I geni della fioritura e le loro implicazioni nella ricerca applicata alle specie ornamentali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I geni della fioritura e le loro implicazioni nella ricerca applicata alle specie ornamentali"

Transcript

1 Review n. 1 Italus Hortus 14 (1), 2007: I geni della fioritura e le loro implicazioni nella ricerca applicata alle specie ornamentali Annalisa Giovannini * CRA Istituto Sperimentale per la Floricoltura, corso Inglesi 508, Sanremo (IM) Ricevuto: 31 gennaio 2007; accettato: 8 marzo 2007 The genes for flowering and their involvement in ornamental applied research Abstract. Classical breeding together with the most advanced techniques in molecular biology have been applying to a wide variety of species, contributing to the elucidation of molecular mechanisms in plant development. The recent discoveries of the mechanisms of flowering in the model plants Antirrhinum majus, Arabidopsis thaliana and Petunia hybrida allowed new sets of genes to be available. These include genes which affect flowering time and flower architecture, commonly named: flowering-time genes, meristem-identity genes and organ-identity genes. Studies in Arabidopsis have led to the identification of components within individual signaling pathways that affect flowering and to their positioning within molecular hierarchies. Currently four genetic pathways have been identified: the light-dependent, the autonomous, the vernalization and the gibberellin pathway, all integrated by the function of regulatory genes at the integration pathway. Furthermore, distinct signaling pathways are known to converge on the activation of the same integrator genes. This convergence of pathways on a common set of genes may enable the integration of different responses, so that the plant can produce a coordinated flowering response under conditions in which multiple environmental and endogenous parameters are changing simultaneously. The possibility of using molecular techniques to transfer genes in major ornamentals has greatly increased the resources available to plant breeders. Flower induction genes could affect flowering in species unrelated to the plant from which they were isolated. Moreover, native genes can be overexpressed or suppressed. In the near future plant biotechnologists and plant breeders will continue to work alongside to improve floricultural plants. Key words: Arabidopsis thaliana, agricultural biotechnology, flowering-time genes, meristem-identity genes, organ-identity genes. * Introduzione La capacità di manipolare la crescita e lo sviluppo delle colture è da sempre stata una prerogativa essenziale per l industria delle piante ornamentali. La domanda di alcuni prodotti aumenta esponenzialmente in funzione di particolari ricorrenze (ad esempio la Poinsettia a Natale). La possibilità di poter regolare il tempo di fioritura di alcune produzioni senza costi aggiuntivi potrebbe migliorare la programmazione o estendere la stagione di fioritura dove le condizioni ambientali non lo consentono. La ricerca della bellezza e della novità spinge la creatività degli ibridatori verso architetture fiorali sempre più spettacolari. La transizione dalla fase di crescita vegetativa a quella riproduttiva nelle piante superiori è regolata da fattori endogeni ed ambientali (Araki, 2001). Negli ultimi anni la conoscenza sui meccanismi genetici e molecolari che sono alla base dell induzione della fioritura, della determinazione dei meristemi fiorali e dello sviluppo degli organi del fiore, ha fatto passi da gigante, anche grazie agli studi approfonditi sulle tre specie modello: Antirrhinum majus, Petunia hybrida e Arabidopsis thaliana. E proprio sulla piccola piantina appartenente alla famiglia delle Brassicacee che si sono concentrati gli sforzi di numerosi gruppi di ricerca al fine di identificare i geni coinvolti nella fioritura. L Arabidopsis è di piccole dimensioni, quindi facilmente manipolabile, ha un ciclo vitale molto breve (8-16 settimane), produce fino a diecimila semi per pianta che germinano in due-tre giorni, è una pianta autogama ed il suo piccolo genoma di circa ventiseimila geni è stato sequenziato. Si presta alla trasformazione mediante Agrobacterium tumefaciens e sono disponibili svariate collezioni di mutanti. I meccanismi che intervengono nella definizione dello schema di sviluppo del fiore di Arabidopsis hanno cominciato ad essere parzialmente compresi. Nel meristema fiorale, tramite l azione combinata di divisione, differenziamento e allungamento delle cellule, si sviluppano gli organi che costituiscono i fiori. E risultato chiaro che la posizione relativa di una cellula all interno di un organismo è ciò che 50

2 Geni della fioritura istruisce quella cellula sul tipo di strutture che essa e la sua discendenza dovranno formare. Questa informazione riguardo alla posizione è trasmessa attraverso combinazioni o gradienti di proteine regolatrici (fattori trascrizionali), che sono presenti in regioni specifiche dell organismo. Sono stati identificati più di 80 geni coinvolti nell induzione della fioritura e si è capito che la fioritura in questa specie è regolata da due vie di trasmissione del segnale che rispondono all ambiente (fotoperiodo/giorno lungo e temperatura/vernalizzazione) e da due vie che funzionano indipendentemente dai fattori ambientali: il percorso autonomo e quello legato alle gibberelline (Giovannini, 2006). Queste vie metaboliche sono costituite in modo semplificato da diverse componenti (il segnale, il recettore, il trasduttore, il fattore di trascrizione e da uno o più geni bersaglio) obbligatoriamente collegate durante la trasmissione dell informazione e sono, a loro volta, regolate da proteine regolatrici potenzialmente diverse. Anche i geni bersaglio che esse controllano sono diversi e specifici nel contesto in cui si trovano (Carroll et al., 2004). Le quattro vie di trasmissione del segnale in Arabidopsis convergono verso una via integrativa, che porta all induzione dei geni per l identità del meristema fiorale ed allo sviluppo degli organi del fiore. Partirò proprio dalla formazione degli organi, per poi tornare temporalmente indietro, verso la determinazione dei meristemi fiorali, e ancora più indietro fino all induzione della fioritura, per illustrare le funzioni dei principali geni coinvolti in questo affascinante schema di sviluppo e valutare le loro applicazioni nel campo della ricerca sulle specie ornamentali. La morfologia del fiore è specificata dai geni per l identità degli organi fiorali: floral organ identity genes La bellezza dei fiori è imputabile all assortimento Fig. 1 - Il fiore della specie ornamentale Passiflora serratifolia L. che mostra brillantemente la posizione dei quattro verticilli concentrici dove si sviluppano gli organi del fiore: dall esterno all interno i sepali, i petali sfrangiati, gli stami ed i carpelli. Fig. 1 - The flower of the ornamental species Passiflora serratifolia L. smartly showing, from outer to inner, the four concentric whorls of organs: sepals, petals, stamens and carpels. dei quattro tipi di organi situati rispettivamente in quattro verticilli concentrici: i sepali nel primo, i petali nel secondo, gli stami nel terzo ed i carpelli (che contengono gli ovuli) nel quarto (fig. 1). Lo sviluppo organogenetico è sotto il controllo genetico e, grazie all isolamento di piante che hanno organi giusti in una posizione scorretta (mutanti omeotici), è stato possibile definire i geni (tab.1) responsabili dell identità degli organi fiorali (Meyerowitz et al., 1989). Il primo gene omeotico ad essere clonato è stato DEFI- CIENS di Anthirrinum (Sommer et al., 1990), seguito da AGAMOUS di Arabidopsis (Yanofsky et al., 1990). I geni codificavano fattori di trascrizione con una somiglianza con la struttura del gene SRF presente nell uomo e nel lievito. Ciascuno di questi geni contiene una sequenza di 56 amminoacidi che è necessaria alla proteina per legarsi al DNA; con la prima lettera dei geni MCM1, AGAMOUS, DEFI- Tab. 1 - Principali geni che determinano l identità degli organi fiorali in Arabidopsis thaliana. Tab. 1 - Representative floral organ-identity genes in Arabidopsis thaliana. Nome del gene Abbreviazione Famiglia genica Bibliografia APETALA 1 APETALA2 APETALA3 PISTILLATA AGAMOUS SUPERMAN SEPALLATA AP1 AP2 AP3 PI AG SUP SEP Fattore di trascrizione a dominio AP2 Chen, 2004 Yanofsky et al., 1990 Pelaz et al.,

3 Giovannini CIENS e SRF è stato coniato il termine MADS per descrivere la classe di questi fattori di trascrizione. Le proteine MADS-box nelle piante funzionano insieme, in complessi detti a quartetto, per regolare una serie di geni subordinati e specificare così l identità degli organi fiorali (Theissen, 2001). Il modello di sviluppo postulato nel 1991 da Coen e Meyerowitz in Arabidopsis sembra essere molto conservato: i geni di classe A APETALA (AP1 and AP2) specificano l identità dei sepali e dei petali che si sviluppano nei verticilli 1 e 2; inoltre reprimono l attività dei geni di classe C nei verticilli 1 e 2. I geni di classe B APETALA3 (AP3) epistillata (PI) sono necessari per specificare l identità dei petali nel secondo verticillo (A+B petali) e degli stami nel verticillo 3. Il gene della classe C AGAMOUS (AG) è necessario per specificare l identità del terzo verticillo (B+C stami) e del 4 (carpelli). La seconda funzione dei geni di classe C è quello di reprimere l attività della classe A nelle spirali 3 e 4. Geni ortologhi ai geni ABC sono stati isolati in Antirrhinum (Ma e depamphilis, 2000), petunia (Van der Krol e Chua, 1993) e gerbera (Yu et al., 1999). La scoperta di un altro gruppo di geni MADS-box chiamati SEPALLA- TA1, 2 and 3 (Pelaz et al., 2000) e coinvolti in modo ridondante nel definire i petali, gli stami e i carpelli ha portato ad una revisione del modello ABC. I geni SEP sono stati definiti di classe E. Il modello ABCE (Jack, 2004) postula che i sepali sono specificati solamente dall attività dei geni di classe A (tetramero di proteine AP1), i petali da A+B+E (tetrametro di proteine AP1-SEP-AP3-PI), gli stami da B+C+E (tetrametro di proteine AP3-PI-AG-SEP) ed i carpelli da C+E (tetrametro di proteine AG-AG-SEP-SEP). Esiste un altro gruppo di geni, identificato inizialmente in petunia, che era stato chiamato di classe D (Colombo et al., 1995). I due geni FBP7 e FBP11 specificano l identità della placenta e dell ovulo in petunia; gli ortologhi in Arabidopsis STK, SHP1 and SHP2 (Pinyopich et al., 2003) sono necessari per il corretto sviluppo degli ovuli. Il modello di sviluppo organogenetico del fiore delle Angiosperme è quindi stato chiamato ABCDE. Studi recenti hanno dimostrato che l espressione del gene AP2 è inibita a livello post-trascrizionale dal microrna mir172 (Aukerman e Sakai, 2003). I microrna sono RNA di 20 nucleotidi non codificanti che regolano l espressione degli mrna codificanti proteine, attraverso meccanismi di degradazione dei trascritti o di inibizione della traduzione (Hutvagner e Zamore, 2002). Piante di Arabidopsis transgeniche con elevati livelli della proteina AP2 hanno manifestato un meristema fiorale indeterminato, che produceva numerosi stami o petali, mentre una sovraespressione di mir172 ha portato ad una riduzione della proteina AP2 ed un fenotipo a fioritura precoce e difetti nell identità degli organi fiorali (Aukerman e Sakai, 2003; Chen, 2004). I siti di riconoscimento di mir172 sui geni apetala-simili sono molto conservati nelle angiosperme ed è stato quindi dimostrato che l espressione transgenica di mir172 di Arabidopsis in specie eterologhe (Nicotiana benthamiana) può provocare alterazioni nel normale sviluppo del fiore (Mlotshwa et al., 2006). I geni che specificano l identità dei meristemi fiorali: flower meristem identity genes Gli organi del fiore si sviluppano sulle infiorescenze dal meristema fiorale. La transizione da meristema dell infiorescenza a meristema fiorale coinvolge cambiamenti nell identità, nella fillotassi e nella determinazione del meristema. In seguito all induzione della fioritura i meristemi dell apice vegetativo acquisisco- Tab. 2 - Alcuni geni che partecipano alla determinazione dell identità dei meristemi fiorali in Arabidopsis thaliana. Tab. 2 - Representative flower meristem-identity genes in Arabidopsis thaliana. Nome del gene Abbreviazione Famiglia genica Bibliografia TERMINAL FLOWER1 LEAFY EMBRYONIC FLOWER2 CAULIFLOWER FRUITFULL APETALA 1 UNUSUALFLORALORGANS WUSCHEL TFL1 LFY EMF2 CAL FUL AP1 UFO WUS PEBP, simile a inibitori della Raf1 kinase animale Fattore trascrizionale MYB PcG (Polycomb Group) F-box Omeobox Bradley et al., 1996 Weigel et al., 1992 Sung et al., 2003 Gu et al., 1998 Simon et al., 1996 Mayer et al.,

4 Geni della fioritura no la competenza a diventare meristemi dell infiorescenza e generano infiorescenze laterali o meristemi fiorali, in una fillotassi spiralata. I geni coinvolti nella determinazione dei meristemi fiorali (tab. 2) sono stati identificati per la prima volta in mutanti in cui i fiori erano sostituiti da germogli con caratteristiche di infiorescenze. Il gene FLORICAULA di Anthirrhinum (Coen et al., 1990) ed il suo ortologo LEAFY di Arabidopsis (Weigel et al., 1992), codificano fattori di trascrizione che impongono l identità fiorale ai primordi che si sviluppano lateralmente al meristema apicale, dopo l induzione della fioritura. Le interazioni fra LFY e tre geni MADS-box, AP1, CAL e FUL reprimono TERMINAL FLOWER 1 (TFL1), che mantiene il meristema apicale dell infiorescenza in uno stato indeterminato a crescita illimitata (Boss et al., 2004). L espressione costitutiva di LFY in Arabidopsis accelera il tempo di fioritura: le piante convertono precocemente le foglie ed i germogli ascellari in fiori (Weigel e Nilsson, 1995). In queste piante transgeniche l espressione di AP1 era aumentata nel primordio fiorale e si ritrovava anche nelle foglie (Liljegren et al., 1999). Quindi LFY induce l espressione di AP1 (Wagner et al., 1999). Geni ortologhi ai geni che specificano l identità del meristema fiorale (LFY, AP1 e TLF1) sono stati isolati nella bocca di leone (FLO, SQUA and CEN), così come i loro geni co-regolatori UNUSUAL FLORAL ORGANS (UFO). Durante i primi stadi di sviluppo del fiore sia LFY che AP1 sono espressi in tutto il meristema fiorale (Gustafson-Brown et al., 1994). LFY stimola i geni che determinano l identità degli organi fiorali funzionando insieme al gene co-attivatore WUSHEL (WUS) per attivare il geni di classe C class gene AG ed insieme ad UFO per attivare il gene di classe B AP3. AP1 insieme ad UFO hanno un effetto di regolazione positiva sul gene di classe B AP3 (Jack, 2004). LFY è positivamente regolato dei geni della via metabolica delle gibberelline (GAs), dal gene CONSTANS e dai geni della via integrata FT e SOC1 (Blazquez et al., 2006), descritti nel prossimo paragrafo. I geni delle vie metaboliche che controllano il tempo della fioritura: flowering time genes In Arabidopsis sono state identificate quattro vie metaboliche (del fotoperiodo, della vernalizzazione, quella autonoma e quella delle gibberelline) che regolano l induzione della fioritura e sono integrate fra loro da una quinta via metabolica, definita integrativa (tab. 3). Il gene FLOWERING LOCUS C (FLC) codifica un fattore di trascrizione, che è principalmente espresso negli apici vegetativo e radicale, e agisce come repressore della fioritura, regolando negativamente i geni della via metabolica integrata FLOWERING TIME (FT), LFY e SUPPRESSOR OF OVEREXPRESSION OF CONSTANS1 (SOC1). Una volta espressi i geni FT, LFY e SOC1a loro volta attivano i geni dell identità dei meristemi fiorali, dando inizio al processo di fioritura. Diverse vie metaboli- Tab. 3 - Alcuni geni rappresentativi delle vie metaboliche che in Arabidopsis portano all induzione della fioritura. Tab 3 - Representative genes of the different genetic pathways that participate to flower induction in Arabidopsis thaliana. Via metabolica Abbreviazione Nome del gene Famiglia genica Bibliografia Fotoperiodo (luce dipendente) Vernalizzazione Autonoma Gibberelline Integrativa CO PHY CRY FRI VIP VNR2 FCA LD FPA FLD GA FLC SOC1 FT CONSTANS PHYTOCHROME CRYPTOCHROME FRIGIDA VERNALIZATION INDEPENDENCE VERNALIZATION2 FLOWERING CA LUMINIDEPENDENS FLOWERING PA FLOWERING LOCUS D GIBBERELLIN FLOWERING LOCUS C SUPPRESSOR OF OVEREXPRESSION OF CONSTANS FLOWERING LOCUS T Fattore di trascrizione a dita di zinco Fitocromo Criptocromo Genebank accession AF PcG (Polycomb Group) PcG (Polycomb Group) Dominio che si lega all RNA Omeodominio Dominio che si lega all RNA Istone deacetilasi Ormone vegetale PEBP simile a inibitori della Raf1 kinase Putteril et al., 1995 Mathews e Sharrock, 1997 Levy e Dean, 1998 Johanson et al., 2000 Zhang e van Nocker, 2002 Gendall et al., 2001 Macknight et al., 1997 Lee et al., 1994 Schomburg et al., 2001 He et al., 2003 Wilson et al., 1992 Michaels e Amasino, 1999 Samach et al., 2000 Kardailsky et al.,

5 Giovannini che convergono per regolare i livelli di espressione di FLC. Esso inoltre gioca un ruolo centrale nella risposta alla vernalizzazione ed è negativamente regolato dalla via autonoma. E stato proposto (Sung et al., 2003) che i geni EMBRIONIC FLOWER (EMF) possano funzionare indipendentemente da una via metabolica e che siano dei repressori dello sviluppo che permettono alla pianta di mantenere uno stato vegetativo. Un nuovo meccanismo di regolazione, basato sulla struttura della cromatina, è stato ipotizzato come spiegazione dell azione repressiva dei geni EMFs (Moon et al., 2003). Il gene EARLY BOLTING IN SHORT DAYS (EBS) fa parte di un complesso repressore trascrizionale che modula la struttura della cromatina ed è necessario per reprimere l espressione di FT e bloccare la fioritura nei giorni corti (Piñeiro et al., 2003). Fotoperiodo Uno dei fattori esterni che maggiormente influenzano la fioritura è la qualità e la durata dello stimolo luminoso. Lo sviluppo riproduttivo avviene quando i giorni sono sufficientemente corti (piante brevidiurne) o sufficientemente lunghi (piante longidiurne). In Arabidopsis thaliana, che fiorisce in condizioni di giorno lungo in primavera, la percezione della lunghezza del giorno nelle foglie avviene per opera di geni che agiscono a cascata nella traduzione del segnale. La luce rossa è accettata da proteine del citocromo codificate dai geni PHYTOCHROME (PHYA- PHYE). I recettori per la luce blu denominati criptocromi sono proteine codificate dai geni CRYPTOCH- ROME CRY1 e CRY2 (Levy e Dean, 1998). In presenza di luce rossa PHYB reprime la funzione di CON- STANS (Putteril et al., 1995). Il gene CONSTANS è un fattore trascrizionale che contiene il dominio denominato dita di zinco e stimola la fioritura attivando l espressione dei geni FT, LFY e SOC1 (Samach et al., 2000). L espressione di CO oscilla in modo circadiano con un picco di mrna intorno al crepuscolo nei giorni lunghi e durante la notte in giorni corti (Valverde et al., 2004). La proteina CO è molto labile al buio, viene degradata dal proteasoma e si accumula solo nei giorni lunghi inducendo la trascrizione del gene FT nella foglia. Il trascritto del gene FT si muove dalla foglia all apice vegetativo, dove la proteina tradotta induce la formazione dei meristemi fiorali (Huang et al., 2005). Sotto la luce blu CRY2 inibisce PHYB e induce la fioritura (Lin, 2002). CRY1 coopera con CRY2 per reprimere la funzione dei geni CONSTANS (CO) e GIGANTEA (GI). Una mutazione puntiforme nel gene CRY2 conferisce un fenotipo a fioritura precoce in condizioni di giorno corto in una accessione tropicale di Arabidopsis (El-Din El-Assal, 2001). La proteina GI è espressa con un ritmo circadiano. Vernalizzazione Il controllo genetico del fenomeno della vernalizzazione è stato scoperto grazie agli incroci effettuati fra ecotipi annuali, che per fiorire richiedono un periodo di freddo ed ecotipi estivi, che non lo necessitano (Michaels e Amasino, 2000). Diversi geni sono stati isolati fra i quali FRIGIDA (FRI), un regolatore positivo di FLC. L ecotipo di Arabidopsis a fioritura precoce Columbia presenta delle mutazioni nel gene FRI (Johanson et al., 2000). L analisi molecolare dei geni suggerisce che la vernalizzazione agisce riducendo l espressione del repressore della fioritura (FLC) in risposta ad un estesa esposizione al freddo. Il gene VERNALIZATION INSENSITIVE3 (VIN3) codifica per una proteina che contiene un dominio PHD ed è tradotto solo dopo un prolungato periodo di freddo (Sung e Amasino, 2004). Altri due geni VERNALIZA- TION (VRN) 1 e VRN2 (Gendall et al., 2001) hanno un azione repressiva su FLC, mantenendo la cromatina in uno stato non codificante. I geni VERNALIZA- TION INDEPENDENCE (VIP1-VIP7) codificano anch essi per proteine regolatrici della struttura della cromatina (Zhang e van Nocker, 2002). Autonoma La via metabolica autonoma è stata identificata studiando piante mutanti che fioriscono tardi in qualsiasi condizione di fotoperiodo e sono molto sensibili alla vernalizzazione (Koornneef et al., 1991). Dal momento che tutti i mutanti contengono alti livelli di mrna del repressore FLC è ipotizzabile che nelle piante normali i geni della via autonoma regolano negativamente l espressione di FLC. Alcuni geni della via metabolica sono stati clonati fra i quali LUMINIDEPENDENS (LD), FCA e FPA, che sono maggiormente espressi nell apice e nelle infiorescenze e poco espressi nelle foglie mature e nelle radici (Simpson et al., 2004). Il gene FLOWERING LOCUS D (FLD) codifica per una proteina, omologa ad un membro del complesso dell istone deacetilasi umana che, deacetilando la cromatina di FLC, ne previene la trascrizione (He et al., 2003). Gibberelline Le gibberelline (GAs) sono ormoni vegetali coinvolti in molti aspetti della crescita delle piante ed in Arabidopsis promuovono la fioritura (Wilson et al., 1992). Alcuni geni coinvolti nella biosintesi delle gibberelline sono stati isolati e clonati, e sembra agiscano 54

6 Geni della fioritura aumentando l attività trascrizionale del gene LEAFY (Blázquez et al., 1998). In Lolium temulentum (King ed Evans, 2003), l aumento di GA nella foglia ed il trasporto verso l apice in giornate lunghe è uno dei fattori che stimola la fioritura. Nella cultivar di uva champagne Pinot Meunier invece le gibberelline inibiscono la fioritura (Boss e Thomas, 2002). Applicazioni in alcune specie di interesse commerciale Le tecniche di colture in vitro, rigenerazione e trasformazione genetica applicate alle piante ornamentali hanno permesso di ottenere piante transgeniche in più di 40 specie (Brand, 2006), comprese le specie commercialmente più importanti (rosa, crisantemo, garofano, petunia, orchidea, ciclamino, geranio, ecc.). Il miglioratore genetico molecolare è sempre a caccia di nuovi geni che possano modificare il colore e la struttura del fiore, l architettura e l altezza delle pianta, l aroma, la durata del fiore o del vaso fiorito, la resistenza ad insetti o malattie, una volta trasferiti ed espressi nella specie di interesse (Yalcin-Mendi et al., 2006). I recenti sviluppi delle conoscenze scientifiche sulle vie metaboliche di trasmissione del segnale, che inducono la fioritura in Arabidopsis, hanno portato all identificazione di nuove classi di geni utilizzabili per ottenere precocità di fioritura (Roux et al., 2006). In alcuni casi questi geni hanno modificato il tempo della fioritura in specie evolutivamente lontane da quelle in cui sono stati isolati. L espressione del gene PHYB1 di tabacco in crisantemo ha prodotto piante di statura ridotta, ma con pochi effetti sulla formazione e lo sviluppo del fiore (Zheng et al., 2001). La sovraespressione del gene PHYA di avena nella cultivar di Aster Sun Karlo ha ridotto la durata della lunghezza critica del giorno richiesta per l induzione della fioritura. La sovraespressione dei geni PHYA e PHYB (di Arabidopsis) ha inoltre aumentato il numero di rami fioriti prodotti per pianta, migliorando la resa produttiva delle colture transgeniche di Aster (Wallerstein et al., 2002). In altre specie (Populus) l espressione costitutiva dei fitocromi ha prodotto alterazioni morfologiche e fisiologiche commercialmente inutilizzabili (Olsen et al., 1997). L uso di promotori inducibili e tessuto specifici, che permettano un espressione temporale e spaziale mirata è auspicabile per poter ottenere dei vantaggi produttivi nel settore delle piante ornamentali (Franklin e Whitelam, 2006). Il gene CONSTANS (CO) di A. thaliana Landsberg erecta (Putteril et al., 1995) è stato trasferito nel genoma della pianta ornamentale Osteospermum ecklonis (Asteraceae) con lo scopo di alterare l induzione della fioritura. Il cdna di CO è stato clonato nel vettore di espressione pgreen, sotto il controllo del promotore costitutivo 35S. La trasformazione genetica del tessuto fogliare di piante di Osteospermum micropropagate è stata effettuata utilizzando il vettore Agrobacterium tumefaciens, ceppo AGL1. L espressione del gene esogeno CO è stata riscontrata nelle foglie di piante transgeniche (Giovannini et al., 2002), ma non si è ottenuto il fenotipo a fioritura precoce, osservato in piante di Arabidopsis che sovraesprimevano il gene (Putterill et al., 1995). L espressione costitutiva del gene LFY ha indotto la fioritura nel pioppo ibrido (Coupland, 1995) e nel limone (Peña et al., 2001), riducendo la fase giovanile. Il gene AP1 è stato efficiente come LFY nell indurre la fioritura in limone senza produrre anomalie nello sviluppo, mentre non sembra aver avuto effetto nel pioppo (Weigel e Nilsson, 1995) e in O. ecklonis (Giovannini, com. pers.). L espressione di geni eterologhi non è sempre prevedibile e richiede un elevato numero di tentativi per arrivare ad un risultato efficace. La conservazione della sequenza dei geni regolatori fra specie e generi diversi ha permesso di identificare famiglie geniche basandosi sulla somiglianza del DNA. Le tecniche di biologia molecolare come la reazione a catena della polimerasi (PCR) con primer oligonucleotidici degenerati (miscela di corti oligonucleotidi che si appaiono con tutte le possibili combinazioni di codoni) e lo screening di genoteche (insieme di frammenti di DNA o cdna isolati casualmente) hanno facilitato l isolamento di geni omologhi da organismi modello. Entrambe le tecniche si fondano sulla capacità di individuare la somiglianza di sequenze attraverso l ibridazione di acidi nucleici. L avvento dei progetti di sequenziamento dei genomi ha messo a disposizione una grande quantità di dati computerizzati da utilizzare per il confronto di sequenze. La facilità di studiare sequenze di DNA differenzialmente espresse (microarray, Expressed Sequence Tag data base) ed il confronto immediato in banche dati, accessibili a tutti (GenBank, EMBL- Nucleotide Datatbase, ecc.), hanno fatto aumentare il numero di geni depositati ogni anno in modo esponenziale. Più di 100 specie vegetali sono ormai rappresentate in banche dati di geni espressi (EST data base) con più di entrate (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/dbest/dbest_summary.htm), incluse le specie ornamentali Antirrhinum majus, Zinnia elegans, Petunia, Rosa e Alstroemeria peruviana. Geni omologhi ai principali fattori di trascrizione coinvolti nella fioritura, sono stati identifi- 55

7 cati nelle specie ornamentali Lilium longiflorum Thunb. (Benedito et al., 2004), Phalaenopsis (Chen et al., 2005), Gerbera hybrida (Laitinen et al., 2005) e Passiflora spp. (Dornelas et al., 2006), aprendo nuove prospettive al miglioramento genetico molecolare. Il gene omologo al gene induttore della fioritura FT di Arabidopsis è stato isolato nella specie forestale Populus trichocarpa (PtFT1) ed espresso in modo costitutivo nella specie Populus tremula x tremuloides. I tessuti trasformati hanno sviluppato strutture fiorali direttamente dagli steli co-coltivati in quattro settimane, rispetto al tempo normale di fioritura del pioppo, che varia da otto a venti anni. Gli autori hanno anche rigenerato una linea transgenica di una pianta femminile di Populus tremula a fioritura precoce con fiori normali (Böhlenius et al., 2006). La strategia del silenziamento genico è stata applicata con successo da Fang et al. (2006), che hanno ottenuto un fenotipo di Thellungiella halophila (crescione) a fioritura precoce, eliminando la necessità del trattamento al freddo. Inizialmente hanno isolato il gene omologo al gene repressore della fioritura FLC di Arabidopsis, utilizzando primers costruiti sulle parti conservate del gene. In un secondo tempo hanno costruito un RNAi (RNA interference) per silenziare il gene FLC di Thellungiella (ThFLC) a livello post-trascrizionale. Le piante transgeniche contenenti il costrutto ThFLC RNAi non esprimevano la proteina codificata da ThFCL: il ciclo vitale della pianta è risultato ridotto da venti a quindici settimane, la fioritura è avvenuta dopo otto settimane, rispetto alle quarantacinque necessarie ai controlli per fiorire in assenza di vernalizzazione. Prospettive future Un giorno, quando il diagramma fiorale sarà definitivamente compreso e saranno stati isolati i corrispettivi geni nelle specie ornamentali, si riuscirà a programmare a tavolino l aspetto dei nuovi fiori del futuro, manipolando i geni coinvolti nella determinazione degli organi. L Università della California ha già attuato dei programmi di ricerca al fine di produrre fiori transgenici, con strutture uniche ed esotiche, in cui tutti e quattro gli organi sono sepali (attraverso la soppressione dell azione dei geni SEPALLATA), o fiori in cui si ha una trasformazione dei sepali in petali (over espressione selettiva dei geni SEPALLATA). L ottenimento di fiori con un elevato numero di petali è da sempre stata una prerogativa del miglioratore genetico, che ha selezionato mutazioni genetiche spontanee o indotte, al fine di ottenere, ad esempio, rose con 40 petali, partendo dai 5 presenti nelle rose selvatiche. Le tecnologie di espressione selettiva e di silenziamento genico potranno essere applicate con successo anche nelle specie ornamentali, per le quali saranno stati identificati i geni che inducono (FT omologhi) o che reprimono (FLC omologhi) la fioritura, al fine di dissociare la produttività delle colture dai fenomeni ambientali esterni, come ad esempio dalla vernalizzazione. La storia delle scoperte dei geni che controllano l induzione e lo sviluppo del fiore fornisce un importante conferma della capacità di interazione fra la genetica classica e la genetica molecolare. Lo studio attento dei mutanti a livello fenotipico ha portato a fare delle previsioni riguardo all espressione molecolare dei geni, successivamente confermate da esperimenti di over espressione o soppressione della funzione genica nella pianta. Nel prossimo futuro, come auspicato da Morandini e Salamini (2003), genetisti e biologi molecolari lavoreranno fianco a fianco, sfruttando la disponibilità di geni per la regolazione molecolare della fioritura e dell architettura del fiore, al fine di migliorare la qualità, la bellezza e la produttività delle colture ornamentali. Concludo con il pensiero del grande genetista Elliot Meyerowitz: la capacità di trasformare i fiori secondo i nostri desideri non può essere considerata irrilevante, in un mondo, in cui la maggior parte del cibo per l umanità consiste in componenti dei fiori, o in loro prodotti, come semi e frutti. Ringraziamenti Un sentito ringraziamento al Dott. Enrico Farina per il gradito incoraggiamento ed i suoi preziosi consigli nella lettura critica del manoscritto. Riassunto Negli ultimi anni le tecniche di miglioramento genetico classico e quelle più avanzate di biologia molecolare sono state utilizzate insieme, contribuendo a fare luce sui meccanismi di crescita e differenziamento delle piante. La possibilità di ottenere specie ornamentali transgeniche ha aumentato le risorse disponibili per il miglioramento delle produzioni floricole. Le conoscenze sui meccanismi molecolari che sono alla base dell induzione fiorale, della determinazione dei meristemi fiorali e dello sviluppo degli organi del fiore, acquisite nelle specie modello Antirrhinum majus, Arabidopsis thaliana e Petunia hybrida, hanno portato all identificazione di numerose classi di geni, potenzialmente utili al miglioratore genetico molecolare. 56

8 Giovannini Parole chiave: Arabidopsis thaliana, agricoltura molecolare, meristema fiorale, sviluppo organogenetico, tempo della fioritura Bibliografia ARAKI T., Transition from vegetative to reproductive phase. Curr. Opin. Plant Biol. 4: AUKERMAN M, SAKAI H., Regulation of flowering time and floral organ identity by a microrna and its APETALA2-like target genes. The Plant Cell 15: BENEDITO V.A., VISSER P.B., VAN TUYL J.M., ANGENENT G.C., DE VRIES S.C., KRENS F.A., Ectopic expression of LLAG1, an AGAMOUS homologue from lily (Lilium longiflorum Thunb.) causes floral homeotic modifications in Arabidopsis. Journal of Experimental Botany 55 (401): BLÁSZQUEZ M.A., GREEN R., NILSSON O., SUSSMAN M.R., WEIGEL D., Gibberellins promote flowering in Arabidopsis by activating the LEAFY promoter. Plant Cell 10: BLÁSZQUEZ M.A., FERRÁNDIZ C., MADUEÑO F., PARCY F., How floral meristems are built. Plant Molecular Biology 60: BÖHLENIUS H., HUANG T., CHARBONNEL-CAMPAA L., BRUNNER A.M., JANSSON S., STRAUSS S.H., NILSSON O., CO/FT regulatory module controls timing of flowering and seasonal growth cessation in trees. Science 312: BOSS P.K., THOMAS M.R., Association of dwarfism and floral induction with a grape green revolution mutation. Nature 25: BOSS P.K., BASTOW R.M., MYLNE J.S., DEAN C., Multiple pathways in the decision to flower: enabling, promoting and resetting. The Plant Cell (16) S18-S31. BOWMAN J.L., ALVAREZ J., WEIGEL D., MEYEROWITZ E.M., SMYTH D.R., Control of flower development in Arabidopsis thaliana by APETALA1 and interacting genes. Development 119: BRADLEY D., RATCLIFF O., VINCENT C., CARPENTER R., COEN E., Inflorescence commitment and architecture in Arabidopsis. Science 275: BRAND M.H., Ornamental plant transformation. Journal of Crop Improvement 17 (1/2): CARROLL S.B., GRENIER J.K., WEATHERBEE S.D., Come si costruisce il corpo di un animale. In: Dal DNA alla diversità, Zanichelli (Bologna): CHEN X., A microrna as a translational repressor of APETALA2 in Arabidopsis flower development. Science 303: CHEN Y.H., Tsai Y.J., Huang J.Z., Chen F.C., Transcription analysis of peloric mutants of Phalaenopsis orchids derived from tissue culture. Cell Research 15 (8): COEN E.S., ROMERO J.M., DOYLE S., ELLIOT R., MURPHY G., CARPENTER R., FLORICAULA: a homeotic gene required for flower development in Antirrhinum majus. Cell 63: COEN E.S., MEYEROWITZ E.M., The war of the whorls: genetic interactions controlling flower development. Nature 353: COLOMBO L., FRANKEN J., KOETJE E., VAN WENT J., DONS H., ANGENENT G., VAN TUNEN A., The petunia gene FBP11 determines ovule identity. Plant Cell 7: COUPLAND G., Leafy blooms in aspen. Nature 377:482. DORNELAS M.C., TSAI S.M., RODRIGUEZ A.P.M., Expressed sequence tags of genes involved in the flowering process of Passiflora spp. In Floriculture, Ornamental and Plant Biotechnology, J.A. Teixeira da Silva ed., Vol I: EL-DIN EL-ASSAL S., A QTL for flowering time in Arabidopsis reveals a novel allele of CRY2. Nat. Genet. 29: FANG Q., XU Z., SONG R., Cloning, characterization and genetic engineering of FLC homolog in Thellungiella halophila. Biochemical and Biophysical Research Communications 347: FRANKLIN K.A., WHITELAM G.C., Improvement of horticultural and ornamental crops through transgenic manipulation of the phytochrome family of plant photoreceptors. Journal of Crop Improvement 12 (1/2): GENDALL G.F., LEVY Y.Y., WILSON A., DEAN C., The VER- NALIZATION 2 gene mediates the epigenetic regulation of vernalization in Arabidopsis. Cell 107: GIOVANNINI A., MORREALE G., BERIO T., MASCARELLO C., ALLAVENA A., Modification of flowering time in Osteospermum ecklonis L. by CONSTANS gene. Acta Horticulturae 572: GIOVANNINI A. (2006). Flowering. Journal of Crop Improvement 17 (1/2): GU Q., FERRÁNDIZ C., YANOFSKY M.F., MARTIENSSEN R., The FRUITFULL MADS-box gene mediates cell differentiation during Arabidopsis fruit development. Development 125: GUSTAFSON-BROWN C., SAVIDGE B., YANOFSKY M.F., Regulation of the Arabidopsis floral homeotic gene APETA- LA. Cell 76: HE Y., MICHAELS S.D., AMASINO R.M., Regulation of flowering time by histone acetylation in Arabidopsis. Science 302: HUANG T., BÖHLENIUS H., ERIKSSON S., PARCY F., NILSSON O., The mrna of the Arabidopsis gene FT moves from leaf to shoot apex and induces flowering. Science 309 (5741): HUTVAGNER G., ZAMORE P.D., RNAi: nature abhors a double-strand. Curr. Opin. Genet. Dev. 12: JACK T., Molecular and genetic mechanisms of floral control. The Plant Cell 16 S1-S17. JOHANSON U., WEST J., LISTER C., MICHAELS S., AMASINO R., DEAN C., Molecular analysis of FRIGIDA, a major determinant of natural variation in Arabidopsis flowering time. Science 290: KARDAILSKY I., SHUKLA V.K., AHN J.H., DAGENAIS N., CHRISTENSEN S.K., Activation tagging of the floral inducer FT. Science 286: KING R.W., MORITZ T., EVANS L.T., MARTIN J., ANDERSEN C.H., BLUNDELL C., KARDAILSKY I., CHANDLER P.M., Regulation of flowering in the long-day grass Lolium temulentum by Gibberellins and the Flowering Locus T gene. Plant Physiology 141: KOORNNEEF M., HANHART C.J., VAN DER VEEN J.H., A genetic and physiological analysis to late flowering mutants in Arabidopsis thaliana. Mol. Gen. Genet. 229: LAITINEN R.A.E., IMMANEN J., AUVINEN P., RUDD S., ALATALO E., PAULI L., AINASOJA M., KOTILAIEN M., KOSKELA S., TEERI T.H., ELOMAA P., Analysis of the floral transriptome uncovers new regulators of organ determination and gene families related to flower organ differentiation in Gerbera hybrida (Asteraceae). Genome Research 15: LEE I., AUKERMAN M.J., GORE S.L., LOHMAN K.N., MICHAELS S.D., WEAVER L.M., JOHN M.C., FELDMANN K.A., AMASINO R.M., Isolation of LUMINIDEPENDENS: a gene involved in the control of flowering time in Arabidopsis. Plant Cell 6: LEVY Y.Y., DEAN C., The transition to flowering. Plant Cell 10: LILJEGREN S.J., GUSTAFSON-BROWN C., PINOYOPICH A., DITTA G.S., YANOFSKY M.F., Interactions among APETALA1, LEAFY and TERMINAL FLOWER1 specify meristem fate. Plant Cell 11:

9 LIN C., Blue light receptors and signal transduction. Plant Cell 14: S202-S225. MA H., DE PAMPHILIS C., The ABCs of floral evolution. Cell 101: 5-8. MACKNIGHT R., BANCROFT I., PAGE T., LISTER C., SCHMIDT R., LOVE K., WESTPHAL L., MURPHY G., SHERSON S., COBBETT C., DEAN C., FCA a gene controlling flowering time in Arabidopsis encodes a protein containing RNA-binding domains. Cell 89: MATHEWS S., SHARROCK R.A., Phytochrome gene diversity. Plant Cell and Environment 20: MAYER K.F.X., SCHOOF H., HAECKER A., LENHARD M., JÜRGENS G., Role of WUSCHEL in regulating stem cell fate in the Arabidopsis shoot meristem. Cell 95: MEYEROWITZ, E.M., SMYTH D.R., BOWMAN J.L., Abnormal flowers and pattern formation in floral development. Development 106: MICHAELS S.D., AMASINO R.M., FLOWERING LOCUS C encodes a novel MADS domain protein that acts as a repressor of flowering. Plant Cell 11: MICHAELS S.D., AMASINO R.M., Memories of winter: vernalization and the competence to flower. Plant Cell Environ. 23: MLOTSHWA S., YANG Z., KIM Y., CHEN X., Floral pattering defects induced by Arabidopsis APETALA2 and microrna172 expression in Nicotiana benthamiana. Plant Mol Biol 61: MOON Y-H., CHEN L., PAN R.L., CHANG H-S., ZHU T., MAFFEO D.M., SUNG Z.R., EMF genes maintain vegetative development by repressing the flower program in Arabidopsis. The Plant Cell 15: MORANDINI P., SALAMINI F., Plant biotechnology and breeding: allied for years to come. Trends in Plant Science 8: OLSEN J.E., JUNTTILA O., NILSEN J., ERIKSSON M.E., MERTINUSSEN I., OLSSON O., SANBERG G., MORITZ T., Ectopic expression of oat phytochrome A in hybrid aspen changes critical daylenght for growth and prevents cold acclimatization. Plant Journal 12: PEÑA L., MARTIN.TRILLO M., JUAREZ J., PINA J.A., NAVARRO L., MARTINEZ-ZAPATER J.M., Constitutive expression of Arabidopsis LEAFY or APETALA1 genes in citrus reduces their generation time. Nature biotechnology 19: PELAZ, S., DITTA G.S., BAUMANN E., WISMAN E.,YANOFSKY M.F., B and C floral organ identity functions require SEPAL- LATA MADS-box genes. Nature 405: PIÑEIRO M., GOMEZ-MENA C., SCHAFFER R., MARTINEZ-ZAPATER J.M., COUPLAND G., EARLY BOLTING IN SHORT DAYS is related to chromatin remodelling factors and regulates flowering in Arabidopsis by repressing FT. The Plant Cell 15: PINYOPICH A., DITTA G.S., SAVIDGE B., LILJEGREN S.J., BAUMANN E., WISMAN E., YANOFSKY M.F., Assessing the redundancy of MADS-box genes during carpel and ovule development. Nature 424: PUTTERIL, J., ROBSON F., LEE K., RUDIGER S., COUPLAND G., The CONSTANS gene of Arabidopsis promotes flowering and encodes a protein showing similarities to zinc finger transcription factors. Cell 80: ROUX F., TOUZET P., CUGUEN J., LE CORRE V., How to be an early flowering: an evolutionary perspective. TRENDS in Plant Science 11 (8): SAMACH A., ONOUCHI H., GOLD S.E., DITTA G.S., SCHWARZ- SOMMER Z., YANOFSKY M.F., COUPLAND G., Distinct roles of CONSTANS target genes in reproductive development of Arabidopsis. Science 288: SCHOMBURG F.M., PATTON D.A., MEINKE D.W., AMASINO R.M., FPA, a gene involved in floral induction in Arabidopsis, encodes a protein containing RNA-recognition motifs. Plant Cell 13: SIMON R., IGEÑO M.I., COUPLAND G., Activation of floral meristem identity genes in Arabidopsis. Nature 384: SIMPSON G.G., QUESADA V., HENDERSON I.R., DIJKWEL P.P., MACKNIGHT R., DEAN C., RNA processing and Arabidopsis flowering time control. Biochemical Society Transactions 32: SOMMER H., BELTRAN J.P., HUIJSER P., PAPE H., LONNIG W.-E., DEFICIENS, a homeotic gene involved in the control of flower morphogenesis in Antirrhinum majus: the protein shows homology to transcription factors. EMBO J. 9: SUNG, Z.R., LINGJING C., MOON Y.-H., LERTPIRIYAPONG K., Mechanisms of floral repression in Arabidopsis. Current Opinion in Plant Biology 6: SUNG S., AMASINO R.M., Vernalization and epigenetics: how plant remember winter. Current Opinion in Plant Biology, 7: THEISSEN G., SAEDLER H., Floral quartets. Nature 409: VALVERDE F., MOURADOV A., SOPPE W., RAVENSCROFT D., SAMACH A., COUPLAND G., Photoreceptor regulation of CONSTANS protein in photoperiodic flowering. Science 303 (5660): VAN DER KROL A.R., CHUA N.-H., Flower development in petunia. Plant Cell 5: WAGNER D., SABLOWSKI R.W.M., MEYEROWITZ E.M., Transcriptional activation of APETALA1 by LEAFY. Science 285: WALLERSTEIN I., WALLERSTEIN I., LIBMAN D., MACHNIC B., WHITELAM G.C., Modifications in Aster response to long-day conditions caused by overexpression of phytochrome A or B. Plant Science 163: WEIGEL D., ALVAREZ J., SMYTH D.R., YANOFSKY M.F., MEYEROWITZ E.M., LEAFY controls floral meristem identity in Arabidopsis. Cell WEIGEL D., NILSSON O., A developmental switch sufficient for flower initiation in diverse plants. Nature 377: WILSON R.N., HECKMAN J.W., SOMERVILLE C.R., Gibberellin is required for flowering in Arabidopsis thaliana under short days. Plant Physiol. 100: YALCIN-MENDI Y., BUZKAN N., DOLEKOGLU C., Application and commercialization of transgenic ornamental plants. In Floriculture, Ornamental and Plant Biotechnology, J.A. Teixeira da Silva ed., Vol II: YANOFSKY, M.F., MA H., BOWMAN J.L., DREWS G.N., Feldmann K.A., Meyerowitz E.M., The protein encoded by the arabidopsis homeotic gene AGAMOUS resembles transcription factors. Nature YU D., KOTILAINEN M., POLLANEN E., MEHTO M., ELOMAA P., HELARIUTTA Y., Organ identity genes and modified patterns of flower development in Gerbera hybrida (Asteraceae). Plant J. 17: ZHANG H., VAN NOCKER S., The VERNALIZATION INDE- PENDENCE 4 gene encodes a novel regulator of FLOWER- ING LOCUS C. Plant J. 31: ZHENG Z.L., YANG Z., JANG J., METZGER J.D., Modification of plant architecture in chrysanthemum by ectopic expression of the tobacco phytochrome B1 gene. Journal of the American Society for Horticultural Science 126:

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese Introduzione Nell articolo vengono mostrate vari possibili legami tra la costante di Archimede (pi greco) e la sezione aurea (phi).

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

BIOLOGIA DELLO SVILUPPO

BIOLOGIA DELLO SVILUPPO BIOLOGIA DELLO SVILUPPO INTRODUZIONE: SVILUPPO - processi da un uovo fecondato embrione organismo - si studia per la comprensione dei meccanismi cellulari e molecolari e manipolazione - unica via per andare

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari ANTONELLA GROSSO Corso di Immunologia Molecolare ILAN RIESS LA MOLECOLA Interleukin 4 From Wikipedia, the free encyclopedia Interleukin-4, abbreviated

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Le prospettive del vivaismo viticolo europeo MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Elisa Angelini CRA VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) 1. Giallumi (Flavescenza dorata e Legno nero):

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

Resistenza agli erbicidi: analisi del rischio e strategie

Resistenza agli erbicidi: analisi del rischio e strategie Resistenza agli erbicidi: analisi del rischio e strategie Maurizio Sattin CNR -Istituto di Biologia Agro-ambientale e Forestale (IBAF), Legnaro Gruppo Italiano sulla Resistenza agli Erbicidi Gli erbicidi

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della struttura secondaria: Minimizzazione dell energia Un

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante ANALISI DELL UNIVERSITÀ DI TORINO SU BIOCHAR OTTENUTO DA DIVERSE MATRICI Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante di L. Petruzzelli, R. Subedi, C. Bertora, E. Remogna, C. Grignani Dal

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Istruzioni per gli autori

Istruzioni per gli autori Istruzioni per gli autori Informazioni generali LO SCALPELLO OTODI Educational è la rivista ufficiale della Società Italiana degli Ortopedici e Traumatologi Ospedalieri d Italia (OTODI) e pubblica articoli

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

MAP-BASED CLONING OF RESISTANCE GENE HOMOLOGUES IN THE Vf -REGION OF THE APPLE (Malus sp.)

MAP-BASED CLONING OF RESISTANCE GENE HOMOLOGUES IN THE Vf -REGION OF THE APPLE (Malus sp.) Diss. ETH Nr. 13793 MAP-BASED CLONING OF RESISTANCE GENE HOMOLOGUES IN THE Vf -REGION OF THE APPLE (Malus sp.) A dissertation submitted to the SWISS FEDERAL INSTITUTE OF TECHNOLOGY ZÜRICH For the degree

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH I DETERGENTI: COME CONIUGARE PRESTAZIONI ELEVATE E RISPETTO PER L AMBIENTE L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Resana, 5 ottobre 2007 FEDERICA CECCARELLI Ist. Sup.

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

PRESENT PERFECT CONTINUOS

PRESENT PERFECT CONTINUOS PRESENT PERFECT CONTINUOS 1. Si usa il Present Perfect Continuous per esprimere un'azione che è appena terminata, che si è prolungata per un certo tempo e la cui conseguenza è evidente in questo momento.

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

Acustica con una Bic e uno smartphone

Acustica con una Bic e uno smartphone 1 Acustica con una Bic e uno smartphone L. Galante #, 1, A. M. Lombardi*, 2 # LSS G. Bruno, Torino, Italy. * ITCS Primo Levi, Bollate (MI), Italy. Abstract. A smartphone, with its integrated sensors and

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Principal Component Analysis

Principal Component Analysis Principal Component Analysis Alessandro Rezzani Abstract L articolo descrive una delle tecniche di riduzione della dimensionalità del data set: il metodo dell analisi delle componenti principali (Principal

Dettagli

SAFAP 2012, Napoli 14-15 giugno ISBN 978-88-7484-230-8

SAFAP 2012, Napoli 14-15 giugno ISBN 978-88-7484-230-8 Valutazione della Minimum Pressurizing Temperature (MPT) per reattori di elevato spessore realizzati in acciai bassolegati al Cr-Mo, in esercizio in condizioni di hydrogen charging Sommario G. L. Cosso*,

Dettagli

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo Danni insoliti da tripidi sul frutto melo L osservazione e lo studio di sintomi su piante o frutti fa parte delle attività della Sezione Difesa delle Piante presso il Centro per la Sperimentazione Agraria

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

LE VARIETA VANNO PRENOT ATE AL PROPRIO FORNITORE

LE VARIETA VANNO PRENOT ATE AL PROPRIO FORNITORE Ernst Benary Samenzucht GmbH Postfach 11 27-34331 Hann. Münden - Germania Tel: +49 5541 70090, Fax: +49 5541 700920 info@benary.de - www.benary.de - www.benary.com L azienda Fondata a Erfurt nel 1843,

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un COME FUNZIONA UN ALBERO di Mario Carminati e Massimo Ranghetti La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un albero è che si tratta di un essere vivente, proprio come noi. È un fatto scontato, certo,

Dettagli

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Nel corso di questa attivita utilizzeremo alcune delle piu importanti banche dati disponibili in rete per cercare informazioni su una proteina.

Dettagli

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Cesare Cornoldi Università di Padova Funzioni esecutive Le cosiddette funzioni esecutive si riferiscono a processi in cui la mente controlla se stessa Non

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

DAI GENI AI SEMI. genetica e biotecnologie in agricoltura. Simona Baima e Giorgio Morelli

DAI GENI AI SEMI. genetica e biotecnologie in agricoltura. Simona Baima e Giorgio Morelli DAI GENI AI SEMI genetica e biotecnologie in agricoltura Simona Baima e Giorgio Morelli Copyright 2010 Editori: Simona Baima e Giorgio Morelli Copertina e disegni: Franco Marchiolli [www.francomarchiolli.com]

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Messa a punto dell analisi della

Messa a punto dell analisi della SSMT Locarno 2012/2013 Lavoro di diploma per il corso di Tecnici in Analisi Biomediche Presso l Istituto Cantonale di Patologia di Locarno Messa a punto dell analisi della traslocazione RET/PTC Lavoro

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT 2 NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT di Umberto Malossini Le schede ISMA - AVIT 3001 da Goldtraminer, B. ISMA - AVIT 513 da Pinot grigio, G.

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli