, Sato, H.; Yanagida, F.; Shinohara, T.; Yokosutka, K. Restriction fragment length polymorphism analysis of 16S rrna genes in lactic acid bacteria isolated from red wines. J. Biosc. Bioengin. 2000, 3, Identificazione a livello di ceppo Ambito d applicazione Identificazione dei batteri lattici del vino a livello di ceppo. 7

8 3.1 Metodi basati sulla PCR: amplificazione casuale del DNA (Randomly Amplified Polymorphic DNA (RAPD) La RAPD è basata sulla PCR eseguita mediante l utilizzo di primer di sequenze arbitrarie in grado di ibridarsi in differenti punti del genoma per studiare il polimorfismo genomico del DNA. Un singolo primer oligonucleotidico arbitrario lungo circa 10 nucleotidi viene utilizzato per l'amplificazione di segmenti randomizzati di DNA genomico e genera un profilo caratteristico composto da brevi frammenti di DNA di varie lunghezze. È anche possibile utilizzare una combinazione di due o più oligonucleotidi (RAPD multiplex) in una singola PCR per generare profili RAPD più affidabili per la tipizzazione dei ceppi. I profili RAPD sono caratteristici dei vari ceppi e la loro affidabilità e capacità di discriminazione dipendono dalle sequenze dei primer. Risultati Questo metodo consente di ottenere un impronta genetica caratteristica del ceppo. Può essere utilizzato per controllare il buon attecchimento (ovvero il successo dell inoculo) delle colture starter di batteri malolattici durante la vinificazione. L'inconveniente principale è rappresentato dalla mancanza di ripetibilità e riproducibilità. Bartowsky, E.J., McCarthy, J.M., Henscheke, P.A. (2003). Differentiation of Australian wine isolates of Oenococcus oeni using random amplified polymorphic DNA (RAPD). Aus. J. of Grape and Wine Res., 9, Du Plessis, E.M., Dicks, L.M.T. (1995). Evaluation of random amplified polymorphic DNA (RAPD)-PCR as a method to differentiate Lactobacillus acidophilus, Lactobacillus crispatus, Lactobacillus amylovorans, Lactobacillus gallinarum, Lactobacillus gasseri, and Lactobacillus johnsonii. Curr. Microbiol., 31, Reguant, C., Bordons, A. (2003). Typification of Oenococcus oeni strains by multiplex RAPD- PCR and study of population dynamics during malolactic fermentation. J. Appl. Microbiol., 95, Rodas, A.M., Ferrer, S., Pardo, I. (2005). Polyphasic study of wine Lactobacillus strains: taxonomic implications. Int. J. Sys. Evol. Microbiol., 55, Zavaleta, A.I., Martinez-Murcia, A.J., Rodriguez-Valera, F. (1997). Intraspecific genetic diversity of Oenococcus oeni as derived from DNA fingerprinting and sequence analyses. Appl. Environ. Microbiol., 63(4), Analisi del profilo di restrizione del genoma tramite Elettroforesi su gel in campo pulsato (Pulsed Field Gel Electrophoresis - PFGE) Il DNA genomico viene digerito grazie ad enzimi di restrizione con pochi siti di taglio. La totalità del genoma viene frammentato in un numero di frammenti adeguato sia per una facile lettura che per una chiara differenziazione tra ceppi. Le cellule batteriche derivanti da colture fresche vengono recuperate tramite centrifugazione e immobilizzate in blocchi d'agarosio. La lisi della cellula e la restrizione del DNA genomico sono condotte nei blocchi affinché il DNA venga specificatamente tagliato solo dall'enzima e non a caso da effetti meccanici. I blocchi di gel sono caricati sul gel d'agarosio e i frammenti separati mediante elettroforesi PFGE. Grazie 8

9 all'azione del campo elettrico pulsato, vengono separati frammenti di grandi dimensioni, perché generati dagli enzimi aventi rari siti di taglio. Le restrizioni con endonucleasi ApaI e NotI sono quelle più frequentemente usate e ben si adattano a rivelare il polimorfismo tra i ceppi di O. oeni. Inoltre, gli enzimi SfiI e SmaI sono stati utilizzati per differenziare a livello intraspecifico le varie specie vinarie di Lactobacillus. Risultati Questa tecnica è la più affidabile per l'identificazione a livello di ceppo. È riproducibile e, se necessario, l'uso di un secondo enzima elimina, in generale, ogni dubbio dopo la prima restrizione. Questa tecnica può essere utilizzata per il controllo della purezza delle colture durante la produzione di starter. Si tratta della tecnica più appropriata per la valutazione della sopravvivenza e della prevalenza degli starter dopo l'inoculo per la fermentazione malolattica. Gli svantaggi principali di questa tecnica sono i tempi lunghi, dovuti alla fase preliminare di coltura necessaria prima di procedere alla restrizione, oltre all esigenza di una strumentazione speciale e onerosa. Gindreau, E., Joyeux, A., De Revel, G., Claisse, O., Lonvaud-Funel, A. (1997). Evaluation del établissement des levains malolactiques au sein de la microflore bactérienne indigene. J. Int. Sci. Vigne Vin 31, Pardo I., Rodas A.; Ferrer S. (1998). Study on populations dynamics of Oenococcus oeni in wine by using RFLP-PFGE. Les entretiens scientifiques Lallemand nº 6. pp Rodas, A.M., Ferrer, S., Pardo, I. (2005). Polyphasic study of wine Lactobacillus strains: taxonomic implications. Int. J. Sys. Evol. Microbiol., 55, Zapparoli, G., Reguant, C., Bordons, A., Torrioni, S., Dellaglio, F. (2000). Genomic DNA fingerprinting of Oenococcus oeni strains by pulsed-field electrophoresis and randomly amplified polymorphic DNA-PCR. Current Microbiol., 40, METODI COLTURA-INDIPENDENTI 1. Informazioni preliminari I metodi coltura-indipendenti permettono di determinare la diversità delle popolazioni batteriche che si sviluppano durante la vinificazione senza la necessità di procedure di isolamento e coltura. Pertanto, individuano anche le cellule batteriche vitali ma non coltivabili (VBNC). Queste tecniche comportano: - La PCR: dopo l'estrazione del DNA totale da campioni di mosto o di vino, si esegue l amplificazione mediante la tecnica della PCR (Reazione a catena della polimerasi) con primer universali di amplificazione del DNA 16S o primer specifici della specie o del ceppo; - L'ibridazione in situ: utilizzazione di sonde specifiche per ibridare direttamente il DNA dei batteri presenti nel campione. L'osservazione si avvale della microscopia. 1.1 Estrazione del DNA da campioni di mosto o di vino Dei metodi di estrazione e amplificazione del DNA sono stati messi a punto per lavorare partendo da campioni di mosti e vini. Sono stati descritti numerosi protocolli per l'estrazione 9

10 del DNA (Baleiras-Couto e Eiras-Dias, 2005; Jara et al., 2008; Pinzani et al., 2004, Savazzini e Martinelli, 2006; Marques et al., 2010). In linea generale, vengono utilizzati vari kit commerciali, secondo le raccomandazioni del produttore o alcuni protocolli modificati. Renouf et al., 2006 hanno descritto il seguente protocollo per l'estrazione del DNA che è stato adattato ai campioni di vino: Centrifugare 10 ml di vino a g a temperatura ambiente per 10 min. Lavare il centrifugato in 1 ml di buffer TE (Tris 10 mm, EDTA 1mM). Dopo una seconda centrifugazione ( g per 5 min), eliminare il surnatante e risospendere il centrifugato in 300 µl di 0,5 mm EDTA ph 8. A questo punto, aggiungere 300 µl di biglie di vetro () ( 0,1 mm) e mescolare i campioni alla massima velocità per 10 minuti. In seguito, aggiungere 300 µl di soluzione di lisi e 200 µl di soluzione di precipitazione delle proteine e agitare per 20 s. Eseguire la precipitazione dei frammenti cellulari mantenendo la provetta in ghiaccio per 5 minuti. Dopo un'ulteriore centrifugazione ( g per 3 min), trasferire il surnatante contenente il DNA in una nuova provetta da microcentrifuga e aggiungere 60 µl di soluzione Poli-Vinil-Pirrolidone (PVP) al 10%. Agitare su vortex ad alta velocità per 10 s, in modo da permettere la precipitazione dei polifenoli del vino responsabili dell inibizione della reazione di amplificazione. Dopo la centrifugazione ( g per 2 min), trasferire il surnatante in una provetta pulita da microcentrifuga da 1,5 ml contenente 300 µl di isopropanolo a temperatura ambiente. Mescolare delicatamente il contenuto della provetta per inversione, finché non si osserva una massa visibile di DNA. Dopo la centrifugazione ( g per 15 min), aggiungere al centrifugato 300 µl di etanolo al 70% a temperatura ambiente, prima della fase definitiva di centrifugazione ( g per 2 min). Prestando la massima attenzione, aspirare l'etanolo e lasciare asciugare la provetta. Utilizzare un totale di 50 µl di acqua pura PPI (per preparazioni iniettabili) unita a 1 µl di RNase per reidratare il DNA durante la notte ad una temperatura di 4 C. Dopo la reidratazione, conservare il DNA a -20 C. Baleiras-Couto M.M., Eiras-Dias J.E. (2006). Detection and identification of grape varieties in must and wine using nuclear and chloroplast microsatellite markers. Analytica Chimica Acta 563: Jara C., Mateo E., Guillamón J.M., Torija M.J., Mas A. (2008) Analysis of several methods for the extraction of high quality DNA from acetic acid bacteria in wine and vinegar for characterization by PCR-based methods. Int. J. Food Microb, 128: Marques A.P., Zé-Zé L., San-Romão M.V., Tenreiro,R. (2010) A novel method for identification of Oenococcus oeni and its specific detection in wine. International Journal of Food Microbiology 142: Pinzani P., Bonciani L., Pazzagli M., Orlando C., Guerrini S. and Granchi L.(2004) Rapid detection of Oenococcus oeni in wine by real-time quantitative PCR. Lett. Appl. Microb., 38: Savazzini F., Martinelli L. (2006) DNA analysis in wines: Development of methods for enhanced extraction and real-time polymerase chain reaction quantification Analytica Chimica Acta, 563:

11 2. Identificazione della specie 2.1 Reazione di polimerizzazione a catena - Elettroforesi su gel in gradiente denaturante (PCR- DGGE) e sequenziamento Ambito d applicazione Identificazione dei batteri lattici vinari a livello di specie in una popolazione mista. La PCR-DGGE viene eseguita dopo l'estrazione del DNA dal campione e consiste in un'amplificazione di regioni ipervariabili di geni che codificano il gene 16S rrna o altri geni, ad esempio il gene rpob (che codifica la subunità β della polimerasi RNA) che sono circondate da regioni consenso. Gli amplificati di DNA, tutti identici in termini di dimensioni, ma con differenze in termini di sequenza, se si tratta di specie differenti, sono separate mediante elettroforesi su gel di poliacrilammide contenente un gradiente ben definito di componenti denaturanti (di norma si tratta di urea e formammide). I frammenti di DNA a doppio filamento migrano attraversando il gel finché non vengono denaturati dalle condizioni chimiche, pertanto la migrazione risulta rallentata ed alla fine si arresta. Tuttavia, i frammenti non vengono completamente denaturati, ciò è dovuto al GC clamp che si forma come conseguenza dell'utilizzo di un primer caratterizzato da un estremità 5 ricca in GC. La posizione nel gel dove il frammento di dsdna si denatura nel gel e diventa DNA a doppio filamento dipende dalla sequenza del nucleotide e dal tenore in % di G+C del frammento. Le diverse sequenze si posizioneranno in differenti zone denaturanti e, conseguentemente, anche in differenti posizioni all'interno del gel, nei punti in cui si arresta il frammento di DNA. Gli amplificati di DNA dei batteri di specie differenti saranno quindi separati dallo loro distanza di migrazione all interno del gel. Pertanto, l identificazione finale di ciascuna specie è ottenuta sia confrontando la distanza di migrazione con un DNA di riferimento della specie, sia mediante purificazione e sequenziamento del DNA della banda estratta dal gel e successivo confronto con le banche dati disponibili (Gen Bank, Questa tecnica è stata impiegata con successo per l'identificazione di numerose specie di batteri lattici del vino in miscele complesse. Innanzitutto, sono state utilizzate come DNA target le regioni 16SrDNA (Lopez et al., 2003), ma recentemente è stato dimostrato che il gene housekeeping rpob, che codifica la subunità beta dell RNA polimerasi, è un DNA target migliore, per la differenziazione delle specie tramite analisi PCR-DGGE diretta, rispetto al gene 16S rrna (Rantsiou et al. 2004; Renouf et al. 2006; Renouf et al. 2007, Spano et al. 2007). Lopez I., Ruiz-Larrea F., Cocolin L., Orr E., Phister T., Marshall M., VanderGheynst J., and Mills D.A. (2003) Design and Evaluation of PCR Primers for Analysis of Bacterial Populations in Wine by Denaturing Gradient Gel Electrophoresis. Appl. Environ.Microbiol Rantsiou, K., Comi, G., Cocolin, L., The rpob gene as a target for PCR-DGGE analysis to follow lactic acid bacteria population dynamics during food fermentations. Food Microbiol. 21, Renouf V., Claisse O., Miot-Sertier C.,.Lonvaud-Funel A (2006) Lactic acid bacteria evolution during winemaking:use of rpob gene as a target for PCR-DGGE analysis. Food Microbiol., 23:

12 Renouf V., Strehaiano P. and Lonvaud-Funel A. (2007) Yeast and bacteria analysis of grape, wine and cellar equipments by PCR-DGGE. J. Int. Sci. Vigne Vin, 41: Spano G., Lonvaud-Funel A., Claisse O., Massa S. (2007) In Vivo PCR-DGGE Analysis of Lactobacillus plantarum and Oenococcus oeni Populations in Red Wine. Cur.Microbiol., 54: Reazione di polimerizzazione a catena (PCR) con primer specie-specifici Ambito d applicazione Ricerca delle varie specie dei batteri lattici in un campione di vino o di mosto. Il principio generale è basato sul fatto che i primer specifici per le specie si ibridano sul DNA stampo della miscela di DNA estratto dal vino o dal mosto se trovano le sequenze complementari. La loro ibridazione provoca la reazione di amplificazione. Solo il DNA della specie corrispondente ai primer scelti sarà amplificato, se questa specie è presente. Procedura La ricerca di Oenococcus oeni è possibile in quanto sono stati messi a punto dei primer specifici per questa specie. Dopo l'estrazione del DNA dai campioni di mosto o di vino, le reazioni di PCR sono realizzate secondo le condizioni descritte nei protocolli specifici. Zapparoli et al., 1998 e Bartowsky e Henschke (1999) hanno sviluppato condizioni di PCR che consentono l'identificazione di O. oeni tramite l'utilizzo di primer specifici per il gene dell'enzima malolattico o il gene 16 S rrna. Zapparoli G, Torriani S, Pesente P, Dellaglio F., 1998.Design and evaluation of malolactic enzyme gene targeted primers for rapid identification and detection of Oenococcus oeni in wine. Lett Appl Microbiol. 27: Bartowsky E.J., Henscke P.A Use of a polymerase chain reactionfor specific detection of the malolactic fermentation bacterium Oenococcus oeni (formerly Leuconostoc oenos) in grape juice and wine samples. Austr. J. Grape Wine Res. 5: Individuazione dei ceppi particolari di batteri lattici caratterizzati dalla presenza di un gene codificante per una funzione particolare; ricerca di batteri dannosi. Il principio e il protocollo sono i medesimi utilizzati per l individuazione delle specie batteriche. Tuttavia, i primer presentano delle sequenze dedotte da geni i cui prodotti sono responsabili della formazione di sostanze tossiche o di alterazioni: produzione di ammine biogene (Cfr. Oeno-MICRO ), gusto amaro derivante dall idrossipropionaldeide/acroleina (Claisse e Lonvaud-Funel, 2001) e filante (Gindreau et al., 2001). Claisse, O., e A. Lonvaud-Funel Primers and a specific DNA probe for detecting lactic acid bacteria producing 3-hydroxypropionaldehyde from glycerol in spoiled ciders. J Food Prot 64:

13 Gindreau, E., E. Walling, and A. Lonvaud-Funel Direct polymerase chain reaction detection of ropy Pediococcus damnosus strains in wine. J Appl Microbiol 90: Identificazione di specie batteriche in una popolazione mista senza estrazione di DNA 3.1 Ibridazione in situ: Tecnica di ibridazione a fluorescenza in situ (FISH) Tale tecnica è fondata sulla progettazione di sonde specie-specifiche marcate con marcatore fluorescente. L'RNA ribosomiale è spesso il target di tali sonde. In primo luogo, le cellule batteriche sono permeabilizzate; questo permette alla sonda di attraversare la parete dei batteri e raggiungere l RNA. La sonda ibridizza se troverà la sequenza complementare di RNA ribosomiale 16s. Pertanto, durante tale fase, il fluorocromo verrà fissato al ribosoma delle cellule della specie a cui corrisponde la sonda. In seguito, utilizzando un microscopio a epifluorescenza, sarà possibile rilevare, contare e identificare simultaneamente i vari tipi di microrganismi presenti in un campione se si utilizzano sonde multiple con fluorocromi di colore diverso. Uno dei principali vantaggi di questo metodo è la rapidità, in quanto non necessita della coltivazione del campione. L'inconveniente principale è che tale metodo ha una bassa sensibilità limitata dall'osservazione microscopica. Tale metodo può essere adattato all'individuazione di ceppi specifici scegliendo una sonda di DNA che si ibrida con un gene o qualsiasi altra regione del genoma. Sohier, D. Lonvaud- Funel, A. (1998). Rapid and sensitive in situ hybridization method for detecting and identifying lactic acid bacteria in wine. Food Microbiol. 15, Blasco L., Ferrer S.; Pardo I. (2003). Development of specific fluorescent oligonucleotide probes for in situ identification of lactic acid bacteria. FEMS Microbiol. Lett. 225,

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico.

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. Elettroforesi su gel L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA IL PRESENTE TESTO E UNA SINTESI DEL TESTO COMPLETO EDITO DA LA MEDICINA BIOLOGICA, n.4, 2010, WWW.MEDIBIO.IT Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA Lo sviluppo

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

Messa a punto dell analisi della

Messa a punto dell analisi della SSMT Locarno 2012/2013 Lavoro di diploma per il corso di Tecnici in Analisi Biomediche Presso l Istituto Cantonale di Patologia di Locarno Messa a punto dell analisi della traslocazione RET/PTC Lavoro

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

CROMATOGRAFIA SU COLONNA

CROMATOGRAFIA SU COLONNA 1 CROMATOGRAFIA SU COLONNA La cromatografia è una tecnica di migrazione differenziata che permette la separazione dei costituenti di una miscela di sostanze affini. La cromatografia può essere di tipo

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI

DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI Rapporti ISTISAN 2005 DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI 0. Generalità e definizioni Escherichia coli è stato descritto per la prima volta nel 1885 da Theodor Escherich col nome di Bacterium coli. Il microrganismo,

Dettagli

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Aptima Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Per uso diagnostico in vitro. Solo per l esportazione dagli USA. Informazioni generali................................................ 2 Utilizzo previsto................................................................

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della struttura secondaria: Minimizzazione dell energia Un

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Produzione di formaggio di bufala a pasta semidura: studio della proteolisi Barbara La Gatta, Giusy Rusco, Aldo Di Luccia

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit

1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit 1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit Per la determinazione in vitro della 1,25 (OH) 2 Vitamina D in plasma e siero Gültig ab/valid from 17.03.2008 +8 C IMM-K 2112 +2 C 48 1. APPLICAZIONE Il kit ELISA (Enzyme-Linked-Immuno-Sorbent-Assay)

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH I DETERGENTI: COME CONIUGARE PRESTAZIONI ELEVATE E RISPETTO PER L AMBIENTE L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Resana, 5 ottobre 2007 FEDERICA CECCARELLI Ist. Sup.

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE.

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. C. Sintoni C. Galli Servizio di Anatomia Patologica - Presidio Ospedaliero S. M. delle Croci - Ravenna Attualmente nel nostro

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI scopo del lavoro: Confronto tra oli EVO addizionati con estratti di capperi campionati

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

Caratterizzazione molecolare dell Anidrasi Carbonica in Trematomus spp.

Caratterizzazione molecolare dell Anidrasi Carbonica in Trematomus spp. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MM. FF. NN. Laurea di primo livello in Biologia Curriculum di Biologia Marina Caratterizzazione molecolare dell Anidrasi Carbonica in Trematomus spp.

Dettagli

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT 2 NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT di Umberto Malossini Le schede ISMA - AVIT 3001 da Goldtraminer, B. ISMA - AVIT 513 da Pinot grigio, G.

Dettagli

www.regione.lombardia.it Bitto e valtellina casera DOP: tipicità e innovazione

www.regione.lombardia.it Bitto e valtellina casera DOP: tipicità e innovazione www.regione.lombardia.it Bitto e valtellina casera DOP: tipicità e innovazione Quaderni della ricerca N. 132 - Giugno 2011 Sperimentazione condotta nell ambito del progetto di ricerca I formaggi DOP valtellinesi:

Dettagli

Spettrofotometro Agilent Cary 8454. Prestazioni, affidabilità e conformità eccezionali

Spettrofotometro Agilent Cary 8454. Prestazioni, affidabilità e conformità eccezionali Spettrofotometro Agilent Cary 8454 Prestazioni, affidabilità e conformità eccezionali UV-VIS AGILENT Cary 8454 TECNOLOGia DIODE ARRAY COLLAUdata Agilent Technologies è il tuo partner ideale per la spettroscopia

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI:

STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI: STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI: - RETINOLO PURO - RETINOLO IN LIPOSOMI - RETINOLO IN LIPOSYSTEM COMPLEX - RETINOLO IN CYCLOSYSTEM COMPLEX - VITAMINA

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

ISISS BUONARROTI CE. Dall Uva al Vino. Dall'uva al vino

ISISS BUONARROTI CE. Dall Uva al Vino. Dall'uva al vino Dall Uva al Vino In questa attività didattica abbiamo dimostrato come in un ambiente scolastico cittadino si può sviluppare nei giovani la cultura del territorio, della vite, dell uva e del vino. In questa

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Cosa fa lo zolfo nel vino?

Cosa fa lo zolfo nel vino? Cosa fa lo zolfo nel vino? di Volker Schneider Il 99,5% dei viticoltori afferma che senza SO2 non si possa torchiare un vino bevibile. Ma cosa fanno questi famigerati solfiti effettivamente nel vino? Sono

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

Ruolo della microbiologia nei settori agro-alimentare ed ambientale

Ruolo della microbiologia nei settori agro-alimentare ed ambientale Ruolo della microbiologia nei settori agro-alimentare ed ambientale 17 18 luglio 2006 Bologna Comitato Organizzatore: Bruno Biavati (Presidente) Francesca Clementi Roberto De Philippis Antonio Farris Patrizia

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

SeroCP Quant IgA. Applicazioni. Introduzione - 2 -

SeroCP Quant IgA. Applicazioni. Introduzione - 2 - SeroCP Quant IgA I Applicazioni SeroCP Quant IgA è un Enzyme Linked Immunosorbent Assay (ELISA) per la determinazione semiquantitativa di anticorpi IgA specie specifici anti Chlamydia pneumoniae nel siero

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

Caratterizzazione di es tratti della pianta officinale

Caratterizzazione di es tratti della pianta officinale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA DIPARTIMENTO di BIOLOGIA e d EVOLUZIONE Sezione di Ris ors e Agrotecnologiche e Farmaceutiche Corso Ercole I d Este, 32-44100 Ferrara Tel. (0532) 293700 - Fax (0532) 208561

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic. Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.it è un sistema integrato completo di tutti i moduli per eseguire

Dettagli

Sopra ogni aspettativa

Sopra ogni aspettativa Sopra ogni aspettativa Pipette elettroniche Eppendorf Xplorer e Eppendorf Xplorer plus »Un modo intuitivo di lavorare.«chi dà il massimo ogni giorno, merita anche il massimo in termini di strumenti ed

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Schede tecniche LA SOURCE

Schede tecniche LA SOURCE Schede tecniche LA SOURCE s.a.s di Celi Stefano & C. Società Agricola - C.F. e P. IVA 01054500077 Loc. Bussan Dessous, 1-11010 Saint-Pierre (AO) - Cell: 335.6613179 - info@lasource.it Documento scaricato

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani Gli alimenti lasciati all aria e soprattutto a temperatura ambiente subiscono, presto o tardi, modificazioni delle loro caratteristiche organolettiche:

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata».

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata». Esercizi sul calcolo del ph Generalità introduttive 1. L'ammoniaca :NH 3 non possiede alcun ruppo ossidrilico. Come puoi spieare il suo comportamento basico? 2. Spiea il sinificato del termine «acido coniuato»

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI

DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI IT- Settore Tecnologico - B. FOCACCIA Salerno Piano dell Offerta Formativa 2011/2012 Presentazione del Progetto: DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI Referente Prof. Anna Maria Madaio Cosa

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

Il Biologo Figura dinamica nel mondo del lavoro. Vademecum di orientamento alla professione

Il Biologo Figura dinamica nel mondo del lavoro. Vademecum di orientamento alla professione Il Biologo Figura dinamica nel mondo del lavoro Vademecum di orientamento alla professione A cura della: Commissione Permanente di studio Rapporti con le Università Ordine Nazionale dei Biologi 1 Consiglio

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA Genetisti Forensi Italiani (Ge.F.I) Presidente Prof. Francesco De Stefano

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA Genetisti Forensi Italiani (Ge.F.I) Presidente Prof. Francesco De Stefano Vice ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA (Ge.F.I) Presidente LINEE GUIDA PER LA REPERTAZIONE DI TRACCE BIOLOGICHE PER LE ANALISI DI GENETICA FORENSE NEL PERCORSO ASSISTENZIALE DELLE VITTIME DI VIOLENZA SESSUALE E/O

Dettagli

La semplicità è la vera innovazione

La semplicità è la vera innovazione La semplicità è la vera innovazione Vi siete mai sentiti frustrati dalla complessità di certe cose? Un unico strumento NiTi per il trattamento canalare utilizzabile nella maggior parte dei casi Efficacia

Dettagli

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici Alice Piva 1, Giacomo Gamberoni 1, Denis Ferraretti 1, Evelina Lamma 2 1 intelliware snc, via J.F.Kennedy 15, 44122 Ferrara,

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione

Dettagli