Fondamenti di Patologia vegetale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondamenti di Patologia vegetale"

Transcript

1 Fondamenti di Patologia vegetale Quirico Migheli Tel ; Fax ;

2 Un fabbisogno alimentare in continuo aumento Negli ultimi 40 anni la popolazione mondiale è cresciuta del 90% La produzione di cibo è aumentata del 25% Nel 2020 vi saranno 1.5 miliardi di persone in più da sfamare Sarà necessario aumentare del 39% l attuale produzione agricola The Economist, 2000

3

4 Estimated crop losses due to plant diseases, Region US$ in billion % of potential production Asia NIS North America Latin America Europe Africa Pinstrup-Andersen, 2001

5 PATOLOGIA VEGETALE = STUDIO DI: ORGANISMI E FATTORI AMBIENTALI FITOPATOGENI MECCANISMI DELLA FITOPATOGENESI INTERAZIONI TRA PATOGENO E PIANTA OSPITE EPIDEMIOLOGIA METODI DI LOTTA COMPLESSO DI AGENTI FITOPATOGENI BIOTICI (FUNGHI, BATTERI, VIRUS, VIROIDI, FITOPLASMI, PIANTE PARASSITE) E ABIOTICI (AGENTI METEORICI, SQUILIBRI NUTRIZIONALI, INQUINANTI FITOTOSSICI) COMPLESSO DI DISCIPLINE INTERESSATE: MICROBIOLOGIA, BOTANICA, FISIOLOGIA, GENETICA, BIOCHIMICA, BIOLOGIA MOLECOLARE, PEDOLOGIA, INGEGNERIA,...

6 CONCETTO DI PIANTA SANA : pianta che può svolgere le sue funzioni fisiologiche al meglio del suo potenziale genetico (divisione cellulare, differenziamento, sviluppo, assorbimento dell acqua e delle sostanze nutrienti, trasporto, fotosintesi, metabolismo, riproduzione, svernamento,... CONCETTI DI PATOGENO E DI MALATTIA (FITOPATIA): ogni fattore che disturbi la pianta nelle sue funzioni fisiologiche è causa di malattia. MALATTIA: funzionamento anomalo di cellule, tessuti e organi della pianta in seguito alla continua irritazione da parte di un agente patogeno (biotico o abiotico) che porti alla comparsa di sintomi I PRIMI SEGNALI SONO SPESSO INVISIBILI, MA SE L AGENTE PATOGENO PERSISTE APPAIONO I SINTOMI (VISIBILI)

7 CLASSIFICAZIONE DELLE FITOPATIE: infettive o non infettive localizzate o sistemiche in base ai sintomi in base alla posizione sistematica dei patogeni in base all organo colpito SINTOMATOLOGIA: MODIFICAZIONI CROMATICHE: clorosi, giallumi, mosaici, striature, variegature, clorosi internervali, rotture di colore, maculature anulari, arrossamenti, argentature, imbrunimenti, annerimenti. NECROSI E ALTERAZIONI DEGENERATIVE: macchie, antracnosi, marciumi molli e secchi, mummificazione, carie, scabbia, avvizzimento, cancro, flusso gommoso o resinoso, suberosi, rugginosità. DISTACCO DI PARTI: spaccature, filloptosi, antoptosi, carpoptosi, vaiolatura, impallinatura. MODIFICAZIONI DI FORMA O DIMENSIONE: accartocciamento, arrotolamento, bollosità, lenticellosi, erinosi, tumori, galle, nanismo e gigantismo, blastomania, scopazzi, fasciazioni, rizomania, virescenza, ipertrofia, iperplasia cellulare.

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22 RUGGINI FOGLIARI

23 MAL BIANCHI

24 MODALITA DELLA PATOGENESI: indebolimento della pianta ospite per continuo assorbimento di nutrienti dai tessuti colpiti disturbo del metabolismo dell ospite (mediante tossine, enzimi, sostanze ormonali) blocco del trasporto (acqua, sali minerali, fotosintetati) distruzione del contenuto delle cellule delle cellule della pianta ospite per contatto diretto.

25 DIAGNOSI DELLE FITOPATIE 1. ANAMNESI identificazione di specie e cultivar, eventuale resistenza genetica, origine del seme, età della pianta o della coltura localizzazione della malattia, sua incidenza e distribuzione in campo (es. diffusione a macchia d olio, lungo i canali d irrigazione, a caso,...) ambiente colturale, eventi climatici, caratteristiche del suolo quadro delle operazioni colturali (rotazione, semina o trapianto, lavorazioni, formule e dosi di concimazione, irrigazione, potatura, trattamenti antiparassitari,...) 2. RACCOLTA DI CAMPIONI campione significativo, rappresentativo della coltura piante o parti di pianta a diverso stadio di malattia campioni sani di riferimento

26 3. ANALISI DEI CAMPIONI se si sospetta fattore abiotico (ad es. fitotossicità da trattamenti antiparassitari, metalli pesanti, composti fluorurati): analisi chimica del contenuto in sostanze fitotossiche se si sospetta fattore biotico: analisi a occhio nudo per ruggini, mal bianchi, malattie molto note), con lente di ingrandimento, con microscopio (ottico o elettronico), diagnosi immunologica o biomolecolare o biochimica, isolamento su substrati selettivi, incubazione in camera umida, trasmissione per innesto su piante indicatrici. 4. CONTRIBUISCONO A COMPLICARE IL QUADRO CLINICO: presenza di più agenti patogeni, di saprofiti e parassiti secondari convergenza di sintomi divergenza di sintomi

27 5. POSTULATI DI KOCH il patogeno dev essere sempre associato alla malattia deve poter essere isolato e coltivato in purezza (patogeni non obbligati) o su una pianta ospite suscettibile da coltura pura deve essere inoculato su piante sane della stessa specie o cultivar da cui è stato isolato e riprodurre gli stessi sintomi reisolato una seconda volta, deve avere, in coltura pura, le stesse caratteristiche del primo isolamento.

28 PARASSITISMO E PATOGENICITA Fitopatogeni: colpiscono solo le piante (non uomini o animali, se si escludono le micotossicosi) Malattie infettive: derivano dall infezione da parte di un agente patogeno o parassita Parassita: organismo che vive sulla o nella pianta ospite, ricavandone nutrimento, provocando le alterazioni descritte. Patogenicità: capacità di un parassita di interferire con un o più funzioni essenziali della pianta. Non è necessariamente sinonimo di parassitismo, che prevede solo funzioni trofiche e può essere anche benefico per la pianta (es. simbiosi con batteri azoto-fissatori e simbiosi micorriziche). Di tutte le specie viventi solo una minima parte ha sviluppato capacità parassitarie: biotrofi, parassiti obbligati, parassiti facoltativi, saprofiti facoltativi, necrotrofi. In generale: parassiti obbligati sono più specifici ed evoluti; parassiti facoltativi hanno spettro d ospiti più ampio.

29 SVILUPPO DELLA PATOGENESI L incidenza delle malattie dipende dall interazione tra tre fattori principali (pianta ospite, patogeno e ambiente) ciascuno dei quali comprende diversi sotto-fattori: PATOGENO AMBIENTE PIANTA OSPITE PATOGENO: stadio di sviluppo, potenziale di inoculo, virulenza,... OSPITE: età, suscettibilità, presenza di organi sensibili,... AMBIENTE: condizioni predisponenti la malattia (umidità, temperatura, luce,...)

30 STADI DI SVILUPPO DELLE MALATTIE INOCULO: qualsiasi parte del patogeno in grado di produrre una infezione spore, conidi, sclerozi, frammenti di micelio, cellule batteriche, particelle virali, cellule fitoplasmi, uova o larve di nematodi, semi di piante parassite,... PROPAGULO: unità di inoculo INOCULO PRIMARIO INFEZIONE PRIMARIA inoculo secondario, terziario,... infezione secondaria, terziaria,... FONTI DI INOCULO: dal campo stesso, da appezzamenti più o meno vicini, attraverso piante malate (semi, organi di moltiplicazione), utensili infetti, uomo o animali,... TRASPORTO DELL INOCULO: in genere passivo (vento, acqua, vettori mobili), tranne che per nematodi e Chromista con zoospore flagellate mobili in velo d acqua.

31 GERMINAZIONE DI CONIDI E SEMI (per piante parassite): spesso indotta o favorita da sostanze nutritive, essudati della pianta ospite. ADESIONE DEL PATOGENO ALL OSPITE: virus e fitoplasmi sono veicolati direttamente dentro le cellule dell ospite da un vettore; funghi e batteri arrivano a contatto con la superficie dell ospite; possono produrre sostanze mucillaginose che favoriscono l adesione. RICONOSCIMENTO PIANTA-PATOGENO: aspetto ancora molto sconosciuto; ruolo di ormoni, enzimi, prodotti di degradazione delle rispettive pareti cellulari, lectine: rappresenta una fase critica importantissima nel determinare l esito dell infezione. PENETRAZIONE: a seconda del tipo di patogeno può essere diretta, attraverso aperture naturali (stomi, lenticelle, idatodi), attraverso ferite o microlesioni, mediata da vettori (afidi, cicaline, nematodi). INFEZIONE: il patogeno stabilisce il contatto con l ospite e inizia a procurarsi nutrimento a spese delle sue cellule; durante questa fase si hanno: moltiplicazione, accrescimento del patogeno e invasione dell ospite. L infezione può essere sintomatica o asintomatica.

32

33

34

35

36 Infezione attraverso gli idatodi

37

38

39

40

41

42 PERIODO DI INCUBAZIONE: intervallo tra l avvenuta infezione e la comparsa dei primi sintomi; la lunghezza di questa fase dipende da: virulenza e stadio del patogeno, sensibilità e stadio dell ospite, condizioni ambientali. INVASIONE: accrescimento superficiale (es. mal bianchi), sottocuticolare, intracuticolare, vascolare, intra- o extra-cellulare, localizzato sistemico. MOLTIPLICAZIONE E RIPRODUZIONE DEL PATOGENO: moltiplicazione per mezzo di conidi (asessuata o agamica) o per via sessuata. Micelio dei funghi patogeni prodotto solo all interno della pianta o anche o solo all esterno; virus e viroidi solo interni; batteri interni/esterni. Il tasso di moltiplicazione è variabile.

43

44

45 DISSEMINAZIONE DEL PATOGENO: vento, pioggia, insetti, irrigazione, semi e altri organi di moltiplicazione infetti, operatori, attrezzi (ad esempio durante la potatura). SVERNAMENTO O ESTIVAZIONE: come? avviene attraverso organi di resistenza: clamidospore, corpi fruttiferi, sclerozi, micelio quiescente. dove? sulla superficie del terreno o sotto terra, nelle gemme, in cancretti rameali, mummie, cancri sul fusto, radici, residui colturali, piante perennanti, ospiti alternativi, nei semi (infezione) o sui semi (contaminazione), nel materiale propagativo, nei vettori.

46

47

48

49 SISTEMI DI AGGRESSIONE pianta = fortezza patogeno = aggressore i patogeni si sono evoluti in modo da acquisire la capacità di vivere a spese delle sostanze prodotte dalla pianta ospite. tali sostanze non sono accessibili il patogeno deve superare barriere (pre-esistenti o frapposte alla pianta per difendersi, in seguito all aggressione) dell apoplasto per raggiungere il simplasto. la penetrazione attraverso l apoplasto avviene per lo più attraverso sostanze chimiche (enzimi), in parte per sforzo meccanico (nematodi, funghi e piante parassite come vischio e cuscuta), per superare la barriera dell epidermide e della cuticola.

50 La pianta è una fortezza sotto assedio...

51 FASI: CONTATTO, ADESIONE (SOSTANZE MUCILLAGINOSE, FORZE INTERMOLECOLARI TRA SUPERFICIE DELLA PIANTA E SUPERFICIE DEL PATOGENO), TIGMOTATTISMO, FORMAZIONE DELL APPRESSORIO, EMISSIONE DI UNO STILETTO DI PENETRAZIONE (PENETRAZIONE MECCANICA COADIUVATA DA ENZIMI LITICI) STRATI DA OLTREPASSARE: cere epicuticolari, cere, cutina, cellulosa, pectina, cellulosa, cellulosa, membrana plasmatica, citoplasma. SOSTANZE CHIMICHE PRODOTTE DAL PATOGENO PER FAVORIRE L AGGRESSIONE: in alcuni casi coadiuvano la penetrazione in altri casi hanno funzione di attacco in altri sono veri e propri determinanti della patogenesi Possono essere: enzimi, tossine, fitoregolatori, polisaccaridi,... hanno importanza variabile a seconda del tipo di malattia: es. marciumi molli coinvolgono enzimi pectolitici, galle e tumori coinvolgono fitoregolatori come auxine e citochinine; mal del piombo dei fruttiferi coinvolge tossine,...

52

53 ENZIMI entrano in gioco nella degradazione dell apoplasto: cuticola, parete cellulare e lamella mediana sono le principali barriere all avanzata dei patogeni verso il simplasto CERE EPICUTICOLARI: in forma granulare o a bastoncello, in genere penetrate grazie a sforzo meccanico. CUTINA: maggior componente della cuticola, infiltrata di cere verso l esterno, di pectina e cellulosa verso l interno; poliestere di acidi grassi a lunga catena (C16-C18) legati tra loro da legami esterici. Cutinasi = enzimi che degradano la cutina: in alcuni casi sono fondamentali per la penetrazione legate alla patogenicità. SOSTANZE PECTICHE: maggiori componenti della lamella mediana, costituiscono il cemento intercellulare che tiene insieme le cellule a formare i tessuti; formanpo anche parte della parete primaria; sono catene di galatturonano+catene laterali di ramnosio. Enzimi pectolitici (pectinasi) di diverso tipo a seconda del tipo di reazione che catalizzano; molto importanti nei marciumi molli (es. da Erwinia spp.) macerazione dei tessuti e liquefazione; possono esser prodotte anche da funghi.

54 CELLULOSA: catene di glucosio tenute insieme da ponti a idrogeno; costituiscono lo scheletro delle pareti; organizzazione in microfibrille evia via in fibrille di calibro maggiore. Cellulasi: degradano la cellulosa; di vario tipo a seconda del sito di attacco (eso-, endo-, cellobioidrolasi, cellobiasi,...); sono prodotte da molti funghi, batteri, Cuscuta spp. e hanno anche funzione trofica (cellulosa cellobiosio glucosio). EMICELLULOSE: complesse combinazioni di polimeri polisaccaridici con composizione variabile a seconda della specie o dell età della pianta; presenti nella parete primaria e, in parte, nella lamella mediana e nella parete secondaria; xiloglucani, glucomannani, galattomannani, arabinogalattani,... Emicellulasi: prodotte da funghi;ancora incerto il ruolo nella patogenesi. LIGNINA: presente nella lamella mediana e nei vasi xilematici; polimero amorfo formato dalla condensazione ossidativa di unità fenilpropanoidi; molto resistente alla degradazione enzimatica; pochi basidiomiceti sono in grado di attaccarla (ca. 500 specie): agenti di carie bianca che producono ligninasi. Altri enzimi: proteasi, lipasi, amilasi, fosfolipasi,.. preposti alla metabolizzazione di sostanze presenti all interno della cellula (nel simplasto).

55

56

57 TOSSINE Sono prodotte da molti funghi e batteri fitopatogeni agiscono a concentrazione molto bassa possono essere di tipo non specifico o specifico Tossine di tipo non-specifico: producono danni (clorosi, ingiallimento e necrosi) non solo nella specie ospite ma anche in specie non ospiti del patogeno che le produce; non sono in genere essenziali nella patogenesi. es. tabtossina, prodotta da Pseudomonas syringae pv tabaci, o faseolotossina, prodotta da P. syringae pv. phaseolicola: i filtrati colturali del batterio inducono aloni gialli e clorosi se infiltrati nelle foglie non solo su tabacco e fagiolo (rispettivamente), ma anche su altre piante, inducendo alterazioni della permeabilità di membrana. es. tentossina (Alternaria tenuis) causa clorosi in piantine di diverse specie; fusicoccina (Fusicoccum amygdali): causa morte delle gemme di pesco e mandorlo, piante ospiti del patogeno, ma se viene iniettata nei vasi legnosi di specie non ospiti provoca gli stessi sintomi.

58 Tossine di tipo specifico: sono tossiche solo nei confronti della pianta ospite del microrganismo che le produce. es. victorina (HV-toxin) prodotta dal fungo Cochliobolus victoriae comparso nel 1945 su avene della varietà Victoria (e derivate) resistenti alla ruggine causata da Puccinia coronata; C. victoriae attacca la base del fusto ma produce tossine sbiancamento delle foglie e morte di tutta la pianta; avene di varietà diversa o di varietà non derivate dalla cv Victoria, come altre specie erbacee e arboree sono immuni al patogeno. es. T-toxin: prodotta dalla razza T del fungo Cochliobolus heterostrophus, comparso nel 1970 in seguito all introduzione di varietà maschio-sterili di mais che recavano un fattore di maschio sterilità citoplasmatica ( Texas male sterility) associato all estrema sensibilità a questa razza del patogeno epifitia gravissima con conseguenze disastrose nell economia del corn belt statunitense.

59

60 Cochliobolus heterostrophus su Zea mais

61 FITOREGOLATORI fitoregolatori fito-ormoni: auxine, gibberelline, citochinine, etilene e acido abscissico agiscono a concentrazioni molto basse soggetti a fluttuazioni durante lo sviluppo molti patogeni influenzano la normale fluttuazione o producendo ex novo fito-ormoni, o inibendone/stimolandone la sintesi da parte della pianta infetta risposta variabile a seconda degli ormoni che entrano in gioco tipici sintomi da alterazione del bilancio ormonale: nanismo, gigantismo, scopazzi, rizomania, fasciazione, epinastia fogliare, malformazioni del fusto, inibizione dello sviluppo delle gemme,...

62 Crinipellis perniciosa su cacao

63 Auxine: IAA (acido indolilacetico) prodotto dai meristemi; promuove l allungamento cellulare, il differenziamento e la trascrizione; aumento della concentrazione di IAA in seguito agli attacchi di: Plasmodiophora brassicae (rogna del cavolo), Ustilago zeae-maydis (carbone del mais), alcuni agenti di ruggine, alcuni agenti di fusariosi vascolare, Pseudomonas solanacearum (fino a >100 volte), nei tumori batterici da Agrobacterium tumefaciens, rogna dell ulivo e dell oleandro da Pseudomonas savastanoi, in alcune virosi,...

64 Gibberelline: scoperte in seguito allo studio di piante di riso infette da Gibberella fujikuroi (agente della malattia detta riso gentiluomo per l allungamento eccessivo del fusto e in conseguente ripiegamento della spiga); influenzano l allungamento cellulare; l accrescimento di varietà nane può essere indotto da somministrazione di acido gibberellico; inducono fioritura precoce e allungamento delle radici; hanno un effetto positivo sulla sintesi delle auxine; in molti casi di infezione da virus e fitoplasmi le gibberelline mascherano i sintomi, ma non è chiaro attraverso quali meccanismi questi patogeni possano inibire la biosintesi delle gibberelline nelle piante infette.

65 Citochinine: promuovono la crescita cellulare, ritardano i fenomeni di senescenza; promuovono l apporto di nutrienti; entrano in gioco nelle infezioni da patogeni obbligati ( isole verdi, visibili attorno al punto di infezione anche su foglie senescenti) ma anche negli scopazzi, per attivazione delle gemme laterali.

66 Etilene: induce clorosi, abscissione, epinastia fogliare, maturazione dei frutti, senescenza aumenta molto in seguito all attacco di patogeni vascolari (batteri e funghi). Acido abscissico: inibitore della crescita; induce abscissione fogliare, dormienza, inibizione della germinazione, nanismo; entra in gioco nelle virosi che causano fenomeni di nanismo; molti patogeni lo possono produrre direttamente.

67 FISIOPATOLOGIA VEGETALE Studia l effetto dei patogeni sulle funzioni fisiologiche della pianta (riflessi sulla qualità del prodotto). EFFETTI SULLA FOTOSINTESI: diretti, ad es. per agenti di maculature fogliari, attacchi sulle foglie, mosaici, clorosi fogliari, epinastia fogliare, agenti di mal bianco,...; in altri casi sussiste un effetto indiretto: parassiti vascolari provocano la chiusura degli stomi per reazione al mancato assorbimento d acqua mancato scambio gassoso e blocco della fotosintesi..

68 EFFETTI SULLA TRASLOCAZIONE DELL ACQUA E DELLE SOSTANZE NUTRITIVE (flusso xilematico): marciumi radicali, parassiti vascolari, attacchi al fusto e alla base della pianta (colletto); ad es. i parassiti vascolari riducono il flusso nello xilema fino al 2-4% del normale per effetto di tille, gomme e mucillagini; effetti indiretti, ad es. nel caso di attacchi di agenti di ruggini fogliari che provocano la distruzione della cuticola evapotraspirazione incontrollata, morte per disidratazione.

69 EFFETTI SULLA TRASLOCAZIONE ATTRAVERSO IL FLOEMA: molti parassiti obbligati (agenti di ruggini e mal bianchi, virus e fitoplasmi) inibiscono il flusso floematico accumulo di fotosintetati nelle aree colonizzate bollosità e accartocciamenti fogliari.

70 EFFETTI SULLA RESPIRAZIONE: in genere si osserva un aumento del tasso respiratorio; l aumento è più precoce nelle combinazioni incompatibili, al fine di rendere disponibile energia per poter mettere in atto sistemi di difesa post-infezionali. EFFETTI SULLA PERMEABILITA DI MEMBRANA: in genere si osserva un aumento della permeabilità perdita incontrollata di sostanze utili al patogeno e entrata incontrollata di sostanze tossiche per la cellula (enzimi, tossine). EFFETTI SULLA TRASCRIZIONE DEL DNA IN mrna: virus e altri parassiti obbligati come agenti di ruggini e mal bianchi modificano la trascrizione; i virus inducono sintesi di mrna virali da parte della cellula vegetale ospite; in generale: aumento dell attività trascrizionale, anche per attivazione dei meccanismi di difesa. EFFETTI SULLA TRADUZIONE: l aumento della sintesi proteica è molto marcato nelle reazioni incompatibili (resistenti). Le reazioni di incompatibilità sono annullate dal trattamento con inibitori della sintesi proteica.

71

72 MECCANISMI DI DIFESA DELLE PIANTE CONTRO I FITOPATOGENI La reazione di compatibilità ( malattia) è da considerarsi una eccezione rispetto alla regola, che è rappresentata dalla resistenza (incompatibilità); in media esistono circa 100 microrganismi patogeni per ogni pianta in genere, le piante resistono benissimo all attacco dei potenziali patogeni con cui vengono a contatto. ciò avviene grazie a particolari caratteristiche (meccanismi) che possono essere classificati come segue: 1. Caratteristiche strutturali (morfologiche) pre-esistenti o indotte; 2. Caratteristiche biochimiche pre-esistenti o indotte.

73 MECCANSIMI DI DIFESA MORFOLOGICI PRE-INFEZIONALI: consistenza e qualità delle cere epicuticolari; struttura dell epidermide; numero e forma degli stomi e delle lenticelle e loro grado di apertura; presenza di peli o tricomi; spessore della cuticola; cellule sclerenchimatiche delle venature (provocano la compartimentazione delle maculature angolari). MECCANISMI MORFOLOGICI POST-INFEZIONALI (INDOTTI): formazione di strati di sughero; compartimentazione del sito di penetrazione; blocco del patogeno e del flusso di sostanze nutritive (verso l esterno) o tossiche (verso l interno); formazione di strati di abscissione ( impallinatura delle drupacee); formazione di tille; impregnazione dei vasi con gomme; ispessimento delle pareti cellulari; formazione di papille,...

74

75 MECCANISMI DI DIFESA BIOCHIMICI PRE-INFEZIONALI: presenza nei tessuti della pianta di sostanze fungitossiche; essudati radicali; sostanze repellenti; es. catecolo e acido protocatechico in cipolle a catafilli rossi che provocano l inibizione di conidi di Botrytis e Colletotrichum e sono più resistenti delle cipolle a catafilli bianchi; mancanza di sostanze attrattive o di fattori di riconoscimento; mancanza dei siti recettori sensibili alle tossine prodotte dal patogeno; mancanza di sostanze essenziali al patogeno (fattori di crescita o di patogenicità); presenza di inibitori (tannini, fenoli; chitinasi e β glucanasi).

76 MECCANISMI DI DIFESA BIOCHIMICI POST-INFEZIONALI: attivazione del metabolismo fenolico e produzione di sostanze fenoliche nella reazione ipesensibile; produzione di fitoalessine (pisatina, faseollina, gliceollina) cui corrispondono spesso meccanismi di detossificazone da parte dei patogeni (es. il fungo Nectria haematococca = Fusarium solani produce pisatina demetilasi che detossifica la fitoalessina pisatina prodotta da pisello); perossidasi; fenoli ossidati chinoni condensazione per formare melanine che sono insolubili; aumento sintesi di lignina; detossificazione di tossine fungine (es. acido fusarico, piricularina) da parte di varietà di piante resistenti.

77 RESISTENZA DELLE PIANTE e GENETICA DELLA PATOGENICITA RESISTENZA ORIZZONTALE: poligenica, in genere non impedisce l aggressione ma blocca o ritarda il patogeno dopo l infezione. RESISTENZA VERTICALE: mono- o oligogenica; in genere blocca l insediarsi del patogeno nelle primissime fasi dell infezione. Possono sussistere fino a 0-40 geni di resistenza nella stessa specie nei confronti di un certo patogeno; ogni varietà in genere ne ha 1-3 per ciascun patogeno. Idealmente: combinare nella stessa varietà coltivata geni di resistenza verticale ed orizzontale. RESISTENZA APPARENTE: la pianta si sottrae al patogeno, ne evita l infezione attraverso meccanismi quali: germinazione rapida, un ciclo più breve, adattabilità a climi asciutti in cui il patogeno non possa sopravvivere, TOLLERANZA: la pianta attaccata dal patogeno è in grado di concludere il proprio ciclo riproduttivo. Non sempre la TOLLERANZA BIOLOGICA coincide con la TOLLERANZA ECONOMICA!

78 il livello di resistenza genetica può variare a seconda del patosistema

79

80

81

82 Resistenza genetica dell orzo a Puccinia hordei

83 GENI DI PATOGENICITA : codificano nel patogeno i fattori di patogenicità, ad esempio la formazione di appressori, di austori, la sintesi di enzimi litici o di tossine,... GENI DI AVIRULENZA: codificano nel patogeno elicitori, sostanze che vengono riconosciute dalla pianta ospite attraverso recettori (codificati da geni di resistenza); gli elicitori in certe combinazioni pianta-patogeno possono anche coincidere con fattori di patogenicità il gene di patogenicità corrisponde al gene di avirulenza. PIANTA PATOGENO recettore elicitore

84 R + A r + A R + a r + a

85

86 Nella pianta: Allele di resistenza (in genere dominante) Allele di suscettibilità (in genere recessivo) Nel patogeno: Allele di avirulenza (in genere dominante) Allele di virulenza (in genere recessivo) Solo e coesistono allele di resistenza e allele di avirulenza la pianta è in grado di riconoscere il patogeno come non-self e reagisce mettendo in atto tutti i meccanismi morfologici e biochimici indotti visti prima. In tutti gli altri casi o manca l elicitore nel patogeno o manca il recettore nella pianta e la combinazione sarà compatibile la pianta si ammala.

87 CONCETTO GENE-PER-GENE: ad ogni gene di avirulenza del patogeno corrisponde un gene di resistenza della pianta ospite equilibrio dinamico di co-evoluzione; qualora non accadesse, ci sarebbe la sparizione della pianta ospite o del patogeno (o di entrambi); espresso da Flor (1971) che studiò il patosistema lino/ruggine del lino: Dimostrato in un numero sempre maggiore di piante con resistenza mono- o oligogenica di tipo verticale; i miglioratori lo applicano sempre, quando creano nuove varietà coltivate (cultivar). in altri termini: i geni di resistenza codificano per fattori di riconoscimento i geni di avirulenza codificano per molecole riconoscibili dalla pianta resistente

88 Riepilogando: la resistenza delle piante nei confronti dei fitopatogeni è spesso basata su singoli geni dominanti l avirulenza dei patogeni nei confronti delle piante è spesso basata su geni dominanti complementari a quelli di resistenza la genetica classica dimostra che i geni di resistenza in molte piante tendono a raggrupparsi in sequenze adiacenti (linkage groups) geni di resistenza in piante appartenenti a gruppi tassonomici diversi sono spesso correlati a livello di sequenza il modello presuppone l esistenza di famiglie multigeniche che comprendono geni di resistenza evoluti in modo da essere costituiti da regioni ipervariabili (recettori?) e regioni conservate (struttura di base e induzione della risposta di resistenza) analogie con gli anticorpi

89

90

91

92 Dove si vanno a cercare i geni di resistenza? nei luoghi di origine (biodiversità); in seguito a mutazioni (fisiche, chimiche) sfruttando la variabilità somaclonale mediante trasformazione genetica.

93 EFFETTI AMBIENTALI SULLO SVILUPPO DELLE MALATTIE INFETTIVE L ambiente: terza componente del triangolo pianta-patogeno-ambiente, influenza l evoluzione della patogenesi attraverso diversi fattori: Temperatura: esigenze variabili a seconda del patogeno; influenza la durata del periodo di incubazione, la maturazione nelle varie fasi del ciclo di sviluppo del patogeno; la durata della fase di suscettibilità della pianta ospite; l optimum termico del patogeno non sempre coincide con l optimum della pianta ospite; per i virus e fitoplasmi trasmessi da vettori la temperatura ha un effetto sulla mobilità dei vettori (insetti, funghi, nematodi).

94 Umidità: pioggia, irrigazione soprachioma o per scorrimento, umidità relativa dell aria, rugiada, nebbia,...; effetti sulla germinazione dei conidi, sulla penetrazione del tubulo o dello stiletto di penetrazione nella pianta ospite; influenza la diffusione dei batteri e dei funghi attraverso gli schizzi; influenza la sensibilità della pianta, la durata del periodo di incubazione, l infezione,... l optimum di umidità è variabile per i diversi patogeni.

95 Vento: veicola i patogeni (direttamente o attraverso i vettori); riduce il tempo di bagnatura degli organi fogliari se sopraggiunge al mattino o dopo una pioggia, quindi ha effetto sulla infezione, ritardandola. Luce: la carenza di luce determina eziolamento e in genere aumento di sensibilità nelle piante a parassiti non obbligati. ph del terreno: condiziona fortemente sia la pianta che i patogeni. Sostanze minerali: azoto: aumenta la massa fogliare, rende i tessuti più teneri e suscettibili; fosforo: effetto diverso a seconda del patosistema; potassio: in genere aumenta la resistenza della pianta ospite; calcio: idem, per salificazione dell apoplasto; microelementi: in quantità ottimale possono aumentare la resistenza della pianta.

96 EPIDEMIOLOGIA (EPIFITOLOGIA) EPIDEMIA (EPIFITIA): aumento dell incidenza di una determinata malattia, in genere repentino e relativamente localizzato EPIDEMIOLOGIA: studia le epidemie e le cause che concorrono allo scoppio delle epidemie TEMPO PATOGENO AMBIENTE PIANTA OSPITE

97 FATTORI RELATIVI AL TEMPO: periodo dell anno, durata delle condizioni ottimali di temperatura e umidità, tempo di comparsa del vettore, tempo di permanenza del vettore sulla pianta, durata del ciclo di malattia, precocità dell ospite, FATTORI RELATIVI ALL OSPITE: livello di resistenza genetica, livello di omogeneità genetica, tipo di pianta, età della pianta, FATTORI RELATIVI AL PATOGENO: livello di virulenza, quantità di inoculo, tipo di riproduzione, durata del ciclo riproduttivo, ecologia, diffusione, FATTORI RELATIVI ALL AMBIENTE: temperatura, umidità, luminosità, ph, sali minerali, UOMO come quinta componente: scelta della coltura, scelta del sito, scelta delle condizioni colturali, operazioni colturali, vettore di nuovi parassiti,

98 RELAZIONE TRA CICLI DI MALATTIA ED EPIDEMIE PATOGENI MONOCICLICI (es. agenti di carboni, molte ruggini di piante arboree, alcuni patogeni vascolari): si moltiplicano solo alla fine dell unico ciclo e restano quiescenti fino all anno successivo; la quantità di inoculo a fine stagione è in genere maggiore di quella iniziale aumento progressivo dell incidenza.

99 PATOGENI POLICICLICI (es. agenti di mal bianco, muffa grigia da Botrytis cinerea, peronospora della vite da Plasmopara viticola): hanno più generazioni nella stessa stagione molti cicli di infezione (2-30); l inoculo si moltiplica di volta in volta; spesso sono trasportati dal vento o da vettori e portano allo scoppio di epidemie. L inoculo primario in genere corrisponde alla forma perfetta (sessuata) o a strutture di svernamento/estivazione che assicurano la sopravvivenza in assenza della pianta ospite; l inoculo secondario di solito è rappresentato da grandi masse di conidi asessuati che danno luogo a successivi cicli di infezione.

100

101 PATOGENI POLIETICI: necessitano di più di un anno per completare il loro ciclo (ad es. patogeni vascolari di piante arboree). La grafiosi dell olmo (Ophiostoma novo-ulmi)

102

103 MISURAZIONE DELL INTENSITA DELLE FITOPATIE INCIDENZA: è il numero o la proporzione (ad es. in %) di piante o di parti di pianta colpite da un patogeno; non sempre corrisponde alla gravità (ad es. se si sceglie di considerare colpite le piante che presentano una singola macchia su una foglia). GRAVITA : di solito viene espressa come % della superficie della pianta o di una sua parte colpita (foglia, fusto, frutto, radice,...) o distrutta dal patogeno. PERDITA DI RACCOLTO (PERDITA ECONOMICA): correlazione con gli altri fattori dipende da coltura a coltura (es. per colture da fiore è sufficiente un danno minimo per rendere il prodotto non più commerciabile).

104 ANDAMENTO DELLE EPIDEMIE Espresso in termini di numero di lesioni, quantità di tessuto colpito, numero di piante con sintomi, etc., in funzione del tempo. Esempio 1: patogeni monociclici con diverso tasso di accrescimento: gravità (%) a b c settimane dalla semina

105 Esempio 2: patogeno policiclico (es. Plasmopara viticola): gravità (%) settimane dalla semina

106 Esempio 3: patogeno policiclico bimodale (es. Monilia sp. su pesco): colpisce gemme e frutti in tempi diversi nella stagione: gravità (%) settimane dall'apertura delle gemme

107 TASSO DI CRESCITA DI UNA EPIDEMIA: simmetrico o asimmetrico (più grave all inizio o alla fine della stagione vegetativa); GRAVITA FINALE: dipende dalla quantità di inoculo iniziale e dal tempo in cui patogeno e pianta sono a contatto, nelle condizioni favorevoli. MALATTIE MONOCICLICHE: la quantità di inoculo non cresce nella stagione la gravità dipende dalla virulenza del patogeno, dalla sensibilità dell ospite e dai fattori ambientali; in questo caso la quantità di inoculo iniziale è MOLTO IMPORTANTE. MALATTIE POLICICLICHE: l inoculo iniziale ha una importanza minore, molto meno rispetto al numero di cicli successivi, che portano ad un continuo aumento della carica di inoculo.

108 TASSO DI INCREMENTO o DI CRESCITA è simile al TASSO DI INTERESSE per calcolarlo si possono applicare le formule di capitalizzazione bancaria: MALATTIE MONOCICLICHE (A INTERESSE SEMPLICE): x t = x 0 (1+ r t ) MALATTIE POLICICLICHE (A INTERESSE COMPOSTO): x t = x 0. e r1t dove x t = quantità di malattia al tempo t dove x 0 = quantità di malattia al tempo 0 r 1 = tasso di infezione esponenziale r t = tasso di infezione apparente e = base logaritmi naturali ad es.: tasso di incremento pari a 0,02 al giorno per verticilliosi del cotone (malattia monociclica); 0,3-0,6 al giorno per ruggini dei cereali, peronospora della vite e della patata (malattie policicliche); 0,8 all anno per Ophiostoma novo-ulmi (patogeno polietico).

109 MODELLI PREVISIONALI In genere mirano alla previsione della gravità di una epifitia allo scopo di scegliere il giusto momento di intervento (soglia economica del trattamento). Prendono in considerazione fattori relativi al patogeno (tasso di crescita, ciclo, temperatura ottimale, capacità di differenziare forme di svernamento o estivazione, presenza di ospiti alternativi, virulenza,...), fattori relativi alla pianta (presenza di geni di resistenza, lunghezza della fase vegetativa suscettibile, habitus vegetativo,...), e fattori ambientali (temperatura, umidità, presenza di un velo d acqua sulla superficie fogliare, permanere delle condizioni favorevoli all epifitia,...).

110 MODELLI PREVISIONALI Possono tenere in considerazione la entità dell inoculo primario presente (soprattutto per patogeni monociclici). In certi casi considerano serie storiche delle condizioni ambientali e valutano lo scostamento della condizione attuale dalla media delle serie storiche (in questo caso è molto importante dove il modello viene messo a punto, in quanto le condizioni possono cambiare moltissimo). Matematizzazione dei parametri, elaborazione di un modello, validazione del modello previsionale in diverse condizioni ambientali e colturali.

111

112 Plasmopara viticola Regola dei 3 dieci: germogli lunghi almeno 10 cm temperatura media di almeno 10 C almeno 10 mm di pioggia (infettante) calcolo del periodo di incubazione

113 X

114 METODI DI LOTTA CONTRO I PATOGENI le piante sono in genere considerate nel loro insieme, non individualmente; quasi tutte le tecniche di lotta mirano alla prevenzione la lotta deve essere armonizzata a criteri economici, sanitari e ambientali ove possibile, sono da applicare tutte le tecnologie (incluse le biotecnologie) miranti alla salvaguardia della salute delle piante nel rispetto dell ambiente e dei vincoli igienico-sanitari. Nel triangolo patogeno-pianta-ambiente, le tecniche di lotta mirano a: 1) inibire direttamente il patogeno 2) ridurre la suscettibilità dell ospite 3) modificare l ambiente in senso sfavorevole al patogeno

115 CLASSIFICAZIONE DEI CRITERI DI LOTTA: Preventivi (profilattici): mirano a prevenire l infezione o contrastano il patogeno aumentando la resistenza dell ospite Curativi: curano la pianta ad infezione avvenuta PREVENZIONE (PROFILASSI): 1) impedire il contatto tra ospite e parassita (esclusione); 2) inattivare l inoculo con metodi estintivi, anche a costo di sopprimere le piante malate (eradicazione); 3) trattare la pianta con prodotti di copertura (o preventivi ) in modo da ostacolare l attività dei patogeni quando questi siano già venuti a contatto con l ospite (protezione)

116 ESCLUSIONE: è il metodo più razionale ed efficace (ove possibile): mira ad impedire il contatto tra ospite e patogeno. Può impiegare mezzi di lotta legislativi (es. quarantena), mezzi fisici (es. serre), mezzi colturali, mezzi biologici. Quarantena: mira ad escludere l introduzione in uno stato, unione di stati o continente, di patogeni presenti in una lista di patogeni da quarantena, non ancora presenti nella zona di interesse; può anche essere efficace se effettuata a livello aziendale, utilizzando materiale di propagazione sano e certificato; interdizione totale, interdizione parziale, regolamentazione dell accesso; patogeni da quarantena; disciplina della certificazione fitosanitaria; disciplina dei trattamenti obbligatori da fare su certe derrate alimentari o prodotti di origine vegetale; difficoltà di operare controlli a tappeto su tutte le merci in ingresso.

117 Certificazione dello stato fitosanitario del materiale di propagazione (da parte di laboratori accreditati): importantissimo sopratutto per piante a moltiplicazione clonale (talee, tuberi, rizomi). Esclusione fisica: barriere frapposte al patogeno (barriere insect-proof per evitare l arrivo di vettori, impiego di filari alterni, barriere frangivento, coltura su bancale sopraelevato, trincee, fogli riflettenti...), anticipazione o posticipazione delle date di semina. Conservazione Premoltiplicazione Moltiplicazione Vendita CCP PRE-BASE CP BASE CM CERTIFICATO Vivaio CERTIFICATO

118 ERADICAZIONE: distruzione dell inoculo di patogeni esotici o di nuova introduzione o ricorrenti; distruzione delle piante colpite; disinfezione degli attrezzi, delle serre, dei contenitori; distruzione dell inoculo sulle piante a riposo vegetativo o sui residui colturali. Tecniche: rotazione colturale: contro patogeni che conducono il ciclo nel terreno e non producono organi di resistenza. sanitizzazione: mira a distruggere o ridurre l inoculo presente nella/sulla pianta, nel campo, nella serra, e la sua diffusione aratura, bruciatura dei residui, distruzione dei residui di potatura, disinfezione degli utensili.

119 Metodi biologici per ridurre o eradicare l inoculo: lotta biologica; terreni repressivi; lotta biologica nel terreno, sul filloplano, in postraccolta. Metodi fisici per ridurre o eradicare l inoculo: trattamento del terreno con vapore; solarizzazione del terreno; termpoterapia con calore secco, calore umido, acqua calda; trattamenti con radiazioni UV, γ, raggi x; refrigerazione dei prodotti vegetali freschi; atmosfera controllata; essiccazione; eliminazione della linghezza d onda UV nelle serre con filtri per impedire la sporificaione di Botrytis, Stemphylium, Alternaria,... Metodi chimici per ridurre o eradicare l inoculo: trattamento del terreno/magazzini/serre con fumiganti; bagnatura del terreno con fungicidi; disinfezione con ipoclorito; lotta chimica contro i vettori (efficace solo se effettuata nei siti di svernamento).

120 LOTTA MEDIANTE IMMUNIZZAZIONE O AUMENTO DELLA RESISTENZA DELLA PIANTA OSPITE resistenza indotta protezione incrociata impiego di varietà resistenti impiego di multilinee impiego di piante transgeniche resistenti ai patogeni miglioramento delle condizioni di allevamento della pianta.

121 CREAZIONE DI CONDIZIONI SFAVOREVOLI AL PATOGENO: ambienti di conservazione freschi e asciutti, riscaldamento notturno e arieggiamento diurno delle serre, aumento delle spaziature tra le file; drenaggio, concimazioni bilanciate; evitare eccessi di fertilità del terreno; regolazione del ph del terreno.

122 PROTEZIONE DIRETTA DELLE PIANTE Si applica quando: i patogeni sono endemici nessun metodo preventivo (colturale, genetico, fisico, biologico, chimico) è efficace per evitare il contatto diretto tra ospite e patogeno Può essere biologica o chimica.

123 Protezione diretta mediante antagonisti biologici: su legno: es. Phlebiopsis gigantea contro Heterobasidion annosum; Cryphonectria parasitica dsrna contro ceppi virulenti. su semi, radici, rizosfera: Fusarium spp. antagonisti contro F. oxysporum patogeni; micorrize contro Phytopthora, Fusarium, Verticillium spp.; Trichoderma spp. contro diversi patogeni; Agrobacterium radiobacter contro A. tumefaciens; Bacillus subtilis, Pseudomonas spp. fluorescenti, Streptomyces spp. contro diversi patogeni. sul filloplano: Ampelomyces quisqualis contro Sphaerotheca e Uncinula spp. (mal bianchi); lieviti diversi contro agenti patogeni fogliari; Trichoderma spp. contro Botrytis cinerea, etc. in post-raccolta: Trichoderma spp. contro Botrytis cinerea; lieviti contro Penicillium, Botrytis, Monilia spp.; Bacillus subtilis contro Monilia spp.; Pseudomonas ice - contro Pseudomonas e Erwinia spp. ice +

124 La lotta biologica l impiego di qualsiasi organismo vivente (escluso l uomo) per il contenimento dell attività parassitaria di un fitopatogeno Cook & Baker, 1983

125 Antagonista agente biologico in grado di interferire con i processi vitali dei fitopatogeni Cook & Baker, 1983 Everything is born to eat and to be eaten Charles Darwin

126 Fattori che contribuiscono allo sviluppo della lotta biologica riduzione dell impiego di fitofarmaci inquinamento del terreno e delle falde presenza di residui nei prodotti agricoli comparsa di resistenza effetti sulla (micro)flora e (micro)fauna utili riduzione del numero di p.a. registrati aumento di informazione nel settore agricolo tutela dei consumatori

127 Meccanismi d azione degli antagonisti competizione antibiosi predazione iperparassitismo ipovirulenza induzione di resistenza

128 diversi meccanismi d azione possono coesistere nello stesso antagonista la perfetta conoscenza del meccanismo di azione consente di sfruttare al meglio le potenzialità dei mezzi biologici di lotta

129 COMPETIZIONE per lo spazio (nicchia ecologica) per le sostanze nutritizie per fattori presenti in quantità limitata (acqua, ferro, aminoacidi essenziali)

130 F1 3C1-b M25 Test Cellule vive Autoclavate Filtrato 140 3C1-b F1 M

131 Lotta biologica in post-raccolta Competizione tra lievito e Penicillium per l azoto M25 3C-1b F1 Test Yeast + KNO3 Yeast + Mg(NO3)2 Yeast + Ca(NO3)2 Yeast + NaNO3 Yeast + NH4NO3 Yeast

132 ANTIBIOSI ruolo non sempre ben chiarito degradabilità degli antibiotici in sistemi naturali problematiche d'ordine igienico- sanitario Pseudomonas spp., Bacillus spp. Attinomiceti, T. virens

133 IPOVIRULENZA variabilità naturale nel livello di virulenza delle popolazioni di fitopatogeni fitness e pressione di selezione ceppi ipovirulenti con elevata capacità competitiva possono diventare dominanti l ipovirulenza può avere natura infettiva

134 Cryphonectria parasitica ceppi ipovirulenti

Avversità del manto erboso: malattie fungine, parassiti, infestanti

Avversità del manto erboso: malattie fungine, parassiti, infestanti Avversità del manto erboso: malattie fungine, parassiti, infestanti Massimo Mocioni La gestione delle avversità nei tappeti erbosi dei centri sportivi: malattie fungine, parassiti ed infestanti. Bologna,

Dettagli

I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno.

I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno. I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno. L eccesso di piogge (forze lunari) in presenza di calore, aumenta

Dettagli

IL RISO n 2 del 16 luglio 2015 BRUSONE DEL RISO: PRESENZA, MONITORAGGIO E DIFESA IN LOMBARDIA

IL RISO n 2 del 16 luglio 2015 BRUSONE DEL RISO: PRESENZA, MONITORAGGIO E DIFESA IN LOMBARDIA IL RISO n 2 del 16 luglio 2015 BRUSONE DEL RISO: PRESENZA, MONITORAGGIO E DIFESA IN LOMBARDIA Il brusone è la più dannosa malattia fungina del riso a livello mondiale ed è causata da un fungo ascomicete

Dettagli

Le avversità delle piante ornamentali

Le avversità delle piante ornamentali Seminario Grottammare (AP) Le avversità delle piante ornamentali La gestione delle avversità in ambito urbano Luigi Delloste Per avversità ambientale si intende qualsiasi evento, sia di origine climatica

Dettagli

Malattie fungine e da Oomiceti del mais nelle prime fasi di sviluppo

Malattie fungine e da Oomiceti del mais nelle prime fasi di sviluppo Parte la difesa integrata obbligatoria (Dir. CEE 128/09): gli strumenti in aiuto alle aziende agricole Corte Benedettina Legnaro (PD) 4 Febbraio 2014 Malattie fungine e da Oomiceti del mais nelle prime

Dettagli

Botrite e Sclerotinia: due crittogame delle orticole Raito (Salerno), 19 settembre 2013

Botrite e Sclerotinia: due crittogame delle orticole Raito (Salerno), 19 settembre 2013 Botrite e Sclerotinia: due crittogame delle orticole Raito (Salerno), 19 settembre 2013 Dott.ssa Flavia Grazia Tropiano Servizio Fitosanitario Regione Campania Le orticole in Campania in cifre Nel 2012

Dettagli

Alcune malattie fungine dell olivo

Alcune malattie fungine dell olivo Alcune malattie fungine dell olivo Massimo Pilotti CRA- Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale ROMA Malattia fungina nota già nel dopoguerra nelle zone di coltivazione meridionali. Segnalazioni del

Dettagli

RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio

RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio Via Volpare 104/B - 37069 Villafranca di Verona (VR) IT tel. / fax (+39) 045 6300192 - cell. (+39) 348 0069434 website: www.riccadona.it e-mail: info@riccadona.it

Dettagli

MALATTIE DEL TAPPETO ERBOSO

MALATTIE DEL TAPPETO ERBOSO SOLUZIONI PROFESSIONALI PER LA GESTIONE DEL PRATO MALATTIE DEL TAPPETO ERBOSO Marciume Rosa Invernale (Microdochium nivale) Malattia tipica della stagione invernale SINTOMI Si manifesta al principio con

Dettagli

Le principali problematiche da malattia degli orti e dei frutteti

Le principali problematiche da malattia degli orti e dei frutteti Le principali problematiche da malattia degli orti e dei frutteti Foto.A.Tantardini Foto.A.Tantardini Foto.A.Tantardini Foto.A.Tantardini Foto.A.Tantardini Milano, 11 marzo 2013 A cura di: Beniamino Cavagna

Dettagli

La muffa grigia della rosa. difesa durante la coltivazione e in post-raccolta

La muffa grigia della rosa. difesa durante la coltivazione e in post-raccolta La muffa grigia della rosa difesa durante la coltivazione e in post-raccolta Carlo Pasini CRA - Istituto Sperimentale per la Floricoltura e-mail: c.pasini@istflori.it micelio e conidiofori di Botrytis

Dettagli

La Septoriosi del frumento

La Septoriosi del frumento La Septoriosi del frumento Angelo Sarti, ASTRA Innovazione e Sviluppo U.O. Mario Neri Imola (BO) angelo.sarti@astrainnovazione.it La Septoriosi del frumento è una malattia comunemente presente nei nostri

Dettagli

BIOLOGIA DEL SUOLO Marco Acutis

BIOLOGIA DEL SUOLO Marco Acutis BIOLOGIA DEL SUOLO Marco Acutis Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde BIOLOGIA del SUOLO Reazioni nel suolo Riguardano: Chimiche, poche Biologiche, la maggior parte

Dettagli

Agenti di malattia Lotta biologica contro le crittogame e i batteri Prof. Michele Iannizzotto

Agenti di malattia Lotta biologica contro le crittogame e i batteri Prof. Michele Iannizzotto Agenti di malattia Lotta biologica contro le crittogame e i batteri Prof. Michele Iannizzotto Agenti di malattia Lotta biologica contro le crittogame e i batteri Negli ultimi anni è stata messa in evidenza

Dettagli

ERBICIDI. Il controllo delle malerbe presenta dei problemi diversi rispetto a quello del controllo di funghi ed insetti.

ERBICIDI. Il controllo delle malerbe presenta dei problemi diversi rispetto a quello del controllo di funghi ed insetti. ERBICIDI Il controllo delle malerbe presenta dei problemi diversi rispetto a quello del controllo di funghi ed insetti. Le malerbe riducono seriamente la resa o la qualità delle colture solamente quando

Dettagli

FISIOLOGIA VEGETALE. Gli ormoni vegetali

FISIOLOGIA VEGETALE. Gli ormoni vegetali FISIOLOGIA VEGETALE Gli ormoni vegetali Lo sviluppo delle piante in tutte le sue varie fasi (crescita, fioritura, fruttificazione, formazione e caduta delle foglie) è regolato dall integrazione di stimoli

Dettagli

Fa per due, fa per te

Fa per due, fa per te NOVITà REVUS TOP Fa per due, fa per te per patata e pomodoro Massima efficacia su peronospora Massima efficacia su alternaria Orticoltura Valore Sementi Agrofarmaci Insetti ausiliari e impollinatori Servizi

Dettagli

Avversità delle piante coltivate

Avversità delle piante coltivate Avversità delle piante coltivate Le colture agrarie, in tutte le fasi del loro ciclo, possono essere soggette ad avversità di vario genere e si calcola che, ogni anno, circa il 30% della produzione mondiale

Dettagli

FITOPATOLOGIA METODI DI DIFESA DELLE PRODUZIONI AGRARIE

FITOPATOLOGIA METODI DI DIFESA DELLE PRODUZIONI AGRARIE FITOPATOLOGIA METODI DI DIFESA DELLE PRODUZIONI AGRARIE PRINCIPI DI FITOPATOLOGIA DEFINIZIONE MALATTIA: insorgenza nelle pianta di processi fisiologici anormali di tipo persistente o semipersistente che

Dettagli

Corso integrato di: ISTITUZIONI DI PATOLOGIA VEGETALE E ENTOMOLOGIA AGRARIA (6c)

Corso integrato di: ISTITUZIONI DI PATOLOGIA VEGETALE E ENTOMOLOGIA AGRARIA (6c) Corso integrato di: ISTITUZIONI DI PATOLOGIA VEGETALE E ENTOMOLOGIA AGRARIA (6c) Corso di Laurea in GESTIONE TECNICA DEL TERRITORIO AGRO-FORESTALE E SVILUPPO RURALE Ordinamento triennale Anno Accademico

Dettagli

CORSO DI ORTO-FLORO FRUTTICULTURA LA COLTURA/CULTURA DEL VERDE

CORSO DI ORTO-FLORO FRUTTICULTURA LA COLTURA/CULTURA DEL VERDE CORSO DI ORTO-FLORO FRUTTICULTURA LA COLTURA/CULTURA DEL VERDE 2 a lezione Le malattie delle piante relatore: Davide Mondino Dottore Agronomo L Agrotecnico Cuneo Ronchi Via Basse di Chiusano 23 davidemondino@lagrotecnico.it

Dettagli

Marina Barba Centro di ricerca per la Patologia Vegetale - Roma F. Campanile, B. Giuliano, F. Miracolo, A. Pentangelo, M.

Marina Barba Centro di ricerca per la Patologia Vegetale - Roma F. Campanile, B. Giuliano, F. Miracolo, A. Pentangelo, M. Campagna 2014: Problematiche fitosanitarie del pomodoro Marina Barba Centro di ricerca per la Patologia Vegetale - Roma F. Campanile, B. Giuliano, F. Miracolo, A. Pentangelo, M. Tridentino Il 2014 è stato

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

ANIMALI. Gli ormoni sono sostanze organiche naturali che, a basse concentrazioni, influenzano profondamente dei processi fisiologici

ANIMALI. Gli ormoni sono sostanze organiche naturali che, a basse concentrazioni, influenzano profondamente dei processi fisiologici GLI ORMONI VEGETALI ANIMALI Gli ormoni sono sostanze organiche naturali che, a basse concentrazioni, influenzano profondamente dei processi fisiologici sono sintetizzati in organi o tessuti specifici sono

Dettagli

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica.

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica. TOSSICOLOGIA COS E UN FARMACO? - ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali mediante un azione fisica o chimica. - Per l OMS è farmaco una sostanza o un prodotto utilizzato

Dettagli

Metodologie di difesa fitosanitaria

Metodologie di difesa fitosanitaria Metodologie di difesa fitosanitaria La difesa delle piante con prodotti fitosanitari ebbe inizio con la scoperta della proprietà fungicida del solfato di rame avvenuta oltre un secolo fa. Per molto tempo

Dettagli

FISIOLOGIA VEGETALE. Il suolo e la nutrizione minerale

FISIOLOGIA VEGETALE. Il suolo e la nutrizione minerale FISIOLOGIA VEGETALE Il suolo e la nutrizione minerale Il suolo è costituito da una frazione inorganica e da una frazione organica frazione inorganica è preponderante e deriva dalla frammentazione della

Dettagli

IL RISCHIO BIOLOGICO

IL RISCHIO BIOLOGICO LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA IL RISCHIO BIOLOGICO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE. www.edagricolescolastico.it EDAGRICOLE SCOLASTICO

Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE. www.edagricolescolastico.it EDAGRICOLE SCOLASTICO Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE Sezione 1 Strutture, attrezzature e strumenti a disposizione degli studenti MODULO 1 L azienda agraria dell Istituto 12 1.1 La visita aziendale

Dettagli

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Giuliano Mosca, Dipartimento Agronomia ambientale e Produzioni vegetali Università degli Studi di Padova 2.1 Introduzione Il frutto del

Dettagli

Fissazione dell azoto atmosferico. Conversione di N 2. in Ammoniaca: N 2 + 3 H 2 2 NH 3

Fissazione dell azoto atmosferico. Conversione di N 2. in Ammoniaca: N 2 + 3 H 2 2 NH 3 Ciclo dell Azoto: insieme dei processi di trasformazione delle varie forme di azoto presenti nell ambiente Fissazione N 2 dell azoto atmosferico Conversione di N 2 in Ammoniaca: N 2 + 3 H 2 2 NH 3 Combustioni,

Dettagli

TRASFERIMENTO GENICO IN CELLULE VEGETALI: PIANTE TRANSGENICHE

TRASFERIMENTO GENICO IN CELLULE VEGETALI: PIANTE TRANSGENICHE TRASFERIMENTO GENICO IN CELLULE VEGETALI: PIANTE TRANSGENICHE Perché manipolare geneticamente le cellule vegetali Per studiare la funzione di geni e proteine tipici degli organismi vegetali Per produrre

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns ORTICOLE IN SERRA Preparazione del terreno Trapianto Post-Trapianto Inizio accrescimento vegetativo Accrescimento vegetativo Fioritura Allegagione Ingrossamento bacche frutti Invaiatura Maturazione Obiettivo/Problema

Dettagli

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione della vite Annata agraria 2009-2010

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione della vite Annata agraria 2009-2010 22 febbraio 2011 Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione della vite Annata agraria 2009-2010 L Istat rende disponibili, per l annata agraria 2009-2010, i principali risultati dell indagine

Dettagli

TICCHIOLATURA DEL MELO (Venturia inaequalis)

TICCHIOLATURA DEL MELO (Venturia inaequalis) Schema TICCHIOLATURA DEL MELO () 1. classificazione 2. sintomi A. su foglie B. su fiori C. su frutti 3. ciclo (biologia ed epidemiologia) 4. lotta classificazione CLASSIFICAZIONE Ordine Ascomycetes foto

Dettagli

MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI. Carmine Correale

MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI. Carmine Correale MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI Carmine Correale CHE COS E La Selezione Assistita dei Marcatori (MAS Marker Assisted Selection) è una tecnica che accelera e semplifica la

Dettagli

TECNOLOGIA DEL DNA RICOMBINANTE (o trasformazione genetica)

TECNOLOGIA DEL DNA RICOMBINANTE (o trasformazione genetica) TECNOLOGIA DEL DNA RICOMBINANTE (o trasformazione genetica) Si ottengono organismi transgenici o geneticamente modificati (OGM) Modificazione mirata (si trasferisce solo il gene oggetto di interesse) Si

Dettagli

Perchè tutte le piante hanno bisogno di ormoni?

Perchè tutte le piante hanno bisogno di ormoni? Perchè tutte le piante hanno bisogno di ormoni? Gli ormoni consentono alle piante di Rispondere ai fattori ambientali Guidare i processi di sviluppo Perchè tutte le piante hanno bisogno di ormoni? Luce

Dettagli

eenea RESIDUO Rizoplus-N zero PRODOTTO AD AZIONE SPECIFICA Inoculo di funghi micorrizici COLTURE INDUZIONE DOSE FREQUENZA Aglio cipolla Patate

eenea RESIDUO Rizoplus-N zero PRODOTTO AD AZIONE SPECIFICA Inoculo di funghi micorrizici COLTURE INDUZIONE DOSE FREQUENZA Aglio cipolla Patate l attivazione all interno della pianta di sistemi di autodifesa verso i principali patogeni quali ad esempio nematodi quali, Meloidogyne, Heterodera, Ditylenchus. La pianta è indotta dalle micorrize a

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

Incremento delle rese e della produttività del suolo. Migliore infiltrazione dell acqua

Incremento delle rese e della produttività del suolo. Migliore infiltrazione dell acqua ACIDO CARBOSSILICO CARBOSOIL PROMOTORE DELLA RADICAZIONE E DELLO SVILUPPO DELLE PIANTE A BASE DI ACIDI CARBOSSILICI STIMOLA LA DIVISIONE CELLULARE PRODUCE LA FORMAZIONE DI GERMOGLI RALLENTA L INVECCHIAMENTO

Dettagli

MICRODOCHIUM NIVALIS TYPHULA INCARNATA LAETISARIA FUCIFORMIS (FILO ROSSO)

MICRODOCHIUM NIVALIS TYPHULA INCARNATA LAETISARIA FUCIFORMIS (FILO ROSSO) MICRODOCHIUM NIVALIS Dopo un prolungato periodo di condizioni atmosferiche fredde e umide si possono formare macchie circolari depresse di circa 5 cm. O inferiori che cambiano rapidamente di colore dal

Dettagli

MODULO DIFESA Programma dettagliato (8 CFU)

MODULO DIFESA Programma dettagliato (8 CFU) MODULO DIFESA Programma dettagliato (8 CFU) Titolo: Prodotti fitosanitari utilizzabili in Agricoltura biologica Docente: Renato Capasso Finalità. L'uso dei prodotti fitosanitari di origine naturale si

Dettagli

L occhio di pavone dell olivo

L occhio di pavone dell olivo L occhio di pavone dell olivo Spilocea oleagina (Cast.) Hugh Ordine: Hyphales Famiglia: Dematiaceae Fungo MITOSPORICO, a colonizzazione sub-cuticolare evade dal tessuto mediante conidiofori unicellulari,

Dettagli

Batteri (microflora) 1-2 3 500 (x 10 6 ) Funghi (microflora) 2-5 5.000-900.000. Lieviti (microflora) --- 1.000-100.000

Batteri (microflora) 1-2 3 500 (x 10 6 ) Funghi (microflora) 2-5 5.000-900.000. Lieviti (microflora) --- 1.000-100.000 La fertilità biologica La fertilità biologica è collegata all attività delle comunità biotiche residenti nel terreno che stabiliscono associazioni e biocenosi e promuovono trasformazioni metaboliche di

Dettagli

orticoltura take-away

orticoltura take-away presenta orticoltura Dispense della lezione 23 maggio 2015 - Hortus Conclusus Antiparassitari naturali ANTIPARASSITARI NATURALI Per inquadrare le patologie delle piante può essere utile suddividere i patogeni

Dettagli

Tripidi, afidi, aleurodidi, dorifora, nottue, tignole Azadirachta indica (albero del Neem)

Tripidi, afidi, aleurodidi, dorifora, nottue, tignole Azadirachta indica (albero del Neem) ALLEGATO II B. ANTIPARASSITARI 1. Prodotti fitosanitari Condizione generali applicabili per tutti i prodotti composti o contenenti le sostanze attive appresso indicate: - impiego in conformità ai requisiti

Dettagli

4- PIANTA DELL OLIVO

4- PIANTA DELL OLIVO 4- PIANTA DELL OLIVO CICLO BIOLOGICO: L'olivo appartiene alla famiglia delle Oleaceae. La pianta comincia a fruttificare verso il 3º-4º anno, inizia la piena produttività verso il 9º-10º anno; la maturità

Dettagli

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura AGRICOLTURA E AMBIENTE BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura Soggetto ATTUATORE Soggetti PROMOTORI il PROGettO BOSCO rende disponibile un ampia e diversificata

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Patologia Vegetale. Prof. Aldo Zechini D Aulerio

Patologia Vegetale. Prof. Aldo Zechini D Aulerio A07 33 Prof. Aldo Zechini D Aulerio Patologia Vegetale Con la collaborazione di Angelo Macrì tecnico di laboratorio del Dipartimento di Protezione e Valorizzazione Agroalimentare, Bologna Copyright MMVII

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae 1 LA MOSCA DELLE OLIVE Principale parassita dell olivo Numerodigenerazionida2-3finoa4-7/anno Latitudine Altitudine Andamento climatico Permanenza di olive sulle piante

Dettagli

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO Operazioni PREPARAZIONE DEL TERRENO Il terreno ideale da giardino è quello con tessitura argillosa-sabbiosa, friabile. Se il terreno dovesse essere pesante e compatto bisognerà correggerlo incorporando

Dettagli

NOVITà NATURAL POWER

NOVITà NATURAL POWER NOVITà per il florovivaismo NATURAL POWER Il nuovo fertilizzante biostimolante naturale e sicuro in ogni aspetto. Hicure aiuta a ridurre lo stress abiotico, migliora la qualità della pianta e ne aumenta

Dettagli

L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.)

L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.) L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.) una componente biotica (esseri viventi) - (batteri, funghi, piante, animali, ecc.) ECOLOGIA (Häckel 1866) Scienza

Dettagli

Introduzione. Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito

Introduzione. Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito Colture Cellulari Introduzione Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito strumento fondamentale per studi biochimici,

Dettagli

Centro Studi Malattie degli Alberi

Centro Studi Malattie degli Alberi In questo numero: Patologia vegetale: le malattie della radice in vaso Chimica agraria: i terricci e la concimazione Periodico scientifico del settore florovivaistico a cura della redazione tecnica di

Dettagli

Avversità della patata. Filippini Paola Ortofrutticola Parma srl

Avversità della patata. Filippini Paola Ortofrutticola Parma srl Avversità della patata Filippini Paola Ortofrutticola Parma srl AVVERSITA PRINCIPALI PATATA Crittogame Peronospora Alternaria Rizoctonia Scabbie (argentea,comune, ecc) Fusarium Cancrena secca Nematodi

Dettagli

REGIONE LAZIO DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE VAIOLATURA DELLE DRUPACEE O SHARKA

REGIONE LAZIO DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE VAIOLATURA DELLE DRUPACEE O SHARKA REGIONE LAZIO DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE VAIOLATURA DELLE DRUPACEE O SHARKA La sharka o vaiolatura delle drupacee è una grave malattia provocata da un virus, Plum

Dettagli

Perché è importante l analisi del terreno?

Perché è importante l analisi del terreno? Perché è importante l analisi del terreno? Indice 1. Terreno e piante, uniti per la vita 2. Le proprietà fisiche del terreno 3. La composizione chimica del terreno 4. L analisi del terreno 1. Terreno e

Dettagli

AUTORI. GIUSEPPE LIMA Professore Associato di Fitoiatria Dipartimento di Scienze Animali, Vegetali e dell Ambiente Università del Molise, Campobasso

AUTORI. GIUSEPPE LIMA Professore Associato di Fitoiatria Dipartimento di Scienze Animali, Vegetali e dell Ambiente Università del Molise, Campobasso AUTORI ELENA BARALDI PAOLO BERTOLINI Professore Ordinario di Patologia dei Prodotti e delle Derrate Agrarie STEFANO BRIGATI Professore Associato di Patologia Vegetale RAFFAELLO CASTORIA Professore Associato

Dettagli

ITIS ENRICO MEDI. Individuare l organizzazione strutturale, le funzioni e classificare i virus

ITIS ENRICO MEDI. Individuare l organizzazione strutturale, le funzioni e classificare i virus UDA UDA N. 1 I Virus UDA 2 Attività patogena dei microrganismi ITIS ENRICO MEDI PIANO DELLA DISCIPLINA: Biologia, Microbiologia e Tecnologie di controllo Ambientale Classe 4Ab PIANO DELLE UDA ANNO 2013-2014

Dettagli

Relatore: Caven Elger

Relatore: Caven Elger Relatore: Caven Elger 1. Parametri basali: temperatura, luce, concime ed acqua 2. Cura dopo la fioritura 3. Fioritura ripetuta 4. Danni da parassiti 5. Danni non da parassiti 6. Caduta dei boccioli 7.

Dettagli

I CONTAMINANTI DELLA MATERIA PRIMA LIEVITO.

I CONTAMINANTI DELLA MATERIA PRIMA LIEVITO. I CONTAMINANTI DELLA MATERIA PRIMA LIEVITO. A cura della Dott.ssa Simona Lauri: simona.lauri@nistriandrea.it Il discorso generico sui microrganismi contaminanti o utili, il loro sviluppo, i fattori che

Dettagli

Organismi Geneticam ente Modificati O.G.M

Organismi Geneticam ente Modificati O.G.M Organismi Geneticam ente Modificati O.G.M Uno dei problemi inerenti lo sviluppo del progresso scientifico e tecnologico, che sarà di seguito affrontato per gli importanti risvolti che presenta per lo sviluppo

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA CLM Biotecnologie per l Alimentazione CLM in Biotecnologie Sanitarie Corso di Chimica e certificazione degli alimenti DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA VIRUS ENTERICI virus escreti tramite

Dettagli

Che cos è l agricoltura?

Che cos è l agricoltura? L agricoltura Che cos è l agricoltura? L agricoltura è la coltivazione del terreno. L agricoltura produce gli alimenti necessari agli uomini. L agricoltore semina e lavora la terra. Le piante crescono

Dettagli

Viaggio al centro della Biodiversità

Viaggio al centro della Biodiversità Liceo G.M. Colombini - Piacenza - indirizzo scientifico-tecnologico Biodiversità all interno di ogni specie e varietà dovute all azione dell uomo in ambito genetico Viaggio al centro della Biodiversità

Dettagli

Difesa Integrata di: Farro

Difesa Integrata di: Farro Difesa Integrata di: Farro Carbone (Ustilago tritici) Carie (Tilletia spp.) Fusariosi (Fusarium spp.) Nerume (Alternaria spp., Cladosporium herbarum, Epicoccum nigrum) Oidio (Erysiphe graminis) Ruggini

Dettagli

Team dedicati e impegnati. Goëmar E-training : formazione individuale e on-line

Team dedicati e impegnati. Goëmar E-training : formazione individuale e on-line Team dedicati e impegnati GOËMAR per soddisfare al meglio le esigenze dei coltivatori è presente con i suoi partner in tutti i continenti. La società implementa le proprie competenze attraverso rigorosi

Dettagli

Negli anni 50 venne caratterizzato il secondo gruppo di ormoni le GIBBERELLINE

Negli anni 50 venne caratterizzato il secondo gruppo di ormoni le GIBBERELLINE GIBERELLINE Negli anni 50 venne caratterizzato il secondo gruppo di ormoni le GIBBERELLINE Insieme di composti definiti in base alla loro struttura chimica e non rispetto alla loro attività biologica (se

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Prove di contenimento di Pseudomonas syringae pv. actinidiae. Prove su Zespri Gold nel Lazio Primo biennio di studio

Prove di contenimento di Pseudomonas syringae pv. actinidiae. Prove su Zespri Gold nel Lazio Primo biennio di studio Prove di contenimento di Pseudomonas syringae pv. actinidiae. Prove su Zespri Gold nel Lazio Primo biennio di studio Apofruit stabilimento di Aprilia Fabio Marocchi, Marco Mastroleo, Stefano Simeoni C.R.A.

Dettagli

Sperimentazione a supporto del Servizio di Assistenza Tecnica: Filiera Orticola

Sperimentazione a supporto del Servizio di Assistenza Tecnica: Filiera Orticola Sperimentazione a supporto del Servizio di Assistenza Tecnica: Filiera Orticola OBIETTIVI Il presente progetto sperimentale prevedeva l esecuzione di diverse prove di campo, condotte nel 2006, riguardanti

Dettagli

Centro Studi Malattie degli Alberi

Centro Studi Malattie degli Alberi In questo numero: Patologia vegetale: le malattie della radice in vaso Chimica agraria: i terricci e la concimazione Periodico scientifico del settore florovivaistico a cura della redazione tecnica di

Dettagli

Valorizzazione di materiali organici in ammendanti e substrati per l agricoltura: il progetto europeo REFERTIL

Valorizzazione di materiali organici in ammendanti e substrati per l agricoltura: il progetto europeo REFERTIL Valorizzazione di materiali organici in ammendanti e substrati per l agricoltura: il progetto europeo Università di Massimo Pugliese Università ità di - Agroinnova IF2015, 17 marzo 2015 Introduzione Mancanza

Dettagli

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a L ACQUA L elemento acqua è costituente degli esseri viventi, sia animali che vegetali, superando in alcuni casi anche il 90% della composizione. L acqua per le piante è un elemento indispensabile in quanto

Dettagli

batterica batterico Agente Causale Clavibacter michiganensis subsp. michiganensis

batterica batterico Agente Causale Clavibacter michiganensis subsp. michiganensis Cancro batterico Clavibacter michiganensis subsp. michiganensis Si osserva avvizzimento asimmetrico delle foglie e striature chiare lungo il rachide fogliare, i piccioli ed il fusto che, in seguito, si

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

Il pirodiserbo in frutti-viticultura:

Il pirodiserbo in frutti-viticultura: Il pirodiserbo in frutti-viticultura: l innovazione tecnologica per favorire la sostenibilità ambientale. www.pirodiserbo.it La nuova Organizzazione Comune di Mercato per il settore ortofrutticolo (Reg.

Dettagli

Cosa sono? Come? Perchè?

Cosa sono? Come? Perchè? Cosa sono? Un organismo vivente si definisce Geneticamente Modificato (OGM), secondo la legislazione nazionale e comunitaria, quando " il materiale genetico è stato modificato in modo diverso da quanto

Dettagli

IL MONDO DEI VIVENTI

IL MONDO DEI VIVENTI IL MONDO DEI VIVENTI La parete cellulare è una struttura che circonda la cellula vegetale all esterno della membrana plasmatica Composta principalmente da polisaccaridi, proteine e composti fenolici Spessore

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

ACARI CLASSIFICAZIONE. Regno:Animalia Phylum:Arthropoda Classe: Aracnida CARATTERISTICHE GENERALI DEGLI ACARI

ACARI CLASSIFICAZIONE. Regno:Animalia Phylum:Arthropoda Classe: Aracnida CARATTERISTICHE GENERALI DEGLI ACARI I PRINCIPALI NEMICI DELLE NOSTRE PIANTE ACARI CLASSIFICAZIONE Regno:Animalia Phylum:Arthropoda Classe: Aracnida CARATTERISTICHE GENERALI DEGLI ACARI Gli Acari sono degli artropodi (dal greco "artros =

Dettagli

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Scegliere concimi di elevata qualità ed efficienza La concimazione del vigneto e del frutteto riveste

Dettagli

cellulosa polimero lineare di D(+)glucosio in legame β(1 4) costituisce circa il 30% del peso delle pareti primarie struttura a microfibrille

cellulosa polimero lineare di D(+)glucosio in legame β(1 4) costituisce circa il 30% del peso delle pareti primarie struttura a microfibrille cellulosa polimero lineare di D(+)glucosio in legame β(1 4) costituisce circa il 30% del peso delle pareti primarie struttura a microfibrille il grado di cristallizzazione e polimerizzazione è più elevato

Dettagli

Rinnovo del patentino Modulo agronomico

Rinnovo del patentino Modulo agronomico nforma.fito. Strumenti di supporto per la diffusione delle informazioni sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Rinnovo del patentino Modulo agronomico Lotte obbligatorie Pier Paolo Bortolotti Roberta

Dettagli

La sostanza organica del suolo

La sostanza organica del suolo La sostanza organica del suolo Per sostanza organica del terreno (SOM) si deve intendere l'insieme complesso ed eterogeneo di componenti organiche, viventi e non viventi (esclusi i residui vegetali grossolani,

Dettagli

Funghi lignicoli e carie del legno

Funghi lignicoli e carie del legno Funghi lignicoli e carie del legno Grottammare 2013 Valentin Lobis 39012 Merano (BZ) www.studiolobis.it La dinamica del marciume Tracheomicosi Marciume nella corteccia e nell alburno Marciume nel durame

Dettagli

COMPITO AFFIDATO ALLA COMMISSIONE

COMPITO AFFIDATO ALLA COMMISSIONE Roma, 25 marzo 2003 Gruppo di lavoro misto CNBB-MIPAF: Protocolli tecnici per la sperimentazione in regime di sicurezza delle attività di ricerca e di sperimentazione riguardanti gli OGM in campo agricolo

Dettagli

progettazione di edifici con strutture portanti in legno 21 ottobre 2011 durabilità 1 arch. m.sc. andrea zanchetta

progettazione di edifici con strutture portanti in legno 21 ottobre 2011 durabilità 1 arch. m.sc. andrea zanchetta durabilità 1 Il legno è un materiale durabile? Sala del maggior consiglio, Palazzo Ducale Venezia XVI secolo principi generali Il legno è un materiale durabile? Analisi capriate di copertura Palazzo Ducale

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

VIROSI DEL PEPERONE E DEL POMODORO

VIROSI DEL PEPERONE E DEL POMODORO VIROSI DEL PEPERONE E DEL POMODORO I virus che più comunemente colpiscono queste colture, e che negli ultimi anni hanno causato gravi perdite di prodotto commerciale, sono il virus del mosaico del cetriolo

Dettagli

Origine delle cellule e concetti generali

Origine delle cellule e concetti generali Istituto Comprensivo Massarosa 2 Percorsi per capire Laboratori del Sapere Scientifico Origine delle cellule e concetti generali Paolo Ercolini biologo Piano di Conca, 11 novembre 2013 Fonti internet rilevate

Dettagli

Esperienza 5: la colorazione di Gram

Esperienza 5: la colorazione di Gram Esperienza 5: la colorazione di Gram I batteri possono essere raggruppati in due categorie secondo il metodo della colorazione Gram. Questa tecnica è stata sviluppata nel 1884 da Hans Christian Gram, un

Dettagli