Area Fund Raising. Dispensa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Area Fund Raising. Dispensa"

Transcript

1 Area Fund Raising Dispensa

2 GLI STRUMENTI DEL FUND RAISING

3 INDICE 1. GLI STRUMENTI DEL FUND RAISING TELEMARKETING: IL CICLO DEL TELEMARKETING SI COMPONE DELLE SEGUENTI FASI: DIRECT MAIL: EVENTI SPECIALI: IL CICLO OPERATIVO DELL ORGANIZZAZIONE DI UN EVENTO INDIVIDUA I SEGUENTI ELEMENTI: CAMPAGNE DI TESSERAMENTO SOCI CONTATTO DIRETTO SPONSORIZZAZIONE SOCIALE INTERNET LA PRESENTAZIONE DEL MESSAGGIO IL FORMATO DEL MESSAGGIO LA DIFFUSIONE DELLA CAMPAGNA

4 1. GLI STRUMENTI DEL FUND RAISING Gli strumenti adoperati: - telemarketing; - direct mail; - eventi speciali; - campagne di tesseramento soci; - contatto diretto; - sponsorizzazione sociale; - internet. 2. Telemarketing: L insieme delle azioni svolte attraverso il telefono al fine di instaurare un dialogo diretto con interlocutori potenzialmente interessati. Costituisce un mezzo particolarmente adatto alla gestione dei donatori già acquisiti, con i quali si è instaurato un rapporto amichevole, ma in altri casi può rappresentare uno strumento inopportuno perché percepito come invadente o fastidioso dal potenziale donatore, oltre ad essere piuttosto oneroso e non del tutto governabile dal fundraiser. Il telemarketing consente di: - raccogliere e trasferire informazioni; - fissare appuntamenti con soggetti potenzialmente interessati all attività dell organismo; - supportare un azione di mailing; - esprimere gratitudine al donatore in fase di fidelizzazione. 2.1 Il ciclo del telemarketing si compone delle seguenti fasi: 3

5 - pianificare la telefonata: l operatore deve analizzare le informazioni relative all interlocutore per delineare una strategia mirata all ottenimento della donazione. A tal fine è opportuno definire l approccio più adeguato alla tipologia di interlocutore contattato, individuando uno stile comunicativo appropriato ed esercitando anche il tono di voce; - contattare l interlocutore: è buona regola, in fase di contatto vero e proprio, adottare criteri idonei di presentazione di se stessi e dell organismo al quale si appartiene, e spiegare l obiettivo della telefonata. L intento è quello di creare interesse ai fini della causa e, al contempo, verificarne l eventuale favore, superando possibili blocchi psicologici iniziali dell interlocutore; - raccogliere il maggior numero possibile di informazioni per comprendere le esigenze del potenziale donatore sulla base delle quali costruire la conversazione e creare il necessario clima di fiducia; - individuare ed evidenziare la soluzione: alla luce dei bisogni evidenziati nella fase precedente, l operatore deve, a questo punto, confezionare una proposta concreta e chiara da sottoporre al potenziale sostenitore; - chiudere la richiesta governando le eventuali diffidenze dell interlocutore nei confronti della soluzione prospettata e cogliendo anche il minimo segnale di disponibilità; - concludere la telefonata ringraziando anche solo per il tempo dedicato all ascolto o, in caso di donazione, chiedendo un ulteriore conferma dell impegno stabilito e lasciando un recapito per fornire eventuali chiarimenti. Fondamentale in fase di contatto telefonico iniziale: - salutare cortesemente; - presentarsi (chi sono, di quale organizzazione faccio parte, qual è la causa patrocinata); - identificare l interlocutore; - utilizzare un tono di voce cordiale. Nel corso della telefonata è importante: - manifestare un concreto coinvolgimento alla causa cercando di trasferire il proprio interesse e la propria motivazione; - modificare il tono della voce a seconda del momento da gestire; - esprimersi lentamente; - identificare spesso l interlocutore con il proprio nome per personalizzare quanto più possibile la conversazione; - non dilungarsi troppo nella conversazione, concentrarsi sugli aspetti preponderanti per evitare di far perdere tempo all interlocutore; - riepilogare quando non si è del tutto sicuri di aver compreso la posizione dell interlocutore; - utilizzare un lessico semplice e chiaro per evitare fraintendimenti o incomprensioni; - a conclusione della telefonata ringraziare per l attenzione accordata. 4

6 3. Direct mail: si affida al servizio postale per raggiungere direttamente le case dei potenziali donatori. Il ricorso al mailing, durante una campagna di fund raising, dipende da valutazioni che prescindono dalla validità dell iniziativa da sponsorizzare, anche perché spesso i benefici derivanti dall utilizzo di tale mezzo non sono immediati, ma da vedersi come un investimento futuro per l organizzazione. L impiego di tale strumento per la raccolta dei fondi dipende soprattutto: - dal raggio d azione dell iniziativa: locale, nazionale, internazionale; - dall esperienza più o meno consolidata dell organizzazione nel settore specifico; - dalla natura della causa da sponsorizzare: attiene ad un problema socialmente accettabile che riscuote un consenso naturale (ad esempio minori, anziani, disabili) o ad una questione controversa (droga, alcool)?; - dalla disponibilità (soprattutto economica) dell organizzazione a far fronte ad eventuali perdite nel primo periodo. Lo strumento presenta diversi vantaggi: - totale flessibilità; - selettività: scelta accurata dei destinatari che solo il mailing e lo strumento telefonico riescono a garantire; - personalizzazione: possibilità di contattare individualmente i destinatari ricorrendo ad appelli del tutto personali; - controllo dei contatti effettivi; - adattabilità a comunicazioni complesse e articolate; 5

7 - concorrenza superata: al momento della lettura il destinatario non rischia di essere distratto da concorrenza. Inoltre, pur raggiungendo direttamente i destinatari a casa, non risulta particolarmente invadente non imponendosi, ma lasciando all interessato la possibilità di essere letto a piacimento o anche cestinato. L utilizzo del direct mail solitamente avviene in concomitanza con altri mezzi, per sfruttare il più possibile la temporanea maggiore visibilità dell ente. 4. Eventi speciali: Ogni tipo di manifestazione pubblica organizzata per rafforzare l immagine dell organizzazione non profit nell ambito di riferimento, attraverso il coinvolgimento e il reclutamento di volontari. Il fine prioritario di un ricevimento di beneficenza, di un assemblea di soci, di un asta, di una cena di gala, di uno spettacolo, etc., è quello di raccogliere denaro per l organizzazione, anche se un evento speciale consente anche di: - divulgare la mission dell organizzazione e farne conoscere l operato; - incentivare volontari e dirigenti alla raccolta di fondi; - assoldare nuovi affiliati; - estendere la rete di relazioni. Raccogliere risorse La finalità prioritaria di un evento speciale è quella di raccogliere denaro nel momento in cui viene realizzato, ma tale strumento viene impiegato soprattutto per assicurarsi la benevolenza dei grandi donatori. Infatti esso garantisce una partecipazione più attiva alla vita dell organizzazione, un coinvolgimento maggiore rispetto ad una telefonata o ad una lettera di sollecitazione. Inoltre per il potenziale socio o benefattore che fa la sua donazione, ma che non conosce a fondo l organizzazione, l evento può rappresentare un importante momento conoscitivo. Divulgare la mission dell organizzazione e farne conoscere l operato L evento speciale offre la possibilità di presentare, tramite esempi e testimonianze concrete, il lavoro svolto dall organizzazione e la causa per la quale essa si mobilita. Ecco perché non bisogna limitarsi ad enunciare semplicemente la missione che l organizzazione si propone di portare avanti, ma far sì che l evento diventi occasione di conoscenza sostanziale per i sostenitori dell attività. Infatti ogni manifestazione dovrebbe: - offrire degli spazi che favoriscano l incontro tra l ente non profit e le persone convocate per consentire all ospite di conoscere personalmente lo staff operativo; - distribuire documenti e materiale informativo circa il lavoro svolto nella comunità. 6

8 Incentivare volontari e dirigenti alla raccolta di fondi L evento speciale rappresenta un interessante occasione per coinvolgere anche i volontari più impacciati o restii ad esporsi nella richiesta di fondi, grazie al clima cordiale che l evento stesso crea. Spesso, infatti, il disagio del fundraiser nasce dalla necessità di ricercare sostegno all interno della propria rete familiare o amicale. L allestimento di una manifestazione pubblica, invece, elimina ogni eventuale forma di imbarazzo perché è la stessa organizzazione a mettersi in gioco. Assoldare nuovi affiliati Un evento speciale offre la possibilità di reclutare nuovi volontari che, avendo l opportunità di assistere in prima persona alle attività realizzate dall organizzazione e attratti da esse, possono decidere di offrire un aiuto non solo squisitamente economico. E opportuno, dunque, nel corso di una manifestazione, prestare attenzione ai segnali di interesse mostrati dagli invitati. Estendere la rete di relazioni La crescita di un organizzazione è garantita dall incremento del numero dei potenziali donatori. A tal fine l allestimento di un evento speciale viene commissionato ad un apposito comitato, costituito anche da persone non direttamente legate all organizzazione, ma che si impegnano ad irrobustire la lista dei sostenitori dell attività dell ente. Se ognuno di essi fornisse almeno cinque nominativi di persone da contattare, l elenco dei probabili benefattori potrebbe crescere a dismisura. E con esso si moltiplicherebbero le possibilità per l ente di attingere a nuove fonti di sostentamento. 4.1 Il ciclo operativo dell organizzazione di un evento individua i seguenti elementi: 7

9 - obiettivo: definire il perché della raccolta fondi (per il finanziamento delle attività istituzionali, per l acquisto di beni necessari all organizzazione, etc.,); - target: individuare con precisione i destinatari dell iniziativa per costruire un evento su misura; - tipologia dell evento: determinare, in relazione alle caratteristiche dei partecipanti individuati, il tipo di manifestazione che si vuole mettere in piedi (evento sportivo, culturale, cena di gala, etc.,) e il periodo più adatto nel quale realizzarla; - organizzazione: fondamentale per la buona riuscita di una manifestazione diventa il coinvolgimento di tutto lo staff operativo (personale, consiglio di amministrazione, soci, volontari) attraverso la creazione di un clima favorevole; - pianificazione e controllo: predisporre un piano d azione per monitorare le tempistiche e le risorse (umane, economiche e tecnologiche) da mettere in campo per programmare l evento. 5. Campagne di tesseramento soci Lo status di socio rispetto a quello di semplice donatore assicura: - senso di fedeltà: il tesseramento sviluppa un notevole attaccamento nei confronti dell organizzazione, un forte sentimento di appartenenza giustificato da una partecipazione più attiva all operato dell organizzazione; - impegno: la condizione di socio genera un assunzione di responsabilità nella persona, che va al di là della donazione in denaro. Spendere il proprio tempo libero, dedicarsi attivamente all associazione, esprimere le proprie opinioni comportano un adesione più intensa e richiedono una partecipazione più sentita; - donazione regolare: l essere socio comporta il rinnovo annuale della quota d iscrizione, per cui il semplice donatore non è tenuto a ripetere l offerta fatta, mentre nella posizione di associato è implicito l impegno a fornire il proprio supporto. L associazione, spesso, per ripagare in qualche misura il sostegno materiale fornito dal socio ed incentivare il suo impegno, offre alcuni vantaggi, la cui entità è strettamente dipendente dalle sue disponibilità finanziarie: - abbonamento alla pubblicazione dell associazione; - accesso facilitato a servizi, programmi speciali, eventi organizzati dall ente non profit; - sconti su eventuali programmi, servizi e prodotti dell associazione (ad esempio, seminari, servizi di informazione, viaggi, etc.). Anche se occorre sottolineare che il vantaggio maggiore è, senza dubbio, legato al senso di utilità generato dalla consapevolezza di contribuire ad una causa impegnativa e dall appartenenza ad un associazione che opera nel sociale. E indubbiamente una pulsione emotiva a spingere l individuo a spendere tempo ed energie per un progetto di solidarietà, più che una (discreta) ricompensa materiale. 8

10 6. Contatto diretto Il contatto diretto si fonda sull instaurazione di un rapporto immediato con il potenziale donatore, ottenuto tramite un incontro personale con il responsabile del progetto promosso dall organizzazione o attraverso una telefonata diretta a fissare un incontro. Nel caso di impiego di tale strumento il fundraiser deve riuscire a coinvolgere il soggetto interessato mettendo in piedi una comunicazione efficace che non si riduca alla mera trasmissione di informazioni, che pure sono necessarie in quanto l interlocutore ha bisogno di essere istruito circa l attività, le caratteristiche dell ente, la tipologia di impegno richiesto, la natura del progetto da realizzare. Senza dubbio, però, non può trattarsi di uno sterile approccio essenzialmente esplicativo. L attenzione dell interlocutore si conquista: - individuando lo stile comunicativo più appropriato all interlocutore (informale, formale, convenzionale, etc.); - adottando un lessico semplice e di immediata comprensione; - trasferendo, a chi ascolta, il trasporto e lo slancio investiti personalmente nella causa sostenuta. 7. Sponsorizzazione sociale Rappresenta il finanziamento totale o parziale di manifestazioni, attività o eventi da parte di imprese che legano la propria immagine a particolari momenti di utilità sociale. Con il duplice vantaggio per l impresa sponsor, che ottiene un congruo ritorno in termini di valorizzazione dell immagine aziendale, e per l organismo non profit che utilizza tale strumento per la raccolta di fondi. Attualmente si parla di cause-related marketing (marketing legato alla causa) per definire le azioni di marketing intraprese da un impresa profit al fine di incrementare le vendite e, al contempo, contribuire alla realizzazione degli obiettivi di un organismo non profit. Che approfitta della vocazione sociale del settore profit per reperire i fondi necessari al raggiungimento della propria mission. Anche se occorre sottolineare che il vantaggio derivante dall instaurazione di partnership mal gestite con il mondo imprenditoriale, potrebbe tramutarsi in condizione sfavorevole. Infatti, abbinare il proprio nome ad un impresa non del tutto seria e affidabile provocherebbe una perdita di credito presso il pubblico di riferimento, in particolare presso il pubblico dei potenziali finanziatori, e uno svilimento dell operato svolto. Ecco perché diventa indispensabile uno scrupoloso lavoro di programmazione e gestione dello strumento che si preoccupi di: - analizzare il mercato della sponsorizzazione sociale per inquadrare l orientamento della concorrenza e la tipologia di imprese profit propense alla sponsorship; 9

11 - adottare un approccio economico valido: una valutazione complessiva di tutti i fattori determinanti che prescinda, cioè, dal pericolo di sottovalutare o sopravvalutare l effettiva qualità delle attività di comunicazione offerte. 8. Internet La new economy ha contagiato anche il mondo del non profit che non si mostra per nulla refrattario alle possibilità offerte dalla tecnologia, sebbene i vantaggi derivanti dallo strumento informatico siano sostanzialmente legati più alla diffusione di informazioni, che alla raccolta vera e propria dei fondi. In particolare, una tendenza alquanto diffusa è quella che vede un applicazione del direct marketing tradizionale alla tecnologia informatica, dando vita al cosiddetto permission marketing (il permission marketing rappresenta una revisione delle tradizionali tecniche di marketing, derivata dalla consapevolezza che il tempo e la capacità di attenzione dell individuo moderno stanno diventando sempre più rari. A ciò si aggiunga il quotidiano bombardamento di stimoli pubblicitari di ogni tipo che tendono a generare una vera e propria saturazione informativa, causa, a sua volta, dell innesco di un circolo vizioso. Infatti, l accresciuta insensibilità agli innumerevoli messaggi pubblicitari che, spesso, passano inosservati, spinge le aziende ad incrementare gli investimenti promozionali per oltrepassare quella soglia di indifferenza che ne vanifica l azione persuasiva. Ma all aumento della quota pubblicitaria corrisponde anche l innalzamento di barriere di protezione da parte dell individuo, sempre meno ricettivo. Il permission marketing, allora, si propone di massimizzare il tempo e l attenzione del destinatario, filtrando esclusivamente le informazioni ritenute interessanti da chi si è dichiarato disponibile a ricevere messaggi di natura promozionale. Questa nuova filosofia si piega alle esigenze: - dell uomo di marketing, che riesce a sfruttare la scarsità di tempo e di attenzione degli individui che, altrimenti, rischierebbe di invalidare i suoi sforzi, - del destinatario di quegli sforzi che non si vede sommerso da un infinità di messaggi inutili. Ogni comunicazione è caratterizzata da: - attesa : i riceventi attendono di essere sollecitati dalla fonte del messaggio; - personalizzazione: ogni messaggio è rivolto direttamente al destinatario; importanza: il contenuto è di interesse immediato per la persona che lo riceve) che si impone come rivisitazione in chiave tecnologica di uno dei canali privilegiati del fund raising: il direct marketing, appunto. La differenza rispetto all approccio consueto è soprattutto di natura economica: il costo di una campagna di mailing, infatti, è considerevolmente superiore ad un equivalente azione di direct marketing che consente l abbattimento delle spese di spedizione postale o di stampa e di eventuali costi tecnici, dovuti all incremento della frequenza dei messaggi. 10

12 Inoltre, un azione di mailing su Internet può garantire la costruzione di un legame forte col donatore attraverso un attenta pianificazione della relazione fondata sull . Sostanzialmente una campagna di permission marketing tecnologico richiede di: - offrire al destinatario della comunicazione la possibilità di dichiararsi disponibile a ricevere ulteriori messaggi. L organizzazione non profit che dispone di un database, di solito, attinge da esso per individuare soggetti con cui instaurare una relazione interattiva e duratura; - cogliere l opportunità offerta da chi è disposto a concedere la propria attenzione, fornendo informazioni e servizi utili per non sciupare l attenzione accordata con proposte meramente commerciali, anche se si tratta di raccogliere fondi per una giusta causa. Fondamentale è l ottenimento della fiducia dell interlocutore per poter costruire legami durevoli e significativi. 9. La presentazione del messaggio La finalità sottesa alla preparazione del messaggio è quella di attrarre fondi. Da questo punto di vista il messaggio deve: - attirare l attenzione del target in modo corretto, senza aggredire o irritare; - informare circa l iniziativa da sostenere; - suscitare l interesse e il coinvolgimento dei destinatari. Il messaggio deve anche preoccuparsi di motivare la donazione e di rincuorare l eventuale donatore in merito all opportunità della sua decisione. Spesso, infatti, la beneficenza nasce da uno slancio altruistico impulsivo al quale fa seguito un momento di incertezza, che un adeguata rassicurazione preventiva può contribuire a dissolvere. In questo senso occorre che il messaggio sia chiaro, conciso, stimolante, completo e soprattutto, da un punto di vista grafico, risulti coerente con lo standard di comunicazione dell ente. Ciò significa prediligere uno stile professionale, non improvvisato, ma al contempo rifuggire da presentazioni sfarzose stridenti con l idea di necessità che si intende divulgare. 9.1 Il formato del messaggio I formati a cui tradizionalmente si affida il fund raising sono: - brochures; - lettere; - giornali; - news-letters; - annunci pubblicitari (carta stampata, televisione, radio, internet). 11

13 La scelta del tipo di formato da adottare dipende da valutazioni sostanzialmente economiche. Ad incidere fondamentalmente sono: - il costo per contatto (il costo necessario per raggiungere un singolo destinatario del messaggio); - la redemption prevedibile (La redemption è il rapporto tra contatti complessivi e contatti che hanno sortito esito positivo); - la donazione media ottenibile. Un analisi relativa al formato da adottare non può prescindere dalla valutazione di tali fattori nella maggior parte dei casi, quando, cioè, la finalità dell azione di fund raising è di carattere puramente economico. Una campagna di fund raising, invece, può anche essere costruita per migliorare la visibilità e la notorietà dell ente nell ambito di riferimento o, ancora, per divulgare importanti messaggi sociali. In questo caso l utilizzo di un formato piuttosto che un altro attiene a considerazioni disparate. Ad esempio, il ricorso alla pubblicità da parte di un ente conosciuto garantisce ritorni positivi dal punto di vista finanziario e della notorietà. Ma per un organismo poco affermato, l utilizzo del mezzo pubblicitario non avrà lo stesso risultato. Solitamente, dunque, gli enti rinomati si avvalgono ampiamente di ogni tipo di formato, dal momento che la notorietà rende sufficiente presentarsi con un logo o un messaggio che risultano immediatamente familiari al pubblico di riferimento. Gli organismi meno conosciuti, invece, devono selezionare il messaggio in modo più ragionato, privilegiando l articolazione e l ampiezza della comunicazione, a fronte della diffusione di un messaggio semplice e sintetico che potrebbe cadere nel vuoto. 10. La diffusione della campagna Indipendentemente dal mezzo scelto, la conduzione e la riuscita di una campagna di fund raising dipendono in gran parte dal potenziale di relazioni pubbliche e comunicazione di cui l organizzazione dispone. E utile, infatti, far coincidere la campagna con eventi concomitanti (ad esempio conferenze stampa, convegni, pubblicazioni di report) al fine di dare risonanza alla raccolta fondi soprattutto quando tale momento non ha forza sufficiente per fare notizia in maniera autonoma. 12

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

agenzia per le ONLUS Linee Guida per la Raccolta dei Fondi Agenzia per le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale

agenzia per le ONLUS Linee Guida per la Raccolta dei Fondi Agenzia per le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale agenzia per le Linee Guida per la Raccolta dei Fondi Agenzia per le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale Linee Guida per la Raccolta dei Fondi 2010 Linee Guida per la Raccolta dei Fondi maggio

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

10 errori e-mail da evitare!

10 errori e-mail da evitare! 10 errori e-mail da evitare! Dal sito PILLOLE DI MARKETING WEB Le e-mail sono parte integrante dell attività di business come mezzo di contatto e di relazione e come tali diffondono l immagine di aziende

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

La Fiera di successo Una Guida per gli espositori.

La Fiera di successo Una Guida per gli espositori. La Fiera di successo Una Guida per gli espositori. Pagina 5 Introduzione Indice Indice LA PREPARAZIONE DELLA FIERA Pagina GLI OBIETTIVI DI PARTECIPAZIONE Definite gli obiettivi prima di agire! 4 LA PIANIFICAZIONE

Dettagli

Guida ai Circoli professionali del Rotary

Guida ai Circoli professionali del Rotary Guida ai Circoli professionali del Rotary Rotary International Rotary Service Department One Rotary Center 1560 Sherman Avenue Evanston, IL 60201-3698 USA www.rotary.org/it 729-IT (412) Introduzione ai

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

1. Soggetto promotore ENI S.pA., sede legale in Piazzale Enrico Mattei n.1, 00144 Roma (di seguito eni o Promotore ).

1. Soggetto promotore ENI S.pA., sede legale in Piazzale Enrico Mattei n.1, 00144 Roma (di seguito eni o Promotore ). REGOLAMENTO Concorso 10 anni di pieni 1. Soggetto promotore ENI S.pA., sede legale in Piazzale Enrico Mattei n.1, 00144 Roma (di seguito eni o Promotore ). 2. Denominazione 10 anni di pieni 3. Ambito territoriale

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

FARE IN MODO EHE SI REALIZZI. Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club

FARE IN MODO EHE SI REALIZZI. Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club FARE IN MODO EHE SI REALIZZI Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club FARLO ACCADERE! I Lions clubs che organizzano progetti di servizio utili alla comunità hanno un impatto considerevole sulle persone

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito Pagina 1 di 13 - MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito SOMMARIO MZ GROUP pag. 3 MZ CONGRESSI S.RL. pag. 4 PIANIFICAZIONE 1. Scelta della sede congressuale pag. 5 2. Gestione pratica ECM (Educazione

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI Soggetto delegato #WHYILOVEVENICE PROMOSSO DALLA SOCIETA BAGLIONI HOTELS SPA BAGLIONI HOTELS S.P.A. CON

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA LA PUBBLICITA E LA SUA EFFICACIA: UNA RASSEGNA. RELATORE: PROF.SSA

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

IL PROGRAMMA PER GESTIRE IL TUO CENTRO ESTETICO

IL PROGRAMMA PER GESTIRE IL TUO CENTRO ESTETICO business professional IL PROGRAMMA PER GESTIRE IL TUO CENTRO ESTETICO www.igrandisoft.it La I Grandi Soft è nata nel 1995 e ha sviluppato l attività su tutto il territorio nazionale. All interno della

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Tessera del Tifoso Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Indice degli argomenti Cos è la tessera del tifoso I punti

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ A) ASPETTI GENERALI SU CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD na Carta di Credito TOP senza uguali sul mercato. Per gli Associati che non vorranno o non potranno avere

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Mai più senza smartphone.

Mai più senza smartphone. Mai più senza smartphone. Il telefonino ha superato il pc come mezzo di consultazione del web: 14,5 milioni contro 12,5 milioni.* Sempre più presente, lo smartphone è ormai parte integrante delle nostre

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 PROMOSSO DALLA SOCIETA SCA HYGIENE PRODUCTS SPA Via XXV Aprile, 2 55011 ALTOPASCIO (LU) PIVA 03318780966 REA 186295 SOCIETA

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI IL VOSTRO LAVORO E LA VOSTRA PASSIONE I VOSTRI CAVALLI La nostra iniziativa vuole essere un aiuto agli allevatori per raggiungere ogni potenziale cliente e trasformarlo

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli