BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ"

Transcript

1 BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro di pubblica utilità quale sanzione sostitutiva della pena detentiva e pecuniaria previste per la guida in stato di ebbrezza, anche in relazione al rito speciale del decreto penale di condanna. Questa novità, unità agli effetti premiali previsti in caso di conclusione positiva del lavoro di pubblica utilità, ha riportato l attenzione degli interpreti su questo tipo di sanzione, già conosciuto nel nostro ordinamento, ma di scarsa applicazione. FONTI Lavoro di pubblica utilità come pena principale nel procedimento davanti al Giudice di pace. La sanzione del lavoro di pubblica utilità è stata introdotta come sanzione principale tra quelle applicabili da parte del Giudice di pace ai sensi dell art. 53 D.L.vo n. 274/00. L art. 54 del medesimo decreto ha provveduto a disciplinare questa sanzione, rimandando ad un decreto del Ministro della Giustizia la disciplina della sua modalità di esecuzione. In effetti subito dopo veniva emesso il D.M. 26 marzo 2001 che ha dettato le Norme per la determinazione delle modalità di svolgimento del lavoro di pubblica utilità applicato in base all art. 54, comma 6, del decreto legislativo 28 agosto 2000, n. 274 Altre norme direttamente o indirettamente chiamate a regolare l applicazione del nuovo istituto sono poi l art. 59 D.L.vo n. 274/00 dedicato al Controllo sull osservanza del lavoro di pubblica utilità, l art. 65 L. n. 689/81 sul Controllo sull adempimento delle prescrizioni imposte con la sentenza di condanna e gli artt. 43 e 44 D. L.vo. 274/00 sulla Esecuzione della pena del lavoro di pubblica utilità e sulla Modifica delle modalità di esecuzione del lavoro di pubblica utilità. Questo sistema di norme delinea la disciplina generale del lavoro di pubblica utilità per i reati di competenza del Giudice di pace, disciplina a cui, anche le successive estensioni per due reati di competenza del Tribunale, hanno fatto in parte rinvio. Lavoro di pubblica utilità come pena sostitutiva. Dapprima nel 2005 in materia di stupefacenti e poi nel 2010 per la guida in stato di ebbrezza è stata prevista la possibilità di sostituire la sanzione detentiva e pecuniaria applicata con il lavoro di pubblica utilità. In effetti prima veniva introdotto il comma 5 bis all art. 73 D.P.R. 309/90 Produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti e psicotrope e poi il comma 9 bis all art. 186 C.d.S. Guida sotto l effetto dell alcool Altri casi di applicazione del lavoro di pubblica utilità. Mentre altri casi di applicazione della sanzione del lavoro di pubblica utilità sono stati inseriti nell art. 165 c.p. concernente gli Obblighi del condannato in caso di concessione della sospensione condizionale subordinata allo svolgimento di attività non retribuita a favore della collettività; nonché nell art. 224 bis C.d.S. Obblighi del condannato che prevede la possibilità per il giudice di applicare il suddetto lavoro come sanzione amministrativa accessoria. STIPULA DELLE CONVENZIONI Conviene a questo punto proseguire la trattazione dell argomento con il tema della stipula delle convenzioni da parte degli enti che si rendono disponibili per lo svolgimento del lavoro di pubblica utilità, fatto che costituisce la prima condizione per poter applicare tale sanzione. Secondo i dettami degli artt. 2, 3 e 7 DM , le convenzioni possono essere stipulate direttamente dal Ministero della Giustizia o su delega di quest ultimo dal Presidente del Tribunale nel cui territorio opera l ente interessato. 1

2 Le convenzioni hanno quindi il seguente contenuto obbligatorio (art. 2 e 3/2 co. D.M ): Indicazione delle attività in cui può consistere il lavoro di pubblica utilità. Individuazione nominativa dei soggetti incaricati, presso gli enti convenzionati, di coordinare la prestazione lavorativa del condannato ed impartire allo stesso le relative istruzioni. Modalità di copertura assicurativa del condannato contro gli infortuni e le malattie professionali nonché riguardo alla responsabilità civile verso i terzi (anche mediante polizze collettive) con oneri a carico dell ente Ulteriori modalità di svolgimento dell attività del lavoro di pubblica utilità. Gli enti convenzionati assumono inoltre l obbligo di curare che l attività prestata dal lavoratore sia conforme a quanto previsto dalle convenzioni (art. 4 del D.M ). Il Tribunale cura poi attraverso la propria cancelleria la tenuta dell elenco degli enti convenzionati, che hanno nel territorio del circondario una o più sedi ove il condannato può svolgere il lavoro di pubblica utilità oggetto della convenzione. La cancelleria aggiorna l elenco con le nuove convenzioni e lo trasmette a tutti gli uffici giudiziari del circondario. RUOLO DELL IMPUTATO Relativamente al ruolo propulsivo dell imputato ai fini dell applicazione del lavoro di pubblica utilità le varie norme prevedono diverse soluzioni: per l art. 54 D.L.vo n. 274/00 l imputato deve farne richiesta; per l art. 73/5 bis D.P.R. 309/90 l imputato deve farne richiesta ed il pubblico ministero deve esser sentito; per l art. 186/9 bis C.d.S. il condannato non si deve opporre; per l art. 165 c.p. il condannato non si deve opporre; per l art. 224 bis 224 bis C.d.S. infine non si fa cenno ad alcuna volontà del condannato. Vi è da dire ancora che, in deroga alla disciplina generale relativa al rito speciale del decreto penale di condanna, il nuovo art. 186/9bis C.d.S. consente di emettere il decreto penale di condanna anche alla pena sostituita del lavoro di pubblica utilità. In più vi è l effetto premiale della riduzione della metà della sanzione accessoria della sospensione della patente irrogata e la revoca della confisca, in caso di esito positivo del lavoro di pubblica utilità. Il Tribunale di Ravenna e la Procura della Repubblica invitano quindi tutti gli indagati o imputati interessati all applicazione del lavoro di pubblica utilità, a formulare direttamente - o tramite il proprio difensore munito di procura speciale - quanto prima ed anche in fase di indagini la relativa richiesta con indicazione: dell ente convenzionato della provincia di residenza del prevenuto presso il quale si intende svolgere il predetto lavoro con la dichiarazione di disponibilità dell ente stesso; della eventuale volontà di essere ammesso ad esercitare il lavoro per più di 6 ore settimanali e comunque nel limite delle 8 ore giornaliere; Nel caso del reato di cui all art. 186 C.d.S. si consiglia agli interessati di formulare l istanza sin dai primi momenti in cui si ha notizia delle indagini sì da consentire al P.M. di avanzare la richiesta di decreto penale di condanna ad una pena sostituita con il lavoro di pubblica utilità presso un ente convenzionato. Una volta emesso il decreto penale di condanna ad una pena pecuniaria, sarà necessario da parte dell imputato, che voglia ricorrere alla nuova pena, proporre opposizione e concordare in sede di richiesta ex art. 444 c.p.p. applicazione della pena del lavoro di pubblica utilità, oppure fare l istanza ed attendere lo svolgimento del giudizio abbreviato o del dibattimento, con l allungarsi in questi casi dei tempi della esecuzione della pena e dei benefici finali di tale sanzione (riduzione del tempo della sospensione della patente e revoca della confisca dell auto). In base alla disciplina dell art. 73/5 bis D.P.R. 309/90 la richiesta di applicazione del lavoro di pubblica utilità in luogo delle pene detentive e pecuniarie, dovrà essere formulata con la richiesta ex art. 444 c.p.p. o prima della pronuncia della sentenza di condanna nel giudizio abbreviato od ordinario. 2

3 Per quanto riguarda il processo davanti al giudice di pace l art. 33 D. L.vo. n. 274/00 prevede in caso di condanna, che dopo la richiesta dell imputato, il giudice integri il dispositivo della sentenza applicando il lavoro di pubblica utilità. MISURA E LIMITI DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ In base all art. 54 D.L.vo n. 274/00 un giorno di lavoro di pubblica utilità corrisponde a due ore di lavoro. In una settimana si possono fissare al massimo sei ore di lavoro da svolgere con modalità che tengono conto delle esigenze di lavoro, di studio, di famiglia e di salute del condannato. In ogni caso il condannato può chiedere al giudice di svolgere più di sei ore settimanali con il limite di otto ore giornaliere. L art. 54 D.L.vo n. 274/00 poi disciplinando una pena di tipo principale, fissa il limite minimo in dieci giorni e quello massimo in sei mesi di lavoro di pubblica utilità, mentre non ci sono limiti circa il numero di volte in cui tale pena può essere irrogata. L art. 73/5 bis D.P.R. 309/90 prevede una conversione corrispondente alla misura della pena detentiva irrogata (sostituendo tuttavia anche la pena pecuniaria). Tale sostituzione però non può avvenire per più di due volte. L art. 186/9 bis C.d.S. prevede una sostituzione corrispondente alla durata la pena detentiva irrogata a cui si deve aggiungere anche la conversione della pena pecuniaria, con un ragguaglio di un giorno di lavoro per ogni 250 o relativa frazione. In questo caso il lavoro di pubblica utilità può sostituire la pena per non più di una volta. Secondo l art. 165 c.p. il lavoro di pubblica utilità, a cui può essere subordinata la sospensione condizionale della pena, non può superare la durata della pena sospesa. Infine l art. 224 bis C.d.S. prevede che il lavoro di pubblica utilità, applicato come sanzione amministrativa accessoria in caso di condanna per un delitto colposo commesso con violazione delle norme del codice della strada, non possa esser inferiore ad un mese (tre in caso di aggravante) e né superiore a sei mesi. DECISIONE DEL GIUDICE Sussistendo tutte le condizioni richieste dall art. 3 del D.M e dalle altre disposizioni di legge, il Giudice in sentenza applica il lavoro di pubblica utilità individuando il tipo di attività da svolgere e l ente convenzionato presso il quale questa deve essere svolta, avvalendosi degli elenchi degli enti convenzionati, nonché il numero complessivo delle ore da svolgere. Inoltre indica anche se il condannato ha chiesto di lavorare per oltre 6 ore settimanali, autorizzandolo in tal senso. Ancora per quanto riguarda il caso dell applicazione di tale sanzione quale pena sostitutiva, il Giudice provvede nel caso dell art. 73/5 bis ad incaricare l Ufficio locale di esecuzione penale esterna per verificare l effettivo svolgimento del lavoro di pubblica utilità. Mentre nel caso dell art. 186/9 bis C.d.S. il giudice dovrà indicare in sentenza l organo tenuto alla vigilanza tra: l Ufficio locale di esecuzione penale esterna, l ufficio di pubblica sicurezza del luogo di esecuzione della pena esterna o in mancanza il comando dell Arma dei Carabinieri territorialmente competente. Sempre nel caso di questo reato il Giudice applicherà altresì la pena accessoria amministrativa della sospensione della patente di guida e la eventuale confisca del veicolo. Disposizioni che al termine positivo del lavoro di pubblica utilità verranno la prima dimezzata e la seconda revocata. Nel caso previsto dall art. 165 c.p. il giudice può subordinare la sospensione condizionale della pena alla prestazione di attività non retribuita a favore della collettività secondo modalità indicate da giudice nella sentenza di condanna. Tale caso è quindi parzialmente diverso dagli altri. Infine l art. 224 bis C.d.s. prevede l applicazione della sanzione amministrativa accessoria del lavoro di pubblica utilità richiamando in toto la disciplina della omonima sanzione principale applicata dal Giudice di pace. 3

4 SVOLGIMENTO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Circa la competenza a seguire l esecuzione del lavoro di pubblica utilità, per quanto riguarda la pena inflitta dal Giudice di pace essa spetta al Pubblico Ministero che, ai sensi dell art. 43 D. L.vo 274/00 e dell art. 5/2 del D.M , a tal fine incarica gli organi della Polizia giudiziaria e di pubblica sicurezza di svolgere le verifiche necessarie circa la regolare prestazione dell attività lavorativa. Mentre per quanto riguarda la pena del lavoro di pubblici utilità applicata come pena sostitutiva (art. 186 C.d.s. e 73 D.p.r. 309/90) l esecuzione spetta al giudice del Tribunale che incarica l organo di vigilanza di verificare l effettivo svolgimento del lavoro suddetto. La cancelleria provvede altresì a dare avviso anche l ente convenzionato interessato. Presso gli enti convenzionati i soggetti incaricati nelle convenzioni con il Tribunale provvedono a coordinare la prestazione lavorativa del condannato e ad impartire a quest ultimo le relative istruzioni (art. 2 DM ), in relazioni alle quali si determineranno giorni ed orari di lavoro. Gli enti convenzionati assumono nel contempo l obbligo di curare che l attività prestata dal lavoratore sia conforme a quanto previsto dalle convenzioni dell art. 2 del DM (art. 4 del DM). Secondo il combinato disposto dell art. 59 D. L.vo n. 274/01 richiamato dall art. 186/9 bis C.d.s., nonché dall art. 73/5 bis D.P.R. 309/90 (a cui l art. 59 va applicato analogicamente) l organo tenuto alla vigilanza, ovvero l Ufficio locale di esecuzione penale esterna o l ufficio di pubblica sicurezza del luogo di esecuzione della pena o in mancanza il comando dell Arma dei Carabinieri territorialmente competente, effettua i controlli sull osservanza degli obblighi connessi alla pena del lavoro di pubblica utilità con le modalità dell art. 65, co. 1 e 2, l. n. 689/81. Quindi ai sensi di quest ultima disposizione l organo di vigilanza verifica periodicamente che il condannato adempia alle prescrizioni impostegli e tiene un registro nominativo ed un fascicolo per ogni condannato sottoposto a controllo. Nel fascicolo individuale sono custoditi l estratto della sentenza di condanna, copia della corrispondenza con l Autorità giudiziaria e con altre autorità, una cartella biografica in cui sono riassunte le condanne riportate e ogni altro documento relativo all esecuzione della pena. Terminata l esecuzione della pena, i soggetti incaricati nelle convenzioni (art. 6 D.M ) redigono una relazione che documenti l assolvimento degli obblighi inerenti il lavoro svolto dal condannato. Nel caso in cui l ente non sia più convenzionato o abbia cessato la propria attività (art. 5 D.M ), il Pubblico Ministero che deve eseguire la pena (o anche il Giudice d ufficio) formula le proprie richieste ex artt. 44 D. L.vo n. 274/01 investendo il giudice di provvede a modificare le modalità di esecuzione de lavoro di pubblica utilità. ACCERTAMENTO DELLO SVOLGIMENTO POSITIVO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Nel caso della pena del lavoro di pubblica utilità applicata dal Giudice di pace, di quella applicata quale sanzione amministrativa accessoria, o di quella applicata in via sostitutiva ai casi del 5 co. dell art. 73 D.P.R. 309/90, la conclusione del lavoro determina la fine dell esecuzione. Nel caso dell art. 186/9 bis C.d.s., avuta notizia della conclusione positiva del lavoro di pubblica utilità, il giudice fissa l udienza e dichiara estinto il reato, riduce della metà la sanzione accessoria amministrativa della sospensione della patente e revoca la confisca amministrativa del veicolo sequestrato (art. 186 c.d.s.). Quando si conclude positivamente il lavoro di pubblica utilità costituente la condizione dell art. 165 c.p., la pena condizionatamente sospesa rimane tale. VIOLAZIONE DEGLI OBBLIGHI CONNESSI AL LAVORO DI PUBBLICO UTILITÀ Anche per quanto riguarda il caso di violazione degli obblighi le conseguenze appaiono diverse da un caso all altro. 4

5 Nel caso della condanna inflitta dal Giudice di pace nonché nel caso dell art. 224 bis C.d.S., trova applicazione l art. 56 D. L.vo n. 274/01 che prevede uno specifico reato che si concretizza quando il condannato non si rechi al lavoro o lo abbandoni, oppure violi reiteratamente senza giusto motivo gli obblighi o i divieti inerenti alla pena. Nel caso di semplici violazioni degli obblighi non appaiono contemplate conseguenze negative. Relativamente al lavoro di pubblica utilità applicato ai sensi degli artt. 73/5 bis D.P.R. 309/90 e 186/9 bis C.d.S., in deroga a quanto previsto dall art. 54 D. l.vo n 274/01, in caso di violazione degli obblighi connessi allo svolgimento del lavoro di pubblica utilità, il giudice che procede o il giudice dell esecuzione, a richiesta del pubblico Ministero o di ufficio, con le formalità di cui all art. 666 c.p.p. tenuto conto dei motivi, dell entità e delle circostanze della violazione, dispone la revoca della pena sostitutiva, con ripristino di quella sostituita e nel solo caso della guida in stato di ebbrezza con ripristino della sanzione amministrativa della sospensione della patente e della confisca. Per quanto riguarda il caso del lavoro di pubblica utilità applicato quale condizione della concessione del beneficio della sospensione condizionale della pena ex art. 165 c.p., la violazione degli obblighi inerenti comporta la revoca del beneficio concesso ad opera del giudice dell esecuzione chiamato a verificare l avveramento della condizione. Ravenna, Redattore d intesa con l Ufficio GIP e l Ufficio Dibattimento Il Pubblico Ministero - Isabella Cavallari 5

PER LO SVOLGIMENTO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

PER LO SVOLGIMENTO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ (Ai sensi degli artt. 54 del D.Lgs 28 agosto 2000 n. 274 e 2 del D.M. 26 marzo 2001) Premesso che, a norma dell art. 54 del D. L.vo 274 del

Dettagli

TRIBUNALE DI MANTOVA

TRIBUNALE DI MANTOVA TRIBUNALE DI MANTOVA CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ' ai sensi dell'ari. 54 del D.lgs. 28 agosto 2000 n. 2~4 e dell'ari. 2 del Decreto Ministeriale 26 marzo 2001 premesso

Dettagli

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Errata applicazione dell articolo 126 bis al titolare di patente rilasciata da uno Stato estero All atto di rilascio della patente viene attribuito un

Dettagli

Incidenti stradali: le nuove disposizioni

Incidenti stradali: le nuove disposizioni INCONTRO DI STUDIO PER OPERATORI DI POLIZIA LOCALE LE NOVITA LEGISLATIVE PER LA P.M. FAENZA (RA) - 19 maggio 2006 Incidenti stradali: le nuove disposizioni LEGGE 21 febbraio 2006, n. 102 Disposizioni in

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

52 18/09/2013 52 18/09/2013 ORIGINALE

52 18/09/2013 52 18/09/2013 ORIGINALE COMUNE DI LACONI Provincia di Oristano Deliberazione originale della Giunta Comunale N 52 del 18/09/2013 Proposta Deliberazione n. 52 del 18/09/2013 ORIGINALE Oggetto: Approvazione schema di convenzione

Dettagli

LA GIUNTA MUNICIPALE

LA GIUNTA MUNICIPALE PREMESSO CHE LA GIUNTA MUNICIPALE - tra le competenze del Giudice di Pace, definite con il decreto legislativo 28.8.00 n. 274, viene riconosciuta, nell'ambito del procedimento penale, la possibilità di

Dettagli

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015 Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 25 marzo 2015 La legge ordinaria legge 26 luglio 1975 n. 354 Norme sull Ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO Deliberazione n. 195 del 13/10/2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO APPROVAZIONE CONVENZIONE CON IL TRIBUNALE DI BRESCIA PER LO SVOLGIMENTO DI LAVORO DI PUBBLICA UTILITA. L anno

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 3 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese VITO DATTOLICO Coordinatore Giudici di Pace di Milano Milano, 7

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE RESOCONTO DELL ATTIVITA OPERATIVA SVOLTA NELL ANNO 2011

COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE RESOCONTO DELL ATTIVITA OPERATIVA SVOLTA NELL ANNO 2011 COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE RESOCONTO DELL ATTIVITA OPERATIVA SVOLTA NELL ANNO 2011 RESOCONTO ATTIVITA SVOLTA IN MATERIA DI POLIZIA STRADALE ATTIVITA DI ACCERTAMENTO DELLE VIOLAZIONI TOTALE

Dettagli

L attività di accertamento e contestazione degli organi di vigilanza: princìpi essenziali del d.lvo 758/94

L attività di accertamento e contestazione degli organi di vigilanza: princìpi essenziali del d.lvo 758/94 L attività di accertamento e contestazione degli organi di vigilanza: princìpi essenziali del d.lvo 758/94 Dott. Luca Poniz Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano Parma 19 febbraio 2007

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

COMUNE DI STIGLIANO Provincia di Matera

COMUNE DI STIGLIANO Provincia di Matera COMUNE DI STIGLIANO Provincia di Matera COPIA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE Svolgimento Lavori di Pubblica Utilità (art. 54 D.L.vo 28.08.2000, n. 247 e N. 75 Reg. del art. 2 D. M. 26.03.2001) Approvazione

Dettagli

N. 300/A/1/44285/101/3/3/9 Roma 7 settembre 2005

N. 300/A/1/44285/101/3/3/9 Roma 7 settembre 2005 N. 300/A/1/44285/101/3/3/9 Roma 7 settembre 2005 OGGETTO: Modifiche al Codice della Strada. Legge 17 agosto 2005, n. 168, di conversione con modificazioni del decreto-legge 30 giugno 2005, n. 115 recante

Dettagli

MODELLO B - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DELL ATTO DI NOTORIETA. Il sottoscritto... nato il. a...nella qualità di. dell impresa...

MODELLO B - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DELL ATTO DI NOTORIETA. Il sottoscritto... nato il. a...nella qualità di. dell impresa... MODELLO B - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DELL ATTO DI NOTORIETA Il sottoscritto... nato il. a...nella qualità di legale rappresentante... procuratore... dell impresa... con sede legale

Dettagli

ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE

ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE Legge 354/ 75 (Ordinamento Penitenziario) collegato con DPR 431/ 76 modificato dal DPR 230/ 00

Dettagli

TRIBUNALE DI AVELLINO Sezione dei Giudici per le indagini preliminari

TRIBUNALE DI AVELLINO Sezione dei Giudici per le indagini preliminari Trib. Avellino, Sez. GIP, ud. 18 maggio 2011 Proc. pen. n. 2146/2011 R. GIP Proc. pen. n. 2851/2011 RGNR TRIBUNALE DI AVELLINO Sezione dei Giudici per le indagini preliminari ORDINANZA DI NON CONVALIDA

Dettagli

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE Mod. A Alla AMS srl Via dei Drappieri, snc 58043 - Castiglione della Pescaia (GR) Oggetto: Servizi assicurativi per Polizza RCT- RCO ISTANZA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE

Dettagli

Il/la sottoscritto/a... Nato/a il... a... Prov... Codice fiscale

Il/la sottoscritto/a... Nato/a il... a... Prov... Codice fiscale Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà sui requisiti di onorabilità articolo 6 del regolamento (CE) 1071/2009, art. 6 co. 2 DD n. 291/11 Alla PROVINCIA DI TRIESTE AREA AMBIENTE

Dettagli

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 Codice di Procedura Penale articoli: 723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 723. Poteri del ministro di grazia e giustizia. 1. Il ministro di grazia e giustizia

Dettagli

Legge 5 dicembre 2005, n. 251

Legge 5 dicembre 2005, n. 251 Legge 5 dicembre 2005, n. 251 " Modifiche al codice penale e alla legge 26 luglio 1975, n. 354, in materia di attenuanti generiche, di recidiva, di giudizio di comparazione delle circostanze di reato per

Dettagli

FA ISTANZA. di ammissione alla procedura negoziata per l affidamento dei lavori in oggetto specificati;

FA ISTANZA. di ammissione alla procedura negoziata per l affidamento dei lavori in oggetto specificati; ALLEGATO N. 1 Marca da bollo 14,62 OGGETTO: Procedura aperta per l affidamento in concessione del diritto d uso delle coperture per La realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici presso gli edifici

Dettagli

ORIGINALE. Deliberazione n. 9 del 21-02-12 GIUNTA COMUNALE

ORIGINALE. Deliberazione n. 9 del 21-02-12 GIUNTA COMUNALE COMUNE DI CENATE SOPRA Provincia di Bergamo ORIGINALE Deliberazione n. 9 del 21-02-12 GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONVENZIONE TRA IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA ED IL COMUNE DI CENATE SOPRA PER LO SVOLGIMENTO

Dettagli

Generated by Foxit PDF Creator Foxit Software http://www.foxitsoftware.com For evaluation only. COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE

Generated by Foxit PDF Creator Foxit Software http://www.foxitsoftware.com For evaluation only. COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE RESOCONTO DELL ATTIVITA OPERATIVA SVOLTA NELL ANNO 2010 RESOCONTO ATTIVITA SVOLTA IN MATERIA DI POLIZIA STRADALE ATTIVITA DI ACCERTAMENTO DELLE VIOLAZIONI TOTALE

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

L ESPERIENZA ITALIANA. Angela Della Bella Università degli Studi di Milano

L ESPERIENZA ITALIANA. Angela Della Bella Università degli Studi di Milano L ESPERIENZA ITALIANA 1 Angela Della Bella Università degli Studi di Milano ANDAMENTO POPOLAZIONE CARCERARIA 1991-2014 80.000 70.000 60.000 50.000 40.000 30.000 20.000 10.000 0.000 2 Fonte: Dipartimento

Dettagli

AVVALIMENTO - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA REDATTA AI SENSI DEL D.P.R. N. 445 DEL 28 DICEMBRE 2000 DELL OPERATORE ECONOMICO AUSILIARIO

AVVALIMENTO - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA REDATTA AI SENSI DEL D.P.R. N. 445 DEL 28 DICEMBRE 2000 DELL OPERATORE ECONOMICO AUSILIARIO ALLEGATO D PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI FARMACI, PARAFARMACI E DI TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI EROGABILI NEL NORMALE CICLO DISTRIBUTIVO DELLE FARMACIE CIG 602865075B CIG 6028660F99 Spett.le FARMACIA

Dettagli

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano TERMINE: 60gg dalla contestazione o dalla notificazione, sia per verbali con sanzioni pecuniarie, sia con aggiunta di sanzioni accessorie SOGGETTI

Dettagli

AVVALIMENTO - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA REDATTA AI SENSI DEL D.P.R. N. 445 DEL 28 DICEMBRE 2000 DELL OPERATORE ECONOMICO AUSILIARIO

AVVALIMENTO - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA REDATTA AI SENSI DEL D.P.R. N. 445 DEL 28 DICEMBRE 2000 DELL OPERATORE ECONOMICO AUSILIARIO ALLEGATO D PROCEDURA RISTRETTA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEI RAMI D AZIENDA DENOMINATI GRAN CAFFE DELLE TERME E CHALET PARCO TERMALE CON CHIOSCO PISCINA Spett.le BAGNI DI CASCIANA

Dettagli

Adeguamenti normativi in materia di Sicurezza nei luoghi di lavoro.

Adeguamenti normativi in materia di Sicurezza nei luoghi di lavoro. Adeguamenti normativi in materia di Sicurezza nei luoghi di lavoro. Informativa generale Con la Legge. 3 agosto 2007 n. 123 recanti Misure in tema di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e

Dettagli

Il comma 7 7) I commi 9, 10 e 11 I commi 13, 14 e 15, Il comma 18

Il comma 7 7) I commi 9, 10 e 11 I commi 13, 14 e 15, Il comma 18 ALLEGATO 2 Innovazioni introdotte in materia di contrasto alla criminalità organizzata dall articolo 2 della legge 15 luglio 2009, n. 94, recante Disposizioni in materia di sicurezza pubblica, 1) Il comma

Dettagli

Legislazione minorile. Indice. 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Legislazione minorile. Indice. 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE V LA COMPETENZA AMMINISTRATIVA DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

ALLEGATO 1 AL DISCIPLINARE DI GARA

ALLEGATO 1 AL DISCIPLINARE DI GARA ALLA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione centrale funzione pubblica, autonomie locali e coordinamento delle riforme Servizio provveditorato e servizi generali Via Sabbadini, 31 33100 - UDINE

Dettagli

CAUSE DI SOSPENSIONE PATENTE

CAUSE DI SOSPENSIONE PATENTE CAUSE DI SOSPENSIONE PATENTE SOSPENSIONE A TEMPO INDETERMINATO La patente viene sospesa a tempo indeterminato quando il candidato è assente all esame di revisione o non lo prenota nei tempi prescritti.

Dettagli

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti e tanto altro. SIMULAZIONE DEL

Dettagli

STATUTO DELLA CAMERA DI CONCILIAZIONE FORENSE ORGANISMO NON AUTONOMO DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI SULMONA.

STATUTO DELLA CAMERA DI CONCILIAZIONE FORENSE ORGANISMO NON AUTONOMO DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI SULMONA. STATUTO DELLA CAMERA DI CONCILIAZIONE FORENSE ORGANISMO NON AUTONOMO DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI SULMONA. Art. 1 Disposizioni preliminari e oggetto Il presente Statuto disciplina la Camera

Dettagli

E M A N A il seguente decreto legislativo: Capo I DISPOSIZIONI E PRINCIPI GENERALI. Art. 1. Disposizioni di principio e ambito di applicazione

E M A N A il seguente decreto legislativo: Capo I DISPOSIZIONI E PRINCIPI GENERALI. Art. 1. Disposizioni di principio e ambito di applicazione Art. 8-bis. (Reiterazione delle violazioni) Art. 9. (Principio di specialità) Art. 10. (Sanzione amministrativa pecuniaria e rapporto tra limite minimo e limite massimo) Art. 11. (Criteri per l applicazione

Dettagli

A voti unanimi, espressi nelle forme di legge; D E L I B E R A

A voti unanimi, espressi nelle forme di legge; D E L I B E R A LA GIUNTA COMUNALE CONSIDERATO che i disposti di cui all art. 54 del D. Lgs. 28 agosto 2000 n. 274 e al D.M. 26 marzo 2001 disciplinano la pena del lavoro di pubblica utilità, che può essere applicata

Dettagli

CAPITOLATO DI ASSICURAZIONE PER LE SPESE LEGALI E PERITALI NORME CHE REGOLANO L ASSICURAZIONE IN GENERALE

CAPITOLATO DI ASSICURAZIONE PER LE SPESE LEGALI E PERITALI NORME CHE REGOLANO L ASSICURAZIONE IN GENERALE CAPITOLATO DI ASSICURAZIONE PER LE SPESE LEGALI E PERITALI DEFINIZIONI Nel testo che segue si intendono: per "assicurazione": il contratto di assicurazione; per "polizza": il documento che prova l'assicurazione;

Dettagli

COMUNE DI CREVALCORE Provincia di Bologna Area Tecnica - Servizio Lavori Pubblici Manutenzioni

COMUNE DI CREVALCORE Provincia di Bologna Area Tecnica - Servizio Lavori Pubblici Manutenzioni MOD. A bis Modulo Dichiarazioni relative al possesso dei requisiti di ordine generale da compilarsi da parte di ciascuna impresa consorziata individuata dal Consorzio quale esecutrice di lavori/servizi/forniture

Dettagli

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO Studio Legale Associato Tosello & Partners Modello D.Lgs. 231/01 integrato con l art. 30 D.Lgs. 81/08 La responsabilità degli amministratori per mancata adozione del Modello 231 secondo la giurisprudenza

Dettagli

nella sua qualità di della Società/Impresa con sede legale in

nella sua qualità di della Società/Impresa con sede legale in (Allegato A) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA (resa ai sensi degli artt. 46 e 47, del D.P.R. 445/2000) Spett.le Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta, in relazione alla: PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

TRIBUNALE DI BRESCIA

TRIBUNALE DI BRESCIA TRIBUNALE DI BRESCIA Sezione Riesame N. 81/10 mod. 18 N. 1470/10 RGNR N. 9839/10 RG GIP A carico di G. N. F. Il Tribunale di Brescia, Sezione per il riesame dei provvedimenti restrittivi della libertà

Dettagli

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Disposizioni per conformare il diritto interno alla Decisione quadro 2008/909/GAI relativa all applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA NOMINA DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI DEL COMUNE DI VELLETRI (RM)

AVVISO PUBBLICO PER LA NOMINA DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI DEL COMUNE DI VELLETRI (RM) AVVISO PUBBLICO PER LA NOMINA DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI DEL COMUNE DI VELLETRI (RM) IL DIRIGENTE DEL II SETTORE PREMESSO CHE l Organo di Revisione dell Ente cessa dal proprio incarico il 14 novembre

Dettagli

Incandidabilita'? Per le condanne fino a due anni (quasi) tutto regolare Ipsoa.it

Incandidabilita'? Per le condanne fino a due anni (quasi) tutto regolare Ipsoa.it Incandidabilita'? Per le condanne fino a due anni (quasi) tutto regolare Ipsoa.it Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Testo unico delle disposizioni in materia di incandidabilita' e di divieto di ricoprire

Dettagli

ATTI DI P.G. ISPEZIONE ART. 103 D.P.R. 9.10.1990 n. 309

ATTI DI P.G. ISPEZIONE ART. 103 D.P.R. 9.10.1990 n. 309 ISPEZIONI PERSONALI IN MATERIA DI STUPEFACENTI Norme di riferimento Art. 103 D.P.R. 309/90 Organo procedente Documentazione Garanzie di difesa Utilizzabilità Ufficiali di p.g. Delle operazioni è redatto

Dettagli

Diminuiscono i termini di prescrizione dei reati ed aumentano le pene per i recidivi e per i delitti di associazione mafiosa ed usura.

Diminuiscono i termini di prescrizione dei reati ed aumentano le pene per i recidivi e per i delitti di associazione mafiosa ed usura. Legge ex Cirielli: attenuanti generiche, recidiva, usura e prescrizione Legge 05.12.2005 n 251, G.U. 07.12.2005 Diminuiscono i termini di prescrizione dei reati ed aumentano le pene per i recidivi e per

Dettagli

AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA DI RICAMBI BOSCH O EQUIVALENTI DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA DI RICAMBI BOSCH O EQUIVALENTI DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA DI RICAMBI BOSCH O EQUIVALENTI La ditta / società DOMANDA DI PARTECIPAZIONE (ragione sociale) (località, via, numero civico) (cap) (Città) (P.IVA C.F.) (tel/fax) (e-mail/pec)

Dettagli

NUOVO TESTO PROPOSTO DALLE COMMISSIONI PERMANENTI 2ª E 3ª RIUNITE

NUOVO TESTO PROPOSTO DALLE COMMISSIONI PERMANENTI 2ª E 3ª RIUNITE Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1908-A/R Relazione orale Relatori Mazzatorta e Bettamio NUOVO TESTO PROPOSTO DALLE COMMISSIONI PERMANENTI 2ª E 3ª RIUNITE (2ª GIUSTIZIA) (3ª AFFARI ESTERI, EMIGRAZIONE)

Dettagli

Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99)

Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99) Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99) Titolo/argomento: _T.U. delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Voluntary Disclosure Implicazioni penali Hotel Lugano Dante

Voluntary Disclosure Implicazioni penali Hotel Lugano Dante Voluntary Disclosure Implicazioni penali Hotel Lugano Dante Lugano, 22 ottobre 2013 avv. Alessandro Pistochini 1 1) Scenario generale Summary 2) L impianto del diritto penale tributario ai sensi del d.lgs.

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO: LE NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE

SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO: LE NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO: LE NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE ASSOCIAZIONE INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI VICENZA 5 DICEMBRE 2013 Il d.lgs. 81/2008, come modificato dal D.lgs. 106/2009,

Dettagli

ORDINANZA N. 247 ANNO 2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE

ORDINANZA N. 247 ANNO 2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE ORDINANZA N. 247 ANNO 2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: Presidente: Gaetano SILVESTRI; Giudici : Paolo Maria NAPOLITANO, Giuseppe FRIGO,

Dettagli

Art. 73 D.P.R. 309/90 (Produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti)

Art. 73 D.P.R. 309/90 (Produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti) Con la legge 49/2006 ed il successivo decreto del Ministero della Salute emanato di concerto con il Ministero della Giustizia dell 11.04.2006 è stato modificato il D.P.R. 309/90 ed introdotto un limite

Dettagli

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE INDICE pag. Prefazione.... XV PARTE I Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE 1.1. La garanzia costituzionale del diritto di difesa in

Dettagli

Istanza di partecipazione alla selezione

Istanza di partecipazione alla selezione Alla Provincia di Napoli Direzione Protezione Civile Istanza di partecipazione alla selezione OGGETTO: selezione per l affidamento biennale del presidio della sala operativa della Protezione Civile della

Dettagli

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17 IL PENALISTA Sommario I. GLI INTERVENTI DI DIRITTO PENALE SOSTANZIALE pag. 9 1. Le modifiche al codice penale: aggravante comune, violenza sessuale, stalking, minaccia semplice pag. 9 2. La nuova aggravante

Dettagli

COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA

COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA REGOLAMENTO PER INTERVENTI DI SOLIDARIETÀ E MISURE DI SOSTEGNO A FAVORE DELLE VITTIME DEI REATI ESTORSIONE E DI USURA. (Approvato con deliberazione

Dettagli

Chart 1. ROLAND L'Innovazione della Tutela Legale

Chart 1. ROLAND L'Innovazione della Tutela Legale Chart 1 ROLAND L'Innovazione della Tutela Legale Chi è Chart 2 ROLAND è una Compagnia specializzata nella Tutela Legale OLTRE 1000 DIPENDENTI Sede a Colonia OLTRE 1.100.000 CLIENTI RACCOLTA PREMI DI 250.000.000,00

Dettagli

Modello B Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà

Modello B Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà Spett. REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Servizio promozione, internazionalizzazione e sviluppo sistema

Dettagli

Allegato 3 Dichiarazione sostitutiva ex art. 38 Codice degli Appalti Allegato 4.1 Dichiarazione degli operatori economici ex art. 53, co.

Allegato 3 Dichiarazione sostitutiva ex art. 38 Codice degli Appalti Allegato 4.1 Dichiarazione degli operatori economici ex art. 53, co. Allegato 3 Dichiarazione sostitutiva ex art. 38 Codice degli Appalti Allegato 4.1 Dichiarazione degli operatori economici ex art. 53, co. 16-ter, d.lgs. n. 165/2001 Allegato 4.2 Dichiarazione ex art. 53,

Dettagli

L' I N I Z I O A T T I V I T A'

L' I N I Z I O A T T I V I T A' COMUNE DI RICCIONE Attività Produttive Polizia Amministrativa AL COMUNE DI RICCIONE SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA

Dettagli

ALLEGATO 2 DICHIARAZIONE CUMULATIVA AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL DPR

ALLEGATO 2 DICHIARAZIONE CUMULATIVA AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL DPR ALLEGATO 2 DICHIARAZIONE CUMULATIVA AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL DPR 445/2000 (Nel caso di concorrenti costituiti da imprese associate temporaneamente o consorziate in Consorzio Ordinario - o da associarsi

Dettagli

Piacenza - V. Consiglio 12 - Tel 0523/342225 - Fax 0523/332672 *********************** PRESIDENZA

Piacenza - V. Consiglio 12 - Tel 0523/342225 - Fax 0523/332672 *********************** PRESIDENZA TRIBUNALE DI PIACENZA Piacenza - V. Consiglio 12 - Tel 0523/342225 - Fax 0523/332672 *********************** PRESIDENZA m_dg TRIBUNALE DI PIACENZA. 03303202202 N. 2-1 3 NOV. 2012 UOR cc RUO Piacenza, 13

Dettagli

SCHEMA DI DOMANDA DI VOLTURAZIONE DELL AUTORIZZAZIONE

SCHEMA DI DOMANDA DI VOLTURAZIONE DELL AUTORIZZAZIONE SCHEMA DI DOMANDA DI VOLTURAZIONE DELL AUTORIZZAZIONE Marca bollo Euro 16,00 Istanza per Provincia di Lecco li Alla PROVINCIA DI LECCO Settore Ambiente Ecologia - Ufficio Rifiuti Industriali Piazza Lega

Dettagli

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE MODIFICHE ALLA NORMATIVA PENALE, SOSTANZIALE E PROCESSUALE, E ORDINAMENTALE PER IL RAFFORZAMENTO DELLE GARANZIE DIFENSIVE E LA DURATA RAGIONEVOLE DEI PROCESSI E PER UN MAGGIORE

Dettagli

I REATI IN MATERIA DI CODICE DELLA STRADA 14 GENNAIO 2015 DR. EZIO DOMENICO BASSO PROCURA DELLA REPUBBLICA DI VERCELLI

I REATI IN MATERIA DI CODICE DELLA STRADA 14 GENNAIO 2015 DR. EZIO DOMENICO BASSO PROCURA DELLA REPUBBLICA DI VERCELLI I REATI IN MATERIA DI CODICE DELLA STRADA 14 GENNAIO 2015 DR. EZIO DOMENICO BASSO PROCURA DELLA REPUBBLICA DI VERCELLI Contenuto Art. 186 comma 2 C.d.S. in genere; Art. 186 C.d.S. Accertamenti strumentali;

Dettagli

COMUNICA IL SUBINGRESSO

COMUNICA IL SUBINGRESSO COMUNICAZIONE DI SUBINGRESSO IN DISTRIBUTORE DI CARBURANTE (AD USO PRIVATO ED AD USO PUBBLICO) Al Suap del Comune di Il sottoscritto: Cognome Nome CONSAPEVOLE CHE LE DICHIARAZIONI MENDACI, LA FALSITÀ NELLA

Dettagli

D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 (1). (commento di giurisprudenza) Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali.

D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 (1). (commento di giurisprudenza) Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali. Page 1 of 9 Leggi d'italia D.Lgs. 18-8-2000 n. 267 Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali. Pubblicato nella Gazz. Uff. 28 settembre 2000, n. 227, S.O. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

Dettagli

LA SOSPENSIONE DELL ESECUZIONE DELLA PENA A FAVORE DEI CONDANNATI CHE SIANO STATI TOSSICODIPENDENTI

LA SOSPENSIONE DELL ESECUZIONE DELLA PENA A FAVORE DEI CONDANNATI CHE SIANO STATI TOSSICODIPENDENTI LA SOSPENSIONE DELL ESECUZIONE DELLA PENA A FAVORE DEI CONDANNATI CHE SIANO STATI TOSSICODIPENDENTI di Giuseppe Melchiorre Napoli SOMMARIO: 1. I PRESUPPOSTI PER LA CONCESSIONE DEL BENEFICIO: 1.1 Premessa;

Dettagli

TRIBUNALE DI VICENZA UFFICIO (1) Istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato ex D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115

TRIBUNALE DI VICENZA UFFICIO (1) Istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato ex D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 TRIBUNALE DI VICENZA UFFICIO (1) Istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato ex D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 Il sottoscritto/a prov. il cittadinanza residente in (via) n. CAP Città prov. professione

Dettagli

Il sottoscritto.. codice fiscale n. nato a provincia di...stato. il.autorizzato, nella qualità di. a rappresentare legalmente l'impresa:...

Il sottoscritto.. codice fiscale n. nato a provincia di...stato. il.autorizzato, nella qualità di. a rappresentare legalmente l'impresa:... allegato A. Alla Fondazione Montagna sicura - Montagne sûre Villa Cameron Località Villard de La Palud, 1 11013 Courmayeur (Ao) Oggetto: AVVISO DI INTERPELLO PER L AFFIDAMENTO IN COTTIMO FIDUCIARIO, MEDIANTE

Dettagli

ALLEGATO A2 PER R.T.I. COSTITUITO (ART. 34, COMMA 1, LETTERA D DEL CODICE DEI CONTRATTI)

ALLEGATO A2 PER R.T.I. COSTITUITO (ART. 34, COMMA 1, LETTERA D DEL CODICE DEI CONTRATTI) ALLEGATO A2 PER R.T.I. COSTITUITO (ART. 34, COMMA 1, LETTERA D DEL CODICE DEI CONTRATTI) DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETÀ (Art. 47 D.P.R. 445 del 28 dicembre

Dettagli

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 Misure per la semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RISCOSSIONE

Dettagli

Ufficio Studi CODAU. Disposizioni in materia di contratti pubblici.

Ufficio Studi CODAU. Disposizioni in materia di contratti pubblici. Ufficio Studi CODAU Analisi sintetica e commento della Legge n. 106 del 12/7/2011, di conversione del Decreto Legge 13 maggio 2011 n. 70. Semestre Europeo. Prime disposizioni urgenti per l economia (c.d.

Dettagli

L AFFIDAMENTO IN PROVA PER TOSSICODIPENDENTI E ALCOOLDIPENDENTI

L AFFIDAMENTO IN PROVA PER TOSSICODIPENDENTI E ALCOOLDIPENDENTI L AFFIDAMENTO IN PROVA PER TOSSICODIPENDENTI E ALCOOLDIPENDENTI di Giuseppe Melchiorre Napoli SOMMARIO: 1. I PRESUPPOSTI PER LA CONCESSIONE DELLA MISURA: 1.1 Premessa; 1.2 Requisiti soggettivi e oggettivi.

Dettagli

- DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETÀ E DI CERTIFICAZIONE- (D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445)

- DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETÀ E DI CERTIFICAZIONE- (D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) Spett.le Associazione Trento RISE Ufficio Legale Legal Affairs Via Sommarive, 18 38123 Povo Trento Italy - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETÀ E DI CERTIFICAZIONE- (D.P.R. 28 dicembre 2000,

Dettagli

C H I E D E. di partecipare alla gara in oggetto (barrare la casella che interessa) nella seguente forma:

C H I E D E. di partecipare alla gara in oggetto (barrare la casella che interessa) nella seguente forma: Ragione sociale dell Organismo concorrente Modello A Servizio Parchi Aperti nei parchi cittadini: Don Tonino Bello e Largo 2 Giugno - CIG., importo a base d asta - Intervento finanziato con fondi di cui

Dettagli

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo per il Coordinamento delle Iniziative Antiracket e Antiusura Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo

Dettagli

Direzione. Ordine di servizio n 131/C. Firenze, 31/07/2004. Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo.

Direzione. Ordine di servizio n 131/C. Firenze, 31/07/2004. Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo. Direzione Ordine di servizio n 131/C Firenze, 31/07/2004 Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo Loro sedi Oggetto: Legge 20/07/2004 n. 189. Disposizioni concernenti il divieto

Dettagli

LA FASE STRAGIUDIZIALE

LA FASE STRAGIUDIZIALE INDICE SOMMARIO Presentazione... 5 Normativa di riferimento LA FASE STRAGIUDIZIALE 1. Provv. (Isvap) 13 dicembre 2002, n. 2136. Approvazione del modulo di denuncia di sinistro per l assicurazione obbligatoria

Dettagli

La Giustizia Penale a Parma

La Giustizia Penale a Parma La Giustizia Penale a Parma Alessandra Mezzadri Il presente breve contributo ha preso in considerazione i dati statistici relativi all attività svolta dal Tribunale Penale di Parma negli anni 2006-2010.

Dettagli

IL SISTEMA SANZIONATORIO

IL SISTEMA SANZIONATORIO IL SISTEMA SANZIONATORIO - Tipologie delle sanzioni - Soggetti cui si applicano - Sospensione dell attività imprenditoriale - Iter per i diversi reati -Verbali di sopralluogo, di contravvenzione e prescrizione

Dettagli

Le multe per infrazioni al Codice della Strada

Le multe per infrazioni al Codice della Strada Le multe per infrazioni al Codice della Strada Riferimenti normativi Nuovo codice della strada (D.lgs. 30 aprile 1992, n. 285 e successive modificazioni); Regolamento di esecuzione e di attuazione del

Dettagli

SERUSO S.p.A. MODELLO A

SERUSO S.p.A. MODELLO A Modello A) Tale dichiarazione deve essere resa dal Legale Rappresentante o dal Titolare o dal Procuratore. Nel caso di concorrenti costituiti da imprese associate o da associarsi, la medesima dichiarazione

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO INDICE-SOMMARIO Introduzione... Avvertenze e abbreviazioni... XV XIX Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO 1.1.1. Sistemainquisitorioedaccusatorio...

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

straordinaria e ristrutturazione edilizia degli edifici all interno dei cimiteri periferici (APP. 18/15) (CIG: 5493219BB6)

straordinaria e ristrutturazione edilizia degli edifici all interno dei cimiteri periferici (APP. 18/15) (CIG: 5493219BB6) marca da bollo Allegato n. 1 Modulo domanda di partecipazione Da inserire nella busta 1 recante la dicitura Documentazione Spett.le Comune di Pisa Il sottoscritto Nato a il in qualità di legale rappresentante

Dettagli

Articolo 193 comma 4 bis: assicurazione falsa o contraffatta. Come agire? di Maurizio Marchi*

Articolo 193 comma 4 bis: assicurazione falsa o contraffatta. Come agire? di Maurizio Marchi* Articolo 193 comma 4 bis: assicurazione falsa o contraffatta. Come agire? di Maurizio Marchi* Soffermiamoci prima di tutto sulle parole circolazione, veicoli a motore e rimorchi. Circolazione: tenuto conto

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETA' ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n.

DOMANDA DI ISCRIZIONE E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETA' ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. DOMANDA DI ISCRIZIONE E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETA' ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445 Il sottoscritto,... nato a... e residente a... in via... codice fiscale...

Dettagli

Organi di Vigilanza e Sistema sanzionatorio. Dott. Leonardo SCATURRO

Organi di Vigilanza e Sistema sanzionatorio. Dott. Leonardo SCATURRO Organi di Vigilanza e Sistema sanzionatorio Dott. Leonardo SCATURRO Organi di Vigilanza S.Pre.S.A.L. - Azienda Sanitaria Locale Chi è? Ente che fa parte del Dipartimento di Prevenzione delle A.S.L. Quale

Dettagli

Il sottoscritto Legale Rappresentante / Procuratore del concorrente sede legale in: Via Comune C.A.P. Codice Fiscale n. Partita I.V.A. n.

Il sottoscritto Legale Rappresentante / Procuratore del concorrente sede legale in: Via Comune C.A.P. Codice Fiscale n. Partita I.V.A. n. DICHIARAZIONE DI AVVALIMENTO DEL CONCORRENTE ALLA CORTE D APPELLO DI FIRENZE VIA CAVOUR, 57 50129 FIRENZE La presente dichiarazione, resa ai sensi del D.P.R. n. 445/00, deve essere corredata da copia del

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione...

INDICE SOMMARIO. Presentazione... INDICE SOMMARIO Presentazione...................................... VII CAPITOLO I LA TESTIMONIANZA IN GENERALE 1.1. Introduzione................................... 2 1.2. La prova testimoniale nella Costituzione

Dettagli

Il sottoscritto Legale Rappresentante / Procuratore del concorrente sede legale in: Via Comune C.A.P. Codice Fiscale n. Partita I.V.A. n.

Il sottoscritto Legale Rappresentante / Procuratore del concorrente sede legale in: Via Comune C.A.P. Codice Fiscale n. Partita I.V.A. n. MOD. AVV DICHIARAZIONE DI AVVALIMENTO DEL CONCORRENTE ALLA CORTE D APPELLO DI FIRENZE VIA CAVOUR, 57 50129 FIRENZE La presente dichiarazione, resa ai sensi del D.P.R. n. 445/00, deve essere corredata da

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI

ORDINE DEGLI AVVOCATI TRIBUNALE DI MONZA CAMERA PENALE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MONZA DI MONZA Aggiornamento del prontuario per la liquidazione degli onorari ai difensori dei cittadini non abbienti ammessi al patrocinio a spese

Dettagli